la Via del Mosaico Gli specchietti delle allodole

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "la Via del Mosaico Gli specchietti delle allodole"

Transcript

1 la Via del Mosaico NEWSLETTER DELL ASSOCIAZIONE PER IL RISPETTO ISTITUZIONALE PROFESSIONALE ED AMBIENTALE Anno III, Numero 21 Torino, 30 Novembre 2006 pag. 1 di 6 Gli specchietti delle allodole Il nostro Muletto di redazione solitamente provoca o, meglio, mette in pista idee provocatorie per saggiarne l impatto nelle cerchia degli associati che spesso interagiscono con risposte altrettanto urticanti. Così è stato per l apertura della newsletter N 19 con Perché l Italia non ha bisogno di nuovo riformismo e qui, volendo essere equidistanti o volendo completare il punto di vista del nostro Muletto, prendiamo in considerazione l altra definizione che a nostro avviso fa da contraltare al riformismo del centrosinistra e che è data dai cosiddetti moderati del centro-destra. Poiché propriamente l attributo di moderato attiene alla qualità di un attore o del modo con cui si compie un azione, a noi pare che definire un identità politica mediante una modalità derivata da Segue in ultima Sommario 1. Gli specchietti delle allodole. Recensione Libri 2. Luciano Gallino, L impresa irresponsabile Einaudi Botte e Risposte 4 Prencipe versus Tabacci. Recensione libri 6 Novembre Luciano Gallino L impresa irresponsabile Einaudi Editore. Dibattito a cura dell Accademia delle Scienze di Torino. Dopo l introduzione del Professor Angelo Raffaele Meo, neo presidente dell Accademia, il Prof. Gastone Cottino, intervenendo dal punto di vista giuridico, rileva come con la globalizzazione e la conseguente delocalizzazione delle aziende ci sia stato un cambiamento radicale non solo per i modi di finanziamento, ma nella stessa filantropia aziendale che in tempi passati garantiva una qualche legittimazione aziendale atta a migliorare la sua capacità concorrenziale. In questo campo occorre considerare che sin dai tempi di Bismark e Beveridge le imprese furono piegate alla necessità di contribuire alle assicurazioni sociali dei propri dipendenti. E tutto ciò pur avendo in dottrina molti autori, a partire da Buchanam, che erano e sono contrari ad affidare questi pesi sociali alle imprese e dichiarano che è immorale fare filantropia in quanto il compito delle aziende è solo quello di massimizzare i profitti al fine dello stesso benessere collettivo. Secondo Cottino, pur dicendosi molto scettico sull effettiva possibilità di realizzazione, rileva che Gallino cerca di superare questi ed altri barrage proponendo che per via legislativa si imponga che gli statuti aziendali siano del tutto trasparenti nei riguardi del mercato finanziario e di quanto le aziende si prefiggono di produrre, compresi i dati riguardanti l inquinamento e non rispondenti agli standard di una buona qualità ambientale. Il Prof. Cottino conclude segnalando come l autore nel suo libro offra un quadro completo di ciò che sono o dovrebbero essere le maggiori imprese mondiali.

2 N 21 la Via del Mosaico Pag 2 di 6 A questo intervento segue una puntuale disanima economica condotta con grande dovizia di dati e citazioni dal Prof. Giovanni Zanetti. Zanetti afferma che Gallino esamina i rapporti dell impresa con i suoi attori e con quelli che possono essere colpiti e danneggiati dalla sua attività, individuandone la radice nel dato strutturale del capitalismo che, come tale, si ritiene irresponsabile delle conseguenze rispetto al futuro. Gallino propone delle linee correttive rispetto a ciò che è accaduto negli anni 60 e 70 in cui ad una minore redditività delle imprese è corrisposto un maggior valore delle imprese stesse. Secondo Gallino ciò si è verificato in quanto il valore delle imprese è stato determinato più da pratiche illecite che non dall assunto che quel valore dovrebbe essere dato dalla produzione di reddito. Ciò è stato possibile in quanto:- In un decennio si è ampliato enormemente il potere manageriale rispetto a quello proprietario, accentuato dal fatto che le produzioni complesse hanno favorito il take over con le diversificazioni e l ampliamento della ricerca. La finanziarizzazione in sostituzione del processo di produzione propria dell impresa, porta ad avere investitori diversi, compresi quelli istituzionali. Tutto ciò determina delle forme di responsabilità estesa che portano alle delocalizzazioni ed a precarizzazioni varie. Se Gallino è forse pessimista rispetto alle imprese italiane, è certo però che vi può essere un uso perverso di tale meccanismo senza peraltro arrivare al complesso di NO che la società civile italiana pare mettere in atto rispetto ad ogni innovazione, si tratti di Tav o di altro aspetto di modernizzazione. Si tratta di un libro denso e duro che susciterà polemiche, afferma il Prof. Arnaldo Bagnasco evidenziando come la sociologia permetta di esaminare come gli attori dell economia aziendale, come i proprietari, i manager, il capitale azionario e manageriale, nelle aziende odierne si sia combinato in modi diversi con gli investitori istituzionali come i fondi d investimento, fondi pensione e banche d affari. Di fronte a questo cambiamento di regime non è possibile fare delle analisi secondo le categorie residue dele aziende rette dal capitale familiare o poco più, mentre invece occorre pensare che il capitalismo del cosiddetto postfordismo è sregolato e dunque occorre regolarlo. Esemplare come in questo processo le classi medie siano sacrificate e, seguendo l analisi di Krugman, se il sistema del welfare si è inceppato, occorrerà giungere ad una nuova specie di contratto sociale. A questi stimoli del dibattito il Prof. Gallino risponde spiegando come il suo libro prenda origine dagli scandali finanziari ed industriali che tra il 2000 ed il 2003 negli Stati Uniti sono arrivati alla somma di circa 160 casi che, di colpo, hanno rivelato debiti astronomici con il quasi fallimento di alcune imprese di dimensioni mondiali. Le magistrature hanno messo in chiaro come si sia trattato di comportamenti fraudolenti di manager ed analisti e di tutto ciò si è cercata una spiegazione in relazione al fatto che ciò possa ripetersi. Rispetto allo scetticismo del Prof. Cottino circa l efficacia di rimedi giuridici, Gallino conferma che la governance aziendale non collima con la responsabilità sociale dell impresa e, pur non essendoci industria che non abbia un codice etico, pare che i due aspetti non tendano ad un avvicinamento. Eppure negli S.U., visto che i cani da guardia delle società di revisione non avevano segnalato quanto di improprio stava avvenendo, sono state previste procedure di controllo più severe per analisti e Merchant Banks, così come in Francia si è adottato un codice etico che prevede il carcere come previsto per chi usa fare false dichiarazioni dei redditi. Per quanto riguarda il pessimismo citato da Zanetti, Gallino rileva come negli ultimi quarant anni e con una crescita continua, gli investitori istituzionali abbiano raggiunto una cifra di investimenti pari a 48 mila miliardi di dollari, con ciò superando il valore del Pil mondiale. Gli investitori istituzionali di diversa grandezza sono rappresentati da un numero che oscilla tra le e le unità, ma i fondi pensione a dimensione mondiale son solo 20 divisi tra S:U: e Giappone. Tali istituti svolgono azione legittima e perseguono la difesa e lo sviluppo dei risparmi dei loro associati, ma sono proprietari o incidono in modo preponderante sulla metà delle aziende mondiali, rispondendo solo ad una decina di responsabili: forse, conclude Gallino, è giunto il momento di ragionare sull immenso potere che detengono questi responsabili le cui decisioni, al di là delle migliori intenzioni, possono portare ad eventi imprevisti e dannosi. La redazione. Torino, 6 Novembre 2006.

3 N 21 la Via del Mosaico Pag 3 di 6 Botte & risposte Abbiamo ricevuto il commento dell amico Dr. Prencipe che volentieri pubblichiamo in quanto offre una testimonianza diretta rispetto ai problemi di un settore della nostra università ed anche perché offre uno stimolo al dibattito interno all associazione, sempre opportuno ma quanto mai utile nel momento in cui ci avviamo a realizzare il sito del Mosaicoweb. La questione Università Commento all intervento dell on Tabacci durante il convegno di Saint Vincent riportato a pag. 6 de "La via del Mosaico N 20. In primo luogo, un politico che parli di "facoltà di matematica" ("[...] alla facoltà di matematica per cui [...]") non deve aver ben chiaro quale sia l'ordinamento universitario italiano: la facoltà di matematica non esiste! Esiste (o esistono) uno o più corsi di laurea in matematica all'interno della facolta di Scienze Matematiche Fisiche Naturali (mfn). Il numero " " si riferisce probabilmente al numero totale di iscritti alla suddetta facoltà, suddivisi nei vari corsi di laurea: matematica, informatica, chimica, chimica industriale, fisica, scienza dei materiali, scienze della terra, scienze naturali, biologia, scienze e tecnologia dei beni culturali; questi sono i corsi di laurea "triennali" attivati a Scienze mfn, a Torino; poi esistono più di 25 lauree "magistrali" (biennio successivo alla triennale) che fanno capo alla stessa facoltà; il numero e il tipo di corsi attivati non è comunque necessariamente lo stesso in tutti gli atenei italiani. Ancora, poichè la facoltà di scienze esiste solo all'interno dell'università e non al politecnico, intendo che la cifra si riferisca alla sola università; tuttavia nell'articolo citato si continua con "... per cui dovremo poi importare ingegneri, matematici dalla Cina e dall'india...", però il numero di studenti di ingegneria (quindi "politecnico") non dovrebbe essere incluso in quei Quanto sopra potrebbe sembrare una mia "pignoleria"! Ebbene, lo ammetto, sono pignolo, pedante, noioso! Però a me sembra che la confusione tra "corso di laurea" e "facoltà" (o addirittura tra "università" e "politecnico": un chimico non è un "ingegnere chimico", e/o viceversa) sia indicativa di una non conoscenza generalizzata della struttura universitaria e della sua funzione; ma allora mi chiedo quale sia il valore da assegnare a tutte le altre affermazioni, in merito all'università, del politico in questione. Per parlare (con autorevolezza) di un certo argomento, non bisognerebbe conoscerlo a fondo? Ci si lamenta del basso numero di iscritti a scienze mfn; in effetti sono pochi, visti tutti i corsi di laurea che la facoltà comprende, rapportati ai di scienze della comunicazione (che non ha nulla che vedere con scienze mfn, se non la parola "scienze", e che è un corso di laurea attivato presso la facoltà di lettere e filosofia, almeno a Torino; quindi si stanno confrontando gli iscritti a tutta una facoltà, quella di scienze mfn, con quelli di un corso di laurea). E' da dire che molti dei laureati, anche a pieni voti, che escono dalla facoltà di scienze mfn, non trovano poi lavoro nei settori di loro competenza, ma vanno a fare altro (ove magari non serve neppure avere una laurea) o sono costretti a "emigrare" all'estero (la famosa "fuga dei cervelli" di cui tanto si parla). A che servirebbe dunque incrementare il numero di laureati in scienze, se il mercato del lavoro italiano non è assolutamente in grado di assorbire i laureati di oggi? Inutile dire che attualmente nessun ingegnere, matematico, chimico o fisico cinese si è visto da queste parti o, almeno, non nella "veste" di ingegnere, matematico, chimico o fisico... magari ti può capitare di incontrare un matematico rumeno che fa il raccoglitore di pomodori a Salerno! Certamente, considerate le difficoltà oggettive che si incontrano nell'affrontare studi scientifici, non stupisce che tutti coloro che intendano laurearsi tanto per avere il classico "pezzo di carta" in tasca, scelgano corsi di laurea meno impegnativi, dal momento che

4 N 21 la Via del Mosaico Pag 4 di 6 una laurea scientifica non garantisce un posto di lavoro più di qualunque altro corso di studi. Il problema non sta tanto nell'università, quanto nell'industria italiana che è estremamente arretrata rispetto a quella di molti altri Paesi: in Italia non c'è dialogo tra ricerca universitaria e industria perché quest'ultima preferisce puntare su prodotti di bassissimo valore aggiunto, che non richiedono alcuno sforzo o investimento economico "rischioso" (si sa, la ricerca può non dare risultati "immediati"). Dovesse l'industria decidere (da sola o spinta da una politica mirata) di investire sulla ricerca, aumenterebbe inevitabilmente la richiesta di laureati in discipline scientifiche, e avremmo forse così meno psicologi a spasso e più fisici al lavoro, con un incremento della capacità produttiva ad alto valore aggiunto, anche in termini di brevetti da vendere all'estero (e non solo da comprare...). Ma per ora così non è e, ribadisco, questo non è certo un problema dovuto all'attuale basso numero di iscritti alle facoltà scientifiche. Su questo punto, infine, è ancora da notare che la riduzione delle iscrizioni alle facoltà scientifiche non si registra solo in Italia, ma si ha in quasi tutti i Paesi occidentali (al contrario di quello che capita in Oriente). Tabacci lamenta la licealizzazione dell'università, l'incremento del numero di atenei e (in ciascuno di questi) del numero di cattedre e dei professori, che "si inventano gli insegnamenti più strani". In questo c'è qualche verità e qualche palese falsità ("palese" a chi conosce il mondo universitario...): 1) La licealizzazione non è certo colpa dell'università ma delle riforme che nel corso degli anni ci sono state imposte senza nemmeno consultarci e prendere in considerazione le proteste che venivano da gran parte del corpo docente (soprattutto quello scientifico). Mi riferisco alla riforma che ha introdotto le lauree triennali, quelle magistrali e il sistema dei "crediti". Ancora, la licealizzazione è pure conseguenza del trend ormai consolidato nella scuola primaria e secondaria, per cui i ragazzi studiano poco, anzi nulla, e si diplomano comunque; tutto questo con il benestare dei vari Ministeri (di oggi e di "allora"), dei Provveditori, dei Presidi e di una parte del corpo insegnante che, oltremodo influenzato da certa "psicologia", ritiene mutato il ruolo della scuola: a scuola non si va per imparare a leggere, a scrivere; non si va per imparare la grammatica, il latino, la storia, la matematica o la fisica; non si va neppure per imparare a "ragionare"... a scuola si va per imparare a stare insieme, per imparare a relazionarsi con gli altri... (cose da me effettivamente sentite o lette, dette o scritte da numerosi insegnanti sia delle scuole medie, sia delle superiori; eppoi basta farsi un giro su Internet, per esempio sul "newsgroup" it.istruzione.scuola per rendersi conto della situazione). Tutto bene! Peccato che poi una frazione considerevole dei futuri universitari non sappiano proprio nulla di chimica, fisica, matematica e non sappiano fare un ragionamento che vada al di là di "piove, quindi prendo l'ombrello perchè altrimenti mi bagno" (che è la cosa più grave, il "non saper ragionare", intendo, non "il bagnarsi"!) e siano più adatti a corsi di laurea infarciti di "chiacchiere", piuttosto che a quelli nei quali logica, pensiero formale e matematica siano strumenti fondamentali di studio e di lavoro. In una situazione simile, se si vuole evitare una ulteriore riduzione del numero di iscritti a scienze mfn (anche se secondo me non sarebbe poi un gran danno: meglio pochi ma buoni), si deve ridurre il "tiro" dei corsi e mettere in atto quelle misure che portano inevitabilmente alla licealizzazione. 2) L'incremento degli atenei è una realtà che andrebbe fortemente contrastata (qui Tabacci ha ragione). Ma in questo caso, insieme all'università c'entrano Stato, Regioni e Province (come organi di governo) che finanziano operazioni del genere, fatte non per il "bene" degli studenti, ma per il bene di qualcun altro... 3) Il numero di cattedre non prolifera affatto! Prolifera invece il numero di insegnamenti, ma quest'ultimo non coincide col numero di cattedre. La creditizzazione e il nuovo ordinamento didattico hanno imposto lo "spezzettamento" dei vecchi corsi annuali o semestrali in una pletora di piccoli corsi mensili o, al più, bimestrali. Se prima un corso di laurea prevedeva 20 esami, oggi lo stesso ne prevede 50! E' aumentato a dismisura il numero di corsi, ma i docenti (e le ore di

5 N 21 la Via del Mosaico Pag 5 di 6 lezione complessive che fanno) sono sempre gli stessi. Per esempio, io ho 5 corsi (cristallografia a matematica, cristallo-chimica a scienze geologiche e 3 corsi di microscopia elettronica a scienza dei materiali) e non ho evidentemente 5 cattedre... Ancora, è da aggiungere che lo stipendio di un docente universitario non è funzione del numero di corsi che tiene: lo stipendio è fisso e, molto spesso, parte dell'attività didattica sarebbe classificabile come "volontariato" visto che il numero di ore di lezione "frontale" (oggi si chiama così) supera di gran lunga quello imposto per legge (nel mio caso faccio più del doppio del numero di ore che sarei tenuto a fare). Il mio caso, a scienze mfn, è la norma e non l'eccezione; ma questo, Tabacci forse non lo sa! Mauro Prencipe Torino, 22. Novembre Dalla prima pagina un aggettivazione stia a significare una condizione in cui le più diverse scelte diventano possibili rispetto ai vincoli che via via dovrebbero denotare l unicità di singole decisioni politiche. Indubbiamente l indeterminatezza del termine moderati deriva certamente dalla deideologizzazione del panorama politico italiano, dalle proliferazione pseudo partitica favorita dalla legge elettorale e dall abnorme finanziamento pubblico di partiti e parlamentari che, solamente per il fatto di far parte dei gruppi misti, ricevono emolumenti in grado di finanziare gruppi locali al solo fine della propria rielezione. In buona sostanza il termine di partito moderato non rappresenterebbe altro che uno specchietto delle allodole per eleggere personaggi che, liberi da impegni qualsivoglia di concretezza ed appartenenza politica, perseguono il solo interesse personale. Dunque se il termine moderato di per sé non indica una politica da seguire, è pur vero che a suo tempo sia la quercia per il Pds che l ulivo di Prodi sono stati i primi esempi di annacquamento di identità originarie senza procedere a scelte che avrebbero potuto interpretare tali identità in termini aggiornati. I Ds avrebbero potuto da subito diventare la componente italiana del Partito Socialista Europeo e l Ulivo di Prodi avrebbe potuto essere la nuova aggregazione democratica caratterizzata da libertà e modernità: ciò non è stato ed il risultato è che oggi i due aggregati politici sono costretti a discutere sul futuribile di un partito democratico che non c è e se ci fosse non si saprebbe se gli scopi ultimi coinciderebbero con quelli dei partiti socialisti europei, se in Italia esprimerebbero le istanze dei Liberaldemocratici dei paesi nordici o ancora se assumerebbero una aggiornata valenza di mediazione fra ceti diversi. Ecco, non credo che gli specchietti per le allodole delle aggettivazioni riformiste, moderate o democratiche, possano costituire dei solidi e duraturi poli di attrazione su cui costruire delle nuove identità politiche credibili ed in grado di affrontare l attuale disgregazione politica ed istituzionale. Solo il riconoscere le origini profonde di ciascuna aggregazione ed il modo di porsi nei confronti dei problemi della società attuale di ciascuna proposta politica potrà ricostituire partiti ed identità in grado di superare l attuale situazione di stallo e permettere di stabilire nuove regole generali quali sono la legge elettorale e la riforma della seconda parte della costituzione. Infine poiché pare che gli attuali schieramenti politici non siano in grado di operare in questa direzione visto quel che hanno realizzato a partire dagli anni 1990, sarà nuovamente la società civile a dover dare una spinta perché ciò si avveri. Due fatti dovrebbero agevolare questo risveglio della società civile: lo scioglimento del correntone della sinistra Ds guidata da Mussi e Salvi, dovrebbe agevolare la rinascita di una identità di matrice socialista in grado di unificare la più parte del popolo della sinistra, mentre, per altro verso più generale, la proposta Guzzetti, spostando il premio di maggioranza dalle coalizioni al partito maggioritario, dovrebbe finalmente chiarire chi comanda chi e che cosa fare, impedendo l attuale indistinto coacervo trasformistico sia di centro-destra che di centro-sinistra. Giuliano Orlandi Torino, 10 Novembre 2006.

6 N 21 la Via del Mosaico Pag 6 di 6 Per seguire le idee e la cronaca delle attività dell associazione consultate il Sito Per difficoltà varie è pubblicato in forma del tutto provvisoria e molte pagine non sono completate : per evitare inutili perdite di tempo nella consultazione, inviateci la Vostra in modo che al suo completamento Vi si possa informare adeguatamente. Le nuove ragioni del Abbiamo 60 anni di "ragioni",.da verificare ed inverare nell'oggi! Contattaci e sostieni l iniziativa! Associazione culturale per il rispetto istituzionale, professionale ed ambientale L associazione il Mosaico è stata registrata il ed opera attraverso i suoi organi secondo quanto stabilito nel proprio statuto Il Mosaico - c/o Via Tonello 14 Torino

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Oggetto: risposta al comunicato stampa della campagna UDU denominata #CHIUSIFUORI.

Oggetto: risposta al comunicato stampa della campagna UDU denominata #CHIUSIFUORI. Agli Studenti Unione degli Universitari UDU Oggetto: risposta al comunicato stampa della campagna UDU denominata #CHIUSIFUORI. Gentili Studenti di UDU, come sapete, abbiamo iniziato già da qualche tempo

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

Intervento di Maria Chiara Carrozza Direttore della Scuola Superiore Sant'Anna

Intervento di Maria Chiara Carrozza Direttore della Scuola Superiore Sant'Anna CERIMONIA DI APERTURA DEI CORSI E DI CONSEGNA DEI DIPLOMI Anno Accademico 2010 / 2011 Intervento di Maria Chiara Carrozza Direttore della Scuola Superiore Sant'Anna Pisa, 4 dicembre 2010 1 Autorità, Rettori,

Dettagli

Proposta per l abolizione della tesi di laurea triennale nelle facoltà umanistiche

Proposta per l abolizione della tesi di laurea triennale nelle facoltà umanistiche Proposta per l abolizione della tesi di laurea triennale nelle facoltà umanistiche [2009] Gli studenti sono sempre più ignoranti. Avete notato come sono diventati ignoranti gli studenti? Sono proprio incredibilmente

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

INDAGINE POST-DIPLOMA. Studenti maturati nel 2011

INDAGINE POST-DIPLOMA. Studenti maturati nel 2011 INDAGINE POST-DIPLOMA Studenti maturati nel 2011 Liceo scientifico Filippo Lussana - Bergamo Sistema qualità INDICATORI QUALI-QUANTITATIVI ORIENTAMENTO ORIENTAMENTO IN USCITA, INDAGINE POST DIPLOMA - Responsabile

Dettagli

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto 2014 sulla

Dettagli

MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO

MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO Area economico - giuridica Disciplina: diritto - economia Gruppo: Pordenone Docente: Valeria Laura Valleriani Istituto: I.S.I.S. di Spilimbergo (PN) MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO Classe 3B IPSC (14

Dettagli

ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015

ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015 ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015 100 E LODE VIGLIANI VALENTINA 5B 100/100 GATTUSO GIANLUCA 5 A PERRERO JESSICA 5 B CARIGNANO SILVIA 5 C 100/100 CIVIDINO DAVIDE 5C CIELO ANDREA 5 D RIZZA DAVIDE 5 D

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto 2013 sulla

Dettagli

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della rilevazione... 3 2.1. Lo strumento di rilevazione:

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

LA RICERCA NON È UN BREVETTO

LA RICERCA NON È UN BREVETTO LA RICERCA NON È UN BREVETTO Si possono immaginare diversi scenari per il futuro della ricerca in Italia. Tutto dipenderà dalle regole che ci si vorrà dare, nel quadro di un rapporto tra politici e ricercatori

Dettagli

Master di primo livello biennale in Bioetica e Etica applicata Anno accademico 2010/2011 e 2011/2012

Master di primo livello biennale in Bioetica e Etica applicata Anno accademico 2010/2011 e 2011/2012 Master di primo livello biennale in Bioetica e Etica applicata Anno accademico 2010/2011 e 2011/2012 Presentazione Struttura del master Calendario Docenti Iscrizioni Modulo d iscrizione Brochure Presentazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO Università degli studi di Padova Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I Finalità e Ordinamento didattico Art. 1 Premesse e Finalità

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

IL PROGETTO MATHONLINE L e-learning al servizio della matematica per le scuole superiori

IL PROGETTO MATHONLINE L e-learning al servizio della matematica per le scuole superiori IL PROGETTO MATHONLINE L e-learning al servizio della matematica per le scuole superiori Articolo di Nicola Padovani Progettista del Centro METID, Politecnico di Milano Il progetto MathOnLine (MOL) è stato

Dettagli

L identità di una università non statale

L identità di una università non statale L identità di una università non statale Rettore dell Università LUMSA (Libera Università Maria Ss. Assunta) di Roma di Giuseppe Della Torre Nell ultimo decennio il numero delle università non statali

Dettagli

Formazione tecnico-scientifica e lavoro: l'esperienza dei giovani Il punto di vista di 1460 giovani tra i 15 e i 29 anni

Formazione tecnico-scientifica e lavoro: l'esperienza dei giovani Il punto di vista di 1460 giovani tra i 15 e i 29 anni Formazione tecnico-scientifica e lavoro: l'esperienza dei giovani Il punto di vista di 1460 giovani tra i 15 e i 29 anni Obiettivo Indagare il ruolo e l importanza della formazione tecnico-scientifica

Dettagli

SUL VALORE LEGALE DEI TITOLI DI STUDIO.

SUL VALORE LEGALE DEI TITOLI DI STUDIO. SUL VALORE LEGALE DEI TITOLI DI STUDIO. Paolo Gianni, Università di Pisa Chi fosse interessato ad un quadro chiaro ed esaustivo di cosa significhi valore legale di un titolo di studio, e della evoluzione

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Economia Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 Corso di laurea magistrale in Economia e Commercio Corso di laurea magistrale in Economia

Dettagli

PROFILO ORIENTATIVO DI ISTITUTO IIS R. Rossellini, COMUNE DI ROMA (RM)

PROFILO ORIENTATIVO DI ISTITUTO IIS R. Rossellini, COMUNE DI ROMA (RM) PROFILO ORIENTATIVO DI ISTITUTO IIS R. Rossellini, COMUNE DI ROMA (RM) Di seguito sono riportati i principali risultati emersi dalla compilazione del percorso AlmaOrièntati che ha coinvolto 97 studenti

Dettagli

Cos è la Scuola Galileiana

Cos è la Scuola Galileiana Cos è la Scuola Galileiana Cos è la Scuola Galileiana Cinque anni di eccellenza È la Scuola d eccellenza dell Università di Padova. Un opportunità in più da cogliere per chi si iscrive per la prima volta

Dettagli

Valutare e citare i documenti

Valutare e citare i documenti Valutare e citare i documenti di Stefania Fraschetta Corso di laurea Triennale in Comunicazione e Psicologia Prova finale - III modulo, 27 gennaio 2014 Sommario Cercare e valutare documenti in rete: La

Dettagli

MASSIMO CAPUANO. Amministratore Delegato della Borsa Italiana. tarda. Cercherò di essere sintetico e di riuscire in questi pochi minuti a

MASSIMO CAPUANO. Amministratore Delegato della Borsa Italiana. tarda. Cercherò di essere sintetico e di riuscire in questi pochi minuti a MASSIMO CAPUANO Amministratore Delegato della Borsa Italiana Mi appresto a un compito difficile: riuscire a concludere un dibattito così interessante in questa vostra prima giornata di convegno, a un ora

Dettagli

Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14

Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14 Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14 Versione 26 dicembre 2013 Questa guida fornisce qualche consiglio di metodo per l impostazione e la stesura della tesi di laurea

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO SINTESI DELLA VALUTAZIONE DEI CORSI II SEMESTRE A.A. 2010/11

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO SINTESI DELLA VALUTAZIONE DEI CORSI II SEMESTRE A.A. 2010/11 VIA OSTIENSE, 131/L - 00154 ROMA TELEFONO 06 5733 2077 FAX 06 5733 2079 www.cla.uniroma3.it UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO SINTESI DELLA VALUTAZIONE DEI CORSI II SEMESTRE

Dettagli

ORIENTAMENTO E AMMISSIONE ALL UNIVERSITÀ

ORIENTAMENTO E AMMISSIONE ALL UNIVERSITÀ YoUniversity Lab Roma 26 febbraio 15 Alberto Sironi (Alpha Test) ORIENTAMENTO E AMMISSIONE ALL UNIVERSITÀ 1. Accesso all università Dati aggiornati e proposte di miglioramento Il sistema di regolamentazione

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Direzione e uffici: Via Mazenta, 51 20013 Magenta (Mi) codice fiscale n. 93035720155 e-mail: miis09100v@istruzione.it Posta Elettronica Certificata miis09100v@pec.istruzione.it

Dettagli

"IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO"

IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO Intervento al Convegno organizzato dall associazione assistenti sociali il 3 dicembre 2011 sul tema "IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO" Titolo dell intervento:

Dettagli

Realizzare le attività di mobilitazione: conoscere i propri diritti {vademecum per la protesta}

Realizzare le attività di mobilitazione: conoscere i propri diritti {vademecum per la protesta} Realizzare le attività di mobilitazione: conoscere i propri diritti {vademecum per la protesta} La mobilitazione delle scuole di fronte alle provocatorie proposte del governo sull orario di lavoro dei

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

È la laurea un buon investimento?

È la laurea un buon investimento? È la laurea un buon investimento? di Alberto Bisin e Andrea Moro Le tasse universitarie sono aumentate considerevolmente negli ultimi anni. Ciononostante, laurearsi rimane ancora un ottimo investimento.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato

COMUNICATO STAMPA. Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato COMUNICATO STAMPA Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato Il Ministro Moratti: Professionisti più qualificati a tutela degli interessi dei cittadini Il Consiglio dei

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

commenti a concorrenza fra scuole e qualità dell istruzione: una proposta di sperimentazione di Andrea Ichino

commenti a concorrenza fra scuole e qualità dell istruzione: una proposta di sperimentazione di Andrea Ichino commenti a concorrenza fra scuole e qualità dell istruzione: una proposta di sperimentazione di Andrea Ichino Andrea Gavosto Fondazione Giovanni Agnelli andrea.gavosto@fga.it la proposta La scuola Marilyn

Dettagli

Università degli Studi di SIENA

Università degli Studi di SIENA Page 1 of 6 Università degli Studi di SIENA Relazione del NdV Indicazioni e raccomandazioni home Appendice degli Allegati 4. Descrizione e valutazione delle modalità e dei risultati della rilevazione dell'opinione

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE 2000

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE 2000 RELAZIONE DEL 2000 EXECUTIVE SUMMARY La presente relazione si riferisce all attività dell Ateneo nell anno accademico 1999/2000, con alcune anticipazioni sull anno accademico 2000/2001, ed è articolata

Dettagli

BOZZA DI DECRETO LEGGE SUL MERITO

BOZZA DI DECRETO LEGGE SUL MERITO BOZZA DI DECRETO LEGGE SUL MERITO Recentemente siamo venuti a conoscenza della volontà del governo di presentare un disegno di legge sul merito che andrà presto in discussione alle Camere. Abbiamo analizzato

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Discorso per Piano strategico Atri, 30 maggio 2009. Il polo universitario quale opportunità di recupero della centralità territoriale

Discorso per Piano strategico Atri, 30 maggio 2009. Il polo universitario quale opportunità di recupero della centralità territoriale Discorso per Piano strategico Atri, 30 maggio 2009 Il polo universitario quale opportunità di recupero della centralità territoriale 1) Breve storia di Atri e dei corsi L Università degli studi di Teramo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Guida al Test On Line CISIA per la verifica delle conoscenze iniziali per l accesso ai Corsi di studio triennali di Ingegneria (TOLC-I) ANNO ACCADEMICO 2015/2016 (Decreto

Dettagli

Lettera del Magnifico Rettore agli studenti

Lettera del Magnifico Rettore agli studenti Lettera del Magnifico Rettore agli studenti Cari Allieve e Allievi del Politecnico di Milano, In questi giorni ho ricevuto molti messaggi da parte Vostra. In essi vi sono domande volte a cercare di comprendere

Dettagli

SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR.

SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR. Se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio capisco. (Confucio) Numero 3 SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR. Nell ultima seduta del Consiglio sono state graditissime ospiti

Dettagli

FISSATI I PALETTI AI CREDITI FORMATIVI

FISSATI I PALETTI AI CREDITI FORMATIVI Prot.1067/06/fnz-rm del 3 settembre 2006 FISSATI I PALETTI AI CREDITI FORMATIVI http://www.repubblica.it/2006/07/sezioni/scuola_e_universita/servizi/universita-governo/decretimussi/decreti-mussi.html Esami,

Dettagli

Nota per intervento - Convegno ANP Manifesto per la scuola & Codice deontologico per dirigenti e docenti

Nota per intervento - Convegno ANP Manifesto per la scuola & Codice deontologico per dirigenti e docenti Nota per intervento - Convegno ANP Manifesto per la scuola & Codice deontologico per dirigenti e docenti Il manifesto per la scuola che oggi presentate ha un grande valore per la scuola tutta. Richiama

Dettagli

L emigrazione dei ricercatori italiani M. Carolina Brandi CNR - IRPPS

L emigrazione dei ricercatori italiani M. Carolina Brandi CNR - IRPPS L emigrazione dei ricercatori italiani M. Carolina Brandi CNR - IRPPS Da circa venti anni si confrontano due teorie relative alle migrazioni altamente qualificate. Secondo l approccio circolazionista attualmente

Dettagli

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (Aprile 2013)

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (Aprile 2013) Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università Diplomati Anno Scolastico 2011/2012 Immatricolati Anno Accademico 2012/2013 (Aprile 2013) La presente pubblicazione fa riferimento

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

SCHEDA TECNICA PAS, TFA E EXCURSUS STORICO SU COSA C'ERA PRIMA DEGLI ATTUALI SISTEMI DI IMMISSIONE

SCHEDA TECNICA PAS, TFA E EXCURSUS STORICO SU COSA C'ERA PRIMA DEGLI ATTUALI SISTEMI DI IMMISSIONE SCHEDA TECNICA PAS, TFA E EXCURSUS STORICO SU COSA C'ERA PRIMA DEGLI ATTUALI SISTEMI DI IMMISSIONE NELL'INSEGNAMENTO Il reclutamento degli insegnanti nelle scuole statali avviene mediante contratto che

Dettagli

corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M. 270/04)

corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M. 270/04) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE Regolamento didattico di corso di studio (laurea di II livello) corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M.

Dettagli

Gli aspetti finanziari e i rischi per l autonomia

Gli aspetti finanziari e i rischi per l autonomia Gli aspetti finanziari e i rischi per l autonomia G. Sircana, 26 settembre 2006 Università degli Studi di Sassari II Conferenza sulla Didattica Buongiorno a tutti, e a tutti, in anticipo, le mie scuse.

Dettagli

ART. 1 Oggetto del Regolamento

ART. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA STRANIERA ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 1 comma 3 del Regolamento

Dettagli

Il Valore Economico dalla Scelta Universitaria

Il Valore Economico dalla Scelta Universitaria 19 novembre 2013 Il Valore Economico dalla Scelta Universitaria Studio su Scuola, Università e Lavoro dei giovani Milanesi tra il 1985 e il 2011 Autori: Massimo Anelli e Giovanni Peri (UC Davis) Introduzione

Dettagli

APPENDICE 2 Proposta di creazione di un fondo condiviso interest-free interno a Banca Etica di Giorgio Simonetti

APPENDICE 2 Proposta di creazione di un fondo condiviso interest-free interno a Banca Etica di Giorgio Simonetti APPENDICE 2 Proposta di creazione di un fondo condiviso interest-free interno a Banca Etica di Giorgio Simonetti In qualità di socio di Banca Etica vorrei lanciare la proposta di offrire un servizio simile

Dettagli

Struttura Didattica Speciale

Struttura Didattica Speciale Struttura Universitaria Interdipartimentale in Scienze Strategiche SUISS Struttura Didattica Speciale Due lauree triennali in Scienze Strategiche: Corso di laurea interdipartimentale e interateneo in Scienze

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO del Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza (Classe LMG01)

REGOLAMENTO DIDATTICO del Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza (Classe LMG01) REGOLAMENTO DIDATTICO del Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza (Classe LMG01) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Istituzione 1. E istituito presso la Facoltà di Giurisprudenza il Corso di Laurea

Dettagli

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste. Rilevazione 16 Dicembre 2013

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste. Rilevazione 16 Dicembre 2013 OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste Rilevazione 16 Dicembre 2013 Le notizie della settimana: i Forconi COSA RICORDANO GLI ITALIANI Le proteste in piazza/ il movimento dei

Dettagli

Focus Gli immatricolati nell anno accademico 2014/2015. Approfondimento: Il percorso universitario dei diplomati 2010.

Focus Gli immatricolati nell anno accademico 2014/2015. Approfondimento: Il percorso universitario dei diplomati 2010. Focus Gli immatricolati nell anno accademico 2014/2015 Approfondimento: Il percorso universitario dei diplomati 2010 (Maggio 2015) La presente pubblicazione fa riferimento a dati elaborati a Marzo 2015.

Dettagli

Emilio Matricciani Dipartimento di Elettronica e Informazione, Politecnico di Milano

Emilio Matricciani Dipartimento di Elettronica e Informazione, Politecnico di Milano Emilio Matricciani Dipartimento di Elettronica e Informazione, Politecnico di Milano Nel suo intervento, il Rettore del Politecnico di Milano ha presentato la decisione del Senato accademico di obbligare

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA. Nucleo di Valutazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA. Nucleo di Valutazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Nucleo di Valutazione Relazione sulla rilevazione delle opinioni degli studenti laureandi per l anno solare 2009 Roma 11 Maggio 2010 INDICE INTRODUZIONE 3 CARATTERISTICHE

Dettagli

F.A.Q. - Frequently Asked Questions

F.A.Q. - Frequently Asked Questions Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Provinciale di Milano F.A.Q. - Frequently Asked Questions E VERO CHE ANCHE NELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO ESISTONO TRE FASCE?

Dettagli

LAUREARSI IN OTTICA E OPTOMETRIA A NAPOLI

LAUREARSI IN OTTICA E OPTOMETRIA A NAPOLI LAUREARSI IN OTTICA E OPTOMETRIA A NAPOLI Cosa sono l Ottica e l Optometria? L ottica è la branca della fisica che descrive il comportamento e le proprietà della luce e l interazione della luce con la

Dettagli

Newsletter Ufficio Programmi Internazionali

Newsletter Ufficio Programmi Internazionali Newsletter Ufficio Programmi Internazionali Università degli Studi di Bergamo 01/06/2015 Bimestrale, Numero 4 Prepararsi alla partenza. Pronti? Via!!! Aspettative vs realtà Ogni partenza porta con sé,

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I Finalità e Ordinamento didattico Art. 1 Premesse e Finalità

Dettagli

GUIDA AI TEST PER L AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA

GUIDA AI TEST PER L AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA GUIDA AI TEST PER L AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IL NUMERO PROGRAMMATO numero massimo di studenti che un Corso di Laurea intende immatricolare Nell anno accademico 2014/2015 tutti i Corsi di Laurea e

Dettagli

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Regolamento didattico del Corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche (L-24 Classe delle Lauree in Scienze e tecniche psicologiche)

Dettagli

Relazione sul soddisfacimento dei requisiti necessari dei corsi di studio della Facoltà di Ingegneria. Anno Accademico 2008-2009

Relazione sul soddisfacimento dei requisiti necessari dei corsi di studio della Facoltà di Ingegneria. Anno Accademico 2008-2009 Relazione sul soddisfacimento dei requisiti necessari dei corsi di studio della Facoltà di Ingegneria Anno Accademico 2008-2009 Premessa Con il recente D.M. n. 544/2007, il MiUR ha definito i requisiti

Dettagli

Il successo degli studenti del liceo Cornaro all Università di Padova nell anno accademico 2010-11

Il successo degli studenti del liceo Cornaro all Università di Padova nell anno accademico 2010-11 Il successo degli studenti del liceo Cornaro all Università di Padova nell anno accademico 2010-11 Materiali per l autovalutazione e la rendicontazione sociale Settembre 2011 Il successo degli studenti

Dettagli

Il problem solving in classe Scuola primaria. Primo incontro 4 dicembre 2015 Pietro Di Martino dimartin@dm.unipi.it

Il problem solving in classe Scuola primaria. Primo incontro 4 dicembre 2015 Pietro Di Martino dimartin@dm.unipi.it Il problem solving in classe Scuola primaria Primo incontro 4 dicembre 2015 Pietro Di Martino dimartin@dm.unipi.it PREMESSA I perché della scelta del percorso di quest anno Problem solving I giochi e le

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

Report della Consultazione

Report della Consultazione AFAM Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica Graduatorie nazionali per il conferimento degli incarichi a tempo determinato Report della Consultazione Ecco la bozza del bando, aiutaci a migliorarla

Dettagli

INDAGINE ALMADIPLOMA SULLE SCELTE FORMATIVE E OCCUPAZIONALI DEI DIPLOMATI 2014

INDAGINE ALMADIPLOMA SULLE SCELTE FORMATIVE E OCCUPAZIONALI DEI DIPLOMATI 2014 INDAGINE ALMADIPLOMA SULLE SCELTE FORMATIVE E OCCUPAZIONALI DEI DIPLOMATI 2014 Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2)

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Riprendiamo l analisi interrotta nel corso della precedente lezione b) struttura dialogica del fatto educativo Per rispondere a criteri ermenutici, l

Dettagli

Istituto Superiore di Scienze Religiose Sassari

Istituto Superiore di Scienze Religiose Sassari P O N T I F I C I A F A C O L T À T E O L O G I C A D E L L A S A R D E G N A Istituto Superiore di Scienze Religiose Sassari Largo Seminario, 5-07100 Sassari Tel. 079.2021840/845 Fax 079.2021841 email

Dettagli

CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE?

CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE? CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE? Se metti in soldi in banca che tasso di interesse ti danno? Il 2% forse. Se compri obbligazioni quale rendimento ti puoi aspettare? Quelle buone e non troppo rischiose

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

Indagine conoscitiva sulle aspettative ed esperienze degli alunni dell'ipc di Brunico

Indagine conoscitiva sulle aspettative ed esperienze degli alunni dell'ipc di Brunico Indagine conoscitiva sulle aspettative ed esperienze degli alunni dell'ipc di Brunico AUTORI: prof.ssa Francesca Ercoli, Pitscheider Christian, Di Marino Luca, Massacci Sara, Rautmann Anna. INTRODUZIONE:

Dettagli

La nuova Europa, la nuova Romania: opportunità e prospettive.

La nuova Europa, la nuova Romania: opportunità e prospettive. La nuova Europa, la nuova Romania: opportunità e prospettive. Il punto di vista italiano sull allargamento dell UE. Intervento del dr. Angelo Pollina Consigliere regionale e Presidente della Commissione

Dettagli

I WORKSHOPS PER APPRENDERLA

I WORKSHOPS PER APPRENDERLA LA NUOVA FRONTIERA DELLA VENDITA DEI PRODOTTI BANCARI E ASSICURATIVI I WORKSHOPS PER APPRENDERLA WORKSHOP CRUCIALITY APPROACH (UNA GIORNATA) WORKSHOP SOLVENCY MANAGEMENT della FAMIGLIA (UNA GIORNATA) WORKSHOP

Dettagli

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI LA SCUOLA La Scuola di specializzazione per le professioni legali nasce nel 2001 su iniziativa dell Università degli Studi di Pavia e dell Università

Dettagli

II EDIZIONE DEL MASTER INTERUNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN Sviluppo Competitivo Sostenibile E Responsabilita Di Impresa

II EDIZIONE DEL MASTER INTERUNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN Sviluppo Competitivo Sostenibile E Responsabilita Di Impresa II EDIZIONE DEL MASTER INTERUNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN Sviluppo Competitivo Sostenibile E Responsabilita Di Impresa Atenei che collaborano in regime di convenzione: Università degli Studi di Napoli

Dettagli

Barbara Pes Manager didattico Facoltà di Economia. Un analisi dei rendimenti della didattica delle Facoltà: punti di forza e di debolezza*

Barbara Pes Manager didattico Facoltà di Economia. Un analisi dei rendimenti della didattica delle Facoltà: punti di forza e di debolezza* Barbara Pes Manager didattico Facoltà di Economia Un analisi dei rendimenti della didattica delle Facoltà: punti di forza e di debolezza* I Manager didattici hanno il principale obiettivo di facilitare

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Fisica

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Fisica Scuola di Scienze e Tecnologie corso di laurea (I livello) Fisica L-30 3 anni sede: Camerino via Madonna delle Carceri 9 crediti complessivi da acquisire: 180 www.unicam.it www.sst.unicam.it/sst Presentazione

Dettagli

Scaricato da http://www.italiaoggi.it Tutti i diritti riservati ai legittimi titolari. Art.1

Scaricato da http://www.italiaoggi.it Tutti i diritti riservati ai legittimi titolari. Art.1 D i s c i p l i n a d e l l e c l a s s i d i l a u r e a t r i e n n a l i Art.1 1. Il presente decreto definisce, ai sensi dell'articolo 4 del decreto ministeriale 22 ottobre 2004, n. 270, le classi

Dettagli

Come è noto, in Europa sussistono grandi differenze tra i servizi sanitari, sia per quel

Come è noto, in Europa sussistono grandi differenze tra i servizi sanitari, sia per quel FO Focus on La revisione della spesa 6 Spesa sanitaria e sistema di welfare in tempi di crisi economica di Giuseppe Zuccatelli Presidente Agenas Come è noto, in Europa sussistono grandi differenze tra

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

Il sistema universitario giapponese: la situazione odierna delle scienze umane in Giappone

Il sistema universitario giapponese: la situazione odierna delle scienze umane in Giappone Kosuke Kunishi Il sistema universitario giapponese: la situazione odierna delle scienze umane in Giappone [Relazione letta all Istituto Italiano di Studi Filosofici di Napoli, marzo 2011] Oggi vorrei parlare

Dettagli

1 Istruzione. 1.1 Asilo nido o nido d infanzia

1 Istruzione. 1.1 Asilo nido o nido d infanzia 1 Istruzione In Italia esiste il diritto-dovere all istruzione e alla formazione che inizia a 6 anni. Il sistema nazionale di istruzione è rappresentato dalle scuole pubbliche e private. La scuola dell

Dettagli

DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI

DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI ASSEMBLEA PRESIDENTI DEL 7 SETTEMBRE 2010 CONGRESSO NAZIONALE DEGLI ORDINI PROVINCIALI A TORINO GLI INGEGNERI IN ITALIA L evoluzione dell ingegneria negli ultimi decenni,

Dettagli

Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 Stefano Sirri, Psico-Pratika N 16

Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 Stefano Sirri, Psico-Pratika N 16 Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 OFFERTE LAVORO PSICOLOGI: Consigli per trovare lavoro in psicologia Trovare lavoro come psicologi non è sempre semplice.

Dettagli

G R A D O D I I S T R U Z I O N E

G R A D O D I I S T R U Z I O N E 1 GRADO DI ISTRUZIONE Italia, Regione Puglia, Provincia di Bari e città di Bari e Conversano (BA) CENSIMENTI: 1951 / 2001 Indagine statistica di VINCENZO D APRILE ********** Quasi un miliardo di persone,

Dettagli

Art. 1 Obiettivi formativi Art. 2 Sbocchi professionali

Art. 1 Obiettivi formativi Art. 2 Sbocchi professionali REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO VVAALLOORRI IIZZZZAAZZI IIOONNEE EE GGEESSTTI IIOONNEE DDEEI II BBEENNI II CCOONNFFI IISSCCAATTI AALLLLAA CCRRI IIMMI IINNAALLI IITTÀÀ

Dettagli