Modelli per la descrizione di protocolli

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modelli per la descrizione di protocolli"

Transcript

1 POLITECNICO DI MILANO Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Modelli per la descrizione di protocolli asincroni basati sull usouso di servizi Web Relatore: Prof. Stefano Ceri Correlatori: Ing. Marco Brambilla Ing. Christina Tziviskou Tesi di Laurea di: Giuseppe Guglielmetti

2 Modelli per la descrizione di protocolli asincroni basati sull uso di servizi Web Sommario Obbiettivi Protocolli applicativi Pattern Meccanismi di acknowledge Pattern di comunicazione Pattern in WebML Demo Conclusioni e sviluppi futuri

3 Obbiettivi Analisi dei principali standard inerenti protocolli asincroni con uso di WebService. Estrazione di pattern comuni dai differenti standard applicativi. Modellazione concettuale dei pattern nel linguaggio WebML. Realizzazione di un applicazione dimostrativa.

4 Web Services e asincronismo Servizio o applicazione fruibile da altre applicazioni in modo remoto e automatico su piattaforma Web. Descritto da interfaccia standard (WSDL). Standard per scambio di messaggi (SOAP), formato dati (XML), pubblicazione. (UDDI). In ambiente business, è fondamentale l accoppiamento lasco e quindi interazioni i i asincrone. Vantaggi: Migliore gestione delle risorse in presenza di latenza temporale Maggiore privatezza della logica interna di business Minori costi e maggiore efficienza Maggiore accessibilità

5 WebML (Web Modeling Language) WebML (Web Modeling Language) è un linguaggio concettuale per la specifica e la progettazione di applicazioni Web data-intensive. Structure + Composition + Navigation + Presentation entities, relationships units, pages, links site views styles navigation + structure composition user models presentation

6 Web Services in WebML Primitive per rappresentare nel modello WebML chiamate e pubblicazioni di Web Services. One-way service operation Op. name Notification service operation Op. name Synchronous request-response service operation Op. name Synchronous solicit-response service operation Op. name Asynchronous request-response service operation Op. name Asynchronous solicit-response service operation Op. name Conv. name Conv. name Conv. name Conv. name Conv. name Conv. name Meccanismo di base delle interazioni. Invocazione Pubblicazione

7 Correlazione in WebML WebML utilizza i meta-dati di conversazione definiti tramite uno schema E-R. Message Instance Content 1:1 1:1 In Out Operation Instance 0:1 TimeStamp 0:1 PartOf Conversation Instance Participation 1:1 1:N TimeStamp 1:1 1:N Status Name Passwd User 1:1 1:1 1:1 MsgType OpType 0:N 0:N MessageType In OperationType 1:1 0:1 OpName Name PortName Format Out Binding 1:1 0:1 ServiceName NetworkAddress Timeout ConvType 0:N Conversation PartOf Type Name 1:1 1:N Timeout

8 Protocolli applicativi Nell analisi sono stati considerati vari protocolli tra cui RosettaNet definisce standard per lo scambio di documenti di business concentrandosi su Processi di business Formato dei dati Servizi di messaggistica. Electronic Business using extensible Markup Language (ebxml) comprende varie specifiche che standardizzano come scambiare messaggi di business come comunicare dati con terminologia comune come definire e memorizzare i processi di business. ASAP protocollo dedicato ai Web Service Asincroni fornisce un modo per creare, far partire, monitorare e controllare una istanza di un Web Service asincrono.

9 Pattern Due aspetti ortogonali tra loro Meccanismi di acknowledge Pattern di interazione Ad ogni pattern è possibile applicare i diversi meccanismi di acknowledge.

10 Pattern: meccanismi di acknowledge Request senza acknowledge Request con acknowledge sincrono Request con acknowledge asincrono

11 Pattern di interazione Callback Publish Subscribe Polling Request-Response Agent-Service-Service Callback Factory Publish Subscribe Factory

12 Esempi di pattern asincroni(1): Callback Invia una richiesta non bloccante La risposta è inviata in seguito da parte di chi ha ricevuto la richiesta. Service Requester Service Provider Request with CID Response with CID

13 Esempi di pattern asincroni(2): Callback factory Invia una richiesta non bloccante, con conferma di ricezione. La risposta è inviata in seguito da una istanza di servizio creata ad hoc per l elaborazione della stessa. Service Requester Service Provider- factory Service Provider - instance Request Create Acknowledge Response Acknowledge

14 Confronto protocolli È possibile confrontare onta i protocolli sulla base dei pattern che coprono, al netto del rumore degli acknowledge. Callback Publish Subscribe Polling RosettaNet xcbl ebxml IHE OGSA ASAP Request Response Agent - Service Service Callback Factory Publish - Subscribe Factory

15 Pattern in WebML: meccanismi di acknowledge Request senza acknowledge Request con acknowledge sincrono Request con acknowledge asincrono

16 Esempi di pattern in WebML(1): Callback Service Requester Input - parametri espliciti - XML document Input - parametri espliciti - XML document Send Request Accept Response Ok Ko Invio ok Errore di trasporto Operazioni Invia la richiesta tramite un servizio One-way Pubblica un altro servizio One-way per ricevere la risposta Service Provider Input - parametri espliciti - XML document Link da applicazione Coupling risposta Accept Request Send Response Ok Ko Operazioni WebML Invio ok Errore di trasporto Pubblica un servizio One-way per ricevere le richieste Quando la risposta è pronta viene spedita tramite un altro servizio ii One-way

17 Esempi di pattern in WebML(2): Callback factory Invia la richiesta tramite un servizio Request-Response asincrono Pubblica un servizio Solicit- Response asincrono per ricevere la risposta Service Provider - factory Dati di richiesta - parametri espliciti - XML document Accept Request Crea nuova istanza Conferma ricezione e CID Pubblica un servizio Solicit- Response asincrono per ricevere la richiesta e crea la nuova it istanza Service Provider - instance Creazione Coupling risposta Send Response Ok Ko Conferma Errore di chiamata Invia la risposta tramite un servizio Request-Response asincrono

18 Demo Travel Agency User Travel Agency Manager

19 Conclusioni Analisi i e comparazione di standard d di comunicazione asincrona in differenti ambiti applicativi. Astrazione e formalizzazione di pattern. Implementazione con successo dei pattern nel linguaggio WebML con generazione automatica degli applicativi.

20 Sviluppi futuri Semplificare l accesso al contesto e ai dati di conversazione. Capacità di gestire nei dettagli i messaggi SOAP. Capacità di creare istanze di Web Service on demand. Implementazione completa dello standard ASAP in WebML.

21 Fine Grazie per l attenzione

22 Esempi di pattern asincroni(2): Publish Subscribe Iscriversi a un servizio. Le informazioni sono inviate con cadenza regolare a chi si è iscritto. Service Requester Service Provider Request with CID Response with CID

23 Esempi di pattern asincroni(3): Polling con acknowledge Invia una richiesta non bloccante, con conferma di ricezione, ripetuta a intervalli regolari. La risposta è inviata in seguito da parte di chi ha ricevuto la richiesta. Client Service Provider Request Reply with CID Request with CID Response

Tesi di Laurea. Modelli per la descrizione di protocolli asincroni basati sull uso di servizi Web

Tesi di Laurea. Modelli per la descrizione di protocolli asincroni basati sull uso di servizi Web POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Dipartimento di Elettronica e Informazione Tesi di Laurea Modelli per la descrizione di protocolli asincroni basati

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Creare client statici

Creare client statici Client statico Creare client statici Un client statico crea, a partire dal WSDL di un servizio, un insieme di classi di supporto client-side (stub) Sono necessari solo 2 passi: 1. parsing del WSDL pubblicato

Dettagli

Una piattaforma per la negoziazione di servizi business to business attraverso la rete Internet

Una piattaforma per la negoziazione di servizi business to business attraverso la rete Internet Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale della Logistica e della Produzione Una piattaforma per la negoziazione di servizi business to

Dettagli

Analisi e sperimentazione della piattaforma Web Service Notification nell ambito del controllo del traffico aereo

Analisi e sperimentazione della piattaforma Web Service Notification nell ambito del controllo del traffico aereo tesi di laurea Analisi e sperimentazione della piattaforma Web Service Notification Anno Accademico 2006/2007 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo Correlatore Ing. Christiancarmine Esposito candidato

Dettagli

Modellazione di asincronismo e conversazioni tra Web Services. Mario Passamani Alberto Riccio

Modellazione di asincronismo e conversazioni tra Web Services. Mario Passamani Alberto Riccio Modellazione di asincronismo e conversazioni tra Web Services Mario Passamani Alberto Riccio 19 febbraio 2004 Indice 1 INTRODUZIONE... 5 1.1 PROBLEMA AFFRONTATO... 6 1.2 LAVORO SVOLTO... 6 1.3 RISULTATI

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

A2A technical presentation

A2A technical presentation A2A technical presentation Milano, 24 Sept 2012 Enrico Papalini IT Development Manager Attuale modalità di connessione LU6.2 LU6.2 response IAG HTTP client Mainframe or Customer Server HTTP service Https

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Un approccio innovativo per il delivery di servizi in infrastrutture di nomadic computing

Un approccio innovativo per il delivery di servizi in infrastrutture di nomadic computing Un approccio innovativo per il delivery di servizi in infrastrutture di nomadic computing Relatore Prof. Ing. Stefano Russo Correlatore Ing. Domenico Cotroneo Candidato Armando Migliaccio matr. 41/2784

Dettagli

Università degli studi di Ferrara. Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE

Università degli studi di Ferrara. Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE Università degli studi di Ferrara Facoltà di scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea Specialistica in Informatica Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE

Dettagli

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org 1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org Prefazione. Da Hello World a Hello World Wide Web. Hello World è la prima frase stampata a video dal primo programma di esempio scritto

Dettagli

CdLM Informatica (DM 270/2004) Sistemi Distribuiti. Publish Subscribe. Angelastro Sergio Diomede Antonio Viterbo Tommaso

CdLM Informatica (DM 270/2004) Sistemi Distribuiti. Publish Subscribe. Angelastro Sergio Diomede Antonio Viterbo Tommaso CdLM Informatica (DM 270/2004) Sistemi Distribuiti Publish Subscribe Angelastro Sergio Diomede Antonio Viterbo Tommaso Outline Messaging System Messaging Benefits Synchronous and Asynchronous Call Semantics

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Progettazione e Implementazione di API WebSocket per il Gateway Dog

Progettazione e Implementazione di API WebSocket per il Gateway Dog Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea Magistrale Progettazione e Implementazione di API WebSocket per il Gateway Dog Relatori: Fulvio Corno Luigi De Russis Candidato: Teodoro Montanaro

Dettagli

Service Oriented Architectures (SOA)

Service Oriented Architectures (SOA) Facoltà di Ingegneria dell Informazione Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria dei Sistemi Laurea Magistrale in Ingegneria Biomedica Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dettagli

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti PROGRAMMAZIONE di RETE A.A. 2003-2004 Corso di laurea in INFORMATICA Introduzione ai Web Services alberto.polzonetti@unicam.it Introduzione al problema della comunicazione fra applicazioni 2 1 Il Problema

Dettagli

Specifiche di Integrazione della Piattaforma Logistica Nazionale (PLN) con altri Sistemi Informativi (SI) Web Service Interfaces. Guida semplificata

Specifiche di Integrazione della Piattaforma Logistica Nazionale (PLN) con altri Sistemi Informativi (SI) Web Service Interfaces. Guida semplificata Specifiche di Integrazione della Piattaforma Logistica Nazionale (PLN) con altri Sistemi Informativi (SI) Web Service Interfaces Guida semplificata Sommario 1 Introduzione... 2 1.1 Scopo... 2 1 Modalità

Dettagli

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni.

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni. <Task AP3> Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni AP3-Documento Descrittivo degli Accordi di Servizio Versione AP3-specificaADSv1.2.1.doc Pag. 1

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2014 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 Prerequisiti per

Dettagli

fornitore di servizi utente all interazione tra utenti e sistemi

fornitore di servizi utente all interazione tra utenti e sistemi WEB SERVICES Successo del Web Negli anni passati il Web ha avuto un enorme successo principalmente per due motivi: Semplicità: Ubiquità Per un fornitore di servizi è semplice raggiungere un numero molto

Dettagli

POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1

POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1 Allegato n. 2 al Capitolato speciale d appalto. ENTE PUBBLICO ECONOMICO STRUMENTALE DELLA REGIONE CALABRIA POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1 Procedura aperta sotto

Dettagli

Appendice D. D. Web Services

Appendice D. D. Web Services D. D.1 : cosa sono I cosiddetti sono diventati uno degli argomenti più attuali nel panorama dello sviluppo in ambiente Internet. Posti al centro delle più recenti strategie di aziende del calibro di IBM,

Dettagli

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3,

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, Emergency healthcare process automation using workflow technology and web services M. Poulymenopoulou, F. Malamateniou, G. Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, 195 207 Processo

Dettagli

SERVICE BROWSER. Versione 1.0

SERVICE BROWSER. Versione 1.0 SERVICE BROWSER Versione 1.0 25/09/2008 Indice dei Contenuti 1. Scopo del documento... 3 2. Introduzione... 3 3. Accordi di Servizio... 4 4. Servizi... 5 5. Servizio: Schede Erogatori... 8 6. Servizio:

Dettagli

tesi di laurea Anno Accademico 2004/2005 relatore Ing. Massimo Ficco candidato Pasquale Incarnato Matr. 534/938

tesi di laurea Anno Accademico 2004/2005 relatore Ing. Massimo Ficco candidato Pasquale Incarnato Matr. 534/938 tesi di laurea Anno Accademico 2004/2005 relatore Ing. Massimo Ficco candidato Pasquale Incarnato Matr. 534/938 Obbiettivi del progetto Progettazione ed implementazione di un applicazione, basata su un

Dettagli

Implementazione di un servizio VoIP in ambienti SOA per mobile computing

Implementazione di un servizio VoIP in ambienti SOA per mobile computing tesi di laurea Implementazione di un servizio VoIP in ambienti SOA per mobile computing Anno Accademico 2006/2007 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo correlatore ing. Marcello Cinque candidato Vittorio

Dettagli

Web Service Architecture

Web Service Architecture Giuseppe Della Penna Università degli Studi di L Aquila dellapenna@di.univaq.it http://dellapenna.univaq.it Engineering IgTechnology Info92 Maggioli Informatica Micron Technology Neta Nous Informatica

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2014 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 I protocolli di

Dettagli

QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO IN MODALITÀ PROVVISORIA Versione 1.0 Qualificazione della Porta di INDICE 1. PROCESSO DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO IN MODALITÀ PROVVISORIA 3 2. DESCRIZIONE

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2015 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 I protocolli di

Dettagli

Sommario. Introduzione... xvii. 1 Che cosa sono i servizi Web?... 1

Sommario. Introduzione... xvii. 1 Che cosa sono i servizi Web?... 1 Sommario Introduzione................................................... xvii Benvenuti!......................................................... xvii Questo libro fa al caso vostro?..........................................

Dettagli

STATO IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS

STATO IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS 1. Ambiente di sviluppo Sono stati analizzati diversi linguaggi e framework differenti utilizzabili per implementare i WebServices ONVIF. Il risultato

Dettagli

Servizi mobili in modalità push nell architettura Simple Mobile Services

Servizi mobili in modalità push nell architettura Simple Mobile Services Servizi mobili in modalità push nell architettura Simple Mobile s 1 Premessa l progetto Simple Mobile s [1] definisce una architettura per l esecuzione e la creazione di servizi per terminali mobili. L

Dettagli

SMD: a sensor data distribution service for FIN-BOX middleware for the interoperability in systems of systems Anno Accademico 2011/2012

SMD: a sensor data distribution service for FIN-BOX middleware for the interoperability in systems of systems Anno Accademico 2011/2012 tesi di laurea specialistica SMD: a sensor data distribution service for FIN-BOX middleware for the Anno Accademico 2011/2012 relatore Ch.mo prof. Stefano Russo correlatori Ch.mo prof. Domenico Cotroneo

Dettagli

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security

Dettagli

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l.

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. SAP rel.1.0 : SAP State: Final Date: 03-27-200 Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. Sede legale: Via Cola di Rienzo 212-00192 Rome - Italy Tel. +39.06.6864226 Sede operativa: viale Regina

Dettagli

Modellazione concettuale di processi aziendali distribuiti basati su architettura Web Services

Modellazione concettuale di processi aziendali distribuiti basati su architettura Web Services POLITECNICO DI MILANO FACOLTA DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE SEDE DI MILANO LEONARDO DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA E INFORMAZIONE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA Modellazione concettuale

Dettagli

Progettazione ed implementazione di un tool per lo sviluppo di applicazioni in Esperanto

Progettazione ed implementazione di un tool per lo sviluppo di applicazioni in Esperanto Università degli studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Informatica Capri Feb. 2004 Progettazione ed implementazione di un tool per lo sviluppo di applicazioni

Dettagli

Il Paradigma REST per lo sviluppo di applicazioni Web 2.0

Il Paradigma REST per lo sviluppo di applicazioni Web 2.0 tesi di laurea Anno Accademico 2006/2007 Il Paradigma REST per lo sviluppo di applicazioni Web 2.0 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo correlatore Ing. Marcello Cinque candidato Antonio Alonzi Matr.

Dettagli

ECOSISTEMA DI UN REGISTRO DI COLLABORAZIONE:

ECOSISTEMA DI UN REGISTRO DI COLLABORAZIONE: ECOSISTEMA DI UN REGISTRO DI COLLABORAZIONE: Il sistema di modellazione di schemi e componenti Alfredo Scopece Consulente di Informatica Maggio 2005 Sintesi Il Registro di Collaborazione è un servizio

Dettagli

Progettazione di interfacce web indipendenti dal dispositivo

Progettazione di interfacce web indipendenti dal dispositivo Progettazione di interfacce web indipendenti dal dispositivo Candidato Izzo Giovanni, Matr. 41/1305 Relatore Prof. Porfirio Tramontana 1 Panoramica su contesto ed obiettivi Il contesto della tesi è legato

Dettagli

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura... 3 2 Composizione della Fornitura... 3 2.1 Piattaforma

Dettagli

Architettura e componenti per la cooperazione applicativa nella Pubblica Amministrazione. White Paper Oracle Novembre 2002

Architettura e componenti per la cooperazione applicativa nella Pubblica Amministrazione. White Paper Oracle Novembre 2002 Architettura e componenti per la cooperazione applicativa nella Pubblica Amministrazione White Paper Oracle Novembre 2002 Architettura e componenti Oracle per la cooperazione applicativa nella Pubblica

Dettagli

Composizione e Coreografia di Web Services

Composizione e Coreografia di Web Services Composizione e Coreografia di Web Services Giusy Di Lorenzo Composizione Lo scopo della composizione è quello di comporre servizi esistenti al fine di definire un nuovo servizio a valore aggiunto Richiesta

Dettagli

Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i. Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4

Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i. Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Prerequisiti per la Configurazione della Porta di Dominio 1 2.1 Verifica dell applicazione di gestione

Dettagli

Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service

Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service Corso di Sistemi Distribuiti Stefano Iannucci iannucci@ing.uniroma2.it Anno

Dettagli

Introduzione a Service Oriented Architecture e Web Service

Introduzione a Service Oriented Architecture e Web Service Università degli Studi di Roma Tor Vergata Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Introduzione a Service Oriented Architecture e Web Service Corso di Sistemi Distribuiti e Cloud Computing

Dettagli

ESEMPI INTEGRAZIONE PRODOTTI

ESEMPI INTEGRAZIONE PRODOTTI System Manual ESEMPI INTEGRAZIONE PRODOTTI Utilizzo delle funzionalità SOAP nei moduli FactoryCast V3.1 in Excel, Internet Explorer e VBasic SM_soap SOMMARIO 1 - OGGETTO 2 - ARCHITETTURA 2.1 - Hardware

Dettagli

Gestione XML della Porta di Dominio OpenSPCoop

Gestione XML della Porta di Dominio OpenSPCoop i Gestione XML della Porta di Dominio ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Hello World! 2 3 Configurazione XML della Porta di Dominio 5 3.1 Soggetto SPCoop...................................................

Dettagli

Approfondimento. Web Services

Approfondimento. Web Services Approfondimento Web Services Esame di Programmazione per il Web Fedele Ladisa INDICE Capitolo 1. Introduzione 1.1 Introduzione ai Web Services 1.2 Architettura dei Web Services 1.3 Stack protocollare di

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) La comunicazione tra processi Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Processi cooperanti La comunicazione tra processi Necessità

Dettagli

Modello a scambio di messaggi

Modello a scambio di messaggi PRIMITIVE PER LO SCAMBIO DI MESSAGGI Un messaggio si può considerare costituito da: origine, destinazione e contenuto Modello a scambio di messaggi type messaggio = record origine: ; destinazione: ; contenuto:

Dettagli

to Search Services Relatore: Prof. Marco Brambilla Correlatore: Prof. Stefano Ceri Tesi di Laurea di: Matricola 721154

to Search Services Relatore: Prof. Marco Brambilla Correlatore: Prof. Stefano Ceri Tesi di Laurea di: Matricola 721154 Politecnicoo di Milano V Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea specialistica a in Ingegneria Informatica Matching Natural Language Multidomain Queries to Search Services Relatore: Prof. Marco Brambilla

Dettagli

Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop. Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop

Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop. Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop i Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop ii Copyright 2005-2008 Link.it s.r.l. iii COLLABORATORI TITOLO : Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop AZIONE

Dettagli

Web Service: Introduzione. Algoritmi e sistemi di elaborazione - Vittorio Maniezzo - Università di Bologna

Web Service: Introduzione. Algoritmi e sistemi di elaborazione - Vittorio Maniezzo - Università di Bologna Web Service: Introduzione 1 Contenuti Background.NET Framework ASP.NET Web Service Concetti e architetture Progettazione e sviluppo di Web Service Utilizzo di Web Service 2 Sezione 1: Introduzione Inquadramento

Dettagli

MODELLO AD AMBIENTE GLOBALE

MODELLO AD AMBIENTE GLOBALE MODELLI DI INTERAZIONE TRA PROCESSI Modello ad ambiente globale ( global environment ) Modello a scambio di messaggi ( message passing ) MODELLO AD AMBIENTE GLOBALE Il sistema è visto come un insieme di

Dettagli

Università degli studi Roma Tre Dipartimento di informatica ed automazione. Tesi di laurea

Università degli studi Roma Tre Dipartimento di informatica ed automazione. Tesi di laurea Università degli studi Roma Tre Dipartimento di informatica ed automazione Tesi di laurea Reingegnerizzazione ed estensione di uno strumento per la generazione di siti Web Relatore Prof. P.Atzeni Università

Dettagli

Sommario. Servizi SMS a valore aggiunto per dispositivi mobili. Osservatorio Mobile VAS (Value. Added Service)

Sommario. Servizi SMS a valore aggiunto per dispositivi mobili. Osservatorio Mobile VAS (Value. Added Service) Servizi SMS a valore aggiunto per dispositivi mobili Nicola Provenzano Dip.. di Ingegneria dell Informazione, Pisa nicola.provenzano@iet.unipi.it Mobile VAS Servizi SMS VAS SMS Center Kannel Content Server

Dettagli

Web Service SOAP e WSDL. Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com

Web Service SOAP e WSDL. Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com Web Service SOAP e WSDL Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com SOAP Originariamente: Simple Object Access Protocol E poi evoluto in un Framework per lo scambio di messaggi in XML 2

Dettagli

OPC XML Data Access Specification. http://www.opcfoundation.org/

OPC XML Data Access Specification. http://www.opcfoundation.org/ OPC XML Data Access Specification http://www.opcfoundation.org/ Perché OPC si è mosso verso i WS? OPC DCOM-based era legato ad una piattaforma e ad una tecnologia specifica Ci sono applicazioni in cui

Dettagli

Realizzazione di uno strumento web-based per la simulazione remota di reti di sensori senza filo

Realizzazione di uno strumento web-based per la simulazione remota di reti di sensori senza filo tesi di laurea Realizzazione di uno strumento web-based per la simulazione remota di reti di sensori senza filo Anno Accademico 2009/2010 relatore Ch.mo prof. Marcello Cinque correlatore Ing. Catello di

Dettagli

Architetture orientate ai servizi

Architetture orientate ai servizi Architetture orientate ai servizi 1 Web Service Nuovo paradigma di sistema informativo basato su componenti software distribuiti I Web Service sono applicazioni indipendenti, modulari, autodescrittive,

Dettagli

Framework. Impianti Informatici. Web application - tecnologie

Framework. Impianti Informatici. Web application - tecnologie Framework Web application - tecnologie Web Application: tecnologie 2 Java-based (J2EE) Sviluppata inizialmente da Sun Cross-platform e open source Gestire direttamente le funzionalità dell applicazione

Dettagli

WebServiceSmsMioTech.pdf. Data ultima revisione: 15/12/2004 19.12.28. Alessandro Benedetti

WebServiceSmsMioTech.pdf. Data ultima revisione: 15/12/2004 19.12.28. Alessandro Benedetti Documento: WebServiceSmsMioTech.pdf Data ultima revisione: 15/12/2004 19.12.28 Versione: 1.1 Autore: Alessandro Benedetti Organizzazione: Sertea S.r.l. Destinatari: Programmatori / Sistemisti Introduzione

Dettagli

Un architettura per lo streaming multimediale in ambiente distribuito

Un architettura per lo streaming multimediale in ambiente distribuito tesi di laurea Anno Accademico 2012/2013 relatore Ch.mo prof. Simon Pietro Romano correlatori Ing. Tobia Castaldi candidato Alessandro Arrichiello Matr. M63/43 Contesto: o Content Distribution Networks

Dettagli

Web Services. Scoperta del servizio UDDI. Descrizione del servizio WSDL. Accesso al servizio SOAP XML. Starto di comunicazione HTTP

Web Services. Scoperta del servizio UDDI. Descrizione del servizio WSDL. Accesso al servizio SOAP XML. Starto di comunicazione HTTP Web Services I web services servono a rendere interoperabili le applicazioni e favoriscono la loro integrazione. I servizi web sono applicazioni software che possono essere scoperte, descritte e usate

Dettagli

Analisi e sperimentazione della piattaforma Web Service Notification nell ambito del controllo del traffico aereo

Analisi e sperimentazione della piattaforma Web Service Notification nell ambito del controllo del traffico aereo Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica tesi di laurea Analisi e sperimentazione della piattaforma Web Service Notification nell ambito del controllo del traffico aereo Anno Accademico

Dettagli

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica i Architettura Tecnica ii Copyright 2005-2011 Link.it s.r.l. iii Indice 1 Scopo del documento 1 1.1 Abbreviazioni..................................................... 1 2 Overview 1 2.1 La PdD........................................................

Dettagli

Progetto SIRPE De-materializzazione delle prescrizioni. Servizi personalizzati della CIL

Progetto SIRPE De-materializzazione delle prescrizioni. Servizi personalizzati della CIL Pag. 1 di 17 Progetto SIRPE De-materializzazione personalizzati CIL per la cooperazione Versione 1.0 INDICE Pag. 2 di 17 1 INTRODUZIONE 4 1.1 Scopo del documento 4 1.2 Riferimenti 4 2 GENERALITÀ 4 2.1

Dettagli

Definizione e realizzazione di un modello architetturale per la gestione della transazionalità in processi di business distribuiti. Edoardo Di Lorenzo

Definizione e realizzazione di un modello architetturale per la gestione della transazionalità in processi di business distribuiti. Edoardo Di Lorenzo Definizione e realizzazione di un modello architetturale per la gestione della transazionalità in processi di business distribuiti 29 marzo 2006 Edoardo Di Lorenzo Relatore: Marco Pistore Web Services

Dettagli

Lezione n.12. L applicazione RestoNet Materiale didattico distribuito a lezione

Lezione n.12. L applicazione RestoNet Materiale didattico distribuito a lezione Lezione n.12 JXTA: L applicazione RestoNet Materiale didattico distribuito a lezione 1 MATERIALE DIDATTICO Codice dell esempio sulla pagina web del corso API JXTA Java 2.3.7: http://platform.jxta.org/nonav/java/api/

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DI UN MODULO HTTPS IN JOLIE PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI

IMPLEMENTAZIONE DI UN MODULO HTTPS IN JOLIE PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI Alma Mater Studiorum Università di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IMPLEMENTAZIONE DI UN MODULO HTTPS IN JOLIE PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES

PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES Pag. 2 di 173 1 REVISIONI DEL DOCUMENTO... 6 2 GENERALITÀ... 6 2.1 STANDARD TECNICI... 7 2.2 LINGUAGGIO COMUNE... 7 2.3 WEB SERVICES... 8 2.4 WSDL (WEB SERVICE DESCRIPTION

Dettagli

Agenda. Seminario. Cedac Software - Hardware. Cedac Software S.r.l.

Agenda. Seminario. Cedac Software - Hardware. Cedac Software S.r.l. Seminario Architetture SOA in ambito bancario: Tecnologia ed applicazioni Agenda Cedac Software ed il suo Business SOA e Web Services Realizzazione di un Caso di Studio Nuove tecnologie WS-* Q&A Cedac

Dettagli

MODELLI ORGANIZZATIVI PER LA GESTIONE DELL ASSISTENZA DOMICILIARE VIA WEB

MODELLI ORGANIZZATIVI PER LA GESTIONE DELL ASSISTENZA DOMICILIARE VIA WEB MODELLI ORGANIZZATIVI PER LA GESTIONE DELL ASSISTENZA DOMICILIARE VIA WEB Milano, 3 maggio 2006 Carlo Castiglioni - Cristiano Guglielmetti Direzione Sanitaria VitalAire-Medicasa Informatica per il Business

Dettagli

Prototipazione di un componente di elaborazione dei piani di volo in un sistema di Traffic Management

Prototipazione di un componente di elaborazione dei piani di volo in un sistema di Traffic Management tesi di laurea in un sistema di Traffic Management Anno Accademico 2006/2007 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo correlatore Ing. Antonio Strano candidato Giuseppe Diodato Mottola Matr. 534/2115 Obiettivo

Dettagli

JBoss ESB Un caso d'uso italiano: La Porta di Dominio per la Cooperazione Applicativa

JBoss ESB Un caso d'uso italiano: La Porta di Dominio per la Cooperazione Applicativa JBoss ESB Un caso d'uso italiano: La Porta di Dominio per la Cooperazione Applicativa Andrea Leoncini JBoss Stefano Linguerri - Pro-netics Agenda JBoss ESB le SOA e la Porta di Dominio Le specifiche CNIPA

Dettagli

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ 1. BASI DI DATI: GENERALITÀ BASE DI DATI (DATABASE, DB) Raccolta di informazioni o dati strutturati, correlati tra loro in modo da risultare fruibili in maniera ottimale. Una base di dati è usualmente

Dettagli

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni)

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Progettazione di Sistemi Interattivi Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Docente: Daniela Fogli Gli strati e la rete Stratificazione da un altro punto di vista: i calcolatori

Dettagli

Manuale gestione Porta di Dominio OpenSPCoop 1.1

Manuale gestione Porta di Dominio OpenSPCoop 1.1 i Manuale gestione Porta di Dominio ii Copyright 2005-2008 Link.it srl Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata, protette da copyright. Tutti i diritti sono riservati. Non è permesso

Dettagli

Sistemi Operativi. Lez. 13: primitive per la concorrenza monitor e messaggi

Sistemi Operativi. Lez. 13: primitive per la concorrenza monitor e messaggi Sistemi Operativi Lez. 13: primitive per la concorrenza monitor e messaggi Osservazioni I semafori sono strumenti particolarmente potenti poiché consentono di risolvere ogni problema di sincronizzazione

Dettagli

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1 Le Basi di dati: generalità Unità di Apprendimento A1 1 1 Cosa è una base di dati In ogni modello di organizzazione della vita dell uomo vengono trattate informazioni Una volta individuate e raccolte devono

Dettagli

UN INTRODUZIONE RAGIONATA AL MONDO DEI WEB SERVICE

UN INTRODUZIONE RAGIONATA AL MONDO DEI WEB SERVICE UN INTRODUZIONE RAGIONATA A MONDO DEI EB SERVICE Il paradigma del Service Oriented Computing è visto come una rivoluzione nella comunità informatica e i eb Service una sua realizzazione. a possibilità

Dettagli

Laboratorio di RETI DI CALCOLATORI

Laboratorio di RETI DI CALCOLATORI Laboratorio di RETI DI CALCOLATORI A.A. 2009-2010 I WEB SERVICES Carlo Mastroianni Laboratorio di Reti di Calcolatori - Orario lunedì, 11:30-13:30, aula 40B mercoledì, 10:00-11:30, laboratorio settimo

Dettagli

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo Contratto per l acquisizione di servizi di Assistenza specialistica per la gestione e l evoluzione del patrimonio software della Regione Basilicata. Repertorio n. 11016 del 25/09/2009 Progettazione: Tecnologie

Dettagli

Lezione n.10 LPR- Informatica Applicata RMI CallBacks

Lezione n.10 LPR- Informatica Applicata RMI CallBacks Università degli Studi di Pisa Lezione n.10 LPR- Informatica Applicata RMI CallBacks 15/5/2006 Laura Ricci RMI: IL MECCANISMO DELLE CALLBACK Meccanismo RMI comunicazione unidirezionale (dal client al server)

Dettagli

PRACTICAL DEVELOPMENT OF A WEB SERVICE

PRACTICAL DEVELOPMENT OF A WEB SERVICE PRACTICAL DEVELOPMENT OF A WEB SERVICE 1 JAX-WS 2.0 Java API for XML Web Services Specifica basata su annotazioni Applicata su classi ed interfacce in modo da definire e gestire automaticamente il protocollo

Dettagli

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30 Protocolli di rete Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 1/30 Strati di protocolli (Protocol Layers) Le reti sono complesse Molti elementi: host

Dettagli

Dott. Davide Tamellini Ing. Vittorio Agostinelli. Automazione. AssoAutomazione

Dott. Davide Tamellini Ing. Vittorio Agostinelli. Automazione. AssoAutomazione La gestione dell IP dinamico in rete GPRS con utilizzo del protocollo IEC60870: il concetto di Plc Gprs Manager, nella comunicazione wireless con standard IEC, applicato alle reti idriche geograficamente

Dettagli

(Service o Oriented Architecture)

(Service o Oriented Architecture) L Parliamo di SOA (Service o Oriented Architecture) Antonio Pintus, Marco Marongiu 1 Chi siamo Antonio Pintus è laureato in Informatica e studente di Dottorato di Ricerca in Informatica con argomenti relativi

Dettagli

Architetture software

Architetture software Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del A. A. 2013-2014 Architettura software 1 Architetture software Sommario Definizioni 2 Architettura Definizione. L architettura

Dettagli

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico Introduzione alle basi di dati Introduzione alle basi di dati Gestione delle informazioni Base di dati Modello dei dati Indipendenza dei dati Accesso ai dati Vantaggi e svantaggi dei DBMS Gestione delle

Dettagli

Web services. 25/01/10 Web services

Web services. 25/01/10 Web services Web services Tecnologia per il computing distribuito standard W3C non dissimile da RMI, CORBA, EJB... Relazione con il Web Websites for humans, Web Services for software :-) un Web service ha un indirizzo

Dettagli

Via G. A. Resti, 63-00143 Roma - Tel.06/519611.1. Scheda prodotto WKI Previdenza On Line Calcolo Primo Pilastro

Via G. A. Resti, 63-00143 Roma - Tel.06/519611.1. Scheda prodotto WKI Previdenza On Line Calcolo Primo Pilastro Scheda prodotto WKI Previdenza On Line Calcolo Primo Pilastro Previdenza On Line è una applicazione che consente di effettuare una simulazione previdenziale con l obiettivo di evidenziare il gap tra la

Dettagli

Plus srl :: www.conplus.it :: info@conplus.it :: Via Morgagni, 4/A 37135 Verona :: Tel. +39 045 580 491 :: Fax 045 82 78 722

Plus srl :: www.conplus.it :: info@conplus.it :: Via Morgagni, 4/A 37135 Verona :: Tel. +39 045 580 491 :: Fax 045 82 78 722 PMF Web-Service Quick-Start Guide Guida Introduttiva Cliente Redatto da Francesco Buratto Redatto il 01 gennaio 2011 Riferimento PMF 2011 Introduzione PMFWS è un web-service HTTP che espone un interfaccia

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI di concerto con IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI di concerto con IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE DECRETO 13 ottobre 2004: «Borsa nazionale continua del lavoro», di cui agli articoli 15 e 16 del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, di attuazione della legge 14 febbraio 2003, n. 30. IL MINISTRO

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 13 ottobre 2004 «Borsa nazionale continua del lavoro», di cui agli articoli 15 e 16 del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, di attuazione

Dettagli

Robot Operating System

Robot Operating System Robot Operating System Lezione 1 A cura di: Jonathan Cacace 1 Outline Lezione 1: Introduzione; Architettura ROS; Protocolli di comunicazione; Concetti base; Primi passi. Lezione 2: ROS Stage; 2 Introduzione

Dettagli

Sviluppo di applicazioni Internet: l'uso integrato di XML e Java

Sviluppo di applicazioni Internet: l'uso integrato di XML e Java UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Facoltà di Ingegneria - Sede di Modena Corso di Laurea in Ingegneria Infomatica Sviluppo di applicazioni Internet: l'uso integrato di XML e Java realizzata

Dettagli