Anni dal Limiti di età

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anni 1998-2001 2002-2004 2005-2007 dal 2008. Limiti di età 57 58 59 60"

Transcript

1 PENSIONI Dlgs 165/97, armonizzazione regimi previdenziali personale militare, di polizia e vigili del fuoco Sulla G.U. n. 139 del è stato pubblicato il Dlgs n. 165 del di attuazione delle deleghe conferite dall art. 2, comma 23, della L , e dall art. 1, commi 97, lettera g), e 99, della L. 662/96, in materia di armonizzazione del regime previdenziale dei trattamenti pensionistici del personale militare, delle Forze di polizia e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, nonché del personale non contrattualizzato del pubblico impiego, che ricomprende i magistrati ordinari, amministrativi e contabili, gli avvocati e procuratori dello Stato, il personale della carriera diplomatica e prefettizia, i dirigenti generali, nonché i professori e ricercatori universitari. In particolare, per quanto riguarda il personale delle Forze armate, delle Forze di polizia ad ordinamento militare (carabinieri e guardie di finanza) e civile (polizia di stato, polizia penitenziaria e forestali) e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, le disposizioni contenute nel decreto decorrono dal 1 gennaio Fino ad allora continuano ad applicarsi le disposizioni previste nei rispettivi ordinamenti (art. 8). Per alcune disposizione è, però, fatta esplicita previsione di efficacia a decorrere dalla data di entrata in vigore della legge (2 luglio). Su questo aspetto, come su altri che vedremo in seguito, si rendono necessari, a nostro avviso, ulteriori chiarimenti ai fini di una corretta interpretazione ed applicazione della novella disciplina. L art. 2, fissa i nuovi limiti anagrafici per la cessazione dal servizio che, se inferiori, sono elevati al 60 anno di età con la seguente gradualità (art. 7, comma 1): Anni dal 2008 Limiti di età Tale disposizione non interessa il personale della Polizia di Stato, né gli appartenenti al Corpo di nei cui confronti già da tempo vige il limite dei 60 anni di età. Per i vigili del fuoco, invece, l innalzamento del requisito anagrafico inizierà a partire dal 2002, permanendo fino a quella data l attuale limite dei 57 anni di età. L art. 3, in attuazione della delega conferita ai sensi dell art. 1, commi 97, lettera g), e 99, della legge 662/96 (legge finanziaria 1997), introduce rilevanti modifiche alla normativa riguardante la posizione di ausiliaria, sotto il profilo delle modalità di accesso, dei limiti di permanenza e dell importo dell indennità. L ausiliaria, giova ricordare, è la posizione giuridica in cui viene collocato, al termine del servizio effettivo, il personale appartenente alle forze armate, all Arma dei Carabinieri e al Corpo delle Guardie di finanza, giudicato idoneo a seguito di accertamento sanitario. Ai soggetti collocati in ausiliaria compete, in aggiunta al trattamento pensionistico, un indennità pari all 80% della differenza tra la pensione percepita e la retribuzione spettante al pari grado in servizio. Al termine del periodo di ausiliaria, la cui durata è di 8 anni, viene liquidato un nuovo trattamento pensionistico, comprensivo anche del suddetto periodo, sulla base della retribuzione pensionabile al momento della cessazione dal servizio permanente, maggiorata degli aumenti maturati nel periodo di ausiliaria e dell indennità di ausiliaria stessa. Con il Dlgs 165/97, questo istituto ha subito una profonda modifica.

2 Pag. 2 Innanzitutto, il collocamento in ausiliaria può avvenire soltanto a seguito di cessazione dal servizio per raggiunti limiti di età (art. 3, comma 1). Viene, pertanto, eliminata in via definitiva la possibilità di accedere all ausiliaria nel caso di pensionamento anticipato. Per un periodo di 10 anni dalla entrata in vigore del decreto, al personale con non meno di 40 di servizio effettivo viene, comunque, concessa la possibilità di essere collocato, a domanda, in ausiliaria, per un tempo non superiore a cinque anni (art. 7 comma 6). Come pure è consentito al personale in possesso del requisito dei 40 di servizio effettivo, collocato nella riserva per effetto dell art. 1 del DL 505/96, dell art. 1 del DL 606/96 e dell art. 1, comma 178, della L 662/96, di chiedere il collocamento in ausiliaria entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore del decreto (29 settembre). Per quanto concerne il periodo massimo di permanenza in ausiliaria, si passa dagli attuali 8 a 5 anni (art. 3, comma 2), mediante una graduale riduzione di un anno ogni tre (art. 7 comma 2). La norma non chiarisce se la riduzione scatterà immediatamente, per la precisione dal 2 luglio, data di entrata in vigore del decreto, oppure fra tre anni. Noi propendiamo per questa seconda ipotesi, in base alla quale, a partire dal 2 luglio, per il personale già collocato o da collocare in ausiliaria, il periodo massimo di permanenza in tale posizione sarà il seguente: periodo di riferimento all' all' all' in poi limite max di permanenza in ausiliaria 8 anni 7 anni 6 anni 5 anni Inoltre, per fruire dell indennità di ausiliaria gli interessati, al momento della cessazione dal servizio per limiti di età, debbono dichiararsi disponibili ad essere impiegati sia presso l amministrazione di appartenenza che presso altre pubbliche amministrazioni, sempre nell ambito della provincia di residenza, in incarichi adeguati al ruolo e al grado rivestiti (art. 3, commi 3 e 4). Il decreto interviene anche sulla misura dell indennità dell ausiliaria che, dall attuale 80%, è destinata a ridursi, a partire dal , in ragione di un punto percentuale per ogni anno, al 70% (art. 3 comma 6): anni indennità ausiliaria 79% 78% 77% 76% 75% 74% 73% 72% 71% 70%

3 Pag. 3 Su questo punto, la norma non chiarisce se la riduzione opera anche nei confronti del personale già collocato in ausiliaria a quella data. Infine, sempre in una logica di riduzione, si dispone che sull indennità di ausiliaria non si applicano gli aumenti a titolo di perequazione automatica delle pensioni di cui all art. 11 del DLgs 503/92, come modificato dall art. 14 della legge 724/94. Il comma 5, dell art. 3, disciplina l applicazione del sistema di calcolo contributivo per il personale in ausiliaria. In proposito, si precisa che il trattamento pensionistico viene determinato applicando il coefficiente di trasformazione corrispondente all età anagrafica posseduta dall interessato all atto del collocamento in ausiliaria, per essere successivamente riliquidato mediante applicazione del coefficiente di trasformazione relativo all età anagrafica raggiunta al momento della cessazione dall ausiliaria. Anche su questo punto la norma non è sufficientemente chiara, dal momento che non specifica in base a quale coefficiente di trasformazione viene riliquidato il trattamento pensionistico dei soggetti cessati dall ausiliaria con un età anagrafica superiore a 65 anni. Letta in relazione a quanto disposto nell art. 11, sembrerebbe che il coefficiente di trasformazione da applicare debba essere quello relativo all età anagrafica dei 65 anni. Di enorme rilevanza sono le disposizioni, contenute nel comma 7, che disciplinano l applicazione del sistema di calcolo contributivo per il personale delle forze di polizia ad ordinamento civile (Polizia di Stato, Polizia penitenziaria e forestali) e per i vigili del fuoco, esclusi, come è noto, dal beneficio dell ausiliaria. Per costoro, ma anche per il personale militare giudicato inidoneo al collocamento in ausiliaria, il montante contributivo individuale è determinato incrementando di un importo pari a 5 volte la base imponibile dell ultimo anno di servizio, moltiplicato per l aliquota di computo della pensione. Per fare un esempio, se la retribuzione lorda dell ultimo anno di servizio è di 40 milioni, il montante individuale di contributi per quell anno sarà pari al 33% (aliquota di computo) di 200 milioni ( *5), che andrà ad aggiungersi al montante contributivo individuale maturato a quel momento. Al montante complessivo, così determinato, si applicherà il coefficiente di trasformazione relativo all età anagrafica di 60 anni (5,163). In sostanza, mediante questo meccanismo compensativo, che agisce sul montante individuale dei contributi, si determina un trattamento pensionistico inferiore non di molto da quello che si sarebbe ottenuto attraverso la maggiorazione dei coefficienti di trasformazione. Va, però, sottolineato che l incremento della base imponibile opera solo nel caso di cessazione dal servizio per raggiunti limiti di età. L art. 4 è dedicato alla maggiorazione della base pensionabile. Si tratta, come è noto, di quel beneficio, in godimento presso le forze armate e la polizia ad ordinamento militare e civile, che consiste nell attribuzione, ai fini pensionistici e della buonuscita, di sei aumenti periodici di stipendio all atto della cessazione dal servizio. In base a quanto disposto nell art. 4, comma 1, a decorrere dall entrata in vigore del decreto (2 luglio), i sei scatti stipendiali sono attribuiti, in aggiunta alla base pensionabile, al momento della cessazione dal servizio da qualunque causa determinata, con esclusione del collocamento in congedo a domanda, e sono assoggettati a contribuzione previdenziale. Così formulata, la norma non esclude che, ai fini della determinazione dell importo della pensione relativo al periodo dall fino alla cessazione dal servizio (quota B), i sei scatti possano essere computati non già nella media delle retribuzioni, bensì in aggiunta ad essa. I sei scatti sono attribuiti anche in caso di dimissioni, previo pagamento del contributo previdenziale calcolato in riferimento ai limiti di età previsti per il grado ricoperto (art. 4, comma

4 Pag. 4 2). Anche qui, la norma non dice con chiarezza in quale modo si procederà al pagamento dell aliquota. Per i soggetti, nei cui confronti continua ad operare il sistema retributivo, l assoggettamento a contribuzione delle maggiorazioni stipendiali consiste in un progressivo incremento, secondo le percentuali di seguito riportate, della ritenuta previdenziale a loro carico (art. 4, comma 3). anni % di incremento 0,20 0,22 0,24 0,26 0,28 0,30 0,32 0,34 0,38 0,38 0,40 Anche su questo punto il decreto presenta alcune incongruenze. Mentre si dispone l assoggettamento a contribuzione dei sei scatti a decorrere dal 2 luglio, data di entrata in vigore della normativa, al tempo stesso, in base alla tabella A allegata al decreto, l addizionale contributiva è introdotta a decorrere dal Non è dato, dunque, comprendere come, nell anno in corso, questa disposizione possa essere applicata. Al personale il cui trattamento è calcolato in tutto o in parte con il sistema contributivo, in luogo dei sei scatti stipendiali corrisposti al momento della cessazione dal servizio, viene attribuito un aumento figurativo della base imponibile pari al 15%. In sostanza, incrementando il montante contributivo individuale si mantiene inalterato, anche nel sistema contributivo, il beneficio derivante dalla normativa sugli aumenti stipendiali. L art. 5 riordina la complessa materia degli aumenti figurativi, legati al computo dei servizi operativi. Ad eccezione dei vigili del fuoco, per i quali gli aumenti figurativi sono attribuiti soltanto in riferimento ad alcune specializzazioni (servizio di navigazione e di volo), per gli appartenenti a tutti gli altri corpi sono riconosciuti aumenti del periodo di servizio effettivo, in molti casi cumulabili, per effetto delle diverse disposizioni in materia di servizio operativo. Ai sensi dell art. 5, comma 1, a decorrere dalla data di entrata in vigore del decreto, gli aumenti del periodo di servizio effettivo, computabili ai fini pensionistici, non possono superare complessivamente i 5 anni. Sono, in ogni caso, fatti salvi gli aumenti dei periodi di servizio, eccedenti il limite dei 5 anni, maturati alla data di entrata in vigore del decreto. In questo caso, viene escluso il riconoscimento di ulteriori maggiorazioni (art. 7, comma 3). Nel caso di pensione liquidata in tutto o in parte con il sistema di calcolo contributivo, gli aumenti del periodo di servizio effettivo, nel limite massimo di 5 anni, concorrono alla maturazione dei 40 anni di anzianità contributiva. In questo caso, in presenza di un età anagrafica inferiore a 57 anni si applica il coefficiente di trasformazione relativo a questa età (art. 5, comma 2). Il decreto riconosce, altresì, previo pagamento dei relativi oneri contributivi, gli aumenti dei periodi di servizio effettivo, sempre nel limite massimo di 5 anni, anche per periodi di servizio prestato in ambiti che escludono aumenti figurativi. In proposito, la norma, oltre a non indicare la misura del contributo, non specifica se "il periodo di servizio comunque prestato" debba intendersi sempre nell ambito del corpo di appartenenza, o, più in generale, nella pubblica amministrazione. Come, pure, risulta confusa la norma che prevede la ricongiunzione, ai fini previdenziali, del servizio militare prestato anche anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto (art. 5, comma 4). In ultimo, il decreto affronta la complessa e delicata materia delle pensioni di anzianità,

5 Pag. 5 prevedendo, in aggiunta a quelle stabilite dalla legge 335/95, un ulteriore possibilità di uscita anticipata, senza penalizzazioni, subordinata al possesso dell anzianità massima contributiva unitamente ad una determinata età anagrafica. Prima di illustrare questo ulteriore canale d uscita, giova ricordare, per sommi capi, le diverse modalità d accesso alla pensione di anzianità, previste nella legge 335/95. 1 Canale La prima modalità di uscita, la cui applicazione riguarda tutti i lavoratori sia pubblici che privati, si articola in due ipotesi che non prevedono penalizzazioni. - Prima ipotesi: 35 anni di contributi e vincolo anagrafico: anni età anagrafica anzianità contributiva dal Seconda ipotesi: indipendentemente dall età anagrafica ma con almeno 36 anni di contributi: Anni dal 2008 in poi Limiti di età

6 Pag. 6 2 Canale La seconda modalità d uscita, che si applica esclusivamente ai dipendenti pubblici, mantiene il vincolo anagrafico previsto nella 1 ipotesi del 1 canale, mentre, per quanto riguarda i requisiti contributivi, rimanda all art. 8 del Dlgs 503/92. Anni in poi età anagrafica anzian. contrib. requisiti contributivi maturati ai sensi dell'art. 8 del Dlgs 503/92 In questo caso si applicano le penalizzazioni previste nell'art.11, comma 16 della legge 537/93 in relazioni agli anni mancanti al raggiungimento del requisito contributivo di 35 anni anni mancanti % riduzione 1% 3% 5% 7% 9% 11% 13% 15% 17% 20% 23% 26% 29% 32% 35% Con successive circolari, si è precisato che nei confronti degli iscritti appartenenti a categorie che raggiungono il massimo della pensione con anzianità inferiori a 35 anni, le penalizzazioni operano rispetto agli anni mancanti a quel limite (30 anni). Dal momento che il Dlgs in esame, come vedremo, innalza progressivamente il limite di anzianità massima contributiva, va chiarito se le penalizzazioni seguiteranno ad operare sul limite dei 30 anni, oppure, di volta in volta, in riferimento ai nuovi limiti, fino al raggiungimento dei 35 anni. 3 Canale Quest ultima modalità d uscita, anch essa applicabile esclusivamente ai pubblici dipendenti, non implica vincoli anagrafici ma introduce nuovi requisiti contributivi in relazione all anzianità maturata al anzianità contributiva al da 19 al 21 da 22 a 25 da 26 a 29 anzianità contr.iva necessaria al pension.to Anche in questo caso si applicano penalizzazioni, la cui misura è rapportata agli anni mancanti al raggiungimento del nuovo requisito contributivo di 37 anni. anni mancanti % di riduzione 1% 3% 5% 7% 9% 11% 13%

7 Pag. 7 Come si è detto, il Dlgs 165/97, proprio nel rispetto delle peculiarità dei settori oggetto della delega, ha previsto una ulteriore modalità d uscita anticipata (4 canale), senza penalizzazioni, a decorrere dall Fino a quella data continuano ad applicarsi le disposizioni previste nei rispettivi ordinamenti. 4 Canale Dall , il diritto alla pensione di anzianità si consegue, senza penalizzazioni, al raggiungimento dell anzianità contributiva massima, prevista nei rispettivi ordinamenti, come modificata in ragione dell aliquota annua di rendimento pari al 2%, e in corrispondenza della seguente età anagrafica: Anni dal 2007 età anagrafica In merito all aliquota annua di rendimento del 2%, va ricordato che la legge 724/94 (finanziaria 95) all art. 17, comma 1, ne dispose l estensione, a decorrere dall , anche ai regimi pensionistici esclusivi, senza eccezione alcuna. Anche se non derogati da questa disposizione, nei confronti dei soggetti destinatari della delega, in base ad una circolare interpretativa del Ministero del Tesoro, il trattamento pensionistico ha continuato, in questi anni, ad essere liquidato in base alla vecchia aliquota annua del 3,6%. Infatti, come è noto, per raggiungere l anzianità massima contributiva, sono richiesti ancora 30 anni di servizio, comprensivi degli aumenti figurativi derivanti dal computo dei servizi operativi e dei servizi prestati con percepimento di indennità di istituto. In tal modo, si matura il rendimento massimo, pari all 80% della base pensionabile, in virtù di un sistema di calcolo che attribuisce, per i primi 20 anni di servizio utile, un rendimento del 44%, incrementato del 3,6% per ogni ulteriore anni di servizio, fino al raggiungimento del limite di 30 anni. anni servizio % rendimento 44 47,6 51,2 54,8 58, ,6 69,2 72,8 76,4 80

8 Pag. 8 Questo sistema, come si è detto, seguiterà ad operare per tutto il 1997, consentendo di percepire la massima pensione di anzianità, con 30 di servizio utile, a prescindere dall età anagrafica. Dall non sarà più così. Innanzitutto, per effetto dell aliquota annua di rendimento del 2%, gli anni di servizio necessari al raggiungimento dell anzianità massima contributiva non saranno più 30, ma aumenteranno gradualmente, fino a raggiungere a regime, nel 2015, il limite massimo di 38 anni. Inoltre, occorrerà possedere, insieme al requisito contributivo massimo, anche quello dell età anagrafica, nei limiti sopra descritti. Prima di vedere gli effetti di queste disposizioni sui soggetti con un anzianità di servizio al , inferiore a 30 anni, è il caso di occuparci di coloro il quali hanno maturato, o matureranno entro l anno, la massima anzianità contributiva. Fino al , a costoro è garantita la possibilità di andare in pensione avvalendosi delle disposizioni previste nei rispettivi ordinamenti. Vale a dire, almeno 30 di servizio utile, senza alcun vincolo anagrafico, e senza decurtazione di sorta. Dall , pur in possesso dell anzianità massima di servizio, potranno andare in pensione, senza penalizzazioni, a condizione abbiano maturato almeno 50 anni di età. In mancanza del requisito anagrafico, potranno ugualmente andare in pensione, ma in questo caso scatteranno le penalizzazioni in misura percentuale agli anni mancanti al limite contributivo di 37 anni (3 Canale). Infine, potranno ugualmente accedere al trattamento pensionistico, senza penalizzazioni, indipendentemente dal requisito anagrafico, purché abbiano maturato almeno 36 anni di servizio (2 ipotesi del 1 Canale). Riassumendo, i soggetti in possesso, al , dell anzianità massima di servizio possono andare in pensione alle seguenti condizioni: entro il , in base alle vigenti disposizioni dall senza penalizzazioni, con almeno 50 di età con penalizzazioni, se non hanno 50 anni di età senza penalizzazioni, se non hanno 50 anni di età, ma con almeno 36 anni di servizio Per i soggetti, invece, con un anzianità di servizio, al , inferiore a 30 anni, il raggiungimento della massima anzianità contributiva non avverrà più nel limite dei 30 anni, ma richiederà una maggiore permanenza in servizio, la cui durata varierà a seconda dell anzianità maturata al Per fare un esempio, un soggetto con 29 anni di servizio al (rendimento maturato 76,4%), in base alla vecchia aliquota annua ( 3,6%), avrebbe raggiunto il rendimento massimo (80%) nel Invece, per effetto dell aliquota annua del 2%, il prossimo anno maturerà non già l 80%, bensì il 78,4%. Per raggiungere il rendimento massimo dovrà restare in servizio ulteriori 10 mesi (2*10/12=1,6). Pertanto questo soggetto potrà andare in pensione di anzianità con il massimo di rendimento nel 1999, a condizione però abbia maturato almeno 50 anni di età. In assenza del requisito anagrafico, potrà ugualmente andare in pensione, ma in questo caso subirà le penalizzazione in relazione agli anni mancanti al requisito contributivo di 37 anni (3 canale d uscita). Nel prospetto che segue abbiamo riassunto i nuovi requisiti contributivi ed anagrafici necessari ai soggetti con un anzianità di servizio, al , inferiore a 30 anni, per acquisire il diritto alla pensione massima di anzianità. Tabella esplicativa delle nuove anzianità richieste per raggiungere il rendimento massimo (80%) e per l accesso alla pensione di anzianità

9 Pag. 9 anni di servizio al rendimento maturato periodo mancante al raggiungimento 80% anni servizio richiesti anzianità richiesta arrotondata età anagrafica decorrenza diritto a pensione 29 76,4% 1 a. 10 m. (3,6%) 30 a.10 m ,8% 3 a. 8 m. (7,3%) 31 a. 8 m ,2% 5 a. 6 m. (10,9%) 32 a. 6 m ,6% 7 a. 4 m. (14,6%) 33 a. 4 m % 9 a. 2 m. (18,3%) 34 a. 2 m ,4% 11 a. (21,9%) 35 a ,8% 12 a.10 m. (25,6%) 35 a.10 m ,2% 14 a. 8 m. (29,3%) 36 a. 8 m ,6% 16 a. 6 m. (32,9%) 37 a. 6 m % 18 a. 4 m. (36,6%) 38 a. 4 m Naturalmente, per coloro che intendessero andare in pensione anticipatamente, senza il requisito della massima anzianità contributiva, valgono le disposizioni di carattere generale previste dalla legge di riforma sulle pensioni di anzianità (i 3 canali d uscita). Per completezza di esposizione, ricordiamo che gli artt. 9 e 10 riguardano il personale non contrattualizzato, i cui limiti di età, nella generalità dei casi, superano quello dei 65 anni. Per questi soggetti, il decreto equipara a pensione di vecchiaia la cessazione dal servizio con 65 anni di età, ovvero 60 anni di età se donna. Proprio in ragione del più elevato limite di età per il collocamento a riposo di queste categorie, il decreto rinvia ad un successivo decreto interministeriale (Lavoro e Tesoro) la individuazione di coefficienti di trasformazione, integrativi di quelli indicati nella tabella A della legge 335/95, nel caso di cessazione dal servizio dopo i 67 anni di età.

10 Pag. 10

Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). Personale appartenente al Comparto Difesa, Sicurezza e soccorso pubblico

Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). Personale appartenente al Comparto Difesa, Sicurezza e soccorso pubblico In questa sezione pubblichiamo informazioni che chiariscono le regole previste per la composizione e l effettivo funzionamento delle maggiori Gestioni pensionistiche amministrate dall Istituto. Questo

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

Le pensioni nel 2006

Le pensioni nel 2006 Le pensioni nel 2006 Proponiamo il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

LE PRESTAZIONI DI FINE LAVORO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (iscrivibili al fondo PERSEO)

LE PRESTAZIONI DI FINE LAVORO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (iscrivibili al fondo PERSEO) II SEZIONE 1 LE PRESTAZIONI DI FINE LAVORO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (iscrivibili al fondo PERSEO) 2 Le liquidazioni dei dipendenti pubblici Pensare alla pensione richiama quella che è chiamata comunemente

Dettagli

VADEMECUM SULLE PENSIONI

VADEMECUM SULLE PENSIONI VADEMECUM SULLE PENSIONI Si è cercato, con questo vademecum, di fornire alcune fondamentali informazioni ai lavoratori in merito alla materia pensionistica. Ovviamente non si sono potute affrontare tecnicamente

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

CIRCOLARE N. 17 Agli Enti di Patronato

CIRCOLARE N. 17 Agli Enti di Patronato ISTITUTO Roma lì, 23/05/2005 NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Direzione Centrale Pensioni Ufficio I - Normativa e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Ai Direttori delle

Dettagli

COMUNICATO IL COLLOCAMENTO A RIPOSO DEL PERSONALE DELLA SCUOLA DAL 1^ SETTEMBRE 2016: NORMATIVA E INDICAZIONI

COMUNICATO IL COLLOCAMENTO A RIPOSO DEL PERSONALE DELLA SCUOLA DAL 1^ SETTEMBRE 2016: NORMATIVA E INDICAZIONI Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche SEGRETERIA NAZIONALE FLP SCUOLA 00187 ROMA Via Piave 61 sito internet: www.flpscuola.org Email: info@flpscuola.org tel. 06/42000358 06/42010899 fax.

Dettagli

Le pensioni nel 2005

Le pensioni nel 2005 marzo 2005 Le pensioni nel 2005 TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Il tetto di retribuzione pensionabile per il calcolo delle pensioni con il sistema retributivo con decorrenza nell anno 2005 è stato definitivamente

Dettagli

Roma, 08/01/2008. e, p.c.

Roma, 08/01/2008. e, p.c. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Roma, 08/01/2008

Dettagli

Pag. 1 di 5. Titolo: Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche

Pag. 1 di 5. Titolo: Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche I docenti delle Università pubbliche, in quanto dipendenti civili dello Stato, sono iscritti alla cassa per i trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS), istituita il 1 gennaio 1996 come

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

UNA RIFORMA STRUTTURALE CHE CAMBIA LE REGOLE PER LE PENSIONI

UNA RIFORMA STRUTTURALE CHE CAMBIA LE REGOLE PER LE PENSIONI UNA RIFORMA STRUTTURALE CHE CAMBIA LE REGOLE PER LE PENSIONI Il decreto Salva Italia (Decreto Legge n. 201 del 6 dicembre 2011) ha terminato il suo percorso con il voto di fiducia al Senato, quindi l art.

Dettagli

RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI

RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI Si sintetizzano, nelle schede che seguono, gli effetti che, in materia di pensionamento e di trattamento pensionistico, si avranno qualora dovessero essere approvate

Dettagli

SCHEDA TECNICA IL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO NEL PUBBLICO IMPIEGO - TFR

SCHEDA TECNICA IL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO NEL PUBBLICO IMPIEGO - TFR SCHEDA TECNICA IL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO NEL PUBBLICO IMPIEGO - TFR COSA È Il trattamento di fine rapporto (Tfr) è una somma che viene corrisposta al lavoratore dipendente al termine del rapporto

Dettagli

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Con circolare 15 maggio 2008, n. 60, l Inps detta le istruzioni per l accesso al pensionamento

Dettagli

OGGETTO: Requisiti pensionistici 2016

OGGETTO: Requisiti pensionistici 2016 Roma, 25/03/2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Requisiti pensionistici 2016 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che, dal 1 gennaio 2016, entreranno

Dettagli

NUOVI RIFLESSI PENSIONISTICI SULLA BUONUSCITA DEGLI STATALI

NUOVI RIFLESSI PENSIONISTICI SULLA BUONUSCITA DEGLI STATALI Coordinamento Nazionale FLP-Interno Ministero dell'interno - Palazzo Viminale - Palazzina F, 1 piano, stanza n. 50-00184 Roma Tel. 06.46547989 fax 06.46547954 flp_interno@icloud.com www.flp-interno.it

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

Docenti universitari: Ricalcolo delle pensioni determinate con il solo metodo contributivo.

Docenti universitari: Ricalcolo delle pensioni determinate con il solo metodo contributivo. Docenti universitari: Ricalcolo delle pensioni determinate con il solo metodo contributivo. 1) Generalità I professori universitari, in quanto dipendenti civili dello Stato, sono iscritti alla Cassa per

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 17/09/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 17/09/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 17/09/2015 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti.

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti. Direzione Centrale Pensioni Roma, 18/11/2015 Circolare n. 184 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

APPUNTI DI PREVIDENZA

APPUNTI DI PREVIDENZA Unione Italiana Lavoratori della COMunicazione Segreteria Provinciale e Regionale Via Alessandria, 21 10152 Torino tel. 011.232188 Fax 011.232176 Posta elettronica : uilcomunicazione@uilcomunicazione.net

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

BREVI CENNI SULLE NORME PREVIGENTI DEL SISTEMA PENSIONISTICO.

BREVI CENNI SULLE NORME PREVIGENTI DEL SISTEMA PENSIONISTICO. Circolare n.1/2008 Prot. n.1008/cm0447 del 23.1.2008 Posiz. UFFICIO RISCATTI E PENSIONI Allegati n. - Al personale di ruolo e non di ruolo dell Università degli Studi del Sannio L O RO S E D I OGGETTO:

Dettagli

RIFORMA DINI. Legge 08 agosto 1995 n. 335

RIFORMA DINI. Legge 08 agosto 1995 n. 335 RIFORMA DINI Legge 08 agosto 1995 n. 335 La legge 335/95 ha previsto tre distinti sistemi per la determinazione delle pensioni: Sistema contributivo per neoassunti dall 1 gennaio 1996 e per coloro che

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

La Riforma Previdenziale introdotta dal Decreto Monti D.L. 6.12.2011, n 201

La Riforma Previdenziale introdotta dal Decreto Monti D.L. 6.12.2011, n 201 Vita e lavoro in Italia La Riforma Previdenziale introdotta dal Decreto Monti D.L. 6.12.2011, n 201 Un periodo ricco di trasformazioni Come spiega il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali sul

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

La previdenza complementare dei dipendenti pubblici e le attività dell Inps gestione dipendenti pubblici. A cura di Inps Gestione dipendenti pubblici

La previdenza complementare dei dipendenti pubblici e le attività dell Inps gestione dipendenti pubblici. A cura di Inps Gestione dipendenti pubblici La previdenza complementare dei dipendenti pubblici e le attività dell Inps gestione dipendenti pubblici A cura di Inps Gestione dipendenti pubblici Le liquidazioni dei dipendenti pubblici Trattamento

Dettagli

LE CIRCOLARI DELL INPS/INPDAP SULLE PENSIONI PIETRO PERZIANI. (Marzo 2012)

LE CIRCOLARI DELL INPS/INPDAP SULLE PENSIONI PIETRO PERZIANI. (Marzo 2012) LE CIRCOLARI DELL INPS/INPDAP SULLE PENSIONI DI PIETRO PERZIANI (Marzo 2012) Dopo le Circolari della F.P. e del MIUR, sono uscite quelle dell Inps/Inpdap, la n. 35 e la n. 37 del 2012; la prima è diretta

Dettagli

Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche.

Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche. In questa sezione pubblichiamo informazioni che chiariscono le regole previste per la composizione e l effettivo funzionamento delle maggiori Gestioni pensionistiche amministrate dall Istituto. Questo

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

La riforma delle pensioni

La riforma delle pensioni La riforma delle pensioni A partire dal 1 gennaio 2012, le anzianità contributive maturate dopo il 31 dicembre 2011 verranno calcolate per tutti i lavoratori con il sistema di calcolo contributivo. Il

Dettagli

Requisiti per l accesso al trattamento pensionistico a decorrere dal 1 settembre 2014

Requisiti per l accesso al trattamento pensionistico a decorrere dal 1 settembre 2014 Requisiti per l accesso al trattamento pensionistico a decorrere dal 1 settembre 2014 Requisiti in vigore fino al 31/12/2011 e modifiche introdotte dal D.L. 138/2011 a cura di Giovanni Cadoni (Gilda Insegnanti

Dettagli

OGGETTO: Gestione delle attività pensionistiche del personale della Polizia di Stato.

OGGETTO: Gestione delle attività pensionistiche del personale della Polizia di Stato. ISTITUTO Roma lì, 23 marzo 2005 NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Direzione Generale Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali e per il loro tramite agli Uffici

Dettagli

QUANDO POSSO ANDARE IN PENSIONE? QUANTO MI SPETTA? ATTUALITÀ

QUANDO POSSO ANDARE IN PENSIONE? QUANTO MI SPETTA? ATTUALITÀ QUANDO POSSO ANDARE IN PENSIONE? QUANTO MI SPETTA? AFFRONTIAMO UN ARGOMENTO DI ATTUALITÀ SITUAZIONE DIFFERENZIATE SECONDO L ETÀ SISTEMI E CALCOLI DIVERSI. a domanda PEISAF: dal 0/0/008 occorre un anziala

Dettagli

1. PREMESSA. Roma, 13/05/2008. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati

1. PREMESSA. Roma, 13/05/2008. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Roma, 13/05/2008 Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO D.L. 201/2011 Il D.L. 201/2011, convertito nella L. 214/2011 (nota come Riforma delle pensioni), ha modificato in modo radicale il sistema previdenziale

Dettagli

tfr MEGLIO IN AZIENDA O ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE?

tfr MEGLIO IN AZIENDA O ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE? tfr MEGLIO IN AZIENDA O ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE? Il Trattamento di Fine Rapporto è una forma di retribuzione differita, liquidata al momento della cessazione del lavoratore dipendente. Il TFR si

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 4 I SISTEMI DI CALCOLO DELLA PENSIONE RETRIBUTIVO E CONTRIBUTIVO.

Dettagli

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps Novità introdotte dalla Legge n 147/13 in materia previdenziale e assistenziale Per il triennio 2014-2016 la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici, secondo il meccanismo stabilito dall

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali Roma, 05/03/2010 Circolare n. 33 Allegati n.2 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori

Dettagli

Roma, 29 gennaio 2015

Roma, 29 gennaio 2015 DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2500 Roma, 29 gennaio 2015 ALLE ASSOCIAZIONI E AI SINDACATI TERRITORIALI ALLE UNIONI REGIONALI AI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA AI COMPONENTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE

Dettagli

Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE

Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE SPECIALE/ottobre 2011 a cura di Antonio Marchini www.fpcgil.it Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE...1 Coefficienti di trasformazione

Dettagli

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO Facciamo il punto sulla normativa pensionistica di cui sono destinatari i lavoratori delle forze di polizia attualmente vigente, a seguito

Dettagli

MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015

MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015 MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015 PENSIONAMENTI ANTICIPATI (ex pensioni anzianità) per il triennio 2015-2017 senza penalizzazione. Computo più favorevole della anzianità contributiva minima

Dettagli

TFS Trattamento Fine Servizio TFR Trattamento Fine Rapporto. Liquidazione

TFS Trattamento Fine Servizio TFR Trattamento Fine Rapporto. Liquidazione TFS Trattamento Fine Servizio TFR Trattamento Fine Rapporto Liquidazione Indice Definizione TFS e TFR Slide 3 Finanziamento e Calcolo del TFS e del TFR Slide 4-5 Modalità di pagamento del TFS e del TFR

Dettagli

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI Sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico obbligatorio Prolungare l attività lavorativa o ritardare il momento della pensione:

Dettagli

Intendiamo qui fare il punto della situazione, in modo più discorsivo, tenendo ben presente che con il 01/01/2012 esistono ormai due mondi:

Intendiamo qui fare il punto della situazione, in modo più discorsivo, tenendo ben presente che con il 01/01/2012 esistono ormai due mondi: DI NUOVO SULLE PENSIONI di PIETRO PERZIANI (GENNAIO 2012) Siamo intervenuti negli ultimi tempi diverse volte sulle pensioni; rimandiamo a questi articoli per una trattazione più tecnica. Intendiamo qui

Dettagli

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI. e, p.c.

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI. e, p.c. Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE Area Prestazioni e Contributi Direzione Prestazioni Previdenziali MESSAGGIO N. 1 DEL 15/02/2008

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

LA PENSIONE DEI DOCENTI UNIVERSITARI DOPO LA RIFORMA MONTI-FORNERO

LA PENSIONE DEI DOCENTI UNIVERSITARI DOPO LA RIFORMA MONTI-FORNERO LA PENSIONE DEI DOCENTI UNIVERSITARI DOPO LA RIFORMA MONTI-FORNERO Paolo Gianni (Comm. Sindacale CNU) Premessa Data la complessità delle norme che regolano l erogazione della pensione ed i requisiti per

Dettagli

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita 379 Contributi obbligatori Contributi da riscatto Contributi figurativi Contributi volontari Schema della contribuzione sono imposti dalla legge ai fini del diritto e della misura dei trattamenti pensionistici

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 42 03.03.2014 Montante contributivo: rivalutato il tasso 2014 Dal 1 gennaio 2014, il montante contributivo è pari a 1,001643,

Dettagli

modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133. Modifica del regime fiscale e contributivo delle stock option.

modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133. Modifica del regime fiscale e contributivo delle stock option. Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 11/12/2009 Circolare n. 123 Allegati n. 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

LEGGE 214/2011 NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA PREVIDENZIALE

LEGGE 214/2011 NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA PREVIDENZIALE LEGGE 214/2011 NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA PREVIDENZIALE MODIFICHE PRINCIPALI PENSIONI DI VECCHIAIA Nuovi requisiti amministrativi, di età per l accesso al pensionamento e nuovi sistemi di calcolo PENSIONE

Dettagli

PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE

PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE OGGETTO: Adeguamento, a partire dal 1 gennaio 2013, agli incrementi della speranza di vita dei requisiti per l accesso al pensionamento del personale appartenente

Dettagli

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO DIREZIONE GENERALE

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO DIREZIONE GENERALE Enpals: le pensioni di anzianità e vecchiaia dal 2008 (Enpals, Circolare 15.2.2008 n. 1) Modifiche alla legge 23.8.2004 n. 243 introdotte dalla legge 24.12.2007 n.247 recante Norme di attuazione del protocollo

Dettagli

Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale

Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale In attesa che sia definitivamente approvato dal Parlamento il Decreto salva Italia, forniamo una sintesi dei contenuti

Dettagli

Circolare Inps sui nuovi requisiti per l'accesso alla pensione. Dal 1 gennaio 2016 cambiano le regole. I chiarimenti dell'ente di previdenza.

Circolare Inps sui nuovi requisiti per l'accesso alla pensione. Dal 1 gennaio 2016 cambiano le regole. I chiarimenti dell'ente di previdenza. Circolare Inps sui nuovi requisiti per l'accesso alla pensione Dal 1 gennaio 2016 cambiano le regole. I chiarimenti dell'ente di previdenza. É stata emanata dall'inps la circolare n. 63 del 20 marzo 2015

Dettagli

Il traguardo della pensione si sposta in avanti per effetto di due interventi

Il traguardo della pensione si sposta in avanti per effetto di due interventi LE PENSIONI Nella manovra sui conti pubblici il pacchetto di misure introdotte dalla Legge n. 122/2010 in materia di pensioni si può considerare una vera e propria riforma, destinata ad imprimere una svolta

Dettagli

Scritto da Perziani Venerdì 09 Dicembre 2011 19:01 - Ultimo aggiornamento Sabato 10 Dicembre 2011 23:26

Scritto da Perziani Venerdì 09 Dicembre 2011 19:01 - Ultimo aggiornamento Sabato 10 Dicembre 2011 23:26 LE NOVITA SULLE PENSIONI NELLA MANOVRA MONTI di PIETRO PERZIANI (DICEMBRE 2011) Facciamo una prima analisi delle principali novità introdotte dalla Manovra Monti in materia di pensioni, più esattamente

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

La legge 243/04 si compone di un unico articolo, suddiviso in 55 commi. Inoltre, trattandosi di una delega al Governo per l adozione di provvedimenti

La legge 243/04 si compone di un unico articolo, suddiviso in 55 commi. Inoltre, trattandosi di una delega al Governo per l adozione di provvedimenti La legge 243/04 si compone di un unico articolo, suddiviso in 55 commi. Inoltre, trattandosi di una delega al Governo per l adozione di provvedimenti in materia di previdenza pubblica, di sostegno alla

Dettagli

SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014!

SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014! settembre 2013 SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014! In attesa dell emanazione del previsto Decreto Ministeriale recante disposizioni per le cessazioni dal servizio, che tra l altro fissa il

Dettagli

A cura dello SPI CGIL di SIENA SIENA

A cura dello SPI CGIL di SIENA SIENA A cura dello SPI CGIL di INDICE 1. CAMBIANO I REQUISITI DI ACCESSO ALLA PENSIONE DAL 2012 2. CONTRIBUZIONE 3. PEREQUAZIONE CAMBIANO I REQUISITI DI ACCESSO ALLA PENSIONE DAL 2012 Introduzione del pro-rata

Dettagli

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI PRO-RATA CONTRIBUTIVO A decorrere dal 1 gennaio 2012,

Dettagli

I requisiti per la pensione di vecchiaia 41 REQUISITI PER LA PENSIONE DI VECCHIAIA NEL SISTEMA CONTRIBUTIVO EX L. 335/1995

I requisiti per la pensione di vecchiaia 41 REQUISITI PER LA PENSIONE DI VECCHIAIA NEL SISTEMA CONTRIBUTIVO EX L. 335/1995 Sistema di liquidazione Contributivo I requisiti per la pensione di vecchiaia 41 2. I REQUISITI PER LA PENSIONE DI VECCHIAIA CONTRIBU- TIVA DAL 1 GENNAIO 2008: IL REQUISITO ANAGRAFICO GENERALE (CD. SCALONE)

Dettagli

IL FUTURO DELLE PENSIONI E DELLE LIQUIDAZIONI DEI DIPENDE NTI PUBBL ICI

IL FUTURO DELLE PENSIONI E DELLE LIQUIDAZIONI DEI DIPENDE NTI PUBBL ICI IL FUTURO DELLE PENSIONI E DELLE LIQUIDAZIONI DEI DIPENDE NTI PUBBL ICI manovre correttive 2010/2011 e decreto salva-italia A cura di Giuliano Coan Esperto Previdenzialista 1 decreto legge n. 201 del 6/12/2011,

Dettagli

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di Le pensioni Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia,

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Sindacato Autonomo Bancari di Mantova e provincia Via Imre Nagy 58 - Località Borgochiesanuova - 46100 Mantova Telefono 0376-366221 - 324660-365274 Fax 0376-365287

Dettagli

Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola.

Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola. PREG.MI COLLEGHI DELLA SCUOLA, Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola. Questa segreteria provinciale, ritenendo di fare

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 09/09/2011

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 09/09/2011 Direzione Centrale Pensioni Roma, 09/09/2011 Circolare n. 116 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

RIFORMA DELLE PENSIONI : QUALI LE NOVITA E LE DIFFERENZE CON LA PRECEDENTE LEGGE DINI

RIFORMA DELLE PENSIONI : QUALI LE NOVITA E LE DIFFERENZE CON LA PRECEDENTE LEGGE DINI RIFORMA DELLE PENSIONI : QUALI LE NOVITA E LE DIFFERENZE CON LA PRECEDENTE LEGGE DINI Agosto 2004 C on la riforma delle pensioni elaborata dal ministro del Welfare Maroni e più volte rivista e corretta,

Dettagli

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA Fino al 31/12/97 l arrotondamento veniva fatto ai sensi del comma 2 dell art. 40 del DPR 1092/73 (vedi allegato 1). L anzianità complessiva era arrotondata in

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011)

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Interventi in materia previdenziale Napoli, 18 gennaio 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 La quota di pensione maturata

Dettagli

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le linee guida delle riforme Il sistema pensionistico pubblico, a ripartizione, subisce l influenza dei seguenti fenomeni: - variazione nel rapporto

Dettagli

Manovra Finanziaria 2010:

Manovra Finanziaria 2010: Manovra Finanziaria 2010: Confermati i tagli agli enti locali. Blocco degli stipendi per gli statali. Dal 2015 si alza l età per la pensione. Pensioni Dal 2015 i requisiti di età e la somma tra età e contributi

Dettagli

Circolare numero 63 del 20-03-2015

Circolare numero 63 del 20-03-2015 Circolare numero 63 del 20-03-2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007 Allegato 4 Riepilogo disposizioni vigenti in materia di requisiti e di acceso ai trattamenti pensionistici anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto legge n. 201 del 2011, convertito dalla

Dettagli

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it L' INPS pubblica un articolato messaggio per fornire chiarimenti in ordine alla applicazione dei principi contenuti nella riforma delle pensioni,

Dettagli

PENSIONI ORIZZONTI LONTANI

PENSIONI ORIZZONTI LONTANI Giuseppe Franzè GildaGenova 01/02/2012 PENSIONI ORIZZONTI LONTANI Con il seguente schema illustriamo, per tipologie di lavoratori, le nuove regole per calcolare le pensioni: Assicurati con almeno 18 anni

Dettagli

TFS Trattamento Fine Servizio( Buonuscita) TFR Trattamento Fine Rapporto. Modalità di pagamento

TFS Trattamento Fine Servizio( Buonuscita) TFR Trattamento Fine Rapporto. Modalità di pagamento TFS Trattamento Fine Servizio( Buonuscita) TFR Trattamento Fine Rapporto Modalità di pagamento Il TFS (Trattamento di fine servizio) (buona uscita) spetta a quei dipendenti della pubblica amministrazione

Dettagli

APPROVATO IL NUOVO CONTRATTO AUMENTI IN LINEA CON L INFLAZIONE

APPROVATO IL NUOVO CONTRATTO AUMENTI IN LINEA CON L INFLAZIONE APPROATO IL NUOO CONTRATTO AUMENTI IN LINEA CON L INFLAZIONE È STATO FINALMENTE SOTTOSCRITTO IN DATA 13 OTTOBRE 2004, IL PROEDIMENTO DI CONCERTAZIONE PER LE FORZE DI POLIZIA AD ORDINAMENTO MILITARE E PER

Dettagli

Gilda degli Insegnanti. Pensioni con sistema retributivo e con il sistema misto del personale della scuola Requisiti in vigore fino al 31/12/2011

Gilda degli Insegnanti. Pensioni con sistema retributivo e con il sistema misto del personale della scuola Requisiti in vigore fino al 31/12/2011 Gilda degli Insegnanti Pensioni con sistema retributivo e con il sistema misto del personale della scuola Requisiti in vigore fino al 31/12/2011 Pensioni di vecchiaia Alla pensione di vecchiaia si può

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 41. Roma, 30/11/2011. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Ai Dirigenti Generali Centrali e Regionali

NOTA OPERATIVA N. 41. Roma, 30/11/2011. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Ai Dirigenti Generali Centrali e Regionali Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Previdenza Ufficio III TFS, TFR, ASV e Previdenza Complementare Roma, 30/11/2011 NOTA OPERATIVA N. 41

Dettagli

Direzione Centrale Previdenza. Roma, 05/06/2014

Direzione Centrale Previdenza. Roma, 05/06/2014 Direzione Centrale Previdenza Roma, 05/06/2014 Circolare n. 73 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE a cura di Massimiliano Piras Delegato Ingegneri per il Medio Campidano Premessa Nel dicembre 2011, il Governo Monti emanava il Decreto Salva Italia

Dettagli

1. Nuove decorrenze dei trattamenti pensionistici per il personale del comparto scuola e AFAM (art. 1, comma 21)

1. Nuove decorrenze dei trattamenti pensionistici per il personale del comparto scuola e AFAM (art. 1, comma 21) Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Previdenza Roma, 09/11/2011 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali Ai Dirigenti Generali Centrali

Dettagli

LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA

LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA dott. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 08.08.2011 LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA La Manovra Correttiva pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.164 del 16 luglio

Dettagli

Requisito contributivo minimo di almeno 35 anni. Lavoratori dipendenti Lavoratori autonomi. Età anagrafica minima

Requisito contributivo minimo di almeno 35 anni. Lavoratori dipendenti Lavoratori autonomi. Età anagrafica minima Sistema retributivo = anzianità pari o superiore a 18 anni al 31/12/1995 Sistema misto = anzianità inferiore a 18 anni al 31/12/1995 Sistema contributivo = chi inizia per la prima volta a lavorare dal

Dettagli

Circolare n. 18 Ai Coordinatori delle Consulenze Professionali

Circolare n. 18 Ai Coordinatori delle Consulenze Professionali Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Previdenza Ufficio I Normativo Roma, 18/9/2009 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali Alle

Dettagli