Fare clic per scaricare il file.doc (33 KB): Art 116.doc VIOLAZIONI CONTRIBUTIVE: SANZIONI APPLICABILI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fare clic per scaricare il file.doc (33 KB): Art 116.doc VIOLAZIONI CONTRIBUTIVE: SANZIONI APPLICABILI"

Transcript

1 Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 09/04/2015. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario aprire il singolo allegato e stamparlo. File PDF creato in data 09/04/2015 Per maggiori informazioni rivolgersi: Servizio Lavoro Previdenza ed Education Piazza Castello, Vicenza tel fax VIOLAZIONI CONTRIBUTIVE: SANZIONI APPLICABILI Introduzione Capitolo n. 1. Tipologia delle sanzioni irrogabili Capitolo n. 2. Le violazioni contributive sanzionabili Sotto Capitolo n Omissioni contributive rilevabili dalle e/o denunce e/o registrazioni obbligatorie regolarmente effettuate Sotto Capitolo n Evasione contributiva Sotto Capitolo n Violazioni contributive dovute ad oggettive incertezze connesse a contrastanti orientamenti giurisprudenziali o amministrativi sulla sussistenza o meno dell'obbligo contributivo Capitolo n. 3. Casi di riduzione della misura delle sanzioni Capitolo n. 4. Ipotesi di violazione non sanzionabili Capitolo n. 5. Efficacia temporale della nuova disciplina Capitolo n. 6. Misura delle sanzioni civili Introduzione Violazioni contributive: sanzioni applicabili La legge finanziaria 2001 (legge 23 dicembre 2000, n. 388, pubblicata nel supplemento ordinario alla G.U. n. 302 del 29 dicembre 2000), con l articolo 116, comma 8 e seguenti, ha introdotto un nuovo regime sanzionatorio da applicare ai soggetti che non provvedono, entro il termine stabilito, al pagamento dei contributi o premi dovuti alle gestioni previdenziali ed assistenziali ovvero vi provvedono in misura inferiore a quella dovuta. La presente guida è stata aggiornata grazie alla collaborazione del Centro Studi Marco Biagi e ADAPT (Associazione per gli Studi Internazionali e Comparati sul Diritto del Lavoro e sulle Relazioni industriali). Fare clic per scaricare il file.doc (33 KB): Art 116.doc

2 Capitolo n. 1 Tipologia delle sanzioni irrogabili Dal mancato pagamento dei contributi obbligatori, possono derivare, a seconda dei casi, le seguenti sanzioni: A) SANZIONI CIVILI (o cd. SOMME AGGIUNTIVE) Sono sanzioni di carattere pecuniario, cioè delle somme che il datore di lavoro inadempiente agli obblighi contributivi, è tenuto a pagare in aggiunta a quelle originariamente dovute: la misura concreta di tali sanzioni viene determinata sulla base di percentuali da applicare alle somme dovute (percentuali che sono diverse e collegate al tipo di violazione commessa). Per un analisi dettagliata della misura di queste sanzioni si rimanda a quanto verrà detto nel capitolo 6 in sede di analisi delle singole fattispecie sanzionate. B) SANZIONI AMMINISTRATIVE Si tratta anche in questo caso di sanzioni di carattere pecuniario. A proposito di omissioni contributive, il comma 12 dell articolo 116 in esame, dispone che, ferme restando le eventuali sanzioni penali, sono abolite tutte le sanzioni amministrative relative a: - violazioni in materia di previdenza e assistenza obbligatorie che consistano nell omissione totale o parziale del versamento di contributi o di premi: a titolo di esempio, sono abolite le sanzioni previste in passato per il mancato o inesatto versamento dei contributi relativi alla GESCAL, alla CIG, alla CUAF, alla disoccupazione, malattia e maternità; - violazioni dalle quali comunque derivi la omissione totale o parziale del versamento di contributi o premi, ai sensi dell articolo 35, commi secondo e terzo, della legge 24 novembre 1981, n. 689: sono abolite ad esempio, le sanzioni previste per l irregolare registrazione sul libro matricola e/o sul libro paga o per l irregolare e ritardata presentazione dei modelli DM 10M/2; - violazioni di norme sul collocamento di carattere formale. Secondo il Ministero del Welfare (circ. n. 12/2001) si tratta di violazioni che consistono in una comunicazione errata od incompleta al Centro per l impiego, tale comunque da non incidere sull essenziale funzione di controllo e monitoraggio del collocamento. Questo significa che il datore, pur rimanendo ovviamente tenuto all adempimento degli obblighi imposti dalla legge, non è più soggetto, in caso di inadempimento, alle relative sanzioni di carattere pecuniario specificatamente previste, trovando applicazione le sole sanzioni civili viste sopra. Restano, invece, tuttora in vigore le sanzioni amministrative per tutte le violazioni non connesse all omesso o ritardato pagamento di contributi o premi di cui al comma 7 dell articolo 35 della L. n. 689/1981 (ad esempio, le sanzioni previste nel caso di mancata comunicazione al Centro per l Impiego dell avvenuta assunzione). C) SANZIONI PENALI È prevista una sanzione penale (reclusione fino a 2 anni, salvo la sussistenza di un più grave reato) per il caso di omissione contributiva, cioè per il caso in cui il datore, con il fine specifico di non versare in tutto o in parte i contributi ed i premi previsti dalla legge, volontariamente omette una o più registrazioni o denunce obbligatorie, ovvero esegue una o più denunce obbligatorie in tutto o in parte non conformi al vero. Per la sussistenza del reato occorre peraltro che dalla mancata denuncia o dall irregolarità della stessa sia derivata un omissione del versamento dei contributi previsti dalle leggi sulla previdenza ed assistenza obbligatorie per un importo mensile non inferiore a 2.582,28 euro mensili e pari ad almeno il 50% dei contributi complessivamente dovuti per lo stesso mese (compresi, quindi, quelli omessi)*. Così, ad esempio, se il datore di lavoro deve versare nel mese di marzo a titolo di contributi una somma complessiva di euro e omettendo volontariamente le registrazioni, evade contributi per

3 una somma (sempre mensile) pari a euro, il comportamento dello stesso non assumerà rilevanza penale, considerato che l evasione realizzata, pur superiore a 2582,28 euro, risulta però inferiore al 50% dei contributi complessivamente dovuti nel mese di riferimento. L art. 116, 19 comma costituisce una rilevante novità rispetto al regime precedente (art. 37, Legge n. 689/1981), perché nel regime attuale, per la sussistenza dell illecito penale non è più sufficiente che l omissione del versamento sia pari ad almeno 2582,28 euro mensili, ma occorre anche che essa sia pari o superiore al 50% dei contributi complessivamente dovuti. In ogni caso, per espressa previsione legislativa, la regolarizzazione dell inadempienza accertata, anche mediante dilazione, estingue il reato. Nota bene Per il principio del favor rei, la disposizione di legge in argomento ha efficacia retroattiva e si applica, pertanto, ricorrendo gli elementi costitutivi del reato, anche ai comportamenti riferiti a periodi anteriori al 1 gennaio In ogni caso, per espressa previsione legislativa, la regolarizzazione dell inadempienza accertata, anche mediante dilazione, estingue il reato. Fare clic per scaricare il file.doc (47 KB): Circ. n do * Ai fini dell applicazione della legge in esame l importo per il quale si è verificata l omissione del pagamento va determinato con riferimento a ciascun mese contributivo, sottraendo le somme eventualmente riconosciute a credito del datore di lavoro, nonché, ovviamente, le somme accessorie dovute a titolo di sanzioni. Inoltre, per l omesso versamento dei contributi, si ravvisa un reato speciale qualora il datore di lavoro ometta di versare la quota parte dei contributi a carico del lavoratore, per la quale il datore di lavoro agisce come sostituto d imposta. Quella parte di contributi infatti appartiene al lavoratore, e dunque il mancato versamento configura un reato speciale che prevede la pena della reclusione fino a tre anni e la multa fino a (art. 2 L. 638/83).

4 Capitolo n. 2 Le violazioni contributive sanzionabili Le sanzioni civili previste dall art. 116 in tema di omissioni contributive trovano applicazione in tutti quei casi in cui il datore, anche per semplice colpa, non provvede correttamente all adempimento degli obblighi contributivi. In proposito va osservato che il legislatore ha provveduto alla differenziazione delle sanzioni civili e alla loro gradualizzazione in relazione alla maggior o minor gravità della violazione commessa. In generale le omissioni sanzionabili possono essere suddivise in due grandi gruppi: 1) ritardo nel pagamento dei contributi : l ipotesi si realizza in tutti quei casi in cui il datore, in regola con le denunce, non effettua il pagamento delle somme dovute entro il termine stabilito dalla legge. Si tratta ovviamente dell ipotesi meno grave perchè presuppone un comportamento comunque corretto da parte dell azienda, che pur non avendo pagato i contributi ha adempiuto tutte le formalità richieste dalla legge (presentazione completa e tempestiva del DM/10, regolari registrazioni, etc.); 2) omessa o irregolare presentazione del DM /10 e conseguente mancato pagamento dei contributi dovuti: si tratta in sostanza di quei casi in cui il datore non presenta l apposito modulo mensile oppure lo presenta omettendo però di denunciare in esso retribuzioni rilevanti a fini contributivi e quindi dei casi nei quali si verifica un omissione totale o parziale del pagamento delle somme dovute (ad esempio non indica le generalità dei propri dipendenti, che quindi risultano assunti in nero oppure non dichiara le ore di straordinario effettuate). L art. 116 individua e punisce queste ipotesi: omissione contributiva rilevabile dalle denunce e/o registrazioni obbligatorie regolarmente effettuate evasione contributiva (accertata d ufficio o denunciata spontaneamente) violazioni contributive dovute ad oggettive incertezze connesse a contrastanti orientamenti giurisprudenziali o amministrativi sulla sussistenza o meno dell obbligo contributivo.

5 Sotto Capitolo n. 2.1 Omissioni contributive rilevabili dalle e/o denunce e/o registrazioni obbligatorie regolarmente effettuate OMISSIONI CONTRIBUTIVE RILEVABILI DALLE DENUNCE E/O REGISTRAZIONI OBBLIGATORIE REGOLARMENTE EFFETTUATE La violazione meno grave, si realizza nel caso di mancato o ritardato pagamento entro il termine stabilito dalla legge, dei contributi o premi, quando il loro ammontare sia rilevabile dalle denunce e/o dalle registrazioni obbligatorie. Questo tipo di violazione, punita in modo più lieve dalla legge, si verifica soltanto in quei casi in cui l omissione o il ritardo nel versamento dei contributi sia rilevabile dalle denunce e/o dalle registrazioni obbligatorie: in caso contrario, cioè nell ipotesi in cui il datore non abbia regolarmente presentato il DM/10 e non abbia effettuato le registrazioni richieste dalla legge, non si potrà più applicare la sanzione in esame ma troverà applicazione il regime sanzionatorio previsto per i casi di evasione. Risulta pertanto opportuno presentare il DM/10 nel rispetto dei termini fissati dal legislatore (il 16 di ogni mese), perché in caso di mancato pagamento (ad esempio per mancanza della liquidità necessaria) troverà applicazione la sanzione del 6,50% e non quella più pesante prevista per l ipotesi di evasione contributiva. Sanzione applicabile In questa ipotesi si applica una sanzione civile, determinata in ragione d anno, in misura pari al tasso ufficiale di riferimento vigente al momento del pagamento dei contributi (cd. T.U.R., dal settembre 2014 pari al 0,05%), maggiorato di 5,5 punti percentuali. Come chiarito dallo stesso articolo 116 la sanzione civile non può comunque essere superiore al 40% dell importo dei contributi non corrisposti alla scadenza di legge. Dopo il raggiungimento dell anzidetto tetto massimo, senza che si sia provveduto all integrale pagamento del contributo ancora dovuto, sul solo debito contributivo (con esclusione, quindi, delle sanzioni civili) maturano interessi nella misura degli interessi di mora determinata annualmente con decreto del Ministero delle Finanze con riguardo alla media dei tassi bancari attivi (al momento il tasso degli interessi di mora è pari al 5,14%, in ragione annuale; e provvedimento Agenzia delle Entrate n. prot /2014. La misura della sanzione civile si determina applicando la percentuale del 6,50% su base annua (T.U.R.+ 5,5%) alla somma originariamente dovuta: questo significa che una volta calcolata la somma dovuta su base annua, la si dovrà suddividere per il numero di giorni per i quali si è verificato il ritardo. A tal fine si potrà utilizzare la seguente formula, valida in tutte le ipotesi: Capitale x giorni di ritardo x 6, Come ricordato in precedenza, la sanzione civile non può comunque essere superiore al 40% del capitale originariamente dovuto: una volta che sia stato raggiunto l anzidetto tetto massimo, senza che si sia provveduto all integrale pagamento del contributo ancora dovuto, sul solo debito contributivo (con esclusione, quindi, della somma dovuta a titolo di sanzione civile) maturano interessi nella misura degli interessi di mora (attualmente pari al 5,14% in ragione annuale). Va ricordato che in virtù dell art. 3, comma 9, L. n. 335/1995, a decorrere dal 1 gennaio 1996 il termine di prescrizione dei contributi di previdenza ed assistenza sociale obbligatoria è di cinque anni: questo significa che gli interessi di mora matureranno dal giorno del raggiungimento del tetto massimo fino al momento dell effettivo pagamento e comunque non oltre la scadenza dei 5 anni (che decorrono dal giorno in cui il pagamento andava originariamente effettuato). Per espressa previsione normativa, decorso il termine prescrizionale i contributi non possono più essere versati. L'Ente previdenziale, quindi, non può accettarne il pagamento e qualora questo venga comunque effettuato, deve provvedere d'ufficio al rimborso.

6

7 Sotto Capitolo n. 2.2 Evasione contributiva EVASIONE CONTRIBUTIVA Una violazione di maggior gravità, si configura nell ipotesi dell evasione contributiva, totale o parziale, cioè nel caso in cui l inadempienza nel versamento dei contributi sia connessa a registrazioni o denunce obbligatorie volontariamente omesse o non conformi al vero: in sostanza l ipotesi ricorre in quei casi in cui il datore di lavoro (da intendersi come soggetto tenuto al pagamento dei contributi alle gestioni previdenziali ed assistenziali, ivi compresi i lavoratori autonomi), con l intenzione specifica di non versare i contributi o premi (o di versarli solo parzialmente), occulta rapporti di lavoro in essere ovvero le retribuzioni erogate. Tra le più frequenti irregolarità che concretizzano l ipotesi dell evasione come sopra configurata, si possono ricordare soprattutto l infedele registrazione delle retribuzioni o delle ore di straordinario effettuate e l utilizzo di lavoratori non denunciati all Inps. In tema di sanzioni applicabili ai casi di evasione contributiva l art. 116 distingue due ipotesi: A) EVASIONE ACCERTATA D UFFICIO O CONSOLIDATASI OLTRE UN ANNO DALLA SCADENZA DI LEGGE L ipotesi più grave di evasione, si verifica quando la stessa è stata accertata d ufficio (ad es. a seguito di accertamenti ispettivi ovvero a seguito di semplici richieste dell Istituto) ovvero si è protratta oltre un anno dalla scadenza di legge per il pagamento dei contributi. Per questi casi di evasione, il trasgressore è tenuto al pagamento di una sanzione civile, in ragione d anno, pari al 30% dei contributi evasi (calcolata con le modalità viste per l omissione). La sanzione civile non può comunque essere superiore al 60% dell importo dei contributi non corrisposti alla scadenza di legge. Anche in questo caso, dopo il raggiungimento del tetto massimo della sanzione civile nella misura anzidetta (60%), senza che si sia provveduto all integrale pagamento del dovuto, sul solo debito contributivo maturano interessi nella misura degli interessi di mora (5,14%) fino al momento dell effettivo pagamento e comunque non oltre la scadenza del termine di prescrizione. B) EVASIONE DENUNCIATA SPONTANEAMENTE PRIMA DI CONTESTAZIONI O RICHIESTE DA PARTE DEGLI ENTI IMPOSITORI L evasione è punita in modo meno pesante, qualora la denuncia della situazione debitoria sia effettuata spontaneamente prima di contestazioni o richieste da parte degli enti impositori e comunque entro 12 mesi dal termine stabilito per il pagamento dei contributi o premi, e semprechè il versamento dei contributi o premi sia effettuato entro trenta giorni dalla denuncia stessa. In questa ipotesi il trasgressore è tenuto al pagamento di una sanzione civile, in ragione di anno, pari al tasso ufficiale di riferimento (dal settembre 2014 pari al 0,05%) maggiorato di 5,5 punti percentuali (sanzione quindi oggi pari al 5,55%). Peraltro, nel caso in cui la sanzione non venga versata entro 30 giorni dall autodenuncia, si ritornerà ad applicare la sanzione civile ordinaria prevista per il caso di evasione (30%). Nei casi di denuncia spontanea in parola la sanzione civile non può essere superiore al 40% dell importo dei contributi o premi non corrisposti entro la scadenza di legge; raggiunto l anzidetto limite massimo sul debito contributivo maturano gli interessi di mora visti in precedenza (attualmente determinati con il tasso del 5,14% annuo). Alla luce delle disposizioni fin qui esaminate risulta evidente che l azienda, non in regola con gli adempimenti richiesti dalla legge in materia previdenziale, potrà usufruire di una sanzione ridotta (in sostanza uguale a quella prevista per il ritardo nel versamento dei contributi) soltanto se ricorrono questi presupposti:

8 - la denuncia sia stata fatta spontaneamente, cioè prima di qualsiasi accertamento o intervento degli organi ispettivi; - la denuncia sia stata fatta entro il termine tassativo di 12 mesi dal giorno in cui il pagamento doveva essere effettuato; - la sanzione ridotta venga versata entro 30 giorni da quello in cui si è presentata la denuncia. In mancanza di questi presupposti l azienda sarà tenuta, qualora la sua evasione sia stata accertata, al pagamento della sanzione prevista per i casi di evasione accertata d ufficio.

9 Sotto Capitolo n. 2.3 Violazioni contributive dovute ad oggettive incertezze connesse a contrastanti orientamenti giurisprudenziali o amministrativi sulla sussistenza o meno dell'obbligo contributivo VIOLAZIONI CONTRIBUTIVE DOVUTE AD OGGETTIVE INCERTEZZE CONNESSE A CONTRASTANTI ORIENTAMENTI GIURISPRUDENZIALI O AMMINISTRATIVI SULLA SUSSISTENZA O MENO DELL OBBLIGO CONTRIBUTIVO L art. 116 prevede l applicazione di sanzioni in misura ridotta per i casi in cui il mancato o ritardato pagamento di contributi o premi, sia derivato da oggettive incertezze connesse a contrastanti orientamenti giurisprudenziali o amministrativi sulla ricorrenza dell obbligo contributivo, successivamente riconosciuto in sede giudiziale o amministrativa, semprechè il versamento della sanzione sia effettuato entro il termine fissato dallo Istituto. Per l applicabilità di questa particolare sanzione ridotta occorrono questi presupposti: a) l incertezza sulla sussistenza dell obbligo contributivo deve avere carattere oggettivo, essendo esclusa, quindi, qualsiasi rilevanza dell incertezza di natura soggettiva. L incertezza oggettiva sussiste quando in materia ci sono effettivamente stati contrastanti orientamenti amministrativi o giudiziali (da parte di organi giudicanti diversi: è quindi impossibile parlare di oggettiva incertezza nel caso in cui i diversi orientamenti si manifestino nell ambito dei diversi gradi di uno stesso giudizio) che sono giunti a definizione nel tempo attraverso il consolidamento di un indirizzo giurisprudenziale o l assunzione di un apposita determinazione amministrativa; b) il versamento della sanzione venga effettuato nel termine indicato dall Inps. Sanzione applicabile In questa ipotesi si applica una sanzione civile, in ragione d anno, pari al tasso ufficiale di riferimento (da settembre 2014 pari al 0,05%) maggiorato di 5,5 punti percentuali (sanzione oggi pari pertanto al 5,55%). La sanzione civile non può comunque essere superiore al 40% dei contributi non corrisposti alla scadenza di legge. Nella fattispecie in esame tuttavia, a differenza delle ipotesi esaminate in precedenza, raggiunto il tetto massimo, sul debito contributivo non matura alcun interesse di mora. Questo significa che l azienda, pagata la sanzione in misura del 5,55% su base annua, una volta raggiunto il limite del 40% dell importo originariamente dovuto non è tenuta a versare più alcuna somma, a patto che il pagamento avvenga entro il termine fissato dall Istituto. Nel caso che ciò non avvenga, le sanzioni civili dovranno essere pretese nella misura prevista per l inadempienza originaria (morosità o evasione).

10 Capitolo n. 3 Casi di riduzione della misura delle sanzioni L art. 116, 15 comma della L. 23 dicembre 2000, n. 388, affidava ai Consigli di Amministrazione degli enti impositori, sulla base di apposite direttive emanate dal Ministro del Welfare, di concerto con il Ministro del Tesoro, il compito di fissare i criteri e modalità per la riduzione delle sanzioni civili fino alla misura degli interessi legali, nei seguenti casi: a) nei casi di mancato o ritardato pagamento di contributi o premi derivanti da oggettive incertezze; b) nei casi di mancato o ritardato pagamento di contributi o premi, derivanti da fatto doloso del terzo (purchè denunciato all Autorità Giudiziaria entro il termine di cui all articolo 124, 1 comma del Codice Penale); c) per le aziende in crisi per le quali siano stati adottati i provvedimenti previsti dalla legge 12 agosto 1977, n. 675, dalla legge 5 dicembre 1978, n. 787, dal decreto-legge 30 gennaio 1979, n. 26, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 aprile 1979, n. 95, e dalla legge 23 luglio 1991, n. 223, e comunque in tutti i casi di crisi, riconversione o ristrutturazione aziendale che presentino particolare rilevanza sociale ed economica. In attesa dell intervento dei consigli di amministrazione, l art. 116, 15 comma faceva comunque salvo quanto stabilito dall articolo 1, commi 220 e 221, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, in materia di riduzione delle sanzioni civili. Agli inizi del 2002 i Consigli di Amministrazione dell Inps e dell Inail, in linea con quanto stabilito dal Ministero del Welfare (Direttiva 19 aprile 2001) sono finalmente intervenuti con proprie delibere dettando i criteri e le modalità da seguire per attuare la riduzione delle sanzioni civili. Di seguito si riportano pertanto le nuove modalità cui è necessario attenersi. INPS: MODALITÀ DI RIDUZIONE DELLE SANZIONI CIVILI Il Consiglio di Amministrazione dell Inps (Delibera n. 1 dell 8 gennaio 2002, in circolare n. 88 del 9 maggio 2002), ha precisato che le sanzioni civili previste per le violazioni relative ai contributi previdenziali possono essere ridotte, su istanza della parte interessata, in questi casi: a) nel caso di procedure concorsuali In tale ipotesi, la somma aggiuntiva può essere ridotta secondo i criteri indicati nella tabella riportata di seguito. Fallimento; liquidazione coatta amministrativa; concordato preventivo; concordato fallimentare; amministrazione concordata; amministrazione straordinaria. Tipologia di inadempienze Sanzione ridotta per Sanzione ridotta per evasione omissione TUR aumentato di 2 punti TUR Se il T.U.R. diviene inferiore al tasso degli interessi legali, la sanzione civile in misura ridotta è pari, per l evasione, agli interessi legali aumentati di 2 punti e, per l omissione, agli interessi legali. A tal proposito si ricorda che dal settembre 2014 il TUR è pari allo 0,05%, mentre la misura degli interessi civili, a decorrere dal 1 gennaio 2015, è stata portata allo 0,5% su base annua. Come precisato dalla Delibera Inps in esame, l accoglimento dell istanza di riduzione della sanzione civile è subordinato alla condizione che l azienda provveda al pagamento integrale dei premi e delle spese.

11 Le sanzioni così calcolate si cristallizzano alla data in cui l Autorità Giudiziaria dichiara aperta la procedura concorsuale: per il periodo di svolgimento stesso invece sono dovuti soltanto gli interessi legali sui crediti privilegiati (art. 55 L. fall.), indipendentemente dal tipo di violazione contributiva. b) nel caso di oggettive incertezze di particolare rilevanza, di fatto doloso del terzo e nei casi di crisi, riorganizzazione, riconversione o ristrutturazione aziendale In queste ipotesi la misura della riduzione è correlata alla valutazione, da parte del Direttore della Sede Regionale dell Inps, del comportamento complessivo del richiedente. In particolare si terrà conto dei seguenti indicatori: costante rispetto degli obblighi contributivi; correntezza dei versamenti contributivi; situazione patrimoniale complessiva; rilevanza delle cause che hanno determinato il mancato o ritardato pagamento dei premi; riflessi sul mantenimento dei livelli occupazionali, ovvero sulla ripresa dell attività produttiva; importo delle somme da recuperare; incidenza della concessione del beneficio sul recupero del credito. In queste ipotesi la misura della riduzione è di due tipi. 1) Si ha la riduzione massima fino alla misura degli interessi legali (in vigore al momento in cui si presenta l istanza di riduzione), quando gli indicatori nel loro complesso vengono valutati in modo positivo. 2) Si ha una riduzione minima, pari agli interessi legali aumentati del 50%, quando sia espressa una valutazione complessivamente non positiva. In ogni caso, in attesa della decisione sull istanza, le aziende devono provvedere, in via provvisoria e salvo conguaglio, al pagamento (in unica soluzione o a rate) dell importo dei premi aumentati delle sanzioni nella misura degli interessi legali. Competenza a decidere sulle richieste di riduzione delle sanzioni civili La Delibera n. 1/2002 in esame ha anche precisato le modalità da seguire per presentare le domande di riduzione. In proposito la Delibera distingue: 1) le domande riguardanti i crediti in essere ed accertati al 30 settembre 2000, purchè pervenute entro l 11 agosto 2001, continuano ad essere esaminate dal Ministero del Welfare; 2) le domande riguardanti i crediti in essere al 1 ottobre 2000, indipendentemente dalla data di presentazione, nonché quelle relative ai crediti accertati prima di tale data, ma presentate dal 12 agosto 2001 in poi, vengono decise esclusivamente dai Direttori Regionali. In entrambi i casi le domande vanno indirizzate alla sede Inps territorialmente competente utilizzando l apposito modulo (allegato 4 della circ. Inps n. 88/2002): la domanda, unitamente alla documentazione consegnata dall azienda, dovrà essere trasmessa, a cura della stessa sede Inps provinciale, alla Direzione Provinciale del Lavoro-Servizio Ispezione del Lavoro affinché proceda ad accertare l effettiva sussistenza delle condizioni che danno diritto alla riduzione delle sanzioni civili. Il Direttore della sede Inps provinciale, dopo aver acquisito il risultato di tale accertamento trasmetterà la domanda corredata dal proprio parere alla Sede Regionale per la decisione finale. INAIL : MODALITÀ DI RIDUZIONE DELLE SANZIONI CIVILI Anche il Consiglio di Amministrazione dell Inail è recentemente intervenuto (Delibera n. 1 del 17 gennaio 2002), per determinare i criteri e le modalità di riduzione delle sanzioni nei casi di mancato

12 pagamento dei premi assicurativi. Sulla base di quanto stabilito dalla Direttiva 19 aprile 2001 citata, l Istituto assicuratore ha precisato che la riduzione stessa opera, su istanza della parte interessata e su decisione dei Direttori Regionali dell Inail, in questi casi: a) nel caso di procedure concorsuali In tale ipotesi, la somma aggiuntiva può essere ridotta secondo i criteri indicati nella seguente tabella: Fallimento; liquidazione coatta amministrativa; concordato preventivo; concordato fallimentare; amministrazione concordata; amministrazione straordinaria. Tipologia di inadempienze Sanzione ridotta per evasione Sanzione ridotta per omissione TUR aumentato di 2 punti TUR Se il TUR diviene inferiore al tasso degli interessi legali, la sanzione civile in misura ridotta è pari, per l evasione, agli interessi legali aumentati di 2 punti e, per l omissione, agli interessi legali. A tal proposito si ricorda che dal settembre 2014 il TUR è pari allo 0,05%, mentre la misura degli interessi civili, a decorrere dal 1 gennaio 2015, è stata portata allo 0,5% su base annua. Come precisato dalla Delibera Inail in esame, l accoglimento dell istanza di riduzione della sanzione civile è subordinato alle seguenti condizioni: - l azienda provveda al pagamento integrale dei premi e delle spese; - l omissione o l evasione sia oggettivamente connessa alla procedura concorsuale; - sia stata accertata l impossibilità di recupero integrale del credito per sanzione nella misura intera e per eventuali interessi di mora. b) Nel caso di oggettive incertezze di particolare rilevanza, di fatto doloso del terzo e nei casi di crisi, riorganizzazione, riconversione o ristrutturazione aziendale In queste ipotesi la misura della riduzione è correlata alla valutazione, da parte del Direttore Regionale dell Inail, del comportamento complessivo del richiedente e, in particolare, dei seguenti indicatori: costante rispetto degli obblighi contributivi; correntezza dei versamenti contributivi; situazione patrimoniale complessiva; rilevanza delle cause che hanno determinato il mancato o ritardato pagamento dei premi; riflessi sul mantenimento dei livelli occupazionali, ovvero sulla ripresa dell attività produttiva; importo delle somme da recuperare; incidenza della concessione del beneficio sul recupero del credito. In queste ipotesi la misura della riduzione è di due tipi. 1) Si ha la riduzione massima fino alla misura degli interessi civili (in vigore al momento in cui si presenta l istanza di riduzione), quando gli indicatori nel loro complesso vengono valutati in modo positivo. 2) Si ha una riduzione minima, pari agli interessi civili aumentati del 50% quando sia espressa una valutazione complessivamente non positiva. In ogni caso, in attesa della decisione sull istanza, le aziende devono provvedere, in via provvisoria e salvo conguaglio, al pagamento (in unica soluzione o a rate) dell importo dei premi aumentati delle sanzioni nella misura degli interessi civili.

13 Capitolo n. 4 Ipotesi di violazione non sanzionabili Il comma 13 dell articolo 116 stabilisce che nei casi in cui la inadempienza contributiva sia dipesa da circostanze rigorosamente oggettive non imputabili al contribuente (ad esempio il consulente incaricato di provvedere al pagamento non vi provvede), non solo non si fa luogo all applicazione delle sanzioni civili e degli interessi di mora di cui al comma 8 dello stesso articolo 116, ma non possono nemmeno essere richiesti gli interessi previsti dall articolo 1282 del codice civile (cioè gli interessi legali sulla somma originariamente dovuta).

14 Capitolo n. 5 Efficacia temporale della nuova disciplina Il comma 18 dell art. 116, stabilisce che la nuova disciplina sanzionatoria, trova applicazione soltanto per i crediti sorti o accertati a partire dal 1 ottobre Questo significa che il nuovo regime sanzionatorio trova applicazione soltanto per i crediti sorti o accertati a partire dal 1 ottobre 2000, in altre parole solamente per le violazioni che si riferiscono a periodi successivi al 1 ottobre 2000 o che in tale periodo siano state accertate (ad esempio in seguito ad un controllo dell Ispettorato). Crediti in essere e accertati in data anteriore al 30 settembre 2000 Per i crediti ancora in essere e accertati in data anteriore al 30 settembre 2000, continua invece a trovare applicazione la precedente disciplina (contenuta nei commi dell articolo 1 della legge 23 dicembre 1996, n. 662). Come chiarito dall Inps (circ. n. 110, del 23 maggio 2001) per "crediti in essere e accertati " debbono intendersi quelli denunciati e/o riconosciuti unilateralmente o accertati dagli uffici, per i quali i contributi e/o le sanzioni sono ancora esistenti, in quanto non saldate alla data del 30 settembre Da ciò discende che la nuova normativa non può trovare applicazione per situazioni già definite, entro il 30 settembre 2000, con il pagamento di quanto dovuto per contributi e/o sanzioni entro la stessa data. Detti importi, infatti, debbono ritenersi definitivamente acquisiti dall Istituto (nei casi di dilazione, l acquisizione definitiva riguarda soltanto le rate già pagate entro il 30 settembre 2000). L art. 116, 18 comma prevede comunque che il maggiore importo versato (pari alla differenza fra quanto dovuto ai sensi della legge 23 dicembre 1996, n. 662, e quanto sarebbe dovuto in base all applicazione della nuova normativa), costituisce un credito contributivo nei confronti dell ente previdenziale che potrà essere posto a conguaglio ratealmente nell arco di un anno, tenendo conto delle scadenze temporali previste per il pagamento dei contributi e premi assicurativi correnti, secondo modalità operative fissate da ciascun ente previdenziale. Questo significa che per i crediti in essere o accertati al 30 settembre 2000 l azienda dovrà versare le sanzioni calcolate secondo la vecchia normativa, ma potrà chiedere all Inps, in sede di presentazione del DM/10 il conguaglio rateale delle somme che risultano eccedenti a quelle che si sarebbero dovute pagare applicando la nuova normativa. Come ribadito dall Inps la somma versata dal datore in eccedenza può essere restituita soltanto a domanda ed esclusivamente attraverso lo scomputo rateale della contribuzione corrente (il recupero in unica soluzione è consentito soltanto per gli importi inferiori a euro 516,46). Nota bene L Inps e l Inail, adeguandosi ai principi già affermati dalla Corte di Cassazione (sentenza n.7524 del 22 maggio 2002) hanno confermato la totale abrogazione delle sanzioni amministrative previste dall art. 35, 2 e 3 comma della L. n. 689/1981 anche per il passato, stabilendo di conseguenza che le ordinanze-ingiunzioni emesse dopo il 1 gennaio 2001 e relative a violazioni contributive verificatesi fino al 31 dicembre 2000, non sono efficaci: esse pertanto verranno revocate d ufficio e i giudizi pendenti in opposizione verranno abbandonati (Circ. Inps n. 191 del e Circ. Inail n. 6 del 28 gennaio 2003). Fanno eccezione soltanto le ordinanze non opposte nei termini che sono quindi passate in giudicato: per le stesse l Istituto Previdenziale provvederà alla riscossione in via amministrativa o, in mancanza, con l iscrizione al ruolo.

15 Capitolo n. 6 Misura delle sanzioni civili Misura delle sanzioni civili Misura delle sanzioni civili cap. 6.pdf

16 Confindustria Vicenza

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA

DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA La riscossione coattiva DOSSIER TEMATICO A cura di Sandra Amovilli - Responsabile Relazioni esterne Alessandro Zambonelli Responsabile Ufficio Audit Esterno Aggiornamento

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE Al Comune di Lamporecchio Ufficio Tecnico Lavori Pubblici - Piazza Berni, 1-51035 Lamporecchio (PT) OGGETTO: CONCESSIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

(1). IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI. Visto l'articolo 2120 del Codice civile, recante la disciplina del trattamento di fine rapporto;

(1). IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI. Visto l'articolo 2120 del Codice civile, recante la disciplina del trattamento di fine rapporto; D.P.C.M. 20 febbraio 2015, n. 29 (1). Regolamento recante norme attuative delle disposizioni in materia di liquidazione del TFR come parte integrante della retribuzione per il periodo di paga decorrente

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 febbraio 2015, n. 29

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 febbraio 2015, n. 29 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 febbraio 2015, n. 29 Regolamento recante norme attuative delle disposizioni in materia di liquidazione del TFR come parte integrante della retribuzione

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli