Bilancio semestrale al 30 giugno Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio semestrale al 30 giugno 2009. Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni"

Transcript

1 Bilancio semestrale al 30 giugno 2009 Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni

2 BPAA Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni sede legale e direzione generale in Bolzano ABI codice fiscale, partita IVA e iscrizione al Registro delle imprese di Bolzano

3 Indice Dati di sintesi 5 Direzione generale e filiali 6 Cariche sociali 10 Relazione intermedia del consiglio di amministrazione 11 L andamento della gestione 14 Stato patrimoniale e conto economico 26 Prospetti delle variazioni del patrimonio netto 29 Rendiconto finanziario (metodo diretto) 31 Nota integrativa 32 Parte A Politiche contabili 33 Parte B Informazioni sullo stato patrimoniale 49 Parte C Informazioni sul conto economico 96 Parte D Informativa di settore 121 Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura 122 Parte F Informazioni sul patrimonio 166 Parte G Operazioni di aggregazione riguardanti imprese o rami d azienda 169 Bilanci delle società controllate 171 Relazione della Società di revisione 174 3

4 Quando non diversamente indicato, gli importi esposti si intendono in migliaia di Euro. 4

5 Dati di sintesi Stato patrimoniale in milioni di Euro Variazioni % Totale attivo ,30% Totale crediti ,17% - di cui verso clientela ,65% Attività finanziarie ,67% Totale debiti ,29% - di cui verso clientela (raccolta diretta) ,39% Raccolta indiretta ,52% Patrimonio netto (incluso l'utile dell'esercizio) ,29% Conto economico in milioni di Euro Variazioni % Margine di interesse ,20% Commissioni nette ,47% Margine di intermediazione ,48% Rettifiche/riprese di valore per deterioramento ,91% Risultato netto della gestione finanziaria ,51% Costi operativi netti ,02% - di cui per il personale ,19% - di cui altre spese amministrative ,25% Utile della operatività corrente al lordo delle imposte ,15% Utile dell'esercizio ,30% Indici economico-finanziari ed altri dati Variazioni Patrimonio netto / totale attivo 9,89% 10,09% -20 BP Tier1 ratio (patrimonio di base / attività a rischio ponderate) 8,32% 8,45% -13 BP Total capital ratio (patrimonio di vigilanza / attività a rischio ponderate) 9,92% 10,07% -15 BP ROE (utile dell'esercizio / patrimonio netto medio) 4,50% 6,67% -217 BP ROA (utile dell'esercizio / totale attivo medio) 0,45% 0,65% -20 BP Numero medio dei dipendenti Numero soci Numero azionisti (senza diritto di voto in assemblea) Numero degli sportelli al 30 giugno

6 Direzione generale e filiali società cooperativa per azioni patrimonio netto al Euro iscritta al n. Gen. I/10 - Tribunale di Bolzano partita IVA sede legale Bolzano - via del Macello, 55 direzione generale indirizzo telefono telefax swift Bolzano - via del Macello, BPAAIT2B domicilio fiscale indirizzo telefono telefax Bressanone via Julius Durst, contatto acronimo internet BPAA 65 sportelli in provincia di Bolzano Appiano sulla Strada del Vino - via J.G.Plazer, 50 Bolzano/Aslago - via Claudia Augusta, 5 Bolzano, bank4fun - via Alto Adige, Bolzano/Don Bosco - via Sassari, 4 b/c Bolzano/Gries - galleria Telser, 1 Bolzano - piazza Mazzini, 2 Bolzano - piazza Parrocchia, 4 Bolzano - via del Macello, 55 Bolzano - via Galvani, 39 Bolzano - via Leonardo da Vinci, 2 Bolzano - via Resia, 130 Bolzano - via Roma, 45 Bolzano - viale Druso, 64 Bolzano/Zona Europa - via del Ronco, 15 Bolzano/Firmiano - viale Giacomo Puccini, 6 Bressanone/Millan - via Plose, 38/b Bressanone - portici Maggiori, 2 Bressanone/Tiniga - via Rio Scaleres, 26 Bressanone, bank4fun - via Brennero, 2 Bressanone/Zona industriale - via Julius Durst, 28 Brunico - Bastioni, 24 Brunico/S. Giorgio - via Valle Aurina, 30 Brunico/Stegona - via S. Nicolò, 14 Cadipietra - Cadipietra, 105 6

7 Caldaro sulla Strada del Vino - piazza Principale, 13 Caldaro sulla Strada del Vino - via Stazione, 10 Campo Tures - via Municipio, 4 Chienes - via Chienes, 1 Chiusa - piazza Tinne, 5 Dobbiaco - viale S. Giovanni, 23 Egna - largo Municipio, 22 Fiè allo Sciliar - via Bolzano, 3 Fortezza - via Brennero, 7/c Gargazzone - vicolo dei Campi, 2 La Villa [ La Ila ] - via Colz, 56 Laces - via Stazione, 1/b Laives - via Kennedy, 123 Lana - piazza Tribus, 17 Lasa - via Venosta, 44 Lazfons - Paese, 18 Luson - vicolo Dorf, 19 Malles Venosta - via Stazione, 9/b Merano - piazza del Grano, 3 Merano - via Goethe, 74/a Merano - via Matteotti, 43 Merano - via Monte Tessa, 34 Merano - via Roma, 278 Monguelfo - via Parrocchia, 13 Naturno - via Principale, 37/b Nova Levante - via Roma, 8 Ora - via Stazione, 8 Ortisei [ Urtijei ] - piazza S. Durich, 3 Racines - Stanghe, 18 Rio di Pusteria - via Katharina Lanz, 50 San Leonardo in Passiria - via Passiria, 14 San Lorenzo di Sebato - via Josef Renzler, 17 Scena - piazza Arciduca Giovanni, 7 Selva Val Gardena [ Sëlva ] - via Mëisules, 155/a Silandro - via Covelano, 10 Siusi - via Sciliar, 16 Valles - Valles, 116 Vandoies - via J.A.Zoller, 8 Varna - via Brennero, 101 Velturno - Paese, 34 Vipiteno - via Città Nuova, 22/a 7

8 21 sportelli in provincia di Belluno Auronzo di Cadore - via Corte, 33 Belluno, bank4fun - via Caffi, 1a-3 Belluno - via Caffi, 15 Belluno - via Vittorio Veneto, 278 Cencenighe Agordino - via XX Settembre, 107 Cortina d Ampezzo - largo delle Poste, 49 Domegge di Cadore - via Roma, 48 Dosoledo - piazza Tiziano, 2 Feltre - via Monte Grappa, 28 Forno di Zoldo - via Roma, 70/b Limana via Roma, 116/118 Longarone via Roma, 89 Mel - via Tempietto, 33/a Padola - piazza San Luca, 22 Ponte nelle Alpi - viale Roma, 87 San Pietro di Cadore - via P.F.Calvi, 16 Santo Stefano di Cadore - via Venezia, 30 Sedico - via Cordevole, 2/b Santa Giustina - via Feltre, 17 Tai di Cadore - via Ferdinando Coletti, 15 Valle di Cadore - via XX Settembre, 76 2 sportelli in provincia di Pordenone Pordenone via Galvani, 8 Sacile - via Martiri Sfriso, 9 20 sportelli in provincia di Trento Ala - via della Roggia, 10 Arco - via S. Caterina, 20 Borgo Valsugana - via Hippoliti, 11/13 Cavalese - viale Libertà, 7 Cles - piazza Navarrino, 16/17 Fondo - via Cesare Battisti, 39 Lavis - via Rosmini, 65 Mezzolombardo - via Alcide Degasperi, 4 Moena - piazza Italia, 16 Mori - via della Terra Nera, 48/d Pergine Valsugana - viale Venezia, 44 Riva del Garda - via Damiano Chiesa, 4g-4h Rovereto - via G. M. della Croce, 2 Rovereto/Borgo Sacco - via della Vittoria, 11 Tione - via Circonvallazione, 56 Trento - piazza Lodron, 31 Trento - via S. Croce, 44 Trento - via Brennero, 302/a 8

9 Trento - via Enrico Fermi, 11 Villa Lagarina - via degli Alpini, 4 9 sportelli in provincia di Treviso Conegliano - via Cesare Battisti, 5 Conegliano - via Cristoforo Colombo, 42 Crocetta del Montello - via Andrea Erizzo, 64 Mogliano Veneto via degli Alpini, 16/g/f/e Oderzo - via degli Alpini, Pieve di Soligo - via Nubie 3/d Treviso - viale IV Novembre, 13/a Valdobbiadene - via Foro Boario, 21/23/13 Vittorio Veneto - galleria Tintoretto, 3 10 sportelli in provincia di Venezia Fossò - via Roncaglia, 1 Marcon - viale della Repubblica, 2 Martellago - via Friuli, 28 Mirano - via Cavin di Sala, 39 Noale - via Tempesta, 31 Oriago di Mira - via Venezia, 120 San Donà di Piave - via Vizzotto, 92 Spinea - piazza Marconi, 17 Venezia Mestre, Chirignago - via Rovereto, 8 Venezia Mestre/Villa Toesca - via Torre Belfredo, 23 9

10 Cariche sociali Consiglio di amministrazione presidente vicepresidenti amministratori Comitato esecutivo presidente amministratori Collegio dei sindaci presidente sindaci effettivi sindaci supplenti Collegio dei probiviri presidente probiviri effettivi probiviri supplenti Direzione direttore generale condirettore generale Bergmeister dott. Hansjörg Eisendle dott. Arno Salvà avv. Lorenzo Alberti dott. Marcello Christof Rudolf Gramm Werner Marzola dott. Alessandro Michaeler dott. Otmar Niederfriniger dott. Bernard Seeber Michael Wierer dott. Gregor Zorzi Oskar Bergmeister dott. Hansjörg Eisendle dott. Arno Christof Rudolf Wierer dott. Gregor Zorzi Oskar Vigl dott. Franz Knoll dott. Joachim Überbacher dott. Günther Defatsch dott. Franz Lorenzon dott. Emilio Bauer avv. Max Bernardi comm. Gino Kompatscher Walter Cimadom Hansjörg Stampfl Richard Schneebacher dott. Johannes Zanon dott. Paul 10

11 Relazione intermedia del Consiglio di amministrazione Progetto organizzativo e di governo societario In data 4 marzo 2008 Banca d Italia ha emanato disposizioni di vigilanza in materia di organizzazione e governo societario, articolate in principi generali e linee applicative, con obbligo per le banche di provvedere, entro il 30 giugno 2009, motivate scelte di governo societario in funzione delle caratteristiche dimensionali, organizzative e operative individuali. Le disposizioni di vigilanza si collocano nel più ampio novero della regolamentazione di tutela della sana e prudente gestione dell impresa banca e comportano consistenti oneri di valutazione del profilo di adeguatezza della normativa aziendale e delle prassi organizzative interne con redazione del Progetto di governance e, quando necessario, interventi adattativi o di nuova regolamentazione, da assolvere nel primo semestre Il governo societario di Banca Popolare dell Alto Adige è l insieme delle relazioni istituzionalizzate fra i dirigenti strategici, il board, la filiera di controllo e la proprietà che esprime l organizzazione entro la quale prende corpo il disegno imprenditoriale della Banca ovvero la struttura attraverso cui vengono fissati gli obiettivi, determinati i mezzi per il loro conseguimento e controllati i risultati. Prassi di buon governo societario attuano una chiara distinzione delle funzioni e l appropriato bilanciamento dei poteri, orientano la composizione degli organi sociali e la grafica delle deleghe e dei flussi informativi entro un coerente quadro organizzativo, assicurano ad amministratori e dirigenti strategici incentivi e remunerazioni adeguati alla realizzazione di obiettivi in linea con gli interessi della Banca e realizzano un efficace sistema di controllo. Così impostata, la governance tutela la reputazione del marchio e delle persone e realizza le basi per il trust & confidence relazionale al quale indissolubilmente è legato l oggetto sociale di Banca Popolare dell Alto Adige. Il ragionamento su tali finalità sovraordinate del Progetto e sul suo significato di matrice da cui origina in subordine ogni altro documento di indirizzo e di gestione interna, ha comportato il ripensamento dei processi e delle procedure di interdipendenza relazionale e funzionale e dei meccanismi di salvaguardia che determinano il buon andamento e la sana e prudente gestione della Banca. È emerso un disegno coerente, secondo criteri di proporzionalità, in funzione delle caratteristiche dimensionali, organizzative e operative di BPAA. Grande rilevanza rivestono nel Progetto gli obiettivi strategici di medio-lungo periodo e la rappresentazione del valore del marchio Banca Popolare Volksbank. Il progetto si sofferma poi sulla corrispondenza dell azione della Banca con lo spirito della lettera statutaria e i sovraordinati principi di dialettica con la proprietà. Trovano qui naturale collocazione le riflessioni sugli equilibri di governance e i meccanismi di rappresentanza del corpo sociale in condizione di crescita dimensionale che hanno portato a una prima proposta di riforma del vigente sistema di nomina degli amministratori. Ampio rilievo infine occupa la rappresentazione della struttura organizzativa della Banca, in particolare attraverso il modello di amministrazione e controllo, conservato tradizionale, e che disegna a ricaduta e secondo criteri di proporzionalità, l assetto di corporate governance, la composizione degli organi aziendali e il complesso delle deleghe, mentre la struttura dei flussi informativi e il sistema dei 11

12 controlli ne garantisce la funzionalità sullo sfondo di importanti prerogative date, sostanzialmente da adeguati meccanismi: - di remunerazione e incentivazione che favoriscano la competitività della Banca e, nel contempo, non siano in contrasto con le sue politiche di prudente gestione del rischio e con le strategie di mediolungo periodo; - di gestione del potenziale conflitto d interesse soggettivo e anche del conflitto per ruolo e responsabilità non chiaramente distinti e poteri non bilanciati nelle attribuzioni degli organi aziendali; - di controllo attraverso il collegio dei sindaci, le funzioni aziendali di conformità e di revisione / internal auditing, la revisione contabile esterna, meccanismi che includono il coordinamento e i flussi informativi delle istanze di controllo. In data 21 aprile 2009 l Assemblea straordinaria ha approvato le modifiche statutarie, liberate ai sensi dell art. 56 TUB, con provvedimento di Banca d Italia del , nonché il Regolamento dell assemblea per simmetria con il novellato statuto. Dopo l approvazione da parte del Consiglio di amministrazione l Assemblea ordinaria del 29 giugno 2009 ha deliberato i seguenti documenti: - Disciplina dell esercizio di incarichi amministrativi in società terze, limite di cumulo per gli amministratori - Policy di remunerazione e piani di remunerazione basati su strumenti finanziari. Il Consiglio di amministrazione ha adottato infine un codice di autoregolamentazione, introdotto allo scopo di garantire l'azione informata degli amministratori e l'efficiente svolgimento delle adunanze consiliari, oltre a regolamentare i flussi informativi. Progetto verifica del Sistema di Controllo Interno Il Consiglio di amministrazione ha deliberato l attribuzione ad una primaria società di consulenza dell incarico di effettuare una analisi complessiva del sistema di controllo interno, al fine di valutare l adeguatezza dei controlli di primo livello e verificare il modello di funzionamento delle strutture di secondo e terzo livello previste dalla normativa di vigilanza, al fine di individuare i possibili profili di miglioramento e le relative azioni correttive. Particolare attenzione, nell ambito dell indagine di cui sopra, sarà dedicata alla verifica del sistema dei controlli previsti per il rispetto della normativa antiriciclaggio oltre alla verifica dell'adeguatezza del modello organizzativo e dei presidi previsti in adempimento del D. Lgs. 231/2001, anche in termini di coerenza con il progetto di governo societario approvato dal Consiglio di amministrazione. Il risk management La Banca al fine di acquisire una sempre più precisa consapevolezza verso tutte le forme di rischio a cui è sottoposta, destina un impegno sempre maggiore alla loro individuazione e misurazione. Inoltre la propensione al rischio della Banca viene sempre tenuta in considerazione in fase di definizione delle scelte strategiche e di budget, in senso attuale e prospettico. Tutte le principali tipologie di rischio (rischio di credito, rischio di mercato, rischi operativi, rischio di tasso e rischio di liquidità) sono sottoposte ad un presidio costante da parte del Servizio Risk 12

13 management, i cui presupposti metodologici ed organizzativi sono descritti nella Parte E del presente Bilancio. Il rating Nel mese di luglio 2009 la società di rating Moody's ha ritoccato in ribasso il rating a lungo termine di BPAA da A1 a A2 "outlook stabile". Nella sua relazione, la società di rating indica, in particolare, come sia peggiorato il generale quadro di riferimento nazionale che ha portato, lo scorso maggio, alla correzione da "stabile" a "negativo" l'indice del sistema banche in Italia. Moody's rileva come le banche debbano scontare tagli di redditività con margine di default in aumento negli impieghi, sullo sfondo della recessione che, secondo Moody's, perdurerà a tutto il 2009 e con possibili effetti di stagnazione per il Ispezione Banca d Italia Come già indicato nella relazione del Consiglio di amministrazione del Bilancio 2008, a partire dal 12 gennaio 2009 Banca d Italia ha avviato una verifica in ordine all affidabilità delle strutture organizzative e di controllo con particolare riferimento alla conformità rispetto alla normativa antiriciclaggio presso la Banca. L ispezione si è conclusa in data 27 marzo 2009 e in data 15 giugno 2009 Banca d Italia ha notificato il rapporto ispettivo contenente costatazioni e contestazioni. La nostra Banca in data 29 luglio 2009 ha inviato all Organo di Vigilanza la risposta dettagliata al Rapporto ispettivo contenente le considerazioni sui rilievi formulati. Con riferimento ad alcuni dei rilievi e delle costatazioni contenuti nel citato rapporto ispettivo, Banca d Italia ha avviato, ai sensi degli artt. 7 e 8 della Legge 7/8/1990 n. 241, un procedimento sanzionatorio a carico degli Amministratori, dei Sindaci e del Direttore generale. Gli esiti del suddetto procedimento non sono ancora noti alla data di redazione della presente Relazione. 13

14 L andamento della gestione Il semestre concluso è stato caratterizzato dal proseguimento ed aggravamento della crisi finanziaria ed economica, che ha colpito anche il Nordest d Italia con conseguenze importanti sulla gestione aziendale e sui risultati conseguiti. Gli effetti si sentono nell andamento dei volumi e dei tassi e nel deterioramento della qualità del credito e di conseguenza nelle rettifiche di valore per deterioramento dei crediti. La Banca ha proseguito la piena valorizzazione del proprio patrimonio relazionale ed il sostegno del mondo produttivo e delle famiglie consumatrici agendo con prudenza e misura d occhio. Nel semestre di rendicontazione: - BPAA ha investito ingenti risorse nello standard qualitativo del servizio per accompagnare i bisogni di allocazione del risparmio espressi dalle famiglie in chiave di consolidamento del rapporto fiduciario ed assicurare un adeguato supporto finanziario e consulenziale alle imprese; - BPAA ha aumentato il proprio mercato regionale di interesse con attenta valutazione del contesto di riferimento, in particolare dell andamento dell economia reale, lo sviluppo del settore bancario e la retroazione sulle politiche di gestione della Banca. Con attenzione alla propria capacità strutturale e delle risorse reperibili, l azione strategica della Banca ha promosso la nuova apertura di 4 filiali: Venezia/Mestre Villa Toesca, Pordenone, Spinea e Martellago. La Banca Popolare dell Alto Adige ha realizzato i seguenti risultati: I mezzi amministrati Il totale dei mezzi amministrati per la clientela ha raggiunto milioni di Euro con un incremento del 2,2% rispetto a fine anno La raccolta Al 30 giugno 2009, la consistenza della raccolta complessiva da clientela (diretta ed indiretta) ha superato i 6 miliardi di Euro con una crescita del 1,9% in confronto con fine anno Nel 1 semestre la raccolta diretta ha raggiunto l ammontare di milioni di Euro sullo stesso livello di fine anno 2008 (+0,4%), segno della stabilità e capacità di autofinanziamento della Banca e delle relazioni fiduciarie con la clientela. Forme tecniche raccolta diretta Variazioni % Quota % depositi a risparmio e in c/c, certificati di deposito ,67% 42,30% obbligazioni clientela ordinaria ,37% 50,28% passività a fronte di attività cedute non cancellate ,92% 4,89% operazioni passive di pronti contro termine su titoli ,95% 2,53% Totale come da bilancio ,39% 100,00% 14

15 La componente più importante è rappresentata dalle obbligazioni clientela, che hanno registrato un lieve decremento del -1,4%. La Banca ha privilegiato emissioni obbligazionarie a tasso variabile e le flessioni si sono verificate esclusivamente nel comparto strutturato o a tasso fisso. Hanno retto i volumi della raccolta a vista in prodotti tradizionali bancari molto sicuri. La raccolta indiretta ha registrato un incremento del 5,5% nei sei mesi passati. Forme tecniche raccolta indiretta Variazioni % Quota % titoli in amministrazione ,28% 58,56% fondi d'investimento ,66% 33,30% gestioni patrimoniali ,00% 0,00% assicurazioni vita ,42% 8,14% Totale ,52% 100,00% All interno dell aggregato, i dati relativi al comparto del risparmio amministrato esprimono un moderato incremento del 2,3% ed il risparmio gestito mostra una consistente aumento del 10,5% da 683 milioni di Euro a 755 milioni di Euro. Quest ultimo dato riflette la significativa ripresa dei mercati mobiliari nel primo semestre A fine periodo la quota di raccolta indiretta della clientela investita nel risparmio gestito rappresenta complessivamente il 41,4% del totale dell aggregato rispetto al 39,6% del fine anno precedente. Gli impieghi Nel 1 semestre 2009 si è rallentata l espansione degli impieghi che, al netto delle rettifiche di valore, hanno fatto registrare una crescita dell 2,7%, che in cifra assoluta esprime un incremento di 115 milioni di Euro, raggiungendo milioni di Euro. Tutto ciò a conferma del ruolo strategico svolto dalla Banca a sostegno del sistema produttivo locale e al soddisfacimento delle esigenze finanziarie delle famiglie. Forme tecniche impiego Variazioni % Quota % conti correnti ,83% 36,12% pronti contro termine attivi ,00% 0,00% mutui ,95% 34,02% carte di credito, prestiti personali e cessioni del quinto ,65% 0,47% locazione finanziaria 0 0 0,00% factoring 0 0 0,00% altre operazioni ,22% 11,30% titoli di debito 0 0 0,00% attività deteriorate ,43% 6,25% attività cedute non cancellate ,99% 11,84% Totale come da bilancio ,65% 100,00% 15

16 La composizione dei crediti per forma tecnica evidenzia l aumento dei mutui (incluse le attività cedute non cancellate perchè si tratta esclusivamente di mutui ipotecari cartolarizzati) a medio/lungo termine che rappresentano il 45,3% del totale ed hanno registrato un incremento complessivo del 6,5%. La ripartizione del volume degli impieghi per settore economico delinea il seguente quadro: Settori impiego Variazioni % Quota % privati ,95% 31,59% settore produttivo ,30% 22,46% commercio ,27% 8,62% servizi ,70% 35,26% enti pubblici, settore finanziario e assicurativo ,98% 2,07% Totale come da bilancio ,65% 100,00% La composizione dei crediti per categoria di prenditori conferma la prevalenza delle società non finanziarie che rappresentano il 66,3% del totale impieghi verso clientela con una variazione in aumento del 1,4%. Seguono le famiglie con quota 31,6% ed un incremento dei volumi del 5%. Al 30 giugno 2009 il rapporto impieghi / raccolta diretta si è attestato al 106% rispetto al 104% del dato fine Crediti deteriorati Le attività deteriorate nette alla fine dell esercizio risultano il 6,26% del totale impieghi, in aumento rispetto al dato del fine anno precedente (6,03%). Soprattutto la consistenza delle sofferenze è aumentata, indicando sia per le famiglie che per le imprese difficoltà nella restituzione dei prestiti. In prospettiva, dal deterioramento del ciclo economico potrebbero accrescere le criticità nei pagamenti. La riclassificazione secondo il grado di rischio dei crediti deteriorati evidenzia il seguente andamento: 16

17 Crediti deteriorati Variazioni % A) sofferenze importi lordi ,18% meno rettifiche di valore specifiche ,47% importi netti a bilancio ,49% B) posizioni incagliate importi lordi ,19% meno rettifiche di valore specifiche ,89% importi netti a bilancio ,01% C) esposizioni ristrutturate importi lordi meno rettifiche di valore specifiche importi netti a bilancio D) esposizioni scadute importi lordi ,17% meno rettifiche di valore specifiche ,70% importi netti a bilancio ,18% E) esposizioni in bonis importi lordi ,37% meno rettifiche di valore specifiche 0 0 meno rettifiche di valore forfetarie ,12% importi netti a bilancio ,40% Totale importi netti a bilancio ,65% Il rapporto fra le sofferenze nette e gli impieghi per cassa è peggiorato all 1,46% (2008: 1,08%), il rapporto tra le sofferenze lorde e gli impieghi lordi per cassa si manifesta invece al 2,79% (2008: 2,36%). Si segnala che le sofferenze lorde includono anche gli interessi di mora maturati e non incassati svalutati integralmente. Oltre alla valutazione dei crediti in sofferenza, effettuata analiticamente per singola posizione, è stata adottata analoga valutazione specifica per le esposizioni ristrutturate ed i crediti incagliati compresi gli incagli oggettivi, vale a dire quelle posizioni per le quali la clientela attraversa situazioni di transitoria obiettiva difficoltà di rimborso, le quali appaiono tuttavia superabili, motivo per cui vengono mantenute fra gli impieghi vivi. Le rettifiche di valore specifiche e forfetarie includono l effetto di attualizzazione connesso alla valutazione dei tempi necessari per l incasso degli importi recuperabili. Qualora la stima iniziale dei tempi di recupero venisse successivamente confermata, tale effetto si rigirerà a conto economico nei prossimi esercizi dando luogo a riprese di valore. Va inoltre precisato che non sono state effettuate ulteriori rettifiche, per mancanza di presupposti oggettivi e soggettivi, né su esposizioni nei confronti di paesi considerati a rischio, né nei confronti di particolari settori merceologici ritenuti suscettibili di esiti dubbi di natura fisiologica. 17

18 Nella forma tecnica d impiego attività cedute non cancellate (cartolarizzazione di mutui residenziali ipotecari) sono da segnalare i seguenti volumi deteriorati al 30 giugno 2009: sofferenze migliaia di Euro, posizioni incagliate migliaia di Euro ed esposizioni scadute migliaia di Euro. L esposizione deteriorata ammonta a 11,5 milioni di Euro ed il rapporto fra crediti deteriorati e le attività cedute non cancellate è del 2,18%. Non sono state effettuate rettifiche di valore analitiche perché le esposizioni sono largamente coperte da garanzie ipotecarie. La rettifica di valore forfetaria delle attività cedute non cancellate ammonta a 519 migliaia di Euro. In conclusione, il Consiglio di amministrazione, tenuto conto della valutazione effettuata anche secondo il principio della prudenza ed in considerazione della non elevata concentrazione del portafoglio crediti (vedi anche Nota integrativa sui grandi rischi), ritiene che il complesso dei rischi potenziali insiti nei crediti in essere sia da considerare coperto in misura sufficiente. Le partecipazioni Partecipazioni costituenti il Gruppo bancario - conclusione del progetto di fusione per incorporazione della controllata Berger Spa nella controllante Banca Popolare dell Alto Adige Nella seduta del 23 ottobre 2008 il consiglio di amministrazione della Banca ha avviato il progetto di fusione per incorporazione della controllata Berger Spa nella controllante Banca Popolare dell Alto Adige. La motivazione è sorta perché con la legge finanziaria 2008 (Legge n. 244/2007) e la manovra estiva (Legge n. 133/2008) sono stati annullati i presupposti del modello di business della società Berger Spa. Con lettera del 05 novembre 2008 la Banca ha presentato l istanza di autorizzazione alla Banca d Italia. Dall incorporazione di Berger Spa in BPAA consegue, di fatto, anche lo scioglimento del Gruppo bancario Banca Popolare dell Alto Adige, per essere l incorporanda l unica partecipazione della Banca soggetta alla disciplina dei Gruppi bancari. Con lettera del 02 febbraio 2009 la Banca d Italia ha autorizzato la fusione per incorporazione della Berger Spa nella Banca Popolare dell Alto Adige. La fusione è stata perfezionata con la firma dell atto di fusione il 5 giugno 2009 e con la registrazione dell atto e la cancellazione della Berger Spa dal registro delle imprese il 10 giugno L impatto della fusione sulle voci patrimoniali ed economiche della Banca è stato irrilevante e l avanzo di fusione di Euro è stato accantonato nelle riserve. In seguito alla fusione il Gruppo bancario Banca Popolare dell Alto Adige è stato cancellato dall elenco dei Gruppi bancari in data 10 giugno Partecipazioni in società controllate e sottoposte ad influenza notevole Vi figurano le partecipazioni nella società Voba Invest S.r.l., Bolzano, controllata al 100% dalla Banca ed iscritta in bilancio per un valore di migliaia di Euro, e nella Casa di Cura Villa Sant Anna S.r.l., Merano, interessenza acquistata per il recupero di posizione creditoria. In quest ultima la Banca detiene il 35% per un valore iscritto in bilancio di 516 migliaia di Euro. 18

19 Informativa sui rapporti infragruppo e altre correlate I rapporti di conto e di lavoro intrattenuti con le società partecipate in misura rilevante ovvero correlate, hanno avuto un andamento del tutto regolare e corretto applicando condizioni di mercato. Si evidenzia che, ai sensi dell art bis c.c., così come modificato dal D.Lgs. n. 6/2003, la Banca Popolare dell Alto Adige esercita attività di direzione e coordinamento solo sulla società Voba Invest S.r.l. e non redige il bilancio consolidato per effetto del "Quadro sistematico per la preparazione e la presentazione del bilancio (cosiddetto Framework) al quale è fondamentale riferirsi nell'applicazione dei principi contabili internazionali. Detto Framework non contiene principi relativi a tematiche concernenti la valutazione o l informativa, bensì espone i concetti di base (cosiddetti postulati) per la preparazione e presentazione del bilancio sia d esercizio che consolidato. In particolare, dopo aver definito le finalità ed i postulati di bilancio, definisce e detta i criteri generali per la rilevazione e valutazione degli elementi che lo compongono, cioè le attività, le passività e il patrimonio netto, i costi e ricavi. Nei paragrafi dal 26 al 30, richiama i concetti di significatività e rilevanza dell informazione. In particolare, il paragrafo 26 dispone che l informazione è qualitativamente significativa quando è in grado di influenzare le decisioni economiche degli utilizzatori aiutandoli a valutare gli eventi passati, presenti o futuri oppure confermando o correggendo valutazioni da essi effettuate precedentemente. Il paragrafo 29 stabilisce che la significatività dell informazione è influenzata dalla sua natura e dalla sua rilevanza. Infine, il paragrafo 30 precisa che la rilevanza, fornisce una soglia o un limite piuttosto che rappresentare una caratteristica qualitativa primaria che l informazione deve possedere per essere utile. Va inoltre richiamato il paragrafo 8 dello IAS 8, Principi contabili, cambiamenti nelle stime ed errori, omologato dal Comitato di Regolamentazione Contabile il 30 novembre 2004 e pubblicato nella GU.CE il 31 dicembre 2004, che dispone che non è necessario applicare i criteri contabili dettati dagli IAS/IFRS quando l effetto della loro applicazione non è significativo. Sulla base delle citate disposizioni la Banca ha deciso di non redigere il bilancio consolidato ed ha escluso le proprie partecipazioni controllate che ritiene irrilevanti o poco significative ai fini del miglioramento dell informativa che conseguirebbe dal loro consolidamento. 19

20 Il settore finanze I titoli di proprietà della Banca, incluse le partecipazioni, ammontano al 30 giugno 2009 a 453 milioni di Euro, con un incremento di 2 milioni di Euro rispetto a fine anno L operatività della Banca nel comparto titoli è stata improntata dai consueti criteri di prudenza. Portafogli titoli di proprietà Variazioni % Quota % Attività finanziarie detenute per la negoziazione (HFT) ,51% 62,25% Attività finanziarie disponibili per la vendita (AFS) ,04% 34,31% Attività finanziarie detenute sino alla scadenza (HTM) ,12% 2,55% Partecipazioni ,68% 0,89% ,45% 100,00% L andamento favorevole dei mercati nel primo semestre e la gestione prudente del portafoglio hanno avuto conseguenze positive in conto economico ed hanno migliorato notevolmente le riserve da valutazione riferite al portafoglio AFS. Va inoltre evidenziato l impatto positivo sul conto economico derivante dal riacquisto di titoli obbligazionari Asset Backed relativi alla cartolarizzazione propria del 2006, per un ammontare complessivo di circa 3,5 milioni di Euro nominali. Il risultato della suddetta operazione ha contribuito alla realizzazione di utili dell attività di negoziazione per 1,3 milioni di Euro lordi. Con riferimento alla circolare della Banca d Italia n del 17 giugno che pone l attenzione delle istituzioni finanziarie sull informativa al mercato relativa ai rischi assunti con la negoziazione di prodotti strutturati di credito e nell ambito della quale si sottolinea la necessità di fornire una disclosure coerente alle raccomandazioni emanate in materia dal Financial Stability Forum si fa presente che non sono presenti esposizioni verso società veicolo o altre strutture di conduit con sottostanti titoli o investimenti collegati a prestiti subprime e Alt-A statunitensi. Per quanto riguarda i rapporti con il gruppo Lehman Brothers, si precisa che al la Banca detiene in portafoglio titoli per un controvalore nominale di 2,5 milioni di Euro. La gestione della liquidità Alla gestione della liquidità é stata data grande attenzione, che viene anche espressa nella separazione della gestione dei titoli d investimento dal servizio treasury. Un grande punto di forza della Banca è la costante capacità di rifinanziarsi attraverso la raccolta diretta nel territorio, sviluppando le relazioni fiduciarie con la clientela. Inoltre la Banca ha reso accessibili altri fonti di finanziamento. Coerentemente con gli sviluppo previsti dal piano strategico, BPAA è ricorsa al mercato dei capitali attraverso la predisposizione di un programma quadro di un miliardo di Euro per future emissioni obbligazionarie a medio-lungo termine [programma EMTN - euro medium term notes], sottoscritto nel 20

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BANCA DI ROMAGNA SPA SEDE LEGALE IN FAENZA CORSO GARIBALDI 1. SOCIETÀ APPARTENENTE AL GRUPPO UNIBANCA SPA (ISCRITTO ALL'ALBO DEI

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

Pitagora SpA - Semestrale al 30/06/2014

Pitagora SpA - Semestrale al 30/06/2014 B i l a n c i o s e m e s t r a l e a l 3 0 g i u g n o 2 0 1 4 BILANCIO SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014 Pitagora SpA - Semestrale al 30/06/2014 STATO PATRIMONIALE Voci dell'attivo 30/06/2014 31/12/2013

Dettagli

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA Stato Patrimoniale Conto Economico Prospetto delle variazioni del Patrimonio Netto Rendiconto Finanziario Stato Patrimoniale Voci dell'attivo 2007 2006 10. Cassa e disponibilità

Dettagli

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato:

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato: ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA VENETO BANCA I Soci hanno approvato il bilancio al 31 dicembre 2014 e nominato quattro Consiglieri di Amministrazione. Si è svolta oggi a Villa Spineda, a Venegazzù

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

Dati al 30 Giugno 2015

Dati al 30 Giugno 2015 Dati al 30 Giugno 2015 www.biverbanca.it info@biverbanca.it Sede Legale e Direzione Generale: 13900 Biella Via Carso, 15 Capitale Sociale euro 124.560.677,00 Registro delle Imprese di Biella Partita Iva

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 Estratto per la pubblicazione

BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 Estratto per la pubblicazione BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 Estratto per la pubblicazione BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 1. STATO PATRIMONIALE Voci dell'attivo 31.12.2014 31.12.2013 10. Cassa e disponibilità liquide 341 153 60. Crediti:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Utile netto a 5,0 milioni di euro (2,5 milioni di euro al 30 giugno 2006, +100%) Margine

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2009 DATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 182 183 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto Economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. approva il Bilancio consolidato ed il Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012: Raccolta complessiva

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

Viene confermata la focalizzazione della Banca sulla concessione del credito e sulla gestione delle

Viene confermata la focalizzazione della Banca sulla concessione del credito e sulla gestione delle COMUNICATO STAMPA Il Consiglio d Amministrazione di Banca del Mezzogiorno MedioCredito Centrale approva il nuovo Piano Industriale Triennale 2015 2017 e la Relazione Semestrale al 30 giugno 2015 Roma,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA AI SENSI DELL ART.36 DEL REGOLAMENTO ADOTTATO CON DELIBERA CONSOB N. 11971 DEL 14 MAGGIO 1999

COMUNICATO STAMPA AI SENSI DELL ART.36 DEL REGOLAMENTO ADOTTATO CON DELIBERA CONSOB N. 11971 DEL 14 MAGGIO 1999 COMUNICATO STAMPA AI SENSI DELL ART.36 DEL REGOLAMENTO ADOTTATO CON DELIBERA CONSOB N. 11971 DEL 14 MAGGIO 1999 UniCredito Immobiliare Uno: approvato il rendiconto annuale 2014 Valore complessivo netto

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014 COLFERT S.P.A. Sede legale: VIA DEI MILLE N. 32 - FRESCADA PREGANZIOL (TV) Iscritta al Registro Imprese di TREVISO C.F. e numero iscrizione: 00401460266 Iscritta al R.E.A. di TREVISO n. 120644 Capitale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IWBANK S.P.A.: APPROVATI I DATI DEL PRIMO SEMESTRE 2008

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IWBANK S.P.A.: APPROVATI I DATI DEL PRIMO SEMESTRE 2008 COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IWBANK S.P.A.: APPROVATI I DATI DEL PRIMO SEMESTRE 2008 Confermato l ottimo trend di crescita del Gruppo Utile netto semestrale consolidato a circa 7,0

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) Pag. 1 1 INDICE Premessa... 3 PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS1)... 4 RICONCILIAZIONI RICHIESTE DALL IFRS 1...

Dettagli

Rapporti considerati dormienti ai sensi del Decreto n.166/07 e comunicati alla CONSAP

Rapporti considerati dormienti ai sensi del Decreto n.166/07 e comunicati alla CONSAP Rapporti considerati dormienti ai sensi del Decreto n.166/07 e comunicati alla CONSAP Tipo Prodotto Denominazione DEPOSITO RISPARMI AL PORTATORE 1 Vipiteno 8413-10 DEPOSITO RISPARMI AL PORTATORE 1 Vipiteno

Dettagli

BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013

BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 Utile lordo di Euro 35,6 mln e utile netto di 18,8 mln

Dettagli

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Comunicato Stampa Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Utile netto consolidato a 7,6 milioni di Euro (+52,3% a/a) Ricavi consolidati a 44,8 milioni di Euro (+2,1% a/a) Risultato della gestione

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La struttura

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: LA COMPARAZIONE

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 36 37 38 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013)

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2014 GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) Il risultato è influenzato dagli oneri

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005.

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. In data 3 aprile u.s. la Banca d Italia ha emanato una circolare a tutti gli intermediari creditizi con cui disciplina

Dettagli

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo Mediterraneo S.p.A.: Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Trimestre: gennaio 2008 marzo 2008 Margine di interesse pari a euro 327.660 Margine di intermediazione

Dettagli

Allegato "14" Piero Luigi Montani Consigliere Delegato Contesto economico 2011 Scenario macroeconomico Economia mondiale 2011: crescita debole del PIL ed elevata instabilità finanziaria a causa delle tensioni

Dettagli

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 Margine di intermediazione consolidato pari a 5,68 milioni di euro (4,14 milioni di euro al IH2010) Risultato della gestione operativa

Dettagli

Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione.

Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione. 21/07/2005 - Approvazione relazione trimestrale 01.04.2005-30.06.2005 Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione. Sommario: Nei primi nove mesi dell

Dettagli

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010 CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010 Margine di intermediazione consolidato pari a Euro 4,14 milioni (Euro 5,96 milioni al IH2009) Perdita netta di competenza del gruppo

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014 ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA Sede in VIALE TRIESTE 11-30020 ANNONE VENETO (VE) Capitale sociale Euro 7.993.843,00 i.v. Codice fiscale: 04046770279 Iscritta al Registro delle Imprese di Venezia

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O Sede in SPEZZANO DELLA SILA Codice Fiscale 02328170788 - Numero Rea COSENZA 157898 P.I.: 02328170788 Capitale Sociale Euro 42.400 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 SCHEDA DI SINTESI E INDICATORI DI GESTIONE Situazione al Variazione % 31/12/07 30/09/07 31/12/06

Dettagli

BNP Paribas REIM SGR p.a. approva i rendiconti annuali 2013 dei Fondi BNL Portfolio Immobiliare e Immobiliare Dinamico

BNP Paribas REIM SGR p.a. approva i rendiconti annuali 2013 dei Fondi BNL Portfolio Immobiliare e Immobiliare Dinamico BNP Paribas REIM SGR p.a. approva i rendiconti annuali 2013 dei Fondi BNL Portfolio Immobiliare e Immobiliare Dinamico BNL Portfolio Immobiliare: valore di quota pari a Euro 1.321,402 con un rendimento

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

SEZIONE 3 Area e Metodi di consolidamento

SEZIONE 3 Area e Metodi di consolidamento SEZIONE 3 Area e Metodi di consolidamento 1. PARTECIPAZIONI IN SOCIETA CONTROLLATE IN VIA ESCLUSIVA E IN MODO CONGIUNTO In base ai principi IAS/IFRS l area di consolidamento comprende tutte le società

Dettagli

Recesso a seguito dell approvazione di modifiche dello statuto ai sensi dell art. 2437, comma 1, lettera g) cod. civ.. Determinazione del valore di

Recesso a seguito dell approvazione di modifiche dello statuto ai sensi dell art. 2437, comma 1, lettera g) cod. civ.. Determinazione del valore di Recesso a seguito dell approvazione di modifiche dello statuto ai sensi dell art. 2437, comma 1, lettera g) cod. civ.. Determinazione del valore di liquidazione delle azioni ai sensi dell art. 2437-ter

Dettagli

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente:

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente: SINTESI SOCIETA DI INVESTIMENTI E PARTECIPAZIONI S.p.A. Sede in Milano, Via Carlo Porta n. 1 Capitale sociale sottoscritto e versato Euro 721.060,67 Registro delle Imprese di Milano n. 00849720156 Sito

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2014 NOTA:

Dettagli

TITOLO. Consiglio di amministrazione del 6 novembre 2013: approvazione del resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2013.

TITOLO. Consiglio di amministrazione del 6 novembre 2013: approvazione del resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2013. Società cooperativa per azioni - fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio So - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

Utile netto della capogruppo Anima Holding: 72,4 milioni di euro (+38% sul 2013)

Utile netto della capogruppo Anima Holding: 72,4 milioni di euro (+38% sul 2013) COMUNICATO STAMPA ANIMA Holding: risultati esercizio 2014 Ricavi totali consolidati: 226,9 milioni (+3% sul 2013) Utile netto consolidato: 84,9 milioni (-29% sul 2013 che includeva proventi straordinari)

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Milano, 24 marzo 2015. Approvato il rendiconto di gestione al 31 dicembre 2014 del Fondo immobiliare Investietico:

Milano, 24 marzo 2015. Approvato il rendiconto di gestione al 31 dicembre 2014 del Fondo immobiliare Investietico: AEDES BPM Real Estate SGR S.p.A. Sede in Milano, Bastioni di Porta Nuova n. 21, capitale sociale Euro 5.500.000,00 sottoscritto e versato, R.E.A. Milano n. 239479, Numero Registro delle Imprese di Milano

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë=

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Global Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Global Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo La gestione ha come obiettivo la crescita del capitale investito in un orizzonte temporale lungo ed è caratterizzata

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C.

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. All Assemblea degli Azionisti di Mittel SpA. Nel corso dell esercizio chiuso al 30 settembre 2012

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 SETTEMBRE 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La

Dettagli

INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015

INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015 COMUNICATO STAMPA INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015 VENDITE NETTE: 222,6 milioni (+39,0%) - 160,2 milioni nel primo trimestre 2014 EBITDA: 43,5 milioni (+35,8%) pari al 19,5%

Dettagli

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS Comunicato stampa Mestre, 29 aprile 2010 Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS UTILI IN FORTE CRESCITA: +107,8% SUL 4 TRIMESTRE 2009, +13,9% SUL 1 TRIMESTRE

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO "ZED OMNIFUND" Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998

FONDO PENSIONE APERTO ZED OMNIFUND Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998 FONDO PENSIONE APERTO "ZED OMNIFUND" Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998 STATO PATRIMONIALE AL 31.12.2006 - LINEA GARANTITA ESERCIZIO IN CORSO 31.12.2006

Dettagli

La fusione per incorporazione del Credito Bergamasco

La fusione per incorporazione del Credito Bergamasco Il Banco Popolare semplifica e razionalizza ulteriormente la struttura societaria del Gruppo: approvato il progetto di fusione per incorporazione del Credito Bergamasco e di Banca Italease Verona, 26 novembre

Dettagli

Note sulla gestione del fondo.

Note sulla gestione del fondo. FONDO PENSIONE DIPENDENTI GIOCHI AMERICANI Sede in Saint Vincent Via Italo Mus - presso Casino de la Vallée Codice fiscale n. 90006620075 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI IN ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO DELL'ESERCIZIO

Dettagli

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A.

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. IMPORTANTE SOSTEGNO ALL ECONOMIA Prestiti a clientela (1) : +5,3% a/a (vs sistema -0,6%

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005 EMAN SOFTWARE S.P.A. SEDE LEGALE: MILANO Viale Monza 265 CAPITALE SOCIALE: Euro 120.000.= i.v. CODICE FISCALE: 04441590967 CCIAA di Milano nº 1747663 REA REGISTRO IMPRESE di Milano nº 04441590967 Società

Dettagli

IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008:

IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008: CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008: RISULTATO NETTO CONSOLIDATO: -42 MLN DI EURO (+9,1 MLN DI EURO NEL PRIMO SEMESTRE 2007). IL DATO RISENTE DEL

Dettagli

SUPPLEMENTO PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all Offerta Pubblica di Sottoscrizione di azioni ordinarie

SUPPLEMENTO PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all Offerta Pubblica di Sottoscrizione di azioni ordinarie SUPPLEMENTO al PROSPETTO INFORMATIVO relativo all Offerta Pubblica di Sottoscrizione di azioni ordinarie Denominazione: CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa. Sede legale

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio VERSIONE OTTOBRE 2014 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Versione: 20141024-1

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Banca IFIS, il CDA ha approvato il progetto di bilancio 2015. Proposto all Assemblea un dividendo di 0,76 euro per azione.

Banca IFIS, il CDA ha approvato il progetto di bilancio 2015. Proposto all Assemblea un dividendo di 0,76 euro per azione. COMUNICATO STAMPA RISULTATI ESERCIZIO 2015 Banca IFIS, il CDA ha approvato il progetto di bilancio 2015. Proposto all Assemblea un dividendo di 0,76 euro per azione. Mestre (Venezia), 02 febbraio 2016

Dettagli

OIC 21: Partecipazioni e azioni proprie

OIC 21: Partecipazioni e azioni proprie OIC 21: Partecipazioni e azioni proprie Novara, 27 gennaio 2015 Lorenzo Gelmini Introduzione: gli obiettivi e l ambito del nuovo principio contabile o Riordino generale della tematica o Miglior coordinamento

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE Prof. Giovanni Frattini Dal cap. 5 Il bilancio pubblico - L introduzione dei principi contabili

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 SERFACTORING S.p.A. Sede Legale in San Donato Milanese (MI), Via dell Unione europea 3 Capitale Sociale Euro 5.160.000 i. v. Registro Imprese di Milano Codice

Dettagli

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo Il Gruppo conferma la leadership nella raccolta del risparmio e dei premi assicurativi. Nel settore postale incide l onere per

Dettagli

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 COMUNICATO STAMPA GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 UTILE NETTO: Euro 217,5 milioni, +125% MASSE AMMINISTRATE: Euro 49,1 miliardi, +5% RACCOLTA NETTA BANCA MEDIOLANUM: Euro 1.760 milioni CARLO

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione Relazione economica Posso dire che ritengo oggi ci siano tutte le condizioni per riportare la Banca al ruolo che le compete anche grazie all impegno dei colleghi, che ho potuto apprezzare in questo periodo,

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO

IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO VISTA la legge 17 novembre 2005, n. 165 (di seguito, per brevità: LISF ) che, tra l altro, attribuisce alla Banca Centrale della

Dettagli

Relazione consolidata terzo trimestre 2005

Relazione consolidata terzo trimestre 2005 Relazione consolidata terzo trimestre 2005 2 Riunione di consiglio del 14 novembre 2005 3 4 Indice Stato patrimoniale Consolidato 7 Conto economico Consolidato 11 Prospetto delle variazioni del Patrimonio

Dettagli

RELAZIONI E BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2009

RELAZIONI E BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2009 RELAZIONI E BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2009 Banca di Cascina Credito Cooperativo Banca di Cascina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A.

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. Sede ad Annone Veneto (VE), Viale Trieste, n. 11 Capitale sociale: 7.993.843, i.v. Codice fiscale, partita IVA e n. di iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31 DICEMBRE 2011 Indice Introduzione... 2 Tavola 3 - Composizione del patrimonio di vigilanza... 4 Tavola 4 - Adeguatezza patrimoniale...

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA Milano, 15 aprile 2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 Bilancio Capogruppo:

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INWIT: APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA INWIT: APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA INWIT: APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015 Principali risultati al 30 giugno 2015 della neocostituita Infrastrutture Wireless Italiane S.p.A. RICAVI:

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

BNP Paribas REIM SGR p.a. approva il rendiconto annuale 2014 del Fondo BNL Portfolio Immobiliare

BNP Paribas REIM SGR p.a. approva il rendiconto annuale 2014 del Fondo BNL Portfolio Immobiliare BNP Paribas REIM SGR p.a. approva il rendiconto annuale 2014 del Fondo BNL Portfolio Immobiliare BNL Portfolio Immobiliare: valore di quota pari a Euro 937,084 con un rendimento medio annuo composto (TIR)

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

Bilancio 2014 Car Server S.p.A.

Bilancio 2014 Car Server S.p.A. Car Server S.p.A. Sede legale 42124 Reggio Emilia, Via G. B. Vico, 10/c Capitale sociale: Euro 11.249.859 P. IVA e numero di Iscrizione Registro Imprese RE N 01610670356 Il presente bilancio è stato approvato

Dettagli