LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014"

Transcript

1 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate , n. 19/E In breve: A decorrere dall la tassazione dei redditi di natura finanziaria è stata e levata dal 20% al 26%, con esclusione di alcune fattispecie (ad esempio, redditi derivanti da titoli di Stato italiani ed esteri). Tale incremento riguarda, in particolare, gli utili / plusvalenze riferiti a partecipazioni non qualificate, mentre non ha effetto sulla tassazione degli utili / plusvalenze da partecipazioni qualificate, soggetti a tassazione nella misura del 49,72%. Inoltre, per attenuare la maggior tassazione ed evitare che l aumento dell aliquota incida sui redditi maturati fino al , il Legislatore ha previsto la possibilità di affrancare il valore della partecipazione a tale data, previo versamento di un imposta sostitutiva del 20%. In tal modo, in sede di determinazione della plus / minusvalenza, in luogo del costo d acquisto è possibile assumere il valore affrancato a detta data. L impianto e gli aspetti essenziali del nuovo quadro normativo replicano sostanzialmente quanto previsto nel 2012 in occasione dell aumento / unificazione dell imposizione al 20%.

2 In dettaglio: Come noto, per effetto di quanto disposto dagli artt. 3 e 4, DL n. 66/2014, c.d. Decreto Renzi, a decorrere dall , la tassazione dei redditi di natura finanziaria è passata dal 20% al 26%, fatta eccezione per alcune tipologie di redditi, quali ad esempio, quelli derivanti da titoli di Stato italiani o esteri. Al fine di meglio definire l ambito di applicazione della nuova aliquota e la decorrenza della stessa, l Agenzia delle Entrate ha fornito alcuni chiarimenti con la Circolare , n. 19/E, nella quale è innanzitutto evidenziato che: l intervento normativo prosegue, nella sostanza, la strada intrapresa dal legislatore con la riforma contenuta nell articolo 2 del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, che ha unificato al 20 per cento le aliquote di tassazione dei rendimenti finanziari, replicandone l impianto e gli aspetti essenziali. Alla luce di ciò, come affermato dalla stessa Agenzia, risulta applicabile quanto previsto dal DM , attuativo del citato DL n. 138/2011 ed è possibile fare riferimento, per quanto non previsto dalla citata Circolare n. 19/E, ai chiarimenti contenuti nella Circolare , n. 11/E. La nuova aliquota della ritenuta ovvero dell imposta sostitutiva è applicabile ai redditi di natura finanziaria, ossia: agli interessi, premi e altri proventi di cui all art. 44, TUIR. In merito la citata Circolare n. 19/E precisa che il generico riferimento ai redditi di cui all art. 44 (e non specificamente ai redditi di capitale) ha la finalità di consentire l applicazione della nuova aliquota anche ai redditi genericamente rientranti fra le fattispecie di cui al predetto articolo 44 che non assumono, tuttavia, la qualifica di redditi di capitale essendo percepiti nell esercizio di attività di impresa. Di conseguenza, la nuova misura del 26% riguarda anche le ritenute applicate nei confronti di soggetti che per loro natura non possono essere titolari di redditi di capitale; ai redditi diversi di cui all art. 67, comma 1, lett. da c-bis) a c-quinquies), TUIR. La nuova aliquota del 26% è applicabile, tra l altro, agli utili e alle plusvalenze derivanti da partecipazioni non qualificate. Inoltre, a seguito dell aumento dell aliquota al 26% della ritenuta applicabile agli utili: l importo massimo dell imposta pagata all estero in via definitiva dai non residenti che può essere richiesta a rimborso ai sensi dell art. 27, comma 3, DPR n. 600/73 risulta ora pari a 11/26 (anziché 1/4) della ritenuta operata in Italia; i redditi diversi derivanti dalle obbligazioni e dagli altri titoli di cui all art. 31, DPR n. 601/73 e dalle obbligazioni emesse da Stati non black list vanno computati nella misura del 48,08% dell ammontare realizzato. L intervento del Legislatore, diretto all innalzamento delle aliquote sui redditi di natura finanziaria, non si estende ad alcune tipologie degli stessi e ciò, come specificato nella citata Circolare n. 19/E, al fine di salvaguardare alcuni interessi generali di carattere pubblico oppure specifici interessi meritevoli di tutela da parte dell ordinamento. In particolare, continua a trovare applicazione l aliquota nella misura del: 12,50% con riferimento, tra l altro, a: interessi, premi e altri proventi di cui al citato art. 44, derivanti da titoli pubblici italiani e ad essi equiparati ex art. 31, DPR n. 601/73, nonché da contratti di riporto, pronti contro termine e prestito titoli, aventi ad oggetto titoli di Stato o equiparati; redditi diversi di cui al citato art. 67, derivanti dalla cessione o dal rimborso dei titoli di cui al punto precedente; 5% con riguardo, tra l altro, agli interessi infragruppo, ossia a quelli corrisposti da società italiane a società estere consociate in presenza degli specifici requisiti previsti dalla Direttiva n. 2003/49/CE, con l eccezione della condizione di beneficiario effettivo di cui all art. 26-quater, comma 8-bis, DPR n. 600/73; 1,375% agli utili corrisposti a società ed enti esteri soggetti alle imposte sui redditi delle società in Stati UE o SEE white list, ex art. 27, comma 3-ter, DPR n. 600/73.

3 L aliquota del 26% non è inoltre applicabile al risultato netto maturato relativamente alle forme di previdenza complementare di cui al D.Lgs. n. 252/2005, sul quale è dovuta l imposta sostitutiva la cui misura passa per il 2014 all 11,5% (anziché 11%). Di seguito si esaminano gli effetti delle novità sopra riportate con particolare riguardo agli utili / plusvalenze derivanti da partecipazioni detenute in società di capitali. TASSAZIONE DEGLI UTILI Gli utili percepiti da persone fisiche (privati) derivanti dalla partecipazione in società di capitali sono soggetti ad un trattamento fiscale diversificato in base ai seguenti 2 elementi: 1. localizzazione della società partecipata, a seconda che gli utili siano corrisposti da soggetti residenti, non residenti o residenti in Stati a fiscalità privilegiata (c.d. black list ); 2. tipo di partecipazione posseduta dal socio, qualificata o non qualificata, rammentando che: partecipazione non qualificata partecipazione qualificata rappresenta una percentuale pari o inferiore al 20% dei diritti di voto esercitabili in assemblea ordinaria ovvero al 25% del capitale o patrimonio sociale (2% in caso di partecipazioni in società quotate) rappresenta una percentuale superiore al 20% dei diritti di voto esercitabili in assemblea ordinaria ovvero al 25% del capitale o patrimonio sociale (5% in caso di partecipazioni in società quotate) UTILI CORRISPOSTI DA SOCIETÀ RESIDENTI Gli utili corrisposti da società residenti al socio persona fisica (privato) relativi: ad una partecipazione qualificata, concorrono alla formazione del reddito complessivo del socio, da assoggettare a tassazione nel mod. UNICO, nella misura del: 49,72% se prodotti successivamente all esercizio in corso al ; 40% se prodotti fino all esercizio in corso al Il trattamento fiscale dei dividendi percepiti da persone fisiche residenti per partecipazioni qualificate nonché di quelli percepiti nell ambito del regime d impresa non hanno subìto modifiche per effetto delle disposizioni contenute nel citato DL n. 66/2014; ad una partecipazione non qualificata, sono soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d imposta applicata sul 100% dell importo spettante. Detti utili sono quindi esclusi dal reddito complessivo da dichiarare nel mod. UNICO. Come accennato, la misura della ritenuta a titolo d imposta applicabile agli utili derivanti da tali partecipazioni è aumentata dal 20% al 26%. La nuova misura è applicabile agli utili percepiti dall Tipologia partecipazione (*) 40% per utili prodotti fino al Utili corrisposti da soggetti IRES / società residenti Utile tassato Non qualificata 100% Modalità tassazione dividendi Fino al Ritenuta a titolo d imposta Dall Qualificata 49,72% (*) Tassazione in dichiarazione dei redditi Si rammenta che per i soci di srl trasparenti ex art. 116, TUIR, l incasso di utili formatisi in tale regime fiscale non costituisce reddito, considerato che il reddito prodotto dalla società è già stato tassato per trasparenza in capo agli stessi. 26%

4 UTILI CORRISPOSTI DA SOCIETÀ NON RESIDENTI Gli utili corrisposti da società non residenti al socio persona fisica (privato) relativi: ad una partecipazione qualificata, concorrono alla formazione del reddito complessivo del socio nella misura del 49,72% (40% se prodotti fino al 2007) del loro ammontare; su tale importo, al netto della ritenuta applicata nello Stato estero (c.d. netto frontiera ), l intermediario che interviene nella riscossione (banca, ecc.) applica una ritenuta alla fonte a titolo d acconto in misura pari, dall , al 26% (in luogo del 20%). ad una partecipazione non qualificata, analogamente agli utili di fonte italiana, sono soggetti alla ritenuta alla fonte a titolo d imposta e quindi gli stessi sono esclusi dal reddito complessivo da dichiarare nel mod. UNICO. Anche con riferimento a tali utili la ritenuta a titolo d imposta è stata aumentata, dall , al 26%. La ritenuta è applicabile dall intermediario (banca, ecc.) che cura la riscossione. Qualora gli utili siano stati percepiti senza l intervento di un intermediario ovvero quest ultimo non abbia operato la ritenuta, gli stessi sono assoggettati ad imposta sostitutiva ex art. 18, TUIR nella stessa misura della ritenuta alla fonte applicata in Italia, ossia 26% dall Ai sensi dell art. 47, comma 4, TUIR, gli utili relativi ad una partecipazione qualificata corrisposti da soggetti residenti in Stati a fiscalità privilegiata (c.d. black list ) concorrono per il 100% alla formazione del reddito complessivo del socio residente. La tassazione integrale trova un eccezione qualora: gli utili siano stati imputati al socio per trasparenza sulla base della normativa concernente le c.d. CFC di cui agli artt. 167 e 168, TUIR; il socio abbia ricevuto parere favorevole dall Agenzia delle Entrate a seguito della presentazione dell interpello diretto a dimostrare che dalla partecipazione non è stato conseguito, fin dall inizio del periodo di possesso, l effetto di localizzare i redditi in uno Stato a regime fiscale privilegiato. Gli utili derivanti da una partecipazione non qualificata in un soggetto residente in uno Stato black list sono assoggettati alla ritenuta a titolo d imposta e quindi anche gli stessi scontano la ritenuta nella misura del 26% dall Ritenuta a titolo d'imposta Fino al Dall (*) 40% per utili prodotti fino al (**) Se è stato ottenuto parere favorevole all'interpello presentato all Agenzia delle Entrate, l utile concorre alla formazionedelreddito complessivonella misura del49,72% (40% se prodotto fino al2007). DECORRENZA In generale, come disposto dall art. 3, comma 6, DL n. 66/2014, le novità sopra esaminate sono applicabili agli interessi, premi e altri proventi di cui all art. 44, TUIR divenuti esigibili a decorrere dal 1 luglio 2014, ossia per i quali il diritto alla percezione è sorto da tale data. L esigibilità rileva, in particolare, con riferimento ai redditi di capitale derivanti da mutui, depositi e c/c diversi da quelli bancari e postali, operazioni di riporto e pronti contro termine, ecc.

5 Tuttavia, relativamente ai dividendi e ai proventi ad essi assimilati, la lett. a) del comma 7 del citato art. 3, prevede che la nuova aliquota del 26% si applica a quelli percepiti alla data indicata al comma 6 [ ]. Di conseguenza, come precisato nella citata Circolare n. 19/E, si deve fare riferimento esclusivamente alla data di incasso degli utili mentre non assume rilevanza la data di delibera dei dividendi. Così, se i dividendi sono stati incassati dall , l aliquota applicabile è pari al 26% ancorché la delibera di distribuzione degli stessi sia stata assunta entro il Data delibera Data incasso corrispettivo Ritenuta su dividendi entro il entro il % dall % in parte entro il e in parte dall % su importo incassato entro il e 26% su importo incassato dall dall dall % Le plusvalenze (c.d. capital gain) derivanti da: una partecipazione qualificata concorrono alla formazione del reddito complessivo del socio persona fisica, da assoggettare a tassazione nel mod. UNICO, nella misura del: 49,72% se realizzate successivamente all esercizio in corso al ; 40% se realizzate fino all esercizio in corso al La tassazione di dette plusvalenze non ha subito modifiche a seguito delle novità sopra esaminate; una partecipazione non qualificata, sono soggette ad imposta sostitutiva sul 100% del relativo ammontare e pertanto sono escluse dal reddito complessivo. La misura dell imposta sostitutiva è aumentata, a decorrere dall , dal 20% al 26%. DECORRENZA PLUSVALENZE Con riferimento alle plusvalenze, il citato art. 6 dispone che l aliquota del 26% è applicabile ai redditi diversi di cui all articolo 67, comma 1, lettere da c-bis) a c-quinquies) realizzati a decorrere dal 1 luglio A tale proposito l Agenzia nella citata Circolare n. 19/E, ribadendo quanto già affermato nella Circolare , n. 165/E precisa che: le plusvalenze si intendono realizzate nel momento in cui si perfeziona la cessione a titolo oneroso delle partecipazioni, titoli e diritti piuttosto che nell eventuale diverso momento in cui viene liquidato il corrispettivo della cessione. La percezione del corrispettivo, infatti, può verificarsi, in tutto o in parte, sia in un momento antecedente che successivo al trasferimento stesso, come accade nei casi di pagamento in acconto ovvero delle dilazioni del pagamento. Considerato che rileva esclusivamente la data di perfezionamento della cessione: se la cessione è intervenuta dall e in relazione alla stessa sono state percepite somme a titolo di acconto antecedentemente a tale data, la plusvalenza è soggetta a tassazione nella misura del 26%; se la cessione è intervenuta entro il la plusvalenza è soggetta a tassazione nella misura del 20%, ancorché il relativo corrispettivo sia percepito successivamente.

6 Al fine di individuare l anno di tassazione della plusvalenza è necessario avere riguardo al momento di incasso del corrispettivo. Pertanto, qualora il corrispettivo sia percepito in parte nel 2014 e in parte nel 2015, la plusvalenza sarà tassata, in ciascun anno per l importo percepito, applicando l aliquota nella misura collegata alla data di cessione. Così, qualora la cessione sia intervenuta entro il e parte del corrispettivo sia incassato nel 2014 e parte nel 2015, la plusvalenza sarà tassata nel 2014 e nel 2015 nella misura del 20%. Data perfezionamento cessione entro il dall Data incasso corrispettivo entro il dall in parte entro il e in parte dall entro il dall in parte entro il e in parte dall Misura tassazione plusvalenza 20% 26% Compensazione plus / minusvalenze Analogamente a quanto previsto in occasione della precedente revisione della tassazione dei redditi di natura finanziaria avvenuta ad opera del DL n. 138/2011, l art. 3, comma 13 del citato DL n. 66/2014 prevede la compensazione limitata delle minusvalenze, perdite e differenziali negativi di cui all art. 67, comma 1, lett. da c-bis) a c-quinquies), TUIR con le plusvalenze e redditi diversi. In particolare le minusvalenze realizzate fino al possono essere portate in deduzione dalle plusvalenze realizzate dall nella misura del: 48,08% delle minusvalenze realizzate entro il ; 76,92% delle minusvalenze realizzate dall al Se l ammontare delle minusvalenze / perdite è superiore a quello delle plusvalenze / redditi diversi, l eccedenza, ai sensi dell art. 68, comma 5, TUIR può essere portata in deduzione nei successivi periodi d imposta, non oltre il quarto. AFFRANCAMENTO Come evidenziato nella citata Circolare n. 19/E, al fine di evitare che l aumento dell aliquota incida sui redditi maturati antecedentemente al 1 luglio 2014, i commi da 15 a 18 dell art. 3, DL n. 66/2014 prevedono la possibilità di affrancare il costo o il valore d acquisto (o il valore già affrancato all ex art. 14, comma 6, D.Lgs. n. 461/97 o all ex art. 2, comma 29, DL n. 138/2011) dei titoli, quote (comprese le partecipazioni non qualificate), ecc. posseduti al al di fuori dell esercizio d impresa. A seguito dell affrancamento, dall per la determinazione della plus / minusvalenza può essere assunto il valore al in luogo del costo o valore di acquisto ovvero del valore precedentemente affrancato. A tal fine è necessario che il contribuente: eserciti una specifica opzione; effetti il versamento dell imposta sostitutiva del 20% entro il (il 16 cade di domenica). Di fatto, l affrancamento comporta il versamento dell imposta sostitutiva nella misura del 20% della plusvalenza latente risultante da una cessione virtuale al

7 L imposta sostitutiva è determinata: sulla differenza tra il valore delle attività finanziarie al e il valore / costo d acquisto / valore già precedentemente affrancato; per le partecipazioni non negoziate in mercati regolamentati, oggetto di rivalutazione ex art. 5, Legge n. 448/2001, sulla differenza tra il valore al e il valore rivalutato. Qualora il contribuente abbia rivalutato le partecipazioni all ai sensi dell art. 1, comma 156, Finanziaria 2014, con il versamento dell imposta sostitutiva (2% per le partecipazioni non qualificate) entro il , non essendo consentito l affrancamento parziale, dovrà includere dette partecipazioni tra le attività finanziarie da affrancare. ESERCIZIO DELL OPZIONE PER L AFFRANCAMENTO L opzione per l affrancamento va esercitata con modalità differenziate a seconda del regime dichiarativo o del risparmio amministrato scelto dal contribuente per l applicazione dell imposta sostitutiva sui redditi diversi di natura finanziaria. Regime Dichiarativo Risparmio amministrato Modalità di esercizio dell opzione per l affrancamento L opzione è esercitata dal contribuente effettuando il versamento dell imposta sostitutiva entro il (il 16 cade di domenica). L importo versato e le compensazioni tra minusvalenze e plusvalenze maturate entro il dovrà essere indicato nel quadro RT del mod. UNICO L opzione deve riguardare tutte le attività finanziarie in regime dichiarativo (il contribuente dovrà affrancare tutte le partecipazioni non qualificate possedute al ), con eccezione di quelle escluse dall affrancamento, possedute al (non è necessario che siano ancora detenute alla data del versamento dell imposta sostitutiva). Non è consentito un affrancamento parziale e pertanto non è possibile affrancare una parte di una partecipazione qualificata che, autonomamente considerata, rappresenta una partecipazione non qualificata. L opzione deve riguardare tutte le attività finanziarie comprese nel rapporto di custodia, amministrazione o altro stabile rapporto, con eccezione di quelle escluse dall affrancamento, possedute al e alla data di esercizio dell opzione. L opzione è esercitata mediante comunicazione resa dal contribuente all intermediario entro il Non è consentito un affrancamento parziale. L imposta sostitutiva va versata dall intermediario entro il dopo aver ricevuto la provvista da parte del contribuente. UTILIZZO DELLE MINUSVALENZE Ai fini della determinazione della base imponibile dell imposta sostitutiva, la Circolare n. 19/E precisa che le plusvalenze e agli altri redditi di natura finanziaria vanno considerati: 1. prioritariamente al netto del 62,50% delle minusvalenze, perdite o differenziali negativi realizzati prima dell e non ancora utilizzati in compensazione; 2. successivamente al netto delle minusvalenze, perdite o differenziali negativi realizzati dall al e non ancora utilizzati in compensazione; 3. infine, al netto delle minusvalenze, perdite o differenziali negativi che dovessero derivare dall affrancamento. L eccedenza delle minusvalenze, perdite o differenziali negativi, rispetto alle plusvalenze ed agli altri redditi diversi di natura finanziaria, può essere portata in deduzione, nel limite del 76,92%, dalle plusvalenze e dagli altri redditi diversi di natura finanziaria realizzati dall , ma non oltre il quarto.

8 Plusvalenze latenti relative alle partecipazioni non qualificate possedute al (maggiori valori rispetto al costo) (meno) Minusvalenze latenti relative alle partecipazioni non qualificate possedute al (minori valori rispetto al costo) (meno) Minusvalenze realizzate fino al riportabili Differenza positiva base imponibile imposta sostitutiva (20%) Differenza negativa Eccedenza riportabile nei periodi successivi al non oltre il 4 Relativamente all affrancamento delle partecipazioni in regime dichiarativo l Agenzia, nella citata Circolare n. 19/E, propone le seguenti esemplificazioni. Esempio 1 Si ipotizzi la seguente situazione: Minusvalenze realizzate nel 2012, non ancora compensate 300 Plusvalenze latenti al Di conseguenza: base imponibile imposta sostitutiva ( ) 700 imposta sostitutiva dovuta (700 x 20%) 140 Esempio 2 Si ipotizzi la seguente situazione: Minusvalenze realizzate nel 2012, non ancora compensate 600 Plusvalenze latenti al Di conseguenza: base imponibile imposta sostitutiva ( ) imposta sostitutiva dovuta 0 Considerato che la base imponibile è negativa, l imposta sostitutiva non è dovuta. La minusvalenza pari a 200 può essere portata in deduzione fino al 2016, nella misura del 76,92% (153,84), delle plusvalenze realizzate dall Esempio 3 Si ipotizzi la seguente situazione: Minusvalenze realizzate nel 2010 non ancora compensate di cui compensabili (1.000 x 62,50%) Plusvalenze maturate al Di conseguenza: base imponibile imposta sostitutiva ( ) - 25 imposta sostitutiva dovuta 0 Considerato che la base imponibile è negativa, l imposta sostitutiva non è dovuta. La minusvalenza pari a 25 può essere portata in deduzione nella misura del 76,92% (19,23), delle plusvalenze realizzate dall e fino al Da quanto sopra si può desumere che è possibile un affrancamento gratuito, senza versamento dell imposta sostitutiva, se le minusvalenze sono superiori alle plusvalenze.

9 VALORE DELLE PARTECIPAZIONI AL Il valore al delle partecipazioni non qualificate, da assumere ai fini della determinazione dell imposta sostitutiva del 20% dovuta ai fini dell affrancamento, come specificato nella Circolare n. 19/E, va individuato con le modalità previste dal citato DM Titoli, quote e diritti negoziati in mercati regolamentati Titoli, quote e diritti non negoziati in mercati regolamentati Ultimo valore di mercato disponibile al Frazione del patrimonio netto della società individuato in base: all ultimo bilancio approvato anteriormente al (trattasi normalmente del bilancio chiuso al ); ovvero ad una relazione giurata di stima redatta da un: - dottore commercialista / esperto contabile; - revisore legale dei conti; - perito iscritto alla CCIAA. RIVALUTAZIONE ALL E AFFRANCAMENTO Come accennato, la Finanziaria 2014 ha previsto la possibilità di rideterminare il costo delle partecipazioni possedute, non in regime d impresa, all A tal fine, entro lo scorso , erano richiesti la predisposizione di una perizia giurata di stima ed il versamento dell imposta sostitutiva. Mentre con la rivalutazione va tassato il valore della partecipazione all l affrancamento richiede l individuazione della plusvalenza conseguita dalla virtuale cessione della partecipazione al Di seguito si propone un confronto tra gli elementi che caratterizzano l affrancamento delle partecipazioni non qualificate rispetto alla rivalutazione delle stesse. Rivalutazione ex art. 1, comma 153, Legge n. 147/2013 Affrancamento ex art. 3, commi da 15 a 18, DL n. 66/2014 Interessa le partecipazioni possedute all Interessa le partecipazioni possedute al In presenza di più partecipazioni è possibile scegliere la partecipazione da rivalutare. È possibileuna rivalutazione parziale. È richiesto il versamento dell imposta sostitutiva pari al 2% del valore della partecipazione all Il valore della partecipazione deve risultare da una perizia di stima asseverata. Non assumono rilevanza le minusvalenze. L imposta sostitutiva dovuta doveva essere versata entro il , eventualmente in 3 rate annuali di pari importo. In presenza di più partecipazioni l affrancamento deve riguardare tutte le partecipazioni possedute. Nonè consentitoun affrancamento parziale. È richiesto il versamento dell imposta sostitutiva pari al 20% delle plusvalenze latenti nette al Per la determinazione del valore della partecipazione è possibile fare riferimento alternativamente: - al patrimonio netto della società risultante dall ultimo bilancio approvato; - ad una perizia di stima asseverata. Le minusvalenze, anche latenti, riducono la base imponibile dell imposta sostitutiva. L imposta sostitutiva dovuta va versata entro il I contribuenti che non avessero provveduto alla rivalutazione delle partecipazioni non qualificate entro lo scorso potrebbero valutare la convenienza ad effettuare l affrancamento. Tuttavia, come accennato, qualora la rivalutazione fosse stata effettuata soltanto per alcune partecipazioni, l affrancamento, dovendo interessate tutte le attività finanziarie, dovrà estendersi anche alle partecipazioni già rivalutate. Cordiali saluti. Studio+Com Commercialisti Associati

La Tassazione dei Dividendi percepiti nel 2014

La Tassazione dei Dividendi percepiti nel 2014 La Tassazione dei Dividendi percepiti nel 2014 Come noto gli artt. 3 e 4 del D.L. n. 66/2014 hanno modificato la tassazione dei redditi di natura finanziaria innalzandone l aliquota dal 20% al 26%, fatta

Dettagli

Periodico informativo n. 105/2014. Aumento tassazione rendite finanziarie

Periodico informativo n. 105/2014. Aumento tassazione rendite finanziarie Periodico informativo n. 105/2014 Aumento tassazione rendite finanziarie Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che dal 1 luglio è stata modificata l aliquota

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: Aumento tassazione rendite finanziarie Premessa Gli articoli 3 e 4 del Decreto Legge 24 aprile 2014, n. 66 convertito, con modificazioni, dalla Legge 23 giugno 2014, n. 89 intervengono sul livello

Dettagli

Nel rimanere a Vostra disposizione per eventuali chiarimenti, porgiamo i più distinti saluti.

Nel rimanere a Vostra disposizione per eventuali chiarimenti, porgiamo i più distinti saluti. DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 01 marzo 2013 Oggetto: Circolare n. 6/2013 del 01 marzo 2013

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Riforma della tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria (D.L. n. 138/2011 convertito in L. n. 148/2011

Dettagli

Fisco e Tributi. Newsletter luglio 2014. Aumento della tassazione delle rendite finanziarie

Fisco e Tributi. Newsletter luglio 2014. Aumento della tassazione delle rendite finanziarie Fisco e Tributi Aumento della tassazione delle rendite finanziarie Aumento della tassazione delle rendite finanziarie Dal 1 luglio è stata modificata l aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria.

Dettagli

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 ORIENTAMENTI FISCALI Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 Redditi di capitale: certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti

Dettagli

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni Tratto da: Collana Dichiarazioni fiscali 2009 - Unico Società di persone, a cura di G. Cremona, P. Monarca, N. Tarantino Aspetti generali NOVITÀ Sezione I Imposta sostitutiva 20% Da quest anno, in seguito

Dettagli

Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA

Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 DETERMINAZIONE DELLE PLUSVALENZE SOGGETTI INTERESSATI SCADENZA COME SI COMPILA Nel Quadro RT devono essere indicati i redditi derivanti

Dettagli

LE NOVITÀ DEL DECRETO RENZI

LE NOVITÀ DEL DECRETO RENZI LE NOVITÀ DEL DECRETO RENZI Con la pubblicazione sulla G.U. 24.4.2014, n. 95 è entrato in vigore, a decorrere dal 24.4.2014, il DL n. 66/2014, Decreto Renzi, nell ambito del quale, oltre ad una serie di

Dettagli

Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi

Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi REGIME DELLA DICHIRAZIONE Dal punto di vista soggettivo il regime della dichiarazione, disciplinato

Dettagli

La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013

La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 6 14 GENNAIO 2014 La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013 Copyright 2014 Acerbi

Dettagli

Luglio 2014. Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria

Luglio 2014. Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria Luglio 2014 Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria Olivia M. Zonca e Angelica Carlucci, Tax Product Management, BNP Paribas Securities Services La legge 23 giugno 2014,

Dettagli

RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011. A cura di Fabio Giommoni

RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011. A cura di Fabio Giommoni RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011 A cura di Fabio Giommoni PROVVEDIMENTI COMMENTATI D.L. n. 138/2011 (c.d. manovra di Ferragosto ) Nuova aliquota del 20% per la tassazione delle rendite finanziarie

Dettagli

RIVALUTAZIONE QUOTE SOCIALI. Noventa di Piave - 23 febbraio 2012 Dott. Giorgio Zerio

RIVALUTAZIONE QUOTE SOCIALI. Noventa di Piave - 23 febbraio 2012 Dott. Giorgio Zerio RIVALUTAZIONE QUOTE SOCIALI Noventa di Piave - 23 febbraio 2012 Dott. Giorgio Zerio Normativa Art.7 co. 2 del DL 13.5.2011 n. 70, convertito nella L.12.7.2011 n. 106: Termine per la rivalutazione delle

Dettagli

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito Risoluzione dell'agenzia delle Entrate (RIS) n. 120 /E del 24 luglio 2001 OGGETTO: Problematiche connesse al decesso dell intestatario di rapporti per i quali sono state esercitate le opzioni di cui agli

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE Studio Fabrizio Mariani Viale Brigata Bisagno 12/1 16129 Genova Tel. e. fax. 010.59.58.294 f.mariani@studio-mariani.it Circolare n. 14/2015 del 7 maggio 2015 TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE

Dettagli

Dal 1 luglio 2014 nuova tassazione per le rendite finanziarie

Dal 1 luglio 2014 nuova tassazione per le rendite finanziarie Circolare Monografica 16 giugno 2014 n. 1992 TASSE E IMPOSTE Dal 1 luglio 2014 nuova tassazione per le rendite finanziarie La guida alla nuova disciplina di Angelo Luca Ottaviano Il D.L. n. 66/2014 (Decreto

Dettagli

LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI NON QUOTATE

LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI NON QUOTATE Circolare N. 06 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 26 gennaio 2010 LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI NON QUOTATE Con la Finanziaria 2010 sono stati

Dettagli

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Aspetti generali QUADRO RL. Inquadramento normativo. Redditi di capitale

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Aspetti generali QUADRO RL. Inquadramento normativo. Redditi di capitale Tratto da: Collana Dichiarazioni Fiscali 2009, Unico Persone Fisiche, a cura di: R. Artina V. Artina P. Monarca G. Cremona N. Tarantino Aspetti generali Inquadramento normativo Il quadro RL del modello

Dettagli

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote;

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote; Tassazione dei dividendi La riforma del diritto societario ha introdotto importanti modifiche al regime di tassazione dei dividendi distribuiti a partire dal 1º gennaio 2004. Con la riforma viene modificato

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. Ro Roma, 27 giugno 2014

CIRCOLARE N. 19/E. Ro Roma, 27 giugno 2014 CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Normativa Ro Roma, 27 giugno 2014 OGGETTO: Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria. Articoli 3 e 4 del decreto legge 24 aprile 2014,

Dettagli

REDDITI DI CAPITALE LE RITENUTE SALGONO AL 20%

REDDITI DI CAPITALE LE RITENUTE SALGONO AL 20% REDDITI DI CAPITALE LE RITENUTE SALGONO AL 20% La tassazione degli altri (interessi) AUSTRIA 25,00% BELGIO 15,00% DANIMARCA 39,00% FINLANDIA 29,00% FRANCIA 25,00% GERMANIA (*) 0,00% GRECIA 10,00% IRLANDA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 1 settembre 2014 Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: SABATINI BIS - Contributi

Dettagli

Tassazione delle rendite finanziarie

Tassazione delle rendite finanziarie Tassazione delle rendite finanziarie Qual'è la normativa di riferimento per il calcolo della ritenuta fiscale sulle rendite finanziarie? Trattasi del Decreto Legge n. 66 del 24 aprile 2014 Misure urgenti

Dettagli

Tassazione delle plusvalenze finanziarie e valutarie (a cura del Dott. Alessio Pistone)

Tassazione delle plusvalenze finanziarie e valutarie (a cura del Dott. Alessio Pistone) Tassazione delle plusvalenze finanziarie e valutarie (a cura del Dott. Alessio Pistone) Nel Quadro RT del modello Unico PF 2015 devono essere dichiarate le plusvalenze e le minusvalenze di natura finanziaria,

Dettagli

Nuova disciplina della tassazione dei dividendi

Nuova disciplina della tassazione dei dividendi L Imposta sul Reddito delle Società (IRES) Rimini, 7 febbraio 2004 Nuova disciplina della tassazione dei dividendi Dott. Giorgio Nerpiti Studio Combattelli e Nerpiti - Dottori Commercialisti Associati

Dettagli

Regime del risparmio gestito

Regime del risparmio gestito Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 323 25.11.2013 Regime del risparmio gestito Determinazione del risultato netto di gestione - R.M. 76/E/2013 - Categoria: Imposte dirette Sottocategoria:

Dettagli

L utilizzo della riserva da rivalutazione

L utilizzo della riserva da rivalutazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 92 26.03.2014 L utilizzo della riserva da rivalutazione Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Riserve L'art. 15, comma 18, D.L. 185/2008

Dettagli

TITOLI e PARTECIPAZIONI

TITOLI e PARTECIPAZIONI TITOLI e PARTECIPAZIONI Regole civilistiche VALUTAZIONE TITOLI DELL ATTIVO CIRCOLANTE Costo < valore di mercato Costo > valore di mercato Mantenimento del costo Valore: quotazione al 31/12 media di dicembre

Dettagli

CIRCOLARE N. 4/E. Roma, 18 gennaio 2006

CIRCOLARE N. 4/E. Roma, 18 gennaio 2006 CIRCOLARE N. 4/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 18 gennaio 2006 Oggetto: Disposizioni correttive ed integrative al Decreto Legislativo 12 dicembre 2003, n. 344 in materia di tassazione

Dettagli

Certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti

Certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti Focus di pratica professionale di Francesco Facchini Certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti Premessa La certificazione degli utili e proventi equiparati corrisposti

Dettagli

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano SAF Scuola di Alta Formazione Luigi Martino Convegno del 16 gennaio 2012 Relatore:

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

Circolare N.77 del 30 Maggio 2014

Circolare N.77 del 30 Maggio 2014 Circolare N.77 del 30 Maggio 2014 Interessi e capital gain. Sugli investimenti l imposta passa dal 20 al 26 per cento Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il DL n. 66/2014 il

Dettagli

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 Professional Investment Fund: regime fiscale Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 1 I proventi derivanti dalla partecipazione in PIF 2 I proventi derivanti dalla partecipazioni in PIF Qualora

Dettagli

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI COMMERCIALISTI Genova, 8 ottobre 2010 Circolare Informativa Rivalutazione partecipazioni e terreni 1 SINTESI L art. 2 co. 229 della L. 23.12.2009 n. 191 (Finanziaria 2010) ha nuovamente riaperto i termini

Dettagli

Informativa n. 25. La proroga al 31.10.2008 della rivalutazione delle partecipazioni non quotate e dei terreni INDICE. dell 8 ottobre 2008

Informativa n. 25. La proroga al 31.10.2008 della rivalutazione delle partecipazioni non quotate e dei terreni INDICE. dell 8 ottobre 2008 Informativa n. 25 dell 8 ottobre 2008 La proroga al 31.10.2008 della rivalutazione delle partecipazioni non quotate e dei terreni INDICE 1 La proroga della rivalutazione delle partecipazioni e dei terreni...

Dettagli

ATTIVITÀ FINANZIARIE

ATTIVITÀ FINANZIARIE Università Commerciale Luigi Bocconi Anno Accademico 2012-2013 Scienza delle Finanze CLEACC classe 12 ATTIVITÀ FINANZIARIE Francesco Dal Santo ATTIVITÀ FINANZIARIE Ø Definizioni Ø Redditi di capitale Ø

Dettagli

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 10/2014 Oggetto LEGGE STABILITÀ 2014 NOVITÀ IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA Contenuto La Legge di stabilità 2014, ovvero la

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DEFINIZIONE DI UTILI ASPETTI GENERALI TRATTAMENTO FISCALE TRATTAMENTO CONTABILE TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 Art. 40 D.L. 30.09.2003, n. 269 conv. con L. 24.11.2003, n.

Dettagli

I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati

I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati 1 PREMESSA Una delle principali direttrici di cambiamento che caratterizzano la riforma del sistema fiscale, attuata

Dettagli

N. 21 2007 NUOVO SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DEGLI UTILI CORRISPOSTI

N. 21 2007 NUOVO SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DEGLI UTILI CORRISPOSTI N. 21 2007 NUOVO SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DEGLI UTILI CORRISPOSTI Riportiamo qui di seguito il nuovo schema di certificazione di cui all articolo 4, commi 6-ter e 6-quater, del Decreto del Presidente della

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 17 del 28/09/2011 Oggetto: Manovra bis di ferragosto (D.L 138/2011). Conversione in legge del decreto. Il 17 settembre u.s. è entrata in vigore la legge di conversione del D.L. 138/2011

Dettagli

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 I REDDITI DI CAPITALE Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 REDDITI DI CAPITALE Fondamento normativo - artt. 44-48 TUIR - artt. 26-27-ter D.P.R. n. 600/73 Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario

Dettagli

Nuova tassazione delle rendite finanziarie

Nuova tassazione delle rendite finanziarie Nuova tassazione delle rendite finanziarie a cura dell ufficio studi della Südtirol Bank Nuova tassazione delle rendite finanziarie 2014 Pagina 1 di 5 La normativa di riferimento Il Decreto Legge n. 66/2014,

Dettagli

Gli aspetti fiscali del recesso nelle societàdi capitali

Gli aspetti fiscali del recesso nelle societàdi capitali S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Gli aspetti fiscali del recesso nelle societàdi capitali Massimiliano Sironi 23 Settembre 2015 Milano Premessa L inquadramento fiscale del recesso del socio

Dettagli

1. RIDUZIONE DEL LIMITE PER L USO DEL CONTANTE E DEGLI ASSEGNI

1. RIDUZIONE DEL LIMITE PER L USO DEL CONTANTE E DEGLI ASSEGNI Circolare n. 9 - pagina 1 di 10 Achille Delmonte Alberto Bertani Mario Montepietra Anna Fantini Andrea Sassi Giacobbe Silvi Dottore Commercialista Revisore Contabile Dottore Commercialista Revisore Contabile

Dettagli

A TUTTI I PARTECIPANTI DEI FONDI APPARTENENTI AL SISTEMA FONDI NORVEGA E CIVIDALE

A TUTTI I PARTECIPANTI DEI FONDI APPARTENENTI AL SISTEMA FONDI NORVEGA E CIVIDALE Milano, 16 dicembre 2011 Prot. n. NV295MF11/RZ A TUTTI I PARTECIPANTI DEI FONDI APPARTENENTI AL SISTEMA FONDI NORVEGA E CIVIDALE Oggetto: regime fiscale dei fondi di diritto italiano applicabile a far

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 2/E, Direzione Centrale Normativa Roma, 13 febbraio 2015 OGGETTO: Disposizioni in materia di previdenza complementare. Articolo 1, commi 621, 622, 624 della legge 23 dicembre 2014, n. 190

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DL Renzi: le novità in materia fiscale. (DL n. 66 del 24.04.2014)

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DL Renzi: le novità in materia fiscale. (DL n. 66 del 24.04.2014) SEA Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. News per i Clienti dello studio del 6 maggio 2014 Ai gentili clienti Loro sedi DL Renzi: le novità in materia fiscale (DL n. 66 del 24.04.2014) 1 Gentile

Dettagli

PARTE I DEL PROSPETTO COMPLETO

PARTE I DEL PROSPETTO COMPLETO SUPPLEMENTO per l aggiornamento dell informativa fiscale riportata nel Prospetto Completo relativo all offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO PAGANI

STUDIO ASSOCIATO PAGANI STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI Via G. Frua, 24 Sergio Pagani 20146 Milano Paolo D. S. Pagani Tel. +39 (02) 46.07.22 Raffaella Pagani Fax +39 (02) 49.81.537 Ornella

Dettagli

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7.1 Descrizione delle Azioni I titoli oggetto dell Offerta Globale sono n. 1.750.000 azioni ordinarie ASM, da nominali Euro

Dettagli

RIFORMA DELLA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE

RIFORMA DELLA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE RIFORMA DELLA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE L articolo 2 del decreto legge 13 agosto 2011 n. 138, convertito, con modificazioni, nella legge 14 settembre 2011 n. 148, concernente ulteriori misure

Dettagli

Chiarimenti Agenzia delle Entrate

Chiarimenti Agenzia delle Entrate Chiarimenti Agenzia delle Entrate 1. Nuova misura dell'imposta sostitutiva sui risultati di gestione. La legge di stabilità del 2015 ha aumentando l'aliquota dell'imposta sostitutiva delle imposte sui

Dettagli

Rivalutazione di partecipazioni e terreni

Rivalutazione di partecipazioni e terreni Rivalutazione di partecipazioni e terreni Il Legislatore con l art. 1 commi 376 e 428 della legge 30 dicembre 2004, n. 311 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato,

Dettagli

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta Dott. Pasquale SAGGESE LA CESSIONE DI NON DETENUTE NELL ESERCIZIO DI IMPRESA QUALIFICATE E FATTISPECIE ASSIMILATE Partecipazioni che rappresentano

Dettagli

Focus di pratica professionale di Paolo Meneghetti. Unico PF 2012: dividendi e capital gain

Focus di pratica professionale di Paolo Meneghetti. Unico PF 2012: dividendi e capital gain Focus di pratica professionale di Paolo Meneghetti Unico PF 2012: dividendi e capital gain Nel corso del 2011 sono state apportate modifiche rilevanti alla fiscalità finanziaria: il D.L. n.138/11 ha cambiato

Dettagli

AVVISO ALLA CLIENTELA

AVVISO ALLA CLIENTELA novembre 2007, n.231 circa il TRASFERIMENTO DI DENARO CONTANTE O DI LIBRETTI DI DEPOSITO BANCARI O POSTALI AL PORTATORE O DI TITOLI AL PORTATORE A decorrere dal 6 dicembre 2011 è vietato il trasferimento

Dettagli

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI 21.1 Generalità Il quadro RZ deve essere compilato dai soggetti che hanno corrisposto

Dettagli

Redditi di capitale e redditi diversi. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario

Redditi di capitale e redditi diversi. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario Redditi di capitale e redditi diversi Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario 1 oggetto della lezione redditi di capitali: fonte e determinazione principali

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

Aumento dell aliquota delle rendite finanziarie: effetti e regime transitorio

Aumento dell aliquota delle rendite finanziarie: effetti e regime transitorio 1962 APPROFONDIMENTO Aumento dell aliquota delle rendite finanziarie: effetti e regime transitorio di Marco Piazza (*) e Marcella Valsecchi (**) Dal 1º luglio 2014, l aliquota normale delle ritenute e

Dettagli

(D.L. 13.08.2011 n. 138) Nuova tassazione delle rendite finanziarie - Imprese di assicurazione. D.L. 13.08.2011 n. 138

(D.L. 13.08.2011 n. 138) Nuova tassazione delle rendite finanziarie - Imprese di assicurazione. D.L. 13.08.2011 n. 138 (D.L. 13.08.2011 n. 138) Nuova tassazione delle rendite finanziarie - di assicurazione D.L. 13.08.2011 n. 138 Nuova aliquota di tassazione Ambito oggettivo e soggettivo Decorrenza e Proventi dei Titoli

Dettagli

Alla luce di quanto sopra, siamo ad apportare le seguenti modifiche al Prospetto Completo: Modifica alla Parte I del Prospetto Completo

Alla luce di quanto sopra, siamo ad apportare le seguenti modifiche al Prospetto Completo: Modifica alla Parte I del Prospetto Completo SUPPLEMENTO AL PROSPETTO COMPLETO DI OFFERTA AL PUBBLICO DI QUOTE DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI DI DIRITTO ITALIANO ARMONIZZATI APPARTENENTI AL SISTEMA INVESTITORI Investitori America

Dettagli

CMS_LawTax_CMYK_28-100.eps. Newsletter. Revisione delle aliquote di imposta sui redditi di natura finanziaria

CMS_LawTax_CMYK_28-100.eps. Newsletter. Revisione delle aliquote di imposta sui redditi di natura finanziaria CMS_LawTax_CMYK_28-100.eps Newsletter Revisione delle aliquote di imposta sui redditi di natura finanziaria 25 giugno 2014 INDICE Premessa 3 1. Eccezioni 3 2. Rimborso ai soggetti non residenti 4 3. Entrata

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LA RIVALUTAIZONE DI TERRENI/PARTECIPAZIONI ALL 1.1.2016 PAG. 2

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LA RIVALUTAIZONE DI TERRENI/PARTECIPAZIONI ALL 1.1.2016 PAG. 2 CIRCOLARE N. 07 DEL 09/02/2016 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LA RIVALUTAIZONE DI TERRENI/PARTECIPAZIONI ALL 1.1.2016 PAG. 2 IN SINTESI: La Finanziaria 2016 ha riproposto

Dettagli

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE di Pasquale Saggese 1. Le novità introdotte con la legge di stabilità 2015 Nell ambito delle

Dettagli

Diritto Tributario. Redditi di capitale Redditi diversi. Bergamo, 27/11/15. Andrea Brignoli, LL.M. Andrea Brignoli

Diritto Tributario. Redditi di capitale Redditi diversi. Bergamo, 27/11/15. Andrea Brignoli, LL.M. Andrea Brignoli Diritto Tributario Redditi di capitale Redditi diversi Bergamo, 27/11/15, LL.M. 2015 T.U.I.R. D.P.R. 917/86 TITOLO I IRPEF 1. Disposizioni generali 2. Redditi fondiari 3. Redditi di capitale 4. Redditi

Dettagli

La riforma della tassazione delle rendite finanziarie: il nuovo regime dei Capital gain non qualificati

La riforma della tassazione delle rendite finanziarie: il nuovo regime dei Capital gain non qualificati Focus di pratica professionale di Alessandro Corsini La riforma della tassazione delle rendite finanziarie: il nuovo regime dei Capital gain non qualificati L eccezionale negatività dei conti dello stato

Dettagli

Circolare n. 7. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Finalità... 2. 3 Condizioni soggettive... 2. 4 Condizioni oggettive... 3. 5 Aspetti operativi...

Circolare n. 7. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Finalità... 2. 3 Condizioni soggettive... 2. 4 Condizioni oggettive... 3. 5 Aspetti operativi... Circolare n. 7 La rivalutazione del costo o valore d acquisto delle partecipazioni non quotate (Art. 2, comma 229, Legge 23.12.2009, n. 191) Indice 1 Premessa... 2 2 Finalità... 2 3 Condizioni soggettive...

Dettagli

Redditi di capitale. Capitolo 7 7.1 NOZIONE DI SOCIETÀ 7.2 LA TASSAZIONE DEI RISPARMI DELLE FAMIGLIE 7.3 ALTRI REDDITI DI CAPITALE

Redditi di capitale. Capitolo 7 7.1 NOZIONE DI SOCIETÀ 7.2 LA TASSAZIONE DEI RISPARMI DELLE FAMIGLIE 7.3 ALTRI REDDITI DI CAPITALE Redditi di capitale Capitolo 7 7.1 NOZIONE DI SOCIETÀ 7.2 LA TASSAZIONE DEI RISPARMI DELLE FAMIGLIE 7.3 ALTRI REDDITI DI CAPITALE 7.4 IL POSSESSO DI PARTECIPAZIONI DI SOCIETÀ 7.5 LA TASSAZIONE DEI DIVIDENDI

Dettagli

Rivalutazione di terreni e partecipazioni al 1 gennaio 2014: la riapertura dei termini

Rivalutazione di terreni e partecipazioni al 1 gennaio 2014: la riapertura dei termini Numero 23/2014 Pagina 1 di 6 Rivalutazione di terreni e partecipazioni al 1 gennaio 2014: la riapertura dei termini Numero : 23/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IRPEF RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI

Dettagli

GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama

GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama SUPPLEMENTO AL PROSPETTO D OFFERTA AL PUBBLICO DI QUOTE DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FLEX APERTO DI DIRITTO ITALIANO

Dettagli

La tassazione dei redditi delle attività finanziarie dopo il mille proroghe e i decreti di attuazione

La tassazione dei redditi delle attività finanziarie dopo il mille proroghe e i decreti di attuazione 470 APPROFONDIMENTO La tassazione dei redditi delle attività finanziarie dopo il mille proroghe e i decreti di attuazione di Enzo Mignarri Con il D.L. n. 216/2011 c.d. mille proroghe e con tre decreti

Dettagli

Scudo fiscale ter: - Le scelte strategiche nell emersione e nella compilazione della dichiarazione riservata

Scudo fiscale ter: - Le scelte strategiche nell emersione e nella compilazione della dichiarazione riservata Scudo fiscale ter: - nell emersione e nella compilazione della dichiarazione riservata di Università di Genova - Professore aggregato di Diritto Commerciale Componente commissione Trust CNDCEC nell emersione

Dettagli

Concrete Italia s.r.l. REGISTRO REVISORI CONTABILI N. 136021 - D.M. MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DEL 12.4.2005 - G.U. N. 35 DEL 3 MAGGIO 2005

Concrete Italia s.r.l. REGISTRO REVISORI CONTABILI N. 136021 - D.M. MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DEL 12.4.2005 - G.U. N. 35 DEL 3 MAGGIO 2005 DISEGNO DI LEGGE DEL SENATO DELLA REPUBBLICA DEL 15 NOVEMBRE 2007 Disposizioni per la formazione del Bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge Finanziaria 2008) RIAPERTURA TERMINI IN MATERIA DI

Dettagli

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d italiani Relatori: Dott. Paolo Bifulco Dott. Sandro Botticelli Materiale predisposto da Assogestioni 1 Normativa di riferimento art. 2, commi da

Dettagli

La certificazione degli utili corrisposti nel 2013 entro il 28 febbraio

La certificazione degli utili corrisposti nel 2013 entro il 28 febbraio Numero 38/2014 Pagina 1 di 12 La certificazione degli utili corrisposti nel 2013 entro il 28 febbraio Numero : 38/2014 Gruppo : ADEMPIMENTI Oggetto : MODELLO CUPE 2014 Norme e prassi : ART. 4 DEL D.P.R.

Dettagli

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3 Circolare n. 4 04 Febbraio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti... 3 2.1 Auto aziendali...

Dettagli

Presupposto soggettivo

Presupposto soggettivo Capital gain Inquadramento Per capital gain (termine anglofono)si intende il trattamento fiscale riservato alle cessioni di partecipazioni detenute da persone fisiche. L inquadramento normativo di questa

Dettagli

La tassazione delle rendite finanziarie

La tassazione delle rendite finanziarie La tassazione delle rendite finanziarie Commissione Tutela del Risparmio Gestito Di Emmanuela Saggese Quali sono i redditi di natura finanziaria? Riferimenti legislativi Il decreto legislativo l 461/97,

Dettagli

Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti

Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti Prof. Tommaso Di Tanno (Di Tanno & Associati) SIIQ, SICAF E FONDI IMMOBILIARI Evoluzione degli strumenti di investimento

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Aumento dell'aliquota di tassazione delle rendite finanziarie dal 20% al 26%, (effetti finanziari diretti).

RELAZIONE TECNICA Aumento dell'aliquota di tassazione delle rendite finanziarie dal 20% al 26%, (effetti finanziari diretti). RELAZIONE TECNICA Artt. 3 e 4, commi da 1 a 10 (Disposizioni in materia di redditi di natura finanziaria) Le disposizioni in esame prevedono l incremento di sei punti percentuali, a decorrere dal luglio

Dettagli

Art. 47 - Beneficiari - Persone fisiche non in regime di impresa

Art. 47 - Beneficiari - Persone fisiche non in regime di impresa DIVIDENDI La società che distribuisce dividendi dovrà individuare i beneficiari ed applicare, eventualmente, le ritenute con obbligo di rivalsa (art. 27/600). Beneficiari: Art. 47 - Beneficiari - Persone

Dettagli

La nuova fiscalità degli strumenti finanziari Prof. Marco Piazza Avv. Antonio Della Carità

La nuova fiscalità degli strumenti finanziari Prof. Marco Piazza Avv. Antonio Della Carità La nuova fiscalità degli strumenti finanziari Prof. Marco Piazza Avv. Antonio Della Carità 16 gennaio 2012- Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le novità della riforma e le conferme S.A.F.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 43/E. OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI

RISOLUZIONE N. 43/E. OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI RISOLUZIONE N. 43/E Direzione Centrale Normativa Roma, 2 luglio 2013 OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI In considerazione delle numerose richieste di chiarimento in merito ai particolari

Dettagli

Documento Sul Regime Fiscale

Documento Sul Regime Fiscale 2015 Documento Sul Regime Fiscale Il presente documento illustra sinteticamente il regime fiscale in vigore a decorrere dall 1 gennaio 2007, alla luce delle disposizioni dell Agenzia delle Entrate (Circolare

Dettagli

Si riportano di seguito le principali scadenze del TERZO TRIMESTRE 2011.

Si riportano di seguito le principali scadenze del TERZO TRIMESTRE 2011. INFORMAT N. 156 29 GIUGNO 2011 Si riportano di seguito le principali scadenze del TERZO TRIMESTRE 2011. LUGLIO Le scadenze dei versamenti riferite al mod. UNICO 2011 sono riportate alla luce della proroga

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 62 /E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 31 dicembre 2003 Oggetto: Modificazioni delle disposizioni tributarie riguardanti i contratti assicurativi stipulati con imprese non

Dettagli

PrevAer Fondo Pensione

PrevAer Fondo Pensione Pagina 1 di 5 Documento sul Regime Fiscale aggiornato al 27 marzo 2015 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 170/E. OGGETTO: Istanza di Interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. X S.P.A.

RISOLUZIONE N. 170/E. OGGETTO: Istanza di Interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. X S.P.A. RISOLUZIONE N. 170/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 dicembre 2005 OGGETTO: Istanza di Interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. X S.P.A. Con l interpello specificato in oggetto,

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 20 del 14 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti...

Dettagli

Nuovi regimi. Fisco & Tributi

Nuovi regimi. Fisco & Tributi PUNTO pantano imp 11-03-2005 9:58 Pagina 38 Nuovi regimi a cura dello studio Pantano 38 Fisco & Tributi Le novità più rilevanti della riforma, in tema di dividendi, sono costituite dall'abolizione delle

Dettagli

Novembre 2013. Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

Novembre 2013. Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Novembre 2013 Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Avv. Vincenzo Bancone e Dott. Manfredi La Barbera, CBA Studio Legale e Tributario

Dettagli

Redditi di capitale Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi di capitale

Redditi di capitale Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi di capitale Redditi di capitale Redditi di capitale - art. 44, co. 1 L art. 44 individua i redditi di capitale con una elencazione esaustiva, ma al tempo stesso si chiude (alla lett. h) del comma 1) con una fattispecie

Dettagli