Definizione e realizzazione di un modello architetturale per la gestione della transazionalità in processi di business distribuiti. Edoardo Di Lorenzo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Definizione e realizzazione di un modello architetturale per la gestione della transazionalità in processi di business distribuiti. Edoardo Di Lorenzo"

Transcript

1 Definizione e realizzazione di un modello architetturale per la gestione della transazionalità in processi di business distribuiti 29 marzo 2006 Edoardo Di Lorenzo Relatore: Marco Pistore

2 Web Services sistema software utilizzato per la comunicazione e l integrazione di servizi distribuiti indipendentemente dalla loro implementazione

3 Web Services sistema software utilizzato per la comunicazione e l integrazione di servizi distribuiti indipendentemente dalla loro implementazione un web service è composto da: un formato di messaggi comune ed estendibile (ad es. SOAP) un linguaggio per la descrizione dei servizi comune ed estendibile (ad es. WSDL) un metodo per essere trovato (ad es. WS-Addressing e UDDI)

4 WS-BPEL BPEL è un linguaggio basato su XML ideato per descrivere processi commerciali ed industriali in modo da permettere: un'agevole suddivisione dei compiti tra attori diversi la composizione di web service mediante il paradigma dell'orchestrazione

5 WS-BPEL BPEL è un linguaggio basato su XML ideato per descrivere processi commerciali ed industriali in modo da permettere: una agevole suddivisione dei compiti tra attori diversi la composizione di web service mediante il paradigma dell'orchestrazione esistono due forme di BPEL: eseguibile e astratta

6 WS-BPEL BPEL è un linguaggio basato su XML ideato per descrivere processi commerciali ed industriali in modo da permettere: una agevole suddivisione dei compiti tra attori diversi la composizione di web service mediante il paradigma dell'orchestrazione esistono due forme di BPEL: eseguibile e astratta ASTRO utilizza BPEL per la composizione di processi business distribuiti, mediante sintesi automatica

7 ESEMPIO BPEL: PARTE DI UN COORDINATORE

8 Transazioni importanti nell integrazione di servizi per garantire la consistenza delle operazioni eseguite B2B e B2C

9 Transazioni importanti nell integrazione di servizi per garantire la consistenza delle operazioni eseguite B2B e B2C la teoria delle transazioni applicate ai web service si rifà a quelle sviluppate per i database relazionali anche se con alcune differenze

10 Transazioni importanti nell integrazione di servizi per garantire la consistenza delle operazioni eseguite B2B e B2C la teoria delle transazioni applicate ai web service si rifà a quelle sviluppate per i database relazionali anche se con alcune differenze esistono tre protocolli transazionali per i WS

11 Transazioni importanti nell integrazione di servizi per garantire la consistenza delle operazioni eseguite B2B e B2C la teoria delle transazioni applicate ai web service si rifà a quelle sviluppate per i database relazionali anche se con alcune differenze esistono tre protocolli transazionali per i WS coordinatore e partecipante

12 Lavoro svolto realizzazione di una soluzione architetturale per dotare BPEL del supporto alla transazionalità

13 Lavoro svolto realizzazione di una soluzione architetturale per dotare BPEL del supporto alla transazionalità motivazioni perché richiesto dal mondo economico integrabile negli strumenti sviluppati da ASTRO caratteristica non fornita da nessun engine BPEL

14 Lavoro svolto realizzazione di una soluzione architetturale per dotare BPEL del supporto alla transazionalità motivazioni perché richiesto dal mondo economico integrabile negli strumenti sviluppati da ASTRO caratteristica non fornita da nessun engine BPEL scenario: ecommerce

15 Lavoro svolto realizzazione di una soluzione architetturale per dotare BPEL del supporto alla transazionalità motivazioni perché richiesto dal mondo economico integrabile negli strumenti sviluppati da ASTRO caratteristica non fornita da nessun engine BPEL scenario: ecommerce per portare a termine il compito è stato necessario realizzare tre applicativi

16 Prima soluzione architetturale integrazione diretta BPEL - Cohesions obiettivi realizzare un'implementazione di ecommerce mediante WS integrare un engine transazionale in BPEL realizzare un'interfaccia web per i processi BPEL asincroni

17 Prima soluzione architetturale integrazione diretta BPEL - Cohesions jsp html ajax jws BPEL Store INITIATOR Sito Store jws COORDINATOR Web Browser jws axis PARTICIPANT Cohesion Sito Bank jsp html bean jws BPEL Bank PARTICIPANT

18 Prima soluzione architetturale integrazione diretta BPEL - Cohesions risultati conseguiti prototipo funzionante acquisizione di esperienza

19 Prima soluzione architetturale integrazione diretta BPEL - Cohesions risultati conseguiti prototipo funzionante acquisizione di esperienza problemi emersi architettura complessa non completa divisione tra logica di business e transazionale problemi tecnologici

20 Seconda soluzione architetturale BTP in BPEL obiettivi: individuazione di un modello analisi più approfondita degli standard transazionali

21 Seconda soluzione architetturale BTP in BPEL obiettivi: individuazione di un modello analisi più approfondita degli standard transazionali scritta interamente in BPEL e basata su BTP

22 Seconda soluzione architetturale BTP in BPEL user store COORDINATOR PARTICIPANT bank PARTICIPANT user 3 request(context) 7 response(context_reply) store COORDINATOR 5 enrol 6 enrolled 9 prepare, cancel 12 prepared, not_prepared, cancelled 13 confirm, cancel 16 confirmed, cancelled PARTICIPANT

23 Seconda soluzione architetturale BTP in BPEL obiettivi: individuazione di un modello analisi più approfondita degli standard transazionali scritta interamente in BPEL e basata su BTP risultati: sono stati ricavati dei modelli per la progettazione del coordinatore e dei partecipanti divisione tra logica transazionale e quella business i processi si prestano a sintesi automatica

24 Terza soluzione architetturale integrazione BPEL - Cohesions, con processi traduttori prendendo quanto di buono emerso dalle due precedenti esperienze si è elaborata la terza soluzione architetturale composta da tre livelli: processi business, definiti mediante BPEL processi traduttori che fungono da tramite tra i processi business ed il transaction manager, realizzati in BPEL e mediante funzioni XPath transaction manager, Cohesions

25 m User BPEL 5 request() 6 repy() Bank BPEL m INITIATOR BPEL function extension exceptions / errors 3 scambio contesti BPEL function extension Cohesions PARTICIPANT PARTICIPANT Cohesions COORDINATOR

26 Terza soluzione architetturale integrazione BPEL - Cohesions, con processi traduttori vantaggi è possibile usare processi BPEL standard: è necessario aggiungere solo alcuni port type flessibilità processi facilmente sintetizzabili in maniera automatica

27 Conclusioni successo soluzione applicabile ai tool sviluppati da ASTRO possibili evoluzioni

28

29 BTP prepare prepared cancel cancelled confirm confirmed WS-AT prepare prepared rollback aborted commit committed WS-BA CC (Coordinator Completion) complete completed cancel compensate cancelled compensated close closed WS-BA PC (Participant Completion) * completed cancel compensate cancelled compensated close closed WS-TXM ACID prepare vote rollback rolledback commit committed WS-TXM LRA * addparticipant compensate compensated complete completed WS-TXM BP * workcompleted cancel cancelled confirm confirmed

Composizione e Coreografia di Web Services

Composizione e Coreografia di Web Services Composizione e Coreografia di Web Services Giusy Di Lorenzo Composizione Lo scopo della composizione è quello di comporre servizi esistenti al fine di definire un nuovo servizio a valore aggiunto Richiesta

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Il Paradigma REST per lo sviluppo di applicazioni Web 2.0

Il Paradigma REST per lo sviluppo di applicazioni Web 2.0 tesi di laurea Anno Accademico 2006/2007 Il Paradigma REST per lo sviluppo di applicazioni Web 2.0 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo correlatore Ing. Marcello Cinque candidato Antonio Alonzi Matr.

Dettagli

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Michele Ruta Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Politecnico di Bari 1di 29 Indice Introduzione ai Port Community

Dettagli

POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1

POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1 Allegato n. 2 al Capitolato speciale d appalto. ENTE PUBBLICO ECONOMICO STRUMENTALE DELLA REGIONE CALABRIA POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1 Procedura aperta sotto

Dettagli

(Service o Oriented Architecture)

(Service o Oriented Architecture) L Parliamo di SOA (Service o Oriented Architecture) Antonio Pintus, Marco Marongiu 1 Chi siamo Antonio Pintus è laureato in Informatica e studente di Dottorato di Ricerca in Informatica con argomenti relativi

Dettagli

Agenda. Seminario. Cedac Software - Hardware. Cedac Software S.r.l.

Agenda. Seminario. Cedac Software - Hardware. Cedac Software S.r.l. Seminario Architetture SOA in ambito bancario: Tecnologia ed applicazioni Agenda Cedac Software ed il suo Business SOA e Web Services Realizzazione di un Caso di Studio Nuove tecnologie WS-* Q&A Cedac

Dettagli

Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service

Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service Corso di Sistemi Distribuiti Stefano Iannucci iannucci@ing.uniroma2.it Anno

Dettagli

Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica

Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione Facoltà di Ingegneria Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea Sistema informativo per la gestione dei processi

Dettagli

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3,

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, Emergency healthcare process automation using workflow technology and web services M. Poulymenopoulou, F. Malamateniou, G. Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, 195 207 Processo

Dettagli

La Gestione degli Accordi di Cooperazione nel progetto OpenSPCoop

La Gestione degli Accordi di Cooperazione nel progetto OpenSPCoop Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Dipartimento di Informatica TESI DI LAUREA La Gestione degli Accordi di Cooperazione nel progetto OpenSPCoop Relatori prof.

Dettagli

La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA

La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA IBM System i5 La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA Massimo Marasco System i Technical Sales Support massimo_marasco@it.ibm.com Oriented Architecture (SOA) Servizio

Dettagli

Appendice D. D. Web Services

Appendice D. D. Web Services D. D.1 : cosa sono I cosiddetti sono diventati uno degli argomenti più attuali nel panorama dello sviluppo in ambiente Internet. Posti al centro delle più recenti strategie di aziende del calibro di IBM,

Dettagli

N.E.A.T. ( Neutral Environment Application Tools )

N.E.A.T. ( Neutral Environment Application Tools ) N.E.A.T. ( Neutral Environment Application Tools ) SCOPO : Ambiente per lo sviluppo di applicazioni WEB multimediali basate su Data Base Relazionale e strutturate secondo il modello a tre livelli: Presentazione

Dettagli

Internet e la Banca. Relatore Andrea Falleni, Responsabile Prodotti e Soluzioni BST Banking Solutions & Technologies Gruppo AIVE

Internet e la Banca. Relatore Andrea Falleni, Responsabile Prodotti e Soluzioni BST Banking Solutions & Technologies Gruppo AIVE Internet e la Banca Relatore Andrea Falleni, Responsabile Prodotti e Soluzioni BST Gruppo AIVE 1 Scenario Le BANCHE in Italia, al contrario delle concorrenti europee, hanno proposto, sul mercato dei nuovi

Dettagli

Pieces of Technology at your service. SOAtest. & LoadTest

Pieces of Technology at your service. SOAtest. & LoadTest Pieces of Technology at your service SOAtest TM & LoadTest TM DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO SOAtest è la piattaforma di test leader del settore per le architetture orientate ai servizi e applicazioni

Dettagli

Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005

Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005 Sommario Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005 Introduzione.................................................................................. 1 SOAP........................................................................................

Dettagli

Università degli studi di Ferrara. Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE

Università degli studi di Ferrara. Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE Università degli studi di Ferrara Facoltà di scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea Specialistica in Informatica Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni)

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Progettazione di Sistemi Interattivi Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Docente: Daniela Fogli Gli strati e la rete Stratificazione da un altro punto di vista: i calcolatori

Dettagli

Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services

Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Calcolo e Reti ad Alte Prestazioni Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services I. Marra M. Ciampi RT-ICAR-NA-06-04

Dettagli

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org 1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org Prefazione. Da Hello World a Hello World Wide Web. Hello World è la prima frase stampata a video dal primo programma di esempio scritto

Dettagli

Soluzioni per l'integrazione e l'accesso alle informazioni. Visus RAD. Andrea Rocchini

Soluzioni per l'integrazione e l'accesso alle informazioni. Visus RAD. Andrea Rocchini Soluzioni per l'integrazione e l'accesso alle informazioni Visus RAD Andrea Rocchini Obbiettivo Raccogliere, elaborare e distribuire informazioni in modo diretto, puntuale e capillare E' lo scopo ultimo

Dettagli

Web services. 25/01/10 Web services

Web services. 25/01/10 Web services Web services Tecnologia per il computing distribuito standard W3C non dissimile da RMI, CORBA, EJB... Relazione con il Web Websites for humans, Web Services for software :-) un Web service ha un indirizzo

Dettagli

simplesoad SOA/BPO ARCHITECT

simplesoad SOA/BPO ARCHITECT SIMPLE ENGINEERING simplesoad SOA/BPO ARCHITECT TRAINING CYCLE SHEET SIMPLESOAD_SA_COURSE_SHEET_IT_2007032701 SIMPLE ENGINEERING 2007 - ALL RIGHTS RESERVED. SIMPLE ENGINEERING IS AN INDEPENDENT EUROPEAN

Dettagli

Quando SOA incontra l'enterprise 2.0 Alcune linee guida

Quando SOA incontra l'enterprise 2.0 Alcune linee guida Quando SOA incontra l'enterprise 2.0 Alcune linee guida Agenda SOA e Enterprise 2.0 Definizione di SOA Reference Model e Reference Architecture Architettura di integrazione SOA 10 Best Practices per l'introduzione

Dettagli

Modellazione concettuale di processi aziendali distribuiti basati su architettura Web Services

Modellazione concettuale di processi aziendali distribuiti basati su architettura Web Services POLITECNICO DI MILANO FACOLTA DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE SEDE DI MILANO LEONARDO DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA E INFORMAZIONE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA Modellazione concettuale

Dettagli

Programmare in ambiente Java Enterprise: l offerta formativa di Infodue

Programmare in ambiente Java Enterprise: l offerta formativa di Infodue Tecnologia e professionalità al servizio del business, dal 1986 Programmare in ambiente Java Enterprise: l offerta Copyright 2006 Infodue S.r.l. La programmazione nell era era del Web Computing L evoluzione

Dettagli

REGIONE BASILICATA UFFICIO S. I. R. Standard Tecnologici dei Sistemi Informativi

REGIONE BASILICATA UFFICIO S. I. R. Standard Tecnologici dei Sistemi Informativi UFFICIO S. I. R. Standard Tecnologici dei Sistemi Informativi Autori: Dott.ssa Domenica Nardelli (P.O.C. Area Applicativa Ufficio SIR) Data di creazione: 03 Ottobre 2005 Ultimo aggiornamento: 03 Ottobre

Dettagli

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo Contratto per l acquisizione di servizi di Assistenza specialistica per la gestione e l evoluzione del patrimonio software della Regione Basilicata. Repertorio n. 11016 del 25/09/2009 Progettazione: Tecnologie

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

Requisiti della Business Intelligence

Requisiti della Business Intelligence Realizzazione di un sistema informatico on-line bilingue di gestione, monitoraggio, rendicontazione e controllo del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Francia Marittimo finanziato dal

Dettagli

Pag. 1. Gestione delle transazioni. Linguaggio SQL: costrutti avanzati. Esempio applicativo. Gestione delle transazioni. Prelievo. Esempio applicativo

Pag. 1. Gestione delle transazioni. Linguaggio SQL: costrutti avanzati. Esempio applicativo. Gestione delle transazioni. Prelievo. Esempio applicativo Gestione delle transazioni Introduzione Transazioni in SQL Linguaggio SQL: costrutti avanzati 2 applicativo Operazioni bancarie operazione di prelievo dal proprio conto corrente mediante bancomat Gestione

Dettagli

Costruire il futuro il valore delle scelte tecnologiche

Costruire il futuro il valore delle scelte tecnologiche Franco Lenzi Costruire il futuro il valore delle scelte tecnologiche 7 e 8 maggio 2010, Venezia, Hotel Hilton Molino Stucky 1 La strategia tecnologica Gli obiettivi espressi dalle scelta di strategia e

Dettagli

Monitoraggio della Rete di Assistenza

Monitoraggio della Rete di Assistenza Studio di fattibilità Allegato al Deliverable A Monitoraggio della Rete di Assistenza Fase 1 Anagrafica ASL Comuni assistibili () ESTRATTO Indice del documento A.20 SCOPO DELL APPLICAZIONE...3 A.20.20

Dettagli

Web Services. Scoperta del servizio UDDI. Descrizione del servizio WSDL. Accesso al servizio SOAP XML. Starto di comunicazione HTTP

Web Services. Scoperta del servizio UDDI. Descrizione del servizio WSDL. Accesso al servizio SOAP XML. Starto di comunicazione HTTP Web Services I web services servono a rendere interoperabili le applicazioni e favoriscono la loro integrazione. I servizi web sono applicazioni software che possono essere scoperte, descritte e usate

Dettagli

Processi BPEL. Obiettivi

Processi BPEL. Obiettivi Università degli studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Processi BPEL Corso di Sistemi Distribuiti Stefano Iannucci Anno accademico 2009/10 Email: sd@chmod.it Obiettivi Esercitazione pratica su:

Dettagli

Anno Scolastico: 2014/2015. Indirizzo: Sistemi informativi aziendali. Classe quarta AS. Disciplina: Informatica. prof.

Anno Scolastico: 2014/2015. Indirizzo: Sistemi informativi aziendali. Classe quarta AS. Disciplina: Informatica. prof. Anno Scolastico: 2014/2015 Indirizzo: Sistemi informativi aziendali Classe quarta AS Disciplina: Informatica prof. Competenze disciplinari: Secondo biennio 1. Identificare e applicare le metodologie e

Dettagli

Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard

Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard Architettura ABSCARD Pagina 1 di 13 INDICE GENERALE 1 Architettura...3 1.1 Introduzione...3 1.1.1 Sicurezza...4 1.1.2 Gestione...5 1.1.3 ABScard

Dettagli

YAWL Workflow Management System

YAWL Workflow Management System YAWL Workflow Management System Gabriele Pozzani Barbara Oliboni Sistemi informativi aziendali Laurea magistrale in Ingegneria e scienze informatiche http://www.yawlfoundation.org/ Materiale prodotto da:

Dettagli

Framework di Middleware. per Architetture Enterprise

Framework di Middleware. per Architetture Enterprise Framework di Middleware per Architetture Enterprise Corso di Ingegneria del Software A.A.2011-2012 Un po di storia 1998: Sun Microsystem comprende l importanza del World Wide Web come possibile interfaccia

Dettagli

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti PROGRAMMAZIONE di RETE A.A. 2003-2004 Corso di laurea in INFORMATICA Introduzione ai Web Services alberto.polzonetti@unicam.it Introduzione al problema della comunicazione fra applicazioni 2 1 Il Problema

Dettagli

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica i Architettura Tecnica ii Copyright 2005-2011 Link.it s.r.l. iii Indice 1 Scopo del documento 1 1.1 Abbreviazioni..................................................... 1 2 Overview 1 2.1 La PdD........................................................

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

Verso la creazione di un prototipo di sportello unico marittimo (direttiva 65/2010/UE)

Verso la creazione di un prototipo di sportello unico marittimo (direttiva 65/2010/UE) Verso la creazione di un prototipo di sportello unico marittimo (direttiva 65/2010/UE) Mario Mega Dirigente Autorità Portuale di Bari ROMA, 9 Aprile 2014 project partners CONTESTO Con la DIRETTIVA 2010/65/UE

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Gestire l informazione in un ottica innovativa. Enrico Durango Manager of Information Management Software Sales - IBM Italia

Gestire l informazione in un ottica innovativa. Enrico Durango Manager of Information Management Software Sales - IBM Italia Gestire l informazione in un ottica innovativa Enrico Durango Manager of Information Management Software Sales - IBM Italia INFORMAZIONE 2 La sfida dell informazione Business Globalizzazione Merger & Acquisition

Dettagli

Basi di Dati Distribuite

Basi di Dati Distribuite Basi di Dati Distribuite P. Atzeni, S. Ceri, S. Paraboschi, R. Torlone (McGraw-Hill Italia) Basi di dati: architetture linee di evoluzione - seconda edizione Capitolo 3 Appunti dalle lezioni SQL come DDL

Dettagli

Il Registro dei Servizi di OpenSPCoop i. Il Registro dei Servizi di OpenSPCoop

Il Registro dei Servizi di OpenSPCoop i. Il Registro dei Servizi di OpenSPCoop i Il Registro dei Servizi di OpenSPCoop ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Visualizzazione del registro dei servizi HTTP 1 3 Visualizzazione del registro dei servizi UDDI

Dettagli

Descrizione generale. Architettura del sistema

Descrizione generale. Architettura del sistema Descrizione generale Sister.Net nasce dall esigenza di avere un sistema generale di Cooperazione Applicativa tra Enti nel settore dell Informazione Geografica che consenta la realizzazione progressiva

Dettagli

Archivi e database. Lezione n. 7

Archivi e database. Lezione n. 7 Archivi e database Lezione n. 7 Dagli archivi ai database (1) I dati non sempre sono stati considerati dall informatica oggetto separato di studio e di analisi Nei primi tempi i dati erano parte integrante

Dettagli

Glossario. dei. termini

Glossario. dei. termini MoonSoft Via Belzoni, 6 35100 Padova E-Mail: moonsoft2007@gmail.com Glossario dei termini Versione 1.2e Redatto da: Spimpolo Matteo Controllato da: Scapin Enrico Approvato da: Tessari Lorenzo MST_RR_GlossarioDeiTermini_1.2e

Dettagli

Linguaggio SQL: costrutti avanzati

Linguaggio SQL: costrutti avanzati Linguaggio SQL: costrutti avanzati Gestione delle transazioni Introduzione Transazioni in SQL Proprietà delle transazioni 2 Pag. 1 1 Gestione delle transazioni Esempio applicativo Operazioni bancarie operazione

Dettagli

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE Flavia Marzano marzano@cibernet.it 10/05/2004 ARPA Club Forum PA 2004 Contenuti Cenni normativi Sistema di gestione documentale:

Dettagli

Applicazione: TEMPlus Sistema Informativo a supporto delle procedure amministrative/contabili

Applicazione: TEMPlus Sistema Informativo a supporto delle procedure amministrative/contabili Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni Amm_vo/Contabile Applicazione: TEMPlus Sistema Informativo a supporto delle procedure amministrative/contabili Amministrazione: Ministero dell'interno

Dettagli

UFFICIO S. I. LICA R. S. TA

UFFICIO S. I. LICA R. S. TA REGI ONE BASI UFFICIO S. I. LICA R. S. TA Standard Tecnologici Pagina i di 11 Controllo del documento Identificazione documento Titolo Tipo Identificatore Nome file

Dettagli

Sommario. Introduzione... xvii. 1 Che cosa sono i servizi Web?... 1

Sommario. Introduzione... xvii. 1 Che cosa sono i servizi Web?... 1 Sommario Introduzione................................................... xvii Benvenuti!......................................................... xvii Questo libro fa al caso vostro?..........................................

Dettagli

fornitore di servizi utente all interazione tra utenti e sistemi

fornitore di servizi utente all interazione tra utenti e sistemi WEB SERVICES Successo del Web Negli anni passati il Web ha avuto un enorme successo principalmente per due motivi: Semplicità: Ubiquità Per un fornitore di servizi è semplice raggiungere un numero molto

Dettagli

Modelli per la descrizione di protocolli

Modelli per la descrizione di protocolli POLITECNICO DI MILANO Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Modelli per la descrizione di protocolli asincroni basati sull usouso di servizi Web Relatore: Prof. Stefano Ceri Correlatori: Ing. Marco

Dettagli

MES E SOA UN WHITE-PAPER DI SANTIN E ASSOCIATI MASSIMO SANTIN GENNAIO 2007

MES E SOA UN WHITE-PAPER DI SANTIN E ASSOCIATI MASSIMO SANTIN GENNAIO 2007 MES E SOA UN WHITE-PAPER DI SANTIN E ASSOCIATI MASSIMO SANTIN GENNAIO 2007 SOA e MES Un white paper - 2006-2007 Santin e Associati http://www.santineassociati.com 2 MES E SOA SOA (Services Oriented Architecture)

Dettagli

Web Service Architecture

Web Service Architecture Giuseppe Della Penna Università degli Studi di L Aquila dellapenna@di.univaq.it http://dellapenna.univaq.it Engineering IgTechnology Info92 Maggioli Informatica Micron Technology Neta Nous Informatica

Dettagli

Indice. Ringraziamenti dell Editore

Indice. Ringraziamenti dell Editore Prefazione Autori Ringraziamenti dell Editore XVII XXI XXIII 1 Introduzione 1 1.1 Sistemi informativi, informazioni e dati 1 1.2 Basi di dati e sistemi di gestione di basi di dati 3 1.3 Modelli dei dati

Dettagli

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA Microsoft Dynamics: soluzioni gestionali per l azienda Le soluzioni software per il business cercano, sempre più, di offrire funzionalità avanzate

Dettagli

Piattaforma tecnologica e strumenti di sviluppo

Piattaforma tecnologica e strumenti di sviluppo Piattaforma tecnologica e strumenti di sviluppo La tecnologia informatica e i nuovi paradigmi applicativi sono in continua evoluzione per dare risposta alle crescenti necessità del mercato con strumenti

Dettagli

SCHEDA TECNICA. Caratteristiche generali di prodotto. Denominazione ArchWebRC. Amministrazione Regione Campania. Note e considerazioni sul riuso /

SCHEDA TECNICA. Caratteristiche generali di prodotto. Denominazione ArchWebRC. Amministrazione Regione Campania. Note e considerazioni sul riuso / SCHEDA TECNICA Denominazione ArchWebRC Amministrazione Regione Campania Note e considerazioni sul riuso Caratteristiche generali di prodotto Descrizione Piattaforma software che consenta la ricerca, la

Dettagli

Scenario di Progettazione

Scenario di Progettazione Appunti del 3 Ottobre 2008 Prof. Mario Bochicchio SCENARIO DI PROGETTAZIONE Scenario di Progettazione Il Committente mette a disposizione delle risorse e propone dei documenti che solitamente rappresentano

Dettagli

Sistemi Informativi e Servizi in Rete

Sistemi Informativi e Servizi in Rete Sistemi Informativi e Servizi in Rete prof. V. De Antonellis Dipartimento di Ingegneria dell'informazione Università di Brescia valeria.deantonellis@ing.unibs.it Materiale del corso Sito web: www.ing.unibs.it/~deantone/

Dettagli

Architettura e componenti per la cooperazione applicativa nella Pubblica Amministrazione. White Paper Oracle Novembre 2002

Architettura e componenti per la cooperazione applicativa nella Pubblica Amministrazione. White Paper Oracle Novembre 2002 Architettura e componenti per la cooperazione applicativa nella Pubblica Amministrazione White Paper Oracle Novembre 2002 Architettura e componenti Oracle per la cooperazione applicativa nella Pubblica

Dettagli

Architettura SW Definizione e Notazioni

Architettura SW Definizione e Notazioni Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Stili Architetturali E. TINELLI Architettura SW Definizione e Notazioni Definizione ANSI/IEEE Std Std1471-2000

Dettagli

Un Sistema Informativo per il Monitoraggio di Apparati Radar mediante l uso di Griglie Computazionali

Un Sistema Informativo per il Monitoraggio di Apparati Radar mediante l uso di Griglie Computazionali tesi di laurea Un Sistema Informativo per il Monitoraggio di Apparati Radar Anno Accademico 2008/2009 relatore Ch.mo prof. Stefano Russo correlatore Ing. Generoso Paolillo candidato Vincenzo Carletti Matr.

Dettagli

JSIS JSIS L architettura JSIS

JSIS JSIS L architettura JSIS JSIS JSIS L architettura JSIS La piattaforma JSIS Java Solution Integrated Suites, interamente realizzata dai nostri laboratori di sviluppo software, è una soluzione che integra la gestione di diverse

Dettagli

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet: www.ettoremajorana.gov.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ITI "G. FALCONE" COLLEFERRO (RM) Classe V Sez. B ITI Informatica - Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ITI G. FALCONE COLLEFERRO (RM) Classe V Sez. B ITI Informatica - Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE Classe V Sez. B ITI Informatica - Anno scolastico 2014-2015 Materia: Informatica Testo adottato: Le asi di dati. Il linguaggio QL A. Lorenzi, D. Rossi Ed. Atlas Descrizione programma:

Dettagli

Modeling and Testing of Web Services

Modeling and Testing of Web Services Modeling and Testing of Web Services Andrea Polini Dipartimento di Matematica ed Informatica Università degli Studi di Camerino andrea.polini@unicam.it (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services

Dettagli

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Introduzione generale

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Introduzione generale Introduzione Basi di Dati / Complementi di Basi di Dati 1 Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Introduzione generale Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di

Dettagli

UNA RELEASE ROBUSTA E COLLAUDATA IN CONTESTI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI EVOLUZIONE DELLA PIATTAFORMA ASSICURATIVA ALL IN ONE

UNA RELEASE ROBUSTA E COLLAUDATA IN CONTESTI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI EVOLUZIONE DELLA PIATTAFORMA ASSICURATIVA ALL IN ONE L offerta di Value+, in origine focalizzata sulla gestione dei Rami Vita e dei Fondi Pensione attraverso il sistema invita, diffuso in Italia e all estero, si è arricchita nel corso degli anni estendendosi

Dettagli

Survey sui Framework per Testing di Sistemi Basati su Web Services

Survey sui Framework per Testing di Sistemi Basati su Web Services Survey sui Framework per Testing di Sistemi Basati su Web Services Severoni Francesco Facoltà di Scienze Dipartimento di Informatica Università degli Studi - L Aquila 67100 L Aquila, Italia Argomenti Trattati

Dettagli

Modello dell Infrastruttura per il Fascicolo Sanitario Elettronico (InfFSE) Progetto: Infrastruttura tecnologica del Fascicolo Sanitario Elettronico

Modello dell Infrastruttura per il Fascicolo Sanitario Elettronico (InfFSE) Progetto: Infrastruttura tecnologica del Fascicolo Sanitario Elettronico Dipartimento per la digitalizzazione della PA e l innovazione Consiglio Nazionale delle Ricerche Dipartimento delle Tecnologie dell Informazione e delle Comunicazioni Modello dell Infrastruttura per il

Dettagli

Caratteristiche principali. Contesti di utilizzo

Caratteristiche principali. Contesti di utilizzo Dalle basi di dati distribuite alle BASI DI DATI FEDERATE Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Università di Roma La Sapienza Anno Accademico 2006/2007 http://www.dis.uniroma1.it/

Dettagli

Master sull Interoperabilità nella Pubblica Amministrazione e nelle Imprese

Master sull Interoperabilità nella Pubblica Amministrazione e nelle Imprese Il Master di secondo livello in "Interoperabilità per la Pubblica Amministrazione e le Imprese" mira a formare professionisti di sistemi di e-government in grado di gestirne aspetti tecnologici, normativi,

Dettagli

L evoluzione delle Applicazioni Distribuite

L evoluzione delle Applicazioni Distribuite L evoluzione delle Applicazioni Distribuite Dai terminali a fosfori verdi al Client-Server a Internet Architettura basata su Mainframe thin client su 3270 a fosfori verde server TP-Monitor su Mainframe

Dettagli

Laboratorio di RETI DI CALCOLATORI

Laboratorio di RETI DI CALCOLATORI Laboratorio di RETI DI CALCOLATORI A.A. 2009-2010 I WEB SERVICES Carlo Mastroianni Laboratorio di Reti di Calcolatori - Orario lunedì, 11:30-13:30, aula 40B mercoledì, 10:00-11:30, laboratorio settimo

Dettagli

Sistemi Web Tolleranti ai Guasti

Sistemi Web Tolleranti ai Guasti Sistemi Web Tolleranti ai Guasti Candidato: Paolo Romano Relatore: Prof. Salvatore Tucci Correlatore: Prof. Bruno Ciciani Sommario Il problema: garantire semantica exactly once alle transazioni Web. Sistema

Dettagli

tesi di laurea Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Manganiello Felice Matr. 534/001569

tesi di laurea Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Manganiello Felice Matr. 534/001569 tesi di laurea CONFRONTO TRA SOLUZIONI COMMERCIALI PER LA REALIZZAZIONE Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Manganiello Felice Matr. 534/001569 CONFRONTO TRA SOLUZIONI

Dettagli

SWIM v2 Design Document

SWIM v2 Design Document PROGETTO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE 2 SWIM v2 DD Design Document Matteo Danelli Daniel Cantoni 22 Dicembre 2012 1 Indice Progettazione concettuale Modello ER Entità e relazioni nel dettaglio User Feedback

Dettagli

CURRICULUM VITAE Ing. Alessandro Craviolatti

CURRICULUM VITAE Ing. Alessandro Craviolatti CURRICULUM VITAE Ing. Alessandro Craviolatti Via E. De Filippo, 13 S.Anastasia (NA) Tel. 0815305484 Cell. 3289684006 E-mail: ale.craviolatti@tiscali.it Data di nascita: 18/01/1975 Luogo di nascita: Napoli

Dettagli

A2 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

A2 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE A2 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE AZIENDA : Organizzazione di cose e persone che persegue uno scopo economico. (ditte, famiglie, banche, associazioni) IMPRESA : azienda la cui attività produttiva è destinata

Dettagli

Servizi intelligenti per l utente mobile: un esempio in applicazioni turistiche

Servizi intelligenti per l utente mobile: un esempio in applicazioni turistiche Servizi intelligenti per l utente mobile: un esempio in applicazioni turistiche Liliana Ardissono Gruppo di Intelligent User Interfaces Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino liliana@di.unito.it

Dettagli

Le piattaforme tecnologiche per l erogazione di servizi on line. "integrare" accesso applicazioni processi per erogare "servizi"

Le piattaforme tecnologiche per l erogazione di servizi on line. integrare accesso applicazioni processi per erogare servizi Le piattaforme tecnologiche per l erogazione di servizi on line IBM Software Group "integrare" accesso per erogare "servizi" "beppe" g. dovera IBM - Senior Consulting IT Specialist Software Group - EMEA

Dettagli

Da Settembre 2010 Oggi. Go Project srl via Alessandria 88, Roma. Inail Istituto Nazionale Infortuni sul Lavoro

Da Settembre 2010 Oggi. Go Project srl via Alessandria 88, Roma. Inail Istituto Nazionale Infortuni sul Lavoro F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Qualifica: INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nazionalità italiana Data di nascita 08/10/1974 ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Da Settembre

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

TECHNOLOGY PLATFORM & DEVELOPMENT TOOLS

TECHNOLOGY PLATFORM & DEVELOPMENT TOOLS I N F I N I T Y Z U C C H E T T I TECHNOLOGY PLATFORM & DEVELOPMENT TOOLS & DEVELOPMENT TOOLS Piattaforma tecnologica e strumenti di sviluppo La tecnologia informatica e i nuovi paradigmi applicativi sono

Dettagli

Informatica: Evoluzione dei Linguaggi di Specifica e Programmazione. Informatica: Evoluzione dei Linguaggi di Specifica e Programmazione

Informatica: Evoluzione dei Linguaggi di Specifica e Programmazione. Informatica: Evoluzione dei Linguaggi di Specifica e Programmazione Informatica: Evoluzione dei Linguaggi di Specifica e Programmazione Ugo Montanari Dipartimento di Informatica, Università di Pisa 0 Roadmap Perchè i linguaggi? Che cosa sono i linguaggi? Esempio: i numeri

Dettagli

02CIXPG Sistemi informativi aziendali

02CIXPG Sistemi informativi aziendali 02CIXPG Sistemi informativi aziendali Introduzione al Corso 1 http://bit.ly/sistinfo http://elite.polito.it/ teaching-mainmenu-69/ laurea-specialistica-mainmenu-83/117-02cix Fulvio Corno Dipartimento di

Dettagli

Portale regionale della Salute. Servizi di prenotazione prestazione e pagamento ticket.

Portale regionale della Salute. Servizi di prenotazione prestazione e pagamento ticket. Portale regionale della Salute Servizi di prenotazione prestazione e pagamento ticket. Specifiche di integrazione dei servizi di cooperazione applicativa e dei web services. Versione 1.10 16 Ottobre 2013

Dettagli

J2EE (o JEE): Framework Java per lo sviluppo di applicazioni WEB Enterprise, che vivono in rete e che siano accessibili attraverso browser.

J2EE (o JEE): Framework Java per lo sviluppo di applicazioni WEB Enterprise, che vivono in rete e che siano accessibili attraverso browser. Il Pattern MVC J2EE (o JEE): Framework Java per lo sviluppo di applicazioni WEB Enterprise, che vivono in rete e che siano accessibili attraverso browser. Il famework Sun J2EE Component, Container e Connector:

Dettagli