la Via del Mosaico Gli specchietti delle allodole

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "la Via del Mosaico Gli specchietti delle allodole"

Transcript

1 la Via del Mosaico NEWSLETTER DELL ASSOCIAZIONE PER IL RISPETTO ISTITUZIONALE PROFESSIONALE ED AMBIENTALE Anno III, Numero 21 Torino, 30 Novembre 2006 pag. 1 di 6 Gli specchietti delle allodole Il nostro Muletto di redazione solitamente provoca o, meglio, mette in pista idee provocatorie per saggiarne l impatto nelle cerchia degli associati che spesso interagiscono con risposte altrettanto urticanti. Così è stato per l apertura della newsletter N 19 con Perché l Italia non ha bisogno di nuovo riformismo e qui, volendo essere equidistanti o volendo completare il punto di vista del nostro Muletto, prendiamo in considerazione l altra definizione che a nostro avviso fa da contraltare al riformismo del centrosinistra e che è data dai cosiddetti moderati del centro-destra. Poiché propriamente l attributo di moderato attiene alla qualità di un attore o del modo con cui si compie un azione, a noi pare che definire un identità politica mediante una modalità derivata da Segue in ultima Sommario 1. Gli specchietti delle allodole. Recensione Libri 2. Luciano Gallino, L impresa irresponsabile Einaudi Botte e Risposte 4 Prencipe versus Tabacci. Recensione libri 6 Novembre Luciano Gallino L impresa irresponsabile Einaudi Editore. Dibattito a cura dell Accademia delle Scienze di Torino. Dopo l introduzione del Professor Angelo Raffaele Meo, neo presidente dell Accademia, il Prof. Gastone Cottino, intervenendo dal punto di vista giuridico, rileva come con la globalizzazione e la conseguente delocalizzazione delle aziende ci sia stato un cambiamento radicale non solo per i modi di finanziamento, ma nella stessa filantropia aziendale che in tempi passati garantiva una qualche legittimazione aziendale atta a migliorare la sua capacità concorrenziale. In questo campo occorre considerare che sin dai tempi di Bismark e Beveridge le imprese furono piegate alla necessità di contribuire alle assicurazioni sociali dei propri dipendenti. E tutto ciò pur avendo in dottrina molti autori, a partire da Buchanam, che erano e sono contrari ad affidare questi pesi sociali alle imprese e dichiarano che è immorale fare filantropia in quanto il compito delle aziende è solo quello di massimizzare i profitti al fine dello stesso benessere collettivo. Secondo Cottino, pur dicendosi molto scettico sull effettiva possibilità di realizzazione, rileva che Gallino cerca di superare questi ed altri barrage proponendo che per via legislativa si imponga che gli statuti aziendali siano del tutto trasparenti nei riguardi del mercato finanziario e di quanto le aziende si prefiggono di produrre, compresi i dati riguardanti l inquinamento e non rispondenti agli standard di una buona qualità ambientale. Il Prof. Cottino conclude segnalando come l autore nel suo libro offra un quadro completo di ciò che sono o dovrebbero essere le maggiori imprese mondiali.

2 N 21 la Via del Mosaico Pag 2 di 6 A questo intervento segue una puntuale disanima economica condotta con grande dovizia di dati e citazioni dal Prof. Giovanni Zanetti. Zanetti afferma che Gallino esamina i rapporti dell impresa con i suoi attori e con quelli che possono essere colpiti e danneggiati dalla sua attività, individuandone la radice nel dato strutturale del capitalismo che, come tale, si ritiene irresponsabile delle conseguenze rispetto al futuro. Gallino propone delle linee correttive rispetto a ciò che è accaduto negli anni 60 e 70 in cui ad una minore redditività delle imprese è corrisposto un maggior valore delle imprese stesse. Secondo Gallino ciò si è verificato in quanto il valore delle imprese è stato determinato più da pratiche illecite che non dall assunto che quel valore dovrebbe essere dato dalla produzione di reddito. Ciò è stato possibile in quanto:- In un decennio si è ampliato enormemente il potere manageriale rispetto a quello proprietario, accentuato dal fatto che le produzioni complesse hanno favorito il take over con le diversificazioni e l ampliamento della ricerca. La finanziarizzazione in sostituzione del processo di produzione propria dell impresa, porta ad avere investitori diversi, compresi quelli istituzionali. Tutto ciò determina delle forme di responsabilità estesa che portano alle delocalizzazioni ed a precarizzazioni varie. Se Gallino è forse pessimista rispetto alle imprese italiane, è certo però che vi può essere un uso perverso di tale meccanismo senza peraltro arrivare al complesso di NO che la società civile italiana pare mettere in atto rispetto ad ogni innovazione, si tratti di Tav o di altro aspetto di modernizzazione. Si tratta di un libro denso e duro che susciterà polemiche, afferma il Prof. Arnaldo Bagnasco evidenziando come la sociologia permetta di esaminare come gli attori dell economia aziendale, come i proprietari, i manager, il capitale azionario e manageriale, nelle aziende odierne si sia combinato in modi diversi con gli investitori istituzionali come i fondi d investimento, fondi pensione e banche d affari. Di fronte a questo cambiamento di regime non è possibile fare delle analisi secondo le categorie residue dele aziende rette dal capitale familiare o poco più, mentre invece occorre pensare che il capitalismo del cosiddetto postfordismo è sregolato e dunque occorre regolarlo. Esemplare come in questo processo le classi medie siano sacrificate e, seguendo l analisi di Krugman, se il sistema del welfare si è inceppato, occorrerà giungere ad una nuova specie di contratto sociale. A questi stimoli del dibattito il Prof. Gallino risponde spiegando come il suo libro prenda origine dagli scandali finanziari ed industriali che tra il 2000 ed il 2003 negli Stati Uniti sono arrivati alla somma di circa 160 casi che, di colpo, hanno rivelato debiti astronomici con il quasi fallimento di alcune imprese di dimensioni mondiali. Le magistrature hanno messo in chiaro come si sia trattato di comportamenti fraudolenti di manager ed analisti e di tutto ciò si è cercata una spiegazione in relazione al fatto che ciò possa ripetersi. Rispetto allo scetticismo del Prof. Cottino circa l efficacia di rimedi giuridici, Gallino conferma che la governance aziendale non collima con la responsabilità sociale dell impresa e, pur non essendoci industria che non abbia un codice etico, pare che i due aspetti non tendano ad un avvicinamento. Eppure negli S.U., visto che i cani da guardia delle società di revisione non avevano segnalato quanto di improprio stava avvenendo, sono state previste procedure di controllo più severe per analisti e Merchant Banks, così come in Francia si è adottato un codice etico che prevede il carcere come previsto per chi usa fare false dichiarazioni dei redditi. Per quanto riguarda il pessimismo citato da Zanetti, Gallino rileva come negli ultimi quarant anni e con una crescita continua, gli investitori istituzionali abbiano raggiunto una cifra di investimenti pari a 48 mila miliardi di dollari, con ciò superando il valore del Pil mondiale. Gli investitori istituzionali di diversa grandezza sono rappresentati da un numero che oscilla tra le e le unità, ma i fondi pensione a dimensione mondiale son solo 20 divisi tra S:U: e Giappone. Tali istituti svolgono azione legittima e perseguono la difesa e lo sviluppo dei risparmi dei loro associati, ma sono proprietari o incidono in modo preponderante sulla metà delle aziende mondiali, rispondendo solo ad una decina di responsabili: forse, conclude Gallino, è giunto il momento di ragionare sull immenso potere che detengono questi responsabili le cui decisioni, al di là delle migliori intenzioni, possono portare ad eventi imprevisti e dannosi. La redazione. Torino, 6 Novembre 2006.

3 N 21 la Via del Mosaico Pag 3 di 6 Botte & risposte Abbiamo ricevuto il commento dell amico Dr. Prencipe che volentieri pubblichiamo in quanto offre una testimonianza diretta rispetto ai problemi di un settore della nostra università ed anche perché offre uno stimolo al dibattito interno all associazione, sempre opportuno ma quanto mai utile nel momento in cui ci avviamo a realizzare il sito del Mosaicoweb. La questione Università Commento all intervento dell on Tabacci durante il convegno di Saint Vincent riportato a pag. 6 de "La via del Mosaico N 20. In primo luogo, un politico che parli di "facoltà di matematica" ("[...] alla facoltà di matematica per cui [...]") non deve aver ben chiaro quale sia l'ordinamento universitario italiano: la facoltà di matematica non esiste! Esiste (o esistono) uno o più corsi di laurea in matematica all'interno della facolta di Scienze Matematiche Fisiche Naturali (mfn). Il numero " " si riferisce probabilmente al numero totale di iscritti alla suddetta facoltà, suddivisi nei vari corsi di laurea: matematica, informatica, chimica, chimica industriale, fisica, scienza dei materiali, scienze della terra, scienze naturali, biologia, scienze e tecnologia dei beni culturali; questi sono i corsi di laurea "triennali" attivati a Scienze mfn, a Torino; poi esistono più di 25 lauree "magistrali" (biennio successivo alla triennale) che fanno capo alla stessa facoltà; il numero e il tipo di corsi attivati non è comunque necessariamente lo stesso in tutti gli atenei italiani. Ancora, poichè la facoltà di scienze esiste solo all'interno dell'università e non al politecnico, intendo che la cifra si riferisca alla sola università; tuttavia nell'articolo citato si continua con "... per cui dovremo poi importare ingegneri, matematici dalla Cina e dall'india...", però il numero di studenti di ingegneria (quindi "politecnico") non dovrebbe essere incluso in quei Quanto sopra potrebbe sembrare una mia "pignoleria"! Ebbene, lo ammetto, sono pignolo, pedante, noioso! Però a me sembra che la confusione tra "corso di laurea" e "facoltà" (o addirittura tra "università" e "politecnico": un chimico non è un "ingegnere chimico", e/o viceversa) sia indicativa di una non conoscenza generalizzata della struttura universitaria e della sua funzione; ma allora mi chiedo quale sia il valore da assegnare a tutte le altre affermazioni, in merito all'università, del politico in questione. Per parlare (con autorevolezza) di un certo argomento, non bisognerebbe conoscerlo a fondo? Ci si lamenta del basso numero di iscritti a scienze mfn; in effetti sono pochi, visti tutti i corsi di laurea che la facoltà comprende, rapportati ai di scienze della comunicazione (che non ha nulla che vedere con scienze mfn, se non la parola "scienze", e che è un corso di laurea attivato presso la facoltà di lettere e filosofia, almeno a Torino; quindi si stanno confrontando gli iscritti a tutta una facoltà, quella di scienze mfn, con quelli di un corso di laurea). E' da dire che molti dei laureati, anche a pieni voti, che escono dalla facoltà di scienze mfn, non trovano poi lavoro nei settori di loro competenza, ma vanno a fare altro (ove magari non serve neppure avere una laurea) o sono costretti a "emigrare" all'estero (la famosa "fuga dei cervelli" di cui tanto si parla). A che servirebbe dunque incrementare il numero di laureati in scienze, se il mercato del lavoro italiano non è assolutamente in grado di assorbire i laureati di oggi? Inutile dire che attualmente nessun ingegnere, matematico, chimico o fisico cinese si è visto da queste parti o, almeno, non nella "veste" di ingegnere, matematico, chimico o fisico... magari ti può capitare di incontrare un matematico rumeno che fa il raccoglitore di pomodori a Salerno! Certamente, considerate le difficoltà oggettive che si incontrano nell'affrontare studi scientifici, non stupisce che tutti coloro che intendano laurearsi tanto per avere il classico "pezzo di carta" in tasca, scelgano corsi di laurea meno impegnativi, dal momento che

4 N 21 la Via del Mosaico Pag 4 di 6 una laurea scientifica non garantisce un posto di lavoro più di qualunque altro corso di studi. Il problema non sta tanto nell'università, quanto nell'industria italiana che è estremamente arretrata rispetto a quella di molti altri Paesi: in Italia non c'è dialogo tra ricerca universitaria e industria perché quest'ultima preferisce puntare su prodotti di bassissimo valore aggiunto, che non richiedono alcuno sforzo o investimento economico "rischioso" (si sa, la ricerca può non dare risultati "immediati"). Dovesse l'industria decidere (da sola o spinta da una politica mirata) di investire sulla ricerca, aumenterebbe inevitabilmente la richiesta di laureati in discipline scientifiche, e avremmo forse così meno psicologi a spasso e più fisici al lavoro, con un incremento della capacità produttiva ad alto valore aggiunto, anche in termini di brevetti da vendere all'estero (e non solo da comprare...). Ma per ora così non è e, ribadisco, questo non è certo un problema dovuto all'attuale basso numero di iscritti alle facoltà scientifiche. Su questo punto, infine, è ancora da notare che la riduzione delle iscrizioni alle facoltà scientifiche non si registra solo in Italia, ma si ha in quasi tutti i Paesi occidentali (al contrario di quello che capita in Oriente). Tabacci lamenta la licealizzazione dell'università, l'incremento del numero di atenei e (in ciascuno di questi) del numero di cattedre e dei professori, che "si inventano gli insegnamenti più strani". In questo c'è qualche verità e qualche palese falsità ("palese" a chi conosce il mondo universitario...): 1) La licealizzazione non è certo colpa dell'università ma delle riforme che nel corso degli anni ci sono state imposte senza nemmeno consultarci e prendere in considerazione le proteste che venivano da gran parte del corpo docente (soprattutto quello scientifico). Mi riferisco alla riforma che ha introdotto le lauree triennali, quelle magistrali e il sistema dei "crediti". Ancora, la licealizzazione è pure conseguenza del trend ormai consolidato nella scuola primaria e secondaria, per cui i ragazzi studiano poco, anzi nulla, e si diplomano comunque; tutto questo con il benestare dei vari Ministeri (di oggi e di "allora"), dei Provveditori, dei Presidi e di una parte del corpo insegnante che, oltremodo influenzato da certa "psicologia", ritiene mutato il ruolo della scuola: a scuola non si va per imparare a leggere, a scrivere; non si va per imparare la grammatica, il latino, la storia, la matematica o la fisica; non si va neppure per imparare a "ragionare"... a scuola si va per imparare a stare insieme, per imparare a relazionarsi con gli altri... (cose da me effettivamente sentite o lette, dette o scritte da numerosi insegnanti sia delle scuole medie, sia delle superiori; eppoi basta farsi un giro su Internet, per esempio sul "newsgroup" it.istruzione.scuola per rendersi conto della situazione). Tutto bene! Peccato che poi una frazione considerevole dei futuri universitari non sappiano proprio nulla di chimica, fisica, matematica e non sappiano fare un ragionamento che vada al di là di "piove, quindi prendo l'ombrello perchè altrimenti mi bagno" (che è la cosa più grave, il "non saper ragionare", intendo, non "il bagnarsi"!) e siano più adatti a corsi di laurea infarciti di "chiacchiere", piuttosto che a quelli nei quali logica, pensiero formale e matematica siano strumenti fondamentali di studio e di lavoro. In una situazione simile, se si vuole evitare una ulteriore riduzione del numero di iscritti a scienze mfn (anche se secondo me non sarebbe poi un gran danno: meglio pochi ma buoni), si deve ridurre il "tiro" dei corsi e mettere in atto quelle misure che portano inevitabilmente alla licealizzazione. 2) L'incremento degli atenei è una realtà che andrebbe fortemente contrastata (qui Tabacci ha ragione). Ma in questo caso, insieme all'università c'entrano Stato, Regioni e Province (come organi di governo) che finanziano operazioni del genere, fatte non per il "bene" degli studenti, ma per il bene di qualcun altro... 3) Il numero di cattedre non prolifera affatto! Prolifera invece il numero di insegnamenti, ma quest'ultimo non coincide col numero di cattedre. La creditizzazione e il nuovo ordinamento didattico hanno imposto lo "spezzettamento" dei vecchi corsi annuali o semestrali in una pletora di piccoli corsi mensili o, al più, bimestrali. Se prima un corso di laurea prevedeva 20 esami, oggi lo stesso ne prevede 50! E' aumentato a dismisura il numero di corsi, ma i docenti (e le ore di

5 N 21 la Via del Mosaico Pag 5 di 6 lezione complessive che fanno) sono sempre gli stessi. Per esempio, io ho 5 corsi (cristallografia a matematica, cristallo-chimica a scienze geologiche e 3 corsi di microscopia elettronica a scienza dei materiali) e non ho evidentemente 5 cattedre... Ancora, è da aggiungere che lo stipendio di un docente universitario non è funzione del numero di corsi che tiene: lo stipendio è fisso e, molto spesso, parte dell'attività didattica sarebbe classificabile come "volontariato" visto che il numero di ore di lezione "frontale" (oggi si chiama così) supera di gran lunga quello imposto per legge (nel mio caso faccio più del doppio del numero di ore che sarei tenuto a fare). Il mio caso, a scienze mfn, è la norma e non l'eccezione; ma questo, Tabacci forse non lo sa! Mauro Prencipe Torino, 22. Novembre Dalla prima pagina un aggettivazione stia a significare una condizione in cui le più diverse scelte diventano possibili rispetto ai vincoli che via via dovrebbero denotare l unicità di singole decisioni politiche. Indubbiamente l indeterminatezza del termine moderati deriva certamente dalla deideologizzazione del panorama politico italiano, dalle proliferazione pseudo partitica favorita dalla legge elettorale e dall abnorme finanziamento pubblico di partiti e parlamentari che, solamente per il fatto di far parte dei gruppi misti, ricevono emolumenti in grado di finanziare gruppi locali al solo fine della propria rielezione. In buona sostanza il termine di partito moderato non rappresenterebbe altro che uno specchietto delle allodole per eleggere personaggi che, liberi da impegni qualsivoglia di concretezza ed appartenenza politica, perseguono il solo interesse personale. Dunque se il termine moderato di per sé non indica una politica da seguire, è pur vero che a suo tempo sia la quercia per il Pds che l ulivo di Prodi sono stati i primi esempi di annacquamento di identità originarie senza procedere a scelte che avrebbero potuto interpretare tali identità in termini aggiornati. I Ds avrebbero potuto da subito diventare la componente italiana del Partito Socialista Europeo e l Ulivo di Prodi avrebbe potuto essere la nuova aggregazione democratica caratterizzata da libertà e modernità: ciò non è stato ed il risultato è che oggi i due aggregati politici sono costretti a discutere sul futuribile di un partito democratico che non c è e se ci fosse non si saprebbe se gli scopi ultimi coinciderebbero con quelli dei partiti socialisti europei, se in Italia esprimerebbero le istanze dei Liberaldemocratici dei paesi nordici o ancora se assumerebbero una aggiornata valenza di mediazione fra ceti diversi. Ecco, non credo che gli specchietti per le allodole delle aggettivazioni riformiste, moderate o democratiche, possano costituire dei solidi e duraturi poli di attrazione su cui costruire delle nuove identità politiche credibili ed in grado di affrontare l attuale disgregazione politica ed istituzionale. Solo il riconoscere le origini profonde di ciascuna aggregazione ed il modo di porsi nei confronti dei problemi della società attuale di ciascuna proposta politica potrà ricostituire partiti ed identità in grado di superare l attuale situazione di stallo e permettere di stabilire nuove regole generali quali sono la legge elettorale e la riforma della seconda parte della costituzione. Infine poiché pare che gli attuali schieramenti politici non siano in grado di operare in questa direzione visto quel che hanno realizzato a partire dagli anni 1990, sarà nuovamente la società civile a dover dare una spinta perché ciò si avveri. Due fatti dovrebbero agevolare questo risveglio della società civile: lo scioglimento del correntone della sinistra Ds guidata da Mussi e Salvi, dovrebbe agevolare la rinascita di una identità di matrice socialista in grado di unificare la più parte del popolo della sinistra, mentre, per altro verso più generale, la proposta Guzzetti, spostando il premio di maggioranza dalle coalizioni al partito maggioritario, dovrebbe finalmente chiarire chi comanda chi e che cosa fare, impedendo l attuale indistinto coacervo trasformistico sia di centro-destra che di centro-sinistra. Giuliano Orlandi Torino, 10 Novembre 2006.

6 N 21 la Via del Mosaico Pag 6 di 6 Per seguire le idee e la cronaca delle attività dell associazione consultate il Sito Per difficoltà varie è pubblicato in forma del tutto provvisoria e molte pagine non sono completate : per evitare inutili perdite di tempo nella consultazione, inviateci la Vostra in modo che al suo completamento Vi si possa informare adeguatamente. Le nuove ragioni del Abbiamo 60 anni di "ragioni",.da verificare ed inverare nell'oggi! Contattaci e sostieni l iniziativa! Associazione culturale per il rispetto istituzionale, professionale ed ambientale L associazione il Mosaico è stata registrata il ed opera attraverso i suoi organi secondo quanto stabilito nel proprio statuto Il Mosaico - c/o Via Tonello 14 Torino

Giuditta ALESSANDRINI - UNIVERSITÀ ROMA TRE

Giuditta ALESSANDRINI - UNIVERSITÀ ROMA TRE Giuditta ALESSANDRINI - UNIVERSITÀ ROMA TRE Buongiorno a tutti. Il mio intervento potrebbe essere considerato un po una sorta di ritorno al futuro, perchè come diceva anche la Dott.ssa Alfonsi l esperienza

Dettagli

La carriera universitaria e l inserimento nel mondo del lavoro dei laureati in Ingegneria dei Materiali

La carriera universitaria e l inserimento nel mondo del lavoro dei laureati in Ingegneria dei Materiali La carriera universitaria e l inserimento nel mondo del lavoro dei laureati in Ingegneria dei Materiali Studenti che hanno conseguito la laurea specialistica nell anno solare 2009 Questa indagine statistica

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010

INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010 INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010 Caro Signor Presidente della Repubblica, Dott. Giorgio Napolitano, Cari ospiti stranieri e relatori,

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui?

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui? A PROPOSITO DI COACHING Giovanna Combatti intervista Giacomo Mosca Abbiamo chiesto a Giacomo Mosca, Formatore e Coach, Counsellor in Analisi Transazionale associato al CNCP (Coordinamento Nazionale Counsellor

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

Symposium of ECCE and SW&S in Kooperation mit der Abteilung Sozialwesen der Autonomen Provinz Bozen - Südtirol

Symposium of ECCE and SW&S in Kooperation mit der Abteilung Sozialwesen der Autonomen Provinz Bozen - Südtirol Reframing des Sozialen Reframing dell Sociale Symposium of ECCE and SW&S in Kooperation mit der Abteilung Sozialwesen der Autonomen Provinz Bozen - Südtirol. Haus der Familie in Oberbozen/Soprabolzano:

Dettagli

Corporate Social Responsability

Corporate Social Responsability Corporate Social Responsability elemento strategico per il successo dell impresa Il significato La Corporate Social Responsability, in italiano Responsabilità Sociale delle Imprese, può essere definita

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

Matricole, fuori corso, laureati:

Matricole, fuori corso, laureati: Matricole, fuori corso, laureati: i numeri dell università Perché la riforma universitaria In Italia ci sono ancora pochi laureati. È quanto sentiamo ripetere spesso quando si discute del livello di istruzione

Dettagli

Premetto che pescherò a piene mani nel pensiero e nell opera di. due maestri ed amici. Mi scuso con loro perché non potranno

Premetto che pescherò a piene mani nel pensiero e nell opera di. due maestri ed amici. Mi scuso con loro perché non potranno Premetto che pescherò a piene mani nel pensiero e nell opera di due maestri ed amici. Mi scuso con loro perché non potranno reagire a ciò che dirò e non potranno dire se le mie riflessioni sono aderenti

Dettagli

4.6 La socialità e la nuova povertà urbana. 4.6.1 Povertà e modernizzazione

4.6 La socialità e la nuova povertà urbana. 4.6.1 Povertà e modernizzazione Lo sviluppo e il sottosviluppo 269 4.6 La socialità e la nuova povertà urbana Come dimostra la recente nascita di un pianeta di bidonville: i contadini espulsi dalle terre non possono venire assorbiti

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Economia Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 Corso di laurea magistrale in Economia e Commercio Corso di laurea magistrale in Economia

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

ORIENTAMENTO E AMMISSIONE ALL UNIVERSITÀ

ORIENTAMENTO E AMMISSIONE ALL UNIVERSITÀ YoUniversity Lab Roma 26 febbraio 15 Alberto Sironi (Alpha Test) ORIENTAMENTO E AMMISSIONE ALL UNIVERSITÀ 1. Accesso all università Dati aggiornati e proposte di miglioramento Il sistema di regolamentazione

Dettagli

1. acquisire piena consapevolezza dei propri bisogni finanziari prioritari e delle risorse (presenti e future) disponibili per raggiungerle;

1. acquisire piena consapevolezza dei propri bisogni finanziari prioritari e delle risorse (presenti e future) disponibili per raggiungerle; Adotta un metodo Come già detto precedentemente ancor prima di valutare la validità di un investimento si rende necessaria maturare la chiarezza degli intenti che ci prefiggiamo e la modalità da adottare

Dettagli

PARTE TERZA Le conoscenze preliminari e la loro verifica

PARTE TERZA Le conoscenze preliminari e la loro verifica INDICE 7 Introduzione PARTE PRIMA Che cos è la Fisica oggi 13 1. Ambito, scopo e obiettivi generali 15 2. Il metodo scientifico: teoria ed esperimento 21 3. Relazioni e differenze con la matematica e l

Dettagli

I percorsi formativi del Politecnico

I percorsi formativi del Politecnico I percorsi formativi del Politecnico I percorsi formativi del Politecnico Questa parte della Guida descrive l offerta formativa del Politecnico di Torino per l a.a. 2005-2006. L attivazione delle diverse

Dettagli

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della rilevazione... 3 2.1. Lo strumento di rilevazione:

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosof iche

Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosof iche Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosof iche Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche Preside della Facoltà di Filosofia: Prof. Roberto Mordacci PRESENTAZIONE La Laurea Magistrale in Scienze

Dettagli

Valutare e citare i documenti

Valutare e citare i documenti Valutare e citare i documenti di Stefania Fraschetta Corso di laurea Triennale in Comunicazione e Psicologia Prova finale - III modulo, 27 gennaio 2014 Sommario Cercare e valutare documenti in rete: La

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

Oggetto: risposta al comunicato stampa della campagna UDU denominata #CHIUSIFUORI.

Oggetto: risposta al comunicato stampa della campagna UDU denominata #CHIUSIFUORI. Agli Studenti Unione degli Universitari UDU Oggetto: risposta al comunicato stampa della campagna UDU denominata #CHIUSIFUORI. Gentili Studenti di UDU, come sapete, abbiamo iniziato già da qualche tempo

Dettagli

Cons 18-12 - 06 NUOVO REGOLAMENTO E.R.P.

Cons 18-12 - 06 NUOVO REGOLAMENTO E.R.P. Cons 18-12 - 06 NUOVO REGOLAMENTO E.R.P. Grazie Presidente. Parto dall'ultima considerazione che faceva il collega Monteventi con cui mi trovo assolutamente d'accordo, nel senso che credo anch'io che ci

Dettagli

ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015

ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015 ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015 100 E LODE VIGLIANI VALENTINA 5B 100/100 GATTUSO GIANLUCA 5 A PERRERO JESSICA 5 B CARIGNANO SILVIA 5 C 100/100 CIVIDINO DAVIDE 5C CIELO ANDREA 5 D RIZZA DAVIDE 5 D

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

La via cinese alle riforme neoliberiste

La via cinese alle riforme neoliberiste Wan Zhe La via cinese alle riforme neoliberiste 50 Aspenia 73 2016 La Cina sta aggiornando il proprio modello di sviluppo con l adattamento delle teorie economiche neoliberiste la supply side economics

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato

COMUNICATO STAMPA. Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato COMUNICATO STAMPA Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato Il Ministro Moratti: Professionisti più qualificati a tutela degli interessi dei cittadini Il Consiglio dei

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Università degli Studi di SIENA

Università degli Studi di SIENA Page 1 of 6 Università degli Studi di SIENA Relazione del NdV Indicazioni e raccomandazioni home Appendice degli Allegati 4. Descrizione e valutazione delle modalità e dei risultati della rilevazione dell'opinione

Dettagli

La valutazione degli insegnanti

La valutazione degli insegnanti La valutazione degli insegnanti Incipit Le considerazioni di questo breve testo in parte nascono da quanto letto in un articolo del Corriere della sera dell'11 giugno del 2008; un'intervista nella quale

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

La riforma delle università britanniche

La riforma delle università britanniche La riforma delle di Charles Clarke Politico laburista inglese, già ministro e segretario di Stato all educazione All inizio del 2003, il governo laburista britannico si è assunto il compito arduo, e politicamente

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

Master di primo livello biennale in Bioetica e Etica applicata Anno accademico 2010/2011 e 2011/2012

Master di primo livello biennale in Bioetica e Etica applicata Anno accademico 2010/2011 e 2011/2012 Master di primo livello biennale in Bioetica e Etica applicata Anno accademico 2010/2011 e 2011/2012 Presentazione Struttura del master Calendario Docenti Iscrizioni Modulo d iscrizione Brochure Presentazione

Dettagli

LA RICERCA NON È UN BREVETTO

LA RICERCA NON È UN BREVETTO LA RICERCA NON È UN BREVETTO Si possono immaginare diversi scenari per il futuro della ricerca in Italia. Tutto dipenderà dalle regole che ci si vorrà dare, nel quadro di un rapporto tra politici e ricercatori

Dettagli

SSAS Scuola superiore di studi avanzati

SSAS Scuola superiore di studi avanzati SSAS Scuola superiore di studi avanzati a.a. 2015/2016 1 Scuola Superiore di Studi Avanzati Ogni Allievo è seguito sia da un tutor che da un relatore specializzato per l approfondimento di un progetto

Dettagli

LE SCELTE E GLI ESITI IN RELAZIONE AL GENERE NEI DIVERSI CORSI DI STUDI DELL UNIVERSITA DI FOGGIA. Lucia Maddalena e Sara Debora Spadaccino

LE SCELTE E GLI ESITI IN RELAZIONE AL GENERE NEI DIVERSI CORSI DI STUDI DELL UNIVERSITA DI FOGGIA. Lucia Maddalena e Sara Debora Spadaccino Dipartimento di Scienze Economiche, Matematiche e Statistiche Università degli Studi di Foggia LE SCELTE E GLI ESITI IN RELAZIONE AL GENERE NEI DIVERSI CORSI DI STUDI DELL UNIVERSITA DI FOGGIA Lucia Maddalena

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (Aprile 2013)

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (Aprile 2013) Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università Diplomati Anno Scolastico 2011/2012 Immatricolati Anno Accademico 2012/2013 (Aprile 2013) La presente pubblicazione fa riferimento

Dettagli

DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI

DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI ASSEMBLEA PRESIDENTI DEL 7 SETTEMBRE 2010 CONGRESSO NAZIONALE DEGLI ORDINI PROVINCIALI A TORINO GLI INGEGNERI IN ITALIA L evoluzione dell ingegneria negli ultimi decenni,

Dettagli

Report della Consultazione

Report della Consultazione AFAM Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica Graduatorie nazionali per il conferimento degli incarichi a tempo determinato Report della Consultazione Ecco la bozza del bando, aiutaci a migliorarla

Dettagli

Introduzione all analisi per flussi

Introduzione all analisi per flussi C 1 a p i t o l o Introduzione all analisi per flussi 1 I flussi finanziari L obiettivo di questo libro è illustrare una diversa visione d impresa: non più quella statica legata alla contabilità e all

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO Università degli studi di Padova Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I Finalità e Ordinamento didattico Art. 1 Premesse e Finalità

Dettagli

PER UN NUOVO UMANESIMO DELLA SCIENZA

PER UN NUOVO UMANESIMO DELLA SCIENZA Intervento di: FRANCO PASQUALI Coordinatore Retinopera PER UN NUOVO UMANESIMO DELLA SCIENZA Accolgo volentieri la sollecitazione di Mario Capanna a riflettere sul rapporto tra scienza, scientismo e democrazia,

Dettagli

Attività di Orientamento in ingresso Anno Accademico 2006/07

Attività di Orientamento in ingresso Anno Accademico 2006/07 Attività di Orientamento in ingresso Anno Accademico 2006/07 1 - Interventi per favorire la Continuità Didattica Obiettivo dell iniziativa è quello di facilitare il dialogo tra i due macro-sistemi Scuola

Dettagli

Traccia per Focus Group

Traccia per Focus Group Traccia per Focus Group Introduzione per i docenti Gentili docenti, un ringraziamento anticipato, e non di circostanza, per la vostra collaborazione all'attività di approfondimento della sperimentazione.

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

SUL VALORE LEGALE DEI TITOLI DI STUDIO.

SUL VALORE LEGALE DEI TITOLI DI STUDIO. SUL VALORE LEGALE DEI TITOLI DI STUDIO. Paolo Gianni, Università di Pisa Chi fosse interessato ad un quadro chiaro ed esaustivo di cosa significhi valore legale di un titolo di studio, e della evoluzione

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Direzione e uffici: Via Mazenta, 51 20013 Magenta (Mi) codice fiscale n. 93035720155 e-mail: miis09100v@istruzione.it Posta Elettronica Certificata miis09100v@pec.istruzione.it

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE LICEO SCIENTIFICO DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la

Dettagli

L identità di una università non statale

L identità di una università non statale L identità di una università non statale Rettore dell Università LUMSA (Libera Università Maria Ss. Assunta) di Roma di Giuseppe Della Torre Nell ultimo decennio il numero delle università non statali

Dettagli

Proposta per l abolizione della tesi di laurea triennale nelle facoltà umanistiche

Proposta per l abolizione della tesi di laurea triennale nelle facoltà umanistiche Proposta per l abolizione della tesi di laurea triennale nelle facoltà umanistiche [2009] Gli studenti sono sempre più ignoranti. Avete notato come sono diventati ignoranti gli studenti? Sono proprio incredibilmente

Dettagli

Realizzare le attività di mobilitazione: conoscere i propri diritti {vademecum per la protesta}

Realizzare le attività di mobilitazione: conoscere i propri diritti {vademecum per la protesta} Realizzare le attività di mobilitazione: conoscere i propri diritti {vademecum per la protesta} La mobilitazione delle scuole di fronte alle provocatorie proposte del governo sull orario di lavoro dei

Dettagli

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie?

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? A cura dell I.I.S.S. di LERCARA FRIDDI A.S.2013-2014 Progetto P.O.F. UNA BUSSOLA PER ORIENTARSI! DOCENTE: Terrasi Francesca Nuovo impianto organizzativo

Dettagli

Intervento di Maria Chiara Carrozza Direttore della Scuola Superiore Sant'Anna

Intervento di Maria Chiara Carrozza Direttore della Scuola Superiore Sant'Anna CERIMONIA DI APERTURA DEI CORSI E DI CONSEGNA DEI DIPLOMI Anno Accademico 2010 / 2011 Intervento di Maria Chiara Carrozza Direttore della Scuola Superiore Sant'Anna Pisa, 4 dicembre 2010 1 Autorità, Rettori,

Dettagli

LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE

LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE Nota a cura del prof. Francesco Paoletti, Università di Milano - Bicocca Release 1.0, settembre 2005 Indice Introduzione 1. Le tipologie di tesi 2.

Dettagli

SCUOLA E UNIVERSITA TUTTE LE BUGIE DELLA SINISTRA

SCUOLA E UNIVERSITA TUTTE LE BUGIE DELLA SINISTRA SCUOLA E UNIVERSITA TUTTE LE BUGIE DELLA SINISTRA TEMPO PIENO Con l introduzione del maestro unico e l eliminazione delle compresenze si libereranno più maestri per aumentare il tempo pieno Con la media

Dettagli

Facoltà di Scienze MFN Manifesto degli Studi A.A. 2011/2012

Facoltà di Scienze MFN Manifesto degli Studi A.A. 2011/2012 Facoltà di Scienze MFN Manifesto degli Studi A.A. 2011/2012 Il presente Manifesto degli Studi è conforme a quanto deliberato dalla Facoltà di Scienze MFN nella seduta del Consiglio del 31 Maggio 2011.

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Giorgio Calcagnini Idee per la Facoltà di Economia dei prossimi anni.

Giorgio Calcagnini Idee per la Facoltà di Economia dei prossimi anni. Giorgio Calcagnini Idee per la Facoltà di Economia dei prossimi anni. Vorrei iniziare questo breve documento con il quale presento la mia candidatura alla Presidenza della Facoltà notando con una certa

Dettagli

UNA PROPOSTA DI SOLUZIONE DEL PROBLEMA DELLO STATO GIURIDICO DEI RICERCATORI

UNA PROPOSTA DI SOLUZIONE DEL PROBLEMA DELLO STATO GIURIDICO DEI RICERCATORI UNA PROPOSTA DI SOLUZIONE DEL PROBLEMA DELLO STATO GIURIDICO DEI RICERCATORI Premessa Il disegno di legge sull Università recentemente presentato dal Governo affronta nodi cruciali del funzionamento del

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I Finalità e Ordinamento didattico Art. 1 Premesse

Dettagli

Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione

Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione Heinrich Lintze - Brema Altes Gymnasium Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione 1 la struttura della pubblica istruzione in Germania e gli ultimi sviluppi 1.1 cultura

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

Fondazione per l Università a Brindisi

Fondazione per l Università a Brindisi Fondazione per l Università a Brindisi Una Fondazione gestita dagli Enti pubblici e privati del territorio brindisino per il coordinamento e la promozione dell offerta formativa universitaria che altre

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO

MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO Area economico - giuridica Disciplina: diritto - economia Gruppo: Pordenone Docente: Valeria Laura Valleriani Istituto: I.S.I.S. di Spilimbergo (PN) MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO Classe 3B IPSC (14

Dettagli

Laboratorio di Termodinamica

Laboratorio di Termodinamica Anno Accademico 2003-2004 Prof. Claudio Luci Laboratorio di Termodinamica http://www.roma1.infn.it/people/luci/corso_labotermo.html Introduzione al corso Richiami di termologia Termometri Calorimetria

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA CIVILE REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2009/2010

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA CIVILE REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2009/2010 CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA CIVILE REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2009/2010 Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile Presso la Facoltà di Ingegneria dell'università

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

Cos è la Scuola Galileiana

Cos è la Scuola Galileiana Cos è la Scuola Galileiana Cos è la Scuola Galileiana Cinque anni di eccellenza È la Scuola d eccellenza dell Università di Padova. Un opportunità in più da cogliere per chi si iscrive per la prima volta

Dettagli

Istituto Superiore di Scienze Religiose Sassari

Istituto Superiore di Scienze Religiose Sassari P O N T I F I C I A F A C O L T À T E O L O G I C A D E L L A S A R D E G N A Istituto Superiore di Scienze Religiose Sassari Largo Seminario, 5-07100 Sassari Tel. 079.2021840/845 Fax 079.2021841 email

Dettagli

PROFILO ORIENTATIVO DI ISTITUTO IIS R. Rossellini, COMUNE DI ROMA (RM)

PROFILO ORIENTATIVO DI ISTITUTO IIS R. Rossellini, COMUNE DI ROMA (RM) PROFILO ORIENTATIVO DI ISTITUTO IIS R. Rossellini, COMUNE DI ROMA (RM) Di seguito sono riportati i principali risultati emersi dalla compilazione del percorso AlmaOrièntati che ha coinvolto 97 studenti

Dettagli

Autopromozione Clinica sul Web

Autopromozione Clinica sul Web Autopromozione Clinica sul Web Corso on-line Free - Progetto Open-Psy www.humantrainer.com Il primo sito web che sponsorizza corsi free per Psicologi Professionisti Lezione N 1 Dicembre 2002 Programma

Dettagli

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto 2014 sulla

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE INTERNAZIONALE (LM37)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE INTERNAZIONALE (LM37) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE INTERNAZIONALE (LM37) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento, in conformità con i principi e le disposizioni

Dettagli

corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M. 270/04)

corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M. 270/04) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE Regolamento didattico di corso di studio (laurea di II livello) corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M.

Dettagli

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI LA SCUOLA La Scuola di specializzazione per le professioni legali nasce nel 2001 su iniziativa dell Università degli Studi di Pavia e dell Università

Dettagli

Relazione di: Mauro Conficoni Presidente Cooperativa Atlantide Titolo dell intervento: Turismo ambientale e opportunità professionali.

Relazione di: Mauro Conficoni Presidente Cooperativa Atlantide Titolo dell intervento: Turismo ambientale e opportunità professionali. Relazione di: Mauro Conficoni Presidente Cooperativa Atlantide Titolo dell intervento: Turismo ambientale e opportunità professionali. TURISMO AMBIENTALE E NUOVE OPPORTUNITA PROFESSIONALI Che il mercato

Dettagli

SCRIVERE UNA (BUONA) TESINA PER L ESAME DI STATO

SCRIVERE UNA (BUONA) TESINA PER L ESAME DI STATO SCRIVERE UNA (BUONA) TESINA PER L ESAME DI STATO di Aurelio Alaimo I. I. S. Caduti della Direttissima - Castiglione dei Pepoli (Bologna) aurelio.alaimo@iperbole.bologna.it (critiche, osservazioni e commenti

Dettagli

I diplomati e lo studio Anno 2007

I diplomati e lo studio Anno 2007 12 novembre 2009 I diplomati e lo studio Anno 2007 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. + 39 06 4673 2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673 3106 Informazioni e chiarimenti

Dettagli

Formazione tecnico-scientifica e lavoro: l'esperienza dei giovani Il punto di vista di 1460 giovani tra i 15 e i 29 anni

Formazione tecnico-scientifica e lavoro: l'esperienza dei giovani Il punto di vista di 1460 giovani tra i 15 e i 29 anni Formazione tecnico-scientifica e lavoro: l'esperienza dei giovani Il punto di vista di 1460 giovani tra i 15 e i 29 anni Obiettivo Indagare il ruolo e l importanza della formazione tecnico-scientifica

Dettagli

TRE STRADE PER CAMBIARE. La professione e il welfare

TRE STRADE PER CAMBIARE. La professione e il welfare 2014 26 SETTEMBRE > TORINO 03 OTTOBRE > VENEZIA-MESTRE 04 OTTOBRE > AREZZO 09 OTTOBRE > RAGUSA 15 OTTOBRE > NUORO 24 OTTOBRE > LAMEZIA TERME TRE STRADE PER CAMBIARE. La professione e il welfare CNPI Consiglio

Dettagli

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA A cura del 1 LA MATEMATICA: perché studiarla??? La matematica non è una disciplina fine a se stessa poichè fornisce strumenti importanti e utili in molti settori della

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorale. Tutti

Dettagli

LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA

LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA L. Mongiovì Università di Trento Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale Via Mesiano 77, 38050 Trento, Italia Sommario. Si fanno preliminarmente alcune

Dettagli

Sentito per le vie brevi MIUR e CUN, per questa tipologia di classi sembrerebbe non applicarsi

Sentito per le vie brevi MIUR e CUN, per questa tipologia di classi sembrerebbe non applicarsi Documento contenente le linee guida per l attivazione dei Corsi di studio delle professioni sanitarie (DM 8 gennaio 2009 e DI 19 febbraio 2009) a partire dall offerta formativa dell a.a. 2011-2012 In attesa

Dettagli

Nota per intervento - Convegno ANP Manifesto per la scuola & Codice deontologico per dirigenti e docenti

Nota per intervento - Convegno ANP Manifesto per la scuola & Codice deontologico per dirigenti e docenti Nota per intervento - Convegno ANP Manifesto per la scuola & Codice deontologico per dirigenti e docenti Il manifesto per la scuola che oggi presentate ha un grande valore per la scuola tutta. Richiama

Dettagli