NewCo. Business Plan

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NewCo. Business Plan"

Transcript

1 NewCo Business Plan 1

2 NewCo... 1 Business Plan... 1 Executive Summary... 3 Customer Value Proposition... 4 Demand Pull... 4 Technology Push... 4 Enterpreneurial Team... 5 Market Analysis... 6 Macro analisi di mercato... 6 Micro analisi di mercato... 6 Industry Analysis... 7 Concorrenza... 7 Prodotti sostitutivi... 7 Minaccia di potenziali nuovi entranti... 7 Potere contrattuale dei fornitori... 8 Potere contrattuale dei clienti... 8 Conclusioni... 8 Vantaggi competitivi... 9 Marketing Plan L offerta Prezzo di vendita Promozione e vendita Distribuzione Operative Plan Organizational Plan Implementation Plan Risk Plan Financial Plan

3 Executive Summary (3 pag.) Sintetizzare in 3 pagine tutto il contenuto del business plan, non tralasciando di indicare: - mercato target e sua dimensione; - value proposition; - contesto concorrenziale e vantaggi competitivi; - team imprenditoriale; - elementi basilari della struttura operativa; - tempi per il lancio commerciale dei prodotti/servizi e tempi di ritorno dell investimento; - fatturato, utile lordo, fabbisogno finanziario; - richieste finali. 3

4 Customer Value Proposition (1-2 pag.) Demand Pull - Descrivere brevemente la rete del valore o le reti del valore in cui l azienda intende inserirsi, chiarendo quale tassello funzionale va a ricoprire l azienda. Per rete del valore si intende il sistema di relazioni che coinvolge più soggetti finalizzato alla creazione di valore economico per il sistema produttivo o per l utilizzatore finale di un insieme di prodotti, servizi o di una combinazione di essi; - Indicare chiaramente i segmenti target dell offerta, descrivendo le caratteristiche principali dei soggetti che ne fanno parte (tipologia di attività, localizzazione geografica), dimensionando quantitativamente il segmento ed segnalandone la dinamica di espansione/contrazione. - Per ciascun segmento individuato indicare quali esigenze (needs/wants) si intende soddisfare, il modo in cui attualmente sono o non sono soddisfatte, l importanza del bisogno per quella categoria di clienti, le previsioni riguardo alla futura maggior/minor rilevanza del bisogno individuato, la spesa indicativa sostenuta per il soddisfacimento del bisogno (ad esempio il TCO dei prodotti già presenti sul mercato). - Per ciascun bisogno individuato chiarire se i clienti sono soddisfatti delle soluzioni che attualmente sono accessibili, se l offerta già disponibile è sufficiente qualitativamente e quantitativamente, se sorgono problemi nell utilizzo delle soluzioni convenzionali, quali potrebbero essere le ricadute economiche della soluzione dei problemi individuati. Technology Push - Descrivere brevemente le soluzioni proposte, indicando innanzitutto le finalità che dette soluzioni devono raggiungere in termini di valore creato per il cliente (benefits): risparmi e/o maggior utilità rispetto alle soluzioni alternative, possibilmente attraverso la quantificazione di idonei parametri di valutazione (ad esempio: diminuzione del TCO; aumento delle vendite; aumento della produttività). Indicare le eventuali controindicazioni o limiti di efficacia dell offerta, il loro possibile superamento. - Descrivere le principali caratteristiche tecniche (features) dei prodotti/servizi, che permettono agli stessi di realizzare i benefici sopraindicati, i principali componenti, gli elementi di innovazione rispetto alle soluzioni convenzionali. 4

5 - Descrivere brevemente la tecnologia utilizzata, la storia della sua evoluzione, i principali centri di eccellenza tecnica, le attese sugli sviluppi della stessa per le applicazioni descritte e per altre applicazioni. DIAGRAMMA DI ESEMPIO DI RETE DEL VALORE: Produttori sottosistemi Filiera di prodotti complementari Utilizzatore finale 1 System integrator Distributore all ingrosso Distributore al dettaglio Produttori di componenti Ingegneria Manutentori Utilizzatore finale 2 NewCo In allegato portare testimonianze ed elaborazioni necessarie. (2 pag.) Enterpreneurial Team Individuare per ciascun componente del team competenze, reti di contatti, motivazioni. Competenze Quali sono i fattori critici di successo nel settore di riferimento? Quali sono le competenze proprie dei membri del team, necessarie per appropriarsi di tali fattori di successo e consolidarli all interno dell impresa? Indicare se sussistono: - competenze puramente tecniche a livello teorico; - esperienze pratiche di prodotti e processi produttivi; - esperienza di direzione di attività di tipo tecnico, R&D e/o produzione; - esperienza di attività di comunicazione, di vendita, di gestione dell after market, in Italia e all estero; 5

6 - esperienza di amministrazione di impresa sotto il profilo puramente contabile, di direzione strategica del marketing, di gestione dei fornitori, dei contratti con il personale, della gestione finanziaria. Per le competenze critiche non presenti all interno del team iniziale, indicare in che tempi e in che modo verranno reperite sul mercato. Network Indicare in quali reti di contatti sono inseriti i membri del team, quali siano i contatti che gli stessi hanno con potenziali fornitori, con i concorrenti, con i potenziali clienti, con gli eventuali altri soggetti indicati nella rete del valore. Individuare nomi, dati e contatti Aspirazioni e motivazioni Indicare quale sarà il contributo che il membro del team darà all azienda in termini di impegno orario e finanziario, come l esperienza imprenditoriale si inserisce nel suo percorso professionale. In allegato portare curricula dei soci (5-6 pag.) Market Analysis Macro analisi di mercato Indicare qual è il mercato di destinazione dei prodotti, quanto è ampio. Indicare qual è il trend di crescita del mercato, quali sono le variabili che maggiormente incidono sulla sua crescita. Individuare normative vincolanti o incentivanti, fattori sociologici, culturali e demografici rilevanti, scenari macroeconomici favorevoli e sfavorevoli. Micro analisi di mercato Indicare il nome e/o il profilo dei primi clienti e dei segmenti di mercato target dell offerta. Identificare nel modo più preciso possibile l origine del bisogno che spingerà il cliente ad acquistare. Dimensionare i segmenti target. Rilevare altri dati fondamentali tra cui disponibilità di spesa, stabilità finanziaria e tempi di dilazione di pagamento richiesta, abitudini di acquisto, modalità di fornitura accettabili. Descrivere le modalità con cui si sono ottenute le informazioni utilizzate e portare documentazione a sostegno dell intenzione all acquisto. Identificare segmenti di mercato che potrebbero essere destinatari di offerta in futuro. 6

7 In allegato portare analisi di mercato dettagliata. (5-6 pag.) Industry Analysis Concorrenza Identificare gli attori economici che attualmente offrono prodotti o servizi simili a quelli che l impresa intende offrire sul mercato. Mettere in luce punti di forza e debolezza dei principali concorrenti, le loro competenze e le tecnologie di cui sono proprietari. Valutare: - numerosità dei concorrenti; - dimensione dei concorrenti; - diversificazione dei prodotti; - crescita del mercato di destinazione; - esistenza di barriere all uscita e di interessi strategici; - esistenza di rilevanti costi per cambiare fornitore. Prodotti sostitutivi Indicare quali sono le soluzioni possibili alle esigenze dei clienti, appartenenti a famiglie tecnologicamente differenti rispetto a quella proposta. Identificarne vantaggi e svantaggi. Valutare: - la propensione del cliente ad utilizzare prodotti sostitutivi; - il bilanciamento di costi e benefici tra le soluzioni alternative a quella proposta. Minaccia di potenziali nuovi entranti Indicare se esistono potenziali nuovi entranti in questo settore e quali barriere esistono all entrata di nuovi concorrenti. Valutare: - l esistenza di rilevanti economie di scala; - la diversificazione dei prodotti; - la richiesta di capitali minimi; - l esistenza di accordi per gli approvvigionamenti o la distribuzione dei prodotti, che escludano i nuovi entranti; - l esistenza di protezioni legali legate o ostacoli all acquisizione del know how relativo alle tecnologie necessarie per competere; - la rapidità e la forza della reazione dei concorrenti all entrata di un nuovo soggetto. 7

8 Potere contrattuale dei fornitori Indicare quali sono le categorie di fornitori principali, rilevando: - il numero di potenziali fornitori; - la dimensione dei potenziali fornitori; - il peso del determinato fornitore sulla struttura dei costi e sulla qualità dell offerta dell azienda; - i costi da sostenere se si cambia il fornitore; - la probabilità che i fornitori si sostituiscano alle imprese del settore, andando direttamente al cliente finale; - la conoscenza della struttura dei costi e dei margini dell azienda da parte del fornitore. Potere contrattuale dei clienti Indicare quali sono le categorie di clienti principali, rilevando: - il numero di potenziali clienti; - la dimensione dei potenziali clienti; - il peso del determinato cliente sul fatturato e sullo sviluppo strategico dell azienda; - l esistenza di rilevanti costi che il cliente deve sostenere per cambiare fornitore; - la probabilità che i clienti si sostituiscano alle imprese del settore, producendo direttamente i beni/servizi di cui abbisognano; - la conoscenza della struttura dei costi e dei margini dell azienda da parte del cliente. Conclusioni Concludere con una valutazione dell attrattività del settore. TABELLA CONCLUSIVA DI ESEMPIO: 8

9 Concorrenza Prodotti sostitutivi Minaccia di potenziali nuovi entranti Potere contrattuale dei fornitori Potere contrattuale dei clienti Conclusione Molto interessante Moderatamente interessante OK Poco interessante Da evitare Vantaggi competitivi Chiarire che tipo di vantaggi rispetto ai concorrenti l azienda intende difendere: - vantaggio di differenziazione (l offerta è migliore rispetto a quella dei concorrenti); - vantaggio di costo (i costi sostenuti sono inferiori rispetto a quelli dei concorrenti); - entrambi i vantaggi. Indicare quali leve l azienda intende sfruttare per realizzare e difendere il proprio vantaggio: - protezione legale del know how (brevetto); - innovazione continua; - integrazione con clienti e/o fornitori o stipula di accordi vincolanti; - realizzazione di economie di scala; - realizzazione di economie di scopo; - mantenimento di alta flessibilità; - investimento in immagine; - la proprietà di asset o risorse esclusivi o di difficile reperimento sul mercato (ad esempio know how e risorse umane altamente specializzate) Indicare quali altri fattori sono da ritenersi critici per il successo di un impresa in questo settore e come l azienda intende appropriarsene. 9

10 (3 pag.) Marketing Plan L offerta Indicare le principali linee di business, per ognuna di esse individuare la gamma di prodotti e servizi previsti. Dare dettaglio di garanzie e servizi accessori. Indicare l evoluzione dell offerta e il posizionamento rispetto all offerta dei concorrenti. Prezzo di vendita Indicare con quale logica saranno fissati i prezzi e quali saranno i prezzi medi di riferimento per i beni venduti, le modalità di pagamento e le dilazioni. Mettere in evidenza il posizionamento del valore (di meno a meno, di più a meno, di più a più). Promozione e comunicazione Indicare quali strumenti si utilizzeranno per la comunicazione verso i clienti, la pubblicità, la promozione, la cura dell immagine aziendale. Distribuzione e vendita Descrivere le modalità di consegna dei prodotti e di erogazione dei servizi, la dimensione dei lotti e/o delle commesse. Descrivere le modalità con cui vengono stabiliti i contatti con i clienti fino alla conclusione del contratto di vendita e la loro fidelizzazione. Indicare se le vendite sono ripetibili per uno stesso cliente acquisito, o per ogni unità/lotto di prodotti o commessa occorra acquisire un nuovo cliente. Definire le ragioni delle proiezioni di vendita, le quote di mercato obiettivo e il relativo sforzo commerciale nei primi anni di vita dell azienda. (2 pag.) Operative Plan Indicare quali attività saranno necessarie al fine di realizzare l oggetto sociale, indicando, per ognuna di esse, quali saranno svolte con risorse interne all azienda e quali esternalizzate ricorrendo a soggetti esterni all azienda. Dare una breve descrizione di ogni attività, evidenziando quali e quante risorse sono 10

11 necessarie per lo svolgimento, gli assets, l evoluzione delle stesse nel tempo in funzione dell evoluzione dell offerta. Descrivere brevemente fornitori e partner. Dare particolare risalto agli aspetti di difesa del vantaggio competitivo attraverso il presidio delle attività core, lo sfruttamento di protezioni legali (proprietà intellettuale, diritti e accordi di esclusiva), l investimento in ricerca e sviluppo, le economie di scopo e di scala, ecc... DIAGRAMMA DI ESEMPIO DELLE ATTIVITA DI VALORE: DIRETTE INDIRETTE Amministrazione e contabilità Risorse Umane Ricerca e Ingegneria Produzione Sviluppo Ufficio legale Logistica Gestione dei fornitori Marketing Servizi e post Vendite vendita (1-2 pag.) Organizational Plan Indicare quali sono i principali ruoli ricoperti all interno dell azienda dal personale, indicare quali saranno le competenze, le mansioni e l impegno orario delle risorse. Delineare innanzitutto quali saranno i ruoli decisionali e successivamente le mansioni operative: indicare se i ruoli direttivi saranno assegnati per area funzionale (commerciale, produzione, R&D, amministrazione, gestione finanziaria), per ambito tecnologico, per linea di business, per area geografica o secondo quali altri criteri. Indicare per quali decisioni vi dovrà essere collegialità e quali saranno invece delegate. Indicare se l azienda opererà per progetti e, in tal caso, indicare in che modo verranno coordinate le attività, se e come verranno integrate risorse ad hoc e se vi saranno responsabili di progetto. Specificare le forme contrattuali con cui vengono incluse le risorse nell azienda. Indicare come verranno selezionate le risorse non ancora inserite. Indicare la tipologia di società, la suddivisione delle quote di proprietà, se vi sono dei vincoli di particolare importanza legati ad accordi tra i soci (es. patti parasociali), la localizzazione geografica della/e sedi. (1-2 pag.) Implementation Plan Indicare quali sono i principali traguardi (milestones) che l impresa deve raggiungere al fine di portare a termine la fase di start up. Preferibilmente dare una visione globale dei primi cinque anni e dare un 11

12 maggior dettaglio per quanto riguarda la road map che precede il lancio commerciale dei primi prodotti/servizi, in modo da comprendere quali sono i tempi di completamento delle tecnologie, di test e certificazione, di consolidamento dei contatti commerciali, dei rapporti con i fornitori, dell acquisizione degli asset e delle risorse umane necessarie, della ricerca delle risorse finanziarie. DIAGRAMMA DI ESEMPIO: (1 pag.) Risk Plan Indicare quali sono i principali rischi che corre l iniziativa, individuando: - effetti negativi, possibilmente con indicazione dell equivalente perdita economica; - evento scatenante; - probabilità di accadimento; - strategie per evitare, assicurare il rischio o limitarne l impatto. Si suggerisce di considerare i rischi legati a: - fragilità dei rapporti con i potenziali clienti; - prolungamento eccessivo dei tempi di sviluppo della tecnologia utilizzata; - difettosità dei prodotti; - riduzione dei margini di profitto per crescita dei costi (es. per acquisizione del cliente, per servizi aggiuntivi e garanzie, per scorte necessarie); - aumento della dilazione effettiva di pagamento (potrebbe essere opportuno considerare la variazione di capitale necessario in caso di variazioni ipotetiche della dilazione media di pagamento); - inadeguatezza dei fornitori. 12

13 Completare questo capitolo con l analisi SWOT, in cui dare evidenza anche ad opportunità, punti di forza e debolezza. Financial Plan (5 pag.) Indicare i principali dati di tipo economico e finanziario: - Fatturato - Costi - Utili - Immobilizzi - Crediti - Cassa - Patrimonio netto - Debiti commerciali - Debiti verso istituti di credito - Cash Flow - Indici di redditività ed equilibrio economico fornendo adeguati commenti agli stessi, indicando quali criteri sono stati utilizzati per ottenerli. Fornire in allegato le elaborazioni in dettaglio. Un esempio delle tabelle che possono essere utilizzate a corredo del testo di questo capitolo è dato di seguito: i dati contenuti nelle stesse non corrispondono ad un caso reale. TABELLE DI ESEMPIO: ANNO I ANNO II ANNO III ANNO IV ANNO V Fatturato EBITDA EBIT Utile lordo Utile netto Return on Sales 34,87% 36,97% 36,00% 34,84% 33,67% Return on Investment n.s. 191,40% 158,07% 141,95% 133,93% Patrimonio netto % variazione patrimonio netto n.s. 138,19% -17,79% 22,00% -13,75% Return on Equity n.s. 81,72% 63,11% 61,07% 57,78% Apporti di capitale/finanziamenti Prelievi di dividendi Fabbisogno operativo massimo Tabella 1 Financial highlights 13

14 Cash Flow dei primi 5 anni f abbisogno operativo movimenti f inanziari cassa f inale Figura 1 Cash Flow quinquennale (campionamento ogni 15 gg) ANNO I ANNO II ANNO III ANNO IV ANNO V Valore della produzione ,0% ,0% ,0% ,0% ,0% Ricavi dalle vendite ,4% ,7% ,0% ,0% ,0% Delta magazzino prodotti finiti e semilavorati 70 2,6% 10 0,3% 1 0,0% 1 0,0% 1 0,0% Contributi pubblici 0 0,0% 0 0,0% 0 0,0% 0 0,0% 0 0,0% Costi della Produzione ,5% ,8% ,5% ,5% ,5% Costi per materie prime, beni di consumo e prodotti in outsourcing ,9% ,3% ,1% ,1% ,1% Delta magazzino materie prime -33-1,2% -5-0,1% 0 0,0% 0 0,0% 0 0,0% Servizi esterni e godimento di beni di terzi ,4% ,2% ,0% ,0% ,0% Personale (compreso acc. TFR) 150 5,6% 150 4,4% 150 4,4% 150 4,4% 150 4,4% Margine Operativo Lordo (EBITDA) ,5% ,2% ,5% ,5% ,5% Ammortamenti 40 1,5% 80 2,4% 120 3,5% 160 4,7% 200 5,8% Risultato della gestione operativa (EBIT) ,0% ,9% ,0% ,8% ,7% Proventi finanziari 0 0,0% 0 0,0% 0 0,0% 0 0,0% 0 0,0% Oneri finanziari 31 1,1% 9 0,3% 7 0,2% 5 0,1% 2 0,1% Utile lordo ,8% ,6% ,8% ,7% ,6% Imposte ,5% ,8% ,5% ,1% ,7% Utile netto ,3% ,8% ,3% ,6% ,9% Tabella 2 Conto economico sintetico 14

15 ricavi ricavi % sul totale ANNO I ANNO II ANNO III ANNO IV ANNO V ANNO I ANNO II ANNO III ANNO IV ANNO V linea di business % 67% 67% 67% 67% linea di business % 33% 33% 33% 33% linea di business % 0% 0% 0% 0% linea di business % 0% 0% 0% 0% linea di business % 0% 0% 0% 0% linea di business % 0% 0% 0% 0% linea di business % 0% 0% 0% 0% linea di business % 0% 0% 0% 0% linea di business % 0% 0% 0% 0% linea di business % 0% 0% 0% 0% complessivo % 100% 100% 100% 100% Tabella 3 Fatturato per categoria di clienti Dati di riepilogo % rispetto al fatturato ANNO I ANNO II ANNO III ANNO IV ANNO V ANNO I ANNO II ANNO III ANNO IV ANNO V Fatturato % 100% 100% 100% 100% Costi diretti variabili per beni e servizi venduti nel periodo (consumi) % 50% 50% 50% 50% Margine di contribuzione lordo % 50% 50% 50% 50% Costi diretti fissi per beni e servizi venduti nel periodo (consumi) % 3% 3% 4% 5% Margine di contribuzione semilordo % 47% 47% 46% 45% Costi indiretti % 10% 10% 11% 12% Margine di contribuzione netto % 37% 36% 35% 34% Tabella 4 Analisi per margini di contribuzione ANNO I ANNO II ANNO III ANNO IV ANNO V Immobilizzazioni nette Immobilizzazioni nette immateriali Immobilizzazioni nette materiali Immobilizzazioni finanziarie Disponibilità Illiquide Magazzini prodotti finiti Magazzini materie prime Liquidità differita Crediti commerciali Crediti verso erario Liquidità Immediata Cassa Risconti attivi

16 Totale attivo Tabella 5 Attivo dello Stato Patrimoniale preventivo ANNO I ANNO II ANNO III ANNO IV ANNO V Patrimonio Netto capitale sociale e riserve indisponibili altre riserve e utili portati a nuovo utile della gestione corrente Fondi fondo TFR Debiti a lungo debiti verso soci debiti verso banche a lungo Debiti a breve debiti bancari a breve debiti commerciali debito erario Risconti passivi totale passivo Tabella 6 Passivo dello Stato Patrimoniale preventivo I II III IV V VI VII VIII IX X XI XII Incassi dalle vendite (con IVA) Esborsi per costi variabili (con IVA) Esborsi per costi fissi (con IVA) Esborsi per investimenti (con IVA) Esborsi per il pagamento delle imposte Fabbisogno operativo netto Fabbisogno cumulato Apporti/prelievi dei soci Prestiti a lungo, interessi e rimborsi Prestiti a breve, interessi e rimborsi Altre operazioni finanziarie Totale movimenti finanziari Delta cassa Cassa finale Tabella 7 Cash Flow analitico del primo anno 16

17 17

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

THE ART OF BUSINESS PLANNING

THE ART OF BUSINESS PLANNING THE ART OF BUSINESS PLANNING La presentazione dei dati: realizzazione e presentazione di un Business Plan Francesca Perrone - Head of Territorial & Sectorial Development Plans Giusy Stanziola - Territorial

Dettagli

Guida all elaborazione del Business Plan

Guida all elaborazione del Business Plan Guida all elaborazione del Business Plan GUIDA ALL ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Titolo progetto Dare un titolo al progetto che si intende sviluppare (di norma contraddistingue il prodotto/servizio che

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività:

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività: Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sulla scomposizione del reddito di esercizio nei risultati parziali generati

Dettagli

Tuscia al Lavoro Rimbocchiamoci le maniche

Tuscia al Lavoro Rimbocchiamoci le maniche Allegato 2 Provincia di Viterbo Assessorato Formazione Professionale e Politiche per il lavoro Tuscia al Lavoro Rimbocchiamoci le maniche BUSINESS PLAN Denominazione Impresa: Data 1 Indice 1 La società

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale Il Piano Industriale Università degli Studi di Palermo Palermo, 9 giugno 2011 Raffaele Mazzeo Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed esperti contabili Indice FASE n. 1 - Presentazione del progetto

Dettagli

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali INDICE ELABORATO 1) Illustrazione delle ipotesi alla base del Business Plan 2) Analisi sintetica

Dettagli

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.).

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.). Premessa e guida per la compilazione Il Business Plan deve essere riferito al primo triennio di attività, deve essere sintetico (lunghezza massima 20 pagine), chiaro, esaustivo ma, soprattutto, deve convincere

Dettagli

GUIDA - Business Plan Piano d impresa a 3/5 anni

GUIDA - Business Plan Piano d impresa a 3/5 anni GUIDA - Business Plan Piano d impresa a 3/5 anni 1 Executive summary...2 2 Business idea...2 3 Analisi di mercato...2 4 Analisi dell ambiente competitivo...2 5 Strategia di marketing...3 5.1 SWOT Analysis...3

Dettagli

MODELLO DI BUSINESS PLAN

MODELLO DI BUSINESS PLAN MODELLO DI BUSINESS PLAN Predisporre una copertina con i riferimenti dei proponenti ed il nome del progetto. Note per la compilazione: Utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile, possibilmente non

Dettagli

Schema di riferimento per il business plan

Schema di riferimento per il business plan Schema di riferimento per il business plan 1 1. IDEA IMPRENDITORIALE 1.1 Descrizione dell idea imprenditoriale 1.2 Elementi di innovatività dell idea imprenditoriale 1.3 Relazione tra il contenuto tecnologico

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO ALLEGATO 5 - Pag. 1 di 9 Per le imprese di nuova costituzione (ovvero quelle costituite o che hanno avviato la propria attività non oltre tre anni prima della richiesta di ammissione al Fondo di Garanzia

Dettagli

Business Plan Legacoop Modena. Dati forniti da Marcello Cappi Ufficio studi LEGACOOP MODENA

Business Plan Legacoop Modena. Dati forniti da Marcello Cappi Ufficio studi LEGACOOP MODENA Business Plan Legacoop Modena Dati forniti da Marcello Cappi Ufficio studi LEGACOOP MODENA Il Business Plan è un mezzo di presentazione, analisi e apprendimento che consente all impresa nascente di pianificare

Dettagli

I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale. Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona

I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale. Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona 1. 2. 3. 4. 5. La logica e i contenuti del Piano Le assumptions

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi MODELLO DI BUSINESS PLAN Schema esemplificativo per la redazione del piano d impresa 1) CURRICULUM VITA DEI PROPONENTI O SOCI DELL IMPRESA 2) DESCRIZIONE DEL PROGETTO 2.1 DESCRIZIONE ANALITICA DEL PRODOTTO/SERVIZIO

Dettagli

Schema per la redazione di un business plan high tech

Schema per la redazione di un business plan high tech Schema per la redazione di un business plan high tech 1. Sintesi dell idea 2. Assessment dei fattori di rischio dell iniziativa 3. Strategia competitiva 3.1 Fonti del vantaggio competitivo 3.2 Posizionamento

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE

LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE Prof. Massimo Saita Direttore Istituto Economia, Amministrazione e Politica Aziendale Università degli Studi di Milano Bicocca Professore ordinario

Dettagli

BREA ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE. Indirizzo: ECONOMICO AZIENDALE - Progetto BROCCA. Tema di: ECONOMIA AZIENDALE

BREA ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE. Indirizzo: ECONOMICO AZIENDALE - Progetto BROCCA. Tema di: ECONOMIA AZIENDALE BREA ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE Indirizzo: ECONOMICO AZIENDALE - Progetto BROCCA Anno 1999 CORSO SPERIMENTALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE La riduzione dei tassi di interesse e l avanzamento

Dettagli

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 IL BUSINESS PLAN Il business plan è quel documento con il quale si descrive, si pianifica e si valuta l idea imprenditoriale. In esso i promotori effettuano un'analisi

Dettagli

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario Il Business Plan Roma, 15 maggio 2014 1 Definizione, obiettivi e requisiti [1/2] OBIETTIVI DEL BUSINESS

Dettagli

L inquadramento teorico

L inquadramento teorico I preventivi economicofinanziari L inquadramento teorico Università di Pisa Le previsioni economiche: i ricavi di vendita Solitamente la prima variabile ad essere stimata corrisponde ai ricavi di vendita

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

PROGETTO D IMPRESA. Guida alla Compilazione del Business Plan 1

PROGETTO D IMPRESA. Guida alla Compilazione del Business Plan 1 PROGETTO D IMPRESA Guida alla Compilazione del Business Plan 1 1 Il seguente format si ispira al modello di Business Plan proposto dal progetto Mambo del Comune di Bologna. INDICE DEL BUSINESS PLAN 1.

Dettagli

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN RICHIEDENTE Azienda, ragione sociale Indirizzo Persona di contatto Numero di telefono E-mail Luogo e data Firma e qualifica della persona autorizzata Business

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE Business Plan (PIANO DI IMPRESA) DELL IMPRESA CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE PAGE \*Arabic 1 PARTE DESCRITTIVA Parte generale a a descrizione dell impresa: - denominazione - forma giuridica

Dettagli

I PROCESSI FINANZIARI DELLE IMPRESE

I PROCESSI FINANZIARI DELLE IMPRESE I PROCESSI FINANZIARI DELLE IMPRESE Alessandro Russo Università degli studi di Catania Corso di Economia e Gestione delle Imprese IL RUOLO DEL MANAGER FINANZIARIO Ruolo del manager finanziario quale intermediario

Dettagli

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara MODULO DI MARKETING Università di Ferrara 1 Lezione 2 DALLA STRATEGIA AL BUSINESS PLAN Università di Ferrara 2 Sommario Comprendere il ruolo e la funzione del BP Analizzare la struttura-tipo di un BP Analizzare

Dettagli

Esercitazione di riepilogo. Stato Patrimoniale della Beta al 9/10/2012. Conto Economico della Beta al 31/12/2012

Esercitazione di riepilogo. Stato Patrimoniale della Beta al 9/10/2012. Conto Economico della Beta al 31/12/2012 Esercitazione di riepilogo Stato Patrimoniale della Beta al 9/10/2012 Conto Economico della Beta al 31/12/2012 1. Transazioni a. Il 2 settembre 2012 viene acquistato un brevetto per un valore di 35000

Dettagli

Bilancio di esercizio

Bilancio di esercizio Barbara Scozzi bscozzi@poliba.it Contabilità direzionale Strumenti tecnico-contabili di supporto a rilevazione, organizzazione e interpretazione delle informazioni economico-finanziarie Budget Contabilità

Dettagli

IL BUSINESS PLAN E IL PIANO OPERATIVO VERSIONE PER LE SCUOLE

IL BUSINESS PLAN E IL PIANO OPERATIVO VERSIONE PER LE SCUOLE Il presente documento è stato redatto da UniCredit SpA esclusivamente con finalità educative nell ambito del Programma In-formati per la presentazione in aula dei relativi contenuti. L utilizzo ai fini

Dettagli

Concorso idee imprenditoriali

Concorso idee imprenditoriali Concorso idee imprenditoriali Ancona, 28 febbraio 2008 Il contenuto del business plan Descrizione dell idea di business descrizione dell idea imprenditoriale; analisi del mercato e della concorrenza; definizione

Dettagli

Infine, sviluppi a scelta due dei seguenti punti:

Infine, sviluppi a scelta due dei seguenti punti: ISTITUTO TECNICO SETTORE ECONOMICO INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE: RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING (RIM) SECONDA PROVA SCRITTA ESAME DI STATO La Contabilità gestionale

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali

LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali v Evidenziare gli investimenti iniziali v Valutare economicità v Evidenziare i flussi di cassa netti v Predisporre la copertura finanziaria

Dettagli

Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan

Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan Copyright 2008 Antonello Garzoni - Tutti i diritti riservati. Prof. Antonello Garzoni ARTI, 20-21-22 Maggio 2008 Agenda Gli

Dettagli

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO ALLEGATO B MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO Predisporre una copertina con i riferimenti dei proponenti ed il nome del progetto. Note per la compilazione: Utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile,

Dettagli

Progetto SPIN OFF: un impresa possibile. FASE 3 Project Work STUDIO DI PRE-FATTIBILITÀ

Progetto SPIN OFF: un impresa possibile. FASE 3 Project Work STUDIO DI PRE-FATTIBILITÀ Progetto SPIN OFF: un impresa possibile FASE 3 Project Work Fondi per iniziative e attività culturali e sociali degli studenti Ud A - 2006 (Decreto Rettorale n. 307 del 23.01.2006, ai sensi della Legge

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Economia ed Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici prof. Michele Meoli 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici Sommario della lezione

Dettagli

Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi

Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi Le attività da svolgere per la realizzazione del Business Plan da parte del sono le seguenti: 1. Inserimento del resoconto dell'anno 2.

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E IL BILANCIO D ESERCIZIO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LE NOZIONI DI CONTABILITÀ GENERALE E BILANCIO

Dettagli

Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Business Plan 2 aprile 2012-18:00 Facoltà di Economia Catania Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Aurelio Alizzio E C O N O M I A E G

Dettagli

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Capitolo 1 Il marketing nell economia e nella gestione d impresa 1 1.1 Il concetto e le caratteristiche del marketing 2 1.2 L evoluzione del pensiero

Dettagli

Impostazione dell equazione

Impostazione dell equazione Impostazione dell equazione In base all equazione generale ATTIVO = PASSIVO si giunge allo stesso risultato impostando: Equazione di Equilibrio Dove: X=(A-P0-R0)/(1-i) X = Fabbisogno finanziario a breve

Dettagli

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario.

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario. Il processo di formulazione del budget dell impresa si conclude con il consolidamento dei singoli budget settoriali in un unico bilancio previsionale (MASTER BUDGET), che si compone dei seguenti documenti

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI

Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI FORTE CRESCITA DEL CASH FLOW OPERATIVO (+87%) A 74,3

Dettagli

Analisi di bilancio per indici

Analisi di bilancio per indici Analisi di bilancio per indici Al 31/12/n la Carrubba spa, svolgente attività industriale, presenta la seguente situazione contabile finale: SITUAZIONE PATRIMONIALE Software 20.000,00 Fondo ammortamento

Dettagli

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO IMPRESCINDIBILE PER FARE IMPRESA MATTEO PELLEGRINI AREA ECONOMICO FINANZIARIA LEGACOOP REGGIO EMILIA Giovedì 11 dicembre 2014 Il Business Plan è uno strumento operativo finalizzato

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo L'importanza del Business Plan Elementi tecnici ed economici Maurizio Longo A cosa serve un Business Plan A richiedere un finanziamento in Banca E poi??? Il BP è uno strumento dinamico che serve per capire

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli)

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) IL BUSINESS PLAN Piano di marketing del prodotto x per Una sintesi finale! STRATEGIA AZIENDALE - MKG ANALITICO anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) Esterna: clienti, bisogni e desideri ambiente competitivo

Dettagli

EQUILIBRI DI GESTIONE

EQUILIBRI DI GESTIONE EQUILIBRI DI GESTIONE MAPPA DEGLI EQUILIBRI GESTIONALI Gestione caratteristica Equilibrio economico Gestione extra-caratteristica costi ricavi oneri proventi di lungo periodo fonti impieghi Equilibrio

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali A.A. 2013-2014 Prof. Attilio Bruni Corso di Laurea in Comunicazione d Impresa, Marketing e Nuovi Media Il modello finanziario e il bilancio previsionale

Dettagli

Analisi di bilancio 2007-2008

Analisi di bilancio 2007-2008 Analisi di bilancio 2007-2008 1 L analisi di bilancio Svilupperemo l analisi di bilancio sulla base di un sistema integrato di indicatori Obiettivo 1) 1) Valutare andamento dell impresa nel nel suo suo

Dettagli

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER TEMPORARY MANAGER Il Business Plan Temporary Manager La difficoltà non sta nel credere nelle nuove idee, ma nel fuggire dalle vecchie. John Maynard Keynes Che cosa e e a cosa serve E un documento volto

Dettagli

FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE

FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE P.O.R. ABRUZZO Ob. 3 2000-2006 ALLEGATO PER LL.RR. 143/95 E 96/97 136/96-55/98 ANNUALITA MISURA / AZIONE (*) L.R. ART. (*) - Azione D3.1 per le LL.RR. 136/96 e 55/98

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6)

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6) Schema 1 Gruppo di Prodotti/servizi Contributo alle vendite (percentuale) Contributo al profitto (percentuale) Attrattività del cliente (da1 a 6) Attrattività dei fornitori (da1 a 6) Attrattività della

Dettagli

B. MAPPA STRATEGICA. Progetti: Vantaggi/obiettivi: Clienti: Processi da implementare: Staff:

B. MAPPA STRATEGICA. Progetti: Vantaggi/obiettivi: Clienti: Processi da implementare: Staff: BUSINESS PLAN SOCIETA XYZ Maggio 2014 Aprile 2017 A. ASPIRAZIONI, SETTORE, STRATEGIE E OPPORTUNITA La società ha sede nella città di Scutari, in Albania ed opera nel settore calzaturiero, nello specifico

Dettagli

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 12 L ECONOMICITA AZIENDALE 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 L economicità Tutte le aziende, per poter conseguire i propri fini, devono essere in grado di operare in condizioni di: -autonomia

Dettagli

1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva. - - - - - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva. - - - - - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1) Immobilizzazioni Macchinari e attrezzature di produzione 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno a) 20% 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 b) 20% 33,0% 0,00 0,00

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA Anno 2000 Tema di: ECONOMIA AZIENDALE Il candidato sta esaminando, con alcuni amici neo-diplomati, la possibilità di iniziare un attività imprenditoriale in

Dettagli

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Erika Cresti Firenze, 18 ottobre 2013 Indice La gestione della variabile finanziaria Il rendiconto finanziario: normativa e principi contabili di riferimento

Dettagli

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro La dimensione economico finanziaria del business plan Davide Moro I prospetti economico finanziari Da cosa è costituito un prospetto economicofinanziario Un preventivo economico-finanziario completo richiede

Dettagli

Duplice finalità Interna Esterna

Duplice finalità Interna Esterna Business Plan Cos è? Il Business Plan è uno strumento operativo finalizzato a definire un idea imprenditoriale in termini di tempistica, fattibilità concreta, opportunità economica e compatibilità finanziaria

Dettagli

Syllabus. Livello A. Vers. 1.0. Pag. 1. EBCL International - EBCL-Italia

Syllabus. Livello A. Vers. 1.0. Pag. 1. EBCL International - EBCL-Italia Syllabus Vers. 1.0 Livello A Pag. 1 Indice dei moduli MODULO 1: Redazione del Bilancio 3 MODULO 2: Analisi di Bilancio 5 MODULO 3: Analisi dei Costi 6 MODULO 4: Elementi di Diritto Commerciale 7 Pag. 2

Dettagli

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

PROGRAMMA EBCL LIVELLO A CORSO AVANZATO (60 ORE)

PROGRAMMA EBCL LIVELLO A CORSO AVANZATO (60 ORE) PROGRAMMA EBCL LIVELLO A CORSO AVANZATO (60 ORE) MODULO 1 REDAZIONE DEL BILANCIO Saper leggere un bilancio d esercizio (Stato Patrimoniale e Conto Economico). Conoscere e analizzare gli elementi fondamentali

Dettagli

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Esame di Stato anno scolastico 2014/2015 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

Denominazione Società. Business Plan

Denominazione Società. Business Plan Denominazione Società Business Plan 20 20 Analisi effettuata il XX.XX.XX A cura di: Schema di Business Plan Università degli Studi di Trento Sommario del Business Plan 0. NO DISCLOSURE E DISCLAIMER...3

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari IL RENDICONTO FINANZIARIO Prof. Luca Fornaciari 1 SOMMARIO 1. Finalità e Normativa di riferimento 2. Ruolo del Rendiconto nel Bilancio d esercizio 3. Contenuto, Struttura e Metodi d analisi 4. Logiche

Dettagli

Che cos'è il Business Plan?

Che cos'è il Business Plan? Che cos'è il Business Plan? Sintesi del percorso per un piano d'impresa. Di seguito viene riportato un percorso guidato per la stesura di un business plan: si tratta di una traccia esemplificativa sui

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

DALLA BUSINESS IDEA AL BUSINESS PLAN

DALLA BUSINESS IDEA AL BUSINESS PLAN DALLA BUSINESS IDEA AL BUSINESS PLAN LA BUSINESS IDEA È il primo capitolo del business plan rappresentato dall idea imprenditoriale in cui è sintetizzato il settore in cui il progetto di impresa si inserisce,

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

Dinamica dei flussi finanziari

Dinamica dei flussi finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Dinamica dei flussi finanziari Capitolo 4 Indice degli argomenti 1. Il modello a quattro aree 2. Flusso di cassa della gestione corrente

Dettagli

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea tema 14 Controllo di gestione; costi di produzione per commessa. Bilancio con dati a scelta, budget e Nota integrativa. Analisi di bilancio per indici. Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA

LA GESTIONE FINANZIARIA LA GESTIONE FINANZIARIA Nella letteratura la gestione finanziaria viene frequentemente definita come il complesso di decisioni ed operazioni volte a reperire ed impiegare il capitale in impresa. La gestione

Dettagli

FONDO INVESTIMENTI PER LA PATRIMONIALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LEGGE REGIONALE N 12/2011, art.1 DGR n. 4/14 del 27/01/2015

FONDO INVESTIMENTI PER LA PATRIMONIALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LEGGE REGIONALE N 12/2011, art.1 DGR n. 4/14 del 27/01/2015 FONDO INVESTIMENTI PER LA PATRIMONIALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LEGGE REGIONALE N 12/2011, art.1 DGR n. 4/14 del 27/01/2015 Allegato 1 alla domanda di finanziamento Piano di Sviluppo Aziendale - Proposta

Dettagli

Svolgimento Tema di Economia d azienda

Svolgimento Tema di Economia d azienda Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 10 Esame di Stato 2015 Indirizzi: Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Linguistico Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Informatico Svolgimento

Dettagli

La dinamica economica, patrimoniale e finanziaria di impresa

La dinamica economica, patrimoniale e finanziaria di impresa Università degli Studi di Torino Laboratorio "Internazionalizzazione delle imprese: strategie di mercato e di investimento Le dinamiche economiche, patrimoniali e finanziarie dell impresa Massimo Battuello

Dettagli

Il processo di Business Planning e il Business Plan. Vincenzo Corvello

Il processo di Business Planning e il Business Plan. Vincenzo Corvello Il processo di Business Planning e il Business Plan Il problema del finanziamento Le fonti di finanziamento Fonti interne: Riserve di utile Capitale proprio Fonti esterne: Debito Prestiti Obbligazioni

Dettagli

Chi siamo 2 Il Noleggio 3 Leasing, Factoring 4 Finanziamenti Finalizzati 5

Chi siamo 2 Il Noleggio 3 Leasing, Factoring 4 Finanziamenti Finalizzati 5 Ser ziari per i rivenditori Westcon Westcon ha costituito una Business Unit nata con l obiettivo di proporre ai propri rivenditori, innovative, così da arricchire vendita. Chi siamo Il Noleggio Leasing,

Dettagli