Introduzione a Service Oriented Architecture e Web Service

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione a Service Oriented Architecture e Web Service"

Transcript

1 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Introduzione a Service Oriented Architecture e Web Service Corso di Sistemi Distribuiti e Cloud Computing A.A. 2013/14 Valeria Cardellini Service Oriented Architecture Service Oriented Architecture (SOA): paradigma architetturale per progettare sistemi sw distribuiti lascamente accoppiati Definizione Open Group: stile architectutturale che supporta l orientamento a servizi Definizione OASIS: paradigma per l organizzazione e l utilizzazione di risorse distribuite che possono essere sotto il controllo di domini di proprietà differenti. Fornisce un mezzo uniforme per offrire, scoprire, interagire ed usare le capacità di produrre gli effetti voluti in modo consistente con presupposti e aspettative misurabili Proprietà (secondo W3C, Vista logica Orientamento ai messaggi e alla descrizione Granularità dei servizi, orientamento alla rete, neutralità della piattaforma 1

2 Service Oriented Architecture (2)! Tre entità che interagiscono tra loro! Service requestor o consumer: richiede l esecuzione di un servizio! Service provider: implementa il servizio e lo rende disponibile! Service registry: offre un servizio di pubblicazione e di ricerca di servizi disponibili 2 SOA!= Web Service! SOA: paradigma architetturale! Web service: principale implementazione di SOA! Ma è possibile implementare SOA anche in Java, C#, Java EE, CORBA, DCOM, 3

3 Definizione di Web service! Definizione tratta dal tutorial introduttivo dell IBM Web Services - The Web's next revolution Si focalizza sull integrazione dei Web service in Internet e sulle interazioni con i sistemi sw in essa operanti Web services are a new breed of Web application. They are self-contained, self-describing, modular applications that can be published, located, and invoked across the Web. Web services perform functions that can be anything from simple requests to complicated business processes. A sample Web service might provide stock quotes or process credit card transactions. Once a Web service is deployed, other applications (and other Web services) can discover and invoke the deployed service. 4 Definizione di Web service (2)! Definizione fornita dal W3C Si focalizza sulla definizione del contesto tecnologico nel quale operano i Web service e sugli standard da utilizzare A Web service is a software system designed to support interoperable machine-to-machine interaction over a network. It has an interface described in a machine-processable format (specifically WSDL). Other systems interact with the Web service in a manner prescribed by its description using SOAP messages, typically conveyed using HTTP with an XML serialization in conjunction with other Web-related standards. 5

4 Definizione di Web service (3) In definitiva, possono essere visti come una tecnologia basata su standard aperti per favorire l'integrazione e l'interoperabilità di applicazioni, che permette di esporle come pacchetti auto-contenuti ed auto-descritti L accesso ad applicazioni basate su Web service è reso facile dal fatto che possono essere pubblicate, trovate ed invocate sul Web 6 Web service! Componente software indipendente dalla piattaforma e dall implementazione che può essere: Descritto usando un linguaggio di descrizione del servizio Pubblicato in un registro di servizi Scoperto mediante un meccanismo standard (a runtime o a tempo di progetto) Invocato su rete mediante un API Composto con altri servizi Un client non sa quale linguaggio di programmazione, sistema operativo, è stato usato Non possono essere inviati o ricevuti dati binari (ma ci sono eccezioni) <name>character data </ name><cost>123.45</ cost> <response>character data </response> 7

5 Web service (2)! Componente software indipendente dalla piattaforma e dall implementazione che può essere: Descritto usando un linguaggio di descrizione del servizio Pubblicato in un registro di servizi Scoperto mediante un meccanismo standard (a runtime o a tempo di progetto) Invocato su rete mediante un API Composto con altri servizi Un Web service deve descrivere se stesso: quali tipi di richieste può soddisfare, quali sono i parametri di input ed output, quale è il trasporto What information do you need? 2 arguments: (1) Item name (2) Quantity 8 Web service (3)! Componente software indipendente dalla piattaforma e dall implementazione che può essere: Descritto usando un linguaggio di descrizione del servizio Pubblicato in un registro di servizi Scoperto mediante un meccanismo standard (a runtime o a tempo di progetto) Invocato su rete mediante un API Composto con altri servizi Un Web service deve indicare ad un registro di servizi dove è localizzato Here I am Where is a service that I can use to find airline flight schedules? 9

6 Web service (4)! Componente software indipendente dalla piattaforma e dall implementazione che può essere: Descritto usando un linguaggio di descrizione del servizio Pubblicato in un registro di servizi Scoperto mediante un meccanismo standard (a runtime o a tempo di progetto) Invocato su rete mediante un API Composto con altri servizi Un potenziale client deve trovare il Web service in un registro di servizi Here I am Where is a service that I can use to find airline flight schedules? 10 Web service (5)! Componente software indipendente dalla piattaforma e dall implementazione che può essere: Descritto usando un linguaggio di descrizione del servizio Pubblicato in un registro di servizi Scoperto mediante un meccanismo standard (a runtime o a tempo di progetto) Invocato su rete mediante un API Composto con altri servizi Le operazioni invocabili ed i loro parametri di input ed output devono essere noti <name>character data </ name><cost>123.45</ cost> <response>character data </response> API nota 11

7 Web service (6)! Componente software indipendente dalla piattaforma e dall implementazione che può essere: Descritto usando un linguaggio di descrizione del servizio Pubblicato in un registro di servizi Scoperto mediante un meccanismo standard (a runtime o a tempo di progetto) Invocato su rete mediante un API Composto con altri servizi Il servizio può a sua volta essere un client di un altro servizio <name>character data </ name><cost>123.45</ cost> <response>character data </response> 12 Classificazione dei servizi Servizi semplici Livello di composizione Servizi composti Servizi stateless Gestione dello stato Servizi stateful Modello di comunicazione Servizi sincroni Servizi asincroni 13

8 Web service stack! Architettura definita su sei livelli principali BPEL, BPMN, UDDI WSDL SOAP HTTP Service Integration Service Discovery Service Publication Service Description XML-based messaging Transport 14 Perché XML e Web service?! I Web service si basano sul linguaggio XML perché indipendente da linguaggi, applicazioni e piattaforme specifiche! XML garantisce Ricchezza espressiva Estendibilità Portabilità Facilità di comprensione! Gli schemi XML possono essere validati da entrambe le parti che comunicano 15

9 Web service interaction 16 BPEL, BPMN, UDDI WSDL SOAP HTTP Service Integration Service Discovery Service Publication Service Description XML-based messaging Transport 17

10 Simple Object Access Protocol (SOAP)! E un semplice protocollo basato su XML e progettato per lo scambio di informazioni da parte di applicazioni indipendentemente dal protocollo di trasporto utilizzato (HTTP, SMTP, FTP, IIOP, MQ, )! E il protocollo utilizzato dai Web Service per lo scambio di messaggi! Protocollo one-way e asincrono, ma utilizzato per realizzare RPC sul Web 18 SOAP processing model! SOAP definisce un processing model distribuito al quale partecipano: SOAP message SOAP sender SOAP receiver SOAP intermediary! Il SOAP processing model specifica in che modo un SOAP receiver processa un SOAP message Si applica ad ogni singolo messaggio, isolato da tutti gli altri 19

11 SOAP processing model (2)! Nel processare un messaggio SOAP, un nodo SOAP agisce in uno o più SOAP role! Ciascun role è identificato da un URI chiamato SOAP role name! I ruoli assunti da un nodo non possono variare all atto di processare un messaggio 20 Struttura del messaggio SOAP! Envelope: contenitore delle diverse parti di un messaggio! Body (obbligatorio): parte centrale del messaggio, contiene il dato del messaggio vero e proprio! Può opzionalmente contenere una sotto-parte chiamata SOAP Fault! Header (opzionale): informazioni addizionali al messaggio, divise in blocchi, per i diversi attori coinvolti SOAP Envelope SOAP Header(opz.) Header Block 1 Header Block N SOAP Body (obbligatorio)! I contenuti di ogni parte non sono specificati in SOAP 21

12 Struttura del messaggio SOAP (2) <?xml version= 1.0 encoding= UTF-8 > <env:envelope xmlns:env= > <env:header> <!-- optional --> <!-- Content of header goes here --> </env:header> <env:body> <! Payload or Fault element goes here --> </env:body> </env:envelope> 22 Uno scambio di messaggi SOAP Messaggio di richiesta <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <S:Envelope xmlns:s="http://www.w3.org/2003/05/soapenvelope"> <S:Body> <ns2:sum xmlns="http://it.testws.echows/xsd" xmlns:ns2="http://it.testws.echows"> <ns2:a>4</ns2:a> <ns2:b>5</ns2:b> </ns2:sum> </S:Body> </S:Envelope> 23

13 Uno scambio di messaggi SOAP (2) Messaggio di risposta <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <soapenv:envelope xmlns:soapenv="http://www.w3.org/ 2003/05/soap-envelope"> <soapenv:body> <ns:sumresponse xmlns:ns="http:// it.testws.echows"> <ns:return>9</ns:return> </ns:sumresponse> </soapenv:body> </soapenv:envelope> 24 Gestione degli errori: SOAP fault! SOAP fornisce un modello per gestire situazioni di errore nell elaborazione di un messaggio! L elemento Body ha un sottoelemento particolare (Fault) in cui specificare le informazioni sull errore verificatosi! L elemento Fault contiene:! faultcode: codice che identifica il fault! faultstring: stringa che descrive il fault! detail (opzionale): informazioni applicative specifiche! faultactor (opzionale): identifica il SOAP processor che ha generato l errore 25

14 Sample SOAP request-response for creating an S3 bucket SOAP Request SOAP Response <soap:envelope xmlns:soap="http://www.w3.org/2003/05/soapenvelope" soap:encodingstyle= "http://www.w3.org/2001/12/soap-encoding"> <soap:body> <CreateBucket xmlns="http:// doc.s3.amazonaws.com/ "> <Bucket>SampleBucket</Bucket> <AWSAccessKeyId> 1B9FVRAYCP1VJEXAMPLE= </AWSAccessKeyId> <Timestamp> T14:40:00.165Z </Timestamp> <Signature>Iuyz3d3P0aTou39dzbqaEXAMPLE =</Signature> </CreateBucket> </soap:body> </soap:envelope> <soap:envelope xmlns:soap="http://www.w3.org/2003/05/ soap-envelope" soap:encodingstyle= "http://www.w3.org/2001/12/soap-encoding"> <soap:body> <CreateBucket xmlns="http:// doc.s3.amazonaws.com/ "> <Bucket>SampleBucket</Bucket> <AWSAccessKeyId>1B9FVRAYCP1VJEXAMP LE= </AWSAccessKeyId> <Timestamp> T14:40:00.165Z </Timestamp> <Signature>Iuyz3d3P0aTou39dzbqaEXAMPLE =</Signature> </CreateBucket> </soap:body> </soap:envelope> Copyright 2012, Elsevier Inc. All rights reserved BPEL, BPMN, UDDI WSDL SOAP HTTP Service Integration Service Discovery Service Publication Service Description XML-based messaging Transport 27

15 Web Service Description Language (WSDL)! Un file WSDL è un tipo di documento XML contenente informazioni sul relativo Web service La descrizione della sua interfaccia Dettagli amministrativi per la sua invocazione! Quando un service requestor vuole usare un Web service Individua il servizio (ad es. tramite UDDI) Richiede il file WSDL Analizza il file WSDL per determinare La locazione del Web service Le operazioni offerte ed i relativi parametri di input ed output Come accedere alle operazioni Crea una richiesta SOAP Invia la richiesta SOAP al Web service 28 WSDL (2) WSDL è un linguaggio basato su XML per definire e descrivere Web service Versioni: WSDL 1.1 e WSDL 2.0 Descrive un Web service fornendo le informazioni necessarie per sviluppare client che intendano utilizzarlo in base alla sintassi XML Un file WSDL specifica la locazione (URL) del Web service e le operazioni offerte, mediante: Una descrizione astratta di una classe di servizi Un insieme di descrizioni di servizi concreti, conformi alla descrizione astratta 29

16 WSDL 1.1: parte astratta! La parte astratta di un descrittore WSDL specifica:! Un insieme (opzionale) di tipi (types): nuovi tipi XML schema che potranno essere usati nella specifica! Un insieme di messaggi (message): descrizioni astratte (tipi e nomi) dei dati scambiati con il Web service (eventualmente usando i tipi sopra definiti)! Un insieme di operazioni (operation): descrizioni astratte delle azioni supportate da un Web service! Uno o più port type (porttype): insiemi di operazioni correlate dal punto di vista applicativo 30 WSDL 1.1: parte concreta! La parte concreta di un descrittore WSDL specifica: binding: il particolare protocollo di comunicazione per un certo porttype; è possibile specificare diversi binding per lo stesso porttype (es. su HTTP, SMTP ecc.) port: modulo concreto costituito da: un porttype: interfaccia e specifica del servizio un binding: come funziona il servizio un indirizzo URL: dove trovare il servizio service: fornitore di servizio concreto formato da un insieme di port 31

17 Struttura di un file WSDL 1.1 <definitions> <types> i tipi di dato che verranno trasmessi </types> <message> i messaggi scambiati(messaggi di input, messaggi di output, messaggi di errore) </message> <porttype> le operazioni (funzioni) supportate </porttype> <binding> come si scambiano i messaggi (dettagli SOAP) </binding> <service> dove trovare il servizio </service> </definitions> 32 Tipi di operazioni WSDL! Una operazione (operation) può essere:! one-way: il Web service riceve un messaggio (input message)! request-response: il Web service riceve una richiesta (input message) e restituisce la risposta relativa (output message)! solicit-response: il Web service invia un messaggio (output message) e riceve una risposta (input message)! notification: il Web service invia un messaggio (output message) 33

18 Esempio: servizio di dizionario <message name= gettranslationrequest > <part name= word type= xs:string /> </message> <message name= gettranslationresponse > <part name= value type= xs:string /> </message> Request-response operation <porttype name= dictionaryservice > <operation name= gettranslation > <input message= gettranslationrequest /> <output message= gettranslationresponse /> </operation> altre operation </porttype> 34 Riferimento al porttype <binding type= dictionaryservice name= bind1 > <soap:binding transport= /> <operation> <soap:operation soapaction= gettransl /> <input> <soap:body use= literal /> </input> <output> <soap:body use="encoded" namespace="urn:encname" encodingstyle="http://schemas.xmlsoap.org/ soap/encoding/"/> </output> </operation> </binding> Esempio (2) - SOAP binding SOAP su HTTP Eventuale tipo di encoding 35

19 Esempio (3) - endpoint <service name="dictservice"> <port name="dictionaryservice binding="bind1"> porttype binding <soap:address location="http://www.dict.com/serv"/> </port> </service> endpoint Per un altro esempio: file WSDL di Amazon S3 36 From WSDL 1.1 to WSDL

20 BPEL, BPMN, Service Integration UDDI WSDL SOAP HTTP Service Discovery Service Publication Service Description XML-based messaging Transport 38 Universal Description Discovery Integration Universal Description, Discovery, Integration (UDDI): servizio di directory basato su XML che permette ai service provider di rendere pubblica la presenza dei Web service offerti e ai service requestor di localizzare i Web service Senza UDDI, due applicazioni possono comunicare solo se già si conoscono, conoscono i servizi offerti e la loro localizzazione E un servizio globale condiviso tra server differenti sparsi in tutto il mondo, anche se non organizzati secondo una struttura gerarchica Diversi server possono condividere dati mediante un protocollo di replicazione! Si basa su SOAP per la trasmissione dei messaggi! L adozione di UDDI non è stata ampia 39

21 Interazione con UDDI! UDDI definisce un API standard per la pubblicazione e la scoperta delle informazioni nei service directory! Due azioni principali Registrazione da parte del provider Scoperta da parte del requestor requestor find UDDI publish provider 40

Un introduzione ai Web service

Un introduzione ai Web service Un introduzione ai Web service Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata Definizione di Web service Definizione fornita del W3C http://www.w3.org/tr/ws-arch/ A Web service is a software system

Dettagli

Definizione di Web service (2) Un introduzione ai Web service. Caratteristiche dei Web service. Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata

Definizione di Web service (2) Un introduzione ai Web service. Caratteristiche dei Web service. Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata Definizione di Web service Definizione fornita del W3C http://www.w3.org/tr/ws-arch/ Un introduzione ai Web service Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata A Web service is a software system

Dettagli

Web Services Security

Web Services Security Web Services Security Introduzione ai Web Services Davide Marrone Sommario Cosa sono i web services Architettura dei web services XML-RPC SOAP (Simple Object Access Protocol) WSDL (Web Services Description

Dettagli

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti PROGRAMMAZIONE di RETE A.A. 2003-2004 Corso di laurea in INFORMATICA Introduzione ai Web Services alberto.polzonetti@unicam.it Introduzione al problema della comunicazione fra applicazioni 2 1 Il Problema

Dettagli

SOA e Web Service SISTEMI INFORMATIVI MODULO II. Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014

SOA e Web Service SISTEMI INFORMATIVI MODULO II. Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI MODULO II SOA e Web Service Figure tratte dal testo di riferimento, Copyright

Dettagli

Web Service Architecture

Web Service Architecture Giuseppe Della Penna Università degli Studi di L Aquila dellapenna@di.univaq.it http://dellapenna.univaq.it Engineering IgTechnology Info92 Maggioli Informatica Micron Technology Neta Nous Informatica

Dettagli

fornitore di servizi utente all interazione tra utenti e sistemi

fornitore di servizi utente all interazione tra utenti e sistemi WEB SERVICES Successo del Web Negli anni passati il Web ha avuto un enorme successo principalmente per due motivi: Semplicità: Ubiquità Per un fornitore di servizi è semplice raggiungere un numero molto

Dettagli

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org 1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org Prefazione. Da Hello World a Hello World Wide Web. Hello World è la prima frase stampata a video dal primo programma di esempio scritto

Dettagli

Service Oriented Architectures (SOA)

Service Oriented Architectures (SOA) Facoltà di Ingegneria dell Informazione Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria dei Sistemi Laurea Magistrale in Ingegneria Biomedica Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dettagli

Architetture orientate ai servizi

Architetture orientate ai servizi Architetture orientate ai servizi 1 Web Service Nuovo paradigma di sistema informativo basato su componenti software distribuiti I Web Service sono applicazioni indipendenti, modulari, autodescrittive,

Dettagli

PARTE 11. Web Services

PARTE 11. Web Services PARTE 11 Web Services Parte 11 Modulo 1: Motivazioni Il miraggio dell informatica moderna Integrazione delle applicazioni Interoperabilità In pratica, ogni meccanismo che consenta a diversi sistemi software

Dettagli

Web service. A cura di Azzurra Ragone

Web service. A cura di Azzurra Ragone Web service A cura di Azzurra Ragone RPC (Remote Procedure Call) A type of protocol that allows a program on one computer to execute a program on a server computer. Using RPC, a system developer need not

Dettagli

Approfondimento. Web Services

Approfondimento. Web Services Approfondimento Web Services Esame di Programmazione per il Web Fedele Ladisa INDICE Capitolo 1. Introduzione 1.1 Introduzione ai Web Services 1.2 Architettura dei Web Services 1.3 Stack protocollare di

Dettagli

(Service o Oriented Architecture)

(Service o Oriented Architecture) L Parliamo di SOA (Service o Oriented Architecture) Antonio Pintus, Marco Marongiu 1 Chi siamo Antonio Pintus è laureato in Informatica e studente di Dottorato di Ricerca in Informatica con argomenti relativi

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Web Service SOAP e WSDL. Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com

Web Service SOAP e WSDL. Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com Web Service SOAP e WSDL Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com SOAP Originariamente: Simple Object Access Protocol E poi evoluto in un Framework per lo scambio di messaggi in XML 2

Dettagli

Laboratorio di RETI DI CALCOLATORI

Laboratorio di RETI DI CALCOLATORI Laboratorio di RETI DI CALCOLATORI A.A. 2009-2010 I WEB SERVICES Carlo Mastroianni Laboratorio di Reti di Calcolatori - Orario lunedì, 11:30-13:30, aula 40B mercoledì, 10:00-11:30, laboratorio settimo

Dettagli

Web services. 25/01/10 Web services

Web services. 25/01/10 Web services Web services Tecnologia per il computing distribuito standard W3C non dissimile da RMI, CORBA, EJB... Relazione con il Web Websites for humans, Web Services for software :-) un Web service ha un indirizzo

Dettagli

Classificazione dei Web Services

Classificazione dei Web Services Web Services Programmazione in ambienti distribuiti Anno 2004-2005 Claudio Zunino Classificazione dei Web Services Interattiva il client è umano ed utilizza tipicamente un web browser Sviluppati usando

Dettagli

Introduzione ai Web Services. Tito Flagella tito@link.it

Introduzione ai Web Services. Tito Flagella tito@link.it Introduzione ai Web Services Tito Flagella tito@link.it Web Services Beppe, secret 2 Web Services (2) I Web Services sono uno sforzo di standardizzazione teso a rendere interpretabili, in maniera indipendente

Dettagli

Griglie computazionali LEZIONE N. 14. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Griglie computazionali LEZIONE N. 14. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 14 Web Services SOAP WSDL UDDI CE-CREAM SRM Griglie computazionali - a.a.

Dettagli

Web Services. Scoperta del servizio UDDI. Descrizione del servizio WSDL. Accesso al servizio SOAP XML. Starto di comunicazione HTTP

Web Services. Scoperta del servizio UDDI. Descrizione del servizio WSDL. Accesso al servizio SOAP XML. Starto di comunicazione HTTP Web Services I web services servono a rendere interoperabili le applicazioni e favoriscono la loro integrazione. I servizi web sono applicazioni software che possono essere scoperte, descritte e usate

Dettagli

Seminario di Sistemi Distribuiti RPC su SOAP

Seminario di Sistemi Distribuiti RPC su SOAP Seminario di Sistemi Distribuiti RPC su SOAP Massimiliano Vivian [777775] Massimiliano Vivian 1 Introduzione La comunicazione delle informazioni è l elemento fondamentale per lo sviluppo dei sistemi. SOAP

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Service Oriented Architectures e Web Services Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 20010-11 Prof. Simon Pietro Romano Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Cos è un Web Service?

Dettagli

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Michele Ruta Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Politecnico di Bari 1di 29 Indice Introduzione ai Port Community

Dettagli

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF Web Services e Grid Services OGSA e WSRF Sommario SOA Grid: Evoluzione OGSA - Open Grid Services Architecture WSRF Web Services Resource Framework Web services Servizi stateless Gestione dello stato Grid

Dettagli

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF. Sommario. Page 1

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF. Sommario. Page 1 Sommario Web Services e Grid Services OGSA e WSRF SOA Grid: Evoluzione OGSA - Open Grid Services Architecture WSRF Web Services Resource Framework Web services Servizi stateless Gestione dello stato Grid

Dettagli

Appendice D. D. Web Services

Appendice D. D. Web Services D. D.1 : cosa sono I cosiddetti sono diventati uno degli argomenti più attuali nel panorama dello sviluppo in ambiente Internet. Posti al centro delle più recenti strategie di aziende del calibro di IBM,

Dettagli

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

Service Oriented Architecture and Web Services

Service Oriented Architecture and Web Services Service Oriented Architecture and Web Services Note per il corso di Ingegneria del Software Università di Camerino Dipartimento di Matematica ed Informatica Andrea Polini 11 gennaio 2007 Queste note sono

Dettagli

UN INTRODUZIONE RAGIONATA AL MONDO DEI WEB SERVICE

UN INTRODUZIONE RAGIONATA AL MONDO DEI WEB SERVICE UN INTRODUZIONE RAGIONATA A MONDO DEI EB SERVICE Il paradigma del Service Oriented Computing è visto come una rivoluzione nella comunità informatica e i eb Service una sua realizzazione. a possibilità

Dettagli

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP Corso di Sistemi Distribuiti Prof. S. Balsamo Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP [ 777775] 1 INTRODUZIONE 3 2 RPC 3 3 SOAP (SIMPLE OBJECT ACCESS PROTOCOL) 3 4 UTILIZZO DI SOAP COME PROTOCOLLO

Dettagli

UDDI e WSDL: navigare sicuri nel mare dei Web. Col passare del tempo, la rete delle reti

UDDI e WSDL: navigare sicuri nel mare dei Web. Col passare del tempo, la rete delle reti UDDI Col proliferare dei Web service e delle aziende che li forniscono, si sente il bisogno di mettere ordine, per sfruttare pienamente le potenzialità dei servizi disponibili in rete UDDI e WSDL: navigare

Dettagli

Survey sui Framework per Testing di Sistemi Basati su Web Services

Survey sui Framework per Testing di Sistemi Basati su Web Services Survey sui Framework per Testing di Sistemi Basati su Web Services Severoni Francesco Facoltà di Scienze Dipartimento di Informatica Università degli Studi - L Aquila 67100 L Aquila, Italia Argomenti Trattati

Dettagli

La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA

La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA IBM System i5 La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA Massimo Marasco System i Technical Sales Support massimo_marasco@it.ibm.com Oriented Architecture (SOA) Servizio

Dettagli

Un vincitore è un sognatore. che non si è mai arreso. (Nelson Mandela) Ai miei fantastici genitori

Un vincitore è un sognatore. che non si è mai arreso. (Nelson Mandela) Ai miei fantastici genitori Un vincitore è un sognatore che non si è mai arreso. (Nelson Mandela) Ai miei fantastici genitori ABSTRACT Il web è cambiato! In questi ultimi anni internet ha subito grandi cambiamenti, è passato da

Dettagli

Web Services Introduzione, esempio di utilizzo

Web Services Introduzione, esempio di utilizzo Web s Introduzione, esempio di utilizzo e stato dell arte Dott. Marco Bianchi Agenda Web s: Introduzione Cosa sono A cosa servono Perché sono importanti Tecnologie fondamentali Esempio pratico Stato dell

Dettagli

Creare client statici

Creare client statici Client statico Creare client statici Un client statico crea, a partire dal WSDL di un servizio, un insieme di classi di supporto client-side (stub) Sono necessari solo 2 passi: 1. parsing del WSDL pubblicato

Dettagli

Introduzione ai Web Services. Moreno Marzolla INFN Sezione di Padova moreno.marzolla@pd.infn.it http://www.dsi.unive.it/~marzolla

Introduzione ai Web Services. Moreno Marzolla INFN Sezione di Padova moreno.marzolla@pd.infn.it http://www.dsi.unive.it/~marzolla Introduzione ai Web Services Moreno Marzolla INFN Sezione di Padova moreno.marzolla@pd.infn.it http://www.dsi.unive.it/~marzolla Incontro CCR LNL, 10 dicembre 2008 Service Oriented Architecture (SOA) Service

Dettagli

Progetto SIRPE De-materializzazione delle prescrizioni. Servizi personalizzati della CIL

Progetto SIRPE De-materializzazione delle prescrizioni. Servizi personalizzati della CIL Pag. 1 di 17 Progetto SIRPE De-materializzazione personalizzati CIL per la cooperazione Versione 1.0 INDICE Pag. 2 di 17 1 INTRODUZIONE 4 1.1 Scopo del documento 4 1.2 Riferimenti 4 2 GENERALITÀ 4 2.1

Dettagli

Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service

Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service Corso di Sistemi Distribuiti Stefano Iannucci iannucci@ing.uniroma2.it Anno

Dettagli

Web Service. Massimo Martinelli Massimo.Martinelli@isti.cnr.it

Web Service. Massimo Martinelli Massimo.Martinelli@isti.cnr.it 29/05/2010, Area Ricerca CNR, Pisa Web Service Introduzione Massimo Martinelli Massimo.Martinelli@isti.cnr.it Consiglio Nazionale delle Ricerche - CNR Istituto di Scienza e Tecnologie della Informazione

Dettagli

VISITA TECNICA. Ing. Luigi Sassoli. Responsabile R&D AEP Ticketing Solutions

VISITA TECNICA. Ing. Luigi Sassoli. Responsabile R&D AEP Ticketing Solutions VISITA TECNICA Ing. Luigi Sassoli Responsabile R&D AEP Ticketing Solutions Perugia 4 Maggio 2012 Outline La presentazione è articolata in due parti L integrazione dei sistemi è possibile in tempi rapidi

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Distribuiti

Laboratorio di Sistemi Distribuiti Laboratorio di Sistemi Distribuiti Bianchi Marco Univ. Roma Tor Vergata December 6, 2006 Bianchi Marco (Univ. Roma Tor Vergata) Laboratorio di Sistemi Distribuiti December 6, 2006 1 / 29 SOAP (2/2) 1 Gestione

Dettagli

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE Flavia Marzano marzano@cibernet.it 10/05/2004 ARPA Club Forum PA 2004 Contenuti Cenni normativi Sistema di gestione documentale:

Dettagli

OpenSPCoop: un implementazione della Specifica di Cooperazione Applicativa per la Pubblica Amministrazione Italiana

OpenSPCoop: un implementazione della Specifica di Cooperazione Applicativa per la Pubblica Amministrazione Italiana UNIVERSITÀ DI PISA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Tecnologie Informatiche Tesi di Laurea Specialistica OpenSPCoop: un implementazione della Specifica

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Stefano Iannucci: lucidi su SOA di Sistemi Distribuiti e Cloud Computing, A.A. 2011/12 1 BPEL, BPMN, Service Integration UDDI Service Discovery

Dettagli

Web Services. [Papazoglou] Papazoglou, Web Services Principles and Technology, 2008

Web Services. [Papazoglou] Papazoglou, Web Services Principles and Technology, 2008 Luca Cabibbo Architetture Software Dispensa ASW 450 ottobre 2014 La cosa bella degli standard è che ce ne sono così tanti tra cui scegliere. Andrew S. Tanenbaum 1 -Fonti [Papazoglou] Papazoglou, Principles

Dettagli

Client e Server comunicano tramite il protocollo SOAP.

Client e Server comunicano tramite il protocollo SOAP. In questo tutorial implementeremo un semplice SOAP web service in PHP che un client Java richiamerà. In questo modo mostreremo l'interoperabilità fra linguaggi diversi che SOAP permette di avere. La struttura

Dettagli

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l.

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. SAP rel.1.0 : SAP State: Final Date: 03-27-200 Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. Sede legale: Via Cola di Rienzo 212-00192 Rome - Italy Tel. +39.06.6864226 Sede operativa: viale Regina

Dettagli

Web Services. Tecniche di Programmazione avanzata Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Telematica Università Kore Enna A.A.

Web Services. Tecniche di Programmazione avanzata Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Telematica Università Kore Enna A.A. Tecniche di Programmazione avanzata Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Telematica Università Kore Enna A.A. 2009-2010 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it

Dettagli

Tesi di Laurea. Modelli per la descrizione di protocolli asincroni basati sull uso di servizi Web

Tesi di Laurea. Modelli per la descrizione di protocolli asincroni basati sull uso di servizi Web POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Dipartimento di Elettronica e Informazione Tesi di Laurea Modelli per la descrizione di protocolli asincroni basati

Dettagli

Modelli per la descrizione di protocolli

Modelli per la descrizione di protocolli POLITECNICO DI MILANO Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Modelli per la descrizione di protocolli asincroni basati sull usouso di servizi Web Relatore: Prof. Stefano Ceri Correlatori: Ing. Marco

Dettagli

Gestione XML della Porta di Dominio OpenSPCoop

Gestione XML della Porta di Dominio OpenSPCoop i Gestione XML della Porta di Dominio ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Hello World! 2 3 Configurazione XML della Porta di Dominio 5 3.1 Soggetto SPCoop...................................................

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DI UN MODULO HTTPS IN JOLIE PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI

IMPLEMENTAZIONE DI UN MODULO HTTPS IN JOLIE PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI Alma Mater Studiorum Università di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IMPLEMENTAZIONE DI UN MODULO HTTPS IN JOLIE PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI

Dettagli

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3,

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, Emergency healthcare process automation using workflow technology and web services M. Poulymenopoulou, F. Malamateniou, G. Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, 195 207 Processo

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Gli XML Web Service. Prof. Mauro Giacomini. Complementi di Informatica Medica 2008/2009 1

Gli XML Web Service. Prof. Mauro Giacomini. Complementi di Informatica Medica 2008/2009 1 Gli XML Web Service Prof. Mauro Giacomini Medica 2008/2009 1 Definizioni i i i Componente.NET che risponde a richieste HTTP formattate tramite la sintassi SOAP. Gestori HTTP che intercettano richieste

Dettagli

Dipartimento di Sistemi e Informatica, University of Florence. Sistemi Distribuiti, Prof. Paolo Nesi

Dipartimento di Sistemi e Informatica, University of Florence. Sistemi Distribuiti, Prof. Paolo Nesi 1 Sistemi Distribuiti Corso di Laurea in Ingegneria Prof. Paolo Nesi Parte: 2a Web Services & REST Department of Systems and Informatics University of Florence Via S. Marta 3, 50139, Firenze, Italy tel:

Dettagli

JBoss ESB Un caso d'uso italiano: La Porta di Dominio per la Cooperazione Applicativa

JBoss ESB Un caso d'uso italiano: La Porta di Dominio per la Cooperazione Applicativa JBoss ESB Un caso d'uso italiano: La Porta di Dominio per la Cooperazione Applicativa Andrea Leoncini JBoss Stefano Linguerri - Pro-netics Agenda JBoss ESB le SOA e la Porta di Dominio Le specifiche CNIPA

Dettagli

Web Services Dogane LINEE GUIDA

Web Services Dogane LINEE GUIDA Web Services Dogane LINEE GUIDA Pagina 1 di 17 Indice Indice... 2 1. INTRODUZIONE... 3 2. TEST FUNZIONALI SUI WEB SERVICES... 8 3. SICUREZZA... 14 4. FIRMA... 14 5. TRASFORMAZIONE CERTIFICATO DI FIRMA...

Dettagli

Service Oriented Architectures e Web Services

Service Oriented Architectures e Web Services Service Oriented Architectures e Web Services Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2006-07 Lezione n.17 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Evoluzione

Dettagli

Architettura Connettore Alfresco Share

Architettura Connettore Alfresco Share Direzione Sistemi Informativi Portale e Orientamento Allegato n. 2 al Capitolato Tecnico Indice Architettura Connettore Alfresco Share 1. Architettura del Connettore... 3 1.1 Componente ESB... 4 1.2 COMPONENTE

Dettagli

WSDL. Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 1

WSDL. Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 1 WSDL Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 1 Cos è WSDL? Web Service Description Language Linguaggio XML per descrivere servizi web (o, meglio, le loro interfacce) Originariamente

Dettagli

Java Enterprise Edi.on. Gabriele Tolomei DAIS Università Ca Foscari Venezia

Java Enterprise Edi.on. Gabriele Tolomei DAIS Università Ca Foscari Venezia Java Enterprise Edi.on Gabriele Tolomei DAIS Università Ca Foscari Venezia Java Web Services Web Services: SOAP vs. RESTful 2 diversi.pi di Web Services I Web Services SOAP sono quelli classici Si basano

Dettagli

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL)

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Corso di Sistemi Distribuiti Stefano

Dettagli

UNIVERISTA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Informatica

UNIVERISTA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Informatica UNIVERISTA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Informatica TESI DI LAUREA SPECIALISTICA CONFRONTO TRA PIATTAFORME OPEN-SOURCE

Dettagli

Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop. Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop

Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop. Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop i Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop ii Copyright 2005-2008 Link.it s.r.l. iii COLLABORATORI TITOLO : Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop AZIONE

Dettagli

Framework. Impianti Informatici. Web application - tecnologie

Framework. Impianti Informatici. Web application - tecnologie Framework Web application - tecnologie Web Application: tecnologie 2 Java-based (J2EE) Sviluppata inizialmente da Sun Cross-platform e open source Gestire direttamente le funzionalità dell applicazione

Dettagli

SOAP e i Web Services

SOAP e i Web Services SOAP e i Web Services Ringraziamenti Corso di Tecnologie Web, prof. Fabio Vitali, Università di Bologna Moreno Marzolla INFN Sezione di Padova moreno.marzolla@pd.infn.it http://www.dsi.unive.it/~marzolla

Dettagli

Corso di Architetture Distribuite e Servizi di Rete. Web Services. Antonio Corradi & Paolo Bellavista. Web Services

Corso di Architetture Distribuite e Servizi di Rete. Web Services. Antonio Corradi & Paolo Bellavista. Web Services Università degli Studi di Bologna Master Integratori di Sistema Corso di Architetture Distribuite e Servizi di Rete Web Services Antonio Corradi & Paolo Bellavista Web Services 1 Web Services Differenza

Dettagli

Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005

Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005 Sommario Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005 Introduzione.................................................................................. 1 SOAP........................................................................................

Dettagli

Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Scienze MFN

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Scienze MFN Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Scienze MFN Corso di Laurea in Informatica Tesi di Laurea Analisi, progettazione e implementazione di un Infrastruttura di Comunicazione basata su

Dettagli

Università della Calabria

Università della Calabria Università della Calabria Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Dipartimento DEIS TESI DI LAUREA Sviluppo di un sistema per la configurazione della rete UTRAN tramite un Enterprise

Dettagli

Broker. [POSA1] Pattern-Oriented Software Architecture, 1996

Broker. [POSA1] Pattern-Oriented Software Architecture, 1996 Luca Cabibbo Architetture Software Dispensa ASW 420 ottobre 2014 Tutti sanno che una certa cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa. Albert Einstein 1

Dettagli

Course Objectives (I)

Course Objectives (I) Objectives After completing this lesson, you should be able to: Identify the course objectives Discuss the course agenda and topics Grasp the concept of service contract Course Objectives (I) After completing

Dettagli

Le tecnologie software Internet

Le tecnologie software Internet Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi B2_2 V1.5 Le tecnologie software Internet Microsoft/Web services Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile

Dettagli

Architettura SW Definizione e Notazioni

Architettura SW Definizione e Notazioni Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Stili Architetturali E. TINELLI Architettura SW Definizione e Notazioni Definizione ANSI/IEEE Std Std1471-2000

Dettagli

Tecnologie e standard di trust management e trust negotiation

Tecnologie e standard di trust management e trust negotiation Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Protocolli per reti mobili Tecnologie e standard di trust management e trust negotiation Anno Accademico

Dettagli

Agenda. Seminario. Cedac Software - Hardware. Cedac Software S.r.l.

Agenda. Seminario. Cedac Software - Hardware. Cedac Software S.r.l. Seminario Architetture SOA in ambito bancario: Tecnologia ed applicazioni Agenda Cedac Software ed il suo Business SOA e Web Services Realizzazione di un Caso di Studio Nuove tecnologie WS-* Q&A Cedac

Dettagli

L02 - Web Service Definizione e Architettura. Ing. Federica Paganelli Gestione dei Servizi Telematici 1

L02 - Web Service Definizione e Architettura. Ing. Federica Paganelli Gestione dei Servizi Telematici 1 L02 - Web Service Definizione e Architettura Ing. Federica Paganelli Gestione dei Servizi Telematici 1 Servizio Servizio software Un processo che accetta richieste e restituisce risposte Esempi Funzione

Dettagli

Composizione e Coreografia di Web Services

Composizione e Coreografia di Web Services Composizione e Coreografia di Web Services Giusy Di Lorenzo Composizione Lo scopo della composizione è quello di comporre servizi esistenti al fine di definire un nuovo servizio a valore aggiunto Richiesta

Dettagli

STATO IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS

STATO IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS 1. Ambiente di sviluppo Sono stati analizzati diversi linguaggi e framework differenti utilizzabili per implementare i WebServices ONVIF. Il risultato

Dettagli

Architetture a oggetti distribuiti

Architetture a oggetti distribuiti Luca Cabibbo Architetture Software Architetture a oggetti distribuiti Dispensa ASW 420 ottobre 2014 Tutti sanno che una certa cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo

Dettagli

Aspetti architetturali e tecnologici per l attuazione dell e-government a livello locale

Aspetti architetturali e tecnologici per l attuazione dell e-government a livello locale Aspetti architetturali e tecnologici per l attuazione dell e-government a livello locale Alessandro Osnaghi Università di Pavia E-government e Information Society L e-government è un capitolo della Società

Dettagli

Il Web-Service SDMX dell ISTAT

Il Web-Service SDMX dell ISTAT Il Web-Service SDMX dell ISTAT Versione: 1.0.0 Data: 26/06/2014 Autore: Approvato da: Modifiche Versione Modifiche Autore Data Indice dei contenuti 1 Introduzione... 4 2 Esempio d uso... 5 2.1 Riferimento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI. Federico II. Web Services

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI. Federico II. Web Services UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI Federico II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA TESI DI LAUREA IN SISTEMI INFORMATIVI Web Services Tecnologie abilitanti

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo Sistemi Distribuiti Rocco Aversa Tel. 0815010268 rocco.aversa@unina2.it it Ricevimento: Martedì 14:16 Giovedì 14:16 1 Libri di Testo Testo Principale A.S. Tanenbaum, M. van Steen, Distributed Systems (2

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2015 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 I protocolli di

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE INTEGRAZIONE SERVIZI MUDE

SPECIFICHE TECNICHE INTEGRAZIONE SERVIZI MUDE Pag. 1 di 11 VERIFICHE E APPROVAZIONI VERSIONE REDAZIONE CONTROLLO AUTORIZZAZIONE APPROVAZIONE EMISSIONE NOME DATA NOME DATA NOME DATA V01 Mauro Pavese 17/05/12 Mauro Pavese 29/11/2012 STATO DELLE VARIAZIONI

Dettagli

MAX DOLGICER SOI. (Service Oriented Integration) CONCETTI, TECNOLOGIE E BEST PRACTICES

MAX DOLGICER SOI. (Service Oriented Integration) CONCETTI, TECNOLOGIE E BEST PRACTICES LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER SOI (Service Oriented Integration) CONCETTI, TECNOLOGIE E BEST PRACTICES ROMA 27-29 MAGGIO 2009 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it

Dettagli

Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop. Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop

Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop. Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop i Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop ii Copyright 2005-2011 Link.it s.r.l. iii Indice 1 Introduzione 1 2 Modalità d integrazione trasparente 1 3 Modalità d integrazione tramite

Dettagli

Web Service: Introduzione. Algoritmi e sistemi di elaborazione - Vittorio Maniezzo - Università di Bologna

Web Service: Introduzione. Algoritmi e sistemi di elaborazione - Vittorio Maniezzo - Università di Bologna Web Service: Introduzione 1 Contenuti Background.NET Framework ASP.NET Web Service Concetti e architetture Progettazione e sviluppo di Web Service Utilizzo di Web Service 2 Sezione 1: Introduzione Inquadramento

Dettagli

Processi BPEL. Obiettivi

Processi BPEL. Obiettivi Università degli studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Processi BPEL Corso di Sistemi Distribuiti Stefano Iannucci Anno accademico 2009/10 Email: sd@chmod.it Obiettivi Esercitazione pratica su:

Dettagli

WebServices. Distribuire una computazione. Sistemi che usano RPC Sun RPC RPC. Il Web usato dai programmi. Vincenzo Gervasi

WebServices. Distribuire una computazione. Sistemi che usano RPC Sun RPC RPC. Il Web usato dai programmi. Vincenzo Gervasi 1 Distribuire una computazione WebServices Il Web usato dai programmi Vincenzo Gervasi Dipartimento di Informatica Università di Pisa L idea di distribuire una computazione è vecchia quasi quanto l informatica

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2008-09 Lezione n.19 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Client- Server 3-Tier Web Application Web Services

Dettagli

Web Services. Introduzione, stato dell'arte e temi di ricerca. Dott. Marco Bianchi 10 marzo 2004

Web Services. Introduzione, stato dell'arte e temi di ricerca. Dott. Marco Bianchi 10 marzo 2004 Web s Introduzione, stato dell'arte e temi di ricerca Dott. Marco Bianchi 10 marzo 2004 Mi presento Chi sono Dott. Marco Bianchi Dottorando di ricerca in Informatica ed Applicazioni presso L Università

Dettagli

Implementazione di un. linguaggio di base. per servizi web

Implementazione di un. linguaggio di base. per servizi web Università degli Studi di Firenze FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Tesi di Laurea in Informatica Implementazione di un linguaggio di base per servizi web Relatore: Prof. Rosario Pugliese

Dettagli

Il Paradigma REST per lo sviluppo di applicazioni Web 2.0

Il Paradigma REST per lo sviluppo di applicazioni Web 2.0 tesi di laurea Anno Accademico 2006/2007 Il Paradigma REST per lo sviluppo di applicazioni Web 2.0 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo correlatore Ing. Marcello Cinque candidato Antonio Alonzi Matr.

Dettagli