PROVINCIA DI LECCE REGOLAMENTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI LECCE REGOLAMENTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA"

Transcript

1 PROVINCIA DI LECCE REGOLAMENTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA (ai sensi degli artt. 8, 9 e 10 del CCNL del e dell art. 10 del CCNL del ) Regolamento approvato con deliberazione G.P. n. 210 del come modificato con deliberazione G.P. n. 194 del

2 CAPO I AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 Definizione di posizione organizzativa Il presente Capo disciplina i criteri per l individuazione, il conferimento, la valutazione e la revoca degli incarichi di posizione organizzativa, nel rispetto di quanto previsto dagli artt. 8, 9 e 10 del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del La posizione organizzativa è una posizione di lavoro individuata all interno dei Servizi che prevede lo svolgimento di funzioni di direzione di unità organizzative di particolare complessità, caratterizzate da elevato grado di autonomia gestionale ed organizzativa, formalmente determinata e costituita da almeno tre collaboratori, oltre il responsabile dell unità organizzativa. Art. 2 Individuazione dell area delle posizioni organizzative La determinazione dell ammontare complessivo delle risorse destinate al finanziamento delle PO è demandata alla contrattazione decentrata come da CCNL vigente. Il Direttore Generale e l Assessore all Organizzazione e Personale, di concerto, sentiti i Dirigenti, formulano una proposta congruente con le necessità segnalate e con le risorse definite in sede di contrattazione da sottoporre alla Giunta Provinciale per l approvazione. Art. 3 Conferimento degli incarichi di posizione organizzativa Gli incarichi sono conferiti dai dirigenti di servizio competenti, con proprio atto di gestione, a dipendenti a tempo indeterminato della Provincia inquadrati nella Categoria D, sulla base dei seguenti criteri ed in rapporto alle funzioni e all attività da svolgere: a) natura e caratteristiche dei programmi da realizzare; b) attitudini; c) esperienza; d) capacità professionale; e) requisiti culturali e professionali posseduti. Gli incarichi hanno una durata minima di un anno e massima di due anni e possono essere riassegnate secondo quanto disposto dal successivo comma. L assegnazione dell incarico è preceduta da una fase istruttoria durante la quale tutti i dipendenti di Categoria D del Servizio interessato, presentano il proprio curriculum formativoprofessionale di cui il Dirigente tiene conto per il conferimento dello stesso. Art. 4 Graduazione delle posizioni organizzative Gli incarichi si distinguono, per la diversa tipologia di funzioni e responsabilità attribuiti alla posizione organizzativa, in tre fasce (A, B e C) a cui corrispondono altrettante retribuzioni determinate dalla Giunta Provinciale con lo stesso provvedimento di istituzione. Le tre fasce, che specificano gradi diversi di responsabilità e di complessità di funzioni, sono definite sulla base di quattro fattori delega, struttura, procedimento e utenza nel modo seguente: 2

3 A) 1. Elevata autonomia organizzativa e gestionale orientata da indirizzi di carattere generale forniti dal dirigente responsabile; 2. Elevata complessità dei procedimenti seguiti in relazione all entità della spesa, all evoluzione del contesto di riferimento, al livello di innovazione introdotto; 3. Responsabilità di strutture di elevata complessità (dimensioni e/o professionalità presenti); 4. Relazioni sistematiche con utenti esterni/interni di elevata complessità e di elevato impatto sui destinatari e conseguenti elevate e specifiche responsabilità giuridiche esterne. B) 1. Elevata autonomia organizzativa e gestionale orientata da indirizzi di carattere generale forniti dal dirigente responsabile; 2. Elevata complessità dei procedimenti seguiti in relazione all entità della spesa, all evoluzione del contesto di riferimento, al livello di innovazione introdotto; 3. Responsabilità di strutture di elevata complessità (dimensioni e/o professionalità presenti); 4. Relazioni sistematiche con utenti esterni/interni di non elevata complessità e di non elevato impatto sui destinatari e conseguenti elevate e specifiche responsabilità giuridiche esterne. Oppure, in alternativa (oltre ai punti 1 e 2 che restano immutati): 3. Responsabilità di strutture di non elevata complessità (dimensioni e/o professionalità presenti); 4. Relazioni sistematiche con utenti esterni/interni di elevata complessità e di elevato impatto sui destinatari e conseguenti elevate e specifiche responsabilità giuridiche esterne. C) 1. Elevata autonomia organizzativa e gestionale orientata da indirizzi di carattere generale forniti dal dirigente responsabile; 2. Non elevata complessità dei procedimenti seguiti in relazione all entità della spesa, all evoluzione del contesto di riferimento, al livello di innovazione introdotto; 3. Responsabilità di strutture di elevata complessità (dimensioni e/o professionalità presenti); 4. Relazioni sistematiche con utenti esterni/interni di non elevata complessità e di non elevato impatto sui destinatari e conseguenti elevate e specifiche responsabilità giuridiche esterne. Oppure, in alternativa (oltre al punto 1 che resta immutato): 2. Elevata complessità dei procedimenti seguiti in relazione all entità della spesa, all evoluzione del contesto di riferimento, al livello di innovazione introdotto; 3. Responsabilità di strutture di non elevata complessità (dimensioni e/o professionalità presenti); 4. Relazioni sistematiche con utenti esterni/interni di non elevata complessità e di non elevato impatto sui destinatari e conseguenti elevate e specifiche responsabilità giuridiche esterne. Oppure, in alternativa (oltre al punto 1 che resta immutato): 2. Non elevata complessità dei procedimenti seguiti in relazione all entità della spesa, all evoluzione del contesto di riferimento, al livello di innovazione introdotto; 3. Responsabilità di strutture di non elevata complessità (dimensioni e/o professionalità presenti); 4. Relazioni sistematiche con utenti esterni/interni di elevata complessità e di elevato impatto sui destinatari e conseguenti elevate e specifiche responsabilità giuridiche esterne. Art. 5 Funzioni e competenze delle posizioni organizzative ( 1 ) L incarico di posizione organizzativa comporta, nell ambito delle deleghe assegnate e delle direttive impartite dal Dirigente, che resta comunque responsabile delle attività svolte e dei risultati conseguiti, le seguenti funzioni e competenze: a) la gestione delle attività volte al raggiungimento degli obiettivi assegnati: 1 Articolo così modificato con deliberazione G.P. n. 194 del , punto 6 del dispositivo 3

4 b) la gestione delle risorse umane e strumentali e finanziarie assegnate dal Dirigente alla struttura di competenza; c) la responsabilità dei procedimenti amministrativi assegnati dal Dirigente; d) l adozione in prima persona, con connessa responsabilità di firma, di ogni provvedimento espressamente delegato dal Dirigente. Art. 6 Assegnazione degli obiettivi Dopo l approvazione del PEG e del PDO, il Dirigente assegna gli obiettivi e comunica i corrispondenti indicatori di risultato necessari per la valutazione del grado di raggiungimento degli obiettivi medesimi. Questi ultimi sono correlati all attività ordinaria, ai progetti innovativi e ai progetti strategici contenuti nel PEG e nel PDO dell anno di riferimento. Nelle more e fino all approvazione del PEG e del PDO restano attribuiti gli obiettivi dell attività ordinaria. Art. 7 Valutazione dei risultati Entro dieci giorni dal termine di ogni anno il titolare di posizione organizzativa redige una relazione dettagliata sull attività svolta e sui risultati raggiunti con riferimento agli indicatori individuati. Il Dirigente responsabile integra la suddetta relazione con un giudizio di merito sull attività svolta dal titolare della posizione organizzativa, completandola con la compilazione della scheda di valutazione finale dei risultati raggiunti (allegato 1). La valutazione è effettuata dal Dirigente sulla base dei risultati raggiunti dal proprio Servizio, come certificati dal Servizio Controlli Interni, attraverso l attribuzione di un punteggio complessivo proporzionale ai risultati raggiunti e per una massimo di 70 punti. La relazione così composta è inviata ai Servizi Finanziari per gli adempimenti connessi alla corresponsione dell indennità di risultato. La valutazione del risultato degli incaricati di posizione organizzativa è la risultante di due distinte valutazioni espresse dal dirigente responsabile per un complessivo di 100 punti: - raggiungimento degli obiettivi (70 punti); - comportamento organizzativo (30 punti). L importo della retribuzione di risultato massima viene stabilita dalla Giunta Provinciale con lo stesso provvedimento di cui all art. 4 e nel rispetto dei valori minimo e massimo previsti dal CCNL vigente. Le somme non utilizzate o non attribuite a titolo di retribuzione di risultato nell esercizio finanziario sono portate in aumento delle risorse variabili dell anno successivo. Art. 8 Revoca dell incarico di posizione organizzativa Durante il periodo di incarico, il Dirigente responsabile, a seguito di specifico accertamento di inadempienze o risultati negativi da parte del dipendente con funzioni di posizione organizzativa, può revocare l incarico affidato con provvedimento motivato e previa assicurazione del principio del contraddittorio. 4

5 L incarico di posizione organizzativa può essere altresì revocato dal Dirigente responsabile anticipatamente rispetto alla sua scadenza con atto scritto e motivato nel caso di intervenuti mutamenti organizzativi. CAPO II AREA DELLE ALTE PROFESSIONALITA Art. 9 Definizione di alta professionalità Il presente Capo disciplina i criteri per l individuazione, il conferimento, la valutazione e la revoca degli incarichi di alta professionalità, nel rispetto di quanto previsto dall art. 10 del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del L alta professionalità è un incarico a termine conferito per: a) valorizzare specialisti portatori di competenze elevate e innovative, acquisite, anche nell ente, attraverso la maturazione di esperienze di lavoro in enti pubblici e in enti e aziende private, nel mondo della ricerca o universitario rilevabili dal curriculum professionale e con preparazione culturale correlata a titoli accademici (lauree specialistiche, master, dottorati di ricerca, ed altri titoli equivalenti) anche, per alcune delle suddette alte professionalità, con abilitazioni o iscrizione ad albi; b) riconoscere e motivare l assunzione di particolari responsabilità nel campo della ricerca, dell analisi e della valutazione propositiva di problematiche complesse di rilevante interesse per il conseguimento del programma di governo dell ente. Art. 10 Individuazione dell area delle alte professionalità La determinazione dell ammontare complessivo delle risorse destinate al finanziamento delle Alte Professionalità è demandata alla contrattazione decentrata come da CCNL vigente. Il Direttore Generale e l Assessore all Organizzazione e Personale, di concerto, sentiti i Dirigenti, formulano una proposta congruente con le necessità segnalate e con le risorse definite in sede di contrattazione da sottoporre alla Giunta Provinciale per l approvazione. Art. 11 Conferimento degli incarichi di alta professionalità Gli incarichi sono conferiti dai dirigenti di servizio competenti, con proprio atto di gestione, a dipendenti a tempo indeterminato della Provincia inquadrati nella Categoria D ed in possesso dei seguenti requisiti: preparazione culturale correlata a titoli accademici (lauree specialistiche, master, dottorati di ricerca ed altri titoli equivalenti) anche con abilitazioni o iscrizioni ad albi professionali, accompagnata da rilevante esperienza lavorativa maturata nell Ente, oppure presso altri enti pubblici e aziende private, nel mondo della ricerca o universitario, in posizioni di lavoro che richiedono particolari specializzazioni; l esperienza richiesta è di almeno tre anni e deve essere 5

6 maturata in posizioni lavorative che richiedono le competenze necessarie per svolgere l incarico in questione. Gli incarichi hanno una durata minima di un anno e massima di due anni e possono essere riassegnate secondo quanto disposto dal successivo comma. L assegnazione dell incarico è preceduta da una fase istruttoria durante la quale i dipendenti di Categoria D del Servizio interessato, presentano il proprio curriculum formativo-professionale di cui il Dirigente tiene conto per il conferimento dello stesso. Art. 12 Graduazione delle alte professionalità Agli incarichi di Alta Professionalità viene assegnata una retribuzione di posizione di fascia unica determinata dalla Giunta Provinciale con lo stesso provvedimento di istituzione. Art. 13 Assegnazione degli obiettivi Dopo l approvazione del PEG e del PDO, il Dirigente assegna gli obiettivi e comunica i corrispondenti indicatori di risultato necessari per la valutazione del grado di raggiungimento degli obiettivi medesimi. Questi ultimi sono correlati all attività ordinaria, ai progetti innovativi e ai progetti strategici contenuti nel PEG e nel PDO dell anno di riferimento. Nelle more e fino all approvazione del PEG e del PDO restano attribuiti gli obiettivi dell attività ordinaria. Art. 14 Valutazione dei risultati Entro dieci giorni dal termine di ogni anno il titolare dell alta professionalità redige una relazione dettagliata sull attività svolta e sui risultati raggiunti con riferimento agli indicatori individuati. Il Dirigente responsabile integra la suddetta relazione con un giudizio di merito sull attività svolta dal titolare dell alta professionalità, completandola con la compilazione della scheda di valutazione finale dei risultati raggiunti (allegato 1). La valutazione è effettuata dal Dirigente sulla base dei risultati raggiunti dal proprio Servizio, come certificati dal Servizio Controlli Interni, attraverso l attribuzione di un punteggio complessivo proporzionale ai risultati raggiunti e per una massimo di 70 punti. La relazione così composta è inviata ai Servizi Finanziari per gli adempimenti connessi alla corresponsione dell indennità di risultato. La valutazione del risultato degli incaricati di alta professionalità è la risultante di due distinte valutazioni espresse dal dirigente responsabile per un complessivo di 100 punti: - raggiungimento degli obiettivi (70 punti); - comportamento organizzativo (30 punti). L importo della retribuzione di risultato massima viene stabilita dalla Giunta Provinciale con lo stesso provvedimento di cui all art. 4 e nel rispetto dei valori minimo e massimo previsti dal CCNL vigente. Le somme non utilizzate o non attribuite a titolo di retribuzione di risultato nell esercizio finanziario sono portate in aumento delle risorse variabili dell anno successivo. 6

7 Art. 15 Revoca dell incarico di alta professionalità Durante il periodo di incarico, il Dirigente responsabile, a seguito di specifico accertamento di inadempienze o risultati negativi da parte del dipendente con funzioni di alta professionalità, può revocare l incarico affidato con provvedimento motivato e previa assicurazione del principio del contraddittorio. L incarico di alta professionalità può essere altresì revocato dal Dirigente responsabile anticipatamente rispetto alla sua scadenza con atto scritto e motivato nel caso di intervenuti mutamenti organizzativi. 7

8 SCHEDA DI VALUTAZIONE RISULTATO POSIZIONI ORGANIZZATIVE Raggiungimento degli obiettivi (Punti 70) Allegato 1 Al momento dell affidamento dell incarico e, successivamente, all inizio di ogni anno, il dirigente assegna ai titolari di Posizione Organizzativa i singoli obiettivi a ciascuno dei quali è attributo un peso; il peso complessivo degli obiettivi è pari a punti 70. Alla fine di ogni anno il dirigente, sulla base dei risultati raggiunti e certificati dal Servizio Controlli Interni, assegna il punteggio complessivo sulla base della percentuale di realizzazione di ciascun obiettivo ponderata con il relativo peso. La somma dei valori così determinati esprime, in 70esimi, il punteggio complessivo conseguito. Obiettivo Attività ordinaria Peso dell obiettivo per il Dirigente (come da PDO) Peso dell obiettivo per la PO (vei. nota 1) Descrizione della valutazione % di realizzazione (risultato certificato) Punteggio conseguito (vedi nota 2) Somma 70 Somma Nota 1 Il peso da attribuire a ciascun obiettivo è determinato con la seguente formula: peso obiettivo del Dir x 70 / Somma pesi obiettivi del Dirigente Nota 2 Per ogni obiettivo il punteggio conseguito e determinato in percentuale: peso obiettivo per la PO x percentuale di realizzazione Comportamento organizzativo (Punti 30) I Dirigenti predispongono annualmente una valutazione motivata, rispetto ad una serie di fattori attinenti alla qualità e quantità del lavoro svolto, nonché abilità e capacità applicate nel contesto lavorativo, con l attribuzione di un punteggio fino ad un max di 30 punti. I fattori presi in esame sono i seguenti: Motivazione collaboratori / Autonomia propositiva e gestionale Promozione e gestione del cambiamento 8

9 Integrazione, interfunzionalità all interno del Servizio Promozione della qualità delle prestazioni erogate e gestione del tempo Qualità delle relazioni esterne al Servizio Collegamento con il sistema retributivo Il punteggio complessivo conseguito viene collegato con la retribuzione di risultato secondo il seguente schema: Fascia Punteggio conseguito % di retribuzione A Da 100 a % B Da 71 a 84 80% C Da 51 a 70 60% D < 50 Valutazione negativa 9

10 SCHEDA DI VALUTAZIONE RISULTATO ALTE PROFESSIONALE Raggiungimento degli obiettivi (Punti 70) Allegato 2 Al momento dell affidamento dell incarico e, successivamente, all inizio di ogni anno, il dirigente assegna ai titolari di Alta Professionalità i singoli obiettivi a ciascuno dei quali è attributo un peso; il peso complessivo degli obiettivi è pari a punti 70. Alla fine di ogni anno il dirigente, sulla base dei risultati raggiunti e certificati dal Servizio Controlli Interni, assegna il punteggio complessivo sulla base della percentuale di realizzazione di ciascun obiettivo ponderata con il relativo peso. La somma dei valori così determinati esprime, in 70esimi, il punteggio complessivo conseguito. Obiettivo Attività ordinaria Peso dell obiettivo per il Dirigente (come da PDO) Peso dell obiettivo per la AP (vei. nota 1) Descrizione della valutazione % di realizzazione (risultato certificato) Punteggio conseguito (vedi nota 2) Somma 70 Somma Nota 1 Il peso da attribuire a ciascun obiettivo è determinato con la seguente formula: peso obiettivo del Dir x 70 / Somma pesi obiettivi del Dirigente Nota 2 Per ogni obiettivo il punteggio conseguito e determinato in percentuale: peso obiettivo per la AP x percentuale di realizzazione Comportamento organizzativo (Punti 30) I Dirigenti predispongono annualmente una valutazione motivata, rispetto ad una serie di fattori attinenti alla qualità e quantità del lavoro svolto, nonché abilità e capacità applicate nel contesto lavorativo, con l attribuzione di un punteggio fino ad un max di 30 punti. I fattori presi in esame sono i seguenti: Motivazione collaboratori / Autonomia propositiva e gestionale Promozione e gestione del cambiamento 10

11 Integrazione, interfunzionalità all interno del Servizio Promozione della qualità delle prestazioni erogate e gestione del tempo Qualità delle relazioni esterne al Servizio Collegamento con il sistema retributivo Il punteggio complessivo conseguito viene collegato con la retribuzione di risultato secondo il seguente schema: Fascia Punteggio conseguito % di retribuzione A Da 100 a % B Da 71 a 84 80% C Da 51 a 70 60% D < 50 Valutazione negativa 11

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO DELLE AREE DELLE ALTE PROFESSIONALITA

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO DELLE AREE DELLE ALTE PROFESSIONALITA COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) * * * * * REGOLAMENTO DELLE AREE DELLE ALTE PROFESSIONALITA (art. 10 del CCNL del 22.01.2004 come disciplinato dall art. 8, comma 1, lett B e C del CCNL del 31.03.1999

Dettagli

Art. 1. Definizione di posizione organizzativa e di alta Professionalità

Art. 1. Definizione di posizione organizzativa e di alta Professionalità Art. 1 Definizione di posizione organizzativa e di alta Professionalità Il presente regolamento disciplina i criteri per l individuazione, il conferimento, la valutazione e la revoca degli incarichi di

Dettagli

Provincia di Avellino

Provincia di Avellino Provincia di Avellino REGOLAMENTO DELLE AREE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA (ai sensi degli artt. 8, 9 e 10 del CCNL del 31.03.1999 e dell art. 10 del CCNL del 22.01.2004) Adottato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA :

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA : REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA : - DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE INTERNE AI SETTORI - DELLE UNITA ORGANIZZATIVE AUTONOME - DELLE UNITA DI PROGETTO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale

Dettagli

Regolamentazione delle posizioni organizzative. Art.1 Posizione organizzativa

Regolamentazione delle posizioni organizzative. Art.1 Posizione organizzativa Approvato con determinazione n. 10 del 24.03.2010 Regolamentazione delle posizioni organizzative Art.1 Posizione organizzativa Il presente regolamento disciplina i criteri per l individuazione, il conferimento,

Dettagli

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS REGOLAMENTO AREA POSIZIONI ORGANIZZATIVE E INCARICHI DI ALTA PROFESSIONALITA (approvatoo con deliberazione G.P. 203 n. del 26.09.2011) ART.1 ART.2 ART.3 ART.4 Posizione Organizzativa

Dettagli

Provincia di Forlì-Cesena. Settore Segreteria

Provincia di Forlì-Cesena. Settore Segreteria COMUNE DI SARSINA Provincia di Forlì-Cesena Settore Segreteria CRITERI PER L APPLICAZIONE DEGLI ISTITUTI CONTRATTUALI RELATIVI ALLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E ALLE ALTE PROFESSIONALITA (ai sensi degli articoli

Dettagli

DEFINIZIONE DEL SISTEMA DI INDIVIDUAZIONE, GRADUAZIONE e VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

DEFINIZIONE DEL SISTEMA DI INDIVIDUAZIONE, GRADUAZIONE e VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE DEFINIZIONE DEL SISTEMA DI INDIVIDUAZIONE, GRADUAZIONE e VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE ART. 1 DEFINIZIONE DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA Il presente regolamento disciplina i criteri per l individuazione,

Dettagli

ATTO ORGANIZZATIVO PER LA DISCIPLINA DELL AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE (Artt. 8, 9 e 10 del CCNL 31/03/1999 e Art. 10 CCNL 22/01/2004)

ATTO ORGANIZZATIVO PER LA DISCIPLINA DELL AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE (Artt. 8, 9 e 10 del CCNL 31/03/1999 e Art. 10 CCNL 22/01/2004) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE ATTO ORGANIZZATIVO PER LA DISCIPLINA DELL AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE (Artt. 8, 9 e 10 del CCNL 31/03/1999 e Art. 10 CCNL 22/01/2004) a) Funzioni di direzione

Dettagli

Approvato con deliberazione di giunta provinciale n. 271 del e ss. mm. e ii. PROVINCIA DI FROSINONE

Approvato con deliberazione di giunta provinciale n. 271 del e ss. mm. e ii. PROVINCIA DI FROSINONE Approvato con deliberazione di giunta provinciale n. 271 del 04.09.2007 e ss. mm. e ii. PROVINCIA DI FROSINONE REGOLAMENTO PER LA GRADUAZIONE, CONFERIMENTO E REVOCA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE, DEGLI

Dettagli

COMUNE DI TRIGGIANO. (Provincia di Bari) REGOLAMENTO AREA POSIZIONI ORGANIZZATIVE E INCARICHI DI ALTA PROFESSIONALITA. Art.1. Campo di applicazione

COMUNE DI TRIGGIANO. (Provincia di Bari) REGOLAMENTO AREA POSIZIONI ORGANIZZATIVE E INCARICHI DI ALTA PROFESSIONALITA. Art.1. Campo di applicazione COMUNE DI TRIGGIANO (Provincia di Bari) REGOLAMENTO AREA POSIZIONI ORGANIZZATIVE E INCARICHI DI ALTA PROFESSIONALITA Art.1 Campo di applicazione 1. Il presente Regolamento disciplina i criteri per l individuazione,

Dettagli

COMUNE DI GIUGLIANO Provincia di Napoli

COMUNE DI GIUGLIANO Provincia di Napoli COMUNE DI GIUGLIANO Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA allegato alla delibera G.C.n. 109 del 5.04.2011 modificato con delibera

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITÀ

PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITÀ PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITÀ Allegato alla delibera di Giunta Provinciale n. 296 del 28.12.2012 ART. 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Città di FASANO REGOLAMENTO SULLA GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI DIRIGENZIALI E SUL CONFERIMENTO E GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

Città di FASANO REGOLAMENTO SULLA GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI DIRIGENZIALI E SUL CONFERIMENTO E GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Città di FASANO REGOLAMENTO SULLA GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI DIRIGENZIALI E SUL CONFERIMENTO E GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE 1. Campo di applicazione...2 2. Area delle Posizioni Dirigenziali...2

Dettagli

del regolamento degli uffici e dei servizi REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITÀ

del regolamento degli uffici e dei servizi REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITÀ Allegato del regolamento degli uffici e dei servizi REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITÀ Approvato con deliberazione G.C. n. 07 del 19/01/2015 1 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ATTRIBUZIONE DI RESPONSABILITÀ DI UNITÀ ORGANIZZATIVE.

REGOLAMENTO PER L'ATTRIBUZIONE DI RESPONSABILITÀ DI UNITÀ ORGANIZZATIVE. REGOLAMENTO PER L'ATTRIBUZIONE DI RESPONSABILITÀ DI UNITÀ ORGANIZZATIVE. Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n. 04 del 2.2.2010 Pag. 1 di 7 Art. 1 PREMESSA 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

COMUNE DI CATANZARO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITÀ

COMUNE DI CATANZARO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITÀ COMUNE DI CATANZARO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITÀ Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n 308 del 15/07/2005 e modificato con successive

Dettagli

COMUNE DI CERVETERI Provincia di Roma

COMUNE DI CERVETERI Provincia di Roma COMUNE DI CERVETERI Provincia di Roma Allegato sub A) Alla deliberazione di G.C. n. 159 del 27/4/2006 REGOLAMENTO PER LA GRADUAZIONE, CONFERIMENTO E REVOCA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE ALLEGATO A...4

Dettagli

CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE O DI ALTA PROFESSIONALITÀ E PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI

CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE O DI ALTA PROFESSIONALITÀ E PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE O DI ALTA PROFESSIONALITÀ E PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI Premessa I presenti criteri generali disciplinano il sistema

Dettagli

COMUNE DI CORBARA PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LA GRADUAZIONE, IL CONFERIMENTO E LA REVOCA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

COMUNE DI CORBARA PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LA GRADUAZIONE, IL CONFERIMENTO E LA REVOCA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE COMUNE DI CORBARA PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LA GRADUAZIONE, IL CONFERIMENTO E LA REVOCA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Approvato con delibera di Giunta Comunale n.47 del 27/05/2015 INDICE Art.1

Dettagli

MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti

MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA (ai sensi degli artt. 8, 9 e 10 del CCNL del 31.03.1999

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ISTITUZIONE ED IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DELLE AREE DELLE ALTE PROFESSIONALITÀ DELLA CATEGORIA D

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ISTITUZIONE ED IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DELLE AREE DELLE ALTE PROFESSIONALITÀ DELLA CATEGORIA D COMUNE DI CAIVANO Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ISTITUZIONE ED IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DELLE AREE DELLE ALTE PROFESSIONALITÀ DELLA CATEGORIA D (art. 10, C.C.N.L. del 22 gennaio

Dettagli

PER LA GRADUAZIONE, CONFERIMENTO E REVOCA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

PER LA GRADUAZIONE, CONFERIMENTO E REVOCA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE REGOLAMENTO PER LA GRADUAZIONE, CONFERIMENTO E REVOCA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Campo di applicazione Art.2 - Strutture organizzative e posizioni organizzative Art.3 - Retribuzione di posizione

Dettagli

IPAB CENTRO ANZIANI DI BUSSOLENGO REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO E LA GRADUAZIONE DEGLI INCARICHI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA

IPAB CENTRO ANZIANI DI BUSSOLENGO REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO E LA GRADUAZIONE DEGLI INCARICHI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA IPAB CENTRO ANZIANI DI BUSSOLENGO REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO E LA GRADUAZIONE DEGLI INCARICHI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA Approvato con Deliberazione di Consiglio di Amministrazione n. 05 del 26.02.2016

Dettagli

- VISTI i decreti sindacali di conferimento degli incarichi per le posizioni organizzative;

- VISTI i decreti sindacali di conferimento degli incarichi per le posizioni organizzative; LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: - con deliberazione di G.C. n. in data 25.01.08, integrata con successivo atto n. 92 del 27.05.08, è stato approvato il nuovo regolamento per l ordinamento dell ufficio

Dettagli

Comune di Bertinoro Provincia di Forlì Cesena

Comune di Bertinoro Provincia di Forlì Cesena Allegato A Comune di Bertinoro Provincia di Forlì Cesena REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEGLI ISTITUTI CONTRATTUALI RELATIVI ALLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Approvato con deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GRADUAZIONE, CONFERIMENTO E REVOCA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA

REGOLAMENTO PER LA GRADUAZIONE, CONFERIMENTO E REVOCA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA Costituita dai Comuni di: Beinette, Boves, Chiusa di Pesio, Entracque, Limone Piemonte, Peveragno, Pianfei, Roaschia, Robilante, Roccavione, Valdieri, Vernante Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GRADUAZIONE, CONFERIMENTO E REVOCA DELLA POSIZIONE ORGANIZZATIVA

REGOLAMENTO PER LA GRADUAZIONE, CONFERIMENTO E REVOCA DELLA POSIZIONE ORGANIZZATIVA COMUNE DI EUPILIO Provincia di Como Via G. Strambio n. 9 22030 Eupilio C.F.: 00571510130 Tel. 031 655 623 Fax 031 657 445 REGOLAMENTO PER LA GRADUAZIONE, CONFERIMENTO E REVOCA DELLA POSIZIONE ORGANIZZATIVA

Dettagli

\ \\\ \ \\ PROVINCIA DI FIRENZE

\ \\\ \ \\ PROVINCIA DI FIRENZE \ \\\ \ \\ PROVINCIA DI FIRENZE CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE O DI ALTA PROFESSIONALITA E PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI Premessa I presenti criteri

Dettagli

REGOLAMENTO AREA POSIZIONI ORGANIZZATIVE INDICE DEGLI ARTICOLI CAPO I GENERALITA

REGOLAMENTO AREA POSIZIONI ORGANIZZATIVE INDICE DEGLI ARTICOLI CAPO I GENERALITA REGOLAMENTO AREA POSIZIONI ORGANIZZATIVE (approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n. 13/3 del 24 gennaio 2007 e ss.mm.ii.) INDICE DEGLI ARTICOLI CAPO I GENERALITA ART. 1 - ISTITUZIONE DELL AREA

Dettagli

R E G O L A M E N T O P E R I L C O N F E R I M E N T O, R E V O C A G R A D U A Z I O N E E V A L U T A Z I O N E D E L L E P O S I Z I O N I

R E G O L A M E N T O P E R I L C O N F E R I M E N T O, R E V O C A G R A D U A Z I O N E E V A L U T A Z I O N E D E L L E P O S I Z I O N I R E G O L A M E N T O P E R I L C O N F E R I M E N T O, R E V O C A G R A D U A Z I O N E E V A L U T A Z I O N E D E L L E P O S I Z I O N I O R G A N I Z Z A T I V E Art.1 Campo di applicazione 1. II

Dettagli

BOZZA DI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL INDENNITA DI RESPONSABILITA AL PERSONALE DELLE CATEGORIE B-C-D -ex ART.91 CCNL 2006/2009 PREMESSE

BOZZA DI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL INDENNITA DI RESPONSABILITA AL PERSONALE DELLE CATEGORIE B-C-D -ex ART.91 CCNL 2006/2009 PREMESSE BOZZA DI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL INDENNITA DI RESPONSABILITA AL PERSONALE DELLE CATEGORIE B-C-D -ex ART.91 CCNL 2006/2009 PREMESSE L art. 91, comma 1, del CCNL 2006/2009, stabilisce che le Amministrazioni,

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DEGLI INCARICHI DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Adottato con deliberazione consiliare n.174 dd. 2 dicembre 2008. 1 Capo I POSIZIONI ORGANIZZATIVE

Dettagli

SETTORE VI FINANZE E PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DETERMINAZIONE

SETTORE VI FINANZE E PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DETERMINAZIONE SETTORE VI FINANZE E PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DETERMINAZIONE Oggetto: Rinnovo alla dipendente a tempo indeterminato dott.ssa Francesca De Biasio - funzionario amministrativo contabile (categoria D) dell'incarico

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ATTRIBUZIONE DEL COMPENSO PER LE SPECIFICHE RESPONSABILITA * * *

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ATTRIBUZIONE DEL COMPENSO PER LE SPECIFICHE RESPONSABILITA * * * REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ATTRIBUZIONE DEL COMPENSO PER LE SPECIFICHE RESPONSABILITA * * * Adottato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 185/2013 e modificato con Deliberazione di Giunta Comunale

Dettagli

CITTA DI ALESSANDRIA

CITTA DI ALESSANDRIA CITTA DI ALESSANDRIA Regolamento sull ordinamento degli uffici e dei servizi Parte II Norme relative all istituzione dell area delle posizioni organizzative e al conferimento dei relativi incarichi Indice

Dettagli

COMUNE DI TIVOLI (PROVINCIA DI ROMA)

COMUNE DI TIVOLI (PROVINCIA DI ROMA) COMUNE DI TIVOLI (PROVINCIA DI ROMA) DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SEGRETERIA GENERALE N. 460 del 18/03/2015 Oggetto: CONFERIMENTO INCARICO DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA SEGRETERIA GENERALE - SEZIONE SEGRETERIA

Dettagli

COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo

COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo COMUNE DI COLOGNO AL SERIO rovincia di Bergamo Deliberazione n. 148 del 15.10.2008 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: AREA DELLE OSIZIONI ORGANIZZATIVE - CRITERI ER IL CONFERIMENTO

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEI DIRIGENTI METODOLOGIA E PROCEDURE

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEI DIRIGENTI METODOLOGIA E PROCEDURE SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEI DIRIGENTI METODOLOGIA E PROCEDURE A cura della Direzione Pianificazione Strategica, Smart City e Statistica 1 INDICE PREMESSA 3 OGGETTO DELLA VALUTAZIONE 3

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO REGOLAMENTO DI AFFIDAMENTO, CONFERMA E REVOCA DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI

LINEE DI INDIRIZZO REGOLAMENTO DI AFFIDAMENTO, CONFERMA E REVOCA DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO REGOLAMENTO

Dettagli

U.O.C. Risorse Umane. Regolamento POSIZIONI ORGANIZZATIVE REV.: /// E INCARICHI DI COORDINAMENTO PAG.: 1 di 7 REGOLAMENTO

U.O.C. Risorse Umane. Regolamento POSIZIONI ORGANIZZATIVE REV.: /// E INCARICHI DI COORDINAMENTO PAG.: 1 di 7 REGOLAMENTO U.O.C. Risorse Umane Regolamento DOC.: RU/REG2 POSIZIONI ORGANIZZATIVE REV.: /// E INCARICHI DI COORDINAMENTO PAG.: 1 di 7 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DEGLI INCARICHI

Dettagli

Regolamento aziendale sulle posizioni organizzative del personale non Dirigente.

Regolamento aziendale sulle posizioni organizzative del personale non Dirigente. Regolamento aziendale sulle posizioni organizzative del personale non Dirigente. Articolo 1. Istituzione delle Posizioni organizzative Aspetti generali L istituzione delle posizioni organizzative in riferimento

Dettagli

e residente a Taranto alla Via Laclos, 21. Segretario territoriale UIL. TRASPORTI E SPEDIZIONI (un seggio)

e residente a Taranto alla Via Laclos, 21. Segretario territoriale UIL. TRASPORTI E SPEDIZIONI (un seggio) Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 192 dell 11-12-2008 21419 TRASPORTI E SPEDIZIONI (un seggio) CNA - CONFINDUSTRIA - Confcooperative Domenico ABRESCIA nato a Taranto il 13.03. 1941 ed ivi

Dettagli

FEDERAZIONE CONFSAL-UNSA

FEDERAZIONE CONFSAL-UNSA FEDERAZIONE CONFSAL-UNSA Coordinamento Nazionale MEF SEGRETERIA NAZIONALE Via Napoli, 51-00184 Roma - tel. 06.4819660 - fax 06.48919144 web: http://www.unsamef.it/ e-mail: info@unsamef.it NOTIZIARIO DEL

Dettagli

CITTA DI CATANZARO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO IL DIRIGENTE DI SETTORE

CITTA DI CATANZARO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO IL DIRIGENTE DI SETTORE CITTA DI CATANZARO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO IL DIRIGENTE DI SETTORE Assume la seguente determinazione avente per oggetto ATTRIBUZIONE DEL'INCARICO DI ALTA PROFESSIONALITA'

Dettagli

DISCIPLINA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA

DISCIPLINA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA COMUNE DI COMO DISCIPLINA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA (deliberazione di Giunta comunale n. 347 del 28/12/2011) INDICE 1. Posizioni organizzative e loro contenuti pag. 3 2.

Dettagli

Sistema di valutazione della dirigenza per l erogazione dell indennità di risultato

Sistema di valutazione della dirigenza per l erogazione dell indennità di risultato CITTA' DI GROSSETO Direzione Generale Sistema di valutazione della dirigenza per l erogazione dell indennità di risultato Approvato deliberazione di Giunta comunale n. 460 del 24/07/2007 successive modifiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI POSIZIONE AL PERSONALE DEL COMPARTO SEZIONE 1 CONFERIMENTO DI INCARICHI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI POSIZIONE AL PERSONALE DEL COMPARTO SEZIONE 1 CONFERIMENTO DI INCARICHI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA Pag 1 SEZIONE 1 CONFERIMENTO DI INCARICHI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA ART. 1 - Istituzione e classificazione A norma dell art. 20 e 21 del CCNL 7.4.1999, l Azienda, sulla del proprio ordinamento e delle

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DELL AREA DELLA DIRIGENZA MEDICO - VETERINARIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PARTE NORMATIVA QUADRIENNIO 2002/2005 Articolo 25 La verifica e valutazione dei

Dettagli

N.B.: è abrogata ogni norma non coerente con il Regolamento Uffici e Servizi approvato con delibera G.P. n. 87 del 28/4/2009

N.B.: è abrogata ogni norma non coerente con il Regolamento Uffici e Servizi approvato con delibera G.P. n. 87 del 28/4/2009 REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO PER I DIRIGENTI E LE ALTE SPECIALIZZAZIONI, PER IL PERSONALE DEGLI UFFICI POSTI ALLE DIRETTE DIPENDENZE DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA, PER

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E ALTE PROFESSIONALITA

CRITERI PER L EROGAZIONE DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E ALTE PROFESSIONALITA CRITERI PER L EROGAZIONE DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E ALTE PROFESSIONALITA Metodologia approvata con deliberazione di Giunta Comunale n.36 del 28.2.8 Modificato ai sensi

Dettagli

REGOLAMENTO DI GRADUAZIONE DELLE FUNZIONI DIRIGENZIALI AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA

REGOLAMENTO DI GRADUAZIONE DELLE FUNZIONI DIRIGENZIALI AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA pag. 1 di 8 REGOLAMENTO DI GRADUAZIONE DELLE FUNZIONI DIRIGENZIALI AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA pag. 2 di 8 PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le procedure per la determinazione della graduazione

Dettagli

CRITERI PER VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

CRITERI PER VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE CRITERI PER VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE Le risorse destinate dalla contrattazione decentrata integrativa, nell ambito del fondo per le risorse decentrate, alla incentivazione delle performance

Dettagli

Metodologia di Pesatura delle Posizioni Organizzative

Metodologia di Pesatura delle Posizioni Organizzative Metodologia di Pesatura delle Posizioni Organizzative Art. 1 Criteri di riferimento per la graduazione delle posizioni organizzative 1. I rispettivi Regolamenti sull Ordinamento Generale degli Uffici e

Dettagli

Criteri per la definizione della retribuzione di. posizione al personale di Categoria EP

Criteri per la definizione della retribuzione di. posizione al personale di Categoria EP Allegato B Criteri per la definizione della retribuzione di posizione al personale di Categoria EP 1. Posizioni organizzative... 2 2. Criteri per la pesatura delle posizioni organizzative... 2 3. Modalità

Dettagli

. Comune di Ghilarza Provincia di Oristano. Decreto del Sindaco n. 02 del 17/01/2017

. Comune di Ghilarza Provincia di Oristano. Decreto del Sindaco n. 02 del 17/01/2017 . Comune di Ghilarza Provincia di Oristano Decreto del Sindaco n. 02 del 17/01/2017 OGGETTO: Conferimento incarico posizioni organizzative (artt. da 8 a 11 del CCNL 31.3.1999) - Settore Finanziario - Periodo:

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Udito il relatore incaricato dell istruzione dell argomento in questione;

LA GIUNTA COMUNALE. Udito il relatore incaricato dell istruzione dell argomento in questione; LA GIUNTA COMUNALE L articolo 10 del contratto collettivo nazionale di lavoro del personale non dirigente del comparto delle regioni e delle autonomie locali (poi CCNL ) stipulato in data 22 gennaio 2004

Dettagli

METODOLOGIA PER LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

METODOLOGIA PER LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE METODOLOGIA PER LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE In sede di adeguamento del Regolamento sull ordinamento degli uffici e dei servizi al D.lgs. n. 150/2009, avvenuto con deliberazione G.C. n. 86/2010,

Dettagli

Servizi Tecnici. Determinazione del Dirigente. N. 6 del

Servizi Tecnici. Determinazione del Dirigente. N. 6 del Area Città Metropolitana di Milano Servizi Tecnici Determinazione del Dirigente N. 6 del 25.01.2017 ATTRIBUZIONE DELL INCARICO DI ALTA PROFESSIONALITA AI SENSI DELL ART. 10 DEL CCNL 22.1.2014. PROVVEDIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

REGOLAMENTO GENERALE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE REGOLAMENTO GENERALE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Integrato art. 5 - commi 4 e 5 - Affidamento e proroga degli incarichi di posizione organizzativa con deliberazione del Commissario Straordinario n. 1

Dettagli

R E G I O N E C A L A B R I A G I U N T A R E G I O N A L E DIPARTIMENTO PRESIDENZA

R E G I O N E C A L A B R I A G I U N T A R E G I O N A L E DIPARTIMENTO PRESIDENZA R E G I O N E C A L A B R I A G I U N T A R E G I O N A L E DIPARTIMENTO PRESIDENZA DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE ad Interim assunto il 27/07/2017 prot. n. 329 Registro dei decreti dei Dirigenti della

Dettagli

C O M U N E D I C U R S I

C O M U N E D I C U R S I C O M U N E D I C U R S I Cap. 73020 PROVINCIA DI LECCE REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO, REVOCA, GRADUAZIONE E VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Approvato con deliberazione della G.C. n. 38 del

Dettagli

Il Direttore Generale. VISTA la Legge Regionale 25 novembre 2014, n. 24 recante Disposizioni urgenti in materia di

Il Direttore Generale. VISTA la Legge Regionale 25 novembre 2014, n. 24 recante Disposizioni urgenti in materia di Oggetto: Conferimento incarico di Direzione del Servizio Bilancio e Contabilità ai sensi dell art. 28, L.R. 13 novembre 1998, n. 31, alla Dott.ssa Luciana Serra Il Direttore Generale VISTA la Legge Regionale

Dettagli

REGOLAMENTO AREA POSIZIONI ORGANIZZATIVE INDICE DEGLI ARTICOLI

REGOLAMENTO AREA POSIZIONI ORGANIZZATIVE INDICE DEGLI ARTICOLI REGOLAMENTO AREA POSIZIONI ORGANIZZATIVE INDICE DEGLI ARTICOLI ART. 1 - GENERALITA ART. 2 - VALORIZZAZIONE DELLE ALTE PROFESSIONALITA ART. 3 - CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

Dettagli

PROVINCIA DI CAMPOBASSO

PROVINCIA DI CAMPOBASSO PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO DELL ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE Approvato dalla Giunta Provinciale in data 7 dicembre 2010 con deliberazione n. 297 - oo - Indice Art. 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

Regione Siciliana. Assessorato Regionale della Sanità

Regione Siciliana. Assessorato Regionale della Sanità Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RAGUSA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO, LA CONFERMA E LA REVOCA DEGLI INCARICHI RIFERITI ALLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

Dettagli

GABINETTO DEL SINDACO E SISTEMI INFORMATIVI DETERMINAZIONE

GABINETTO DEL SINDACO E SISTEMI INFORMATIVI DETERMINAZIONE GABINETTO DEL SINDACO E SISTEMI INFORMATIVI DETERMINAZIONE Oggetto: Posizione Organizzativa dell'u.o.c. Gabinetto del Sindaco, sistemi informativi: conferimento dell'incarico al dott. Davide Zaninotti.

Dettagli

Comune di Tornaco. Provincia di Novara. Comunicato ai Capigruppo. Il 2/7/2014 N. prot VERBALE SEDUTA DI GIUNTA COMUNALE N.

Comune di Tornaco. Provincia di Novara. Comunicato ai Capigruppo. Il 2/7/2014 N. prot VERBALE SEDUTA DI GIUNTA COMUNALE N. Comune di Tornaco Provincia di Novara Comunicato ai Capigruppo Il 2/7/2014 N. prot. 1627 VERBALE SEDUTA DI GIUNTA COMUNALE N. 13 OGGETTO: CRITERI PER LA GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE. L anno

Dettagli

Regolamento aziendale per il conferimento delle posizioni organizzative e delle funzioni specialistiche e di responsabilità * * * * *

Regolamento aziendale per il conferimento delle posizioni organizzative e delle funzioni specialistiche e di responsabilità * * * * * Regolamento aziendale per il conferimento delle posizioni organizzative e delle funzioni specialistiche e di responsabilità * * * * * Personale del Comparto BOZZA INDICE Premessa Premessa Pag. 2 Titolo

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA Servizio Personale REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DELLA MAGGIORAZIONE DELL INDENNITA DI POSIZIONE E PER L ATTRIBUZIONE DELL INDENNITA DI RISULTATO AL SEGRETARIO

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DELL UFFICIO DI SUPPORTO AL PRESIDENTE ED AGLI ASSESSORI AI SENSI DELL ART. 90 DEL D. LGS. N. 267/2000 E SS.MM.II.

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DELL UFFICIO DI SUPPORTO AL PRESIDENTE ED AGLI ASSESSORI AI SENSI DELL ART. 90 DEL D. LGS. N. 267/2000 E SS.MM.II. I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 29 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO ISTITUTIVO DELL UFFICIO DI SUPPORTO AL PRESIDENTE ED AGLI ASSESSORI AI SENSI DELL ART. 90 DEL D. LGS. N. 267/2000 E SS.MM.II. Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DELLE AREE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DELLE AREE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI COMUNE DI MILETO Provincia di Vibo Valentia REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DELLE AREE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Allegato alla delibera di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DELLA PROGRESSIONE ECONOMICA ORIZZONTALE ALL INTERNO DELLA CATEGORIA PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DELLA PROGRESSIONE ECONOMICA ORIZZONTALE ALL INTERNO DELLA CATEGORIA PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DELLA PROGRESSIONE ECONOMICA ORIZZONTALE ALL INTERNO DELLA CATEGORIA PROFESSIONALE (artt. 5 e 13 del CCNL 1998/2001 stipulato il 31/03/1999)

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL'ASSETTO DIREZIONALE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL'ASSETTO DIREZIONALE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL'ASSETTO DIREZIONALE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Funzione dirigenziale Sono attribuiti ai dirigenti tutti i compiti di attuazione degli obiettivi e dei programmi

Dettagli

DISCIPLINA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

DISCIPLINA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE (Approvata con Delibera di Giunta Comunale n 417 del 16/11/2012, modificata con Delibere di Giunta Comunale n 429 del 22/12/2014, n 124 del 20/05/2015)

Dettagli

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA BENIAMINO FORLINI Casa di Riposo Residenza Protetta Centro Diurno OFFIDA

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA BENIAMINO FORLINI Casa di Riposo Residenza Protetta Centro Diurno OFFIDA CRITERI PER L EROGAZIONE DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Metodologia approvata con deliberazione del Consiglio di Amministrazione dell ASP B. Forlini n. 1 del 28.1.15, ai

Dettagli

COMUNE DI CAPOLONA. (Provincia di Arezzo) ****** UFFICIO PERSONALE REGOLAMENTO PER LA PROGRESSIONE ECONOMICA ORIZZONTALE

COMUNE DI CAPOLONA. (Provincia di Arezzo) ****** UFFICIO PERSONALE REGOLAMENTO PER LA PROGRESSIONE ECONOMICA ORIZZONTALE COMUNE DI CAPOLONA (Provincia di Arezzo) ****** UFFICIO PERSONALE REGOLAMENTO PER LA PROGRESSIONE ECONOMICA ORIZZONTALE (Approvato con Delibera G.M. n. xx del xxxxx) 1 INDICE Art. 1 - PROGRESSIONE ECONOMICA

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONI INTERNE

AVVISO DI SELEZIONI INTERNE AVVISO DI SELEZIONI INTERNE per il conferimento di incarichi di Posizione di FASCIA A Ruolo Sanitario In esecuzione della deliberazione n. 837, del 08/08/2017 e in applicazione degli articoli 20 e 21,

Dettagli

Protocollo d intesa per l'individuazione, il conferimento e la revoca degli incarichi al personale di categoria EP dell'università per Stranieri di

Protocollo d intesa per l'individuazione, il conferimento e la revoca degli incarichi al personale di categoria EP dell'università per Stranieri di Protocollo d intesa per l'individuazione, il conferimento e la revoca degli incarichi al personale di categoria EP dell'università per Stranieri di Siena, art. 75 e 76 CCNL 2006-2009, nonché per la determinazione

Dettagli

Azienda speciale Consorzio Desio-Brianza Metodologia di graduazione delle posizioni organizzative

Azienda speciale Consorzio Desio-Brianza Metodologia di graduazione delle posizioni organizzative Azienda speciale Consorzio Desio-Brianza Metodologia di graduazione delle posizioni organizzative Approvata nella seduta del Consiglio di Amministrazione del 10 luglio 2013 1 1. PREMESSA Il presente documento

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PER N. 1 PROGRESSIONE ECONOMICA ORIZZONTALE NELL AMBITO DELLA III AREA FUNZIONALE, AI SENSI DELL ART.

AVVISO DI SELEZIONE PER N. 1 PROGRESSIONE ECONOMICA ORIZZONTALE NELL AMBITO DELLA III AREA FUNZIONALE, AI SENSI DELL ART. AVVISO DI SELEZIONE PER N. 1 PROGRESSIONE ECONOMICA ORIZZONTALE NELL AMBITO DELLA III AREA FUNZIONALE, AI SENSI DELL ART. 17 CCNL 14/09/2007, RISERVATA AL PERSONALE DELL AGENZIA. IL DIRETTORE VISTO il

Dettagli

PROVINCIA DI IMPERIA

PROVINCIA DI IMPERIA PROVINCIA DI IMPERIA ATTO N. 4 DEL 13/01/2015 IL PRESIDENTE Oggetto: Conferimento ad interim al Dott. Luigi Mattioli dell incarico di funzioni dirigenziali relative al Settore Amministrazione Finanziaria

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DIRIGENTI. Valido sino al 31/12/2017 CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DIRIGENTI. Valido sino al 31/12/2017 CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DIRIGENTI Valido sino al 31/12/2017 CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 (Campo di applicazione, durata, decorrenza) 1. Il contratto collettivo si applica a tutti i dirigenti

Dettagli

===================================================================== IL SEGRETARIO GENERALE

===================================================================== IL SEGRETARIO GENERALE DETERMINAZIONE SEGRETARIALE N 2 DEL 09/01/2014 Oggetto: Conferimento incarico di posizione organizzativa del Servizio Registro Imprese, Albi e Ruoli alla Dott.ssa Anna Rita Fraraccio per l'anno 2014. =====================================================================

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI COMPENSI PER SPECIFICHE RESPONSABILITA

REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI COMPENSI PER SPECIFICHE RESPONSABILITA COMUNE DI CASOREZZO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI COMPENSI PER SPECIFICHE RESPONSABILITA Approvato con deliberazione G.C. n. 74 del 30/06/2016 esecutiva ai sensi dell art. 134 comma

Dettagli

IL DIRIGENTE DEL SETTORE SEGRETERIA GENERALE E SERVIZI DEMOGRAFICI

IL DIRIGENTE DEL SETTORE SEGRETERIA GENERALE E SERVIZI DEMOGRAFICI SEGRETERIA GENERALE E SERVIZI DEMOGRAFICI SERVIZIO SEGRETERIA GENERALE DETERMINAZIONE N. 29 DEL 16-12-2015 OGGETTO: Posizione Organizzativa Segreteria generale, Servizi demografici e URP. Nomina e delega

Dettagli

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI DIRIGENZIALI

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI DIRIGENZIALI Allegato G del Regolamento sull ordinamento degli uffici e dei servizi: testo modificato dalla deliberazione n.156 del 21.5.2009 Allegato G Linee Guida per la valutazione delle prestazioni dirigenziali

Dettagli

CITTA' DI GROSSETO. Settore Segreteria/Direzione Generale

CITTA' DI GROSSETO. Settore Segreteria/Direzione Generale CITTA' DI GROSSETO Settore Segreteria/Direzione Generale Sistema permanente di valutazione del personale dipendente per l erogazione dell indennità di risultato e per il conferimento delle progressioni

Dettagli

Comune di Diano Marina - Provincia di Imperia -

Comune di Diano Marina - Provincia di Imperia - Comune di Diano Marina - Provincia di Imperia - REGOLAMENTO PER L'ATTRIBUZIONE DELL'INDENNITA' PER SPECIFICHE RESPONSABILITA' Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. del INDICE Art. 1 Finalità

Dettagli

(approvato con delibera G. M. n.373 del 20/11/2008 e s.m.i. - G.C. 106/09)

(approvato con delibera G. M. n.373 del 20/11/2008 e s.m.i. - G.C. 106/09) (approvato con delibera G. M. n.373 del 20/11/2008 e s.m.i. - G.C. 106/09) REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI RELATIVI ALL AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

Dettagli

Regolamento per il conferimento, valutazione e revoca degli incarichi di posizioni organizzative e di coordinamento

Regolamento per il conferimento, valutazione e revoca degli incarichi di posizioni organizzative e di coordinamento Azienda Sanitaria Provinciale CALTANISSETTA Allegato 2 Approvato con deliberazione n. 1984 del 30/11/2011 Regolamento per il conferimento, valutazione e revoca degli incarichi di posizioni organizzative

Dettagli

CITTA DI ALESSANDRIA

CITTA DI ALESSANDRIA CITTA DI ALESSANDRIA Decreto n. 77 OGGETTO: CONFERIMENTO INCARICO DI DIRETTORE DI DIREZIONE AL DIRIGENTE A TEMPO INDETERMINATO ARCH. PIERFRANCO ROBOTTI IL SINDACO VISTO il decreto lgs.vo n.267/2000 Testo

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFOMANCE. ADEGUAMENTO AL D. LGS. 150/2009. TITOLO I: PRINCIPI GENERALI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFOMANCE. ADEGUAMENTO AL D. LGS. 150/2009. TITOLO I: PRINCIPI GENERALI Allegato A) alla delibera di giunta n. 195 del 29/12/2010 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFOMANCE. ADEGUAMENTO AL D. LGS. 150/2009. TITOLO I: PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Individuazione delle posizioni organizzative. Fissazione relativa indennità.

Individuazione delle posizioni organizzative. Fissazione relativa indennità. COMUNE DI ZAMBANA PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 57/2015 D E L L A G I U N T A C O M U N A L E Oggetto: Individuazione delle posizioni organizzative. Fissazione relativa indennità. L'anno

Dettagli

Atto Dirigenziale N. 115 del 28/01/2016. Il Dirigente / Titolare P.O.

Atto Dirigenziale N. 115 del 28/01/2016. Il Dirigente / Titolare P.O. Atto Dirigenziale N. 115 del 28/01/2016 Classifica: 001.19 Anno 2016 (6668426) Oggetto CONFERIMENTO INCARICHI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA E ALTA PROFESSIONALITA CON DECORRENZA 1/2/2016. Ufficio Redattore

Dettagli

Regolamento aziendale per la disciplina del conferimento degli incarichi dirigenziali dell Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste

Regolamento aziendale per la disciplina del conferimento degli incarichi dirigenziali dell Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste Regolamento aziendale per la disciplina del conferimento degli incarichi dirigenziali dell Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste Art. 1 Ambito di applicazione 1. In applicazione del D.Lgs.

Dettagli

Oggetto: Richiesta indicazioni per riorganizzazione delle posizioni organizzative e delle alte professionalità. SEGRETERIA GENERALE

Oggetto: Richiesta indicazioni per riorganizzazione delle posizioni organizzative e delle alte professionalità. SEGRETERIA GENERALE Oggetto: Richiesta indicazioni per riorganizzazione delle posizioni organizzative e delle alte professionalità. SEGRETERIA GENERALE Cod. Fisc. 00253750087 Sanremo, 25 Novembre 2015 Ai Dirigenti E, p.c.

Dettagli

REGOLAMENTO DI AFFIDAMENTO, CONFERMA E REVOCA DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI

REGOLAMENTO DI AFFIDAMENTO, CONFERMA E REVOCA DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE ENNA REGOLAMENTO DI AFFIDAMENTO, CONFERMA E REVOCA DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI AREA DIRIGENZA SANITARIA, PROFESSIONALE, TECNICA ED AMMINISTRATIVA Regolamento

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

INDIVIDUAZIONE E GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE INDIVIDUAZIONE E GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Allegato alla deliberazione giuntale n 15 dd. 23.02.2016 IL SEGRETARIO GENERALE - F.to Giuseppe Dolzani - INDICE LE NORME CONTRATTUALI E REGOLAMENTARI...

Dettagli

COMUNE DI AREZZO. Provvedimento n. 14 OGGETTO: Il Direttore. Direzione Servizi Finanziari Servizio Finanziario. Classificazione: A

COMUNE DI AREZZO. Provvedimento n. 14 OGGETTO: Il Direttore. Direzione Servizi Finanziari Servizio Finanziario. Classificazione: A Direzione Servizi Finanziari Servizio Finanziario Classificazione: A 05-20150000004 Provvedimento n. 14 Arezzo, 07/01/2015 OGGETTO: RAG. STEFANIA SPIGHI: ATTRIBUZIONE INDENNITA' PER PARTICOLARI RESPONSABILITA'.

Dettagli