AMNESTY INTERNATIONAL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AMNESTY INTERNATIONAL"

Transcript

1 AMNESTY INTERNATIONAL SEZIONE ITALIANA ACQUISTA ONLINE > 13 AMERICHE DUEMILA AMNESTY INTERNATIONAL RAPPORTO 2013 LA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI NEL MONDO STATI UNITI D AMERICA

2 STATI UNITI D AMERICA STATI UNITI D AMERICA AMERICHE Capo di stato e di governo: Barack H. Obama Durante l anno sono stati messi a morte 45 uomini e hanno continuato a destare preoccupazione le terribili condizioni nelle carceri. Decine di detenuti sono rimasti in detenzione militare indefinita a Guantánamo. Sono proseguite le fasi preprocessuali di sei casi giudiziari in cui l amministrazione intendeva chiedere la pena di morte, a seguito di processi celebrati davanti a una commissione militare. Ha continuato a essere motivo di preoccupazione l impiego di forza letale nel contesto dell antiterrorismo, così come il ripetersi di denunce di uso eccessivo della forza in operazioni di ordine pubblico nel paese. CONTROTERRORISMO E SICUREZZA DETENZIONI A GUANTÁNAMO A fine anno, a quasi tre anni dalla scadenza fissata dal presidente Obama per la chiusura della struttura di Guantánamo, nella base erano ancora trattenuti 166 uomini, la stragrande maggioranza dei quali senza accusa o processo penale. Nel corso dell anno sono stati trasferiti dalla base quattro uomini, due dei quali erano stati giudicati colpevoli dalla commissione militare. Due detenuti uiguri, che erano stati trattenuti nella base dal 2002 senza accusa né processo, ad aprile sono stati trasferiti a El Salvador e reinsediati lì. Adnan Farhan Abdul Latif, un cittadino yemenita che aveva più volte espresso la propria sofferenza per la sua detenzione indefinita senza accusa né processo, è morto nel corso dell anno, portando a nove il numero dei detenuti di cui è noto il decesso a Guantánamo, dal gennaio Durante l anno, la Corte suprema degli Usa si è rifiutata di riesaminare le istanze presentate da alcuni detenuti di Guantánamo, le cui detenzioni erano state confermate dalla corte d appello. Tra le altre cose, chiedevano alla Corte suprema di considerare se la sua sentenza del 2008, nel caso Boumediene vs. Bush, secondo cui i detenuti avevano il diritto di impugnare la legittimità della loro detenzione presso la corte federale, fosse stata applicata in maniera tale da negare ai detenuti la significativa revisione promessa. 259

3 RAPPORTO 2013 PROCESSI DEI DETENUTI DI GUANTÁNAMO A maggio, cinque detenuti di Guantánamo, accusati di coinvolgimento diretto negli attacchi agli Usa dell 11 settembre 2001, Khalid Sheikh Mohammed, Walid bin Attash, Ramzi bin al-shibh, Ali Abd al- Aziz e Mustafa al Hawsawi, sono stati chiamati in giudizio in processi capitali davanti alla commissione militare. I processi dei cinque uomini e quello di Abd al-rahim al-nashiri, chiamato in giudizio in un processo capitale nel 2011, a fine 2012 non erano ancora iniziati. Prima di essere trasferiti a Guantánamo nel 2006, i sei uomini erano stati trattenuti in incommunicado in custodia segreta degli Usa, per periodi fino a quattro anni, durante i quali almeno due di loro erano stati torturati. Ad agosto, sono state formulate le accuse a carico del cittadino saudita Ahmed Mohammed al Darbi. Arrestato dalle autorità civili in Azerbaigian nel giugno 2002, fu trasferito alla custodia degli Usa nell agosto 2002 e infine a Guantánamo nel marzo A fine anno, le accuse a suo carico non erano state convalidate per il processo davanti alla commissione militare. A febbraio, il cittadino pakistano Majid Khan si è dichiarato colpevole, ai sensi della legge sulle commissioni militari del 2009 (Military Commissions Act Mca), davanti a un giudice militare a Guantánamo. Secondo i termini del patteggiamento preprocessuale sarà condannato entro e non oltre febbraio 2016, dopo aver collaborato con le autorità statunitensi. Prima di essere condotto a Guantánamo nel 2006, era stato trattenuto in custodia segreta degli Usa e, secondo le accuse, torturato e altrimenti maltrattato. Con lui salgono a sette le persone dichiarate colpevoli da una commissione militare a Guantánamo. Cinque si erano dichiarate colpevoli in cambio della possibilità di un rilascio anticipato dalla custodia statunitense. Due dei cinque sono stati rimpatriati durante l anno: Ibrahim al Qosi a luglio è stato rimandato in Sudan e Omar Khadr, in custodia degli Usa dall età di 15 anni, è stato rimpatriato in Canada a settembre. A ottobre, una corte federale statunitense ha ribaltato il verdetto di colpevolezza a carico di Salim Hamdan per sostegno materiale al terrorismo. La corte d appello ha stabilito che il sostegno materiale al terrorismo non era un crimine di guerra secondo la legislazione statunitense prima dell emanazione dell Mca. DETENZIONI STATUNITENSI IN AFGHANISTAN A giugno, un giudice distrettuale statunitense ha archiviato l istanza di habeas corpus presentata per conto di Zia-ur-Rahman, un cittadino afgano che era stato consegnato alla custodia militare statunitense in Afghanistan nel dicembre 2008 e che da allora è trattenuto senza accusa né processo. Il giudice ha accolto la mozione dell amministrazione statunitense, secondo cui la corte non era la giurisdizione competente sul caso. 260

4 AMERICHE Il 9 settembre, in base a un accordo firmato sei mesi prima, le autorità afgane hanno assunto il controllo delle operazioni relative ai detenuti presso la base statunitense di Bagram. Nonostante le notizie che il 9 marzo le autorità afgane avessero assunto la custodia dei circa 3000 cittadini afgani detenuti a Bagram, i più di 600 reclusi, che sarebbero stati condotti alla base da allora, sono a quanto pare rimasti sotto la giurisdizione militare statunitense, oltre a circa 50 cittadini di nazionalità non afgana (cfr. Afghanistan). A ottobre, un giudice distrettuale statunitense ha archiviato le istanze di habeas corpus di tre cittadini non afgani trattenuti in custodia degli Usa, a Bagram. Secondo le loro istanze, Amin al-bakri era stato prelevato in Thailandia nel 2002; Redha al-najar fu arrestato in Pakistan nel 2002; mentre Fadi al-maqaleh fu detenuto fuori dall Afghanistan nel 2003, nonostante le autorità statunitensi sostenessero che all epoca si trovava in Afghanistan. Nel maggio 2010, la corte d appello degli Usa aveva ribaltato una sentenza della corte distrettuale del 2009, secondo cui i tre detenuti potevano presentare istanza per contestare la legittimità della loro detenzione. Gli avvocati dei detenuti hanno successivamente presentato istanze modificate presso la corte distrettuale, aggiungendo nuove informazioni che ritenevano poter scardinare la sentenza della corte d appello. Tuttavia, la corte distrettuale si è espressa in maniera contraria. A novembre, un giudice distrettuale statunitense ha archiviato l istanza di habeas corpus di un altro detenuto in custodia degli Usa, a Bagram. Amanatullah, un cittadino pakistano, si trovava trattenuto presso la base da diversi anni. Era uno dei due uomini catturati dalle forze britanniche in Iraq a febbraio 2004, passato poi sotto la custodia statunitense e trasferito in Afghanistan. A fine anno, entrambi rimanevano detenuti senza accusa né processo a Bagram, sotto la custodia statunitense. IMPUNITÀ La mancanza di un accertamento delle responsabilità per i crimini di diritto internazionale commessi sotto l amministrazione del presidente George W. Bush, in relazione al programma di detenzione segreta della Cia, si è ulteriormente radicata. Il 30 agosto, il ministro della Giustizia degli Usa ha annunciato la chiusura delle indagini penali sulla morte di due persone che si trovavano in custodia statunitense, al di fuori del territorio degli Usa. Ha dichiarato che nessuno avrebbe dovuto rispondere di accuse penali in relazione ai due decessi, che si ritiene siano avvenuti in Afghanistan nel 2002 e in Iraq nel Tale decisione faceva seguito all annuncio nel giugno 2011 della conclusione del riesame preliminare degli interrogatori del programma della Cia e del fatto che, tranne per ciò che riguardava i due decessi, non erano previste ulteriori indagini. 261

5 RAPPORTO 2013 IMPIEGO DI FORZA LETALE È proseguita durante l anno la cosiddetta uccisione mirata di sospetti terroristi da parte degli Usa, in paesi come Pakistan, Somalia e Yemen, in particolare attraverso l impiego di mezzi aerei senza pilota. Le informazioni disponibili, limitate dal segreto ufficiale, indicano che la linea politica degli Usa ha autorizzato esecuzioni extragiudiziali in violazione delle norme internazionali sui diritti umani, in base alla teoria sostenuta dagli Usa di una guerra globale contro al-qaeda e gruppi associati. USO ECCESSIVO DELLA FORZA Almeno 42 persone in 20 stati sono morte dopo essere state colpite da taser della polizia, portando il numero totale di questo tipo di decessi a 540 dal Le taser sono citate come causa o concausa in più di 60 decessi. La maggior parte delle persone morte dopo essere state colpite da una taser non erano armate e non apparivano rappresentare una grave minaccia nel momento in cui era stata impiegata quest arma. A maggio, l Associazione cardiologi americani ha pubblicato un rapporto che presenta il primo documento scientifico, condotto previa revisione paritaria, in cui si conclude che le taser possono causare arresto cardiaco e morte. Lo studio analizza informazioni contenute in rapporti di autopsia, referti medici e dati della polizia relativi a otto casi, in cui persone avevano perso conoscenza dopo essere state colpite da scarica elettrica con un arma taser X26. Il 20 giugno, il trentanovenne Macadam Mason è morto davanti alla sua abitazione a Thetford, nel Vermont, dopo essere stato colpito con una taser impiegata da un agente della polizia statale. A settembre, l ufficio del medico legale del New Hampshire ha concluso che Macadam Mason aveva avuto un arresto cardiaco improvviso dovuto alla scarica dell arma a conduzione elettrica. A ottobre, il dipartimento dell ufficio dell ispettore generale della sicurezza interna ha riferito che stava riesaminando le politiche del corpo della polizia di frontiera degli Usa sull impiego della forza letale. La revisione, che a fine anno era ancora in corso, faceva seguito a una serie di sparatorie mortali da parte di agenti del corpo di polizia di frontiera, lungo il confine degli Usa con il Messico. A ottobre, il sedicenne José Antonio Elena Rodríguez è morto a seguito di ferite d arma da fuoco. Le autorità statunitensi hanno affermato che un agente del corpo di polizia di frontiera di Nogales, in Arizona, aveva aperto il fuoco dopo che due individui, sospettati di traffico di droga erano fuggiti attraverso il confine e avevano iniziato a scagliare pietre. A fine anno, il caso era oggetto d indagine da parte dell Fbi (Federal Bureau of Investigation) e delle autorità messicane. 262

6 AMERICHE Ad aprile, il dipartimento di Giustizia degli Usa ha annunciato che non ci sarebbero stati procedimenti penali o relativi a violazioni dei diritti civili a livello federale per la morte di Sergio Hernández Guereca, un quindicenne al quale un agente del corpo di polizia di frontiera aveva sparato alla testa nel CONDIZIONI CARCERARIE I tassi di carcerazione sono rimasti a livelli storicamente elevati. Migliaia di prigionieri nell intero territorio degli Usa sono rimasti in isolamento in carceri di supermassima sicurezza, confinati in celle per ore al giorno, senza adeguato accesso alla luce naturale, esercizio fisico o programmi di riabilitazione. Le condizioni in questo tipo di strutture hanno violato gli standard internazionali e in alcuni casi si sono configurate come trattamenti crudeli, disumani o degradanti. A ottobre, cinque uomini sono stati estradati dal Regno Unito agli Usa per sostenere un processo per accuse legate al terrorismo, dopo che la Corte europea dei diritti umani aveva rigettato la loro istanza secondo la quale sarebbero stati realmente a rischio di tortura e altro trattamento crudele, disumano o degradante se incarcerati nel carcere supermassimo federale Adx, a Florence, in Colorado. Le autorità statunitensi hanno negato una richiesta avanzata da Amnesty International di visitare il carcere Adx. DIRITTI DEI MINORI A giugno, nel caso Miller vs. Alabama, la Corte suprema degli Usa ha decretato fuorilegge l ergastolo obbligatorio senza possibilità di libertà provvisoria per persone di età inferiore ai 18 anni al momento del reato. La sentenza è giunta due anni dopo che la Corte aveva vietato l ergastolo senza possibilità di libertà provvisoria per i reati diversi dall omicidio, commessi da persone minori di 18 anni. A luglio, Terry Branstad, governatore dell Iowa, ha risposto alla decisione relativa al caso di Miller vs. Alabama, commutando le condanne all ergastolo senza possibilità di libertà provvisoria per 60 anni, per 38 reclusi dell Iowa, giudicati colpevoli di omicidio di primo grado commesso quando avevano meno di 18 anni. Qualsiasi prova attenuante, che non fosse stata presa in considerazione all epoca del processo, a causa dell imposizione automatica della sentenza di ergastolo senza possibilità di libertà provvisoria, è stata ancora una volta ignorata nel provvedimento di commutazione indiscriminata del governatore. DIRITTI DEI MIGRANTI A giugno, la Corte suprema degli Usa ha cassato sezioni chiave della legge sull immigrazione dell Arizona, compresa una disposizione che rendeva reato di stato la ricerca o l ottenimento di un lavoro da parte di migranti irregolari. Tuttavia, la Corte ha mantenuto un articolo che impone alle forze di polizia dello stato di controllare lo status d immigrazione di persone sospettate di essere entrate illegalmente nel paese, malgrado le critiche avan- 263

7 RAPPORTO 2013 zate da gruppi per i diritti umani, secondo cui ciò avrebbe incoraggiato la cosiddetta profilazione razziale, che equivale a prendere di mira le persone unicamente per le loro sembianze o l origine razziale o etnica. A seguito della sentenza, le corti federali hanno confermato legislazioni analoghe in Alabama e Georgia. La proliferazione di leggi statali che prendono di mira i migranti li espone a rischio crescente di discriminazione e ostacola il loro accesso all istruzione e a servizi essenziali di assistenza sanitaria. Crescenti controlli sull immigrazione lungo determinati tratti del confine tra Usa e Messico hanno continuato a spingere migranti irregolari a utilizzare vie particolarmente pericolose attraverso il deserto degli Usa; centinaia di loro sono morti. La maggiore collaborazione tra forze di polizia locale e l autorità dell immigrazione ha esposto le comunità residenti lungo il confine tra Usa e Messico al rischio di subire profilazioni razziali da parte delle forze di polizia locali. I migranti irregolari che sono stati vittime di un crimine, come la tratta di esseri umani e la violenza domestica, hanno incontrato una serie di ostacoli nell accesso alla giustizia. DIRITTO ALLA SALUTE A giugno, la Corte suprema degli Usa ha confermato la legge sull assistenza sanitaria sostenibile, approvata nel 2010, che avrebbe esteso la copertura per l assistenza sanitaria entro il 2014 a oltre 30 milioni di persone negli Usa, prive di assicurazione medica. Mentre alcune delle disposizioni della legge eliminano ostacoli per ottenere un assistenza sanitaria materna di qualità, impedendo ad esempio alle compagnie di assicurazione di addebitare alle donne somme più elevate per la copertura medica, continuano a sussistere divari e ostacoli. A fine anno, la legge sull accertamento delle responsabilità in materia di salute materna era ancora all esame del congresso. DIRITTI DELLE DONNE A ottobre è stata approvata in California la legislazione che pone fuorilegge l incatenamento delle donne recluse a ogni stadio della gravidanza. Si tratta della prima legislazione di questo tipo negli Usa. A giugno è entrata in vigore in Virginia una legislazione che impone alle donne di sottoporsi a ultrasuono prima di avere un aborto. Il congresso non ha provveduto a reiterare la legge contro la violenza sulle donne, che comprende disposizioni che affrontano gli elevati livelli di violenza tra le donne native, e a fornire protezione e servizi per le sopravvissute alla violenza domestica. 264

8 AMERICHE La reiterazione della legge per la protezione delle vittime della tratta, che tutelerebbe le migliaia di persone trafficate ogni anno negli Usa, a fine anno era ferma al congresso. PENA DI MORTE Durante l anno sono stati messi a morte negli Usa 43 prigionieri, tutti uomini, e tutti tramite iniezione letale. In Texas ci sono state 15 esecuzioni. A fine anno, il Texas era responsabile di 492 delle complessive 1320 esecuzioni avvenute negli Usa dal 1976, quando la Corte suprema degli Usa approvò nuove leggi capitali. Ad aprile, il Connecticut è divenuto il 17 stato abolizionista degli Usa. A novembre, l elettorato della California, con una votazione di circa il 53 per cento contro il 47 per cento, ha rigettato la proposizione 34, un iniziativa che avrebbe abolito la pena di morte nello stato e commutato oltre 700 condanne capitali in ergastolo senza possibilità di libertà provvisoria. MISSIONI E RAPPORTI DI AMNESTY INTERNATIONAL Durante l anno, delegati di Amnesty International hanno assistito ai procedimenti davanti alla commissione militare a Guantánamo. USA: Congress has made no such decision Three branches of government, zero remedy for counter-terrorism abuses (AMR 51/008/2012) In hostile terrain: Human rights violations in immigration enforcement in the US southwest (AMR 51/018/2012) USA: Cruel isolation Amnesty International s concerns about conditions in Arizona maximum security prisons (AMR 51/023/2012) USA: Another brick from the wall (AMR 51/028/2012) USA: Wrong court, wrong place, wrong punishment (AMR 51/032/2012) USA: Human rights betrayed 20 years after US ratification of ICCPR, human rights principles sidelined by global war theory (AMR 51/041/2012) USA: Targeted killing policies violate the right to life (AMR 51/047/2012) USA: Deadly formula An international perspective on the 40th anniversary of Furman v. Georgia (AMR 51/050/2012) 265

9 RAPPORTO 2013 USA: The edge of endurance Prison conditions in California s Security Housing Units (AMR 51/060/2012) USA: One-way accountability Guantánamo detainee pleads guilty; details of government crimes against him remain classified top secret (AMR 51/063/2012) USA: Texas Still, doing its worst; 250th execution under current Governor imminent (AMR 51/092/2012) USA: Truth, Justice and the American way? Details of crimes under international law still classified Top Secret (AMR 51/099/2012) SURINAME REPUBBLICA DEL SURINAME Capo di stato e di governo: Desiré Delano Bouterse Un emendamento alla legge di amnistia ha impedito il processo del presidente Bouterse e di altre 24 persone accusate dell esecuzione extragiudiziale di 15 oppositori politici nel IMPUNITÀ Ad aprile, l assemblea nazionale ha approvato un emendamento alla legge di amnistia del 1992, che estende il periodo coperto dalla legge dall aprile 1980 all agosto 1992, comprendendo pertanto la tortura e l esecuzione extragiudiziale di 15 oppositori ad opera dell allora governo militare, nel dicembre A novembre 2007, 25 persone, tra cui il presidente Desiré Delano Dési Bouterse, all epoca leader militare del paese, furono processate davanti a un tribunale militare per le uccisioni. La legge così emendata garantisce l amnistia a quanti hanno commesso reati e/o sono sospettati di averlo fatto nel contesto della difesa dello stato e/o del rovesciamento delle autorità legittime, come nel caso degli eventi occorsi durante il dicembre 1982 e la guerra civile, allo scopo di promuovere l unità nazionale e il successivo ininterrotto sviluppo della Repubblica del Suriname. 266

ACQUISTA ONLINE > REPUBBLICA DOMINICANA AMERICHE

ACQUISTA ONLINE > REPUBBLICA DOMINICANA AMERICHE ACQUISTA ONLINE > REPUBBLICA DOMINICANA 11 AMERICHE DUEMILA AMERICHE ha adottato a schiacciante maggioranze (187 voti favorevoli e due contrari) una risoluzione che chiede agli Usa di porre fine all embargo

Dettagli

Dichiarazione universale dei diritti umani di Mauro Rovera

Dichiarazione universale dei diritti umani di Mauro Rovera Dichiarazione universale dei diritti umani di Mauro Rovera Firmata a Parigi il 10 dicembre 1948 dalle nazioni membre dell ONU, per impedire che le atrocità compiute nella guerra appena precedente (1939-1945)

Dettagli

ITALIA REPUBBLICA ITALIANA. Capo di stato: Giorgio Napolitano. Capo di governo: Matteo Renzi

ITALIA REPUBBLICA ITALIANA. Capo di stato: Giorgio Napolitano. Capo di governo: Matteo Renzi ITALIA REPUBBLICA ITALIANA Capo di stato: Giorgio Napolitano Capo di governo: Matteo Renzi Oltre 170.000 rifugiati e migranti che cercavano di raggiungere l Italia dall Africa del Nord su imbarcazioni

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL

AMNESTY INTERNATIONAL AMNESTY INTERNATIONAL SEZIONE ITALIANA ACQUISTA ONLINE > 13 DUEMILA AMNESTY INTERNATIONAL RAPPORTO 2013 LA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI NEL MONDO MEDIO ORIENTE E AFRICA DEL NORD MAROCCO E SAHARA OCCIDENTALE

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL

AMNESTY INTERNATIONAL AMNESTY INTERNATIONAL SEZIONE ITALIANA ACQUISTA ONLINE > 13 AMERICHE CUBA DUEMILA AMNESTY INTERNATIONAL RAPPORTO 2013 LA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI NEL MONDO AMERICHE rezza. A settembre, circa 12 milioni

Dettagli

EUROPA E ASIA CENTRALE

EUROPA E ASIA CENTRALE ACQUISTA ONLINE > EUROPA E ASIA CENTRALE 11 POLONIA DUEMILA POLONIA REPUBBLICA DI POLONIA EUROPA E ASIA CENTRALE Capo di stato: Bronisław Komorowski (subentrato a Lech Kaczyński ad agosto) Capo del governo:

Dettagli

EUROPA E ASIA CENTRALE SLOVACCHIA

EUROPA E ASIA CENTRALE SLOVACCHIA AMNESTY INTERNATIONAL SEZIONE ITALIANA ACQUISTA ONLINE > 13 DUEMILA AMNESTY INTERNATIONAL RAPPORTO 2013 LA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI NEL MONDO EUROPA E ASIA CENTRALE SLOVACCHIA RAPPORTO 2013 indotte

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL

AMNESTY INTERNATIONAL AMNESTY INTERNATIONAL SEZIONE ITALIANA ACQUISTA ONLINE > 13 DUEMILA AMNESTY INTERNATIONAL RAPPORTO 2013 LA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI NEL MONDO ASIA E PACIFICO COREA DEL NORD RAPPORTO 2013 COREA DEL

Dettagli

EUROPA E ASIA CENTRALE

EUROPA E ASIA CENTRALE ACQUISTA ONLINE > EUROPA E ASIA CENTRALE 11 GERMANIA DUEMILA RAPPORTO 2011 GERMANIA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA Capo di stato: Christian Wulff (subentrato a Horst Köhler a luglio) Capo del governo:

Dettagli

EUROPA E ASIA CENTRALE SPAGNA

EUROPA E ASIA CENTRALE SPAGNA AMNESTY INTERNATIONAL SEZIONE ITALIANA ACQUISTA ONLINE > 13 DUEMILA AMNESTY INTERNATIONAL RAPPORTO 2013 LA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI NEL MONDO EUROPA E ASIA CENTRALE SPAGNA RAPPORTO 2013 ROM Ancora

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL

AMNESTY INTERNATIONAL AMNESTY INTERNATIONAL SEZIONE ITALIANA ACQUISTA ONLINE > 13 DUEMILA AMNESTY INTERNATIONAL RAPPORTO 2013 LA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI NEL MONDO ASIA E PACIFICO NEPAL ASIA E PACIFICO Revisiting human

Dettagli

EUROPA E ASIA CENTRALE CROAZIA

EUROPA E ASIA CENTRALE CROAZIA AMNESTY INTERNATIONAL SEZIONE ITALIANA ACQUISTA ONLINE > 13 DUEMILA AMNESTY INTERNATIONAL RAPPORTO 2013 LA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI NEL MONDO EUROPA E ASIA CENTRALE CROAZIA EUROPA E ASIA CENTRALE SPARIZIONI

Dettagli

Rapporto 2012 di Amnesty International sullo Stato Italiano

Rapporto 2012 di Amnesty International sullo Stato Italiano Rapporto 2012 di Amnesty International sullo Stato Italiano Sono proseguiti gli sgomberi forzati di comunità rom e la discriminazione nei loro confronti. A novembre, il Consiglio di Stato ha dichiarato

Dettagli

Il caso Battisti: quali strumenti per la risoluzione della controversia internazionale sorta tra Italia e Brasile?

Il caso Battisti: quali strumenti per la risoluzione della controversia internazionale sorta tra Italia e Brasile? Il caso Battisti: quali strumenti per la risoluzione della controversia internazionale sorta tra Italia e Brasile? di Anna De Luca Seguendo il parere della Avvocatura dello Stato, nel dicembre 2010 l ex

Dettagli

AFRICA SUBSAHARIANA SIERRA LEONE

AFRICA SUBSAHARIANA SIERRA LEONE AMNESTY INTERNATIONAL SEZIONE ITALIANA ACQUISTA ONLINE > 13 DUEMILA AMNESTY INTERNATIONAL RAPPORTO 2013 LA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI NEL MONDO AFRICA SUBSAHARIANA SIERRA LEONE AFRICA SUBSAHARIANA A

Dettagli

Luca Masera. Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio

Luca Masera. Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio Luca Masera Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio 1. Per comprendere davvero quello che è successo e sta succedendo a Lampedusa, credo sia utile cercare di inserire tale vicenda all interno del

Dettagli

AFRICA SUBSAHARIANA GAMBIA

AFRICA SUBSAHARIANA GAMBIA AMNESTY INTERNATIONAL SEZIONE ITALIANA ACQUISTA ONLINE > 13 DUEMILA AMNESTY INTERNATIONAL RAPPORTO 2013 LA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI NEL MONDO AFRICA SUBSAHARIANA GAMBIA GAMBIA AFRICA SUBSAHARIANA REPUBBLICA

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

GINEVRA / ROMA (11 luglio 2014) - Il Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulla detenzione

GINEVRA / ROMA (11 luglio 2014) - Il Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulla detenzione I t a l i a / de t enz ione a rb i t r a r i a : "G l i e sper t i de l l e Naz ion i Uni t e ch i edono d i i n t e r ven i r e per por re fne a l sov ra f f o l l amento de l l e ca r ce r i e per pro

Dettagli

LA PENA DI MORTE Ambra - 3^C

LA PENA DI MORTE Ambra - 3^C LA PENA DI MORTE Ambra - 3^C La pena di morte, chiamata anche pena capitale, è l'uccisione di un individuo ordinata da un tribunale in seguito ad una condanna. Ci sono paesi dove è prevista la pena di

Dettagli

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti e tanto altro. SIMULAZIONE DEL

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

EUROPA E ASIA CENTRALE GRECIA

EUROPA E ASIA CENTRALE GRECIA AMNESTY INTERNATIONAL SEZIONE ITALIANA ACQUISTA ONLINE > 13 DUEMILA AMNESTY INTERNATIONAL RAPPORTO 2013 LA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI NEL MONDO EUROPA E ASIA CENTRALE GRECIA RAPPORTO 2013 GRECIA REPUBBLICA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FORGIONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FORGIONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1206 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato FORGIONE Introduzione dell articolo 593-bis del codice penale concernente il reato di tortura

Dettagli

La Convenzione europea dei diritti dell uomo tutela i nostri diritti

La Convenzione europea dei diritti dell uomo tutela i nostri diritti La Convenzione europea dei diritti dell uomo tutela i nostri diritti www.fattorediprotezione-d.ch La Convenzione europea dei diritti dell uomo ci protegge tutti In materia di diritti umani, la Svizzera

Dettagli

DALLA SOLIDARIETÀ AL DIRITTO: I RIFUGIATI E L ASILO

DALLA SOLIDARIETÀ AL DIRITTO: I RIFUGIATI E L ASILO Università degli Studi di Milano - Bicocca Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento Giuridico delle Istituzioni Nazionali ed Europee In collaborazione con Amnesty International Sezione Italiana - Associazione

Dettagli

I dati sulla pena di morte nel 2006 - Numero speciale maggio 2007

I dati sulla pena di morte nel 2006 - Numero speciale maggio 2007 La newsletter del Coordinamento pena di morte Amnesty International Sezione Italiana I dati sulla pena di morte nel 2006 - Numero speciale maggio 2007 In questo numero: 1. Editoriale 2. Le informazioni

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL

AMNESTY INTERNATIONAL AMNESTY INTERNATIONAL SEZIONE ITALIANA ACQUISTA ONLINE > 13 DUEMILA AMNESTY INTERNATIONAL RAPPORTO 2013 LA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI NEL MONDO ASIA E PACIFICO MYANMAR RAPPORTO 2013 MYANMAR REPUBBLICA

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL

AMNESTY INTERNATIONAL Pubblicazioni Centro Studi per la Pace AMNESTY INTERNATIONAL RAPPORTO ANNUALE 2006 Roma, 23 maggio 2006 Comunicato stampa Scheda inerente alla situazione italiana Cfr. http://www.amnesty.it/pressroom/ra2006/index.html?page=ra2006

Dettagli

L abolizione della pena di morte in Italia

L abolizione della pena di morte in Italia L abolizione della pena di morte in Italia 1. Dal Medioevo all Ottocento: il primato della Toscana. La pena capitale cominciò ad essere applicata in Italia dall Imperatore Enrico II, all inizio dell XI

Dettagli

La pena di morte. Vorrei iniziare a parlarvi della pena di morte spiegandovi che cosa significa: la pena capitale è

La pena di morte. Vorrei iniziare a parlarvi della pena di morte spiegandovi che cosa significa: la pena capitale è La pena di morte Vorrei iniziare a parlarvi della pena di morte spiegandovi che cosa significa: la pena capitale è intesa come l uccisione di un criminale decisa da un tribunale, dopo una condanna. In

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA IN TEMA DI TUTELA DEI DIRITTI UMANI Aggiornato al 31 ottobre 2014

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA IN TEMA DI TUTELA DEI DIRITTI UMANI Aggiornato al 31 ottobre 2014 OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA IN TEMA DI TUTELA DEI DIRITTI UMANI Aggiornato al 31 ottobre 2014 A cura di LUCIA SIPALA H. c. Regno Unito, Corte Europea dei Diritti dell' Uomo, 16 Settembre 2014 Questa

Dettagli

[ La pena di morte negli USA, fatti e cifre

[ La pena di morte negli USA, fatti e cifre [ La pena di morte negli USA, fatti e cifre [ Breve storia della pena di morte negli USA Negli anni 30 ci sono state più esecuzioni che in qualsiasi altro decennio della storia degli Stati Uniti d America

Dettagli

Corte internazionale di giustizia, Affare del Mandato di arresto dell 11 aprile 2000 (Repubblica democratica del Congo c. Belgio)

Corte internazionale di giustizia, Affare del Mandato di arresto dell 11 aprile 2000 (Repubblica democratica del Congo c. Belgio) Corte internazionale di giustizia, Affare del Mandato di arresto dell 11 aprile 2000 (Repubblica democratica del Congo c. Belgio), sentenza del 14 febbraio 2002 58. La Corte ha esaminato attentamente la

Dettagli

ACQUISTA ONLINE > MEDIO ORIENTE E AFRICA DEL NORD AUTORITÀ PALESTINESE

ACQUISTA ONLINE > MEDIO ORIENTE E AFRICA DEL NORD AUTORITÀ PALESTINESE ACQUISTA ONLINE > MEDIO ORIENTE 11 E AFRICA DEL NORD AUTORITÀ PALESTINESE DUEMILA MEDIO ORIENTE E AFRICA DEL NORD PALESTINESE, AUTORITÀ AUTORITÀ PALESTINESE Capo dell Autorità Palestinese: Mahmoud Abbas

Dettagli

Violazioni dei diritti umani dei migranti e dei loro difensori

Violazioni dei diritti umani dei migranti e dei loro difensori Violazioni dei diritti umani dei migranti e dei loro difensori Chi sono i difensori dei diritti umani dei migranti centroamericani I difensori dei diritti umani sono singoli, organizzazioni e reti della

Dettagli

Diritti umani e attori non-statali. Il caso dell ISIS e degli altri gruppi armati attivi in Siria ed Iraq

Diritti umani e attori non-statali. Il caso dell ISIS e degli altri gruppi armati attivi in Siria ed Iraq Diritti umani e attori non-statali Il caso dell ISIS e degli altri gruppi armati attivi in Siria ed Iraq Programma della lezione Inquadramento generale del problema: gli attori nonstatali sono obbligati

Dettagli

Accoglimento totale del 03/11/2015 RG n. 2031/2014

Accoglimento totale del 03/11/2015 RG n. 2031/2014 R.G. n. 2031/2014 Accoglimento totale del 03/11/2015 RG n. 2031/2014 TRIBUNALE ORDINARIO DI TRIESTE SEZIONE CIVILE Il Tribunale in composizione monocratica, in persona del giudice dottor Mauro Sonego nel

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Terza Sezione)

ORDINANZA DELLA CORTE (Terza Sezione) ORDINANZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 21 marzo 2013 (*) «Articolo 99 del regolamento di procedura Spazio di libertà, sicurezza e giustizia Direttiva 2008/115/CE Norme e procedure comuni in materia di rimpatrio

Dettagli

Diritti Umani una materia dimenticata QUESTIONARIO RICOGNITIVO. diritti umani pena di morte tortura. SEZIONE A: Diritti Umani

Diritti Umani una materia dimenticata QUESTIONARIO RICOGNITIVO. diritti umani pena di morte tortura. SEZIONE A: Diritti Umani Diritti Umani una materia dimenticata diritti umani pena di morte tortura QUESTIONARIO RICOGNITIVO SEZIONE A: Diritti Umani 1. Scegli, tra le seguenti definizioni di diritti umani, quella che ritieni più

Dettagli

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Disposizioni per conformare il diritto interno alla Decisione quadro 2008/909/GAI relativa all applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL

AMNESTY INTERNATIONAL AMNESTY INTERNATIONAL SEZIONE ITALIANA ACQUISTA ONLINE > 13 AMERICHE BRASILE DUEMILA AMNESTY INTERNATIONAL RAPPORTO 2013 LA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI NEL MONDO RAPPORTO 2013 Open letter to the authorities

Dettagli

Conferenza stampa di presentazione del Rapporto 2014-2015. Intervento di Antonio Marchesi

Conferenza stampa di presentazione del Rapporto 2014-2015. Intervento di Antonio Marchesi Conferenza stampa di presentazione del Rapporto 2014-2015 Intervento di Antonio Marchesi 1) Il Rapporto 2014-2015, che presentiamo oggi, contiene informazioni sulla situazione dei diritti umani in 160

Dettagli

SOLO BOZZA Documento preparato dal Sig. Giudice Fulford Proposta Introduzione e sviluppi passati

SOLO BOZZA Documento preparato dal Sig. Giudice Fulford Proposta Introduzione e sviluppi passati SOLO BOZZA Documento preparato dal Sig. Giudice Fulford Proposta 1. Avendo ormai esaminato questo settore con una certa attenzione, non sono convinto che sarebbe utile inviare un questionario sull argomento.

Dettagli

CORTE EUROPEA DEI DOMANDE E RISPOSTE DIRITTI DELL UOMO: CANCELLERIA DELLA CORTE

CORTE EUROPEA DEI DOMANDE E RISPOSTE DIRITTI DELL UOMO: CANCELLERIA DELLA CORTE CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DE UOMO: DOMANDE E RISPOSTE CANCEERIA DEA CORTE COS È A CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DE UOMO? a Corte europea dei Diritti dell Uomo è un tribunale internazionale con sede a Strasburgo.

Dettagli

ORIENTAMENTI PER UNA POLITICA DELL'UE NEI CONFRONTI DEI PAESI TERZI IN MATERIA DI TORTURA E ALTRE PENE O TRATTAMENTI CRUDELI, DISUMANI O DEGRADANTI

ORIENTAMENTI PER UNA POLITICA DELL'UE NEI CONFRONTI DEI PAESI TERZI IN MATERIA DI TORTURA E ALTRE PENE O TRATTAMENTI CRUDELI, DISUMANI O DEGRADANTI ORIENTAMENTI PER UNA POLITICA DELL'UE NEI CONFRONTI DEI PAESI TERZI IN MATERIA DI TORTURA E ALTRE PENE O TRATTAMENTI CRUDELI, DISUMANI O DEGRADANTI (Aggiornamento degli orientamenti) OBIETTIVO L'obiettivo

Dettagli

Giustizia, litigiosità, criminalità

Giustizia, litigiosità, criminalità Giustizia, litigiosità, criminalità Definizioni correnti Adozione La materia è disciplinata dalla legge n. 184 del 1983, modificata sia nell ambito dell adozione di minori stranieri dalla legge n. 476

Dettagli

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo Violenza sulle donne In ogni parte del mondo Più della metà della popolazione mondiale femminile è vittima di molteplici forme di violenza. A ogni latitudine, in qualsiasi paese, in contesti sociali diversi

Dettagli

Situazione odierna, reinsediamento e ricollocazione

Situazione odierna, reinsediamento e ricollocazione Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Segreteria di Stato della migrazione SEM Scheda informativa Data: 18.09.2015 Situazione odierna, reinsediamento e ricollocazione 1.1 Situazione in Siria

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL

AMNESTY INTERNATIONAL AMNESTY INTERNATIONAL SEZIONE ITALIANA ACQUISTA ONLINE > 13 AMERICHE MESSICO DUEMILA AMNESTY INTERNATIONAL RAPPORTO 2013 LA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI NEL MONDO RAPPORTO 2013 A dicembre è stata approvata

Dettagli

CARTA ARABA DEI DIRITTI DELL UOMO. I governi degli Stati membri della Lega degli Stati Arabi,

CARTA ARABA DEI DIRITTI DELL UOMO. I governi degli Stati membri della Lega degli Stati Arabi, CARTA ARABA DEI DIRITTI DELL UOMO I governi degli Stati membri della Lega degli Stati Arabi, Preambolo Premessa la fede della nazione Araba nella dignità dell uomo, sin da quando Allah l ha onorata facendo

Dettagli

Lungo cammino verso la libertà. Corso introduttivo alla conoscenza dei diritti umani e delle loro violazioni. La pena di morte XXIII INCONTRO

Lungo cammino verso la libertà. Corso introduttivo alla conoscenza dei diritti umani e delle loro violazioni. La pena di morte XXIII INCONTRO Lungo cammino verso la libertà Corso introduttivo alla conoscenza dei diritti umani e delle loro violazioni La pena di morte XXIII INCONTRO Occorre porsi due domande La pena di morte è giusta? La pena

Dettagli

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67.

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. di G. MAZZI (Intervento al Corso avvocati presso Il Tribunale militare di Roma il 20 novembre 2014) 1. Considerazioni generali.

Dettagli

Sentenza n. 315/2015 pubbl. il 05/03/2015 RG n. 1267/2014

Sentenza n. 315/2015 pubbl. il 05/03/2015 RG n. 1267/2014 N. R.G. 1267/2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte di Appello di Bari, prima sezione civile, riunita in camera di consiglio e composta dai magistrati: - dr. Vito SCALERA presidente

Dettagli

Domande frequenti sulla trasmissione dei dati dei passeggeri di voli tra l Unione Europea e gli Stati Uniti d America alle autorità statunitensi

Domande frequenti sulla trasmissione dei dati dei passeggeri di voli tra l Unione Europea e gli Stati Uniti d America alle autorità statunitensi ALLEGATO 2 Domande frequenti sulla trasmissione dei dati dei passeggeri di voli tra l Unione Europea e gli Stati Uniti d America alle autorità statunitensi 1. Quali informazioni sui passeggeri vengono

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2013 RELAZIONE DI CARLOTTA SAMI, DIRETTRICE DI AMNESTY INTERNATIONAL ITALIA

RAPPORTO ANNUALE 2013 RELAZIONE DI CARLOTTA SAMI, DIRETTRICE DI AMNESTY INTERNATIONAL ITALIA RAPPORTO ANNUALE 2013 RELAZIONE DI CARLOTTA SAMI, DIRETTRICE DI AMNESTY INTERNATIONAL ITALIA I dati a vostra disposizione, oltre ai singoli capitoli del Rapporto annuale, testimoniano come il 2012 sia

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di TORINO SEZIONE I CIVILE PROTEZIONE INTERNAZIONALE Dott.ssa G. RATTI ORDINANZA

TRIBUNALE ORDINARIO di TORINO SEZIONE I CIVILE PROTEZIONE INTERNAZIONALE Dott.ssa G. RATTI ORDINANZA N. R.G. 2012/25444 TRIBUNALE ORDINARIO di TORINO SEZIONE I CIVILE PROTEZIONE INTERNAZIONALE Dott.ssa G. RATTI ha pronunciato la seguente: Pagina 1 ORDINANZA Ex artt. 35 del d. lgs. 28.1.2008 n. 25 e 19

Dettagli

ACQUISTA ONLINE > AFRICA SUBSAHARIANA SIERRA LEONE

ACQUISTA ONLINE > AFRICA SUBSAHARIANA SIERRA LEONE ACQUISTA ONLINE > AFRICA SUBSAHARIANA 11 SIERRA LEONE DUEMILA AFRICA SUBSAHARIANA fatto che la pubblica accusa avesse violato il divieto di leggi penali retroattive contenuto nella Carta africana dei diritti

Dettagli

STATUTO dell ASSOCIAZIONE HUMAN RIGHTS AWARENESS

STATUTO dell ASSOCIAZIONE HUMAN RIGHTS AWARENESS STATUTO dell ASSOCIAZIONE HUMAN RIGHTS AWARENESS CAPITOLO I. DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1. Denominazione e sede Si costituisce un organizzazione culturale denominata HUMAN RIGHTS AWARENESS ( Consapevolezza

Dettagli

Avocats sans Frontières Italia

Avocats sans Frontières Italia Avocats sans Frontières Italia BAMBINI SOLDATO IN AFRICA UN DRAMMA NEL DRAMMA Presentazione del Rapporto di Amnesty International 21.000 bambini soldato in Liberia Roma 8 Novembre 2004 Processabilità e

Dettagli

Le vie che conducono al Tribunale federale Sintesi dell organizzazione giudiziaria in Svizzera

Le vie che conducono al Tribunale federale Sintesi dell organizzazione giudiziaria in Svizzera Le vie che conducono al Tribunale federale Sintesi dell organizzazione giudiziaria in Svizzera Indice Indice Indice Introduzione I. Tribunali e giudici A A livello cantonale 1 Tribunali civili a L autorità

Dettagli

Legislazione minorile. Indice. 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Legislazione minorile. Indice. 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE V LA COMPETENZA AMMINISTRATIVA DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI PROF. GIANLUCA GUIDA Indice 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Combattere le violazioni: per chi lavora Amnesty International ---- INDICE DELL UNITA

Combattere le violazioni: per chi lavora Amnesty International ---- INDICE DELL UNITA Combattere le violazioni: per chi lavora Amnesty International ---- INDICE DELL UNITA Premessa 1. Una missione dinamica 2. Le persone di cui si occupa AI 2.1 Prigionieri/e di coscienza 2.2 Detenuti/e senza

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO PRIMA SEZIONE ISMOILOV ED ALTRI c. RUSSIA (Ricorso n. 2947/06) SENTENZA STRASBURGO 24 aprile 2008 Questa sentenza diventerà definitiva alle condizioni

Dettagli

Principi comuni riguardo all'espulsione di immigrati irregolari e di richiedenti asilo che non hanno ottenuto lo status di rifugiato

Principi comuni riguardo all'espulsione di immigrati irregolari e di richiedenti asilo che non hanno ottenuto lo status di rifugiato EUROPEAN COUNCIL ON REFUGEES AND EXILES federazione delle chiese evangeliche in italia Principi comuni riguardo all'espulsione di immigrati irregolari e di richiedenti asilo che non hanno ottenuto lo status

Dettagli

La controversia tra Italia e Brasile sul caso Battisti tra rimedi interni e internazionali

La controversia tra Italia e Brasile sul caso Battisti tra rimedi interni e internazionali La controversia tra Italia e Brasile sul caso Battisti tra rimedi interni e internazionali di Marina Castellaneta ** La decisione dell ex Presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva di negare l estradizione

Dettagli

363 Legge federale sull utilizzo di profili del DNA nel procedimento penale e per l identificazione di persone sconosciute o scomparse

363 Legge federale sull utilizzo di profili del DNA nel procedimento penale e per l identificazione di persone sconosciute o scomparse Legge federale sull utilizzo di profili del DNA nel procedimento penale e per l identificazione di persone sconosciute o scomparse (Legge sui profili del DNA) del 20 giugno 2003 (Stato 1 gennaio 2015)

Dettagli

INDICE CAPITOLO 1 LA COOPERAZIONE GIUDIZIARIA IN MATERIA PENALE NELL UNIONE EUROPEA

INDICE CAPITOLO 1 LA COOPERAZIONE GIUDIZIARIA IN MATERIA PENALE NELL UNIONE EUROPEA INDICE Prefazione... xi CAPITOLO 1 LA COOPERAZIONE GIUDIZIARIA IN MATERIA PENALE NELL UNIONE EUROPEA I. La cooperazione intergovernativa degli anni settanta e ottanta... 2 II. Il «terzo pilastro»... 7

Dettagli

Parte Prima Le fonti del diritto internazionale

Parte Prima Le fonti del diritto internazionale Parte Prima Le fonti del diritto internazionale 1. Statuto della Corte Internazionale di Giustizia (Articolo estratto)... Pag. 9 2. Convenzione sul diritto dei trattati...» 9 3. Convenzione sulla successione

Dettagli

Questionario n. 7 Diritto penale militare

Questionario n. 7 Diritto penale militare Questionario n. 7 Diritto penale militare 1) Che differenza c è tra codice penale militare di pace (c.p.m.p.) e codice penale militare di guerra (c.p.m.g.)? A) il codice penale militare di pace non si

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI (Avvertenza: testo emendato dalla redazione; Gazzetta ufficiale no. 148 del 20.12.2012 testo emendato e no. 25 del 28.02.2013, nelle quali è indicato il periodo della loro entrata in vigore) CODICE DI

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

Gli Stati membri del Consiglio d Europa, firmatari della presente Convenzione,

Gli Stati membri del Consiglio d Europa, firmatari della presente Convenzione, Convenzione europea per la prevenzione della tortura e delle pene o trattamenti inumani o degradanti emendata dal Protocollo n. 1 (STE 151) e dal Protocollo n. 2 (STE 152) Strasburgo, 26 novembre 1987

Dettagli

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA CASA BIANCA Ufficio stampa PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA NOSTRA MISSIONE Il discorso del Presidente riafferma l obiettivo

Dettagli

Principi del DIU (Diritto Internazionale Umanitario)

Principi del DIU (Diritto Internazionale Umanitario) Principi del DIU (Diritto Internazionale Umanitario) Corso Volontari Trento 31 gennaio 2013 Istr.DIU Michele Beretta Definizione: Il Diritto Internazionale Umanitario è una branca del diritto Internazionale

Dettagli

Ciao, Tutti possiamo fare qualcosa per fermare la discriminazione. Il Coordinamento Lgbti

Ciao, Tutti possiamo fare qualcosa per fermare la discriminazione. Il Coordinamento Lgbti Ciao, Il 7 giugno con il Roma Pride si è inaugurato l'onda Pride, che vedrà il suo culmine il 28 giugno quando la comunità Lgbti scenderà in strada contemporaneamente in molte città italiane. Attraverso

Dettagli

LEGISLAZIONE NEGLI STATI MEMBRI DEL CONSIGLIO D EUROPA IN MATERIA DI VIOLENZA CONTRO LE DONNE. Esempi di buone prassi LUSSEMBURGO

LEGISLAZIONE NEGLI STATI MEMBRI DEL CONSIGLIO D EUROPA IN MATERIA DI VIOLENZA CONTRO LE DONNE. Esempi di buone prassi LUSSEMBURGO LEGISLAZIONE NEGLI STATI MEMBRI DEL CONSIGLIO D EUROPA IN MATERIA DI VIOLENZA CONTRO LE DONNE Esempi di buone prassi LUSSEMBURGO Le informazioni sono state fornite dal Ministero della Promozione Femminile

Dettagli

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE MODIFICHE ALLA NORMATIVA PENALE, SOSTANZIALE E PROCESSUALE, E ORDINAMENTALE PER IL RAFFORZAMENTO DELLE GARANZIE DIFENSIVE E LA DURATA RAGIONEVOLE DEI PROCESSI E PER UN MAGGIORE

Dettagli

RESPINGIMENTO COLLETTIVO DEGLI IMMIGRATI: LA PAROLA ALLA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO

RESPINGIMENTO COLLETTIVO DEGLI IMMIGRATI: LA PAROLA ALLA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO RESPINGIMENTO COLLETTIVO DEGLI IMMIGRATI: LA PAROLA ALLA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO NOTA A SENTENZA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO, 23 FEBBRAIO 2012 - HIRSI E ALTRI C. ITALIA di Caterina

Dettagli

GIORNATA MONDIALE CONTRO LA PENA DI MORTE 2014: PROTEGGERE LE PERSONE CON DISABILITÀ MENTALI E INTELLETTIVE DALL USO DELLA PENA DI MORTE 1

GIORNATA MONDIALE CONTRO LA PENA DI MORTE 2014: PROTEGGERE LE PERSONE CON DISABILITÀ MENTALI E INTELLETTIVE DALL USO DELLA PENA DI MORTE 1 GIORNATA MONDIALE CONTRO LA PENA DI MORTE 2014: PROTEGGERE LE PERSONE CON DISABILITÀ MENTALI E INTELLETTIVE DALL USO DELLA PENA DI MORTE 1 1 Introduzione Il diritto internazionale e gli standard vietano

Dettagli

GLORIA GAGGIOLI. (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra)

GLORIA GAGGIOLI. (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra) GLORIA GAGGIOLI (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra) L INTERRELAZIONE FRA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO E DIRITTI UMANI La questione della relazione tra il diritto umanitario e i diritti

Dettagli

I REFERENDUM PER UNA GIUSTIZIA GIUSTA

I REFERENDUM PER UNA GIUSTIZIA GIUSTA 515 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com I REFERENDUM PER UNA GIUSTIZIA GIUSTA 12 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 I referendum per una giustizia giusta Responsabilità civile

Dettagli

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17 IL PENALISTA Sommario I. GLI INTERVENTI DI DIRITTO PENALE SOSTANZIALE pag. 9 1. Le modifiche al codice penale: aggravante comune, violenza sessuale, stalking, minaccia semplice pag. 9 2. La nuova aggravante

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Abbreviazioni... INTRODUZIONE OGGETTO E FINALITÀ DELL INDAGINE

INDICE SOMMARIO. Abbreviazioni... INTRODUZIONE OGGETTO E FINALITÀ DELL INDAGINE INDICE SOMMARIO Abbreviazioni... XV INTRODUZIONE OGGETTO E FINALITÀ DELL INDAGINE 1. I tribunali penali internazionalizzati: nozione. Origine e inquadramento del fenomeno... 1 2. Problemi di classificazione

Dettagli

Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta

Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta Un impegno totale per l infanzia. Preambolo Nel preambolo, vengono ricordati i principî fondamentali delle Nazioni Unite e le disposizioni

Dettagli

Politiche sociali per le famiglie. Stefania Mazza 25 marzo 2015

Politiche sociali per le famiglie. Stefania Mazza 25 marzo 2015 Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 25 marzo 2015 La legge ordinaria legge 26 luglio 1975 n. 354 Norme sull Ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative

Dettagli

OPERAZIONI DI CONTRASTO DELLA PIRATERIA IN ACQUE INTERNAZIONALI. Senato 15 giugno 2011 AUDIZIONE DELLA PROF. ANGELA DEL VECCHIO

OPERAZIONI DI CONTRASTO DELLA PIRATERIA IN ACQUE INTERNAZIONALI. Senato 15 giugno 2011 AUDIZIONE DELLA PROF. ANGELA DEL VECCHIO 1 OPERAZIONI DI CONTRASTO DELLA PIRATERIA IN ACQUE INTERNAZIONALI Senato 15 giugno 2011 AUDIZIONE DELLA PROF. ANGELA DEL VECCHIO Signor Presidente, onorevoli Senatori Ringrazio per l onore concessomi e

Dettagli

(traduzione non ufficiale del comunicato stampa a cura della dott. Maria Luisa Schiavone)

(traduzione non ufficiale del comunicato stampa a cura della dott. Maria Luisa Schiavone) Corte Europea dei Diritti dell Uomo (Strasburgo) Caso AKKUM ed altri contro Turchia. Sentenza del 24 marzo 2005. Ricorso n 21894/93. Violazione dell articolo 38 paragrafo 1 a della Convenzione europea

Dettagli

dichiarazione universale dei diritti SEZIONE ITALIANA SEZIONE ITALIANA umani

dichiarazione universale dei diritti SEZIONE ITALIANA SEZIONE ITALIANA umani ichia azion niver alede iritti dichiarazione universale dei diritti SEZIONE ITALIANA umani SEZIONE ITALIANA dichia razione univer saledei dirit tiumani Il 10 dicembre 1948 l Assemblea Generale delle Nazioni

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, secondo l articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d Europa,

Il Comitato dei Ministri, secondo l articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d Europa, Raccomandazione Rec (2012)5 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sul Codice Europeo di Etica per il personale penitenziario (adottata dal Comitato dei Ministri il 12 aprile 2012 nel corso della

Dettagli

Principali Carte, Convenzioni e Dichiarazioni in materia di diritti umani adottate a livello internazionale

Principali Carte, Convenzioni e Dichiarazioni in materia di diritti umani adottate a livello internazionale Principali Carte, Convenzioni e Dichiarazioni in materia di diritti umani adottate a livello internazionale 1 Principali Carte, Convenzioni e Dichiarazioni in materia di diritti umani adottate a livello

Dettagli

TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA DI TORINO, ordinanza 19 giugno 2013; Pres. VIGLINO, Est. VIGNERA; ric. B.

TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA DI TORINO, ordinanza 19 giugno 2013; Pres. VIGLINO, Est. VIGNERA; ric. B. TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA DI TORINO, ordinanza 19 giugno 2013; Pres. VIGLINO, Est. VIGNERA; ric. B. ORDINAMENTO PENITENZIARIO BENEFICI PENITENZIARI MISURE ALTERNATIVE ALLA DETENZIONE AFFIDAMENTO IN PROVA

Dettagli

Violenza contro le donne

Violenza contro le donne Violenza contro le donne La violenza contro le donne, in ogni sua forma, viola i diritti umani e rappresenta un ostacolo significante per l'eguaglianza fra donne e uomini, crea un problema di salute pubblica

Dettagli

CONDANNE A MORTE ED ESECUZIONI NEL 2013

CONDANNE A MORTE ED ESECUZIONI NEL 2013 CONDANNE A MORTE ED ESECUZIONI NEL 2013 Index: ACT 50/001/2014 Amnesty International - marzo 2014 INDICE INTRODUZIONE... 4 LA PENA DI MORTE NEL 2013... 6 DATI GLOBALI... 8 PANORAMICHE REGIONALI... 11 AMERICHE...

Dettagli

CORTE D APPELLO DI APPELLO. per il tramite della Cancelleria del Tribunale di - N. 940/09 R.G. dib N.4728/09 N.R.

CORTE D APPELLO DI APPELLO. per il tramite della Cancelleria del Tribunale di - N. 940/09 R.G. dib N.4728/09 N.R. CORTE D APPELLO DI per il tramite della Cancelleria del Tribunale di - N. 940/09 R.G. dib N.4728/09 N.R. APPELLO Quale difensore di fiducia di, nato il 29.04.1979 in, nato il 13.02.1987 in, e, nata il

Dettagli

ACCOGLIMENTO ED ESPULSIONE DEI CITTADINI STRANIERI

ACCOGLIMENTO ED ESPULSIONE DEI CITTADINI STRANIERI SOMMARIO Presentazione... XIII PARTE PRIMA ACCOGLIMENTO ED ESPULSIONE DEI CITTADINI STRANIERI CAPITOLO 1 L INGRESSO DELLO STRANIERO NEL TERRITORIO DELLO STATO 1. Stranieri e apolidi... 3 2. Le condizioni

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL

AMNESTY INTERNATIONAL AMNESTY INTERNATIONAL SEZIONE ITALIANA ACQUISTA ONLINE > 13 DUEMILA AMNESTY INTERNATIONAL RAPPORTO 2013 LA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI NEL MONDO ASIA E PACIFICO CINA CINA ASIA E PACIFICO REPUBBLICA POPOLARE

Dettagli

CONFLITTI nel MONDO (2015)

CONFLITTI nel MONDO (2015) CONFLITTI nel MONDO (2015) I giornali e le televisioni di tutto il mondo parlano ogni giorno del conflitto in corso tra Israele e Palestina. Continui aggiornamenti sul numero di vittime, sulle brevi tregue

Dettagli