PROTOCOLLO IGIENE E IGIENE AMBIENTALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROTOCOLLO IGIENE E IGIENE AMBIENTALE"

Transcript

1 PAG. 1/19 PROTOCOLLO IGIENE E IGIENE AMBIENTALE STATO DATA FIRMA Redatto Approvato Revisionato Applicato 19/01/ /10/ /04/ /06/2014 Direttore Sanitario M. Butini Direttore Sanitario M. Butini Responsabile Qualità Dott.sa E. Tacchino Di Girolamo Direttore Sanitario M. Butini 1

2 PAG. 2/19 PREMESSA Con particolare riferimento ai luoghi di lavoro, l'igiene è costituita dall'insieme di pratiche per garantire sicurezza e salute dei lavoratori in tutti i luoghi di lavoro riducendo possibilità e rischio di malattie professionali e infortuni e può essere intesa come ambito di interesse della medicina del lavoro. Alle misure di igiene è dato grande rilievo nel D.Lgs 81 "Testo Unico sulla Sicurezza nel Luoghi di Lavoro" che introduce, tra le sue misure più importanti, quella della valutazione del rischio, fatta dalle figure che devono garantire l'igiene e la sicurezza negli ambienti lavorativi, ossia il datore di lavoro, il responsabile del servizio prevenzione e protezione, il medico competente e autorizzato, il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza. Grande rilievo nell'igiene nei luoghi di lavoro ha anche il tema della prevenzione, sia essa primaria, o secondaria, tramite la sorveglianza sanitaria. IGIENE NELL'AMBIENTE L'igiene ambientale riguarda quell'aspetto dell'igiene che mira e si interessa di tutela della salute negli ambienti di vita, ovvero nei diversi contesti in cui le persone trascorrono la loro vita lavorativa e non, intesi sia come spazi aperti: l'ambiente outdoor, che confinati: l'ambiente indoor (l'ambiente urbano, quello domestico, i luoghi pubblici e anche i mezzi di trasporto collettivo). Tutti gli ambienti sono soggetti a inquinamento, anche se di diverso tipo (gas di scarico di automobili, emissioni industriali che ricadono su aree abitative, ma anche le emissioni date a livello domestico da mobili, arredi e prodotti per la pulizia, tutti fattori che causano un deterioramento della qualità dell'aria nell'ambiente). Per mantenere una buona qualità ambientale sono quindi necessari provvedimenti di salvaguardia di essa in grado di ridurre fattori di rischio per la salute. L'organismo che, a livello nazionale, si occupa di protezione e igiene ambientale è l'ispra. In Liguria, le competenze in materia di igiene e controllo ambientale ricadano sulle ARPAL, Agenzia Regionali per la Protezione dell'ambiente Liguria. STRUTTURA DEL PROTOCOLLO Procedura Igiene Ambientale - A / B / D Istruzioni per la prevenzione dai rischi sia nell uso che nella conservazione dei prodotti di pulizia Prodotti utilizzabili Superfici lavabili Servizi igienici Smaltimento rifiuti Documento Organizzazione Igienico Sanitaria - B Presenza Direzione Sanitaria Documento Formazione Igienico Sanitaria - B / D Procedura Igiene E Cura Della Persona - D 2c Procedura Lavaggio E Sterilizzazione Materiale B 11.7 / B Procedura Ristorazione Collettiva D Sistema Di Verifica Corretta Applicazione Del Protocollo Moduli Utilizzabili E Relativa Collocazione Allegati Evidenza Documentale

3 PAG. 3/19 PROCEDURA IGIENE AMBIENTALE - A / B / D 1.8 OGGETTO Protocolli di pulizia e di sanificazioni ambienti Lavaggio e sanificazione degli accessori Smaltimento rifiuti SCOPO Il presente documento descrive le metodologie e le tecniche di intervento da adottare al fine di: - Rimozione dello sporco e la conseguente rimozione della carica batterica, mantenendo livelli accettabili di igiene ambientale - Prevenzione di infortuni Al termine delle attività di sanificazione degli ambienti, tutto il personale preposto è tenuto a compilare la seguente modulistica: - Scheda Igienizzazione Camere (solo strutture residenziali) 1 - Scheda Igienizzazione Bagni 2 - Scheda Igienizzazione Luoghi Comuni 3 Le schede in uso devono rimanere affisse nei luoghi di riferimento sino al termine della compilazione e compilate quotidianamente in maniera leggibile e fruibili al controllo degli organi competenti. Al termine della compilazione vanno consegnate al personale della reception, contestualmente deve essere ritirato il modulo nuovo e affisso negli appositi spazi. Il personale della reception, a sua volta, scansiona suddetti moduli e li archivia sul server nella cartella modulistica archivio modulistica compilata nella cartella di riferimento della sede operativa e del protocollo. - - Fornire indicazioni sugli interventi mirati a prevenire conseguenze infettive. REQUISITO Esistenza di procedure per l igiene ambientale INDICATORE Sono presenti in ogni U.O. e disponibili agli operatori protocolli per: - Pulizia e sanificazione ambienti - Lavaggio disinfezione e sanificazione di tutti gli strumenti ed accessori. - Smaltimento rifiuti CAMPO DI APPLICAZIONE Tutti i Presidi di Rinascita Vita RESPONSABILITA Il Responsabile dell applicazione della presente procedura è il Direttore Sanitario. CONTENUTO Ogni giorno tutti i presidi sono coinvolti nel processo di sanificazione degli ambienti. 3

4 PAG. 4/19 ATTENZIONE! Vengono messi a disposizione degli operatori diversi prodotti collocati nel magazzino detersivi della struttura (vedere Prot. Attrezzature Tecnologiche e Manutenzione) che deve sempre rimanere chiuso a chiave. Le chiavi sono affidate agli operatori assistenziali e la tenuta e la cura è di loro responsabilità. I prodotti per l igiene non devono essere lasciati in altro posto. RUOLI E COMPETENZE Dal Codice Deontologico degli Operatori di Assistenza valido su tutto il territorio nazionale: 1) Assistenza diretta ed aiuto domestico alberghiero: - aiuta la gestione dell utente nel suo ambito di vita - cura la pulizia e l igiene ambientale 2) Intervento igienico-sanitario di carattere sociale: - pulizia, disinfezione e sterilizzazione delle apparecchiature, delle attrezzature sanitarie e dei dispositivi medici - raccolta e stoccaggio dei rifiuti differenziati ATTENZIONE! La movimentazione tra i piani (per le strutture residenziali) di tutto il materiale di stoccaggio, rifiuti, rifiuti speciali, sporco/pulito e quant altro deve avvenire per mezzo dell ascensore e durante il trasporto non devono essere presenti utenti e visitatori. ISTRUZIONI PER LA PREVENZIONE DAI RISCHI SIA NELL USO CHE NELLA CONSERVAZIONE DEI PRODOTTI DI PULIZIA. - Conservare i detersivi e materiale di pulizia in un apposito locale chiuso a chiave e lontano dalla portata degli ospiti - Non lasciare alla portata degli ospiti i contenitori dei detergenti o solventi, ma chiuderli sempre ermeticamente e riporli nell apposito locale chiuso a chiave (non lasciare la chiave nella toppa) - Ogni prodotto va conservato nel contenitore originale provvisto di etichetta - Leggere attentamente quanto riportato sulle Schede tecniche dei prodotti chimici ed usare le quantità indicate dalle istruzioni per evitare che il prodotto non diluito, o usato in quantità superiore alla normale concentrazione, possa costituire rischio per la persona e/o possa rovinare le superfici da trattare - Non miscelare per nessun motivo prodotti diversi; potrebbero avvenire reazioni chimiche violente con sviluppo di gas tossici - Utilizzare i guanti per evitare il contatto della cute e degli occhi con i prodotti utilizzati - Evitare di inalare eventuali vapori tossici emanati da detersivi 4

5 PAG. 5/19 - Lavare i pavimenti di sale comuni, atri, scale, etc. solo DOPO l uscita dei pazienti, familiari e del personale dall edificio. Al fine di evitare di calpestare le aree bagnate durante l operazione di lavatura dei pavimenti, l operatore deve iniziare il lavaggio partendo da una certa zona ed indietreggiare, in modo tale da non porre mai i piedi sul bagnato E obbligatorio usare idonei dispositivi di protezione individuale dati in dotazione dalla struttura ad ogni operatore (D.P.I.: Dotazione Protezione Individuale, prevista dal D. Lgs. 81/2008). Si ricorda che la mancata osservanza del predetto obbligo comporta l applicazione delle sanzioni previste dal citato Decreto legislativo. Nel caso in cui, per qualche urgente necessità, si debba procedere inderogabilmente al lavaggio del pavimento di un corridoio, atrio, ecc, con la presenza dei pazienti e/o del personale, è indispensabile prestare la massima attenzione e prendere tutte le precauzioni possibili per evitare infortuni da caduta: - Procedere al lavaggio di solo metà, nel senso della larghezza, della superficie da lavare per consentire comunque il passaggio delle persone sull altra metà asciutta della superficie - Durante la fase di lavaggio e di asciugatura del pavimento, avvertire in ogni caso le persone che si stanno accingendo al passaggio di tenersi accostati al muro della parte opposta rispetto alla zona bagnata (cioè sulla parte del pavimento non pericolosa) - Dopo aver atteso la completa asciugatura della metà del pavimento della superficie interessata, procedere con le stesse operazioni nella fase di lavaggio dell altra metà del pavimento - Non utilizzare detergenti per pavimenti contenenti cera, anche se in piccola quantità, onde evitare fenomeni di sdrucciolamento - Risciacquare accuratamente le superfici trattate per non lasciare evidenti tracce di detersivo - Non lasciare nei bagni nulla che possa causare danni agli ospiti - I contenitori dei detersivi o solventi, una volta vuoti, non devono essere lasciati nei locali, ma devono essere ben chiusi e posti in appositi sacchetti di plastica - Nella movimentazione sui piani dei secchi d acqua e prodotti di pulizia e sacchi dei rifiuti, avvalersi dell ausilio degli appositi carrelli: per il trasporto da un piano all altro utilizzare l ascensore PRODOTTI UTILIZZABILI Pulizia pavimenti, piani di lavoro e lavelli - Crema disinfettante e detergente - Liquido detergente, disinfettante e deodorante - Anticalcare e disincrostante Prodotti autorizzati per eventuale disinfestazione - Raid antiformiche - Raid antizanzare SUPERFICI LAVABILI Pavimenti: - Rimuovere quotidianamente lo sporco con scopa o straccio, partendo da un punto eseguendo un circuito che non preveda un secondo passaggio in nessun punto - Detergere i pavimenti utilizzando i criteri esposti - Non mescolare assolutamente soluzioni o prodotti diversi 5

6 PAG. 6/19 - Segnalare tempestivamente eventuali allergie riscontrate nell utilizzo dei vari prodotti - Asportare la polvere ad umido da superfici - Svuotare e pulire i cestini portacarte con sostituzione dei relativi sacchetti in plastica - Allontanare rifiuti secondo procedura - Rimuovere completamente eventuali imbrattamenti (macchie e residui alimentari) - Areare gli ambienti SERVIZI IGIENICI - Areare gli ambienti - Detergere e disinfettare le attrezzature idrosanitarie con uso di disinfettante idoneo (più volte al giorno) utilizzando strumenti (guanti, panni, ecc ) destinati esclusivamente a quei locali - Rimuovere completamente eventuali imbrattamenti (materiale fecale, altri materiali biologici, residui alimentari) - Asportare la polvere ad umido dalle pavimentazioni - Detergere e disinfettare più volte al giorno le pavimentazioni con detersivi idonei all uso - Svuotare e pulire i cestini portacarte con sostituzione dei relativi sacchetti in plastica - Rifornire di sapone gli appositi distributori - Rifornire di carta assorbente e carta igienica i distributori - Allontanare rifiuti secondo procedura SMALTIMENTO RIFIUTI La struttura produce rifiuti speciali individuabili con codice CER e con classe di pericolosità H9. L azienda ha quindi stipulato un contratto per trasporto smaltimento rifiuti con ditta autorizzata EcoEridania. La tenuta e compilazione del registro di carico e scarico rifiuti è di competenza della ditta sopraccitata. I bio box in uso sono tenuti nei seguenti locali: - Presidio di riabilitazione Villa Elena presso la sala infermieristica ritiro mensile - Presidio di riabilitazione Istituto Gastaldi presso la sala medica ritiro bimestrale - Casa famiglia Villa Maddalena presso la sala polifunzionale ove vengono conservati i farmaci personali dei pazienti ritiro semestrale. Quando pieni, i bio box devono essere regolarmente chiusi con indicazione della data di primo utilizzo e di chiusura e in attesa di ritiro vengono conservati nei locali sporco/pulito. Al termine delle attività di sanificazione degli ambienti, tutto il personale preposto è tenuto a compilare la seguente modulistica: - Scheda Igienizzazione Camere (solo strutture residenziali) 1 - Scheda Igienizzazione Bagni 2 - Scheda Igienizzazione Luoghi Comuni 3 6

7 PAG. 7/19 Le schede in uso devono rimanere affisse nei luoghi di riferimento sino al termine della compilazione e compilate quotidianamente in maniera leggibile e fruibili al controllo degli organi competenti. Al termine della compilazione vanno consegnate al personale della reception, contestualmente deve essere ritirato il modulo nuovo e affisso negli appositi spazi. Il personale della reception, a sua volta, scansiona suddetti moduli e li archivia sul server nella cartella modulistica archivio modulistica compilata nella cartella di riferimento della sede operativa e del protocollo. PERIODICITÀ TRATTAMENTO Ad ogni fine trattamento riabilitativo MODALITA PER TUTTE LE UNITA OPERATIVE TIPO DI INTERVENTO - Disinfezione ausilii (lettini, standing etc.) - Disinfezione scrivanie e/o materiale utilizzato INCARICATO - Terapisti della Riabilitazione Giornalmente Solo strutture residenziali Settimanalmente (3 volte) Mensilmente - Smaltimento rifiuti - Lavaggio dei bagni, con speciale disinfezione dei sanitari - Lavaggio tavoli, sedie, piano di lavoro, ed eventuali attrezzature della cucina - Cambio sacchi della spazzatura - Lavaggio delle camere - Pulitura, lavaggio e risciacquo dell intero presidio - Detersione disinfezione degli arredi (esterno ed interno) - Detersione e disinfezione degli arredi luoghi comuni (maniglioni corridoio, ausili centro diurno, tavoli, sedie, piano di lavoro, armadi, scale, ascensore) - Detersione e disinfezione piastrelle bagni e cucina - Pulizia bidoni dell immondizia - Pulizia e riordino spazi esterni - Detersione e disinfezione di pareti, forno, cappa lavastoviglie e attrezzature della cucina - Lavaggio porte - Lavaggio lampade, lampadari ed interruttori - Lavaggio vetri e finestre - Lavaggio tende (trimestralmente) - Lavaggio delle camere con macchinari appositi - Oss / Personale addetto alle pulizie - Oss / Tutti - Oss / Tutti - Oss / Impresa di pulizia / - Oss / Tutti - Personale addetto alle pulizie - Personale addetto alle pulizie - Oss / Personale addetto alle pulizie - Oss / Tutti - Oss / Tutti - Personale di struttura/ Personale addetto alle pulizie - Personale addetto alle pulizie - Personale addetto alle pulizie - Personale addetto alle pulizie - Personale addetto alle pulizie - Personale addetto alle pulizie - Personale addetto alle pulizie 7

8 PAG. 8/19 La pulizia, disinfezione e detersione delle stanze dedicate al servizio diurno (Sala da pranzo, laboratorio arte terapia, centro diurno, bagni disabili e cucina) sono di competenza e responsabilità degli Operatori Assistenziali PROTOCOLLO ORGANIZZATIVO IGIENE AMBIENTALE Il Direttore Sanitario assicura il rispetto delle linee guida inerenti l igiene ambientale della struttura, applicando il seguente schema operativo. PUNTO DI INTERVENTO TIPO DI PRODOTTO PERIODICITA TRATTAMENTO MODO D USO Pareti lavabili Detergente disinfettante Alcalino cloroattivo Cucina 7 gg. Sala mensa 30 gg. Lavaggio con spugna o panni Pavimenti Detergente disinfettante Alcalino cloroattivo Cucina 1 gg. Tutti ambienti Lavaggio con mocio Piano lavoro Pulitore rapido con clorexiolina Detergente sgrassatore cloroattivo 1 gg. Spugna Carrelli, tavoli Pulitore rapido dopo ogni uso Spugna Mani operatori Igienizzante protettivo Garze pretrattate OPERAZIONI La Direzione Medica di Presidio ha il compito di: - Redigere e verificare periodicamente il rispetto delle linee guida inerenti il regolamento di gestione dell igiene ambientale - Garantire l effettuazione periodica del processo di sanificazione degli ambienti secondo scadenze e modalità definite - Garantire il rispetto della normativa riguardante le norme generali per l igiene del lavoro - Garantire l idoneità dei locali dedicati ad attività ambulatoriali - Assicurare l'adozione e l'applicazione delle prescritte norme igienico-sanitarie - Garantire il corretto smaltimento dei rifiuti speciali attraverso il mantenimento del contratto stipulato con 8

9 PAG. 9/19 Ditta Autorizzata verificando i metodi applicati da parte della stessa per le operazioni di ritiro dei rifiuti, garantendo che detti rifiuti vengano conservati e stivati secondo la normativa vigente all interno della struttura, facendo particolare attenzione a evitarne il contatto con i pazienti DOCUMENTO ORGANIZZAZIONE IGIENICO SANITARIA - B REQUISITO E presente una direzione medica di presidio con il compito di garantire l organizzazione igienico sanitaria, l applicazione del regolamento sull ordinamento e sul funzionamento della struttura. INDICATORE Evidenza e documento organizzativo della Direzione Aziendale. Il Direttore Medico di Presidio di tutti le strutture dell Associazione Rinascita Vita è il Direttore Sanitario, Medico specializzato in Igiene e Medicina Preventiva, il quale ha il compito di garantire l organizzazione igienico-sanitaria, l applicazione del regolamento sull ordinamento e sul funzionamento di tutte le strutture. DOCUMENTO FORMAZIONE IGIENICO SANITARIA - B / D 1.3 REQUISITO Esiste un programma di aggiornamento particolarmente in ambito igienico ed organizzativo. INDICATORE Esiste un piano per la formazione e aggiornamento particolarmente in ambito igienico ed organizzativo. ANO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO IN MATERIA DI IGIENE Nel Piano di aggiornamento per il personale socio-assistenziale e socio-sanitario è presente un programma di formazione e aggiornamento igiene. Il documento viene redatto dal Diretto Sanitario e inserito nel piano di formazione. Gli eventi formativi vengono tenuti dal Direttore Sanitario essendo esso stesso Medico specialista in Igiene e Medicina Preventiva. 9

10 PAG. 10/19 PROCEDURA IGIENE E CURA DELLA PERSONA - D 2C.19 OGGETTO Protocolli per la cura e l igiene della persona SCOPO Fornire agli operatori addetti alla cura dell ospite indicazioni riguardanti le modalità di svolgimento delle azioni di cura ed igiene. Garantire all ospite le necessarie cure igienico sanitarie. CAMPO DI APPLICAZIONE Tutti i pazienti ed operatori dei Presidi di Rinascita Vita RESPONSABILITA Il responsabile dell applicazione della presente procedura è il Direttore Sanitario REQUISITO Sono presenti protocolli per l igiene e la cura della persona INDICATORE Evidenza di procedure relative all igiene del corpo soprattutto per gli ospiti con grave disabilità MODALITA OPERATIVE La pulizia e la cura della persona sono fondamentali per la condizione di benessere psicofisico del paziente sulla base di questo la detersione l idratazione e la protezione costituiscono gli atti fondamentali per la cura della cute, proteggendola ed evitando i piccoli o grandi problemi che si possono verificare in particolari situazioni di disabilità (arrossamenti, irritazioni, fessurazioni). A. DETERSIONE La detersione è finalizzata a rimuovere lo sporco depositato sulla pelle, l azione meccanica esercitata dall acqua unita ad un detergente applicato con lievi movimenti circolari è normalmente abbastanza efficace. Si impiega un detergente poco schiumoso per evitare che la troppa schiuma rimuova dalla cute lo strato lipidico protettivo e possa accentuare la secchezza della cute. B. IDRATAZIONE E PROTEZIONE E importante mantenere/riequilibrare lo stato di idratazione della cute, essendo questa già compromessa, fragile ed esposta più facilmente all azione aggressiva di tutti gli agenti esterni, a tal fine bisogna impiegare un detergente a bassa schiumosità e/o un prodotto in schiuma o in spray no gas contenente sostanze diverse, oltre ai tensioattivi, quali glicerina, hamamelis e altri estratti glicolici di origine naturale, ad azione idratante e che non richieda il risciacquo e l asciugatura (riduzione dei traumi cutanei). C. PROCEDURA PER ATTUARE BAGNO e/o DOCCIA Scopo 1. Pulire la cute, controllare gli odori 2. Stimolare la circolazione 3. Fornire un occasione per valutare lo stato della cute e la mobilità 4. Offrire l occasione per esercitarsi a compiere movimenti ampi 5. Promuovere il rilassamento e il comfort 10

11 PAG. 11/19 Accertamento 1. Valutare le preferenze del paziente (la frequenza, il momento) 2. Identificare il paziente con particolari necessità riguardo al bagno: pazienti immobilizzati con aree sottoposte a pressione nelle parti distali e ossee necessità di esercitarsi a compiere movimenti ampi persone con alterazioni sensitive, a rischio di ustioni per acqua troppo calda, valutare l anamnesi per identificare le precauzioni da usare in relazione al movimento e alla postura Materiale da utilizzare Un asciugamano. Una spugna (preferibilmente monouso) Detergente liquido (evitare saponi solidi) Prodotti di cura personale (deodorante e profumo non dannosi per il PH della cute) Indumenti puliti Sacco della biancheria da lavare Azioni Tenere il paziente coperto con una un asciugamano per prevenirne il raffreddamento. Accompagnare o trasportare il paziente in bagno utilizzando la sedia da doccia per il trasporto (il trasporto su sedia conserva l energia) Mettere il cartello occupato sulla porta: il paziente ha bisogno di privacy Assicurarsi che la doccia sia pulita, se fosse sporca prima di utilizzarla è necessario disinfettarla con un prodotto specifico, per evitare l insorgenza di infezioni. Indossare i guanti per proteggere la cute dell operatore da eventuali contaminazioni Aiutare il paziente a entrare nella doccia, assistendolo come necessario Usare la doccia a telefono Aprire il rubinetto verificando la temperatura dell acqua per prevenire ustioni Aiutare il paziente ad asciugarsi Aiutare il paziente a vestirsi e a completare la sua toilette Accompagnare il paziente alla sua stanza Pulire e riordinare il bagno Indicazioni per le strutture residenziali e centri diurni Qualsiasi operazione relativa all igiene del paziente deve essere effettuata con la porta chiusa e devono essere presenti solo gli operatori strettamente necessari al compimento dell operazione. Può rendersi necessario svestire completamente il paziente prima che venga portato ai servizi, in tal caso bisognerà assicurarsi che venga adeguatamente coperto durante lo spostamento dalla stanza ai servizi igienici. 11

12 PAG. 12/19 Quando un paziente viene portato in bagno gli operatori devono, nel caso in cui il paziente non abbia bisogno di aiuto nell espletamento delle sue funzioni fisiologiche, attendere all esterno del bagno controllando che nessuno possa accedere al locale per tutta la durata in cui l ospite si intratterrà nei servizi. D. IGIENE CAVO ORALE PREMESSA L igiene del cavo orale è da considerarsi una misura di comfort perché fornisce una sensazione di benessere, oltre a ridurre microrganismi che si sviluppano nella bocca che e possono causare problemi per la salute. L operatore di supporto dovrà assistere nell igiene orale il paziente non autosufficiente o eseguirla egli stesso. Assistere il paziente in questa pratica fornisce l occasione per insegnare una tecnica adeguata e per ribadirne l importanza oltre a permettere una valutazione del cavo orale. Incoraggiando il paziente ad attuare l igiene del cavo orale, l operatore di supporto contribuisce alla prevenzione di carie, patologie peridontali e perdite di denti. OGGETTO E SCOPO Il presente documento descrive le modalità per l esecuzione dell igiene del cavo orale. L igiene del cavo orale si effettua per: - Mantenere la mucosa orale intatta e idratata e rimuovere la placca batterica (queste azioni permettono a loro volta di prevenire irritazioni, infezioni, alitosi e carie) - Promuovere la stima di se stessi e il comfort CAMPO DI APPLICAZIONE La procedura si applica a tutti i pazienti in carico presso i presidi di Rinascita Vita, parzialmente o totalmente dipendenti. RESPONSABILITA I Responsabili dell applicazione della presente procedura sono gli Operatori addetti all assistenza. SCHEMA ORGANIZZATIVO DELLE ATTIVITA DOVE QUANDO A CHI COME CON CHE COSA Servizio Residenziale Servizio Semiresidenziale Servizio CAR Domiciliare Almeno una volta al giorno per i pazienti che non si alimentano per via orale. A tutti gli utenti ricoverati che sono parzialmente o totalmente dipendenti Dopo i pasti principalmente per i pazienti che si alimentano per via orale. MATERIALE OCCORRENTE OSTE PARZIALMENTE DIPENDENTE Spazzolino da denti Dentifricio Assicurando un ambiente adatto. Predisponendo tutto l occorrente. Materiale occorrente per la pulizia del cavo orale dell ospite parzialmente dipendente e dell ospite non autosufficiente e non cosciente OSTE TOTALMENTE DIPENDENTE Pean Tamponi 12

13 PAG. 13/19 Bicchiere d acqua Bacinella Filo interdentale Salviette o asciugamano Colluttorio Guanti monouso (se l igiene viene effettuata dall operatore) Colluttorio Abbassalingua monouso Pila per esplorare il cavo orale Guanto monouso Asciugamano o telino Ammorbidenti per labbra Bacinella Bicchiere INTERVENTI IN PREPARAZIONE ALLA PROCEDURA PER L IGIENE DEL CAVO ORALE INTERVENTI MOTIVAZIONI 1. Valutazione dello stato psico-fisico dell ospite - Stato di coscienza - Grado di autonomia 2. Garantire la privacy 3. Scelta del materiale da utilizzare per ciascuna tipologia di utente (parzialmente o totalmente dipendente) 4. Controllare se vi sono prescrizioni terapeutiche 5. Accertarsi se il paziente porta protesi dentarie 6. Esaminare le condizioni del cavo orale: - Ispezionare le labbra - La mucosa orale - Il palato, la lingua per presenze di lesioni o infiammazioni - Accertare la presenza di carie o alitosi ISTRUZIONI OPERATIVE OSTI TOTALMENTE DIPENDENTI INTERVENTI MOTIVAZIONI SCIENTIFICHE 1. Lavarsi le mani Per prevenire la trasmissione delle infezioni ospedaliere 2. Posizionare il paziente semi-seduto o disteso col capo girato da un lato 3. Preparare un bicchiere con una parte di collutorio e il restante di acqua 4. Indossare i guanti 5. Se l ospite non è cosciente usare una stecca imbottita (abbassalingua e garze) per tenere abbassata la mandibola. Posizionarla tra i molari posteriori 6. Pinzare bene un tampone imbevuto di soluzione e procedere la pulizia con il seguente ordine: - Parti interne delle guance - Emi-arcata superiore dx - Emi-arcata inferiore dx - Emi-arcata superiore sx - Emi-arcata inferiore sx - Palato, lingua 7. Ad ogni passaggio il batuffolo va sostituito sino a completa pulizia 13

14 PAG. 14/19 8. Se possibile far risciacquare la bocca con la restante soluzione 9. Idratare le labbra 10. Non mettere mai le dita in bocca al paziente non cosciente L ospite non cosciente spesso risponde allo stimolo serrando le mascelle ISTRUZIONI OPERATIVE OSTI PARZIALMENTE DIPENDENTI INTERVENTI MOTIVAZIONI SCIENTIFICHE 1. Lavarsi le mani Per prevenire la trasmissione delle infezioni ospedaliere 2. Spiegare al paziente la procedura 3. Aiutare l utente a mettersi seduto, se non è Una posizione elevata di semi-fowler o orizzontale sul possibile aiutarlo a metterlo sdraiato fianco previene il soffocamento e l aspirazione 4. Sistemare l asciugamano sotto il mento del paziente 5. Valutare la capacità del paziente alle pratiche di igiene orale: - Bagnare lo spazzolino con acqua, mettere una piccola quantità di dentifricio e porgerlo al paziente se è in grado di lavarsi - Se il paziente non è in grado di effettuarlo da solo, procedere spazzolando ciascun dente dal colletto alla superficie masticatoria. Ripetere il procedimento fino a che, sia la superficie esterna che quella interna dei denti e delle gengive, sono pulite 6. Spazzolare delicatamente la lingua, facendo attenzione a non stimolare il riflesso del vomito 7. Chiedere al paziente di sciacquarsi accuratamente la bocca con acqua e successivamente con il collutorio diluito 8. Togliere la bacinella e asciugare la bocca del paziente con salvietta e asciugamano 14

15 PAG. 15/19 IGIENE E CURA DELLA PERSONA 1 Intervento Quando Primo lavaggio (mattino) Prodotto Detersione Idratazione Acqua e sapone E comunque prodotti non aggressivi che rispettino il film idrolipidico e che possibilmente non prevedano l asciugatura Intervento L IGIENE AD OGNI CAMBIO deve essere scrupolosa, Igiene della cute Igiene dei capelli Igiene delle unghie e delle estremità Igiene oculare, auricolare e nasale Altro materiale Le orecchie richiedono soltanto la pulizia del padiglione auricolare. Non si devono mai utilizzare oggetti appuntiti o bastoncini cotonati da inserire nel canale auricolare per il rischio di perforazione timpanica e di spingere il cerume più internamente. Quando si verifica un accumulo eccessivo di cerume dovrà essere rimosso 2 a Cambio intermedio (senza feci) Dermo spray Procedure di pulizia perineale e anale Ispezione 2 b Cambio intermedio (con feci) Acqua e sapone Dermo spray Eseguire dopo minzione ed evacuazione le procedure di pulizia perineale e anale La presenza di incontinenza urinaria e/o fecale, determinando una situazione di cute costantemente umida, aumenta il rischio di arrossamenti, macerazioni, piaghe 3 Serale Dermo spray 4 Notturno o al bisogno Dermo spray DISABILITA Gli effetti dell immobilità, determinano impossibilità di modificare i punti di appoggio pressione prolungata su alcune zone del corpo rischio di: arrossamento, macerazione, vescicole, abrasioni superficiali, piaghe, lesioni da decubito 15

16 PAG. 16/19 PROCEDURA LAVAGGIO E STERILIZZAZIONE MATERIALE B 11.7 / B / B OGGETTO Protocollo per il ricevimento, acquisizione e conservazione di materiale sterile monouso. SCOPO La presente istruzione ha lo scopo di fornire indicazioni sul corretto stoccaggio del materiale e dei dispositivi medici sterili consegnati dalle ditte esterne. Garantire il mantenimento della sterilità del materiale e dei dispositivi medici fino al momento dell utilizzo. REQUISITO La DMP cura che il materiale disinfettato o sterile venga idoneamente conservato Le attività di disinfezione e sterilizzazione per gli ambulatori che le utilizzano sono adeguatamente gestite INDICATORE Evidenza di documenti e/o protocolli organizzativi Evidenza di protocolli per le procedure di lavaggio, sterilizzazione, stoccaggio del materiale. Per i presidi che utilizzano organismi esterni, evidenza di protocolli per le procedure di lavaggio, raccolta ed invio del materiale; ricevimento, stoccaggio acquisizione, conservazione dei protocolli operativi utilizzati. CAMPO DI APPLICAZIONE Tutti i Presidi di Rinascita Vita RESPONSABILITA Verifica dell applicazione della presente procedura Direttore Sanitario Applicazione della presente procedura Infermiere Professionale/Oss Verifica presenza materiale sterile Infermiere Professionale Stoccaggio Infermiere Professionale/Oss DEFINIZIONE La sterilizzazione consiste in un processo chimico o fisico che porti all'eliminazione di ogni forma microbica vivente, sia patogena che non, comprese le spore e i funghi da un oggetto. Un materiale è considerato sterile se il SAL (livello di sicurezza di sterilità) è inferiore a 10 6, ovvero quando la probabilità di trovarvi un microrganismo è inferiore ad uno su un milione. MODALITA OPERATIVE Nelle attività svolte da Rinascita Vita non viene utilizzato materiale che necessiti di disinfezione e/o sterilizzazione, in quanto vengono utilizzati materiali sterili monouso. Nei servizi CAR ambulatoriali vi è assenza di utilizzo di tali materiali. Garantire il mantenimento della sterilità del materiale e dei dispositivi medici fino al momento dell utilizzo richiede l osservazione di numerosi fattori per non comprometterne l integrità. La confezione del materiale sterilizzato deve mantenersi integra, la saldatura continua e senza interruzioni, deve essere manipolata il meno possibile e non deve essere esposta a polvere e umidità. 16

17 PAG. 17/19 Il tempo di mantenimento di un presidio sterile varia a seconda del tipo di confezionamento, il tipo di agente sterilizzante usato e le modalità di conservazione. Fattori che possono compromettere l efficacia della barriera antibatterica: - Contaminazione dell aria - Presenza di polvere e/o umidità - Rotture della superficie dell imballo - Apertura e scorretta manipolazione della confezione MODALITA DI CONSERVAZIONE Il materiale sterile deve essere conservato nel seguente modo: - In armadi chiusi e puliti, dedicati al materiale sterile con accesso limitato - Al riparo dalla luce e dalla polvere - A temperatura di e umidità relativa di 40-50% - Le confezioni lacerate, danneggiate, cadute a terra, bagnate, non sono da considerarsi sterili e vanno eliminate L operatore e/o infermiere, all arrivo del materiale sterile deve: - Lavarsi le mani per evitare la contaminazione delle confezioni sterili al momento del ritiro - Controllare l integrità della confezione e verificando la data di sterilizzazione e/o scadenza per garantire il mantenimento della sterilità del materiale e dei dispositivi medici fino al momento dell utilizzo - Stoccare in appositi locali e armadi/carrelli - Disporre le confezioni sterili in ordine sequenziale rispetto alla data di sterilizzazione: porre anteriormente il materiale sterile più prossimo alla data di scadenza per gestire correttamente la scadenza delle confezioni sterili MODALITA DI UTILIZZO E di fondamentale importanza, prima dell utilizzo del materiale sterile: - lavarsi le mani - assicurarsi dell integrità della confezione - assicurarsi che il dispositivo confezionato non abbia superato il tempo massimo di utilizzo - assicurarsi che non sia stato già aperto, controllando il sigillo - aprire correttamente la confezione evitando di contaminare il contenuto - posizionare il contenuto su un campo sterile o utilizzarlo immediatamente con manovre asettiche 17

18 PAG. 18/19 PROCEDURA RISTORAZIONE COLLETTIVA D 1.9 OGGETTO Protocolli organizzativi che garantiscono e regolano la gestione igienica della ristorazione. SCOPO Garantire e regolare la gestione igienica della ristorazione e verificare l applicazione delle norme fornite a tutto il personale. Garantire all utenza un servizio mensa adeguato. CAMPO DI APPLICAZIONE Tutto il personale di Rinascita Vita addetto o coinvolto nel servizio mensa. Pazienti che fruiscono del servizio ristorazione. RESPONSABILITA Il responsabile del rispetto della presente procedura è il Direttore Sanitario. REQUISITO Il Responsabile Sanitario cura la produzione ed il rispetto di procedure e regolamenti per la gestione igienica della ristorazione collettiva INDICATORE Evidenza di documenti i protocolli organizzativi e dei dati relativi alle verifiche effettuate Tutte le indicazioni operative riguardo la presente procedura sono fornite all interno del Manuale di autocontrollo HACCP allegato del presente protocollo. 18

19 PAG. 19/19 SISTEMA DI VERIFICA CORRETTA APPLICAZIONE DEL PROTOCOLLO Corrispondenza tra n. pasti ordinati e n. presenze effettive Verifiche ispettive sulla presenza schede igienizzazione locali Dati rilevati da questionari gradimento utenza Rilevazione dati scheda Lesioni da Pressione Rilevazione dati schede infermieristiche relative all igiene del paziente Verifiche ispettive magazzini Verifiche amministrative inventario materiale sterile Verifiche ispettive nelle strutture MODULI UTILIZZABILI E RELATIVA COLLOCAZIONE MODULO COMPETENZA COLLOCAZIONE MODULO VUOTO Scheda igienizzazione camere 1 OSS / Addetti pulizie Cartella server Modulistica Scheda igienizzazione bagni 2 OSS / Addetti pulizie Cartella server Modulistica Scheda igienizzazione cento diurno luoghi comuni 3 Distribuzione Diete Speciali e intolleranze alimentari 4 Scheda verifica pasti-scheda autocontrollo HACCP 5 Griglia logopedia alimentazione pazienti 6 Scheda igienizzazione 7 Modulo Descrizione Struttura 9 OSS / Addetti pulizie Medico / Logopedista OSS Logopedista/OSS Tecnici riabilitazione OSS / Addetti pulizie Cartella server Modulistica Cartella server Modulistica Cartella server Modulistica Cartella server Modulistica Cartella server Modulistica Cartella server Modulistica COLLOCAZIONE MOD COMLATO Scansione in cartella Igiene server Scansione in cartella Igiene server Scansione in cartella Igiene server Ufficio Amministrativo Cartella nominale operatore ufficio RU Cartella diario interventi paziente (comp. Logopedista) Scansione in cartella Igiene server Scansione in cartella Igiene server ALLEGATI EVIDENZA DOCUMENTALE Contratti Smaltimento rifiuti speciali tutte le sedi. Contratto ditta fornitore di pasti veicolati Igiene ambientale sala mensa Igiene ambientale casa famiglia Villa Maddalena Linee Guida OMS sull igiene delle mani nell assistenza sanitaria Poster lavaggio mani Precauzioni universali Regolamento per la gestione dei rifiuti sanitari - Presidente della Repubblica WHO guidelines on hand hygiene in health care (advanced drafft) - Summary MB - World Health Organization Manuale di autocontrollo HACCP 19

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP (D.L.1937/07) DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 DEFINIZIONE HACCP ( HAZARD ANALYSIS AND CRITICAL POINT) Analisi dei Rischi e Controllo dei Punti Critici

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti PROCEDURA DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA, IGIENE AMBIENTALE E FACCHINAGGIO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI UFFICI DELL

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PARTE PRIMA (prima della compilazione leggere le istruzioni a pag. 2) MANIFESTAZIONE: (nome della manifestazione) SEDE:

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte Sistema di verifica ATTIVITA DI VERIFICA A norma dell articolo 4 del regolamento CE 852/2004, Reg Ce 2073/2005 gli operatori del settore alimentare sono tenuti a rispettare i criteri microbiologici attraverso

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO [PIANO DI AUTOCONTROLLO PER L IGIENE DEGLI ALIMENTI] SEZIONE 1 BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO SOMMARIO Dati aziendali...2 Manutenzione dei Locali e delle Attrezzature... 4 Procedure operative standard

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA Igiene, norme e sostenibilità: profilo di un settore in continua trasformazione assocasa.federchimica.it Indice 1. Introduzione al settore pag. 3 2. Le

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

LUNA for MEN MANUALE UTENTE COMPLETO PREPARA IL TUO VISO PER UNA RASATURA MIGLIORE, PULISCE A FONDO E RIDUCE I SEGNI DELL INVECCHIAMENTO

LUNA for MEN MANUALE UTENTE COMPLETO PREPARA IL TUO VISO PER UNA RASATURA MIGLIORE, PULISCE A FONDO E RIDUCE I SEGNI DELL INVECCHIAMENTO LUNA for MEN MANUALE UTENTE COMPLETO PREPARA IL TUO VISO PER UNA RASATURA MIGLIORE, PULISCE A FONDO E RIDUCE I SEGNI DELL INVECCHIAMENTO Congratulazioni per aver acquistato LUNA for MEN, il dispositivo

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Flosina B(C.I. 45410) 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA,

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

Il trattamento completo che la tua Azienda merita

Il trattamento completo che la tua Azienda merita Il trattamento completo che la tua Azienda merita Chi siamo Omnia è un Consorzio il cui Management è formato da professionisti dalla consolidata esperienza nel campo della fornitura dei servizi alle aziende;

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile A cura di ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione:

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: IT SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2 Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: English (en) Deutsch (de) Nederlands (nl) Français (fr) Español (es) Italiano (it)

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA TIP TOP

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE

ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO TRIENNALE DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE - SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI DELLA ASL N 7 DI CARBONIA ( Lotto Unico - CIG

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli