LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGRAMMI OPERATIVI DEI COORDINAMENTI CONTINENTALI DI AREA GEOGRAFICA DEI TOSCANI NEL MONDO PER L ANNO 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGRAMMI OPERATIVI DEI COORDINAMENTI CONTINENTALI DI AREA GEOGRAFICA DEI TOSCANI NEL MONDO PER L ANNO 2013"

Transcript

1 LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGRAMMI OPERATIVI DEI COORDINAMENTI CONTINENTALI DI AREA GEOGRAFICA DEI TOSCANI NEL MONDO PER L ANNO 2013 INDICE 1. IL PROGRAMMA OPERATIVO DEL COORDINAMENTO DI AREA GEOGRAFICA (POAG): tipologie di contributi e procedura gestione del Programma; 2. MODALITA DI ASSEGNAZIONE DELLE RISORSE per interventi a favore dei toscani nel mondo di cui all allegato 3, approvato dal Piano Integrato delle Attività Internazionali , (deliberazione del Consiglio Regionale 4 aprile 2012 n. 26) per CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI E AI COORDINAMENTI DI AREA GEOGRAFICA DEI TOSCANI NEL MONDO 1.1. Contributi a progetti socio-culturali ed al funzionamento delle Associazioni dei Toscani nel Mondo 1.2. Contributi ai Coordinamenti di area geografica dei Toscani nel Mondo per iniziative/progetti propri Contributi per il funzionamento dei Coordinamenti di area geografica Contributi per viaggi in toscana a favore di anziani disagiati Contributi di solidarietà a cittadini di origine toscana residenti all estero 3. MODULISTICA 4. MODALITA' DI RENDICONTAZIONE DEGLI INTERVENTI * * * 1. IL PROGRAMMA OPERATIVO DEL COORDINAMENTO DI AREA GEOGRAFICA: tipologie di contributi e procedura gestione del Programma; Il Programma Operativo del Coordinamento di Area geografica (di seguito POAG) per l anno 2013 sarà formulato da ogni Coordinamento sulla base delle presenti Linee di indirizzo, in conformità a quanto disposto dal Documento di Attuazione 2013 in riferimento all Obiettivo specifico 4.3. Contribuire alla qualificazione delle attività, prioritariamente nel campo-socio-culturale, proposte dalle associazioni dei toscani nel mondo, ed erogare interventi a favore dei soggetti sfavoriti o in difficoltà socio economiche Pertanto potrà prevedere la richiesta di contributi per: a) Funzionamento dei Coordinamenti di Area Geografica b) Funzionamento delle Associazioni c) progetti socio-culturali delle Associazioni d) Iniziative da organizzare e sostenere nell Area geografica di pertinenza in accordo fra Coordinamento adulti e giovani e) Cittadini disagiati f) Viaggi in Toscana a favore di anziani disagiati. Il Coordinatore di Area Geografica presenterà alla Regione Toscana il POAG specificando: a) Motivazione richieste di contributo; 1

2 b) Risultati che si vogliono conseguire con le azioni programmate; c) Elenco e descrizione delle azioni che si intendono realizzare nel 2013 nell area di riferimento sulla base delle tipologie di azione ammissibile di cui al punto precedente; Le 4 aree geografiche d intervento corrispondono attualmente a 4 Coordinamenti di Area geografica Continentali delle Associazioni dei toscani nel mondo. I Presidenti delle Associazioni e i cittadini di origine toscana e/o nati in Toscana, in conformità ai criteri di assegnazione dei contributi riportati al seguente punto 2. ed utilizzando la modulistica indicata al punto 3. presenteranno le domande al Coordinatore di Area geografica entro il 20 luglio I riferimenti dei Coordinatori di Area Geografica per l invio delle domande ed informazioni sull inoltro dei documenti in originale (nel caso di mancanza di strumenti di digitalizzazione delle domande) sono i seguenti: - Coordinatore Continentale dell Europa: Sergio Scocci - Coordinatore Continentale del Nord America: Renzo Orsi - Coordinatore Continentale del Sud America: Valeria Cordovani Bonilauri - Coordinatore Continentale dell Australia e del Sud Africa: Angelo Scatena Il Coordinatore di Area Geografica, dopo aver acquisito tutte le proposte valide dalle Associazioni del proprio territorio entro il 20 luglio 2013 invia la proposta di POAG alla Regione Toscana entro il 20 agosto La Regione Toscana predispone per i Coordinatori Continentali la griglia per l inserimento delle domande di riferimento della propria area geografica utile a presentare la richiesta di finanziamento per le attività del POAG, trasmettendola per in tempo utile per la raccolta delle domande. Entro il 20 agosto 2013 i Coordinamenti di area geografica presentano alla Regione tutte le richieste di contributi per le diverse tipologie, ivi incluse le richieste per la tipologia contributi ai Coordinamenti di Area geografica per iniziative da organizzare e sostenere nell Area geografica di pertinenza in accordo fra Coordinamento adulti e giovani, utilizzando lo stesso modulo riferito ai progetti socio-culturali utilizzato dalle Associaizoni. La Regione Toscana verifica: - la coerenza delle attività proposte con i documenti programmatici regionale - la congruità dei contributi richiesti - la congruità delle modalità di attuazione delle azioni e procede all approvazione dei Programmi entro il 20 settembre I Coordinamenti provvedono: - alla comunicazione dei benefici assegnati e distribuzione dei contributi annuali alle Associazioni per le spese di funzionamento - alla comunicazione dei benefici assegnati e distribuzione alle Associazioni delle risorse per i progetti socio-culturali - alla comunicazione dei benefici assegnati e distribuzione dei contributi per i disagiati - alla comunicazione dei benefici assegnati e modalità organizzative per il viaggio anziani in Toscana, nonché alla gestione del progetto - alla gestione dei contributi propri del Coordinamento per il suo funzionamento e le iniziative/progetti propri del Coordinamento - alla raccolta entro il termine del 30 marzo 2014 delle rendicontazioni e relazioni dei progetti socio- culturali delle Associazioni dei Toscani nel Mondo cofinanziati dalla Regione Toscana per l anno 2013, da trasferire alla Regione Toscana entro il 30 aprile alla rendicontazione delle spese relative al POAG alla Regione sulla base di uno specifico modulo di rendicontazione entro il limite massimo del 30 aprile 2014: rendiconto generale del Coordinamento con ricevute comprovanti la distribuzione delle risorse, la gestione finanziaria 2

3 dei contributi completa della situazione di cassa documentata dal saldo del conto corrente bancario intestato al Coordinamento. 2. CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI E AI COORDINAMENTI DI AREA GEOGRAFICA DEI TOSCANI NEL MONDO 1.1 Contributi a progetti socio-culturali e al funzionamento delle Associazioni dei Toscani nel mondo Un contributo massimo annuale pari ad Euro per ogni Associazione (comprensivi della quota massima del 10% per spese generali di gestione progetti), sarà concesso per il sostegno ad attività prevalentemente a carattere socio-culturale. Le Associazioni che intendono beneficiare dei contributi dovranno presentare richiesta sulla base delle indicazioni e del formulario Modulo A - allegato alle Linee Guida. La quota di cofinanziamento regionale non potrà superare il 70% dei costi delle attività incluse nel progetto. Ciascuna Associazione riconosciuta potrà presentare direttamente al Coordinamento UN SOLO progetto (modulo A - allegato ) che ricomprenderà al suo interno la richiesta di contributo per un massimo di 5 attività complessive. Saranno ammissibili a contributo le attività socio culturali riferite ai seguenti settori: - Promozione della lingua e della cultura - Promozione turistica ed economica anche presso eventi locali come fiere / esposizioni - Eventi aperti al pubblico di tipo socio-culturale - Attività di comunicazione (sito, newsletter, radio, cinema italiano, etc.) - Ricerche sull emigrazione - Diffusione di materiali - Inclusione sociale e di aiuto alla comunità toscana ed alla comunità locale promosse dall Associazione Non sono ammissibili e saranno esclusi dal contributo le attività solo ricreative quali per esempio cene, picnic, gite serate danzanti, e qualsiasi attività che ha finalità solo ricreative che sono nel calendario dell Associazione a far data dal 30 giugno 2013; Per le attività già nel calendario dell Associazione per il periodo che va dal 1 gennaio al 30 giugno 2013 (periodo di transizione con le nuove disposizioni) i Presidenti delle Associazioni potranno avanzare richieste motivate ai Coordinatori Continentali. Le Associazioni potranno inoltre beneficiare di un contributo annuale forfettario di 250 euro per spese di funzionamento annuali in base ai seguenti criteri: - essere un Associazione attiva nell anno di riferimento - aver realizzato progetti d intesa con la Regione Toscana nei due anni precedenti quello di riferimento ed aver puntualmente rendicontato i contributi ricevuti per i medesimi. In caso di Associazioni riconosciute da meno di 2 anni la quota per funzionamento potrà essere assegnata solo nel caso in cui essa abbia presentato progetti alla Regione Toscana per l anno in corso. I dati storici che attestano i requisiti sopra citati sono resi disponibili ai Coordinatori di Area geografica dal Settore Attività Internazionali. Le Associazioni potranno infine presentare, nel corso della legislatura un unica richiesta di contributo aggiuntivo, fino ad un massimo di 2500 euro, secondo le proporzioni di seguito specificate per un azione a carattere socio-culturale finalizzata alla celebrazione di un Anniversario significativo 3

4 della vita dell Associazione da calcolarsi in base al numero degli anni che intercorrono con la data di fondazione dell Associazione: - Fino a quindici anni :contributo massimo di 1.000,00 euro; - Da quindici a venticinque anni:contributo massimo di 1.500,00 euro; - da ventisei a cinquanta :contributo massimo di 2.000,00 euro; - oltre cinquanta: contributo massimo di 2.500,00 euro Il contributo per l Anniversario non potrà essere superiore al 70% dei costi effettivi delle attività previste per la celebrazione. I progetti delle Associazioni e le iniziative proprie dei Coordinamenti di Area geografica ammesse a cofinanziamento regionale dovranno concludersi entro il 30 marzo 2014, data entro la quale le Associazioni dovranno inviare la relazione ed il rendiconto al Coordinatore Continentale. Le Associazioni destinatarie dei contributi dovranno predisporre una relazione sull uso delle somme a loro destinate, corredata da un rendiconto finanziario utilizzando il modulo che verrà reso disponibile il mese successivo alla data di assegnazione dei contributi (pena la decadenza da ogni contributo negli anni successivi), come da indicazioni di cui al punto 4. delle Linee Guida. 1.2 Contributi ai Coordinamenti di area geografica dei Toscani nel mondo Contributi per il funzionamento dei Coordinamenti di area geografica I contributi saranno assegnati, sulla base di una proposta annuale di programma del Coordinamento - una quota annuale forfettaria di Euro 1.000,00 per spese generali ordinarie - una quota annuale variabile, fino ad un massimo di 9.000,00 euro ciascun Coordinamento di Area geografica da calcolare in base ai seguenti criteri: numero e costo delle iniziative da organizzare e sostenere nell Area geografica di pertinenza in accordo fra Coordinamento adulti e giovani situazione di cassa del Coordinamento al termine di ogni anno. I Coordinatori di Area geografica, dovranno sempre rendicontare le attività svolte nell anno di riferimento, mediante apposita relazione integrata da un rendiconto sull utilizzazione dei contributi assegnati, da inviare all Ufficio Toscani nel Mondo Settore Attività Internazionali della Direzione Generale della Presidenza Regione Toscana entro il 30 aprile Contributi per viaggi in Toscana a favore di anziani disagiati L iniziativa è destinata agli anziani che, nati in Toscana, siano attualmente residenti stabilmente all estero e si trovino in situazione di grave disagio economico. Gli anziani, segnalati ai Coordinamenti di area geografica dalle rispettive Associazioni, saranno ammessi ai benefici una tantum, sulla base dei seguenti criteri: non essere rientrati in Italia da almeno 20 anni, avere in Toscana amici e/o parenti in grado di assicurarne l ospitalità, possesso condizioni psico-fisiche idonee ad affrontare il viaggio ed il soggiorno in Toscana aver compiuto 65 anni di età. Il contributo regionale da erogare tramite il Coordinamento di area geografica, servirà a coprire unicamente le spese di viaggio di andata e ritorno in classe economica. Le domande devono essere presentate entro il 20 luglio 2013 al Coordinamento di area geografica, utilizzando il Modulo C (allegato alle Linee Guida). Potranno essere accolte anche le domande di coloro che ne facciano richiesta individualmente, solo nel caso in cui nel territorio di riferimento non esistano Associazioni di toscani. I soggetti ammessi potranno beneficiare del contributo fino al termine del 30 marzo 2013, termine entro il quale dovranno effettuare il viaggio in Toscana. 4

5 Contributi di solidarietà a cittadini di origine toscana residenti all estero L iniziativa si propone di fornire sostegno ai cittadini, nati in Toscana, di età superiore ai 65 anni, attualmente residenti stabilmente all estero, che si trovino in situazione di grave disagio economico. La domanda, che dovrà pervenire al Coordinamento di Area geografica entro il 20 luglio 2013 dovrà contenere in conformità al modulo B (in allegato alle Linee Guida), oltre ai dati anagrafici, le seguenti informazioni: l esplicitazione delle condizioni di salute psico-fisica; la dichiarazione che la persona è sola od ha altri familiari a carico o altri che possano aiutarla; la situazione del reddito familiare documentata dalla dichiarazione dei redditi dell anno precedente a quello di riferimento; la dichiarazione di conoscenza che l intervento è eccezionale e non potrà, di norma, ripetersi nei tre anni successivi; la certificazione della nascita e di ulteriori criteri di preferenza, in caso di parità di condizioni documentate, saranno costituiti dalla presentazione di certificati medici, certificati consolari, certificati di assistenti sociali e Patronati, attestanti e comprovanti l effettivo stato di bisogno e di disagio. Il contributo regionale, da erogare al Coordinamento di area geografica non potrà superare i 500 euro per beneficiario, e per l anno 2013 non subirà modifiche, salvo impreviste misure di contenimento della spesa che possano intervenire prima della conclusione del procedimento di assegnazione. All intervento viene assicurata la massima pubblicità per favorirne la conoscenza anche ai toscani residenti all estero non aderenti alle Associazioni. Le domande di norma devono essere presentate tramite l Associazione dei toscani della propria zona di residenza tuttavia potranno essere accolte anche le domande indirizzate direttamente al Coordinatore Continentale nel caso in cui nel territorio di residenza non esistano Associazioni di toscani. L avvenuta consegna dei contributi agli interessati sarà dimostrata inviando la ricevuta dei beneficiari al Dipartimento della Presidenza - Servizio Attività Internazionali (il modulo della ricevuta verrà reso disponibile al Coordinatore ed ai Presidenti delle Associazioni al momento dell Assegnazione). 3. MODULISTICA Modulo A: Modulo di domanda per l ammissione al contributo per progetto socio-culturale dell Associazione (lo stesso modulo dovrà essere utilizzato dai Coordinamenti di Area Geografica per presentare il programma di iniziative/progetti propri del Coordinamento da realizzare d intesa fra il Coordinamento adulti ed il Coordinamento giovani) Modulo B: Modulo di domanda per l ammissione al contributo per viaggi in Toscana a favore di anziani disagiati Modulo C: Modulo di domanda per l ammissione al contributo di solidarietà a cittadini nati in Toscana residenti all estero La modulistica da utilizzare per presentare la rendicontazione/ relazione degli interventi verrà diffusa successivamente ai provvedimenti di assegnazione dei contributi secondo quanto disposto al successivo Punto 4. La modulistica viene resa disponibile anche in forma digitale nel sito 4. MODALITA' DI RENDICONTAZIONE DEGLI INTERVENTI I Presidenti delle Associazioni riceveranno unitamente alla copia del decreto dirigenziale di 5

6 assegnazione delle risorse i moduli per rendicontare le spese effettuate per i progetti socio-culturali, i contributi di solidarietà ed i contributi per il viaggio anziani ammessi al contributo regionale per l anno La modulistica sarà resa disponibile anche nel sito I termini di scadenza per la presentazione delle rendicontazioni sono i seguenti: Tipologia di contributi Termine di Termine di consegna Strumenti da presentazione per il per il Coordinatore utilizzare presidente alla Regione Toscana dell Associazione al Coordinatore Rendicontazione/Relazione 30 marzo aprile 2014 Modulo pubblicato progetti socio-culturali contestualmente delle Associazioni e all assegnazione del funzionamento delle contributo Associazioni Rendicontazione delle iniziative /progetti propri del Coordinamento e spese di funzionamento del coordinamento // 30 aprile 2014 Organizzata dal Coordinatore in modo separato per le due voci: 1. iniziative/progetti propri del Coordinamento 2. gestione ordinaria del funzionamento Rendicontazione dalla // 30 aprile 2014 Organizzata dal distribuzione delle risorse Coordinatore con alle Associazioni per i progetti socio culturali allegati i dati contabili della cassa e del conto dedicato alla gestione delle risorse Rendicontazione distribuzione contributi di solidarietà a cittadini disagiati Rendicontazione progetto viaggio anziani in Toscana 30 marzo aprile 2014 Modulo pubblicato contestualmente all assegnazione del contributo // 30 aprile 2014 Organizzata dal Coordinatore di riferimento completa delle ricevute di spesa Nel caso in cui i beneficiari dei contributi siano impossibilitati per gravi motivi a realizzare gli interventi entro la scadenza prevista dalle presenti Linee Guida devono darne immediata comunicazione con lettera firmata indirizzata a: Maria Dina Tozzi Regione Toscana Settore Attività Internazionali Villa Fabbricotti Via Vittorio Emanuele II n Firenze (Italia) 6

7 anticipata via e.mail all indirizzo o tramite fax al numero e trasmessa in copia al Coordinatore dell Area geografica di competenza. La decisione sulle procedure da attivare, anche per il recupero delle risorse, verrà comunicata agli interessati dagli uffici regionali per situazioni che vengano ritenute straordinarie e motivate da gravi circostanze. 7

Cap. 17040 EURO 671.000. 1) Iniziative a favore dei giovani residenti all estero (50,00%) EURO 285.500

Cap. 17040 EURO 671.000. 1) Iniziative a favore dei giovani residenti all estero (50,00%) EURO 285.500 Programma finanziario per l anno 2002 INTERVENTI A FAVORE DEI TOSCANI ALL ESTERO - L.R.19/99 (Approvato dalla Giunta regionale con delibera del 4/2/2002 n. 115) Cap. 17040 EURO 671.000 1) Iniziative a

Dettagli

LA RETTRICE D E C R E T A. Art. 1 Corso di formazione linguistica

LA RETTRICE D E C R E T A. Art. 1 Corso di formazione linguistica DECRETO N LA RETTRICE - Viste le leggi sull istruzione universitaria; - Vista la Legge regionale 26/2009 relativa al piano integrato delle attività internazionali; - Visto il Piano Integrato delle attività

Dettagli

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI 1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO La Fondazione della Comunità Salernitana Onlus promuove un avviso in collaborazione con il Fondo

Dettagli

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI:

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: 1. NORMATIVA DEL BANDO 2. MODULO DI DOMANDA 3. SCHEDA INFORMATIVA ENTE RICHIEDENTE 4.

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO "DAI DISTRETTI PRODUTTIVI AI DISTRETTI TECNOLOGICI -2" Distretto 9.2 - Elettronica e Meccanica di Precisione MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

Dettagli

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 ALLEGATO A REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 Aggregazione, Protagonismo, Creatività PREMESSA

Dettagli

C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI

C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI:

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: 1. NORMATIVA DEL BANDO 2. MODULO DI DOMANDA 3. SCHEDA INFORMATIVA ENTE RICHIEDENTE 4.

Dettagli

Avviso Pubblico n. 06-2006 MASTER REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO FORMAZIONE LAVORO CULTURA E SPORT

Avviso Pubblico n. 06-2006 MASTER REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO FORMAZIONE LAVORO CULTURA E SPORT Avviso Pubblico n. 06-2006 MASTER REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO FORMAZIONE LAVORO CULTURA E SPORT Regione Basilicata - Dipartimento Formazione, Lavoro, Cultura e Sport Complemento di Programmazione POR

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI AMMISSIONE AL BANDO DI EROGAZIONE DI FONDI DI BENEFICENZA

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI AMMISSIONE AL BANDO DI EROGAZIONE DI FONDI DI BENEFICENZA AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI AMMISSIONE AL BANDO DI EROGAZIONE DI FONDI DI BENEFICENZA Oggetto Il presente bando disciplina le modalità di erogazione di fondi di beneficenza finalizzati

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Prot. n.3662 del 15.04.2016 AVVISO PUBBLICO U.N.R.R.A 2016 Avviso pubblico per la presentazione di progetti da finanziare a valere sul Fondo Lire U.N.R.R.A. per l anno 2016. Direttiva del Ministro del

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI BANDO PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTI PER MISSIONI ARCHEOLOGICHE, ANTROPOLOGICHE, ETNOLOGICHE ITALIANE ALL ESTERO - ANNO 2014 - Articolo

Dettagli

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n. 13) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 08 DI DATA

Dettagli

DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015

DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015 DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015 ARTICOLO 1 - FINALITÀ E TIPOLOGIA DELL INTERVENTO Nell ambito degli interventi e dei servizi rivolti alle persone con disabilità, il

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

REGIONE MOLISE. Direzione Generale Area III. Servizio Politiche Sociali. POR FSE Molise. Obiettivo Competitività regionale e occupazione 2007-2013

REGIONE MOLISE. Direzione Generale Area III. Servizio Politiche Sociali. POR FSE Molise. Obiettivo Competitività regionale e occupazione 2007-2013 REGIONE MOLISE Direzione Generale Area III Servizio Politiche Sociali POR FSE Molise Obiettivo Competitività regionale e occupazione 2007-2013 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE DELLA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI MISURA 4.2 AZIONE 4.2.1 POR MOLISE 2000-2006 AIUTI DE MINIMIS ALLE IMPRESE ARTIGIANE S.F.I.D.E. Sviluppo, formazione, ideazione di progetti per

Dettagli

Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale

Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale Allegato parte integrante Allegato A Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale La Provincia autonoma di Trento ai sensi della Legge Provinciale n. 10/1988

Dettagli

BANDO 2014. Obiettivi

BANDO 2014. Obiettivi BANDO 2014 Obiettivi La Fondazione persegue esclusivamente fini di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico del territorio e, tenuto conto delle risorse disponibili, realizza la propria

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Art. 1 FINALITÀ E OGGETTO La Provincia di Milano intende

Dettagli

1.1. Il presente bando è finalizzato all erogazione, da parte della Comunità della Pianura Bresciana Fondazione di Partecipazione, di

1.1. Il presente bando è finalizzato all erogazione, da parte della Comunità della Pianura Bresciana Fondazione di Partecipazione, di Ambito n. 8 Comuni di: Barbariga, Borgo San Giacomo, Brandico, Corzano, Dello, Longhena, Lograto, Maclodio, Mairano, Orzinuovi, Orzivecchi, Pompiano, Quinzano d Oglio, San Paolo e Villachiara Bando per

Dettagli

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP luglio 2013 1 1. PREMESSA Il Consorzio UNI.T.I. ha come obiettivo la realizzazione di un programma dell Università degli Studi di Genova per il supporto

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano Regolamento Comunale per la promozione e la valorizzazione delle Libere Forme Associative Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n 24 del 27.06.2007 1/5

Dettagli

PROVINCIA DELL OGLIASTRA Servizio Programmazione Lavoro Politiche Sociali

PROVINCIA DELL OGLIASTRA Servizio Programmazione Lavoro Politiche Sociali PROVINCIA DELL OGLIASTRA Servizio Programmazione Lavoro Politiche Sociali REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI PATROCINIO E DI CONTRIBUTI ECONOMICI AD ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO, ENTI, COMITATI E ASSOCIAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA Viviamo in un territorio ricco di cultura, con elevata potenzialità produttiva materiale e immateriale dove molti giovani trovano modo di esprimere la loro creatività

Dettagli

All.1) ZONA SOCIALE N. 4

All.1) ZONA SOCIALE N. 4 All.1) ZONA SOCIALE N. 4 AVVISO PUBBLICO AI SENSI DELL ARTICOLO 7 DELLA LEGGE REGIONALE N. 13 DEL 16 FEBBRAIO 2010 (Disciplina dei servizi e degli interventi a favore della famiglia) CONCERNENTE INTERVENTI

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione Premessa Il presente documento regola le modalità di rendicontazione, ai fini dell

Dettagli

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias)

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) BANDO PUBBLICO PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI CONTRASTO DELLE POVERTA - Linea di intervento 3 - CONCESSIONE DI SUSSIDI PER LO SVOLGIMENTO

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO TIROCINI

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO PAR FSC 2007-2013: ATTUAZIONE, CONTROLLO E PROGRAMMAZIONE (CODICE CORSO 15003) Seminario conclusivo. Torino, 10 giugno 2015

PERCORSO FORMATIVO PAR FSC 2007-2013: ATTUAZIONE, CONTROLLO E PROGRAMMAZIONE (CODICE CORSO 15003) Seminario conclusivo. Torino, 10 giugno 2015 PERCORSO FORMATIVO PAR FSC 2007-2013: ATTUAZIONE, CONTROLLO E PROGRAMMAZIONE (CODICE CORSO 15003) Seminario conclusivo Torino, 10 giugno 2015 Maggio 2013 PERCORSO FORMATIVO PAR FSC 2007-2013: ATTUAZIONE,

Dettagli

BANDO 2016.5 SALUTE MENTALE E DISAGIO PSICHICO

BANDO 2016.5 SALUTE MENTALE E DISAGIO PSICHICO BANDO 2016.5 SALUTE MENTALE E DISAGIO PSICHICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI 1. FINALITÀ DEL BANDO La Fondazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE Termine ultimo di presentazione della domanda: 17 novembre 2014 1. Oggetto Obiettivo del bando è assicurare adeguato sostegno alle famiglie potenziando i servizi per l infanzia

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA Finanziamento anno 2014 1 Art. 1 Oggetto Il presente documento stabilisce i criteri per la

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

REGOLAMENTO. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 maggio 2014)

REGOLAMENTO. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 maggio 2014) REGOLAMENTO (Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 maggio 2014) 1 Indice Articolo1 Oggetto del Regolamento Articolo 2 Requisiti di iscrizione Articolo 3 Modalità di adesione e comunicazione

Dettagli

(Provincia di Caserta)

(Provincia di Caserta) (Provincia di Caserta) Regolamento comunale per la concessione di contributi ad Enti, Associazioni e Comitati operanti nel campo culturale, della storia, della solidarietà, turistico, sportivo, ricreativo

Dettagli

MinisterodelloSviluppoEconomico

MinisterodelloSviluppoEconomico MinisterodelloSviluppoEconomico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 24 settembre 2014, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia ALLEGATO A CONVENZIONE DEL 23/12/2010 TRA IL DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA E LA REGIONE PIEMONTE IN ATTUAZIONE DELL INTESA DEL 29 APRILE 2010 RELATIVA AI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE

Dettagli

Fondo sociale europeo Programma Operativo 2007/2013

Fondo sociale europeo Programma Operativo 2007/2013 Fondo sociale europeo Programma Operativo 2007/2013 Piano generale d impiego dei mezzi finanziari disponibili per l esercizio finanziario 2010 per le attività di formazione professionale Programma specifico

Dettagli

BANDO 2016.3 ASSISTENZA SOCIALE

BANDO 2016.3 ASSISTENZA SOCIALE BANDO 2016.3 ASSISTENZA SOCIALE PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI 1. FINALITÀ DEL BANDO La Fondazione della Comunità

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO

PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Avviso pubblico relativo all inserimento lavorativo di persone disabili all interno di cooperative sociali di tipo B e loro Consorzi ed interventi di accompagnamento

Dettagli

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione SETTORE E FILIERA DELLA NAUTICA (in attuazione della DGR n. 611/2008) Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione INDICE PREMESSA...

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE Direzione Sviluppo Economico e Valorizzazione Asset Patrimoniali e Territoriali Servizio SUAP e Polizia Amministrativa INTERVENTI PER ATTIVITA COMMERCIALI

Dettagli

DGR 2889 DD. 26.9.2003

DGR 2889 DD. 26.9.2003 DGR 2889 DD. 26.9.2003 VISTO il documento di indirizzo programmatico per l anno 2003 predisposto, ai sensi dell art. 6 della L.R. 27 marzo 1996, n. 18 e successive modificazioni ed integrazioni, dalla

Dettagli

Linee guida per la rendicontazione dei finanziamenti dei progetti di ricerca sanitaria finalizzata

Linee guida per la rendicontazione dei finanziamenti dei progetti di ricerca sanitaria finalizzata Linee guida per la rendicontazione dei finanziamenti dei progetti di ricerca sanitaria finalizzata La Regione, in coerenza con quanto previsto dalla programmazione sanitaria nazionale e regionale, allo

Dettagli

Allegato A. 1. Oggetto

Allegato A. 1. Oggetto Criteri per il finanziamento di attività di formazione e aggiornamento finalizzate all'attuazione di protocolli di intesa in materia di procedure conciliative tra imprese e clienti finali dei servizi elettrico

Dettagli

2. DESTINATARI: Sono destinatari del programma tutti gli enti, pubblici e privati, senza scopo di lucro e non esercenti impresa.

2. DESTINATARI: Sono destinatari del programma tutti gli enti, pubblici e privati, senza scopo di lucro e non esercenti impresa. SAPERE DONARE Insieme 2010 Regolamento 1. OBIETTIVI: Sapere Donare è un progetto della Fondazione CRT nato per sostenere e promuovere la cultura della donazione. L avvio del progetto nel 2005 è consistito

Dettagli

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART.

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. 1 (OGGETTO) L Amministrazione Comunale di Casina condividendo le finalità

Dettagli

COMUNE GENONI PROVINCIA ORISTANO BANDO SELEZIONE

COMUNE GENONI PROVINCIA ORISTANO BANDO SELEZIONE COMUNE GENONI PROVINCIA ORISTANO BANDO SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA SPERIMENTALE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME SERVIZI

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A FAVORE DI PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO ECONOMICO PER PAGAMENTO UTENZE GAS

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A FAVORE DI PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO ECONOMICO PER PAGAMENTO UTENZE GAS BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A FAVORE DI PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO ECONOMICO PER PAGAMENTO UTENZE GAS PREMESSA L'Amministrazione comunale con Delibera di

Dettagli

Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento

Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ RELATIVE AI SERVIZI TERRITORIALI ED ALLE POLITICHE SOCIO-SANITARIE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA. ANNO 2007 Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA @II@ ALLEGATO ALLA DELIBERQZIONE C.C. N. 43 DEL 01.06.2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI. Art. 1 Oggetto TITOLO I DISCIPLINA GENERALE.

Dettagli

COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO

COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO OGGETTO: APPROVAZIONE BANDO ANNO 2014 PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ORDINARI. SETTORE D INTERVENTO : CULTURA. PRENOTAZIONE IMPEGNO

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA SERVIZIO SEGRETERIA GENERALE

CITTÀ DI IMOLA SERVIZIO SEGRETERIA GENERALE CITTÀ DI IMOLA SERVIZIO SEGRETERIA GENERALE AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E VANTAGGI ECONOMICI A SOSTEGNO DI INIZIATIVE/ATTIVITA REALIZZATE DA ENTI O ASSOCIAZIONI PERIODO 1.05.2014/30.04.2015

Dettagli

Articolo 1 (Finalità e ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità e ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97 che ha

Dettagli

REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA. del Comune di Capaci. (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004)

REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA. del Comune di Capaci. (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004) REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA del Comune di Capaci (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004) Art. 1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento, in esecuzione della

Dettagli

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 2 Ricerca applicata in campo medico 2015/2016 Istruzione Universitaria e Ricerca 1 Indice 1 Premessa... 3 1.1 Le risorse a disposizione... 3 2 Enti ammissibili... 3 2.1

Dettagli

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori budget complessivo del bando 500.000 euro termine per la presentazione dei progetti 15 luglio 2014 contenuti: A. NORMATIVA DEL BANDO

Dettagli

Bando per la erogazione di contributi

Bando per la erogazione di contributi Fondazione Wanda Di Ferdinando Bando per la erogazione di contributi Anno 2015 La Fondazione Wanda Di Ferdinando è un Ente Privato che si propone l attuazione di iniziative del più alto interesse sociale

Dettagli

FINALITA DELL INTERVENTO

FINALITA DELL INTERVENTO TESTO ALLEGATO AL D.P.R.S. N. 150 del 25.5.04 FINALITA DELL INTERVENTO Il contributo di cui all art. 3 della L.R. 10/2003 è volto all abbattimento parziale o totale degli interessi su prestiti quinquennali

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI BANDO PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTI PER MISSIONI ARCHEOLOGICHE, ANTROPOLOGICHE, ETNOLOGICHE ITALIANE ALL ESTERO - ANNO 2015 - Articolo

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELL ATTIVITA DI PROMOZIONE E SOSTEGNO DELLA RICERCA PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2004

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELL ATTIVITA DI PROMOZIONE E SOSTEGNO DELLA RICERCA PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2004 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE PROCEDURA PER LA GESTIONE DELL ATTIVITA DI PROMOZIONE E SOSTEGNO DELLA RICERCA PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2004 Sezione A) - Tipologie di intervento previste - Presentazione

Dettagli

Linee guida di rendicontazione e Spese Ammissibili finanziamenti nazionali e regionali. Milano, 5 febbraio 2009

Linee guida di rendicontazione e Spese Ammissibili finanziamenti nazionali e regionali. Milano, 5 febbraio 2009 Linee guida di rendicontazione e Spese Ammissibili finanziamenti nazionali e regionali Milano, 5 febbraio 2009 Premessa Riferimenti normativi: Regione Lombardia -DDUO n. 15169 del 22/12/2008; Approvazione

Dettagli

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Art.1 Oggetto del bando 1. Il Bando APQ 2010 è promosso dalla Provincia di Novara, Assessorato alle Politiche Giovanili (di seguito Provincia) su finanziamento

Dettagli

Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e per l attribuzione di vantaggi economici di qualunque

Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e per l attribuzione di vantaggi economici di qualunque Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e per l attribuzione di vantaggi economici di qualunque genere. INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 - Natura degli interventi

Dettagli

BANDO DISPONIBILITA. 2.629,00

BANDO DISPONIBILITA. 2.629,00 COMUNE DI GONNOSNÒ PROVINCIA DI ORISTANO Ufficio Servizio Sociale Professionale Via Oristano, 30-09090 GONNOSNÒ P.I. 00069670958 E-mail: protocollo@pec.comune.gonnosno.or.it 0783/931678 0783/931679 L.R.

Dettagli

BANDO DEL 19 NOVEMBRE 2015 per la presentazione di proposte per l ammissione e la selezione dei Centri di Raccolta beneficiari del Programma

BANDO DEL 19 NOVEMBRE 2015 per la presentazione di proposte per l ammissione e la selezione dei Centri di Raccolta beneficiari del Programma per l erogazione di contributi per il potenziamento e Quali sono i possibili motivi che possono determinare l esclusione della domanda di ammissione presentata per il Bando? I possibili motivi che possono

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DELLA PRIMA DOTE PER I NUOVI NATI PER LE FAMIGLIE CON FIGLI FINO A 36 MESI.

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DELLA PRIMA DOTE PER I NUOVI NATI PER LE FAMIGLIE CON FIGLI FINO A 36 MESI. 1 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DELLA PRIMA DOTE PER I NUOVI NATI PER LE FAMIGLIE CON FIGLI FINO A 36 MESI. FINALITA La Regione Puglia ha inteso finalizzare l erogazione del contributo economico di cui al presente

Dettagli

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma AVVISO PUBBLICO RISERVATO AI CENTRI ANZIANI DI ROMA E PROVINCIA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PICCOLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003

Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 DISPOSITIVO PROVINCIALE AZIONI DI SISTEMA Isole formative presso cooperative

Dettagli

Regione Toscana Direzione Generale della Presidenza - Settore Attività Internazionali L.R. 26/2009 PIANO INTEGRATO DELLE ATTIVITA INTERNAZIONALI

Regione Toscana Direzione Generale della Presidenza - Settore Attività Internazionali L.R. 26/2009 PIANO INTEGRATO DELLE ATTIVITA INTERNAZIONALI Allegato A Regione Toscana Direzione Generale della Presidenza - Settore Attività Internazionali L.R. 26/2009 PIANO INTEGRATO DELLE ATTIVITA INTERNAZIONALI Avviso pubblico per la presentazione di proposte

Dettagli

ALLEGATO 1 REGIONE ABRUZZO

ALLEGATO 1 REGIONE ABRUZZO ALLEGATO 1 REGIONE ABRUZZO BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI PER LA DIFFUSIONE DELLE RACCOLTE DIFFERENZIATE DOMICILIARI ED IL RICICLAGGIO DEI RIFIUTI URBANI L.R.52/00 e s.m.i. 1. FINALITA In esecuzione

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI VOUCHER A FAVORE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO PER INTERVENTI DI FORMAZIONE ANNO

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI VOUCHER A FAVORE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO PER INTERVENTI DI FORMAZIONE ANNO pri BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI VOUCHER A FAVORE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO PER INTERVENTI DI FORMAZIONE ANNO 2013 1. Oggetto della procedura di assegnazione di finanziamenti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA COMUNE DI SAINT-RHEMY-EN-BOSSES REGOLAMENTO COMUNALE SUI CRITERI E LE MODALITA PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI NONCHE PER L ATTRIBUZIONE

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO: L

Dettagli

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione dei progetti 31 agosto 2011 contenuti: 1.

Dettagli

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione Promozione dell efficienza energetica e della produzione di energie rinnovabili (in attuazione della DGR n. 611/2008) Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ADESIONE E DELLA CONTRIBUZIONE AL FONDO DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ADESIONE E DELLA CONTRIBUZIONE AL FONDO DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ADESIONE E DELLA CONTRIBUZIONE AL FONDO DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO Approvato il 12/07/2011 ARTICOLO 1 OGGETTO 1.1 Con il presente regolamento il Fondo Pensione

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE PRESSO CUI OPERANO ASSISTENTI FAMIGLIARI REGOLARMENTE ASSUNTE

BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE PRESSO CUI OPERANO ASSISTENTI FAMIGLIARI REGOLARMENTE ASSUNTE BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE PRESSO CUI OPERANO ASSISTENTI FAMIGLIARI REGOLARMENTE ASSUNTE 1. COS È IL BUONO SOCIALE PER ASSISTENTI FAMIGLIARI È un contributo

Dettagli

Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo Valentia

Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo Valentia CENTRO SERVIZI PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI VIBO VALENTIA Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo

Dettagli

3477 23/04/2014 DIREZIONE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI. Identificativo Atto n. 68

3477 23/04/2014 DIREZIONE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI. Identificativo Atto n. 68 3477 23/04/2014 Identificativo Atto n. 68 DIREZIONE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI APPROVAZIONE ESITI ISTRUTTORIA DELLE DOMANDE PRESENTATE AI SENSI DELLA DGR. N. X/1340 DEL 7 FEBBRAIO 2014 -

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AI BENEFICI

AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AI BENEFICI COMUNE DI Atri (Provincia di Teramo) FONDO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA Annualità 2010 INTERVENTI A FAVORE DELLE FAMIGLIE NUMEROSE IN DIFFICOLTA ECONOMICA AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AI BENEFICI IL

Dettagli

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Da inviare (su carta intestata dell ente) a: Dichiarazione di Spesa FINALE numero del / / Oggetto: La concessione del contributo/finanziamento è avvenuto

Dettagli

BANDO GIACOMO EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO DI PROGETTI A FAVORE DI FAMIGLIE CON MINORI IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTA

BANDO GIACOMO EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO DI PROGETTI A FAVORE DI FAMIGLIE CON MINORI IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTA BANDO GIACOMO EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO DI PROGETTI A FAVORE DI FAMIGLIE CON MINORI IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTA ANNUALITA 2014-2015 Associazione La Mongolfiera Onlus, Viale Pambera n.10,

Dettagli

ART. 1 ART. 2 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

ART. 1 ART. 2 OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI ORDINARI E STRAORDINARI AD ENTI E ASSOCIAZIONI SOCIO- ASSISTENZIALI, A SOSTEGNO DELL ATTIVITA DI VOLONTARIATO E DELLE INIZIATIVE AVENTI VALORE

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 ALLEGATO N. 2 ALLA DELIBERAZIONE N. DEL AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle politiche

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.4/2012: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97;

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO INVITO 1/12 AGGIORNAMENTO DEL CATALOGO NAZIONALE DI INIZIATIVE DI FORMAZIONE CONTINUA 1. PREMESSA For.Te. é il Fondo

Dettagli

BANDO 2 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015

BANDO 2 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015 BANDO 2 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015 1. Premessa 1.1. Il CSV della provincia di Treviso, a valere sulle disponibilità finanziarie riconosciutegli dal Fondo Speciale Regionale per il

Dettagli

CRITERI PER L'AMMISSIONE AI CONTRIBUTI IN FAVORE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE SARDEGNA

CRITERI PER L'AMMISSIONE AI CONTRIBUTI IN FAVORE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE SARDEGNA Allegato alla Delib.G.R. n. 32/32 del 7.8.2014 CRITERI PER L'AMMISSIONE AI CONTRIBUTI IN FAVORE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE SARDEGNA 1) Obiettivi Fornire alle

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU SETTORE : Settore I Responsabile: Garau Donatella DETERMINAZIONE N. 304 in data 01/04/2015 OGGETTO: BONUS FAMILIA ANNO 2013 - LIQUIDAZIONE DEL SALDO DEL CONTRIBUTO A FAVORE DI 1 BENEFICIARIO

Dettagli

per la concessione di contributi, sovvenzioni e vantaggi economici a sostegno delle attività sportive

per la concessione di contributi, sovvenzioni e vantaggi economici a sostegno delle attività sportive COMUNE DI SERRENTI Provincia del Medio Campidano Regolamento per la concessione di contributi, sovvenzioni e vantaggi economici a sostegno delle attività sportive Approvato dal Consiglio Comunale con atto

Dettagli

VISTO il Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento e del Consiglio del 18/06/2009, che modifica il Regolamento (CE) n.

VISTO il Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento e del Consiglio del 18/06/2009, che modifica il Regolamento (CE) n. ACCORDO TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E LA REGIONE LAZIO PER L ATTUAZIONE COORDINATA DELLE AZIONI RIFERIBILI AL PROGRAMMA DI INTERVENTI A COFINANZIAMENTO FEG EGF/2012/007 IT/VDC

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA COMUNE DI BRESCIA SETTORE SICUREZZA URBANA E PROTEZIONE CIVILE BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:

Dettagli