Impianti di Climatizzazione e Condizionamento IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO: CRITERI DI PROGETTO. Prof. Cinzia Buratti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Impianti di Climatizzazione e Condizionamento IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO: CRITERI DI PROGETTO. Prof. Cinzia Buratti"

Transcript

1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO: CRITERI DI PROGETTO Prof. Cinzia Buratti

2 COMPONENTI DI UN IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO Impianti a tutt aria: - terminali di immissione dell aria; - rete di distribuzione ed eventualmente di ripresa dell aria; - condizionatore (o UTA) per trattare la portata d aria di progetto; - centrale termica e frigorifera. Impianti misti aria-acqua: - terminali di immissione dell aria; - rete di distribuzione dell aria; - elemento terminale (ventilconvettore, induttore o pannello radiante); - rete di distribuzione ib i dell acqua; - condizionatore (o UTA) per il trattamento dell aria primaria; - centrale termica e fi frigorifera. if

3 TRATTAMENTI DELL ARIA Per mantenere le condizioni di progetto occorre introdurre una portata d aria in grado di compensare il carico termico e igrometrico e garantire un adeguata qualità dell aria interna. La portata d aria di progetto, prima di essere immessa in ambiente, subisce dei trattamenti nell UTA, al fine di ottenere condizioni di immissione idonee al controllo delle variabili ambientali. La portata d aria di progetto, può essere in parte ricircolata; occorre comunque garantire una portata d aria daria esterna pari almeno a quella necessaria per le esigenze di purezza, pertanto la portata di ricircolo può essere al massimo pari a: g r = G g(p) (m 3 /h) Negli impianti misti, la portata d aria daria primaria coincide quasi sempre con quella necessaria a garantire il comfort, in genere non si effettua ricircolo.

4 Impianti a tutt aria CASO ESTIVO Condizioni esterne di progetto (punto E): T E = 34 C e Ф E = 50%; Condizioni interne (T A = 26 C ± 1 C e Ф A = 50% ± 10%) Trasformazioni E-R E : raffreddamento e umidità specifica costante, (batteria di raffreddamento aria-acqua refrigerata, con R E è il punto di rugiada di E; R E -R I : raffreddamento con deumidificazione, realizzabile nella stessa batteria di raffreddamento, dove R I è il punto di rugiada del punto di immissione; R I -I: post-riscaldamento a umidità specifica costante, realizzabile in una batteria di riscaldamento aria-acqua calda. Il valore minimo della temperatura di immissione dell aria è 16 C, (valori inferiori potrebbero indurre discomfort); l umidità lumidità specifica alla quale l aria laria è immessa è la minima consentita (punto K), così da compensare i contributi presenti in ambiente.

5 Impianti a tutt aria CASO ESTIVO In presenza di ricircolo, l aria è immessa nel condizionatore nelle condizioni del punto M, la cui posizione sul segmento congiungente le condizioni rappresentative dell aria esterna E e dell aria interna A è individuata mediante la seguente relazione: con MA = ME g(p) g(p) = portata necessaria a garantire la purezza; gr : la portata di ricircolo. g r Rispetto alla situazione con tutta aria esterna, la trasformazione E-R E diventa M-R M, la R E -R I diventa R M -R I, con notevole risparmio energetico nella batteria di raffreddamento.

6 Impianti a tutt aria CASO INVERNALE Condizioni esterne di progetto, T E = 0 C e Ф E = 80%; Condizioni interne (T A = 20 C ± 1 C e Ф A = 50% ± 10%) Trasformazioni E-P: pre-riscaldamento a umidità specifica costante, realizzabile in una batteria di riscaldamento aria-acqua calda; P-RI: umidificazione i adiabatica, realizzabile in un apposito umidificatore; Ri-I: post-riscaldamento a umidità specifica costante, realizzabile in una successiva batteria di post-riscaldamento aria-acqua calda.

7 In presenza di ricircolo si possono avere due situazioni: a)miscela effettuata prima dell ingresso nel condizionatore: la trasformazione E-P diventa M-P, mentre la P-R I diventa P -R I. In estate non è soggetto ad alcuna limitazione, in inverno può dare luogo ad incertezze nel controllo dell umidità relativa, poiché può risultare X RI > X K (punto M a destra della isoentalpica P R I ), anche annullando il pre-riscaldamento (il che richiederebbe per assurdo una successiva deumidificazione). A questo inconveniente si può ovviare aumentando la portata d aria esterna, in modo da riportare X M a valori tali per cui risulti X RI <X K ; in inverno, pertanto, si dovrebbe operare con una portata d aria esterna maggiore che in estate;

8 b) miscela effettuata dopo il preriscaldamento in questo caso l umidificazione adiabatica sarà solo parziale, non si raggiungerà cioè la saturazione (punto RI) e la trasformazione si muoverà da P a P, per poi proseguire da P fino al punto M. Il punto P risulta dalla g(p) e da gr, imponendo XM=XI e che i punti P e P abbiano lo stesso valore di entalpia (hp=hp ). I punti M e P possono essere determinati considerando che: (h (h P ' hm) g(p) M h A (X (X X ) = g P' X M ) g(p) M A ) = r g r Questo schema può rappresentare un alternativa a quello precedente, per non aumentare la portata d aria daria esterna.

9 CASO ESTIVO Impianti misti aria-acqua L aria primaria è trattata centralmente in un condizionatore dove nel caso estivo è sottoposta alle seguenti trasformazioni: E-R E: raffreddamento a umidità specifica costante; R E -R I : raffreddamento con deumidificazione; RR I -I: post-riscaldamento t ad umidità specifica costante. t L aria è distribuita nelle condizioni del punto I: umidità specifica minima ammessa e temperatura 16 C. L aria ambiente è raffreddata a umidità specifica costante, passando attraverso la batteria del ventilconvettore: nel passaggio all interno di esso la temperatura dell aria può essere regolata agendo sulla portata d acqua che circola nella batteria o sulla velocità del ventilatore; le condizioni o di introduzione o possono o essere e rappresentate a e da tutti i punti compresi tra gli stati R 1 ed A.

10 Impianti misti aria-acqua CASO INVERNALE L aria primaria subisce le seguenti trasformazioni: E-P: pre-riscaldamento ad umidità specifica costante; P-R I: umidificazione adiabatica fino alla temperatura di saturazione; R I -K: post-riscaldamento ad umidità specifica costante. L aria ambiente è riscaldata a titolo costante, attraverso la batteria del ventilconvettore, secondo la trasformazione AN. L introduzione di aria primaria alla temperatura T RI può creare problemi di disuniformità all interno dell ambiente, qualora l immissione avvenga, come spesso accade, in posizione diversa da quella in cui è posto il ventilconvettore. In questi casi è consigliabile il post-riscaldamento invernale dell aria primaria, che viene introdotta in condizioni neutre, ovvero: T A (trasformazione R I -K) o comunque in I a destra di K.

11 CALCOLO DELLA PORTATA D ARIA DI PROGETTO Impianti a tutt aria Portate necessarie al controllo della temperatura: Qte g = Q e(t) (kg/s) ti g (T) = γ u ( TAe TIemin ) i γ ( T T ) u Iimax Ai (kg/s) g e Q te γ u =portata d'aria da introdurre in estate (kg/s) per il controllo della temperatura; =valore del carico termico estivo massimo contemporaneo (kw); =calore specifico a pressione costante dell'aria introdotta (kj/kg C); T Iemin =temperatura minima ammissibile del punto d'introduzione estivo ( C); T Ae =temperatura di progetto estiva dell'ambiente ( C); g i =portata d'aria da introdurre in inverno (kg/s) per il controllo della temperatura; Q ti =valore del carico termico invernale massimo contemporaneo (kw); T Iimax =temperatura massima ammissibile del punto di introduzione invernale ( C), generalmente C; =temperatura di progetto invernale dell'ambiente ( C). T Ai

12 CALCOLO DELLA PORTATA D ARIA DI PROGETTO Portate per il controllo dell umidità: g we ge ( φ ) = (kg/s) X X ( ) Ae max Ie min g wi g i ( φ ) = (kg/s) X X ( ) Ai max Ii min g e (Φ) = e portata d'aria da introdurre in estate per il controllo dell umidità relativa; g we = portata di vapore acqueo complessivamente prodotta in estate (g/s); X Aemax = umidità specifica massima dell'aria ambiente in estate (g/kg); X Iemin = umidità specifica minima dell'aria introdotta in estate (g/kg); g i (Φ) = i portata d'aria da introdurre in inverno per il controllo dell umidità relativa (kg/s); g wi = portata di vapor d'acqua complessivamente prodotta in inverno (g/s). X Aimax = Aimax X Iimin = umidità specifica massima dell'aria ambiente in inverno (g/kg); umidità specifica minima dell'aria introdotta in inverno (g/kg);

13 Per il controllo della purezza si adottano le metodologie di calcolo della g(p), scegliendo tra l approccio prescrittivo e quello prestazionale. La portata di progetto dell impianto di condizionamento è data da quella massima: G = max (g e (T), g i (T), g e (Φ), g i (Φ), g(p)) (kg/s) Frequentemente il valore massimo è assunto dal termine g e (T) (a volte g i (T)). La portata t massima di ricircolo ii è fornita dalla relazione vista it in precedenza, la portata pari a g(p) deve essere comunque immessa dall esterno per il rinnovo. La portata d aria g r si trova già nelle condizioni di temperatura e umidità relativa desiderate nell ambiente pertanto, in miscela con l aria esterna, consente un considerevole risparmio energetico, specialmente nei locali poco affollati, in cui G» g(p). g r = 0, l impianto si dice a tutt aria esterna r Nel caso in cui la differenza tra g e (T) e g i (T) sia notevole, si può pensare all adozione g e ( ) g i ( ), p p di un ventilatore a doppia velocità, per fornire nominalmente la portata di progetto estiva e ridurla durante la stagione invernale.

14 CALCOLO DELLA PORTATA D ARIA DI PROGETTO Impianti misti aria-acqua acqua G=max(g(Φ) e (Φ), g(φ) i (Φ), g(p)) (kg/s) Il valore massimo generalmente è assunto dalla portata g(p) La rete di canali è progettata come per gli impianti a tutt aria: in questo caso, però, la portata di ricircolo ii è sempre nulla in quanto l aria esterna deve servire per il rinnovo; pertanto non è presente alcuna rete di ripresa.

15 TERMINALI DI IMMISSIONE DELL ARIA La diffusione dell aria deve realizzare i seguenti scopi: - compensare i carichi termici estivi o invernali del singolo locale; - rinnovare l aria ambiente e diluire gli odori per mezzo di un corretto apporto di aria esterna; - mantenere i gradienti di temperatura sul piano verticale e sul piano orizzontale entro i limiti fissati dalle norme; - raccogliere il pulviscolo in sospensione nel locale e trascinarlo verso gli elementi di ripresa; - mantenere un livello sonoro entro i limiti richiesti. I principali i modelli di distribuzione ib i dell aria possono essere ricondotti a tre: 1) distribuzione a flusso turbolento; 2) distribuzione a dislocazione; 3) distribuzione a flusso laminare orizzontale o verticale.

16 DEFINIZIONI 1) Terrminali di distribuzione a flusso turbolento velocità di uscita: per le bocchette rettangolari tradizionali, si intende la velocità valutata sull area frontale lorda della bocchetta; nel caso di anemostati o comunque di dispositivi nei quali sia difficilmente identificabile una precisa direzione nella quale misurare la velocità di uscita, si fa riferimento i alla velocità media sul collo. La velocità iniziale resta costante solo in una parte centrale (indisturbata) del getto, detta dardo, di forma pressoché piramidale nel caso di bocchette rettangolari lancio: la distanza alla quale la velocità massima dell'aria lungo l asse del getto, per effetto dell'allargamento del getto stesso e del mescolamento con aria ambiente, si è ridotta ad un valore predefinito, V m, in condizioni d'isotermia con l'ambiente. OgniO i dispositivoiti di immissionei i deve coprire una certa porzione dell'ambiente, raggiungendo con il suo lancio le zone più lontane con una velocità finale massima V 0m fissata usualmente in 0.4 m/s;quello che interessa è il lancio L 0, valutato nel punto ove si raggiunge la V 0m. In realtà questo criterio di valutazione di L 0 è assai cautelativo: infatti si potrebbe fare riferimento alla velocità limite di 0.4 m/s considerata nella zona occupata dalle persone e non lungo l asse del getto, che generalmente è ben più in alto.

17 DEFINIZIONI 1) Terrminali di distribuzione a flusso turbolento rapporto di induzione: l'aria laria immessa con una certa velocità trascina nel suo movimento anche parte dell'aria ambiente, così che in ogni punto del getto si ha una portata totale in movimento G t superiore a quella G i dellasolaariaimmessa; in ogni punto del getto si definisce i il rapporto d'induzioned i come: I=G t /G i L'induzione è legata alla velocità del getto ed al suo sviluppo perimetrale; pertanto i dispositivi ad elevato rapporto di induzione possono essere del tipo ad ugelli (alta velocità) o a sviluppo lineare (alto perimetro) o comunque conformati in modo tale da generare eaeampie pe zone di richiamo dell'aria a circostante; cos caduta: nella realtà l'aria immessa è più calda o più fredda di quella ambiente; tale differenza di temperatura determina nel primo caso una tendenza naturale del getto ad innalzarsi, nel secondo ad abbassarsi. Ad ogni distanza dal punto d immissione, ovvero ad ogni valore del lancio, si può quindi definire la caduta come la distanza (positiva o negativa) fra la quota dell asse del getto nel punto in esame e la quota del punto d immissione: la caduta alla quale si fa generalmente riferimento è comunque quella corrispondente al lancio L 0 ;

18 DEFINIZIONI 1) Terrminali di distribuzione a flusso turbolento temperatura finale del lancio: per effetto dell'induzione induzione, in condizioni di non isotermia, la temperatura dell'aria miscelata si avvicina a quella dell'ambiente; in corrispondenza del lancio L 0 si ha la temperatura finale del lancio T 0 ; effetto soffitto (o Coanda): quando una bocchetta di immissione si trova in vicinanza del soffitto (distanza <30 cm), il getto tende ad aderire ad esso per depressione; tale fenomeno, provoca un allungamento del lancio e contemporaneamente una diminuzione della caduta. Occorre perciò accertarsi, nella consultazione dei cataloghi dei costruttori, se lancio e caduta sono forniti in presenza o meno di effetto soffitto.

19 Tipologia di terminale Caratteristiche Bocchette a parete ad alette o ugelli Presentano costi bassi e offrono una maggiore facilità di installazione rispetto ad altri terminali. Di contro presentano limiti nel trattamento dei carichi termici di alta densità e nell uniformità di diffusione dell aria in locali di una certa ampiezza. Diffusori a soffitto Sono del tipo circolare, quadrato o rettangolare, a coni concentrici o forellati. Presentano buone capacità nel trattamento dei carichi termici, anche elevati, e offrono caratteristiche apprezzabili di diffusione dell aria. Essi comportano spesso la necessità di prevedere un controsoffitto, anche se l installazione a vista è sempre più in uso, soprattutto nei locali commerciali. Diffusori da pavimento Si installano nel pavimento galleggiante e possono essere di vari tipi: elementi rettangolari, circolari a flusso spiraliforme, ecc.. Diffusori da sottopoltrona Si installano al di sotto delle poltrone in sale teatrali e assicurano un flusso d aria dal basso verso l alto, a velocità molto contenute, che avvolge la persona seduta, controllandone il microclima e asportandone con continuità gli effluenti emessi.

20 1) Terminali di distribuzione a flusso turbolento Flusso di aria generato da un diffusore a soffitto Tipologia di terminale Velocità di uscita (m/s) Rapporto di induzione Lancio (m) Posizionamento Parete Soffitto Pavimento Bocchette ad alette < 6 SI SI SI Diffusori a coni < 6 SI SI NO Diffusori spiroidali < 6 SI SI SI Diffusori lineari < 2 NO SI NO Ugelli fino a 12 SI NO SI

21 2) Terminali per la distribuzione a dislocamento Tutti gli altri tipi di terminali funzionano sul principio della miscelazione, in questi invece, il flusso d aria è continuo e realizza una zona pulita al di sotto di un certo strato limite. L aria, se più calda, è spostata verso l alto dal flusso entrante e ulteriormente accelerata dalle correnti convettive create dalle sorgenti termiche localizzate pertanto tende a raccogliersi nella parte prossima al soffitto, dalla quale può essere aspirata dai terminali di ripresa. Bassa velocità di introduzione dell aria ( m/s). Differenza di temperatura modesta (massimo 6 7 C) rispetto alle condizioni richieste nella zona occupata. La zona di influenza di un terminale può avere un raggio da 2 3 m fino a 7 8 m.

22 3) Terminali di distribuzione a flusso laminare orizzontale o verticale. Con i sistemi a flusso laminare è possibile ottenere un elevato grado di purezza dell'aria ambiente equindi una forte riduzione i degli inquinanti. i La riduzione è ottenuta per spostamento fisico dell'aria inquinata, alla quale va a sostituirsi aria trattata, con un meccanismo ad effetto pistone realizzato ricorrendo a distribuzioni del tipo a flusso unidirezionale laminare, ovvero a bassa turbolenza. L aria è immessa daun'intera parete, munita di elementi filtrantiti HEPA, con velocità uniforme di circa m/s, e mantenuta tale fino alla parete opposta, da cui avviene l'estrazione. Applicazioni tipiche: alcune lavorazioni dell industria farmaceutica, elettronica ed alimentare, reparti ospedalieri. i

23 3) Terminali di distribuzione a flusso laminare orizzontale o verticale. Travi fredde: si tratta di un sistema distributivo dell aria di recente introduzione sul mercato; si possono distinguere travi fredde a funzionamento passivo ea funzionamento attivo. Le prime si prestano al solo regime di raffreddamento, sono costituite da una batteria alettata, integrata in un controsoffitto ed alimentata da acqua refrigerata a temperatura sufficientemente elevata da evitare la formazione di condensa; si genera un moto convettivo naturale attraverso la batteria, richiamando aria ambiente più calda dalle feritoie di cui il controsoffitto deve essere dotato. Le seconde, di impiego più esteso (anche per riscaldamento), sfruttano l apporto di aria primaria che fuoriesce da appositi ugelli per ottenere il trascinamento (induzione) dell aria ambiente attraverso la batteria di scambio;

24 3) Terminali di distribuzione a flusso laminare orizzontale o verticale. CanaliC in tessuto, t permeabili o forellati: anche in questo caso sono di introduzione recente sul mercato; la sezione dei canali, circolare o semicircolare, in fase di alimentazione è riempita dall aria aria in pressione mentre, a riposo, si svuota. I canali permeabili, non molto diffusi, realizzano un campo di moto dell aria sostanzialmente a dislocamento, con bassissima velocità di uscita e senza induzione. Si prestano ad applicazioni per il raffreddamento, poiché l introduzione di aria calda ne determinerebbe una stratificazione tifi i al di sopra del canale. II canali forellati realizzano un campo di moto dell aria turbolento, ad elevato grado di induzione; sono adatti all impiego sia in regime invernale che estivo.

25 Applicazioni dei terminali di immissione dell aria AMBIENTI DI ALTEZZA FINO A 3.5 m AMBIENTI DI MEDIA O GRANDE ALTEZZA Applicazioni i i normali Applicazioni con elevati carichi termici Sale operatorie Camere sterili (bianche) Applicazioni industriali Teatri e auditorium Impianti sportivi bocchette a parete diffusori a soffitto a coni concentrici o a effetto spiroidale diffusorii linearii ugelli a lancio profondo travi fredde diffusori ad effetto spiroidale a pavimento diffusori a soffitto (spiroidale o a pannello forato) terminali a flusso laminare o misto flusso laminare da parete o da soffitto diffusori a soffitto a effetto spiroidale ugelli a lancio profondo canali forellati diffusori ad effetto spiroidale a pavimento e sottopoltrona diffusori a soffitto a effetto spiroidale ugelli a lunga gittata diffusori a soffitto a effetto spiroidale ugelli a lunga gittata canali forellati

26 Forma: quadrata orettangolare Griglie ed elementi di ripresa Materiali: acciaio o alluminio anodizzato Alette: orizzontali inclinate di 45 con passo di 30, 50 o 100 mm Dimensioni (b x h): in generale da 400 x 300 mm fino a 1000 x 800 mm. Attraverso porte: griglie di transito, con una particolare alettatura che impedisce il passaggio della luce; sono dotate di controtelai per un'idonea finitura e per adattarsi a diversi spessori di porta. Materiali: alluminio, acciaio stampato e verniciato, inox. Dimensioni standard (b x h): da 300 x 100 mm a 600 x 300 mm. A soffitto: stesso aspetto esteriore dei diffusori, ma privi degli eventuali dispositivi di regolazione. La loro posizione deve essere prevista in modo tale che essi non risultino entro la gittata dei diffusori stessi, per evitare interferenze e cortocircuitazione dell aria.

27 Dimensionamento dei terminali di immissione dell aria Dopo aver determinato la portata d aria di progetto in ciascun ambiente, è necessario stabilire il numero e il tipo dei terminali di immissione (bocchette o diffusori) i) per ciascun localel o zona, ponendo attenzione ad alcuni fattori: 1. velocità di mandata dell aria, soprattutto in relazione al livello sonoro; 2. perdita di carico al terminale, in quanto perdite di carico eccessive riducono la pressione statica disponibile al ventilatore e possono compromettere la corretta distribuzione dell aria; 3. posizione dei carichi termici in ambiente: il flusso di aria deve essere diretto in modo da compensare e neutralizzare fonti localizzate di calore; 4. gittata o raggio di diffusione, scegliendo terminali con gittate pari a 0.75 volte la lunghezza dell ambiente, considerando che al termine della gittata la velocità dell aria è ancora sufficiente per provocare un ulteriore diffusione, anche per effetto dei moti convettivi; 5. posizione degli elementi di ripresa dell aria.

28 Bocchette di mandata Costituiscono i il più vecchio sistema di diffusione i dell aria. Nelle prime applicazioni esse erano dotate di alette per la distribuzione dell aria di tipo fisso; successivamente le alette divennero mobili e in seguito ancora le bocchette furono dotate di due serie di alette mobili ortogonali tra loro, per consentire una migliore distribuzione dell aria in ambiente. La sezione effettiva di passaggio dell aria attraverso una bocchetta è minore di quella geometrica, a causa della presenza delle alette e della contrazione dei filetti fluidi; è correlata alla sezione geometrica mediante la seguente relazione A =A K(m 2 eff geom ) A =area 2 eff della sezione effettiva (m ); A geom =area della sezione geometrica (m 2 ); K =fattore di contrazione, funzione della forma geometrica dell aletta, che può assumere i valori K = per la mandata, K = per la ripresa.

29 Bocchette di mandata La sezione effettiva influenza la velocità effettiva di lancio; infatti, se ci si riferisce alla sezione geometrica, la velocità finale del lancio può risultare minore anche del % rispetto a quella effettiva. Dimensionamento A partire dalla portata d aria che deve essere immessa in ambiente, si definisce, un valore della velocità di efflusso mediante il quale si calcola la sezione effettiva degli elementi terminali; dalla sezione effettiva, mediante la si determina la sezione geometrica che, a seconda del valore che assume, potrà essere assegnata ad un'unica bocchetta o suddivisa tra un congruo numero di bocchette, in modo che l aria introdotta sia uniformemente distribuita in ambiente.

30 Bocchette di mandata APPLICAZIONE VELOCITA (m/s) Teatri Cinema Uffici Abitazioni, camere d albergo Edifici industriali Magazzini 7.5 Studi radiofonici e televisivi Velocità (m/s) di efflusso raccomandate per diverse applicazioni Per ottenere un buon effetto soffitto: bordo superiore della bocchetta 300 mm dal soffitto; per i diffusori, l inclinazione del getto 40 rispetto all orizzontale; la velocità effettiva di lancio 2 m/s.

31 Bocchette di mandata Quando per ragioni architettoniche o logistiche occorre prevedere una installazione delle bocchette con lancio in campo libero, senza cioè effetto Coanda, il dimensionamentoi deve essere effettuato t in base ai diagrammii (forniti dai costruttori) che riportano lo scostamento verso l alto e verso il basso rispetto all asse asse orizzontale teorico di lancio; dagli stessi diagrammi è possibile trarre informazioni anche sulle effettive velocità di efflusso e sulle relative portate. Alcuni tipi di bocchette offrono la possibilità di migliorare le condizioni di comfort allargando l angolo di lancio, sia in senso verticale che orizzontale, grazie alla mobilità delle alette; anche in questo caso occorre disporre di diagrammi o coefficienti di correzione per valutare la variazione dei parametri di lancio al variare dell angolo di divergenza delle alette.

32 Griglie di ripresa o transito In ciascun locale o zona si deve stabilire se installare una sola o più griglie di ripresa o transito, a seconda della portata d aria da estrarre. Dimensionamento - la velocità dell aria massima ammissibile nella zona occupata dalle persone; - la perdita di carico massima ammissibile per il passaggio dell aria; - il rumore prodotto. Il dimensionamento si effettua con le stesse modalità descritte per le bocchette di mandata. L aria si muove verso le griglie di ripresa da tutte le direzioni, cosicché la velocità della stessa si riduce sensibilmente con la distanza; c è la possibilità che si formino correnti fastidiose, ma tale pericolo è limitato al caso di persone in prossimità delle griglie stesse (in questo caso la velocità di attraversamento non deve superare 1.5 m/s).

33 Griglie di ripresa o transito Una tipica configurazione è quella di effettuare la mandata dell aria mediante bocchette poste in alto e la ripresa mediante bocchette poste in basso, dal lato opposto, in modo tale che il flusso d aria dariainteressiinteressi tutto l ambiente. APPLICAZIONE Griglie di ripresa VELOCITA (m/s) Ambienti industriali > 4.0 Ambienti residenziali 2.0 Ambienti commerciali: sopra la zona occupata entro la zona occupata, lontano da posti a sedere entro la zona occupata, vicino ai posti a sedere Griglie di transito Pressione statica a monte di 60 Pa 1.5 Pressione statica a monte di 12.5 Pa 2.0 Pressione statica a monte di 25.0 Pa 2.5 Velocità massima dell aria (m/s) attraverso le griglie di ripresa e di transito

34 RETE DI DISTRIBUZIONE DELL ARIA La rete di distribuzione dell'aria ha la funzione di convogliare l aria negli ambienti da climatizzare e, laddove sia presente il ricircolo, di riprenderla e ricondurla in parte al condizionatore e in parte all'espulsione. La progettazione del sistema aeraulico è essenziale al fine di: - assicurare il controllo delle condizioni termoigrometriche di progetto e la ventilazione dei locali; - garantire una distribuzione ib i il più possibile uniforme dell aria trattata, tt t e limitando dispersioni di calore ed infiltrazioni lungo tutti i percorsi; - limitarei la propagazione di rumori evibrazioni i i all'interno dei canali. Nel passaggio all'interno dei canali l'aria incontra una resistenza al moto dovuta all'attrito con le pareti ed alle turbolenze che si generano in corrispondenza delle discontinuità, ità quali cambiamenti di direzione, i di sezione, ecc..

35 RETE DI DISTRIBUZIONE DELL ARIA Per limitare perdite di carico, ridurre i consumi di energia, costi di installazione e gestione, la rete aeraulica va progettata in modo da ridurre il più possibile le resistenze al moto, scegliendo percorsi quanto più brevi e rettilinei, appropriate forme geometriche per i raccordi e le sezioni. Un importante aspetto è la manutenzione del sistema di distribuzione: i canali, infatti, possono essere sede di accumulo di sporcizia e fonte di propagazione batteriologica i e virale. Dimensionamento della rete - portata, sezione, velocità e perdita di carico di ogni tratto di canale; - perdita di carico totale del circuito (somma delle perdite di carico distribuite e concentrate); - portata e prevalenza del/i ventilatore/i presente/i nel circuito.

36 RETE DI DISTRIBUZIONE DELL ARIA Una rete di distribuzione dell aria è tipicamente costituita dagli elementi riportati in figura: - canali di distribuzione e, ove presente il ricircolo, di ripresa; - ventilatore/i di mandata e di ripresa dell aria (solo in caso di ricircolo).

37 Classificazione dei canali di distribuzione dell aria I canali di distribuzione dell aria possono essere classificati in funzione: - della tipologia di impiego; - della velocità dell'aria; - della pressione. In base alla tipologia di impiego si distinguono in: canali di mandata (facenti capo all unità di trattamento e veicolo di trasporto dell'aria fino all'immissione in ambiente); canali di ripresa (facenti capo all unità di trattamento o a un ventilatore per il ricircolo e/o l'espulsione dell'aria ripresa dall'ambiente); ambiente); canali di aspirazione (con flusso diretto verso un ventilatore); canali di espulsione (nei quali la direzionei del flusso va da un ventilatore verso l aria atmosferica).

38 Classificazione dei canali di distribuzione dell aria La classificazione precedente non influisce sulla tecnologia costruttiva In alcuni casi è necessario specificare la tipologia in relazione all impiego, ad esempio in presenza di problematiche connesse alla coibentazione termica o di esigenze che obbligano al raggiungimento di caratteristiche di tenuta dell aria particolarmente elevate. Inoltre, le condotte di mandata dell aria sono in sovrappressione, tutte le altre tipologie sono in depressione. In alcuni ambienti (ad es. ospedali) per evitare il rischio di contagio, occorre realizzare elevati livelli di tenuta sia per i tratti in sovrappressione sia per quelli in depressione.

39 Classificazione dei canali di distribuzione dell aria In base alla velocità dell aria i canali possono anche essere distinti in: - canali a bassa velocità; - canali ad alta velocità. Impianti commerciali e residenziali Impianti industriali a) a bassa velocità b) ad alta velocità a) a bassa velocità b) ad alta velocità CONDOTTE DI MANDATA fino a 10 m/s (normalmente compresa tra 5 e 8) oltre 10 m/s fino a 12 m/s (normalmente compresa tra 7 e 12) oltre 12 m/s CONDOTTE DI RIPRESA Impianti fino a 9 m/s (normalmente compresa tra 4.5 e commerciali e a) a bassa velocità 7) residenziali Impianti fino a 10 m/s (normalmente compresa tra 5 e a) a bassa velocità industriali 9)

40 Classificazione dei canali di distribuzione dell aria Le velocità massime ammesse nei circuiti, soprattutto nei tratti più prossimi all ambiente da trattare, devono essere tali da non dar luogo a forte rumorosità o ad altre cause di discomfort per l utenza. Residenze Uffici Teatri Luoghi di riunione Locali industriali Bocca premente ventilatore Condotti principali Condotti secondari Bocchette di mandata Bocchette di estrazione Prese d aria esterna Griglie di espulsione Velocità massime consigliate nei canali dell aria a bassa velocità (m/s)

41 Classificazione dei canali di distribuzione dell aria In funzione dei valori di pressione raggiungibili al loro interno, i canali per la distribuzione dell aria possono essere classificati in: - bassa pressione, fino a 900 Pa (classe I); - media pressione, da 900 a 1700 Pa (classe II); - alta pressione, da 1700 a 3000 Pa (classe III). Vl Valori riferiti iti alla pressione totale t (tti (statica e dinamica) i necessaria a vincere le perdite di carico. Materiali Devono possedere le seguenti caratteristiche: - basso valore del coefficiente di scabrezza per le pareti interne, per limitare l entità delle perdite di carico dovute ad attrito; - elevata resistenza meccanica; - resistenza all invecchiamento ed all usura; - basso grado di igroscopicità; - incombustibilità (o scarsa attitudine alla propagazione della fiamma), - inerzia chimica e scarsa attitudine alla produzione di muffe e odori.

42 Caratteristiche costruttive dei canali - in lamiera metallica: i più diffusi sono quelli in acciaio zincato per via dell elevata robustezza, rigidità e tenuta, mentre in ambienti ad elevato rischio di corrosione si adotta, in genere, l acciaio inox o l alluminio (quest ultimo ultimo è spesso preferito in virtù della sua leggerezza o per motivi estetici); - in materie plastiche: trovano scarso impiego, salvo nell ambito di particolari applicazioni, al fine di limitare i fenomeni corrosivi, (scarsa resistenza meccanica e al fuoco), maggiori costi; solitamente sono in cloruro di vinile o in polietilene; - in pannelli prefabbricati: costituiti da materiali sintetici (poliuretano espanso), spesso a base di silicati di calcio o di fibre minerali, da materie plastiche trattate o da alluminio preisolato; sono impiegati quando necessitano particolari forme delle sezioni o in corrispondenza di particolari diramazioni e raccordi; hanno il vantaggio di essere leggeri e poco rugosi internamente (sono, infatti, di solito rivestiti internamente), ma costi notevoli; - in materiale flessibile: sono in genere impiegati per collegare i diffusori ai condotti principali o in corrispondenza di particolari ostacoli o conformazioni della struttura che va ad accogliere il circuito; problematiche legate alla scarsa resistenza al fuoco e all insorgenza di maggiori i perdite di carico rispetto ai canali rigidi; di solito sono realizzati in alluminio o PVC.

43 Caratteristiche costruttive dei canali Requisiti dei materiali per la coibentazione: basso coefficiente di conducibilità; basso valore del calore specifico; facilità di posa in opera; buona resistenza al fuoco e all usura; inorganicità e stabilità chimica. I materiali isolanti più largamente impiegati sono quelli a base di: - gomma sintetica; - schiume poliuretaniche; - materiali fibrosi in lana minerale (di roccia e di vetro).

44 Dimensionamento della rete I canali possono essere dimensionati secondo uno dei seguenti metodi: 1. metodo a perdita di carico costante; 2. metodo a riduzione di velocità; 3. metodo a recupero di pressione statica. 1 e 2 sono applicati per il dimensionamento di canali con variazioni delle velocità dell aria che comportano trascurabili trasformazioni di energia dinamica in statica: canali a bassa velocità; impiegati quando è richiesto un controllo rigoroso della rumorosità, strettamente correlato al valore della velocità dell aria. 3 è adottato nei condotti ad alta velocità, nei quali le trasformazioni di energia dinamica in statica, notevoli per via delle maggiori variazioni della velocità dell aria, possono essere sfruttate per compensare le perdite di carico per attrito a valle dei punti nei quali esse si verificano.

45 Dimensionamento della rete 1. Metodo a perdita di carico costante E il più diffuso per gli impianti a bassa pressione, l intera rete aeraulica è dimensionata mantenendo costante la perdita di carico distribuita per unità di lunghezza. Il dimensionamento inizia dalla sezione immediatamente a valle del ventilatore di mandata, per il quale si assume un valore delle velocità massimo ammesso, Mediante un diagramma, nota la portata e assegnata la velocità, sono determinati il diametro equivalente della sezione e le perdite di carico uniformemente distribuite. il diametro di una sezione circolare in grado di dare luogo alle stesse perdite di carico di una sezione rettangolare di dimensioni a e b.

46 1. Metodo a perdita di carico costante Le sezioni dei canali sono di solito rettangolari, si determinano le dimensioni della sezione impiegando la relazione seguente oppure la tabella: b (mm) ( ) a (mm) a b De ( a + b ) = (mm)

47 1. Metodo a perdita di carico costante Definita la perdita di carico per il primo tratto, si impone che essa si mantenga costante su tutto il circuito; pertanto nei tratti successivi si impiega ancora il grafico, in cui la portata è quella di progetto e la perdita di carico è quella del primo tratto e mediante le quali velocità e diametro equivalente risultano automaticamente ti t determinati. ti Occorre verificare che i valori di velocità così ottenutiti siano minori di quelli compatibili con la destinazione d uso e la posizione del canale rispetto ai locali da climatizzare. Il ventilatore sarà dimensionato sulla base del ramo del circuito più sfavorito. Al fine di assicurare in ogni tratto valori adeguati delle velocità e della relativa portata, occorre bilanciare il circuito introducendo, se necessario, delle perdite di carico concentrate (serrande di regolazione) per equilibrare i vari tronchi e, più in generale, l intero sistema.

48 2. Metodo a riduzione di velocità Si usa quando si impone un controllo della velocità e della rumorosità dell impianto impianto, degli ingombri e dei costi, quando la velocità dell aria è troppo bassa oppure per facilitare la regolazione delle portate quando è elevata. Nota la portata d aria in ogni tratto di canale, si individua il circuito più sfavorito; si assegna un valore della velocità dell aria al tratto immediatamente a valle del ventilatore di mandata e poi, empiricamente, valori via via inferiori di questa ai tratti successivi; si determina per ogni tratto il diametro equivalente e la perdita di carico unitaria mediante un grafico del tipo di quello precedente. Essendo imposte le velocità, le perdite di carico determinate variano da trattott atratto. tt

49 3. Metodo a recupero di pressione statica Adatto per impianti ad alta velocità, si basa sul principio per il quale a ciascuna riduzione di portata nelle diramazioni di un canale corrisponde una riduzione di velocità, che dà luogo alla conversione di pressione dinamica in pressione statica. L incremento di pressione statica può essere sfruttato per vincere le perdite di carico del tratto di canale successivo alla diramazione. Se tutto il circuito è dimensionato sfruttando tale principio, p si può realizzare un sistema di distribuzione dell aria bilanciato, nel quale le perdite di carico saranno compensate dall aumento aumento di pressione statica. Si dimensiona il circuito più sfavorito, assegnando al tratto finale un valore della velocità compatibile con le prestazioni del diffusore e con i livelli di rumorosità e procedendo a ritroso fino al tratto iniziale del circuito, immediatamente a valle del ventilatore. Per i circuiti deviati si procede analogamente al metodo a perdita di carico costante, procedendo dal tratto iniziale verso valle.

50 Calcolo delle perdite di carico totali del circuito Per dimensionare il ventilatore occorre calcolare: -la perdita di carico complessiva del tratto più sfavorito; -la perdita di carico all interno dell UTA; -le perdite di carico in corrispondenza dei diffusori. Le perdite di carico complessive del circuito più sfavorito ΔP tot si calcolano sommando le perdite di carico distribuite ΔP d e quelle concentrate ΔP c che si originano lungo esso: Δ P = ΔP d + ΔP c + ΔP diff + ΔP UTA (Pa) ΔP = perdita di carico totale del circuito più sfavorito (Pa); ΔP d = perdite di carico distribuite (Pa); ΔP c = perdite di carico concentrate (Pa); ΔP diff = perdite di carico dovute ai diffusori (Pa); ΔP UTA = perdite di carico nell unità di trattamento aria (Pa).

51 Calcolo delle perdite di carico totali del circuito La perdita di carico distribuita si calcola diversamente a seconda del metodo di dimensionamento adottato per il circuito. Perdita di carico costante: si moltiplica la lunghezza del circuito più sfavorito per il valore costante dato alla perdita di carico continua unitaria ΔP d unit : ΔP = L ΔP d,unit (Pa) d,unit A riduzione di velocità: si sommano le perdite di carico continue che competono ai singoli tratti del circuito più gravoso, ΔP d,i (tenendo conto che ΔP d,i, per il tratto i-esimo, è pari al prodotto della lunghezza L i del tronco considerato per la perdita di carico unitaria ricavata per esso ΔP d,unit-i ): ΔP d = n ΔP i= 1 d,unit i L i (Pa)

52 Calcolo delle perdite di carico totali del circuito A recupero di pressione statica: poiché nei tratti successivi alla prima derivazione le perdite di carico sono compensate dall aumento della pressione statica, la perdita di carico distribuita ΔP d lungo il circuito più sfavorito è solo da quella che si genera nel tratto compreso tra il ventilatore e la prima diramazione. Si calcola moltiplicando la lunghezza di detto tratto per il valore della perdita unitaria ad esso relativa. Le perdite di carico concentrate ΔP c del circuito più sfavorito, si calcolano mediante la seguente relazione: ΔP c = n ξ j=1 j ρ n =numero di discontinuità; ξ j =coefficiente delle perdite localizzate della j-esima discontinuità; ρ =densità dell aria in condizioni standard (kg/m 3 ); v j =velocità dell aria nella j-esima discontinuità (m/s). v 2 j 2

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione Corso di energetica degli edifici 1 Impianti di climatizzazione 2 Obiettivo di un impianto di climatizzazione destinato agli usi civili è quello di mantenere e realizzare, nel corso di tutto l anno ed

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

TIPI E CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

TIPI E CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE li TIPI E CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE impianti di climatizzazione, in genere vengono classificati in base ai fluidi che vengono impiegati per controbilanciare sia il carico termico

Dettagli

Sistemi di trattamento aria per impianti radianti

Sistemi di trattamento aria per impianti radianti Sistemi di trattamento aria per impianti radianti Da trent anni lavoriamo in un clima ideale. Un clima che ci ha portato ad essere leader in Italia nel riscaldamento e raffrescamento radianti e ad ottenere,

Dettagli

Diffusione dell aria nei musei

Diffusione dell aria nei musei L AggiornamentoMonografico diffusione aria Diffusione dell aria nei musei I più recenti progetti internazionali in campo museale, firmati dalle gradi star dell architettura, vedono l impiego di due soluzioni

Dettagli

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22 pag. E- Descrizione Recuperatore di calore compatto con configurazione attacchi fissa (disponibili 8 varianti. Cassa autoportante a limitato sviluppo verticale con accesso laterale per operazioni d ispezione/manutenzione.

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni PANORAMICA Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni Flessibilità, regolazione su richiesta ed efficienza energetica con i sistemi di climatizzazione ad acqua per interni di Swegon www.swegon.com

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

trattamento aria PORTATA ARIA DA 1.100 A 124.000 m 3 /h

trattamento aria PORTATA ARIA DA 1.100 A 124.000 m 3 /h unità trattamento aria PORTATA ARIA DA 1.100 A 124.000 m 3 /h CHI SIAMO Con più di 80 anni di esperienza al suo attivo, Daikin è leader affermato di fama mondiale nella produzione di sistemi di condizionamento

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Maggior semplicità per un impianto migliore e più economico

Maggior semplicità per un impianto migliore e più economico lindab ventilation Maggior semplicità per un impianto migliore e più economico TÜV ha testato cinque sistemi di canali e documentato i vantaggi delle diverse soluzioni. Cos è TÜV TÜV (Technischer ÜberwachungsVerein

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni PANORAMICA Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni Flessibilità, regolazione su richiesta ed efficienza energetica con i sistemi di climatizzazione ad acqua per interni di Swegon www.swegon.com

Dettagli

SOLARE AEROVOLTAICO. R-Volt. L energia fronte-retro. www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA

SOLARE AEROVOLTAICO. R-Volt. L energia fronte-retro. www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA SOLARE AEROVOLTAICO L energia fronte-retro www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA SISTEMA BREVETTATO IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER IL RISPARMIO ENERGETICO E IL COMFORT TERMICO Effetto fronte-retro Recupero

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità.

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. 1200 W Riscaldamento elettrico 1 model Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. Applicazioni ELIR offre un riscaldamento

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

LE RETI DI DISTRIBUZIONE

LE RETI DI DISTRIBUZIONE MARIO DONINELLI LE RETI DI DISTRIBUZIONE uaderni Caleffi MARIO DONINELLI LE RETI DI DISTRIBUZIONE uaderni Caleffi PRESENTAZIONE Da sempre, le scelte aziendali della Caleffi sono orientate non solo verso

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti Facoltà di Ingegneria - Polo di Rieti Corso di " Ipianti Tecnici per l'edilizia" Ipianti di Condizionaento: Ipianti a tutt'aria e isti Prof. Ing. Marco Roagna INTRODUZIONE Una volta noti i carichi sensibili

Dettagli

AMBRA. Unità di recupero calore con circuito frigorifero integrato

AMBRA. Unità di recupero calore con circuito frigorifero integrato Ventilatori Unità trattamento aria Diffusori Antincendio Veli d aria e prodotti per il riscaldamento Ventilazione per galleria AMBRA Unità di recupero calore con circuito frigorifero integrato Systemair

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

Listino Prezzi al Pubblico Bora Luglio 2014

Listino Prezzi al Pubblico Bora Luglio 2014 BORA Professional BORA Classic BORA Basic Listino Prezzi al Pubblico Bora Luglio 2014 Progettazione d avanguardia Aspirazione efficace dei vapori nel loro punto d origine BORA Professional Elementi da

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O pag. 1 R I P O R T O 023573g Valvola a sfera in ottone cromato di diam. 2" con maniglia a leva gialla. Si intende compreso nel prezzo la mano d'opera e quanto altro necessario a rendere l'opera finita

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Carisma CRC-ECM. Prevede 5 grandezze (da 115 a 1395 m 3 /h) È la serie con il minor consumo elettrico in rapporto alle prestazioni,

Carisma CRC-ECM. Prevede 5 grandezze (da 115 a 1395 m 3 /h) È la serie con il minor consumo elettrico in rapporto alle prestazioni, Ventilconvettore Centrifugo con Motore Elettronico e Inverter Prevede 5 grandezze (da 115 a 1395 m 3 /h) e 5 versioni (a parete e a soffitto, in vista e da incasso), ciascuna dotata di batterie di scambio

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400 Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Indice Indice Unità tipo

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

Efficienza, comfort, e semplicità

Efficienza, comfort, e semplicità UM UM Efficienza, comfort, e semplicità La gamma UM offre diffusori con tecnologia MesoOptics. I vantaggi di questa tecnologia (altissima efficienza e distribuzione grandangolare della luce) uniti ad un

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare I prodotti Paradigma Paradigma Italia: l azienda ecologicamente conseguente Paradigma Italia nasce nel 1998 dall esperienza e affidabilità della casa madre tedesca, azienda leader nella distribuzione di

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera Diffusore a pavimento modello SOL per convezione libera Indice Campo di impiego... 5 Panoramica sui prodotti.... 6 Descrizione dei prodotti Modello SOL96... 8 Modello SOL... 9 Modello SOL...10 Modello

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

Refrigerazione industriale

Refrigerazione industriale Refrigerazione industriale leadership with passion leadership with passion www.luve.it Refrigerazione industriale pag 2 Conservazione di frutta e verdura fresca 7 Celle carne 11 Centri logistici 16 leadership

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA IT Sistema a soffitto Il rivoluzionario sistema a soffitto Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA Il rivoluzionario sistema a soffitto Resa certificata Adduzione inserita nella

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE

Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per Invenzione Industriale numero domanda: BO11A0007 Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura di BOLOGNA Verbale di Deposito Domanda di Brevetto

Dettagli

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C Informazione tecnica Indice Caratteristiche 2 Vantaggi dei cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C 2 Tenuta e lubrificazione 2 Temperatura

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli