Troppe irregolarità, stop a 3 ditte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Troppe irregolarità, stop a 3 ditte"

Transcript

1 y(7hb7c1*ntokkq( +&!=!#!$!? Sabato 22 novembre 2014 DAL 1877 L INFORMAZIONE INDIPENDENTE w w w.corrieredinovara.com Anno N. 130-Esceillunedì,ilgiovedìeilsabato Spedizione in A.P. - 45% art. 2 comma 20/b legge 662/96 - Novara - Euro 1,40 Ogni lunedì, giovedì e sabato l a b b i n a m e nto del quotidiano Il Giorno con il nostro giornale a solo 1,50 euro Lunedì, giovedì e sabato in abbinamento obbligatorio con Il Giorno Euro 1,50 Riorganizzazione sanità Dea a Verbania o a Domo? La guerra continua alle pagine 2-3 A NOVARA VASTA OPERAZIONE DELLA DIREZIONE TERRITORIALE DEL LAVORO E DEL NIL DEI CARABINIERI Troppe irregolarità, stop a 3 ditte Quadro desolante dopo controlli nel settore della logistica e dei trasporti nun controllo a vasto raggio in diverse ditte operanti nel settore della logistica e dei trasporti, ed ecco emergere un quadro davvero desolante: numerose, infatti le irregolarità riscontrate. E per tre di esse si è arrivati addirittura alla sospensione dell'attività: «Divieto di proseguire nelle lavorazioni fino alla integrale regolarizzazione delle posizione lavorative irregolari, unito al pagamento di una rilevante sanzione amministrativa». L operazione, scattata il 19 novembre, è stata condotta dalla Direzione territoriale del lavoro in collaborazione con il Comando provinciale dei Carabinieri, nel l ambito di più vasti controlli a livello nazionale in base a un accordo fra i Ministeridi Difesae Lavoro.Al setaccio 25 imprese, col controllo di un centinaio di lavoratori, operanti prevalentemente nel settore della logistica; e poi altre 12 ditte edili e di installazione impianti che eseguono lavori di ristrutturazione. Ed ecco, come detto, una sfilza di irrego- «Quel miracolo mi ha cambiato la vita» n«lei si sente miracolato?». «Ascolti la mia storia, poi giudicherà». Antonio Simeoni, novarese, ha vinto inaspettatamente la sua lotta contro il cancro. Racconta la sua esperienza tenendo tra le mani una dettagliata cartella clinica: «E tutto documentabile». «Mi avevano dato due anni di vita, ad essere ottimisti. Io ero comprensibilmente disperato: ancora giovane, con moglie e due figli piccoli da crescere. Mi sono aggrappato alla fede, essendo fin da bambino fervido credente». La fede, e il passaparola tramite parenti e conoscenti, lo hanno portato all incontro con Mamma Lucia. E lei che Simeoni prega e ringrazia da anni, recandosi a almeno una volta all anno a trovarla. Chiaronellamenteilmomento buiodellascopertadellamalattia: «Sentivo dolori nel lato destro del petto. Si notavano due grosse ghiandole sotto la clavicola e mi recai all ospedale San Rocco di Galliate per una visita specialistica ricorda Simeoni, classe Arianna Martelli continua a pagina15 larità, in materia di sicurezza, previdenza, salute sul lavoro e quant altro. Sono scattate numerose denunce (in un caso anche per tentata truffa aggravata) e pesanti sanzioni amministrative. Le ditte coinvolte gravitano soprattutto intorno al Cim, operando anche in locali di pertinenza, seppure esterni, della società che, va precisato, è del tutto estranea e nulla ha a che fare con l op erazione. Paolo Viviani continua a pagina 4 Il Novara Calcio torna al Piola oggi alle 17 con l AlbinoLeffe : obiettivo dimenticare Vi ce n z a A PAGINA 29 GUARDANDO ALL E U RO PA L Accordo quadro sul cambiamento climatico: meno idealismo più pragmatismo da parte Volley: Igor in campo stasera a Piacenza da capolista a pagina 31 I recenti avversi eventi atmosferici che in questi ultimi giorni si sono abbattuti sull Italia e con particolare violenza anche sul Piemonte pongono ancora una volta all attenzione di tutti l irrisolto e quanto mai grave problema del cambiamento climatico. Si tratta di un fenomeno in atto a causa dell inces - sante inquinamento dell ar ia dovuto, in particolare modo, a l l aumento della presenza di anidride carbonica e di altri gas in atmosfera in quantità superiori al normale, a causa per lo più del costante aumento della temperatura e del conseguente surriscaldamento del globo. Q uest ultimo, giova ricordarlo, rappresenta la principale emergenza ambientale che, a livello internazionale e non solo europeo, si cerca di affrontare in considerazione del fatto che le maggiori preoccupazioni emerse nei diversi forum scientifici e non dedicati al tema in oggetto, non riguardano tantoilfatto cheilclimastia cambiando, cosa ormai acclarata, ma la velocità con la quale tale mutamento stia avvenend o. In questo quadro, senza dubbio ben poco rassicurante, si segnala una recente e importante iniziativa europea rappresentata dall Accordo sul clima concluso in sede di Consiglio europeo a fine ottobre scorso, tramite il quale sono stati definiti gli obiettivi climatici per il 2030, in un ottica di progressiva decarb onizzazione del l economia europea, processo di tutela ambientale promosso già nel 2010 con il lancio della nota strategia Europa Tra i diversi obiettivi definiti da l l accordo sul cambiamento climatico recentemente concluso, si segnala l impegno vincolante tanto a livello europeo, quanto a livello di singoli Stati membri di ridurre le emissioni nocive del 40%, a cui si aggiungono: un obiettivo vincolante sul piano europeo, ma non su quello nazionale, di maggiore diffusione e utilizzo delle energie rinnovabili, che dovranno soddisfare il 27% della domanda complessiva di energia e un obiettivo, anch esso vincolante a livello europeo, ma sempre programmatico a livello nazionale, legato invece all au mento del l efficienza energetica di almeno il 27%. Giulio Peroni continua a pagina 36 I lavoratori del Centro Olio di Trecate scrivono ai cittadini di Carpignano: Non siamo inquinatori a pagina 35 Mobilitazione generale contro le truffe agli anziani a pagina 7

2 2 SABATO 22 NOVEMBRE 2014 Corriere di Novara CRONAC A L ASSESSORE SAITTA: «ENTRO FINE ANNO DOVREBBE ARRIVARE LA FORMALIZZAZIONE DA PARTE DEL TAVOLO MASSICCI» Sanità, verso uno sblocco del turnover Determinante la revisione della rete ospedaliera: già da gennaio le prime assun z ioni nfinalmente il turnover della sanità pubblica piemontese potrà essere sbloccato. Lo ha auspicato l as - sessore alla Sanità della Regione Piemonte, Antonio Saitta, commentando l esito della convocazione di giovedì al Ministero dell Economia, dove il direttore regionale, Fulvio Moirano, ha portato gli atti dei primi cinque mesi di impegno per mettere mano ai conti di una sanità che stava rischiando il default. Per la prima volta - ha precisato Saitta - il tavolo ministeriale, il cosiddetto Tavolo Massicci, ha espresso giudizi positivi sul lavoro che la Regione Piemonte sta svolgendo. A luglio avevamo ricevuto le ultime dure accuse di inadempienza riferite alla Giunta Cota, adesso torniamo da Roma con le prime parole di apprezzamentoper lagiuntachiamparinoe nonpossiamo che essere soddisfatti e confortati. Moirano - ha continuato l assessore -hapotutopresentare idocumenti di chiusura dei conti 2011 e 2012 delle aziende sanitarie, ha illustrato la documentazione che, a breve,saràapprovatadalla Giuntaregionaledeibilanci 2013, già tutti verificati dai tecnici dell assessorato, ed ha fornito un chiaro cronoprogramma sui bilanci 2014: in cinque mesi abbiamo fatto chiarezza su documenti che al Ministero chiedevano da anni inutilme nte. Infine l ultima delibera: L illustrazione del contenuto della delibera di revisione della rete ospedaliera approvata dalla Giunta Chiamparino - secondo Saitta - ha consentito la notizia più attesa: il tavolo Massicci è rimasto talmente ben impressionato dal nostro lavoro,e soprattuttodal cambiodipasso dellaregione Piemonterispetto alpassato, chehadeciso dianticipare la prossima convocazione entro dicembre (avrebbe dovuto essere fine febbraio 2015). Entro fine anno - ha commentato soddisfatto - ci formalizzeranno la possibilità di togliere almeno in parte l o dioso blocco del turnover che, per medici ed infermieri, da troppo tempo blocca il lavoro nelle corsie degli ospedali. Sempre rispettando i parametri dei conti delle aziende sanitarie che devono essere rigorosamente monitorati, già da gennaio dovremmo poter assumere.mi pareuna grandenotiziache confermacome l impegno per rimettere in carreggiata una sanità senza controllo e senza programmazione sia l unica strada. Una strada difficile ed impopolare, ma l unic a. Sandro Devecchi COME LA PENSANO I CONSIGLIERI REGIONALI NOVARESI «La Città della Salute ora è essenziale» Da sinistra Domenico Rossi, Augusto Ferrari e Diego Sozzani nla notizia del giudizio positivo espresso dal Ministero dell Economia sulle manovre messe in atto dalla Regione Piemonte e della conseguente possibilità di uscire dal piano di rientro forzato riguardante la sanità, ha riproposto decisamente la questione della Città della Salute a Novara. Il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino ha annunciato che la riorganizzazione della rete ospedaliera comprenderà il progetto della Città della Salute di Novara. «Bisogna partire dal presupposto spiega Domenico Rossi, consigliere regionale e vice presidente della Commissione Sanità della Regione che l atto di Giunta sul riordino della rete ospedaliera ha dovuto gestire una situazione di eccessivi sprechi che si sono consumati begli ultimi 20 e 30 anni. Ovviamente questa è stata una necessità di legge, ma per funzionare - continua Rossi bisogna intervenire contestualmente anche nella sanità territoriale e non solo ospedaliera. Infine, non dobbiamo dimenticare che il Piemonte deve osservare un piano di rientro moltorigido:ogni spesaècontrollata da Roma». Rossi entra poi nel vivo della riorganizzazione: «Per Novara non cambia molto, il Maggiore sarà l ospedale Hub, con Borgomanero,Spoke,cioè DeadiIlivello, assieme a Biella e Vercelli ed una struttura tra Verbania e Domodossola e Borgosesia ospedale di territorio. Siamo solo all inizio di un percorso pre - cisa il vicepresidente della commissione Sanità che si articolerà in 2-3 anni e riguarderà la presenza dei singoli reparti nelle varie strutture». Una serie di decisioni difficile da far digerire al territorio, l es empio è proprio la battaglia in corso tra Verbania e Domodossola: «Funzionerà se la distribuzione dei reparti verrà fatta conoscendo in anticipo i criteri e le modalità di scelta, uguali per tutte e con la massima equità». «Per quanto riguarda il problema della migrazione in altre regioni, in particolare la Lombardia conclude Rossi che ci costa qualcosa come 30 milioni di euro, la risposta è proprio la Città della Salute di Novara, una struttura che dovrà essere moderna e tecnologica, altamente competitiva rispetto all of fer ta lombarda. Sarà strategicamente funzionale a tutto il Piemonte per invertire la tendenza. Insomma la Città della Salute è ess enziale». Augusto Ferrari, assessore regionale alle Politiche sociali, ricorda che «la riorganizzazione libererà risorse che andranno a potenziare la continuità assistenziale e i servizi territoriali». La Città della Salute: «Il progetto è molto avanti, ora, per accedere aifondi,deve essereinsediatoil nucleo di valutazione e Chiamparino sta lavorando in questo senso. Abbiamo bisogno di una struttura modena e all av an - gu ardi a». Diego Sozzani, consigliere regionale di Forza Italia, attacca la delibera di Giunta,«anche perchè non me l hanno ancora fatta vedere - spiega- Questa è una giunta per sommi capi, che finora ha saputo aumentare solo l Ir pef». Critiche anche per quanto riguarda la scelta tra l ospedale di Verbania e quello di Domo: «Non deve essere il territorio a scegliere, altro che rinvio. Che ci sta a fare la Regione?». Sozzani è molto scettico anche sulla realizzazione della Città della Salute: «La regione Piemonte non ha soldi, parliamo di 14 miliardi debito. Il sindaco ha detto che ci sono già 120 milioni di euro adibiti alla struttura oltre ad alcune cascine? Ed allora vendiamole, così vediamo quante realizziamo! D altronde - prosegue - l area su cui dovrebbe sorgere era già stata decisa dal sottoscritto in qualità di assessore all Urbanistica nella Giunta Giordano del Il vero problema - conclude - è che l ospedale attuale costa di manutenzione 10 milioni all anno e tocca alla politica analizzare questa situazione, comead esempiopensare aincentivare l edilizia ospedaliera». s. d. continua a pagina 3

3 Corriere di Novara SABATO 22 NOVEMBRE 2014 CRONAC A 3 COSÌ I SINDACI DEL VERBANO, MA LA GUERRA CON I COLLEGHI OSSOLANI NON È CERTO CHIUSA «Un anno per decidere tra i due Dea, abbandonando inutili campanilismi» ANDRISSI (M5S) «Non ho ancora avuto la delibera!» VERBANIA Respira il Verbano dopo il rinvio al 31 dicembre 2015 della scelta del Dea da chiudere. Era questo il sentimento prevalente, mercoledì 19 in sala giunta a Verbania, di Silvia Marchionini, sindaco di Verbania; del collega di Cannobio, Giandomenico Albertella, e degli altri primi cittadini presenti all incontro con i giornalisti. «Risultato positivo e giusto» l ha definito Marchionini: «Decidere in cinque giorni non sarebbe stato possibile. Il fatto che in pochi giorni siano state raccolte ottomila firme per il mantenimento di entrambi i Dea dimostra da che parte stia il territorio. Ora è il caso di rimettersi al lavoro e iniziare a parlare in modo unitario, abbandonando inutili campanilismi ai quali da subito non ci siamo prestati». Soddisfazione ha espresso anche Albertella, che ha condiviso con la collega verbanese la leadership della protesta dei sindaci e lanciato all Ossola la sfida della protesta di piazza: «Avevamo chiesto tempo e ci hanno dato un anno, sarebbe contraddittorio lamentarci che la Regione non ha deciso. Non ci sono stati né vincitori né vinti. I prossimi mesi devono servire per ragionare con serenità. Fino ad ora è mancata per la tempistica troppo stretta. Riguardo al Verbano abbiamo daticheparlanoda soli,cidannouna tranquillità che evidentemente non ha chi ha tanta fretta. Siamo aperti ad ogni confronto». Per Diego Brignoli, presidente del consiglio comunale di Verbania, «hanno prevalso il buon senso, la ragionee ildialogo.usiamol anno che ci hanno concesso per tenere alta l attenzio - ne e smorzare la tensione. Il diritto alla salute è di tutti, non solo di verbanesi o ossolani». Riccardo Brezza, segretario Pd di Verbania: «Una prima vittoria della provincia. Ora bisogna istituire un tavolo tecnico». Anche per Sinistra Ecologia e Libertà «il rinvio è una scelta positiva». D accordo Vladimiro Di Gregorio, consigliere di Sinistra Unita per Verbania, che si esprime a nome dei Comunisti italiani: «E un primo risultato positivo. Ora c è un anno per modificare le scelte errate in sospeso». Una Verbania possibile (Cittadini con voi, Sinistra & Ambiente) ringrazia gli oltre 4500 cittadini che hanno firmato la petizione a sostegno dei due Dea. E sottolinea: «Il sindaco Silvia Marchionini ha potuto così presentarsi a Torino supportata dal peso virtuale di questa imponente volontà popolare». Rena - to Brignone (Sinistra & Ambiente) ritiene «prematuro fare un consiglio comunale aperto coi sindaci del Verbano sabato (oggi,ndr), comechiestodal sindacomarchionini, ma il consiglio ci sarà». Commenti di segno opposto da centrodestra e Lega Nord. Mirella Cristina, capogruppo di Forza Italia: «La fretta di dover decidere in pochi giorni ha solo spaccato il territorio, mettendo Ossola e parte del Cusiocontroil Verbano.Ilpressapochismo l ha fatta da padrone portando anche a situazioni paradossali in cui forze politiche hanno raccolto firme contro i propri rappresentanti in Regione (Il Pd, ndr)». Il segretario cittadino della Lega Nord, exconsigliere regionale, Roberto De Magistris: «La montagna ha partorito il topolino. Tutto questo polverone per ribadire che alla fine andava bene la riforma Cota». Proprio l ex-governatore incontra oggi (sabato 22) alle 11,30 i giornalisti con De Magistris, la segretaria provinciale del Carroccio, Marcella Severino, ed altri dirigenti locali nella sede di corso Garibaldi. Il consigliere provinciale del Nuovo centrodestra, Matteo Marcovicchio: «Verbania o Domo non importa, l unica soluzione accettabile rimane tenere entrambi i Dea». Anche per Fratelli d Italia «Verbania e Domodossola hanno pari importanza». Ma anche l Ossola passa al contrattacco DOMODOSSOL A Pronti a tutto. Non escludono nessuna azione di protesta i sindaci ossolani che riuniti negli Stati generali dell Oss ola mercoledì sera hanno alla fine deciso di chiedere le dimissioni dell assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta. La riunione, durata oltre tre ore, s è conclusa intorno a mezzanotte ed ha visto numerosi e animati interventi da parte dei primi cittadini. Che si sono accordati anche sulla volontà di chiedere al Presidente della regione Piemonte Serg io Chiamparino di venire in Ossola per spiegare il disegno regionale in tema di s anit à per il VCO sulla cui riorganizzazione si dovrà attendere il 31 dicembre Il rinvio di un anno, comunicato dalla Regione per esprimersi nel merito, è stato infatti mal digerito dai sindaci ossolani i quali porteranno nei rispettivi consigli comunali l approvazione del documento elaborato dalla Rappresentanza dei sindaci e che avalla il mantenimento del Dea del San Biagio a scapito del declassamen - to di quello del Castelli. E rispetto all'attuale organizzazione sanitaria della Provincia, l'ossola a Chiamparino chiederà dunque di non cambiare le carte in tavola mantenendo lo status quo, ovvero lasciando attivo il Dea a Domodossola. Non solo. Gli amministratori ossolani richiedono che nel frattempo nulla venga modificato, tolto o ridotto dal nosocomio domese. In caso contrario sarebbero pronti a tutto, anche ad occupare il San Biagio o ad altre azioni eclatanti, come quella avanzata da un gruppo di sindaci, di dimissioni e restituzione della fascia tricol ore. Marco De Ambrosis Fuoridalcoro ilredivivocomitatodifesa ospedale Castell: «Veramente desolante ritrovarci con i partiti davanti al nostro ospedale Castelli a raccogliere firme contro la proposta Saitta e proprio quei partiti che hanno condiviso, negli anni, la distruzione della sanità nel nostro territorio». I 5 Stelle, dopo essersi intestati il successo («accolta la nostra richiesta di rinvio») accusano: «La giunta regionale, ed in particolare il vicepresidente Reschigna, hanno preso in giro tutti i cittadini del Verbano Cusio Ossola. Prima hanno scatenato una guerra tra i sindaci della provincia, poi si sono tirati indietro prendendosi un anno sabatico». Sulla graticola è finito Aldo Reschigna, cittadino di Verbania di cui è stato sindaco dal 1993 al I 5 Stelle già da martedì 18, quando Saitta s era rifiutato di rispondere ad una loro interpellanza sul Dea da chiudere, l avevano accusato: «Ci ha messo lo zampino!». Accusa che il diretto interessato respinge: «Per il ruolo che ricopro non homai presole partidi Verbaniao Domodossola. Non è vero che la Regione non ha scelto: uno dei due Dea nel Vco sarà chiuso». Quale? «Partirà un gruppo di lavoro con la Regione, l Asl, le amministrazioni e i cittadini. Deve essere un anno di dialogo per arrivare a una scelta che tenga conto del territorio». Ai sindaci dell Osso - la tentati dalle dimissioni in massa dice: «Non solo a loro, ma a quelli di tutta la provincia dico che non è questo il momento di invocare la piazza per difendere le proprie posizioni. Non è l ora delle barriate ma del confronto. Chi rifiuta questa opportunità dovrà poi risponderne alla gente». Ieri (venerdì 21), intanto, è ripartita la mobilitazione davanti al Castelli. Il Club Forza Silvio ha avviato una raccolta firme per il mantenimento dei due Dea. E ha annunciato una analoga iniziativa davanti al San Biagio. La guerra continua. Mauro Rampinini Giampaolo Andrissi segue da pagina 2 ngiampaolo Andrissi, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, punta l atten z ione sulla diatriba tra gli ospedali C astelli di Verbania e S. Biag io di Domodossola: «Sarà una decisione estremamente difficile da prendere - spiega - anche se noi ci siamo espressi per un ospedale unico. Staremo a vedere con la ridefinizione della rete ospedaliera che comporterà un eli - minazione dei primariati e la creazione di nuovi posti letto per la continuità assistenziale che saranno, però, sottratti alla riabilitazione. Dovrebbeessere unattoche consentirà di sbloccare il turnover in regione, decisamente sottoorganico» «Nonpossoconclude - dire di più perchè non ho ancora avuto la delibera, per questo stiamo facendo ostruzionismo in commissione Sanità e Bilancio!» Sandro Devecchi

4 4 SABATO 22 NOVEMBRE 2014 Corriere di Novara CRONAC A UN SENEGALESE, GIÀ BOCCIATO 8 VOLTE, MANDA ALL ESAME UN SUO AMICO, MA LA POLIZIA LI SORPRENDE Scambio di persone al quiz per la patente: denunciati nnon riusciva proprio a prendere la patente: ci aveva provato ben 8 volte ma quei quiz fra cartelli e segnaletica evidentemente erano proprio insormontabili per lui. E allora spunta l amico un po più ferrato, pronto a dargli una mano, anzi, a metterci la faccia. Scambio di documenti, ed ecco l amico presentarsi in sua vece alla Motorizzazione a sostenere gli esami di teoria. Con successo. Ma La vicenda è finita con due denunce per truffa in concorso ai Scippatori ancora in azione in città danni dello Stato. E ovviamente niente patente per S.M., 36enne senegalese, residente in zona. A sostituirsi a lui un suo connazionale, D.M., di 37 anni, che durante i quiz è incappato in un controllo della Squadra giudiziaria della Polizia stradale. Ha tentato fino all ultimo a convincere gli agenti di essere S.M., di essere proprio quello della foto sul documento (in realtà dell amico), ma alla fine ha dovuto arrendersi, confessando il trucco, davanti agli esami dattiloscopici. E pensare che appunto S.M. stava già festeggiando, visto che l amico era stato promosso. L operazione della Polizia si ricollega alla precedente Blue - to oth del luglio 2013, che aveva permesso di smantellare un sodalizio criminale - una decina allora le persone denunciate - che si dedicava appunto a dare una mano in vari modi a chi aveva difficoltà con i quiz. p. v. RISCONTRATE NUMEROSE IRREGOLARITÀ CON DENUNCE E SANZIONI Al setaccio una trentina di aziende nancora uno scippo in città negli ultimi giorni. Vittima, in qu est ultimo caso, un uomo. L episodio è avvenuto lunedì intornoalle13 nellazonadi corso Cavallotti, in pieno centro. La vittima è stata avvicinata da uno sconosciuto, sembrerebbe di colore, che l ha derubato dei soldi che teneva nella tasca della giacca. Poco dopo l accaduto è transitata lungo la strada una pattuglia dei Carabinieri, che l uomo ha prontamente fermato. La denuncia è stata poi completata, però, in Questura, che ora si occupa delle indagini. E unaltro scippoè statosegnalato anche ieri, venerdì, all angolo fra viale Giulio Cesare e via Crespi. In questo caso nel mirino dei malviventi una donna, strattonata e buttata a terra. Indagano i Carabinieri. m o. c. segue da pagina 1 In campo tutto il personale del Servizio ispezione della Direzione territoriale del lavoro, unitamente al Nucleo ispettorato del lavoro (Nil) dei Carabinieri, comandato dal maresciallo Tiziano De Renzis, con il fattivo supporto dei militari della Compagnia di Novara. In un cantiere tre imprese occupavano 4 lavoratori in nero: attività sospesa fino a che non saranno messi in regola, e pesante sanzione amministrativa. Numerose anche le infrazioni in materia di sicurezza, soprattutto per violazione degli obblighi di tutela della salute dei lavoratori (in nero) quali omessa attivazione della sorveglianza sanitaria, dell infor mazione dei lavoratori e della consegna e formazione sull'uso dei dispositivi di protezione individuale. Proprio per le infrazioni in materia di sicurezza i titolari delle aziende sono stati denunciati alla magistratura: potranno comunque estinguere la procedura «mediante l'assolvimento degli obblighi omessi, unito al pagamento di sanzione amministrativa». Ulteriori verifiche sono state condotte relativamente al divieto di controllo a distanza dei lavoratori; e anche su alcuni autotrasportatori o dipendenti di imprese di autotrasportoper quantoriguardail rispetto dei tempi di guida e lavoro. Un lavoratore extracomunitario di una ditta di impianti è risultato sprovvisto del permesso di soggiorno, mentre un altro, in nero, è finito nei guai per sostituzionedi personae tentatatruffa ag gravat a. Paolo Viviani Solenne celebrazione in Duomo della Virgo Fidelis dell Arma nsi è celebrata anche a Novara (nelle foto di Martig noni), in cattedrale, la ricorrenza della Virgo Fidelis, patrona dell Arma dei Carabinier i. A presiedere la messa, il vescovo, monsignor Franco Giulio Brambilla, presenti tra gli altri il sindaco Andrea Ballarè, il presidente della Provincia Matteo Besozzi, il prefetto Francesco Paolo Castaldo, i vertici della magistratura, tanti sindaci del territorio, il vice questore vicario Roberto Bulone e i rappresentanti di tutti gli altri Corpi e Forze dell ordine. A fare gli onori di casa il comandante provinciale dell Arma, colonnello Giovanni In servizio 5 nuovi marescialli della Gdf Spirito, con i comandanti delle Compagnie di Novara e di Arona, capitani Silvio Melee FrancescoPalazzo.Presenti anche alcuni studenti, del l istituto Sacro Cuore e San Lorenzo, cui è andato il primo saluto del vescovo. Monsignor Brambilla ha fatto leva sui valori fondanti di un carabiniere, a partire dalla fedeltà, «che non è altro - ha detto il vescovo - che il mettere la nostra libertà alla prova del tempo». Ha puntato poi sulla necessità del «generare legami». Altro valore ricordato dal vescovo la f rater nit à. Lacelebrazione sièchiusa con la preghiera del Carabiniere e gli interventi del capitano Mele e del colonnello Spirito. All esterno, poi, la benedizione dei mezzi. *** Domenica 23 alle 19 all au - ditorium Annalisa Torgan o del Civico istituto musicale Brer a si terrà un concerto promosso e organizzato dall Associazione nazionale Carabinieri, sezione di Novara, in celebrazione della Virgo Fidelis e per la ricorrenza del 200 anno della fondazione dell Arma dei Carabinieri, con la partecipazione di Sachiyo Tsubamoto, mezzo soprano, Alessio Molinaro, tromba, e Luca Canneto, pianoforte. Ingresso libero m o. c. n(p.v.) Al termine del periodo di formazione cinque ispettori dell 83 Corso Monte Sperone II, tutti di età compresa tra i 23 ed i 29 anni, sono stati assegnati al Comando provinciale di Novara della Guardia di finanza. In particolare i neo marescialli Scirocco Floriana, Lo Sapio Domenico, Milite Bruno e Sorace Valeria sono stati destinati al Nucleo di Polizia tributaria mentre Crisafulli Arianna alla Compagnia di Novara. Spiegano al Comando: «Il percorso formativo triennale, svoltosi presso la Scuola ispettori e sovrintendenti de L Aquila, ha consentito agli ispettori di acquisire specifiche competenze in materie economico-giuridiche, nonché le tecniche operative da adottare in ciascun segmento della missione istituzionale del Corpo, permettendo, alla fine del ciclo di studi, il conseguimento della laurea in Operatore giuridico d impresa». L ass egnazione del nuovo personale dimostra «l attenzione, ma anche le aspettative, che il Corpo ripone nei confronti della provincia novarese che, con le nuove le ve, potrà sicuramente incrementare il livello di legalità economica a tutela della collettività ed essere più vicini al cittadino, fornendo risposte tempestive ed efficaci». Ai nuovi arrivati il comandante provinciale, colonnello Giovanni Casadidio, anche a nome della locale Sezione dell Associazione nazionale finanzieri d It alia, ha formulato i migliori auguri per i futuri impegni professionali.

5 Corriere di Novara SABATO 22 NOVEMBRE 2014 CRONAC A 5 NEL MIRINO DI CARABINIERI E GUARDIA DI FINANZA UN SOGGETTO CON INTERESSI IN VARI CENTRI DEL NOVARESE Confiscati beni di dubbia provenienza per 1 milione nnonsolocondanne penali,maancheesoprattutto mano al portafoglio, ovvero sequestri e confische di beni mobili e immobili per meglio contrastare la criminalità organizzata: su questo insistono i magistrati in prima linea contro le cosche. Ebbene, alla luce di questa f ilosof ia si può leggere un provvedimento se non innovativo in zona perlomeno eclatante, eseguito giovedì mattina dai Carabinieri del Nucleo investigativo di Novara unitamente al Gico della Guardia di finanza di Torino, emesso, ai sensi appunto della normativa antimafia, dalla Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Novara, presieduto dalla dottoressa Fabrizia Pironti di Campagna. Colpisce un calabreseoriginario divibovalentiama datemporesidente nel Novarese, il 59enne Mario Cracolici, imprenditore nel settore degli autotrasporti. Attualmente domiciliato a Meina, ha recentemente terminato di scontare un periodo di detenzione domiciliare «per una condanna a 6 anni di reclusione, poi ridotti a 3 anni e 10 mesi, per traffico di stupefacenti», come precisa una nota delle Forze dell ordine. Si tratta della confisca, oltre che di diversi immobili ubicati a Gozzano e Trecate, della «totalità delle quote sociali e dei beni aziendali di due società, unaoperantenelsettore degliautotrasportiel altra nel settore immobiliare, aventi sede in Trecate, e cinque conti correnti, per un valore complessivo stimato in oltre di euro». L applicazione della misura di prevenzione è scaturita da proposte avanzate dalle Procure di Novara e Torino, attivate appunto dagli investigatori dei Carabinieri e delle Fiamme gialle, «nell ambito dell attivit à di contrasto alla criminalità organizzata condotta attraverso l erosione di patrimoni acquisiti - stando appunto agli inquirenti illecitamente». Articolate indagini economico-patrimoniali hanno consentito di quantificare la reale consistenza dei beni facenti capo a Cracolici, facendo emergere - sempre stando all accusa - una «notevole sperequazione tra i beni posseduti e i redditi dichiarati. Gli accertamenti sono stati sviluppati anche attraverso l ana - lisi di contatti, frequentazioni e trascorsi giudiziari del soggetto», da cui sarebbero emerse presunte «relazioni con diversi e qualificati esponenti della criminalità organizzat a». p. v. IL DIRETTORE E SEGRETARIO GENERALE DELLA PROVINCIA (SOSPESO) È INTANTO TORNATO IN LIBERTÀ Princiotta, il processo entra finalmente nel vivo n Processo Princiotta/Markab group, si torna in aula (a Milano) il 1 dicembre, dopo sei udienze (la prima il 17 settembre), e l us cita di scena (anzi, in realtà non è mai entrato) del presunto corruttore materiale del segretario e direttore generale di Palazzo Natta (ora sospeso), ovvero il dipendente dell azienda Andrea Antonio Boffi che ha optato per il patteggiamento. Princiotta prosegue ora il processo - è stato presente a tutte le udienze - da uomo libero, visto che nell ultima del 10 novembre i giudici hanno accolto l istanza del difensore, avvocato Luca Giuliante, disponendo la scarcerazione (era ai domici liar i da ottobre, dopo un lungo periodo a San Vittore). Il processo (con rito immediato) si era aperto con la costituzione della Provincia (con l avvocato Edoardo Pozzi) come parte civile (tranne che contro Boffi, che appunto con la pena da concordare ha evitato di essere giudicato) e la nomina del perito Andrea Rossetti per la trascrizione delle intercettazione telefoniche. Tutto ruota attorno al macchinario trattarifiuti: Princiotta era stato arrestato con l ac - cusa di concorso in corruzione l 8 maggio dalla Dda di Milano appunto per quella apparecchiatura della Markab group che aveva certificato nel 2011, quando era stato delegato ad occuparsi anche del Settore Ambiente di Palazzo Natta. E finito sotto processo - ma va sottolineato che lui respingeconforzatutte leaccuse-sostanzialmente per un passaggio di denaro dalla Markab/Eco Fly, ovvero circa 60 mila euro. In particolare un bonifico di a fine novembre 2011, effettuato sul suo conto dal dipendente Andrea Antonio Boffi, anche lui arrestato insieme ai vertici dell azienda, Carlo Giomini e Francesco Cirrincione. Una tangente in cambio della certificazione alla trattarifiuti, per l accusa; un prestitodaun amico,ritenutosemplice collaboratore esterno della ditta, per la difesa. Che fin da subito spiegò: «Boffi addirittura pretese la restituzione appunto del prestito tramite decreto ing iunt ivo». In aula nel corso dell u lt ima udienza i giudici hanno riunito i due fascicoli, quello per corruzione e quello per truffa ai danni dello Stato. Finora è stata ascoltata la quasi totalità dei testimoni, ad eccezione di alcuni della difesa. Il 1 dicembre si proseguirà anche con l'esame dei consulenti tecnici dell acc usa. Come detto Princiotta è da tempo sospeso dagli incarichi. In questi giorni Palazzo Natta sta designando il nuovo segretario generale della Provincia. Paolo Viviani Auto prende fuoco e poi esplode: 1 ferito n Momenti di panico, giovedì pomeriggio, poco prima delle 16,30, in via Sforzesca, a poche decine di metri da viale Curtaton e. Per cause in fase di ricostruzione da parte dei Carabinieri, un au tovettura, una Kia, ha dapprima preso fuoco e, quindi, è esplosa (nelle foto di Martignoni). Stando alle prime indagini l au to, immatricolata a gasolio, avrebbe ospitato al suo interno un altro impianto (a gpl, sembrerebbe rudimentale), che andava a servire una bombola. Forse a seguito di una perdita legata a questo secondo impianto, l espl osi one. Un boato udito in tutti i palazzi dei dintorni. Sul posto Vigili del fuoco, Vigili urbani, Polizia e Carabinieri. Il conducente del veicolo ha riportato ferite serie. Non è in pericolo di vita, ma è stato portato da un ambulanza del 118 in ospedale con appunto ferite di media gravità. Ha ustioni in particolare sulle mani. Poco prima dell esplosione pare il conducente si sia recato da un distributore per fare rifornimento. Dopo pochi metri il boato. Un episodio che poteva rivelarsi più grave e che, fortunatamente, non ha coinvolto altri automobilisti. m o. c.

6 6 SABATO 22 NOVEMBRE 2014 Corriere di Novara

7 Corriere di Novara SABATO 22 NOVEMBRE 2014 CRONAC A 7 SERVIZI MIRATI, CONTINUE MESSE IN GUARDIA E INCONTRI NEI QUARTIERI E NEI PAESI PER INFORMARE E SENSIBILIZZARE Mobilitazione generale a tutela degli anziani contro delinquenti e truffatori senza scrupoli ne mobilitazione generale a tutela (soprattutto) degli anziani contro truffatori senza scrupoli che prendono di mira per strada e anche nelle case uomini e donne di solitosoli per sottrarre, con l inganno, spacciandosi per addetti dei più svariati enti, denaro e preziosi. Innumerevoli storie che noi raccontiamo ovviamente non per fare allarmismo bensì per mettere in guardia. Ma sono anche gli enti stessi a scendere in campo. In questi giorni alcuni truffatori si sono spacciati per dipendenti Assa per mettere a segno i loro colpi (l ultimo in corso della Vittoria, la settimana scorsa), ed ecco allora l aziend a della nettezza urbana diramare un comunicato di messa in guardia. «Raccomandiamo ai cittadini novaresi di usare la massima prudenza - scrive l Assa -e di non aprire le porte e non fare entrare nelle proprie abitazioni, siano esse case singole o alloggi condominiali, persone che dovessero presentarsi per fare controlli in nome Assa, in quanto nessuno è autorizzato a farlo». Assa infatti «non effettua alcun controllo all i n- terno dei domicili». L att ività di Assa «si svolge esclusivamente nei cortili e negli spazi aperti e riguarda lo sversamento dei cassonetti e la presa dei rifiuti. In caso di episodi differenti - analoghi a quello riportato nella cronaca dei giornali in questi giorni e che ha riguardato una signora novarese che si è vista derubata di alcuni suoi averi da due uomini, uno con giubbotto alta visibilità l'altro vestito in nero, che si sono introdotti nel suo appartamento spacciandosi uno per un addetto dell'assa l'altro per un agente della Polizia locale - chiediamo di segnalare immediatamente l acc aduto alle Forze dell ordine e all Assa chiamando allo o al numero verde ». Utilissima presa di posizione. Ma da sottolineare (ed elogiare) anche il ruolo delle Forze del l ordine, che non solo predispongono sul campo servizi mirati antitruffe bensì organizzano anche periodici incontri nei quartieri con anziani e gruppi di anziani, per informare, per mettere in guardia, per raccontare come avvengono le truffe e descrivere quelle più comuni, dal trucco dell acqua al mercurio ad appunto finti addetti di luce, gas e quant altro che, con la scusa di improbabili controlli, si introducono nelle case per poi r ipulirle. L u l- timo incontro promosso dalla Questura (nella foto di Martignoni) si è tenuto il 13 novembre al Centro anziani Anva di via Sforzesca alla Bicocca. Un commissario ha incontrato circa una cinquantina di anziani, al fine appunto di «proseguire nell opera di sensibilizzazione e prevenzione verso furti e truffe in abitazione». Vengono spie gate le truffe, e viene spiegato come difendersi. A volte una sola telefonata al 113 o al 112, nel dubbio, può evitare spiacevoli conseguenze. Questa azione di contrasto - sottolineano in Questura - è stata «condotta, altresì, con l intensif icazione dei controlli su strada ad opera di numerose pattuglie». Altrettanto fanno i Carabinieri: servizi mirati, e incontri con gli anziani, non solo a Novara città ma anche nei paesi. Il tutto col sostegno e l amplif icazione dei media. Importante ovviamente anche, da parte di famigliari, parenti, amici, associazioni ed enti locali, cercare di non lasciare mai da soli gli anziani, perché diventano facili bersagli dei malintenzionati, che speculano sulla buone fede di gente per bene. Da ultimo non guasterebbe nei Tribunali una rigorosa applicazione del Codice penale, senza troppi sconti o bu o- n is m i, quando qualche truffatore finisce nella rete. Non è un luogo comune che spesso rimediano una condanna lievissima, tornano immediatamente in libert à e si rimettono subito al l avoro. Paolo Viviani 500 testimoni al Congresso Il gruppo dei cinque battezzati novaresi n(p.v.) Congresso autunnale dal tema "Cerchiamo la pace e perseguiamola dei Testimoni di Geova, sabato scorso a Leinì. E la pioggia non ha fermato gli oltre 500 delegati novaresi. «Il tema - spiegano - traeva spunto da un invito contenuto negli scritti dell'apostolo Pietro, mai come ora di una pertinente attualità visto il bisogno di pace che da più parti viene invocato. In risalto non solo in cosa consiste la vera pace, ma anche come conseguirla nella quotidianità». E numerosi relatori hanno illustrato la v i a. Un momento emozionante per i presenti «è stato assistere al battesimo, che avviene per immersione completa, di 14 nuovi testimoni con un età che variava dai 15 ai 62 anni». Tra questi anche un gruppo di 5 novaresi. L assemblea generale (circa 2mila i presenti) faceva parte di un programma mondiale di «istruzione biblica, presente in 236 Paesi».

8 8 SABATO 22 NOVEMBRE 2014 Corriere di Novara

9 Corriere di Novara SABATO 22 NOVEMBRE 2014 CRONAC A 9 L AMAREZZA DEI CARABINIERI NOVARESI COINVOLTI NELLA LETTERA POLEMICA DI BESOZZI Piazza chiusa, ma non era una festa Si commemoravano vittime di eccidi La celebrazione commemorativa svoltasi in piazza Martiri il 24 ottobre scorso e, a destra, Natale Olivieri, trucidato a 21 anni namarezza, al Comando dei Carabinieri di Novara, per il coinvolgimento nella polemica a difesa del commercio in centrocittà e contro l Amministrazione comunale innescata dalla lettera di Matteo Besozzi che abbiamo pubblicato sull edizione di giovedì, a pagina 8. Amarezza doppia, anzi di più. Innanzitutto perché vi si citava la chiusura di piazza Martiri al traffico di sabato per la festa del l Arma dei Carabinieri mentre, a parte il fatto che l evento si è tenuto venerdì 24 ottobre, nonostante la presenza della Fanfara non si trattava di una Festa ma della cerimonia di commemorazione dei Caduti per la libertà, tra i quali l eroico carabiniere Natale Olivieri. Trucidato a 21 anni dai fascisti il 17 ottobre 1944, Medaglia d argento al valor militare, Olivieri è stato onorato con la posa di una corona d a l loro al monumento che, in piazza Martiri, ricorda il sacrificio suo e dei martiri novaresi fucilati una settimana dopo negli eccidi in quella stessa piazza e in piazza Cavour. Amarezza, in secondo luogo, perché questo monumento in piazza Martiri passa spesso inosservato mentrenessunodovrebbe maidimenticarenon solo il giovanissimo Carabiniere, ma quanti hanno pagato con la vita la lotta per la libertà. Natale Olivieri, cremonese d origine ma con famiglia a Biandrate, era stato catturato a Mosezzodopoaverlasciato ilpropriorifugioin quellazonaper evitarerappresaglieagliabitanti. C è da chiedersi: aver ricordato la tragedia sua e di Giovanni Bellandi, Ludovico Bertona, Aldo Fizzotti, Vittorio Aina, Mario Campagnoli, Emilio Lavizzari e Giuseppe Piccini con una cerimonia tra le piazze Martiri e Cavour può giustificare una momentanea chiusura al traffico automobilistico? Ed è un fastidio insopportabile per il commercio novarese che, nell occasione di una cerimonia del genere, per lo stesso breve periodo e con l autorizzazione del Comune, vengano parcheggiate sull Allea auto di partecipanti alla commemorazione, tra cui anche anziani familiari delle vittime? Questi, come dicevamo a l l inizio, i motivi di amarezza per i Carabinieri di Novara - compresi quelli in congedo coinvolti in una protesta che, a parte possibili oggettive giustificazioni, reputano davvero eccessiva nei loro confronti. Serena Fiocchi Giornata contro la violenza sulle donne: per sensibilizzare è importante fare rete n(cl.br.) La Provincia di Novara vuole dare un segnale forte contro la violenza sulle donne: a partire da oggi, sabato 22 novembre, per una settimana, la torre di Palazzo Natta sarà illuminata di rosa per dare alla cittadinanza un segno si sensibilizzazione in vista della giornata contro la violenza sulle donne in programma martedì 25 novembre. Inoltre, martedì 25 novembre, alle ore 10 nella Sala Consiliare di Palazzo Natta, si riuniscono i soggetti firmatari del Protocollo d intesa contro tutte le forme di violenza: «Con il Protocollo contro la violenza è stata creata a partire dal 2007 una rete provinciale per consentire adeguate modalità di collaborazione nell individuazione di diverse forme di violenza e nel sostegno ai soggetti coinvolti nelle stesse - spiega la consigliera con delega alle Pari opportunità, Laura Noro - E intenzione della nuova amministrazione provinciale continuare a dare grande rilevanza alla sensibilizzazione contro ogni forma di violenza, e contro quella nei confronti delle donne in modo particolare. Per questo abbiamo esteso la partecipazione a nuovi soggetti e ad associazioni per ampliare il Protocollo. Fare rete, in questo caso, è il miglior sistema per aumentare la sensibilità della cittadinanza». CON LA NUOVA ERA 118 Emergenza territoriale : tavola rotonda nl associazione La Nuova Era organizza per lunedì 24 novembre alle 18 all Auditorium dell Istituto Salesiano S. Lorenzo la tavola rotonda sul tema 118 Emergenza territoriale, trasporti primari e secondari, modello piemontese e lombardo a confronto. Relatori dell incontro saranno Danilo Bono, direttore regionale 118 Piemonte, e Marco Salmoraighi, direttore sanitario Areu Lombardia. I lavori verranno introdotti dal presidente dell associazione "La Nuova Era", Roberto Turri; interverrà, come moderatore, Serena Fiocchi, direttore "Corriere di Novara". Dopo aver trattato, nei precedenti incontri, i temi della solidarietà civile, della giustizia, e della sicurezza, l associazione si propone, con questo incontro, di parlare di -118 Emergenze Sanitarie Territoriale-, un tema di grande interesse pubblico vicino alle esigenze di tutti i cittadini. Il soccorso sanitario extraospedaliero si legge in una nota di presentazione dell evento - è un servizio pubblico presente su tutto il territorio nazionale con l'obiettivo di garantire tutto l'anno, 24 ore al giorno, una risposta adeguata alle situazioni di urgenza o emergenza sanitaria e delle maxiemergenze mediante l'invio di mezzi di soccorso adeguati. Si chiama il 118 per incidenti stradali, incidenti agricoli, infortuni di tutti i tipi, traumi, ustioni, malori, incidenti in montagna, assideramento, avvelenamento, incidenti industriali e in tutte quelle situazioni in cui ci può essere rischio perla vitaol'incolumitàdi qualcuno.sideve chiamare il 118 anche in caso di terremoti, incidenti ferroviari, alluvioni, esplosioni, emergenza da inquinamento (nubi tossiche, perdita di sostanze pericolose). Il numero 118 funziona su tutto il territorio nazionale, mette in contatto il cittadino con una Centrale Operativa che riceve le chiamate, valuta la gravità della situazione e, se necessario, invia personale e mezzi di soccorso adeguati. Ma come è strutturato il servizio in Piemonte e come in Lombardia? Comefunziona la Centrale Operativa 118 in Piemonte e come invece risponde alle chiamate di soccorso l Areu in Lombardia? Queste le tematiche a cui sicercherà di dare risposta durante l incontro organizzato da l l associazione La Nuova Era. c l. b r. i.p.

10 10 SABATO 22 NOVEMBRE 2014 Corriere di Novara CRONAC A LA SEGNALAZIONE DI ALCUNI GENITORI PREOCCUPATI PER I PROPRI FIGLI «Bagni inagibili, aule fredde e intonaco che cade: adesso si deve intervenire» nintonaco che cade, bagno inagibile, palestra con vetri rotti, riscaldamento inesistente... Così alcuni genitori descrivono la scuola che frequentano i propri figli a Novara. «Si tratta del Ravizza, che ha sede sul baluardo Massimo d'azeglio. Purtroppo la struttura è veramente in difficoltà con l intonaco che si stacca dai muri, i bagni che a volte sono inagibili, vetri rotti in palestra e un riscaldamento davvero ballerino. I problemi inoltre non sono solo per la sede centrale ma, a detta dei nostri ragazzi, ci sono anche per il distaccamento. Ed è un peccato perchè la scuola, didatticamente parlando, è davvero buona e i nostri figli ci vanno volentieri». Però, soprattutto in pieno inverno, stare in un ambiente con il riscaldamento non sempre funzionante «non è una cosa semplice. Si rischia di ammalarsi. Comprendiamo che non ci siano moltissimi fondi a disposizione e che quindi si debbano SARÀ POSIZIONATA LA NUOVA CONDOTTA DEL GAS Al via i lavori a Lumellogno INTERVENTO DOPO L ULTIMA PIENA DELL AG O G N A nnel pomeriggio di ieri, venerdì 21, sono iniziati a Lumellogno i lavori di ripristino della condotta principale del gas metano distrutta dall ultima piena del torrente Agogna. La nuova condotta verrà posizionata a breve distanza da quella non più utilizzabile, salvo poi ricollegarsi con quella già in essere nei punti alle estremità delle due rive. Nelle foto di Carlo Migliavacc a sivede ilpuntodi partenza della nuova trivellazione, che è nella risaia, in quanto dovrà passare ben più sotto al letto del torrente. Vi è poi la trivella utilizzata, alla quale viene immediatamente collegato un tubo provvisorio, che arriverà fin sull a lt ra sponda. Nelle immagini si vedono poi anche i tecnici nel momento di iniziare la trivell azione. c l. b r. fare delle scelte, guardando alle priorità, ma almeno speriamo si possa intervenire con delle micro soluzioni che permettano ai nostri figli di stare in un ambiente non perfetto ma almeno accettabile». Clarissa Brusati. STATO CIVILE OGGI I FUNERALI Cordoglio per il prof. Della Torre nprofondo cordoglio a Novara per la scomparsa del professor Giuseppe Della Torre, preside per 19 anni dell'istituto O.F. Mossotti dal 1978 al Della Torre è stato sindaco di Confienza (Pv) per ben 35 anni, dal 1966 al 2001 vincendo ben 7 elezioni consecutive. Nel 1978 è stato nominato Cavaliere del Lavoro. Nato a Confienza il 13 gennaio 1930 è venuto a mancare giovedì 20 novembre e i funerali saranno celebrati oggi, sabato 22 novembre, a Confienza alle ore 15 presso la Chiesa Parrocchiale San Lorenzo di Confienza. c l. b r. Cammini dei gruppi chierichetti della diocesi nanche quest anno, l Uf f i- cio diocesano per la pastorale Vocazionale ha elaborato un progetto per accompagnare i cammini dei gruppi chierichetti della diocesi di Novara. Quattro gli incontri in programma: tre di questi in diocesi, cui si aggiungerà un pellegrinaggio sui luoghi del beato Rolando Rivi, patrono dei ministranti.. Il primo degli incontri si terrà a Romagnano Sesia, all'istituto Sacro Cuore, il 23 novembre; il secondo nel Seminario vescovile san Gaudenzio, il 25 gennaio e il terzo a Gravellona Toce, il 15 marzo il pellegrinaggio, invece, si terrà dal 30 aprile al 2 maggio. Le giornate prevedono momenti di formazione, gioco e la messa. Per informazioni è possibile contattare l ufficio vocazioni alla p. u. N AT I naksoy Elif Su, Novara, 6/11/2014; Buonaguro Linda, Novara, 11/11/2014; Galli Matteo, Novara, 6/11/2014; Jaku Joel, Novara, 11/11/2014; Laurenza Federico, Novara, 10/11/2014; Lenaz Alessandro, Novara, 6/11/2014; Lione Carlo, Novara, 7/11/2014; Mazouz Alae, Novara, 6/11/2014; Paladino Noemi, Novara, 5/11/2014; Piscopo Benedetta, Novara, 11/11/2014; Sandu Muhammad Rayyan, Novara, 9/11/2014. MORTI nalzati Santina, Torino (To), 17/10/2014; Avanza Teresio, Novara, 10/11/2014; Barbera Maria Gabriella, Galliate (No), 31/10/2014; Beggiato Mario, Galliate, (No), 2/11/2014; Bengu Albina, Novara,10/11/2014; Bonetta Virginia, Novara, 10/11/2014; Bonetti Maria, Novara, 9/11/2014; Bosio Santina, Novara, 5/11/2014; Chiaveri Angelo, Novara, 8/11/2014; Epis Elisabetta, Novara, 8/11/2014; Ferrari Marco, Novara, 5/11/2014; Galli Aurelio, Novara, 6/11/2014; Loreni Maria, Novara, 7/11/2014; Mocchetti Adele Regina, Novara, 12/11/2014; Ortaldi Giovanna, Novara, 7/11/2014; Parzini Pietro, Novara, 8/11/2014; Ramella Alessandra, Novara, 6/11/2014; Riva Carla Andreina, Momo, 17/10/2014; Roggia Giuseppina, Novara, 8/11/2014; Saladino Giuseppe, Novara, 11/11/2014; Tarabbia Genesio, Galliate, 30/10/2014; Tarantola Giuseppina, Novara, 9/11/2014; Torrielli Vittorio, Novara, 11/11/2014; Turina Angela, Novara, 9/11/2014; Villa Angela, Cameri (No), 3/11/2014; Zambito Maria, Novara, 6/11/2014. E tornato alla Casa del Pad re Dott. FRANCESCO CO LO N N A N e u ro p s i c h i at ra di anni 86 Ne danno il triste annuncio: la moglie Angela, il figlio GianPaolocon Liann,lafiglia Deda Cristina con Massimiliano e l adorato nipote Leonardo, la sorella Rosanna ed i cognati Rosa e Vittorio. I funerali avranno luogo sabato22 novembrealle ore14 nella Chiesa Parrocchiale di S. Giuseppe a Novara, seguirà la tumulazione nel Cimitero di Oleggio. Si ringrazia anticipatamente quanti interverranno alla cerimonia. Un particolare ringraziamento alla Sig.ra Iuliia Marchk ed al reparto Cure Palliative dell Ospedale Maggiore di Novara. Non fiori ma offerte all Associazione Ideainsieme Onlus. nsieme. it Novara, 22 Novembre 2014 Impresa Coccato & Mezzetti A mio cognato Dott. FRANCESCO CO LO N N A Un grazie per tutto quello che ha fatto per me. R osy. Novara, 22 Novembre 2014 Laura, Roberta e Marco con i figli, Valeria, Fabio, Alessio e Veronica, porteranno sempre nel loro cuore il ricordo del loro grande ed amato zio FRANCESCO Novara, 22 Novembre 2014 ANNIVERSARIO CONCETTA VITILLO in GALASSO In una splendida notte stellata, illuminata da una bellissima luna piena, Dio ha steso la sua mano per guidarti nel suo paradiso, lasciando a noi il ricordo e l immagine di te per s empre. Giuseppe, Davide, Simona, Monia, Gabriele. S.Messa sabato22 alleore nella Chiesa di San Nazzaro alla Costa. Novara, 22 Novembre 2014

11 Corriere di Novara SABATO 22 NOVEMBRE 2014 CRONAC A 11 ILLUSTRI RELATORI AL CONVEGNO ORGANIZZATO DALLA FONDAZIONE NOVARA SVILUPPO Ebola: tutto quello che dovresti sapere I Paesi più colpiti, con casi e decessi, sono Liberia, Sierra Leone e Guinea nsono stati numerosi i medici, gli operatori del settore sanitario e gli studenti delle facoltà di Medicina, Farmacia e Chimica e tecnologie farmaceutiche che, nel pomeriggio del 18 novembre, hanno partecipato al convegno Eb ola: tutto quello che dovresti saper e. L iniziaitva è stata organizzata,nellasala convegnidivia Bovio, dalla Fondazione No- vara Sviluppo e ha avuto come relatori il ricercatore del Dipartimento di Scienze del Farmaco dell Universit à Amedeo Avogadro di Novara Armando Genazzani (che ha sostituito il direttore Pierluigi canonico, impegnato all estero), i biologi novaresi Alberto Stangalini e Carlo Roccio, rispettivamente presidente e chief executive officer della società C lonit e titolari di Fleming Research, il direttore scientifico di Clonit Dario Russo, e il professor Massimo Galli, docente di Malattie Infettive dell Uni - versità degli Studi di Milano e Direttore della Terza Divisione di Malattie Infettive dell ospedale Luigi Sacco di Milano, ospedale riferimento a livello nazionale per l emer - genza Ebola con l osp edale Lazzaro Spallanzani di Roma. A fare gli onori di casa il presidente della Fondazione organizzatrice e specialista in Malattie infettive Giovanni Rizzo che, dopo aver salutato il nutrito pubblico, ha ricordato «l opportunità per la città di Novara di un simposio scientifico-divulgativo tenuto da ricercatori, docenti e referenti del Polo della Chimica e della Farmaceutica novarese e rivolto in particolare al pubblico per un informazione precisae chiarasu untema cherisulta essere di grandissima attualit à». Genazzani ha ricordato l att i- vità del Dipartimento «all in- terno del quale ha spiegato sono attivi quaranta ricercatori a tempo indeterminato e che coinvolge il lavoro di centoventi persone, Ho recentemente partecipato a un incontro dell Organizzazione mondiale della Sanità su Ebola e ho constatato che il tipo di approccio rispetto al problema sta cambiando, in quanto sono numerose le presenze sul piano scientifico e umanitarioche sisonounite alivello mondiale, per un totale di circa centoventi progetti, per confrontarsi e trovare una comune strategia per affrontare la malattia». Stangalini ha ricordato il lavoro targato Novara s volto negli anni «da Fleming Res earch e quindi da C lonit nel campo della diagnostica clinica di laboratorio. Oggi ci stiamo occupando di Ebola, ma in passato abbiamo individuato soluzioni diagnostiche rispettoa battericomel An - trace o a virus come la Sars che hanno saputo unire conoscenze sul piano dello studio biologico ed alta tecnologia». Ma che cos'è Ebola? Da dove arriva il virus? C'è una cura o un modo per fermare l'epidemia di febbre emorragica? A queste domande ha cercato di rispondere il professor Galli, Il numeroso pubblico presente e accanto il tavolo dei relatori (foto Negri) che ha spiegato che «di fronte a una malattia infettiva non esiste per un ricercatore il pericolo di annoi arsi profes - sionalmente parlando. Ebola è come un alieno che vanta un processo di evoluzione decisamente estraneo rispetto alla nostra specie, che risulta una specie di binario morto, un me zzo del quale la zoonosi ossia malattia che si diffonde da serbatoi animali: gorilla, scimpanzé, alcune specie di antilopi e alcune specie di pipistrelli-non habisognoper espandersi. Al 14 novembre i Paesi più colpiti, con casi conclamati e decessi, sono Liberia, Sierra Leone e Guinea. Abbiamo poi i venti casi e gli otto decessi in Nigeria, dov è stato individuato il por tatore e non risulta che ci sia trasmissione da parte di soggetti asintomatici. Oggi si è aggiunto l allarme nel Mali. La fonte di trasmissione è il contatto diretto: anche per questo motivo la diffusione del virus è per ora circoscritta: basti pensare al caso dell It a- lia, dove vivono nemmeno settemila immigrati originari di quei Paesi, luoghi con i quali hanno possibilità praticamente nulle di avere contatti frequenti. Dagli accertamenti statistici risulta che le persone maggiormente colpite sono gli africani che operano nel settore sanitario: si crea così un ulteriore problema nel problema. Va detto ha precisato Galli che in questo periodo si parla di uno dei cinque virus del genere Ebola, tutti molto diversi tra loro: dai casi del 1976 nello Zaire al 2007 i casi d infezione con malattia sono stati 1.383, dei quali 138 inseriti in un contesto epidemico. L ultima tipologia di virus è un fenomeno distinto. I Paesi colpiti, rispetto al passato, sono più popolosi:al2 novembreeranostati registrati complessivamente casi ed è stato verificato che la gente crea anticorpi anti-ebola pur senza aver avuto una malattia conclamata. E evidente che resta ancora molto da scoprire e da sapere a proposito di questo virus, anche nel campo dei vaccini: sono in corso infatti diversi tipi di sperimentazioni, alcune delle quali prevedono l uso di s angue». Russo ha spiegato che «il compito dei biologi di C lonit è quello della verifica del virus e del materiale genetico. La nostra ricerca si è svolta in particolare sul virus dello Zaire, sul quale sono state in particolare applicate le metodiche di analisi riguardanti gli acidi nucleici e la composizione delle loro catene». Roccio ha quindi chiuso la carrellata degli interventi, ricordando «l attuale lavoro svolto in team tra F leming Res earch - C lonit i nsieme con StMicro electronics, realtà con la quale collaboriamo per la realizzazione di un kit diagnostico che consente di non dover attendere la sintomatologia avanzata della malattia per accertare la presenza del ceppo virale: le analisi, che possono essere inoltre effettuate in circa un ora, accertano la presenza del virus e il suo stadio di avanzamento anche in una fase asintomatica.e almomentorisultano avere costi più contenuti rispetto ad altri kit». Lalla Negri Archivio di Stato ancora più accessibile ai disabili: grazie ad un innovativo montascale cingolato mobile nprosegue l impegno della Delegazione di Novara del Fa i (Fondo per l ambi e nte italiano) per consentire l accesso ai diversamente abili nei siti d interesse culturale e non. Dopo la posa qualche tempo fa di una pedana-scivolo nello storico Battistero e la successiva possibilità di garantire un ingresso in tutti gli edifici religiosi del centro storico cittadino, dalla scorsa settimana chi per spostarsi deve utilizzare una carrozzina potrà usufruire anche dei servizi dell Archivio di Stato accedendo dall ingress o di corso Cavallotti. I sei gradini (gli ultimi anche decisamente ripidi) potranno essere superati attraverso un piccolo genio della tecnica, un montascale cingolato mobile sul quale è posizionata una carrozzina (ma, all occorrenza, sullo strumento potrà essere an- corat a una normale). Pratico e di facile utilizzo, il b attesimo di questo strumento è avvenuto alla presenza tra gli altri del capo delegazione del Fa i di Novara Eugenio Bonzanini, Festa dell Albero con Legambiente nil Circolo Legambiente di Novara in occasione della Festa del l Albero del 21 novembre, pianterà un Olmo Resista n el parco adiacente la piscina scoperta di via Solferino. E stato scelto l olmo resista, su suggerimento dell uffi ci o Giardini del Comune di Novara perché si tratta di un albero storico per la città ed è resistente alla graffiosi dell olmo che negli anni 70 ha prodotto un vero e proprio sterminio. Inoltre presso la Libreria Lazzarelli nei giorni dal 21 al 23 novembre saranno distribuiti agli acquirenti i volantini Adotta un albero un progetto in collaborazione con la Fondazione Comunità Novarese per raccogliere donazioni. L iniziativa sarà ripetuta nel mese di dicembre quando i volontari li Legambiente saranno in libreria per il confezionamento dei pacchetti c l. b r. della direttrice dell Arch i- vio di Stato Marcella Vallascas, di Giuseppe Nobile in rappresentanza della Fondazione della Comunità del Novarese, grazie al cui contributo è stato possibile acquistarlo attraverso il Fon- do Pagani. Presenti anche alcuni disabili guidati da Roberto Toso, delegato Fa i per il Gruppo diversamente abil i, oltre che referente di u n associazione che opera presso l ospedale Mag gior e occupandosi «dell ins e- rimento sociale e lavorativo della persona che in seguito a un incidente o trauma ha avuto una disabilità. In occasione della presentazione di questo montascale - ha aggiunto - approfittiamo per organizzare delle uscite in collaborazione con il nosocomio per dare la possibilità ai pazienti ricoverati di poter usufruire dei beni della nostra città. Quale occasione di un bene importante come l Archivio di Stato, in questo modo reso accessibile anche a una persona in carrozzina. Ringrazio chi ha reso possibile tuttoquestoe il Fa i, che ci supporta in ogni situazione». «E laprima volta-haaggiunto Eugenio Bonzanini - che questo strumento viene utilizzato in città, ma forse in tutta la provincia. Inoltre è fruibile anche per tante altre situazioni. L Archiv io di Stato, tramite la dottoressa Vallascas, lo avrà in custodia, ma sarà disponibile a concederlo qualora sarà necess ar io» Luca Mattioli

12 12 SABATO 22 NOVEMBRE 2014 Corriere di Novara

13 Corriere di Novara SABATO 22 NOVEMBRE 2014 CRONAC A 13 LA PREOCCUPAZIONE DEI RESIDENTI DOPO L ENNESIMO INCIDENTE «Intervenite all incrocio tra via Chinotto e via Borsi: è pericoloso» nl ennesimo incidente verificatosi ad inizio novembre a l l altezza dell incrocio tra via Chinotto e via Borsi ha riportato l attenzione su quello che alcuni residenti definiscono «una situazione seria e preoccupante». A fare da portavoce è Paolo Romagnoli che aggiunge: «Il problema è che, purtroppo, spesso accade che gli automobilisti percorrono un tratto di strada in contromano causando così gli incidenti. Del problema è ben a conoscenza sia la Polizia municipale sia il sindaco che, ad una mia segnalazione, ha anche risposto ricordando che la segnaletica è a norma. Sarà pur vero che è a norma ma, purtroppo, forse gli automobilisti non se ne accorgono e i risultati sono ben comprensibili nelle fotografie che fanno vedere come l auto sia finita proprio dentro la cancellata. Forse, secapitacosì spessochele auto attraversano via Chinotto percorrendo via Borsi Convocato Consiglio Le immagini dell ultimo incidente verificatosi all altezza dell incrocio tra via Chinotto e via Borsi in senso vietato, evidentemente ci sarà una motivo». Secondo Romagnoli si dovrebbero prendere delle decisioni risolutive: «A mio modesto parere ci sarebbero due soluzioni per ridurre il tasso di incidentalità: se si desidera mantenere il senso unico su via Borsi, consiglierei di rendere più evidente la segnaletica di divieto di transito ed eventualmente impedire fisicamente l ac - cesso in senso vietato in via Borsi; se invece si desidera consentire la viabilità in entrambi i sensi di marcia di via Borsi si dovrebbe segnalare opportunamente l i n- crocio con via Chinotto». A preoccupare particolarmente Paolo Romagnoli «è soprattutto una questione di sicurezza per i pedoni che potrebbero trovarsi a transitare Prevenzione in piazza sul marciapiede nord di via Chinotto. Ogni pomeriggio, infatti, sono molte le bambine con i genitori e i nonni che transitano proprio in quel punto per andare alla scuola di danza di mia moglie Donatella Vaccaro, titolare della scuola di danza Centro Danza Buscaglia, sita proprio in via Chinotto 16, con l ingresso a poca distanza da dove si è verificato l u l- timo incidente. Nella sua risposta il sindaco mi ha assicurato che stanno vagliando la situazione e mi auspico che prendano celermente i provvedimenti più opportuni. Sottolineo l impor tanza di fare presto perché ogni giorno potrebbe accadere la tragedia. Invito nuovamente a guardare le foto dell aut o dentro l inferriata e ad immaginare che fine avrebbe fatto un pedone che sfortunatamente si fosse trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato: affettato attraverso la cancellata». Sulla questione i residenti della zona stanno organizzando una raccolta di firme per presentare una petizione all Amministrazione Comunale finalizzata a mettere in sicurezza l incro cio. c l. b r. Casale Carta, mostra-mercato con giornali, libri n Lunedì 24 novembre è convocato il Consiglio comunale dalle ore 9 alle 13 e dalle ore 14 fino ad esaurimento degli argomenti da trattare. Questo l ordin e del giorno: comunicazione delle deliberazioni relative all utilizzo del fondo di riserva; Bilancio di previsione 2014, assestamento generale e variazione al Bilancio pluriennale con relatore l assessore al Bilancio Giorgio Dulio. c l. b r. n(cl.br.) Dopo le serate sull'informazione e la campagna nazionale preventiva Na stro Ros a delmesedi ottobreallaqualeforza Italia Giovani di Novara ha aderito, il team giovanile dedica ora un giorno alla prevenzione e diagnostica del tumore al seno. Domenica 23 novembre in città saranno così allestiti due gazebo con desk informativi: qui le donne riceveranno consulenze sia sulla prevenzione sia sulla ricostruzione mammaria post-interventi chirurgici. n Domani, domenica 23 novembre a Casale Monferrato, nel Mercato Pavia in piazza Castello, è in programma Casale Carta, mostra-mercato di tutto ciò che riguarda la carta: manifesti, giornali, libri, grida, stampe, fumetti, francobolli, ma anche monete e vinil i Al l interno del Salone Tartara ci sarà una particolare esposizione di libri divisa in quattro settori (editoria antica, libri storici, editoria contemporanea, varie edizioni di libri e riviste pubblicati dai giornali locali). E ancora, all intern o della mostra, verrà organizzato un aperitivo letterario dalle 11,30 alle 12,30 con la possibilità di chiacchierare con alcuni autori monferrini e ricevere autografi.verrà anche promosso il secondo appuntamento con la Scuola di Fumetto. Gino Vercelli, presente con le sue tavole, presenterà il calendario delle lezioni a tutti gli appassi onati. c l. b r.

14 14 SABATO 22 NOVEMBRE 2014 Corriere di Novara

15 Corriere di Novara SABATO 22 NOVEMBRE 2014 CRONAC A 15 RELATORI AL LIONS CLUB NOVARA TICINO, PRESIEDUTO DA EMILIO MELLO, LUCIANO LOMBARDI E SERENA FIOCCHI La direzione del Corriere di Novara osservatorio su 30 anni di storia locale Il tavolo di presidenza e, sotto, Mello, Lombardi e, al centro, Gianfranco Quaglia, ospite dell incontro ntre nt anni di storia locale raccontati da quell osser vatorio privilegiato sulla realtà di Novara e del suo territorio che è la direzione del Corriere di Novara. Trent anni di evoluzione politica, sociale, urbanistica e di costume che i soci del Lions Club Novara Ticino, presieduto daemilio Mello,hanno ripercorso attraverso le parole di Luciano Lombardi e Serena Fiocchi, direttori del Corriere di Novara rispettivamente dal 1984 al 2006 e dal settembre 2006 ad oggi. Anzi, fino al 31 dicembre prossimo, perché nel l occasione Serena Fiocchi ha annunciato che andrà in pensione il 1 gennaio prossimo. «Ho scoperto in luglio la f inestra aperta verso la quiescenza per le giornaliste che compiono 61 anni quest an no ha detto - Adoro il mio lavoro eilcorriere dinovarasucui scrivo da quarant anni, ma voi al mio posto cos avreste fatto? Non avreste subiro scavalcato il davanzale?». Conquistata così ampia comprensione dall udi - torio, il nostro direttore ha tratteggiato i mutamenti vissuti dal 1974 ad oggi nella professione giornalistica, cambiata in tecnologie («Al mio arrivo al Corriere si utilizzavano ancora le linotype sulla base del sistema di composizione a piombo»), ma anche contenuti. «Basti pensare ha sottolineato a l la rivoluzione introdotta dalla legge sulla privacy. La sua stretta osservanza, quando ancora non si era capito che si trattava, e si tratta, di un vestito che cambia foggia e colore a seconda di diverse opportunità e latitudini, ci ha persino impedito di rinunciare completamente alla rubrica dello stato civile. Non si poteva più dare indicazione dei promessi sposi, dei nati e dei defunti. E per questi ultimi non erano forse appesi i relativi annunci nelle vie della città? Bloccata, ovviamente, anche la pubblicazione dei redditi dichiarati dai novaresi, che appagava, certo, pure maligne curiosità, ma poteva essere importante strumento di denuncia dell evasione fiscale». Dopo aver riportato alla memoria eventi del passato tra cui, tragici, l inci - dente di Ovada, nel 1990, quando un pullman precipitò da un viadotto dell A4 provocando la morte di 19 persone, e lo scoppio del pozzo petrolifero Tr24 di Villa Fortuna a Trecate, nel 1994 Serena Fiocchi hapassatola parolaalsuopredecessore sulla poltrona di direttore del Corriere di Novara, Luciano Lombardi, che è anche socio del Lions Club Novara Ticino. «Ricordiamo ciò che erano l economia e la politica t rent anni fa, quando il manifatturiero rendeva il Novarese una delle province più significative a livello nazionale e sul nostro territorio operavano importanti realtà industriali in tutti i settori produttivi ha detto Lombardi, che ha anche parlato della sua esperienza alla direzione del Consorzio Italy Export prima di passare al timone del Corriere di Novara Le nostre missioni ci hanno portato ovunque nel mondo con successo nonostante le possibilità di comunicazione e di organizzazione non fossero certo paragonabili alla realtà di oggi». Approfondito l exc ursus su l l evoluzione politica, con il ricordo di protagonisti del passato a partire dal presidente Scalfaro, e sui relativi scenari locali e no, Lombardi ha presentato, con giusto orgoglio, i dossier dedicati negli anni Novanta dal nostro giornale ai Cento personaggi dell an no, e a fatti e vicende storiche: «Sono stati contributi di conoscenza sulla vita novarese elaborati dalla redazione con notevole impegno e con la collaborazione, per le pubblicazioni più legate alla storia, dello studioso Gaudenzio Barbè. E restano, ancor oggi, preziose testimonianze del passato». Un passato tutto sommato recente che, per tanti aspetti, sembra però rem oto. IL RACCONTO DI UN NIBBIOLESE GUARITO DAL CANCRO DOPO L INCONTRO CON LA VEGGENTE DEL GARGANO «Quel miracolo di Mamma Lucia mi ha cambiato la vita» Mamma Lucia segue da pagina 1 n«dopo la visita fui sottoposto ad ecografia il 1 dicembre 1995: nella zona sottostante le ghiandole ingrossate si evidenziavano linfonodi molto grossi, alcuni di dimensione 1-1,5 cm. Il professore, constatata la gravità del caso, mi ha indirizzato ad un centro specialistico. Il giorno dopo fui mandato all osp e- dale San Giovanni Battista di Torino. Fui visitato da uno specialista. Confermata la gravità del caso mi fissò un appuntamento per eseguire la biopsia il 29 dicembre. Nel frattempo mia zia mi aveva parlato di Mamma Lucia come di una Santa di Dio, mi aveva consigliato di mettermi sotto la sua protezione. Io, da sempre fervente frequentatore della Chiesa, non le avevo dato ascolto. Ma in quel periodo ero disperato, pregai tanto Dio e alla fine mi decisi: con tanta speranza nel cuore mi recai da Mamma Lucia il 13 dicembre». A Sannicandro Garganico «quel giorno eravamo presenti alla parola di Mamma Lucia in oltre creature. Mi potei avvicinare a lei alla distanza di metri e, con tanta fede, nel silenzio del mio cuore chiesi la Grazia per la mia guarigione». Il ritorno a casa. «La notte seguente, era il 15 dicembre, in un momento di dormiveglia ebbi la sensazione che due vigorose mani mi scavassero nel petto. Dal giorno successivo ho avvertito che le due ghiandole cominciavano ad assottigliarsi. In quattro-cinque giorni si erano ridotte della metà e i dolori si erano attenuati». Il 29 dicembre va all appuntamento stabilito per la biopsia. «Arrivai a Torino, il professore mi visitò notando subito il cambiamento. Le ghiandole erano quasi sparite alla vista; meravigliato, mi sottopose a una sorta di i n- ter rogator io per sapere quali medicinali avessi assunto dalla data della prima visita effettuata il 2 dicembre, poco "Settimana europea per la riduzione dei rifiuti" meno di un mese prima. Con franchezza risposi di non aver fatto nessuna cura, di non avere ingerito alcuna medicina ma di essere andato da Mamma Lucia». L u omo di scienza «mi prese in giro ricorda Simeoni accennando un sorriso Mi chiese se mi avesse toccato, se mi avesse dato qualcosa da mangiare. Risposi che l avevo vista da lontano, a metri circa di distanza. Si mise a ridere, indeciso se fare o meno la biopsia. Ma la fece: risultò che non c era più nulla». Con il referto dell esame istologico Simeoni torna al S an Ro cco di Galliate: «I medici lo guardarono: anche loro increduli, non si arresero all evidenza e vollero fare ulteriori accertamenti. Mi sottoposero a un esame ecografico ipotizzando eventuali metastasi in altre parti del corpo, magari al fegato, al pancreas, alla milza. Risultò negativo. Da quel momento sono passati 19 anni e non ho fatto altri esami. Grazie al buon Dio e a Mamma Lucia godo ottima salute». E da quel momento il pellegrinaggio a Sannicandro Garganico è diventato un appuntamento irrinunciabile, per lui e per i suoifamiliari. Unasceltadi amore e devozione a Mamma Lucia che non tutti, però, riescono facilmente a comprendere: «Raccontai la mia storia a parenti, amici e conoscenti. In pochi mi hanno creduto ammette Simeoni Qualc u- no si è messo a ridere; chi crede veramente mi ha ascoltato. Tanti non credono a Mamma Lucia, dicono che è una cialtrona ma a me, a noi fratelli e sorelle, non interessa af fatto». Arianna Martelli nsi apre oggi, sabato 22 novembre, la "Settimana europea per la riduzione dei rifiuti". Il progettoè statopresentato neigiorniscorsi incomune. Alla presentazione erano presenti i partner dell'iniziativa (Assa, Consorzio Rifiuti Basso Novarese, Acqua Novara e Vco, Federfarma, Banco Alimentare, Legambiente) e numerossissimi ragazzi delle scuole cittadine che hanno aderito, in particolare, a due dei progetti inseriti nel programma: il progetto Siticibo per la raccolta delle eccedenze alimenatri e il nuovo progetto RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed elettroniche) scuola, promosso da Anci. Durante questa settimana è prevista, inoltre, acqua gratis nelle tre casette dell acqu a (viafara, viacasorati,viamonte SanGabriel e). c l. b r.

16 16 SABATO 22 NOVEMBRE 2014 Corriere di Novara

17 Corriere di Novara SABATO 22 NOVEMBRE TREC ATE 10 AGENTI SU 13 AVREBBERO PRESENTATO DOMANDA DI MOBILITÀ. «SEGNALE PREOCCUPANTE», SECONDO CAPOCCIA E CRIVELLI A Trecate esiste un problema vigili? Canetta e Pasca stigmatizzano la revoca (poi rientrata) del nullaosta a un trasfer imento nil tema dell organico del Comando di Polizia municipale, che è sottodimensionato rispettoaibisogni diunacittàcome Trecate, è stato più volte trattato in Consiglio comunale, in genere su sollecitazione della minoranza, che spesso ha posto anche il problema del frequente ricambio degli agenti, molti dei quali, dopo un periodo di permanenza a Trecate, chiedono il trasferimentoad altrasede.l Ammini - strazione, pur ammettendo che il numero dei vigili è inferiore alle necessità, ha però sempre obiettato che nuove assunzioni sono impedite dai vincoli economici imposti ai Comuni e che, comunque, il numero degli agenti non è inferiore a quello dei periodi in cui governavano le precedenti amministrazioni. Nel penultimo Consiglio comunale, anzi, il sindaco, Enrico Ruggerone, ha precisato che «a Trecate attualmente sono in servizio quattordici vigili: l organi - copiùconsistente cheilnostro Comando abbia mai avuto». E innegabile, tuttavia, che da vari anni vi sia un frequente avvicendarsi di agenti ed ora il numero di vigili che hanno fatto richiesta di mobilità pare sia arrivato a dieci. La situazione è stata immediatamente portata alla pubblica attenzione dai consiglieri di opposizione Andrea Crivelli e Giorgio Capoccia: «Siamo venuti a conoscenza dichiarano-del fattocherecentemente dieci agenti di Polizia Municipale su tredici hanno presentato collettivamente richiestadimobilità. Sitrattadell'ultima istanza di una lunga serie che ha visto validi agenti e ufficiali lasciare la nostra città negli ultimi anni: ad oggi ci risultava vi fossero tre domande di mobilità, una delle quali da finalizzarsi nel giro di poche settimane eper laqualel Amministrazio - ne, dopo aver concesso in un primomomentoil nullaosta,loha revocato. Le richieste di mobilità si sono fatte più numerose negli ultimi anni, in particolare in seguito all'insediamento dell'amministrazione di sinistra, ma mai si era raggiunto il numero di 10 domande di mobilità contemporaneamente. Temiamo che questo possa essere un segnale preoccupante di una gestione inadeguata della delega alla Sicurezza e del personale impegnatovi. Una gestione su cui siamo sempre stati fortemente critici sin da quando era portata avanti dall'assessore Zenoe cheè divenutadrammatica ora che il sindaco ha scelto di occuparsi di prima persona di sicurezza, una problematica così importante per la nostra città». «I numeri commentano Crivelli e Capoccia - parlano chiaro: la nostra città ha sempre meno agenti di Polizia Municipale e gli stessi, alla prima occasione, cercano di andare altrove. Perché dagli altri Comuni nessuno, al contrario, ha mai preso in considerazione l ipotesi di trasferirsi Nuovo agente cercasi nl Amministrazione comunale rende noto che è indetto avviso pubblico di mobilità per la copertura di un posto di agente di polizia municipale (cat. C posizione economica C1 tempo pieno ed indeterminato). Gli interessati devono presentare domanda al Comune di Trecate entro il 15 dicembre. Il testo integrale dell avvisoe loschemadidomanda, sono disponibili presso gli Uffici Personale e Urp, sono inoltre scaricabili dal sito Per avere ulteriori informazioni è possibile chiamare i numeri telefonici o d. u. Il Sap tende una mano all oasi felina, che ha bisogno di aiuto in servizio a Trecate? Si sono mai chiesti l allora Assessore e il Sindaco perché succede questo? Hannoprovato arisolverequesto problema? Cosa hanno fatto per migliorare la situazione di questo delicato servizio e rispondere alle esigenze degli agenti di Polizia Municipale? Trecate non potrà mai essere una città sicura se gli stessi agenti non riescono a lavorare in un climaserenoe difiducianonsolo reciproca ma anche nei confronti degli stessi Amministratori delegati alla sicurezza». Rossano Canetta di Forza Italia e Alessandro Pasca della Lega Nord, invece, puntano il dito contro l episodio della revoca (poi rientrata) del nullaosta al trasferimento di un agente. «Abbiamo appreso affermano - di un comportamento grave ai danni di un agente della Polizia Municipale di Trecate, per il quale vogliamo delle risposte da questa Giunta. L'agente in questione aveva chiesto e ottenuto il nullaosta al trasferimento pressoaltro enteeaveva giàsbrigato le varie pratiche. A quindici giorni dal trasferimento il nullaosta è stato però ritirato. Verificheremo se ciò che è avvenuto è legale, ma non abbiamo bisogno di ulteriori verifiche per dire che questo è un atto vergognoso». Alla fine, comunque, il nullaosta al trasferimento del vigile è stato concesso e l Amministrazione ha indetto un avviso pubblico di mobilità per la copertura di un posto di agente di Polizia municipale. «Questa decisione so - stengono Canetta e Pasca ci fa sperare che la situazione incresciosa verificatasi nei giorni scorsi si sia risolta. Ci auguriamo che quanto accaduto porti in futuro chi amministra a ricercare soluzioni condivise e non traumatiche, al fine di creare quel clima ideale che consenta a chi è incaricato di vigilare sulla nostra sicurezza, di farlo nel migliore dei modi. Da parte nostra esprimiamo vicinanza e solidarietà a tutto il corpo di Polizia Municipale, nella speranza di ricevere chiarimenti sull accaduto». Per ora l Amministrazione Ruggerone non ha chiarito ufficialmente quanto avvenuto, è pertanto probabile che l argomento venga riproposto durante il prossimo Consiglio comunale. Daniela Uglietti QUELLE FIAMME A S. MARTINO... n(l.c.) E rimbalzato su Facebook, con la pubblicazione anche di fotografie, l allarme per le str a- n e fiamme viste nell area di San Martino nella notte tra martedì e mercoledì. E la raffineria Sarpom a chiarire che si tratta di un fenomeno del tutto normale: Come comunicato alle autorità locali e agli enti di controllo, le attività di manutenzione straordinaria presso la raffineria di Trecate sono terminate. In occasione del riavviamento degli impianti, che si protrarrà nel corso dei prossimi giorni fino alla completa messa in servizio della raffineria, può rendersi necessario, al fine di garantire la sicurezza delle operazioni, convogliare in torcia le eventuali quantità di gas in eccesso, con conseguente effetto visivo di fiamma. BONUS CARBURANTE Per circa patentati trecatesi sono in arrivo anche i fondi relativi al 2011 e 2012 ndopo i buoni carburante distribuiti nei mesi scorsi e relativi agli anni 2009 e 2010, sono in arrivo anche quelli del 2011 e A renderlo noto è l Ammi nistrazione comunale che informa che «con il Decreto Interministeriale del 7 agosto 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 21 ottobre 2014, n. 245, sono state assegnate alle Regioni interessate le risorse del B onus Idro carburi relative alle produzioni degli anni 2011 e 2012». Le risorse attribuite alla Regione Piemonte, da ripartire tra i tre Comuni beneficiari, sono pari a ,99 euro per la produzione del 2011 e a ,20 euro per la produzione del Pertanto «la somma spettante ad ogni cittadino trecatese munito di patente sottolinea l Amminist razione - sarà almeno uguale, se non superiore, a quanto precedentemente erogato». «L Amministrazione af ferma il sindaco, Enrico Ruggerone -si attiveràfin daora per conoscere i tempi necessari al trasferimento delle somme ai Comuni, al fine di programmare le modalità di distribuzione ai cittadini aventi diritto». «Siamo davvero contenti commenta il sindaco ch e, grazie al nostro impegno, stiano per arrivare i bonus 2011 e 2012, non solo per Trecate, ma anche per i Comuni di Romentino e Galliate. Ricordiamo che i cittadini trecatesi che ne beneficeranno sono circa ». d. u. Mercatino di Natale benefico n(d.u.) Aprirà oggi pomeriggio alle 15 al teatro comunale la sedicesima edizione del Mercatino di Natale. L iniziativa è organizzata dalle associazioni di volontariato Gruppo Amici di don Gianni Sacco, Gruppo Amici di padre Antonio Senno, Associazione Amici di don Pio, Sorelle Ministre della Carità di San Vincenzo de Paoli, Amici di suor Celina Brasi le, Abacashì Trecate in collaborazione con la Pro Loco trecatese. I volontari metteranno in vendita prodotti artigianali e alimentari per raccogliere fondi a sostegno delle popolazioni povere del Sud del Mondo; una parte del ricavato sarà inoltre devoluta a favore della mensa Pane Quotidiano di Trecate e della Mensa dei Poveri dei Frati di San Nazzaro di Novara. Il mercatino resterà aperto oggi dalle 15 alle 19 e domani, domenica 23 novembre, dalle 8.15 alle 12 e dalle 15 alle 19. DOPPIO IMPEGNO PER L UNIONE SPORTIVA TRECATESE Weekend ricco per i judoka nnei giorni scorsi un iscritto del Sindacato Autonomo di Polizia è venuto in possesso, a causa di un recente lutto, di circa 350 scatolette di cibo per gatti. La segreteria del Sap ha quindi deciso di cogliere l opp ortunità per aiutare l Asso ciazione Progetto Miao- F ido, la onlusdi Trecate che gestisce l Oasi felina. «Negli ultimi anni infatti - spiega il segretario provinciale Michele Frisia - la tutela dei diritti degli animali ha assunto sempre maggior rilievo e gli uomini e le donne della Polizia di Stato sono chiamati ogni giorno a combattere fenomeni quali l abb andono e il maltrattamento di animali, che, lo ricordiamo, sono veri e propri reati». L Oasi felina di Trecate, nonostante la convenzione con il Comune copra le spese veterinarie, ha costantemente bisogno di donazioni: scatolette di cibo per gatti, crocchette, ma anche lenzuola usate e coperte da buttare, giornali, detersivi, piatti di plastica e molto altro ancora. Sono moltissime le cose utili per la gestione dei numerosi gatti ospitati dalla struttura. Anche presso numerosi negozi di alimenti per animali è possibile acquistare ciboda donareall oasi. «Per chi volesse a casa propria la compagnia di un felino, - dice la presidente di Miao Fido Luci a Deambrogio - quale soluzione migliore di un adozione del cuore, che è più utile ed economica che acquistare un gatto. E per chi non ha posto a casa sono previste anche adozioni a distanza. Per finanziare il progetto si può donare tramite bonifico bancario, elargire il 5x1000, effettuare volontariato, o acquistare il calendario che ogni anno l Oasi stampa con le belle immagini dei gatti ospitati. Quello 2015 è già pronto e si può acquistare in numerosi punti vendita a Trecate, Novara e Cerano». Maggiori informazioni sono reperibili sul sito internet e sulla pagina Facebook dell Asso ciazione Progetto Miao-Fido On lus. l. c. nweekend ricco di appuntamenti, quello dell 8 e 9novembre, perla Sezione Judo dell Unione Sportiva Trecates e. I judoka biancorossi sabato 8 novembre, a Galliate, hanno partecipato all incontro di judo amichevole Memorial Antimo Amoriell o (per le categorie Bambini, Fanciulli e Ragazzi). Alla gara erano presenti numerose società della provincia, per un totale di 140 judoka. L Unione Sportiva Trecatese ha schierato 17 giovani judoka, che hanno saputo dare lustro ai colori della polisportiva gareggiando con grinta e determinazione. Hanno brillantemente gareggiato: Christian Dimartino, Fernando De Santis, Gioele Pregnolato, Diego Zanotti, Gabriele Fusi, Valerio Zanotti Fragonara, Paolo Garavaglia, Simone Sauro, Alessandro Specker, Alessia Russello, Silvia Stradella, Kevin Di Iorgi, Federico Torri, Rebecca Marullo, Antonio Mazzei, Silvia Giacobbe, Federica Battiata. Domenica 9 novembre, invece, al Palazzetto dello Sport di Alba, si è svolto il Campionato Piemontese di Judo Esordienti A e B maschile e femminile. A questa gara di alto livello tecnico hanno gareggiato ben quattro atleti dell Unione Sportiva Trecatese: Gabriele Floriani, Paola Urani, Gioele Fiandaca e Lorenzo Cucchi. I quattro judoka hanno disputato buone gare meritandosi l apprezzamento degli allenatori e del presidente di Sezione Bruno Mag gior i. d. u.

18 18 SABATO 22 NOVEMBRE 2014 Corriere di Novara G A L L I AT E CONSIGLIO COMUNALE GLI ARGOMENTI ERANO: CONSIGLI IN STREAMING, CAR POOLING E CENSIMENTO DEGLI EDIFICI VUOTI Tre mozioni, tre bocciature. E Caprai... Il consigliere del M5S: «Il car pooling un argomento astratto? Non per chi è al verde» ntre mozioni, tre n o. Sono state tutte respinte dalla maggioranza le mozioni presentate nel corso dell u lt imo Consiglio comunale dai consiglieri Caprai (Movimento 5Stelle), Meda, Bifano e Pedrini (Pd-Pse). Il primo diniego (astenute le consigliere Manzella, di maggioranza, e Garzulano, di minoranza) si è avuto sul documento che chiedeva di mettere a disposizione sul sito web del Comune le riprese del Consiglio comunale. Una richiesta, peraltro, già rivolta nel precedente mandato al Consiglio (che l approvò all unanimità) dall allora consigliere di minoranza Rebecchi. «Abbiamo fatto diverse valutazioni e ci siamo bloccati sui costi, che risultavano troppo elevati - ha argomentato il sindaco Ferrari - E alla fine ci siamo chiesti: quale esigenza andremmo a soddisfare con la registrazione in streaming del Consiglio? Esperimenti simili, come quellofatto dalcomunedi Oleggio, dopo un boom inizialesisono assestatisuuna media di 1-2 utenti connessi. Disponiamo di una sala capiente e facilmente raggiungibile, credo che la migliore partecipazione sia venire qua. Non si tratta di mancanza di trasparenza, ma di una constatazione pragmatica. Se ci saranno i soldi, li investiremo piuttosto sull im - pianto audio, perché quello realizzato qualche anno fa è un po deficitario». «L inizi a- tiva sarebbe anche positiva - ha detto il consigliere Verdura- maseil presuppostoè quello della trasparenza allora il mio voto sarà contrario. I Consigli comunali sono pubblici, e tutti possono parte cip are». Pollice verso della maggioranza (astenuta Garzulano della minoranza) anche sulla seconda mozione, avente per oggetto l attivazione di servizi di car pooling e car shar ing. «Esistono già siti dedicati e chi è interessato a questo servizio sa bene come usarli», ha replicato Verdura. E il sindaco ha rincarato la dose: «Cerchiamo di fare proposte concrete per i cittadini di Galliate. Ve lo dice uno che è appassionato di tecnologia, ma questi servizi hanno canali di diffusione totalmente differenti da quelli che potremmo usare noi». «Non è una cosa che sta sulla luna come dite voi - ha replicato Laura Meda - Si tratta di un servizio che sta prendendo sempre più piede e che a mio parere potrebbe essere perfino più utile in comuni piccoli come il nostro, rispetto alle grandi città che offrono maggiori alternative di trasporto». Ultima mozione, ultima bocciatura. La richiesta dei firmatari era quella di un censimento degli edifici vuoti e delle aree edificabili. «Ho fattoun riscontrocon gliuffici - ha risposto l ass ess ore Frugeri - e il parere è stato sfavorevole: sarebbe un op e- razione troppo complessa». E poi, ha aggiunto Verdura, «questi dati sono già contenuti nel Piano regolatore». «In questo periodo - ha però rimarcato Cosimo Bifano - c è una forte domanda abitativa, ma ci sono anche tanti alloggi tenuti sfitti... Un censimento potrebbe essere utile anche in questo senso». E dopo lo sfogo dei consiglieri del gruppo Pd-Pse (vedi Corriere di giovedì 20 novembre, ndr), a bocce ferme, in una lunga lettera aperta, anche il consigliere dei 5 Stelle Caprai (che ha illustrato in Consiglio tutte e tre le mozioni) sceglie di togliersi qualche sassolino dalla scar pa. Anche perché, scrive, nel Consiglio Comunale, vuoi per l impossibilità di replicare a tutto dato che oltre alla presentazione della mozione c è solo la possibilità di un ulteriore intervento e le domande successive rimangono scoperte, vuoi perché maleducazione, arroganza, smorfie tolgono l au - torevolezza che ci si attenderebbe da un organo istituzionale (un clima che si adatta più a un bar di provincia) è impossibile esporre chiaramente una mozione. Piu nel dettaglio, scrive ancora Caprai, sulla mozione del car pooling (come dicevo avevo esaurito i miei interventi) mi trovo in grande disaccordo con il sindaco che pensa che siano argomenti astratti(losono perchiha soldi in tasca, io ho avuto persone a bordo per la quale il car pooling era l unica possibilità di spostamento. Per chi è al verde è un argomento molto concreto). Lo stesso sindaco dovrebbe mettere freno all eccessiva fantasia presupponendo che avrei portato una mozione su Uber. Lo spirito del car pooling non è il lucro come per Uber ma riscoprire la solidarietà di un tempo... Che la mozione sia perfettibile, con il contributo di tutti, non ho dubbi ma sono altrettanto convinto che darebbe respiro allepersone chelavoranoin zone vicine, partono da Galliate ma non si conoscono. Quanto alle videoregistrazioni del Consiglio, argomenta Caprai, si grida allo scandalo per una proposta di valutare lo streaming di qualità amatoriale per rimanere in un budget di 400 euro. Ne prendo atto e mi auguro che cisia lostessorigore suqualunque cosa non sia strettamente necessaria. Spero anche che lo streaming cacciato dalla porta non rientri dalla finestra con costi maggior i.... Laura Cavalli Auser, quando volontariato fa rima con allegria in compagnia nun pranzo in compagnia, per dire grazie a tutti i volontari che ogni giorno prestano la propria opera. Sabato scorso soci e simpatizzanti Auser si sono ritrovati, nel consueto clima di allegria, per gustare insieme un ottimo piatto di spaghetti del l Aus er (quelli della Cooperativa Sociale Placido Rizzotto - Libera Terra che coltiva i terreni confiscati alla mafia) con un delizioso ragù realizzato con cinghiale offerto dal Parco del Ticino, insieme ad altre golosità. Solo la settimana prima, a conclusione dell'attività ricreativa del 2014, l'auser aveva organizzato unagita adalba perla Sagradel Tartufoalla quale hanno partecipato un centinaio di galliatesi.favoritidalbel tempoipartecipantihanno potuto passeggiare lungo le strade della cittadina dove erano allestite moltissime bancarelle. Al tartufo "re della Sagra " era riservato un intero padiglione dove erano riuniti i pezzi più preziosi, costosi come gioielli. Il pranzo tipico piemontese è stato servito presso il Ristorante "Due Lanterne" di Verduno. Musica e danze hanno allietato i partecipanti durante il pranzo. Sulla via del ritorno sosta presso il belvedere di La Morra da dove si ammira l'incantevole paesaggio delle Langhe, da poco riconosciuto patrimonio dell'unesco. l. c. DOMANI POMERIGGIO IL LANCIO DI PALLONCINI IN PIAZZA Avventure di carta, anche la 23ª edizione verso il gran finale ndomani sera, alle in piazza Castello, un lancio collettivo di palloncini saluterà la fine della 23ma edizione di Avventure di carta. La manifestazione dedicata all editoria per ragazzi, iniziata sabato 9 novembre, è stata promossa dal Comune di Galliate con il supporto della biblioteca civica e l organizzazi one del l associazione La Fabbrica d Arte. In due settimane di appuntamenti rivolti ai bambini e ai giovani è stata registrata u n elevata partecipazione. Tra gli appuntamenti particolarmente significativi ricordiamo le mostra Paz - zo Zoo con le illustrazioni di Mario Gomboli, Viaggio esoterico nel blu di Giulia Marzocca, L acqua disegna il p aesaggio e canale Cavour a cura del consorzio Est Sesia Novara e Il mio alber o promossa da Legambiente Galliate. In queste due settimane gli studenti delle scuole hanno incontrato Mario Gomboli, Gabriella Colangeli, Arianna Massarotto e Sara Magnoli, Fiammetta Giorgi, Emanuela Nava, Alessandro Sanna, Nino Ferrara, Francesca Archinto, Beniamino Sidoti, Chiara Carminati, Ilaria Maurri, Fabia Bellese, Marco Lombardi, Gianni De Bernardinis,Walter Bassani, Daniela Mazzoni, Chiara Sangiovanni, Vittoriana Susini, Claudia Baratti, Ladetto Seren a. Tra gli eventi aperti al pubblico, invece, c è da registrare, sabato scorso, la mattinata dedicate alla lettura dei libri per bambini nelle sale del castello, la presentazione del libro sulla Fondazione Nati per Leggere Ovest Ticino 2014, il buffet letterario a cura della cooperativa Madre Terra, la lettura teatrale dal vivo con Francesca Albanese e Roberto Barbieri, accompagnati da strumenti musicali provenienti da diverse parti del mondo. Domenica, invece, la mattinata è stata dedicata alla lettura dei libri per i bambini e alla presentazione del libro La scuola fa la differenza, con l intervento dei referenti della Fondazione per la ricerca sulla Fibrosi cistica. Nel pomeriggio poi i bambini sono stati coinvolti nel gioco interattivo organizzato dall Associazione celiachia Piemonte Valle d Aosta In fuga dal glutine e alle 16 si è aperta la Festa dei Nonni con la piantumazione di bulbi di tulipani nel fossato del Castello. Oggi pomeriggio il programma della manifestazione proseguirà alle 15.30, in biblioteca, con l incontro con Lorenzo Monaco che accompagnerà in esperimenti scientifici con frutta e verdura, a cura di Teknoscienza ed Editoriale Scienza (prenotazione necessaria). Alle nelle Sale Sud del Castello, poi, si svolgerà l incontro formativo sul parto in casa & Lotus Birth. La giornata conclusiva di domani prevede, tra gli altri (tutto il programma è disponibile sul sito del Comune di Galliate o su Facebook) un evento speciale con il treno di Libri & Riso in partenza da Milano Cadorna con a bordo intrattenimento con letture animate, performances e sorprese. Andrea Campo

19 Corriere di Novara SABATO 22 NOVEMBRE ROMENTINO CON LA CARITAS PARROCCHIALE TORNA L INIZIATIVA RIVOLTA ALLE FAMIGLIE IN DIFFICOLTÀ Progetto Doposcuola, un'ora alla settimana per gli altri n Un'ora alla settimana per gli altri : con il Progetto Doposcuola la Caritas parrocchiale lancia ancora l iniziativa rivolta alle famiglie in difficoltà. Per tendere la mano a chi ha bisogno. «L'obiettivo è sempre lo stesso spiegano i responsabili del servizio parrocchiale, invitare le persone a donare una piccola parte del proprio tempo per svolgere attività di volontariato in ambito parrocchiale. È una preziosa occasione per valorizzare il proprio tempo libero, dedicandolo ad attività che aiutano gli altri e possono dare molte soddisfazioni sul piano personale». In che modo? «Si tratta con - tinuano i responsabili della Caritas di mettersi al fianco di alcuni bambini delle scuole elementari e medie per aiutarli nel fare i compiti. Ai volontari non sono richiesti requisiti particolari, ma solo la voglia di aiutare gli altri. Siamo partiti dai bambini perché rappresentano la parte più debole, talvolta sacrificata nei momenti di difficoltà. Vorremmo dare a tutti la possibilità di raggiungere i propri obiettivi scolastici, aumentando le chance per un futuro migliore. Ci impegniamo affinché anche i bambini che non possono essere adeguatamente seguiti, qualunque sia la ragione (barriere linguistiche, difficoltà di apprendimento, indisponibilità dei genitori), non rimangano soli con le loro difficoltà». L'iniziativa è attiva dal 2011: nel primo anno sono stati 20 i bambini della primaria seguiti e 6 quelli delle medie; l'anno successivo 18 e 3; nell anno scolastico della scuola elementare. «La priorità viene data ai più piccoli: per loro l aiuto appare più indispensabile». I volontari sono passati da 24 a 16 e poi a 17 lo scorso anno: «Dopo il calo del secondo anno il gruppo è rimasto più o meno lo stesso in termini numerici. Le insegnanti della scuola primaria hanno segnalato gli alunni più bisognosi di aiuto: inoltre sono stati avviati contatti tra i volontari del doposcuola e le insegnanti per concordare le materie su cui concentrare l'aiuto. Si è cercato di organizzare lezioni individuali e al massimo con 2 alunni. Sono state offerte circa 400 oredi lezioneperognianno scolastico,anchesela duratareale solitamente era maggiore di un'ora». L iniziativa è lanciata: chi volesse raccogliere l appello può rivolgersi in Parrocchia, segnalando la propria disponibilità. Eleonora Groppetti INTERESSANTE INCONTRO SOCIO-CULTURALE CON SIMONA ARRIGONI L anziano tenuto... Vicino al cuore nlo spunto per gettare un ponte tra le generazioni è venuto da un libro, Vicino al cuore, esordio letterario della giornalista novarese Simona Arrigoni, volto di 7Gold e conduttrice della trasmissione Aria pulita, uscito per Interlinea. Il romanzo è stato al centro della serata promossa dall assessorato alla Cultura del Comune nella sala consiliare del centro culturale Pio Occhetta con gli interventi di Pamela Bergamo (esperta in ambito geriatrico), Giancarlo Perego (giornalista), Chiara Rondini (direttore del Cisa Ovest Ticino) e Paolo Zani (esperto previdenziale). Un legame stupendo. Che si nutre di affetti veri, commuove e fa riflettere, lancia un messaggio. Il legame tra nonna e nipote. Lo racconta con grande tenerezza e profonditàsimonaarrigoninelsuolibro. Edaquisièpartiti,come spiega l assessore RossellaPriori.«Una bellastorianarrata indue periodi diversi, il passato dalla nonna e il presente dalla nipote. È la storia d amore tra una nonna e una nipote cresciuta dalla nonna, una grande differenza di età che invece di segnare conflitti ha visto leduepersone moltounite.questoèunlibro sociale.nellaparte finale del romanzo ci sono gli interventi di due persone di grosso spessore. Paolo Zani, esperto previdenziale, che dà suggerimenti al lettore fornendo tutte le informazioni importanti alla luce di un incidente domestico o per la gestione dell anziano non autosufficiente: quando ami qualcuno non puoi pensare di allontanarlo da suo ambiente, ma fai di tutto per mantenere la persona nel proprio contesto familiare, con i suoi ricordi. Insomma, un intervento utile per chi si trova in questa situazione. Il problema tocca gran parte della società in seguito all invecchiamento della popolazione. Sono stati affrontati tanti aspetti dello stesso problema, tra cui quello del volontariato,unarisorsafondamentale perlanostracomunità:non dobbiamo aspettarci che qualcuno dal di fuori faccia, ma dobbiamo cominciare noi a guardare chi sta nella porta accanto, essere utili, non isolarci nella nostra società. Pamela Bergamo, esperta in campo geriatrico, ha messo a fuoco il momento in cui capire quando le cure necessarie all anziano non possono più essere fornite a casa. Per questo abbiamo invitato alla serata anche il nuovo direttore del Cisa Ovest Ticino Chiara Riondini che ha illustrato la situazione dei Comuni consorziati, con una panoramica sui servizi offerti. Le case di riposo presenti sono piccole ma possono garantire all anzi ano ospite non solo una assistenza adeguata dal punto di vista sociosanitario ma anche occasioni per valorizzare la persona, cercando Un sorso di Sicilia n(e.gr.) Tutto pronto per Un sorso di Sicilia a Rom entin o. Nuova tappa del giro enogastronomico d Italia proposto dall assessorato alla Cultura del Comune in collaborazione con le sezioni novaresi di Onav e Onaf e la Pro Loco di Romentino. Appuntamento questa sera, sabato 22 novembre, alle 20 al centro culturale Pi o O c che tta. Dopo i saluti dell assessore Rossella Priori, dei delegati Onav Graziano Caielli e Onaf Alberto Sebastiani l intervento di Giuliano Musetti ( Cenni e curiosità sulla enologia siciliana ) e la degustazione con abbinamenti guidata da Sebastiani. Poi il via a degustazioni dei vini siciliani in abbinamento ai piatti proposti da Enzo Ferdico di Pane Pizza e Goloserie e dalla Pro Loco. La serata è organizzata in collaborazione anche con Palzola. Festa per i primi cinquant anni del Toro Club nil Toro Club Romentino spegne ancora le candeline per i suoi primi 50 anni. Mentre è in corso la mostra fotografica e di cimeli allestita nel salone del centro culturale Pio Occhetta i granata romentinesi hanno chiamato a raduno tutti i tifosi per festeggiare l ambito traguardo in compagnia delle vecchie glorie. Una serata ricca di emozione e sentimenti quella vissuta dagli oltre 100 soci e amici del Toro Club Romentino martedì scorso nei locali del Pio Occhetta. «Alla cena, organizzata a conclusione delle iniziative intraprese nel GUICCIARDINI RACCONTA NOVARA: UN LIBRO DI CLAUDIO GROPPETTI a pagina per ricordare i 50 anni di fondazione, - spiegano i promotori - sono intervenuti illustri ospiti quali i campioni dello scudetto del 1976 Paolino Pulici, Claudio Sala e Patrizio Sala e due indimenticati giocatori come Natalino Fossati e Angelo Cereser che militavano nel Torino del 1964, anno di fondazione del Club romentinese, accompagnati dal giornalista e conduttore televisivo Gino Strippoli. Presenti anche il sindaco Alessio Biondo e l'assessore alla Cultura e Sport Rossella Priori. Durante la cena i numerosi soci e gli amici intervenuti hanno avuto la possibilità di scambiare quattro chiacchiere in un clima amichevole e rilassato con i loro idoli del passato, mentre scorrevano le immagini dei loro gol più belli alternate a foto che hanno ripercorso i 50 anni di passione del club. A conclusione della serata sono stati premiati tutti gli ospiti e il trio fondatore del club ossia Tino Gambaro, Pierino Porzio e Cornelio Rosati, ex presidente, con la consegna di un quadretto personalizzato, mentre all'attuale presidente Roberto Rosati è stato consegnato un album con tutte le foto del club. Ospiti e soci hanno potuto ripercorrere, tra mille ricordi personali, la storia del nostro club legata alle vicissitudini del Torino Calcio, grazie alla mostra allestita al centro culturale Pi o O cchett a il cui fulcro è una preziosa collezione di figurine Panini dal 1964 a oggi; completano la mostra una raccolta di libri sul Torino e tanti oggetti dei soci a ricordare partite, trasferte ed eventi particolari della loro storia granata». La mostra rimarrà aperta fino al 30 novembre nei giorni di apertura del centro per la distribuzione dei buoni carburante: è cioè lunedì, mercoledì e venerdì dalle alle 19; sabato dalle 9 alle 13 e dalle L assessore Priori invitato anche le scuole a visitare la mostra: le classi terze medie la visiteranno venerdì prossim o. e. g r. di mantenere le loro capacità residue. Una serata di ottimo livello, coordinata dal giornalista Giancarlo Perego che con le sue sollecitazioni ha stimolato il dibattito tra i presenti», partendo dalle pagine scritte con il cuore da Simona Arrigoni. «"Vicino al cuore" è un libro cheriesceaemozionarmisempree aregalarmilapossibilitàdiconoscere tante realtà commentalagiornalista-, comeadesempio questa di Romentino dove ho appreso con felicità che i servizi sociali e le strutture per anziani esistono e sono funzionali. In tempi di spendingreviewnonmisembra poco.sperochelasituazioniresti sempre così, se possibile migliorando. Mi piacerebbe tornare per poterle visitare. Per il momento ringrazio di cuore l'assessore Priori e il Comune di Romentino che hanno realizzato l'evento permettendo attraverso il mio libro di creare una discussione su una tematica importante come quella degli anziani, riportando tutti noi ai valori fondanti di quella che vuole e deve essere una comunità». e. g r. Castagnata e giochi n(e.gr.) Castagne e giochi. Questo il binomio offerto dall iniziativa che domenica 9 novembre ha animato l Oratorio Don Bosco. La castagnata per bambini e ragazzi, promossa grazie alla collaborazione di animatori, genitori e membri della Pro Loco, fa parte del calendario di attività che vuole fare della struttura una presenza viva nella comunità, grazie anche alla collaborazione dei genitori che danno la loro disponibilità per l apertura nel fine settimana. Un pomeriggio di animazione e divertimento, grazie ai giochi preparati dagli animatori, oltre alla possibilità di gustare le fumanti caldarroste. Dopo la domenica con i genitori e i ragazzi di II e V elementare, che si è tenuta il 16 novembre, il prossimo appuntamento è in programma il 30 quando l analoga iniziativa (con pranzo insieme e incontro pomeridiano per gli adulti) verrà ripetuta per le classi III e IV elementare e I media.

20 20 SABATO 22 NOVEMBRE 2014 Corriere di Novara CER ANO SCUOLE INTONACO CADUTO ALLA MATERNA E RISCALDAMENTO ROTTO ALLA PRIMARIA: ALBANESE CHIEDE CHIAREZZA «In corso specifici sopralluoghi, ma per l inter vento complessivo bisognerà attendere la fine delle lezioni» nalla luce degli ultimi problemi strutturali che si sono verificati alla scuola dell i n- fanzia B esozzi (dist acco del l intonaco del soffitto) e alla scuola primaria D on S aino (rottura dell impi anto di riscaldamento, che ha determinato lo stop delle lezioni per la giornata del 18 novembre) dell Ist ituto comprensivo R amati è intervenuto il consigliere comunale del gruppo di opposizione Cerano riparte Alessandro Albanese. Sarebbe opportuno su g- gerisce infatti Albanese in un comunicato stampa diffuso nei giorni scorsi - che l Amministrazione informasse chiaramente e pubblicamente le famiglie dei bambini che frequentano le due scuole sulle condizioni generali delle strutture e che intervenisse al più presto per ovviare ai disagi non di poco conto che si sono palesati. Nonostante non siano arrivati i fondi dal Governo, cosi come annunciato in campagna elettorale dal Sindaco, ci auguriamo che il primo cittadino c o- me da lui stesso dichiarato in Consiglio Comunale anche in seguito agli ultimi accadimenti si attivi per ottenere comunque i fondi necess ar i. Il sindaco ha precisato che «da circa un mese il Comune di Cerano ha ricevuto, Sgombero in via Borghetto secondo preciso Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, la somma di euro per il 2014 che saranno impiegati, come da nostra richiesta, per interventi nelle scuole. Per il 2015 saranno sollecitati i restanti Se anche al momento avessimo ottenuto l intera tranche, non sarebbe stato comunque possibile un immediato intervento complessivo in quanto, come il consigliere Albanese saprà, per motivi di sicurezza non è possibile intervenire negli edifici scolastici nei quali è in corso regolare attività didattica da calendario regionale. Dobbiamo pertanto attendere periodi di vacanza per poter operare. In ogni caso, sia per la scuola dell infanzi a, sia anche per la primaria sono in corso specifici sopralluoghi: nel primo caso stiamo verificando con i tecnici la tipologia del problema strutturale che ha determinato il distacco di una parte del l intonaco dell atrio d i n- gresso e che potrà dire che tipo di intervento attuare. Nel caso dell impianto di riscaldamento delle scuole elementari, che peraltro ha problemi da oltre dieci anni, come abbiamo già spiegato è stato ripristinato il calore nelle classi ma, data la vetustà dell intero impianto, abbiamo proprio oggi (il 20 novembre per chi legge, ndr) un incontro con il tecnico per stilare un progetto complessivo e una sistemazione che assicuri il calore anche nei corridoi. Al momento attuale le lezioni si svolgono al caldo e, se i tempi e i costi progettuali lo consentiranno, potremo intervenire al più presto, magari con un impiego immediato dei euro ottenuti dal Dpcm dei giorni scorsi. L Amminist razione ha concluso Gatti i ntende rassicurare il consigliere Albanese che il benessere dei bambini e delle persone anziane del nostro paese continua a restare in cima alla lista delle nostre priorit à». Lalla Negri Il distacco di un pezzo di intonaco alla scuola d infanzia Nuovi volontari cercansi per il doposcuola dell Oratorio nappello da parte del coadiutore parrocchiale don Nicola Salsa «per dare un aiuto concreto: in Oratorio c'è il dopo-scuola per aiutare i bambini a fare i compiti. L iniziativa ha spiegato don Nicola si tiene il lunedì, il mercoledì e il venerdì dalle 17 alle 18 per gli alunni della scuola primaria, mentre il sabato dalle per i ragazzi della scuola secondaria di primo grado. Chi potesse dare una mano può venire direttamente in Oratorio: non servono particolari competenze e, nella maggior parte dei casi, basta avere la pazienza di stare accanto a bambini e ragazzi. In particolare c è la necessità di volontari per la giornata di venerdì». l. n. Giornata contro il femminicidio nsi terrà alle del 25 novembre, in sala consiliare, un incontro con le donne ceranesi dedicato al tema del femmini ci di o. L iniziativa è organizzata dagli assessorati alla Cultura e allosport «e come ha spiegato l assessore competente Armando Laomedonte sarà caratterizzato da due diversi momenti: nella prima parte, improntata proprio sulla ricorrenza della Giornata contro il femminicidio, che ricorre appunto il 25 novembre. la professoressa Maria Franca Bandi illustrerà e analizzerà quest importante problematicasociale.laseconda partedell incontro vedrà il responsabile dell associazione sportiva locale Bo dosakura illustrare alle perone presenti alcune tecniche di autodifesa chepossono essereadottatedalle donnerispettoa unasituazione di pericolo». l. n. DOPO I FURTI RESTA LA PAURA «C è una persona sospetta che si aggira in paese spiando tra le sbarre dei cancelli» n «Quello che possiamo raccomandare ai cittadini è di autotutelarsi tenendo sempre alto il livello di attenzione e dotandosi di sistemi di deterrenza efficaci, premurandosi di segnalare persone, comportamenti o situazioni - come l ass enza di illuminazione pubblica e non che risultano sospette e richiedendo l inter vento delle forze dell ordine anche solo al minimo sentore della possibilità di verificarsi di episodi criminosi». Questa la raccomandazione che l assessore alla Sicurezza Massimo Fusetto ha fatto tramite le colonne del C orriere di Novara ai ceranesi a l l indomani dei furti avvenuti nel tardo pomeriggio del 14 novembre. Come si ricorderà, in due casi (in due appartamenti di via Trento a l l angolo con via Mortara) si ètrattato diveri epropri furti, mentre nel caso della villa di via Leonardo da Vinci la banda presumibi l- mente la stessa, che ha messo a segno i colpi in meno di u n ora è stata sorpresa dal proprietario di casa al momento del rientro. Puntandogli una torcia in faccia, i malviventi gli hanno intimato di andarsene. C è chi ha raccolto l inv ito del l assessore e ha deciso di segnalare pubblicamente «l insolita presenza di una persona, non del paese, che, proprio la scorsa settimana, nei giorni precedenti i furti, si aggirava nelle zone periferiche, zone peraltro piuttosto vicino alle vie delle tre abitazioni che hanno ricevuto le sgradevoli v isite. Ho notato questo individuo, un uomo intorno ai trent anni, più volte: la mia attenzione ha proseguito il ceranese è stata attirata dal fatto che l ho sorpreso a spiare tra le sbarre dei cancelli e anche sotto, mentre fingeva di sistemarsi i lacci delle scarpe, come se volesse verificare che nei cortili non ci fosse nessuno. Inizialmentenonci hodatopeso più di tanto, pensando che si trattasse solo di un personaggio un po strano, ma, parlando in seguito con un amico dopo i furti di venerdì scorso, ho saputo che anche lui aveva notato questa persona che dalla descrizione fornitami sembrerebbe la stessa aggirarsi con insistenza e con fare sospetto anche dalle parti di casa sua, in una zona che, tra l a lt ro, non dista poi molto dalle due abitazioni di via Trento. Mi ha riferito che sotto alcuni cancelli della sua via sarebbero state anche trovate alcune bottiglie di plastica che i proprietari non avevano notato prima, quasi si trattasse di un s egnale. Magari i fatti non sono collegati tra loro ha concluso il ceranese ma l i mpressione, alla luce di quanto è accaduto, è stata quella di sentirsi osser vati da qualcuno, mandato magari in avanscoperta per studi are la situazione». l. n. CON L ASSOCIAZIONE SPORTIVA DI ARTI MARZIALI R&D LAB MARTIAL ARTS Ceranesi sulle orme del maestro Bruce Lee ne di questi giorni la notizia del definitivo sgombero dello stabile di proprietà comunale in via Borghetto. «Come noto ha detto il sindaco Flavio Gatti l Amministrazione, già qualche mese fa, ha provveduto ad annullare la concessione di uno degli appartamenti a una persona che era stata autorizzata dall Amministrazione circa sette anni fa - che si trovava in carcere e che ora sta scontando gli arresti domiciliari in altra località. La situazione di irregolarità è stata nel frattempo sanata anche nei confronti di altri residenti, annunciando l intenzione del Comune di riappropriarsi degli appartamenti assegnati, ma concedendo loro il tempo necessario per trovare un altra sistemaz ione». Ora - prosegue Gatti - «lo stabile è completamente vuoto e, sul futuro della struttura, sono in corso una serie di valutazioni da parte dell Amminist razione: si deve procedere innanzitutto con una verifica dell attuale stato della struttura e accertare l impegno finanziario necessario alla sua definitiva sistemazione». Ma, conclude, «non si esclude nemmeno la possibilità di metterlo in vendita». l. n. nproseguono a pieno ritmo, dal mese di settembre, le attività dell associazione sportiva di arti marziali R&D lab martial arts, realtà nata nel 2012 «con lo scopo come ha spiegato il presidente e istruttore Marco Zanchetta, che è tra l altro responsabile per il Piemonte del settore jeet kune do della Federazione italiana Jeet Kune Do del maestro Antonio De Vivo - di continuare a studiare l'arte di Bruce Lee, maestro e fondatore della disciplina del jeet kune do. In cantonese jeet significa "intercettare", kune "pugno" e do "via": jeet kune do significa, pertanto, la via del pugno che intercetta. Questa f ilosof ia di combattimento,ènata intornoallametà degli anni Sessanta durante le esperienze e gli studi di Lee nei confronti delle arti marziali e degli sport da combattimento. Lee pensava che un buon artista marziale dovesse essere completo: era, quindi, indispensabile saper tirare calci da lontano e da vicino, pugni alti e bassi e avere quindi la padronanza di tutte le distanze di combattimento. Il jeet kune do rappresenta qualcosa di sintetizzato e perfezionato, applicabile a situazioni di difesa personale. Non si tratta di uno sport, non esistono competizioni». Nella palestra comunale di viale Marchetti, sede delle lezioni, da quest'anno la novità è rappresentata dal fatto che Zanchetta e Alessandro Chiappini hanno frequentato «una formazione per diventare istruttori di functional training: abbiamo inserito tre giorni di allenamento per questa pratica ha proseguito Zanchetta - ovvero lunedi, mercoledi e venerdi dalle alle 20. Il jeet kune do è sempre seguito da me ed è diviso in tre turni: livello base, intermedio, avanzato. Il livello base si tiene il martedì e il giovedì dalle 20 alle 21. Le lezioni del livello avanzato sono il martedì e il giovedì dalle 19 alle 20 e il sabato dalle 12 alle Infine il livello intermedio si svolge il lunedì, il mercoledì e il venerdì dalle 20 alle 21». La R&D lab martial arts ha inoltre istituito «lezioni individuali per i ragazzi dai 9 ai 13 anni, che ha rimarcato Zanchetta vengono seguiti con la dovuta attenzione per poterli avviare nella giusta direzione. Una lezione di gruppo, per i ragazzi troppo giovani, diventa infatti dispersiva e solo con i 14 anni pi può frequentare un corso riservato agli adulti». Attualmente l associazione ceranese conta quaranta soci iscritti alla tra i settori di jeet kune do e functional training. l. n.

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it Avv. Giovanni Romano Avv. Paola Genito Avv. Natascia Delli Carri Avv. Maria Cristina Fratto Avv. Annalisa Iannella Avv. Egidio Lizza Avv. Giuseppina Mancino Avv. Roberta Mongillo Avv. Francesco Pascucci

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

CONDIVIDE E PARTECIPA

CONDIVIDE E PARTECIPA il 13 OTTOBRE 2007 - inform@ su: Delibera della Direzione Nazionale il S.I.A.P. privilegia il confronto interno Dal Governo Consiglio dei Ministri nr. 69 Decreto di razionalizzazione dell assetto organizzativo

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI

PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI Giovedì 28 agosto 2014: inizio operazioni ore 10,00 PROV. 1 CISCO EMANUELA 02/02/1982 VI 2 RONCAGLIA FRANCESCA 06/03/1983 VI 3 PAGLIAMINUTA

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

2000 ho conseguito una laurea in giurisprudenza discutendo una tesi in diritto penitenziario con la dott.sa Presutti all Università di Milano

2000 ho conseguito una laurea in giurisprudenza discutendo una tesi in diritto penitenziario con la dott.sa Presutti all Università di Milano mi chiamo Marco Girardello lavoro per la Fondazione Casa di Carità dal 2001 allor quando le azioni in carcere erano promosse dal C.F.P.P. Casa di Carità Onlus provengo da un background di studi giuridici

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI CERTIFICAZIONE UNI CEI EN ISO/IEC 1702 Corso 1 Livello In collaborazione con l Ordine degli Ingengeri della Provincia di Rimini Associazione CONGENIA Procedure per la valutazione

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE 25 foto di Sophie Anne Herin GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ALTRE PAROLE PER DIRLO Diamo corpo e parola alla forza delle donne Libere di scegliere Libere di desiderare Libere di

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito dell'incontro a Milano di

in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito dell'incontro a Milano di Rubano, 24 febbraio 2010 Prot. 455 Sez. 0801 C. 13 Alle sigg.re Sindache ed ai sigg.ri Sindaci dei Comuni del Veneto Loro indirizzi Cari colleghi, in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli