Sistema di Qualificazione delle imprese per gli interventi agli impianti di segnalamento

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistema di Qualificazione delle imprese per gli interventi agli impianti di segnalamento"

Transcript

1 Sistema di Qualificazione delle imprese per gli interventi agli impianti di segnalamento Schede Tecniche Indice Rev. 0 Luglio 09 Scheda Rev. Titolo Pag. LIS LIS Progettazione e realizzazione di ACEI del tipo: a) con segnalamento di manovra; e/o b) su linee con BACC; e/o c) modulari; e/o di Pl su linee con BACC Progettazione e realizzazione di ACEI del tipo: a) senza segnalamento di manovra e su linee senza BACC e non modulari; e/o b) semplificati; e/o di Apparati Centrali Elettrici a Leve Individuali, di impianti BEM, BCF e BCA, di impianti di protezione dei Passaggi a Livello su linee senza BACC 2 5 LIS LIS LIS Progettazione e realizzazione di impianti di Blocco Automatico a Correnti Codificate Realizzazione di impianti di segnalamento ferroviario con esclusione del Blocco Automatico a Correnti Codificate Interventi limitati per la modifica e la costruzione di impianti di segnalamento ferroviario LIS Esecuzione di lavori di piazzale per impianti di segnalamento ferroviario 14 LIS Progettazione e realizzazione (fornitura e posa in opera) di impianti speciali omologati (telecomando, sistemi di diagnostica, MVT, PAI-PL, RTB) 16 Pag. 1 di 17

2 Scheda LIS-001 Rev. 3 aprile 08 REQUISITI DI BASE PER LA QUALIFICAZIONE Categoria di specializzazione: Progettazione e realizzazione di ACEI del tipo: a) con segnalamento di manovra; e/o b) su linee con BACC; e/o c) modulari; e/o di Pl su linee con BACC. I lavori della presente categoria di specializzazione si riferiscono alle seguenti attività: progettazione completa degli impianti di segnalamento ( cabina, piazzale, canalizzazione cavi e allestimento sistemi di alimentazione ) e delle opere accessorie minori (carpenterie, opere civili, illuminazione, telefonia, idraulica, ecc.); supervisione della progettazione di opere accessorie più importanti (corpi aggiunti a edifici esistenti, piccoli fabbricati, rinforzo di solai, ecc.); supervisione della progettazione di portali e sbalzi portasegnali; supervisione, coordinamento e verifica delle forniture dei materiali per la realizzazione degli impianti di segnalamento ( cabina, piazzale e allestimento sistemi di alimentazione ) e delle opere accessorie minori (carpenterie, opere civili, illuminazione, telefonia, idraulica, ecc.); contabilizzazione delle opere; supervisione delle attività di cantiere; supervisione, coordinamento e verifica (IS717) della costruzione e cablatura di sale relè, quadri luminosi e banchi di manovra; realizzazione di cablaggi di limitata entità; supervisione, coordinamento e verifica della realizzazione delle opere accessorie e dei portali e sbalzi portasegnali; installazione, allacciamento, avviamento, regolazione e verifica (IS717) delle sale relè, QL, BM e enti di piazzale. Gli interventi per la realizzazione delle opere di piazzale, quali canalizzazioni cavi, posa dei cavi, scavi, ecc. e delle opere accessorie non rientrano nella categoria di specializzazione. PREMESSA Il presente documento delinea i requisiti minimi di base, relativi alla capacità tecnica, produttiva ed all organizzazione aziendale della qualità, che devono essere posseduti dai soggetti che richiedono la qualificazione per la progettazione esecutiva e la realizzazione di impianti di segnalamento ferroviario con esclusione del Blocco Automatico a Correnti Codificate. Pag. 2 di 17

3 Il documento è parte integrante della Normativa del Sistema di Qualificazione delle imprese per la realizzazione degli impianti di segnalamento ferroviario, e pertanto ne completa il contenuto. CAPACITA TECNICA Le imprese devono dimostrare di: Avere precedenti esperienze o essere dotate di struttura con personale di sufficiente esperienza nell esecuzione di interventi in campo ferroviario rientranti nella categoria di specializzazione di cui alla presente scheda; disporre di adeguata struttura dedicata alle attività di progettazione di tipo esecutivo e di dettaglio afferenti la categoria di specializzazione di cui alla presente scheda e di coordinamento e controllo della progettazione e il cui responsabile tecnico deve essere laureato in ingegneria ed abilitato alla professione. Tale struttura deve essere composta da Progettisti, in possesso delle abilitazioni previste per gli impianti di cui alla presente scheda tecnica secondo la disposizione di RFI n.4/2007, e da Addetti alla progettazione in possesso dell idoneità di base secondo la disposizione suddetta nella misura di: 1 Progettista e 1 Addetto alla progettazione fino alla classe di importo 5; 2 Progettisti e 2 Addetti alla progettazione per la classe di importo 6; 3 Progettisti e 3 Addetti alla progettazione per la classe di importo 7. Ai sensi di quanto previsto all art.24 della Normativa, e fino al sesto mese successivo alla data di definizione degli elenchi di progettisti ed addetti, la struttura di progettazione di cui sopra potrà essere composta da laureati in ingegneria dotati di esperienza non inferiore a sei anni ovvero diplomati in possesso di adeguate conoscenze professionali e tecniche derivanti da esperienza più che novennale (Progettisti) e da Addetti alla progettazione con almeno esperienza biennale (in caso di ingegneri) ovvero non inferiore a tre anni (in caso di diplomati); disporre di idoneo sistema CAD per la numerazione automatica degli schemi elettrici delle sale relè e per la produzione dei files di spunta, d adeguate attrezzature d ufficio per la produzione disegni, tra cui almeno un plotter; disporre d adeguata struttura di coordinamento e controllo delle attività di cantiere e di produzione i cui responsabili sono laureati in ingegneria e di comprovata esperienza almeno quinquennale, ovvero diplomati e di comprovata esperienza almeno decennale, nel settore della realizzazione di impianti di segnalamento ferroviario; disporre di risorse (personale ed attrezzature) adeguate per l installazione delle apparecchiature di cabina (sale relè, quadri luminosi, banchi manovra, ecc.) ed enti di piazzale, sia per stazioni che per posti di linea; disporre d idonea squadra di tecnici per tarature e verifiche degli impianti di segnalamento; la squadra è composta di almeno due tecnici per le classi dalla 3 alla 5 e almeno quattro per le classi 6 e 7; il responsabile della squadra deve avere esperienza almeno quinquennale di taratura e verifica d impianti IS già attivati; essere dotate delle strumentazioni necessarie per le tarature e le verifiche degli impianti di segnalamento; essere dotate di macchina per la spunta automatica riconosciuta idonea da RFI come previsto nella N.T. IS 717; essere idonee ad operare in conformità alle norme tecniche IS 717. Pag. 3 di 17

4 POTENZIALITA PRODUTTIVA Il soggetto che richiede la qualificazione dovrà dimostrare di possedere, nel settore ferroviario e nella categoria di specializzazione di cui alla presente scheda, una potenzialità produttiva tale da soddisfare gli interventi previsti per la classe d importo richiesta. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PER LA QUALITA L organizzazione produttiva del soggetto che richiede la qualificazione dovrà prevedere le seguenti caratteristiche: 1) operare con un Sistema di Gestione per la Qualità conforme alla norma UNI EN ISO 9001 (esteso al requisito 7.3 Progettazione e sviluppo della stessa norma) certificato da organismo accreditato come indicato all art della Normativa; 2) gestire gli appalti di lavori attraverso documenti di pianificazione Qualità. Pag. 4 di 17

5 Scheda LIS-002 Rev. 3 aprile 08 REQUISITI DI BASE PER LA QUALIFICAZIONE Categoria di specializzazione: Progettazione e realizzazione di ACEI del tipo: a) senza segnalamento di manovra e su linee senza BACC e non modulari; e/o b) semplificati; e/o di Apparati Centrali Elettrici a Leve Individuali, di impianti BEM, BCF e BCA, di impianti di protezione dei Passaggi a Livello su linee senza BACC. I lavori della presente categoria di specializzazione si riferiscono alle seguenti attività: progettazione completa degli impianti di segnalamento ( cabina, piazzale canalizzazione cavi e allestimento sistemi di alimentazione ) e delle opere accessorie minori (carpenterie, opere civili, illuminazione, telefonia, idraulica, ecc.); supervisione della progettazione di opere accessorie più importanti (corpi aggiunti a edifici esistenti, piccoli fabbricati, rinforzo di solai, ecc.); supervisione della progettazione di portali e sbalzi portasegnali; supervisione, coordinamento e verifica delle forniture dei materiali per la realizzazione degli impianti di segnalamento ( cabina, piazzale e allestimento sistemi di alimentazione ) e delle opere accessorie minori (carpenterie, opere civili, illuminazione, telefonia, idraulica, ecc.); contabilizzazione delle opere; supervisione delle attività di cantiere; supervisione, coordinamento e verifica (IS717) della costruzione e cablatura di sale relè, quadri luminosi e banchi di manovra; realizzazione di cablaggi di limitata entità; supervisione, coordinamento e verifica della realizzazione delle opere accessorie e dei portali e sbalzi portasegnali; installazione, allacciamento, avviamento, regolazione e verifica (IS717) delle sale relè, QL, BM e enti di piazzale. Gli interventi per la realizzazione delle opere di piazzale, quali canalizzazioni cavi, posa dei cavi, scavi, ecc. e delle opere accessorie non rientrano nella categoria di specializzazione. PREMESSA Il presente documento delinea i requisiti minimi di base, relativi alla capacità tecnica, produttiva ed all organizzazione aziendale della qualità, che devono essere posseduti dai soggetti che richiedono la qualificazione per la progettazione esecutiva e la realizzazione di impianti di segnalamento ferroviario con esclusione del Blocco Automatico a Correnti Codificate. Il documento è parte integrante della Normativa del Sistema di Qualificazione delle imprese per la realizzazione degli impianti di segnalamento ferroviario, e pertanto ne completa il contenuto. Pag. 5 di 17

6 CAPACITA TECNICA Le imprese devono dimostrare di: Avere precedenti esperienze o essere dotate di struttura con personale di sufficiente esperienza nell esecuzione di interventi in campo ferroviario rientranti nella categoria di specializzazione di cui alla presente scheda; disporre di adeguata struttura dedicata alle attività di progettazione di tipo esecutivo e di dettaglio afferenti la categoria di specializzazione di cui alla presente scheda e di coordinamento e controllo della progettazione e il cui responsabile tecnico deve essere laureato in ingegneria ed abilitato alla professione. Tale struttura deve essere composta da Progettisti, in possesso delle abilitazioni previste per gli impianti di cui alla presente scheda tecnica secondo la disposizione di RFI n.4/2007, e da Addetti alla progettazione in possesso dell idoneità di base secondo la disposizione suddetta nella misura di: 1 Progettista e 1 Addetto alla progettazione fino alla classe di importo 5; 2 Progettisti e 2 Addetti alla progettazione per la classe di importo 6; 3 Progettisti e 3 Addetti alla progettazione per la classe di importo 7. Ai sensi di quanto previsto all art.24 della Normativa, fino al sesto mese successivo alla data di definizione degli elenchi di progettisti ed addetti, la struttura di progettazione di cui sopra potrà essere composta da laureati in ingegneria dotati di esperienza non inferiore a sei anni ovvero diplomati in possesso di adeguate conoscenze professionali e tecniche derivanti da esperienza più che novennale (Progettisti) e da Addetti alla progettazione con almeno esperienza biennale (in caso di ingegneri) ovvero non inferiore a tre anni (in caso di diplomati); disporre di idoneo sistema CAD per la numerazione automatica degli schemi elettrici delle sale relè e per la produzione dei files di spunta, d adeguate attrezzature d ufficio per la produzione disegni, tra cui almeno un plotter; disporre d adeguata struttura di coordinamento e controllo delle attività di cantiere e di produzione i cui responsabili sono laureati in ingegneria, di comprovata esperienza almeno quinquennale, ovvero diplomati di comprovata esperienza almeno decennale, nel settore della realizzazione di impianti di segnalamento ferroviario; disporre di risorse (personale ed attrezzature) adeguate per l installazione delle apparecchiature di cabina (sale relè, quadri luminosi, banchi manovra, ecc.) ed enti di piazzale, sia per stazioni che per posti di linea; disporre d idonea squadra di tecnici, per tarature e verifiche degli impianti di segnalamento; la squadra è composta di almeno due tecnici per le classi dalla 2 alla 5 e almeno quattro per le classi 6 e 7; il responsabile della squadra deve avere esperienza almeno quinquennale per la taratura e verifica d impianti IS già attivati; essere dotate delle strumentazioni necessarie per le tarature e le verifiche degli impianti di segnalamento; essere dotate di macchina per la spunta automatica riconosciuta idonea da RFI come previsto nella N.T. IS 717; essere idonee ad operare in conformità alle norme tecniche IS 717. Pag. 6 di 17

7 POTENZIALITA PRODUTTIVA Il soggetto che richiede la qualificazione dovrà dimostrare di possedere, nel settore ferroviario e nella categoria di specializzazione di cui alla presente scheda, una potenzialità produttiva tale da soddisfare gli interventi previsti per la classe d importo richiesta. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PER LA QUALITA L organizzazione produttiva del soggetto che richiede la qualificazione dovrà prevedere le seguenti caratteristiche: 1) operare con un Sistema di Gestione per la Qualità conforme alla norma UNI EN ISO 9001 (esteso al requisito 7.3 Progettazione e sviluppo della stessa norma) certificato da organismo accreditato come indicato all art della Normativa; 2) gestire gli appalti di lavori attraverso documenti di pianificazione Qualità. Pag. 7 di 17

8 Scheda LIS-003 Rev. 3 aprile 08 REQUISITI DI BASE PER LA QUALIFICAZIONE Categoria di specializzazione: Progettazione e realizzazione di impianti di Blocco Automatico a Correnti Codificate. I lavori della presente categoria di specializzazione si riferiscono alle seguenti attività: progettazione completa degli impianti di Blocco Automatico a Correnti Codificate ( cabina piazzale, canalizzazione cavi e allestimento sistemi di alimentazione ) e delle opere minori accessorie (carpenterie, opere civili, illuminazione, telefonia, ecc.); supervisione, coordinamento e verifica delle forniture dei materiali; contabilizzazione delle opere; supervisione delle attività di cantiere; supervisione, coordinamento e verifica (IS 381) della costruzione e cablatura di sale relè; realizzazione di cablaggi di limitata entità; supervisione, coordinamento e verifica della realizzazione delle opere accessorie; installazione, allacciamento, avviamento, regolazione e verifica (IS 381) delle sale relè e enti di piazzale; supervisione, coordinamento e controllo della produzione, nonché regolazione e tarature delle apparecchiature per il Blocco Automatico a Correnti Codificate di cui si detiene i diritti. Gli interventi per la realizzazione delle opere di piazzale, quali canalizzazioni cavi, posa dei cavi, scavi, ecc. e delle opere accessorie non rientrano nella categoria di specializzazione. PREMESSA Il presente documento delinea i requisiti minimi di base, relativi alla capacità tecnica, produttiva ed all organizzazione aziendale della qualità, che devono essere posseduti dai soggetti che richiedono la qualificazione per la progettazione esecutiva e realizzazione di impianti di Blocco Automatico a Correnti Codificate. Il documento è parte integrante della Normativa del Sistema di Qualificazione delle imprese per la realizzazione degli impianti di segnalamento ferroviario, e pertanto ne completa il contenuto. CAPACITA TECNICA Le imprese devono dimostrare di: possedere i diritti su un sistema di segnalamento di Blocco Automatico a Correnti Codificate omologato da RFI con specifica procedura e/o norma tecnica; avere precedenti esperienze o essere dotate di struttura con personale di sufficiente esperienza nell esecuzione di interventi in campo ferroviario rientranti nella categoria di specializzazione di cui alla presente scheda; disporre di adeguata struttura dedicata alle attività di progettazione di tipo esecutivo e di dettaglio afferenti la categoria di specializzazione di cui alla presente scheda e di coordinamento e controllo Pag. 8 di 17

9 della progettazione e il cui responsabile tecnico deve essere laureato in ingegneria ed abilitato alla professione. Tale struttura deve essere composta da Progettisti, in possesso delle abilitazioni previste per gli impianti di cui alla presente scheda tecnica secondo la disposizione di RFI n.4/2007, e da Addetti alla progettazione in possesso dell idoneità di base secondo la disposizione suddetta nella misura di: 1 Progettista senior e 1 Addetto alla progettazione fino alla classe di importo 5; 2 Progettisti senior e 2 Addetti alla progettazione per le classi di importo 6 e 7; Ai sensi di quanto previsto all art.24 della Normativa, fino al sesto mese successivo alla data di definizione degli elenchi di progettisti ed addetti, la struttura di progettazione di cui sopra potrà essere composta da laureati in ingegneria dotati di esperienza non inferiore a sei anni ovvero diplomati in possesso di adeguate conoscenze professionali e tecniche derivanti da esperienza più che novennale (Progettisti) e da Addetti alla progettazione con almeno esperienza biennale (in caso di ingegneri) ovvero non inferiore a tre anni (in caso di diplomati); disporre di idoneo sistema CAD per la numerazione automatica degli schemi elettrici delle sale relè e per la produzione dei files di spunta, d adeguate attrezzature d ufficio per la produzione disegni, tra cui almeno un plotter; disporre d adeguata struttura di coordinamento e controllo delle attività di cantiere e di produzione i cui responsabili sono laureati in ingegneria, di comprovata esperienza almeno quinquennale, ovvero diplomati di comprovata esperienza almeno decennale, nel settore della realizzazione di impianti di segnalamento ferroviario; disporre d adeguata struttura di coordinamento e controllo della attività di cantiere e di produzione i cui responsabili abbiano comprovata esperienza, almeno decennale, nel settore della realizzazione di impianti di segnalamento ferroviario; disporre di risorse (personale ed attrezzature) adeguate per l installazione delle apparecchiature di blocco automatico sia per stazioni che per la linea; disporre d idonea squadra di tecnici, per tarature e verifiche degli impianti di cui si possiede il brevetto; la squadra è composta di almeno tre tecnici e il responsabile della squadra deve avere esperienza di taratura e verifica d impianti di BACC già attivati, almeno quinquennale; essere dotata delle necessarie strumentazioni, per tarature e verifiche degli impianti di segnalamento; essere dotate di macchina per la spunta automatica riconosciuta idonea da RFI come previsto nella N.T. IS 381. POTENZIALITA PRODUTTIVA Il soggetto che richiede la qualificazione dovrà dimostrare di possedere, nel settore ferroviario e nella categoria di specializzazione di cui alla presente scheda, una potenzialità produttiva tale da soddisfare gli interventi previsti per la classe d importo richiesta. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PER LA QUALITA L organizzazione produttiva del soggetto che richiede la qualificazione dovrà prevedere le seguenti caratteristiche: 1) operare con un Sistema di Gestione per la Qualità conforme alla norma UNI EN ISO 9001 (esteso al requisito 7.3 Progettazione e sviluppo della stessa norma) certificato da organismo accreditato come indicato all art della Normativa; 2) gestire gli appalti di lavori attraverso documenti di pianificazione Qualità. Pag. 9 di 17

10 Scheda LIS-004 Rev. 3 aprile 08 REQUISITI DI BASE PER LA QUALIFICAZIONE Categoria di specializzazione: Realizzazione di impianti di segnalamento ferroviario con esclusione del Blocco Automatico a Correnti Codificate. I lavori della presente categoria di specializzazione si riferiscono alle seguenti attività: progettazione delle opere minori accessorie (carpenterie, opere civili, illuminazione, telefonia, idraulica, ecc.) e delle canalizzazioni per i cavi; supervisione, coordinamento e verifica delle forniture dei materiali per la realizzazione degli impianti di segnalamento ( cabina, piazzale e allestimento sistemi di alimentazione ) e delle opere accessorie minori (carpenterie, opere civili, illuminazione, telefonia, idraulica, ecc.); contabilizzazione delle opere; supervisione delle attività di cantiere; supervisione, coordinamento e verifica (IS 717) della costruzione e cablatura di sale relè, quadri luminosi e banchi di manovra; realizzazione di cablaggi di limitata entità; supervisione, coordinamento e verifica della realizzazione delle opere accessorie minori e dei portali e sbalzi portasegnali; installazione, allacciamento, avviamento, regolazione e verifica (IS 717) delle sale relè, QL, BM e enti di piazzale. Gli interventi per la realizzazione delle opere di piazzale, quali canalizzazioni cavi, posa dei cavi, scavi, ecc. e delle opere accessorie non rientrano nella categoria di specializzazione. PREMESSA Il presente documento delinea i requisiti minimi di base, relativi alla capacità tecnica, produttiva ed all organizzazione aziendale della qualità, che devono essere posseduti dai soggetti che richiedono la qualificazione per la realizzazione di impianti di segnalamento ferroviario con esclusione del Blocco Automatico a Correnti Codificate. Il documento è parte integrante della Normativa del Sistema di Qualificazione delle imprese per la realizzazione degli impianti di segnalamento ferroviario, e pertanto ne completa il contenuto. CAPACITA TECNICA Le imprese devono dimostrare di: avere precedenti esperienze o essere dotate di struttura con personale di sufficiente esperienza nell esecuzione di interventi in campo ferroviario rientranti nella categoria di specializzazione di cui alla presente scheda; disporre d idoneo ufficio tecnico, il cui responsabile abbia esperienza almeno quinquennale nella progettazione d impianti di segnalamento; Pag. 10 di 17

11 disporre d adeguata struttura di coordinamento e controllo delle attività di cantiere e di produzione i cui responsabili sono laureati in ingegneria, di comprovata esperienza almeno quinquennale, ovvero diplomati di comprovata esperienza almeno decennale, nel settore della realizzazione di impianti di segnalamento ferroviario; disporre di risorse (personale ed attrezzature) adeguate per l installazione delle apparecchiature di cabina (sale relè, quadri luminosi, banchi manovra, ecc.) ed enti di piazzale, sia per stazioni che per posti di linea; disporre d idonea squadra di tecnici, per tarature e verifiche degli impianti di segnalamento, la squadra è composta di almeno due tecnici per le classi dalla 3 alla 5 e almeno quattro per le classi 6 e 7; il responsabile della squadra deve avere esperienza di taratura e verifica d impianti IS, già attivati, almeno quinquennale; essere dotate delle necessarie strumentazioni, per tarature e verifiche degli impianti di segnalamento; essere dotate di macchina per la spunta automatica riconosciuta idonea da RFI come previsto nella N.T. IS 717; essere idonee ad operare in conformità alle norme tecniche IS 717. POTENZIALITA PRODUTTIVA Il soggetto che richiede la qualificazione dovrà dimostrare di possedere, nel settore ferroviario e nella categoria di specializzazione di cui alla presente scheda, una potenzialità produttiva tale da soddisfare gli interventi previsti per la classe d importo richiesta. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PER LA QUALITA L organizzazione produttiva del soggetto che richiede la qualificazione dovrà prevedere le seguenti caratteristiche: 1) operare con un Sistema di Gestione per la Qualità conforme alla norma UNI EN ISO 9001 (è ammessa l esclusione del requisito 7.3 Progettazione e sviluppo della stessa norma) certificato da organismo accreditato come indicato all art della Normativa; 2) gestire gli appalti di lavori attraverso documenti di pianificazione Qualità. Pag. 11 di 17

12 Scheda LIS-005 Rev. 3 aprile 08 REQUISITI DI BASE PER LA QUALIFICAZIONE Categoria di specializzazione: Interventi limitati per la modifica e la costruzione di impianti di segnalamento ferroviario. I lavori della presente categoria si riferiscono alle seguenti attività: progettazione dell intervento ( cabina e piazzale ) e delle opere accessorie minori (carpenterie, opere civili, illuminazione, telefonia, idraulica, ecc.); supervisione, coordinamento e verifica delle forniture dei materiali; contabilizzazione delle opere; costruzioni, allestimenti, cablaggi, allacciamenti, tarature, regolazioni e verifiche per la realizzazione degli interventi in sale relè, su quadri luminosi e banchi di manovra; costruzioni, allestimenti, cablaggi, allacciamenti, tarature, regolazioni e verifiche per la realizzazione delle opere di piazzale, quali canalizzazioni cavi, posa dei cavi, scavi, posa enti di piazzali, ecc. e delle opere accessorie minori. PREMESSA Il presente documento delinea i requisiti minimi di base, relativi alla capacità tecnica, produttiva ed all organizzazione aziendale della qualità, che devono essere posseduti dai soggetti che richiedono la qualificazione per l esecuzione di interventi limitati di modifica e costruzione di impianti di segnalamento ferroviario. Il documento è parte integrante della Normativa del Sistema di Qualificazione delle imprese per la realizzazione degli impianti di segnalamento ferroviario, e pertanto ne completa il contenuto. CAPACITA TECNICA Le imprese devono dimostrare di: avere precedenti esperienze o di essere dotate di struttura con personale di sufficiente esperienza, nell esecuzione di interventi in campo ferroviario rientranti nella categoria di specializzazione di cui la presente scheda; disporre d adeguata struttura per la Direzione Cantieri e gestione dei lavori; disporre d idoneo ufficio tecnico, il cui responsabile abbia esperienza almeno quinquennale nella progettazione d impianti di segnalamento e sia dotato di adeguata postazione CAD con plotter a colori (la dotazione software minima comprenderà l elaborazione di disegni vettorizzati e rasterizzati); disporre d adeguata struttura per l esecuzione dei lavori ed installazioni di cabina e cantiere, rientranti nella categoria; con un tecnico per la taratura e verifica d esperienza almeno quinquennale; essere attrezzate almeno con i seguenti mezzi d opera: 1 Autocarrello con gru, idoneo a circolare su rotaia 1 Svolgibobine Pag. 12 di 17

13 1 Escavatore a cingoli isolati 1 Compressore e martello pneumatico; 1 Set completo d attrezzature per la posa in opera di capicorda e connessioni speciali, per cavi e conduttori allacciati alla rotaia e per circuito di ritorno TE; 1 Set completo di strumenti per misure elettriche. POTENZIALITA PRODUTTIVA Il soggetto che richiede la qualificazione dovrà dimostrare di possedere, nel settore ferroviario e nella categoria di specializzazione di cui alla presente scheda, una potenzialità produttiva tale da soddisfare gli interventi previsti per la classe d importo richiesta. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PER LA QUALITA L organizzazione produttiva del soggetto che richiede la qualificazione dovrà prevedere le seguenti caratteristiche: 1) operare con un Sistema di Gestione per la Qualità conforme alla norma UNI EN ISO 9001 (è ammessa l esclusione del requisito 7.3 Progettazione e sviluppo della stessa norma) certificato da organismo accreditato come indicato all art della Normativa; 2) gestire gli appalti di lavori attraverso documenti di pianificazione Qualità. Pag. 13 di 17

14 Scheda LIS-006 Rev. 3 aprile 08 REQUISITI DI BASE PER LA QUALIFICAZIONE Categoria di specializzazione: Esecuzione di lavori di piazzale per impianti di segnalamento ferroviario. I lavori della presente categoria si riferiscono alle seguenti attività: realizzazione delle opere di piazzale, quali canalizzazioni cavi, posa dei cavi, scavi, posa enti di piazzali, ecc. e delle opere accessorie minori; contabilizzazione delle opere. PREMESSA Il presente documento delinea i requisiti minimi di base, relativi alla capacità tecnica, produttiva ed all organizzazione aziendale della qualità, che devono essere posseduti dai soggetti che richiedono la qualificazione per l esecuzione di lavori di piazzale per impianti di segnalamento ferroviario. Il documento è parte integrante della Normativa del Sistema di Qualificazione delle imprese per la realizzazione degli impianti di segnalamento ferroviario, e pertanto ne completa il contenuto. CAPACITA TECNICA Le imprese devono dimostrare di: avere precedenti esperienze o di essere dotate di struttura con personale di sufficiente esperienza, nell esecuzione di interventi in campo ferroviario rientranti nella categoria di specializzazione di cui la presente scheda; disporre d adeguata struttura per la Direzione Cantieri, la gestione dei lavori e l esecuzione dei lavori rientranti nella categoria (canalizzazioni e posa cavi, posa enti, piccole opere civili, carpenterie ecc.); essere attrezzate almeno con i seguenti mezzi d opera ed attrezzature, in relazione alla classe d importo richiesta: Classe d importo Tipologia mezzi d opera Quantità Quantità Quantità Quantità Autocarrello circolante su rotaia con gru con portata minima di 5 qli a 5 mt Piattina circolante su rotaia Autocarrello circolante su rotaia con betoniera o betoniera rimovibile di almeno 8m 3 Svolgibobine Escavatore a cingoli gommati Autocarro con gru Compressore e martello pneumatico Gruppo elettrogeno e sistema di corpi illuminanti Pag. 14 di 17

15 Set completo d attrezzature per la posa in opera di capicorda e connessioni speciali, per cavi e conduttori allacciati alla rotaia e per circuito di ritorno TE Set completo di strumenti per misure elettriche POTENZIALITA PRODUTTIVA Il soggetto che richiede la qualificazione dovrà dimostrare di possedere, nel settore ferroviario e nella categoria di specializzazione di cui alla presente scheda, una potenzialità produttiva tale da soddisfare gli interventi previsti per la classe d importo richiesta. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PER LA QUALITA L organizzazione produttiva del soggetto che richiede la qualificazione dovrà prevedere le seguenti caratteristiche: 1) operare con un Sistema di Gestione per la Qualità conforme alla norma UNI EN ISO 9001 (è ammessa l esclusione del requisito 7.3 Progettazione e sviluppo della stessa norma) certificato da organismo accreditato come indicato all art della Normativa; 2) gestire gli appalti di lavori attraverso documenti di pianificazione Qualità. Pag. 15 di 17

16 Scheda LIS-007 Rev. 3 aprile 08 REQUISITI DI BASE PER LA QUALIFICAZIONE Categoria di specializzazione: Progettazione e realizzazione (fornitura e posa in opera) d impianti speciali omologati (telecomando, sistemi di diagnostica, MVT, PAI-PL, RTB). PREMESSA Il presente documento delinea i requisiti minimi di base, relativi alla capacità tecnica, produttiva ed all organizzazione aziendale della qualità, che devono essere posseduti dai soggetti che richiedono la qualificazione per la realizzazione degli impianti speciali omologati (telecomando, sistemi di diagnostica, MVT, PAI-PL, RTB), di segnalamento ferroviario. Il documento è parte integrante della Normativa del Sistema di Qualificazione delle imprese per la realizzazione degli impianti di segnalamento ferroviario, e pertanto ne completa il contenuto. CAPACITA TECNICA Le imprese devono dimostrare di: possedere i diritti su un impianto speciale omologato ovvero già installato sulla rete RFI o su altre Reti ferroviarie secondo specifica procedura e/o norma tecnica (telecomando, sistema di diagnostica, MVT, PAI-PL, RTB); avere precedenti esperienze o essere dotate di struttura con personale di sufficiente esperienza, nell esecuzione d interventi in campo ferroviario rientranti nella categoria di specializzazione di cui la presente scheda; disporre d adeguata struttura per l allestimento e l installazione delle apparecchiature per l impianto speciale omologato; disporre d adeguata struttura, relativamente all impianto speciale omologato, per la progettazione software e hardware. Detta struttura, ad esclusione degli impianti RTB, deve essere integrata con personale d esperienza per il segnalamento e per la circolazione treni; disporre d idonea squadra di tecnici per tarature e verifiche degli impianti allestiti; disporre d adeguata strumentazione per l esecuzione delle prove e verifiche degli impianti allestiti. Le imprese potranno partecipare solo alle gare d appalto per la realizzazione dei sistemi per i quali sono state omologate. POTENZIALITA PRODUTTIVA Il soggetto che richiede la qualificazione dovrà dimostrare di possedere, nel settore ferroviario e nella categoria di specializzazione di cui alla presente scheda, una potenzialità produttiva tale da soddisfare gli interventi previsti per la classe d importo richiesta. Pag. 16 di 17

17 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PER LA QUALITA L organizzazione produttiva del soggetto che richiede la qualificazione dovrà prevedere le seguenti caratteristiche: 1) operare con un Sistema di Gestione per la Qualità conforme alla norma UNI EN ISO 9001 (esteso al requisito 7.3 Progettazione e sviluppo della stessa norma) certificato da organismo accreditato come indicato all art della Normativa; 2) gestire gli appalti di lavori attraverso documenti di pianificazione Qualità. Pag. 17 di 17

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO SCHEDE TECNICHE

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO SCHEDE TECNICHE SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO SCHEDE TECNICHE Scheda Rev. Emissione Titolo Progettazione e realizzazione di ACEI del tipo: a) con LIS-001 4 maggio

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO Indice Articolo 1 Istituzione del Sistema di qualificazione

Dettagli

Schede Tecniche. Rev. Emissione Titolo

Schede Tecniche. Rev. Emissione Titolo SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI PER L EMERGENZA NELLE GALLERIE FERROVIARIE ATTIVATE ALL ESERCIZIO Schede Tecniche Categoria di Spec.

Dettagli

Sistema di Qualificazione delle imprese per gli interventi all armamento ferroviario

Sistema di Qualificazione delle imprese per gli interventi all armamento ferroviario Sistema di Qualificazione delle imprese per gli interventi all armamento ferroviario Schede Tecniche Indice Rev. 0 Luglio 09 Scheda Rev. Titolo Pag. LAR-001 4 Interventi di manutenzione all armamento ferroviario

Dettagli

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA TRAZIONE ELETTRICA E PER L ENERGIA SCHEDE TECNICHE

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA TRAZIONE ELETTRICA E PER L ENERGIA SCHEDE TECNICHE SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA TRAZIONE ELETTRICA E PER L ENERGIA SCHEDE TECNICHE Scheda Rev. Emissione Titolo LTE-001 4 Aprile 2008 Realizzazione di cabine

Dettagli

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI OPERE CIVILI SU LINEE IN ESERCIZIO SCHEDE TECNICHE

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI OPERE CIVILI SU LINEE IN ESERCIZIO SCHEDE TECNICHE SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI OPERE CIVILI SU LINEE IN ESERCIZIO SCHEDE TECNICHE Scheda Rev. Emissione Titolo LOC-001 2 Luglio 2015 Opere Civili alla Sede Ferroviaria

Dettagli

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA TRAZIONE ELETTRICA E PER L ENERGIA SCHEDE TECNICHE

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA TRAZIONE ELETTRICA E PER L ENERGIA SCHEDE TECNICHE SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA TRAZIONE ELETTRICA E PER L ENERGIA SCHEDE TECNICHE Scheda Rev. Emissione Titolo LTE-001 6 Novembre 2014 Realizzazione di

Dettagli

Sistema di Qualificazione delle imprese per i servizi di manutenzione dei mezzi d opera

Sistema di Qualificazione delle imprese per i servizi di manutenzione dei mezzi d opera Sistema di Qualificazione delle imprese per i servizi di manutenzione dei mezzi d opera Schede Tecniche Indice Rev. 4 settembre 2011 Scheda Rev. Titolo Pag. MO 4 Manutenzione ordinaria, Verifiche Annuali

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA TRAZIONE ELETTRICA E PER L ENERGIA

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA TRAZIONE ELETTRICA E PER L ENERGIA NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA TRAZIONE ELETTRICA E PER L ENERGIA. Rev. 2 edizione novembre 2014 Indice Articolo 1 Istituzione del Sistema

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI DI SERVIZI DI SICUREZZA CANTIERI DELLA RETE FERROVIARIA ITALIANA

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI DI SERVIZI DI SICUREZZA CANTIERI DELLA RETE FERROVIARIA ITALIANA NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI DI SERVIZI DI SICUREZZA CANTIERI DELLA RETE FERROVIARIA ITALIANA Indice Articolo 1 Istituzione del Sistema di qualificazione Articolo 2 Documentazione

Dettagli

Corso di Progettazione esecutiva degli Impianti Elettrici in media e bassa tensione

Corso di Progettazione esecutiva degli Impianti Elettrici in media e bassa tensione Corso di Progettazione esecutiva degli Impianti Elettrici in media e bassa tensione anno 2016 Programma del Corso Parte 1 - Criteri metodologici (16 ore) Argomenti rif. didattici Sistema elettrico Scheda

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI ALL ARMAMENTO FERROVIARIO

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI ALL ARMAMENTO FERROVIARIO NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI ALL ARMAMENTO FERROVIARIO Indice Articolo 1 Istituzione del Sistema di qualificazione Articolo 2 Documentazione correlata e modelli

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE PER I SERVIZI DI INGEGNERIA. (Rev. 14 Edizione febbraio 2016)

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE PER I SERVIZI DI INGEGNERIA. (Rev. 14 Edizione febbraio 2016) ( Edizione febbraio 2016) Pagina 1 di 22 Indice Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Istituzione del Sistema di qualificazione Documentazione correlata e modelli di dichiarazioni Requisiti speciali per la

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DEI FORNITORI DI PRODOTTI PER L INFRASTRUTTURA

NORMATIVA DEL SISTEMA DEI FORNITORI DI PRODOTTI PER L INFRASTRUTTURA NORMATIVA DEL SISTEMA DEI FORNITORI DI PRODOTTI PER L INFRASTRUTTURA Rev. 1 edizione maggio 2015 Indice Articolo 1 Istituzione del Sistema di qualificazione Articolo 2 Documentazione correlata e modelli

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI OPERE CIVILI SU LINEE IN ESERCIZIO

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI OPERE CIVILI SU LINEE IN ESERCIZIO NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI OPERE CIVILI SU LINEE IN ESERCIZIO Indice Articolo 1 Istituzione del Sistema di qualificazione Articolo 2 Documentazione

Dettagli

COMMITTENTE: PROGETTAZIONE: E DEGLI INTERVENTI COMPLEMENTARI E/O SECONDARI CONNESS NNESSI ALLEGATO 7.2 VOCI AGGIUNTIVE

COMMITTENTE: PROGETTAZIONE: E DEGLI INTERVENTI COMPLEMENTARI E/O SECONDARI CONNESS NNESSI ALLEGATO 7.2 VOCI AGGIUNTIVE COMMITTENTE: PROGETTAZIONE: CONTRATTO PER L ESECUZIONE DELLA PROGETTAZIONE E DEI LAVORI DI REALIZZAZIONE DEI SISTEMI STEMI DI COMANDO CENTRALIZZATO DEL TRAFFICO DELLE LINEE BARI-LECCE E BARI-TARANTO E

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE

PRESENTAZIONE AZIENDALE PRESENTAZIONE AZIENDALE AZIENDA ICEL S.r.l. nasce nel 1980 a Piacenza come società di installazione e manutenzione di impianti elettrici nel settore civile, terziario e industriale: impianti di illuminazione

Dettagli

Sistema di Qualificazione

Sistema di Qualificazione Sistema di Qualificazione delle imprese per la progettazione e realizzazione degli impianti tecnologici per l emergenza nelle gallerie ferroviarie attivate all esercizio Schede Tecniche Indice Rev. 2 agosto

Dettagli

COMUNE DI VILLABATE. Corpo di Polizia Municipale Via Municipio, 90039 VILLABATE (PA) Tel. 0916141590 Fax 091492036 pm.villabate@tiscali.

COMUNE DI VILLABATE. Corpo di Polizia Municipale Via Municipio, 90039 VILLABATE (PA) Tel. 0916141590 Fax 091492036 pm.villabate@tiscali. COMUNE DI VILLABATE Corpo di Polizia Municipale Via Municipio, 90039 VILLABATE (PA) Tel. 0916141590 Fax 091492036 pm.villabate@tiscali.it Allegato A Elaborato Tecnico relativo alla gara di appalto per

Dettagli

VERSIONE DIMOSTRATIVA

VERSIONE DIMOSTRATIVA per l esercizio normale di lavoro di manutenzione Manovre di esercizio Controlli funzionali Fuori tensione Sotto tensione In prossimità Riparazione Sostituzione Misure Prove Ispezione Figure introdotte

Dettagli

Azienda Storia Certificazioni. Lavori eseguiti Clienti Aree di Business Divisione Sistemi Divisione Impianti

Azienda Storia Certificazioni. Lavori eseguiti Clienti Aree di Business Divisione Sistemi Divisione Impianti PRESENTAZIONE SOCIETARIA PRESENTAZIONE SOCIETARIA Azienda Storia Certificazioni Organizzazione Lavori eseguiti Clienti Aree di Business Divisione Sistemi Divisione Impianti Azienda Sysco S.p.A. progetta,

Dettagli

Progettazione e Sviluppo di Tecnologie in campo ferroviario

Progettazione e Sviluppo di Tecnologie in campo ferroviario Progettazione e Sviluppo di Tecnologie in campo ferroviario p ro d o tt i e s i s te m i Area Testing Produzione di apparecchiature, sistemi, banchi prova ed impianti tecnologici per l esecuzione delle

Dettagli

Rifacimento totale degli impianti elettrici dell edificio scolastico Ungaretti sito in Via Volvera 14 nel Comune di Piossasco (TO)

Rifacimento totale degli impianti elettrici dell edificio scolastico Ungaretti sito in Via Volvera 14 nel Comune di Piossasco (TO) PROGETTO ESECUTIVO Oggetto: FASCICOLO DELL OPERA Rifacimento totale degli impianti elettrici dell edificio scolastico Ungaretti sito in Via Volvera 14 nel Comune di Piossasco (TO) Committente: COMUNE DI

Dettagli

Operatore elettrico. Standard della Figura nazionale

Operatore elettrico. Standard della Figura nazionale Operatore elettrico Standard della Figura nazionale 27 Denominazione della figura Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate OPERATORE ELETTRICO 6 Artigiani e operai specializzati e agricoltori

Dettagli

L evoluzione della nostra storia

L evoluzione della nostra storia LE NOSTRE CERTIFICAZIONI L evoluzione della nostra storia Dagli anni 20 ad oggi specializzati in impianti elettrici, automazione industriale e sistemi integrati La Giordano & C. è un azienda italiana nata

Dettagli

QUESITI E RISPOSTE QUESITO N.1

QUESITI E RISPOSTE QUESITO N.1 [Digitare il testo] QUESITI E RISPOSTE QUESITO N.1 La scrivente intenzionata a partecipare alla gara in oggetto, chiede, essendo qualificata con Attestazione SOA di sola costruzione per categoria OG3 VII,

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Sequenza di processo

Dettagli

Nuova edizione Linee Guida La gestione e controllo del processo di protezione dalla corrosione

Nuova edizione Linee Guida La gestione e controllo del processo di protezione dalla corrosione Convegno AICQ Settore trasporto su rotaia Giovedì 11 Dicembre 2014 Nuova edizione Linee Guida La gestione e controllo del processo di protezione dalla corrosione Introduzione alle Linee Guida AICQ La necessità

Dettagli

Operatore elettronico Standard della Figura nazionale

Operatore elettronico Standard della Figura nazionale Operatore elettronico Standard della Figura nazionale 33 Denominazione della figura Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate OPERATORE ELETTRONICO 6 Artigiani e operai specializzati

Dettagli

OPERATORE ELETTRONICO. Standard formativo minimo regionale

OPERATORE ELETTRONICO. Standard formativo minimo regionale OPERATORE ELETTRONICO Standard formativo minimo regionale Denominazione della figura professionale OPERATORE ELETTRONICO Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate 6 Artigiani e operai

Dettagli

Corsi di Formazione ed informazione dei Lavoratori Corsi Antincendio e Primo soccorso

Corsi di Formazione ed informazione dei Lavoratori Corsi Antincendio e Primo soccorso Proffessiioniisttii all serviiziio delllla siicurezza iin campo iindusttriialle e ciiviille SICUREZZA SUL LAVORO CONSULENZA ALLE IMPRESE SERVIZI DI INGEGNERIA Consulenza Adempimenti D. Lgs. 81/08 Redazione

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO

PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO PROVINCIA DI VARESE LAVORI DI AMPLIAMENTO DELL IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA PER FINALITA DI SICUREZZA URBANA Elaborato 4 Redatto da PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO PIANO DI MANUTENZIONE E FORMAZIONE Rev.

Dettagli

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE...

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE... Pagina 1 di 6 INDICE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 2.1. GENERALITÀ... 2 2.2. COMPETENZA, CONSAPEVOLEZZA E ADDESTRAMENTO... 2 3. INFRASTRUTTURE...3 4. AMBIENTE DI LAVORO...6

Dettagli

Operatore elettrico - Impianti elettromeccanici. Standard formativo minimo regionale

Operatore elettrico - Impianti elettromeccanici. Standard formativo minimo regionale Operatore elettrico - Impianti elettromeccanici Standard formativo minimo regionale Denominazione del profilo professionale OPERATORE ELETTRICO IMPIANTI ELETTROMECCANICI Referenziazioni del profilo Professioni

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASL 10 - PINEROLO OSPEDALE DI PINEROLO REALIZZAZIONE DI NUOVA ELISUPERFICIE IMPIANTI ELETTRICI PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA

REGIONE PIEMONTE ASL 10 - PINEROLO OSPEDALE DI PINEROLO REALIZZAZIONE DI NUOVA ELISUPERFICIE IMPIANTI ELETTRICI PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA BB3 / D E REL / 0 1 7 Committente REGIONE PIEMONTE ASL 10 - PINEROLO Commessa OSPEDALE DI PINEROLO REALIZZAZIONE DI NUOVA ELISUPERFICIE Progetto IMPIANTI ELETTRICI Fase PROGETTO DEFINITIVO Documento Originale:

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Sistema di Gestione per la Qualità ISO 9001:2000 Certificato CSQ n.9122 ASLB Servizio Impiantistica e Sicurezza Lavoro Responsabile: Ing. Basilio A. Sertori 24125 Bergamo Via

Dettagli

Operatore elettrico. Standard della Figura nazionale

Operatore elettrico. Standard della Figura nazionale Operatore elettrico Standard della Figura nazionale 27 Denominazione della figura Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate OPERATORE ELETTRICO 6 Artigiani e operai specializzati e agricoltori

Dettagli

Ospedale dei SS. Cosma e Damiano REALIZZAZIONE CENTRALE FRIGORIFERA LABORATORIO ANALISI

Ospedale dei SS. Cosma e Damiano REALIZZAZIONE CENTRALE FRIGORIFERA LABORATORIO ANALISI Azienda USL n. 3 Pistoia P.IVA 01241740479 Area Funzionale Tecnica Settore Tecnico Distaccato della Z/D Valdinievole P.zza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) Tel. 0572-460431 fax 0572/460433 Ospedale dei

Dettagli

Certificazioni di qualità per il settore antincendio. FEDERICO PASQUI Milano, 17 novembre 2015

Certificazioni di qualità per il settore antincendio. FEDERICO PASQUI Milano, 17 novembre 2015 Certificazioni di qualità per il settore antincendio FEDERICO PASQUI Milano, 17 novembre 2015 Scenario settore antincendio La legge prevede che con cadenza predefinita (in funzione del tipo di presidio)

Dettagli

Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT):

Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): Referenziazioni della Figura nazionale di riferimento Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai specializzati e agricoltori. 6.1.3.7 Elettricisti nelle costruzioni civili ed

Dettagli

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Finalità del corso Il corretto allestimento delle cabine di trasformazione MT/BT di utente, anche per

Dettagli

LA VALIDAZIONE DEL PROGETTO

LA VALIDAZIONE DEL PROGETTO Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 a.a. 2014-2015 Corso di Project Management, Gestione OO.PP e Cantiere - C prof. Renato G. Laganà

Dettagli

Il D.Lgs. n. 81/2008 e il D.M. n. 37/2008 hanno previsto l obbligo di effettuare una regolare

Il D.Lgs. n. 81/2008 e il D.M. n. 37/2008 hanno previsto l obbligo di effettuare una regolare l Sicurezza degli impianti. Il datore di lavoro può appaltare l attività Manutenzione cabine MT/BT: il profilo professionale degli addetti alle attività Il D.Lgs. n. 81/2008 e il D.M. n. 37/2008 hanno

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 6. OPERATORE ELETTRONICO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai specializzati

Dettagli

Presentazione aziendale

Presentazione aziendale Presentazione aziendale La Dielettra S.r.l. con capitale sociale di 45.000,00 vanta un esperienza trentennale, maturata nel corso della sua attività, che ha portato alla definizione ed alla documentazione

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE

DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE Pagina 1 di 9 DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE La documentazione di cantiere si può suddividere in: documentazione indispensabile da conservare in cantiere, documentazione che è opportuno conservare in cantiere,

Dettagli

Disciplinare descrittivo e prestazionale

Disciplinare descrittivo e prestazionale Disciplinare descrittivo e prestazionale Sommario PREMESSA... 1 OGGETTO DELL APPALTO... 1 REQUISITI DI RISPONDENZA A NORME, LEGGI E REGOLAMENTI... 1 ILLUMINAZIONE PUBBLICA, QUADRI E LINEE ELETTRICHE...

Dettagli

CONTENUTI:IL QUADRO NORMATIVO NAZIONALE IN MATERIA DI SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE FERROVIARIA

CONTENUTI:IL QUADRO NORMATIVO NAZIONALE IN MATERIA DI SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE FERROVIARIA Programma del corso 1 a LEZIONE - 16/04/2015 ore 8.30/13.30 5 ore Contenuti: Introduzione al corso. Il Sistema Ferroviario Docente: Luca Franceschini -Amministratore CIFI Programma:L interazione tra infrastruttura,

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI LECCO. Servizio di conduzione e manutenzione completa ed integrale,

AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI LECCO. Servizio di conduzione e manutenzione completa ed integrale, AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI LECCO Servizio di conduzione e manutenzione completa ed integrale, ordinaria, programmata e a carattere di urgenza, pronto intervento e reperibilità degli impianti

Dettagli

PIANO QUALITÀ DI COMMESSA

PIANO QUALITÀ DI COMMESSA PIANO QUALITÀ DI COMMESSA Committente Descrizione lavori Commessa n Redatto il Stato di rev. Oggetto della revisione Firma di approvazione Capo Commessa INDICE Sezione : dati generali di commessa. Organigramma

Dettagli

Specifiche caratteristiche richieste

Specifiche caratteristiche richieste Specifiche caratteristiche richieste TERMINI DI CONSEGNA L immobile dovrà essere consegnato entro il 1/12/2013. Il canone di locazione verrà, in ogni caso, corrisposto a far data dal primo giorno del mese

Dettagli

Cantieri di cui al titolo IV del D. Lgs. n. 81/08 e s.m.i. Nota sull intervento delle aziende distributrici di pubblici servizi.

Cantieri di cui al titolo IV del D. Lgs. n. 81/08 e s.m.i. Nota sull intervento delle aziende distributrici di pubblici servizi. Pagina 1 di 7 Cantieri di cui al titolo IV del D. Lgs. n. 81/08 e s.m.i. Nota sull intervento delle aziende distributrici di pubblici servizi. Lo scopo della presente nota è quello di fissare alcuni criteri

Dettagli

Operatore elettrico. Standard della Figura nazionale

Operatore elettrico. Standard della Figura nazionale Operatore elettrico Standard della Figura nazionale Denominazione della figura professionale OPERATORE ELETTRICO Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate 6 Artigiani e operai specializzati

Dettagli

Contec Industry. Per il settore Industrie. Marzo 2015 rev. 00

Contec Industry. Per il settore Industrie. Marzo 2015 rev. 00 Contec Industry Per il settore Industrie Marzo 2015 rev. 00 www.contecindustry.it MARCATURA CE e SICUREZZA DELLE MACCHINE MARCATURA CE DI INSIEMI DI MACCHINE FACENTI PARTE DELLA NUOVA CONCA DI NAVIGAZIONE

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 Processo Sequenza di processo Area di Attività Qualificazione regionale SETTORE EDILIZIA Costruzione

Dettagli

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO. NORMATIVA (Rev. 7 Edizione agosto 2011)

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO. NORMATIVA (Rev. 7 Edizione agosto 2011) SISTEMA DI QUALIFICAZIONE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO NORMATIVA ( Edizione agosto 2011) 1/25 Indice Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art.

Dettagli

FORMAZIONE OBBLIGATORIA PER INSTALLATORE E MANUTENTORE STRAORDINARIO DI IMPIANTI ENERGETICI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI

FORMAZIONE OBBLIGATORIA PER INSTALLATORE E MANUTENTORE STRAORDINARIO DI IMPIANTI ENERGETICI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI FORMAZIONE OBBLIGATORIA PER INSTALLATORE E MANUTENTORE STRAORDINARIO DI IMPIANTI ENERGETICI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI Rinnovabili, definito lo standard formativo per gli installatori e manutentori

Dettagli

ASSESSORADU DE SA DEFENSA DE S AMBIENTE ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE DIREZIONE GENERALE DEL CORPO FORESTALE E DI VIGILANZA AMBIENTALE

ASSESSORADU DE SA DEFENSA DE S AMBIENTE ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE DIREZIONE GENERALE DEL CORPO FORESTALE E DI VIGILANZA AMBIENTALE ASSESSORADU DE SA DEFENSA DE S AMBIENTE ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE DIREZIONE GENERALE DEL CORPO FORESTALE E DI VIGILANZA AMBIENTALE SERVIZIO VIGILANZA E COORDINAMENTO TECNICO BANDO DI GARA

Dettagli

Cantieri di cui al titolo IV del D. Lgs. n. 81/08 e s.m.i. Nota sull intervento delle aziende distributrici di pubblici servizi.

Cantieri di cui al titolo IV del D. Lgs. n. 81/08 e s.m.i. Nota sull intervento delle aziende distributrici di pubblici servizi. Pagina 1 di 6 Cantieri di cui al titolo IV del D. Lgs. n. 81/08 e s.m.i. Nota sull intervento delle aziende distributrici di pubblici servizi. Lo scopo della presente nota è quello di fissare alcuni criteri

Dettagli

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_Gestione_Fasi_Costruttive_E_R02.doc 1

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_Gestione_Fasi_Costruttive_E_R02.doc 1 1. PREMESSE I lavori oggetto dell appalto dovranno essere realizzati secondo le FASI di costruzione di seguito riportate, definite allo scopo di minimizzare le interferenze tra il cantiere e le attività

Dettagli

Installatore e manutentore impianti termo-idraulici e di condizionamento

Installatore e manutentore impianti termo-idraulici e di condizionamento identificativo scheda: 09-011 stato scheda: Validata Descrizione sintetica L programma ed esegue l'assemblaggio e la messa a punto di un impianto termo-idraulico e di condizionamento in tutti i suoi dettagli,

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE

CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE ASL della Provincia di Bergamo Servizio Prevenzione e Sicurezza negli

Dettagli

GUIDA APPLICATIVA BS OHSAS 18001:2007

GUIDA APPLICATIVA BS OHSAS 18001:2007 5 Febbraio 2009 Sicurezza e Salute sul Lavoro nel mondo delle costruzioni. Le responsabilità derivanti dal nuovo Testo Unico e i vantaggi di un sistema di gestione certificato secondo la norma OHSAS 18001:2007

Dettagli

19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA

19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA 19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA D294 Corso teorico-pratico addetti ai lavori elettrici CEI 11-27:2014... pag. 2 D291 Corso di aggiornamento CEI 11-27-2014 per addetti ai

Dettagli

Piano d Impresa 2016 2020

Piano d Impresa 2016 2020 Piano d Impresa 2016 2020 Focus sul processo di Internalizzazione Ing. 1 La Direzione Produzione nel Piano d Impresa di RFI Obiettivi Strategici Internalizzazione Vendita Servizio di Diagnostica Efficientamento

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA Processo Sequenza di processo Area di Attività Qualificazione regionale SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE EDILIZIA Costruzione

Dettagli

In allegato si trasmettono i programmi dei corsi di cui si propone l attivazione. In particolare:

In allegato si trasmettono i programmi dei corsi di cui si propone l attivazione. In particolare: Certificata UNI EN ISO 9001: 2008 n. 0312297 Settore EA 37 Provider Ministero Salute ECM n. 1004 Accreditata Regione Lombardia ID Operatore 332877 ID Unità Organizzativa 349065 Iscrizione Albo N. 0516

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 5. OPERATORE ELETTRICO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai specializzati e

Dettagli

Consorzio per lo Sviluppo delle Aree Geotermiche. Co.Svi.G. S.r.l. Tel/fax 0577 752950. Sede operativa: Via Vincenzo Bellini n.

Consorzio per lo Sviluppo delle Aree Geotermiche. Co.Svi.G. S.r.l. Tel/fax 0577 752950. Sede operativa: Via Vincenzo Bellini n. Consorzio per lo Sviluppo delle Aree Geotermiche Co.Svi.G. S.r.l. Sede legale: Via Tiberio Gazzei n. 89-53030 RADICONDOLI (Siena) Tel/fax 0577 752950 Sede operativa: Via Vincenzo Bellini n. 58-50144 FIRENZE

Dettagli

A Relazione Tecnica. 1 Caratteristica dell Opera

A Relazione Tecnica. 1 Caratteristica dell Opera A Relazione Tecnica 1 Caratteristica dell Opera Descrizione: Interventi per incrementare la qualità delle infrastrutture scolastiche. Ubicazione: Liceo Scientifico e Istituto Tecnico Commerciale Leonardo

Dettagli

Monosplit a Parete Alta - Installazione

Monosplit a Parete Alta - Installazione Prima di iniziare l installazione, è necessario scegliere il luogo di installazione delle apparecchiature, verificandone l idoneità tecnica. Per una installazione a regola d arte, non è sufficiente applicare

Dettagli

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Luglio 2013 rev. 0 pag. 1 di 8 Indice CAPITOLO PAGINA 1 - PREMESSA 3 2 -

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DIDATTICA NUOVO ORDINAMENTO

ORGANIZZAZIONE DIDATTICA NUOVO ORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE DIDATTICA NUOVO ORDINAMENTO ISTRUZIONE PROFESSIONALE - PERCORSO QUINQUENNALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO INDIRIZZO MANUTENZIONE EASSISTENZA TECNICA a) Opzione Apparati, impianti e servizi

Dettagli

Interpretazione Normativa. Lavori elettrici sotto tensione - requisiti imprese autorizzate

Interpretazione Normativa. Lavori elettrici sotto tensione - requisiti imprese autorizzate Ti trovi in: CNA Interpreta / Ambiente e sicurezza / Sicurezza / Impianti elettro-termo-idraulici / Aspetti generali per Impianti elettro-termo-idraulici Torna all'elenco 15/7/2011 Lavori elettrici sotto

Dettagli

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale PROCEDURA PER IL RILASCIO, DA PARTE DEL SERVIZIO TECNICO CENTRALE, DEL CERTIFICATO DI IDONEITÀ TECNICA ALL IMPIEGO, DI CUI

Dettagli

L AZIENDA. Realizzazione Impianti Telefonici Ferroviari (Sale CED/Server RFI; impianti di Telefonia

L AZIENDA. Realizzazione Impianti Telefonici Ferroviari (Sale CED/Server RFI; impianti di Telefonia L AZIENDA Nata nel 2003 come Ditta individuale, e trasformatasi nel Giugno 2009 in società, la Smiet Impianti s.r.l ha come principale obiettivo la fornitura di servizi quali: Realizzazione Impianti Telefonici

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

pag. 1: - intro pag. 2: - norme di riferimento - macro attività: dalla presa in carico alla manutenzione ordinaria Servizi di manutenzione e collaudo

pag. 1: - intro pag. 2: - norme di riferimento - macro attività: dalla presa in carico alla manutenzione ordinaria Servizi di manutenzione e collaudo Presentazione: pag. 1: - intro pag. 2: - norme di riferimento - macro attività: dalla presa in carico alla manutenzione ordinaria pag. 3: - modalità operative, modulistica e documentazione - certificazioni:

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI di concerto con IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI di concerto con IL MINISTRO DELLA SALUTE Decreto del Ministero dell interno 4 febbraio 2011 Definizione dei criteri per il rilascio delle autorizzazioni di cui all art. 82, comma 2, del D.Lgs. 09/04/2008, n. 81, e successive modifiche ed integrazioni.

Dettagli

Unità Operativa Complessa Appalti e Forniture Tel. 091.7808725 Fax. 091.7808394

Unità Operativa Complessa Appalti e Forniture Tel. 091.7808725 Fax. 091.7808394 Azienda Ospedaliera OSPEDALI RIUNITI VILLA SOFIA CERVELLO Legge Regionale n.5 del 14/04/2009 Sede Legale Viale Strasburgo n.233 90146 Palermo -Tel 0917801111 - P.I.05841780827 Unità Operativa Complessa

Dettagli

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE Prime indicazioni per la stesura del piano della sicurezza Descrizione sommaria delle fasi

Dettagli

Morelli Giorgio Srl punto di riferimento

Morelli Giorgio Srl punto di riferimento La Morelli Giorgio Srl nasce nel 1958 e fin da subito si pone come punto di riferimento nella realizzazione dei primi impianti elettrici industriali e nel settore dell illuminazione pubblica. Forte dell

Dettagli

NT24.it - Impianti elettrici nei cantieri edili CAPITOLO III. Impianto elettrico

NT24.it - Impianti elettrici nei cantieri edili CAPITOLO III. Impianto elettrico NT24.it - Impianti elettrici nei cantieri edili CAPITOLO III Impianto elettrico Gli impianti elettrici di cantiere sono impianti molto particolari, hanno caratteristiche peculiari che è bene considerare

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

CURRICULUMVITAE GIORDANO TRABALZA GEOMETRA

CURRICULUMVITAE GIORDANO TRABALZA GEOMETRA Denominazione: UGO GIANNANTONI DOTTORE AGRONOMO GIORDANO TRABALZA GEOMETRA Sede legale: Via Flaminia Km 147 presso Centro Commerciale Piazza Umbra 06039 Trevi (PG) Partita Iva: 03069060543 Aggiornato a

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI ITSMS (IT SERVICE MANAGEMENT SYSTEMS) AUDITOR/RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI ITSMS (IT SERVICE MANAGEMENT SYSTEMS) AUDITOR/RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI ITSMS (IT SERVICE MANAGEMENT

Dettagli

I-Crema: Attrezzature per gas sotto pressione 2011/S 145-241236 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI. Forniture

I-Crema: Attrezzature per gas sotto pressione 2011/S 145-241236 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI. Forniture 1/5 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:241236-2011:text:it:html I-Crema: Attrezzature per gas sotto pressione 2011/S 145-241236 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI Forniture SEZIONE

Dettagli

Sistema di Qualificazione dei fornitori di prodotti per l infrastruttura

Sistema di Qualificazione dei fornitori di prodotti per l infrastruttura Sistema di Qualificazione dei fornitori di prodotti per l infrastruttura Schede Tecniche Rev. 27 OTTOBRE 2015 Scheda AR-018 AR-019 IS-006 IS-014 IS-015 TE-001 TE-004 TE-007 TE-008 TE-009 TE-012 TE-014

Dettagli

Circolazione ed Impianti di Sicurezza e Segnalamento

Circolazione ed Impianti di Sicurezza e Segnalamento Circolazione ed Impianti di Sicurezza e Segnalamento Principali concetti relativi a: Segnali luminosi; Stazione; Treno; linea a semplice binario, incrocio; linea a doppio binario, precedenza, binario legale

Dettagli

TECNICO MECCATRONICO DELLE AUTORIPARAZIONI

TECNICO MECCATRONICO DELLE AUTORIPARAZIONI ALLEGATO B Standard professionale e formativo relativo alla formazione del TECNICO MECCATRONICO DELLE AUTORIPARAZIONI Standard professionale e formativo del Tecnico meccatronico delle autoriparazioni (Ai

Dettagli

IL RUOLO DELL OFFICINA QUALIFICATA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE

IL RUOLO DELL OFFICINA QUALIFICATA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE Convegno 02/10/2015 GIS Piacenza. LA MANUTENZIONE E L AGGIORNAMENTO DEI REQUISITI DI SICUREZZA INDICAZIONI NORMATIVE E OBBLIGHI GIURIDICI. IL RUOLO DELL OFFICINA QUALIFICATA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE

Dettagli

Milano, 24 aprile 2008 Prot. SC/gm/ n. 975/08 Lettera Circolare

Milano, 24 aprile 2008 Prot. SC/gm/ n. 975/08 Lettera Circolare Milano, 24 aprile 2008 Prot. SC/gm/ n. 975/08 Lettera Circolare Oggetto: Linee guida per le dichiarazioni di rispondenza degli impianti elettrici ed elettronici esistenti - ai sensi del DM 37/08 art. 7

Dettagli

Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008

Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008 75 Convegno ATE - ASSOCIAZIONE TECNOLOGI PER L EDILIZIA: Le Saldature in Cantiere Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008 Materiale a cura di: P.I. BENEDETTO SCOTTI (AREA CONSULTING

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI BT DI SGW ASM LACES DI IMPIANTI DI GENERAZIONE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI BT DI SGW ASM LACES DI IMPIANTI DI GENERAZIONE Ed. 1.0 ALLEGATO A REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI BT DI SGW ASM LACES DI IMPIANTI DI GENERAZIONE 2010 N. PAG. 1/6 GENERALITÀ DEL PRODUTTORE Cliente.., con sede legale in.., Via/P.zza n,

Dettagli

Procedura aperta con aggiudicazione al miglior prezzo per la fornitura di sacchi muniti di Tag RFID e del sistema per la Tariffazione

Procedura aperta con aggiudicazione al miglior prezzo per la fornitura di sacchi muniti di Tag RFID e del sistema per la Tariffazione Procedura aperta con aggiudicazione al miglior prezzo per la fornitura di sacchi muniti di Tag RFID e del sistema per la Tariffazione Quesito n. 1 Punto del capitolato: caratteristiche delle attrezzature

Dettagli

REQUISITI QUALITATIVI DI BASE DELL OFFERTA CONGRESSUALE Per la partecipazione alle attività promozionali del progetto Italia for Events

REQUISITI QUALITATIVI DI BASE DELL OFFERTA CONGRESSUALE Per la partecipazione alle attività promozionali del progetto Italia for Events REQUISITI QUALITATIVI DI BASE DELL OFFERTA CONGRESSUALE Per la partecipazione alle attività promozionali del progetto Italia for Events Qualificare l Offerta: stabilire i criteri selettivi per i soggetti

Dettagli

Le S.O.A. (Società Organismi Attestazione) Versione 4.1 del 01/03/2015

Le S.O.A. (Società Organismi Attestazione) Versione 4.1 del 01/03/2015 Le S.O.A. (Società Organismi Attestazione) Versione 4.1 del 01/03/2015 Indice Società Organismi Attestazione... 2 - Che cosa sono le Società Organismi di Attestazione... 2 - L Attestazione SOA... 2 - La

Dettagli

D. Lgs. 81/08. Manutenzione della sicurezza e sicurezza della manutenzione

D. Lgs. 81/08. Manutenzione della sicurezza e sicurezza della manutenzione D. Lgs. 81/08 Manutenzione della sicurezza e sicurezza della manutenzione La manutenzione che comporta lavori edili o di ingegneria civile: il coordinamento attraverso il DUVRI (art. 26 D.Lgs. 81/2008)

Dettagli

C A S A S.p.A. Via Fiesolana n. 5-50122 FIRENZE. Tel. 055/226241 - Fax 055/22624269. www.casaspa.it. l appalto dei lavori di realizzazione delle opere

C A S A S.p.A. Via Fiesolana n. 5-50122 FIRENZE. Tel. 055/226241 - Fax 055/22624269. www.casaspa.it. l appalto dei lavori di realizzazione delle opere C A S A S.p.A. Via Fiesolana n. 5-50122 FIRENZE Tel. 055/226241 - Fax 055/22624269 www.casaspa.it Bando di gara con procedura aperta da aggiudicare con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa

Dettagli