REGOLAMENTO PER L'ATTRIBUZIONE DI RESPONSABILITÀ DI UNITÀ ORGANIZZATIVE.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER L'ATTRIBUZIONE DI RESPONSABILITÀ DI UNITÀ ORGANIZZATIVE."

Transcript

1 REGOLAMENTO PER L'ATTRIBUZIONE DI RESPONSABILITÀ DI UNITÀ ORGANIZZATIVE. Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n. 04 del Pag. 1 di 7

2 Art. 1 PREMESSA 1. Il presente regolamento disciplina i criteri per il conferimento, la valutazione e la revoca degli incarichi di responsabilità di Unità Organizzative. 2. La Giunta provvede, in sede di definizione del Macromodello Organizzativo e in osservanza del vigente sistema di relazioni sindacali, a individuare, per ogni Ufficio, il numero delle Unità Organizzative Strutturate. 3. La responsabilità delle Unità Organizzative Strutturate comporta l attribuzione dell incarico di Posizione Organizzativa così come definita nell ambito della disciplina di cui dagli artt. 8, 9, e 10 del CCNL del e dall art.10 del CCNL del del personale non dirigente del comparto regioni e autonomie locali. 4. Le Unità Organizzative di Base vengono definite e istituite dai Dirigenti di Ufficio. 5. La responsabilità di Unità Organizzative Strutturate può essere affidata esclusivamente al personale di categoria "D", dipendenti in servizio a tempo pieno ed indeterminato, escludendo, pertanto, il personale comandato. Art. 2 DETERMINAZIONE UNITÀ ORGANIZZATIVE 1. Successivamente all approvazione del Macromodello Organizzativo da parte della Giunta che definisce per i singoli Uffici il numero delle Unità Organizzative Strutturate, i dirigenti degli Uffici, ne determinano la declaratoria delle funzioni e definiscono le tipologie delle Posizioni Organizzative (di tipo gestionale, specialistiche e di staff) cui attribuire la responsabilità delle Unità Organizzative Strutturate. 2. Allo stesso tempo i dirigenti degli Uffici, definiscono la declaratoria delle funzioni delle singole Unità Organizzative di Base. 3. Entro il termine indicato dal Direttore Generale, se nominato, o dal Segretario Generale, ciascun dirigente trasmette allo stesso la propria proposta di organizzazione dell Ufficio nella quale sono definite le Unità Organizzative Strutturate e quelle di Base. 4. Fermo restando l autonomia gestionale di ciascun dirigente, le proposte di organizzazione degli Uffici sono oggetto di discussione da parte della conferenza dei dirigenti prevista dal Regolamento sull Ordinamento degli Uffici e dei Servizi, che le valida in un ottica di omogeneità complessiva di sistema a livello di intero Ente. ART. 3 UNITÀ ORGANIZZATIVE STRUTTURATE - CONFERIMENTO INCARICO 1. L incarico di responsabile di Unità Organizzative Strutturate ed in conseguente incarico di Posizione Organizzativa così come definita dagli artt. 8, 9, e 10 del CCNL del , viene attribuito dai Dirigenti di Ufficio che ne definiscono le funzioni, le deleghe ai sensi dell art.30 del Regolamento sull Ordinamento degli Uffici e dei Servizi, il personale ad esse assegnate e le risorse finanziarie rivenienti dal Piano Esecutivo di Gestione, nel rispetto delle procedure di cui al presente Pag. 2 di 7

3 regolamento. 2. La responsabilità delle Unità Organizzative Strutturate è affidata, con atto scritto e motivato e con incarico a termine, a personale della categoria D nell ambito della disciplina di cui gli artt. 8, 9, e 10 del CCNL del (area posizioni organizzative) nel rispetto dei criteri definiti nel presente Regolamento. ART. 4 UNITÀ ORGANIZZATIVE STRUTTURATE- CONFERIMENTO INCARICO POSIZIONI ORGANIZZATIVE DI ALTA PROFESSIONALITÀ 1. La Giunta provvede, con la definizione del Macromodello Organizzativo e in osservanza del vigente sistema di relazioni sindacali, a istituire e definire tra le Unità Organizzative Strutturate quelle la cui responsabilità è da attribuire a Posizioni Organizzative di Alta Professionalità (P.A.P), definite nell ambito della disciplina di cui all art.10 del CCNL del La Giunta provvede, pertanto, ad istituire e definire il numero, l Ufficio di riferimento e la declaratoria delle funzioni delle Unità Organizzative Strutturate la cui responsabilità è da attribuire alle P.A.P. 3. Gli incarichi di Posizioni Organizzative di Alta Professionalità vengono attribuiti dal direttore generale, se nominato, o dal segretario generale, sulla base di procedura comparativa tra il personale della categoria D in possesso della necessaria specifica esperienza e qualificazione professionale strettamente correlata alle funzioni da svolgere. 4. La responsabilità delle Unità Organizzative Strutturate con l attribuzione della Posizione Organizzativa di Alta Professionalità è affidata, con atto scritto e motivato e con incarico a termine, a personale della categoria D nell ambito della disciplina di cui all art.10 del CCNL del (Valorizzazione delle alte professionalità) nel rispetto dei criteri definiti nel presente Regolamento. 5. L affidamento da parte del direttore generale, se nominato, o del segretario generale, avviene nel rispetto di quanto stabilito nel successivo art.10. ART. 5 UNITÀ ORGANIZZATIVE DI BASE- CONFERIMENTO INCARICO 1. Le Unità Organizzative di Base vengono istituite dai Dirigenti di Ufficio che definiscono le funzioni, i compiti, il personale ad esse attribuite e le eventuali risorse finanziarie rivenienti dal Piano Esecutivo di Gestione. 2. L'istituzione di una Unità Organizzativa di Base da parte dei dirigenti di Ufficio è possibile quando concorrano autonomia operativa e/o logistica. 3. La responsabilità delle Unità Organizzative di base è affidata, con atto scritto e motivato e con incarico a termine, a personale della categoria D nell ambito della disciplina di cui all art.17, comma 2, lettera f), secondo periodo del CCNL dell (istituto specifiche responsabilità) nel rispetto dei criteri definiti nel presente Regolamento. ART. 6 UNITÀ ORGANIZZATIVE ULTERIORI ATTESTAZIONI Pag. 3 di 7

4 1. Le Unità Organizzative (Strutturate e di Base) possono essere attestate anche alla Segreteria Generale e alla Direzione Generale, se attivata. ART. 7 GRADUAZIONE UNITÀ ORGANIZZATIVE STRUTTURATE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO 1. La Giunta provinciale, con l'assistenza del Nucleo di Valutazione, del Direttore Generale, se nominato, o del Segretario Generale e con il supporto del dirigente dell Ufficio competente alla gestione delle risorse umane, provvede, previa concertazione, alla pesatura delle Unità Organizzative Strutturate al fine della graduazione e della determinazione della retribuzione di posizione in favore delle Posizioni Organizzative nel rispetto dei criteri definiti dalla Giunta in apposito regolamento che definisce altresì i criteri per la valutazione dei risultati. 2. I risultati delle attività svolte dai dipendenti cui siano stati attribuiti gli incarichi di cui di Posizione Organizzativa sono soggetti a valutazione annuale in base a criteri e procedure predeterminati dall ente e riportate nel regolamento di cui al precedente comma La valutazione positiva dà titolo alla corresponsione della retribuzione di risultato. 4. La valutazione viene effettuata dai Dirigenti degli Uffici in conformità ai criteri definiti nel regolamento di cui al precedente comma L'esito della valutazione, viene comunicata alla Giunta Provinciale e al Direttore Generale. 6. Il Dirigente prima di procedere alla definitiva formalizzazione di una valutazione non positiva, acquisisce in contraddittorio, le valutazioni del dipendente interessato anche assistito dalla organizzazione sindacale cui aderisce o conferisce mandato o da persona di sua fiducia; la stessa procedura di contraddittorio vale anche per la revoca anticipata dell incarico. 7. La retribuzione di risultato connessa ai predetti incarichi può variare da un minimo del 10% ad un massimo del 25% della retribuzione di posizione in godimento (art.10 del CCNL ). 8. Il valore massimo del 25% di cui al precedente comma è incrementato al 30% nel caso di Posizioni Organizzative di Alta Professionalità (art.10 del CCNL ). ART. 8 RISORSE DESTINATE AL PAGAMENTO DELLE RETRIBUZIONI DI POSIZIONE E DI RISULTATO PER LE POSIZIONI ORGANIZZATIVE 1. L'ammontare delle risorse destinate al finanziamento delle retribuzioni di posizione e di risultato per le Posizioni Organizzative è demandato alla contrattazione decentrata integrativa, così come previsto dalle disposizioni contrattuali vigenti. 2. Sulla base delle risorse a tal uopo destinate di cui al precedente primo comma la retribuzione di posizione può variare da un minimo di 5.164,56 ad un massimo di Euro , Il valore massimo di Euro ,42 di cui al precedente comma è incrementato a ,00 nel caso di Posizioni Organizzative di Alta Professionalità (art.10 del CCNL ). ART. 9 DURATA INCARICHI DI RESPONSABILITÀ DI UNITÀ ORGANIZZATIVE 1. Gli incarichi di responsabilità delle Unità Organizzative (Strutturate e di Base) sono conferiti, di norma, per un periodo di un anno normalmente decorrente dal 1 gennaio, hanno una durata massima di due anni, e possono essere rinnovati alla scadenza. Se non rinnovati il Dirigente provvede ad Pag. 4 di 7

5 attribuire il nuovo incarico di responsabilità di Unità Organizzativa rimettendo a concorso la stessa con le procedure di cui al presente regolamento. 2. La durata degli incarichi di responsabilità delle Unità Organizzative (Strutturate e di Base) non può eccedere la durata dell incarico del Dirigente che le attribuisce. 3. La durata dell'incarico non può eccedere, in ogni caso, il mandato amministrativo del Presidente in carica al momento della loro assegnazione. Nel caso di mancata applicazione del termine, l'incarico si intende conferito fino al termine del mandato elettivo del Presidente. 4. L'incarico è prorogato di diritto, all'atto della naturale scadenza, fino a quando non interviene la nuova nomina, la quale deve avvenire entro 120 giorni dalla elezione del nuovo Presidente. ART. 10 CONFERIMENTO INCARICO DELLE UNITÀ ORGANIZZATIVE STRUTTURATE 1. Successivamente alla validazione di cui al precedente articolo 2 da parte della conferenza dei dirigenti delle Unità Organizzative Strutturate per i singoli Uffici il direttore generale, se nominato, o il segretario generale, ne danno comunicazione al dirigente dell Ufficio competente alla gestione delle risorse umane. 2. Il dirigente dell Ufficio competente alla gestione delle risorse umane provvede con proprio provvedimento a pubblicare l elenco, la declaratoria delle funzioni e le tipologie delle Unità Organizzative Strutturate. 3. Entro il termine indicato nel provvedimento di cui al comma precedente, il personale di categoria D avente titolo, può fare domanda per l attribuzione di responsabilità per le singole Unità Organizzative Strutturate. 4. Il personale di categoria D avente titolo può candidarsi per il concorso di incarico di responsabilità di massimo due Unità Organizzative Strutturate indipendentemente dall Ufficio presso il quale presta la propria attività lavorativa, ed allegando il proprio curriculum formativo professionale di cui il dirigente stesso tiene conto per il conferimento dell'incarico. 5. Il dirigente assegna la responsabilità delle Unità Organizzative Strutturate di propria competenza a Posizioni Organizzative individuate tra il personale avente titolo candidatosi per tale incarico. 6. Ai fini dell attribuzione degli incarichi di responsabile di Posizione Organizzativa il dirigente tiene conto dei programmi da realizzare, delle capacità e dei comportamenti organizzativi, delle esperienze professionali maturate, dei requisiti culturali ed in particolare dei seguenti elementi: Titolo di studio; Iscrizione in albi professionali; Precedenti esperienze lavorative e professionali maturate; Particolari predisposizioni all espletamento dell incarico; Anzianità di servizio; 7. Il Dirigente, previa selezione tra il personale candidatosi per ogni singola Unità Organizzativa Strutturata individua motivatamente mediante proprio atto, i dipendenti inquadrati nella categoria D, cui conferisce l'incarico di responsabile di Unità Organizzativa Strutturata attribuendo la relativa Posizione Organizzativa. 8. Tutte le valutazioni saranno a disposizione del personale che potrà formulare richiesta di accesso sulla base di un interesse sostanziale ai sensi della L. 241/1990 e s.m.i.. 9. Nel caso si renda vacante un posto di responsabile di Unità Organizzativa Strutturata prima della scadenza dell incarico, il dirigente provvede a conferire il nuovo incarico sulla base delle candidature in precedenza presentate per il medesimo incarico. L incarico così affidato dovrà avere scadenza pari a quella della Unità Organizzativa Strutturata originaria. Pag. 5 di 7

6 10. Nel caso in cui lo stesso funzionario venga individuato da due dirigenti per ricoprire incarico di due distinte Unità Organizzative Strutturate, la tematica circa l attribuzione della responsabilità sarà ricondotta in sede di conferenza dei dirigenti. Art. 11 FUNZIONI E COMPETENZE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE 1. L'incarico di responsabile di Unità Organizzativa Strutturata e la conseguente attribuzione di Posizione Organizzativa, comporta, nell'ambito delle deleghe assegnate dal Dirigente, che resta comunque responsabile delle attività e dei risultati conseguiti, le seguenti funzioni e competenze: a) la gestione delle risorse umane assegnate dal dirigente; b) la gestione delle risorse strumentali assegnate dal dirigente; c) il conseguimento degli obiettivi assegnati alla Posizione Organizzativa dal Dirigente; d) la responsabilità dei procedimenti amministrativi attribuiti e di competenza della Posizione Organizzativa; e) l'adozione dei provvedimenti, con connessa responsabilità, espressamente delegati dal dirigente in conformità alle disposizioni normative vigenti in materia. Art. 12 REVOCA DELL'INCARICO 1. L'incarico di responsabile di Unità Organizzativa Strutturata e la conseguente attribuzione di Posizione Organizzativa può essere revocato dal dirigente con atto motivato per le seguenti cause: intervenuti mutamenti del macromodello organizzativo; risultati negativi oggetto di specifico accertamento. 2. L'atto di revoca comporta: a) la cessazione immediata dell'incarico di posizione organizzativa con contestuale rassegnazione alle funzioni della categoria e del profilo di appartenenza; b) la perdita immediata della retribuzione di posizione connessa; c) la non attribuzione della indennità di risultato nel caso di accertamento di risultati negativi. 3. Prima dell'adozione dell'atto di revoca, il dirigente deve darne comunicazione all interessato e questi ha facoltà di essere sentito assistito dall'organizzazione sindacale cui aderisce o conferisce mandato, ovvero da persona di fiducia. Art. 13 ORARIO DI LAVORO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE 1. I titolari di Posizione Organizzativa sono a disposizione dell Amministrazione oltre l'orario di obbligo, per le esigenze connesse alle funzioni loro affidate. Art. 14 ASSEGNAZIONE OBIETTIVI ALLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE 1. In linea di massima, entro 15 giorni dall approvazione del PEG e del PdO, il dirigente individua, negozia ed assegna gli obiettivi, necessari alla valutazione, ai titolari di P.O. Gli obiettivi devono almeno contenere la descrizione, l'indicatore temporale e gli indicatori di risultato. 2. Il sistema di valutazione è riportato nell apposito regolamento di cui al precedente articolo 7, Pag. 6 di 7

7 comma I predetti obiettivi devono essere necessariamente correlati all attività ordinaria e strategica definita nel PEG e nel PdO. 4. Il dirigente ha facoltà, nelle more e fino all'approvazione del PEG e del PdO di assegnare al titolare di Posizione Organizzativa obiettivi di natura ordinaria. 5. Il titolare di Posizione Organizzativa redige, in linea di massima, entro il mese di gennaio dell anno successivo a quello di riferimento, una relazione sull'attività in generale svolta e sullo stato di attuazione degli obiettivi assegnati. La relazione deve contenere, altresì eventuali criticità e problemi riscontrati durante l'anno e le soluzioni poste in essere per la soluzione dei problemi. 6. Il Dirigente, in attuazione del sistema di valutazione adottato dall'ente di cui al regolamento indicato al precedente art. 7, comma 1, effettua la valutazione, in linea di massima, entro il successivo mese di marzo. 7. La relazione finale è inviata a cura del dirigente: a) al Nucleo di valutazione; b) all Ufficio competente alla gestione delle risorse umane per gli adempimenti connessi all'erogazione dell indennità di risultato. Art. 15 CLAUSOLA FINALE 1. Ai fini della pesatura delle Unità Organizzative Strutturate e della valutazione dei risultati delle relative Posizioni Organizzative, nelle more della definizione del regolamento di cui al precedente art.7, rimangono validi i criteri fissati dalla D.G.P. del , n Nelle more della nomina del Nucleo di Valutazione la pesatura delle Unità Organizzative Strutturate viene effettuata, in via provvisoria, dal direttore generale; tali pesature dovranno comunque essere oggetto di ridefinizione/validazione da parte del Nucleo di Valutazione, una volta nominato. Pag. 7 di 7

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO DELLE AREE DELLE ALTE PROFESSIONALITA

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO DELLE AREE DELLE ALTE PROFESSIONALITA COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) * * * * * REGOLAMENTO DELLE AREE DELLE ALTE PROFESSIONALITA (art. 10 del CCNL del 22.01.2004 come disciplinato dall art. 8, comma 1, lett B e C del CCNL del 31.03.1999

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE REGOLAMENTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA

PROVINCIA DI LECCE REGOLAMENTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA PROVINCIA DI LECCE REGOLAMENTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA (ai sensi degli artt. 8, 9 e 10 del CCNL del 31.03.1999 e dell art. 10 del CCNL del 22.01.2004) Regolamento approvato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA :

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA : REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA : - DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE INTERNE AI SETTORI - DELLE UNITA ORGANIZZATIVE AUTONOME - DELLE UNITA DI PROGETTO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale

Dettagli

Provincia di Avellino

Provincia di Avellino Provincia di Avellino REGOLAMENTO DELLE AREE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA (ai sensi degli artt. 8, 9 e 10 del CCNL del 31.03.1999 e dell art. 10 del CCNL del 22.01.2004) Adottato

Dettagli

COMUNE DI CERVETERI Provincia di Roma

COMUNE DI CERVETERI Provincia di Roma COMUNE DI CERVETERI Provincia di Roma Allegato sub A) Alla deliberazione di G.C. n. 159 del 27/4/2006 REGOLAMENTO PER LA GRADUAZIONE, CONFERIMENTO E REVOCA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE ALLEGATO A...4

Dettagli

COMUNE DI TIVOLI (PROVINCIA DI ROMA)

COMUNE DI TIVOLI (PROVINCIA DI ROMA) COMUNE DI TIVOLI (PROVINCIA DI ROMA) DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SEGRETERIA GENERALE N. 460 del 18/03/2015 Oggetto: CONFERIMENTO INCARICO DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA SEGRETERIA GENERALE - SEZIONE SEGRETERIA

Dettagli

Art. 1. Definizione di posizione organizzativa e di alta Professionalità

Art. 1. Definizione di posizione organizzativa e di alta Professionalità Art. 1 Definizione di posizione organizzativa e di alta Professionalità Il presente regolamento disciplina i criteri per l individuazione, il conferimento, la valutazione e la revoca degli incarichi di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ISTITUZIONE ED IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DELLE AREE DELLE ALTE PROFESSIONALITÀ DELLA CATEGORIA D

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ISTITUZIONE ED IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DELLE AREE DELLE ALTE PROFESSIONALITÀ DELLA CATEGORIA D COMUNE DI CAIVANO Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ISTITUZIONE ED IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DELLE AREE DELLE ALTE PROFESSIONALITÀ DELLA CATEGORIA D (art. 10, C.C.N.L. del 22 gennaio

Dettagli

- VISTI i decreti sindacali di conferimento degli incarichi per le posizioni organizzative;

- VISTI i decreti sindacali di conferimento degli incarichi per le posizioni organizzative; LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: - con deliberazione di G.C. n. in data 25.01.08, integrata con successivo atto n. 92 del 27.05.08, è stato approvato il nuovo regolamento per l ordinamento dell ufficio

Dettagli

ATTO ORGANIZZATIVO PER LA DISCIPLINA DELL AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE (Artt. 8, 9 e 10 del CCNL 31/03/1999 e Art. 10 CCNL 22/01/2004)

ATTO ORGANIZZATIVO PER LA DISCIPLINA DELL AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE (Artt. 8, 9 e 10 del CCNL 31/03/1999 e Art. 10 CCNL 22/01/2004) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE ATTO ORGANIZZATIVO PER LA DISCIPLINA DELL AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE (Artt. 8, 9 e 10 del CCNL 31/03/1999 e Art. 10 CCNL 22/01/2004) a) Funzioni di direzione

Dettagli

Criteri per la definizione della retribuzione di. posizione al personale di Categoria EP

Criteri per la definizione della retribuzione di. posizione al personale di Categoria EP Allegato B Criteri per la definizione della retribuzione di posizione al personale di Categoria EP 1. Posizioni organizzative... 2 2. Criteri per la pesatura delle posizioni organizzative... 2 3. Modalità

Dettagli

R E G O L A M E N T O P E R I L C O N F E R I M E N T O, R E V O C A G R A D U A Z I O N E E V A L U T A Z I O N E D E L L E P O S I Z I O N I

R E G O L A M E N T O P E R I L C O N F E R I M E N T O, R E V O C A G R A D U A Z I O N E E V A L U T A Z I O N E D E L L E P O S I Z I O N I R E G O L A M E N T O P E R I L C O N F E R I M E N T O, R E V O C A G R A D U A Z I O N E E V A L U T A Z I O N E D E L L E P O S I Z I O N I O R G A N I Z Z A T I V E Art.1 Campo di applicazione 1. II

Dettagli

IPAB CENTRO ANZIANI DI BUSSOLENGO REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO E LA GRADUAZIONE DEGLI INCARICHI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA

IPAB CENTRO ANZIANI DI BUSSOLENGO REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO E LA GRADUAZIONE DEGLI INCARICHI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA IPAB CENTRO ANZIANI DI BUSSOLENGO REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO E LA GRADUAZIONE DEGLI INCARICHI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA Approvato con Deliberazione di Consiglio di Amministrazione n. 05 del 26.02.2016

Dettagli

Regolamentazione delle posizioni organizzative. Art.1 Posizione organizzativa

Regolamentazione delle posizioni organizzative. Art.1 Posizione organizzativa Approvato con determinazione n. 10 del 24.03.2010 Regolamentazione delle posizioni organizzative Art.1 Posizione organizzativa Il presente regolamento disciplina i criteri per l individuazione, il conferimento,

Dettagli

DEFINIZIONE DEL SISTEMA DI INDIVIDUAZIONE, GRADUAZIONE e VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

DEFINIZIONE DEL SISTEMA DI INDIVIDUAZIONE, GRADUAZIONE e VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE DEFINIZIONE DEL SISTEMA DI INDIVIDUAZIONE, GRADUAZIONE e VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE ART. 1 DEFINIZIONE DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA Il presente regolamento disciplina i criteri per l individuazione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PESATURA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE SISTEMA DI GRADUAZIONE

REGOLAMENTO PER LA PESATURA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE SISTEMA DI GRADUAZIONE Comune di Meolo REGOLAMENTO PER LA PESATURA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE SISTEMA DI GRADUAZIONE Approvato con D.G.C. n. 9 del 14.02.2017 1 L'AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E CRITERI PER L'APPREZZAMENTO

Dettagli

COMUNE DI CORBARA PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LA GRADUAZIONE, IL CONFERIMENTO E LA REVOCA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

COMUNE DI CORBARA PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LA GRADUAZIONE, IL CONFERIMENTO E LA REVOCA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE COMUNE DI CORBARA PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LA GRADUAZIONE, IL CONFERIMENTO E LA REVOCA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Approvato con delibera di Giunta Comunale n.47 del 27/05/2015 INDICE Art.1

Dettagli

CITTA DI ALESSANDRIA

CITTA DI ALESSANDRIA CITTA DI ALESSANDRIA Regolamento sull ordinamento degli uffici e dei servizi Parte II Norme relative all istituzione dell area delle posizioni organizzative e al conferimento dei relativi incarichi Indice

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GRADUAZIONE, CONFERIMENTO E REVOCA DELLA POSIZIONE ORGANIZZATIVA

REGOLAMENTO PER LA GRADUAZIONE, CONFERIMENTO E REVOCA DELLA POSIZIONE ORGANIZZATIVA COMUNE DI EUPILIO Provincia di Como Via G. Strambio n. 9 22030 Eupilio C.F.: 00571510130 Tel. 031 655 623 Fax 031 657 445 REGOLAMENTO PER LA GRADUAZIONE, CONFERIMENTO E REVOCA DELLA POSIZIONE ORGANIZZATIVA

Dettagli

COMUNE DI CATANZARO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITÀ

COMUNE DI CATANZARO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITÀ COMUNE DI CATANZARO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITÀ Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n 308 del 15/07/2005 e modificato con successive

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GRADUAZIONE, CONFERIMENTO E REVOCA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA

REGOLAMENTO PER LA GRADUAZIONE, CONFERIMENTO E REVOCA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA Costituita dai Comuni di: Beinette, Boves, Chiusa di Pesio, Entracque, Limone Piemonte, Peveragno, Pianfei, Roaschia, Robilante, Roccavione, Valdieri, Vernante Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante

Dettagli

Provincia di Forlì-Cesena. Settore Segreteria

Provincia di Forlì-Cesena. Settore Segreteria COMUNE DI SARSINA Provincia di Forlì-Cesena Settore Segreteria CRITERI PER L APPLICAZIONE DEGLI ISTITUTI CONTRATTUALI RELATIVI ALLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E ALLE ALTE PROFESSIONALITA (ai sensi degli articoli

Dettagli

. Comune di Ghilarza Provincia di Oristano. Decreto del Sindaco n. 02 del 17/01/2017

. Comune di Ghilarza Provincia di Oristano. Decreto del Sindaco n. 02 del 17/01/2017 . Comune di Ghilarza Provincia di Oristano Decreto del Sindaco n. 02 del 17/01/2017 OGGETTO: Conferimento incarico posizioni organizzative (artt. da 8 a 11 del CCNL 31.3.1999) - Settore Finanziario - Periodo:

Dettagli

COMUNE DI TRIGGIANO. (Provincia di Bari) REGOLAMENTO AREA POSIZIONI ORGANIZZATIVE E INCARICHI DI ALTA PROFESSIONALITA. Art.1. Campo di applicazione

COMUNE DI TRIGGIANO. (Provincia di Bari) REGOLAMENTO AREA POSIZIONI ORGANIZZATIVE E INCARICHI DI ALTA PROFESSIONALITA. Art.1. Campo di applicazione COMUNE DI TRIGGIANO (Provincia di Bari) REGOLAMENTO AREA POSIZIONI ORGANIZZATIVE E INCARICHI DI ALTA PROFESSIONALITA Art.1 Campo di applicazione 1. Il presente Regolamento disciplina i criteri per l individuazione,

Dettagli

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS REGOLAMENTO AREA POSIZIONI ORGANIZZATIVE E INCARICHI DI ALTA PROFESSIONALITA (approvatoo con deliberazione G.P. 203 n. del 26.09.2011) ART.1 ART.2 ART.3 ART.4 Posizione Organizzativa

Dettagli

BOZZA DI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL INDENNITA DI RESPONSABILITA AL PERSONALE DELLE CATEGORIE B-C-D -ex ART.91 CCNL 2006/2009 PREMESSE

BOZZA DI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL INDENNITA DI RESPONSABILITA AL PERSONALE DELLE CATEGORIE B-C-D -ex ART.91 CCNL 2006/2009 PREMESSE BOZZA DI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL INDENNITA DI RESPONSABILITA AL PERSONALE DELLE CATEGORIE B-C-D -ex ART.91 CCNL 2006/2009 PREMESSE L art. 91, comma 1, del CCNL 2006/2009, stabilisce che le Amministrazioni,

Dettagli

Approvato con deliberazione di giunta provinciale n. 271 del e ss. mm. e ii. PROVINCIA DI FROSINONE

Approvato con deliberazione di giunta provinciale n. 271 del e ss. mm. e ii. PROVINCIA DI FROSINONE Approvato con deliberazione di giunta provinciale n. 271 del 04.09.2007 e ss. mm. e ii. PROVINCIA DI FROSINONE REGOLAMENTO PER LA GRADUAZIONE, CONFERIMENTO E REVOCA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE, DEGLI

Dettagli

PER LA GRADUAZIONE, CONFERIMENTO E REVOCA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

PER LA GRADUAZIONE, CONFERIMENTO E REVOCA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE REGOLAMENTO PER LA GRADUAZIONE, CONFERIMENTO E REVOCA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Campo di applicazione Art.2 - Strutture organizzative e posizioni organizzative Art.3 - Retribuzione di posizione

Dettagli

CITTA DI ALESSANDRIA

CITTA DI ALESSANDRIA CITTA DI ALESSANDRIA Decreto n. 9 OGGETTO: Conferimento incarico di Direttore di Direzione al dirigente a tempo indeterminato D.ssa Cristina Bistolfi IL SINDACO VISTO il decreto lgs.vo n.267/2000 Testo

Dettagli

CITTA DI ALESSANDRIA

CITTA DI ALESSANDRIA CITTA DI ALESSANDRIA Decreto n. 77 OGGETTO: CONFERIMENTO INCARICO DI DIRETTORE DI DIREZIONE AL DIRIGENTE A TEMPO INDETERMINATO ARCH. PIERFRANCO ROBOTTI IL SINDACO VISTO il decreto lgs.vo n.267/2000 Testo

Dettagli

COMUNE DI GIUGLIANO Provincia di Napoli

COMUNE DI GIUGLIANO Provincia di Napoli COMUNE DI GIUGLIANO Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA allegato alla delibera G.C.n. 109 del 5.04.2011 modificato con delibera

Dettagli

N.B.: è abrogata ogni norma non coerente con il Regolamento Uffici e Servizi approvato con delibera G.P. n. 87 del 28/4/2009

N.B.: è abrogata ogni norma non coerente con il Regolamento Uffici e Servizi approvato con delibera G.P. n. 87 del 28/4/2009 REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO PER I DIRIGENTI E LE ALTE SPECIALIZZAZIONI, PER IL PERSONALE DEGLI UFFICI POSTI ALLE DIRETTE DIPENDENZE DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA, PER

Dettagli

SETTORE VI FINANZE E PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DETERMINAZIONE

SETTORE VI FINANZE E PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DETERMINAZIONE SETTORE VI FINANZE E PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DETERMINAZIONE Oggetto: Rinnovo alla dipendente a tempo indeterminato dott.ssa Francesca De Biasio - funzionario amministrativo contabile (categoria D) dell'incarico

Dettagli

REGOLAMENTO AREA POSIZIONI ORGANIZZATIVE INDICE DEGLI ARTICOLI CAPO I GENERALITA

REGOLAMENTO AREA POSIZIONI ORGANIZZATIVE INDICE DEGLI ARTICOLI CAPO I GENERALITA REGOLAMENTO AREA POSIZIONI ORGANIZZATIVE (approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n. 13/3 del 24 gennaio 2007 e ss.mm.ii.) INDICE DEGLI ARTICOLI CAPO I GENERALITA ART. 1 - ISTITUZIONE DELL AREA

Dettagli

Città di FASANO REGOLAMENTO SULLA GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI DIRIGENZIALI E SUL CONFERIMENTO E GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

Città di FASANO REGOLAMENTO SULLA GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI DIRIGENZIALI E SUL CONFERIMENTO E GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Città di FASANO REGOLAMENTO SULLA GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI DIRIGENZIALI E SUL CONFERIMENTO E GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE 1. Campo di applicazione...2 2. Area delle Posizioni Dirigenziali...2

Dettagli

C O M U N E D I C U R S I

C O M U N E D I C U R S I C O M U N E D I C U R S I Cap. 73020 PROVINCIA DI LECCE REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO, REVOCA, GRADUAZIONE E VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Approvato con deliberazione della G.C. n. 38 del

Dettagli

CITTA DI CATANZARO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO IL DIRIGENTE DI SETTORE

CITTA DI CATANZARO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO IL DIRIGENTE DI SETTORE CITTA DI CATANZARO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO IL DIRIGENTE DI SETTORE Assume la seguente determinazione avente per oggetto ATTRIBUZIONE DEL'INCARICO DI ALTA PROFESSIONALITA'

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PESATURA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

REGOLAMENTO PER LA PESATURA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Comune di Monteprandone (Provincia di Ascoli Piceno) REGOLAMENTO PER LA PESATURA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE SISTEMA DI GRADUAZIONE Approvato con D.G.C. n. 15 del 03.03.2016 1 L'AREA DELLE POSIZIONI

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITÀ

PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITÀ PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITÀ Allegato alla delibera di Giunta Provinciale n. 296 del 28.12.2012 ART. 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Protocollo d intesa per l'individuazione, il conferimento e la revoca degli incarichi al personale di categoria EP dell'università per Stranieri di

Protocollo d intesa per l'individuazione, il conferimento e la revoca degli incarichi al personale di categoria EP dell'università per Stranieri di Protocollo d intesa per l'individuazione, il conferimento e la revoca degli incarichi al personale di categoria EP dell'università per Stranieri di Siena, art. 75 e 76 CCNL 2006-2009, nonché per la determinazione

Dettagli

===================================================================== IL SEGRETARIO GENERALE

===================================================================== IL SEGRETARIO GENERALE DETERMINAZIONE SEGRETARIALE N 2 DEL 09/01/2014 Oggetto: Conferimento incarico di posizione organizzativa del Servizio Registro Imprese, Albi e Ruoli alla Dott.ssa Anna Rita Fraraccio per l'anno 2014. =====================================================================

Dettagli

CITTA DI ALESSANDRIA

CITTA DI ALESSANDRIA CITTA DI ALESSANDRIA Decreto n. 48 OGGETTO: Conferimento incarico temporaneo di Direzione al Segretario generale per le funzioni relative a Organizzazione e personale e Servizio Autonomo Avvocatura. IL

Dettagli

Comune di Sammichele di Bari Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DELL INDENNITÀ PER SPECIFICHE RESPONSABILITÀ

Comune di Sammichele di Bari Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DELL INDENNITÀ PER SPECIFICHE RESPONSABILITÀ Comune di Sammichele di Bari Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DELL INDENNITÀ PER SPECIFICHE RESPONSABILITÀ Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 203 del 01/10/2014 1 INDICE

Dettagli

D E T E R M I N A Z I O N E

D E T E R M I N A Z I O N E AREA AMMINISTRATIVA ED ECONOMICO FINANZIARIA SERVIZIO RISORSE UMANE N : 480/2014 del 06/12/2014 D E T E R M I N A Z I O N E OGGETTO: DR. QUIRINO VOLPE - PRESA D ATTO DIMISSIONI INCARICO ART. 110 C.1 D.LGS.

Dettagli

del regolamento degli uffici e dei servizi REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITÀ

del regolamento degli uffici e dei servizi REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITÀ Allegato del regolamento degli uffici e dei servizi REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITÀ Approvato con deliberazione G.C. n. 07 del 19/01/2015 1 Art.

Dettagli

MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti

MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA (ai sensi degli artt. 8, 9 e 10 del CCNL del 31.03.1999

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ATTRIBUZIONE DEL COMPENSO PER LE SPECIFICHE RESPONSABILITA * * *

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ATTRIBUZIONE DEL COMPENSO PER LE SPECIFICHE RESPONSABILITA * * * REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ATTRIBUZIONE DEL COMPENSO PER LE SPECIFICHE RESPONSABILITA * * * Adottato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 185/2013 e modificato con Deliberazione di Giunta Comunale

Dettagli

DISCIPLINA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA

DISCIPLINA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA COMUNE DI COMO DISCIPLINA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA (deliberazione di Giunta comunale n. 347 del 28/12/2011) INDICE 1. Posizioni organizzative e loro contenuti pag. 3 2.

Dettagli

FEDERAZIONE CONFSAL-UNSA

FEDERAZIONE CONFSAL-UNSA FEDERAZIONE CONFSAL-UNSA Coordinamento Nazionale MEF SEGRETERIA NAZIONALE Via Napoli, 51-00184 Roma - tel. 06.4819660 - fax 06.48919144 web: http://www.unsamef.it/ e-mail: info@unsamef.it NOTIZIARIO DEL

Dettagli

REGOLAMENTO CONFERIMENTO

REGOLAMENTO CONFERIMENTO REGOLAMENTO CONFERIMENTO di INCARICHI DIRIGENZIALI ex art. 38 del Regolamento di Organizzazione di ARPA Umbria (art.19, comma 6, d.lgd. n. 165/2001) (Testo approvato con determinazione del Direttore Generale

Dettagli

Regione Siciliana. Assessorato Regionale della Sanità

Regione Siciliana. Assessorato Regionale della Sanità Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RAGUSA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO, LA CONFERMA E LA REVOCA DEGLI INCARICHI RIFERITI ALLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

Dettagli

e residente a Taranto alla Via Laclos, 21. Segretario territoriale UIL. TRASPORTI E SPEDIZIONI (un seggio)

e residente a Taranto alla Via Laclos, 21. Segretario territoriale UIL. TRASPORTI E SPEDIZIONI (un seggio) Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 192 dell 11-12-2008 21419 TRASPORTI E SPEDIZIONI (un seggio) CNA - CONFINDUSTRIA - Confcooperative Domenico ABRESCIA nato a Taranto il 13.03. 1941 ed ivi

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO REGOLAMENTO DI AFFIDAMENTO, CONFERMA E REVOCA DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI

LINEE DI INDIRIZZO REGOLAMENTO DI AFFIDAMENTO, CONFERMA E REVOCA DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DELLE AREE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DELLE AREE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI COMUNE DI MILETO Provincia di Vibo Valentia REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DELLE AREE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Allegato alla delibera di

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DELL UFFICIO DI SUPPORTO AL PRESIDENTE ED AGLI ASSESSORI AI SENSI DELL ART. 90 DEL D. LGS. N. 267/2000 E SS.MM.II.

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DELL UFFICIO DI SUPPORTO AL PRESIDENTE ED AGLI ASSESSORI AI SENSI DELL ART. 90 DEL D. LGS. N. 267/2000 E SS.MM.II. I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 29 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO ISTITUTIVO DELL UFFICIO DI SUPPORTO AL PRESIDENTE ED AGLI ASSESSORI AI SENSI DELL ART. 90 DEL D. LGS. N. 267/2000 E SS.MM.II. Approvato

Dettagli

Comune di Bertinoro Provincia di Forlì Cesena

Comune di Bertinoro Provincia di Forlì Cesena Allegato A Comune di Bertinoro Provincia di Forlì Cesena REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEGLI ISTITUTI CONTRATTUALI RELATIVI ALLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Approvato con deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONI INTERNE

AVVISO DI SELEZIONI INTERNE AVVISO DI SELEZIONI INTERNE per il conferimento di incarichi di Posizione di FASCIA A Ruolo Sanitario In esecuzione della deliberazione n. 837, del 08/08/2017 e in applicazione degli articoli 20 e 21,

Dettagli

CITTÀ DI MONTESARCHIO (PROVINCIA DI BENEVENTO)

CITTÀ DI MONTESARCHIO (PROVINCIA DI BENEVENTO) CITTÀ DI MONTESARCHIO (PROVINCIA DI BENEVENTO) prot. n 18470 del 25 settembre 2013 DECRETO DI NOMINA DEL RESPONSABILE DEI SETTORI: URBANISTICA E GOVERNO DEL TERRITORIO EDILIZIA ABUSIVISMO VISTI: IL SINDACO

Dettagli

OGGETTO FRUIBILITÀ DI UNA SELEZIONE PER DIRETTORE DI STRUTTURA COMPLESSA E VALIDITÀ TEMPORALE DELLA STESSA

OGGETTO FRUIBILITÀ DI UNA SELEZIONE PER DIRETTORE DI STRUTTURA COMPLESSA E VALIDITÀ TEMPORALE DELLA STESSA 1 OGGETTO FRUIBILITÀ DI UNA SELEZIONE PER DIRETTORE DI STRUTTURA COMPLESSA E VALIDITÀ TEMPORALE DELLA STESSA QUESITO (posto in data 6 agosto 2013 ) L articolo 3, comma 87, della legge 24 dicembre 2007,

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONI INTERNE

AVVISO DI SELEZIONI INTERNE AVVISO DI SELEZIONI INTERNE per il conferimento di incarichi di Posizione di FASCIA A In esecuzione della deliberazione n. 837, del 08/08/2017 e in applicazione degli articoli 20 e 21, del C.C.N.L. 07/04/1999

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONFERIMENTO E REVOCA INCARICHI DIRIGENZIALI RUOLO SANITARIO. Art. 1 Principi Generali

REGOLAMENTO DI CONFERIMENTO E REVOCA INCARICHI DIRIGENZIALI RUOLO SANITARIO. Art. 1 Principi Generali REGOLAMENTO DI CONFERIMENTO E REVOCA INCARICHI DIRIGENZIALI RUOLO SANITARIO Art. 1 Principi Generali Il presente regolamento disciplina, ai sensi di quanto previsto dall Atto Aziendale (Capo V artt. da

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA Servizio Personale REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DELLA MAGGIORAZIONE DELL INDENNITA DI POSIZIONE E PER L ATTRIBUZIONE DELL INDENNITA DI RISULTATO AL SEGRETARIO

Dettagli

Sistema di valutazione della dirigenza per l erogazione dell indennità di risultato

Sistema di valutazione della dirigenza per l erogazione dell indennità di risultato CITTA' DI GROSSETO Direzione Generale Sistema di valutazione della dirigenza per l erogazione dell indennità di risultato Approvato deliberazione di Giunta comunale n. 460 del 24/07/2007 successive modifiche

Dettagli

Atto Dirigenziale N. 115 del 28/01/2016. Il Dirigente / Titolare P.O.

Atto Dirigenziale N. 115 del 28/01/2016. Il Dirigente / Titolare P.O. Atto Dirigenziale N. 115 del 28/01/2016 Classifica: 001.19 Anno 2016 (6668426) Oggetto CONFERIMENTO INCARICHI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA E ALTA PROFESSIONALITA CON DECORRENZA 1/2/2016. Ufficio Redattore

Dettagli

CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE O DI ALTA PROFESSIONALITÀ E PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI

CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE O DI ALTA PROFESSIONALITÀ E PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE O DI ALTA PROFESSIONALITÀ E PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI Premessa I presenti criteri generali disciplinano il sistema

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO DI DIRIGENTI E DI ESPERTI AD ALTA SPECIALIZZAZIONE PROVINCIA DI PADOVA N. 4 7

REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO DI DIRIGENTI E DI ESPERTI AD ALTA SPECIALIZZAZIONE PROVINCIA DI PADOVA N. 4 7 I R E G O L A M E N T I P R O V I N C I A L I N. 4 7 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO DI DIRIGENTI E DI ESPERTI AD ALTA SPECIALIZZAZIONE Approvato con D.G.P. 27.07.2009

Dettagli

CITTA DI CATANZARO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SETTORE LEGALE/AMMIN. E AVVOCATURA IL DIRIGENTE DI SETTORE

CITTA DI CATANZARO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SETTORE LEGALE/AMMIN. E AVVOCATURA IL DIRIGENTE DI SETTORE CITTA DI CATANZARO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SETTORE LEGALE/AMMIN. E AVVOCATURA IL DIRIGENTE DI SETTORE Assume la seguente determinazione avente per oggetto INCARICO POSIZIONE ORGANIZZATIVA AL DIPENDENTE

Dettagli

CITTA DI CATANZARO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SETTORE SERVIZI FINANZIARI IL DIRIGENTE DI SETTORE

CITTA DI CATANZARO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SETTORE SERVIZI FINANZIARI IL DIRIGENTE DI SETTORE CITTA DI CATANZARO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SETTORE SERVIZI FINANZIARI IL DIRIGENTE DI SETTORE Assume la seguente determinazione avente per oggetto Attribuzione per l'anno 2017 dell'incarico di P.O.:"Servizio

Dettagli

DETERMINAZIONE N DEL 02/11/2016

DETERMINAZIONE N DEL 02/11/2016 Pratica n. 1390/2016 Settore 09 - Lavori Pubblici - Espropri - Demanio - Servizi Tecnici Servizio Affari Generali Lavori Pubblici, Ufficio Espropri ed Attività Amministrativa Dirigente: Resp. del Procedimento

Dettagli

COMUNE DI MONTEROTONDO SEGRETARIO GENERALE

COMUNE DI MONTEROTONDO SEGRETARIO GENERALE COMUNE DI MONTEROTONDO SEGRETARIO GENERALE DETERMINAZIONE N. 1611 DEL 10/10/2017 OGGETTO: APPROVAZIONE RIDETERMINAZIONE GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE DEL SERVIZIO RAGIONERIA, ECONOMATO E RISORSE

Dettagli

Regolamento aziendale sulle posizioni organizzative del personale non Dirigente.

Regolamento aziendale sulle posizioni organizzative del personale non Dirigente. Regolamento aziendale sulle posizioni organizzative del personale non Dirigente. Articolo 1. Istituzione delle Posizioni organizzative Aspetti generali L istituzione delle posizioni organizzative in riferimento

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE DELIBERA N. 303 DEL 25.7.2013-OGGETTO: UOC GESTIONE DEL PERSONALE CONFERIMENTO INCARICO DIRETTORE UOC EMATOLOGIA ALLA PROF.SSA BOCCHIA MONICA DIRIGENTE MEDICO UNIVERSITARIO CONVENZIONATO. IL DIRETTORE

Dettagli

PROVVEDIMENTO DEL SINDACO N. ORD DATA 14/01/2016

PROVVEDIMENTO DEL SINDACO N. ORD DATA 14/01/2016 163 0 0 - DIREZIONE PIANIFICAZIONE STRATEGICA, SMART CITY E STATISTICA PROVVEDIMENTO DEL SINDACO N. ORD-2016-12 DATA 14/01/2016 OGGETTO: COSTITUZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE E NOMINA DEI COMPONENTI ESTERNI

Dettagli

Capo II - Disposizioni comuni alle segreterie. Art. 8 Assegnazione di personale.

Capo II - Disposizioni comuni alle segreterie. Art. 8 Assegnazione di personale. Normativa comparata REGIONE ABRUZZO Pubblicata nel B.U. Abruzzo 30 maggio 2001, n. 11. ( ) Capo II - Disposizioni comuni alle segreterie Art. 8 Assegnazione di personale. 1. Il personale è assegnato alle

Dettagli

GABINETTO DEL SINDACO E SISTEMI INFORMATIVI DETERMINAZIONE

GABINETTO DEL SINDACO E SISTEMI INFORMATIVI DETERMINAZIONE GABINETTO DEL SINDACO E SISTEMI INFORMATIVI DETERMINAZIONE Oggetto: Posizione Organizzativa dell'u.o.c. Gabinetto del Sindaco, sistemi informativi: conferimento dell'incarico al dott. Davide Zaninotti.

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DELL AREA DELLA DIRIGENZA MEDICO - VETERINARIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PARTE NORMATIVA QUADRIENNIO 2002/2005 Articolo 25 La verifica e valutazione dei

Dettagli

C O M U N E D I P E R G I N E V A L S U G A N A

C O M U N E D I P E R G I N E V A L S U G A N A Decreto n. 7 dd. 01-03-2016 pag. 1/5 C O M U N E D I P E R G I N E V A L S U G A N A (Provincia di Trento) DECRETO DEL SINDACO n. 7 dd. 01-03-2016 OGGETTO: Conferimento incarico dirigenziale e delega di

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI POSIZIONE AL PERSONALE DEL COMPARTO SEZIONE 1 CONFERIMENTO DI INCARICHI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI POSIZIONE AL PERSONALE DEL COMPARTO SEZIONE 1 CONFERIMENTO DI INCARICHI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA Pag 1 SEZIONE 1 CONFERIMENTO DI INCARICHI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA ART. 1 - Istituzione e classificazione A norma dell art. 20 e 21 del CCNL 7.4.1999, l Azienda, sulla del proprio ordinamento e delle

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEI DIRIGENTI METODOLOGIA E PROCEDURE

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEI DIRIGENTI METODOLOGIA E PROCEDURE SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEI DIRIGENTI METODOLOGIA E PROCEDURE A cura della Direzione Pianificazione Strategica, Smart City e Statistica 1 INDICE PREMESSA 3 OGGETTO DELLA VALUTAZIONE 3

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione E M A N A La seguente direttiva n. 26 del 19.2.2008, registrata alla Corte dei Conti il 15.2.2008, reg.1 fg.156 CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI visti gli articoli 4 e 14 del decreto legislativo

Dettagli

Comune di Diano Marina - Provincia di Imperia -

Comune di Diano Marina - Provincia di Imperia - Comune di Diano Marina - Provincia di Imperia - REGOLAMENTO PER L'ATTRIBUZIONE DELL'INDENNITA' PER SPECIFICHE RESPONSABILITA' Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. del INDICE Art. 1 Finalità

Dettagli

U.O.C. Risorse Umane. Regolamento POSIZIONI ORGANIZZATIVE REV.: /// E INCARICHI DI COORDINAMENTO PAG.: 1 di 7 REGOLAMENTO

U.O.C. Risorse Umane. Regolamento POSIZIONI ORGANIZZATIVE REV.: /// E INCARICHI DI COORDINAMENTO PAG.: 1 di 7 REGOLAMENTO U.O.C. Risorse Umane Regolamento DOC.: RU/REG2 POSIZIONI ORGANIZZATIVE REV.: /// E INCARICHI DI COORDINAMENTO PAG.: 1 di 7 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DEGLI INCARICHI

Dettagli

DECRETO DEL SINDACO. Numero 5 Del IL SINDACO

DECRETO DEL SINDACO. Numero 5 Del IL SINDACO Via Garibal, 1 DECRETO DEL SINDACO Numero 5 Del 27-05-2015 Oggetto: NOMINA RESPONSABILI DEI SERVIZI IL SINDACO PRESO ATTO che: - L art. 50 comma 10 del D.Lgs. 267/2000 stabilisce che Il Sindaco ed il Presidente

Dettagli

Metodologia di Pesatura delle Posizioni Organizzative

Metodologia di Pesatura delle Posizioni Organizzative Metodologia di Pesatura delle Posizioni Organizzative Art. 1 Criteri di riferimento per la graduazione delle posizioni organizzative 1. I rispettivi Regolamenti sull Ordinamento Generale degli Uffici e

Dettagli

Regolamento per l affidamento a terzi di incarichi di collaborazione (D.R. n. 295 del 8 maggio 2013) ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE

Regolamento per l affidamento a terzi di incarichi di collaborazione (D.R. n. 295 del 8 maggio 2013) ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Regolamento per l affidamento a terzi di incarichi di collaborazione (D.R. n. 295 del 8 maggio 2013) ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente regolamento disciplina i presupposti, i requisiti e le

Dettagli

Comune di Crevalcore Provincia di Bologna

Comune di Crevalcore Provincia di Bologna Mobilità/criteri mobilità interna1 Allegato delib. G.C. N. 114 DEL 26.10.2005 Comune di Crevalcore Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA MOBILITA INTERNA E PER IL TRASFERIMENTO MEDIANTE PASSAGGIO DIRETTO

Dettagli

6. Costituiscono elementi di valutazione deducibili dal curriculum o dagli atti d ufficio:

6. Costituiscono elementi di valutazione deducibili dal curriculum o dagli atti d ufficio: Allegato H ( 1 ) CRITERI PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI DELLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE A- Ambito di applicazione 1. Le disposizioni di seguito riportate definiscono, ai sensi dell articolo

Dettagli

Disciplinare recante disposizioni per il conferimento degli incarichi di funzione dirigenziale ai dirigenti della Giunta regionale della Campania.

Disciplinare recante disposizioni per il conferimento degli incarichi di funzione dirigenziale ai dirigenti della Giunta regionale della Campania. Disciplinare recante disposizioni per il conferimento degli incarichi di funzione dirigenziale ai dirigenti della Giunta regionale della Campania. Capo I Disposizioni generali ART. 1 Campo di applicazione

Dettagli

ATTO DI ORGANIZZAZIONE DELLA MOBILITA VOLONTARIA

ATTO DI ORGANIZZAZIONE DELLA MOBILITA VOLONTARIA ATTO DI ORGANIZZAZIONE DELLA MOBILITA VOLONTARIA Art. 1 Fonti normative 1. Il presente Regolamento ha come obiettivo la disciplina dell istituto della mobilità volontaria, ai sensi dell art. 30 del Decreto

Dettagli

COMUNE DI MONTECATINI TERME. U.O.C. Segreteria del Sindaco. DECRETO del SINDACO N. 24. del 31/10/2014.

COMUNE DI MONTECATINI TERME. U.O.C. Segreteria del Sindaco. DECRETO del SINDACO N. 24. del 31/10/2014. COMUNE DI MONTECATINI TERME U.O.C. Segreteria del Sindaco DECRETO del SINDACO C O P I A N. 24 del 31/10/2014. OGGETTO: CONFERIMENTO INCARICHI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA DI AREA FOGLIO N. 1 - IL SINDACO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DIRIGENZIALI EX ART. 15 SEPTIES DEL D. LGS. 502/92 E S.M.I. (Reg. n. 11/2008)

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DIRIGENZIALI EX ART. 15 SEPTIES DEL D. LGS. 502/92 E S.M.I. (Reg. n. 11/2008) FONDAZIONE IRCCS POLICLINICO SAN MATTEO Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di diritto pubblico C.F. 00303490189 - P. IVA 00580590180 V.le Golgi, 19-27100 PAVIA Tel. 0382 5011 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI COMPENSI PER SPECIFICHE RESPONSABILITA

REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI COMPENSI PER SPECIFICHE RESPONSABILITA COMUNE DI CASOREZZO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI COMPENSI PER SPECIFICHE RESPONSABILITA Approvato con deliberazione G.C. n. 74 del 30/06/2016 esecutiva ai sensi dell art. 134 comma

Dettagli

R E G I O N E C A L A B R I A G I U N T A R E G I O N A L E DIPARTIMENTO PRESIDENZA

R E G I O N E C A L A B R I A G I U N T A R E G I O N A L E DIPARTIMENTO PRESIDENZA R E G I O N E C A L A B R I A G I U N T A R E G I O N A L E DIPARTIMENTO PRESIDENZA DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE ad Interim assunto il 27/07/2017 prot. n. 329 Registro dei decreti dei Dirigenti della

Dettagli

OGGETTO: ARTICOLO 1, COMMA 14, DELLA LEGGE 190/2012. RELAZIONE SULLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE ANNO 2013

OGGETTO: ARTICOLO 1, COMMA 14, DELLA LEGGE 190/2012. RELAZIONE SULLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE ANNO 2013 OGGETTO: ARTICOLO 1, COMMA 14, DELLA LEGGE 190/2012. RELAZIONE SULLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE ANNO 2013 1. Premessa L'articolo 1, comma 14, della legge 190/2012 prevede che il termine per presentare

Dettagli

PROVINCIA DI IMPERIA

PROVINCIA DI IMPERIA PROVINCIA DI IMPERIA ATTO N. 4 DEL 13/01/2015 IL PRESIDENTE Oggetto: Conferimento ad interim al Dott. Luigi Mattioli dell incarico di funzioni dirigenziali relative al Settore Amministrazione Finanziaria

Dettagli

CONSORZIO INTERUNIVERSITARIO ALMALAUREA. Regolamento per il reclutamento di personale con rapporto di lavoro subordinato

CONSORZIO INTERUNIVERSITARIO ALMALAUREA. Regolamento per il reclutamento di personale con rapporto di lavoro subordinato CONSORZIO INTERUNIVERSITARIO ALMALAUREA Regolamento per il reclutamento di personale con rapporto di lavoro subordinato INDICE Art. 1 Oggetto, finalità e ambito di applicazione Art. 2 - Condizioni di ammissibilità

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA MEDIANTE MANIFESTAZIONE DI INTERESSE DEL PERSONALE REGIONALE DI CATEGORIA D

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA MEDIANTE MANIFESTAZIONE DI INTERESSE DEL PERSONALE REGIONALE DI CATEGORIA D Allegato B) - AVVISO AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA MEDIANTE MANIFESTAZIONE DI INTERESSE DEL PERSONALE REGIONALE DI CATEGORIA D In attuazione di quanto disposto con la

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI DIRETTORE DI DISTRETTO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI DIRETTORE DI DISTRETTO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI DIRETTORE DI DISTRETTO Adottato con Delibera n. 496 del 29/04/2015 1/7 I N D I C E PREMESSA ART. 1 Requisiti di partecipazione ART. 2 Avvio procedura ART.

Dettagli

Regolamento aziendale per la disciplina del conferimento degli incarichi dirigenziali dell Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste

Regolamento aziendale per la disciplina del conferimento degli incarichi dirigenziali dell Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste Regolamento aziendale per la disciplina del conferimento degli incarichi dirigenziali dell Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste Art. 1 Ambito di applicazione 1. In applicazione del D.Lgs.

Dettagli

Titolo I PRINCIPI GENERALI

Titolo I PRINCIPI GENERALI Regolamento di organizzazione della struttura organizzativa e della dirigenza del Consiglio regionale (approvato con deliberazione dell Ufficio di presidenza n. 156 dell 11.09.2007 e modificato con deliberazioni

Dettagli