la Via del Mosaico Gli specchietti delle allodole

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "la Via del Mosaico Gli specchietti delle allodole"

Transcript

1 la Via del Mosaico NEWSLETTER DELL ASSOCIAZIONE PER IL RISPETTO ISTITUZIONALE PROFESSIONALE ED AMBIENTALE Anno III, Numero 21 Torino, 30 Novembre 2006 pag. 1 di 6 Gli specchietti delle allodole Il nostro Muletto di redazione solitamente provoca o, meglio, mette in pista idee provocatorie per saggiarne l impatto nelle cerchia degli associati che spesso interagiscono con risposte altrettanto urticanti. Così è stato per l apertura della newsletter N 19 con Perché l Italia non ha bisogno di nuovo riformismo e qui, volendo essere equidistanti o volendo completare il punto di vista del nostro Muletto, prendiamo in considerazione l altra definizione che a nostro avviso fa da contraltare al riformismo del centrosinistra e che è data dai cosiddetti moderati del centro-destra. Poiché propriamente l attributo di moderato attiene alla qualità di un attore o del modo con cui si compie un azione, a noi pare che definire un identità politica mediante una modalità derivata da Segue in ultima Sommario 1. Gli specchietti delle allodole. Recensione Libri 2. Luciano Gallino, L impresa irresponsabile Einaudi Botte e Risposte 4 Prencipe versus Tabacci. Recensione libri 6 Novembre Luciano Gallino L impresa irresponsabile Einaudi Editore. Dibattito a cura dell Accademia delle Scienze di Torino. Dopo l introduzione del Professor Angelo Raffaele Meo, neo presidente dell Accademia, il Prof. Gastone Cottino, intervenendo dal punto di vista giuridico, rileva come con la globalizzazione e la conseguente delocalizzazione delle aziende ci sia stato un cambiamento radicale non solo per i modi di finanziamento, ma nella stessa filantropia aziendale che in tempi passati garantiva una qualche legittimazione aziendale atta a migliorare la sua capacità concorrenziale. In questo campo occorre considerare che sin dai tempi di Bismark e Beveridge le imprese furono piegate alla necessità di contribuire alle assicurazioni sociali dei propri dipendenti. E tutto ciò pur avendo in dottrina molti autori, a partire da Buchanam, che erano e sono contrari ad affidare questi pesi sociali alle imprese e dichiarano che è immorale fare filantropia in quanto il compito delle aziende è solo quello di massimizzare i profitti al fine dello stesso benessere collettivo. Secondo Cottino, pur dicendosi molto scettico sull effettiva possibilità di realizzazione, rileva che Gallino cerca di superare questi ed altri barrage proponendo che per via legislativa si imponga che gli statuti aziendali siano del tutto trasparenti nei riguardi del mercato finanziario e di quanto le aziende si prefiggono di produrre, compresi i dati riguardanti l inquinamento e non rispondenti agli standard di una buona qualità ambientale. Il Prof. Cottino conclude segnalando come l autore nel suo libro offra un quadro completo di ciò che sono o dovrebbero essere le maggiori imprese mondiali.

2 N 21 la Via del Mosaico Pag 2 di 6 A questo intervento segue una puntuale disanima economica condotta con grande dovizia di dati e citazioni dal Prof. Giovanni Zanetti. Zanetti afferma che Gallino esamina i rapporti dell impresa con i suoi attori e con quelli che possono essere colpiti e danneggiati dalla sua attività, individuandone la radice nel dato strutturale del capitalismo che, come tale, si ritiene irresponsabile delle conseguenze rispetto al futuro. Gallino propone delle linee correttive rispetto a ciò che è accaduto negli anni 60 e 70 in cui ad una minore redditività delle imprese è corrisposto un maggior valore delle imprese stesse. Secondo Gallino ciò si è verificato in quanto il valore delle imprese è stato determinato più da pratiche illecite che non dall assunto che quel valore dovrebbe essere dato dalla produzione di reddito. Ciò è stato possibile in quanto:- In un decennio si è ampliato enormemente il potere manageriale rispetto a quello proprietario, accentuato dal fatto che le produzioni complesse hanno favorito il take over con le diversificazioni e l ampliamento della ricerca. La finanziarizzazione in sostituzione del processo di produzione propria dell impresa, porta ad avere investitori diversi, compresi quelli istituzionali. Tutto ciò determina delle forme di responsabilità estesa che portano alle delocalizzazioni ed a precarizzazioni varie. Se Gallino è forse pessimista rispetto alle imprese italiane, è certo però che vi può essere un uso perverso di tale meccanismo senza peraltro arrivare al complesso di NO che la società civile italiana pare mettere in atto rispetto ad ogni innovazione, si tratti di Tav o di altro aspetto di modernizzazione. Si tratta di un libro denso e duro che susciterà polemiche, afferma il Prof. Arnaldo Bagnasco evidenziando come la sociologia permetta di esaminare come gli attori dell economia aziendale, come i proprietari, i manager, il capitale azionario e manageriale, nelle aziende odierne si sia combinato in modi diversi con gli investitori istituzionali come i fondi d investimento, fondi pensione e banche d affari. Di fronte a questo cambiamento di regime non è possibile fare delle analisi secondo le categorie residue dele aziende rette dal capitale familiare o poco più, mentre invece occorre pensare che il capitalismo del cosiddetto postfordismo è sregolato e dunque occorre regolarlo. Esemplare come in questo processo le classi medie siano sacrificate e, seguendo l analisi di Krugman, se il sistema del welfare si è inceppato, occorrerà giungere ad una nuova specie di contratto sociale. A questi stimoli del dibattito il Prof. Gallino risponde spiegando come il suo libro prenda origine dagli scandali finanziari ed industriali che tra il 2000 ed il 2003 negli Stati Uniti sono arrivati alla somma di circa 160 casi che, di colpo, hanno rivelato debiti astronomici con il quasi fallimento di alcune imprese di dimensioni mondiali. Le magistrature hanno messo in chiaro come si sia trattato di comportamenti fraudolenti di manager ed analisti e di tutto ciò si è cercata una spiegazione in relazione al fatto che ciò possa ripetersi. Rispetto allo scetticismo del Prof. Cottino circa l efficacia di rimedi giuridici, Gallino conferma che la governance aziendale non collima con la responsabilità sociale dell impresa e, pur non essendoci industria che non abbia un codice etico, pare che i due aspetti non tendano ad un avvicinamento. Eppure negli S.U., visto che i cani da guardia delle società di revisione non avevano segnalato quanto di improprio stava avvenendo, sono state previste procedure di controllo più severe per analisti e Merchant Banks, così come in Francia si è adottato un codice etico che prevede il carcere come previsto per chi usa fare false dichiarazioni dei redditi. Per quanto riguarda il pessimismo citato da Zanetti, Gallino rileva come negli ultimi quarant anni e con una crescita continua, gli investitori istituzionali abbiano raggiunto una cifra di investimenti pari a 48 mila miliardi di dollari, con ciò superando il valore del Pil mondiale. Gli investitori istituzionali di diversa grandezza sono rappresentati da un numero che oscilla tra le e le unità, ma i fondi pensione a dimensione mondiale son solo 20 divisi tra S:U: e Giappone. Tali istituti svolgono azione legittima e perseguono la difesa e lo sviluppo dei risparmi dei loro associati, ma sono proprietari o incidono in modo preponderante sulla metà delle aziende mondiali, rispondendo solo ad una decina di responsabili: forse, conclude Gallino, è giunto il momento di ragionare sull immenso potere che detengono questi responsabili le cui decisioni, al di là delle migliori intenzioni, possono portare ad eventi imprevisti e dannosi. La redazione. Torino, 6 Novembre 2006.

3 N 21 la Via del Mosaico Pag 3 di 6 Botte & risposte Abbiamo ricevuto il commento dell amico Dr. Prencipe che volentieri pubblichiamo in quanto offre una testimonianza diretta rispetto ai problemi di un settore della nostra università ed anche perché offre uno stimolo al dibattito interno all associazione, sempre opportuno ma quanto mai utile nel momento in cui ci avviamo a realizzare il sito del Mosaicoweb. La questione Università Commento all intervento dell on Tabacci durante il convegno di Saint Vincent riportato a pag. 6 de "La via del Mosaico N 20. In primo luogo, un politico che parli di "facoltà di matematica" ("[...] alla facoltà di matematica per cui [...]") non deve aver ben chiaro quale sia l'ordinamento universitario italiano: la facoltà di matematica non esiste! Esiste (o esistono) uno o più corsi di laurea in matematica all'interno della facolta di Scienze Matematiche Fisiche Naturali (mfn). Il numero " " si riferisce probabilmente al numero totale di iscritti alla suddetta facoltà, suddivisi nei vari corsi di laurea: matematica, informatica, chimica, chimica industriale, fisica, scienza dei materiali, scienze della terra, scienze naturali, biologia, scienze e tecnologia dei beni culturali; questi sono i corsi di laurea "triennali" attivati a Scienze mfn, a Torino; poi esistono più di 25 lauree "magistrali" (biennio successivo alla triennale) che fanno capo alla stessa facoltà; il numero e il tipo di corsi attivati non è comunque necessariamente lo stesso in tutti gli atenei italiani. Ancora, poichè la facoltà di scienze esiste solo all'interno dell'università e non al politecnico, intendo che la cifra si riferisca alla sola università; tuttavia nell'articolo citato si continua con "... per cui dovremo poi importare ingegneri, matematici dalla Cina e dall'india...", però il numero di studenti di ingegneria (quindi "politecnico") non dovrebbe essere incluso in quei Quanto sopra potrebbe sembrare una mia "pignoleria"! Ebbene, lo ammetto, sono pignolo, pedante, noioso! Però a me sembra che la confusione tra "corso di laurea" e "facoltà" (o addirittura tra "università" e "politecnico": un chimico non è un "ingegnere chimico", e/o viceversa) sia indicativa di una non conoscenza generalizzata della struttura universitaria e della sua funzione; ma allora mi chiedo quale sia il valore da assegnare a tutte le altre affermazioni, in merito all'università, del politico in questione. Per parlare (con autorevolezza) di un certo argomento, non bisognerebbe conoscerlo a fondo? Ci si lamenta del basso numero di iscritti a scienze mfn; in effetti sono pochi, visti tutti i corsi di laurea che la facoltà comprende, rapportati ai di scienze della comunicazione (che non ha nulla che vedere con scienze mfn, se non la parola "scienze", e che è un corso di laurea attivato presso la facoltà di lettere e filosofia, almeno a Torino; quindi si stanno confrontando gli iscritti a tutta una facoltà, quella di scienze mfn, con quelli di un corso di laurea). E' da dire che molti dei laureati, anche a pieni voti, che escono dalla facoltà di scienze mfn, non trovano poi lavoro nei settori di loro competenza, ma vanno a fare altro (ove magari non serve neppure avere una laurea) o sono costretti a "emigrare" all'estero (la famosa "fuga dei cervelli" di cui tanto si parla). A che servirebbe dunque incrementare il numero di laureati in scienze, se il mercato del lavoro italiano non è assolutamente in grado di assorbire i laureati di oggi? Inutile dire che attualmente nessun ingegnere, matematico, chimico o fisico cinese si è visto da queste parti o, almeno, non nella "veste" di ingegnere, matematico, chimico o fisico... magari ti può capitare di incontrare un matematico rumeno che fa il raccoglitore di pomodori a Salerno! Certamente, considerate le difficoltà oggettive che si incontrano nell'affrontare studi scientifici, non stupisce che tutti coloro che intendano laurearsi tanto per avere il classico "pezzo di carta" in tasca, scelgano corsi di laurea meno impegnativi, dal momento che

4 N 21 la Via del Mosaico Pag 4 di 6 una laurea scientifica non garantisce un posto di lavoro più di qualunque altro corso di studi. Il problema non sta tanto nell'università, quanto nell'industria italiana che è estremamente arretrata rispetto a quella di molti altri Paesi: in Italia non c'è dialogo tra ricerca universitaria e industria perché quest'ultima preferisce puntare su prodotti di bassissimo valore aggiunto, che non richiedono alcuno sforzo o investimento economico "rischioso" (si sa, la ricerca può non dare risultati "immediati"). Dovesse l'industria decidere (da sola o spinta da una politica mirata) di investire sulla ricerca, aumenterebbe inevitabilmente la richiesta di laureati in discipline scientifiche, e avremmo forse così meno psicologi a spasso e più fisici al lavoro, con un incremento della capacità produttiva ad alto valore aggiunto, anche in termini di brevetti da vendere all'estero (e non solo da comprare...). Ma per ora così non è e, ribadisco, questo non è certo un problema dovuto all'attuale basso numero di iscritti alle facoltà scientifiche. Su questo punto, infine, è ancora da notare che la riduzione delle iscrizioni alle facoltà scientifiche non si registra solo in Italia, ma si ha in quasi tutti i Paesi occidentali (al contrario di quello che capita in Oriente). Tabacci lamenta la licealizzazione dell'università, l'incremento del numero di atenei e (in ciascuno di questi) del numero di cattedre e dei professori, che "si inventano gli insegnamenti più strani". In questo c'è qualche verità e qualche palese falsità ("palese" a chi conosce il mondo universitario...): 1) La licealizzazione non è certo colpa dell'università ma delle riforme che nel corso degli anni ci sono state imposte senza nemmeno consultarci e prendere in considerazione le proteste che venivano da gran parte del corpo docente (soprattutto quello scientifico). Mi riferisco alla riforma che ha introdotto le lauree triennali, quelle magistrali e il sistema dei "crediti". Ancora, la licealizzazione è pure conseguenza del trend ormai consolidato nella scuola primaria e secondaria, per cui i ragazzi studiano poco, anzi nulla, e si diplomano comunque; tutto questo con il benestare dei vari Ministeri (di oggi e di "allora"), dei Provveditori, dei Presidi e di una parte del corpo insegnante che, oltremodo influenzato da certa "psicologia", ritiene mutato il ruolo della scuola: a scuola non si va per imparare a leggere, a scrivere; non si va per imparare la grammatica, il latino, la storia, la matematica o la fisica; non si va neppure per imparare a "ragionare"... a scuola si va per imparare a stare insieme, per imparare a relazionarsi con gli altri... (cose da me effettivamente sentite o lette, dette o scritte da numerosi insegnanti sia delle scuole medie, sia delle superiori; eppoi basta farsi un giro su Internet, per esempio sul "newsgroup" it.istruzione.scuola per rendersi conto della situazione). Tutto bene! Peccato che poi una frazione considerevole dei futuri universitari non sappiano proprio nulla di chimica, fisica, matematica e non sappiano fare un ragionamento che vada al di là di "piove, quindi prendo l'ombrello perchè altrimenti mi bagno" (che è la cosa più grave, il "non saper ragionare", intendo, non "il bagnarsi"!) e siano più adatti a corsi di laurea infarciti di "chiacchiere", piuttosto che a quelli nei quali logica, pensiero formale e matematica siano strumenti fondamentali di studio e di lavoro. In una situazione simile, se si vuole evitare una ulteriore riduzione del numero di iscritti a scienze mfn (anche se secondo me non sarebbe poi un gran danno: meglio pochi ma buoni), si deve ridurre il "tiro" dei corsi e mettere in atto quelle misure che portano inevitabilmente alla licealizzazione. 2) L'incremento degli atenei è una realtà che andrebbe fortemente contrastata (qui Tabacci ha ragione). Ma in questo caso, insieme all'università c'entrano Stato, Regioni e Province (come organi di governo) che finanziano operazioni del genere, fatte non per il "bene" degli studenti, ma per il bene di qualcun altro... 3) Il numero di cattedre non prolifera affatto! Prolifera invece il numero di insegnamenti, ma quest'ultimo non coincide col numero di cattedre. La creditizzazione e il nuovo ordinamento didattico hanno imposto lo "spezzettamento" dei vecchi corsi annuali o semestrali in una pletora di piccoli corsi mensili o, al più, bimestrali. Se prima un corso di laurea prevedeva 20 esami, oggi lo stesso ne prevede 50! E' aumentato a dismisura il numero di corsi, ma i docenti (e le ore di

5 N 21 la Via del Mosaico Pag 5 di 6 lezione complessive che fanno) sono sempre gli stessi. Per esempio, io ho 5 corsi (cristallografia a matematica, cristallo-chimica a scienze geologiche e 3 corsi di microscopia elettronica a scienza dei materiali) e non ho evidentemente 5 cattedre... Ancora, è da aggiungere che lo stipendio di un docente universitario non è funzione del numero di corsi che tiene: lo stipendio è fisso e, molto spesso, parte dell'attività didattica sarebbe classificabile come "volontariato" visto che il numero di ore di lezione "frontale" (oggi si chiama così) supera di gran lunga quello imposto per legge (nel mio caso faccio più del doppio del numero di ore che sarei tenuto a fare). Il mio caso, a scienze mfn, è la norma e non l'eccezione; ma questo, Tabacci forse non lo sa! Mauro Prencipe Torino, 22. Novembre Dalla prima pagina un aggettivazione stia a significare una condizione in cui le più diverse scelte diventano possibili rispetto ai vincoli che via via dovrebbero denotare l unicità di singole decisioni politiche. Indubbiamente l indeterminatezza del termine moderati deriva certamente dalla deideologizzazione del panorama politico italiano, dalle proliferazione pseudo partitica favorita dalla legge elettorale e dall abnorme finanziamento pubblico di partiti e parlamentari che, solamente per il fatto di far parte dei gruppi misti, ricevono emolumenti in grado di finanziare gruppi locali al solo fine della propria rielezione. In buona sostanza il termine di partito moderato non rappresenterebbe altro che uno specchietto delle allodole per eleggere personaggi che, liberi da impegni qualsivoglia di concretezza ed appartenenza politica, perseguono il solo interesse personale. Dunque se il termine moderato di per sé non indica una politica da seguire, è pur vero che a suo tempo sia la quercia per il Pds che l ulivo di Prodi sono stati i primi esempi di annacquamento di identità originarie senza procedere a scelte che avrebbero potuto interpretare tali identità in termini aggiornati. I Ds avrebbero potuto da subito diventare la componente italiana del Partito Socialista Europeo e l Ulivo di Prodi avrebbe potuto essere la nuova aggregazione democratica caratterizzata da libertà e modernità: ciò non è stato ed il risultato è che oggi i due aggregati politici sono costretti a discutere sul futuribile di un partito democratico che non c è e se ci fosse non si saprebbe se gli scopi ultimi coinciderebbero con quelli dei partiti socialisti europei, se in Italia esprimerebbero le istanze dei Liberaldemocratici dei paesi nordici o ancora se assumerebbero una aggiornata valenza di mediazione fra ceti diversi. Ecco, non credo che gli specchietti per le allodole delle aggettivazioni riformiste, moderate o democratiche, possano costituire dei solidi e duraturi poli di attrazione su cui costruire delle nuove identità politiche credibili ed in grado di affrontare l attuale disgregazione politica ed istituzionale. Solo il riconoscere le origini profonde di ciascuna aggregazione ed il modo di porsi nei confronti dei problemi della società attuale di ciascuna proposta politica potrà ricostituire partiti ed identità in grado di superare l attuale situazione di stallo e permettere di stabilire nuove regole generali quali sono la legge elettorale e la riforma della seconda parte della costituzione. Infine poiché pare che gli attuali schieramenti politici non siano in grado di operare in questa direzione visto quel che hanno realizzato a partire dagli anni 1990, sarà nuovamente la società civile a dover dare una spinta perché ciò si avveri. Due fatti dovrebbero agevolare questo risveglio della società civile: lo scioglimento del correntone della sinistra Ds guidata da Mussi e Salvi, dovrebbe agevolare la rinascita di una identità di matrice socialista in grado di unificare la più parte del popolo della sinistra, mentre, per altro verso più generale, la proposta Guzzetti, spostando il premio di maggioranza dalle coalizioni al partito maggioritario, dovrebbe finalmente chiarire chi comanda chi e che cosa fare, impedendo l attuale indistinto coacervo trasformistico sia di centro-destra che di centro-sinistra. Giuliano Orlandi Torino, 10 Novembre 2006.

6 N 21 la Via del Mosaico Pag 6 di 6 Per seguire le idee e la cronaca delle attività dell associazione consultate il Sito Per difficoltà varie è pubblicato in forma del tutto provvisoria e molte pagine non sono completate : per evitare inutili perdite di tempo nella consultazione, inviateci la Vostra in modo che al suo completamento Vi si possa informare adeguatamente. Le nuove ragioni del Abbiamo 60 anni di "ragioni",.da verificare ed inverare nell'oggi! Contattaci e sostieni l iniziativa! Associazione culturale per il rispetto istituzionale, professionale ed ambientale L associazione il Mosaico è stata registrata il ed opera attraverso i suoi organi secondo quanto stabilito nel proprio statuto Il Mosaico - c/o Via Tonello 14 Torino

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo.

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. Le risposte negative vengono memorizzate con i valori 1 e 2. Le risposte positive

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero.

Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero. Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero. Cosa fa un ingegnere petrolifero? Gli ingegneri petroliferi individuano, estraggono e

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Che cos è che non va? Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Mi dica almeno qualcosa sulle onde elettromagnetiche. La candidata, che poco fa non aveva saputo dire perché i fili della

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001.

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144 Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. VISTA la legge 9 maggio 1989, n.168, con la quale è

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private

Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private Istruzione. La classifica degli atenei in base alla qualità dell'offerta formativa agli studenti Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private La qualità accademica

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99)

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99) Mod. 6322/triennale Marca da bollo da 16.00 euro Domanda di laurea Valida per la prova finale dei corsi di studio di primo livello Questo modulo va consegnato alla Segreteria amministrativa del Corso a

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato?

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato? INDAGINE POST-DIPLOMA 2014 Diplomati nel 2012: n. 264 Indagini compilate: n. 128 (48,5%) Indirizzo liceale frequentato Risposta 1) linguistico (Utenti: 46 Perc.: 35.94%) Risposta 2) naturalistico (Utenti:

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Da Berlinguer alla Gelmini gli ultimi 15 anni di politica scolastica nel nostro Paese. di Walter Moro

Da Berlinguer alla Gelmini gli ultimi 15 anni di politica scolastica nel nostro Paese. di Walter Moro Da Berlinguer alla Gelmini gli ultimi 15 anni di politica scolastica nel nostro Paese. di Walter Moro Lo sfondo: tra continuità, discontinuità interventi parziali, assenza di un disegno complessivo di

Dettagli

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA Ottobre 12 Si ringrazia La professione della CSR in Italia Pag. 1 Si ringraziano SAS è presente in Italia dal 1987 ed è la maggiore società indipendente di software e

Dettagli

Ministero, dell'istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero, dell'istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 612 Spedito il 30/3/2010 All On.le Ministro SEDE OGGETTO: Valutazione della ricerca. Adunanza del 25.03.2010 IL CONSIGLIO UNIVERSITARIO NAZIONALE APPROVA IL SEGUENTE DOCUMENTO: Introduzione Ogni

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura ABBONATI RIVISTE ONLINE! TROVA AZIENDE EDILBOX CONTATTI HOME NEWS! AZIENDE ECONOMIA EDILIZIA IMMOBILI APPUNTAMENTI! LEGGI & NORME Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura CERCA

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli