FOCUS FINANZIAMENTI UE SALUTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FOCUS FINANZIAMENTI UE SALUTE"

Transcript

1 FOCUS FINANZIAMENTI UE SALUTE

2 INDICE I FINANZIAMENTI EUROPEI PER LA SALUTE... 1 I. Il programma d'azione comunitaria in materia di salute Come funziona?... 2 Chi può partecipare?... 2 Come funziona il finanziamento?... 3 II. Il Programma Europeo per i Consumatori ( )... 4 Come funziona?... 4 Chi può partecipare?... 5 Come funziona il finanziamento?... 6 III. Il Programma Formazione migliore per cibo più sicuro (Better Training for safer Food Initiative)... 6 Come funziona?... 7 Chi può partecipare?... 7 Come funziona il finanziamento?... 7 IV. La Priorità Salute nel Settimo Programma Quadro per la Ricerca e lo Sviluppo Tecnologico... 8 Come funziona?... 8 Chi può partecipare?... 9 Come funziona il finanziamento?... 9

3 I FINANZIAMENTI EUROPEI NEL SETTORE DELLA SALUTE La salute rientra fra i temi in cui l Unione Europea ha una competenza concorrente rispetto agli Stati Membri, e conseguentemente le sue politiche integrano le azioni da loro implementate in questo settore. E possibile ottenere dei finanziamenti per attività nel settore della sanità nel quadro dei seguenti programmi: - Il Secondo Programma Europeo per la Salute ( ) - uno strumento chiave di supporto agli obiettivi della Strategia Europea per la salute con una dotazione di più di 300 milioni di euro; - Il Programma Europeo per i Consumatori ( ); - Il Programma per il miglioramento della sicurezza alimentare (Better Training for safer Food Initiative); - Il Settimo Programma Quadro per la Ricerca e lo Sviluppo Tecnologico priorità Salute. 1

4 I. Il programma d'azione comunitaria per la salute Il programma d'azione comunitaria per la salute è entrato in vigore il 1 gennaio 2008 ed è il principale strumento della Commissione per attuare la strategia europea per la salute. Il programma si articola su tre obiettivi generali, e su diversi obiettivi specifici: - Miglioramento della sicurezza sanitaria dei cittadini (migliorare la prevenzione ed il controllo delle malattie trasmissibili esistenti o emergenti; migliorare la preparazione e la reazione ad emergenze sanitarie, inclusi i cambiamenti climatici, le questioni relative alla pandemia influenzale, la cooperazione interregionale; sviluppare la prevenzione nel campo della sicurezza del paziente; approfondire la ricerca scientifica sulla sicurezza del sangue, dei tessuti, delle cellule e degli organi); - Promozione della salute e del benessere (promuovere stili di vita più sani e combattere le disuguaglianze sanitarie; sviluppare strategie nel campo della salute sessuale dei giovani - HIV/AIDS:promuovere la prevenzione dei disturbi mentali e della tossicodipendenza attraverso iniziative indirizzate ai giovani; perfezionare strumenti di prevenzione delle malattie gravi, croniche e malattie rare - problemi cardiovascolari, autismo, malattie neurodegenerative); - Diffusione e condivisione delle conoscenze scientifiche (favorire lo scambio di conoscenze, esperienze e buone pratiche in materia di salute). Il programma è gestito dalla Commissione, DG Salute e Consumatori, con l'assistenza dell'agenzia esecutiva per la salute ed i consumatori (EAHC) ed ha un bilancio totale pari a euro. Come funziona? I settori prioritari ed i criteri per il finanziamento delle azioni promosse nel quadro del Programma per la salute sono stabiliti ogni anno in un piano di lavoro specifico. In relazione ai 3 obiettivi generali ed ai vari obiettivi specifici sopraelencati viene pubblicato un invito a presentare proposte, con la descrizione degli schemi di finanziamento disponibili e delle procedure da seguire. Le organizzazioni interessate sono quindi invitate a presentare proposte con il loro programma di lavoro e la prova della loro capacità finanziaria ed operativa. Le proposte sono poi valutate dalla Commissione e dall'agenzia esecutiva per la salute ed i consumatori, assistita da esperti esterni, selezionati attraverso inviti a manifestare interesse. Se il progetto viene considerato finanziabile è aperta una procedura di negoziazione del contributo finanziario e la sottoscrizione di una convenzione di sovvenzione. Chi può partecipare? I bandi del Programma Salute sono aperti alla partecipazione delle organizzazioni dei paesi UE, dei paesi aderenti allo Spazio Economico Europeo (Islanda, Liechtenstein e Norvegia), dei paesi della 2

5 politica europea di vicinato e dei paesi dei Balcani occidentali secondo i loro specifici accordi con l'ue. La partecipazione è aperta ad una vasta gamma di organizzazioni, tra cui: Gli istituti di ricerca e università Le autorità pubbliche ONG imprese commerciali Anche le organizzazioni di paesi terzi possono contribuire a raggiungere gli obiettivi del programma. Tali organizzazioni infatti possono essere invitate a partecipare ad un progetto dai partner di paesi partecipanti al Programma, se il loro contributo è considerato utile. Tuttavia, esse non possono né contribuire finanziariamente né ricevere alcun finanziamento dal programma. Come funziona il finanziamento? I meccanismi di finanziamento differiscono a seconda del tipo di progetto e sono definiti ogni anno nel piano di lavoro del programma. Per il Programma Salute 2010 gli inviti a presentare proposte sono stati pubblicati nel dicembre del 2009 e il termine ultimo per la presentazione dei progetti era fissata al 19 marzo Salvo diversa indicazione nell invito a presentare proposte, il principio di base è il cofinanziamento: la Commissione eroga sovvenzioni che coprono una determinata percentuale dei costi complessivi eleggibili dei progetti. Il Programma Salute prevede 5 tipologie di finanziamento: le sovvenzioni per progetti, gli Operating grants, i finanziamenti per l organizzazione di conferenze, le azioni congiunte, e i bandi di gara. - Le sovvenzioni per progetti sono indirizzate ad organizzazioni non governative, enti pubblici, amministrazioni pubbliche, università, istituti di istruzione superiore, istituti di ricerca pubblici e privati e imprese commerciali aventi sede in uno Stato membro, in uno Stato parte dello spazio SEE e/o in Croazia. Normalmente può essere coperto dal contributo comunitario fino al 60% dei costi ammissibili del progetto. In casi di utilità eccezionale, i progetti possono ricevere fino all 80% di co-finanziamento dei costi ammissibili. - Gli Operating Grants forniscono sostegno finanziario per il funzionamento di una organizzazione nella sua attività di base - in un periodo che è equivalente al suo esercizio contabile. Beneficiari di questa tipologia di sovvenzione possono essere organismi non governativi o reti specializzate, non a scopo di lucro, di natura industriale, commerciale o professionale, che abbiano membri in almeno la metà degli Stati membri, e siano quindi attivi a livello europeo e abbiano come loro obiettivo principale uno o più obiettivi del programma di salute dell'unione europea. Normalmente può essere coperto dal contributo comunitario fino al 60% dei costi ammissibili del progetto. In casi di utilità eccezionale, i progetti possono ricevere fino all 80 % di co-finanziamento dei costi ammissibili. - Sono previsti finanziamenti per l organizzazione di conferenze che abbiano come scopo principale una o più priorità del piano di lavoro annuale sulla Salute, abbiano una dimensione europea - coinvolgendo i rappresentanti di almeno dieci paesi partecipanti al programma - siano organizzate da un ente pubblico o senza scopo di lucro stabilito in un paese partecipante al programma Salute con esperienza nella cooperazione a livello UE. - L azione congiunta è un approccio di gestione particolarmente utile quando le organizzazioni si trovano ad affrontare un nuovo problema ed hanno la necessità di sviluppare nuovi modi per risolverlo. Lo scopo è quello di finanziare le attività congiunte 3

6 della Commissione, dei governi nazionali o delle autorità pubbliche degli Stati membri, al fine di attuare gli obiettivi della politica della Salute definiti collettivamente - I Bandi di gara hanno l'obiettivo di finanziare la fornitura di servizi, l'esecuzione dei lavori, la fornitura di beni o di stipulare contratti di costruzione. Il piano di lavoro Salute per il 2010 prevede il lancio di un numero considerevole di gare d'appalto per la fornitura di servizi, in particolare per la preparazione di studi, indagini e analisi riguardanti diversi settori della sanità pubblica. Sono stati infatti pubblicati fino ad ora per il Programma Salute bandi, di cui uno ancora aperto (per finanziare uno studio sullo stato dei sistemi di salute mentale degli Stati membri con scadenza fissata al 21 settembre 2010). Per una visione più dettagliata delle attività finanziabili e l ammontare delle sovvenzioni per ogni tipologia di finanziamento si rimanda al quadro sinottico riepilogativo in allegato. Per informazioni sul Programma Salute è possibile contattare il Punto di Contatto Nazionale: Dr Giovanni NICOLETTI (Focal Point EAHC) Ministero della Salute Dipartimento della Prevenzione e della Comunicazione - Ufficio III Viale Giorgio Ribotta, Roma Tel: Fax: II. Il Programma Europeo per i Consumatori ( ) Il Programma Europeo per i consumatori , adottato dal Consiglio e dal Parlamento europeo il 18 dicembre 2006 (decisione 1926/2006/CE), costituisce il quadro finanziario di riferimento della politica europea dei consumatori con una dotazione totale di Come funziona? Come per il Programma Salute, ogni anno la Commissione pubblica il programma di lavoro annuale specifico. Per l anno corrente è stato pubblicato il 21 dicembre Obiettivi del Programma sono: - Assicurare un grado elevato di tutela dei consumatori, in particolare migliorando le conoscenze disponibili, la consultazione e la rappresentanza degli interessi dei consumatori; - Assicurare un applicazione efficace delle regole in materia di tutela dei consumatori, in particolare attraverso misure nel campo della cooperazione diretta a garantire l esecuzione delle norme, dell informazione, dell educazione e dei mezzi di impugnazione. Per ogni obiettivo sono previste diverse attività, quali: 4

7 - la raccolta, lo scambio e l analisi di dati ed informazioni che forniscano una base di conoscenze per sviluppare la politica dei consumatori e per fornire una base di conoscenze in materia di sicurezza dei beni e servizi di consumo, compresa l'esposizione dei consumatori alle sostanze chimiche liberate dai prodotti, i rischi e le lesioni connesse con specifici beni e servizi di consumo e l'analisi tecnica delle notifiche di allarme, - Il sostegno alla fornitura di pareri scientifici ed alla valutazione dei rischi, - L elaborazione di iniziative legislative e di altre iniziative normative, nonché la promozione di iniziative di coregolamentazione e di autoregolamentazione, - La concessioni di contributi finanziari al funzionamento delle organizzazioni europee di consumatori, - Il rafforzamento delle capacità delle organizzazioni regionali, nazionali ed europee dei consumatori, in particolare attraverso la formazione e lo scambio di buone pratiche e di esperienze dei membri del personale, soprattutto per le organizzazioni dei consumatori degli Stati membri che hanno aderito all'unione europea il o dopo il 1 maggio 2004, - Attività dirette a migliorare l'effettiva applicazione della legislazione comunitaria relativa alla tutela dei consumatori, - Consulenza giuridica e tecnica, compresi studi, per il Controllo e la valutazione tanto del recepimento e dell'applicazione da parte degli Stati membri della legislazione in materia di tutela dei consumatori quanto dell'attività svolta dagli Stati membri per garantire l'esecuzione di tale normativa, - Azioni riguardanti l'informazione, la consulenza e i mezzi di ricorso, - Azioni in materia di educazione dei consumatori. Chi può partecipare? A seconda della tipologia di finanziamento e dell attività promossa i contributi finanziari possono essere assegnati ad: - Organismi pubblici o organismi senza scopo di lucro designati mediante una procedura trasparente dallo Stato membro o dall autorità competente interessati e accettati dalla Commissione, - Istituzioni d istruzione superiore degli Stati membri, dei paesi parte dell accordo SEE, dei paesi ai quali si applica la politica europea di vicinato, quelli che hanno presentato domanda di adesione, i candidati all adesione e i paesi in via d adesione all UE, - Studenti ed insegnanti che partecipano ai corsi integrati europei di specializzazione postlaurea su materie riguardanti la politica dei consumatori, - Funzionari addetti a controllare l'esecuzione delle norme per la tutela dei consumatori di cui al regolamento (CE) n. 2006/2004 e alla direttiva 2001/95/CE. - Organizzazioni europee dei consumatori le quali: (a) non siano organismi governativi, siano senza scopo di lucro, (b) siano indipendenti da interessi industriali, commerciali e da altri interessi confliggenti, ed abbiano come loro obiettivi ed attività principali la promozione e la tutela della salute, della sicurezza e degli interessi economici e giuridici dei consumatori nella Comunità; (c) siano state delegate a rappresentare gli interessi dei consumatori a livello comunitario da organizzazioni nazionali di almeno la metà degli Stati membri, le quali a loro volta rappresentino i consumatori, conformemente alle norme alla prassi nazionali, siano attive a livello regionale o nazionale; e (d) abbiano fornito alla Commissione informazioni soddisfacenti per quanto riguarda i loro membri, le loro regole interne e le loro fonti di finanziamento. 5

8 Come funziona il finanziamento? I contributi finanziari della Comunità possono assumere la forma di: a) borse di studio per la mobilità individuale di insegnanti e di studenti nell'ambito dei corsi integrati europei di specializzazione post-laurea su materie riguardanti la politica dei consumatori; b) indennità di viaggio e di soggiorno per lo scambio di funzionari addetti a controllare l'esecuzione delle norme. Come per il Programma Salute, il principio di base è il cofinanziamento. I contributi finanziari della Comunità non superano le seguenti soglie: - il 50 % dei costi delle azioni finanziate congiuntamente dalla Comunità e da uno o più Stati membri, o dalla Comunità e dalle autorità competenti dei paesi terzi partecipanti, salvo in casi di azioni di utilità eccezionale, per i quali il contributo comunitario non può eccedere il 70 %; - l'85 % dei costi delle azioni intese a sviluppare corsi integrati europei di specializzazione post-laurea su materie riguardanti la politica dei consumatori; - il 50 % delle spese di funzionamento delle organizzazioni europee dei consumatori; - il 95 % delle spese di funzionamento delle organizzazioni europee dei consumatori che rappresentano gli interessi dei consumatori nell'ambito dello sviluppo di norme sui prodotti e sui servizi a livello comunitario. Ogni anno vengono pubblicati inviti a presentare proposte e bandi di gara per l affidamento di servizi. Attualmente sono aperti 3 bandi che offrono sovvenzioni per il funzionamento delle organizzazioni europee dei consumatori. Per i dettagli si veda il quadro sinottico allegato. III. Il Programma Formazione migliore per cibo più sicuro (Better Training for safer Food Initiative) Il Programma Formazione migliore per cibo più sicuro (BTSF) è una iniziativa della Commissione Europea finalizzata a migliorare le pratiche per la produzione di alimenti più sicuri, a maggiore tutela dei consumatori. Il BTSF -che è ormai al suo quarto anno di attività- mira a formare il personale di controllo degli Stati Membri e gli operatori dei Paesi Terzi che si occupino di questioni alimentari, veterinarie e fitosanitarie, affrontando anche le tematiche più recenti, come la normativa relativa ai mangimi e l analisi degli organismi geneticamente modificati. I programmi riguardano circa 20 diversi settori, dalla normativa su alimenti e mangimi, alle regole del benessere animale, fino a quelle sulla salute dei vegetali. Nell ambito del Programma sono promossi anche corsi di formazione organizzati per operatori dei paesi terzi, provenienti in particolare da paesi in via di sviluppo nell obiettivo di contribuire a facilitare l'accesso al mercato UE dei prodotti provenienti da questi paesi. Mentre la Commissione definisce la politica e la strategia generale per la migliore formazione per alimenti più sicuri, l'agenzia esecutiva mette in pratica questa iniziativa con la gestione di tutte le fasi dei progetti: il lancio di bandi di gara, la valutazione delle offerte, l'aggiudicazione degli appalti, e la supervisione della loro attuazione. La base giuridica dell iniziativa è l'articolo 51 del regolamento (CE) n. 882/2004 Regolamento (CE) 6

9 n. 882/2004 relativo ai controlli ufficiali intesi a verificare la conformità in materia di mangimi e di alimenti, salute degli animali e sul benessere degli animali. L'obiettivo principale del Programma "Formazione migliore per cibo più sano" è l'organizzazione e lo sviluppo di una strategia di formazione comunitaria, al fine di: - Garantire e mantenere un elevato livello di tutela dei consumatori e della salute e del benessere degli animali e dei vegetali; - Promuovere un approccio armonizzato per il funzionamento dei sistemi di controllo comunitari e nazionali; - Favorire una condizione di equità per tutte le imprese alimentari; - Promuovere il commercio di alimenti sicuri, - Garantire meccanismi di commercio equo con i paesi terzi e in particolare con i paesi in via di sviluppo. Come funziona? I corsi di formazione BTSF sono organizzati per conto dell EAHC da diverse società che forniscono i migliori specialisti e formatori del settore. I corsi sono organizzati in varie località nell'unione europea e nei paesi terzi. La lista dei seminari e corsi organizzati è consultabile sul sito dell EAHC. Chi può partecipare? I corsi sono gratuiti per i funzionari governativi impegnati nei controlli sulla sicurezza degli alimenti e dei mangimi nei paesi selezionati. Come funziona il finanziamento? Per iscriversi a uno di questi corsi di formazione, è sufficiente controllare il calendario dei corsi di formazione pubblicato sul sito dell Agenzia Esecutiva per la Salute ed i Consumatori ed individuare un corso di interesse e presentare la domanda di partecipazione al Punto di contatto nazionale. Per l Italia il Punto di Contatto Nazionale è: Ms Dr. Francesca Calvetti Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Via G. Ribotta 5, Roma Tel Fax

10 IV. La Priorità Salute nel Settimo Programma Quadro per la Ricerca e lo Sviluppo Tecnologico La salute è una delle dieci priorità in cui si articola il programma Cooperazione del Settimo Programma Quadro Con una dotazione di oltre 6 miliardi di euro per i sette anni di programmazione ( ), le azioni promosse nell ambito della priorità Salute mirano a migliorare la salute dei cittadini europei, ad aumentare e rafforzare la competitività e la capacità innovativa delle industrie e delle imprese europee che operano nel settore sanitario. Nell'ambito di questo programma vengono affrontate anche questioni sanitarie mondiali, quali quelle relative alle epidemie emergenti. Le tematiche chiave del programma sono la ricerca traslazionale, lo sviluppo e la convalida di nuove terapie e di nuovi metodi per la promozione di strumenti diagnostici e tecnologie mediche di invecchiamento sano, e di sistemi sanitari sostenibili ed efficienti. Nell ambito della ricerca clinica è posta una particolare attenzione alle malattie, quali il cancro, malattie cardiovascolari, infettive, mentali e neurologiche, e in particolare quelle legate all'invecchiamento, quali quelle di Alzheimer e Parkinson. La ricerca sanitaria finanziata nell ambito di questo programma si concentra su: Biotecnologia, strumenti generici e tecnologie mediche per la salute umana: - Ricerca con metodi ad alta resa, - Individuazione, diagnosi e monitoraggio, - Previsione di adattabilità, sicurezza e efficacia terapeutica, - Approcci terapeutici ed interventi innovativi. Traslazione della ricerca per la salute umana: - Integrazione di dati e processi biologici, - Ricerca sul cervello e sulle malattie celebrali, sullo sviluppo umano e sull invecchiamento, - Ricerca traslazionale in materia di malattie infettive (HIV/AIDS, malaria, tubercolosi, sindrome respiratoria acuta grave (SARS), influenza aviaria), - Ricerca traslazionale in materia di malattie gravi: cancro, malattie cardiovascolari, diabete/obesità, malattie rare, altre malattie croniche comprese affezioni reumatoidi, artrite e malattie muscoloschelettriche. Ottimizzazione dei servizi sanitari offerti ai cittadini europei: - Traduzione dei risultati clinici in pratica clinica, - Qualità, efficienza e solidarietà dei sistemi sanitari compresi i sistemi sanitari in transizione e le strategie di assistenza agli anziani, - Promozione della prevenzione di malattie e miglioramento dell uso dei farmaci, - Uso opportuno di nuove terapie e tecnologie sanitarie. Come funziona? Esistono diversi schemi di finanziamento: - Progetti di collaborazione: progetti di Ricerca e Sviluppo condotti da consorzi finalizzati a sviluppare nuove conoscenze, prodotti, tecnologie; - Azioni di coordinamento e sostegno: azioni destinate al coordinamento o al sostegno di attività e politiche in materia di ricerca nel campo della Sanità; - Progetti individuali: progetti svolti da singole equipe di ricercatori, applicabili anche a progetti di ricerca di frontiera ; 8

11 - Progetti di collaborazione per specifiche azioni di cooperazione: in partenariato con enti di ricerca di paesi terzi partner della cooperazione internazionale. Chi può partecipare? Per regola generale i bandi sono aperti alla partecipazione di qualsiasi impresa, università, centro di ricerca o qualsiasi soggetto giuridico, stabilito in uno Stato membro, un paese associato o un paese terzo. La regola di base prevede la costituzione di partenariati tra almeno 3 soggetti giuridici indipendenti stabiliti in 3 Stati membri o associati, tuttavia ogni bando può stabilire delle condizioni specifiche rispetto al numero minimo ed al tipo di partecipanti, ai criteri di valutazione delle idee progettuali. Come funziona il finanziamento? La Commissione Europea concede dei finanziamenti sotto forma di rimborso dei costi eleggibili con soglie massime stabilite a seconda dello schema di finanziamento e della tipologia di partner. Di seguito riportiamo un quadro riassuntivo delle percentuali di contributo che è possibile ricevere. Attività Ricerca e sviluppo tecnologico Enti pubblici, Istituti di istruzione secondari e superiori, Organizzazioni di ricerca, PMI Tipologia di partner Tutte le altre tipologie di partner 75% 50% Attività di dimostrazione 50% 50% Management, Audit ed altre attività Azioni di coordinamento e supporto Azioni per formazione e sviluppo della carriera dei ricercatori 100% 100% 100% 100% 100% 100% Attualmente sono aperti 3 bandi del 7PQ nel settore della Sanità. Per un dettaglio sulle scadenze e sui criteri di partecipazione si veda il quadro sinottico allegato. Per maggiori informazioni sul FOCUS FINANZIAMENTI UE SALUTE contattare: Lucio Bernardini Papalia REGIONE BASILICATA, Coordinatore Sprint Servizio Europa Tel. (+32) (0) Fax. (+32) (0) Avenue des Arts, 19 AD 1000 Brussels (Belgium) 9

DECISIONE N. 1926/2006/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DECISIONE N. 1926/2006/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 30.12.2006 L 404/39 DECISIONE N. 1926/2006/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 18 dicembre 2006 che istituisce un programma d'azione comunitaria in materia di politica dei consumatori (2007-2013)

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA. Codice Fiscale - 80000030181 Settore Cultura, Turismo, Innovazione Tecnologica, Politiche della Scuola, Giovani e PO

PROVINCIA DI PAVIA. Codice Fiscale - 80000030181 Settore Cultura, Turismo, Innovazione Tecnologica, Politiche della Scuola, Giovani e PO PROVINCIA DI PAVIA Codice Fiscale - 80000030181 Settore Cultura, Turismo, Innovazione Tecnologica, Politiche della Scuola, Giovani e PO COMMISSIONE UE - PROGRAMMA D AZIONE COMUNITARIO IN MATERIA DI SANITA

Dettagli

Studio Professionale AM Consulting

Studio Professionale AM Consulting La seguente scheda fornisce solo alcune informazioni di carattere generale e non è da considerarsi esaustiva, si rimandano gli approfondimenti a un momento successivo con le parti interessate. SALUTE 2008-2013

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

L Unione europea: 500 milioni di abitanti, 27 paesi

L Unione europea: 500 milioni di abitanti, 27 paesi L Unione europea: 500 milioni di abitanti, 27 paesi Stati membri dell Unione europea Paesi candidati Dott.ssa Stefania Zanna La ricerca: investire nella società della conoscenza Spesa per ricerca e sviluppo

Dettagli

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Programma UE LIFE 2014-2020 Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Regolamento UE n. 1293/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio dell 11 dicembre 2013 istituisce il Programma per l ambiente

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020

IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Workshop Politiche di Integrazione Socio- Sanitaria: modelli a confronto e sfide per un futuro sostenibile IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Cittadella, 23-24 settembre 2014 IL

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 9.1.2004 L 5/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) DECISIONE N. 20/2004/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell'8 dicembre 2003 che stabilisce un quadro generale

Dettagli

2014-2020. Terzo programma dell'ue in materia di salute

2014-2020. Terzo programma dell'ue in materia di salute 2014-2020 Terzo programma dell'ue in materia di salute Articolo 168 del Trattato sul funzionamento dell Unione Europea (TFUE) Report Together for Health. Documento Investing in Health. Comunicazione della

Dettagli

Gestione diretta: I programmi comunitari

Gestione diretta: I programmi comunitari Gestione diretta: I programmi comunitari Modalità Strumenti Gestione diretta Programmi UE a finanziamento diretto IPA ENI 4 Strumenti geografici PI DCI Assistenza esterna EIDHR 3 Strumenti tematici IfS

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Click toeditmaster titlestyle

Click toeditmaster titlestyle LifelongLearningProgramme: opportunità per vivere l Europa Servizio istruzione, università e ricerca Centro risorse per l istruzione e l orientamento Punto di diffusione per il FVG delle rete Euroguidance

Dettagli

PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013

PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013 PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013 Il Background del Programma LLP Dichiarazione di Bologna (1999): costruzione di uno spazio europeo dell istruzione superiore Consiglio di Lisbona (2000):

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Assessorato Attività Economiche Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità

Dettagli

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto dall'iter alle reti: Implementazione Sportello Unico Rassegna delle principali possibilità di finanziamento a disposizione

Dettagli

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000)

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) «DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) COME NASCE? Il programma subentra a tre programmi che sono stati operativi nel periodo 2007-2013, ovvero i programmi specifici Daphne III e

Dettagli

Come accedere ai. finanziamenti dell UE. in via diretta? M. Adele Camerani Cerizza Esperta finanziamenti europei e consulente Sunesys

Come accedere ai. finanziamenti dell UE. in via diretta? M. Adele Camerani Cerizza Esperta finanziamenti europei e consulente Sunesys M. Adele Camerani Cerizza Esperta finanziamenti europei e consulente Sunesys Come accedere ai finanziamenti dell UE in via diretta? Le risorse finanziarie del bilancio comunitario messe a disposizione

Dettagli

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a presentare proposte

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a presentare proposte EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura Invito a presentare proposte EACEA 29/2015 : Sostegno a favore di progetti di cooperazione europei Attuazione del regime del sottoprogramma Cultura Europa

Dettagli

Workshop sulla Sicurezza degli Alimenti Parma 5 maggio 2011. Gisèle Gizzi Ufficio del Direttore Esecutivo

Workshop sulla Sicurezza degli Alimenti Parma 5 maggio 2011. Gisèle Gizzi Ufficio del Direttore Esecutivo Workshop sulla Sicurezza degli Alimenti Parma 5 maggio 2011 Gisèle Gizzi Ufficio del Direttore Esecutivo 1 Com è nata l EFSA Origini Serie di emergenze alimentari (per es. BSE, diossine) Perdita di fiducia

Dettagli

Lifelong Learning Programme - Programma di apprendimento permanente

Lifelong Learning Programme - Programma di apprendimento permanente Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il trattato UE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Articolo 149 Contribuire allo sviluppo della qualità dell istruzione

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili

STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili Dott. Marco Orazi Dott. Michele Archetti Dott.ssa Paola Porcellana Dott.ssa Mara Zanatta Dott.ssa Francesca Lodrini Dott. Massimo Colombo Dott.ssa

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento

Dettagli

Se questo messaggio non è visualizzato correttamente, usa questo link. NEWSLETTER "L'EUROPA IN LINEA" - ANNO VII n 03 del 24.03.

Se questo messaggio non è visualizzato correttamente, usa questo link. NEWSLETTER L'EUROPA IN LINEA - ANNO VII n 03 del 24.03. Se questo messaggio non è visualizzato correttamente, usa questo link NEWSLETTER "L'EUROPA IN LINEA" - ANNO VII n 03 del 24.03.2010 La nostra offerta formativa Una delle maggiori criticità riscontrate

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

ORIZZONTE 2020. Il programma quadro di ricerca e innovazione dell'ue 2014-2020. Renzo Tomellini

ORIZZONTE 2020. Il programma quadro di ricerca e innovazione dell'ue 2014-2020. Renzo Tomellini ORIZZONTE 2020 Il programma quadro di ricerca e innovazione dell'ue 2014-2020 Renzo Tomellini Il quadro politico La strategia 'Europa 2020': indirizzata ad una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

Programma Cultura 2007-2013

Programma Cultura 2007-2013 Programma Cultura 2007-2013 Cultural Contact Point CCP Italy Roma 2012 MIBAC Segretariato Generale Servizio I Cultural Contact Point CCP ITALY Ministero per i Beni e le Attività Culturali Segretariato

Dettagli

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 D.g.r. 28 luglio 2011 - n. IX/2061 Determinazione in ordine alla promozione di iniziative di sviluppo e confronto tra aziende lombarde

Dettagli

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA C 333/12 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 10.12.2010 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA Invito a presentare proposte EAC/57/10 Programma «Gioventù in azione» 2007-2013 (2010/C

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

Approfondimento sui Programmi ENPI CBC MED ENPI Italia Tunisia

Approfondimento sui Programmi ENPI CBC MED ENPI Italia Tunisia DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICADIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA REGIONALE UNITARIA COMUNITARIA Dipartimento della Qualità Direzione Generale della Programmazione Sanitaria, dei Livelli

Dettagli

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni.

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. DOSSIER RICERCA & INNOVAZIONE Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. Nel 2007 è stato creato in Europa il Consiglio Europeo della Ricerca

Dettagli

EUROPEAID: Europa e USA: conoscere l Europa 2015-2017. Horizon 2020: Europa in un mondo che cambia: società inclusive, innovative e riflessive

EUROPEAID: Europa e USA: conoscere l Europa 2015-2017. Horizon 2020: Europa in un mondo che cambia: società inclusive, innovative e riflessive EUROPEAID: Europa e USA: conoscere l Europa 2015-2017 EuropeAid/136813/DD/ACT/US Descrizione: La Commissione europea Delegazione USA ha lanciato un bando che ha l obiettivo di promuovere, all interno delle

Dettagli

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Contesto della proposta (1) La conoscenza costituisce il fulcro dell Agenda di

Dettagli

DIRETTIVA APPALTI 24/2014/UE

DIRETTIVA APPALTI 24/2014/UE DIRETTIVA APPALTI 24/2014/UE L ANALISI DELLE REGIONI Roma 9 giugno 2015 A cura di Ivana Malvaso Coordinatore Gruppo di lavoro Direttive appalti ITACA 1 Le nuove direttive Nel 2014 il legislatore comunitario

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Unione Europea. il FUTURO nella RETE. Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA. Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale

Unione Europea. il FUTURO nella RETE. Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA. Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale Unione Europea Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale Indice Pag. 3 La politica di sviluppo rurale 2007.2013 Pag. 4 Pag. 5 Pag. 6 Pag. 7 Pag. 8

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

Youth Europe Service

Youth Europe Service Socrates Grundtvig Autonomous citizens in United Europe Opuscolo realizzato da: Youth Europe Service nell ambito del programma SOCRATES GRUNDTVIG 2 Azione n. 06-ITA01-S2G01-00306-1 L'Europa è a portata

Dettagli

Riepilogo del progetto

Riepilogo del progetto Riepilogo del progetto 1. Contesto e scopo della agenda strategica Le malattie neurodegenerative (MN) sono condizioni debilitanti e in gran parte incurabili, strettamente legate all'invecchiamento. Tra

Dettagli

I finanziamenti europei. Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea

I finanziamenti europei. Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea I finanziamenti europei Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea Quali fondi? Chi gestisce i fondi europei? COMMISSIONE; 22% PAESI TERZI E ORG INTERNAZ; 2% STATI

Dettagli

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti!

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Finanziamenti dell Unione europea: funzionamento e fonti di informazione on-line Perché una strategia per l Europa 2020? La crisi degli ultimi anni ha determinato

Dettagli

Art. 12: Reti di riferimento

Art. 12: Reti di riferimento Progetto Mattone Internazionale: Workshop Applicazione dei diritti dei pazienti relativi all assistenza sanitaria transfrontaliera Perugia, 10 maggio 2013 Approfondimenti su tematiche specifiche legate

Dettagli

Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali

Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali Firenze, 18 dicembre 2012 Prot. n. 127477 - Ai Presidi di Facoltà - Ai Direttori di Dipartimento e p.c. Ai Segretari Amministrativi

Dettagli

LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva

LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva Descrizione generale Il Programma Leonardo da Vinci si propone di collegare le politiche alle pratiche nel campo dell istruzione e formazione

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Servizio Attività Produttive Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento

Dettagli

Elisa Lavagnino Gabriele Giampieri TIA FORMAZIONE INTERNAZIONALE

Elisa Lavagnino Gabriele Giampieri TIA FORMAZIONE INTERNAZIONALE Elisa Lavagnino Gabriele Giampieri TIA FORMAZIONE INTERNAZIONALE DI COSA PARLEREMO? ERASMUS PLUS Il passaggio dalla vecchia programmazione ad Erasmus Plus I Paesi Eligibili Gli obiettivi generali del bando

Dettagli

SEGNALAZIONE N. 37/2014 DEL 09.10.2014 A CURA DELLA DIREZIONE GENERALE DELLA PRESIDENZA SERVIZIO PER L UFFICIO DI BRUXELLES

SEGNALAZIONE N. 37/2014 DEL 09.10.2014 A CURA DELLA DIREZIONE GENERALE DELLA PRESIDENZA SERVIZIO PER L UFFICIO DI BRUXELLES SEGNALAZIONE N. 37/2014 DEL 09.10.2014 A CURA DELLA DIREZIONE GENERALE DELLA PRESIDENZA SERVIZIO PER L UFFICIO DI BRUXELLES AVENUE DES ARTS, 3-4-5, 1210 BRUXELLES TEL. +32(0)2.894.99.70 FAX +32(0)2.894.99.71

Dettagli

Settore: Giovani Nome bando: Programma gioventù in azione Destinatari:

Settore: Giovani Nome bando: Programma gioventù in azione Destinatari: Settore: Giovani Nome bando: Programma gioventù in azione Destinatari: organizzazioni senza scopo di lucro o non governative. organismi pubblici locali e/o regionali. gruppi giovanili informali. enti attivi

Dettagli

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento LIFELONG LEARNING PROGRAMME Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP), è stato istituito con decisione del Parlamento europeo e del

Dettagli

Finanziamenti per i gemellaggi Lecce, 14 ottobre 2011. Dott.ssa Rita Sassu ECP Europe for Citizens Point

Finanziamenti per i gemellaggi Lecce, 14 ottobre 2011. Dott.ssa Rita Sassu ECP Europe for Citizens Point Finanziamenti per i gemellaggi Lecce, 14 ottobre 2011 Dott.ssa Rita Sassu ECP Europe for Citizens Point Come preparare un buon progetto Idoneità dell applicant e dei parnter Validità della rete di partenariato

Dettagli

Se questo messaggio non è visualizzato correttamente, usa questo link. NEWSLETTER "L'EUROPA IN LINEA" - ANNO VII n 01 del 19.01.

Se questo messaggio non è visualizzato correttamente, usa questo link. NEWSLETTER L'EUROPA IN LINEA - ANNO VII n 01 del 19.01. Se questo messaggio non è visualizzato correttamente, usa questo link NEWSLETTER "L'EUROPA IN LINEA" - ANNO VII n 01 del 19.01.2010 La nostra offerta formativa Una delle maggiori criticità riscontrate

Dettagli

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE I SERVIZI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLE IMPRESE PER LA PARTECIPAZIONE AI BANDI Ludovico Monforte EURODESK Brussels

Dettagli

2014-2020. Horizon. Decisione n.1313/2013/eu - Union Civil Protection Mechanism

2014-2020. Horizon. Decisione n.1313/2013/eu - Union Civil Protection Mechanism 2014-2020 Horizon Decisione n.1313/2013/eu - Union Civil Protection Mechanism Regolamento (UE) n. 1291/2013 che istituisce Horizon 2020 - il programma quadro di ricerca e innovazione (2014-2020) Base giuridica

Dettagli

Europa per i cittadini 2007-2013

Europa per i cittadini 2007-2013 Europa per i cittadini 2007-2013 Il Programma ha come scopo primario la promozione della cittadinanza europea attiva, ovvero il coinvolgimento diretto dei cittadini e delle organizzazioni della società

Dettagli

Comitato codau per il coordinamento degli uffici ricerca scientifica

Comitato codau per il coordinamento degli uffici ricerca scientifica Comitato CODAU per il Coordinamento degli Uffici di Supporto alla Ricerca Scientifica Promosso da dieci università: Università di Torino, Pavia, Modena e Reggio Emilia, Bologna, Roma La Sapienza, Palermo,

Dettagli

ATTI LEGISLATIVI ED ALTRI STRUMENTI RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO su un'azione nel settore delle malattie rare

ATTI LEGISLATIVI ED ALTRI STRUMENTI RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO su un'azione nel settore delle malattie rare CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 5 giugno 2009 (OR. en) 10122/09 Fascicolo interistituzionale: 2008/0218 (CNS) LIMITE SAN 142 RECH 167 MI 219 ATTI LEGISLATIVI ED ALTRI STRUMENTI Oggetto: RACCOMANDAZIONE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UNA SHORTLIST PER SERVIZI DI PROGETTAZIONE EUROPEA

AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UNA SHORTLIST PER SERVIZI DI PROGETTAZIONE EUROPEA AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UNA SHORTLIST PER SERVIZI DI PROGETTAZIONE EUROPEA Oggetto: Procedura di selezione per la costituzione di una short list per la fornitura di servizi di assistenza

Dettagli

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La Banca europea per gli investimenti (BEI) promuove gli obiettivi dell'unione europea fornendo finanziamenti, garanzie e consulenza a lungo termine in relazione a

Dettagli

APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Chiara Pocaterra

APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Chiara Pocaterra APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Chiara Pocaterra Punto di Contatto Nazionale Tema 2 Prodotti Alimentari, Agricoltura e Pesca e Biotecnologie 7PQ Tema 5 Energia Programma EURATOM Competitiveness

Dettagli

CAMBIARE VITA, APRIRE LA MENTE VOLONTARIATO E CSV IN MOVIMENTO CON L EUROPA

CAMBIARE VITA, APRIRE LA MENTE VOLONTARIATO E CSV IN MOVIMENTO CON L EUROPA CAMBIARE VITA, APRIRE LA MENTE VOLONTARIATO E CSV IN MOVIMENTO CON L EUROPA Bologna, 30 gennaio 2014 Relatore: Laura Borlone ERASMUS! UN NUOVO PROGRAMMA EUROPEO NEL CAMPO DELL ISTRUZIONE DELLA FORMAZIONE

Dettagli

Roma, 10 dicembre 2013 1/20

Roma, 10 dicembre 2013 1/20 Roma, 10 dicembre 2013 1/20 Argomenti principali 1. Il Programma LIFE+ in Italia 2. La proposta di regolamento ed il negoziato 3. Il nuovo Programma LIFE 2/20 1. Il Programma LIFE+ in Italia Negli ultimi

Dettagli

Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: i fondi a gestione diretta per la cultura ERASMUS+

Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: i fondi a gestione diretta per la cultura ERASMUS+ Al servizio di gente unica Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: i fondi a gestione diretta per la cultura ERASMUS+ Erasmus+: obiettivi generali Il programma Erasmus+ contribuisce

Dettagli

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014 I NUOVI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE Milano, 11 Febbraio 2014 CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel marzo 2010 la Commissione Europea (CE) lancia la strategia EUROPA 2020 per una crescita intelligente, sostenibile

Dettagli

Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S

Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S Il settore strategico delle acque: come l innovazione chimica può aumentarne la sostenibilità Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S Stefano Toffanin Ferrara, 21 maggio 2010 Quartiere

Dettagli

Il regolamento orizzontale (1306/2013)

Il regolamento orizzontale (1306/2013) Il regolamento orizzontale (1306/2013) Roberto Pretolani Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi Università degli Studi di Milano Milano, 14 aprile 2014 Gli atti normativi Il Regolamento

Dettagli

Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici

Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici Sostenibilitàdel Sistema Sanitario e Dispositivi Medici: obiettivi e strategie Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici Dott.ssa Marcella Marletta Direttore Direzione Generale

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA Regione Puglia FEASR 2007 -- 2013 Programma di Sviluppo Rurale 22 00 00 77 -- 22 00 11 33 M aa rr zz oo 22 00 11 00 MISURA 114 1. Titolo della Misura Utilizzo

Dettagli

Commissione Europea Formazione in servizio per il personale impegnato nell educazione degli adulti GRUNDTVIG Programma di apprendimento permanente

Commissione Europea Formazione in servizio per il personale impegnato nell educazione degli adulti GRUNDTVIG Programma di apprendimento permanente Commissione Europea Formazione in servizio per il personale impegnato nell educazione degli adulti GRUNDTVIG Programma di apprendimento permanente Questa azione sostiene la partecipazione del personale

Dettagli

Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea

Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE DELLA RICERCA Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea Quesiti più frequenti Cos è il programma quadro (PQ) di ricerca dell Unione europea? Il PQ

Dettagli

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini)

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market I LM sono una delle iniziative più importanti per la politica d innovazione e per la competitività dell Unione

Dettagli

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta #OPENFESR Dalle idee al commento del Programma Operativo FESR 2014-2020 La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta Raffaele Colaizzo

Dettagli

Programma per la Ricerca Sanitaria 2008: attività di Ricerca Finalizzata

Programma per la Ricerca Sanitaria 2008: attività di Ricerca Finalizzata Programma per la Ricerca Sanitaria 2008: attività di Ricerca Finalizzata (art.12 e 12 bis del D.Lgs. 502/92, come modificato ed integrato dal Decreto Legislativo n.229/99) INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA SUPPORTO AL COORDINAMENTO DEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE PER L'INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA RICERCA SANITARIA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA SUPPORTO AL COORDINAMENTO DEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE PER L'INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA RICERCA SANITARIA TRA Azienda Ospcdalicra Universitaria i "Policlinico Paolo Giaccone" PROTOCOLLO DI INTESA SUPPORTO AL COORDINAMENTO DEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE PER L'INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA RICERCA SANITARIA TRA REGIONE

Dettagli

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici Europa, sostegno ed Partecipazione e reti ecomusei Interessa? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione europea In che ambiti? Con chi? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione

Dettagli

FONDI COMUNITARI E LORO UTILIZZAZIONE

FONDI COMUNITARI E LORO UTILIZZAZIONE FONDI COMUNITARI E LORO UTILIZZAZIONE Corso di formazione convenzionato da INPS per i dipendenti delle Amministrazioni pubbliche partecipanti al programma Valore P.A. A.A. 2015-2016 1. Finalità I Fondi

Dettagli

Elementi di progettazione europea La valutazione dei progetti da parte della Commissione europea, la negoziazione e il contratto

Elementi di progettazione europea La valutazione dei progetti da parte della Commissione europea, la negoziazione e il contratto Elementi di progettazione europea La valutazione dei progetti da parte della Commissione europea, la negoziazione e il contratto Giuseppe Caruso Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea I Programmi di finanziamento UE a gestione diretta Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Programma d azione comunitario

Dettagli

Ricerca europea per le Associazioni di imprese

Ricerca europea per le Associazioni di imprese Ricerca europea per le Associazioni di imprese Eurosportello del Veneto Via delle Industrie, 19/d 3175 Venezia Tel. +39 41 99 9411 - Fax +39 41 99 941 E-mail: europa@eurosportelloveneto.it www.eurosportelloveneto.it

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA Quale è la competenze dell Unione europea nell ambito della cultura? Il trattato di Maastricht (1993) ha consentito all'unione europea, storicamente orientata

Dettagli

Alcune azioni del Bando VII PQ HEALTH - SALUTE 2013, Innovation 1. che riflettono le priorità del PSR

Alcune azioni del Bando VII PQ HEALTH - SALUTE 2013, Innovation 1. che riflettono le priorità del PSR DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICADIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA REGIONALE UNITARIA COMUNITARIA Dipartimento della programmazione e dell ordinamento del Servizio sanitario nazionale

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

Legge federale sulla prevenzione e la promozione della salute. (Legge sulla prevenzione, LPrev)

Legge federale sulla prevenzione e la promozione della salute. (Legge sulla prevenzione, LPrev) Legge federale sulla prevenzione e la promozione della salute (Legge sulla prevenzione, LPrev) del L'Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 117 capoverso 1 e 118 capoverso

Dettagli

LIFE+ Caratteristiche. LIFE+ Il nuovo strumento finanziario dell Unione Europea per l ambiente. Obiettivi generali di LIFE+

LIFE+ Caratteristiche. LIFE+ Il nuovo strumento finanziario dell Unione Europea per l ambiente. Obiettivi generali di LIFE+ LIFE+ Il nuovo strumento finanziario dell Unione Europea per l ambiente Sportello LIFE+ I testi di questa presentazione sono integrati dai commenti a voce dei relatori aggiornati alla data indicata. Letti

Dettagli

L Agenda Sociale Europea

L Agenda Sociale Europea L Agenda Sociale Europea La politica sociale europea La politica sociale e per l'occupazione dell'unione Europea mira a promuovere l'occupazione, il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro,

Dettagli

Innovazione, Ricerca & Finanziamenti Europei

Innovazione, Ricerca & Finanziamenti Europei Innovazione, Ricerca & Finanziamenti Europei Nicoletta Marchiandi Quatraro Camera di commercio di Torino Formazione Poli di Innovazione Mod.1, 14.05.2010 Agenda UNA PREMESSA Stratetgia di Lisbona target

Dettagli

Un nuovo strumento per promuovere crescita e investimenti sostenibili nelle aree urbane con i finanziamenti dell UE. Che cos è JESSICA?

Un nuovo strumento per promuovere crescita e investimenti sostenibili nelle aree urbane con i finanziamenti dell UE. Che cos è JESSICA? JESSICA Un nuovo strumento per promuovere crescita e investimenti sostenibili nelle aree urbane con i finanziamenti dell UE Che cos è JESSICA? JESSICA (Joint European Support for Sustainable Investment

Dettagli

CULTURA 2007. Andrea Pignatti. Andrea Pignatti

CULTURA 2007. Andrea Pignatti. Andrea Pignatti Presentazione Programma Piacenza, 15 luglio 2010 Programmi a gestione decentrata Programmi a gestione diretta Fondi Strutturali Le tipologie di finanziamento UE OGGI Obiettivo Convergenza Obiettivo Competitività

Dettagli

Le Materie Prime nel programma "Orizzonte 2020"

Le Materie Prime nel programma Orizzonte 2020 Le Materie Prime nel programma "Orizzonte 2020" Info Day 2 Ottobre 2015, Roma Mattia Pellegrini, Commissione Europea Direzione generale del Mercato interno, dell industria, dell imprenditoria e delle PMI

Dettagli

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE ROADSHOW 2015 LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE NUOVI TREND ED OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE ITALIANE LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE GIORGIO SQUINZI PRESIDENTE CONFINDUSTRIA

Dettagli

Newsletter. Progettazione sociale. Navigando: Navigando: Siti e link utili sul web Siti e link utili sul web A pagina 7 A pagina 7.

Newsletter. Progettazione sociale. Navigando: Navigando: Siti e link utili sul web Siti e link utili sul web A pagina 7 A pagina 7. NUMERO 1 ANNO 1 MARZO 2007 Newsletter Newsletter Progettazione sociale Progettazione sociale Federazione Federazione Italiana Italiana Comunita Comunita Terapeutiche Terapeutiche SOMMARIO IN QUESTO NUMERO.

Dettagli

LILT - Bando di ricerca sanitaria 2015 Programma 5 per mille anno 2013 INDIZIONE

LILT - Bando di ricerca sanitaria 2015 Programma 5 per mille anno 2013 INDIZIONE 1. Premesse LILT - Bando di ricerca sanitaria 2015 Programma 5 per mille anno 2013 INDIZIONE Il Programma Nazionale della Ricerca 2011-13 (PNR) evidenzia come le patologie legate allo stile di vita ed

Dettagli

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali Bando Volontariato 2015 Reti Nazionali SEZIONE 1. CARATTERISTICHE GENERALI DELL INIZIATIVA 1.1 Obiettivi Nell ambito delle numerose iniziative di sostegno al volontariato della Fondazione, il presente

Dettagli

Luisa Marconi AOU Meyer - Firenze. Milano - 13 Aprile 2012

Luisa Marconi AOU Meyer - Firenze. Milano - 13 Aprile 2012 Luisa Marconi AOU Meyer - Firenze Milano - 13 Aprile 2012 Le tematiche del progetto Le politiche Sanitarie in ambito europeo ed internazionale partecipazione alla fase ascendente bottom up La partecipazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale Il Consiglio dell Unione europea ha adottato a dicembre 2013 il Regolamento relativo al Quadro Finanziario Pluriennale per il periodo

Dettagli