I Business Angels e lo sviluppo delle PMI: il caso Abruzzo For Growth

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Business Angels e lo sviluppo delle PMI: il caso Abruzzo For Growth"

Transcript

1 I Business Angels e lo sviluppo delle PMI: il caso Abruzzo For Growth

2 Le problematiche dei canali tradizionali: il finanziamento bancario Gli intermediari finanziari banche ordinarie, merchant bank sono restii a finanziarie progetti di start up, soprattutto per il forte livello di rischio associato a tali iniziative. Le principali difficoltà che affrontano le piccole imprese in start up a reperire finanziamenti bancari sono le seguenti: Storicità aziendale: sempre più spesso le banche, per erogare finanziamenti, esigono antecedenti positivi (track record finanziari) di cui il neo-imprenditore non dispone; Garanzie reali e personali: qualunque soggetto con un idea innovativa si trova, spesso, nella difficoltà di prestare garanzie reali o personali, che rendono arduo se non impossibile - il ricorso al credito bancario; Elevata avversione al rischio Elevata avversione al rischio: gli intermediari finanziari esprimono un grado di avversione al rischio che è direttamente proporzionale al livello di innovatività proposto; quanto più un prodotto/servizio è innovativo tanto più aumenta il rischio sopportato dai finanziatori. Tale situazione rende particolarmente complesso per una start up innovativa trovare le risorse finanziarie necessarie all implementazione ed allo sviluppo del progetto.

3 Le problematiche dei canali tradizionali: gli operatori di capitale di rischio La difficoltà di ricorrere agli operatori di capitale di rischio (fondi di venture capital), per finanziarie piccole start up fortemente innovative è riconducibile ai seguenti aspetti: Incertezza relativa ai flussi di cassa generabili dal progetto: i cash flow rinvenibili dall operazione specifica sono caratterizzati da enormi livelli di incertezza che rendono difficilmente valutabili i rientri economici dell iniziativa e, soprattutto, la sostenibilità finanziaria dell azienda; Taglio delle operazioni: gli operatori in capitali di rischio investono, mediamente, cifre superiori ai 2 milioni di, disinteressandosi di operazioni più piccole, soprattutto a causa degli elevati costi di istruttoria e due diligence che tali operatori sostengono per valutare attentamente le opportunità di business; Fase di crescita aziendale: gli operatori in capitale di rischio preferiscono finanziare la fase di sviluppo (expansion financing) e non le start up (early stage financing), soprattutto a causa della forte aleatorietà e dell elevato rischio che sopportano le aziende nelle fasi di avviamento; Attenzione sul tipo di business: gli operatori in capitale di rischio gestiscono fondi di terzi soggetti, ragion per cui devono prestare la massima attenzione nella modalità di gestione/investimento. Ciò comporta che tali operatori tralascino progetti ad altissimo contenuto innovativo che presentano anche elevati livelli di rischiosità.

4 Le problematiche dei canali tradizionali: la crisi finanziaria mondiale A peggiorare tale situazione - razionamento generalizzato delle risorse finanziarie - si sono aggiunti due fattori fondamentali: la crisi dei mercati finanziari e Basilea 2. La crisi dei mercati finanziari, infatti, avrà un impatto notevole sugli agenti economici; in particolare, per il settore bancario le conseguenze consisteranno: in una riduzione dei crediti erogati; in un incremento dei tempi di istruttoria; in un incremento delle garanzie richieste (soprattutto di natura reale). Con riferimento ai fondi di investimento si assisterà: ad una riduzione dei progetti finanziati, anche per far fronte alle perdite registrate nel 2008; ad una maggiore meticolosità nella scelta di progetti che, a parità di rendimento prospettico, presentano livelli di rischio inferiore.

5 Le problematiche legate alla progettualità Oltre alle problematiche connesse con il reperimento di risorse finanziarie necessarie, ve ne sono altre, legate allo sviluppo di analisi economiche, finanziarie ed organizzative ed all implementazione di strategie aziendali con le quali approcciare in maniera efficace il mercato di riferimento. Sempre più spesso, infatti, i promotori di iniziative imprenditoriali: hanno limitate competenze in campo economico e della pianificazione finanziaria ed organizzativa; non hanno adeguate conoscenze gestionali per commercializzare e vendere gli output della loro attività inventiva; hanno difficoltà nel rapportarsi con gli stakeholders del sistema (soprattutto con il settore finanziario). Inoltre, stante la forte aleatorietà, soprattutto in termini di rientri finanziari, i promotori non ricorrono, a causa dell elevato costo, a strutture di consulenza, studi professionali, che potrebbero indirizzarli adeguatamente.

6 Il Business angel: definizione Sul piano sostanziale, quindi: i portatori di progetto non sono in grado di accedere facilmente al credito; la finanza di rischio non è attrezzata per esaminare micro- progetti i portatori di progetto, di solito, non sono in grado di valutare gli aspetti progettuali Per tale motivo si sono sviluppate delle nuove figure professionali, i Business Angels, definiti come Investitori informali in capitale di rischio, che apportano capitali propri (sottoscrivendo quote o azioni, quasi sempre di minoranza) capacità imprenditoriali, esperienza manageriale e network relazionale per favorire lo start up di imprese, tipicamente ad elevato contenuto tecnologico. Si tratta, in sostanza, di soggetti privati (manager, imprenditori, consulenti) che decidono di investire, su base personale, una parte delle proprie risorse, divenendo, di fatto, partner societari del proponente l iniziativa, affiancando quest ultimo nella gestione dell attività aziendale.

7 Business angel: modalità di intervento I business angels, quindi, affiancano l ideatore/imprenditore nella fase di avvio e sviluppo del business, con due differenti modalità di approccio, differenziabili a seconda del grado di intervento degli stessi; a tal proposito si distinguono: Business angels finanziari, i quali investono capitale di rischio senza interferire nella gestione aziendale, configurandosi come meri soggetti finanziatori dell iniziativa; in tal caso, il BA si limita ad apportare capitali necessari allo sviluppo dell iniziativa progettuale; Business angels industriali, i quali, oltre ad investire risorse finanziarie nell attività di impresa, partecipano attivamente alla gestione aziendale, mettendo a disposizione il proprio Know how e le proprie competenze manageriali per lo sviluppo del business. In tale fattispecie, il BA, oltre ad apportare capitali, ricopre intere funzioni aziendali, quali, ad esempio, Finanza, Marketing, Amministrazione, etc. In linea generale, i business angels rappresentano una fonte di finanziamento alternativo rispetto ai canali tradizionali, rappresentati da banche, operatori di capitale di rischio e mercati azionari ed intervengono quando gli altri operatori finanziari non sono disposti a finanziarie lo start up innovativo.

8 Business angel: tempi dell intervento Come è agevole osservare dal grafico seguente, i BA intervengono nelle primissime fasi di vita dell impresa, li dove gli altri operatori economici non intervengono, soprattutto a causa dell elevato rischio d impresa. Crescita aziendale Fabbisogno di capitali Rischio alto INVESTITORI FORMALI (Banche, Merchant Bank, Fondi di private equity, Fondi di venture capital) QUOTAZIONE (IPO) BUSINESS ANGEL Rischio basso Fase di start up Fase di crescita Fasi di sviluppo nel tempo

9 I principali vantaggi dei Business Angels I principali vantaggi dei business angel sono i seguenti: Taglio degli interventi mediamente più ridotto rispetto a quello dei venture capitalists (dai ai ), quindi più adatti per le PMI innovative, anche se, attraverso accordi di angel syndacation, si riuscirebbe a finanziarie somme più elevate; Investimento nelle start up in fase di avviamento o di sviluppo, sempre più spesso tralasciate dagli operatori finanziari tradizionali; Sono considerati degli investitori a valore aggiunto in quanto apportano risorse finanziarie e competenze manageriali, e faranno di tutto perché il business vada bene, per potere recuperare i propri soldi; Esercitano un effetto leva su altre forme di finanziamento, rendendo l impresa più attraente per i canali finanziari tradizionali, in quanto apportano anche garanzie personali; Finanziano anche attività fortemente innovative, caratterizzate da forte variabilità ed incertezza, forti del fatto che investono risorse proprie e non di terzi; Raggio d azione fortemente circoscritto al territorio locale (in genere entro 150 km dal luogo dei loro affari).

10 Business angels: operazioni e controvalore A dimostrazione di quanto lo strumento del business angels si stia diffondendo sempre di più in Italia, si riporta il grafico seguente, dal quale è possibile apprezzare il numero di operazioni effettuate negli ultimi anni (scala di destra) ed il rispettivo controvalore (scala di sinistra).

11 Business angels: settori di intervento Il grafico seguente riporta i settori di intervento dei BA; è agevole osservare come il 28% degli investimenti si focalizzi soprattutto nei settori dell ITC (software e internet), e come più del 20% sia destinato ad interventi nel settore delle energie rinnovabili.

12 Business angels: composizione per settore di intervento Il grafico seguente riporta la composizione dei business angels per settore di intervento; nel settore high tech, ad esempio, su 100 operazioni finanziate dai business angels, 19 sono realizzate da imprenditori, 31 da consulenti/professionisti, 40 da ex-imprenditori e 10 da ex dirigenti aziendali.

13 Business angels: fasi aziendali di intervento Dal grafico seguente si osservano le fasi di sviluppo aziendale dove intervengono i business angels; più del 70% degli interventi sono focalizzati nelle primissime fasi di vita delle imprese (start up e primo sviluppo)

14 Abruzzo For Growth Riconosciuta la strategicità del ruolo che i BA potrebbero rivestire nella creazione/sviluppo di start up ad alto contenuto tecnologico, nasce, su iniziativa di un gruppo di società di consulenza (tra le quali Gemino Global Advisor), professionisti, imprenditori e manager abruzzesi, un associazione senza scopo di lucro, denominata Abruzzo For Growth, che ha tra le sue finalità, quelle di: costituire, coordinare e gestire una rete di imprenditori/investitori, itori, pronti ad investire su progetti ad alto contenuto di innovatività; stimolare, attraverso l implementazioni l di azioni mirate, la produzione di progetti innovativi; raccogliere i progetti innovativi che, dopo un attenta analisi di fattibilità,, potranno essere presentati agli investitori; curare la fase di matching tra investitori ed ideatori di progetti, gestendo e coordinando il Forum degli Investimenti; sensibilizzare il territorio su tematiche riguardanti gli strumenti finanziari a sostegno dell innovazione di prodotto e di processo, attraverso l organizzazione l di eventi e incontri; partecipare a Network nazionali (Italian( Business Angel Network) e internazionali (European( Business Angel Network), finalizzati alla creazione di partnership per lo sviluppo di attività innovative

15 Abruzzo For Growth: meccanismo generale di funzionamento Il principale obiettivo dell associazione AFG è quello di curare il processo di matching tra domanda e offerta di risorse. Azioni di sensibilizzazione e stimolo del mercato Portatore del progetto Business Angel Contatto con Abruzzo For Growth Contatto con Abruzzo For Growth Pre-valutazione e validazione del progetto Definizione del profilo del business angel (manager, imprenditore, etc) Stesura di un summary del Business plan e inserimento nel database Identificazione delle priorità di investimento e inserimento nel database Supporto per la presentazione dei Progetto agli investitori e organizzazione dell incontro Incontro tra i portatori del progetto e gli investitori Partecipazione al forum degli investimenti Presentazione del progetto Costituzione societaria Way out Monitoraggio gestione

16 Abruzzo For Growth: supporto ai proponenti per la redazione dei documenti Raccolte le idee/progetti (per via diretta o per via telematica), l associazione validerà le idee migliori e contatterà i proponenti per successivi approfondimenti di analisi, al fine di trasformare un idea progettuale in un progetto realizzabili Le attività che sono svolte dall Associazione riguardano: La raccolta di tutte le informazioni generali necessarie allo sviluppo progettuale (analisi del mercato, analisi della concorrenza, etc); Lo screening di tutte le idee progettuali pervenute; L advisoring e analisi sul business model del progetto; L assistenza allo sviluppo del Business plan di progetto; Il supporto alla preparazione della presentazione istituzionale. output Database di progetti innovativi All interno di suddetto database sono inseriti solo i progetti tecnicamente fattibili, economicamente remunerativi e finanziariamente sostenibili.

17 Abruzzo For Growth: sensibilizzazione e stimolo degli investitori Con riferimento ai soggetti investitori, l associazione svolge una serie di attività tra le quali si segnalano: La sensibilizzazione del tessuto imprenditoriale locale alle tematiche dello sviluppo tecnologico e dell innovazione di prodotto e di processo; L attività di screening del campo di operatività degli investitori, finalizzata alla corretta definizione del Know how imprenditoriale e degli skills da questi posseduti; La definizione del profilo di rischio dell imprenditore, inteso come settori/progetti sui quali lo specifico BA è disposto ad investire; La creazione del profilo dell imprenditore e inserimento nel database dell Associazione. output Database di Investitori informali All interno di suddetto database sono inseriti solo i soggetti che presentano caratteristiche personali adeguate; è compito degli organi dell Associazione procedere agli opportuni controlli, al fine di valutare l integrità professionale e personale dei richiedenti.

18 Abruzzo for Growth: il Forum degli investimenti La fase cruciale riguarda l organizzazione di incontri tra i soggetti proponenti l iniziativa e il circolo di imprenditori informali FORUM DEGLI INVESTIMENTI. Progetti innovativi matching Investitori informali Forum degli investimenti Start up d impresad Al Forum degli Investimenti partecipano i business angels associati, i promotori dell idea progettuale, i rappresentanti dell Associazione ed i rappresentanti delle Istituzioni che intendano patrocinare o partecipare direttamente all Associazione (rappresentanti delle Associazioni Industriali, rappresentanti di Agenzie di sviluppo locale, etc).

19 Abruzzo For Growth: Forum degli investimenti (segue) Il Forum abruzzese degli investimenti è organizzato, gestito e coordinato dagli organi dell associazione. La periodicità di incontro è mensile, al fine di consentire all Associazione di porre in essere tutte le azioni di sistema per raccogliere idee/progetti innovativi sul mercato. All interno del Forum i promotori invitati hanno a disposizione 30 minuti per esporre la propria idea imprenditoriale e rispondere alle domande degli investitori, assistiti dagli organi dell associazione. Se un imprenditore è convinto da una specifica idea potrà, insieme al proponente, avviare tutti gli approfondimenti del caso, fino a giungere alla costituzione di una Newco con quest ultimo. Nella stragrande maggioranza delle operazioni finanziate dai BA le quote societarie da questi possedute vanno dal 15% al 30%. Gli aspetti operativi e tecnici saranno oggetto di una negoziazione tra il proponente e l investitore, assistiti, su richiesta di una o di entrambe le parti, da professionisti e consulenti dell Associazione.

20 Abruzzo For Growth: settori di intervento e requisiti progettuali Pur riconoscendo la possibilità di operare in tutti i settori economici, l Associazione rivolgere la propria attenzione a quei settori caratterizzati dalle maggiori potenzialità di sviluppo, tra le quali: Tecnologie avanzate Internet e ITC Telematica Energia e ambiente Servizi per l impresa Manifatturiero avanzato Informatica Biotecnologie Distribuzione culturale Multimedia I progetti da finanziarie devono presentare i seguenti requisiti: Avere carattere innovativo Presentare notevoli potenzialità di sviluppo Essere originali e realizzabili Avere un mercato di sbocco (attuale o potenziale) Richiedere una partecipazione massima di Contribuire in maniera efficace allo sviluppo produttivo del territorio

21 Abruzzo For Growth: chi può far parte di AFG Generalmente, alle associazioni di business angel principali stakeholders economici locali, tra i quali: partecipano i Imprenditori locali Società di consulenza Studi di avvocati Studi di commercialisti Banche Persone fisiche impegnate in associazioni o enti locali Camere di Commercio Agenzie per il lavoro Business Innovation Center Associazione degli industriali Agenzie di sviluppo locale Società di temporary management Nel caso specifico, l Associazione è aperta a tutti i soggetti che ne faranno richiesta, previo parere favorevole degli organi di governo dell Associazione Associazione. L ingresso di ogni nuovo socio, infatti, verrà attentamente vagliato dagli organi di controllo dell Associazione Associazione, i quali dovranno richiedere tutti i documenti necessari alla valutazione dell integrit integrità professionale dell investitore.

22 Abruzzo For Growth: casi di successo Sono parecchi i casi di start up di impresa nati con il supporto di Business angels e divenuti, nel giro di qualche anno, dei colossi internazionali, con migliaia di dipendenti e con miliardi di euro di fatturato. Ecco qualche esempio.

23 Abruzzo For Growth: alcuni strumenti finanziari per lo sviluppo tecnologico Indubbiamente sia la Commissione Europea sia i governi nazionali e regionali possono giocare un ruolo fondamentale nello sviluppo di iniziative imprenditoriali ad alto contenuto tecnologico. Riguardo gli strumenti finanziari che tali soggetti mettono a disposizione, si ricordano: JEREMIE: iniziativa congiunta tra Commissione europea, BEI e FEI che si pone come obiettivo quello di contribuire alla nascita di nuove imprese, facilitando l accesso al credito e il ricorso del capitale di rischio; Programma Quadro per l Innovazione l e la Competitività CIP 2007/2013: tra le aree di intervento si distingue il Programma per l innovazione e l imprenditorialità, il quale mira ad agevolare aziende ad alta tecnologia e ad alto potenziale di crescita, con misure finanziare specifiche; VII Programma Quadro per la Ricerca VII Programma Quadro per la Ricerca: il programma si pone, tra gli altri, l obiettivo di aumentare la ricerca e lo sviluppo di imprese europee, incentivando i progetti più ambiziosi, da realizzarsi ricorrendo alla costituzione di partenariati europei;

24 Abruzzo For Growth: alcuni strumenti finanziari per lo sviluppo tecnologico (segue) INDUSTRIA 2015: stabilisce le linee strategiche per lo sviluppo e la competitività del sistema produttivo italiano e destina risorse finanziarie all applicazione, su base industriale, dei risultati della ricerca e alla costituzione di partneriati pubblici-privati per lo sviluppo della stessa; sono state individuate 5 aree strategiche di intervento, cui corrispondono 5 Progetti di Innovazione Industriale (PII), programmati attraverso specifici bandi; Programmi Operativi Regionali: sono i principali strumenti attraverso i quali vengono programmate le risorse finanziarie su base regionale. Sia all interno del POR FESR che nel POR FSE, oltre che nel PAR FAS (programma attuativo regionale dei fondi FAS) sono previsti interventi per agevolare lo sviluppo di start up d impresa o per finanziarie progetti formativi in tal senso; Altri strumenti nazionali per lo sviluppo d impresad impresa: si segnalano, a tal proposito, le misure gestite direttamente da INVITALIA, che finanziano in conto capitali o in conto interessi, con modalità ed intensità di aiuto diversi a seconda delle aree geografiche di applicazione, lo start up d impresa.

25 Abruzzo For Growth: un interlocutore per i soggetti pubblici A tal riguardo, Abruzzo For Growth rappresenta anche un valido interlocutore degli enti territoriali, in primis la Regione, potendo svolgere una serie di funzioni di supporto allo sviluppo. Ad esempio: Informare, attraverso l organizzazione l di eventi tematici, gli stakeholders locali in merito alle principali iniziative comunitarie, nazionali e regionali a supporto dell innovazione (aperture di call for proposal europei o bandi nazionali e regionali); Orientare i promotori dei progetti, qualora le caratteristiche degli stessi lo consentano, verso gli strumenti di programmazione più idonei, al fine di utilizzare al meglio le risorse che l Europa, l il governo nazionale e quello regionale mettono a disposizione per lo sviluppo locale; Costituire un punto privilegiato d ascolto d delle esigenze territorio, in grado di cogliere le tendenze di fondo, che possano essere utilizzate da parte degli enti per orientare le decisioni in merito alla programmazione delle risorse per lo sviluppo innovativo;

26 Abruzzo For Growth: un interlocutore per i soggetti pubblici (segue) Rappresentare un punto d incontro d e di riflessione tra soggetti pubblici e privati interessati allo sviluppo di processi innovativi ivi (Università,, sistema finanziario, parchi scientifici e tecnologici, Enti locali, Patti Territoriali, grandi imprese locali, etc); Facilitare la costituzione di parteneriati misti pubblico-privati privati necessari a partecipare ai bandi dei principali strumenti finanziari pubblici (da JEREMIE a INDUSTRIA 2015); Collaborare, su tematiche di volta in volta identificabili, con altri soggetti operanti nel settore dell innovazione tecnologica di prodotto e di processo; Organizzare, per i propri associati o per le platee individuate/segnalate dagli associati o dagli Enti patrocinanti, corsi di formazione su tematiche legate all innovazione ed allo sviluppo tecnologico

27 Finanza d impresa Finanza Immobiliare Finanza Agevolata Studi e Analisi SEDE LEGALE Strada Comunale Cannuccia, SNC Pineto (TE) Complesso Cerquitelli, 1 Piano, Tel Fax SEDE OPERATIVA Via SS 16 Bis, n Spoltore (PE) ARCA delle Professioni, Scala Ciclamino Tel Fax

La Chiave per il Successo del Tuo Business

La Chiave per il Successo del Tuo Business Finanza d Impresa Finanza Immobiliare Finanza Agevolata La Chiave per il Successo del Tuo Business Studi e Analisi Company Profile Gemino Global Advisor è una società di consulenza direzionale che eroga

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

BAN Bologna: un Servizio Innovativo per le Start-up

BAN Bologna: un Servizio Innovativo per le Start-up BAN Bologna: un Servizio Innovativo per le Start-up 1 La Regione Emilia Romagna è: un territorio ricco di iniziative imprenditoriali e un buon vivaio di idee innovative che incontrano spesso difficoltà

Dettagli

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Quando ricorrere al capitale di rischio Sostegno alla crescita Ricambio generazionale Internazionalizzazione Riorganizzazione

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA. Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO

Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA. Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO FINALITA E OBIETTIVI Supportare gli investimenti delle Piccole e Medie imprese

Dettagli

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini 1 DECIDERE DI QUOTARSI LA DECISIONE DI QUOTARSI RAPPRESENTA UNA SCELTTA STRATEGICA

Dettagli

L attività d investimento nel capitale di rischio

L attività d investimento nel capitale di rischio Ciclo di seminari sulla finanza d impresa L attività d investimento nel capitale di rischio Finalità e strategie operative Massimo Leone INVESTIMENTO ISTITUZIONALE NEL CAPITALE DI RISCHIO Apporto di risorse

Dettagli

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE. sociale. Periodo 2014/2015

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE. sociale. Periodo 2014/2015 AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE Percorsi integrati per la creazione d imprese innovative spin off della ricerca pubblica estesi anche alle imprese innovative che intendono avviare

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

Ing. Luca Canepa - Consigliere Delegato IBAN

Ing. Luca Canepa - Consigliere Delegato IBAN Ing. Luca Canepa - Consigliere Delegato IBAN Nato a Milano nel Novembre 1957, Luca è un business leader, executive e advisor con vasta esperienza internazionale. Luca ha supportato con successo varie Aziende

Dettagli

BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa

BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa 1. DESCRIZIONE E OBIETTIVO Coopstartup Puglia è un progetto di Legacoop Puglia per la nascita di nuove idee di impresa improntate

Dettagli

La catena del valore nelle operazioni di Real Estate. sintesi operativa

La catena del valore nelle operazioni di Real Estate. sintesi operativa La catena del valore nelle operazioni di Real Estate sintesi operativa La catena del valore nelle operazioni di real estate Al fine di schematizzare le sotto-attività che pongono l intero processo del

Dettagli

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011 Quartu S.E., 03 ottobre 2011 Circolare n 10 Oggetto Legge di Finanziamento: Comunitaria Nazionale Regionale Comunale Settore: Artigianato, Commercio, Servizi, Industria ed Agricoltura La circolare fornisce

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

Creazione e sviluppo delle imprese innovative: prospettive per l accesso alla finanza e partnership pubblico-privata

Creazione e sviluppo delle imprese innovative: prospettive per l accesso alla finanza e partnership pubblico-privata Creazione e sviluppo delle imprese innovative: prospettive per l accesso alla finanza e partnership pubblico-privata Elisabetta Gualandri Facoltà di Economia Marco Biagi Università degli studi di Modena

Dettagli

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari Chi Siamo Il progetto Obiettivamente nasce con lo scopo di offrire una pronta risposta alle mutevoli richieste di credito da parte delle imprese, garantendo un servizio di consulenza sempre attento, innovativo

Dettagli

Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati

Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati FINANZA PER LA CRESCITA GLI STRUMENTI A SOSTEGNO DELLE IMPRESE Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali Perugia,

Dettagli

Finanziare le start-up

Finanziare le start-up Stampa Finanziare le start-up admin, Riccardo Ferranti in Bilancio Finanziare le startup Avviare un impresa è il sogno di molte persone che hanno acquisito conoscenze e competenze in un determinato settore

Dettagli

START CUP LAZIO 2011

START CUP LAZIO 2011 START CUP LAZIO 2011 COMPETIZIONE LOCALE CONNESSA AL WORKING CAPITAL - PNI 2011 PREMIO NAZIONALE PER L INNOVAZIONE AVVISO Articolo 1 Definizione dell'iniziativa Il Concorso è una competizione tra progetti

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

Presentazione della Società. Novembre 2015

Presentazione della Società. Novembre 2015 Presentazione della Società La Storia La Società La Struttura Produttiva Il Sistema di Competenze Il Posizionamento 2 2004 Costituzione della StraDe s.r.l. ad opera di Massimo Dell Erba e Veronica Montanaro

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOSCA, LORENZIN Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Presentata

Dettagli

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati MECCANICA FINANZIARIA è una società ben strutturata, composta da un team altamente qualificato e dalla pluriennale

Dettagli

Creazione e Start-up di NUOVEIMPRESE

Creazione e Start-up di NUOVEIMPRESE Creazione e Start-up di NUOVEIMPRESE I servizi del sistema camerale emiliano romagnolo per il sostegno alla creazione e allo start up di impresa» Bologna, 14 dicembre 2015 L iniziativa Creazione e start-up

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona

La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona Dott. Luca Guarnieri Responsabile Liaison Office Area Ricerca Università degli Studi di

Dettagli

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale Il Consiglio dell Unione europea ha adottato a dicembre 2013 il Regolamento relativo al Quadro Finanziario Pluriennale per il periodo

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia ed Amministrazione Aziendale La finanza di start up: private equity e venture capital Anno accademico 2011 / 2012 Dott.ssa

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI START UP INNOVATIVE

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI START UP INNOVATIVE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI START UP INNOVATIVE Innovation Factory, incubatore certificato di AREA Science Park (di seguito IF ), nel quadro degli interventi volti a

Dettagli

concretizza le potenzialità dei tuoi progetti

concretizza le potenzialità dei tuoi progetti concretizza le potenzialità dei tuoi progetti BusinessPlanCenter è un centro di servizi specializzato, che assiste e supporta professionalmente manager, imprenditori e aspiranti imprenditori nella pianificazione/valutazione

Dettagli

Start up e innovazione: novità è opportunità per il 2015

Start up e innovazione: novità è opportunità per il 2015 Start up e innovazione: novità è opportunità per il 2015 Mercoledì 11 febbraio Dott. Matteo Farina Progetti di Sviluppo Banco Popolare Confindustria Firenze Banco Popolare e innovazione tecnologica: un

Dettagli

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital MONTEFELTRO START-UP Finanziare l impresa innovativa Il ruolo del venture capital nel supporto alle imprese innovative Giovanni Fusaro Ufficio

Dettagli

Avv. Marco De Paolis Brevetto: quali opportunità? Dagli accordi di circolazione delle invenzioni e delle ricerche alla costituzione di startup

Avv. Marco De Paolis Brevetto: quali opportunità? Dagli accordi di circolazione delle invenzioni e delle ricerche alla costituzione di startup Giornata di formazione sui brevetti Brescia, 29 febbraio 2012 Università degli Studi di Brescia Avv. Marco De Paolis Brevetto: quali opportunità? Dagli accordi di circolazione delle invenzioni e delle

Dettagli

Presentazione della Società. Maggio 2014

Presentazione della Società. Maggio 2014 Presentazione della Società Maggio 2014 La Società La Struttura Produttiva Il Sistema di Competenze Il Posizionamento I Dati Economico - Finanziari 2 La Società La Storia 2004 Costituzione della StraDe

Dettagli

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa Intervista alla dottoressa Barbara Lunghi, responsabile Mercato Expandi di Borsa Italiana Il percorso di quotazione in borsa consente oggi, anche alle

Dettagli

IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE

IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE (Sintesi dei dati raccolti da IBAN, con questionario on line, nel periodo 13 gennaio/25 marzo 2010) Variazione % Anno 2009 su 2008 Campione (di cui

Dettagli

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Parte III : R&S nella piccola e media impresa Angelo Bonomi PICCOLE E MEDIE IMPRESE E R&S Esistono varie definizioni di piccole e

Dettagli

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Autoimpiego: le misure agevolative e i territori

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Roberto Del Giudice Firenze, 10 febbraio 2014 Il progetto Si tratta del più grande fondo italiano di capitale per lo sviluppo, costituito per dare impulso alla crescita

Dettagli

ALLEGATO D - SCHEDA INFORMATIVA FONDO POR I.3

ALLEGATO D - SCHEDA INFORMATIVA FONDO POR I.3 ALLEGATO D - SCHEDA INFORMATIVA FONDO POR I.3 La presente scheda informativa sintetizza le modalità di funzionamento del FONDO POR I.3 gestito da Lazio Innova. La scheda informativa non sostituisce lo

Dettagli

Il finanziamento alle startup: il ruolo dell investitore Business Angel

Il finanziamento alle startup: il ruolo dell investitore Business Angel Il finanziamento alle startup: il ruolo dell investitore Business Angel Paolo Anselmo - Presidente Roma, 28 Gennaio 2015 www.iban.it Il Network di IBAN L Associazione IBAN è l'istituzione che rappresenta

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana Fondo Minibond Fondo Zenit Minibond Fondo obbligazionario per investire nello sviluppo delle PMI italiane La finanza italiana al servizio dell economia italiana -Zenit SGR, i nostri valori INDIPENDENTI

Dettagli

ILfONDO ROTATIVO PER LE NUOVE IMPRESE INNOVATIVE. L esperienza nel seed capital della Camera di Commercio di Pisa VI bando di attuazione

ILfONDO ROTATIVO PER LE NUOVE IMPRESE INNOVATIVE. L esperienza nel seed capital della Camera di Commercio di Pisa VI bando di attuazione fondo ROTATIVO PER LE NUOVE IMPRESE INNOVATIVE L esperienza nel seed capital della Camera di Commercio di Pisa VI bando di attuazione fondo ONDO ROTATIVO PER LE NUOVE IMPRESE INNOVATIVE: CONTESTO DI RIFERIMENTO

Dettagli

Create new Connections, Improve, Grow

Create new Connections, Improve, Grow Consulting Strategy Business Requirement Investment MILANO VENTURE COMPANY Group Create new Connections, Improve, Grow We are Milano Venture Company Agenda Chi siamo I nostri servizi Servizio di Funding

Dettagli

Legnano, 26 ottobre 2011

Legnano, 26 ottobre 2011 Legnano, 26 ottobre 2011 Euroimpresa Legnano nasce nel luglio del 1996 quale naturale evoluzione del Comitato di reindustrializzazione di Legnano, costituito su spinta della Provincia di Milano e del Comune

Dettagli

PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI. Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA

PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI. Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA Introduzione «Imprenditori di imprenditori» Definizione incubatore Per INCUBATORE D IMPRESA si intende un istituzione che interagisce con

Dettagli

La creazione di impresa spin-off al CNR

La creazione di impresa spin-off al CNR Terza Giornata InFormativa Progetto BioTTasa Area della Ricerca del CNR Palermo, 30 giugno 2014 La creazione di impresa spin-off al CNR Relatore: Daniela La Noce Progetto Finanziato dal Ministero dello

Dettagli

1. Estremi della proposta. Cod. Organismo: 283 ID Proposta: 100244 Imprenditorialità. 2. Identificazione sede

1. Estremi della proposta. Cod. Organismo: 283 ID Proposta: 100244 Imprenditorialità. 2. Identificazione sede Allegato 3 - Schede di pubblicizzazione delle azioni in riferimento a ciascuna sede di erogazione di cui alla deliberazione di Giunta regionale n. 502/2012: APPROVAZIONE DELL'AVVISO PER LA SELEZIONE DI

Dettagli

INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS

INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS Corsi di Alta Formazione - Innovazione, Finanza e Management per le PMI Premessa Le startup, in special modo quelle caratterizzate da processi, servizi

Dettagli

IBAN ITALIAN BUSINESS ANGELS NETWORK

IBAN ITALIAN BUSINESS ANGELS NETWORK IBAN ITALIAN BUSINESS ANGELS NETWORK "Il capitale di rischio informale: la figura del Business Angel tra manager, imprenditore e finanziatore" **** - ATEMA speaker's corner del 3 ottobre 2005 (Tomaso Marzotto

Dettagli

PHD Plus Edizione 2012

PHD Plus Edizione 2012 PHD Plus Edizione 2012 Come si valuta una Start up: gli aspetti operativi della selezione dei progetti di investimento 24 Aprile 2012 Università di Pisa Executive Summary 1.SICI sgr e il Fondo Toscana

Dettagli

SPORTELLO EUROPA COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO

SPORTELLO EUROPA COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO SPORTELLO EUROPA Comune di Fonte Nuova COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO I nostri uffici si trovano in via Palombarese 225 presso la delegazione del Comune di Fonte Nuova e sede del Centro

Dettagli

Aster - Consorzio tra Regione Emilia Romagna Università. Enti di Ricerca e Imprese Bando di selezione imprese We Tech Off

Aster - Consorzio tra Regione Emilia Romagna Università. Enti di Ricerca e Imprese Bando di selezione imprese We Tech Off Scadenza 31 dicembre 2011 Scadenza intermedia: 30.04.2010 per servizi pre-incubazione Scadenza intermedia: 16.07.2010 per servizi incubazione Aster - Consorzio tra Regione Emilia Romagna Università. Enti

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI

CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI SETTEMBRE 2013 GENNAIO 2014 Fondazione CUOA Da oltre 50 anni Fondazione CUOA forma la nuova classe manageriale e imprenditoriale.è la prima business school

Dettagli

PIANO D AZIONE UE. PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI Serie La lente sull Ue n 13 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S

PIANO D AZIONE UE. PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI Serie La lente sull Ue n 13 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S Nota di presentazione del documento pubblicato dalla Commissione europea il 7 dicembre 2011 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S PIANO D AZIONE UE PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA

INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA L esperienza di Incubatore Firenze, che dal 2004 ha aiutato la nascita e lo sviluppo di start-up di successo in settori tecnologicamente avanzati,

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

2020. Direttive di attuazione.

2020. Direttive di attuazione. Oggetto: Fondo di capitale di rischio (venture capital) per investimenti in equity per la creazione e lo sviluppo di imprese innovative PO FESR Sardegna 2014-2020. 2020. Direttive di attuazione. L Assessore

Dettagli

Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento

Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento Università degli Studi di Sassari Sassari, 15 Maggio 2014 Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento Dottore Commercialista- Revisore legale dei conti La fase di start

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

Company Profile. Ideare Progettare Crescere

Company Profile. Ideare Progettare Crescere Company Profile Ideare Progettare Crescere La tua guida per l'accesso al mercato globale e per la gestione di modelli orientati al business internazionale P&F Technology nasce nel 2003 dall esperienza

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Executive summary della nuova normativa sulle startup

Executive summary della nuova normativa sulle startup Executive summary della nuova normativa sulle startup Dicembre 2012 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente Ulteriori

Dettagli

Start Cup Bologna-Progettando 2008

Start Cup Bologna-Progettando 2008 Start Cup Bologna-Progettando 2008 dedicato ad aspiranti imprenditori della Provincia di Bologna per l assegnazione di 5.000,00 sottoforma di contributo a fondo perduto Bando 9 1. DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA

Dettagli

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014.

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 101 02.04.2014 Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie E stata pubblicata dal

Dettagli

Creazione e Start-up di NUOVEIMPRESE

Creazione e Start-up di NUOVEIMPRESE Creazione e Start-up di NUOVEIMPRESE I servizi del sistema camerale emiliano romagnolo per il sostegno alla creazione e allo start up di impresa» Bologna, 18 gennaio 2016 L iniziativa Creazione e start-up

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Soluzioni per la tua crescita

Soluzioni per la tua crescita Soluzioni per la tua crescita Sviluppiamo il tuo business Una storia di successi Co.Mark nasce a Bergamo nel 1998 come studio di consulenza professionale nel campo dei servizi di temporary management per

Dettagli

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER TEMPORARY MANAGER Il Business Plan Temporary Manager La difficoltà non sta nel credere nelle nuove idee, ma nel fuggire dalle vecchie. John Maynard Keynes Che cosa e e a cosa serve E un documento volto

Dettagli

INDICE COSA CHI PERCHE' QUANDO COME. Che cos'è uno Spin Off. Gli attori dello Spin Off. Perché creare uno Spin Off. L'idea imprenditoriale

INDICE COSA CHI PERCHE' QUANDO COME. Che cos'è uno Spin Off. Gli attori dello Spin Off. Perché creare uno Spin Off. L'idea imprenditoriale INDICE COSA Che cos'è uno Spin Off CHI Gli attori dello Spin Off PERCHE' Perché creare uno Spin Off QUANDO L'idea imprenditoriale COME La procedura per la creazione e l'avvio di uno spin Off Come realizzare

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

IMPRESE IN LOMBARDIA: AGEVOLAZIONE E AIUTI

IMPRESE IN LOMBARDIA: AGEVOLAZIONE E AIUTI DIVIPLUS 2 SRL Via della Vittoria, 47 20025 Legnano (Mi) Telefono 0331.592931 0331.592720 Fax 0331.457504 Pec : diviplus@secmail.it Legnano, Ottobre 2014 Circolare Informativa n. 22/2014 A tutti i gentili

Dettagli

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE COOPERATIVE CON PREVALENZA DI SOCI UNDER 40

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE COOPERATIVE CON PREVALENZA DI SOCI UNDER 40 BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE COOPERATIVE CON PREVALENZA DI SOCI UNDER 40 1. Descrizione e obiettivo Il Progetto Coop Liguria Startup è un iniziativa di Coop Liguria, attuata con la collaborazione

Dettagli

Innovazione e Proprietà Industriale. Vantaggi competitivi e Incentivi per le imprese

Innovazione e Proprietà Industriale. Vantaggi competitivi e Incentivi per le imprese Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Innovazione e Proprietà Industriale. Vantaggi competitivi e Incentivi per le imprese Jesi, 11 ottobre 2013 Il quadro strategico

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico FONDO LIBRETTO DI INFORMATIVO GARANZIA PER SUL FONDO LE PICCOLE E DI MEDIE GARANZIA IMPRESE PER LE PMI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dello Sviluppo Economico IL FONDO

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

REPORT SUI RISULTATI DEI PERCORSI FORMATIVI

REPORT SUI RISULTATI DEI PERCORSI FORMATIVI REPORT SUI RISULTATI DEI PERCORSI FORMATIVI Sommario. I percorsi formativi di Impresa creativa: missione possibile.... Formazione e consulenza ad hoc per giovani creativi.... Rimini.... Cesena.... Faenza....

Dettagli

Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015

Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015 Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015 Ciclo di seminari Ricostruzione della Teoria del Programma per la redazione dei Piani di Valutazione Analisi dell OT3 RA 3.6: Miglioramento dell accesso al credito

Dettagli

Il finanziamento delle start-up

Il finanziamento delle start-up Il finanziamento delle start-up Ing. Diego Viviani MIP - Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale diego.viviani@polimi.it Indice Introduzione Le fonti di finanziamento dell impresa I

Dettagli

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo di garanzia per le PMI, gestito dal Medio Credito Centrale-Unicredit e istituito con la L. 662/96 ha conosciuto

Dettagli

Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA Come rendere intelligente la tua città? La trasformazione in una smart

Dettagli

CERCARE NUOVI PARADIGMI PER RILANCIARE LO SVILUPPO ECONOMICO & SOCIALE

CERCARE NUOVI PARADIGMI PER RILANCIARE LO SVILUPPO ECONOMICO & SOCIALE CERCARE NUOVI PARADIGMI PER RILANCIARE LO SVILUPPO ECONOMICO & SOCIALE OBIETTIVI Obiettivo della Città di Torino è attivare una misura di accompagnamento e sostegno alla realizzazione di progetti imprenditoriali

Dettagli

IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM

IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM Master di I Livello - IX EDIZIONE - A.A. 2015-2016 Premessa Il MIGEM è dedicato a tutti coloro che sentono l esigenza di un programma formativo completo e

Dettagli

Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative

Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative Febbraio 2015 Invitalia: chi siamo Invitalia è l Agenzia nazionale che agisce su mandato del Governo per sostenere i settori strategici per lo sviluppo

Dettagli

SIAMO TEMPORARY EXPORT SPECIALIST AL TUO FIANCO, PER VENDERE!

SIAMO TEMPORARY EXPORT SPECIALIST AL TUO FIANCO, PER VENDERE! SIAMO TEMPORARY EXPORT SPECIALIST AL TUO FIANCO, PER VENDERE! CHI SIAMO Co.Mark nasce a Bergamo nel 1998 come studio di consulenza professionale nel campo dei servizi di Temporary Export Management per

Dettagli

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Obiettivo: EQUITY! 0 Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Settembre 2012 IL PROGRAMMA Il Consorzio Camerale per il credito e la finanza

Dettagli

Interventi regionali per le imprese

Interventi regionali per le imprese Marzo 2011 Gli strumenti di Regione Lombardia a sostegno delle imprese Istat Esportazioni (mld, 2010) 27,8% 93,9 Prestiti alle imprese (mld ) 27,7% 955,6 265,4 Bankit (30/09/2010) Gli strumenti messi in

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica

Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica ALLEGATO D.1 BANDO PUBBLICO APERTO RIVOLTO AD IMPRESE OPERANTI NEI SETTORI DELLE TECNOLOGIE

Dettagli

GuiDa ai Servizi per la Finanza D impresa. 5 soluzioni concrete per finanziare la crescita internazionale della tua azienda.

GuiDa ai Servizi per la Finanza D impresa. 5 soluzioni concrete per finanziare la crescita internazionale della tua azienda. GuiDa ai Servizi per la Finanza D impresa 5 soluzioni concrete per finanziare la crescita internazionale della tua azienda. insieme alla tua impresa per FavOrirne lo SviluppO internazionale. Promos è l

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità

DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità Sostituire il TFR: quali effetti sul lavoro e sulle imprese Come prepararsi al 2006 DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità Maggio 2006 1 TFR e Private Equity Trattamento

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE CONCORSO ANNUALE Il più bel lavoro del mondo

REGOLAMENTO GENERALE CONCORSO ANNUALE Il più bel lavoro del mondo REGOLAMENTO GENERALE CONCORSO ANNUALE Il più bel lavoro del mondo ART 1 Definizione Il concorso "Il più bel lavoro del mondo" (di seguito indicato come "Concorso") è una competizione promossa annualmente

Dettagli