AMNESTY INTERNATIONAL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AMNESTY INTERNATIONAL"

Transcript

1 AMNESTY INTERNATIONAL SEZIONE ITALIANA ACQUISTA ONLINE > 13 AMERICHE DUEMILA AMNESTY INTERNATIONAL RAPPORTO 2013 LA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI NEL MONDO STATI UNITI D AMERICA

2 STATI UNITI D AMERICA STATI UNITI D AMERICA AMERICHE Capo di stato e di governo: Barack H. Obama Durante l anno sono stati messi a morte 45 uomini e hanno continuato a destare preoccupazione le terribili condizioni nelle carceri. Decine di detenuti sono rimasti in detenzione militare indefinita a Guantánamo. Sono proseguite le fasi preprocessuali di sei casi giudiziari in cui l amministrazione intendeva chiedere la pena di morte, a seguito di processi celebrati davanti a una commissione militare. Ha continuato a essere motivo di preoccupazione l impiego di forza letale nel contesto dell antiterrorismo, così come il ripetersi di denunce di uso eccessivo della forza in operazioni di ordine pubblico nel paese. CONTROTERRORISMO E SICUREZZA DETENZIONI A GUANTÁNAMO A fine anno, a quasi tre anni dalla scadenza fissata dal presidente Obama per la chiusura della struttura di Guantánamo, nella base erano ancora trattenuti 166 uomini, la stragrande maggioranza dei quali senza accusa o processo penale. Nel corso dell anno sono stati trasferiti dalla base quattro uomini, due dei quali erano stati giudicati colpevoli dalla commissione militare. Due detenuti uiguri, che erano stati trattenuti nella base dal 2002 senza accusa né processo, ad aprile sono stati trasferiti a El Salvador e reinsediati lì. Adnan Farhan Abdul Latif, un cittadino yemenita che aveva più volte espresso la propria sofferenza per la sua detenzione indefinita senza accusa né processo, è morto nel corso dell anno, portando a nove il numero dei detenuti di cui è noto il decesso a Guantánamo, dal gennaio Durante l anno, la Corte suprema degli Usa si è rifiutata di riesaminare le istanze presentate da alcuni detenuti di Guantánamo, le cui detenzioni erano state confermate dalla corte d appello. Tra le altre cose, chiedevano alla Corte suprema di considerare se la sua sentenza del 2008, nel caso Boumediene vs. Bush, secondo cui i detenuti avevano il diritto di impugnare la legittimità della loro detenzione presso la corte federale, fosse stata applicata in maniera tale da negare ai detenuti la significativa revisione promessa. 259

3 RAPPORTO 2013 PROCESSI DEI DETENUTI DI GUANTÁNAMO A maggio, cinque detenuti di Guantánamo, accusati di coinvolgimento diretto negli attacchi agli Usa dell 11 settembre 2001, Khalid Sheikh Mohammed, Walid bin Attash, Ramzi bin al-shibh, Ali Abd al- Aziz e Mustafa al Hawsawi, sono stati chiamati in giudizio in processi capitali davanti alla commissione militare. I processi dei cinque uomini e quello di Abd al-rahim al-nashiri, chiamato in giudizio in un processo capitale nel 2011, a fine 2012 non erano ancora iniziati. Prima di essere trasferiti a Guantánamo nel 2006, i sei uomini erano stati trattenuti in incommunicado in custodia segreta degli Usa, per periodi fino a quattro anni, durante i quali almeno due di loro erano stati torturati. Ad agosto, sono state formulate le accuse a carico del cittadino saudita Ahmed Mohammed al Darbi. Arrestato dalle autorità civili in Azerbaigian nel giugno 2002, fu trasferito alla custodia degli Usa nell agosto 2002 e infine a Guantánamo nel marzo A fine anno, le accuse a suo carico non erano state convalidate per il processo davanti alla commissione militare. A febbraio, il cittadino pakistano Majid Khan si è dichiarato colpevole, ai sensi della legge sulle commissioni militari del 2009 (Military Commissions Act Mca), davanti a un giudice militare a Guantánamo. Secondo i termini del patteggiamento preprocessuale sarà condannato entro e non oltre febbraio 2016, dopo aver collaborato con le autorità statunitensi. Prima di essere condotto a Guantánamo nel 2006, era stato trattenuto in custodia segreta degli Usa e, secondo le accuse, torturato e altrimenti maltrattato. Con lui salgono a sette le persone dichiarate colpevoli da una commissione militare a Guantánamo. Cinque si erano dichiarate colpevoli in cambio della possibilità di un rilascio anticipato dalla custodia statunitense. Due dei cinque sono stati rimpatriati durante l anno: Ibrahim al Qosi a luglio è stato rimandato in Sudan e Omar Khadr, in custodia degli Usa dall età di 15 anni, è stato rimpatriato in Canada a settembre. A ottobre, una corte federale statunitense ha ribaltato il verdetto di colpevolezza a carico di Salim Hamdan per sostegno materiale al terrorismo. La corte d appello ha stabilito che il sostegno materiale al terrorismo non era un crimine di guerra secondo la legislazione statunitense prima dell emanazione dell Mca. DETENZIONI STATUNITENSI IN AFGHANISTAN A giugno, un giudice distrettuale statunitense ha archiviato l istanza di habeas corpus presentata per conto di Zia-ur-Rahman, un cittadino afgano che era stato consegnato alla custodia militare statunitense in Afghanistan nel dicembre 2008 e che da allora è trattenuto senza accusa né processo. Il giudice ha accolto la mozione dell amministrazione statunitense, secondo cui la corte non era la giurisdizione competente sul caso. 260

4 AMERICHE Il 9 settembre, in base a un accordo firmato sei mesi prima, le autorità afgane hanno assunto il controllo delle operazioni relative ai detenuti presso la base statunitense di Bagram. Nonostante le notizie che il 9 marzo le autorità afgane avessero assunto la custodia dei circa 3000 cittadini afgani detenuti a Bagram, i più di 600 reclusi, che sarebbero stati condotti alla base da allora, sono a quanto pare rimasti sotto la giurisdizione militare statunitense, oltre a circa 50 cittadini di nazionalità non afgana (cfr. Afghanistan). A ottobre, un giudice distrettuale statunitense ha archiviato le istanze di habeas corpus di tre cittadini non afgani trattenuti in custodia degli Usa, a Bagram. Secondo le loro istanze, Amin al-bakri era stato prelevato in Thailandia nel 2002; Redha al-najar fu arrestato in Pakistan nel 2002; mentre Fadi al-maqaleh fu detenuto fuori dall Afghanistan nel 2003, nonostante le autorità statunitensi sostenessero che all epoca si trovava in Afghanistan. Nel maggio 2010, la corte d appello degli Usa aveva ribaltato una sentenza della corte distrettuale del 2009, secondo cui i tre detenuti potevano presentare istanza per contestare la legittimità della loro detenzione. Gli avvocati dei detenuti hanno successivamente presentato istanze modificate presso la corte distrettuale, aggiungendo nuove informazioni che ritenevano poter scardinare la sentenza della corte d appello. Tuttavia, la corte distrettuale si è espressa in maniera contraria. A novembre, un giudice distrettuale statunitense ha archiviato l istanza di habeas corpus di un altro detenuto in custodia degli Usa, a Bagram. Amanatullah, un cittadino pakistano, si trovava trattenuto presso la base da diversi anni. Era uno dei due uomini catturati dalle forze britanniche in Iraq a febbraio 2004, passato poi sotto la custodia statunitense e trasferito in Afghanistan. A fine anno, entrambi rimanevano detenuti senza accusa né processo a Bagram, sotto la custodia statunitense. IMPUNITÀ La mancanza di un accertamento delle responsabilità per i crimini di diritto internazionale commessi sotto l amministrazione del presidente George W. Bush, in relazione al programma di detenzione segreta della Cia, si è ulteriormente radicata. Il 30 agosto, il ministro della Giustizia degli Usa ha annunciato la chiusura delle indagini penali sulla morte di due persone che si trovavano in custodia statunitense, al di fuori del territorio degli Usa. Ha dichiarato che nessuno avrebbe dovuto rispondere di accuse penali in relazione ai due decessi, che si ritiene siano avvenuti in Afghanistan nel 2002 e in Iraq nel Tale decisione faceva seguito all annuncio nel giugno 2011 della conclusione del riesame preliminare degli interrogatori del programma della Cia e del fatto che, tranne per ciò che riguardava i due decessi, non erano previste ulteriori indagini. 261

5 RAPPORTO 2013 IMPIEGO DI FORZA LETALE È proseguita durante l anno la cosiddetta uccisione mirata di sospetti terroristi da parte degli Usa, in paesi come Pakistan, Somalia e Yemen, in particolare attraverso l impiego di mezzi aerei senza pilota. Le informazioni disponibili, limitate dal segreto ufficiale, indicano che la linea politica degli Usa ha autorizzato esecuzioni extragiudiziali in violazione delle norme internazionali sui diritti umani, in base alla teoria sostenuta dagli Usa di una guerra globale contro al-qaeda e gruppi associati. USO ECCESSIVO DELLA FORZA Almeno 42 persone in 20 stati sono morte dopo essere state colpite da taser della polizia, portando il numero totale di questo tipo di decessi a 540 dal Le taser sono citate come causa o concausa in più di 60 decessi. La maggior parte delle persone morte dopo essere state colpite da una taser non erano armate e non apparivano rappresentare una grave minaccia nel momento in cui era stata impiegata quest arma. A maggio, l Associazione cardiologi americani ha pubblicato un rapporto che presenta il primo documento scientifico, condotto previa revisione paritaria, in cui si conclude che le taser possono causare arresto cardiaco e morte. Lo studio analizza informazioni contenute in rapporti di autopsia, referti medici e dati della polizia relativi a otto casi, in cui persone avevano perso conoscenza dopo essere state colpite da scarica elettrica con un arma taser X26. Il 20 giugno, il trentanovenne Macadam Mason è morto davanti alla sua abitazione a Thetford, nel Vermont, dopo essere stato colpito con una taser impiegata da un agente della polizia statale. A settembre, l ufficio del medico legale del New Hampshire ha concluso che Macadam Mason aveva avuto un arresto cardiaco improvviso dovuto alla scarica dell arma a conduzione elettrica. A ottobre, il dipartimento dell ufficio dell ispettore generale della sicurezza interna ha riferito che stava riesaminando le politiche del corpo della polizia di frontiera degli Usa sull impiego della forza letale. La revisione, che a fine anno era ancora in corso, faceva seguito a una serie di sparatorie mortali da parte di agenti del corpo di polizia di frontiera, lungo il confine degli Usa con il Messico. A ottobre, il sedicenne José Antonio Elena Rodríguez è morto a seguito di ferite d arma da fuoco. Le autorità statunitensi hanno affermato che un agente del corpo di polizia di frontiera di Nogales, in Arizona, aveva aperto il fuoco dopo che due individui, sospettati di traffico di droga erano fuggiti attraverso il confine e avevano iniziato a scagliare pietre. A fine anno, il caso era oggetto d indagine da parte dell Fbi (Federal Bureau of Investigation) e delle autorità messicane. 262

6 AMERICHE Ad aprile, il dipartimento di Giustizia degli Usa ha annunciato che non ci sarebbero stati procedimenti penali o relativi a violazioni dei diritti civili a livello federale per la morte di Sergio Hernández Guereca, un quindicenne al quale un agente del corpo di polizia di frontiera aveva sparato alla testa nel CONDIZIONI CARCERARIE I tassi di carcerazione sono rimasti a livelli storicamente elevati. Migliaia di prigionieri nell intero territorio degli Usa sono rimasti in isolamento in carceri di supermassima sicurezza, confinati in celle per ore al giorno, senza adeguato accesso alla luce naturale, esercizio fisico o programmi di riabilitazione. Le condizioni in questo tipo di strutture hanno violato gli standard internazionali e in alcuni casi si sono configurate come trattamenti crudeli, disumani o degradanti. A ottobre, cinque uomini sono stati estradati dal Regno Unito agli Usa per sostenere un processo per accuse legate al terrorismo, dopo che la Corte europea dei diritti umani aveva rigettato la loro istanza secondo la quale sarebbero stati realmente a rischio di tortura e altro trattamento crudele, disumano o degradante se incarcerati nel carcere supermassimo federale Adx, a Florence, in Colorado. Le autorità statunitensi hanno negato una richiesta avanzata da Amnesty International di visitare il carcere Adx. DIRITTI DEI MINORI A giugno, nel caso Miller vs. Alabama, la Corte suprema degli Usa ha decretato fuorilegge l ergastolo obbligatorio senza possibilità di libertà provvisoria per persone di età inferiore ai 18 anni al momento del reato. La sentenza è giunta due anni dopo che la Corte aveva vietato l ergastolo senza possibilità di libertà provvisoria per i reati diversi dall omicidio, commessi da persone minori di 18 anni. A luglio, Terry Branstad, governatore dell Iowa, ha risposto alla decisione relativa al caso di Miller vs. Alabama, commutando le condanne all ergastolo senza possibilità di libertà provvisoria per 60 anni, per 38 reclusi dell Iowa, giudicati colpevoli di omicidio di primo grado commesso quando avevano meno di 18 anni. Qualsiasi prova attenuante, che non fosse stata presa in considerazione all epoca del processo, a causa dell imposizione automatica della sentenza di ergastolo senza possibilità di libertà provvisoria, è stata ancora una volta ignorata nel provvedimento di commutazione indiscriminata del governatore. DIRITTI DEI MIGRANTI A giugno, la Corte suprema degli Usa ha cassato sezioni chiave della legge sull immigrazione dell Arizona, compresa una disposizione che rendeva reato di stato la ricerca o l ottenimento di un lavoro da parte di migranti irregolari. Tuttavia, la Corte ha mantenuto un articolo che impone alle forze di polizia dello stato di controllare lo status d immigrazione di persone sospettate di essere entrate illegalmente nel paese, malgrado le critiche avan- 263

7 RAPPORTO 2013 zate da gruppi per i diritti umani, secondo cui ciò avrebbe incoraggiato la cosiddetta profilazione razziale, che equivale a prendere di mira le persone unicamente per le loro sembianze o l origine razziale o etnica. A seguito della sentenza, le corti federali hanno confermato legislazioni analoghe in Alabama e Georgia. La proliferazione di leggi statali che prendono di mira i migranti li espone a rischio crescente di discriminazione e ostacola il loro accesso all istruzione e a servizi essenziali di assistenza sanitaria. Crescenti controlli sull immigrazione lungo determinati tratti del confine tra Usa e Messico hanno continuato a spingere migranti irregolari a utilizzare vie particolarmente pericolose attraverso il deserto degli Usa; centinaia di loro sono morti. La maggiore collaborazione tra forze di polizia locale e l autorità dell immigrazione ha esposto le comunità residenti lungo il confine tra Usa e Messico al rischio di subire profilazioni razziali da parte delle forze di polizia locali. I migranti irregolari che sono stati vittime di un crimine, come la tratta di esseri umani e la violenza domestica, hanno incontrato una serie di ostacoli nell accesso alla giustizia. DIRITTO ALLA SALUTE A giugno, la Corte suprema degli Usa ha confermato la legge sull assistenza sanitaria sostenibile, approvata nel 2010, che avrebbe esteso la copertura per l assistenza sanitaria entro il 2014 a oltre 30 milioni di persone negli Usa, prive di assicurazione medica. Mentre alcune delle disposizioni della legge eliminano ostacoli per ottenere un assistenza sanitaria materna di qualità, impedendo ad esempio alle compagnie di assicurazione di addebitare alle donne somme più elevate per la copertura medica, continuano a sussistere divari e ostacoli. A fine anno, la legge sull accertamento delle responsabilità in materia di salute materna era ancora all esame del congresso. DIRITTI DELLE DONNE A ottobre è stata approvata in California la legislazione che pone fuorilegge l incatenamento delle donne recluse a ogni stadio della gravidanza. Si tratta della prima legislazione di questo tipo negli Usa. A giugno è entrata in vigore in Virginia una legislazione che impone alle donne di sottoporsi a ultrasuono prima di avere un aborto. Il congresso non ha provveduto a reiterare la legge contro la violenza sulle donne, che comprende disposizioni che affrontano gli elevati livelli di violenza tra le donne native, e a fornire protezione e servizi per le sopravvissute alla violenza domestica. 264

8 AMERICHE La reiterazione della legge per la protezione delle vittime della tratta, che tutelerebbe le migliaia di persone trafficate ogni anno negli Usa, a fine anno era ferma al congresso. PENA DI MORTE Durante l anno sono stati messi a morte negli Usa 43 prigionieri, tutti uomini, e tutti tramite iniezione letale. In Texas ci sono state 15 esecuzioni. A fine anno, il Texas era responsabile di 492 delle complessive 1320 esecuzioni avvenute negli Usa dal 1976, quando la Corte suprema degli Usa approvò nuove leggi capitali. Ad aprile, il Connecticut è divenuto il 17 stato abolizionista degli Usa. A novembre, l elettorato della California, con una votazione di circa il 53 per cento contro il 47 per cento, ha rigettato la proposizione 34, un iniziativa che avrebbe abolito la pena di morte nello stato e commutato oltre 700 condanne capitali in ergastolo senza possibilità di libertà provvisoria. MISSIONI E RAPPORTI DI AMNESTY INTERNATIONAL Durante l anno, delegati di Amnesty International hanno assistito ai procedimenti davanti alla commissione militare a Guantánamo. USA: Congress has made no such decision Three branches of government, zero remedy for counter-terrorism abuses (AMR 51/008/2012) In hostile terrain: Human rights violations in immigration enforcement in the US southwest (AMR 51/018/2012) USA: Cruel isolation Amnesty International s concerns about conditions in Arizona maximum security prisons (AMR 51/023/2012) USA: Another brick from the wall (AMR 51/028/2012) USA: Wrong court, wrong place, wrong punishment (AMR 51/032/2012) USA: Human rights betrayed 20 years after US ratification of ICCPR, human rights principles sidelined by global war theory (AMR 51/041/2012) USA: Targeted killing policies violate the right to life (AMR 51/047/2012) USA: Deadly formula An international perspective on the 40th anniversary of Furman v. Georgia (AMR 51/050/2012) 265

9 RAPPORTO 2013 USA: The edge of endurance Prison conditions in California s Security Housing Units (AMR 51/060/2012) USA: One-way accountability Guantánamo detainee pleads guilty; details of government crimes against him remain classified top secret (AMR 51/063/2012) USA: Texas Still, doing its worst; 250th execution under current Governor imminent (AMR 51/092/2012) USA: Truth, Justice and the American way? Details of crimes under international law still classified Top Secret (AMR 51/099/2012) SURINAME REPUBBLICA DEL SURINAME Capo di stato e di governo: Desiré Delano Bouterse Un emendamento alla legge di amnistia ha impedito il processo del presidente Bouterse e di altre 24 persone accusate dell esecuzione extragiudiziale di 15 oppositori politici nel IMPUNITÀ Ad aprile, l assemblea nazionale ha approvato un emendamento alla legge di amnistia del 1992, che estende il periodo coperto dalla legge dall aprile 1980 all agosto 1992, comprendendo pertanto la tortura e l esecuzione extragiudiziale di 15 oppositori ad opera dell allora governo militare, nel dicembre A novembre 2007, 25 persone, tra cui il presidente Desiré Delano Dési Bouterse, all epoca leader militare del paese, furono processate davanti a un tribunale militare per le uccisioni. La legge così emendata garantisce l amnistia a quanti hanno commesso reati e/o sono sospettati di averlo fatto nel contesto della difesa dello stato e/o del rovesciamento delle autorità legittime, come nel caso degli eventi occorsi durante il dicembre 1982 e la guerra civile, allo scopo di promuovere l unità nazionale e il successivo ininterrotto sviluppo della Repubblica del Suriname. 266

ACQUISTA ONLINE > REPUBBLICA DOMINICANA AMERICHE

ACQUISTA ONLINE > REPUBBLICA DOMINICANA AMERICHE ACQUISTA ONLINE > REPUBBLICA DOMINICANA 11 AMERICHE DUEMILA AMERICHE ha adottato a schiacciante maggioranze (187 voti favorevoli e due contrari) una risoluzione che chiede agli Usa di porre fine all embargo

Dettagli

EUROPA E ASIA CENTRALE

EUROPA E ASIA CENTRALE ACQUISTA ONLINE > EUROPA E ASIA CENTRALE 11 GERMANIA DUEMILA RAPPORTO 2011 GERMANIA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA Capo di stato: Christian Wulff (subentrato a Horst Köhler a luglio) Capo del governo:

Dettagli

EUROPA E ASIA CENTRALE SPAGNA

EUROPA E ASIA CENTRALE SPAGNA AMNESTY INTERNATIONAL SEZIONE ITALIANA ACQUISTA ONLINE > 13 DUEMILA AMNESTY INTERNATIONAL RAPPORTO 2013 LA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI NEL MONDO EUROPA E ASIA CENTRALE SPAGNA RAPPORTO 2013 ROM Ancora

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL

AMNESTY INTERNATIONAL AMNESTY INTERNATIONAL SEZIONE ITALIANA ACQUISTA ONLINE > 13 DUEMILA AMNESTY INTERNATIONAL RAPPORTO 2013 LA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI NEL MONDO ASIA E PACIFICO NEPAL ASIA E PACIFICO Revisiting human

Dettagli

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti e tanto altro. SIMULAZIONE DEL

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

I dati sulla pena di morte nel 2006 - Numero speciale maggio 2007

I dati sulla pena di morte nel 2006 - Numero speciale maggio 2007 La newsletter del Coordinamento pena di morte Amnesty International Sezione Italiana I dati sulla pena di morte nel 2006 - Numero speciale maggio 2007 In questo numero: 1. Editoriale 2. Le informazioni

Dettagli

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Disposizioni per conformare il diritto interno alla Decisione quadro 2008/909/GAI relativa all applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA IN TEMA DI TUTELA DEI DIRITTI UMANI Aggiornato al 31 ottobre 2014

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA IN TEMA DI TUTELA DEI DIRITTI UMANI Aggiornato al 31 ottobre 2014 OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA IN TEMA DI TUTELA DEI DIRITTI UMANI Aggiornato al 31 ottobre 2014 A cura di LUCIA SIPALA H. c. Regno Unito, Corte Europea dei Diritti dell' Uomo, 16 Settembre 2014 Questa

Dettagli

L abolizione della pena di morte in Italia

L abolizione della pena di morte in Italia L abolizione della pena di morte in Italia 1. Dal Medioevo all Ottocento: il primato della Toscana. La pena capitale cominciò ad essere applicata in Italia dall Imperatore Enrico II, all inizio dell XI

Dettagli

La controversia tra Italia e Brasile sul caso Battisti tra rimedi interni e internazionali

La controversia tra Italia e Brasile sul caso Battisti tra rimedi interni e internazionali La controversia tra Italia e Brasile sul caso Battisti tra rimedi interni e internazionali di Marina Castellaneta ** La decisione dell ex Presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva di negare l estradizione

Dettagli

INDICE CAPITOLO 1 LA COOPERAZIONE GIUDIZIARIA IN MATERIA PENALE NELL UNIONE EUROPEA

INDICE CAPITOLO 1 LA COOPERAZIONE GIUDIZIARIA IN MATERIA PENALE NELL UNIONE EUROPEA INDICE Prefazione... xi CAPITOLO 1 LA COOPERAZIONE GIUDIZIARIA IN MATERIA PENALE NELL UNIONE EUROPEA I. La cooperazione intergovernativa degli anni settanta e ottanta... 2 II. Il «terzo pilastro»... 7

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo Violenza sulle donne In ogni parte del mondo Più della metà della popolazione mondiale femminile è vittima di molteplici forme di violenza. A ogni latitudine, in qualsiasi paese, in contesti sociali diversi

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO PRIMA SEZIONE ISMOILOV ED ALTRI c. RUSSIA (Ricorso n. 2947/06) SENTENZA STRASBURGO 24 aprile 2008 Questa sentenza diventerà definitiva alle condizioni

Dettagli

OPERAZIONI DI CONTRASTO DELLA PIRATERIA IN ACQUE INTERNAZIONALI. Senato 15 giugno 2011 AUDIZIONE DELLA PROF. ANGELA DEL VECCHIO

OPERAZIONI DI CONTRASTO DELLA PIRATERIA IN ACQUE INTERNAZIONALI. Senato 15 giugno 2011 AUDIZIONE DELLA PROF. ANGELA DEL VECCHIO 1 OPERAZIONI DI CONTRASTO DELLA PIRATERIA IN ACQUE INTERNAZIONALI Senato 15 giugno 2011 AUDIZIONE DELLA PROF. ANGELA DEL VECCHIO Signor Presidente, onorevoli Senatori Ringrazio per l onore concessomi e

Dettagli

Questionario n. 7 Diritto penale militare

Questionario n. 7 Diritto penale militare Questionario n. 7 Diritto penale militare 1) Che differenza c è tra codice penale militare di pace (c.p.m.p.) e codice penale militare di guerra (c.p.m.g.)? A) il codice penale militare di pace non si

Dettagli

2. Il fermato può comunicare alla polizia se desidera che qualcuno venga informato della sua presenza presso la centrale. Il servizio è gratuito.

2. Il fermato può comunicare alla polizia se desidera che qualcuno venga informato della sua presenza presso la centrale. Il servizio è gratuito. Terrorism Act 2000 [Legge in materia di terrorismo del 2000] Carta dei diritti per cittadini in stato di fermo o arresto I diritti dettagliati in questo avviso sono garantiti ai sensi delle leggi vigenti

Dettagli

Sentenza n. 315/2015 pubbl. il 05/03/2015 RG n. 1267/2014

Sentenza n. 315/2015 pubbl. il 05/03/2015 RG n. 1267/2014 N. R.G. 1267/2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte di Appello di Bari, prima sezione civile, riunita in camera di consiglio e composta dai magistrati: - dr. Vito SCALERA presidente

Dettagli

CONDANNE A MORTE ED ESECUZIONI NEL 2013

CONDANNE A MORTE ED ESECUZIONI NEL 2013 CONDANNE A MORTE ED ESECUZIONI NEL 2013 Index: ACT 50/001/2014 Amnesty International - marzo 2014 INDICE INTRODUZIONE... 4 LA PENA DI MORTE NEL 2013... 6 DATI GLOBALI... 8 PANORAMICHE REGIONALI... 11 AMERICHE...

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI (Avvertenza: testo emendato dalla redazione; Gazzetta ufficiale no. 148 del 20.12.2012 testo emendato e no. 25 del 28.02.2013, nelle quali è indicato il periodo della loro entrata in vigore) CODICE DI

Dettagli

Violenza contro le donne

Violenza contro le donne Violenza contro le donne La violenza contro le donne, in ogni sua forma, viola i diritti umani e rappresenta un ostacolo significante per l'eguaglianza fra donne e uomini, crea un problema di salute pubblica

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di TORINO SEZIONE I CIVILE PROTEZIONE INTERNAZIONALE Dott.ssa G. RATTI ORDINANZA

TRIBUNALE ORDINARIO di TORINO SEZIONE I CIVILE PROTEZIONE INTERNAZIONALE Dott.ssa G. RATTI ORDINANZA N. R.G. 2012/25444 TRIBUNALE ORDINARIO di TORINO SEZIONE I CIVILE PROTEZIONE INTERNAZIONALE Dott.ssa G. RATTI ha pronunciato la seguente: Pagina 1 ORDINANZA Ex artt. 35 del d. lgs. 28.1.2008 n. 25 e 19

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

LINEE GUIDA SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE LINEE GUIDA SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE Applicazione delle clausole di esclusione: articolo 1F della Convenzione del 1951 relativa allo status dei rifugiati L UNHCR emette il presente documento di

Dettagli

Come inizia un procedimento per malpractice?

Come inizia un procedimento per malpractice? Come inizia un procedimento per malpractice? Quando si affronta il tema della responsabilità medica, si intercettano problemi e questioni di natura diversa. Nel presente contesto osserveremo taluni aspetti

Dettagli

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA CASA BIANCA Ufficio stampa PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA NOSTRA MISSIONE Il discorso del Presidente riafferma l obiettivo

Dettagli

ACCOGLIMENTO ED ESPULSIONE DEI CITTADINI STRANIERI

ACCOGLIMENTO ED ESPULSIONE DEI CITTADINI STRANIERI SOMMARIO Presentazione... XIII PARTE PRIMA ACCOGLIMENTO ED ESPULSIONE DEI CITTADINI STRANIERI CAPITOLO 1 L INGRESSO DELLO STRANIERO NEL TERRITORIO DELLO STATO 1. Stranieri e apolidi... 3 2. Le condizioni

Dettagli

Politiche sociali per le famiglie. Stefania Mazza 25 marzo 2015

Politiche sociali per le famiglie. Stefania Mazza 25 marzo 2015 Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 25 marzo 2015 La legge ordinaria legge 26 luglio 1975 n. 354 Norme sull Ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

LA TORTURA OGGI: 30 ANNI DI IMPEGNI NON MANTENUTI

LA TORTURA OGGI: 30 ANNI DI IMPEGNI NON MANTENUTI LA TORTURA OGGI: 30 ANNI DI IMPEGNI NON MANTENUTI Nessun individuo potrà essere sottoposto a tortura o a trattamenti o punizioni crudeli, disumani e degradanti. (Dichiarazione universale dei diritti umani,

Dettagli

Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta

Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta Un impegno totale per l infanzia. Preambolo Nel preambolo, vengono ricordati i principî fondamentali delle Nazioni Unite e le disposizioni

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA IN TEMA DI TUTELA DEI DIRITTI UMANI Aggiornato al 31 dicembre 2014 A cura di LUCIA SIPALA Applicazione extra-territoriale della Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo

Dettagli

Diritto Internazionale Umanitario. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone

Diritto Internazionale Umanitario. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone Diritto Internazionale Umanitario Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone DIRITTO Insieme di regole esterne alla morale o alla religione che disciplinano i rapporti sociali NAZIONALE: insieme di norme

Dettagli

IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME DI LIMITI ALL USO DELLA FORZA INTERNAZIONALE ED INTERNA DEGLI STATI

IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME DI LIMITI ALL USO DELLA FORZA INTERNAZIONALE ED INTERNA DEGLI STATI IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME DI LIMITI ALL USO DELLA FORZA INTERNAZIONALE ED INTERNA DEGLI STATI PROF. GIUSEPPE CATALDI Indice 1 IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME

Dettagli

Traduzione non ufficiale a cura di Barbara Terenzi del Comitato per la Promozione e Protezione dei Diritti Umani

Traduzione non ufficiale a cura di Barbara Terenzi del Comitato per la Promozione e Protezione dei Diritti Umani Traduzione non ufficiale a cura di Barbara Terenzi del Comitato per la Promozione e Protezione dei Diritti Umani COMITATO CONTRO LA TORTURA Trentottesima sessione 30 Aprile-18 Maggio 2007 DISTR. GENERAL

Dettagli

Ordinanza n. 7969 del 2 aprile 2013 Corte di Cassazione

Ordinanza n. 7969 del 2 aprile 2013 Corte di Cassazione Sabato, 27 Aprile 2013 Il portale di riferimento per gli immigrati in Italia Benvenuto briguglio Control panel Esci Home Contatti Redazione Disclaimer Privacy RSS Newsletter Sostieni Registrati Archivio

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, in virtù dell Articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d Europa,

Il Comitato dei Ministri, in virtù dell Articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d Europa, Raccomandazione CM/Rec(2010)5 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sulle misure volte a combattere la discriminazione fondata sull orientamento sessuale o sull identità di genere (Adottata dal Comitato

Dettagli

Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene

Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene L indagine Donne e l omicidio, condotta dal Centro di Ricerca per Pari Opportunità (KETHI), ha cercato di investigare

Dettagli

DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO

DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO Il Diu non ha lo scopo di compromettere l efficienza militare Ma...il suo scopo è quello di rendere più umano possibile un conflitto Istr. DIU Morena Bort Volontario Cri

Dettagli

IL CARCERE NEGLI U.S.A., OGGI: UNA FOTOGRAFIA. Il Rapporto Prisoners in 2013 dello U.S. Justice Departement. di Maria Lombardi Stocchetti

IL CARCERE NEGLI U.S.A., OGGI: UNA FOTOGRAFIA. Il Rapporto Prisoners in 2013 dello U.S. Justice Departement. di Maria Lombardi Stocchetti IL CARCERE NEGLI U.S.A., OGGI: UNA FOTOGRAFIA Il Rapporto Prisoners in 2013 dello U.S. Justice Departement di Maria Lombardi Stocchetti SOMMARIO: 1. Il Rapporto Prisoners in 2013. 2. Andamento della popolazione

Dettagli

CONCORSO AGENTE DI POLIZIA PENITENZIARIA. Domande e risposte di EDUCAZIONE CIVICA per la prova scritta. www.poliziapenitenziaria.

CONCORSO AGENTE DI POLIZIA PENITENZIARIA. Domande e risposte di EDUCAZIONE CIVICA per la prova scritta. www.poliziapenitenziaria. . CONCORSO AGENTE DI POLIZIA PENITENZIARIA Domande e risposte di EDUCAZIONE CIVICA per la prova scritta www.poliziapenitenziaria.it www.sappe.it Domande La Costituzione italiana è entrata in vigore: il

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI XVI LEGISLATURA

CAMERA DEI DEPUTATI XVI LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI XVI LEGISLATURA PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GARAVINI Disposizioni concernenti l istituzione di squadre investigative comuni sovranazionali, in attuazione della Decisione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania. (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania. (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente N. 00346/2015 REG.PROV.COLL. N. 03852/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli SOMMARIO SEZIONE I Persone Scheda n. 1 Diritti civili dello straniero e condizione di reciprocità ex art. 16 preleggi (Cass. civ., sez. II, 30 giugno 2014,

Dettagli

Articolo 1. Le Alte Parti contraenti s'impegnano a rispettare ed a far rispettare la presente Convenzione in ogni circostanza.

Articolo 1. Le Alte Parti contraenti s'impegnano a rispettare ed a far rispettare la presente Convenzione in ogni circostanza. CONVENZIONI di GINEVRA del 12 agosto 1949 Disposizioni comuni Articolo 1. Le Alte Parti contraenti s'impegnano a rispettare ed a far rispettare la presente Convenzione in ogni circostanza. Articolo 2.

Dettagli

Carta dei Servizi. Tribunale di Salerno. Sezione GIP-GUP. Ed. marzo

Carta dei Servizi. Tribunale di Salerno. Sezione GIP-GUP. Ed. marzo Carta dei Servizi Tribunale di Salerno Ed. marzo 2012 Sezione GIP-GUP INDICE 0. La Carta dei Servizi 3 1. Il processo penale e il ruolo del GIP 4 1.1 La Sezione GIP-GUP del Tribunale di Salerno e i servizi

Dettagli

MODULO STATI UNITI INFORMAZIONI PERSONALI 1. COGNOME (come sul passaporto) NOME (come sul passaporto) NOME COMPLETO IN ALFABETO NATIVO

MODULO STATI UNITI INFORMAZIONI PERSONALI 1. COGNOME (come sul passaporto) NOME (come sul passaporto) NOME COMPLETO IN ALFABETO NATIVO MODULO STATI UNITI INFORMAZIONI PERSONALI 1 COGME (come sul passaporto) ME (come sul passaporto) ME COMPLETO IN ALFABETO NATIVO HAI MAI USATO ALTRI MI (es: da nubile, religioso, professionale, alias etc

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo, Grande Camera, sent. 13 novembre 2007, ric. n. 57325/00, D.H. e altri c. Repubblica Ceca.

Corte Europea dei Diritti dell Uomo, Grande Camera, sent. 13 novembre 2007, ric. n. 57325/00, D.H. e altri c. Repubblica Ceca. Corte Europea dei Diritti dell Uomo, Grande Camera, sent. 13 novembre 2007, ric. n. 57325/00, D.H. e altri c. Repubblica Ceca. Violazione articolo 2 Protocollo 7 (diritto al doppio grado di giudizio in

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA. tra. Il Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione e il Ministro della Giustizia. per

PROTOCOLLO DI INTESA. tra. Il Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione e il Ministro della Giustizia. per PROTOCOLLO DI INTESA tra Il Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione e il Ministro della Giustizia per l innovazione digitale nella Giustizia Roma, 26 novembre 2008 Finalità Realizzare

Dettagli

Modulo richiesta. Codice fiscale (per cittadini italiani) Numero di identità nazionale (per non italiani)

Modulo richiesta. Codice fiscale (per cittadini italiani) Numero di identità nazionale (per non italiani) Foto Modulo richiesta visto Stati Uniti Informazioni Personali Cognome me Altri cognomi (da nubile, da religioso, professionale, pseudonimo) Altri nomi o secondi nomi Data di nascita Sesso Stato civile:

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

Principi cardine del DIU e organi della violenza bellica. Corso diritto internazionale avanzato Lez. 2/4 Aldo Piccone

Principi cardine del DIU e organi della violenza bellica. Corso diritto internazionale avanzato Lez. 2/4 Aldo Piccone Principi cardine del DIU e organi della violenza bellica Corso diritto internazionale avanzato Lez. 2/4 Aldo Piccone Contenuti: Principio di necessità militare Principio di proporzionalità Principio di

Dettagli

annuario italiano dei diritti umani

annuario italiano dei diritti umani annuario italiano dei diritti umani 20115 Marsilio Centro Diritti Umani Università di Padova Annuario italiano dei diritti umani Periodico del Centro di Ateneo per i Diritti Umani dell Università di Padova

Dettagli

Il rischio di un affievolimento procedurale dei reati per la tutela giuridica degli animali

Il rischio di un affievolimento procedurale dei reati per la tutela giuridica degli animali Il rischio di un affievolimento procedurale dei reati per la tutela giuridica degli animali L applicazione della non punibilità (no assoluzione ) per la particolare tenuità del fatto non può certo inibire

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

NORME PER RIDURRE IL SOVRAFFOLLAMENTO PENITENZIARIO

NORME PER RIDURRE IL SOVRAFFOLLAMENTO PENITENZIARIO NORME PER RIDURRE IL SOVRAFFOLLAMENTO PENITENZIARIO RELAZIONE Le norme di questa proposta di legge sono il frutto del lavoro condiviso di molte organizzazioni. L intenzione è quella di contrastare in modo

Dettagli

carcere e dintorni prontuario della normativa di riferimento

carcere e dintorni prontuario della normativa di riferimento carcere e dintorni prontuario della normativa di riferimento Introduzione Questo libretto vuole essere un piccolo contributo per chi si trova ristretto in carcere, ma anche per chi opera nel carcere,

Dettagli

08.036 Contro il maltrattamento e per una migliore protezione giuridica degli animali (iniziativa sull'avvocato degli animali). Iniziativa popolare

08.036 Contro il maltrattamento e per una migliore protezione giuridica degli animali (iniziativa sull'avvocato degli animali). Iniziativa popolare 08.036 Contro il maltrattamento e per una migliore protezione giuridica degli animali (iniziativa sull'avvocato degli animali). Iniziativa popolare ARGUMENTI PRO ARGOMENTI PRO L AVVOCATO DEGLI ANIMALI

Dettagli

Modulo richiesta. Data di nascita (gg/mm/anno) Sesso Stato civile:celibe/nubile /coniugato/divorziato/vedovo/separato

Modulo richiesta. Data di nascita (gg/mm/anno) Sesso Stato civile:celibe/nubile /coniugato/divorziato/vedovo/separato FOTO Modulo richiesta 5 cm x 5 cm visto Stati Uniti Informazioni Personali Cognome me Altri cognomi da nubile, da religioso, professionale, pseudonimo) Altri nomi o secondi nomi Data di nascita (gg/mm/anno)

Dettagli

CODICE PENALE PARTE GENERALE TITOLO PRIMO (I) - DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

CODICE PENALE PARTE GENERALE TITOLO PRIMO (I) - DISPOSIZIONI FONDAMENTALI (Avvertenza: testo emendato dalla redazione; Gazzetta ufficiale no. 125 del 07.11.2011 e no. 144 del 21.12.2012, nelle quali è indicato il periodo della loro entrata in vigore) CODICE PENALE PARTE GENERALE

Dettagli

Alcuni Cenni sulla legge 92/2012 (Riforma Fornero) e sulla nuova disciplina dei licenziamenti. Cenni generali sulla riforma e sulla flessibilità in

Alcuni Cenni sulla legge 92/2012 (Riforma Fornero) e sulla nuova disciplina dei licenziamenti. Cenni generali sulla riforma e sulla flessibilità in www.petraccimarin.it Alcuni Cenni sulla legge 92/2012 (Riforma Fornero) e sulla nuova disciplina dei licenziamenti. Cenni generali sulla riforma e sulla flessibilità in entrata. La riforma in questione

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario

Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario Diritto internazionale umanitario (DIU) Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario Elena Castiglione Vds Roma Nord Istruttore DIU Monitore CRI Istruttore TI PS Che cosa è il Diritto Internazionale

Dettagli

Notizie dal garante Newsletter n. 7 del 23/09/2015

Notizie dal garante Newsletter n. 7 del 23/09/2015 Notizie dal garante Newsletter n. 7 del 23/09/2015 Superamento degli ospedali psichiatrici giudiziari Arriva dalla Corte costituzionale il primo via libera al processo di superamento degli Opg Ordinanza

Dettagli

Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti

Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti CASSAZIONE CIVILE, Sezione Lavoro, Sentenza n. 16148 del 20/08/2007 Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti Il datore di lavoro e ritenuto responsabile dei

Dettagli

liberare immediatamente Raif Badawi, facendo cadere tutte le imputazioni a suo carico e ad annullare la sentenza,

liberare immediatamente Raif Badawi, facendo cadere tutte le imputazioni a suo carico e ad annullare la sentenza, His Majesty King Abdullah bin Abdul Aziz Al-Saud The Custodian of the two Holy Mosques Office of His Majesty The King Royal Court - Riyadh Arabia Saudita LIBERTÀ PER RAIF BADAWI Sua Eccellenza, Nel maggio

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA N. R.G. 2014/4163 TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Il giudice, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 27 marzo 2015, letti atti e documenti, OSSERVA

Dettagli

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI INDICE Presentazione... Avvertenza... pag VII XIII Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI 1. Costituzione della Repubblica Italiana... 3 2. Convenzione per la salvaguardia dei diritti

Dettagli

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 738 DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Codice Penale. 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1).

Codice Penale. 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1). Codice Penale 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1). Chiunque promuove, costituisce, organizza, dirige o finanzia associazioni

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2128

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2128 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2128 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori PERDUCA e PORETTI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 22 APRILE 2010 Norme contro le discriminazioni fondate sull orientamento

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

Ministero della Giustizia UFFICIO LEGISLATIVO SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE CONCERNENTE SQUADRE INVESTIGATIVE COMUNI RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Ministero della Giustizia UFFICIO LEGISLATIVO SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE CONCERNENTE SQUADRE INVESTIGATIVE COMUNI RELAZIONE ILLUSTRATIVA Ministero della Giustizia UFFICIO LEGISLATIVO Prot. n. 9/4-150 AD SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE CONCERNENTE SQUADRE INVESTIGATIVE COMUNI RELAZIONE ILLUSTRATIVA Premessa Il disegno di legge è diretto a disciplinare

Dettagli

del Gruppo di Lavoro della Revisione Periodica Universale sull Italia

del Gruppo di Lavoro della Revisione Periodica Universale sull Italia TRADUZIONE NON UFFICIALE a cura di BARBARA TERENZI, Fondazione Basso Sezione Internazionale e coordinatrice del Comitato per la Promozione e Protezione dei diritti umani Consiglio Diritti Umani Gruppo

Dettagli

Emendamenti allo Statuto di Roma della Corte penale internazionale relativi al crimine di aggressione

Emendamenti allo Statuto di Roma della Corte penale internazionale relativi al crimine di aggressione Traduzione 1 Emendamenti allo Statuto di Roma della Corte penale internazionale relativi al crimine di aggressione Adottati a Kampala il 11 giugno 2010 2 Approvati dall'assemblea federale il... 3 Strumenti

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2014 di Roberto GAROFOLI

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2014 di Roberto GAROFOLI SCRITTI ESAME AVVOCATO 2014 di Roberto GAROFOLI Valerio de GIOIA COME SI SCRIVE L ATTO GUIDA PRATICA E CONSIGLI OPERATIVI Con la collaborazione di Sonia GRASSI Giovanna SPIRITO Carlo TANGARI SOMMARIO Premessa

Dettagli

Tavole di legislazione e giurisprudenza comparata sul fenomeno del terrorismo internazionale

Tavole di legislazione e giurisprudenza comparata sul fenomeno del terrorismo internazionale Tavole di legislazione e giurisprudenza comparata sul fenomeno del terrorismo internazionale Matteo TONDINI * e Jean Paul PIERINI ** Luglio 2007 While the need for society to protect itself against acts

Dettagli

Corte. dei Diritti DOMANDE ITA?

Corte. dei Diritti DOMANDE ITA? Corte Europea LA CEDU dei Diritti dell Uomo IN 50 DOMANDE ITA? AN COURT OF HUM La CEDU in 50 Domande A cura del Servizio Pubbliche Relazioni della Corte, questo documento, non vincolante per la Corte,

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

IL PROCESSO PENALE TELEMATICO. esperienza italiana e americana a confronto

IL PROCESSO PENALE TELEMATICO. esperienza italiana e americana a confronto IL PROCESSO PENALE TELEMATICO esperienza italiana e americana a confronto Negli USA la informatizzazione del processo - cd. sistema di e-filling - è già in atto da circa 12 anni, sia nel settore penale,

Dettagli

Rapporto UNICEF sulla condizione dell'infanzia nel mondo 2006 - "Esclusi e invisibili"

Rapporto UNICEF sulla condizione dell'infanzia nel mondo 2006 - Esclusi e invisibili Rapporto UNICEF sulla condizione dell'infanzia nel mondo 2006 - "Esclusi e invisibili" Un'infanzia che non riceve aiuto: sono milioni i bambini invisibili Londra/Roma, 14 dicembre 2005 - Centinaia di milioni

Dettagli

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE FAMIGLIA DI REATI REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI L art. 10 della Legge 16 marzo 2006, n. 146 - "ratifica ed esecuzione della Convenzione

Dettagli

Torturare e farla franca

Torturare e farla franca Torturare e farla franca L'Amministrazione Bush e il maltrattamento dei detenuti Riassunto George Tenet chiese se aveva il permesso di utilizzare tecniche di interrogatorio rinforzate, compreso il waterboarding,

Dettagli

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE INTERNAZIONALE

ISTITUTO SUPERIORE INTERNAZIONALE ISTITUTO SUPERIORE INTERNAZIONALE DI SCIENZE CRIMINALI ISISC 1972-2013 PRESENTAZIONE L'Istituto Superiore Internazionale di Scienze Criminali (ISISC) è una fondazione italiana non a scopo di lucro (ONLUS)

Dettagli

Cos e EDV Global Foundation?

Cos e EDV Global Foundation? Cos e EDV Global Foundation? EDV Global Foundation si propone di diventare un organizzazione leader a livello mondiale in tema di violenza domestica, contribuendo a combattere per la sua eliminazione.

Dettagli

Il Diritto Internazionale Umanitario. Istruttore DIU Martina Negri

Il Diritto Internazionale Umanitario. Istruttore DIU Martina Negri Il Diritto Internazionale Umanitario Istruttore DIU Martina Negri Blulandia e Rossolandia sono due stati in guerra. Le truppe di Rossolandia hanno occupato parte del territorio di Blulandia. Quali delle

Dettagli

Traffico, migrazioni e violenza contro le donne 1. di Radhika Coomaraswamy Relatrice speciale Onu sulla violenza contro le donne I.

Traffico, migrazioni e violenza contro le donne 1. di Radhika Coomaraswamy Relatrice speciale Onu sulla violenza contro le donne I. Traffico, migrazioni e violenza contro le donne 1 di Radhika Coomaraswamy Relatrice speciale Onu sulla violenza contro le donne I. INTRODUZIONE A. Ambito del rapporto dall emigrazione volontaria al traffico

Dettagli

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE INDICE pag. Prefazione.... XV PARTE I Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE 1.1. La garanzia costituzionale del diritto di difesa in

Dettagli

CONVENZIONE AMERICANA SUI DIRITTI DELL'UOMO. Patto di San José

CONVENZIONE AMERICANA SUI DIRITTI DELL'UOMO. Patto di San José CONVENZIONE AMERICANA SUI DIRITTI DELL'UOMO Patto di San José Adottata il 22 novembre 1969 Preambolo Gli Stati americani firmatari della presente Convenzione, Riaffermando la loro intenzione di consolidare

Dettagli

COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA

COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA CRC/C/OPAC/ITA/1 Quarantaduesima sessione 15 maggio 2 giugno 2006 OSSERVAZIONI CONCLUSIVE Analisi dei Rapporti presentati dall Italia ai sensi dell art. 8 del Protocollo

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo Primo PREMESSA

INDICE-SOMMARIO. Capitolo Primo PREMESSA VII INDICE-SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni.... pag. XV Capitolo Primo PREMESSA 1. Premessa.... pag. 1 2. Evoluzione storica. Appalti urbanistica edilizia....» 2 3. Le norme applicabili....»

Dettagli

Co.r.re.l.a.re: consolidare reti regionali e locali per un accoglienza responsabile

Co.r.re.l.a.re: consolidare reti regionali e locali per un accoglienza responsabile Co.r.re.l.a.re: consolidare reti regionali e locali per un accoglienza responsabile Convenzione di Sovvenzione n. 2011/FEI/PROG-100781 CUP ASSEGNATO AL PROGETTO B53I12000030003 Articolo curato da Patrizia

Dettagli