la Via del Mosaico Gli specchietti delle allodole

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "la Via del Mosaico Gli specchietti delle allodole"

Transcript

1 la Via del Mosaico NEWSLETTER DELL ASSOCIAZIONE PER IL RISPETTO ISTITUZIONALE PROFESSIONALE ED AMBIENTALE Anno III, Numero 21 Torino, 30 Novembre 2006 pag. 1 di 6 Gli specchietti delle allodole Il nostro Muletto di redazione solitamente provoca o, meglio, mette in pista idee provocatorie per saggiarne l impatto nelle cerchia degli associati che spesso interagiscono con risposte altrettanto urticanti. Così è stato per l apertura della newsletter N 19 con Perché l Italia non ha bisogno di nuovo riformismo e qui, volendo essere equidistanti o volendo completare il punto di vista del nostro Muletto, prendiamo in considerazione l altra definizione che a nostro avviso fa da contraltare al riformismo del centrosinistra e che è data dai cosiddetti moderati del centro-destra. Poiché propriamente l attributo di moderato attiene alla qualità di un attore o del modo con cui si compie un azione, a noi pare che definire un identità politica mediante una modalità derivata da Segue in ultima Sommario 1. Gli specchietti delle allodole. Recensione Libri 2. Luciano Gallino, L impresa irresponsabile Einaudi Botte e Risposte 4 Prencipe versus Tabacci. Recensione libri 6 Novembre Luciano Gallino L impresa irresponsabile Einaudi Editore. Dibattito a cura dell Accademia delle Scienze di Torino. Dopo l introduzione del Professor Angelo Raffaele Meo, neo presidente dell Accademia, il Prof. Gastone Cottino, intervenendo dal punto di vista giuridico, rileva come con la globalizzazione e la conseguente delocalizzazione delle aziende ci sia stato un cambiamento radicale non solo per i modi di finanziamento, ma nella stessa filantropia aziendale che in tempi passati garantiva una qualche legittimazione aziendale atta a migliorare la sua capacità concorrenziale. In questo campo occorre considerare che sin dai tempi di Bismark e Beveridge le imprese furono piegate alla necessità di contribuire alle assicurazioni sociali dei propri dipendenti. E tutto ciò pur avendo in dottrina molti autori, a partire da Buchanam, che erano e sono contrari ad affidare questi pesi sociali alle imprese e dichiarano che è immorale fare filantropia in quanto il compito delle aziende è solo quello di massimizzare i profitti al fine dello stesso benessere collettivo. Secondo Cottino, pur dicendosi molto scettico sull effettiva possibilità di realizzazione, rileva che Gallino cerca di superare questi ed altri barrage proponendo che per via legislativa si imponga che gli statuti aziendali siano del tutto trasparenti nei riguardi del mercato finanziario e di quanto le aziende si prefiggono di produrre, compresi i dati riguardanti l inquinamento e non rispondenti agli standard di una buona qualità ambientale. Il Prof. Cottino conclude segnalando come l autore nel suo libro offra un quadro completo di ciò che sono o dovrebbero essere le maggiori imprese mondiali.

2 N 21 la Via del Mosaico Pag 2 di 6 A questo intervento segue una puntuale disanima economica condotta con grande dovizia di dati e citazioni dal Prof. Giovanni Zanetti. Zanetti afferma che Gallino esamina i rapporti dell impresa con i suoi attori e con quelli che possono essere colpiti e danneggiati dalla sua attività, individuandone la radice nel dato strutturale del capitalismo che, come tale, si ritiene irresponsabile delle conseguenze rispetto al futuro. Gallino propone delle linee correttive rispetto a ciò che è accaduto negli anni 60 e 70 in cui ad una minore redditività delle imprese è corrisposto un maggior valore delle imprese stesse. Secondo Gallino ciò si è verificato in quanto il valore delle imprese è stato determinato più da pratiche illecite che non dall assunto che quel valore dovrebbe essere dato dalla produzione di reddito. Ciò è stato possibile in quanto:- In un decennio si è ampliato enormemente il potere manageriale rispetto a quello proprietario, accentuato dal fatto che le produzioni complesse hanno favorito il take over con le diversificazioni e l ampliamento della ricerca. La finanziarizzazione in sostituzione del processo di produzione propria dell impresa, porta ad avere investitori diversi, compresi quelli istituzionali. Tutto ciò determina delle forme di responsabilità estesa che portano alle delocalizzazioni ed a precarizzazioni varie. Se Gallino è forse pessimista rispetto alle imprese italiane, è certo però che vi può essere un uso perverso di tale meccanismo senza peraltro arrivare al complesso di NO che la società civile italiana pare mettere in atto rispetto ad ogni innovazione, si tratti di Tav o di altro aspetto di modernizzazione. Si tratta di un libro denso e duro che susciterà polemiche, afferma il Prof. Arnaldo Bagnasco evidenziando come la sociologia permetta di esaminare come gli attori dell economia aziendale, come i proprietari, i manager, il capitale azionario e manageriale, nelle aziende odierne si sia combinato in modi diversi con gli investitori istituzionali come i fondi d investimento, fondi pensione e banche d affari. Di fronte a questo cambiamento di regime non è possibile fare delle analisi secondo le categorie residue dele aziende rette dal capitale familiare o poco più, mentre invece occorre pensare che il capitalismo del cosiddetto postfordismo è sregolato e dunque occorre regolarlo. Esemplare come in questo processo le classi medie siano sacrificate e, seguendo l analisi di Krugman, se il sistema del welfare si è inceppato, occorrerà giungere ad una nuova specie di contratto sociale. A questi stimoli del dibattito il Prof. Gallino risponde spiegando come il suo libro prenda origine dagli scandali finanziari ed industriali che tra il 2000 ed il 2003 negli Stati Uniti sono arrivati alla somma di circa 160 casi che, di colpo, hanno rivelato debiti astronomici con il quasi fallimento di alcune imprese di dimensioni mondiali. Le magistrature hanno messo in chiaro come si sia trattato di comportamenti fraudolenti di manager ed analisti e di tutto ciò si è cercata una spiegazione in relazione al fatto che ciò possa ripetersi. Rispetto allo scetticismo del Prof. Cottino circa l efficacia di rimedi giuridici, Gallino conferma che la governance aziendale non collima con la responsabilità sociale dell impresa e, pur non essendoci industria che non abbia un codice etico, pare che i due aspetti non tendano ad un avvicinamento. Eppure negli S.U., visto che i cani da guardia delle società di revisione non avevano segnalato quanto di improprio stava avvenendo, sono state previste procedure di controllo più severe per analisti e Merchant Banks, così come in Francia si è adottato un codice etico che prevede il carcere come previsto per chi usa fare false dichiarazioni dei redditi. Per quanto riguarda il pessimismo citato da Zanetti, Gallino rileva come negli ultimi quarant anni e con una crescita continua, gli investitori istituzionali abbiano raggiunto una cifra di investimenti pari a 48 mila miliardi di dollari, con ciò superando il valore del Pil mondiale. Gli investitori istituzionali di diversa grandezza sono rappresentati da un numero che oscilla tra le e le unità, ma i fondi pensione a dimensione mondiale son solo 20 divisi tra S:U: e Giappone. Tali istituti svolgono azione legittima e perseguono la difesa e lo sviluppo dei risparmi dei loro associati, ma sono proprietari o incidono in modo preponderante sulla metà delle aziende mondiali, rispondendo solo ad una decina di responsabili: forse, conclude Gallino, è giunto il momento di ragionare sull immenso potere che detengono questi responsabili le cui decisioni, al di là delle migliori intenzioni, possono portare ad eventi imprevisti e dannosi. La redazione. Torino, 6 Novembre 2006.

3 N 21 la Via del Mosaico Pag 3 di 6 Botte & risposte Abbiamo ricevuto il commento dell amico Dr. Prencipe che volentieri pubblichiamo in quanto offre una testimonianza diretta rispetto ai problemi di un settore della nostra università ed anche perché offre uno stimolo al dibattito interno all associazione, sempre opportuno ma quanto mai utile nel momento in cui ci avviamo a realizzare il sito del Mosaicoweb. La questione Università Commento all intervento dell on Tabacci durante il convegno di Saint Vincent riportato a pag. 6 de "La via del Mosaico N 20. In primo luogo, un politico che parli di "facoltà di matematica" ("[...] alla facoltà di matematica per cui [...]") non deve aver ben chiaro quale sia l'ordinamento universitario italiano: la facoltà di matematica non esiste! Esiste (o esistono) uno o più corsi di laurea in matematica all'interno della facolta di Scienze Matematiche Fisiche Naturali (mfn). Il numero " " si riferisce probabilmente al numero totale di iscritti alla suddetta facoltà, suddivisi nei vari corsi di laurea: matematica, informatica, chimica, chimica industriale, fisica, scienza dei materiali, scienze della terra, scienze naturali, biologia, scienze e tecnologia dei beni culturali; questi sono i corsi di laurea "triennali" attivati a Scienze mfn, a Torino; poi esistono più di 25 lauree "magistrali" (biennio successivo alla triennale) che fanno capo alla stessa facoltà; il numero e il tipo di corsi attivati non è comunque necessariamente lo stesso in tutti gli atenei italiani. Ancora, poichè la facoltà di scienze esiste solo all'interno dell'università e non al politecnico, intendo che la cifra si riferisca alla sola università; tuttavia nell'articolo citato si continua con "... per cui dovremo poi importare ingegneri, matematici dalla Cina e dall'india...", però il numero di studenti di ingegneria (quindi "politecnico") non dovrebbe essere incluso in quei Quanto sopra potrebbe sembrare una mia "pignoleria"! Ebbene, lo ammetto, sono pignolo, pedante, noioso! Però a me sembra che la confusione tra "corso di laurea" e "facoltà" (o addirittura tra "università" e "politecnico": un chimico non è un "ingegnere chimico", e/o viceversa) sia indicativa di una non conoscenza generalizzata della struttura universitaria e della sua funzione; ma allora mi chiedo quale sia il valore da assegnare a tutte le altre affermazioni, in merito all'università, del politico in questione. Per parlare (con autorevolezza) di un certo argomento, non bisognerebbe conoscerlo a fondo? Ci si lamenta del basso numero di iscritti a scienze mfn; in effetti sono pochi, visti tutti i corsi di laurea che la facoltà comprende, rapportati ai di scienze della comunicazione (che non ha nulla che vedere con scienze mfn, se non la parola "scienze", e che è un corso di laurea attivato presso la facoltà di lettere e filosofia, almeno a Torino; quindi si stanno confrontando gli iscritti a tutta una facoltà, quella di scienze mfn, con quelli di un corso di laurea). E' da dire che molti dei laureati, anche a pieni voti, che escono dalla facoltà di scienze mfn, non trovano poi lavoro nei settori di loro competenza, ma vanno a fare altro (ove magari non serve neppure avere una laurea) o sono costretti a "emigrare" all'estero (la famosa "fuga dei cervelli" di cui tanto si parla). A che servirebbe dunque incrementare il numero di laureati in scienze, se il mercato del lavoro italiano non è assolutamente in grado di assorbire i laureati di oggi? Inutile dire che attualmente nessun ingegnere, matematico, chimico o fisico cinese si è visto da queste parti o, almeno, non nella "veste" di ingegnere, matematico, chimico o fisico... magari ti può capitare di incontrare un matematico rumeno che fa il raccoglitore di pomodori a Salerno! Certamente, considerate le difficoltà oggettive che si incontrano nell'affrontare studi scientifici, non stupisce che tutti coloro che intendano laurearsi tanto per avere il classico "pezzo di carta" in tasca, scelgano corsi di laurea meno impegnativi, dal momento che

4 N 21 la Via del Mosaico Pag 4 di 6 una laurea scientifica non garantisce un posto di lavoro più di qualunque altro corso di studi. Il problema non sta tanto nell'università, quanto nell'industria italiana che è estremamente arretrata rispetto a quella di molti altri Paesi: in Italia non c'è dialogo tra ricerca universitaria e industria perché quest'ultima preferisce puntare su prodotti di bassissimo valore aggiunto, che non richiedono alcuno sforzo o investimento economico "rischioso" (si sa, la ricerca può non dare risultati "immediati"). Dovesse l'industria decidere (da sola o spinta da una politica mirata) di investire sulla ricerca, aumenterebbe inevitabilmente la richiesta di laureati in discipline scientifiche, e avremmo forse così meno psicologi a spasso e più fisici al lavoro, con un incremento della capacità produttiva ad alto valore aggiunto, anche in termini di brevetti da vendere all'estero (e non solo da comprare...). Ma per ora così non è e, ribadisco, questo non è certo un problema dovuto all'attuale basso numero di iscritti alle facoltà scientifiche. Su questo punto, infine, è ancora da notare che la riduzione delle iscrizioni alle facoltà scientifiche non si registra solo in Italia, ma si ha in quasi tutti i Paesi occidentali (al contrario di quello che capita in Oriente). Tabacci lamenta la licealizzazione dell'università, l'incremento del numero di atenei e (in ciascuno di questi) del numero di cattedre e dei professori, che "si inventano gli insegnamenti più strani". In questo c'è qualche verità e qualche palese falsità ("palese" a chi conosce il mondo universitario...): 1) La licealizzazione non è certo colpa dell'università ma delle riforme che nel corso degli anni ci sono state imposte senza nemmeno consultarci e prendere in considerazione le proteste che venivano da gran parte del corpo docente (soprattutto quello scientifico). Mi riferisco alla riforma che ha introdotto le lauree triennali, quelle magistrali e il sistema dei "crediti". Ancora, la licealizzazione è pure conseguenza del trend ormai consolidato nella scuola primaria e secondaria, per cui i ragazzi studiano poco, anzi nulla, e si diplomano comunque; tutto questo con il benestare dei vari Ministeri (di oggi e di "allora"), dei Provveditori, dei Presidi e di una parte del corpo insegnante che, oltremodo influenzato da certa "psicologia", ritiene mutato il ruolo della scuola: a scuola non si va per imparare a leggere, a scrivere; non si va per imparare la grammatica, il latino, la storia, la matematica o la fisica; non si va neppure per imparare a "ragionare"... a scuola si va per imparare a stare insieme, per imparare a relazionarsi con gli altri... (cose da me effettivamente sentite o lette, dette o scritte da numerosi insegnanti sia delle scuole medie, sia delle superiori; eppoi basta farsi un giro su Internet, per esempio sul "newsgroup" it.istruzione.scuola per rendersi conto della situazione). Tutto bene! Peccato che poi una frazione considerevole dei futuri universitari non sappiano proprio nulla di chimica, fisica, matematica e non sappiano fare un ragionamento che vada al di là di "piove, quindi prendo l'ombrello perchè altrimenti mi bagno" (che è la cosa più grave, il "non saper ragionare", intendo, non "il bagnarsi"!) e siano più adatti a corsi di laurea infarciti di "chiacchiere", piuttosto che a quelli nei quali logica, pensiero formale e matematica siano strumenti fondamentali di studio e di lavoro. In una situazione simile, se si vuole evitare una ulteriore riduzione del numero di iscritti a scienze mfn (anche se secondo me non sarebbe poi un gran danno: meglio pochi ma buoni), si deve ridurre il "tiro" dei corsi e mettere in atto quelle misure che portano inevitabilmente alla licealizzazione. 2) L'incremento degli atenei è una realtà che andrebbe fortemente contrastata (qui Tabacci ha ragione). Ma in questo caso, insieme all'università c'entrano Stato, Regioni e Province (come organi di governo) che finanziano operazioni del genere, fatte non per il "bene" degli studenti, ma per il bene di qualcun altro... 3) Il numero di cattedre non prolifera affatto! Prolifera invece il numero di insegnamenti, ma quest'ultimo non coincide col numero di cattedre. La creditizzazione e il nuovo ordinamento didattico hanno imposto lo "spezzettamento" dei vecchi corsi annuali o semestrali in una pletora di piccoli corsi mensili o, al più, bimestrali. Se prima un corso di laurea prevedeva 20 esami, oggi lo stesso ne prevede 50! E' aumentato a dismisura il numero di corsi, ma i docenti (e le ore di

5 N 21 la Via del Mosaico Pag 5 di 6 lezione complessive che fanno) sono sempre gli stessi. Per esempio, io ho 5 corsi (cristallografia a matematica, cristallo-chimica a scienze geologiche e 3 corsi di microscopia elettronica a scienza dei materiali) e non ho evidentemente 5 cattedre... Ancora, è da aggiungere che lo stipendio di un docente universitario non è funzione del numero di corsi che tiene: lo stipendio è fisso e, molto spesso, parte dell'attività didattica sarebbe classificabile come "volontariato" visto che il numero di ore di lezione "frontale" (oggi si chiama così) supera di gran lunga quello imposto per legge (nel mio caso faccio più del doppio del numero di ore che sarei tenuto a fare). Il mio caso, a scienze mfn, è la norma e non l'eccezione; ma questo, Tabacci forse non lo sa! Mauro Prencipe Torino, 22. Novembre Dalla prima pagina un aggettivazione stia a significare una condizione in cui le più diverse scelte diventano possibili rispetto ai vincoli che via via dovrebbero denotare l unicità di singole decisioni politiche. Indubbiamente l indeterminatezza del termine moderati deriva certamente dalla deideologizzazione del panorama politico italiano, dalle proliferazione pseudo partitica favorita dalla legge elettorale e dall abnorme finanziamento pubblico di partiti e parlamentari che, solamente per il fatto di far parte dei gruppi misti, ricevono emolumenti in grado di finanziare gruppi locali al solo fine della propria rielezione. In buona sostanza il termine di partito moderato non rappresenterebbe altro che uno specchietto delle allodole per eleggere personaggi che, liberi da impegni qualsivoglia di concretezza ed appartenenza politica, perseguono il solo interesse personale. Dunque se il termine moderato di per sé non indica una politica da seguire, è pur vero che a suo tempo sia la quercia per il Pds che l ulivo di Prodi sono stati i primi esempi di annacquamento di identità originarie senza procedere a scelte che avrebbero potuto interpretare tali identità in termini aggiornati. I Ds avrebbero potuto da subito diventare la componente italiana del Partito Socialista Europeo e l Ulivo di Prodi avrebbe potuto essere la nuova aggregazione democratica caratterizzata da libertà e modernità: ciò non è stato ed il risultato è che oggi i due aggregati politici sono costretti a discutere sul futuribile di un partito democratico che non c è e se ci fosse non si saprebbe se gli scopi ultimi coinciderebbero con quelli dei partiti socialisti europei, se in Italia esprimerebbero le istanze dei Liberaldemocratici dei paesi nordici o ancora se assumerebbero una aggiornata valenza di mediazione fra ceti diversi. Ecco, non credo che gli specchietti per le allodole delle aggettivazioni riformiste, moderate o democratiche, possano costituire dei solidi e duraturi poli di attrazione su cui costruire delle nuove identità politiche credibili ed in grado di affrontare l attuale disgregazione politica ed istituzionale. Solo il riconoscere le origini profonde di ciascuna aggregazione ed il modo di porsi nei confronti dei problemi della società attuale di ciascuna proposta politica potrà ricostituire partiti ed identità in grado di superare l attuale situazione di stallo e permettere di stabilire nuove regole generali quali sono la legge elettorale e la riforma della seconda parte della costituzione. Infine poiché pare che gli attuali schieramenti politici non siano in grado di operare in questa direzione visto quel che hanno realizzato a partire dagli anni 1990, sarà nuovamente la società civile a dover dare una spinta perché ciò si avveri. Due fatti dovrebbero agevolare questo risveglio della società civile: lo scioglimento del correntone della sinistra Ds guidata da Mussi e Salvi, dovrebbe agevolare la rinascita di una identità di matrice socialista in grado di unificare la più parte del popolo della sinistra, mentre, per altro verso più generale, la proposta Guzzetti, spostando il premio di maggioranza dalle coalizioni al partito maggioritario, dovrebbe finalmente chiarire chi comanda chi e che cosa fare, impedendo l attuale indistinto coacervo trasformistico sia di centro-destra che di centro-sinistra. Giuliano Orlandi Torino, 10 Novembre 2006.

6 N 21 la Via del Mosaico Pag 6 di 6 Per seguire le idee e la cronaca delle attività dell associazione consultate il Sito Per difficoltà varie è pubblicato in forma del tutto provvisoria e molte pagine non sono completate : per evitare inutili perdite di tempo nella consultazione, inviateci la Vostra in modo che al suo completamento Vi si possa informare adeguatamente. Le nuove ragioni del Abbiamo 60 anni di "ragioni",.da verificare ed inverare nell'oggi! Contattaci e sostieni l iniziativa! Associazione culturale per il rispetto istituzionale, professionale ed ambientale L associazione il Mosaico è stata registrata il ed opera attraverso i suoi organi secondo quanto stabilito nel proprio statuto Il Mosaico - c/o Via Tonello 14 Torino

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

La carriera universitaria e l inserimento nel mondo del lavoro dei laureati in Ingegneria dei Materiali

La carriera universitaria e l inserimento nel mondo del lavoro dei laureati in Ingegneria dei Materiali La carriera universitaria e l inserimento nel mondo del lavoro dei laureati in Ingegneria dei Materiali Studenti che hanno conseguito la laurea specialistica nell anno solare 2009 Questa indagine statistica

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione

Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione Heinrich Lintze - Brema Altes Gymnasium Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione 1 la struttura della pubblica istruzione in Germania e gli ultimi sviluppi 1.1 cultura

Dettagli

RINNOVO DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI DELL ISIA DI FIRENZE TRIENNIO 2010/2013. Elenco e Programmi dei candidati

RINNOVO DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI DELL ISIA DI FIRENZE TRIENNIO 2010/2013. Elenco e Programmi dei candidati RINNOVO DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI DELL ISIA DI FIRENZE TRIENNIO 2010/2013 Elenco e Programmi dei candidati ISIA Firenze, aprile 2010 ELENCO DEI CANDIDATI PER LA CONSULTA DEGLI STUDENTI TRIENNIO 2010-2013

Dettagli

Valutare e citare i documenti

Valutare e citare i documenti Valutare e citare i documenti di Stefania Fraschetta Corso di laurea Triennale in Comunicazione e Psicologia Prova finale - III modulo, 27 gennaio 2014 Sommario Cercare e valutare documenti in rete: La

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015

ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015 ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015 100 E LODE VIGLIANI VALENTINA 5B 100/100 GATTUSO GIANLUCA 5 A PERRERO JESSICA 5 B CARIGNANO SILVIA 5 C 100/100 CIVIDINO DAVIDE 5C CIELO ANDREA 5 D RIZZA DAVIDE 5 D

Dettagli

LA RICERCA NON È UN BREVETTO

LA RICERCA NON È UN BREVETTO LA RICERCA NON È UN BREVETTO Si possono immaginare diversi scenari per il futuro della ricerca in Italia. Tutto dipenderà dalle regole che ci si vorrà dare, nel quadro di un rapporto tra politici e ricercatori

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

MAESTRI del LAVORO www.mdl-parma.it. Stella al Merito Legge n. 143 del 05/02/1992

MAESTRI del LAVORO www.mdl-parma.it. Stella al Merito Legge n. 143 del 05/02/1992 MAESTRI del LAVORO www.mdl-parma.it Stella al Merito Legge n. 143 del 05/02/1992 Gruppo Scuola-Lavoro del Consolato dei MdL della provincia di Parma DALLA SCUOLA AL LAVORO Versione: 05 Aggiornata il: Feb

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Ingegneria Meccanica

Ingegneria Meccanica Ingegneria Meccanica (Classe L-9 Ingegneria Industriale) Presentazione alla matricole Prof. Gian Luca Garagnani Presidente CUCdL Area Industriale Sommario Presentazione piano di studio Come studiare a

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato

COMUNICATO STAMPA. Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato COMUNICATO STAMPA Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato Il Ministro Moratti: Professionisti più qualificati a tutela degli interessi dei cittadini Il Consiglio dei

Dettagli

Fondazione per l Università a Brindisi

Fondazione per l Università a Brindisi Fondazione per l Università a Brindisi Una Fondazione gestita dagli Enti pubblici e privati del territorio brindisino per il coordinamento e la promozione dell offerta formativa universitaria che altre

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico

Dettagli

INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010

INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010 INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010 Caro Signor Presidente della Repubblica, Dott. Giorgio Napolitano, Cari ospiti stranieri e relatori,

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella VERBALE DEL COLLEGIO DEI DOCENTI DEL GIORNO 12 Giugno 2014 Oggi, 12 giugno 2014 alle ore 10,00, presso l aula magna si è riunito il Collegio Docenti dell Istituto d Istruzione Superiore Q. Sella di Biella

Dettagli

SCUOLA E UNIVERSITA TUTTE LE BUGIE DELLA SINISTRA

SCUOLA E UNIVERSITA TUTTE LE BUGIE DELLA SINISTRA SCUOLA E UNIVERSITA TUTTE LE BUGIE DELLA SINISTRA TEMPO PIENO Con l introduzione del maestro unico e l eliminazione delle compresenze si libereranno più maestri per aumentare il tempo pieno Con la media

Dettagli

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Qui voglio fare un esempio per capire dove siamo arrivati col denaro: Ammettiamo che io non abbia a disposizione quasi nulla come denaro, ma voglio

Dettagli

Formazione tecnico-scientifica e lavoro: l'esperienza dei giovani Il punto di vista di 1460 giovani tra i 15 e i 29 anni

Formazione tecnico-scientifica e lavoro: l'esperienza dei giovani Il punto di vista di 1460 giovani tra i 15 e i 29 anni Formazione tecnico-scientifica e lavoro: l'esperienza dei giovani Il punto di vista di 1460 giovani tra i 15 e i 29 anni Obiettivo Indagare il ruolo e l importanza della formazione tecnico-scientifica

Dettagli

LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA

LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA Credo che sia molto importante parlare di formazione degli insegnanti in generale ed in particolare credo che sia importante fare un confronto tra la nostra situazione

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico la

Dettagli

Indagine conoscitiva sulle aspettative ed esperienze degli alunni dell'ipc di Brunico

Indagine conoscitiva sulle aspettative ed esperienze degli alunni dell'ipc di Brunico Indagine conoscitiva sulle aspettative ed esperienze degli alunni dell'ipc di Brunico AUTORI: prof.ssa Francesca Ercoli, Pitscheider Christian, Di Marino Luca, Massacci Sara, Rautmann Anna. INTRODUZIONE:

Dettagli

Giuditta ALESSANDRINI - UNIVERSITÀ ROMA TRE

Giuditta ALESSANDRINI - UNIVERSITÀ ROMA TRE Giuditta ALESSANDRINI - UNIVERSITÀ ROMA TRE Buongiorno a tutti. Il mio intervento potrebbe essere considerato un po una sorta di ritorno al futuro, perchè come diceva anche la Dott.ssa Alfonsi l esperienza

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

ECONOMIA E QUALITA DELLA VITA a misura di bambino RICORDANDO DANIELA FURLAN IL PROF. BARATELLA E TANTI ALTRI...

ECONOMIA E QUALITA DELLA VITA a misura di bambino RICORDANDO DANIELA FURLAN IL PROF. BARATELLA E TANTI ALTRI... ECONOMIA E QUALITA DELLA VITA a misura di bambino RICORDANDO DANIELA FURLAN IL PROF. BARATELLA E TANTI ALTRI... 1 2 DENARO EURO ALTRE VALUTE CAMBIO CALCOLI BANCONOTE MONETE STORIA del denaro CONIO ALTRI

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE LICEO SCIENTIFICO DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la

Dettagli

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie?

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? A cura dell I.I.S.S. di LERCARA FRIDDI A.S.2013-2014 Progetto P.O.F. UNA BUSSOLA PER ORIENTARSI! DOCENTE: Terrasi Francesca Nuovo impianto organizzativo

Dettagli

Siamo Terapisti Occupazionali non siamo politici

Siamo Terapisti Occupazionali non siamo politici Siamo Terapisti Occupazionali non siamo politici I nostri focus sono la persona, l occupazione, l ambiente, la partecipazione alle attività della nostra vita quotidiana: essi rappresentano gli ambiti nel

Dettagli

La ringrazio per l interessamento dimostrato al Marketing se sta pensando di svolgere con me la tesi di laurea.

La ringrazio per l interessamento dimostrato al Marketing se sta pensando di svolgere con me la tesi di laurea. Gentile Studentessa/te La ringrazio per l interessamento dimostrato al Marketing se sta pensando di svolgere con me la tesi di laurea. Al fine di facilitare la produzione del suo elaborato riporto di seguito

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli QUADERNO DI LAVORO PER I GENITORI attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli Percorso per genitori di studenti/studentesse in uscita dalla scuola

Dettagli

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione?

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Prima di provare a rispondere a questa domanda mi pare indispensabile una premessa che contestualizzi l attuale situazione. Perché a

Dettagli

XLIII Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani GLI ITALIANI E LA RIFORMA DELLA SCUOLA DEL GOVERNO RENZI

XLIII Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani GLI ITALIANI E LA RIFORMA DELLA SCUOLA DEL GOVERNO RENZI XLIII Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani GLI ITALIANI E LA RIFORMA DELLA SCUOLA DEL GOVERNO RENZI Rapporto ottobre 2014 NOTA INFORMATIVA L Osservatorio sul Capitale Sociale è realizzato da

Dettagli

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo Lettera aperta ai colleghi dell Istituto Albert, al Preside, al Direttore scolastico regionale, alla Ministra della Pubblica Istruzione, Al mondo sindacale e politico, ai giornali. Mozione presentata al

Dettagli

Ponzio a Bologna Maggio 2009

Ponzio a Bologna Maggio 2009 Ponzio a Bologna Maggio 2009 Intervento di Gregorio Scalise Il filosofo Hans Blumenberg parla di esistenza di un inadeguatezza del linguaggio rispetto alla sensazione, topos che ricorre nella poesia, e

Dettagli

I CONTI DELLA NOSTRA SCUOLA: UN BILANCIO SOCIALE

I CONTI DELLA NOSTRA SCUOLA: UN BILANCIO SOCIALE I CONTI DELLA NOSTRA SCUOLA: UN BILANCIO SOCIALE Vorremmo provare a spiegare come funziona il bilancio della nostra scuola, quali servizi vengono offerti e come sono finanziati. Per chiarezza e trasparenza.

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 L Assemblea della CRUI, riunitasi il giorno 7.5.2015, preso atto della nota MIUR del 6.5.2015, esprime,

Dettagli

FORMARE, CONNETTERE, INNOVARE COME CONSOLIDARE IL CLUSTER ICT PRATESE RAPPORTO DI RICERCA

FORMARE, CONNETTERE, INNOVARE COME CONSOLIDARE IL CLUSTER ICT PRATESE RAPPORTO DI RICERCA FORMARE, CONNETTERE, INNOVARE COME CONSOLIDARE IL CLUSTER ICT PRATESE RAPPORTO DI RICERCA Marco Betti @marcobetti_ Alberto Gherardini @albgherardini IL RAPPORTO 2013 Obiettivo: Raccogliere e sistematizzare

Dettagli

MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it

MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1) Qual è la prima cosa che un imprenditore o responsabile dovrebbe fare per far sì che i propri uomini

Dettagli

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai:

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo su un servizio per il lavoro offerto dalla Provincia di Firenze nuove parole del campo del lavoro l uso dei

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli 1 di 6 Autore di Esami No Problem 1 Titolo I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli

Dettagli

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Il tema della governance è stato ed è tuttora certamente uno dei punti al centro del dibattito sulla

Dettagli

quanto il problema principale la comprensione delle lezione tenuta dal docente in aula può venire risolto collocando lo studente in una posizione

quanto il problema principale la comprensione delle lezione tenuta dal docente in aula può venire risolto collocando lo studente in una posizione L'esperienza del Politecnico di Torino nella gestione dell'integrazione nell'università e dell'accessibilità alle risorse didattiche da parte di studenti audiolesi I sordi in università Negli ultimi anni

Dettagli

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti LAURA PAPALEO Sempre più donne risultano attive nel settore dell information technology e la salvaguardia dei loro diritti e delle

Dettagli

La valutazione dei corsi da parte degli studenti: confronto fra carta e web

La valutazione dei corsi da parte degli studenti: confronto fra carta e web La valutazione dei corsi da parte degli studenti: confronto fra carta e web Lorenzo Bernardi e Gianpiero Dalla Zuanna Dipartimento di Scienze Statistiche Nel 2011, l Ateneo di Padova ha introdottola procedura

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione Le nostre proposte per un percorso educativo di qualità Roma, 10 Aprile 2015 sala Da Feltre Intervento Claudia Lichene, insegnante di scuola dell infanzia

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorare. Tutti

Dettagli

I percorsi formativi del Politecnico

I percorsi formativi del Politecnico I percorsi formativi del Politecnico I percorsi formativi del Politecnico Questa parte della Guida descrive l offerta formativa del Politecnico di Torino per l a.a. 2005-2006. L attivazione delle diverse

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

Impresa e non profit: necessaria collaborazione

Impresa e non profit: necessaria collaborazione Impresa e non profit: necessaria collaborazione Tre interrogativi Vorrei sviluppare il tema del rapporto tra impresa ed enti non profit a partire da tre interrogativi, cui tentare di dare risposta per

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

F.A.Q. IMMATRICOLAZIONI 2013

F.A.Q. IMMATRICOLAZIONI 2013 INDICE OFFERTA FORMATIVA... 2 CORSI AD ACCESSO PROGRAMMATO... 3 VERIFICA DELLA PREPARAZIONE INIZIALE... 7 INIZIO DELLE LEZIONI... 8 1 OFFERTA FORMATIVA 1) Mi sono appena diplomato. A quali corsi potrei

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI?

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? Lui. Tempo fa ho scritto un libro tutto parole niente immagini. Lei. Bravo. Ma non mi sembra una grande impresa. Lui. Adesso vedrai: ho appena finito un libro tutto immagini

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

Introdurre alla realtà, ecco cos è l educazione.

Introdurre alla realtà, ecco cos è l educazione. Introdurre alla realtà, ecco cos è l educazione. (da Il rischio educativo di don Luigi Giussani) Conoscere il passato per capire il presente e inventare il futuro Il nostro scopo è che ciascun ragazzo

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2601 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato SCHULLIAN Introduzione del principio della separazione tra le banche commerciali e le banche

Dettagli

Corporate Social Responsibility

Corporate Social Responsibility Corporate Social Responsibility Prof. Gianluca Colombo Professore Ordinario di Economia aziendale, all Università Svizzera Italiana e all Università degli Studi dell Insubria. MBCF. Il panorama delle imprese

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

QUESTIONARIO. Grazie

QUESTIONARIO. Grazie QUESTIONARIO Il questionario, anonimo, serve a rilevare in modo sistematico le opinioni degli studenti che hanno completato un corso di studi. Queste conoscenze potranno aiutare a valutare la qualità dei

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

Abilitazioni scientifiche nazionali Proposte innovative dell USPUR sulla chiamata degli abilitati.

Abilitazioni scientifiche nazionali Proposte innovative dell USPUR sulla chiamata degli abilitati. Abilitazioni scientifiche nazionali Proposte innovative dell USPUR sulla chiamata degli abilitati. Le abilitazioni scientifiche nazionali, e la conseguente gestione degli abilitati, comportano un impatto

Dettagli

Evoluzione della comunicazione pubblica

Evoluzione della comunicazione pubblica INTERVENTO DELLA PROF.SSA ELENA ESPOSITO DOCENTE DI SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE UNIVERSITA DI MO.RE Evoluzione della comunicazione pubblica RELAZIONE PRESENTATA IN OCCASIONE DEL CONVEGNO, PROMOSSO DALLA

Dettagli

Indagine su istruzione e competenze dei diplomati e laureati italiani

Indagine su istruzione e competenze dei diplomati e laureati italiani Indagine su istruzione e competenze dei diplomati e laureati italiani Commenti all Indagine su Istruzione e Competenze dei Laureati e Diplomati Italiani Tito Boeri e Michele Pellizzari Fondazione Rodolfo

Dettagli

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Fisica

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Fisica Scuola di Scienze e Tecnologie corso di laurea (I livello) Fisica L-30 3 anni sede: Camerino via Madonna delle Carceri 9 crediti complessivi da acquisire: 180 www.unicam.it www.sst.unicam.it/sst Presentazione

Dettagli

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Materiale pratico della durata di un ora circa Il nuovo ambiente di apprendimento rappresenterà un cambiamento pedagogico radicale o sarà soltanto

Dettagli

Corso di autodifesa per insegnanti e A.T.A.

Corso di autodifesa per insegnanti e A.T.A. Corso di autodifesa per insegnanti e A.T.A. Ovvero Seminario sui diritti e i doveri degli insegnanti e del personale A.T.A. BLOG: http://coordinamentoprecariscuolabologna.blogspot.com/ EMAIL: Tutti i martedì

Dettagli

IL VALORE ECONOMICO DELLA SCELTA UNIVERSITARIA Massimo Anelli e Giovanni Peri UC Davis e FRDB. 11 Dicembre 2013

IL VALORE ECONOMICO DELLA SCELTA UNIVERSITARIA Massimo Anelli e Giovanni Peri UC Davis e FRDB. 11 Dicembre 2013 IL VALORE ECONOMICO DELLA SCELTA UNIVERSITARIA Massimo Anelli e Giovanni Peri UC Davis e FRDB 11 Dicembre 2013 Laurea, Salario e Carriera Quali corsi di Laurea sono associati a migliori salari? Quali corsi

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro

Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro Grazie mille. sono io la violenza, scusatemi tanto, spero che sia una bella violenza in realtà. Mi piaceva molto il titolo della

Dettagli