FADA Fondo Aziendale di Assistenza Sanitaria integrativa per i dipendenti Nuovo Pignone Spa e società da essa controllate

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FADA Fondo Aziendale di Assistenza Sanitaria integrativa per i dipendenti Nuovo Pignone Spa e società da essa controllate"

Transcript

1 FADA Fondo Aziendale di Assistenza Sanitaria integrativa per i dipendenti Nuovo Pignone Spa e società da essa controllate REGOLAMENTO APPLICATIVO ALLO STATUTO SOCIALE FUNZIONAMENTO FONDO Art. 1 Il presente regolamento definisce le modalità del funzionamento del Fondo aziendale di assistenza sanitaria integrativa per i dipedenti del Nuovo Pignone S.p.a e delle società da essa controllate che aderiscono alla copertura sanitaria, per brevità denominato F.A.D.A. NUOVO PIGNONE, e disciplina le prestazioni dal medesimo fornite in conformità con lo Statuto per assicurare agli iscritti prestazioni sanitarie integrative al sistema sanitario nazionale. Art. 2 Hanno diritto alle prestazioni del Fondo: - i Soci di cui all art. 5 dello Statuto; - i familiari componenti il nucleo familiare dei Soci se aventi diritto, nei limiti previsti per ogni singola prestazione. Per nucleo familiare si intende: - coniuge del socio lavoratore; - convivente more uxorio (la convivenza dovrà essere dimostrata da un certificato anagafe attestante la residenza comune); - figli fiscalmente a carico, secondo le vigenti disposizioni di legge fino al compimento del 26 anno di età. Il Fondo eroga agli iscritti due tipi di prestazioni sanitarie: interventi di assistenza sanitaria integrativa tramite una polizza assicurativa stipulata con primaria Compagnia di assicurazione: una serie di interventi assistenziali/solidaristici erogati direttamente dal Fondo A pagina 7 del presente regolamento è riportato il monenclatore delle prestazioni sanitarie previste nella copertura assicurativa. A pagina 12 del presente regolamento sono riportate le prestazioni assistenziali/solidaristiche a favore dei soci che versano la relativa quota aggiuntiva. Art. 3 L iscrizione al Fondo presuppone la conoscenza e l accettazione delle norme dello Statuto e del Regolamento nonchè delle loro eventuali successive modifiche per le 1.14

2 Art. 4 quali il Fondo provvederà a darne comunicazione, oltre che delle delibere degli organi sociali. L adesione del socio si esercita con la compilazione e sottoscrizione del modulo di domanda di ammissione consegnato dall Ufficio Personale al momento dell assunzione. Tale richiesta di adesione è vincolante fino al 31 dicembre dell anno solare di riferimento; il socio può recedere con decorrenza dal 1 gennaio dell anno successivo dando disdetta scritta al Consiglio Direttivo del Fondo entro il 31 Ottobre dell anno in corso. La cancellazione anticipata non dà diritto ad alcun rimborso del rateo di contributo non utilizzato. In caso di recesso, potrà essere richiesta nuova adesione al F.A.D.A. solo dopo il decorso di due anni dalla data di avvenuta cancellazione. L estensione delle prestazioni agli eventuali familiari componenti il nucleo familiare potrà avvenire solo previa compilazione e sottoscrizione, da parte del socio, del modulo di richiesta reperibile presso l ufficio interno del Fondo. Tale richiesta di estensione deve essere presentata entro fine marzo ed è vincolante per l intero anno solare; il socio può recedere dalla copertura Nucleo Famiglia con decorrenza dal 1 gennaio dell anno successivo dando disdetta scritta al Consiglio Direttivo del Fondo entro il 31 Ottobre dell anno in corso. In caso di cancellazione del Socio, la cancellazione si estende anche a tutto il proprio nucleo familiare.in caso di morte del Socio, la copertura continua per il proprio nucleo familiare fino alla scadenza annuale del 31.dicembre. La disponibilità finanziaria del FADA NUOVO PIGNONE è costituita dai contributi a carico dei lavoratori iscritti al Fondo nella misura stabilita dal Consiglio di Amministrazione del Fondo, nonchè dal contributo aziendale stabilito con contratto integrativo aziendale firmato dalla Direzione Aziendale e dalle R.S.U. La Società Nuovo Pignone e le società controllate effettuano mensilmente, in occasione della liquidazione delle competenze, la trattenuta dei contributi a carico dei Soci e provvederanno a versarli come previsto all art. 8 dello Statuto, al F.A.D.A. su un c/c bancario indicato dal Fondo stesso entro e non oltre il 20 giorno del mese successivo. Ogni iscritto è tenuto a verificare che le trattenute relative alle prestazioni F.A.D.A. a cui ha aderito siano regolarmente processate nel cedolino paga a cura del Gestore incaricato dall Azienda. In caso di omissione delle trattenute fada, l iscritto deve immediatamente segnalarlo al F.A.D.A. per le opportune verifiche

3 L esatto versamento dei contributi dovuti costituisce condizione necessaria per l erogazione delle relative prestazioni. Art. 5 Le spese relative al funzionamento degli organi del F.A.D.A. sono a carico del bilancio del Fondo, mentre le spese di gestione delle prestazioni previste dalla polizza sanitaria sono a carico della Compagnia di Assicurazione. Art. 6 L assemblea dei Soci per il rinnovo del Consiglio di Amministrazione, del Collegio dei Sindaci Revisori e del Collegio dei Probiviri è convocata, con le modalità di cui all art. 11 dello statuto, dal Presidente del Consiglio stesso almeno 30 giorni prima della data stabilita per il loro svolgimento, attraverso comunicato da affiggere alle bacheche aziendali. La comunicazione deve contenere le modalità per la presentazione delle candidature e le norme per l elezione del Consiglio di Amministrazione, del Collegio dei Sindaci Revisori e del Collegio dei Probiviri. Della convocazione delle assemblee va data comunicazione alla Direzione Aziendale negli stessi termini temporali. Art. 7 Hanno diritto al voto e possono candidarsi per il Consiglio di Amministrazione, il Collegio dei Sindaci Revisori e per il collegio dei Probiviri, i Soci in essere al momento della convocazione della assemblea, salvo decadere automaticamente dal voto e dalla candidatura in caso di risoluzione del rapporto di lavoro. Art. 8 Ogni candidatura, firmata per accettazione dal Socio candidato, va presentata alla Commissione Elettorale prevista all art. 17 dello Statuto, almeno dieci giorni prima dello svolgimento delle assemblee. Art. 9 La elezione del Consiglio di Amministrazione, si tiene, con le modalità di cui all art. 17 dello Statuto, almeno quindici giorni prima dello svolgimento della assemblea, attraverso collegi così individuati: Collegio n. 1 sede di Firenze - da 1 a 9 consiglieri Collegio n. 2 sede di Bari - da 1 a 2 consiglieri Collegio n. 3 sede di Vibo - da 1 a 2 consiglieri Collegio n. 4 sede di Massa - da 1 a 2 consiglieri Collegio n. 5 sede di Talamona - da 1 a 2 consiglieri Art. 10 Art. 11 Le elezioni del Collegio dei Sindaci Revisori e del Collegio dei Probiviri si svolgono a scrutinio segreto su lista unica nazionale, in concomitanza in tutti gli stabilimenti del Nuovo Pignone almeno quindici giorni prima dello svolgimento delle assemblee. Per la elezione del Consiglio di Amministrazione, del Collegio dei Sindaci Revisori e del Collegio dei Probiviri può essere espressa solo 1 preferenza. 3.14

4 Art. 12 Le operazioni di voto e di scrutinio sono coordinate dalla Commissione Elettorale, che si avvarrà della collaborazione dei delegati delle R.S.U. Art. 13 Il Consiglio di Amministrazione deve insediarsi entro quindici giorni dalla proclamazione degli eletti per eleggere il Comitato di Presidenza, con le modalità di cui all art. 25 dello Statuto. L amministrazione del FADA è affidata al Consiglio di Amministrazione che delibera collegialmente ed a maggioranza ed esercita le sue funzioni nel modo più ampio coi limiti fissati dallo Statuto, dal regolamento e dalle delibere dell Assemblea. Il Collegio dei Sindaci revisori e il Collegio dei Probiviri devono insediarsi entro quindici giorni dalla proclamazione degli eletti per eleggere il Presidente, con le modalità di cui agli artt. 30 e 31 dello Statuto. INTERVENTI DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA Art. 14 Art. 15 Ai sensi dell articoli 4 e 8 dello Statuto gli interventi di assistenza sanitaria integrativa sono gestiti con le modalità e termini previsti dalla polizza sanitaria stipulata con la Compagnia di Assicurazione, allegata sotto la lettera B al presente Regolamento di cui costituisce parte integrante. Tali interventi sono, inoltre, meglio sintetizzati nel nomenclatore qui allegato sotto la lettera A, che costituisce parte integrante del presente Regolamento. La polizza sanitaria e la relativa copertura assicurativa ha validità annuale, dal 1 gennaio al 31 dicembre di ciascun anno solare. Al completamento di un evento, cioè a conclusione del ciclo di cure con il quale l'evento stesso è stato trattato, occorre compilare la richiesta di rimborso su apposito Modulo; con tale richiesta devono essere presentati i documenti originali oltre a fotocopie. I documenti devono contenere indicazioni tali da permettere di rilevare: - lo stato di malattia (diagnosi presunta o effettiva); - il tipo delle cure prestate. Queste indicazioni sono indispensabili per consentire, all'atto della liquidazione, la verifica e la corretta imputazione delle spese ai massimali di competenza. Le fatture e/o parcelle devono contenere la ragione sociale della ditta o il nominativo del professionista che le ha rilasciate; e se trattasi di parcella per visita medica specialistica, anche il titolo di specializzazione del medico. Per la corretta attribuzione dei rimborsi ai massimali di competenza saranno prese in considerazione le date di emissione dei documenti di spesa (fatture - tickets ricevute fiscali scontrini fiscali) 4.14

5 Art. 16 I rimborsi vengono effettuati direttamente ai Soci FADA, con accredito sul conto corrente bancario indicato sul modulo di richesta e con notifica al suo domicilio.. Saranno disponibili sul portale internet del Fondo i moduli da compilare a cui allegare le fatture delle quali si richiede il rimborso. Detta documentazione dovrà essere consegnata per lo Stabilimento di Firenze all ufficio interno della Compagnia di Assicurazione e per gli altri Stabilimenti all incaricato della Compagnia di Assicurazione presso il locale assegnato che provvederà ad inoltrarla per il relativo rimborso. COPERTURE ASSICURATIVE OPZIONALI (a carico dell interessato) Art. 17 E prevista la possibilità di coperture assicurative a favore dei familiari (coniuge/convivente more-uxorio e figli fiscalmente a carico e non a carico ma conviventi) stipulate individualmente dal singolo Socio in base alle condizioni deliberate di anno in anno dal Consiglio direttivo FADA. E prevista altresì la possibilità di mantenimento delle garanzie assicurative alla cessazione del rapporto di lavoro per pensionamento e/o mobilità per il Socio e il proprio nucleo familiare con accordi specifici presi con la Compagnia di assicurazione. DISPOSIZIONI GENERALI Art. 18 Art. 19 Art. 20 In caso di disaccordo sulla natura e sulle conseguenze di una malattia o di un infortunio, o di un intervento chirurgico, l'interessato dovrà presentare il suo reclamo al FADA che interverrà presso la Compagnia di Assicurazione per tentare una composizione amichevole della vertenza. Tutti i dati e le informazioni saranno trattati dai consiglieri FADA secondo le modalità ed entro i limiti previsti dal Codice in materia di protezione dei dati personali di cui al D. Lgs. 196/2003 e successive modifiche ed integrazioni. Qualsiasi notizia concernente lo stato di salute degli iscritti è strettamente riservata. Coloro che ne abbiano notizia per ragioni del proprio mandato sono tenuti al segreto. Non si procederà ad alcun rimborso nei casi in cui la normativa del presente Regolamento sia stata disattesa da parte dell iscritto. Le ricevute, le fatture o altra documentazione non dovranno essere modificate né presentare aggiunte di alcun tipo; nel caso ciò avvenisse dovrà essere apposto timbro e firma a fianco delle correzioni fatte dall estensore di tale documento. 5.14

6 Art. 21 Art. 22 Nei casi di manifesta volontà di dolo cesserà immediatamente l iscrizione al FADA con l obbligo alla restituzione delle somme indebitamente riscosse, ferme restando le conseguenze sul piano civile e penale. In relazione alle prestazioni sanitarie sopra indicate, non verranno rimborsate le spese relative ai ticket per rilascio cartella clinica, rinnovo patente, vaccini, quota ricetta, iva, marca da bollo. La presente regolamentazione annulla e sostituisce ogni altra precedente normativa. Firenze, 19 Aprile

7 ALLEGATO A AL REGOLAMENTO APPLICATIVO NOMENCLATORE DELLE PRESTAZIONI TARIFFARIO IN VIGORE COME DA CONVENZIONE ASSICURATIVA GARANZIE A. RICOVERO OSPEDALIERO CON O SENZA INTEVRENTO CHIRURGICO MASSIMALI ,00 per anno (Eccetto parto cesareo) Grandi Interventi ,00 Spese per gli onorari dei chirurghi, aiuto, assistente, anestesista ed ogni altro soggetto partecipante all intervento, diritti di sala operatoria e materiale d intervento (compresi apparecchi terapeutici e endoprotesi applicati durante l intervento) per anno Compreso nel massimale A. SCOPERTI E/O FRANCHIGIE SCOPERTO 15% con il minimo di 1.000,00 per ricoveri in strutture private In caso di intervento chirurgico ambulatoriale applicazione del solo scoperto 20% Nessuna franchigia e/o scoperto in caso di malattia oncologica Assistenza medica ed infermieristica, cure, trattamenti fisioterapici e rieducativi, medicinali ed esami post intervento riguardanti il periodo di ricovero Compreso nel massimale A. Rette di degenza (fino al massimo di 200,00) Parto naturale Prelievo organi o parte di essi, nonché spese per il donatore per accertamenti diagnostici, assistenza medica ed infermieristica, intervento chirurgico di espianto, cure, medicinali e rette di degenza Day Hospital (Accertamenti diagnostici, assistenza medica, cure, medicinali, rette di degenza ed inoltre esami, medicinali, prestazioni mediche ed infermieristiche, trattamenti fisioterapici e rieducativi effettuati nei 120 giorni precedenti e successivi al ricovero.) Interventi chirurgici ambulatoriali Compreso nel massimale A. Rimborso forfettario di 300,00 Compreso nel massimale A. Compreso nel massimale A. Compreso nel massimale A. IN REGIME DI CONVENZIONAMEN TO DIRETTO: Franchigia fissa 500,00 per ricovero in strutture private (escluso il costo della differenza sulla retta di degenza) Nessuna franchigia e/o scoperto in caso di intervento chirurgico ambulatoriale Trasporto assicurato e un accompagnatore in Italia e all estero con qualsiasi mezzo esclusa auto propria ,00 per anno/evento Retta accompagnatore, massimo 90 giorni 100,00 al gg. Diaria sostitutiva del rimborso, massimo 90 giorni 100,00 al gg. 7.14

8 Rimborso spese rimpatrio salma in caso di decesso all estero Anticipo indennizzi nel caso in cui l istituto di cura chieda il pagamento di un anticipo 4.000,00 per evento Nel limite dell 80% della somma assicurata Parto cesareo 7.500,00 per anno Spese per accertamenti diagnostici, compresi onorari medici, effettuati nei 120 giorni antecedenti e relativi al ricovero Spese rese necessarie dall intervento sostenute dopo la cessazione del ricovero: esami, acquisto medicinali, prestazioni mediche ed infermieristiche, trattamenti fisioterapici, rieducativi, effettuate nei 120 giorni successivi al ricovero Compreso nel massimale A. Compreso nel massimale A. SCOPERTO 20% A seguito di ricoveri in strutture pubbliche o private B. SPESE EXTRA-OSPEDALIERE (trattasi di particolari esami diagnostici strumentali e di alcune terapie mediche, il cui costo risulta normalmente più elevato delle cure ed accertamenti di cui al punto successivo) Arteriografia Cistografia Coronografia Doppler Ecocardiografia Endoscopia Laserterapia M.OC. Radioterapia Rettoscopia Risonanza magnetica Scintigrafia T.A.C. Amniocentesi Angiografia Colonscopia Ecografia Ecodoppler ECG sotto sforzo Elettroencefalografia Densitometria Holter Mammografia Telecuore Urografia Elettromiografia Ultrasuoni MASSIMALE 5.000,00 per anno e nucleo familiare Scoperto 25% IN REGIME DI CONVENZIONAMENTO DIRETTO: Franchigia fissa 20,00 Ticket ospedalieri 100% 8.14

9 C. VISITE SPECIALISTICHE Onorari medici per visite e prestazioni specialistiche (escluse pediatriche, odontoiatriche e ortodontiche) MASSIMALE 1.500,00 per anno e nucleo familiare Scoperto 25% Ticket ospedalieri Nessuno scoperto Visite intramoenia (sottomassimale di 5.000,00 previsti alla Scoperto 25% lett. B) Accertamenti diagnostici Scoperto 25% D. FISIOTERAPIA Trattamenti fisioterapici e rieducativi (compreso osteopatici e chiropratici) MASSIMALE 500,00 per anno Scoperto 50% Ticket ospedalieri al 100% D. MALATTIE ONCOLOGICHE : Visite specialistiche, accertamenti diagnostici e terapie rese necessari da malattia oncologica. MASSIMALE 5.000,00 per anno e nucleo familiare Nessuna E. MEDICINA PREVENTIVA Accertamenti diagnostici a scopo preventivo da intendersi quali: UOMO: - Visita cardiologia con ECG - RX Torace - Ecografia delle vie urinarie - Accertamento dell Antigene Prostatico DONNA: - Visita cardiologia con ECG - RX Torace - Esame citologico delle urine - Visita ginecologica con i relativi accertamenti (pap test, ecografia mammaria o mammografia ed ecografia transvaginale) TUTTI: - Esame del sangue con ALT, AST, GAMMA GT, Glicemia, colesterolo totale, colesterolo HDL, trigliceridi, urea, creatina, emocromo, PTT, PT, VES - un esame delle urine ed una ricerca di sangue occulto nelle feci (hemmocult) - una visita odontoiatrica o un ablazione del tartaro in uno degli studi odontoiatrici convenzionati con Pronto Care. - una visita dermatologica per controllo nei ed esame della cute (diagnosi precoce del melanoma) MASSIMALE 400,00 anno GARANZIA VALIDA PER IL SOLO DIPENDENTE IN SERVIZIO Nessuna 9.14

10 GARANZIE PERCENTUALI DI RIMBORSO F. CURE DENTARIE PRESTAZIONE % di rimborso CONVENZIONE PRONTO-CARE Massimale 2.000,00 per anno % di rimborso FUORI PRONTO-CARE Visita odontoiatrica 100% 0 Ablazione tartaro 100% 0 Radiografia comp. 100% 50% Paradontologia 50% 30% Conservativa 90% 60% Chirurgia 90% 70% Endodonzia 90% 70% Visita emergenza 100% 80% Implantologia 50% 30% Protesica 40% 20% Ortodonzia (a favore del dipendente e dei figli fiscalmente a carico) 50% 30% GARANZIE MASSIMALI SCOPERTI E/O FRANCHIGIE I. RIMBORSO SPESE PER APPARECCHI DI PROTESI ED ORTESI Ortopediche Acustiche Terapeutiche RIMBORSO DEL 60% delle spese sostenute, Garanzia prestata per il dipendente ed il coniuge e i figli fiscalmente a carico. Nessuna L. RIMBORSO SPESE PER LENTI E L.A.C. Lenti e/o lenti a contatto (escluso il costo delle montature garanzia prestata solo come prima prescrizione e successivamente con modifica visus) Garanzia prestata per il dipendente ed il coniuge ed i figli fiscalmente a carico con i seguenti limiti 300,00 per anno Scoperto 30% Solo lenti a contatto (senza modifica del visus) 150,00 per anno (sottomassimale di 300,00 previsti alla lett. H) 10.14

11 M. RIMBORSO SPESE PER PORTATORI DI PATOLOGIE INVALIDANTI Garanzia prestata per il rimborso delle spese sostenute dal dipendente per i familiari fiscalmente a carico portatori di patologie invalidanti dalla nascita o derivanti da malattie o traumi. Il rimborso è effettuato nel limite del 75% delle spese sostenute. Per le patologie successive alla nascita il grado di invalidità accertata deve essere superiore al 65%. Il rimborso viene effettuato per le sole spese riconducibili alla patologia invalidante. N. INDENNITA PER INABILITA TEMPORANEA DA MALATTIA E INFORTUNIO FINALIZZATA AL RECUPERO DELLA SALUTE Garanzia prestata a favore del dipendente con le seguenti modalità : a) un importo pari al 50% della retribuzione netta mensile per il periodo in cui, a termini del CCNL, la retribuzione viene ridotta al 50% ; b) un importo pari al 100% della retribuzione netta mensile per il periodo in cui, a termini del CCNL, il dipendente supera i limiti di conservazione del posto con conseguente perdita al diritto di retribuzione. O. RIMBORSO SPESE PER L ELIMINAZIONE DEI DIFETTI DI RIFRAZIONE Con un decifit visivo superiore alle 4 diottrie per occhio ed anisometropia superiore a 6 diottrie Garanzia prestata a favore del dipendente 2.500,00 per singolo assicurato P. RIMBORSO SPESE PER MEDICINALI E PRODOTTI FARMACEUTICI Garanzia prestata per il dipendente e tutti i componenti del nucleo familiare 50% delle spese sostenute e purchè la spesa sia superiore a 200,00 per evento 11.14

12 REGOLAMENTO AGGIUNTIVO PRESTAZIONI SOLIDARISTICHE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Oltre la polizza sanitaria integrativa a garanzia primaria sottoscritta con la Compagnia di Assicurazione di cui all allegato A, il FADA interviene in tutti i casi in cui improvvise circostanze socio-sanitarie incidano in maniera grave e onerosa sulla situazione economica del socio con conseguenti condizioni particolari di disagio. Il socio che ritenga di trovarsi nelle condizioni di poter usufruire di tale assistenza solidaristica dovrà inoltrare domanda scritta al Consiglio di Amministrazione del Fondo. Il Consiglio stesso deciderà sull accoglimento della domanda avanzata nochè sulla forma e sulla entità dell intervento. Il F.A.D.A. mette a disposizione dei Soci donatori di sangue/plasma/piastrine un contributo economico di 20 per ogni donazione, fino alla sesta donazione per anno solare. il F.A.D.A. eroga un rimborso annuo pari a 80 per la spesa di pannolini per bambini (per due anni consecutivi) per complessive 160 da erogare l anno di nascita e l anno successivo. Inoltre al compimento del 1 anno di età il Fondo FADA eroga un contributo del 30% sul totale della spesa inerente all acquisto di latte artificiale per neonati, dietro presentazione degli scontrini fiscali evidenziati in un prospetto riepilogativo e dello stato di famiglia in carta libera. Il Fondo eroga un contributo pari al 20% per le spese dentarie ad integrazione di quanto previsto in polizza quando importo rimanente sia superiore a al netto del rimborso ricevuto dalla Compagnia di Assicurazione o per un importo totale quando la spesa è riferita al familiare fiscalmente a carico. La delibera del Consiglio d Amministrazione prevede l esclusione per tale contributo delle spese relative alla terapia ortodontica e terapia di sigellatura dei denti per il dipedente e/o familiari fiscalmente a carico. Il F.A.D.A. in caso di morte naturale del Socio eroga ai superstiti un assegno mortis causa la cui entità è determinata dal Consiglio di Amministrazione. Nel caso di pubblica calamità (epidemie, alluvioni, terremoti, ecc.) riconosciute dalle competenti autorità, l erogazione dell assegno è subordinata alla preventiva autorizzazione del Consiglio di Amministrazione. L assegno mortis causa viene liquidato ai superstiti nel modo e nell ordine sottoindicato: - al coniuge, per intero, sempre che non sia intervenuta separazione legale per colpa dello stesso; 12.14

13 - in mancanza del coniuge, o quando questi fosse separato per colpa sua, l'assegno va diviso in parti uguali tra i figli legittimi, adottivi o naturali, quando I'affiliazione di questi ultimi sia stata riconosciuta dal "de cuius" o sia stata giudizialmente dichiarata; - in mancanza del coniuge, o figli, l'assegno andrà, sempre in parti uguali ai genitori e, in mancanza di questi, ai fratelli a carico del defunto (ovvero familiari per i quali il Socio usufruiva delle detrazioni fiscali). Per i figli, fratelli, sorelle ed altri eventuali beneficiari, minori di 18 anni, I'erogazione a loro favore dovrà avvenire tramite il Giudice Tutelare. I Soci, pur non potendo disporre del testamento, perché l'assegno non va soggetto alle norme di successione ereditaria, hanno però la facoltà di designare direttamente i beneficiari, in deroga ed anche al di fuori della predetta graduatoria. In tal caso debbono compilare apposita dichiarazione di proprio pugno e farla pervenire alla Presidenza del Consiglio di Amministrazione. In mancanza di beneficiari vari previsti dalla presente regolamentazione o designati dall'iscritto nei modi sopra indicati, potranno essere rimborsate le spese funerarie, fino a concorrenza massima del 20% dell'assegno, a quel parente, persona od Ente che documenti di avere sostenute le spese a tale titolo. L assegno mortis causa è concesso, in via eccezionale e previa approvazione del Consiglio di Amministrazione, anche a decesso postumo alla chiusura del rapporto di lavoro, entro comunque i 18 mesi, quando il rapporto di lavoro stesso sia stato chiuso prima del consueto termine di risoluzione, proprio per le infauste condizioni di salute del Socio. Per richiedere l assegno mortis-causa l erede deve presentare i seguenti documenti in copia: certificato di morte certificato medico attestante le cause del decesso carta d identità del beneficiario certificato di stato di famiglia certificante il grado di parentela con il socio; atto di notorietà o dichiarazione sostitutiva di atto notorio per gli eventuali eredi legittimi in ordine alla loro legittimazione copia autentica del decreto del Giudice Tutelare per l impiego delle somme spettante agli eredi minori, con esonero del F.A.D.A. da ogni responsabilità; estremi bancari (iban) per l accredito del relativo importo. In ogni caso il F.A.D.A. può richiedere all erede o direttamente agli enti competenti tutta la documentazione che riterrà opportuna, a propria discrezione, a conferma 13.14

14 della sussistenza dei presupposti per l erogazione dell assegno mortis-causa richiesto e per finalità liquidative. Art. 5 Il F.A.D.A. oltre a erogare assegni di solidarietà a fondo perduto, a favore di Soci in precarie situazioni socio-economiche determinate da rilevanti spese sanitarie, per le stesse motivazioni può erogare prestiti a medio/lungo termine senza l applicazione di interessi. Il Consiglio di Amministrazione determina criteri e modalità di erogazione in base alle risorse finanziarie disponibili. Art. 6 Laddove è possibile, il FADA si adopererà per stipulare convenzioni sanitarie allo scopo di agevolare gli iscritti ed i loro familiari attraverso un azione mirata ad ottenere prestazioni qualificate a costi contenuti nel settore medico sanitario privato. Art. 7 Si applicano, per quanto compatibili, le disposizioni generali di cui agli articoli 20, 21, 22 e 23 del Regolamento applicativo. Firenze, 19 Aprile

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

GENERALI SEI IN SALUTE

GENERALI SEI IN SALUTE Generali Italia S.p.A. GENERALI SEI IN SALUTE Contratto di Assicurazione per la copertura dei rischi Malattie ed Assistenza Il presente Fascicolo informativo, contenente - Nota informativa, comprensiva

Dettagli

SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO. servizi d integrazione sanitaria. Salute Più. Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto

SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO. servizi d integrazione sanitaria. Salute Più. Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO servizi d integrazione sanitaria Salute Più Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto Edizione 2013 1 Salute Più Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto Edizione

Dettagli

Come utilizzare le prestazioni della polizza UNISALUTE

Come utilizzare le prestazioni della polizza UNISALUTE Come utilizzare le prestazioni della polizza UNISALUTE 1 Richiesta informazioni Contattare la Centrale Operativa di Unisalute dalle ore 8,30 alle 19,30 dal lunedì al venerdì 800.822.472 051.63.89.046 dall

Dettagli

GUIDA AL PIANO SANITARIO CASSA SANITARIA BNL

GUIDA AL PIANO SANITARIO CASSA SANITARIA BNL GUIDA AL PIANO SANITARIO CASSA SANITARIA BNL 2012 Dipendenti appartenenti alle Aree Professionali e ai Quadri Direttivi BNL Cassa Sanitaria BNL per il personale appartenente alle Aree Professionali ed

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Piano Completo Redazione Dicembre 2013

Piano Completo Redazione Dicembre 2013 Fascicolo Informativo Contratto di assicurazione sanitaria Redazione Dicembre 2013 Il presente Fascicolo Informativo contenente a) Nota Informativa comprensiva del Glossario; b) Condizioni di assicurazione;

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

DOCTOR PIÙ EVOLUTION. Contratto di Assicurazione Malattia e Assistenza

DOCTOR PIÙ EVOLUTION. Contratto di Assicurazione Malattia e Assistenza DOCTOR PIÙ EVOLUTION Contratto di Assicurazione Malattia e Assistenza Il presente Fascicolo Informativo contenente: Nota Informativa e Glossario Condizioni di Assicurazione deve essere consegnato al Contraente

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Guida al Piano sanitario Guida al Piano Sanitario Fondo FASDA

Guida al Piano sanitario Guida al Piano Sanitario Fondo FASDA Guida al Piano sanitario Guida al Piano Sanitario Fondo FASDA Fondo FASDA Fondo integrativo di Assistenza Sanitaria per i Dipendenti dei servizi Ambientali 1 Per tutte le prestazioni previste dal Piano

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI COS E A CHI E RIVOLTA COSA OFFRE RC PROFESSIONALE È un programma assicurativo studiato per offrire una copertura completa e personalizzabile in base alle specifiche esigenze. Sono previste garanzie in

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

NOTA INFORMATIVA E CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE delle Polizze Collettive n. 5008/01 e n. 5250/02 (ed. Ottobre 2008)

NOTA INFORMATIVA E CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE delle Polizze Collettive n. 5008/01 e n. 5250/02 (ed. Ottobre 2008) NOTA INFORMATIVA E CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE delle Polizze Collettive n. 5008/01 e n. 5250/02 (ed. Ottobre 2008) N O T A I N F O R M A T I V A INFORMAZIONI RELATIVE ALLE IMPRESE Cardif Assurance Vie

Dettagli

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE La presente guida descrive le procedure operative che gli Assistiti dovranno seguire per accedere alle prestazioni garantite

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

FIN+A Vita. Aviva S.p.A. Gruppo Aviva

FIN+A Vita. Aviva S.p.A. Gruppo Aviva Aviva S.p.A. Gruppo Aviva FIN+A Vita Creditor Protection a Premio Unico ed a Premio Annuo Limitato abbinata a Finanziamenti - Contratto di Assicurazione in forma Collettiva ad Adesione Facoltativa. Il

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina le procedure per la trasformazione del

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO)

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale nr.

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

DD I/3 2804 del 06/02/10

DD I/3 2804 del 06/02/10 AREA RECLUTAMENTO E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Dirigente Ascenzo FARENTI Coordinatore Dott. Luca BUSICO Unità Amministrazione personale tecnico amministrativo Responsabile Dott. Massimiliano GALLI DD

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO F.I.N.

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO F.I.N. FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO F.I.N. RIEPILOGO CONDIZIONI PER L ASSICURAZIONE CONVENZIONE MULTIRISCHI PER L ASSICURAZIONE INFORTUNI, LESIONI MORTE, MALATTIA, RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI, VERSO PRESTATORI

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

(1) Livello Inquadramento

(1) Livello Inquadramento di Mutualità ed Assistenza MACERATA Via Gramsci, 38 Tel. 0733 230243 Fax. 0733 232145 E mail: info@cassaedilemacerata.it www. cassaedilemacerata.it DATI ANAGRAFICI DEL LAVORATORE ( per i nuovi assunti

Dettagli

ezione II NOMENCLATORE SANI.IN.VENETO

ezione II NOMENCLATORE SANI.IN.VENETO SANI.IN.VENETO ezione II NOMENCLATORE 1. Persone Assicurate L adesione al programma è rivolto a tutti i dipendenti in attività delle imprese comprese nel campo di applicazione dei CCNL e\o CCRL siglati

Dettagli

Guida alle prestazioni di Assistenza sanitaria integrativa

Guida alle prestazioni di Assistenza sanitaria integrativa Guida alle prestazioni di Assistenza sanitaria integrativa Part Time settore Terziario ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE DEL COMMERCIO, DEL TURISMO E DEI SERVIZI Servizio

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

Creditor Protection Insurance

Creditor Protection Insurance CARDIF ASSURANCE VIE S.A. CARDIF ASSURANCES RISQUES DIVERS S.A. POLIZZE COLLETTIVE N. 5038/01 e 5343/02 Creditor Protection Insurance (data dell ultimo aggiornamento: 31.05.2012) IL PRESENTE FASCICOLO

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli