Definizione strumenti finanziari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Definizione strumenti finanziari"

Transcript

1 I criteri di valutazione secondo gli IAS 39 Definizione strumenti finanziari Lo IAS 39 definisce lo strumento finanziario come un qualsiasi contratto che dà origine ad una attività finanziaria per un impresa o una passività finanziaria o uno strumento finanziario rappresentativo di capitale per un altra impresa. Le molteplici tipologie di strumenti finanziari possono essere ricondotte ai tre principali comparti del bilancio bancario: a) Attività finanziarie rappresentate da: - disponibilità liquide; - diritti contrattuali a ricevere disponibilità liquide o altre attività finanziarie da altre imprese o a scambiare strumenti finanziari con altre imprese a condizioni potenzialmente favorevoli; - strumenti rappresentativi del capitale di un altra impresa. b) Passività finanziaria è una qualsiasi passività rappresentativa di: un obbligazione contrattuale: a consegnare disponibilità liquide o altra attività finanziaria a un altra impresa; a scambiare attività o passività finanziarie con un altra impresa a condizioni un contratto che sarà o potrà essere regolato con strumenti rappresentativi di capitale dell impresa stessa ed è un contratto: non derivato per il quale l impresa è o potrebbe essere obbligata a consegnare un numero variabile di propri strumenti rappresentativi di capitale; derivato che sarà o potrà essere regolato con modalità diverse dallo scambio di un ammontare predeterminato di disponibilità liquide o di altri strumenti finanziari contro un numero fisso di strumenti rappresentativi di capitale dell impresa stessa. A tal fine gli strumenti rappresentativi di capitale dell impresa non devono contenere strumenti che sono loro stessi contratti di futura ricezione o consegna di strumenti rappresentativi di capitale dell impresa stessa. c) Derivato è uno strumento finanziario che presenta queste tre caratteristiche:

2 il suo valore cambia in relazione al variare di uno specifico tasso di interesse, del prezzo di uno strumento finanziario, del prezzo di una commodity, del tasso di cambio, di indici di prezzo; è regolato in una data futura; non richiede di un investimento iniziale, oppure richiede un investimento netto iniziale minore di quello che potrebbe essere richiesto da altri tipi di contratto. Tutte le attività e passività finanziarie inclusi i derivati devono essere rilevati nello stato patrimoniale quando l entità diventa parte nelle clausole contrattuali dello strumento.

3 Gli strumenti finanziari devono essere iscritti in una delle seguenti categorie (rif. IAS 39): Strumenti valutati a fair value attraverso il Conto Economico (FVTPL) Attività/passività finanziarie acquisite principalmente con o scopo di generare profitto dalle fluttuazioni di breve periodo del fair value Tutti i derivati (esclusi quelli di copertura) Attività/passività finanziarie iscritte inizialmente in questa categoria in base alla Fair Value Option Investimenti posseduti sino a scadenza (HTM) Attività finanziarie con scadenza fissa e con pagamenti fissi (o determinabili) che un impresa ha l intenzione e la capacità di mantenere sino alla scadenza. Finanziamenti e Crediti (L&R) Attività finanziarie (diverse da strumenti derivati) caratterizzate da pagamenti fissi o determinabili che non siano quotate in mercati attivi. Attività finanziarie disponibili per la vendita (AFS) Attività finanziarie che non rientrano fra: finanziamenti e crediti; investimenti posseduti sino a scadenza; strumenti finanziari di negoziazione. Uno strumento finanziario (attività e passività finanziaria) è collocato in questa categoria (FVTPL) se: Classificato come posseduto per negoziazione è detenuto per essere negoziato nel b/t; è un contratto derivato (non di copertura); fa parte di un portafoglio gestito unitariamente con finalità di negoziazione nel b/t.

4 Al momento della rilevazione iniziale viene designato dall entità al fair value rilevato a conto economico (Fair Value Option) La FAIR VALUE OPTION può essere applicata solo se: La designazione permette di dare informazioni più rilevanti in quanto: elimina o riduce significativamente gli accounting mismatch ; un gruppo di attività e/o passività finanziarie è gestito on a fair value basis, Un contratto contiene uno (o più) derivati incorporati, a meno che: il derivato incorporato non modifichi significativamente i flussi di cassa del contratto ospite ; non ne sia chiaramente proibita la separazione. La Circ. B.I. 262/05 prevede due voci distinte: Attività finanziarie valutate al fair value voce 30 attivo patrimoniale; Passività finanziarie valutate al fair value voce 50 passivo patrimoniale. Accounting mismatch componenti o parti di attività/passività sono valutate con principi contabili differenti (es. Fair value vs. Costo ammortizzato) oppure hanno differente modalità di contabilizzazione a conto economico; non è necessario che le attività/passività che originano l accounting mismatch siano iscritte allo stesso momento (è concesso un ragionevole ritardo ) Managed on a fair value basis è richiesta l informativa (anche se non per ogni elemento individuale) l informativa deve comprendere l indicazione della strategia dell entità con riferimento alla gestione del portafoglio al quale si applica la Fair Value Optino Le attività finanziarie sono classificate come detenute sino a scadenza (HTM) se caratterizzate da: pagamenti fissi o determinabili; scadenza determinata; che l entità ha l intento e la capacità di detenere fino a scadenza.

5 Le attività finanziarie sono classificate come Finanziamenti e Crediti (L&R) se caratterizzate da: pagamenti fissi o determinabili non quotate in mercati attivi.

6 Attività finanziarie disponibili per la vendita (AFS) Categoria residuale: viene collocato quanto non è più propriamente riferibile alle altre tre categorie. IAS 39: classificazione e valutazione

7 La valutazione: il Fair Value Fair Value: E il corrispettivo a cui un attività può essere scambiata o una passività può essere estinta, in una libera transazione fra parti consapevoli e consenzienti. Il fair Value è quindi diverso dal valore di realizzo che corrisponde all importo che l azienda si aspetta da una specifica transazione di mercato. Il fair value fa riferimento a compratori/venditori astratti, consapevoli e disponibili sul mercato. Il fair Value è potenzialmente diverso anche dal valore d uso perché quest ultimo rappresenta la stima effettuata dall azienda tenendo conto delle sue specificità e delle condizioni in cui concretamente si svolgerà la gestione. Modalità di determinazione del fair value Se esiste un mercato che fornisca continuamente prezzi significativi, si fa riferimento alle quotazioni più recenti quali best evidence, diversamente si fa riferimento a tecniche valuative che considerano tutti i fattori che avrebbero influenzato la transazione.

8 Fair value vs Costo storico La valutazione: il costo ammortizzato E l ammontare a cui una attività o passività finanziaria sono misurate all atto dell iscrizione iniziale, meno i principali rimborsi, più o meno l ammortamento cumulativo - calcolato secondo il metodo dell interesse effettivo. Calcolo del costo ammortizzato: una esemplificazione Elemento che differenzia il tasso di interesse nominale dal tasso di interesse effettivo è la presenza di costi/ricavi di transazione riconducibili all operazione. I costi di transazione sono costi marginali direttamente attribuibili all acquisizione, all emissione o alla dismissione di una attività o passività finanziaria.

9 Esempio: Prestito erogato: 1000, scadenza 5 anni, tasso di interesse nominale: 5%, commissione incassata up front: 30. In questo caso, in virtù delle commissioni addebitate all affidato, il finanziamento effettivamente erogato è pari a =970; il tasso di rendimento effettivo è pertanto maggiore del nominale. Il tasso effettivo di rendimento del prestito è calcolato come quel tasso interno di rendimento che uguaglia il valore iniziale dell investimento al valore attualizzato dei pagamenti percepiti dalla banca che si ricava dalla relazione: 50/(1+i)+50/(1+i)^2+50/(1+i)^3+50/(1+i)^4+50/(1+i)^5=970 Il valore del tasso i corrisponde al tasso di interesse effettivo (TIR)=0,057 Il valore iniziale del prestito iscritto in bilancio è pari al suo costo effettivo, ossia 970. Gli interessi imputati al margine di interesse vengono calcolati applicando al valore del costo ammortizzato di inizio anno il tasso di interesse effettivo. ANNO INTERESSI EFFETTIVI [B]=[A]*5,7% PAGAMENTO INTERESSI [C] PAGAMENTO CAPITALI [D] COSTO AMMORTIZZATO [E]=[a]+[b]-[c]-[d] COSTO AMMORTIZZATO INIZIO ANNO [A] 1 970,0 55,3 50,0-975, ,3 55,7 50,0-981, ,0 56,0 50,0-987, ,0 56,3 50,0-993, ,3 56,7 50, ,0

10 Riclassificazione strumenti finanziari: Regolamento 1004/2008 La crisi dei mercati finanziari nel 2008 ha prodotto significativi ripensamenti anche sull efficacia delle pertinenti norme contabili generalmente riconosciute a livello mondiale. Lo IASB è intervenuto emanando una serie di documenti volti a correggere taluni comportamenti rigidi che avrebbero potuto aggravare i danni (contabili) alle imprese che partecipano ai mercati finanziari. Emendamenti apportati allo IAS 39 Strumenti finanziari: rilevazione e valutazione Emendamenti apportati all IFRS 7 Strumenti finanziari : informazioni integrative in tema di riclassificazione degli strumenti finanziari. La classificazione degli strumenti finanziari

11 Riclassificazione dalla categoria FVTPL e dalla categoria AFS

12 Riclassifica post Regolamento 1004/2008

13

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende STRUMENTI FINANZIARI VALUTAZIONE, CONTABILIZZAZIONE e DISCLOSURE: IAS 32, IAS 39, IFRS 7 IAS 32 Strumenti

Dettagli

Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti

Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti Siena, giugno 2012 dr GILIBERTO Camillo Le opinioni espresse non impegnano le responsabilità delle società di appartenenza Riproduzione

Dettagli

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI - IAS 32 e IAS 39 RENZO PARISOTTO Università degli Studi di Bergamo, Anno accademico 2014/2015 10 e 11 febbraio 2015-1 parte Indice I principi IAS 32

Dettagli

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2004-2005 prof.ssa Sabrina

Dettagli

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI - IAS 32 e IAS 39 RENZO PARISOTTO Università degli Studi di Bergamo, anno accademico 2009/2010 Indice Premesse Principi contabili IAS 32 e 39 Principi

Dettagli

Gli strumenti finanziari [2]

Gli strumenti finanziari [2] www.contabilitainternazionale.eu Corso di: Contabilità Internazionale Corso di Laurea Magistrale in: Amministrazione e Controllo Gli strumenti finanziari [2] Oggetto della lezione framework Fair value

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari. Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi

IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari. Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi L introduzione degli International Financial Reporting Standards

Dettagli

Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari

Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari Università degli Studi di Trieste Ragioneria Generale ed Applicata (corso magistrale) Modulo di Ragioneria Internazionale Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari di 1 Principi IFRS rilevanti

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 Indice: 1. Gli strumenti finanziari cui si applica lo IAS 39 2. Rilevazione contabile 3. Misurazione iniziale 4. Valutazione successiva di

Dettagli

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari Roma, marzo/maggio 2015 Finalità e ambito di applicazione Un investimento immobiliare è una proprietà immobiliare posseduta per: Percepire canoni d affitto Ottenere

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende

Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende Dott. Amedeo Pugliese 12-13 Aprile 2010 Attività Finanziarie Amedeo Pugliese EA II + AEF Le Attività Finanziarie possono trovare

Dettagli

LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno

LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE Guido Modugno Programma dell intervento 1. Il quadro generale : le fonti 2. Il trattamento contabile secondo i principi internazionali: a. Un

Dettagli

I potenziali impatti del nuovo IFRS 9 sul trading book. Roma, 4 dicembre 2012

I potenziali impatti del nuovo IFRS 9 sul trading book. Roma, 4 dicembre 2012 sul trading book Roma, 4 dicembre 2012 AGENDA I PROGETTI DI REVISIONE DELLO IAS 39 CLASSIFICAZIONE E MISURAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI NEL NUOVO IFRS9 LA REVISIONE DEL PERIMETRO DEL TRADING BOOK IN

Dettagli

Gli strumenti finanziari [1]

Gli strumenti finanziari [1] www.contabilitainternazionale.eu Corso di: Contabilità Internazionale Corso di Laurea Magistrale in: Amministrazione e Controllo Gli strumenti finanziari [1] Oggetto della lezione framework Fair value

Dettagli

Approfondimenti. Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40. di Paolo Moretti

Approfondimenti. Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40. di Paolo Moretti Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40 di Paolo Moretti L «International Accounting Standards Board» (IASB), nell ambito del progetto di revisione («Improvement») dei princìpi contabili internazionali,

Dettagli

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli

La valutazione dei crediti secondo lo IAS 39: Il criterio del costo ammortizzato

La valutazione dei crediti secondo lo IAS 39: Il criterio del costo ammortizzato La valutazione dei crediti secondo lo IAS 39: Il criterio del costo ammortizzato Costo Ammortizzato Il costo ammortizzato è il valore a cui l attività/passività finanziaria è stata valutata alla rilevazione

Dettagli

711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2007

711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2007 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2007 BANCA POPOLARE ETICA SOCIETA' COOPERATIVA PER AZIONI O IN FORMA ABBREVIATA "BANCA ETICA" O "BPE". Forma giuridica: SOCIETA' COOPERATIVA

Dettagli

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7 59 Hotel di Roma (via Pio IV) in considerazione della sua particolare natura e destinazione. Nel caso in cui si sia stimato che il valore recuperabile dell immobile sia superiore al valore contabile, l

Dettagli

23/11/2010. Interpretazione della sostanza economica dell operazione. Interpretazione della forma giuridica dell operazione

23/11/2010. Interpretazione della sostanza economica dell operazione. Interpretazione della forma giuridica dell operazione Il leasing è un contratto attraverso il quale il locatore trasferisce al locatario, in cambio di un pagamento o di una seria di pagamenti, il diritto all utilizzo di un bene per un periodo di tempo stabilito

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Prima adozione degli Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali in sede di prima applicazione Transizione

Dettagli

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7 focus modulo 3 lezione 40 Il mercato dei capitali e la Borsa valori La negoziazione dei titoli azionari Le partecipazioni Gli investimenti di un impresa in azioni o quote di Capitale sociale di altre società

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

pwc.com/it Strumenti finanziari IAS 32 e IAS 39

pwc.com/it Strumenti finanziari IAS 32 e IAS 39 pwc.com/it Strumenti finanziari IAS 32 e IAS 39 Financial Instrument Gli IFRS sono principi di rappresentazione della realtà economica di un certa azienda o reporting entity Nell ambito della realtà economica

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione IAS 39 Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione Finalità 1 La finalità del presente Principio è stabilire i principi per rilevare e valutare le attività

Dettagli

Valutazioni su Intangibles e Business Combinations

Valutazioni su Intangibles e Business Combinations Valutazioni su Intangibles e Business Combinations Concetta Viglianti Torino, 22 ottobre 2008 1 Business Combination (Ifrs 3):definizione Business Combination (Ifrs 3):definizione Unione di entità o attività

Dettagli

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting Università degli Studi di Palermo Corso di Economia degli Intermediari finanziari Prof. Francesco Faraci IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting Raffaele Mazzeo 9 dicembre 2003 IAS 39:

Dettagli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CRISI FINANZIARIA: valutazione e controllo dei titoli in portafoglio La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli Raffaella

Dettagli

STATO PATRIMONIALE Totale dell'attivo 1.097.639.736 1.115.552.611 Totale del passivo e del patrimonio netto 1.097.639.736 1.115.552.

STATO PATRIMONIALE  Totale dell'attivo 1.097.639.736 1.115.552.611 Totale del passivo e del patrimonio netto 1.097.639.736 1.115.552. CREDITO COOPERATIVO FRIULI SOC. COOP. cod..fiisc..02216020301 Bilancio di esercizio al 31.12.2014 Imposta di bollo assolta in modo virtuale tramite la Camera di Commercio di Udine Autorizzazione numero

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Gruppo Fiat Bilancio consolidato

Gruppo Fiat Bilancio consolidato Gruppo Fiat Bilancio 130 Conto economico 131 Conto economico complessivo 132 Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata 134 Rendiconto finanziario 135 Variazioni del Patrimonio netto 136 Conto economico

Dettagli

711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2011

711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2011 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2011 "CREDITO VALDINIEVOLE" BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI MONTECATINI TERME E BIENTINA SOCIETA' COOPERATIVA Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI CLASSIFICAZIONE DELLE OPERAZIO- NI TRATTAMENTO DEL LEASING FI- NANZIARIO SECONDO I PRINCIPI INTERNAZIONALI TRATTAMENTO

Dettagli

IAS 39-IFRS 9: Cambiamenti nella rilevazione e valutazione delle attività e delle passività finanziarie.

IAS 39-IFRS 9: Cambiamenti nella rilevazione e valutazione delle attività e delle passività finanziarie. Corso di Laurea magistrale in Amministrazione, finanza e controllo. Tesi di Laurea IAS 39-IFRS 9: Cambiamenti nella rilevazione e valutazione delle attività e delle passività finanziarie. Relatore Prof.

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Premessa La redazione del bilancio da parte degli amministratori rappresenta un attività di valutazione, ma soprattutto di

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 21/02/2011

Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 21/02/2011 Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 21/02/2011 Dott. PAOLO VITALI Università degli Studi di Bergamo Anno accademico 2010/2011 Bergamo, 21 febbraio 2011 Indice degli

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili Francesco Assegnati Camozzi & Bonissoni Studio Legale e Tributario Galleria San Carlo 6 20122 Milano www.camozzibonissoni.it Iter normativo

Dettagli

Cassa Rurale di Lizzana. Banca di Credito Cooperativo

Cassa Rurale di Lizzana. Banca di Credito Cooperativo Cassa Rurale di Lizzana Banca di Credito Cooperativo Esercizio 2011 BILANCIO della CASSA RURALE DI LIZZANA Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa con sede in ROVERETO Piazza F. Guella, 1/G Codice

Dettagli

SCHEMA DI SVOLGIMENTO

SCHEMA DI SVOLGIMENTO TEMA N. 2 Il candidato, con riferimento ai lavori in corso su ordinazione, ma non ancora ultimati alla fine dell esercizio, illustri i principi generali di valutazione e rappresentazione contabile (TRACCIA

Dettagli

Materiali EIF. Le banche. Università degli Studi Roma Tre

Materiali EIF. Le banche. Università degli Studi Roma Tre Le banche La banca - definizioni Definizione minima: raccolta risparmio dal pubblico + concessione credito (art. 10 D.lgs. 385/1993) Molteplicità delle attività possibili (ammesse al mutuo riconoscimento):

Dettagli

Fascicolo a stampa 2014; RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE

Fascicolo a stampa 2014; RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE 2014 BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2014; RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE 2014; RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE ALL ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA DEI SOCI SUL BILANCIO CHIUSO

Dettagli

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA ESERCIZIO 2011

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA ESERCIZIO 2011 Bilancio 2011 1 BILANCIO DELLA CASSA RURALE MORI VAL DI GRESTA Banca di Credito Cooperativo ABI 08145-5 Soc. coop. con sede in Mori, Via Marconi, 4-38065 MORI (TN) Cod. fisc. - Partita Iva e Iscriz. Reg.

Dettagli

Il bilancio Valutazioni ed analisi. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011

Il bilancio Valutazioni ed analisi. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Il bilancio Valutazioni ed analisi Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Focus sui principi contabili IAS 39 (valutazione di strumenti finanziari: crediti,

Dettagli

BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014

BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 BILANCIO DELLA CASSA RURALE DI ISERA Banca di Credito Cooperativo CODICE A.B.I. 81075 Soc. Coop. con sede in Isera Cod. fisc. - Partita Iva e Iscriz. Reg. Imprese CCIAA di Trento 00158620229 -R.E.A TN

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

Gli strumenti finanziari

Gli strumenti finanziari Gli strumenti finanziari 1 Agenda Strumenti finanziari Iscrizione iniziale e valutazione successiva Impairment Derecognition Hedge Accounting Derivati impliciti Evoluzioni dello IAS 39 L IFRS 9- Strumenti

Dettagli

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI : STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La contabilizzazione dei derivati di negoziazione (speculativi) e di copertura. Esempi e scritture contabili relative all «interest rate swap» (Irs). di Alessio Iannucci

Dettagli

IAS 32-39 ed IFRS 7. Financial Instruments: Recognition, Measurement, Presentation e Disclosure. Verona, aprile 2009

IAS 32-39 ed IFRS 7. Financial Instruments: Recognition, Measurement, Presentation e Disclosure. Verona, aprile 2009 IAS 32-39 ed IFRS 7 Financial Instruments: Recognition, Measurement, Presentation e Disclosure Verona, aprile 2009 IAS 32 e IAS 39 - Definizioni IAS 39 - Recognition IAS 39 Measurement IAS 39 Impairment

Dettagli

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA ESERCIZIO 2012

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA ESERCIZIO 2012 BILANCIO DELLA CASSA RURALE LAVIS-VALLE DI CEMBRA Banca di Credito Cooperativo ABI soc. coop. con sede in LAVIS Via Rosmini, 61 Cod. fisc. - Partita Iva e Iscriz. Reg. Imprese CCIAA di Trento 00109500223

Dettagli

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Agenda Normativa di riferimento Disposizioni generali Schemi di bilancio individuale Stato patrimoniale Attivo Stato patrimoniale

Dettagli

BILANCIO DELLA CASSA RURALE DI TASSULLO E NANNO

BILANCIO DELLA CASSA RURALE DI TASSULLO E NANNO BILANCIO DELLA CASSA RURALE DI TASSULLO E NANNO Banca di Credito Cooperativo ABI soc. coop. con sede in Piazza C.A. Pilati,15 TASSULLO (Provincia di Trento) Cod. fisc. - Partita Iva e Iscriz. Reg. Imprese

Dettagli

ALVEC ASSOCIAZIONE LAUREATI IN ECONOMIA DELL UNIVERSITA DI VERONA. IRES Modifiche specifiche per i soggetti IAS

ALVEC ASSOCIAZIONE LAUREATI IN ECONOMIA DELL UNIVERSITA DI VERONA. IRES Modifiche specifiche per i soggetti IAS ALVEC ASSOCIAZIONE LAUREATI IN ECONOMIA DELL UNIVERSITA DI VERONA LA LEGGE FINANZIARIA 2008 IRES Modifiche specifiche per i soggetti IAS Renzo Parisotto 26 Gennaio 2008 IRES Modifiche specifiche per i

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 182 183 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto Economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 39/32 & IFRS 7 - OIC 3/15/19/20/21: Strumenti finanziari

IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 39/32 & IFRS 7 - OIC 3/15/19/20/21: Strumenti finanziari IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 39/32 & IFRS 7 - OIC 3/15/19/20/21: Strumenti finanziari Prof. Riccardo Acernese Roma, marzo/maggio 2015 AGENDA Partecipazioni, titoli ed azioni

Dettagli

BANCA DI CASCINA CREDITO COOPERATIVO S.C. VIALE COMASCO CAMASCHI, 4 56021 CASCINA P.I./C.F. 00172460503 R.E.A. DI PISA N. 11812 TEL.

BANCA DI CASCINA CREDITO COOPERATIVO S.C. VIALE COMASCO CAMASCHI, 4 56021 CASCINA P.I./C.F. 00172460503 R.E.A. DI PISA N. 11812 TEL. BANCA DI CASCINA CREDITO COOPERATIVO S.C. VIALE COMASCO CAMASCHI, 4 56021 CASCINA P.I./C.F. 00172460503 R.E.A. DI PISA N. 11812 TEL. 050717111 TELEFAX 050717227 STATO PATRIMONIALE Voci dell'attivo 31.12.2007

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 36 37 38 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili

La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili Dott. Alex Casasola 1 La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo Attendibilità della valutazione Di conseguenza.

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) Pag. 1 1 INDICE Premessa... 3 PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS1)... 4 RICONCILIAZIONI RICHIESTE DALL IFRS 1...

Dettagli

Anno accademico 2015/2016

Anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi Corso di laurea magistrale Economia Aziendale, Direzione Amministrativa e Professione Corso di Bilanci secondo i principi

Dettagli

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende. IAS 17 Leasing. by Marco Papa

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende. IAS 17 Leasing. by Marco Papa Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende IAS 17 Leasing by Marco Papa Outline o Definizioni o Classificazione del contratto di leasing o Contabilizzazione

Dettagli

Nota Integrativa. PARTE A - Politiche contabili. PARTE B - Informazioni sullo stato patrimoniale Attivo. PARTE C - Informazioni sul conto economico

Nota Integrativa. PARTE A - Politiche contabili. PARTE B - Informazioni sullo stato patrimoniale Attivo. PARTE C - Informazioni sul conto economico Nota Integrativa PARTE A - Politiche contabili A.1 - Parte generale A.2 - Parte relativa alle principali voci di Bilancio PARTE B - Informazioni sullo stato patrimoniale Attivo Passivo Altre informazioni

Dettagli

A.1 PARTE GENERALE SEZIONE 1 Dichiarazione di conformità ai principi contabili internazionali Il bilancio consolidato del Gruppo Banca Carige, sottoposto all approvazione del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Analisi di alcune operazioni effettuate da banche IAS Adopter Dott. RENZO PARISOTTO Università degli Studi di Bergamo Anno accademico 2014/2015 Bergamo,

Dettagli

Stato Patrimoniale (in unità di euro)

Stato Patrimoniale (in unità di euro) BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 Stato Patrimoniale (in unità di euro) Voci dell'attivo 31-12-2009 31-12-2008 10. Cassa e disponibilità liquide 16.940.349 17.545.073 20. Attività finanziarie detenute per la

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SAN MARZANO DI SAN GIUSEPPE

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SAN MARZANO DI SAN GIUSEPPE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SAN MARZANO DI SAN GIUSEPPE SOCIETA COOPERATIVA Prospetti contabili predisposti per la determinazione dell utile semestrale ai fini del calcolo del patrimonio di vigilanza

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 40 Investimenti immobiliari SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA TRATTAMENTO CONTABILE DEGLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI VALUTAZIONE INIZIALE

Dettagli

Benefit plans (IAS 19); Pagamenti basati su azioni (IFRS 2); Contratti assicurativi (IFRS 4). Contratti di Leasing (IAS 17);

Benefit plans (IAS 19); Pagamenti basati su azioni (IFRS 2); Contratti assicurativi (IFRS 4). Contratti di Leasing (IAS 17); Introduzione 1 IL CONTROLLO CONTABILE NELLE SOCIETA LE RINCIALI OSTE DEL BILANCIO D ESERCIZIO E LA REVISIONE LEGALE: RINCII CONTABILI, NAZIONALI ED INTERNAZIONALI E TECNICHE DI REVISIONE STRUMENTI FINANZIARI

Dettagli

SITUAZIONE PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO

SITUAZIONE PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO SITUAZIONE PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO Società Cooperativa iscritta al nº A 163872 dell albo delle Soc. Coop. Iscritta presso il Tribunale di Pistoia al nº 1431 Reg. Società Capitale e Riserve euro

Dettagli

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali 1 1 Le immobilizzazioni materiali Le immobilizzazioni materiali sono disciplinate da due IAS di riferimento

Dettagli

A.2 - PARTE RELATIVA ALLE PRINCIPALI VOCI DI BILANCIO

A.2 - PARTE RELATIVA ALLE PRINCIPALI VOCI DI BILANCIO BANCA POPOLARE ETICA ASSEMBLEA dei SOCI Utilizzo di stime e assunzioni nella predisposizione del bilancio consolidato La redazione del bilancio consolidato richiede anche il ricorso a stime e ad assunzioni

Dettagli

Cassa Rurale di Lizzana. Banca di Credito Cooperativo

Cassa Rurale di Lizzana. Banca di Credito Cooperativo Cassa Rurale di Lizzana Banca di Credito Cooperativo Esercizio 2013 BILANCIO della CASSA RURALE DI LIZZANA Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa ABI 08123.2 con sede in ROVERETO- Piazza F.

Dettagli

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 i requisiti di contabilizzazione e valutazione per i rimborsi nei paragrafi 104A, 128 e 129 e le relative informazioni integrative nei paragrafi

Dettagli

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP)

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) Roma, marzo 2015 BANCA D ITALIA Servizio Rilevazioni Statistiche 2 INDICE PREMESSA... 5 1. LE NUOVE

Dettagli

L armonizzazione contabile

L armonizzazione contabile L armonizzazione contabile La globalizzazione dei mercati finanziari ha determinato una spinta notevole all armonizzazione dei bilanci delle società, tradizionalmente redatti secondo norme e principi che

Dettagli

CDP S.p.A. Relazione Finanziaria. Annuale 2012. Nota integrativa

CDP S.p.A. Relazione Finanziaria. Annuale 2012. Nota integrativa CDP S.p.A. Relazione Finanziaria Annuale 2012 Nota integrativa NOTA INTEGRATIVA Premessa 179 PARTE A - POLITICHE CONTABILI 182 A.1 - Parte generale 182 SEZIONE 1 - DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ AI PRINCÍPI

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 8 IFRS 5: Attività non correnti possedute per la vendita e attività operative cessate Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it

Dettagli

Relazione finanziaria annuale d esercizio. Prospetti contabili civilistici 4. Note esplicative ai prospetti. contabili civilistici 12

Relazione finanziaria annuale d esercizio. Prospetti contabili civilistici 4. Note esplicative ai prospetti. contabili civilistici 12 bilancio civilistico Relazione finanziaria annuale d esercizio Prospetti contabili civilistici 4 Note esplicative ai prospetti contabili civilistici 12 Allegati al bilancio civilistico 78 Attestazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Dipartimento Scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi Corso di Bilanci secondo i principi contabili internazionali 90001 91070 Ricavi Prof. Daniele Gervasio

Dettagli

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Analisi di alcune operazioni effettuate da banche IAS Adopter Dott. RENZO PARISOTTO Università degli Studi di Bergamo Anno accademico 2013/2014 Bergamo,

Dettagli

TA INTEGRATIN PARTE GENERALE A.1. PARTE GENERALE SEZIONE 1 Dichiarazione di conformità ai principi contabili internazionali Il bilancio della Banca Carige, sottoposto all approvazione del Consiglio di

Dettagli

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013)

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2014 GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) Il risultato è influenzato dagli oneri

Dettagli

Fiat S.p.A. Bilancio d esercizio

Fiat S.p.A. Bilancio d esercizio 246 Conto economico 246 Conto economico complessivo 247 Situazione patrimoniale-finanziaria 248 Rendiconto finanziario 249 Variazioni del patrimonio netto 251 Conto economico ai sensi della Delibera Consob

Dettagli

104 ESERCIZIO. Banca Popolare Valconca RENDICONTO SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014

104 ESERCIZIO. Banca Popolare Valconca RENDICONTO SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014 Banca Popolare Valconca Società Cooperativa per azioni Sede Sociale e Direzione generale in Morciano di Romagna FONDATA NEL 1910 104 ESERCIZIO RENDICONTO SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014 Approvato dal Consiglio

Dettagli

2 Attività materiali - Ias 16 e 17

2 Attività materiali - Ias 16 e 17 76 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2011 Note informative integrative ammortizzati, ma sono valutati almeno una volta all anno, o comunque tutte le volte che si riscontrino indicatori di potenziale perdita

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Cariche sociali al 31 dicembre 2009 5. Dati di sintesi di bilancio ed indicatori alternativi di performance di Banco di Napoli 7

Cariche sociali al 31 dicembre 2009 5. Dati di sintesi di bilancio ed indicatori alternativi di performance di Banco di Napoli 7 Bilancio 2009 Sommario Cariche sociali al 31 dicembre 2009 5 Dati di sintesi di bilancio ed indicatori alternativi di performance di Banco di Napoli 7 Relazione sull andamento della gestione 9 Cenni

Dettagli

I bilanci delle banche secondo i principi contabili internazionali. Elementi introduttivi

I bilanci delle banche secondo i principi contabili internazionali. Elementi introduttivi I bilanci delle banche secondo i principi contabili internazionali. Elementi introduttivi 1. Premessa: IAS e fair value A partire dall esercizio 2005 le banche italiane sono tenute a redigere il bilancio

Dettagli

IAS 17 : LEASING. Schemi di analisi. Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani

IAS 17 : LEASING. Schemi di analisi. Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani IAS 17 : LEASING Schemi di analisi Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani INDICE SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE CLASSIFICAZIONE CONTABILIZZAZIONE VENDITA E RETROLOCAZIONE PRINCIPI CONTABILI

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO AUTOSTRADE PER L ITALIA AL 31 DICEMBRE 2013 INDICE

BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO AUTOSTRADE PER L ITALIA AL 31 DICEMBRE 2013 INDICE BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO AUTOSTRADE PER L ITALIA AL 31 DICEMBRE 2013 INDICE 1 2 INDICE 1. Prospetti contabili consolidati...5 2. Note illustrative.15 3. Allegati...103 4. Relazione della società

Dettagli

Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 18/02/2015

Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 18/02/2015 Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 18/02/2015 Dott. PAOLO VITALI Università degli Studi di Bergamo Anno accademico 2014/2015 Crediti non performing e derivati Bergamo,

Dettagli

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Pavimental S.p.A. Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade S.p.A. Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Elaborata sulla base degli adottati nel Gruppo

Dettagli