GLI STRUMENTI ECONOMICI A DISPOSIZIONE DELLA FAMIGLIA PER LA PROGETTAZIONE DEL DOPO DI NOI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI STRUMENTI ECONOMICI A DISPOSIZIONE DELLA FAMIGLIA PER LA PROGETTAZIONE DEL DOPO DI NOI"

Transcript

1 GLI STRUMENTI ECONOMICI A DISPOSIZIONE DELLA FAMIGLIA PER LA PROGETTAZIONE DEL DOPO DI NOI PREMESSA Con il presente documento ci proponiamo di illustrare a chiunque si interroghi sulla maniera migliore per garantire ad un figlio con fragilità una autonomia economica per il dopo di noi, gli strumenti economici che le nostre norme ci consentono di utilizzare. Nessuno di questi strumenti è in grado di assicurare una valida protezione giuridica delle persone fragili che si raggiunge solo con la nomina di un Amministratore di Sostegno (o Tutore o Curatore). Per una conoscenza più approfondita di alcuni di questi strumenti (Trust e Assicurazioni) rinviamo agli opuscoli di documentazione editi dall Associazione. L USUFRUTTO L'usufrutto è il diritto al godimento della cosa altrui con l'obbligo del rispetto della destinazione economica (art. 981 c.c.). L'usufruttuario, ossia colui il quale gode il bene, può usarlo e trarne tutte le utilità alla stregua del proprietario, che in quanto privato del godimento viene definito nudo proprietario. L'unico limite posto a carico dell'usufruttuario è dato dal rispetto della destinazione economica o d'uso, non potrà cioè operare delle trasformazioni del bene goduto per cui, ad esempio, se l oggetto dell'usufrutto è un appartamento, potrà abitarlo o darlo in locazione, ma non trasformarlo in negozio. I poteri dell'usufruttuario sono notevoli: ha il possesso della cosa, può darla in locazione, può cedere il proprio diritto ad altri se ciò non è vietato nel titolo costitutivo, ha l'uso ed il godimento del bene e ne fa propri i frutti e ha diritto ad una indennità per i miglioramenti fatti. Sono a carico dell'usufruttuario le imposte e gli oneri fiscali, nonché tutte le spese relative alla manutenzione ordinaria del bene. Per le spese straordinarie è generalmente tenuto il proprietario. L'usufrutto si estingue generalmente con la morte dell'usufruttuario (può essere però pattuito diversamente), per prescrizione a seguito di un non uso protratto per venti anni, per il totale deperimento della cosa su cui è costituito e per la riunione dell'usufrutto e della proprietà nella stessa persona. Può essere costituito anche a favore di una pluralità di viventi, estinguendosi in questo caso alla morte dell'ultimo superstite. Può essere costituito anche a favore di persona giuridica (ente, associazione, fondazione ); in tal caso l usufrutto si estingue nel termine di 30 anni. C.F Registro del Volontariato Regione Lombardia Fg. 515 n. 2055

2 LA DONAZIONE La donazione è un contratto con il quale una parte arricchisce l altra e ciò avviene in pieno spirito di liberalità del donante. E un atto tendenzialmente definitivo ed anticipa la successione. Non ha alcun valore la promessa di donazione. La donazione deve essere fatta con atto pubblico (dinanzi ad un notaio) ed alla presenza di due testimoni, qualunque sia l'oggetto della donazione. L'accettazione della donazione può essere fatta con lo stesso atto o con atto pubblico posteriore: in questo caso la donazione è perfetta a partire dal momento in cui l'atto di accettazione è notificato al donante. Prima che la donazione sia perfetta, tanto il donante quanto il donatario possono revocare la loro dichiarazione. La donazione può avere per oggetto la nuda proprietà con riserva di usufrutto a vantaggio del donante. Si può stabilire che i beni tornino al donante se il donatario o i suoi discendenti muoiano prima del donante. Esiste l obbligo del donatario di prestare gli alimenti al donante che successivamente può trovarsi in stato di bisogno. Possono ricevere donazioni sia le persone giuridiche (enti, associazioni, fondazioni ) che gli enti non riconosciuti che se vorranno accettarla dovranno chiedere il riconoscimento. Non è ammessa la donazione a favore del Tutore (o del Protutore) dell incapace. Il Codice Civile prevede anche la donazione remuneratoria, ovvero una donazione fatta per riconoscenza o in considerazione dei meriti del ricevente verso la collettività o verso individui diversi o per servizi resi e particolarmente apprezzati dal donante. La donazione remuneratoria non dà luogo ad obbligo alimentare del donatario verso il donante. Il Codice Civile prevede inoltre la donazione modale, ovvero un contratto gravato dall obbligo del donatario di utilizzare il bene o la somma donata per un determinato motivo (es. ti dono una casa con l obbligo di organizzarvi una comunità alloggio). Il modo è un elemento non essenziale della donazione e può risultare anche da una scrittura privata. Il modo quindi consente al donante di perseguire uno scopo aggiuntivo rispetto a quello principale che consiste nell arricchimento del patrimonio del donatario. LA SOSTITUZIONE FEDECOMMISSARIA Con il termine di "fedecommesso" o "sostituzione fedecommissaria" si intende la disposizione con la quale il testatore impone all'erede l'obbligo di conservare i beni ricevuti per restituirli, anche quelli costituenti la legittima, alla sua morte, ad un'altra persona (sostituito) designata dal testatore medesimo. Il codice civile prevede che un genitore (oppure un coniuge o un ascendente) di persona interdetta possa effettuare un testamento con la clausola della Sostituzione Fedecommissaria, in tal modo è possibile istituire erede un figlio (oppure un coniuge o un nipote) con fragilità con l obbligo che alla sua morte ciò che resta del suo patrimonio sia destinato, sotto la vigilanza del Tutore, alla persona o agli enti che ne hanno avuto cura. Se le persone o gli enti che hanno avuto cura della persona fragile muoiono o si estinguono 2

3 prima della morte di lui, i beni ereditari saranno devoluti ai successori legittimi dell'interdetto. E possibile che il Giudice Tutelare estenda questa disposizione al genitore (oppure al coniuge o all ascendente) di persona sottoposta ad amministrazione di sostegno. Chi intende avvalersi di tale clausola potrà formalizzare la sua richiesta al momento della presentazione del ricorso per la nomina dell Amministratore di Sostegno. Potrà altresì presentare un successivo ricorso se la nomina fosse già intervenuta. LA FONDAZIONE La fondazione deve essere costituita con atto pubblico e può anche essere disposta con testamento. L atto di fondazione può essere revocato dal fondatore fino a quando non sia intervenuto il riconoscimento o il fondatore non abbia fatto iniziare l attività dell opera da lui disposta. L atto costitutivo e lo statuto devono contenere la denominazione dell ente, l indicazione dello scopo, del patrimonio e della sede, nonché le norme sull ordinamento e l amministrazione; le fondazioni devono inoltre determinare i criteri e le modalità di erogazione delle rendite. La Fondazione è soggetta a regole e forme di controllo pubblico. Risultano esserci limitazioni nella devoluzione del patrimonio dopo la sua estinzione (i beni non possono tornare né ai fondatori né ai loro eredi). Gli amministratori sono responsabili verso l ente secondo le norme del mandato. Tra tutte le Fondazioni possibili, al fine della progettazione del dopo di noi sono interessanti le fondazioni di famiglia il cui scopo è quello di beneficiare i discendenti del fondatore che versano in una situazione soggettiva particolare (indigenza, merito negli studi, disabilità ecc) Un cenno meritano le fondazioni di partecipazione, nate originariamente per la gestione di iniziative nel campo culturale e del no profit e che si stanno affermando come modello preferenziale per lo sviluppo e la gestione di iniziative residenziali. Non hanno scopo di lucro e vi si può aderire apportando denaro, beni materiali, beni immateriali, professionalità o servizi. Le varie categorie di aderenti possono eleggere i propri rappresentanti negli organi direttivi e questo permette un'armonica e fattiva collaborazione, all'interno di un medesimo istituto, anche di istituzioni pubbliche e private, favorendo la creazione di una sorta di azionariato che garantisce diritti e stabilità. Alla fondazione di partecipazione possono essere collegati organismi lucrativi, strumentali o accessori agli scopi istituzionali; la Fondazione resta in ogni caso centro direzionale e strategico delle attività. IL CONTRATTO DI RENDITA VITALIZIA Può essere costituito come atto tra vivi o per testamento. Prevede l alienazione di un bene immobile o la cessione di un capitale a fronte di una rendita o di una somma di denaro, per tutta la durata della vita di un beneficiario. In tale contratto l obbligato si obbliga ad un dare che si sostanzia in un erogazione di somme di denaro periodiche e fisse. 3

4 Vi è un obiettiva incertezza circa il vantaggio o lo svantaggio economico che potrà realizzarsi nello svolgimento e nella durata del rapporto da porsi in relazione alla prospettiva di vita del beneficiario. Si può sintetizzare con lo slogan dò affinché tu mi dia. IL CONTRATTO DI MANTENIMENTO Secondo la definizione elaborata dalla dottrina più recente, con il contratto di mantenimento una parte conferisce all'altra il diritto di esigere vita natural durante di essere mantenuta, quale corrispettivo della alienazione di un bene mobile o immobile o della cessione di un capitale. Nel contratto di mantenimento bisognerà tener conto che oltre all'incertezza sulla durata della vita del beneficiario, vi è l'incertezza relativa alle sue necessità che possono mutare in relazione alle condizioni di salute ed all'invecchiamento. Si possono stipulare contratti a favore di terzi con prestazioni da eseguire dopo la morte dello stipulante. Si può sintetizzare con lo slogan dò affinché tu mi faccia. Diversamente dal contratto di rendita vitalizia può contemplare solo una prestazione periodica in cui l obbligato si obbliga ad un fare che non può essere sostituito da nient altro e che consiste nell assistenza materiale e/o morale del beneficiario vita natural durante. Il contenuto della prestazione di mantenimento è, infatti, normalmente comprensivo di una serie di obblighi di dare (ad esempio per quel che concerne le prestazioni di carattere alimentare), soprattutto in obblighi di fare, fra i quali, particolarmente fondati sulla fiducia nella persona, appaiono quelli relativi all'assistenza, alla pulizia, alla compagnia. IL FONDO PATRIMONIALE Il Fondo Patrimoniale previsto dal Codice Civile ha per oggetto beni immobili, beni mobili registrati e titoli di credito ed è rigorosamente asservito ai bisogni della famiglia. Può essere costituito dai coniugi, anche durante il matrimonio, tramite atto di costituzione. Può essere costituito da terzi e contenuto in una disposizione testamentaria, anche olografa. La proprietà dei beni conferiti al fondo spetta ad entrambi i coniugi e ciò rende il fondo inattaccabile dai creditori se vengono fatti debiti per scopi estranei ai bisogni della famiglia. Scopo del fondo è garantire il soddisfacimento dei diritti di mantenimento, di assistenza e di contribuzione esistenti nell'ambito della famiglia. Ha una funzione di segregazione e i beni conferiti nel fondo sono sottoposti ad un vincolo di destinazione e serviranno a far fronte ai bisogni della famiglia. I beni che lo costituiscono possono essere alienati e svincolati previa autorizzazione del Giudice Tutelare. Il fondo si istituisce attraverso particolari regole di amministrazione e di responsabilità e si realizza attraverso un atto di attribuzione patrimoniale, che può riguardare tanto il diritto di proprietà quanto quello di godimento sui beni. 4

5 Se vi sono figli minorenni, il fondo patrimoniale durerà fino al compimento della maggiore età dell ultimo figlio. Decade in caso di divorzio e non potrà essere finalizzato a soddisfare le esigenze di uno solo tra i membri della famiglia. IL TRUST E uno strumento patrimoniale di origine anglosassone che consente ai genitori che lo desiderano di dare precise e cogenti direttive a coloro che, nel dopo, si occuperanno del patrimonio destinato alla cura ed assistenza del figlio. Il trust permette alle famiglie di segregare un patrimonio e di destinarlo ad uno scopo specifico: è necessario pertanto che il disponente consideri attentamente l entità del patrimonio a sua disposizione. Nello specifico: attraverso la costituzione di un trust un soggetto denominato disponente trasmette ad un altro soggetto, denominato trustee, un patrimonio. I beni in trust costituiscono un patrimonio separato sia rispetto ai beni del disponente che rispetto ai beni del trustee il quale è proprietario di questi beni, ma li gestisce nell interesse del beneficiario secondo gli scopi che sono stati indicati dal disponente. Il disponente potrà nominare un garante. Pertanto: - Il disponente stabilisce le regole del funzionamento del trust istituito e cioè: l indicazione dei beneficiari, i poteri del trustee, la sostituzione del trustee, i poteri del garante, i criteri dell amministrazione dei beni, l impiego dei redditi, la destinazione dei beni ecc. - il trustee è la persona o l ente di fiducia del disponente che non potrà operare al di fuori dei limiti dettati dallo scopo. - il garante è preposto alla cura e alla tutela del soggetto fragile con la funzione di vigilare sulla realizzazione dello scopo del trust. Può essere una persona o un ente di fiducia e controlla l operato del trustee. Possono essergli attribuiti diversi poteri: autorizzare il trustee ad alienare i beni in trust, distribuire il reddito ai beneficiari, determinare un compenso per il trustee ecc. Il trust ha vincoli di destinazione (il trustee non può operare al di fuori dei limiti dettati dallo scopo stabilito) e di separazione (i beni in trust costituiscono un patrimonio separato rispetto ai beni del disponente, del trustee e dei beneficiari). LE POLIZZE ASSICURATIVE L Assicurazione sulla vita vede l implicazione di tre soggetti, contraente, assicurato e beneficiario: il contraente paga i premi (versamenti periodici o premio unico), l assicurato è la persona fisica sulla cui vita è stipulato il contratto, il beneficiario è la persona scelta dal contraente che riceverà le somme assicurate. Con una polizza assicurativa si realizza una forma molto semplice di segregazione patrimoniale che può essere scelta in presenza di importi relativamente modesti. Le rendite assicurative non concorrono al reddito complessivo del beneficiario, ma sono soggette ad imposta sostitutiva. L impiego di un capitale in una polizza consente di mettere a disposizione di un beneficiario una somma o una rendita che non rientra nell asse ereditario ed è esente da imposizioni fiscali e successorie, non è pignorabile, né sequestrabile. 5

6 E possibile cambiare la designazione del beneficiario e l impiego del capitale può essere rivestito o riscattato, seppur con qualche penalizzazione prima della scadenza. E possibile stipulare polizze di rendita vitalizia : l assicurazione si impegna ad erogare al beneficiario vita natural durante una somma periodica rivalutabile. Sono possibili patti che rendono disponibile il capitale residuo ad altri soggetti: si può prevedere una clausola di reversibilità a favore di un secondo beneficiario o una clausola di controassicurazione in base alla quale il capitale residuo ritorni al contraente (che ha versato il premio iniziale). L ESECUTORE TESTAMENTARIO Chi fa testamento può nominare un esecutore testamentario per assicurarsi che siano esattamente eseguite le proprie disposizioni, è una possibilità che si utilizza quando la gestione della massa ereditaria appare particolarmente complessa. L esecutore testamentario, soggetto a formalità e controlli di tipo pubblici, acquista solo il possesso dei beni ereditati per un anno dalla morte del testatore (estendibile di un altro anno in casi particolari). CHE SUCCEDE QUANDO DECEDE LA PERSONA CON FRAGILITA, NON VI SONO EREDI CONOSCIUTI, E NON VI SONO DISPOSIZIONI TESTAMENTARIE PARTICOLARI? E necessario che si apra il procedimento per l eredità giacente (art. 528 ss. c.c.) Per eredità giacente si intende il periodo di tempo che intercorre tra la morte della persona della cui eredità si tratta e l accettazione dell erede (accettazione che, dunque, può non essere immediata). In questi casi il Codice Civile prevede la nomina di un Curatore da parte dell autorità giudiziaria, con il compito di curare gli interessi dell eredità fino al momento in cui questa venga accettata o, in mancanza di accettazione, sia devoluta allo Stato. Per dare avvio al periodo di giacenza occorre presentare apposita istanza con la richiesta di nomina del Curatore dell eredità giacente al Tribunale nella cui circoscrizione si è aperta la successione, che coincide con il luogo dell ultimo domicilio del defunto. La nomina del Curatore può avvenire anche di ufficio (cfr. art. 528 c.c.) allorquando il Giudice unico, funzionalmente competente alla dichiarazione di giacenza dell eredità, venga a conoscenza dell esistenza di un patrimonio ereditario che non sia stato accettato da parte dei chiamati all eredità i quali non si trovino nel possesso dei beni ereditari. Può presentare istanza di apertura dell eredità giacente: chiunque vanti un diritto sui beni oggetto dell eredità, i creditori dell eredità o del chiamato all eredità, il Pubblico Ministero a tutela degli interessi dell erario e dello Stato che potrebbe ricevere il patrimonio ereditario in mancanza di altri successibili sino al sesto grado di parentela. 6

7 La scelta del Curatore può ricadere su persone di indubbia moralità che siano in grado di svolgere con diligenza l incarico loro affidato. Il Curatore presterà giuramento di custodire ed amministrare fedelmente i beni dell eredità e sul suo operato sovrintenderà il Giudice unico. Il Curatore ha diritto alla liquidazione di un compenso che sarà definito dal Giudice e liquidato dagli eredi. Maggio 2007 A cura dell Associazione Oltre noi la vita 7

Il dopo di noi La sostituzione fedecommissaria L usufrutto

Il dopo di noi La sostituzione fedecommissaria L usufrutto Il dopo di noi E comune, per i genitori o per il coniuge o comunque per gli stretti parenti di una persona con disabilità, la preoccupazione per l ipotesi in cui il loro familiare abbia da sopravvivere

Dettagli

Quesiti frequenti sulle successioni

Quesiti frequenti sulle successioni Quesiti frequenti sulle successioni Le successioni ereditarie comportano questioni delicate e talvolta difficili da risolvere. Rivolgetevi ad un nostro sportello per ricevere informazioni dettagliate relative

Dettagli

I Venerdì dell Avvocatura

I Venerdì dell Avvocatura Arcidiocesi di Milano Curia Arcivescovile Avvocatura I Venerdì dell Avvocatura Le successioni e le donazioni Introduzione 3 incontro 13 dicembre 2013 SUCCESSIONI La successione mortis causa rappresenta

Dettagli

CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile

CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile Milano, 7 marzo 2014 TECNICHE REDAZIONALI E CONVIVENZE (ovvero come ovviare sul piano negoziale all assenza di una normativa sulla convivenza) Giovanni

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE PATRIMONIALE IV: La successione.

LA PIANIFICAZIONE PATRIMONIALE IV: La successione. LA PIANIFICAZIONE PATRIMONIALE IV: La successione. La società fiduciaria, attraverso l ampio novero di soluzioni applicabili, risulta essere uno strumento molto valido al fine di soddisfare le esigenze

Dettagli

15. Posizione del successibile prima dell apertura della successione... 29

15. Posizione del successibile prima dell apertura della successione... 29 INDICE-SOMMARIO Capitolo I. NOZIONI INTRODUTTIVE 1. La successione a causa di morte............... 1 2. Fondamento della successione a causa di morte. Successione testamentaria e successione legittima.....................

Dettagli

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c.

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. Sommario 1. PREMESSA... 1 2. ART. 528 NOMINA CURATORE... 1 3. ATTIVITÀ DEL CURATORE DELL EREDITÀ GIACENTE: POTERI ED OBBLIGHI... 2 4. ART. 529 OBBLIGHI DEL CURATORE...

Dettagli

DALLA FIDUCIA AL TRUST IL TRUST COS E, IL SUO RICONOSCIMENTO IN ITALIA, LE APPLICAZIONI AL DIRITTO DI FAMIGLIA

DALLA FIDUCIA AL TRUST IL TRUST COS E, IL SUO RICONOSCIMENTO IN ITALIA, LE APPLICAZIONI AL DIRITTO DI FAMIGLIA DALLA FIDUCIA AL TRUST IL TRUST COS E, IL SUO RICONOSCIMENTO IN ITALIA, LE APPLICAZIONI AL DIRITTO DI FAMIGLIA Trissino Sabato 10 aprile 2010 1 La definizione di TRUST rapporto fiduciario in virtù del

Dettagli

Aspetti civilistici; cenni generali e inquadramento delle fattispecie

Aspetti civilistici; cenni generali e inquadramento delle fattispecie S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Tutela del patrimonio: le successioni e le donazioni Aspetti civilistici; cenni generali e inquadramento delle fattispecie Avv. Mario Cozza 23 ottobre 2014

Dettagli

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

FORMULE INTRODUTTIVE APERTURA, DELAZIONE, ACQUISTO DI EREDITÀ

FORMULE INTRODUTTIVE APERTURA, DELAZIONE, ACQUISTO DI EREDITÀ INDICE SOMMARIO Premessa...................................................................................... 5 FORMULE INTRODUTTIVE 1. Dichiarazione di successione..........................................................

Dettagli

Principi di diritto successorio

Principi di diritto successorio Principi di diritto successorio Introduzione Quando una persona muore, alcune situazioni giuridiche ad essa ricollegabili si trasferiscono ad altri soggetti e si parla di c.d. successione mortis causa.

Dettagli

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Stima delle successioni ereditarie. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Stima delle successioni ereditarie. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO Stima delle successioni ereditarie Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10 Prof. Romano Oss Si ha successione quando uno o più soggetti (successori o aventi causa) subentrano

Dettagli

AD ACCOGLIERE ASCOLTARE E DONARSI

AD ACCOGLIERE ASCOLTARE E DONARSI TUTTI POSSIAMO SPERIMENTARE LA CARITà IMPARANDO AD ACCOGLIERE ASCOLTARE E DONARSI Papa Francesco 28 aprile 2015 Scegli di fare un lascito. i tuoi beni continueranno a vivere nei gesti e nei sorrisi delle

Dettagli

IL TRUST PER SOGGETTI DEBOLI

IL TRUST PER SOGGETTI DEBOLI IL TRUST PER SOGGETTI DEBOLI Prof. Alceste Santuari Docente di diritto dell economia degli enti non profit Università di Bologna sede di Forlì @ alceste.santuari@unibo.it Il Trust Per trust s'intendono

Dettagli

Se non esistono successori testamentari o legittimi entro il sesto grado, l eredità si dice vagante e il patrimonio va allo Stato.

Se non esistono successori testamentari o legittimi entro il sesto grado, l eredità si dice vagante e il patrimonio va allo Stato. SUCCESSIONI EREDITARIE 1) Che cos è la successione? La successione è il trasferimento dei beni dal defunto ( de cuius) agli aventi diritto, che possono essere eredi quando c è un legame di parentela o

Dettagli

Il trasferimento generazionale della farmacia privata: il passaggio generazionale per atto tra vivi

Il trasferimento generazionale della farmacia privata: il passaggio generazionale per atto tra vivi della farmacia privata: il passaggio generazionale per atto tra vivi Dott. Marino Mascheroni Professore a contratto di Diritto Tributario Università di Milano La forma indiretta: il conferimento con i

Dettagli

INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME

INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME Art. 565 (Categorie dei successibili) 1. Successione legittima e famiglia: dalla Riforma del 75 al progetto di Riforma della filiazione.............................

Dettagli

ESAME ABILITAZIONE GEOMETRI - ANNO 2014 Corso praticanti DIRITTO E CONDOMINIO - MAGGIO 2014

ESAME ABILITAZIONE GEOMETRI - ANNO 2014 Corso praticanti DIRITTO E CONDOMINIO - MAGGIO 2014 LA SUCCESSIONE La successione per causa di morte è il passaggio di beni e di diritti da una persona defunta agli aventi diritto. Normalmente, come previsto dal codice civile, l'apertura della successione

Dettagli

va presentata entro 12 mesi dalla data di apertura della successione

va presentata entro 12 mesi dalla data di apertura della successione va presentata entro 12 mesi dalla data di apertura della successione Indicare l Ufficio Territoriale della Direzione Provinciale nella cui circoscrizione era l ultima residenza del defunto. In caso di

Dettagli

SOMMARIO. Tabella delle abbreviazioni... TOMO PRIMO

SOMMARIO. Tabella delle abbreviazioni... TOMO PRIMO SOMMARIO Tabella delle abbreviazioni... XLV TOMO PRIMO 321 IL CURATORE DELLO SCOMPARSO V.321.1 Ricorso per la nomina di un curatore dello scomparso in mancanza di rappresentante legale o volontario (schema

Dettagli

FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI

FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI TUTELA PATRIMONIALE FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI Fonti normative FONDO PATRIMONIALE: artt. 167 ss. cod. civ. Fonti normative FONDO PATRIMONIALE: artt. 167 ss. cod. civ.

Dettagli

La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi

La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi Avv. Massimo Antonini 11 marzo 2011 massimo.antonini@chiomenti.net Patti di famiglia Caratteristiche

Dettagli

Sostienici. Altre modalità per sostenerci 5 1000 LASCITI TESTAMENTARI AZIENDE AMICHE DIVENTA VOLONTARIO

Sostienici. Altre modalità per sostenerci 5 1000 LASCITI TESTAMENTARI AZIENDE AMICHE DIVENTA VOLONTARIO Sostienici La Cooperativa Call O.n.l.u.s. grazie all aiuto di privati e imprese può garantire la continuità di molte attività e di molti servizi diversamente non realizzabili. Inoltre, grazie alle donazioni

Dettagli

I. CONSIDERAZIONI GENERALI

I. CONSIDERAZIONI GENERALI Elenco delle principali abbreviazioni................................ XI I. CONSIDERAZIONI GENERALI 1. Premessa.......................................... 1 2. Le principali questioni in tema di trust interno.........................

Dettagli

Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust

Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust Palazzo della Ragione, Verona 18 novembre 2011 Prof. Avv. Matteo De Poli Gli strumenti

Dettagli

Tipi di testamento Testamento Olografo

Tipi di testamento Testamento Olografo L eredità viene trasmessa secondo quanto disposto nel testamento, oppure in assenza di questo, secondo quanto stabilito per legge (successione legittima). Chi intende regolare la propria successione secondo

Dettagli

DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE

DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE In caso di decesso del lavoratore dipendente sono previste diverse modalità di tassazione a seconda che si tratti delle somme già corrisposte al lavoratore o di somme

Dettagli

Guida ai Lasciti Testamentari. In questa guida trovi informazioni utili per redigere il testamento in piena libertà

Guida ai Lasciti Testamentari. In questa guida trovi informazioni utili per redigere il testamento in piena libertà Guida ai Lasciti Testamentari In questa guida trovi informazioni utili per redigere il testamento in piena libertà Glossario n Testamento Il testamento è un atto revocabile con il quale taluno dispone,

Dettagli

I PATTI SUCCESSORI E LA TUTELA DEI LEGITTIMARI

I PATTI SUCCESSORI E LA TUTELA DEI LEGITTIMARI I PATTI SUCCESSORI E LA TUTELA DEI LEGITTIMARI 1) LA FORZA DELLA VOLONTÀ TESTAMENTARIA E I LIMITI DEL SISTEMA Autonomia privata e pianificazione successoria Volontà del disponente - Revocabile usque ad

Dettagli

www.gaglione.it La successione a causa di morte Normativa di diritto civile

www.gaglione.it La successione a causa di morte Normativa di diritto civile La successione a causa di morte Normativa di diritto civile Le regole della successione a causa di morte disciplinano il passaggio del patrimonio e la continuazione di tutti i rapporti giuridici attivi

Dettagli

VENEZIA 2012. Matteo A. Pollaroli Diritto Privato. 9 luglio 2011

VENEZIA 2012. Matteo A. Pollaroli Diritto Privato. 9 luglio 2011 9 luglio 2011 Le donazioni Contratti e atti onerosi gratuiti atti liberali atti non liberali donazioni comodato Atto di liberalità: atto diretto a realizzare in capo ad un terzo un arricchimento spontaneo

Dettagli

Passaggio generazionale: fiscalità tra vincoli ed opportunità

Passaggio generazionale: fiscalità tra vincoli ed opportunità Il passaggio generazionale nella Famiglia e nell Impresa Passaggio generazionale: fiscalità tra vincoli ed opportunità Paolo Ludovici Bergamo, 2 luglio 2013 Imposta sulle successioni e donazioni: aliquote

Dettagli

I TRUSTS: NOVITÀ ALLA LUCE DEI PIÙ RECENTI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA E DELLA PRASSI NEL DIRITTO ITALIANO E NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO

I TRUSTS: NOVITÀ ALLA LUCE DEI PIÙ RECENTI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA E DELLA PRASSI NEL DIRITTO ITALIANO E NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO CONVEGNO di Avezzano, 19 novembre 2011 I TRUSTS: NOVITÀ ALLA LUCE DEI PIÙ RECENTI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA E DELLA PRASSI NEL DIRITTO ITALIANO E NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO Intervento dott.ssa

Dettagli

http://alca.intra.infocamere.it/esam/esamiquestservlet

http://alca.intra.infocamere.it/esam/esamiquestservlet Page 1 of 10 DIRITTO DI FAMIGLIA - SUCCESSIONI - DONAZIONI 1) Quale dei seguenti beni non rientra nella comunione legale dei beni? A [ ] beni immobili acquistati dopo il matrimonio B [*] beni immobili

Dettagli

Immobile di Puegnago del Garda (BS): primo lascito testamentario. del Rinnovamento nello Spirito Santo ONLUS

Immobile di Puegnago del Garda (BS): primo lascito testamentario. del Rinnovamento nello Spirito Santo ONLUS Immobile di Puegnago del Garda (BS): primo lascito testamentario. Per sostenere FONDAZIONE ALLEANZA del Rinnovamento nello Spirito Santo ONLUS DONAZIONI c/c postale intestato a Fondazione Alleanza del

Dettagli

INDICE SOMMARIO LIBRO SECONDO DELLE SUCCESSIONI

INDICE SOMMARIO LIBRO SECONDO DELLE SUCCESSIONI INDICE SOMMARIO LIBRO SECONDO DELLE SUCCESSIONI TITOLO III Delle successioni testamentarie CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 587. Testamento..................................... 1» 588. Disposizioni a

Dettagli

Collegio dei geometri Della Provincia di Barletta - Andria - Trani. CORSO DI FORMAZIONE PER CONSULENTI TECNICI DI UFFICIO Maggio 2014

Collegio dei geometri Della Provincia di Barletta - Andria - Trani. CORSO DI FORMAZIONE PER CONSULENTI TECNICI DI UFFICIO Maggio 2014 Successioni ereditarie: generalità La morte di una persona non comporta lo scioglimento di tutti i vincoli economici e giuridici che esistevano fra il defunto e le altre persone che con lui avevano rapporti.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARFAGNA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARFAGNA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2301 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CARFAGNA Modifiche al codice civile nonché ai testi unici di cui ai decreti del Presidente

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA 2. I SOGGETTI COINVOLTI

IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA 2. I SOGGETTI COINVOLTI IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA Il trust è un contratto con cui un soggetto disponente (settlor) trasferisce la proprietà di uno o più beni a un soggetto fiduciario (trustee), il quale ne dispone e

Dettagli

GLOSSARIO del diritto di famiglia e delle successioni

GLOSSARIO del diritto di famiglia e delle successioni GLOSSARIO del diritto di famiglia e delle successioni www.leggiitaliane.it Accettazione dell eredità atto negoziale unilaterale mediante il quale il chiamato fa propria l eredità che gli è conferita per

Dettagli

Atti di destinazione ex 2645ter cc

Atti di destinazione ex 2645ter cc Atti di destinazione ex 2645ter cc - Introdotto nel 2006 (L. 23.02.2006 n. 91); - Riguarda: Immobili e beni mobili registrati; - Durata: massimo 90 anni, ovvero quanto la vita della persona beneficiaria;

Dettagli

ALESSANDRO NAZARI ENRICO ZECCHINATO GALLO NOTAI ASSOCIATI

ALESSANDRO NAZARI ENRICO ZECCHINATO GALLO NOTAI ASSOCIATI 1 NOZIONE DI SUCCESSIONE Si ha successione quando uno o più soggetti (successori o aventi causa) subentrano a un altro soggetto (autore o dante causa) nella titolarità di diritti o obblighi di carattere

Dettagli

TRUST, PATTO DI FAMIGLIA E SUCCESSIONE GENERAZIONALE DI IMPRESE E PATRIMONI

TRUST, PATTO DI FAMIGLIA E SUCCESSIONE GENERAZIONALE DI IMPRESE E PATRIMONI TRUST, PATTO DI FAMIGLIA E SUCCESSIONE GENERAZIONALE DI IMPRESE E PATRIMONI prof. avv. DARIO STEVANATO Piacenza, 25 marzo 2006 1 IL PATTO DI FAMIGLIA Il nuovo patto di di famiglia (art. 768-bis c.c.) risponde

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA. UFFICIO del GIUDICE TUTELARE RELAZIONE PERIODICA

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA. UFFICIO del GIUDICE TUTELARE RELAZIONE PERIODICA TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA Sezione Civile I Bis UFFICIO del GIUDICE TUTELARE Procedimento RG. N. RELAZIONE PERIODICA ANNO o PERIODO di VALUTAZIONE: Dati anagrafici persona sottoposta a gestione / amministrazione

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA CATEGORIE SUCCESSORIE E INTERESSI FONDAMENTALI CAPITOLO PRIMO CARATTERI DEL SISTEMA TRA RINNOVAMENTO E STASI

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA CATEGORIE SUCCESSORIE E INTERESSI FONDAMENTALI CAPITOLO PRIMO CARATTERI DEL SISTEMA TRA RINNOVAMENTO E STASI INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA CATEGORIE SUCCESSORIE E INTERESSI FONDAMENTALI CARATTERI DEL SISTEMA TRA RINNOVAMENTO E STASI 1. Interessi successori e strumenti di attuazione....................... p. 4 2.

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

Il lascito ereditario di qualsiasi genere e importanza economica è vitale per progetti e attività dell Ente Nazionale Protezione Animali.

Il lascito ereditario di qualsiasi genere e importanza economica è vitale per progetti e attività dell Ente Nazionale Protezione Animali. IL TESTAMENTO A FAVORE DEGLI ANIMALI Il testamento è l atto con il quale si dispone la destinazione dei propri beni in caso di decesso, a garanzia di rispetto delle proprie In mancanza di questo documento

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

Il trust e il fondo patrimoniale: similitudini e differenze

Il trust e il fondo patrimoniale: similitudini e differenze Focus di pratica professionale di Ennio Vial e Vita Pozzi Il trust e il fondo patrimoniale: similitudini e differenze Nel presente intervento analizzeremo le analogie e le differenze tra l istituto del

Dettagli

PATRIMONIA PATRIMONIA SUMMIT 2014 UNT SERVANDA SUMMIT 2 0 1 4. Flavio Ravera. Aspetti(Fiscali( delle(nuove(unit(linked(

PATRIMONIA PATRIMONIA SUMMIT 2014 UNT SERVANDA SUMMIT 2 0 1 4. Flavio Ravera. Aspetti(Fiscali( delle(nuove(unit(linked( PATRIMONIA PATRIMONIA SUMMIT 2014 SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SSERVANDA UNT SERVANDA Aspe& Fiscali delle nuove Unit Linked dr.generazionale Flavio Ravera all interno del passaggio Aspetti(Fiscali( delle(nuove(unit(linked(

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede STATUTO DELLA FONDAZIONE Articolo 1 Denominazione e Sede La Fondazione di interesse collettivo denominata Fondazione San Bortolo O.N.L.U.S. è costituita ai sensi dell art. 14 e seguenti del Codice Civile

Dettagli

INDICE. Schemi. Prefazione... XIII

INDICE. Schemi. Prefazione... XIII INDICE Prefazione... XIII Schemi 1 Divieto di patti successori (art. 458 c.c.)... 3 2 Tutela possessoria dei beni ereditari prima dell accettazione dell eredità (artt. 460, c. 1, c.c.; 703 e 704 c.p.c.)...

Dettagli

Capitolo II Le autorizzazioni alla vendita dei beni ereditari. Capitolo III Le altre autorizzazioni negli atti di amministrazione

Capitolo II Le autorizzazioni alla vendita dei beni ereditari. Capitolo III Le altre autorizzazioni negli atti di amministrazione Capitolo I Il chiamato all eredità (Giuseppe Maiatico)... pag. 1 1. Il patrimonio ereditario prima dell acquisto...» 1 2. Apertura della successione. Vocazione e delazione. Poteri dei chiamati ulteriori»

Dettagli

Il Trust: una soluzione per il Dopo di Noi (che comincia adesso con tutti noi)

Il Trust: una soluzione per il Dopo di Noi (che comincia adesso con tutti noi) Istituto Leonarda Vaccari Il Trust: una soluzione per il Dopo di Noi (che comincia adesso con tutti noi) Avv. Francesca Romana Lupoi Studio Legale Lupoi- Roma Manifestazioni dell interesse per i trust

Dettagli

INDICE I LA SUCCESSIONE. 1 L apertura delle successioni... 3. Prefazione...

INDICE I LA SUCCESSIONE. 1 L apertura delle successioni... 3. Prefazione... INDICE Prefazione... XIX I LA SUCCESSIONE 1 L apertura delle successioni... 3 1.1 Introduzione... 4 1.2 L apertura della successione... 5 1.3 La dichiarazione di morte presunta... 6 1.4 L acquisto dell

Dettagli

Un lascito per crescere.

Un lascito per crescere. Un lascito per crescere. La tua eredità per il futuro dei nostri bambini. Guida ai lasciti testamentari O N L U S una casa per crescere 1 oikos_brochure_1.12.14.indd 1 05/12/14 14.00 Un piccolo gesto può

Dettagli

GENOVA, 15 APRILE 2015 Sede Regione Liguria via Fieschi 15 sala A piano terra Ore 14-18 L'ABITAZIONE BRUNO PASTORINO

GENOVA, 15 APRILE 2015 Sede Regione Liguria via Fieschi 15 sala A piano terra Ore 14-18 L'ABITAZIONE BRUNO PASTORINO GENOVA, 15 APRILE 2015 Sede Regione Liguria via Fieschi 15 sala A piano terra Ore 14-18 L'ABITAZIONE BRUNO PASTORINO INCIDENZA DELLA POPOLAZIONE ANZIANA Numero famiglie in Italia: 21.810.676 Over 65 in

Dettagli

VENEZIA 2012. Matteo A. Pollaroli Diritto Privato. 10 luglio 2011

VENEZIA 2012. Matteo A. Pollaroli Diritto Privato. 10 luglio 2011 10 luglio 2011 Titolo della successione sono quindi la legge e il testamento, che possono convivere secondo il seguente principio: ove il testamento non dispone si applica la legge (concorso di titoli

Dettagli

La tua scelta è il suo futuro

La tua scelta è il suo futuro Care & Share La tua scelta è il suo futuro Il testamento è un atto semplice, libero e sempre revocabile. I diversi tipi di testamento Sostanzialmente i testamenti possono essere di 3 tipi: 1) Testamento

Dettagli

Tutela del patrimonio immobiliare Le possibili soluzioni trust, fondo patrimoniale, assicurazione vita.

Tutela del patrimonio immobiliare Le possibili soluzioni trust, fondo patrimoniale, assicurazione vita. Venerdì 5 luglio 2013. Sutherland House Suite 108 3 Lloyd s Avenue London Tutela del patrimonio immobiliare Le possibili soluzioni trust, fondo patrimoniale, assicurazione vita. Rag. Giuseppe Lepore Commercialista

Dettagli

Trust: imposta di donazione immediata. Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866

Trust: imposta di donazione immediata. Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 102 24.03.2015 Trust: imposta di donazione immediata Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866 Categoria: Enti commerciali/non commerciali Sottocategoria:

Dettagli

DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II)

DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II) DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II) CODICE CIVILE Artt. 14-42 CAPO II Delle associazioni e delle fondazioni Art. 14. Atto costitutivo Art. 15.Revoca dell atto costitutivo della

Dettagli

Alessandro Torroni Notaio LIBERALITA A FAVORE DI ENTI NON PROFIT: DAL TESTAMENTO AL TRUST. ASPETTI CIVILISTICI E FISCALI

Alessandro Torroni Notaio LIBERALITA A FAVORE DI ENTI NON PROFIT: DAL TESTAMENTO AL TRUST. ASPETTI CIVILISTICI E FISCALI Alessandro Torroni Notaio LIBERALITA A FAVORE DI ENTI NON PROFIT: DAL TESTAMENTO AL TRUST. ASPETTI CIVILISTICI E FISCALI Sommario: 1. Premessa. 2. Il testamento. 2.1. Istituzione di erede e legato. 2.2.

Dettagli

DISCIPLINA DELL AZIENDA

DISCIPLINA DELL AZIENDA Prefazione alla seconda edizione....................... VII Prefazione alla prima edizione........................ IX Avvertenze................................ XIII PARTE PRIMA DISCIPLINA DELL AZIENDA

Dettagli

Settembre 2015. La legge applicabile alla successione: le novità del Regolamento (UE) n. 650/2012

Settembre 2015. La legge applicabile alla successione: le novità del Regolamento (UE) n. 650/2012 Settembre 2015 La legge applicabile alla successione: le novità del Regolamento (UE) n. 650/2012 Alberto Gallarati Il Regolamento (UE) N. 650/2012, rispetto al quale la Danimarca ha esercitato la facoltà

Dettagli

Il Consiglio Notarile di Pavia

Il Consiglio Notarile di Pavia Il Consiglio Notarile di Pavia per l Università del suo territorio L Universita di Pavia, con il suo passato e il suo presente di eccellenza, offre molti modi per entrare nel futuro PERSONE LUOGHI STRUMENTI

Dettagli

INDICE SEZIONE I. DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI. Art. 536 (Legittimari)

INDICE SEZIONE I. DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI. Art. 536 (Legittimari) INDICE SEZIONE I. DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI Art. 536 (Legittimari) CAPITOLO I: DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI E LINEE EVOLUTIVE DELLA SUCCESSIONE NECESSARIA 1. Successione necessaria fra tradizione

Dettagli

d.ssa Alessandra D Attilio incontro di studio 20 marzo 2014

d.ssa Alessandra D Attilio incontro di studio 20 marzo 2014 L incontro odierno prosegue sulla scia di quello del 3 dicembre 2013, nell intento di affrontare problematiche che investono aspetti di diritto societario, ma anche del diritto di famiglia e del diritto

Dettagli

Fiscalità e adempimenti nella successione delle attività imprenditoriali e professionali. Questioni aperte

Fiscalità e adempimenti nella successione delle attività imprenditoriali e professionali. Questioni aperte PASSAGGIO GENERAZIONALE. ASPETTI PSICOLOGICI, CIVILISTICI, FINANZIARI E FISCALI Fiscalità e adempimenti nella successione delle attività imprenditoriali e professionali. Questioni aperte PROF. DOTT. ALBERTO

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa generale del manuale... Premessa al I volume... Collaboratori... PARTE PRIMA NOZIONI GENERALI

INDICE SOMMARIO. Premessa generale del manuale... Premessa al I volume... Collaboratori... PARTE PRIMA NOZIONI GENERALI INDICE SOMMARIO Premessa generale del manuale... Premessa al I volume... Collaboratori... IX XI XIX PARTE PRIMA NOZIONI GENERALI CAPITOLO I Le situazioni giuridiche. Gli strumenti di tutela 1. Il diritto

Dettagli

La tua volontà, il nostro impegno

La tua volontà, il nostro impegno Con il patrocinio e la collaborazione del Voglio lasciare al mondo il futuro che ho sempre sognato La tua volontà, il nostro impegno Chi siamo 3 Il testamento solidale 4 Il nostro impegno 7 La tua volontà

Dettagli

FISCO E CASA: SUCCESSIONI E DONAZIONI

FISCO E CASA: SUCCESSIONI E DONAZIONI FISCO E CASA: SUCCESSIONI E DONAZIONI Gli aggiornamenti più recenti dichiarazione di successione imposte ipotecaria e catastale aggiornamento gennaio 2015 ALIQUOTE FRANCHIGIA MODELLO 4 PRIMA CASA IMPOSTA

Dettagli

Cosa è il Trust. 1 Art. 2 della Convenzione dell Aja.

Cosa è il Trust. 1 Art. 2 della Convenzione dell Aja. Cosa è il Trust Il Trust è un istituto di matrice anglosassone di lunga tradizione, sviluppatosi nei paesi di common law e che ha fatto il suo ingresso in Italia con la ratifica della Convenzione dell

Dettagli

Avv. Francesca Vitulo Gli strumenti giuridici per il "dopo di noi"

Avv. Francesca Vitulo Gli strumenti giuridici per il dopo di noi via Tiarini, 22 40129 Bologna tel 051 587 38 37 fax 051 587 38 39 Un futuro sereno per gli adulti con disabilità www.dopodinoi.org info@dopodinoi.org Avv. Francesca Vitulo Gli strumenti giuridici per il

Dettagli

Tutti caratterizzati da effetto segregativo

Tutti caratterizzati da effetto segregativo Il fondo patrimoniale i quale strumento di protezione del patrimonio i familiare Confronto tra fondo patrimoniale e trust di Maurizio Casalini 1 Esempi di patrimoni separati Fondo patrimoniale Accettazione

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri.

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. Articolo 1 COSTITUZIONE SEDE STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. 2) La Fondazione ha sede in Mede, Piazza della Repubblica

Dettagli

8. Successioni e donazioni SUCCESSIONI Chi deve pagarla e quanto si paga ATTENZIONE

8. Successioni e donazioni SUCCESSIONI Chi deve pagarla e quanto si paga ATTENZIONE 8. Successioni e donazioni Con la legge n. 286 del 2006 (di conversione del decreto legge n. 262 del 2006) e la legge n. 296 del 2006 (Finanziaria 2007), è stata reintrodotta nel nostro sistema l'imposta

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALLA PUBBLICITA DEI TRASFERIMENTI DI PARTECIPAZIONE DI SRL

GUIDA OPERATIVA ALLA PUBBLICITA DEI TRASFERIMENTI DI PARTECIPAZIONE DI SRL CAMERA DI COMMERCIO DI LIVORNO UFFICIO REGISTRO IMPRESE GUIDA OPERATIVA ALLA PUBBLICITA DEI TRASFERIMENTI DI PARTECIPAZIONE DI SRL Ottobre 2010 Conservatore R.I.: Dott. Pierluigi Giuntoli REV2 GUIDA/TRASF/SRL2

Dettagli

SCUOLA DI NOTARIATO DELLA LOMBARDIA CORSO SUCCESSIONI Anno accademico 2013/2014

SCUOLA DI NOTARIATO DELLA LOMBARDIA CORSO SUCCESSIONI Anno accademico 2013/2014 SCUOLA DI NOTARIATO DELLA LOMBARDIA CORSO SUCCESSIONI Anno accademico 2013/2014 Le lezioni si svolgono al mercoledì (dalle 11 alle 12,30) ed il venerdì (dalle 11 alle 12,30). In questo anno accademico,

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA

PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA Wealth(Planning(di(Azimut( come(risposta(alle(esigenze(di( passaggio(generazionale(dei( nostri(clienti 2 PARTE I TRUST La struttura giuridica Il Trust è un istituto

Dettagli

DONAZIONI E SUCCESSIONI IN ITALIA

DONAZIONI E SUCCESSIONI IN ITALIA 30 marzo 2011 Anni 2000-2009 DONAZIONI E SUCCESSIONI IN ITALIA LE DONAZIONI Metà delle donazioni riguarda unità immobiliari ad uso residenziale Nel 2009 le convenzioni relative alle donazioni sono state

Dettagli

Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014

Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014 N.A.A.A. ONLUS Via San Maurizio, 6 10073 CIRIE -TO- C.F. 92023940015 Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014 PREMESSA Il bilancio consuntivo dell esercizio chiuso al 31/12/2014 si compone di

Dettagli

Parte Straordinaria Allegato e

Parte Straordinaria Allegato e Parte Straordinaria Allegato e STATUTO "IFOM Fondazione Istituto Firc di Oncologia Molecolare" in breve "IFOM" Art. 1 COSTITUZIONE Su iniziativa della "Fondazione Italiana per la Ricerca sul Cancro", che

Dettagli

Contratto di capitalizzazione a premio unico con rivalutazione annua del capitale

Contratto di capitalizzazione a premio unico con rivalutazione annua del capitale Alleanza Assicurazioni S.p.A. appartenente al Gruppo Generali Contratto di capitalizzazione a premio unico con rivalutazione annua del capitale Condizioni Contrattuali Regolamento Gestione interna separata

Dettagli

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni REGIMI PATRIMONIALI TIPICI COMUNIONE DEI BENI: disciplina della

Dettagli

CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI

CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI Il Parlamento ha approvato la legge che istituisce l unione civile tra persone dello stesso sesso e disciplina le convivenze di fatto. Per quanto

Dettagli

Corso di perfezionamento in. Governance del patrimonio e passaggio generazionale

Corso di perfezionamento in. Governance del patrimonio e passaggio generazionale Università degli Studi di Brescia con il patrocinio di Gruppo Generali S.p.A. Corso di perfezionamento in Governance del patrimonio e passaggio generazionale Programma 12 incontri da 8 ore ciascuno (4

Dettagli

Scritto da Alessandro Quattrone Lunedì 16 Settembre 2013 13:33 - Ultimo aggiornamento Lunedì 16 Settembre 2013 15:37

Scritto da Alessandro Quattrone Lunedì 16 Settembre 2013 13:33 - Ultimo aggiornamento Lunedì 16 Settembre 2013 15:37 Le polizze vita sono dei contratti stipulati tra privati cittadini e compagnie assicurative che obbligano queste ultime a liquidare un beneficiario con una somma oppure sotto forma di una rendita qualora

Dettagli

STUDIO DUCOLI DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI CONTABILI INDICE

STUDIO DUCOLI DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI CONTABILI INDICE Circolare n.9 del 5 Dicembre 2006 Tassazione dei trasferimenti per successione e donazione Novità del DL 3.10.2006 n. 262 convertito nella L. 24.11.2006 n. 286 INDICE 1 Nuova tassazione delle successioni

Dettagli

LA RIFORMA DEI PATTI SUCCESSORI RINUNCIATIVI

LA RIFORMA DEI PATTI SUCCESSORI RINUNCIATIVI Nota per la stampa LA RIFORMA DEI PATTI SUCCESSORI RINUNCIATIVI 1. Scopo della riforma In base all attuale testo del codice civile (art. 458) è nulla ogni convenzione con cui taluno dispone o rinuncia

Dettagli

SOMMARIO. Tabella delle abbreviazioni...

SOMMARIO. Tabella delle abbreviazioni... SOMMARIO Tabella delle abbreviazioni... XXIII 357 DIRITTO DELLE PERSONE FISICHE, DEI MINORI ED INCAPACI di ADRIANO PISCHETOLA VI.357.1 Atto di disposizione del proprio corpo relativamente alle tecniche

Dettagli

Le modalità di attuazione della nuova disciplina saranno stabilite da un apposito decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze.

Le modalità di attuazione della nuova disciplina saranno stabilite da un apposito decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze. Circolare n. 35 del 4 dicembre 2014 L. 30.10.2014 n. 161 (legge europea 2013- bis) - Principali novità INDICE 1 Premessa 2 2 Tassazione dei soggetti non residenti - Estensione delle disposizioni previste

Dettagli

XVI LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI. PROPOSTA DI LEGGE Art. 1. (Finalità).

XVI LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI. PROPOSTA DI LEGGE Art. 1. (Finalità). XVI LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI N. 2024 PROPOSTA DI LEGGE Art. 1. (Finalità). 1. La presente legge prevede misure di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave che siano prive del

Dettagli

La successione per causa di morte

La successione per causa di morte L impresa di famiglia alla prova del passaggio generazionale: l importanza della pianificazione La successione dell imprenditore: destino o pianificazione? La successione per causa di morte Relatori notai

Dettagli

Successione e Pratiche Testamentarie

Successione e Pratiche Testamentarie Successione e Pratiche Testamentarie La scelta dell Amministratore di Sostegno Incontro di Sensibilizzazione Progetto AdS- Brescia Nel nostro sistema giuridico possiamo sostanzialmente individuare due

Dettagli

TRASFERIMENTI GRATUITI: DISCIPLINA CIVILISTICA E NUOVI PROFILI FISCALI

TRASFERIMENTI GRATUITI: DISCIPLINA CIVILISTICA E NUOVI PROFILI FISCALI TRASFERIMENTI GRATUITI: DISCIPLINA CIVILISTICA E NUOVI PROFILI FISCALI Il patrimonio personale accumulato nel corso della propria vita può essere trasferito ai propri figli e famigliari scegliendo fra

Dettagli