Catello Antonio Cremone La riforma sanitaria negli Stati Uniti d America. The Patient Protection and Affordable Care Act ObamaCare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Catello Antonio Cremone La riforma sanitaria negli Stati Uniti d America. The Patient Protection and Affordable Care Act ObamaCare"

Transcript

1 A13

2

3 Catello Antonio Cremone La riforma sanitaria negli Stati Uniti d America The Patient Protection and Affordable Care Act ObamaCare

4 Copyright MMXV Aracne editrice int.le S.r.l. via Quarto Negroni, Ariccia (RM) (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: luglio 2015

5 In memoria di mio padre, Angelo

6

7 Indice 9 Introduzione 13 Capitolo I Lo scenario di riferimento anteriforma 1.1. Il quadro di copertura sanitaria sistemica, Il canale assicurativo privato, Il programma federale di assicurazione sanitaria pubblica denominato: Medicaid, Il programma federale di assicurazione pubblica denominato Medicare, Il quadro di copertura sanitaria sussidiaria, I Community Health Centers (CHCs), Le Hospital Emergency Rooms (ERs), I National health Service Corps (NHSCs), Le Non governamental health agencies, Capitolo II La revisione delle componenti strutturali del sistema sanitario americano 2.1. L obbligatorietà della copertura sanitaria: The individual mandate, L espansione del programma federale Medicaid, La nuova componente strutturale: The Exchanges, La revisione delle regole di funzionamento del sistema assicurativo privato, Sanzioni ed incentivi per il mondo delle imprese, Capitolo III Il processo di implementazione della legge di riforma 3.1. La sequenza d implementazione, Variazione dell impostazione originaria: La Sentenza della Corte Suprema, L adesione al progetto di espansione del programma federale: Medicaid, I tentativi per ritardare il processo d implementazione: The government shutdown, 76. 7

8 8 Indice 83 Capitolo IV Opportunità e rischi per i pazienti oncologici negli Stati Uniti 4.1. Le nuove strategie terapeutiche in ambito oncologico, La duplice valenza della sostenibilità finanziaria, Le opportunità per i pazienti oncologici americani, Gli ostacoli sulla strada di un appropriata ed ottimale fruibilità dei servizi sanitari, Bibliografia 103 Nota e ringraziamenti

9 Introduzione Il sistema sanitario americano impatta nell immaginario collettivo come un coacervo di regole e procedure, il cui filo conduttore è la sistematica esclusione dall accesso all assistenza sanitaria di coloro che non sono in grado di sopportarne, direttamente o indirettamente, il costo. Evidentemente il carattere non universalistico dei meccanismi di copertura sanitaria negli Stati Uniti ha, storicamente, fornito elementi a supporto di una lettura così estrema del fenomeno. Ciò nonostante, a rigor di logica, una siffatta analisi è comunque etichettabile come un luogo comune, suscettibile di smentita per il tramite di una più approfondita conoscenza della struttura e delle dinamiche del sistema in esame. Il diritto è definito vivente nella misura in cui trova la sua ragion d essere nella esigenza di dotare la collettività organizzata di norme coerenti ed attuali, che seguano le rivendicazioni e le mutevoli pulsioni della società civile. In tale attività di adeguamento costante delle regole di convivenza, il legislatore non può non tener conto, altresì, delle distorsioni che, talvolta, accompagnano l agire umano e le istituzioni da esso gestite. I deludenti dati riferiti al tasso di mortalità infantile ed all aspettativa di vita alla nascita negli Stati Uniti d America, non sono quelli che ci si aspetterebbe in un sistema sanitario nel quale il costo per l erogazione delle prestazioni sanitarie, che esprimono un avanzato contenuto tecnologico, assorbe una percentuale considerevole del prodotto interno lordo. I suddetti dati non sono in linea neppure con le valutazioni in materia di spesa sanitaria pro capite, che risulta quale una delle più elevate al mondo. Tale palese contraddizione, statisticamente confermata, ha quindi suggerito la necessità di un intervento legislativo ispira- 9

10 10 Introduzione to da una chiara considerazione di fondo: Il sistema sanitario americano non va riformato in riferimento alla sua modernità, bensì sotto il profilo della possibilità di accesso alla sua modernità. La strategia che distingue l attuale processo riformatore è quindi orientata a far leva su di un modello di offerta di prestazioni sanitarie, già moderne e tecnologicamente avanzate, che, qualora reso di più facile accesso, dovrebbe poter diffondere su larga scala le proprie potenzialità. Queste considerazioni, se ben sviluppate, saranno in grado di delineare quel modello di copertura sanitaria che, nelle intenzioni del legislatore, garantirà a tutti i cittadini americani specifiche certezze in materia di tutela della propria salute. L articolazione del disegno riformatore, caratterizzata da nuovi requisiti di eleggibilità per i programmi sanitari pubblici e da nuove disposizioni tese a rendere il canale assicurativo privato meno selettivo e meno oneroso, è rivelatrice di quella ormai matura e diffusa sensibilità in materia di regole di accesso alle componenti strutturali del sistema sanitario statunitense. Tale sensibilità è risultata fattore promotore delle modifiche ufficializzate in sede legislativa. Il successo del progetto di riforma passerà inevitabilmente attraverso un attività sinergica delle neoarticolazioni operative di cui è composto. Le principali saranno oggetto di analisi del presente lavoro di approfondimento che tenterà di fornire, altresì, una visione d insieme dell impatto derivante dalla loro implementazione sulla gestione delle patologie oncologiche negli Stati Uniti. Proprio in questi anni, tale ambito medico scientifico si sta distinguendo per una spiccata propensione dinamica, orientata al perfezionamento delle tecniche diagnostiche ed allo sviluppo di nuove opzioni terapeutiche. L impiego dei processi di biologia molecolare rivolti alla sintesi di farmaci a bersaglio molecolare specifico, i tentativi di rendere il sistema immunitario funzionale all attività di difesa dalla proliferazione neoplastica, l aumento relativo dell incidenza delle patologie oncologiche dovuto all innalzamento della vita media della popolazione, la trasformazione della patologia oncologica da subacuta a quasi cronica, i

11 Introduzione 11 diffusi episodi di sovratrattamento riconducibili ad una cultura oncologica dell eccesso, rappresentano fattori che non possono prescindere da una profonda analisi di sostenibilità finanziaria, organizzativa e gestionale. Si tratta di una sfida che sta interessando, e mettendo a dura prova, i sistemi sanitari nazionali in tutto il mondo. Negli Stati Uniti d America tale sfida sarà disputata nell ambito di un sistema sanitario che risulta contestualmente impegnato nella modifica strutturale della sua fisionomia e delle sue regole di funzionamento. Mi auguro che nella lettura delle pagine che seguono, il lettore venga invogliato ad operare una continua attività di confronto con le prerogative caratterizzanti il modello di offerta sanitaria italiano. Sarà interessante notare che il nostro sistema sanitario nazionale, allo stesso tempo moderno e universale, previene e corregge a monte alcune contraddizioni che hanno reso non più rinviabile l adozione del progetto di riforma sanitaria più ambizioso nella storia americana. È opportuno che tali considerazioni ci indirizzino verso una compiuta riflessione sul fatto che una valutazione giusta ed equilibrata del sistema sanitario nazionale di casa nostra, non può elevare ad esaustivo criterio di giudizio i limiti e le distorsioni, talvolta di natura operativa, ai quali esso, inesorabilmente, risulta esposto. Il fatto stesso che una delle più grandi e consolidate democrazie liberali nel mondo ne abbia coraggiosamente condiviso i principi e gli ideali ispiratori, rivela l attitudine di tali principi e di tali ideali ad essere strumentali ad un realistico quanto ponderato giudizio.

12

13 Capitolo I Lo scenario di riferimento anteriforma 1.1. Il quadro di copertura sanitaria sistemica Il 23 marzo 2010 il presidente degli Stati Uniti d America, Barack Hussein Obama, mantenendo fede ai propositi esternati nella campagna elettorale per le elezioni presidenziali del 2008, forte di una ormai matura consapevolezza dell esigenza di indirizzare il sistema sanitario americano verso criteri di copertura sanitaria di tipo universalistici, ha firmato la legge di riforma del sistema sanitario nazionale denominata The Patient Protection and Affordable Care Act (PPACA) 1. Il motivo ispiratore di tale processo riformatore è felicemente sintetizzabile nelle parole pronunciate dal Presidente nel corso della cerimonia ufficiale per la firma del provvedimento legislativo: «abbiamo appena sancito [... ] il principio centrale per cui ciascuno debba avere alcune sicurezze di base quando si tratta della propria assistenza sanitaria». Animato dalla volontà di concretizzare il suddetto principio, il legislatore americano ha dovuto muoversi in uno scenario di riferimento iniziale caratterizzato da una rete di assistenza sanitaria che evidenziava, ed in parte ancora evidenzia, le seguenti caratteristiche di fondo: 1. I riferimenti del provvedimento legislativo risultano: HR 3590 divenuta la legge pubblica n (PPACA), così come modificata dalla seguente HR 4872 divenuta la legge pubblica n : Health Care and Education Reconciliation Act (HCERA). Si chiarisce che HR 3590 definisce la codificazione del atto presentato all approvazione della Camera dei Rappresentanti del Congresso (HR rappresenta l acronimo di House of Representatives). Legge n indica rispettivamente il 111 Congresso degli Stati Uniti d America ed il numero della legge che risulta

14 14 La Riforma sanitaria negli Stati Uniti d America a) estrema frammentarietà della rete assistenziale basata, fondamentalmente, su tre componenti strutturali che delineano il quadro di copertura sanitaria sistemica, funzionalmente affiancate da altre componenti strutturali che disegnano il quadro di copertura sanitaria sussidiaria e da numerosi programmi federali e/o statali orientati a specifici segmenti di utenza. Si pensi al programma CHIP (Children s Health Insurance Program) dedicato ai bambini appartenenti a nuclei familiari non eleggibili per i programmi sanitari pubblici e privi di copertura assicurativa privata, nonché agli altri programmi dedicati al personale militare e alle rispettive famiglie: MHS (Military Health System), ai veterani di guerra e ai nativi americani: IHS (Indian Health Service); b) marcata prevalenza degli interessi privati nella gestione complessiva del sistema, tanto da renderlo qualificabile come: Profit driven system. L imprenditoria privata gestisce la componente maggioritaria delle strutture sanitarie presenti sul territorio. Soltanto il 20% delle strutture ospedaliere americane sono di proprietà pubblica e gestite a livello federale, statale o locale. La componente maggioritaria delle spese per ricerca e sviluppo in ambito sanitario (R&D) è finanziata da investimenti provenienti dal settore privato. Tali investimenti hanno fatto degli Stati Uniti il leader indiscusso in materia di innovazione sanitaria, sia in ambito farmacologico che in materia di dispositivi tecnologici di tipo diagnostico e terapeutico; c) il sistema sanitario statunitense risulta, altresì, qualificabile come: Employer based insurance, cioè profondamente centrato su forme di copertura sanitaria che in materia sistematica vengono associate ad un rapporto di lavoro dipendente. Le componenti strutturali riferibili al quadro di copertura sanitaria sistemica risultano le seguenti.

15 I. Lo scenario di riferimento anteriforma Il canale assicurativo privato Il canale assicurativo privato è amministrato da imprese assicuratici private, operanti in regime di concorrenza e secondo la filosofia che soggiace all offerta di prodotti assicurativi: Il premio fissato in funzione della probabilità dell evento. Tale canale delinea il sistema che garantisce prestazioni sanitarie ai cittadini in grado di sostenere, in autonomia, il costo delle polizze assicurative sanitarie sottoscritte. In larga parte, il sistema assicurativo privato opera in stretta collaborazione con il mondo del lavoro, garantendo prestazioni sanitarie ai lavoratori il cui datore di lavoro provvede alla copertura sanitaria dei propri dipendenti. Negli Stati Uniti il canale assicurativo privato, storicamente, si è servito del mondo del lavoro quale veicolo di diffusione ed opportunità commerciale. L imprenditore può optare per la scelta diretta del canale assicurativo privato, stipulando contratti di tipo sanitario nei quali esso rappresenta il contraente ed i propri dipendenti vengono designati quali beneficiari della polizza. In alternativa l imprenditore può decidere di registrare il proprio personale dipendente presso una delle organizzazioni di intermediazione attive nel campo dell assistenza sanitaria (Health Maintenance Organizations) 2 che, a proprio giudizio, offre le soluzioni più efficaci ed economicamente vantaggiose. Queste ultime forniscono un complesso di prestazioni sanitarie a fronte di una quota fissa annuale a carico del datore di lavoro, con la limitazione di doversi avvalere delle prestazioni di medici di base preventivamente individuati e di strutture ospedaliere e/o specialistiche specificamente 2. Una HMO (Health Maintenance Organization) è un organizzazione che si occupa di gestione ed intermediazione in materia di assistenza sanitaria fungendo da collegamento tra quanti necessitano di prestazioni sanitarie (assicurazioni private per i loro assicurati, datori di lavoro per le loro maestranze, privati cittadini) e gli operatori sanitari providers (medici, ospedali, laboratori e centri diagnostici). Esse operano su base prepagata ossia sulla base di una quota fissa d iscrizione a cui fa da corrispettivo un prestabilito pacchetto di prestazioni.

16 16 La Riforma sanitaria negli Stati Uniti d America designate, in quanto convenzionate o di proprietà della stessa organizzazione. Non è superfluo rilevare che, in un siffatto sistema, la valutazione della tipologia di assicurazione sanitaria privata offerta dal datore di lavoro entra a pieno titolo tra i normali elementi oggetto di contrattazione, sia in fase di stipula del contratto di lavoro dipendente che durante la sua esecuzione. A rendere più significativo tale ultimo aspetto è la considerazione che, normalmente, l assicurazione sanitaria finanziata dal datore di lavoro copre le esigenze sanitarie non solo del lavoratore ma anche dei suoi familiari più prossimi Il programma federale di assicurazione sanitaria pubblica denominato: Medicaid Si tratta del programma federale statale cogestito e cofinanziato dal Governo federale (centrale) e dai singoli Stati membri della Federazione, per far fronte alle esigenze sanitarie di alcune categorie di cittadini definiti: eleggibili in quanto indigenti dal punto di vista reddituale e, contemporaneamente, portatori di specifiche condizioni psicofisiche che si traducono in particolari esigenze di tipo sanitario (es. disabili, non vedenti, donne in gravidanza). Tale programma a partire dal suo ingresso nel panorama sanitario americano è stato oggetto di numerosi interventi tesi ad amplificarne la portata. Tecnicamente ciò è stato possibile in quanto i singoli Stati della Federazione, liberi di recepire nel proprio ordinamento giuridico tale proposta assistenziale 3, hanno sempre goduto di ampia autonomia nella definizione delle condizioni di eleggibilità per l ammissione dei cittadini ai relativi benefici sanitari, purché nel rispetto dei criteri generali stabiliti dal Governo federale. 3. Si può affermare che tutti gli Stati americani hanno aderito al programma Medicaid a partire dal 1982, quando anche l ultimo Stato, l Arizona, ha implementato il suo programma denominato: AHCCCS (Arizona Health Care Cost Containment System).

17 I. Lo scenario di riferimento anteriforma 17 Prima della riforma tali condizioni erano riconducibili essenzialmente a tre requisiti fondamentali che, considerati unitariamente, disegnavano una situazione di svantaggio economico sociale ritenuto meritevole di adeguate misure di sostegno. Il requisito reddituale, della famiglia o del singolo individuo candidati all ammissione al programma sanitario, era la prima grandezza da tenere in considerazione. La fissazione del limite reddituale era operata a livello dei singoli Stati, liberi di optare per una politica di ammissione generosa o per un piano di esposizione più limitato. La seconda grandezza, in ordine di analisi ma non di importanza, era la valutazione dell assetto patrimoniale (proprietà immobiliari, titoli azionari, disponibilità liquide) riconducibile ai soggetti candidati all ammissione al programma. Anche in questo caso i singoli Stati erano liberi di sposare una politica permissiva o di adottare dei limiti di esclusione più rigorosi. Il terzo requisito era la riconducibilità della condizione sociosanitaria del candidato ad una delle categorie protette predefinite dai singoli Stati (es. disabilità, cecità, gravidanza). È opportuno precisare che l ammissione al programma Medicaid era subordinata alla verifica contestuale, e non alternativa, del possesso dei tre requisiti così come determinati dallo Stato di appartenenza dei candidati. Verificate le condizioni di eleggibilità al programma Medicaid, il cittadino accedeva alla copertura sanitaria dei seguenti servizi: assistenza sanitaria di base: primary care; ricoveri ospedalieri e servizi ambulatoriali ospedalieri; cure dentistiche; esami di laboratorio e diagnostica per immagini; strumenti di ausilio alla mobilità; servizi sanitari prenatali in caso di gravidanza; trasporto in Ospedale in caso di emergenza. È importante considerare che, sebbene la legislazione istitutiva del programma non abbia mai previsto quale requisito

18 18 La Riforma sanitaria negli Stati Uniti d America essenziale la copertura per la prescrizione dei farmaci, tutti gli Stati americani, nell ambito della propria normativa di adesione al programma federale, hanno previsto ed opportunamente disciplinato tale fondamentale forma di finanziamento. La percentuale di carico da parte del Governo federale del finanziamento del locali programmi sanitari Medicaid, definita Federal medical assistance percentage (FMAP), è stata attestata mediamente nel 57% della spesa totale. Evidentemente, tale valore medio coniuga e sintetizza le alti percentuali di esposizione del Governo centrale negli Stati più poveri della Federazione, con il suo più basso coinvolgimento finanziario in realtà più ricche e redditualmente autosufficienti. In sede di riforma, il legislatore ha specificamente determinato i requisiti qualitativi, affinché un piano sanitario, sia esso di matrice pubblica piuttosto che privata, possa considerarsi conforme alla normativa vigente. Per poter soddisfare la richiesta del legislatore, un piano sanitario deve presentare dei requisiti minimi che devono essere periodicamente specificati dal Dipartimento della Salute e dei Servizi umani degli Stati Uniti (United States Department of Health and Human Services HHS) 4, nell ambito delle linee guida generali fornite dalla legge di riforma. In effetti, il legislatore federale, con l intento di generare un nuovo standard nazionale per la qualità dei piani assicurativi, ha predeterminato dieci ambiti operativi, all interno di ognuna delle quali il segretario del suddetto dicastero del Governo federale è tenuto a definire determinati servizi sanitari denominati EHBs Essential health benefits, ossia benefici sanitari essenziali 5. Per esplicita previsione legislativa tali ambiti operativi risultano: 4. Quest ultimo rappresenta il dicastero del Governo federale che si occupa, sostanzialmente, della salute dei cittadini, della gestione dei programmi sanitari pubblici, della vigilanza sulla sanità privata, delle attività di prevenzione e profilassi, e delle attività selezione e reclutamento del personale medico. 5. Riferimento normativo specifico: Sezione 1302 HR 3590 divenuta la legge pubblica n (PPACA).

19 I. Lo scenario di riferimento anteriforma 19 a) servizi ambulatoriali; b) servizi di emergenza; c) servizi ospedalieri; d) maternità ed assistenza neonatale; e) servizi per la salute mentale; f ) prescrizione di farmaci; g) servizi di riabilitazione ed abilitazione; h) servizi di laboratorio; i) servizi di prevenzione e di gestione delle malattie croniche; j) servizi pediatrici, includendo servizi per l igiene orale ed oculistici. In data 25 febbraio , il Dipartimento della Salute e dei Servizi umani ha ottemperato alle direttive ricevute nell ambito della legge di riforma, stabilendo che, per il 2014 e per il 2015, siano i singoli Stati della Federazione a provvedere alla definizione dei servizi sanitari essenziali per ognuna dei dieci ambiti previsti dalla norma 7. In tal modo, ogni singolo Stato potrà tenere in debito conto la specificità delle istanze di assistenza sanitaria provenienti dai cittadini residenti nel territorio sottoposto alla propria giurisdizione. Evidentemente tale circostanza stabilisce in capo ai singoli Stati della Federazione l obbligo di uniformare le caratteristiche qualitative del rispettivo Programma Medicaid ai requisiti specifici richiesti dalla legge di riforma in materia di servizi sanitari essenziali. 6. Fonte: Federal Register / Vol. 78, No. 37 / Monday, February 25, 2013 / Rules and Regulations. Department of Health and Human services 45 Cfr. parts 147, 155, and In tale sede, il suddetto Dicastero federale si è comunque riservato di rivedere tale metodologia procedurale a partire dal 2016.

20 20 La Riforma sanitaria negli Stati Uniti d America Il programma federale di assicurazione pubblica denominato Medicare Si tratta di un programma sanitario gestito direttamente dal Governo federale. Esso costituisce, fondamentalmente, il programma nazionale di assicurazione sanitaria pubblica dedicato agli anziani ultrasessantacinquenni 8. Viene finanziato attraverso specifiche ritenute fiscali operate a carico dei lavoratori dipendenti, dei loro datori di lavoro e dei lavoratori autonomi. Nel corso degli anni la sua portata operativa è stata estesa anche a soggetti di età inferiore ai 65 anni, purché portatori di specifiche patologie: a) disfunzioni renali ad uno stadio avanzato; b) sclerosi laterale amiotrofica (SLA); c) disabilità permanente accertata e finanziata con misure di sostegno al reddito da non meno di 24 mesi. Il programma sanitario Medicare prevede quattro tipologie di sezioni assicurative: parte A: assicurazione ospedaliera per la copertura dei costi dei ricoveri ospedalieri; parte B: assicurazione medica che copre i costi per le visite mediche, gli esami di laboratorio, la diagnostica per immagini, le vaccinazioni, le trasfusioni di sangue, la 8. Il 30 luglio del 1965 l allora presidente degli Stati Uniti d America, Lyndon B. Johnson, firmò la legge istitutiva dei programmi denominati: MEDICARE e MEDICAID. Tali programmi, tecnicamente, vanno entrambi qualificati come emendamenti alla Social security Act, la legge firmata da F. Delano Roosvelt il 14 agosto 1935, che introdusse e disciplinò l accesso ai benefici economici determinati dall indennità di malattia, di disoccupazione e di vecchiaia per i lavoratori americani.al momento della firma della legge, il presidente Johnson assegnò all ex presidente Harry S. Truman la tessera Medicare, facendone il primo beneficiario del programma. Entrambi i programmi sono gestiti in seno al Dipartimento della Salute e dei Servizi umani degli Stati Uniti (United States Department of Health and Human Services HHS) e specificamente dai Centri per i servizi di Medicare e Medicaid (Centers for Medicare and Medicaid Services CMS).

Un Viaggio nel Sistema Sanitario Americano

Un Viaggio nel Sistema Sanitario Americano Un Viaggio nel Sistema Sanitario Americano Cinzia Di Novi + Università del Piemonte Orientale, Dipartimento di Politiche Pubbliche e Scelte Collettive Introduzione Alla fine di settembre 2007, il presidente

Dettagli

La salutedegliamericani e deglistatiuniti

La salutedegliamericani e deglistatiuniti La riforma del sistema sanitario degli Stati Uniti il presidente Obama Implicazioni per noi europei? F HUT, R WITMEUR, D DESIR La salutedegliamericani e deglistatiuniti L'inventario prima della riforma

Dettagli

1. Inquadramento del Sistema Sanitario Americano. 4. Il Sistema Sanitario Americano ante Riforma Obama

1. Inquadramento del Sistema Sanitario Americano. 4. Il Sistema Sanitario Americano ante Riforma Obama 1. Inquadramento del Sistema Sanitario Americano 2. Una storia di riforme mancate 3. L Assetto Istituzionale 4. Il Sistema Sanitario Americano ante Riforma Obama 5. La Riforma Obama 2 La caratteristica

Dettagli

Il sistema sanitario degli Stati Uniti

Il sistema sanitario degli Stati Uniti Il sistema sanitario degli Stati Uniti Finanziamento Nel 2000: 13,1% del PIL; 55% finanziamento privato Chi paga nel sistema USA Datori di lavoro (grandi e medie imprese) Governo Federale (contributi obbligatori

Dettagli

Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia

Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia Matteo Lippi Bruni Dipartimento di Scienze Economiche Università di Bologna Facoltà di Economia sede di Forlì matteo.lippibruni2@unibo.it Forlì,

Dettagli

PER UNA REVISIONE DEL FINANZIAMENTO E DELL OFFERTA DEI SERVIZI ODONTOIATRICI L INTERVENTO PUBBLICO E I FONDI INTEGRATIVI

PER UNA REVISIONE DEL FINANZIAMENTO E DELL OFFERTA DEI SERVIZI ODONTOIATRICI L INTERVENTO PUBBLICO E I FONDI INTEGRATIVI PER UNA REVISIONE DEL FINANZIAMENTO E DELL OFFERTA DEI SERVIZI ODONTOIATRICI L INTERVENTO PUBBLICO E I FONDI INTEGRATIVI Giovanni Maria Mazzanti e Gianluca Fiorentini 1 INDICE DEI CONTENUTI Caratteristiche

Dettagli

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE LEZIONE: ELEMENTI DI LEGISLAZIONE SANITARIA (SECONDA PARTE) PROF. MASSIMO BUJA Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

Lista di termini assicurativi e definizioni per l'omogeneità delle traduzioni

Lista di termini assicurativi e definizioni per l'omogeneità delle traduzioni Termine valore attuariale Legge per l'accessibilità alle prestazioni sanitarie (Affordable Care Act) spese riconosciute Definizioni Percentuale dei costi medi totali delle indennità coperte previsti in

Dettagli

DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità

DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità Presso la Conferenza Unificata fra lo Stato, le Regioni, le Province Autonome e le Autonomie Locali era stato istituito, nel

Dettagli

Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi. Potenzialità, criteri di investimento, rischi

Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi. Potenzialità, criteri di investimento, rischi A13 457 Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi Potenzialità, criteri di investimento, rischi Copyright MMXI ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

INDICE. La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi

INDICE. La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi INDICE Presentazione La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi L articolazione dei Livelli essenziali di assistenza (Lea) in termini organizzativi

Dettagli

ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI

ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione 1. Il presente regolamento disciplina le procedure comparative di reclutamento e selezione che Italia Lavoro utilizza per l assunzione del personale dipendente

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA Equipollenza titolo pregresso in Laurea in Fisioterapia Catania, 22 Novembre 2008 (1 a parte) ECONOMIA SANITARIA

CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA Equipollenza titolo pregresso in Laurea in Fisioterapia Catania, 22 Novembre 2008 (1 a parte) ECONOMIA SANITARIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA Equipollenza titolo pregresso in Laurea in Fisioterapia Catania, 22 Novembre 2008 (1 a parte) ECONOMIA SANITARIA Rosario Cunsolo Dir. Medico Direzione Medica di Presidio

Dettagli

Lista di termini assicurativi e definizioni per l'omogeneità delle traduzioni

Lista di termini assicurativi e definizioni per l'omogeneità delle traduzioni Termine valore attuariale Legge per l'accessibilità alle prestazioni sanitarie (Affordable Care Act) spese riconosciute Definizioni Percentuale dei costi medi totali delle indennità coperte previsti in

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 D.g.r. 28 luglio 2011 - n. IX/2061 Determinazione in ordine alla promozione di iniziative di sviluppo e confronto tra aziende lombarde

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E di pochi giorni fa la circolare n. 51/E emessa dall Agenzia delle Entrate, con la quale si chiariscono i requisiti

Dettagli

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali

Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali A13 494 Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali Stato dell arte e problematiche aperte verso il federalismo fiscale Copyright MMXII

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

Problema Assistenza Anziani Cronici e Non Autosufficienti

Problema Assistenza Anziani Cronici e Non Autosufficienti Problema Assistenza Anziani Cronici e Non Autosufficienti La sanità integrativa è una realtà destinata a crescere in Italia per ragioni strutturali che metteranno sottopressione soprattutto alcuni settori

Dettagli

1 CONVENGNO SANIMPRESA

1 CONVENGNO SANIMPRESA 1 CONVENGNO SANIMPRESA 29 NOVEMBRE 2006 DALLA NASCITA ALL EVOLUZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA NEL LAZIO Relazione di Luigi Corazzesi Vice Presidente. L incontro odierno dal titolo: Dalla nascita

Dettagli

REGOLAMENTO STATUTARIO DEL COMITATO ETICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

REGOLAMENTO STATUTARIO DEL COMITATO ETICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO STATUTARIO DEL COMITATO ETICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Art. 1 Costituzione Il Comitato Etico della Provincia di Bergamo (di seguito CE) è un organismo indipendente istituito con Delibera

Dettagli

Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere. A cura di Michele Borgia

Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere. A cura di Michele Borgia Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere A cura di Michele Borgia Struttura dell intervento I. Caratteristiche originarie e carenze : II. Istituzioni

Dettagli

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni.

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA DEI GIORNALISTI ITALIANI GIOVANNI AMENDOLA Via Nizza n. 35 00198 Roma SINTESI DEGLI INTERVENTI DI RIFORMA ADOTTATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL INPGI NELLA SEDUTA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELLA SANITA UFFICIO SPECIALE per il monitoraggio Del P.S.R. e per l accreditamento Dei servizi sanitari e per la Programmazione sanitaria 1 REPUBBLICA

Dettagli

STUDIO PER ASSOLOMBARDA

STUDIO PER ASSOLOMBARDA STUDIO PER ASSOLOMBARDA SPESA SANITARIA E FARMACEUTICA E POLITICHE SU ACCESSO A FARMACI E DISPOSITIVI MEDICI IN REGIONE LOMBARDIA (EXECUTIVE SUMMARY) 1 Il presente studio ha come oggetto (i) un analisi

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI Sede Legale Piazza Carlo Forlanini, 1 00151 Roma Azienda con ospedali di rilievo nazionale e di alta specializzazione COMITATO ETICO STATUTO COMITATO ETICO AZIENDA

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO ART. l DENOMINAZIONE E SEDE È costituita l Associazione culturale denominata ASSOCIAZIONE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA,

Dettagli

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA IL CLIENTE Regione Lombardia, attraverso la società Lombardia Informatica. IL PROGETTO Fin dal 1998 la Regione Lombardia

Dettagli

Traccia intervento sul ruolo della famiglia nel mondo del lavoro e nella società. di Pier Paolo Baretta Segretario confederale CISL

Traccia intervento sul ruolo della famiglia nel mondo del lavoro e nella società. di Pier Paolo Baretta Segretario confederale CISL Traccia intervento sul ruolo della famiglia nel mondo del lavoro e nella società di Pier Paolo Baretta Segretario confederale CISL Non c è dubbio che il tema della centralità della persona e della famiglia

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario RUOLO E PROSPETTIVE DELLA MUTUALITÀ NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario Placido Putzolu - Presidente FIMIV Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Dettagli

Evento residenziale Esenzione 048: le principali criticità per la sua applicazione Le indicazioni dell Assessorato Raffaella Ferraris The genius thing we did was we didn t give up 1 Art. 32 della Costituzione

Dettagli

La distinzione non è di poco conto perché costituisce, anche per il legislatore, il punto di partenza della disciplina.

La distinzione non è di poco conto perché costituisce, anche per il legislatore, il punto di partenza della disciplina. Con legge n. 7 del 19 marzo 2009 la Regione Veneto ha implementato la tutela dei diritti dei malati terminali grazie alla quale viene garantito, sin dal 1998[1], un sistema di prestazioni sanitarie dedicate

Dettagli

Il SISTEMA SANITARIO AMERICANO Bologna, 18 settembre 2014 CISL. Area metropolitana bolognese

Il SISTEMA SANITARIO AMERICANO Bologna, 18 settembre 2014 CISL. Area metropolitana bolognese Il SISTEMA SANITARIO AMERICANO Bologna, 18 settembre 2014 CISL. Area metropolitana bolognese Antonio Maturo Dipartimento di Sociologia e Diritto dell Economia UNIVERSITA DI BOLOGNA Visiting Professor,

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro 1 Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro LE PROPOSTE DELLA CISL per un sistema pensionistico equo e sostenibile LA CISL CONTRATTA, UNISCE, PROPONE 1 2 1. La flessibilità in uscita: restituire

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO - VISTI gli articoli 4 e 14 del Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n.165, e successive modifiche ed integrazioni; - VISTA la Direttiva del Presidente del

Dettagli

Paolo Bargiacchi Diritto dell Unione europea. Istituzioni, norme, politiche

Paolo Bargiacchi Diritto dell Unione europea. Istituzioni, norme, politiche Paolo Bargiacchi Diritto dell Unione europea Istituzioni, norme, politiche Copyright MMXV Aracne editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Quarto Negroni, 15 00040 Ariccia

Dettagli

Indice. 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3

Indice. 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3 LEZIONE LA FORMAZIONE NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE DOTT.SSA MARIA ANTONIETTA DE LUCA Indice 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3 1.1.

Dettagli

Capitolo 7 La previdenza forense

Capitolo 7 La previdenza forense Parte prima L ordinamento forense Capitolo 7 La previdenza forense Sommario 1. La cassa nazionale di previdenza e assistenza forense. - 2. Gli organi della cassa. - 3. Il patrimonio e la sua gestione.

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 APRILE 2008 Disposizioni per l assistenza globale dei pazienti

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

Osservazioni Anci sulla prima fase di applicazione del nuovo ISEE

Osservazioni Anci sulla prima fase di applicazione del nuovo ISEE Osservazioni Anci sulla prima fase di applicazione del nuovo ISEE (Documento approvato dalla Commissione Anci Welfare e politiche sociali del 19 ottobre 2015) Il sistema normativo del nuovo ISEE, introdotto

Dettagli

1) Accreditamento dei servizi socio sanitari

1) Accreditamento dei servizi socio sanitari Allegato 17 Linee di indirizzo per i servizi socio-sanitari e di riabilitazione afferenti alla competenza della Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale 1) Accreditamento dei servizi socio sanitari

Dettagli

CAMPA Mutua Sanitaria Integrativa. Presentazione

CAMPA Mutua Sanitaria Integrativa. Presentazione Presentazione 1 Denominazione: CAMPA Cassa Nazionale Assistenza Malattie Professionisti Artisti e Lavoratori Autonomi Forma giuridica: Società di mutuo Soccorso ai sensi della legge 3818 del 1886 Data

Dettagli

Normativa sulla privacy negli. USA: http://aspe.hhs.gov/admnsimp/pl104191.htm Italia: http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?

Normativa sulla privacy negli. USA: http://aspe.hhs.gov/admnsimp/pl104191.htm Italia: http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp? Normativa sulla privacy negli USA e in Italia USA: http://aspe.hhs.gov/admnsimp/pl104191.htm Italia: http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?id=1042761 Complementi di Informatica Medica 1. Anno Accademico

Dettagli

Atto di indirizzo per la medicina convenzionata

Atto di indirizzo per la medicina convenzionata Atto di indirizzo per la medicina convenzionata Premessa L approvazione del Decreto Balduzzi, oltre alla necessità di rivedere gran parte dell impianto normativo degli ACN vigenti, ha aperto e stimolato

Dettagli

COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO)

COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO) COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO) Tel. 055 875011 Fax 055 8750301 P.I. 00255160970 C.F. 01342090485 www.comune.carmignano.po.it REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI COMPARTECIPAZIONE

Dettagli

Protocollo di intesa. tra. L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) REGIONE LAZIO.

Protocollo di intesa. tra. L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) REGIONE LAZIO. Protocollo di intesa L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) tra e REGIONE LAZIO per l erogazione di prestazioni di assistenza sanitaria da parte dell istituto

Dettagli

RISOLUZIONE N.128/E QUESITO

RISOLUZIONE N.128/E QUESITO RISOLUZIONE N.128/E Direzione Centrale Normativa Roma, 20 dicembre 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica - Applicabilità dell esenzione Iva alle prestazioni sanitarie rese dalle farmacie Art. 10, n. 18),

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI DI SERVIZI IN CAMPO SOCIALE. SERVIZIO DI ALLOGGI PROTETTI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI DI SERVIZI IN CAMPO SOCIALE. SERVIZIO DI ALLOGGI PROTETTI COMUNALI Comune di Toscolano Maderno Provincia di Brescia Allegato A REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI DI SERVIZI IN CAMPO SOCIALE. SERVIZIO DI ALLOGGI PROTETTI COMUNALI 1. Definizione,

Dettagli

UniSalute premiata per il ramo Malattia nella categoria Compagnie di Valore

UniSalute premiata per il ramo Malattia nella categoria Compagnie di Valore UniSalute premiata per il ramo Malattia nella categoria Compagnie di Valore Edizione settembre 2015 CHI SIAMO 1995-2015 Da 20 anni vicini alla salute delle persone in famiglia e in azienda UniSalute, specialisti

Dettagli

ASPETTI STORICI DELLA LEGISLAZIONE SANITARIA

ASPETTI STORICI DELLA LEGISLAZIONE SANITARIA LEZIONE: ELEMENTI DI LEGISLAZIONE SANITARIA (PRIMA PARTE) PROF. MASSIMO BUJA Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente)

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L ENPAM (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza medici è fondazione senza scopo di lucro e con personalità giuridica di diritto privato;

Dettagli

LO SAPEVATE CHE...? DDL "CONCORRENZA": MEGLIO PREPARARSI

LO SAPEVATE CHE...? DDL CONCORRENZA: MEGLIO PREPARARSI LO SAPEVATE CHE...? DDL "CONCORRENZA": MEGLIO PREPARARSI Dopo una pausa nella pubblicazione del nostro mensile, dovuta alle modifiche legislative che hanno assorbito tutto il personale del Fondo, torniamo

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 9 MAGGIO 2013 191/2013/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEI CLIENTI FINALI DEL GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI GASDOTTI LOCALI E DI RETI DI TRASPORTO, PER IL PERIODO 1 GENNAIO

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: OBIETTIVI DI SVILUPPO DEL MILLENNIO Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti

Dettagli

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it 1 La Mutua per la Maremma La Banca della Maremma che, coerentemente con i propri principi ispiratori, valorizza la centralità della persona, ha deli berato

Dettagli

NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LA PRIVACY SLITTA A FINE ANNO

NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LA PRIVACY SLITTA A FINE ANNO IN BREVE n. 23 a cura di Marco Perelli Ercolini NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LA PRIVACY SLITTA A FINE ANNO Sulla Gazzetta Ufficiale del 12 luglio 2006 numero 160 è stato pubblicato il decreto milleproroghe

Dettagli

Scheda informativa: avamprogetto per la procedura di consultazione Strategia Reti elettriche

Scheda informativa: avamprogetto per la procedura di consultazione Strategia Reti elettriche Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni (DATEC) Ufficio federale dell energia 28 novembre 2014 Scheda informativa: avamprogetto per la procedura di consultazione

Dettagli

Istituto per la Ricerca la Formazione e la Riabilitazione. STATUTO I.Ri.Fo.R. Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione Onlus

Istituto per la Ricerca la Formazione e la Riabilitazione. STATUTO I.Ri.Fo.R. Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione Onlus STATUTO I.Ri.Fo.R. Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione Onlus Articolo 1 (Compiti istituzionali) 1) L Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione (I.Ri.Fo.R.), organizzazione

Dettagli

IL diabetico. Gestione condivisa. Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini

IL diabetico. Gestione condivisa. Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini IL diabetico anziano Gestione condivisa Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@seed-online.it

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO PER IL RINNOVO DELLA CONVENZIONE NAZIONALE CON LE FARMACIE PUBBLICHE E PRIVATE

ATTO DI INDIRIZZO PER IL RINNOVO DELLA CONVENZIONE NAZIONALE CON LE FARMACIE PUBBLICHE E PRIVATE Testo trasmesso al Governo dal Comitato di Settore Sanità delle Regioni ATTO DI INDIRIZZO PER IL RINNOVO DELLA CONVENZIONE NAZIONALE CON LE FARMACIE PUBBLICHE E PRIVATE L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO Il

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1994 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore SCALERA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 7 FEBBRAIO 2003 Disciplina dell assicurazione obbligatoria delle strutture

Dettagli

Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti.

Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti. Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti. Titolo I Disposizioni generali Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente regolamento

Dettagli

Prescrizioni inappropriate: contestazioni della ASL e difese del medico

Prescrizioni inappropriate: contestazioni della ASL e difese del medico Prescrizioni inappropriate: contestazioni della ASL e difese del medico Servizio Sanitario Nazionale e limitatezza delle risorse Con l istituzione nel 1978 del Servizio Sanitario Nazionale (SSN) si sottolineava

Dettagli

Maurizio De Nuccio *

Maurizio De Nuccio * Servizio sanitario L accreditamento: un sistema per la qualità in piena evoluzione La ricostruzione legislativa della normativa in materia Maurizio De Nuccio * La definizione data da Wikipedia, l'enciclopedia

Dettagli

CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1

CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1 Convenzione 158 CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

SPECIALE FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE

SPECIALE FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE Notiziario interno della Fisac/Cgil per gli esattoriali della Concessione di Roma supplemento ad Informazioni-Fisac OTTOBRE 2000 Non sono le idee che mi spaventano, ma le facce che rappresentano queste

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DELL ENTE BREVE SINTESI DELLE MAGGIORI NOVITÀ INTRODOTTE

NUOVO REGOLAMENTO DELL ENTE BREVE SINTESI DELLE MAGGIORI NOVITÀ INTRODOTTE E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via del Tritone, 169-00187 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 NUOVO

Dettagli

La previdenza in Europa

La previdenza in Europa La previdenza in Europa Dati tratti da: «LEGISLAZIONE STRANIERA. MATERIALI DI LEGISLAZIONE COMPARATA» Camera dei Deputati, giugno 2013 Una premessa Le pensioni, in Italia come negli altri paesi europei,

Dettagli

RISOLUZIONE N.84/E. OGGETTO: Interpello - Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Art. 28 del DPR 29 settembre 1973, n.600

RISOLUZIONE N.84/E. OGGETTO: Interpello - Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Art. 28 del DPR 29 settembre 1973, n.600 RISOLUZIONE N.84/E Roma, 10 agosto 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello - Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Art. 28 del DPR 29 settembre 1973, n.600 Con l interpello specificato in

Dettagli

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE VALLE D'AOSTA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

Comune di Pontassieve. Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato. In collaborazione con

Comune di Pontassieve. Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato. In collaborazione con Comune di Pontassieve Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato In collaborazione con 1 Indice Indice... 1 1. Il processo di sviluppo organizzativo in corso...

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 105 DEL 23 GENNAIO 2015

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 105 DEL 23 GENNAIO 2015 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 05 DEL 23 GENNAIO 205 Definizione del "Programma regionale di Spesa Corrente per gli anni 202 e 203 per gli interventi finalizzati al superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari

Dettagli

Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta

Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta Approvato con delibera C.C. n. 61 del 17.12.2004 Art. 1 - Finalità 1. Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE POLETTI LUIGI- EDEN PER LA TERZA ETA

REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE POLETTI LUIGI- EDEN PER LA TERZA ETA COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE POLETTI LUIGI- EDEN PER LA TERZA ETA Approvato atto C.C. 25-3.3.1995 Modificato atto C.C. 9-10.3.2005 1 Art.1: Denominazione, origini,

Dettagli

Proposta Fondo Sanitario per i dipendenti del Gruppo Poste Italiane

Proposta Fondo Sanitario per i dipendenti del Gruppo Poste Italiane Proposta Fondo Sanitario per i dipendenti del Gruppo Poste Italiane Aprile 2016 Il contesto normativo (1/5) 2 Nozioni generali sui Fondi sanitari integrativi I Fondi Sanitari integrativi sono forme mutualistiche

Dettagli

Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale

Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale Roma 2010 Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni Nostre

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della prevenzione e comunicazione Direzione Generale per i rapporti con l Unione Europea e per i rapporti internazionali UFFICIO III Strategia Globale per la salute

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

Protezione per l azienda. Le migliori soluzioni per proteggere le risorse umane

Protezione per l azienda. Le migliori soluzioni per proteggere le risorse umane Protezione per l azienda Le migliori soluzioni per proteggere le risorse umane LE MIGLIORI SOLUZIONI PER PROTEGGERE LE RISORSE UMANE Il successo di ogni organizzazione si basa sul benessere e l energia

Dettagli

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica L Assistente Sociale e la Rete Oncologica Tavola Rotonda Paola Giribaldi Torino, 14 settembre 2013 La Rete degli Assistenti Sociali E stata istituita con Determinazione Regionale n. 265 dell' 8 settembre

Dettagli

CODICE ETICO. Premesse

CODICE ETICO. Premesse CODICE ETICO Premesse I. La Confederazione Generale Italiana delle Imprese, delle Attività Professionali e del Lavoro Autonomo, denominata in breve Confcommercio-Imprese per l Italia o anche Confederazione,

Dettagli