Everybody need resources to live, but where are those resources coming from?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Everybody need resources to live, but where are those resources coming from?"

Transcript

1 Everybody need resources to live, but where are those resources coming from? We, the 3 rd classe of San Carpoforo Secondary school in Como and the 4 th classe of Ramella Primary school in Vigevano, decided to work about sustainable waste management, because in everything we throw away there's always something which could be useful, and we have learned with our project to reuse and recycle. We ve done a lot of practical activity: making compost with our food waste at school and at home, reusing old garments and discarded buttons, cardboard boxes, empty plastic bottles and glass jars and everything become a brand new, useful object made of old materials but with a new life. With the latest multimedia technologies we ve filmed our workshops, taken pictures, mounted videos and created interactive presentations; we ve interviewed some experts in waste management and other great minds who inspired us in going ahead with this effort. In our project we ve learned a lot, and what we learn when we're kids is staying with us for our entire life: let the waste not be wasted, make it become another resource for ourselves, for everybody! Tutti abbiamo bisogno di risorse per vivere, ma da dove arrivano queste risorse? Noi, le classi terza secondaria dell Istituto San Carpoforo a Como e quarta primaria dell Istituto comprensivo di Vigevano, abbiamo deciso di lavorare sull argomento della sostenibilità ambientale nella gestione dei rifiuti, perché in ogni cosa che buttiamo c è sempre qualcosa che potrebbe essere utile, e con il nostro progetto abbiamo imparato a riusare e riciclare. Abbiamo fatto molte attività pratiche: la preparazione del compost con gli scarti del cibo a casa e a scuola, il riuso di vecchi abiti e bottoni staccati, scatole di cartone, bottiglie di plastica e vasetti di vetro vuoti ed ogni cosa è diventata un oggetto utile e nuovo di zecca, fatto di vecchi materiali ma con una nuova vita. Abbiamo filmato I nostri laboratori usando le tecnologie più moderne, scattato fotografie digitali, montato video e creato presentazioni interattive; abbiamo intervistato esperti nella gestione dei rifiuti e altri grandi personaggi che ci hanno inspirati a continuare a lavorare su questo progetto. Abbiamo imparato molto, e ciò che impariamo da ragazzi rimarrà con noi per tutta la nostra vita: non buttiamo i nostri scarti, facciamoli diventare nuove risorse per noi e per tutti!

2 Indice Introduzione... 3 I rifiuti e la loro storia... 4 Raccolta dei rifiuti nella PREISTORIA... 4 Raccolta dei rifiuti nella GRECIA ANTICA... 5 Raccolta dei rifiuti nella ROMA ANTICA... 5 Raccolta dei rifiuti nel MEDIOEVO... 6 Raccolta dei rifiuti nel RINASCIMENTO... 7 E POI? L età moderna... 7 L età contemporanea... 8 Definizioni... 9 RIFIUTO... 9 PACKAGING... 9 RICICLAGGIO LA CARTA IL VETRO IL FERRO L ALLUMINIO LA PLASTICA AMBIENTE ARIA ACQUA Il Compost Familiare La raccolta differenziata Porta a porta Como, la Raccolta Differenziata Tre Bidoni Colorati Una sede ad Impatto Zero Perche fare la raccolta differenziata Carta e cartone Organico Plastica Indifferenziato I nostri Video Il Rap CIBO & RICICLO Leonardo Da Vinci preoccupato dai rifiuti Zero Waste Conclusioni Pagina 2

3 Introduzione I bambini e i ragazzi sono stati motivati al lavoro di gruppo con l intento di promuovere una prima fruizione della consapevolezza della necessità di agire una forma di cittadinanza attiva. UN APPROFONDIMENTO PARTICOLARE RIGUARDO ALLA RACCOLTA DEI RIFIUTI E STATO FATTO IN MODO COLLABORATIVO E INTEGRATO DAI DUE TEAM. IL DOCUMENTO MULTIMEDIALE PRODOTTO E IL VIDEO AWARE (ctrl+click sull immagine per far partire il video): Istituto Comprensivo Via Botto Vigevano Scuola Primaria Vittorio Ramella CLASSE QUARTA PRIMARIA Docente: Barbaglia Susanna Istituto Comprensivo San Carpoforo Como Scuola secondaria di primo grado CLASSE TERZA SECONDARIA Docente: Fiumara Linda Pagina 3

4 I rifiuti e la loro storia Prima di tutto vogliamo proporvi una breve carrellata su cosa accadeva ai rifiuti dal giorno in cui l uomo ha sentito la necessità di vivere insieme. Raccolta dei rifiuti nella PREISTORIA Ecco il nostro dialogo sulla preistoria: A B C D L uomo primitivo non produceva rifiuti. Niente di niente? Ma va là! Le ossa del pollo non le mangiavano ecco un rifiuto. E la cacca? La cacca la facevano? A Certo che la facevano. L ominide si liberava dove si trovava e non doveva neppure tirare l acqua dello sciacquone perché prima o poi sarebbe piovuto. B C B C D B D A B Io so quale fu il primo rifiuto della storia dell uomo. Ma dai non fare il saputello Macché saputello e saputello: il primo rifiuto fu il torsolo della mela che Eva diede ad Adamo. Eh sì, adesso dimmi che i nostri progenitori furono cacciati dal Giardino perché sporcavano! Ho sentito dire che l uomo primitivo era egli stesso un rifiuto Sì erano tutti torsoli di mela ma zittisciti! Smaltisciti, sì smaltisciti! Per molti secoli Secoli? E roba da mangiare? A Secolo vuol dire cento anni! Dicevo che per molti secoli l immondizia prodotta dall uomo nel suo vivere quotidiano è stata poca cosa e di facile smaltimento. B D Smaltimento, si fa presto a dire parolone, smaltimento che vuol dire? Allora dimmi tu che vuol dire rifiuto. B Ho sentito mio fratello una volta dire che rifiuto è qualunque cosa di cui il detentore abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi. C Parole difficili anche mia sorella spiegava a una sua amica che lo smaltimento è la procedura attraverso la quale ci si libera di qualcosa di ingombrante e fastidioso. D Ecco, vado casa e smaltisco mio fratello Gino: lo metto in un cassonetto! Pagina 4

5 A Dai facciamo i seri che il tempo passa e l uomo primitivo da eterno vagabondo all affannosa ricerca di animali da uccidere per sfamarsi è diventato contadino, allevatore, artigiano e si è messo a vivere in capanne che non disfava ogni volta che doveva rincorrere un branco di renne e che, finalmente, lo proteggevano da pioggia o sole. B Dimmi anche che usa il fuoco per i suoi bisogni personali C Certo che te lo dico: abbrustolisce a fuoco vivo bei cosciotti di cinghiale, si scalda, tiene lontano gli animali feroci. D Ho una domanda: se l uomo comincia a vivere in gruppi, in villaggi, insomma a vivere in compagnia, il fare la cacca diventa un problema. Infatti io mi chiedo dove va a farla? Nella capanna, oppure appena fuori o lontano cento passi? B Ma dai, non sanno contare: va a farla fin dove non si sente il puzzo. A Voi scherzate ma sarà, questo della cacca, un problema serio: pensate ai rifiuti organici di un villaggio, di una città Pensate e odorate! Si sarebbe posto anche il problema di liberarsi dei rifiuti solidi derivati dagli scarti prodotti dalle attività artigianali. Si sarebbe posto il problema pratico di come e dove smaltire tutta la spazzatura prodotta. Raccolta dei rifiuti nella GRECIA ANTICA Di solito si pensa alla Grecia antica, culla di grandi pensatori, come luogo di ordine e pace. Niente di più sbagliato: anche loro si rotolavano nella sporcizia. I grandi saggi, pensa e ripensa, capirono che l immondizia doveva essere levata dalle strade e inventarono gli spazzini che provvedevano a levare soprattutto escrementi. Un lavoro svolto da schiavi. Furono proprio loro a inventare il vaso da notte ed era proprio il contenuto di questa anfora ad essere buttato in strada. Inoltre i netturbini raccoglievano anche gli scarti delle lavorazioni delle botteghe artigiane e li portavano in grandi buche che avevano predisposto lontano dall abitato. Far sparire i rifiuti si è da subito dimostrato un problema di difficile soluzione. Raccolta dei rifiuti nella ROMA ANTICA Roma da piccolo villaggio di pastori si trasformò in una grande città: i piccoli problemi di raccolta e smaltimento rifiuti divennero enormi. Si applicarono alla loro risoluzione generali e imperatori. A loro dobbiamo l idea delle fognature, infatti la CLOACA MASSIMA altro non è che una enorme fognatura che portava i rifiuti organici dalle case ricche al Tevere. Nei quartieri poveri era invalsa l abitudine di gettare i rifiuti dalle finestre direttamente in strada, dopo aver lanciato un urlo di preavviso. Pagina 5

6 Anche a Roma si organizzò un servizio di pulizia urbana pagato sia dai privati che dalla pubblica amministrazione. I rifiuti, di qualunque tipo, venivano conferiti in discariche primitive, lì sotterrati e affidati a Mefitis, la dea della puzza. Ma i rifiuti potevano anche essere ammassati fino a formare vere e proprie collinette. Fu merito dell imperatore Vespasiano l ideazione e l utilizzo degli orinatoi; fece costruire 144 latrine pubbliche per permettere ai cittadini romani di soddisfare i loro bisogni in santa pace. La si metta come si vuole, il trattamento dei rifiuti fu nella Roma antica un problema affrontato in modo attento e con intenzioni serie, ma con i limiti dei tempi. Ad esempio l idea della raccolta differenziata era presente, infatti si raccoglieva la pipì per sbiancare la lana, ma non si andava oltre e nelle discariche si raccoglieva di tutto e senza protezione dell impermeabilizzazione della buca. Gli accorgimenti e le attenzioni degli antichi Romani non furono compresi dalle popolazioni che invasero i territori dell Impero Romano. Queste invasioni iniziarono nel 500 dopo la nascita di Cristo: intere popolazioni del nord Europa occuparono i territori dell Impero portando le loro abitudini di vita che erano veramente primitive e non interessate a pulizia e igiene. Raccolta dei rifiuti nel MEDIOEVO L occupazione da parte delle popolazioni nordiche dei territori dell Impero Romano causarono lo spopolamento delle città perché le persone cercavano rifugio in piccoli paesi. Questo fuggi fuggi permise a chi rimaneva in città di vivere in condizioni igieniche migliori: meno gente meno immondizia! Chi, poi, avesse scelto di vivere in campagna, nei piccoli paesi, poteva dirsi fortunato perché, essendo in pochi, si riusciva a gestire la produzione e lo smaltimento dei rifiuti in modo naturale. Ma passata la crisi causata dalle invasioni barbariche si tornò alle condizioni igieniche precedenti, perché le città ricominciarono a ripopolarsi e quindi i problemi di pulizia e igiene si ripresentarono. Attorno all anno 1000 dopo la nascita di Cristo era questa la situazione: - l igiene, cioè la pulizia, non si sapeva cosa fosse: si intuiva che una maggiore pulizia avrebbe forse potuto evitare le pestilenze che periodicamente uccidevano migliaia di persone; - si capiva che le malattie avevano a che fare con l acqua con cui ci si lavava e che si beveva e quindi lavarsi e bere acqua putrida portava a gravi malattie. Temutissima era la peste; - i preti convincevano le persone che chi meno si lavava più in fretta raggiungeva il Paradiso perciò chi più puzzava più benvoluto da Dio era.; - si pensava che i miasmi e il puzzo che provenivano dai rifiuti organici potessero avere una funzione curativa: annusa che ti passa! - i maiali erano gli animali più rispettati, essendo in pratica gli spazzini della città, infatti ci si affidava alla loro voracità e alla loro mancanza di disgusto per una minima pulizia delle strade: mangiavano tutto quanto di schifoso si frapponesse al raggiungimento della successiva schifezza. Pagina 6

7 Raccolta dei rifiuti nel RINASCIMENTO Questo periodo storico ebbe come emblema, per quanto riguarda l immondizia, le parole: CHI SPORCA PULISCE. I cittadini vennero invitati a collaborare alla pulizia della città e si stabilirono multe e punizioni per chi non si adeguava. I risultati furono però scarsi se si pensa che ancora dalle finestre si gettava in strada cacca e pipì, sempre anticipando il lancio con un grido di preavviso. Quindi le strade erano ancora usate come latrine pubbliche. Se la parola Rinascimento fa venire in mente una situazione di miglioramento, non sempre e non ovunque fu così. Sembra che solamente in Olanda ci fosse la consapevolezza della necessità di vivere in luoghi puliti per avere la sicurezza di non contrarre malattie gravi. In Italia ci fu un personaggio molto famoso, Leonardo da Vinci, che nella sua descrizione della città ideale la prevedeva come luogo di piacere per la pulizia che la caratterizzava e già capiva la necessità di allontanare l immondizia dalle case. Inoltre aveva capito che si poteva avere spazi di vita in buone condizioni igieniche se si viveva in piccole comunità. Infatti le persone che potevano permetterselo lasciavano le città per raggiungere le loro ville di campagna E POI? L età moderna Via via si capì l importanza di risolvere il problema dei rifiuti e si cominciarono a costruire, soprattutto nelle grandi città, le fogne. Il sistema fognario consiste nella costruzione di canali sotterranei in cui convogliare i rifiuti organici (pipì, popò e perepepè) che venivano così trasportati fuori dalla città e riversati in un corso d acqua. Come si può ben intuire il problema veniva allontanato ma non risolto, infatti i fiumi erano trasformati in malsane cloache a cielo aperto. Inoltre qua e là, nelle maggiori città europee, si organizzarono le prime squadre di spazzini destinati a raccogliere l immondizia nelle strade. Non si dimentichi che si iniziò a imporre una tassa sui rifiuti e che furono autorizzati gli inceneritori domestici e pubblici. Non fu cosa da poco l invenzione e la successiva diffusione del water closet (W.C.); non da meno fu l utilizzo della raccolta dei rifiuti con bidone individuale. Questi accorgimenti diffusi a macchia di leopardo, a poco a poco si utilizzarono quasi ovunque e la lotta contro cacca e resti alimentari si cominciò a vincere. Ma un altra battaglia dovrà essere ingaggiata e sarà quella contro nuovi rifiuti. Infatti attorno al 1800 si diffuse l uso della macchina a vapore che permise la produzione di notevoli quantità di merci utilizzando nuovi modi di lavoro. Queste innovazioni vanno sotto il nome di prima rivoluzione industriale che causò l immissione in aria di rifiuti gassosi (smog) e la dispersione nell ambiente dei resti delle lavorazioni. Pagina 7

8 L età contemporanea L età contemporanea è caratterizzata dall avvento dell utilizzo della plastica e da quella che viene chiamata la seconda rivoluzione industriale. La plastica è un prodotto derivato dal petrolio e inventato dall uomo. Con questo materiale si produce la maggior parte dei beni di consumo che in breve tempo si trasformano in rifiuti. L abbondanza causa il fenomeno dell usa e getta: nessuno pensa a riparare le cose che del resto sono programmate per durare poco. Il risultato è una crescita abnorme dei rifiuti che sono diventati il simbolo negativo della ricchezza e del benessere. Solo ultimamente si praticano il riciclaggio, il recupero e il riutilizzo. Pagina 8

9 Definizioni Per poter parlare in modo efficace di un argomento è necessario essere d accordo sul significato dei termini principali, quindi vi presentiamo alcune definizioni. RIFIUTO Cos è un rifiuto? O meglio cosa sono i rifiuti? A questa domanda molte sono le possibili risposte. Con la parola r i f i u t o si indica un qualcosa che buttiamo via perché è inservibile, inutilizzabile, vecchio, usurato. Può trattarsi dell involucro di un oggetto; ciò che avanziamo dopo un pasto abbondante; un giocattolo strausato. Consideriamo, quindi, rifiuto qualcosa che non ci serve e di cui ci priviamo senza sforzo e senza recriminare. Un avvocato direbbe che un rifiuto è qualsiasi sostanza od oggetto derivante dall attività umana o da cicli naturali, abbandonato o destinato all abbandono. Un industriale direbbe che i rifiuti sono materiali usciti dal ciclo produzione- commercializzazione- utilizzo. I rifiuti non sono tutti uguali, ce ne sono di diversi tipi e una prima elencazione potrebbe essere la seguente: - privati - rifiuti solidi urbani che derivano da attività svolte in locali pubblici (bar, uffici, ristoranti, scuole) e rifiuti pericolosi quali sono pile e batterie esaurite, vernici, solventi e insetticidi, farmaci scaduti - rifiuti ingombranti perché sono di grandi dimensioni, possono essere i televisori, i computer, frigoriferi, lavatrici, lavastoviglie - - rifiuti industriali cioè gli scarti prodotti dalle lavorazioni nelle grandi e piccole fabbriche. rifiuti elettronici cioè cellulari, computer, stampanti, lettori, televisori, frigoriferi - rifiuti invisibili cioè i rifiuti che non vediamo; sono le emissioni gassose inquinanti degli impianti di riscaldamento, i fumi delle ciminiere delle fabbriche, i gas di scarico delle automobili. E, udite udite, tutte le puzzette che emettono i milioni di bovini allevati per fare bistecche. Sappiate che il gas di scarico delle mucche inquina quanto l intero parco macchine in circolazione. PACKAGING I prodotti per essere venduti vanno spostati dal luogo di produzione al luogo in cui verranno usati. Non è buona cosa che in seguito a questo trasporto vadano a deteriorarsi e quindi è opportuno che vengano protetti. Questa protezione si chiama packaging, cioè imballaggio, la cui funzione è quella di contenere e proteggere le merci nel passaggio dal luogo di produzione a quello del consumo. Ai nostri giorni succede che l imballaggio serva anche per attirare l attenzione degli acquirenti e per indurli ad acquistare il prodotto. Pagina 9

10 Può capitare che costi di più il contenitore del contenuto e che il packaging possa risultare anche eccessivo. Inoltre l imballaggio va smaltito e qui cominciano le dolenti note perché è sempre difficile collocare gli imballaggi di cui sono forniti i vari prodotti. Il packaging può, quindi, essere considerato un r i f i u t o di difficile smaltimento. RICICLAGGIO Riciclare vuol dire rimettere nel ciclo e non è la stessa cosa di riutilizzare. Un oggetto si riutilizza così com è, oppure aggiustato se è rotto; per riciclarlo invece è necessario recuperare il materiale di cui è fatto e con esso costruire un nuovo oggetto, uguale o diverso come forma e uso rispetto a quello originario. Noi diciamo che abbiamo riciclato un oggetto anche quando lo riutilizziamo perché queste due operazioni spesso si possono fare con gli stessi oggetti. Le bottiglie di vetro, ad esempio, possono essere riutilizzate oppure riciclate. Quando compri l acqua minerale in bottiglie di vetro e poi le restituisci vuote al negoziante, quelli che imbottigliano l acqua minerale passano a ritirarle, le portano in fabbrica, le lavano e le sterilizzano e poi le riempiono ancora di acqua e le rimandano al negoziante. Questa operazione non costa molto perché il camion che va in giro a distribuire le bottiglie piene ritira quelle vuote, in questo modo non fa il viaggio di ritorno a vuoto cioè senza portare niente. Quando invece butti nelle campane le bottiglie di vetro a perdere, cioè che non vengono ritirate da chi le ha messe in commercio, sai che verranno riciclate, cioè verrà rimesso nel ciclo produttivo il vetro con il quale verranno costruite altre bottiglie. Riciclando il materiale si hanno due vantaggi: si risparmia il costo della materia prima e il lavoro necessario per produrla. LA CARTA La carta si ricava da diversi alberi come il pino, l abete, il larice, il pioppo, il faggio, il castagno, la betulla, l eucalipto. Si ricava anche dalla paglia di grano, di riso. Fino a 100 anni fa si ricavava principalmente dagli stracci, perché gli uomini non avevano ancora scoperto come si poteva ricavare dalle piante. La storia di un foglio di carta incomincia col primo colpo di scure o il primo giro di sega per abbattere un albero. Gli alberi vengono abbattuti, scortecciati e ridotti in tronchi. Poi vengono avviati alle fabbriche di cellulosa per la stagionatura e la successiva lavorazione. Il trasporto avviene con diversi mezzi a seconda del posto in cui vengono abbattuti gli alberi: per via d acqua, per ferrovia, funivia, con autocarri e con altri mezzi ancora. Dopo un periodo di stagionatura i tronchi vengono avviati a speciali macchine trituratrici che li riducono in fibre e li trasformano in cellulosa che viene poi inviata alle cartiere. Le fibre sono dei filamenti che intrecciati e pressati formeranno la carta. Quando la cellulosa arriva nelle cartiere viene trasformata in carta attraverso un processo di lavorazione abbastanza complesso e con l uso di macchine speciali. Per fabbricare la carta serve moltissima acqua ed è per questo che le cartiere si trovano vicino ai fiumi o a grandi canali. Pagina 10

11 In Italia non abbiamo una grande produzione di cellulosa e quindi dobbiamo comprarla all estero. Dobbiamo importare anche carta da macero perché il nostro servizio di raccolta di carta usata non è ben organizzato. La carta da macero, cioè quella che viene recuperata per essere riciclata, una volta raccolta viene avviata ai depositi dove apposite macchine la triturano e poi viene pressata e avviata alle cartiere. Qui viene frullata e sbiancata. Riciclando la carta si risparmia tutto il lavoro per la produzione della cellulosa e non si tagliano alberi. IL VETRO Il vetro si ricava dalla sabbia alla quale vengono aggiunte soda, calce. Il tutto viene mescolato in un grande recipiente e scaldato in forno fino a 1500 gradi; si ottiene così una pasta molle e calda che può essere lavorata a piacere con gli strumenti adatti. Con il vetro si produce di tutto e di più; se ti guardi attorno te ne accorgerai: vetrine, finestre, bottiglie, bicchieri, occhiali, biglie ecc. ecc. Si dice che il vetro ha mille vite perché una bottiglia può essere usata all infinito: lavandola e riusandola finché è intatta e riciclandola quando è rotta. Oggi ci sono le campane per la raccolta del vetro destinato al riciclaggio. Quando gli incaricati passano a vuotare le campane portano il vetro usato in apposite fabbriche dove entra in ciclo di lavorazione che alla fine produrrà nuovi contenitori. In fabbrica si eliminano le parti esterne come i tappi, poi si riduce il vetro a pezzi di due- tre centimetri, quindi una gigantesca calamita elimina eventuali resti di ferro, un mega aspiratore elimina le parti leggere come i residui dei tappi, infine passa un grande metaldetector che elimina i metalli non attirati dalla calamita. A questo punto il vetro è pronto per il forno di fusione da dove ricomincia la sua nuova vita. IL FERRO Il ferro è un metallo che si trova in alcuni minerali che vengono estratti dalle miniere e trasportati in altoforni dove il calore fa sciogliere il ferro che viene separato dai minerali. Il ferro prodotto nell altoforno è ferro grezzo, cioè ghisa. Viene quindi ancora fuso, purificato e trasformato soprattutto in acciaio. Queste operazioni richiedono temperature che raggiungono i 2000 gradi. Il ferro e l acciaio vengono usati per produrre oggetti e utensili utili nel quotidiano: una chiave, una puntina, un chiodo, un martello, l inferriata di una finestra. Ma anche per costruire automobili e treni, aerei e navi serve il ferro, da solo oppure unito ad altri metalli (leghe). Nel cemento armato che forma la struttura di molte case c è il ferro. In piccolissima quantità è indispensabile alla vita degli esseri viventi. Nel nostro corpo ci sono 3,5 grammi di ferro: servono alla formazione dell emoglobina che si trova nei globuli rossi del sangue. Pagina 11

12 Riciclare il ferro è importante perché permette di evitare alcune delle fasi di produzione: dall estrazione dalle miniere fino all arrivo all altoforno. Inoltre non deve essere più purificato e quindi può essere riutilizzato con risparmio di lavoro e di energia. L ALLUMINIO L alluminio è molto abbondante nelle viscere della Terra ma è sempre abbinato con altri minerali dai quali bisogna separarlo con un lungo e complesso processo di lavorazione che richiede l impiego di molta energia. L alluminio viene usato sia puro che in lega con altri metalli e per le sue caratteristiche trova largo uso sia nella vita quotidiana delle persone (pensa alle lattine delle bibite) che nell industria. E di colore bianco- argenteo e può essere ridotto in fili molto sottili o in fogli dello spessore di pochi millesimi di millimetro come quelli che usiamo in casa per conservare alcuni alimenti. E leggero e resistente, conduce bene il calore ed è per questo che viene usato nella costruzione di pentole e di altri recipienti da cucina. Oggi l alluminio, specialmente nelle sue leghe, è il metallo più importante nella costruzione di aerei, parti di motori, carrozzerie di automobili e di autobus, autocarri e carrozze ferroviarie. Ricavare l alluminio costa molto e quindi recuperare quello usato vuol dire risparmiare molto. LA PLASTICA La plastica oggi fa parte della nostra vita come e forse di più dei metalli e del vetro. E stata un importante invenzione dell uomo ma ci sta creando molti problemi. E ricavata dal petrolio attraverso complessi processi di lavorazione. Ma la cosa più straordinaria è che è stata creata dall uomo in laboratorio e quindi non esiste in natura. Essa ha tanti pregi: è pratica e maneggevole, può essere leggera o pesante a seconda dell impiego cui è destinata, rigida o flessibile, opaca o trasparente. A scuola sembra di vivere in un mondo di plastica: zainetti, astucci, pennarelli, penne a sfera, temperamatite, cestini dei rifiuti, spesso anche banchi e mobili e altre cose che abbiamo intorno, sono di plastica. Nelle nostre case non è meno presente e al supermercato vediamo che le merci di plastica sono molte e che le altre spesso hanno un imballaggio di plastica. In natura esiste una legge: per ogni cosa che deriva da esseri viventi c è una sostanza (enzima) capace di demolirla evitando che si accumuli: è biodegradabile. La plastica è artificiale, non viene riconosciuta dalla natura come un suo prodotto e quindi n o n è c a p a c e d i r i c i c l a r l a. Essa ha due sole destinazioni: o si accumula o si brucia. Se si brucia c è il pericolo che durante la combustione si formino sostanze pericolose per la nostra salute come la diossina; se si accumula ce la ritroviamo dovunque. Lungo i fiumi spesso i sacchetti di plastica pendono dagli alberi delle rive deturpando l ambiente: nel mare galleggiano e vanno alla deriva e i grossi pesci che li ingoiano possono soffocare. Pagina 12

13 AMBIENTE Ambiente è una parola dal significato complesso. Quanti significati ha la parola ambiente? Ne ha molti e viene usata in molte situazioni tanto che spesso si sente la necessità di specificarla, di individuarla unendola ad un aggettivo che la contestualizzi. Infatti si parla di ambiente naturale, sociale, urbano, sportivo Ambiente è ciò che circonda, ciò che sta intorno: per un pesce l ambiente subacqueo è dato dall acqua in cui è immerso. Anche una camera è un ambiente, come pure un gruppo di persone possono fare da ambiente. Si dice ambiente familiare, ambiente scolastico per indicare persone accomunate da interessi o affetti. ARIA L aria è intorno a noi e intorno a tutta la Terra, anche se non si vede. Ma è la prima cosa che ci occorre per vivere. Ogni essere vivente ha bisogno di aria e da ogni essere che respira esce aria usata. Questa aria usata viene pulita dalle foglie degli alberi che la assorbono, se ne servono per il loro nutrimento e restituiscono aria pura. Le piante fanno questo lavoro con la luce del sole. Tutto ciò che brucia produce aria sporca, molto più sporca di quella che esce dagli esseri che respirano. Questa aria non può essere purificata dalle piante e l aria diventa inutilizzabile, anzi è dannosa e diventa un r i f i u t o inutilizzabile. ACQUA L acqua non è un bene inesauribile: l aumento della popolazione mondiale, l inquinamento e i cambiamenti climatici mettono in crisi la possibilità di approvvigionarsi d acqua. Inoltre gli scarichi civili e industriali, i fertilizzanti e i pesticidi che si usano in agricoltura avvelenano l acqua sotterranea. Infatti si usano i prodotti chimici per sterminare gli insetti e per far crescere i raccolti più in fretta. Questi prodotti sono molto pericolosi perché contengono dei veleni. Quando piove la pioggia penetra nel terreno e porta con sé i prodotti chimici. Così si avvelena l acqua sotterranea che poi risale in superficie dalle sorgenti. La terra ha bisogno di acqua. Dove c è tanta acqua tutto cresce facilmente e si raccolgono buoni prodotti; il bestiame ha abbondante erba da mangiare e ci si può cibare di carne. Dove non piove e non c è acqua non cresce niente. Gli animali muoiono di sete e di fame. Anche gli uomini hanno pochissimo da mangiare e spesso muoiono. Pagina 13

14 L acqua è indispensabile anche nelle fabbriche che producono tutto ciò che usiamo: cibo, stoffe, auto, mobili, carta Ma tutte le volte che usiamo l acqua la sporchiamo e la rendiamo un r i f i u t o. Anche l acqua del mare è inquinata: i fiumi scaricano in mare acqua sporca; gli scarichi delle navi, gli incidenti alle gigantesche petroliere, i pozzi di petrolio in mezzo al mare contribuiscono a rendere l acqua del mare così sporca che razze di pesci si estinguono. Se un giorno non ci fosse più acqua pulita come faremo a vivere? Pagina 14

15 Il Compost Familiare DOVE VANNO GLI SCARTI DEL CUCINARE SE NON SI POSSONO RIUTILIZZARE? Temino scritto da Eva (classe 4^B Ramella)sul compost praticato nella sua famiglia. Mio papà ha costruito le ceste del compostaggio per gli scarti organici. I vermicelli del nostro giardino vanno lì e prendono gli scarti di verdure, frutta e molte altre cose per concimare il terreno. L anno scorso in estate sono nati dei fiori bianchi e profumati, erano bellissimi! Quando in cucina il cesto dell umido è pieno, andiamo a svuotarlo nel compostaggio, che non si riempirà troppo perché i vermetti del giardino vanno e vengono, mangiano ed espellono, arricchendo la terra di azoto e sostanze più semplici che servono al mondo vegetale e animale e quindi a noi e al pianeta per rigenerarsi. Pagina 15

16 La raccolta differenziata Porta a porta Temino scritto da Sofia (classe 4^B Ramella)sulla raccolta differenziata praticata nella sua famiglia. La raccolta differenziata a casa mia avviene così: mettiamo gli scarti della frutta e della verdura e gli avanzi dei cibi nell'organico che passano a ritirare lunedì e venerdì. Mettiamo tutti i rifiuti che non si possono differenziare nell'indifferenziato che passano a ritirare il sabato. I contenitori di plastica, bottiglie, piatti e bicchieri monouso passano a ritirarli il mercoledì. La carta e il cartone vengono ritirati il martedì. Infine, il vetro e le lattine d'alluminio vengono gettati nelle campane verdi che si trovano sulla strada. Ci spiega la mamma di Sofia: Nella zona della città di Vigevano in cui abitiamo è in vigore la raccolta differenziata con il ritiro "porta a porta", secondo un calendario stabilito. Ci sono stati forniti dei sacchetti di differente colore dove gettare i rifiuti a seconda della loro composizione. Nei sacchetti in mater- bi di colore grigio vengono conferiti gli scarti di frutta e verdura, gli avanzi dei pasti, i filtri di tè e infusi. Nei sacchetti di colore giallo vengono messi tutti gli imballaggi di plastica, polistirolo, sacchetti per la spesa, piatti e bicchieri monouso. Nei sacchetti di colore rosa vengono conferiti rifiuti composti da più materiali diversi tra loro come pannolini, stracci, cenere, gomma, carta oleata, ecc. Per quanto riguarda carta e cartone vengono esposti utilizzando una scatola o un sacchetto di carta. Per il vetro e le lattine vengono utilizzate le campane stradali di colore verde. Pagina 16

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como

Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como www.apricaspa.it www.comune.como.it COMUNE DI COMO 1 2 Indice Insieme verso il 6 5% di raccolta differenziata pag. 4 Perché fare la raccolta

Dettagli

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE per Lecco e provincia Sacco VIOLA Frazione secca multimateriale L IMPIANTO DI SELEZIONE DEL SACCO VIOLA I sacchi provenienti dalla raccolta, caricati su un nastro trasportatore,

Dettagli

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. UNIONE DEI COMUNI Agugliano Camerata Picena Offagna Polverigi Santa Maria Nuova Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. Raccolta differenziata porta a porta. A.T.I. Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Fare la raccolta differenziata In provincia di Modena, ogni giorno produciamo 1,75 chili di rifiuti a testa. Fare la raccolta differenziata

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Dividere i rifiuti. bidone giallo Caritas. centro di raccolta. assorbenti igienici. audio e video cassette e custodie

Dividere i rifiuti. bidone giallo Caritas. centro di raccolta. assorbenti igienici. audio e video cassette e custodie Dividere i rifiuti A TIPOLOGIA RIFIUTO abiti accendino accumulatori acidi alcool denaturato alcool etilico alluminio contenitori alluminio oggetti di grandi dimensioni amianto ampolle anticrittogamici

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Al Rawdatain. ZHUJIANG BEER. Al Rawdatain in breve

Al Rawdatain. ZHUJIANG BEER. Al Rawdatain in breve ZHUJIANG BEER Al Rawdatain. Al Rawdatain in breve SETTORE ACQUA & CSD Al-Rawdatain Al-Rawdatain Water Bottling Co. Safat, Kuwait >> cartonatrice SMI WP 300 >> fardellatrice SMI SK 350 T >> manigliatrice

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

BUONE AZIONI PER RISPARMIARE

BUONE AZIONI PER RISPARMIARE BUONE AZIONI PER RISPARMIARE A cura del Servizio Socio Assistenziale della Comunità Alta Valsugana e Bersntol in collaborazione con i dipendenti delle Casse Rurali di Pergine Valsugana, Caldonazzo, Levico

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Negli UFFICI. 28 settembre 2010

Negli UFFICI. 28 settembre 2010 Negli UFFICI Come si fa 28 settembre 2010 Dai suggerimenti ai benefici Alcuni sono di facile attuazione, altri sono complessi o/e onerosi economicamente. Ovviamente non è necessario adottarli tutti e subito

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Trekking di più giorni

Trekking di più giorni SEZIONE DI MORTARA Trekking di più giorni Cosa portare nello zaino Escursioni di più giorni Per i trekking il discorso peso diventa ancora più importante delle escursioni di un giorno o due. Portare sulle

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino La città di Leonia rifà se stessa tutti i giorni: ogni mattina la popolazione si risveglia tra lenzuola fresche, si lava con saponette appena sgusciate dall'involucro, indossa vestaglie nuove fiammanti,

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

C era una volta... Nel castello di Roccabisaccia è un giorno di festa tutti sono contenti perché è finalmente pace con i vicini del regno, dopo una guerra lunga dieci anni! Re Baldassarre medita di preparare

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Presentazione format Konopizza per nuove aperture Punti Vendita ITALIA.

Presentazione format Konopizza per nuove aperture Punti Vendita ITALIA. Presentazione format Konopizza per nuove aperture Punti Vendita ITALIA. In che cosa consiste il nostro format? Il cono è l attore protagonista di tutte le formule Konopizza diventando un ottimo contenitore

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani, d'improvviso, non esistessero più gli artigiani? Una macchina

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile A cura di ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità

Dettagli

HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga. Minta. A vizsgázó példánya (20 perc)

HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga. Minta. A vizsgázó példánya (20 perc) Bemelegítő beszélgetés 1. Vita HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga A vizsgázó példánya (20 perc) E migliore vivere in una casa con giardino in una zona verde che in un appartamento in

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli