TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE Sezione III Civile Sezione specializzata in materia di Impresa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE Sezione III Civile Sezione specializzata in materia di Impresa"

Transcript

1 N. R.G. 2013/10201 TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE Sezione III Civile Sezione specializzata in materia di Impresa Pagina 1 IL GIUDICE sciogliendo la riserva che precede, osserva quanto segue. I. Fatto. Con ricorso ex. artt l.d.a. e c.p.i. per descrizione, sequestro e inibitoria, depositato in data , THUN s.p.a. (d ora in poi, soltanto THUN ) chiedeva, nei confronti di BERTOLOZZI P.S.T. s.r.l. (d ora in poi, soltanto BERTOLOZZI ): 1) inaudita altera parte, disporsi la descrizione degli oggetti del ricorso ovvero di qualsiasi altro oggetto avente le medesime caratteristiche della produzione THUN, nonché di qualsiasi altro mezzo di prova inerente alla violazione denunciata, quale, a titolo esemplificativo, cataloghi, materiale pubblicitario, fatture, bolle di consegna; 2) previa instaurazione del contraddittorio e conferma della descrizione autorizzata inaudita, disporsi: a) sequestro, ovvero accantonamento presso un custode, di tutti gli articoli in contraffazione dei modelli THUN e di tutto il materiale documentale rinvenuto presso la resistente; b) inibitoria, nei confronti della resistente e di qualunque suo avente e dante causa, della commercializzazione dei prodotti in contraffazione con conseguente ritiro di essi dal mercato; c) penale in una somma non inferiore ad euro 5.000,00= per ogni giorno di ritardo o inosservanza; d) pubblicazione dell emanando provvedimento cautelare a cura della ricorrente e a spese della resistente su quotidiani a tiratura nazionale, riviste del settore e sulla homepage del sito internet della resistente (www.bertolozzipst.it). I.1. In particolare, la ricorrente premettendo in fatto alcune note sulle

2 Pagina 2 origini e sull attuale attività dell Azienda nonché sulle caratteristiche individualizzanti delle proprie creazioni, soprattutto con riferimento alle figure in ceramica di cui qui si verte, denunciava che recentemente era venuta a conoscenza di un offerta in vendita da parte della resistente con sede in Bagni di Lucca (LU) di una serie di figure in ceramica in evidente violazione del proprio diritto d autore e di propri modelli registrati come da fotoriproduzioni e tabelle di comparazione in atti; in diritto, individuava quali ipotesi di violazioni commesse in proprio danno la lesione del diritto d autore e di modelli industriali nonché la commissione di illeciti concorrenziali per imitazione servile, appropriazione di pregi e slealtà professionale. I.2. Concessa con decreto inaudita altera parte la descrizione richiesta, all udienza del fissata per la conferma, la modifica o la revoca del decreto oltre che per la discussione sulle ulteriori misure di cui al ricorso, si costituiva la resistente la quale chiedeva la revoca integrale del decreto reso inaudita, in quanto privo dei requisiti previsti dalla legge, nonché il conseguente rigetto delle ulteriori domande cautelari di sequestro e inibitoria. In particolare, la resistente dopo alcune note sull origine e sull attività dell Azienda, contestava la sussistenza dei requisiti necessari per la concessione del provvedimento di descrizione autorizzato, sostenendo che la propria produzione di figure tridimensionali in gesso, ceramica e resina, era in realtà antecedente rispetto alle corrispondenti realizzazioni di THUN e rivendicando comunque il carattere assolutamente individuale delle proprie creazioni. In merito al requisito dell urgenza evidenziava come esso, in realtà, difettasse non sussistendo la minaccia di un pregiudizio imminente ed irreparabile poiché i prodotti risultavano già conosciuti dal pubblico dei consumatori in virtù della protratta tolleranza da parte della ricorrente. I.3. Scambiate ulteriori memorie autorizzate, alla successiva udienza tenuta in data previa specificazione dei limiti oggettivi della tutela richiesta (su cui più ampiamente sotto) e previa produzione in comparazione da parte della resistente di articoli di pacifica provenienza di ambedue le

3 Pagina 3 società, le parti illustravano le rispettive posizioni, si riportavano agli atti e il giudice si riservava. Il ricorso è parzialmente fondato e per quanto di ragione deve essere accolto. II. Diritto: il fumus boni iuris. Quanto alla parvenza di buon diritto delle tutele richieste, la ricorrente anticipava un giudizio di merito incentrato sulla richiesta cumulativa o comunque alternativa di tutela in base alla normativa sul diritto d autore, sui disegni e modelli industriali, sulla concorrenza sleale. II.1. La tutela d autore. In linea primaria la ricorrente deduceva che le opere THUN fossero innanzitutto meritevoli di tutela con riferimento alla L n. 633 e successive modifiche (d ora in poi, l.d.a.), ed in particolare all art. 2 di essa, sia ai sensi del n. 4, in quanto opere della scultura seppure riprodotte serialmente, sia ai sensi del n. 10 in quanto opere del disegno industriale. Sotto ambedue gli aspetti, corroborava la domanda con documentazione attestante il deposito di disegni e modelli industriali (doc. 10). Non sussiste parvenza di buon diritto della tutela richiesta. II.1.1. Segue: in generale. Quanto al primo aspetto (art. 2, n. 4), merita qui soltanto evidenziare come, a seguito della tutela più specifica approntata con la novella del 2001 al c.d. industrial design (art. 2, n. 10 su cui appena sotto), pare più proprio in linea generale un riferimento all opera della scultura quale opus unicum semmai affiancato da repliche sempre di mano dell autore o eventualmente anche da multipli se del caso riprodotti meccanicamente ma pur sempre sottoposti, in ogni esemplare, ad una forma di manualità del suo creatore e comunque di produzione limitata, semmai addirittura numerata e riservata a specifici mercati. Quanto al secondo aspetto (art. 2, n. 10, come introdotto appunto dal D.L.vo n. 95/01), esso fa riferimento come noto alle opere del disegno industriale che presentino di per sé carattere creativo e valore artistico. E da premettere innanzitutto che ormai pacifica giurisprudenza interpreta il concetto di disegno industriale, ivi contenuto, estensivamente tale cioè da ricomprendere altresì la nozione di modello tridimensionale (cfr., fra

4 Pagina 4 le altre, Trib. Milano, ; id., ; Trib. Venezia ). E da specificare, inoltre, che tenuto conto della cumulabilità della tutela brevettuale e autorale (cfr. art. 17 Dir. CE, 13 ottobre 1998 n.71), il nostro ordinamento pretende ai fini del riconoscimento di quest ultima il positivo riscontro nell opera, di per sé, non solo di un carattere creativo (requisito peraltro contenuto nella più generale definizione delle opere protette di cui all art. 1 l.d.a.) ma altresì di un suo valore artistico. Con riferimento al carattere creativo, giurisprudenza di legittimità non recente ma sostanzialmente insuperata, che questo Tribunale ritiene convincente anche se precedente alle modifiche apportate nel 2001 ma confermata da giurisprudenza successiva ne individua una sufficiente sussistenza anche in una pur modesta individualità di rappresentazione intesa come organizzazione in modo nuovo di elementi già appartenenti al patrimonio comune, di talché la creatività non è costituita dall idea in sé, ma quale estrinsecazione dell impronta personale dell autore dalla forma della sua espressione, ovvero dalla sua soggettività, con la conseguenza che la stessa idea può essere alla base di diverse opere che sono o possono essere diverse per la creatività soggettiva che ciascuno degli autori spende e che, in quanto tale, rileva ai fini della protezione (cfr. Cassazione civile, Sezione I, n ma anche nello stesso senso e molto più recentemente id., n ). Quanto, poi, all ulteriore requisito del valore artistico dell opera, proprio in considerazione del suo carattere assolutamente metagiuridico e sfuggente e pure ancorato al generale aspetto del gradiente estetico, esso subisce letture da un lato prettamente soggettive, che fanno presa sul carattere intuitivo, emozionale o comunicativo promanante dall opera (Trib. Venezia, ; Trib. Milano ), e dall altro lato marcatamente oggettive in quanto riferite, piuttosto, ad elementi esterni idonei ad influenzare in maniera decisiva le scelte di mercato, sì che l oggetto trascende il suo aspetto funzionale per essere apprezzato dal pubblico appunto di per sé ; in tale prospettiva se una produzione in larga scala con caratteri di facile ed intensa serialità tende ad essere sintomo di

5 Pagina 5 svilimento dell aspetto intrinsecamente estetico dell opera in favore di quello funzionale e commerciale (Trib. Bari ; Trib. Milano, 31, , ma contra Trib. Milano ), d altro lato si valorizzano in senso contrario, pure in modo ausiliario ed eventuale, indici sintomatici quali la rappresentazione in riviste d arte, le opinioni di esperti, le recensioni specialistiche, l esposizione in musei ed altri siffatti aspetti (Trib. Milano, ; id., ). II.1.2. Segue: il caso di specie. Tanto premesso in linea generale seppure in modo assolutamente sintetico non pare che nel caso di specie, come si anticipava sopra, la ricorrente abbia offerto parvenza di buon diritto circa la sussistenza dei presupposti per la chiesta tutela autorale sotto alcuno dei due aspetti allegati. Quanto all ipotesi di cui al n. 4 della norma citata, tutt affatto differente dall interpretazione sopra offerta di opera della scultura pare la mera riproduzione standardizzata a livello industriale di prodotti, invasiva ed innumerata sotto l aspetto quantitativo così come indifferenziata con riferimento ai mercati di destinazione, situazione quest ultima che certamente appare più prossima alla produzione THUN. Quanto all ipotesi di cui al n. 10, non è dubbio, invero, che la produzione THUN rivesta elementi individualizzanti quali, per esempio, la rotondità delle forme, la morbidezza delle linee, le espressioni astratte e sognanti degli animali, le colorazioni anticate delle ceramiche, insomma decori che nell insieme si discostano volutamente da una rappresentazione, per così dire, verista della forma plasticamente descritta (sia esso un animale piuttosto che un fiore o una persona o un oggetto inanimato) evocando, essa forma, piuttosto, complessivamente, la consistenza del giocattolo dell infanzia, del pupazzo, quasi del peluche imbottito, paffuto e rotondeggiante con le conseguenti fantastiche suggestioni ricollegabili: si tratta di ciò che parte ricorrente, in modo assolutamente proprio, individua come una linea comune chiaramente distinguibile in tutta la produzione e definisce come il mondo e lo stile THUN. Non è dubbio, neppure, a parere di questo Tribunale che tale linea comune

6 Pagina 6 manifesta senz altro, in sé, un grado di creatività dato da una specifica concettualizzazione dell idea di fondo (il mondo dell infanzia) che prende forma negli oggetti, un espressione personale, insomma, più pregnante del semplice carattere individuale di un oggetto non comune nel mercato perché in grado di suscitare un impressione generale diversa, quale condizione posta per la mera registrabilità ai sensi del c.p.i.- E piuttosto sul valore artistico dell opera di per sé, requisito aggiuntivo per la protezione autorale richiesto dal nostro ordinamento, che risulta carente l aspetto più propriamente probatorio del ricorso, anche a livello di fumus. Al di là del fatto che apparirebbe più corretto comunque riferire tale requisito ad una specifica opera piuttosto che ad una collezione di centinaia e centinaia di prodotti che pure come visto hanno una linea comune, occorre in ogni caso rifuggire da letture essenzialmente soggettive che si tradurrebbero, a livello giudiziale, in statuizioni sorrette esclusivamente da valutazioni interne del giudicante come tali non pienamente controllabili e sicuramente non obiettivamente attendibili: appare, pertanto, certamente più corretta una lettura oggettivizzante del requisito in parola basata su indici sintomatici del valore artistico dell opera e di una ben specifica opera non in quanto essi conferiscano detto valore a posteriori bensì in quanto univocamente idonei ad illuminarne l originario carattere. Del resto, il rigore del legislatore nel conferire tutela autorale all industrial design appare giustificato dalla serialità della produzione e dalla destinazione massiva sul mercato sì che esso per poter essere riconosciuto come opera d arte necessita come è stato detto di un significativo merito anche estetico, ma certo non esclusivamente riconducibile al mero successo commerciale. Ecco, allora come appare fondamentale una conferma specialistica del valore artistico del modello industriale, che il giudice è chiamato a verificare ai fini del riconoscimento del presupposto di legge. In altri termini la parte processuale non può semplicemente offrire il disegno o modello al giudice ribaltando sul medesimo un mero giudizio estetico in base all emozione che detto modello suscita nella persona fisica di quel

7 Pagina 7 giudicante; costituisce al contrario specifico onere processuale del richiedente tutela offrire al giudice tutti gli elementi di cui può disporre per illuminare il valore artistico dell opera e consentire al giudice un giudizio basato su elementi per quanto possibili oggettivi, pur certamente sottoposti alla sua discrezionale attività di discernimento. In tal senso, il ricorso che peraltro come detto pretenderebbe sottoporre a tutela autorale l intera, complessiva e genericamente intesa opera THUN, appare del tutto carente. II.2. La tutela brevettuale. In seconda istanza, la ricorrente chiedeva, ai sensi dell art. 31 c.p.i., tutela per registrazione di modello industriale. A corroborare la domanda depositava certificati di registrazione comunitaria per modelli industriali presso WIPO e UAMI (doc. 11). II.2.1. Segue: in generale. Come noto, ai sensi dell art. 31 c.p.i. i prodotti industriali (o parti di essi) possono costituire oggetto di registrazione come modelli a condizione che siano nuovi ed abbiano carattere individuale, vale a dire se nessun modello identico, o che da esso si distacchi per dettagli sostanzialmente irrilevanti, è stato divulgato anteriormente (art. 32 c.p.i.) e se l impressione generale che suscita nell utilizzatore informato differisce dall impressione generale suscitata in tale utilizzatore da qualsiasi disegno o modello che sia stato divulgato anteriormente, tenuto conto del margine di libertà di cui l autore ha beneficiato nel realizzare il disegno o modello (art. 33 c.p.i.). Di converso, in riferimento ai diritti conferiti dalla registrazione, essi, ai sensi dell art. 41/3 c.p.i., si estendono a qualunque modello che, a sua volta, non abbia carattere individuale e cioè non produca nell utilizzatore informato una impressione generale diversa. Anche in questo caso, occorre prendere le mosse dalla nozione di consumatore informato per poi verificare l impressione generale che in esso suscita il modello, sia quello di cui si chiede tutela sia quello che si pretende in contraffazione. La giurisprudenza comunitaria e nazionale suggerisce una nozione di consumatore informato cui questo giudice intende uniformarsi che fa riferimento alla persona che da un lato, non essendo un progettista o un esperto tecnico, utilizza il prodotto nel quale è

8 Pagina 8 incorporato il disegno o modello in conformità alla finalità per la quale lo stesso prodotto è destinato; dall altro lato, conosce tuttavia i vari disegni o modelli esistenti nel comparto di riferimento, dispone di un certo grado di conoscenze quanto agli elementi che questi disegni o modelli comportano di regola e, a causa del suo interesse per i prodotti in questione, dà prova di un grado di attenzione relativamente elevato quando li utilizza. Si tratta, insomma, di un utilizzatore dotato non già di un attenzione media, bensì di una particolare diligenza: tuttavia, se non è il consumatore medio normalmente informato e ragionevolmente attento e avveduto che percepisce di norma un disegno o modello come un tutt uno e non effettua un esame dei suoi singoli elementi, non è neppure l esperto o la persona competente in materia in grado di osservare nei dettagli le differenze minime che possono esistere tra i modelli o disegni in conflitto; senza essere un progettista o un esperto tecnico, l utilizzatore conosce vari disegni o modelli esistenti nel comparto di riferimento, dispone di un certo grado di conoscenze quanto agli elementi che questi disegni o modelli comportano di regola e, a causa del suo interesse per i prodotti in questione, dà prova di un grado di attenzione relativamente elevato quando li utilizza (fra le tante, recentemente, CGUE n. 281/10 P; Trib. UE n. 153/08; id., n. 68/10; Trib. Bologna, ; Trib. Torino, ). Quanto all impressione generale diversa, detto requisito secondo costante giurisprudenza deve essere interpretato alla stregua di un giudizio sintetico, vale a dire dell impressione globale che fornisce all utilizzatore, all insieme di forme che costituisce il modello e non alla mera sommatoria dei singoli particolari che, pure, lo caratterizzano (Trib. Torino, ; Trib. Milano, ). Infine, come detto, tali criteri vanno valutati sulla base del margine di libertà di cui può beneficiare l autore nella sua realizzazione: in altri termini si è detto esso è stabilito a partire, in particolare, dai vincoli relativi alle caratteristiche imposte dalla funzione tecnica del prodotto o di un elemento di esso, o ancora dalle prescrizioni legislative ad esso applicabili; tali

9 Pagina 9 vincoli portano a una standardizzazione di alcune caratteristiche, che divengono quindi comuni ai disegni o modelli applicati al prodotto interessato; nell ambito dell esame in concreto dell impressione generale dei disegni o modelli in questione sull utilizzatore informato, il quale come visto ha una certa conoscenza dello stato dell arte precedente, si deve tener conto del margine di libertà dell autore nel realizzare il disegno o modello contestato; pertanto, nel caso in cui somiglianze tra i disegni o modelli in questione riguardino caratteristiche comuni, tali somiglianze saranno scarsamente rilevanti nell impressione generale prodotta da detti disegni o modelli sull utilizzatore informato; da ciò consegue, conclusivamente, che quanto più la libertà dell autore nel realizzare il disegno o modello contestato è limitata, tanto più basteranno piccole differenze tra i disegni o modelli in questione per produrre un impressione generale diversa nell utilizzatore informato (cfr., per tutte, Trib. UE, n. 9/07). II.2.2. Segue: il caso di specie. In linea preliminare, va sottolineato il limite oggettivo della tutela richiesta, così come specificato all udienza di riserva, limite coincidente con i soli articoli di produzione resistente raffiguranti Elefantini, Formelle Floreali, Orsetti e Angeli di cui alla tabella comparativa in atti (doc. 15 ricorrente) come ulteriormente specificata con le produzioni all udienza , con ulteriore limitazione, per quest ultimo articolo, alla sola inibitoria stante la dichiarazione di controparte di cancellazione degli ordini. La cautela richiesta è parzialmente fondata e per quanto di ragione va accolta con conseguente conferma in parte qua del provvedimento di descrizione reso inaudita. II Angeli e Formelle con fiori. E da premettere che parte resistente contestava innanzitutto a dire il vero con riferimento a tutta la collezione qui presa in considerazione la novità delle produzioni THUN rivendicando anteriorità nella registrazione e nella commercializzazione. Non è dubbio al riguardo, alla stregua delle produzioni in atti e con riferimento all istruttoria sommaria tipica dell azione cautelare, che la società resistente non è ditta sorta

10 Pagina 10 negli ultimi anni, vanta autonome collezioni di prodotti in ceramica, gesso e resina e connota gli stessi con un proprio segno ( Tullia ) tratto dal nome dell attuale titolare, come emerge dalle produzioni in atti e anche dagli esiti della descrizione. Pur tuttavia, effettivamente, BERTOLOZZI non ha fornito prova certa circa l anteriorità della produzione e della commercializzazione delle specifiche opere di cui si verte, come sopra identificate: da un lato generici appaiono i riferimenti delle fatture a singoli articoli e dall altro lato limitata appare la tutela brevettuale a soprammobili raffiguranti uccelli acquatici della famiglia degli anatidi e piumaggio in rilievo da utilizzarsi per la produzione di dette opere, comunque non rientranti nell oggetto del ricorso. Esclusa l anteriorità degli specifici prodotti BERTOLOZZI per cui è ricorso e provata invece la registrazione internazionale degli analoghi prodotti THUN (cfr. doc. 11), resta da verificare, per i due casi qui considerati, la sussistenza dei requisiti per la tutela richiesta. Francamente, appare forte la similitudine delle formelle floreali BERTOLOZZI contenenti anche piccoli animali (coccinelle, farfalle, ) a quelle THUN, ciò con riferimento tanto alle ceramiche in cui fiori e animaletti esauriscono la consistenza del prodotto quanto alle ceramiche in cui fiori e animaletti, comunque, concentrano su di sé l attenzione prevalente dell osservatore in quanto, per così dire, sovrastanti rispetto alla parte di prodotto cui accedono (scatole, barattoli, campane, ): simili i colori e i decori anticheggianti, addirittura identica la raffigurazione delle foglie, tondeggianti, gonfie e con unica nervatura centrale proprio come la tradizione THUN che si allontana da una rappresentazione verista per offrire piuttosto un idea del peluche imbottito e del giocattolo anche con riferimento alla flora; identica, ancora, la raffigurazione della farfalla e dei decori sulle sue ali così come la coccinella (cfr. tabella comparativa in atti e catalogo Bertolozzi quale all. 1 della descrizione oltre che fotografie scattate in detta sede). Altrettanto dicasi per la serie di angioletti raffigurati in tabella di comparazione: assolutamente identica l idea di raffigurarli soltanto nel viso incorniciato da un tondo o da un cuore oppure raffigurazione in sé non

11 Pagina 11 necessitata sofficemente posati su nuvole o mollemente adagiati su falci di luna e ad esse abbracciati. Anche in questo caso pressoché identica la riproduzione dell idea THUN, dei colori dorati, dei decori anticati, dei visi sognanti (poco importa se con occhi aperti o chiusi, particolare assolutamente indifferente). Non si può parlare, in questi casi, di similitudine dovuta a necessità per lo scarso margine di libertà dell autore nella raffigurazione di dette immagini: particolarmente evidente la creatività nei prodotti THUN, assolutamente e meramente insussistente, anche nei piccoli particolari come detto, quella BERTOLOZZI che ricalca pedissequamente quell ideale e quel mondo conferendo al suo prodotto, anche nell utilizzatore informato, una impressione generale pressoché identica dell ideale e del mondo THUN. II Orsetti e Elefantini. Affatto differenti le conclusioni con riferimento agli animali raffigurati, nel caso che ci occupa elefanti e orsi in varie posizioni e variamente denominati. In riferimento a tali animaletti, così come per la verità nel resto della collezione BERTOLOZZI di ceramiche raffiguranti animali (cfr. catalogo in descrizione), deve evidenziarsi un idea e un mondo diversamente rappresentato rispetto a quello della ricorrente: tutti gli animaletti sotto questo aspetto sopraggiunge in ausilio anche il catalogo di cui in descrizione (All.1) veicolano l idea di un mondo di animaletti vivi, seppure rappresentati in modo ovviamente fantastico e quasi da cartone animato, alcuni con sguardi furbetti o ammiccanti comunque dinamici e certamente lontani dalle espressioni, anche sorridenti, ma certamente più statiche (si pensi in particolare alle raffigurazioni degli orsetti) che caratterizzano invece gran parte degli oggetti THUN qui in considerazione. Di qui, l impressione generale assolutamente diversa che tale produzione ingenera nell utilizzatore informato e la conseguente insussistenza dei presupposti per la concessione dell invocata tutela. A ciò non pare neppure potersi replicare circa la contemporanea presenza di elementi floreali, così vicini, come detto all ideale THUN, in quanto nelle ceramiche di animali l attenzione è senza dubbio concentrata sulla corporeità dell animale raffigurato e sull espressione

12 Pagina 12 del volto rimanendo il fiorame che lo completa un mero particolare irrilevante e di contorno. II.3. La tutela da concorrenza sleale. Parallela, a parere di questo giudice deve intendersi la tutela per concorrenza sleale, in ultima istanza richiesta dalla ricorrente sia sotto l aspetto dell attività confusoria e di imitazione servile sia per l appropriazione di pregi sia per slealtà professionale. Da un lato, infatti, non è dubbio che sussistendo i presupposti per la chiesta tutela brevettuale in riferimento alle formelle di fiori e agli angeli sussistono anche i requisiti per la tutela da concorrenza sleale, tenuto conto innanzitutto che l accertata imitazione servile dei prodotti è idonea ad ingenerare certamente, a maggior ragione, nel meno attento prototipo di consumatore medio una confusione circa la provenienza del prodotto, con tutto ciò che ne consegue in riferimento alle ulteriori ipotesi che pure, per quanto sopra già chiarito, vanno ritenute sussistenti. Viceversa, l assoluta differenza di impostazione che si è tentato di delineare con riferimento alle riproduzioni di animaletti posti a base delle collezioni delle due imprese non può ritenere sussistente neppure il requisito dell imitazione servile a dell attività confusoria. Insomma neanche il consumatore medio dunque non particolarmente accorto ma neppure assolutamente sprovveduto potrebbe confondere la provenienza dell orsetto o dell elefantino di cui alla tabella comparativa, talmente differente essendo anche ad un esame sintetico e globale l espressività esteriore del prodotto che non richiama e non rimanda al corrispondente prodotto ricorrente, a non dire della prospettiva ideale offerta e di cui sopra. Anche in questo caso neppure il fiorame che normalmente accompagna la raffigurazione è idoneo a creare confusione circa la provenienza dell oggetto, certamente non THUN. III. Segue: il periculum in mora. Altrettanto sussistente l ulteriore requisito del rischio nelle more del giudizio di merito. Senza dilungarsi su esso, vale soltanto specificare che l attività della resistente, ove abbia a protrarsi, è idonea a ulteriormente aggravare un danno da sviamento di clientela già in

13 Pagina 13 sé difficilmente valutabile anche nei suoi aspetti quantitativi di perdita di volume di affari. IV. La misura cautelare e le spese. Quanto accertato in sede di violazione di diritti brevettuali rende senz altro da confermare la descrizione già svolta inaudita altera parte con riferimento ai modelli oggetto di essa in quanto ricompresi nella tabella comparativa a fondamento del ricorso cautelare. Non appaiono, allo stato, più specificamente identificabili i modelli accertati in contraffazione non essendo stata consentita una specifica descrizione di essi. Peraltro, proprio in ordine a quest ultima, non può che essere stigmatizzato il comportamento palesemente non collaborativo della società resistente la cui legale rappresentante, immediatamente contattata dai propri dipendenti in occasione dell accesso dell Ufficiale Giudiziario che eseguiva legittimamente un provvedimento di questo Giudice, non soltanto non intendeva recarsi presso la sede (né adduceva all uopo impedimenti), ma neppure riteneva di fornire ai propri dipendenti, presenti, i ragguagli necessari per consentire l apertura dei magazzini e la dovuta autorizzazione a fornire adeguata assistenza informatica all Ufficiale procedente: assolutamente generiche poi le giustificazioni offerte in sede di memoria. Tanto premesso sulla descrizione, deve essere concesso, come richiesto, il sequestro dei prodotti Articoli Floreali di cui alla tabella di comparazione (doc. 15 ricorrente) riconosciuti in contraffazione nonché inibitoria in riferimento alla commercializzazione di detti prodotti così come dei prodotti Angeli di cui alla medesima tabella, essendo stata limitata la richiesta cautelare, per tali ultimi articoli, alla sola inibitoria. Seguono il ritiro dal mercato, la fissazione di penale per ogni giorno di ritardo e violazione nonché la pubblicazione della presente ordinanza per estratto sulla homepage del sito della resistente (allo stato indicato in: misura ritenuta adeguata e sufficiente all accertata violazione, il tutto come da dispositivo. Deve invece essere respinta la richiesta di prestazione di cauzione in danno della ricorrente THUN non essendo stati provati da controparte i presupposti indispensabili

14 Pagina 14 per giustificare siffatta garanzia in proprio favore. Quanto alle spese, tenuto conto che i provvedimenti adottati inibitoria, ritiro dal commercio e lo stesso sequestro in via prevalente hanno natura essenzialmente interdittiva e dunque anticipatoria, le spese sono liquidate per questa fase, a carico della resistente e in favore della ricorrente, in complessivi 3.100,00= per compensi, comprensivi della fase di descrizione, di cui 1.000,00= per fase di studio; 600,00= per fase introduttiva; 500,00= per fase istruttoria di natura documentale; 1.000,00= per fase decisoria oltre accessori dovuti per legge; anche le spese di CTU in sede di descrizione devono essere poste a carico della resistente e sono liquidate in favore del consulente, ing. Lorenzo Bessi, in complessivi 556,38=, di cui 414,03= per onorari pari a n. 50 vacazioni (comprensive di studio e intervento), 20,45= per indennità e 121,90= per spese di viaggio, oltre accessori dovuti. P. Q. M. in parziale accoglimento del ricorso proposto da THUN s.p.a. nei confronti di BERTOLOZZI P.S.T. s.r.l., così provvede: CONFERMA il proprio precedente decreto in data limitatamente alla descrizione sia dei modelli tridimensionali Articoli Floreali e Angeli in quanto rappresentati nelle tabelle comparative agli atti della ricorrente (doc. 15) e altresì prodotte all udienza sia di tutta la documentazione ad essi inerente, revocando nel resto la suddetta descrizione; DISPONE sequestro dei modelli tridimensionali in contraffazione raffiguranti Articoli Floreali in quanto contenuti nella tabelle comparative sopra indicate nonché documentazione pubblicitaria e fiscale ad essi articoli inerente sia presso la sede della resistente sia presso suoi stabilimenti, punti vendita, magazzini e depositi nonché presso terzi che comunque ne facciano commercio; DISPONE inibitoria nei confronti di BERTOLOZZI s.p.a. con riferimento alla commercializzazione dei modelli tridimensionali in contraffazione

15 raffiguranti Articoli Floreali e Angeli in quanto contenuti nella tabelle comparative sopra indicate e conseguentemente, ORDINA il ritiro dal mercato degli stessi, dei relativi materiali pubblicitari, del catalogo nonché l oscuramento delle pagine del sito web della resistente nei punti in cui i detti articoli vengono pubblicizzati e commercializzati; FISSA penale pari a 1.000,00= per ogni giorno di ritardo nell esecuzione del presente provvedimento e di 100,00= per ogni violazione ad esso; DISPONE la pubblicazione della presente ordinanza per estratto, entro dieci giorni dalla comunicazione, sulla homepage del sito internet della resistente a cura e spese della medesima o in difetto a cura della ricorrente e a spese della resistente a caratteri doppi del normale; RESPINGE la richiesta di cauzione avanzata dalla resistente; CONDANNA la resistente al pagamento delle spese processuali sostenute dalla ricorrente, spese che liquida in favore di THUN s.p.a. in complessivi 3.100,00= per compensi oltre accessori dovuti per legge, come in parte motiva; condanna la medesima resistente al pagamento per intero delle spese di CTU in sede di descrizione, spese che liquida in complessivi 556,38=, oltre accessori dovuti, come in parte motiva. Si comunichi alle Parti. Firenze, Pagina 15 IL GIUDICE Leonardo Scionti

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Intesa Sanpaolo S.p.A. (rappresentata dagli Avv.ti Paolo Pozzi e Giovanni Ghisletti) DS Communications

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

I mezzi di impugnazione

I mezzi di impugnazione 4 I mezzi di impugnazione SOMMARIO 1. L appello previsto dall art. 310 c.p.p. 2. Il ricorso per Cassazione previsto dall art. 311 c.p.p. 2.1. La impossibilità di scelta per la difesa del c.d. ricorso per

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Bologna, 24 febbraio 2014 I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Il P.O.F. La DIAGNOSI Il PDP Il GIUDIZIO

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

LINEE GUIDA PER I CTU

LINEE GUIDA PER I CTU LINEE GUIDA PER I CTU per lo svolgimento delle operazioni peritali e per la redazione delle consulenze tecniche. PARTE PRIMA Le operazioni peritali Accettazione dell incarico. - Il c.t.u. ha l obbligo

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA Sezione lavoro

TRIBUNALE DI MODENA Sezione lavoro TRIBUNALE DI MODENA Sezione lavoro Proc. n. 1013/05 RGL Il giudice, a scioglimento della riserva assunta all udienza del 22.12.05; esaminate le note depositate dalle parti il 13.1.06; osserva: 1. Ricostruzione

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE. Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi.

L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE. Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi. L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi.it INDICE: 1) Considerazioni preliminari 1.1) La portata giuridico-formale

Dettagli

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna Un pò di storia - Il diritto naturale d'autore nasce nei primi anni del 1700 in Inghilterra;

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli