UNA GUIDA PER CONOSCERE TUTTI GLI ASPETTI DELLA SALUTE ORALE IMPLANTOLOGIA 30 ANNI DALLA PARTE DEL SORRISO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNA GUIDA PER CONOSCERE TUTTI GLI ASPETTI DELLA SALUTE ORALE IMPLANTOLOGIA 30 ANNI DALLA PARTE DEL SORRISO"

Transcript

1 GIUGNO 2007 SALUTE ORALE UNA GUIDA PER CONOSCERE TUTTI GLI ASPETTI DELLA SALUTE ORALE DENTI SANI PER TUTTA LA VITA Grazie ai moderni strumenti di igiene oggi è possibile avere un sorriso solare anche in età avanzata. pag. 5 GENGIVE Un'igiene orale scrupolosa rappresenta il primo gradino di prevenzione per riuscire a mantenere gengive sane. pag. 6 IMPLANTOLOGIA Le frontiere della scienza applicate al settore permettono di intervenire simulando il percorso terapeutico. pag. 10 LE FRONTIERE DELL ORTODONZIA Le nuove frontiere ci presentano sistemi di approccio invisibile per intervenire sulle malocclusioni. pag ANNI DALLA PARTE DEL SORRISO Il tuo sorriso riflette la tua personalità e dal 1977 Mentadent crea formule innovative e ad alta tecnologia per aiutarti a mantenerlo sano, luminoso e vivace in modo piacevole ed efficace. Ecco perché oggi ha scelto di festeggiare i suoi 30 anni premiando la tua voglia di sorridere con un concorso che raccoglierà i sorrisi migliori d Italia fino al 18 luglio offrendo a tutti la possibilità di vincere uno dei 30 weekend nelle più belle capitali europee oppure una delle 120 cornici digitali in palio. J&J Jesurum Mentadent raccoglierà i sorrisi: In tour nei principali centri commerciali italiani Sul sito web Alcuni degli scatti inviati verranno utilizzati per le campagne che appariranno sui periodici nazionali più diffusi dal 23 luglio al 2 settembre. Se ti riconoscerai in una di queste campagne non dovrai far altro che telefonare al numero I più veloci potranno aggiudicarsi i 30 weekend e le cornici digitali in palio: altre due buonissime ragioni per sorridere! Concorso a premi valido dal 4 giugno al 2 settembre. Montepremi complessivo Euro ,00. Regolamento completo su UNA PUBBLICAZIONE DI MEDIAPLANET Questo supplemento è stato realizzato da Mediaplanet. Corriere della Sera non ha partecipato alla sua realizzazione e non ha responsabilità per il contenuto

2 DENTI SANI PER TUTTA LA VITA Grazie ai moderni strumenti di igiene oggi è possibile avere un sorriso solare anche in età avanzata. pag. 5 GENGIVE Un'igiene orale scrupolosa rappresenta il primo gradino di prevenzione per riuscire a mantenere gengive sane. UNA PUBBLICAZIONE DI MEDIAPLANET Questo supplemento è stato realizzato da Mediaplanet. Corriere della Sera non ha partecipato alla sua realizzazione e non ha responsabilità per il contenuto pag. 6 IMPLANTOLOGIA Le frontiere della scienza applicate al settore permettono di intervenire simulando il percorso terapeutico. pag. 10 Concorso a premi valido dal 4 giugno al 2 settembre. Montepremi complessivo Euro ,00. Regolamento completo su LE FRONTIERE DELL ORTODONZIA Le nuove frontiere ci presentano sistemi di approccio invisibile per intervenire sulle malocclusioni. pag SALUTE ORALE PUBBLICITA Un sorriso per la vita Dott. Roberto Callioni, Presidente ANDI Una bocca con denti sani, allineati e splendenti è corredo fondamentale di un sorriso inteso come veicolo di positività e salute. La carie e le patologie a carico dei tessuti parodontali, a partire dalle gengive e della bocca in generale, sono ancora oggi in agguato nonostante gli indiscussi progressi fatti in questi ultimi decenni. Scorrette abitudini alimentari e di igiene orale le cause principali, unitamente ad una predisposizione congenita. L assistenza odontoiatrica nel nostro Paese, basata soprattutto sul dentista libero professionista, ha raggiunto ottimi livelli di eccellenza tanto da poter affermare che il paziente italiano gode del miglior stato di salute orale nel mondo occidentale. La prevenzione risulta essere lo strumento più efficace per intercettare le malattie del cavo orale, e conseguentemente per evitare interventi di riabilitazione importanti e costosi a causa di una dentatura compromessa. Coltivare una corretta alimentazione, una buona igiene orale domiciliare e un controllo semestrale dal proprio dentista è l atteggiamento vincente per preservare il proprio sorriso ma anche la propria salute in generale. Non dimentichiamo come le moderne ricerche cliniche confermino che alcune patologie, soprattutto quelle correlate ai tessuti molli della bocca, possono influenzare altre parti dell organismo, aggravando insidiose patologie sistemiche. E evidente che seguire un percorso preventivo comporta sacrifici e rinunce, come l assunzione di alimenti non zuccherati e abitudini, per taluni noiose, quali il corretto spazzolamento dei denti dopo i pasti rispettando i tempi indicati, e l uso del filo interdentale. Ma i vantaggi sono di gran lunga superiori alle rinunce. L industria farmaceutica mette a disposizione del paziente paste dentifrice, spazzolini, collutori che certamente facilitano il perseguimento di questi risultati. La tecnologia unitamente all aggiornamento professionale permette al dentista di offrire al paziente un novero di terapie e dispositivi medici che contribuiscono a restituire e mantenere negli anni una bocca in salute, una masticazione corretta ed una dentatura cosmeticamente accattivante. Un odontoiatria quindi che vede come protagonista un dentista sempre più preparato e sensibile alle richieste ed esigenze del paziente. Un rapporto dentista - paziente basato sulla trasparenza, sul dialogo, sulla corretta informazione. Ecco quindi iniziative quali Obiettivo Sorriso, messo a punto da ANDI, rispetto al quale la sala d attesa dello studio odontoiatrico diventerà sala d intesa nella quale, attraverso anche ad innovativi strumenti informativi, il paziente sarà sempre più consapevole verso tutti gli aspetti attinenti la prevenzione delle patologie e le cure a carico dei propri denti. Il sorriso quindi come benessere fisico, come fenomeno di cultura e come strumento indispensabile per un approccio nella società moderna, nell attività lavorativa e nel confronto relazionale. Il sorriso sempre più importante a qualsiasi età: dall infanzia ad una terza età che al giorno d oggi non ha più connotati anagrafici di riferimento. I dentisti ANDI, e più in generale l odontoiatria nel nostro Paese, sono disponibili a stringere un patto con il cittadinopaziente per realizzare, in modo vincente, una strategia che consenta l ottenimento di questo risultato, il conseguimento insomma di un sorriso per la vita! Dott. Roberto Callioni Presidente Associazione Nazionale Dentisti Italiani Membro del Consiglio Superiore di Sanità GIUGNO 2007 SALUTE ORALE UNA GUIDA PER CONOSCERE TUTTI GLI ASPETTI DELLA SALUTE ORALE 30 ANNI DALLA PARTE DEL SORRISO Il tuo sorriso riflette la tua personalità e dal 1977 Mentadent crea formule innovative e ad alta tecnologia per aiutarti a mantenerlo sano, luminoso e vivace in modo piacevole ed efficace. Ecco perché oggi ha scelto di festeggiare i suoi 30 anni premiando la tua voglia di sorridere con un concorso che raccoglierà i sorrisi migliori d Italia fino al 18 luglio offrendo a tutti la possibilità di vincere uno dei 30 weekend nelle più belle capitali europee oppure una delle 120 cornici digitali in palio. Mentadent raccoglierà i sorrisi: In tour nei principali centri commerciali italiani Sul sito web Alcuni degli scatti inviati verranno utilizzati per le campagne che appariranno sui periodici nazionali più diffusi dal 23 luglio al 2 settembre. Se ti riconoscerai in una di queste campagne non dovrai far altro che telefonare al numero I più veloci potranno aggiudicarsi i 30 weekend e le cornici digitali in palio: altre due buonissime ragioni per sorridere! Una guida per conoscere tutti gli aspetti della salute orale, dalle sane abitudini alla prevenzione, dall alimentazione alle ultime tecnologie di odontoiatria. SOMMARIO Mantenere i denti sani Un sorriso splendente per tutta la vita Attento alle gengive Difendersi dall attacco degli acidi sullo smalto PAG. 4 PAG. 5 PAG. 6 PAG. 7 Prevenzione, meglio che curare PAG. 8 L impatto della dieta moderna e del fumo PAG. 9 Accendi il tuo sorriso L origine dell alito cattivo PAG. 12 PAG. 13 Ortodonzia: ultime tecnologie e apparecchi invisibili PAG. 14 J&J Jesurum Mediaplanet with reach and focus Mediaplanet é una casa editrice leader in Europa per la pubblicazione di supplementi tematici allegati a quotidiani e portali online di economia, politica e finanza. Per ulteriori domande: Staffan Gustavsson, SALUTE ORALE - UNA PUBBLICAZIONE DI MEDIAPLANET Project Manager Eylem Yaylali, Mediaplanet Testi Massimiliano Riatti Produzione/Layout Giandomenico Pozzi, SGE Servizi Grafici Editoriali Stampa Seregni Grafiche Srl, Paderno Dugnano Distribuzione Corriere della Sera Foto istockphoto.com

3 PUBBLICITA SALUTE ORALE 3 UN CONCETTO CHE RIVOLUZIONA L'IDEA DI IGIENE ORALE Il sistema circolatorio può trasportare in tutto il corpo i batteri che non elimini dalla bocca, innescando pericolose reazioni infiammatorie. Sunstar Foundation: Convegno Internazionale sui legami tra salute orale e salute sistemica. Ginevra, Dicembre Una corretta igiene orale può migliorare lo stato di salute di tutto l organismo. Studi internazionali* indicano come la salute della bocca possa avere un potenziale legame con numerose malattie dell organismo. I batteri del cavo orale, infatti, attraverso la circolazione sanguigna sono in grado di raggiungere tutti gli organi del nostro corpo. Potrebbe avere inizio così una vera e propria reazione a catena con conseguenze, a volte, molto serie. Fermare la reazione a catena prevenendo le malattie del cavo orale è la missione di GUM. GUM, più di 80 anni di esperienza dentale ed un impegno costante nella prevenzione delle malattie parodontali, ha sviluppato un ampia gamma di prodotti specifici, sulla base delle indicazioni dei dentisti. Il sistema a 3 fasi GUM è un programma mirato ad un igiene orale quotidiana completa ed efficace. Prenditi cura della tua bocca e ti prenderai cura della tua salute. Grazie a GUM. * The 2000 Periodontal-Systemic Condition: A State-of-the-Science Symposium organized by AAP and NIDCR. The 2001 Sunstar Foundation/WHO Closed Symposium on Periodontal Medicine: Health Policy Implications. The 2004 Symposium on Contemporary Periodontology: Host-Pathogen Relationships in Health and Disease. SOLO 50% DI RIMOZIONE DELLA PLACCA Spazzolino 1+2=70% DI RIMOZIONE DELLA PLACCA Filo interdentale 1+2+3= RIMOZIONE DELLA PLACCA OTTIMALE Prodotti specifici IN FARMACIA GENGIVE SANE PER UNA VITA PIÙ SANA.

4 4 SALUTE ORALE PUBBLICITA Mantenere i denti sani grazie ad una corretta igiene orale Esistono diversi strumenti per una corretta igiene orale: dentifrici, spazzolini, filo interdentale sono tra gli ausili più comuni che ci permettono di salvaguardare la salute dei nostri denti. E se proprio non bastasse possiamo sempre contare sul nostro amico più fidato: il dentista. Gli accorgimenti che noi tutti possiamo utilizzare per una corretta igiene orale ci aiutano a mantenere i nostri denti sani. Solo qualche anno fa le malattie a denti e gengive producevano come conseguenza la perduta dei denti, mentre oggi possiamo validamente porre delle barriere a nostra difesa grazie all igiene orale quotidiana sconfiggendo i più grandi nemici dei nostri denti: la placca batterica e il tartaro. L igiene orale inizia senz altro con un accurato lavaggio di denti e gengive dopo ogni pasto, da eseguirsi entro una ventina di minuti dalla conclusione dello stesso, ma non tutte le modalità di spazzolamento sono ugualmente efficaci. Inoltre non sono molte le persone che utilizzano il filo interdentale per eliminare eventuali residui di cibo. Fra le azioni attive più importanti che possiamo svolgere al fine di incrementare la sicurezza della nostra salute orale vi è senz altro quella del controllo quotidiano dal dentista, il quale essendo specializzato nella cura dei denti potrà fornirci i migliori consigli e le soluzioni più idonee per risolvere man mano le problematiche che dovessero sorgere. Per quanto concerne l igiene orale è importante comprendere che gli strumenti utilizzati per la cura dei nostri denti sono i nostri migliori amici: tra questi il più importante è lo spazzolino da denti, il quale deve possedere alcune caratteristiche basilari quali manico diritto, testina di dimensioni adeguate, setole sintetiche con punte arrotondate di durezza adatta alla nostra bocca. Le setole di uno spazzolino dovrebbero essere perfettamente diritte e di pari lunghezza. Ove dovessero perdere di integrità, oppure essere piegate o deformate, è necessario procedere alla sostituzione dell accessorio. Mediamente la vita di uno spazzolino da denti è di circa due mesi. Risulta importante anche la tecnica di spazzolamento dei denti, perché in caso sia errata può condurre a seri danni. Lo spazzolino deve essere mossa in direzione perpendicolare alla gengiva, dalla gengiva verso il dente. Per i denti superiori il movimento corretto è dall alto verso il basso, con inclinazione di 45 gradi per effettuare una rimozione della placca dal colletto gengivale. Viceversa per l arcata inferiore il movimento deve essere dal basso verso l alto. Inoltre queste operazioni sono da effettuarsi sia nella parte interna del dente sia su quella esterna. Quella interna infatti risulta sempre molto poco considerata in fatto di pulizia, e di solito è l origine di numerose complicazioni. Inoltre risulta assolutamente importante effettuare la pulizia della lingua, da spazzolarsi con estrema delicatezza per evitare infiammazioni: questa operazioni è necessaria per rimuovere non tanto residui di cibo, quanto microrganismi annidatisi in quella zona che sono spesso causa di alitosi. Per effettuare la pulizia della lingua occorre sostanzialmente sporgerla in esterno e poi spazzolarla fino in profondità, cercando di resistere allo stimolo di rigetto. L utilizzo dello spazzolino risulta meno efficace se non è accompagnato da un dentifricio che svolge una azione antisettica e rimineralizzante. In commercio ne esistono di ogni tipo, addirittura di ogni sapore e consistenza, per cui non resta che l imbarazzo della scelta. L eventuale utilizzo del collutorio potrebbe risultare efficace, quindi è comunque consigliabile inserirlo nella lista degli strumenti a nostra disposizione per la salute della nostra bocca. In merito agli altri strumenti per l igiene orale risulta importante anche la scelta del filo interdentale, che deve essere utilizzato periodicamente per eliminare la placca batterica che si annida tra dente e dente, in zone inaccessibili allo spazzolino. Se la placca batterica viene lasciata libera di depositarsi, potrebbero avere luogo infiammazioni della papilla, ovvero la gengiva interdentale, con conseguenze anche molto gravi, come ad esempio la piorrea. Una corretta manovra di pulizia con il filo interdentale prevede che questo venga inserito tra dente e dente, spinto con delicatezza fino a che entri a contatto con la gengiva e poi tirato in esterno mentre aderisce alla parete di uno dei denti, il che determina che il movimento vada ripetuto almeno due volte, in quanto per ogni interstizio avremo due pareti dentarie. La corretta igiene orale passa per il controllo e la prevenzione, quindi è assolutamente indicato effettuare una visita di controllo dal dentista due volte l anno, o anche più frequentemente per quei soggetti portati per natura ad un maggiore accumulo di placca e tartaro. Solo il professionista è in grado di agire con precisione al fine di rimuovere in profondità ogni elemento che possa danneggiare i nostri denti, utilizzando strumentazione avanzata e tecniche sempre più avanzate. L occhio di un esperto è insostituibile per valutare con anticipo potenziali situazioni di rischio, con tutto il vantaggio di prevenirle ed evitare inutili complicazioni. Infine non è da dimenticare che l igiene orale segue ad una più ampia igiene mentale e personale, che prevede una corretta e sana alimentazione, evitando se possibile la sovrabbondanza di dolci, miele, marmellate e bevande zuccherate, soprattutto se non si è in condizione di lavarsi subito i denti. La Prevenzione Dentale in Italia Intervista a Francesca Scarano, brand leader Mentadent, Unilever Italia Nel nostro paese Mentadent è sinonimo di prevenzione dentale e leader nel proprio settore. Che legame c è tra la vostra leadership e l impegno per la prevenzione? Mentadent nasce nel 1977 per aiutare gli italiani a svolgere un efficace igiene orale, presupposto fondamentale per prevenire disturbi a denti e gengive. La maggior parte delle persone, all epoca, ignorava il concetto stesso di prevenzione dentale. Questo ha fatto sì che la marca sentisse fin dal principio il dovere di impegnarsi per diffondere, insieme ai suoi prodotti all avanguardia, anche lo strumento di prevenzione più efficace che ci sia: l informazione. Questo impegno, portato avanti attraverso la collaborazione con ANDI - Associazione Nazionale Dentisti Italiani ha fatto sì che Mentadent si evolvesse insieme agli italiani, creando un legame di fiducia che si è consolidato negli anni. Crediamo che sia questa fiducia, insieme all impegno costante sul fronte dell informazione e su quello dell innovazione, a fare di noi i leader di mercato e in questo senso si può dire che impegno per la prevenzione e leadership sono collegati fra loro. Mentadent è stato Eletto Prodotto dell Anno 2007, per il secondo anno consecutivo, nelle categorie Dentifrici e Igiene Orale. Che cosa significano per voi questi riconoscimenti? Ne siamo molto fieri per due motivi: prima di tutto perché è un premio assegnato dalle famiglie, interpellate direttamente dopo aver testato i prodotti in gara, e poi perché si tratta di un premio all innovazione, fronte su cui, come dicevo, siamo da sempre impegnati. Vedere riconosciuto il valore di prodotti all avanguardia come, ad esempio, C-Fresh, il primo dentifricio realizzato con una tecnologia che ci ha permesso di inserire un collutorio all interno di un dentifricio in gel, è senz altro uno stimolo a fare sempre di più. Quest anno Mentadent celebra il suo 30 anniversario. Come immagina la marca fra 30 anni? È difficile dirlo perché fino a oggi, come spiegavo prima, siamo cresciuti insieme agli italiani e quindi posso solo dire che continueremo a impegnarci al massimo per offrire loro strumenti di prevenzione sempre più efficaci, innovativi e piacevoli da usare.

5 PUBBLICITA SALUTE ORALE 5 Un sorriso splendente per tutta la vita Grazie ai moderni strumenti di igiene e prevenzione oggi è possibile avere un sorriso solare anche in età avanzata. E importante usare un dentifricio specifico per le proprie esigenze n bel sorriso si specchia su Udenti sani e regolari, su gengive rosee ed armoniosamente festonate, su uno smalto bianco e splendente cita una nota rivista di settore. Ma questa possibilità è davvero confinata a chi ha ricevuto un fortunato dono di natura, oppure si tratta di una opportunità conquistabile da parte di chiunque? Occorre innanzi tutto dire che i denti dovrebbero sempre essere mantenuti in perfetta pulizia, attraverso i vari accorgimenti dell igiene orale. Inoltre le visite dagli specialisti dovrebbero portare ad un maggiore controllo delle situazioni di rischio e quindi di fatto ad una minore incidenza dei problemi della brillantezza dei denti. Laddove comunque si verifichino fenomeni per i quali il dente non risulta perfettamente bianco, è possibile intervenire attraverso sistemi di sbiancamento che permettono di godere di un sorriso splendente per tutta la vita, a tutto vantaggio della propria immagine. Lo sbiancamento dei denti consiste fondamentalmente nella rimozione delle pigmentazioni dentali anche profonde, che non presenti effetti collaterali ed che consegua dei risultati duraturi. Infatti esistono molti rimedi temporanei ed altri che invece risultano efficaci ma che possono provocare seri danni ai denti e alle gengive, per cui occorre effettuare una scelta ragionata sulle possibilità offerte dalle nuove tecnologie. In questo sede vorremmo rispondere sostanzialmente alla domanda sul perché i denti si macchiano. Innanzi tutto occorre precisare che il bianco dello smalto dentale è congenito esattamente come è congenita una eventuale pigmentazione. Però con il passare del tempo i denti possono macchiarsi per una serie di fattori, quali ad esempio: l assunzione di farmaci, i traumi, gli interventi dentistici, il fumo, le sostanze coloranti, la scarsa igiene orale e l invecchiamento. Analizziamone ora gli aspetti nel dettaglio: per quanto concerne l assunzione di farmaci, si è osservato che gli antibiotici, le tetracicline, o elevate assunzioni di fluoro nell infanzia sono causa di discromie dello smalto. Anche i traumi possono essere connessi a fenomeni di inscurimento del dente, ad esempio a seguito di necrosi della polpa. Per quanto concerne gli interventi dentistici, non è infrequente che devitalizzazioni e terapie canalini possano modificare anche in modo sostanziale il colore dei denti rendendoli di colore giallognolo. Un argomento a sé stante è costituito dal fumo, in quanto la nicotina è uno dei nemici più pericolosi per il bianco dei denti, in quanto attraversa lo smalto, penetra in profondità e raggiunge la dentina. Altresì il fumo favorisce il deposito di tartaro nero, che è assai difficile da eliminare con l igiene orale standard. La nicotina inoltre favorisce attraverso la saliva una elevata proliferazione di placca batterica e quindi un rischio maggiore di carie e malattie parodontali. Le sostanze coloranti come teina caffeina e alcune salse possono risultare anch esse causa di ingiallimento dei denti. Infine, a parte una scarsa igiene orale che è chiaramente causa di più effetti negativi tra cui le antiestetiche macchie sui denti, l invecchiamento è una delle cause di usura dello smalto dei denti, ed è un processo attualmente considerato irreversibile. Una nota è legata ai canini che risulterebbero più gialli degli altri La cura dei denti inizia dall infanzia Adottare una corretta igiene orale fin dai primi mesi di vita è il primo requisito per evitare l insorgenza di spiacevoli patologie orali da adulti. Forse non tutti sanno che i denti dei bambini cominciano formarsi già prima della nascita. A quattro mesi infatti i primi denti decidui, o da latte, sono gli incisivi centrali inferiori, seguiti a breve distanza dagli incisivi centrali superiori. E altrettanto vero che non tutti i denti compaiono nello stesso ordine e con la stessa frequenza, sebbene solitamente i venti denti decidui entro i primi tre anni di vita dell individuo siano già tutti presenti. Spesso i denti da latte sono piuttosto sottovalutati in quanto destinati a durare per un tempo limitato, infatti intorno ai sei anni cominciano ad essere sostituiti dai denti permanenti. Nella realtà però questi denti temporanei svolgono una serie di compiti necessari ed è fondamentale che siano integri alla loro sostituzione. Ciò che i denti da latte svolgono è sostanzialmente garantire una buona masticazione e quindi una corretta alimentazione. Non solo: essi permettono una corretta articolazione dei suoni e della parola. Quando vengono sostituiti guidano l eruzione dei denti permanenti ed inoltre guidano la crescita scheletrica. Lo specialista che si occupa della salute dei denti decidui è il pedodontista, ovvero il dentista pediatrico. Si tratta sostanzialmente di un odontoiatra che si dedica alla cura dei problemi dentistici dei bambini dall infanzia all adolescenza. A prescindere dalla capacità medico-dentistica di questo specialista, nella maggioranza dei casi si tratta di una figura capace di una interazione psicologica diretta con il bambino, in grado di motivarlo e insegnargli le tecniche più corrette per l igiene orale ed eventualmente di curarlo in caso di necessità. Tra i sei i e dodici mesi di vita i genitori devono instaurare un rapporto con un odontoiatra infantile per la verifica della corretta salute dentale del figlio. Potrebbe sembrare una età esageratamente minima, ma si osserva statisticamente un elevato numero di bambini tra i due e i tre anni con problemi di carie o infiammazioni gengivali, per cui prima si interviene attivamente e con più facilita si potranno evitare complicazioni in futuro. D altra parte vale la regola che è sempre meglio prevenire che curare, denti in quanto più ricchi di dentina e meno di smalto, ovvero quest ultimo è presente con uno spessore inferiore. Da quanto qui descritto è chiaro che i fattori di ingiallimento o deterioramento dello smalto sono tanti e diversi: occorre pertanto considerare come rimedio efficace oltre la prevenzione generale, anche interventi specifici per il ripristino della brillantezza e del bianco splendente. Infatti una dentatura in ordine regala la leggera sensazione di sentirsi più belli e comunicativi, rendendo più piacevoli i contatti di ogni giorno. Una persona con un sorriso impeccabile risulta psicologicamente e socialmente più sicura di se. Sorridere con naturalezza e senza complessi quindi una premessa indispensabile per una migliore qualità di vita. quindi giocare d anticipo è fondamentale. L odontoiatra infantile potrà dare tutte le informazioni riguardanti la corretta igiene orale, quella che è una corretta alimentazione, il corretto uso del succhiotto e del biberon, l uso del fluoro e dei traumi dentali. In generale tra la nascita e i sei mesi la bocca del bambino andrà pulita con una garza umida dopo le poppate, mentre tra i sei e i diciotto mesi, oltre la visita di controllo, è necessario pulire i denti del bambino con uno spazzolino a setole morbide, dopo ogni pasto e prima del sonno. Oltre i diciotto mesi, devono svolgersi visite periodiche con il pedodontista. E corretto fornire una pasta dentifricia al bambino solo quando è consapevole del modo di sciacquarsi da solo la bocca. In generale questo è il periodo in cui il bambino impara l igiene orale. A tre anni occorre effettuare una visita da un ortodontista. Esiste una tecnica effettuata con successo sui bambini a sei anni durante la comparsa dei primi molari, ovvero la sigillatura, che consiste nell applicare una pellicola protettiva di materiale composito o vetroionomerico sui solchi profondi dei denti permanenti. Queste sostanze proteggono le superfici masticanti dei denti posteriori, frequentemente soggette nei bambini a carie dentale per vari motivi: i bambini a sei anni hanno scarsa manualità nel lavare correttamente i denti, i molari, inoltre, sono più difficoltosi da detergere bene sia per la loro posizione sia perché i solchi di questi denti appena erotti sono molto profondi. Le sigillature hanno una durata di circa due anni; in caso di rottura devono essere riapplicate. Tutti i bambini possono trarre giovamento dalla sigillatura, anche chi non ha mai avuto carie e già effettua una corretta prevenzione. Un utile ausilio per i bambini è costituito dai paradenti, utili per proteggere i denti dagli urti accidentali. Si utilizzano soprattutto nell hockey, nel baseball, nel basket e nel calcio ma anche per la ginnastica, lo sci e il pattinaggio. Gli sport più pericolosi per i traumi dentali sono il baseball ed il basket. Tra i vari modelli quelli realizzati su misura sono evidentemente i più comodi da portare, perché sono elaborati in base all arcata dentaria del bambino.

6 6 SALUTE ORALE PUBBLICITA Attento alle gengive: possono compromettere la salute orale e generale SISTEMA A 3 FASI GUM Un'igiene orale scrupolosa rappresenta il primo gradino di prevenzione. L importante è programmare la propria igiene orale domiciliare attraverso prodotti specifici per ogni esigenza ed in particolare organizzati in un Sistema a 3 fasi GUM per una un igiene orale ottimale. Basti pensare che lo spazzolino da solo è in grado di rimuovere solo una parte della placca, mentre l utilizzo sinergico di filo, scovolini interdentali e collutori specifici consente un ottimale rimozione della placca. Nonostante l importanza che diamo all igiene dentale la parodontite rimane la prima causa di perdita dei denti nel mondo occidentale. Ciò implica che un adeguata igiene della bocca non può trascurare le gengive. La gengiva è il tessuto rosaceo che riveste il dente nella nostra bocca. Viene distinta in due parti: la gengiva libera marginale, quella di colore rosso più scuro, che sta alla base del dente, più elastica e sottile e che si prolunga nelle mucose delle guance e delle labbra e la gengiva aderente, quella di colorito più chiaro, che circonda la corona del dente e lo preserva dai traumi e dagli agenti infettivi. Dal punto di vista anatomico, la gengiva libera marginale circonda il colletto del dente a cui aderisce mediante il cosiddetto "attacco epiteliale". Si estende in senso coronale al di là dell'attacco per circa uno o due millimetri, creando il solco gengivale, che in particolari situazioni si può trasformare in tasca patologica, con il classico segno del sanguinamento. La gengiva aderente é la continuazione della marginale con un andamento festonato per il rilievo delle prominenze degli elementi dentari sottostanti. Ha consistenza compatta, color rosa corallo e superficie punteggiata a "buccia d'arancio". L'architettura gengivale ideale è a margini convessi,in modo che tra dente e gengiva venga a formarsi una invaginazione o solco,con la gengiva a stretto contatto con lo smalto. La sua parte tra dente e dente è detta papilla, con forma conico-piramidale. Dopo i 30 anni, per processi d'invecchiamento di tutto il nostro organismo e per un cambiamento nella composizione della flora batterica, le gengive possono "ammalarsi". Un primo segno di infiammazione è rappresentato dai frequenti sanguinamenti dopo lo spazzolamento o il progressivo "ritiro" della gengiva dal colletto del dente: la presenza di ceppi batterici anaerobi, in vicinanza del bordo gengivale, crea un approfondimento del solco tra dente e gengiva e provoca una specie di cavità chiamata "tasca parodontale". La tasca, non essendo pulibile né spontaneamente, né con i comuni presidi igienici, permette un maggior sviluppo della flora batterica, che indisturbata, fa aumentare la sua profondità andando progressivamente a scalzare il dente dal suo supporto naturale, l'osso. Con il tempo la tasca può riempirsi di materiale essudativo e dar luogo a fastidiosi ascessi che contribuiscono a peggiorare ulteriormente la situazione. La fine di questo processo infiammatorio, definito in termine tecnico "malattia parodontale" è la perdita del dente che comincia a dondolare progressivamente finché viene espulso dalla sua sede. Questo stadio è anche conosciuto con il nome di "piorrea". Un'igiene orale scrupolosa rappresenta il primo gradino di prevenzione. In particolare occorre prestare attenzione alla rimozione del tartaro, un ammasso di placca dentaria calcificata, che irritando il tessuto gengivale, facilità la sua infiammazione e quindi lo sviluppo della malattia parodontale. La rimozione del tartaro può essere accompagnata nei casi di inizio di formazione delle tasche parodontali, da manovre chirurgiche definite "curettage" ovvero ripulitura della tasca, "scaling" e "root planing" ovvero lucidatura della superficie di dente in vicinanza della tasca, per permettere una pulizia più radicale del dente. Nei casi più gravi, in cui sono già comparsi ascessi o tasche molto profonde, si ricorre a piccoli interventi di scollamento della gengiva, ripulitura dell'osso circostante il dente ed asportazione della tasca parodontale. Tali interventi, essendo molto più radicali, lasciano sempre un tessuto gengivale più sano, ma anche diminuito di altezza e conseguentemente donano un aspetto di dente "allungato" nei settori dove la malattia ha colpito. In questo caso, essendosi allargati gli spazi tra un dente e l'altro, viene utile l'utilizzo dello scovolino interprossimale, un minuscolo spazzolino che permette di pulire gli spazi interdentali. Va ricordato ancora che il fumo viene considerato uno di fattori rischio maggiori per la malattia parodontale. Insieme al fumo viene data grossa importanza anche alla predisposizione ereditaria. E' quasi sicuro che la malattia parodontale è legata ad una deficienza immunitaria (legata a immunoglobuline presenti nella saliva) e per tale motivo colpisce di più certi soggetti rispetto ad altri.

7 PUBBLICITA Difendersi dall attacco degli acidi sullo smalto L erosione da acidi è una forma di usura del dente, causata dagli acidi che indeboliscono la superficie dello smalto che perde parte del suo contenuto minerale. La saliva aiuta a neutralizzare l acidità, a ristabilire il ph naturale della bocca, e a rinforzare lentamente lo smalto dei denti. Questo processo di "riparazione" naturale però è lento, e se l attacco degli acidi è frequente, il dente non ha il tempo sufficiente per ripararsi. Molti degli alimenti più comuni possono essere molto acidi e quindi potenzialmente dannosi per lo smalto dei nostri denti. La maggior parte di questi alimenti però non possono, o non devono essere evitati, perché salutari e facenti parte di un alimentazione corretta e bilanciata. Quindi bisogna prestare molta attenzione alla quantità ed alla frequenza del loro consumo, ma anche al modo in cui si ingeriscono. A titolo non esaustivo si possono citare i seguenti come alimenti a rischio: Pompelmo, Confettura di fragole, Miele, Aceto, Pomodori, Macedonia, Arance, Mele, Ananas, Uva, Te freddo, Vino rosso, Succo d arancia, Spremuta. I sintomi di una erosione da acidi allo stadio iniziale sono sostanzialmente tre: ipersensibilità dentale, colorazione dello smalto, opacizzazione dello smalto a causa della rugosità. L ipersensibilità è dovuta alla esposizione della dentina, la colorazione alla deposizione della placca batterica ed alla sua maggiore proliferazione nelle aree demineralizzate, l'opacizzazione visibile ad occhio nudo è legata alla formazione di abrasioni, scalfitture e microfratture visibili al microscopio. La presenza dello stadio avanzato dell erosione è invece individuabile dai seguenti aspetti critici: una maggiore trasparenza del dente, un forte ingiallimento, la presenza di incrinature e una intensa sensibilità. Se il dente è stato danneggiato dall erosione da acidi, il danno è irreversibile. Negli stati di erosione avanzati possono diventare quindi necessari dei complessi interventi odontoiatrici da parte di professionisti per restituire al dente forma, aspetto e funzione originaria. Per questo è importante capire la problematica dell erosione da acidi e dei suoi effetti, ed utilizzare alcuni semplici accorgimenti per minimizzare questo rischio e proteggere lo smalto dei denti. PROF. NORBERTO ROVERI ORDINARIO DI CHIMICA GENERALE Dipartimento di Chimica G. Ciamician Alma Mater Studiorum Università di Bologna Cosa provoca l erosione dello smalto e le microfratture? L' acidità dei cibi e delle bevande producono delle aree di demineralizzazione sulla superficie dello smalto che insieme alle microscalfitture dovute all' uso quotidiano rappresentano un vero pericolo per la salute dentale. Infatti la placca batterica ricoprendo queste aree di demineralizzazione può innescare processi patologici degenerativi dello smalto e in generale del dente, come la carie. E una condizione irreversibile? Purtroppo è una condizione fisiologica e non patologica che tutti abbiamo, che non è modificabile dal sistema biologico, quindi irreversibile. Lo smalto danneggiato non può essere riparato biologicamente in quanto non contiene cellule e quindi non può essere ricostruito in vivo. Come si può prevenire? Oltre ad una prevenzione legata alla buona abitudine di limitare bevande ad elevata acidità, cibi particolarmente abrasivi durante il masticamento e porre attenzione per un corretto metodo di spazzolamento durante il lavaggio dei denti, l' unica prevenzione reale rimane la rimineralizzazione artificiale dello smalto danneggiato. Il LESBC in collaborazione con la CosWell ha trovato una soluzione creando Biorepair. Biorepair è il primo ed unico dentifricio in grado di produrre con l' uso quotidiano una apprezzabile e consistente rimineralizzazione dello smalto colmando le microscalfitture e quindi eliminando l' SALUTE ORALE 7 effetto degenerativo della placca batterica in queste aree particolarmente vulnerabili e ripristinando una superficie dello smalto priva di microscalfitture ed erosioni. Quindi avremo uno smalto dentale non solo più sano, ma anche più brillante e riflettente la luce. Come si può riparare lo smalto danneggiato? Biorepair contiene delle microparticelle di Zinco-Carbonato Apatite (ovvero i MICROREPAIR) che è un composto di sintesi biomimetico, che mima la fase minerale dello smalto e della dentina, per composizione chimica, struttura e morfologia. Il 98% dello smalto ed il 70% della dentina è costituito da Carbonato Apatite che si lega chimicamente sulla superficie corrosa e microfratturata dello smalto con i Microrepair pure di Carbonato Apatite ed in questo modo lo rimineralizza. I Microrepair contengono anche Zinco che viene rilasciato durante il processo di rimineralizzazione sulla superficie dello smalto, il quale con la sua notoria attività antisettica combatte la formazione della placca batterica. Microrepair essendo costituiti da Zinco Carbonato Apatite è biocompatibile e può essere tranquillamente ingerito senza controindicazioni essendo costituito da Calcio, Fosfato e Zinco noto integratore alimentare. Biorepair può prevenire anche l ipersensibilità dei denti? Biorepair contrasta ed elimina l'ipersensibilità dentale che è dovuta all' esposizione dei canalicoli della dentina, contenenti le terminazioni nervose. L'alterazione della permeabilità dei canalicoli esposti produce quel penoso fastidio al caldo, freddo e spazzolamento dei denti che Biorepair elimina attraverso la rimineralizzazione della dentina esposta. Infatti i Microrepair si legano chimicamente attorno ai canalicoli esposti (costituiti per il 70% da Carbonato Apatite) e ripristinano la giusta permeabilità dei canalicoli eliminando la dolorosa ipersensibilità dentale. NOTIZIA CATTIVA I dentifrici attualmente in commercio sono impotenti contro le microfratture e i graffi allo smalto causati dagli acidi del cibo e dallo spazzolino. La comunità scientifica era da tempo alla ricerca di un rimedio semplice ed efficace al problema delle microfratture e dei graffi allo smalto, causati dagli agenti acidi del cibo e dall azione meccanica dello spazzolino. Tali microcavità, infatti, costituiscono spesso il punto di attacco di patologie più gravi come l ipersensibilità, la placca, il tartaro e la carie. Dalla collaborazione tra i laboratori di ricerca BlanX e il Laboratorio di Strutturistica Chimica Ambientale e Biologica dell Università di Bologna (LEBSC) è nata finalmente la soluzione brevettata in tutta Europa: MICROREPAIR. NOTIZIA BUONA Da oggi c è BioRepair, l unico dentifricio Ripara-Smalto. Il dente presenta microfratture e graffi non visibili a occhio nudo. Le microparticelle bioattive (MICRO- REPAIR ) si legano progressivamente allo smalto. Le microparticelle bioattive (MICRO- REPAIR ) riparano lo smalto. DALLA RICERCA SCIENTIFICA ALL EFFICACIA QUOTIDIANA La nuova linea di dentifrici BioRepair basa la sua efficacia sull azione delle microparticelle di idrossiapatite biologicamente attive (MICROREPAIR ). Esse sono del tutto analoghe alla componente minerale naturale dello smalto e della dentina, in grado di riparare i microscopici difetti superficiali dei denti. Il risultato è duraturo e i denti diventano più sani: viene ripristinata infatti la naturale barriera contro ipersensibilità, placca, tartaro e carie. BlanX BioRepair è senza fluoro, ed è indicato anche per i bambini sotto i sette anni.

8 8 SALUTE ORALE PUBBLICITA Prevenzione, meglio che curare Tre livelli di prevenzione per evitare l'insorgenza di patologie e disturbi a carico dei nostri denti. Intervenire in tempo e con i giusti metodi può salvare la salute e l'estetica della nostra bocca. Uno spazzolino adatto alle proprie esigenze e il suo corretto uso è fondamentale per controllare l insorgenza delle malattie dentali Tutti quanti siamo concordi con l affermare che il principio cardine sul quale si fonda la moderna medicina ed in particolare l odontoiatria è che la prevenzione sia la cura più efficace. Tra le principali malattie dei denti e dei tessuti di sostegno riconosciamo la carie e la parodontopatia, o piorrea, che vedono come principale fattore causale la placca batterica. Possono riconoscere tre fondamentali livelli di prevenzione per queste malattie: il primo livello mira al controllo delle cause per far si che la malattia non si presente. Il secondo livello consiste nell'intercettare il danno precocemente, tanto da renderlo reversibile. Per far ciò, sarà necessario sottoporsi periodicamente a visite dentistiche, ove potrà essere evidenziata una patologia allo stadio iniziale e quindi sarà possibile guarirla. Il terzo livello è l'intervento terapeutico per limitare un danno che ormai è già stato provocato. Quotidianamente i dentisti si cimentano nella cura di carie e di parodontopatie: l intervento del medico dentista blocca la malattia in atto e operando al fine di restituire la migliore integrità all organo colpito. L igiene orale costituisce senz altro la prima barriera ai problemi ai denti, seguita dalla scelta oculata del dentista, quale professionista e collaboratore personale con l obiettivo di preservare la salute della bocca. E importante che lo specialista sia aggiornato sulle novità del settore, che di fatto negli ultimi tempi è sempre in evoluzione, ed inoltre è necessario che ogni intervento sia eseguito a regola d arte con tutte le precauzioni del caso (si pensi ad esempio ad allergie, a malattie trasmissibili come epatiti o HIV, ecc.). Inoltre il dentista è un indagatore, ovvero attraverso le indagini cliniche, quali ad esempio le radiografice panoramiche delle arcate dentarie, può rilevare carie di denti occlusi, stato delle ossa e altri aspetti non visibili ad una analisi superficiale. E importante che non siano sottovalutate le patologie cosiddette minori. Placca e tartaro sono causa di gengiviti che devono essere immediatamente curate per evitare l'aggravarsi dello stato e l'insorgere di problemi parodontali. Anche il semplice sanguinamento delle gengive durante la pulizia quotidiana è un sintomo da considerare con attenzione, perché in una gengiva sana non dovrebbe assolutamente essere presente. Occorre effettuare con regolarità degli interventi di pulizia e di ordinaria manutenzione: l'igienista è una figura di aiuto del dentista classico, in grado di eseguire la rimozione fisica della placca e del tartaro, con metodi tradizionali o con il laser, una o due volte l'anno. Ciò consente di ripristinare lo stato ottimale delle gengive, scongiurare infezioni o patologie più gravi. Queste operazioni non devono essere erroneamente considerate un miglioramento estetico, ma una vera cura medica utile alla salute dei propri denti piuttosto che alla conservazione di un sorriso smagliante. Un altro fattore di rischio da tenere sotto controllo è quello relativo al regolare sviluppo dell occlusione dentale. E raccomandabile togliere il ciuccio ai bambini dopo i 2 anni di età, in quanto in caso contrario questa abitudine può agire come agente deformante delle arcate dentarie e dei mascellari in crescita. Da una ricerca condotta negli Usa e pubblicata sul Journal of the American Dental Association è emerso che una malocclusione nella parte posteriore della bocca, nell area dei molari, è presente nel 20% dei bambini che continuano a usare il ciuccio o a succhiare il dito fino a 4 anni di età, nel 13% di quelli che smettono a 2-3 anni, e persino in una piccola percentuale (7%) dei bambini che succhiano fino a 1-2 anni. Nei piccini che continuano a succhiare dopo i 4 anni è frequente anche la protusione degli incisivi. Attività succhianti prolungate nel tempo determinano all'interno del cavo orale condizioni ambientali ostacolanti che impediscono le naturali modifiche funzionali adattative del meccanismo nutritivo. La loro incondizionata reiterazione provoca una disfunzione della muscolatura periorale, che a sua volta agirà sulla predisposizione alla malocclusione dentale o scheletrica. J&J Jesurum Mentadent, da 30 anni sinonimo di Prevenzione Dentale Dal 1977 a oggi Mentadent ha svolto un vero e proprio percorso di prevenzione insieme ai consumatori italiani. Un percorso che ha visto la marca impegnata sia sul fronte dell informazione, con attività sociali come il Mese della Prevenzione Dentale e Programma Scuola Educare a Prevenire, realizzate ogni anno insieme ad ANDI, sia su quello dell innovazione di prodotto. Il risultato di questi sforzi è che oggi siamo tutti più consapevoli e che l igiene orale non è più vissuta solo come un dovere, ma come un piacevole gesto di benessere quotidiano. Con Missione Sorrisi Migliori Mentadent rinnova oggi il suo impegno di sempre, continuando a divulgare, insieme ad ANDI, la cultura della Prevenzione e continuando a investire in nuove tecnologie per realizzare prodotti in grado di unire salute ed estetica per soddisfare le esigenze di un consumatore sempre più informato e attento al proprio benessere.

9 PUBBLICITA SALUTE ORALE 9 L impatto della dieta moderna e del fumo Risponde il Dr. Peter Freunscht, Responsabile Europeo Ricerca e Sviluppo Unilever Italia L impatto della dieta moderna su denti e gengive: come difendersi? Il primo fattore di rischio per lo sviluppo della carie è legato agli zuccheri: alla quantità che ne consumiamo, al tempo che trascorrono a contatto con i nostri denti e, in particolare, alla frequenza con cui ne assumiamo. La dieta moderna e le abitudini alimentari ad essa collegate fanno sì che consumiamo più zuccheri di quanto pensiamo, poiché oltre a quelli di cui siamo consapevoli (come, ad esempio, il cucchiaino aggiunto al caffè) esistono zuccheri cosiddetti nascosti, cioè non facilmente identificabili e misurabili, nei cibi e nei preparati alimentari che mangiamo ogni giorno. Per comprendere la portata di questo tipo di rischio basta pensare che il 65% degli zuccheri che consumiamo viene assunto proprio sotto forma di zuccheri nascosti, che possono depositarsi sui denti e rimanere a contatto con lo smalto fino a due ore. Inoltre oggi le persone non mangiano solo durante i tradizionali tre pasti quotidiani, ma consumano snack e spuntini a tutte le ore del giorno. In generale, quindi, i denti sono più a rischio che in passato, più esposti all attacco degli acidi generati dai batteri della placca dentale. Inoltre, gli acidi nei cibi e nelle bevande possono danneggiare i denti direttamente, senza che vi sia bisogno dell intervento dei batteri. Il consumo di bevande con acido carbonato è cresciuto di ben 8 volte negli ultimi 30 anni e l accento posto dai media sull importanza di una dieta corretta ha fatto aumentare anche il consumo di frutta e di succhi di frutta, che sono spesso acidi. Questo significa che l erosione dello smalto dentale è un problema in crescita, con il quale i nostri figli dovranno fare i conti in futuro. L impatto della dieta sulla salute delle gengive è un tema sul quale, in passato, la ricerca scientifica si è concentrata in misura minore e che oggi, invece, sta diventando sempre più importante. È dimostrato che a causare i danni maggiori alle gengive è la malnutrizione. L esempio più ovvio è la carenza di vitamina C, che può provocare la caduta dei denti e, in casi estremi, anche la morte. Casi che oggi sono molto rari, anche se bisogna tenere presente che i moderni cibi raffinati sono ricchi di calorie, ma non sempre sono altrettanto ricchi di nutrienti quali vitamine, sali minerali e antiossidanti. Questi nutrienti sono importanti per la salute delle gengive: ricerche recenti hanno infatti dimostrato che i disturbi delle gengive sono collegati a un deficit di antiossidanti. Maggiori dettagli non sono ancora disponibili, ma potranno condurre a terapie nutrizionali in futuro. Per il momento come possiamo difenderci? Sono sempre validi i consigli legati alla salute in generale: variare l alimentazione, mangiare 5 porzioni di frutta e verdura ogni giorno cercando di includere frutti e vegetali di diversi colori, per trasformare il pasto in un esperienza appagante per tutti e cinque i sensi e anche perché in questo modo è più facile includere un numero maggiore di nutrienti diversi, che possono agire insieme. Eliminare acidi e zuccheri dalla dieta non è possibile e non è neppure consigliabile: molti cibi sani e naturali ne contengono. È però possibile diventare più attenti e controllare la lista degli ingredienti per scovare gli zuccheri nascosti (destrosio, saccarosio, glucosio, estratti di malto). In particolare dovremmo ridurre il numero di volte in cui assumiamo cibi acidi e ricchi di zucchero evitando di mangiare lontano dai pasti. In questo modo diamo alla bocca il tempo di recuperare tra un pasto e l altro. Un grande aiuto viene poi dal fluoro e dai preparati che lo contengono, come il dentifricio. Il fluoro infatti difende i denti ed è probabilmente il fattore singolo di maggior rilievo nella riduzione dell incidenza della carie e dell erosione dello smalto. Quanto incide il fumo sulla salute di denti e gengive? I disturbi delle gengive sono provocati dalla reazione dell organismo alla placca batterica. Fumare è uno dei più grossi rischi ambientali per la salute delle gengive. Ha molti effetti, primo fra tutti quello di favorire i batteri più aggressivi, riducendo le difese naturali della bocca e causando una progressiva ritrazione del tessuto gengivale che può portare alla caduta dei denti. Inoltre, fumare significa avere gengive di colore pallido e che non sanguinano. Quest ultima può sembrare una buona notizia, ma non lo è: infatti significa che eventuali malattie vengono portate avanti in maniera asintomatica e possono quindi progredire e aggravarsi rimanendo, per così dire, nascoste. Vi sono poi effetti più evidenti, come le antiestetiche macchie scure, che hanno una superficie ruvida, su cui la placca si accumula più facilmente, e rendono quindi la pulizia più difficoltosa. Il problema del cattivo odore in bocca è un altro danno del fumo ben noto a tutti. Quali sono i suoi consigli per una corretta cura dei denti e delle gengive? La cultura della prevenzione ormai diffusa, l esistenza di moderni strumenti per l igiene orale e la presenza di specialisti a disposizione di tutti mette i giovani di oggi in una posizione di vantaggio rispetto al passato per quanto riguarda la salute. Alcuni consigli possono però aiutare tutti ad avere una bocca più sana: igiene orale corretta, cibi sani e dieta bilanciata sono tutti fattori che possono migliorare la salute della bocca, poi mi raccomando: smettete di fumare perché questo migliorerà la salute delle vostre gengive. Inoltre, non dimenticate di utilizzare un dentifricio al fluoro clinicamente testato e di spazzolare i denti 2-3 volte al giorno. Per la salute delle gengive la rimozione della placca dal bordo gengivale è fondamentale: chiedete al vostro dentista o igienista come svolgerla correttamente. Può aiutare anche l utilizzo di un prodotto appositamente creato per la salute delle gengive. Infine, non dimenticate di recarvi dal dentista regolarmente per assicurarvi che i disturbi della bocca vengano identificati e risolti prima che si aggravino. I denti sono vivi. Un nuovo dentifricio ti aiuta a prenderti cura di loro nutrendoli ogni giorno. J&J Jesurum I denti sono vivi! Proprio come la pelle, che nutriamo ogni giorno con appositi cosmetici. Ecco perché Mentadent ha creato il dentifricio Nutri Activ, il primo che nutre attivamente denti e gengive mantenendoli sani e forti più a lungo grazie a una formula innovativa con Mineral Serum e Vitamine E ed F. Mentadent Nutri Activ nutre e protegge accuratamente denti e gengive. nutre le gengive con le Vitamine E ed F e aiuta a mantenerle sane rinforza lo smalto grazie al Mineral Serum aiuta a riscoprire il bianco naturale dei denti Mentadent Nutri-Activ è il dentifricio in cui salute e bellezza si incontrano per regalarci un sorriso luminoso, nutrito e protetto.

10 10 SALUTE ORALE PUBBLICITA Impianti, la migliore alternativa Le nuove frontiere della scienza applicate al settore permettono di intervenire simulando il percorso terapeutico fino alla geometria corretta dell'apparato dentale. La ricerca scientifica in Odontoiatria sta vivendo anni di grande intensità al pari della sua strettissima parente, la Medicina. Fortunatamente, i tempi in cui il dentista era più assimilabile ad un artigiano fantasioso che ad un medico sono finiti ed ogni presidio terapeutico deve esse validato scientificamente secondo le regole della Evidence Based Medicine, cioè della pratica medica basata sulla evidenza scientifica. Questo atteggiamento di maggiore serietà ha portato le aziende ad investire una grande quantità di energie e di risorse economiche nella ricerca e nello sviluppo di nuovi materiali e tecnolgie a disposizione dell odontoiatra. Un esempio lo abbiamo avuto al recente World Congress 2007 tenutosi la Centro Congressi Metro Golwin Mayer di Las Vegas organizzato dalla Nobel Biocare, che ha visto la partecipazione di più di 9000 odontoiatri da oltre 90 differenti nazioni. I temi del congresso, sono stati in linea con l attuale tendenza in campo di terapia 1) Viti endosse di titanio pot-estrattive Sostituzione immediata della radice del dente con la vite di titanio. Semplicità dell intervento: l alveolo del dente fa da guida nell inserimento dell impianto, è la semplice sostituzione della radice del dente con la vite di titanio. Maggior stabilità dell impianto: l osso rimane alto e largo, per cui gli impianti sono più lunghi e più robusti. E migliore l estetica: l osso non si riduce per il volume della nuova radice di titanio nell alveolo. Viene conservata l estetica del dente e del volto. Meno tempo di tenuta della protesi provvisoria: 3-4 mesi, tempo dell osteointegrazione dell impianto. San Babila Day Hospital Implantologia odontoiatrica, tre metodiche per riabilitare la maggioranza dei casi con gli impianti odontoiatrica in generale ed implantologica in particolare, ovvero facilitare le tecniche chirurgico-riabilitative, renderle meno invasive e ridurre il periodo di cura, a totale beneficio del paziente. La semplificazione delle tecniche implantari consente di estendere il loro utilizzo, in genere limitato a pochi specialisti del settore, ad un numero sempre maggiore di odontoiatri che vogliano aggiungere alle loro possibilità terapeutiche questo prezioso strumento riabilitativo. A questo proposito, oltre ad una semplificazione del protocollo operativo mediante un numero di frese più limitato e più razionale, è stato proposto recentemente un software per la pianficazione pre-chirurgica computerizzata dell intervento. Questo software,chiamato Nobel Guide, consente di ricostruire l immagine virtuale dei mascellari a partire dalla tomografia assiale computerizzata (TAC) e quindi di prestabilire la corretta posizione degli impianti in relazione alla dimensione ed alla forma dei mascellari ed alle caratteristiche della successiva riabilitazione protesica. La ricostruzione virtuale con gli impianti in posizione viene inviata,quindi, via Internet ad un centro in Svezia per la costruzione di una dima chirurgica molto precisa da posizionarsi in bocca al paziente al momento dell atto chirurgico. Questo permette l inserimento degli impianti senza la necessità di eseguire incisioni, senza sollevare lembi mucosi riducendo di conseguenza in modo drastico il trauma e rendendo il decorso post-operatorio praticamente senza conseguenze o disagi per il paziente. Mediante la pianificazione computerizzata, anche la protesi provvisoria può essere costruita sulla base della ricostruzione virtuale pre-chirugica ed inserita subito dopo l atto chirurgico. Con questa tecnica è possibile trattare un paziente totalmente edentulo dal posizionamento degli impianti alla protesi fissa in poco più di un ora. 2) Piccolo rialzo del seno mascellare Si solleva a cupola la membrana del seno iniettando la sostanza biologica DBM, che diventa osso in 8-10 settimane e nel contempo si inseriscono viti dalla speciale forma a cuneo, che si stabilizzano per addensamento osseo. E preferibile eseguire questa metodica nella stessa seduta dell estrazione del dente per la maggior quantità di osso disponibile, come per le viti post-estrattive. Attesa dell osteointegrazione 3-4 mesi. 3) L impianto iuxtaosseo + endosseo E l impianto che risolve i casi dove le viti non possono essere inserite a causa dell osso basso, sottile, vuoto per grandi seni mascellari. Viene realizzato su impronta della cresta ossea. Poiché è fuso in titanio, oltre che essere applicato intorno all osso, può anche essere inserito come endosseo in cavità o vuoti alveolari. In tali casi ha più zone di ancoraggio: gli esterni intorno all osso e gli interni nell osso. Alla sua applicazione sull osso viene ricoperto dalla sostanza biologica DBM che lo rende endosseo. Questo impianto è utilizzato appena applicato, poiché si blocca subito intorno alla cresta ossea. SAN BABILA DAY HOSPITAL Direttore Sanitario: Antonio T. Di Giulio, Specialista in Odontoiatria e Anestesia, già Professore a c. di Chirurgia Maxillo-Facciale e di Tecniche Implantologiche. Milano Via Stoppani, 36 tel numero verde Roma Via Oglio, 9 tel Intervista al professor M. Simion Prof. Simion, attualmente l Odontoiatria sembra aver fatto passi da gigante nel campo dei biomateriali e delle nuove tecnologie. Come giudica i risultati acquisiti e quali saranno le nuove conquiste? L Odontoiatria, negli ultimi 30 anni ha vissuto 3 eventi epocali che hanno cambiato radicalmente le possibilità terapeutiche e riabilitative a disposizione dell odontoiatra. Primo fra tutti l identificazione dell eziopatogenesi batterica della malattia parodontale, una volta chiamata piorrea, che può essere oggi considerata una malattia prevenibile e curabile e non più inesorabilmente progessiva. Quindi, la scoperta degli impianti osteointegrati da parte del Prof. P.I. Branemark che hanno permesso di trattare in modo affidabile e mediante protesi fisse pazienti parzialmente e totalmente edentuli un tempo destinati alla protesi totale. Per ultima, ma non meno importante, la messa a punto delle tecniche di rigenerazione guidata dei tessuti parodontali ed osseo, con le quali è possibile ottenere la neoformazione della struttura di supporto del dente andata perduta a causa della malattia parodontale o la rigenerazione completa di difetti ossei peri-implantari. Attualmente stiamo per assistere ad un nuovo momento epocale in Odontoiatria: l utilizzo dell Ingegneria Tissutale, che si occupa di rigenerazione mediante la manipolazione di tre elementi fondamentali: lo scaffold, cioè l impalcatura che sorregge il tessuto, le cellule che popolano il tessuto ed i fattori di crescita che regolano l attività cellulare. La disponibilità di queste nuove tecnologie sarà di fondamentale importanza per semplificare le tecniche chirurgiche rendendole allo stesso tempo più efficaci ed affidabili. La ricerca alla semplificazione delle terapie chirurgiche è sempre auspicabile o esistono dei potenziali rischi? La semplificazione è sempre auspicabile in tutte le tecniche in quanto non solo estende la disponibilità delle tecniche ad un numero maggiore di odontoiatri, ma le rende più sicure e meno invasive per il paziente. Prendiamo per esempio la nuova tecnica di pianficazione pre-chirurgica computerizzata dell inserimento degli impianti: i pazienti operati possono ricevere impianti e protesi fissa nell arco di un ora, il post operatorio è completamente scevro da ogni sequela dolorosa e la guarigione è rapidissima. L eccessiva semplificazione tuttavia non è scevra da rischi. Se non vengono seguite le corrette indicazioni, il dentista inesperto può essere indotto a trattare con tecniche inadeguatamente semplici casi invece molto complessi che richiedono l intervento di veri e propri specialisti con le tecniche appropriate. Faccio un esempio, la pianificazione pre-chirurgica computerizzata è un sistema che da eccellenti risultati in un gran numero di pazienti edentuli, ma richiede una quantità sufficiente sia di osso alveolare residuo che di mucosa orale cheratinizzata. L utilizzo di questo sistema in mani inesperte ed in situazioni dove i requisiti dimensionali minimi non sono rispettati può portare alla compromissione del risultato terapeutico. Come si può ovviare a questi problemi? E importante che gli Istituti e le Università mettano a punto seri programmi di insegnamento in collaborazione con le aziende produttrici dando agli odontoiatri messaggi ben chiari ed onesti sulle possibilità applicative e le vere indicazioni dei diversi sistemi implantari innovativi. Devo dire comunque che in Italia questo si sta già verificando. Come giudica le nuove tecniche Cad-Cam per la costruzione di corone e ponti totalmente in ceramica? Con l utilizzo dei nuovi materiali, come l allumina e soprattutto lo zirconio, queste tecniche hanno raggiunto una grande affidabilità a lungo termine. La precisione degli scanner e dei metodi di realizzazione delle cappette, su cui viene apposizionata le ceramica con tecniche di cottura tradizionale, è attualmente molto soddisfacente. Attualmente vedo una loro indicazione nella stragrande maggioranza delle riabilitazioni estetiche dei denti anteriori dell arcata superiore, ma anche in molti casi delle zone molari. Il risurtato estetico e veramente straordinario. Quando avremo a disposizione i fattori di crescita per la rigenerazione ossea? La proteina morfogenetica dell osso (BMP-2) viene già utilizzata in Ortopedia per i grandi difetti ossei, ma per ora ha dei costi forse troppo elevati per l uso odontoiatrico. Il fattore di crescita di derivazione piastrinica (PDGF) è già in commercio negli Stati Uniti e la sua disponibilità in Europa è prevista all inizio del prossimo anno. La disponibilità di queste biomolecole sarà in grado di rendere le tecniche regenerative più semplici e quindi disponibili ad un numero di odontoiatri sempre maggiore. Inoltre, potenziando l efficacia dei sostituti dell osso umano, di origine animale, renderà non più necessario il prelievo di tessuto dal paziente, riducendo drasticamente la morbilità delle tecniche chirurgiche.

11 PUBBLICITA SALUTE ORALE 11 Il bruxismo non è un tic innocuo Il bruxismo è un disturbo che consiste nel successiva erosione. A lungo termine è chiaro la tensione emotiva o l aggressività latente) allergie. La terza è legata a fattori psicologici: digrignamento dei denti, in fase di sonno, che la situazione può degenerare in fratture o od ad alterazioni del sistema extrapiramidale. vengono considerati i disturbi della personalità principalmente dovuto alla contrazione della anche nella perdita del dente. In alcuni casi Sono comunque possibili alcune attribuzioni di ed eventuali condizioni di stress. Si è notato ad muscolatura che si occupa della masticazione. Molto comunemente tale disturbo viene definito come parafunzione, ossia un movimento che viene eseguito senza uno scopo preciso. Questa attività perdura per circa 5-10 secondi, a intervalli irregolari, per tutto il ciclo di sonno. Solitamente il disturbo ha una propria origine nella fase II del sonno, con verifiche ottenibili a mezzo di encefalogramma. Pur essendo un disturbo insolito, si tratta comunque di un fenomeno abbastanza diffuso presso la popolazione (ne è colpita fino ad una persona su cinque) e generalmente non viene avvertito dalla persona interessata.al momento del risveglio, la persona affetta da questo disturbo non avverte alcunchè tranne nei casi di bruxismo intenso in cui si può avvertire una sensazione di dolore alle mascelle. Il digrignamento, però, può creare seri danni a causa della limatura della superficie masticatoria dei denti sia dell'arcata superiore che di quella inferiore. L occhio attento del dentista è generalmente in grado di cogliere il verificarsi del fenomeno. Col il trascorrere del tempo il bruxismo può condurre ad alterazioni importanti dei denti che possono accorciarsi e lesionarsi con la conseguente insorgenza di carie e altri problemi dentari. In alcune circostanze si osserva addirittura una danneggiamento esteso ed intensivo dello smalto che viene lasciata scoperta la dentina, il che può velocizzare la si osserva anche la difficoltà ad aprire la bocca completamente e un aumento della sensibilità dei denti al contattato con sostanze fredde e calde. Si aggiunge che la presenza di dolori continuativi nell articolazione temporo-mandibolare può produrre la comparsa di cefalea e altri disturbi. Non si conoscono i fattori eziologici del fenomeno: in taluni casi è individuabile una predisposizione congenita. Alcune studi conducono all attribuzione del fenomeno a malformazioni mandibolari o a problemi d'occlusione dentari oppure anche a stati psicopatologici alterati (come ad esempio causa, la prima di cui è legata a fattori locali: sono da ricercarsi in qualche interferenza nei contatti delle superfici tra i denti sopra e quelli sotto, causata da otturazioni o carie che alterano la struttura dei denti. Vanno anche inclusi alcuni fattori irritativi come le pericoronariti acute e le gengiviti. La seconda attribuzione è legata a fattori sistemici: possono dipendere da parassiti intestinali, carenze nutrizionali, disturbi del sistema endocrino ed esempio che i bambini affetti da ritardo mentale o gravi disturbi neurologici (encefalopatie, paralisi cerebrali) tendono a soffrire di questo problema. Tra l'altro esso sembra anche correlato ad altri disturbi del sonno, come il parlare mentre si dorme, l'enuresi notturna e i crampi notturni. Allo stato attuale comunque non è ancora stata individuata una specifica terapia in grado di porre rimedio a questa condizione del sonno, ma possono essere efficacemente utilizzati i bite, dei dispositivi che possono essere duri o morbidi a seconda delle necessità che proteggono i denti dall'erosione durante il verificarsi del fenomeno. Tali accessori vengono creati appositamente per la persona interessata; è sufficiente andare dal dentista che provvederà a raccogliere i dati necessari per la costruzione dell'apparecchio (ovvero l'impronta delle due arcate dentarie). Tali apparecchi oltre a proteggere lo smalto dentario dall'erosione, possono anche facilitare il ripristino di un allineamento corretto delle arcate. E assolutamente consigliabile l esecuzione di un esame accurato della bocca al fine di individuare possibili patologie locali prodotte dal digrignamento dei denti ed eventualmente intervenire con adeguate contromisure quando il problema sia individuato. Non è da escludersi una analisi più estensiva che coinvolga il sistema nervoso e una visita per alterazioni psichiatriche.

12 12 SALUTE ORALE PUBBLICITA Accendi il tuo sorriso Le ultime tecnologie ed innovazioni, permettono non solo di togliere le macchie, ma anche di schiarire il colore dello smalto agendo dall interno. Grazie a questi prodotti fai da te o professionali, si può finalmente avere i denti bianchi e luminosi senza danneggiare lo smalto o le gengive. Esistono diverse tipologie di soluzioni per lo sbiancamento dei denti, adatte ad ogni necessità e di ogni genere di costo. Inizialmente però occorre definire che cosa si intende per soluzione sbiancante. Un prodotto sbiancante ideale dovrebbe avere le seguenti caratteristiche: l assenza completa di effetti collaterali, una elevata efficacia di azione, una azione nel più breve tempo possibile, una necessità di collaborazione del paziente bassa, una relativa facilità di applicazione, un effetto più o meno duraturo, dei costi contenuti. Nella realtà le cose si presentano in modo leggermente diverso, con risultati più o meno efficaci a secondo del tipo di approccio individuato per risolvere il problema. E possibile ad esempio ricorrere ai cosiddetti sistemi fai da te oppure richiedere l intervento di uno specialista. Le differenze sono basate sul tipo di risultato che si intende conseguire, in quanto un approccio professionale alla lunga potrebbe risultare più valido. Le caratteristiche dei sistemi fai da te sono più o meno le seguenti: non richiedono la supervisione di un medico dentista, non hanno una elevata percentuale di perossido di idrogeno, i sistemi di applicazione sono standard e non anatomicamente personalizzati per l utente, l efficacia di sbiancamento è minore mentre il tempo necessario per lo sbiancamento è maggiore, la durata di efficacia è di circa un anno ma i costi sono inferiori. Un primo sistema fai da te è costituito dalle gomme da masticare sbiancanti, il cui uso può prevenire la carie, in quanto contengono sostanze come sorbitolo e xilitolo che pur essendo dolcificanti non vengono metabolizzati dai batteri che causano la carie. La masticazione produce saliva riducendo l acidità e l azione dei batteri cariogeni. Inoltre il continuo movimento tra i denti pulisce le superfici da residui di cibo. Un secondo sistema è costituito dai dentifrici, i quali contengono generalmente o sostanze abrasive (come il bicarbonato di sodio, la silice, il fosfato tricalcico, ecc.) che sono capaci di asportare le macchie esterne, o sostanze sbiancanti (come il tripolifosfato di sodio, il monofluorofosfato di sodio, ecc), che agiscono chimicamente sulle macchie dei denti. Un terzo approccio è costituito dai gel sbiancanti, che si applicano sui denti mediante strisce di materiale acrilico, di spessore di circa 0,2 mm. Il gel adesivo contiene perossido di idrogeno al 6%. L applicazione tipica è per 2 settimana, 2 volte al giorno per mezz ora e i risultati durano un anno circa. Lo svantaggio di questo metodo è legato alla possibilità che alcuni pazienti subiscano alcuni effetti collaterali tra i quali ipersensibilità dentale e dolore. Il merito all effetto sbiancante inoltre il massimo raggiungibile è di 4-6 tonalità. Una variante di questo sistema è caratterizzata dall uso di applicatori, tipo bastoncini con all estremità del cotone o un pennellino, però il risultato è peggiore, in quanto si può raggiungere solo 2 tonalità e per una durata dimezzata rispetto al precedente approccio. Diversa metodologia è invece riservata ai sistemi sbiancanti professionali, i quali sono caratterizzati dalla supervisione continua del medico dentista, da elevate percentuali di perossido di idrogeno, con punte del 35%, dalla garanzia di raggiungere fino a 15 tonalità in un tempo di applicazione minore e per una durata fino a 5 anni. Lo svantaggio è caratterizzato dalla minore versatilità della soluzione e dall aumento dei costi di applicazione. Tra i sistemi professionali è possibile distinguere quelli del tipo At-home bleaching e quelli In-office bleaching. Nel primo caso si tratta di utilizzare una mascherina anatomicamente personalizzata per il paziente, in cui viene inserito gel di perossido di carbammide in diverse percentuali a seconda dei casi e che va indossata durante il sonno per circa 10 giorni. Il vantaggio è si opera al di fuori dello studio odontoiatrico, con il risparmio di tempo e di lavoro del dentista. Inoltre di solito gli effetti collaterali sono ridotti al minimo e i costi di applicazione sono comunque accettabili. Lo svantaggio è che il tempo necessario per completare lo sbiancamento è maggiore di quello della tecnica In-Office. Peraltro in alcune circostanze le mascherine sono riutilizzabili per effettuare nuove applicazioni in futuro. L altra metodologia è invece l applicazione dei sistemi sbiancanti direttamente in studio, dove il gel viene posizionato dal dentista e lasciato agire per circa 45 minuti senza eventuale attivazione luminosa (dentist-supervised bleaching) oppure per circa un terzo del tempo con eventuale attivazione luminosa (power bleaching). In pratica il gel viene esposto ad una sorgente luminosa (tipo lampada alogena, al plasma o laser) in modo che la reazione risulti accelerata. In ogni caso il gel non deve entrare a contatto con le gengive e per questo motivo viene di solito applicata una protezione di gomma intorno ai denti.

13 PUBBLICITA SALUTE ORALE 13 L origine dell alito cattivo e il problema della xerostomia I pazienti affetti da alitosi sono ben consapevoli di quanto sia fastidioso questo problema. Risolverlo significa migliorare nettamente la predisposizione ai rapporti sociali. L uso del colluttorio può mantenere più a lungo un alito fresco e ridurre l insorgenza dei batteri L alitosi è una affezione generale di milioni di persone in tutto il mondo. Ne soffre circa il 50% della popolazione mondiale. Il cattivo alito ha di solito origine dalla bocca. Ne è causa principale il deposito di residui alimentari sulla superficie della lingua, il quale costituisce un habitat per popolazioni di batteri anaerobi che metabolizzano le proteine e si localizzano sul retro posteriore della lingua. Il caratteristico odore dell alitosi è originato dai composti sulfurei volatili (VSC) provenienti dalla degradazione batterica di alcune proteine. In alcuni casi invece il cattivo alito può essere ricondotto a patologie sistemiche. Le proteine metabolizzate dai batteri anaerobi, producono composti gassosi contenenti zolfo, emananti odori sgradevoli, tra i quali l acido solfidrico, il metil-mercaptano, il solfuro di dimetile. La produzione e la conversione di questi composti sulfurei sono collegati a dei fattori tra i quali il ph salivare alcalino, il ridotto tenore di ossigeno che fa proliferare i batteri anaerobi, il substrato disponibile per il metabolismo batterico e l elevata produzione batterica (scarsa igiene orale). Di solito una diminuzione del flusso salivare e una alterazione del ph sono a causa dell alitosi. E stato realizzato uno strumento diagnostico, l Halimeter, che rileva i composti sulfurei volatili nella bocca. Oltre a ciò esiste un esame chiamato gascromatografia che rileva i medesimi composti. Per risolvere il problema occorre ridurre la concentrazione di batteri anaerobi nella bocca e sulla lingua, ovvero la rimozione chimica, tramite un processo di ossidazione, dei composti sulfurei volatili. Un altro disturbo che può condurre all alitosi è la xerostomia, una condizione caratterizzata da una alterata secrezione della saliva, piuttosto frequente negli anziani, ma non risulta come una diretta conseguenza dell invecchiamento. La saliva è un fluido complesso costituito da sostanze organiche e inorganiche, prodotta in circa due litri al giorno, utile per la masticazione e i processi digestivi, per la protezione dei denti e per altre attività funzionali dell organismo. La ridotta produzione di saliva comporta conseguenze rilevanti, tra cui disfonia, disfagia, ulcere su lingua e mucose, malattie infiammatorie periodontali, ecc. Le cause possono derivare come effetto secondario di trattamenti radianti per neoplasie maligne oppure per un problema cronico legato a malattie sistemiche, come la sindrome di Sjögren, che è caratterizzata dalla disfunzione delle ghiandole esocrine per infiltrazione linfocitaria. Altre cause possono essere il diabete insipido e l insufficienza cardiaca oppure l anemia perniciosa.

14 14 SALUTE ORALE PUBBLICITA Ortodonzia: ultime tecnologie e apparecchi invisibili Gli apparecchi invisibili sono la nuova risposta della medicina dentistica ai problemi di ortodonzia. Grazie ad una sofisticata tecnologia software è possibile curarsi senza lo stress del contatto con la gente. A CURA DI MASSIMILIANO RIATTI, GIORNALISTA SCIENTIFICO Il termine Ortodonzia ha il significato letterale di denti dritti. In effetti chi si rivolge all ortodonzista lo fa proprio per migliorare la propria estetica con un migliore allineamento dei denti. Ma non si tratta solamente di una operazione di raddrizzamento dei denti, o almeno non è questo l unico fine a cui tende la pratica quotidiana dello specialista. Il campo d azione si estende infatti alla diagnosi, alla prevenzione e alla terapia dei disallineamenti dentali, dei disturbi dei mascellari e anche dei difetti generali di sviluppo della dentizione. Tutti questi fattori se trascurati possono condurre ad alterazioni estetiche e funzionali del sorriso e peggio ancora del sistema masticatorio. I soggetti adulti sono solitamente titubanti al trattamento ortodontico per i noti inconvenienti delle apparecchiature fino ad oggi utilizzate, che si presentano antiestetiche. Le nuove frontiere ci presentano sistemi di approccio invisibile grazie ai quali è possibile intervenire sulle malocclusioni con apparecchi che non vengono notati quando sono applicati alla persona. Gli individui adulti si rivolgono all ortodonzista perché aspirano ad un miglioramento del proprio sorriso, quindi per lo più per obiettivi di carattere estetico piuttosto che prettamente funzionale: sono infatti diverse le problematiche che possono affliggere la bocca, tra cui a titolo non esaustivo: l affollamento dei denti (denti sovraesposti), la presenza spazi tra dente e dente (diastemi), la sporgenza di denti frontali (protrusione o proinclinazione degli incisivi). Tutti gli apparecchi fissi di tipo tradizionale sono assai poco gradevoli alla vista. Presentano infatti attacchi in acciaio che una volta apposti alla superficie esterna dei denti non si presentano come uno spettacolo gradevole, tantomeno per chi li porta. Il disagio per chi indossa questi apparecchi è evidente, e quindi anche chi sarebbe motivato a modificare il proprio aspetto, si trova la netta contrapposizione di uno strumento che seppur temporaneamente, peggiora il suo male. Oggi con l apparecchio linguale e l apparecchio invisibile si assiste ad un nuovo e migliorato approccio alla cura dei disallineamenti dentali. Inoltre dove sia necessario ricorrere ancora ai metodi tradizionali, esistono attacchi in ceramica che risultano senz altro più discreti e meglio sopportati dal paziente rispetto agli antiestetici ferretti. L apparecchio invisibile è capace di salvaguardare l estetica del sorriso proprio durante il trattamento: è costituito da sottili mascherine in plastica trasparente che non si notano quando sono applicate. Ogni set di mascherine deve essere portato per due settimane. Possono essere rimosse solo per mangiare, bere, spazzolare i denti e passare il filo interdentale. Grazie alla forza elastica delle mascherine, i denti si muovono poco alla volta, fino ad allinearsi nella posizione finale programmata. Ogni 6/12 settimane è necessario procedere ad una visita di accertamento e tutto ciò per un tempo medio di trattamento compreso tra 6 e 15 mesi. Il numero medio di mascherine durante il trattamento è compreso tra 12 e 30 per arcata e il costo del trattamento non supera di molto quello con apparecchi tradizionali. Oltre al vantaggio estetico, una soluzione del genere comporta una migliorata igiene orale, in quanto essendo un apparecchio rimovibile si potrà operare meglio con spazzolini, fili interdentali e quant altro. Si deve tenere comunque presente che qualsiasi soluzione intervenga nell allineamento dei denti deve essere valutata da un professionista qualificato, l ortodonzista appunto, il quale può esprimere il proprio parere circa le soluzioni più idonee per risolvere determinati problemi. Non esiste la possibilità di gestire in proprio questo tipo di soluzione proprio perché si tratta comunque di tecnologie che richiedono anche la competenza dell applicazione e non soltanto l efficacia comprovata dell ausilio o del prodotto. Aldo Giancotti, Specialista in Ortognatodonzia Università of Roma Tor Vergata Ospedale Fatebenefratelli Isola Tiberina, Roma PER INFORMAZIONI Perchè nasce la necessità di effettuare un riallineamento dei denti? I vantaggi dei trattamenti per il riallineamento dei denti malposti dovevano essere stati intuiti dai pionieri della ortodonzia gia diversi secoli fa. Infatti, primitivi e per certi versi sorprendenti dispositivi di correzione ortodontica sono state rinvenuti in siti archeologici Greci ed Etruschi. Tuttavia per ritrovare le prime pubblicazioni di un certo rilievo scientifico bisogna attendere la metà del XIX sec., mentre è all inizio del secolo scorso che Edward H. Angle imprime il primo grande impulso agli studi in materia ortodontica codificando le Malocclusioni dentarie secondo una nomenclatura che è ancora oggi in uso. Naturalmente, come del resto in diversi settori basati sulla alta tecnologia, la fine del II conflitto Mondiale e la riconversione di grandi risorse nella ricerca bio-medica ha determinato un decisivo passo in avanti per ciò che attiene le conoscenze e le tecnologie in campo ortodontico. Rimanendo in linea con quelle che sono le attuali conoscenze nel settore, la necessità di correggere denti malposti, sporgenti o difetti del combaciamento fra le arcate è legata a 3 potenziali condizioni negative: 1- Problemi psico-relazionali correlati al cattivo aspetto estetico dei denti o del viso 2- Problemi funzionali ovvero difficoltà nella funzione masticatoria, nella deglutizione o nella fonazione 3- Problemi all apparato di sostegno dei singoli denti (parodonto) riconducibile in maniera diretta o indiretta al cattivo posizionamento dei denti. Un pò di storia: pregi, difetti ed evoluzione degli ausili utilizzati per le correzioni dei difetti. Fin dai primi anni del XX secolo sono state utilizzate per la correzione delle malposizioni dentarie apposite apparecchiature di tipo fisso o rimovibile o una combinazione di entrambi i dispositivi. Tali apparecchiature risentivano, come è ovvio che fosse, dei grandi limiti a quell epoca esistenti nella ricerca scientifica e nella tecnologica e pertanto il loro impiego veniva ad esserne in parte limitato, mentre la percentuale di trattamenti realmente efficaci rimaneva piuttosto bassa. La grandissima evoluzione in campo bio-medico, in particolare negli ultimi 25 anni, ha profondamente modificato le procedure correttive in ortodonzia offrendo una varietà di dispositivi,anche individualizzabili, in grado di affrontare e risolvere in maniera efficace le differenti anomalie nella posizione dei denti. Così alle tradizionali apparecchiature fisse in metallo poste sulla superficie buccale dei denti e pertanto esteticamente non sempre accettabili, sono state affiancate altre soluzioni che prevedono l applicazione di attacchi estetici in ceramica trasparente o addirittura di attacchi applicati direttamente sulla faccia interna dei denti. Anche per queste ragioni il numero di pazienti che venivano sottoposti a trattamenti ortodontici correttivi è andato sempre di più crescendo fino a i nostri giorni. Quali nuove tecnologie sono disponibili per risolvere il problema? Oltre alle già citate apparecchiature estetiche con attacchi in ceramica od a collocazione linguale, sono attualmente disponibili nuovi dispositivi basati su tecnologie modernissime di ricostruzione tridimensionale degli elementi dentari e di simulazione del trattamento mediante l analisi progressiva del loro movimento. Questa nuova tecnologia che ha radicalmente cambiato l approccio al piano di trattamento ortodontico per tutti quei pazienti adulti per i quali un trattamento ortodontico con metodiche tradizionali avrebbe potuto rappresentare una rilevante limitazione dal punto di vista estetico. Così è oggi possibile correggere le malposizioni dentarie senza l ausilio dei tradizionali apparecchi fissi ma impiegando una serie di confortevoli allineatori in resina termostampata individualizzati ed invisibili capaci di produrre progressivamente i movimenti desiderati senza fastidio per il paziente e soprattutto senza alcuna compromissione dell estetica del sorriso. Può spiegare i passi del procedimento nella nuova tecnica di cui lei è esperto? Quest ultima tecnica si basa sulla ricostruzione di modelli tridimensionali delle arcate dentarie mediante un processo di scansione delle impronte in silicone rilevate sul paziente ed inviate al laboratorio specializzato. Sui modelli tridimensionali così ottenuti vengono, secondo la prescrizione dello specialista, simulati i movimenti necessari al perfetto allineamento degli elementi dentari. In pratica ad ogni movimento dei denti di 0.20/0.25mm corrisponde un allineatore di forma lievemente differente che se indossato per 20 ore durante la giornata sarà capace di produrre movimenti dei denti in modo del tutto sovrapponibile ai tradizionali apparecchi fissi. Ogni singolo allineatore deve essere indossato per 2 settimane e viene sostituito dallo specialista solo a completamento del risultato desiderato. Il trattamento ha una durata media di 1anno ma a seconda della gravita del caso la durata può essere anche superiore fino a raggiungere i 2anni. E questa oggi la tecnica piu diffusa per ciò che riguarda il trattamento ortodontico in pazienti adulti offrendo,oltre ad una ottima efficacia clinica, anche una estetica ottimale.

15 PUBBLICITA SALUTE ORALE 15 La Chirurgia Maxillo Facciale Con il termine chirurgia maxillo facciale si intende quella particolare disciplina medica che si occupa di studiare e analizzare le malattie a carico della faccia, degli organi e degli apparati ad essa correlati. Tutte le patologie possono avere origine infiammatoria, malformativa, traumatica, degenerativa od oncologica. E un comparto della medicina che vede la sua nascita dall odontostomatologia, con la quale condivide la conoscenza della patologia del cavo orale. Infatti più propriamente potrebbe essere definitiva come chirurgia oro-maxillo facciale. Questa disciplina è nata con lo scopo terapeutico delle malocclusioni per le patologie malformative cranio-facciali e postraumatiche, dove si osserva una alterazione rispetto alla norma della forma e della posizione delle basi ossee del mascellare e della mandibola. All inizio infatti può essere identificata nel modo più esclusivo come chirurgia ortognatica, la quale si pone l obiettivo di ripristinare l occlusione, effettuando spostamenti spaziali sulle basi ossee maxillo mandibolari per individuare la giusta occlusione e posizione dei condili (orto) nelle articolazioni temporo mandibolari (gnato). Con il trascorrere del tempo, per gli stretti rapporti anatomo-funzionali che l apparato della masticazione, ha con l apparato della vista, dell udito, dell olfatto, del gusto, con l encefalo, con i loro annessi, e non da ultimo per l importanza assoluta dell estetica del viso della persona, la chirurgia maxillo facciale si è estesa anche alle altre discipline. La figura del chirurgo maxillo facciale, deve possedere delle buone conoscenze di chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica, di otorinolaringoiatria, di oculistica e di neurochirurgia, soprattutto riguardo al basicranio. E in pratica un chirurgo capace di armonizzare e integrare le varie discipline, attraverso una visione globale delle patologie del distretto testa collo. Si tratta comunque evidentemente di una specialità medico-chirurgica che vuole porsi l obiettivo di raggiungere possibilità atte alla risoluzione di patologie traumatiche, malformative, neoplastiche, infettive e degenerative e di problemi esteticofunzionali della faccia e dello scheletro facciale. Essa comprende tutte le fasi cliniche, diagnostiche e di imaging, nonché la scelta della terapia chirurgica indicata e il successivo assiduo e rigoroso follow-up. I settori interessati dalla disciplina sono i seguenti: traumatologia della faccia, della bocca e dell'apparato dento-scheletrico maxillo-facciale, correzione delle malformazioni congenite della faccia e della bocca, correzione delle malformazioni e deformità craniomaxillo-facciali. Inoltre comprende la chirurgia ortognatica per la correzione delle malocclusioni e delle deformità dei mascellari, la chirurgia dell'orbita (malformativa, traumatologica, oncologica, estetica), la chirugia oncologica della bocca, delle ghiandole salivari e della faccia. Individua anche attività nella chirurgia ricostruttiva ossea dei mascellari e dello scheletro facciale, nella chirurgia preimplantologica e preprotesica della bocca, nell implantologia e nella chirurgia orale, e nella chirurgia dell'articolazione mandibolare e si occupa delle patologie infiammatorie dei mascellari e della faccia, della microchirurgia ricostruttiva di ossa, tessuti molli e nervi, con trapianti rivascolarizzati da altri distretti corporei (lembi liberi). La maggior parte degli interventi di chirurgia maxillo-facciale viene effettuata in regime di ricovero, ricorrendo nei casi più importanti all anestesia generale, data la complessità e la durata degli interventi. I casi più semplici possono essere svolti in anestesia locale od in sedoanalgesia. L'Istituto Stomatologico Italiano L Istituto Stomatologico Italiano rappresenta una delle più importanti realtà di Milano: da sempre infatti è Intervista a Guido Gallini, radicato un legame con la città e suoi abitanti. Il trend è in continua crescita, motivato anche dalla gamma dei servizi Direttore Scientifico Istituto Stomatologico Italiano offerti soprattutto in periodi straordinari, quali ad esempio il periodo estivo, dove l Istituto diventa un punto di riferimento sempre aperto a disposizione dei pazienti. Tutto ciò è unito ad una struttura accogliente, moderna, efficiente ed in costante evoluzione. Numerose sono le attività culturali e scientifiche, che vedono la partecipazione di numerosi operatori del settore per aggiornamenti professionali. La mission dell Istituto è proprio quella di diventare un punto di riferimento nel campo dell odontoiatria e della chirurgia maxillo-facciale, offrendo ai pazienti trattamenti qualitativamente elevati, e porsi quale centro di formazione, sia teorica che pratica. L ISI è un ambiente ideale per la formazione di nuovi odontoiatri: questi neolaureati affrontano un percorso nei principali reparti per un periodo minimo di due anni, e una volta terminato l addestramento vi è la possibilità per i migliori di loro di rimanere all interno dell Istituto grazie a numerose borse di studio. Questi risultano Guido Gallini, Direttore Scientificvo Istituto Stomatologico Italiano Vuole descrivere quali sono i risultati raggiunti dall ISI negli ultimi anni? Possiamo essere orgogliosi del successo della nostra attività culturale, che nel 2006 ha previsto l organizzazione di 71 eventi (tra cui 43 corsi e 28 serate), con 2200 presenze e la distribuzione di 6800 punti ECM e nel 2007 l aggiornamento prevede un numero di incontri ancora maggiore. Con questi corsi di aggiornamento vogliamo fornire al dentista generico un supporto che gli permetta di orientarsi nelle varie branche di una specialità in continua evoluzione, per aiutarlo a confrontarsi con pazienti sempre più questa importante figura professionale. Quale approccio utilizzate con i pazienti? Quali sono le risorse a disposizione per le cure? L accesso alle prestazioni odontoiatriche per alcune categorie di pazienti è in concreto quasi impossibile negli ambulatori privati, e poiché le aziende sanitarie pubbliche svolgono un ruolo marginale rispetto ai bisogni del territorio, di fatto Isi rappresenta per questi pazienti una concreta possibilità di cura sul territorio lombardo e dell Italia settentrionale. In realtà il budget a noi assegnato dal SSN per le prestazioni di chirurgia maxillo-facciale è ben al di sotto delle nostre potenzialità: per il 2004 e per il 2005 il superamento del budget assegnato dalla regione Lombardia è stato abbondantemente superato. Quali sono le reali possibilità di cura offerte ad un paziente che essere gli obiettivi che l ISI si è posto fin dalla sua nascita. Si offre anche come punto di cura per categorie svantaggiate quali anziani, bambini e pazienti portatori di gravi patologie che non possono essere curati in normali studi dentistici, offrendo a ciascuno prestazioni mediche a costi molto contenuti e sostenendo a proprie spese i costi aggiuntivi che ne derivano. Oggi l ISI è sede di un Poliambulatorio Odontoiatrico tra i più qualificati, che eroga prestazioni in regime privatistico e di una casa di cura di chirurgia maxillo-facciale che opera sia in regime di accreditamento con l SSN sia in regime privato. I reparti presenti coprono tutte le specialità dell odontoiatria: chirurgia, conservativa, endodonzia, protesi, gnatologia, ortodonzia, igiene orale, parodontologia, implantologia, patologia orale e i nuovi reparti di laser terapia e odontoiatria biologica. A tali reparti si affiancano i servizi di diagnostica per immagini, un laboratorio per analisi cliniche e un servizio di medicina interna e cardiologia. attenti alla loro salute e ai trattamenti disponibili sul mercato. Che tipo di approccio avete realizzato con la ricerca universitaria e la cultura in campo odontoiatrico? Il nostro scopo è far convergere all Istituto le più importanti figure del panorama odontoiatrico italiano e internazionale, e anche per questo sono sempre in atto scambi scientifici con le Università di Milano, Pavia, Genova, Goteborg, Basilea, Zurigo, Barcellona, Vienna e con il New York University College of Dentistry. Con gli ISI days in particolare diamo l occasione ai partecipanti di mettere in atto uno scambio con i nostri clinici, attivando una serie di corsi pratici all interno dei nostri reparti tenuti dai capi reparto stessi, affiancati dalle rispettive equipe. L Isi mette a disposizione la propria struttura e la propria esperienza agli odontoiatri neolaureati, che vi si formano seguendo un percorso nei principali reparti per un periodo minimo di due anni: i migliori si fermano poi in Istituto aiutati da borse di studio. Corsi di aggiornamento sono anche dedicati alle assistenti alla poltrona, dato che ISI è sede dal 1993 del corso di formazione di necessità del vostro intervento? In quasi cento anni di attività l Istituto Stomatologico ha dato vita a una struttura ampia e articolata, all interno della quale trovano posto reparti che coprono tutte le specialità dell odontoiatria (conservativa, edodonzia, chirurgia, protesi, gnatologia, ortodontia, igiene orale, parodontologia e implantologia, patologia orale e i nuovi reparti di laser terapia e odontoiatria biologica) erogate in regime ambulatoriale e anche un reparto per la degenza. Nella casa di cura di chirurgia maxillo-facciale infatti, dove vengono trattate deformità del volto, neoplasie del cavo orale e del distretto maxillo-facciale, problematiche di chirurgia preprotesica e lesioni traumatiche, sono disponibili 60 posti letto distribuiti in 27 camere; in questa stessa struttura è stata anche attivata una sezione per la chirurgia endoscopica dei seni paranasali. A tali reparti si affiancano i servizi di diagnostica per immagini, il laboratorio per le analisi cliniche e un servizio di medicina interna e cardiologia che opera in sinergia con il reparto di chirurgia maxillo-facciale, ed è anche a disposizione degli odontoiatri esterni per eventuali consulenze di medicina generale.

16 TUUOMINI, DONNE E BAMBINI. BRUXISMO COLPISCE IL 50% DELLA POPOLAZIONE. TUIL BRUXI NOVITA? Il bruxismo è l atto involontario di stringere i denti e digrignarli. É una patologia attribuibile allo stress, ed è più frequente durante il sonno. É causa di: - USURA DELLO SMALTO - SENSIBILITA DENTALE - TENSIONI MUSCOLARI - EMICRANIE - DISTURBI DEL SONNO IO NON PIÙ, ORA NON STRINGO E NON DIGRIGNO PIU I DENTI Solo l uso di un Bite, durante la notte, può prevenire i danni da bruxismo e migliorare la qualità del sonno. Dr.Brux è la soluzione economica, pratica e confortevole per avere subito il tuo Bite. Euro 69 DR. BRUX, IL PRIMO E L UNICO CONSIGLIATO DAL DENTISTA. SI MODELLA IN 1 MINUTO IN FARMACIA

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi STUDIO MEDICO DENTISTICO ROTA - Ripa - 20800 - BASIGLIO (MI) Tel: 02 90753222 Fax: 02 90753222 E-mail:maurorota2002@libero.it P.IVA

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

in:joy Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico.

in:joy Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico. Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico. è un nuovo composito fotopolimerizzabile per rivestimenti estetici di alta qualità. E adatto per la polimerizzazione

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Un legame stabile. Oliver Brix. Oliver Brix - Eris for E2 - Special Edition

Un legame stabile. Oliver Brix. Oliver Brix - Eris for E2 - Special Edition Oliver Brix Un legame stabile file:///c /infodental.it/articoli/oliver%20brix/art1/art1.html (1 of 17)28/07/2006 16.11.35 Dal 1998 esiste il sistema di ceramica a termopressione IPS Empress 2 per la realizzazione

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia

informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia Buon giorno, prima di affrontare un trattamento ortodontico, desideriamo darle alcune informazioni

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

1 di 2 04/10/2012 10:12

1 di 2 04/10/2012 10:12 http://fe-mn-andi.mag-news.it/nl/n.jsp?6o.vp.a.a.a.a 1 di 2 04/10/2012 10:12 Numero 4 - Novembre 2010 Il potere degli eletti : come lo interpretano alcuni e cosa ne penso io. Uno dei temi che sicuramente

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16 Diabete di tipo 2 ed Obesità Serie N.16 Guida per il paziente Livello: facile Diabete di tipo 2 ed Obesità - Serie 16 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera,

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

LUNA for MEN MANUALE UTENTE COMPLETO PREPARA IL TUO VISO PER UNA RASATURA MIGLIORE, PULISCE A FONDO E RIDUCE I SEGNI DELL INVECCHIAMENTO

LUNA for MEN MANUALE UTENTE COMPLETO PREPARA IL TUO VISO PER UNA RASATURA MIGLIORE, PULISCE A FONDO E RIDUCE I SEGNI DELL INVECCHIAMENTO LUNA for MEN MANUALE UTENTE COMPLETO PREPARA IL TUO VISO PER UNA RASATURA MIGLIORE, PULISCE A FONDO E RIDUCE I SEGNI DELL INVECCHIAMENTO Congratulazioni per aver acquistato LUNA for MEN, il dispositivo

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Pulizia e igiene... semplicemente

Pulizia e igiene... semplicemente Aspirapolvere centralizzato www.sistemair.it Pulizia e igiene... semplicemente La forza del sistema sta nella sua semplicità: con un tubo flessibile pulisci tutta la casa! 4 2 3 1 1 Centrale aspirante

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli