VADEMECUM per la costituzione, l avvio e il finanziamento della micro impresa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VADEMECUM per la costituzione, l avvio e il finanziamento della micro impresa"

Transcript

1 VADEMECUM per la costituzione, l avvio e il finanziamento della micro impresa Firenze, 28 luglio 2010 Questa pubblicazione è stata realizzata e curata da: Dott. Ivano Franco Colombo Enaip Toscana Formazione e Lavoro È autorizzata la duplicazione e la riproduzione anche parziale, purché sia citata la fonte. Codice Progetto: LLP IT GRUNDTVIG - GMP 1 di 33

2 Sommario Forme societarie del Terzo Settore In Italia...3 Non profit...3 Classificazione internazionale delle organizzazioni non profit...4 Terzo settore...4 Classificazione degli attori del mercato...5 Elementi costitutivi...5 Associazioni...5 Associazione di Promozione Sociale...6 La cooperativa...7 Imprese e Internazionalizzazione...12 Export Check up uno strumento di autodiagnosi...12 Prodotto...12 Informazione...12 Gestione interna...12 Amministrazione export...13 Comunicazione...13 Finanza e pianificazione fiscale...13 Prezzi e competitività...13 Contributi e Finanziamenti per l avvio di lavoro autonomo e microimpresa...15 Attività di impresa...15 Organizzazione dell attività...16 Professionalità...16 Tre tipi di imprenditore...16 Attività autonoma...17 Scelta della forma giuridica...17 Il Business plan...18 I finanziamenti pubblici...20 Normative...21 Azioni positive per l imprenditoria femminile...22 Marcora...22 Autoimpiego...23 Lavoro Autonomo...25 Microimpresa...27 Franchising...29 Presentazione domanda...31 Sitografia di riferimento di 33

3 Forme societarie del Terzo Settore In Italia Dott. Ivano Franco Colombo Enaip Toscana Formazione e Lavoro Non profit Le organizzazioni non profit sono istituti che operano per conseguire il bene collettivo o bene comune tramite la produzione e l erogazione di beni e servizi in una logica prevalentemente di scambio di tipo economico, meta-economico, di utilità, con l ambiente esterno. Il segmento di mercato rappresentato delle Organizzazioni Non Profit è una componente del tessuto economico e produttivo che ha visto crescere nel tempo il suo ruolo all interno del Paese, rafforzandosi sia sotto il profilo della dimensione e della espansione settoriale che della rilevanza strategica. Si tratta, infatti, di una multi-categoria economica che ha mostrato la tendenza a crescere più rapidamente della media delle For Profit (in termini di numero di imprese, di fatturato e di addetti), mostrando di poter contribuire in maniera significativa alla crescita, non solo economica ma, anche e soprattutto, culturale e sociale della comunità di appartenenza. Differenze tra PROFIT e NON PROFIT: FOR PROFIT Proprietà di un singolo o di una maggioranza Obiettivi economici Presenza di lucro Massimizzazione del profitto economico Obiettivi quantificabili Distribuzione prodotto attraverso vari canali Politica prezzo mirata al massimo prezzo Valore prodotto: dato da costi fissi, variabili e profitto Destinatari: clienti/consumatori/utilizzatori NON PROFIT Potere comunitario e decisioni assembleari Obiettivi sociali, filantropici,umanitari Assenza di lucro Massimizzazione del profitto sociale Obiettivi sociali difficilmente quantificabili Distribuzione prodotto/servizio diretto all utente Politica prezzo sociale non condizionata Valore prodotto rapportato al solo profitto sociale Destinatari: utenti, volontari, donatori, istituzioni In base alle ultime rilevazioni Istat del 2009, i numeri del Non Profit sono i seguenti: il 60% delle organizzazioni opera nel settore della cultura, sport e ricreazione Il settore impiega dipendenti e lavoratori a contratto. Il contributo occupazionale è pari al 3% del totale dei lavoratori italiani volontari totale dei ricavi del settore ammonta a miliardi, con un contributo del 2.7% al PIL nazionale 3 di 33

4 strutturato in piccole organizzazioni: meno del 10% ha ricavi oltre i 500 milioni e l 1% ha dipendenti superiori alle 50 persone Classificazione internazionale delle organizzazioni non profit Cultura, sport e ricreazione Istruzione e ricerca Sanità Servizi sociali Ambiente Sviluppo economico e coesione sociale Tutela dei diritti e attività politica Filantropia e promozione del volontariato Cooperazione e solidarietà internazionale Religione Relazioni sindacali e rappresentanza d interessi Altre attività Le macro aree d intervento riconducibili alle ONP, possono essere così suddivise non profit mutualistico e associativo : maggior numero di organizzazioni, di associati e di volontari non profit leggero : maggior numero di volontari che prestano un servizio ad altri; non profit professionale o terzo settore : maggiore dimensione di fatturato e dipendenti Terzo settore Seppure il Terzo Settore abbia visto solo di recente la propria realizzazione ed affermazione, molti lo ritengono la possibile e giusta risposta ai nuovi bisogni emergenti, relativi al sociale, all ambiente, alla cultura, all istruzione. Esso ricomprende in sé tipologie giuridiche ed economiche aziendali diversissime, che vanno dai tradizionali enti morali alle organizzazioni non governative per gli aiuti ai paesi in via di sviluppo, alle organizzazioni di volontariato, alle cooperative sociali, alle istituzioni religiose. In definitiva si tratta di organizzazioni private che perseguono interessi di natura collettiva, dove è significativa la presenza del lavoro volontario (non retribuito o retribuito al di sotto dei livelli di mercato) e che nel loro insieme contribuiscono a definire l economia sociale e civile. Da un punto di vista economico tali organizzazioni sono organismi non profit, in quanto l utile realizzato non è distribuito tra i soci ma reinvestito nell attività che svolgono. Rappresenta l area economica con il minor numero di organizzazioni, ma di maggior peso in termini di fatturato e dipendenti, con una forte presenza delle cooperative, delle cooperative sociali e delle grandi associazioni assistenziali. È il segmento caratterizzato da una maggiore trasparenza perché composto tutto da organizzazioni giuridicamente definite e con una maggiore attenzione alla redazione dei bilanci e all impiego di strumenti di accountability. È anche il tratto di mercato più potente in termini di risorse economiche, di lobby e di auto-analisi. 4 di 33

5 Di seguito una rappresentazione visiva della suddivisione del mercato sopra descritta: Classificazione degli attori del mercato NON PROFIT AREA ENTI PUBBLICI AZIENDE SPECIALI FONDAZIONI ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO ONG ASSOCIAZIONI TERZO SETTORE STATO COOPERATIVE SOCIALI COOPERATIVE MERCATO IMPRESE PUBBLICHE SOCIETA' DI CAPITALI SOCIETA' PER AZIONI PROFIT AREA Elementi costitutivi Gli elementi costitutivi delle Organizzazioni Non Profit, possono essere riassunti in: costituzione formale: presenza di un atto costitutivo, di uno statuto natura giuridica privata: esclude enti con natura giuridica di tipo pubblico autogoverno: organizzazioni che non sono controllate, nei processi gestionali e decisionali, da aziende pubbliche o private for profit assenza di distribuzione di profitto: vincolo di non ridistribuzione parziale o totale degli utili presenza di una certa quantità di lavoro volontario Veniamo adesso alla descrizione delle diverse forme giuridiche che compongono questo universo del mercato. Associazioni I cittadini hanno diritto di associarsi liberamente, senza autorizzazione, per fini che non sono vietati ai singoli dalla legge penale - Art. 18 Costituzione Italiana La forma associativa rappresenta uno strumento giuridico estremamente flessibile e capace di adattarsi a diverse realtà. Tra queste possiamo annoverare associazioni di volontariato, di consumatori, politiche, sportive e che promuovono la ricerca. Alle associazioni è consentito l esercizio dell attività economica, purché sia inteso come mezzo per raggiungere lo scopo sociale. Numero, per tipologia, degli enti associativi al 31/12/2009 (fonte Istat) 5 di 33

6 Associazioni sportive dilettantistiche Associazioni culturali Associazioni di promozione sociale Associazioni sindacali Organizzazioni volontariato Associazioni di categoria Associazioni religiose Associazioni assistenziali Società sportive dilettantistiche Associazioni politiche Associazioni di formazione extra scolastica Associazioni pro loco Altri enti Totale Le associazioni rappresentano l 89% della totalità delle istituzioni non profit e possono essere di 2 tipologie: associazioni riconosciute che godono di autonomia patrimoniale, che implica la responsabilità limitata dei soci. Significa che per le obbligazioni assunte in nome e per conto dell associazione, risponde l associazione stessa. La richiesta di riconoscimento deve essere effettuata presso la Prefettura o presso la regione di appartenenza. associazioni non riconosciute che non godono di autonomia patrimoniale e responsabilità limitata, per cui la responsabilità patrimoniale è di coloro che hanno agito in nome e per conto dell associazione Una associazione nasce mediante la stipula di un atto pubblico, con cui gli associati convengono la realizzazione di un obiettivo condiviso, che non può essere lucrativo, ma deve soddisfare i bisogni di tipo ideale. I versamenti delle quote economiche sono effettuati a fondo perduto e vanno a costituire il fondo comune, che è utilizzato per il conseguimento degli scopi sociali. Nel caso di scioglimento dell ente, il capitale non è ridistribuito, ma devoluto ad un altro ente avente scopo analogo. Associazione di Promozione Sociale Stato, Regioni, Città metropolitane, Province e Comuni favoriscono l autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio di sussidiarietà Art. 118 Costituzione Italiana La fonte giuridica di riferimento per questo istituto è rappresentato dalla Legge 383/2002 dove recita: sono considerate Associazioni di Promozione Sociale (APS) le associazioni riconosciute e non riconosciute, i movimenti, i gruppi e i loro coordinamenti o federazioni costituiti al fine di svolgere attività di utilità sociale a favore di associati o di terzi, senza finalità di lucro e nel pieno rispetto della libertà e dignità degli associati Le APS si avvalgono prevalentemente delle attività prestate volontariamente dai propri soci; possono retribuire lavoro dipendente e autonomo. Godono di proventi derivanti da attività commerciali, artigianali o agricole, purché svolte in maniera ausiliaria e sussidiaria e comunque finalizzate al raggiungimento degli obiettivi istituzionali. Esistono un registro 6 di 33

7 nazionale e registri regionali ai quali è necessario essere iscritti per poter godere delle agevolazioni. Le agevolazioni possono riguardare: Erogazioni liberali Il finanziamento delle associazioni di promozione sociale viene incentivato prevedendo agevolazioni fiscali a favore dei sostenitori: erogazioni di denaro da parte di persone fisiche: Benefici fiscali: detrazione dall imposta lorda del 19% Limiti: fino a euro erogazioni in denaro da imprese Benefici fiscali: deduzione dal reddito d imposta Limiti: fino a euro o al 2% del reddito d impresa dichiarato erogazioni in denaro da enti non commerciali Benefici fiscali: deduzione dall imposta lorda del 19% Limiti: fino a euro Tributi locali E prevista la possibilità per gli enti locali di deliberare riduzioni sui tributi di propria competenza per le associazioni di promozione sociale Per costituire una APS occorre: Redazione dell Atto costitutivo e dello Statuto Convocazione assemblea costitutiva Registrazione (notaio o ufficio registro) Richiesta codice fiscale Iscrizione al Registro Nazionale o Regionale La cooperativa "La Repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata - art. 45 della Costituzione Italiana In tutti i settori in cui ha operato la cooperazione, negli ultimi anni, si osserva un incremento significativo degli addetti, con tassi ben superiori alla media nazionale. Anche in questa fase in cui la crisi globale ha profondamente sconvolto il mondo produttivo del nostro Paese, la cooperazione ed il non profit in generale, sembrano resistere e rispondere con maggiore elasticità delle altre forme societarie. Nel nostro Paese l' universo cooperativo è presente in quasi tutti i settori delle attività economiche o di erogazione dei servizi. Rappresenta una componente del sistema produttivo nazionale che, nel tempo, è cresciuta lentamente, facendo emergere un ruolo di preminenza, posizionandosi nella moderna economia di mercato con forza sia sotto il profilo della diffusione territoriale e settoriale, sia per l importanza strategica dei settori produttivi occupati. Oggi è una tipologia di impresa che continua a crescere, sia per numero di occupati, sia per il fatturato, talvolta, anche con risultati in controtendenza rispetto all'andamento medio delle altre forme giuridiche degli stessi settori produttivi. 7 di 33

8 L'esperienza italiana del processo e dei risultati dell affermarsi cooperativo, risulta unica rispetto al panorama europeo; soprattutto in riferimento alla diffusione nei settori economici di attività. Anche per quanto attiene le modalità di applicazione dei singoli principi ACI (Alleanza Cooperativa Internazionale) approvati dal XXXI Congresso, tenutosi a Manchester nel 1995, l'esperienza italiana può essere considerato un esempio di riferimento internazionale. Il principio una testa, un voto è e resta nella pratica italiana un cardine dell identità cooperativa, anzi, capita sempre più spesso di sentirlo interpretare come il principale valore cooperativo, se non l unico riferimento certo. Esso testimonia la prevalenza dei bisogni degli associati a scapito degli interessi del capitale versato; resta pertanto un assioma ideologico cooperativo che tuttavia, non può essere ritenuto elemento sufficiente per assecondare l'applicabilità degli altri principi cooperativi. Anche se pure il secondo principio della porta aperta è accolto ed è sufficientemente praticato in Italia, pur presentando ancora spazi di maggiore applicabilità. Nel 2004 è stato istituito l Albo nazionale delle Cooperative presso il Ministero attività produttive, composto da due sezioni: nella prima vengono iscritte le società cooperative a mutualità prevalente; mentre nella seconda vengono comprese tutte le altre. Il Decreto Ministeriale 23 giugno 2004, n. 310, ha finalmente definito le 14 categorie di attività produttiva, all interno delle quali devono essere collocate le imprese cooperative dell Albo. In base agli ultimi censimenti, alla fine del 2007 le imprese cooperative attive in Italia erano poco più di (dati tratti dal Registro delle Imprese), registrando una crescita di imprese nel decennio L espansione del settore è ripresa di recente (dal 2006) soprattutto per il contributo delle cooperative sociali, grazie ad una specifica normativa: la L. 381/91. Quello che comunque pare ormai consolidato è il fenomeno della maggiore longevità delle cooperative rispetto alle imprese di capitali. Quali le motivazioni per scegliere la cooperativa come forma giuridica? La cooperativa è una forma societaria in cui ogni socio può essere imprenditore: ognuno partecipa alla gestione sociale Si può contare sul gruppo: occorre sviluppare sia abilità imprenditive individuali, sia collettive Non occorre una grande capitale per la costituzione (minimo 25 ) Il rischio patrimoniale è limitato alla quota sottoscritta Consente molta flessibilità sia in termini di rapporto di lavoro che in termini di composizione della compagine sociale Presenta un riferimento etico-ideale con una forte attrattiva, soprattutto verso le giovani generazioni. 8 di 33

9 Quest ultimo aspetto è facilmente riscontrabile negli elementi caratterizzanti questa forma giuridica: Democraticità: tutti i soci hanno diritto di partecipare alle decisioni con medesimi poteri, indipendentemente dal capitale versato: "una testa, un voto Scopo mutualistico (vs lucrativo): l'obiettivo dei soci è di crescere insieme, aiutandosi per ottenere qualcosa che altrimenti non raggiungerebbero da soli Reinvestimento degli utili: la remunerazione degli utili è ammessa limitatamente all'interesse dei buoni postali fruttiferi del Tesoro, aumentato di due punti e mezzo, calcolato sulle quote di partecipazione al capitale sociale. Il resto viene reinvestito nella coop Adesione libera e volontaria: aperta a tutti gli individui che accettano le responsabilità connesse all'adesione, senza alcuna discriminazione Autonomia ed Indipendenza: solo i soci possono controllare la cooperativa Interesse verso la Comunità: lavorano per lo sviluppo sostenibile delle proprie comunità attraverso politiche approvate dai propri soci. D.M. 23 giugno 2004, n. 310 individua le seguenti tipologie di cooperative: 1. PRODUZIONE E LAVORO, procura lavoro alle migliori condizioni possibili per i propri soci-lavoratori 2. LAVORO AGRICOLO, per coltivazione, trasformazione, conservazione di prodotti agricoli o zootecnici 3. COOPERATIVE SOCIALI, cooperative di lavoro finalizzate alla gestione di servizi sociali, sanitari, educativi (tipo A) o finalizzate all'inserimento lavorativo di persone svantaggiate (tipo B); 4. CONFERIMENTO PRODOTTI AGRICOLI E ALLEVAMENTO, distribuzione di prodotti agricoli o zootecnici 5. EDILIZIE DI ABITAZIONE, costruisce alloggi per i propri soci in una logica vantaggiosa qualità e prezzo 6. DELLA PESCA, finalizzate all'esercizio in comune della pesca o di attività ad essa inerenti 7. DI CONSUMO, acquista e rivende beni a prezzi vantaggiosi ai propri soci; 8. DI DETTAGLIANTI, per la distribuzione commerciale al dettaglio 9. DI TRASPORTO, trasporta merci per conto terzi tramite mezzi di proprietà dei soci o della cooperativa stessa 10. CONSORZI COOPERATIVI, consulenza legale, fiscale, gestionale, commerciale, etc. e dei servizi alle imprese soprattutto cooperative 11. CONSORZI AGRARI, per innovazione e miglioramento della produzione agricola 12. BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO, realizzano una politica del credito equa verso i loro soci e clienti 13. CONSORZI DI GARANZIA E FIDI, aiutano le PMI ad ottenere credito anche in condizioni di difficoltà, attraverso la fornitura di garanzie adeguate 14. ALTRE COOPERATIVE 9 di 33

10 L offerta cooperativa nel mercato italiano può essere ad oggi così riassunta: - le imprese ai vertici del settore della grande distribuzione sono cooperative; - le imprese ai vertici del settore agro-alimentare e di molti comparti dei servizi alle imprese (management, trasporto, informatica e logistica) sono le cooperative di grandi e di maggiori dimensioni; - le maggiori imprese del settore edilizio sono cooperative; - le imprese che assicurano i servizi alla persona (in primis educativi, assistenziali e sanitari) di fronte al ritrarsi del welfare, sono cooperative sociali. Vediamo ora la composizione dei soci: le tipologie di soci sono: i cooperatori: sono in grado di partecipare allo svolgimento dell attività sociale per il perseguimento degli obiettivi cooperativi e possiedono i requisiti soggettivi previsti dallo Statuto per l ammissione nella società i finanziatori: partecipano alla società, pur non avendone i requisiti previsti dallo Statuto, contribuiscono al finanziamento dell attività mediante la sottoscrizione di strumenti finanziari atti a favorire lo sviluppo dell impresa i lavoratori: (per coop. Produzione e Lavoro) il cui scambio mutualistico nei confronti della società cooperativa consiste in prestazione di un attività lavorativa i volontari: (per coop. Sociali) prestano attività gratuita L ammissione è deliberata dall Organo amministrativo Gli organi previsti in sede statutaria sono: Assemblea dei soci Consiglio di amministrazione (o amministratore) Presidente Collegio sindacale (obbligatorio in alcuni casi) Le agevolazioni cui possono accedere le operative, riguardano: Fondi mutualistici L. 59/92 gestiti dal Ministero o da ass. coop. per la promozione e lo sviluppo della cooperazione, finanziati con una quota degli utili netti annuali delle società cooperative (3%) o il patrimonio residuo delle società in liquidazione. Imposte dirette Gli utili accantonati a riserva indivisibile (max 30%) non concorrono a formare il reddito imponibile e non pagano imposte IRES (imposta reddito società). 10 di 33

11 Le coop. Lavoro sono esenti globali IRES a condizione che il rapporto tra il costo il costo delle retribuzioni effettivamente corrisposte ai soci sia superiore al 50% del totale del costo del lavoro I ristorni si deducono dal reddito (max 30% retribuzioni) e sono destinati a: integrazione retribuzioni, capitale sociale, distribuzione di azioni cooperativa Imposte indirette Le coop. Sociali sono esentate dal pagamento dell IVA per attività sociali e sanitarie Per costituire una cooperativa occorre: Redazione dell Atto costitutivo e dello Statuto Convocazione assemblea costitutiva e Costituzione a cura del notaio Richiesta Codice Fiscale e Partita I.V.A. che sarà anche il n. di iscrizione della società nel Registro Imprese - CCIAA (Camera Commercio) Iscrizione albo società cooperative - CCIAA Richiesta smart-card - CCIAA Vidimazione dei libri contabili e sociali (soci, verbali, giornale, inventari, ecc) Sarà compito del Notaio: - depositare l'atto presso l'ufficio del Registro - depositare l'atto presso la Camera di Commercio che attribuirà il numero di iscrizione nel "R.E.A. - Repertorio Economico Amministrativo"; - la Camera di Commercio dopo aver controllato e registrato l'atto restituirà al Notaio 2 copie dell'atto vistate: una x l'iscrizione presso la Prefettura e una x l'iscrizione presso la Direzione Provinciale del Lavoro. - quando la Coop. inizia l'attività, e ogni qualvolta dovesse intraprenderne una nuova, deve comunicarlo, entro 30 giorni, alla CCIAA e all'ufficio IVA. Iscrizione al Registro Regionale delle Cooperative Apertura posizione previdenziale e assicurativa - INAIL INPS Comunicazione assunzione o contratto Centro per l Impiego 11 di 33

12 Imprese e Internazionalizzazione Dott. Luca Ribechini - Promofirenze Export Check up uno strumento di autodiagnosi E necessario per ogni imprenditore conoscere in maniera precisa il suo posizionamento nei confronti del mercato, della concorrenza, della sua effettiva capacità di competere in aree diverse da quella nazionale. Sfruttando l esperienza maturata da diversi Enti pubblici e privati in oltre 15 anni di attività, abbiamo affinato il check-up per l internazionalizzazione, un nuovo strumento per identificare le potenzialità dell azienda e per svilupparne la competitività. Il progetto check-up per l internazionalizzazione rientra in una più generale programmazione delle attività di promozione delle aziende del nostro territorio. Il servizio check-up si propone i seguenti obiettivi: 1. fornire all impresa concreti orientamenti su come impostare l attività di internazionalizzazione. 2. far emergere nell imprenditore che già esporta, la coscienza delle aree critiche della sua attività. 3. fornire gli strumenti e le informazioni per colmare eventuali lacune. 4. elaborare proposte di formazione e consulenza tali da offrire agli operatori quei servizi personalizzati di cui dimostrano di avere effettivamente bisogno. Punti di forza e debolezza Per raggiungere tali obiettivi è indispensabile verificare, con l imprenditore, i punti di forza e di debolezza dell azienda rispetto alle seguenti problematiche: 1. l impresa ha il prodotto vincente? 2. ha la capacità interna di selezionare e gestire l attività export? 3. ha la conoscenza degli strumenti tecnici, giuridici e commerciali relativi ai mercati cui è interessata? 4. ha la struttura finanziaria e la competitività necessaria per affrontare tali mercati e la concorrenza internazionale? Prodotto L analisi del prodotto viene al primo posto perché è il primo elemento su cui il mercato estero esprimerà il suo giudizio nei confronti di un azienda che desideri esportare. Informazione Un adeguata informazione sul mercato di interesse consente di saper scegliere la giusta forma di ingresso e il partner estero con cui collaborare. Gestione interna Capacità interna di amministrare le risorse umane; le aziende intenzionate ad espandersi all estero non possono permettersi di subordinare, in termini organizzativi, l export alle funzioni commerciali che si occupano del mercato nazionale. 12 di 33

13 Amministrazione export La padronanza delle tecniche operative e logistiche, la conoscenza delle norme internazionali in materia di registrazione di marchi e brevetti, vendita e distribuzione. Comunicazione Attenzione alla comunicazione verso il mercato intesa come promozione e valorizzazione dei propri prodotti. Finanza e pianificazione fiscale Conoscenza degli appropriati strumenti finanziari e fiscali. Prezzi e competitività La costruzione e condivisione del prezzo arriva come ultimo punto, in quanto racchiude in sé la sintesi di tutto il lavoro svolto. Strumenti classici per l internazionalizzazione 1. La Fiera all estero. 2. La missione commerciale. 3. L incoming. 4. Le show room all estero. 5. I road show istituzionali. I nuovi strumenti per l internazionalizzazione Servizi di Assistenza Specialistica Servizi di Incubazione Per l Internazionalizzazione (società pubbliche) Le consulenze specializzate (temporary manager) Ricerche di mercato Assistenza marketing Supporto logistico Lista operatori locali Acquisto/cessione know how Partecipazione a fiere locali Informazioni doganali e fiscali Informazioni statistiche Ricerca agenti, distributori, buyer, importatori Come vengono realizzati dagli Enti Pubblici cosa chiedere. Ogni fase è studiata e condivisa con l azienda. Ogni azione è effettuata su preventivo e relativo incarico dell azienda. Preventivi modulari adottabili anche solo in parte. I costi sono contenuti se paragonati ad una fiera. Le informazioni che vengono raccolte sono di esclusiva pertinenza dell azienda ordinante. Le attività sono sempre coordinate dall ufficio locale. La rete è ormai affidabile e collaudata. Per i mercati nuovi si cerca comunque di riprodurre le procedure adottate nei mercati consolidati. Etc. etc. 13 di 33

14 Temporary Manager Le aziende sono individuate in base a caratteristiche di: Prodotto; Struttura; Capacità export; Altri parametri sono valutati di volta in volta. 14 di 33

15 Contributi e Finanziamenti per l avvio di lavoro autonomo e microimpresa Dott. Ivano Franco Colombo Enaip Toscana Formazione e Lavoro Attività di impresa Mettersi in proprio si intraprende un attività lavorativa in forma non subordinata: ci si mette in proprio, ossia o si costituisce una Impresa o si avvia un Lavoro Autonomo Secondo il C.C. l impresa è caratterizzata dai seguenti elementi: 1. l esercizio di una attività economica diretta alla produzione o allo scambio di beni e di servizi; 2. l organizzazione dell attività; 3. la professionalità. Di seguito il processo di costituzione dell impresa: IDEA Studio di fattibilità volto a verificare le competenze necessarie, analizzare il mercato, quantificare le possibili vendite, dimensionare l azienda. BUSINESS PLAN Definire le caratteristiche del bene/servizio da offrire sul mercato; le condizioni che regoleranno la sua produzione e commercializzazione FORMA GIURIDICA Scegliere: ditta individuale o società. Analisi dei vantaggi e degli svantaggi di ciascuna forma giuridica (aspetti legali, fiscali, economici) FINANZIAMENTI Analisi del fabbisogno finanziario dell impresa e delle possibili fonti di finanziamento (capitale proprio, capitale di terzi e finanziamenti agevolati) GESTIONE E SVILUPPO Organizzazione aziendale (funzioni, linea produttiva ecc.) e gestione delle risorse umane, SGQ, Sicurezza, Privacy, 15 di 33

16 Attività economica L attività economica è un attività diretta alla creazione di nuova ricchezza: producendo nuovi beni; aumentando il valore di quelli esistenti. Non rientrano in questa definizione le attività culturali, intellettuali o sportive. Organizzazione dell attività Il Codice Civile definisce l azienda come il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa : macchinari, impianti, attrezzature, locali, arredi, ecc., o più genericamente capitali. Ma anche di lavoro: dipendenti, collaboratori ecc. Professionalità Per professionalità si intende la sistematicità, la non sporadicità dell attività esercitata (l attività non deve essere casuale). La professionalità prevede anche lo scopo di lucro, vale a dire l intento di ottenere dei ricavi superiori ai costi e conseguire quindi un utile (conseguire/avere un guadagno). Tre tipi di imprenditore Il Codice Civile distingue tre figure fondamentali di imprenditore: imprenditore commerciale imprenditore agricolo (es. coltivazione, allevamento del bestiame) piccolo imprenditore (es. imprenditore artigiano, piccoli commercianti). Imprenditore commerciale attività industriali dirette alla produzione di beni e servizi; attività intermedie nella circolazione dei beni (cioè le attività commerciali comunemente intese): es. commercio all ingrosso, commercio al dettaglio, commercio ambulante, pubblici esercizi commerciali (bar, ristoranti, ecc.); attività di servizi: es. attività di trasporto per terra, per acqua o per aria, attività bancaria o assicurativa, formazione, consulenza. Imprenditore agricolo E imprenditore agricolo chi esercita una o più delle seguenti attività: coltivazione del fondo (agricoltore); silvicoltura (coltivazione ed utilizzazione dei boschi); allevamento del bestiame; attività connesse alle precedenti (es. produzione e vendita diretta di olio, vino, miele, formaggi, ecc.) Piccolo imprenditore Secondo il Codice Civile sono piccoli imprenditori: i coltivatori diretti del fondo; 16 di 33

17 gli artigiani; i piccoli commercianti; coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente con il lavoro proprio e dei componenti della famiglia. Obblighi dell imprenditore Tutti gli imprenditori (commerciali, agricoli e piccoli) sono tenuti all iscrizione nel Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio competente, cioè quella della provincia in cui è posta la sede legale. I soli imprenditori commerciali sono inoltre obbligati, ai fini civilistici, alla tenuta delle scritture contabili, obbligo che peraltro, ai fini fiscali, finisce per estendersi anche a quasi tutti gli imprenditori. Tali scritture e la corrispondenza commerciale (fatture, lettere, ecc.) devono essere conservate per dieci anni (conservate anche in maniera digitale). Attività autonoma Secondo la normativa fiscale le attività autonome possono essere svolte nei modi seguenti: esercizio di arti o professioni; collaborazioni atipiche (coordinata e continuativa o a progetto); lavoro autonomo occasionale. Scelta della forma giuridica La forma più semplice è quella dell impresa individuale (che può configurarsi anche come impresa familiare ). Cioè da solo. Se invece due o più persone si accordano per svolgere insieme un attività economica siamo di fronte ad un impresa collettiva, cioè a una società. La società Se due o più persone si accordano per svolgere insieme un attività economica allo scopo di dividerne gli utili, abbiamo un impresa collettiva, cioè una società. Ogni socio ha l obbligo di conferire beni o servizi : deve cioè dare un contributo (qualcosa) alla società sotto una o più delle seguenti forme: denaro contante; crediti; beni in natura (locali, attrezzature, ecc.) prestazioni di lavoro. L accordo risulta formalmente da un apposito contratto di società, chiamato anche atto costitutivo, integrato in certi casi da un altro documento - lo statuto - che prevede le regole generali per il funzionamento della società e degli organi sociali. 17 di 33

18 Nel caso dell impresa collettiva quindi occorre in pratica: la stipula di un contratto di società tra due o più persone per lo svolgimento i un attività economica; l effettivo esercizio comune dell attività da parte dei soci, in modo diretto o indiretto (anche se la gestione è affidata a qualcuno in particolare, ciò avviene pur sempre per volontà di tutti i soci). Vantaggi e svantaggi L impresa individuale presenta i seguenti vantaggi: maggiore flessibilità e rapidità di decisione ( chi fa da sé fa per tre, la miglior società è quella composta da un numero dispari inferiore a tre ); minori costi ed oneri di tipo amministrativo e contabile. La società permette di: condividere con altri il rischio e il peso delle scelte; acquisire capitali (es. per strumenti/mezzi) e lavoro necessari che, soprattutto all inizio dell attività, è difficile o rischioso reperire diversamente (es. leasing/prestiti). Il Business plan Il Piano Economico-finanziario è la parte più complessa del business plan. In questa sezione sarà calcolato il fabbisogno finanziario (fonti interne ed esterne) del progetto e si dovranno analizzare le diverse fasi: piano degli investimenti; piano delle fonti di finanziamento; ricavi e costi; bilancio previsionale; Il piano degli investimenti serve a quantificare il capitale necessario per la costituzione dell impresa e il suo funzionamento: prevede gli investimenti effettuati in immobilizzazioni (materiali ed immateriali) e in capitale circolante (liquidità, scorte crediti verso clienti). Il Piano delle fonti di finanziamento indica attraverso quali fonti l imprenditore acquisterà i beni necessari per avviare l impresa: fonti interne (capitale fornito dai soci) o fonti esterne (prestiti o finanziamenti agevolati). Medio lungo termine vs. breve termine. Il piano di costi e ricavi serve per valutare se l impresa è in grado di produrre un utile, calcolando il punto di pareggio (Break Even Point, il volume di produzione minimo che un impresa deve raggiungere per conseguire un utile). Ricavi (di vendita o altri); Costi (es. materie prime, stipendi, energia, affitti, telefono). Il bilancio previsionale è composto da: 18 di 33

19 Conto Economico (stime dei ricavi che l imprenditore presume di ottenere e dei costi da sostenere per la produzione nell arco di un anno solare); Stato patrimoniale che si compone di Attivo (beni presenti e loro valore) e Passivo (fonti di finanziamento ed eventuale utile); Piano dei flussi di cassa (liquidità dell impresa per evitare improvvise carenze di risorse finanziarie). E necessario stimare mensilmente entrate e uscite; dalla differenza tra le due si ottiene il saldo netto mensile. I finanziamenti possono essere classificati per: Provenienza Fonti Interne Fonti Esterne Scadenza Breve Termine Medio Termine Lungo Termine Fonti Interne Sono apporti di risorse (in denaro o in natura) con le seguenti caratteristiche: Conferiscono agli apportatori il diritto di proprietà sul patrimonio dell azienda, Danno perciò diritto di proprietà sugli incrementi di tale patrimonio (UTILI) e sulle sue riduzioni (PERDITE), Non danno diritto ad alcun altro tipo di remunerazione, Non hanno scadenza. Fonti Esterne Si tratta di denaro che soggetti terzi mettono a disposizione dell azienda con queste caratteristiche: I portatori di denaro non acquistano alcun diritto di proprietà sul patrimonio dell azienda, I portatori di denaro, pertanto, non partecipano al rischio imprenditoriale, né in merito alla restituzione dei finanziamenti, né in merito alla loro remunerazione, La remunerazione dei prestiti è fissata in un certo tasso d interesse, Hanno una scadenza prefissata. 19 di 33

20 I finanziamenti pubblici sono attive a livello nazionale e locale (regioni, province e comuni), numerose leggi che prevedono agevolazioni finanziarie e/o fiscali per l avvio di nuove attività d impresa o di lavoro autonomo. Le leggi vigenti in questo ambito sono rivolte principalmente a: soggetti economicamente e socialmente svantaggiati territori che presentano secondo la normativa europea svantaggi e/o ritardi nello sviluppo settori merceologici che costituiscono una leva di sviluppo per il contesto territoriale di riferimento. La normativa di settore è rivolta da un lato a sostenere l occupazione e l imprenditorialità, dall altro a promuovere lo sviluppo e l adeguamento strutturale dei territori caratterizzati da una mancata crescita del sistema economico e sociale. leggi a sostegno dell imprenditorialità a bando - è prevista una data limite entro la quale presentare la domanda di agevolazione a sportello - le domande possono essere presentate in qualsiasi momento e sono esaminate in ordine cronologico possono essere agevolazioni finanziarie a copertura parziale delle spese di investimento e di gestione - a fondo perduto, ossia senza restituzione e/o - mutuo a tasso agevolato, ossia prevede la restituzione con interessi inferiori a quelli di mercato altre tipologie di agevolazioni - formazione, consulenza, tutoraggio, mentoring, coaching, etc. che prevedono l affiancamento del neoimprenditore nella fase di avvio dell impresa Prima di presentare domanda per accedere ad un finanziamento pubblico, è opportuno accertarsi della sussistenza dei requisiti soggettivi e oggettivi richiesti. A tale scopo occorre tenere presenti le indicazioni contenute nella normativa in merito a: beneficiari tipologia e caratteristiche della compagine imprenditoriale iniziativa - tipologia giuridica dell impresa, data di costituzione, vincoli dimensionali e di localizzazione ecc. settori merceologici 20 di 33

Contributi e Finanziamenti

Contributi e Finanziamenti Progetto TRAME Contributi e Finanziamenti per l avvio di lavoro autonomo e microimpresa a cura di: Ivano Franco Colombo Direttore Regionale Enaip Toscana Formazione e Lavoro marzo 2010 1 IDEA IDEA Il processo

Dettagli

I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa

I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa I finanziamenti per avviare l impresa il sistema bancario L avvio di un attività imprenditoriale richiede

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

Franchising Mettersi in proprio con le idee vincenti

Franchising Mettersi in proprio con le idee vincenti Mettersi in proprio con le idee vincenti Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Mettersi in proprio con le idee vincenti Invitalia, l Agenzia nazionale per l

Dettagli

Microimpresa Pensare in grande, da piccoli

Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Invitalia, l Agenzia nazionale per

Dettagli

Lavoro Autonomo (in forma di ditta individuale), con investimenti complessivi previsti fino a 25.823

Lavoro Autonomo (in forma di ditta individuale), con investimenti complessivi previsti fino a 25.823 La legge che agevola l'autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati

Dettagli

Finanziamenti per la microimpresa

Finanziamenti per la microimpresa Finanziamenti per la microimpresa A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società di persone. Sono pertanto

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Microimpresa

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Microimpresa Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Invitalia, l Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa, agisce su mandato del Governo

Dettagli

Mission e obiettivi Invitalia

Mission e obiettivi Invitalia Una chance per fare impresa: gli strumenti di Invitalia Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Massimo Calzoni Finanza e Impresa Sviluppo, Promozione e Marketing

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

Gli strumenti per l Autoimpiego: l esperienza di Invitalia

Gli strumenti per l Autoimpiego: l esperienza di Invitalia Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Gli strumenti per l Autoimpiego: l esperienza di Invitalia Cassino 22/1/2009 Chi siamo Invitalia, l'agenzia nazionale per

Dettagli

Strumenti per l autoimpiego

Strumenti per l autoimpiego Strumenti per l autoimpiego A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone fisiche che intendono avviare un'attività di lavoro autonomo in forma di ditta individuale. Per presentare la domanda

Dettagli

A CHI SI RIVOLGE. Per presentare la domanda i proponenti devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

A CHI SI RIVOLGE. Per presentare la domanda i proponenti devono essere in possesso dei seguenti requisiti: La legge che agevola l'autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE ROBERTO MY

STUDIO COMMERCIALE ROBERTO MY AGEVOLAZIONI PER LA MICROIMPRESA A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società di persone. 1 Sono

Dettagli

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Autoimpiego: le misure agevolative e i territori

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Lavoro autonomo. Soli, ma ben accompagnati

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Lavoro autonomo. Soli, ma ben accompagnati Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Soli, ma ben accompagnati Invitalia, l Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa, agisce

Dettagli

INVITALIA S.P.A. FRANCHISING Misure a favore dell autoimpiego

INVITALIA S.P.A. FRANCHISING Misure a favore dell autoimpiego Agevolazioni Pagina 1 di 6 INVITALIA S.P.A. FRANCHISING Misure a favore dell autoimpiego FONTI NORMATIVE D.Lgs 21/04/2000, n.185 G.U. 06/07/ 2000, n. 156 Decreto 28/05/2001, n. 295 G.U. 19/07/2001 n. 166

Dettagli

Mission e obiettivi Invitalia

Mission e obiettivi Invitalia Fare impresa con gli strumenti di Invitalia Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Massimo Calzoni Business Unit Finanza e Impresa Sviluppo, Promozione e Marketing

Dettagli

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II)

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) 1 Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) L'Agenzia sostiene la realizzazione e l'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati o persone in cerca di prima occupazione attraverso le seguenti

Dettagli

D.L. 21 aprile 2000 n 185 INCENTIVI per L' AUTOIMPRENDITORIALITA' E L' AUTOIMPIEGO

D.L. 21 aprile 2000 n 185 INCENTIVI per L' AUTOIMPRENDITORIALITA' E L' AUTOIMPIEGO D.L. 21 aprile 2000 n 185 INCENTIVI per L' AUTOIMPRENDITORIALITA' E L' AUTOIMPIEGO MISURE IN FAVORE DEL LAVORO AUTONOMO. MISURE IN FAVORE Ing. Francesco Di Bella Via Roma c/le K1 Cefalu' Cell 347 40 15

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 FINANZA AGEVOLATA Dott. Giorgio Cavallari FINANZIAMENTI AGEVOLATI AUTOIMPIEGO

Dettagli

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007 Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali 16 ottobre 2007 FINANZA AGEVOLATA Dott. Giorgio Cavallari FINANZIAMENTI AGEVOLATI IMPRENDITORIA FEMMINILE AUTOIMPIEGO: Lavoro autonomo;

Dettagli

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II)

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) 1 Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) L'Agenzia sostiene la realizzazione e l'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati o persone in cerca di prima occupazione attraverso le seguenti

Dettagli

Stazione Appaltante Enti Finanziatori presenta Workshop Itineranti Si terranno nr. 5 eventi divulgativi, rivolti sia alle imprese Start Up potenzialmente interessate che a tutti gli attori economici del

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Microimpresa. Pensare in grande, da piccoli

Microimpresa. Pensare in grande, da piccoli Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Le agevolazioni previste per la microimpresa sono rivolte a società di persone di nuova costituzione che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola

Dettagli

INVITALIA INCENTIVI ALLE IMPRESE LE MISURE DI AUTOIMPIEGO (D.LGS 185/2000 TIT.II)

INVITALIA INCENTIVI ALLE IMPRESE LE MISURE DI AUTOIMPIEGO (D.LGS 185/2000 TIT.II) INVITALIA INCENTIVI ALLE IMPRESE LE MISURE DI AUTOIMPIEGO (D.LGS 185/2000 TIT.II) LAVORO AUTONOMO Questa agevolazione è rivolta ai giovani che vogliono avviare un attività di lavoro autonomo in forma di

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

MICROIMPRESA Pensare in grande da piccoli

MICROIMPRESA Pensare in grande da piccoli MICROIMPRESA Pensare in grande da piccoli SSOMMARIIO DESTIINATARII... 2 1.1 I destinatari 2 COSA SII PUO FFARE... 3 2.1 Cosa si può fare 3 LLE AGEVOLLAZIIONII PREVIISTE... 4 3.1 Le agevolazioni previste

Dettagli

Decreto Lgs. 185/2000 Titolo II Autoimpiego

Decreto Lgs. 185/2000 Titolo II Autoimpiego Decreto Lgs. 185/2000 Titolo II Autoimpiego STEFANO DEFRANCESCHI Pisa, CCIAA, 26 giugno 2012 1 Titolo II DLgs 185/00 D. L.vo 185/2000 -Titolo II Autoimpiego INVITALIA SPA (già Sviluppo Italia) promuove

Dettagli

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II SOGGETTI BENEFICARI Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società

Dettagli

Introduzione pag. 4. Autoimpiego pag. 6. Autoimprenditorialità pag. 13. Lavoro autonomo pag. 7. Microimpresa pag. 9. Imprese in franchising pag.

Introduzione pag. 4. Autoimpiego pag. 6. Autoimprenditorialità pag. 13. Lavoro autonomo pag. 7. Microimpresa pag. 9. Imprese in franchising pag. STRUMENTI PER LA CREAZIONE D IMPRESA Introduzione pag. 4 Autoimpiego pag. 6 Lavoro autonomo pag. 7 Microimpresa pag. 9 Imprese in franchising pag. 11 Autoimprenditorialità pag. 13 Nuova imprenditorialità

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Provincia Regionale di Ragusa Settore IV - Servizio Welfare Locale, Cultura Turismo

Provincia Regionale di Ragusa Settore IV - Servizio Welfare Locale, Cultura Turismo Provincia Regionale di Ragusa Settore IV - Servizio Welfare Locale, Cultura Turismo BACHECA INFORMATIVA VIRTUALE Bandi Comunitari Nazionali Regionali e news di interesse del IV Settore Dirigente: Dott.ssa

Dettagli

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari Capitolo 1 L impresa L IMPRESA E LE SOCIETÀ La nozione di impresa si desume implicitamente dal codice civile che delinea la figura dell imprenditore. Manca, infatti, nel nostro codice, una definizione

Dettagli

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile.

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile. QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Legge n. 949/52 Bando INAIL 2014 - Contributo in c/interessi (64% del

Dettagli

GOAL Giovani Opportunità per Attività Lavorative. Intraprendo Incentivi per la creazione di nuove imprese

GOAL Giovani Opportunità per Attività Lavorative. Intraprendo Incentivi per la creazione di nuove imprese GOAL Giovani Opportunità per Attività Lavorative Intraprendo Incentivi per la creazione di nuove imprese GOAL Giovani Opportunità per Attività Lavorative A chi è rivolto iniziative strutturate sotto forma

Dettagli

Produzione di beni e servizi.

Produzione di beni e servizi. Produzione di beni e servizi. Dalla tua idea alla tua impresa. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo I e Capo II Le norme nazionali e comunitarie hanno

Dettagli

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER TEMPORARY MANAGER Il Business Plan Temporary Manager La difficoltà non sta nel credere nelle nuove idee, ma nel fuggire dalle vecchie. John Maynard Keynes Che cosa e e a cosa serve E un documento volto

Dettagli

AUTOIMPIEGO. Diventa imprenditore di te stesso.

AUTOIMPIEGO. Diventa imprenditore di te stesso. AUTOIMPIEGO. Diventa imprenditore di te stesso. ASSUMI UNO BRAVO COME TE. Invitalia offre tre differenti opportunità di autoimpiego a chi non ha un lavoro e vuole avviare un attività in proprio: il lavoro

Dettagli

Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito. Alba, 22 novembre 2013 - Luisa Silvestro Camera di commercio di Cuneo

Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito. Alba, 22 novembre 2013 - Luisa Silvestro Camera di commercio di Cuneo Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito La riforma delle Camere di commercio Il D. Lgs. 23/2010 modifica la L. 580/1993 L art. 2 della nuova legge 580/1993 riconosce nuove

Dettagli

FONDO MICROCREDITO FSE

FONDO MICROCREDITO FSE FONDO MICROCREDITO FSE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE Art. 1- OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI Il presente documento costituisce il riferimento e la base per l attuazione del Fondo Microcredito FSE, che ha l obiettivo

Dettagli

Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV

Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV Le norme nazionali e comunitarie hanno la prevalenza sui contenuti

Dettagli

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DISPOSIZIONI GENERALI ADEMPIMENTI CONTABILI E FISCA- LI AGEVOLAZIONI ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE L. 7.12.2000, n. 383 La Costituzione Italiana riconosce il valore sociale

Dettagli

BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI

BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI Settore Comunicazione, Turismo, Spettacolo che Giovanili e pari opportunità BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI Scadenza 1^ fase: 30 agosto 2012 2^ fase: 30 dicembre 2012 1. Finalità e obiettivi

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO 1. OBIETTIVO DELLA MISURA Favorire la nuova imprenditorialità ed il ricambio generazionale

Dettagli

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 Disciplina di riferimento DGR 3929 del 4 dicembre 2007 (BUR n. 1 del 1 gennaio 2008) DGR 2096 del 7 luglio 2009 (BUR

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Microcredito d Impresa della Regione Puglia - Microimprese operative - Scheda informativa sul nuovo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene

Dettagli

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile.

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile. QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Legge n. 949/52 Bando INAIL 2014 - Contributo in c/interessi (64% del

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA

2 DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL INTERVENTO DI SOSTEGNO ALLO SVILUPPO DI UN IDEA IMPRENDITORIALE Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 36 di data 28.05.2015 Articolo

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002

FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002 FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002 Disciplina di riferimento DGR n. 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del 26 dicembre 2008)

Dettagli

Fondo MICROCREDITO FSE

Fondo MICROCREDITO FSE Napoli 29 maggio 2012 Fondo MICROCREDITO FSE P.O. Campania FSE 2007-2013 Asse I Adattabilità Ob. Spec. c) Ob. Op. c.2 Asse II Occupabilità Ob. Spec. e) Ob. Op. e.3, e.4 Asse III Inclusione sociale Ob.

Dettagli

22 mq e 42 mq. Autorizzazione sanitaria e iscrizione agli artigiani

22 mq e 42 mq. Autorizzazione sanitaria e iscrizione agli artigiani SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA Le informazioni riportate in questo documento sono fornite dal franchisor e costruite sull analisi storica dell andamento dei punti vendita.

Dettagli

FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO Incontro informativo su FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO Sede di Nocera Frigor Srl - Via Soleto, Martano (Lecce) 8 novembre 2010 Antonio Nocera Nocera Frigor Srl Salvatore

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA

BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello

Dettagli

BANDO A SOSTEGNO DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE

BANDO A SOSTEGNO DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE BANDO A SOSTEGNO DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello sviluppo dell

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AI GIOVANI DI AGEVOLAZIONI IN CONTO INTERESSI PER L APERTURA DI NUOVE ATTIVITA NEL TERRITORIO DI FLORIDIA DELIBERATO DAL CONSIGLIO

Dettagli

BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014

BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014 BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014 PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da oltre 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello sviluppo dell imprenditoria

Dettagli

INCENTIVI ALLE IMPRESE:

INCENTIVI ALLE IMPRESE: INCENTIVI ALLE IMPRESE: QUANDO COME E QUANTO Roma, 15-16 Febbraio 2014 Cari amici, questo opuscolo nasce con l auspicio di essere un valido punto di partenza per esplorare le possibilità messe in campo

Dettagli

ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA PER IL CIRCOLANTE DELLE IMPRESE

ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA PER IL CIRCOLANTE DELLE IMPRESE ALLEGATO 4 - Pag. 1 di 21 ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA PER IL CIRCOLANTE DELLE IMPRESE Art. 15 Legge Regionale n. 33 del 30.12.2010 DGR Basilicata n. 606 del 29/04/2011 (Regolamento) DGR Basilicata n.

Dettagli

Società di capitali. Forma giuridica

Società di capitali. Forma giuridica Società di capitali Forma giuridica Le società di capitali sono definite tali in quanto in esse prevale l'elemento oggettivo, costituito dal capitale, rispetto a quello soggettivo rappresentato dai soci.

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative

Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative lo scopo mutualistico cioè non perseguono (o non dovrebbero perseguire) il lucro o profitto come tutte le altre società/imprese, ma hanno l obiettivo

Dettagli

FRANCHISING DI: commercializzazione prodotti Erogazione di servizi produzione. Non richiesti requisiti con ultimo decreto Bersani

FRANCHISING DI: commercializzazione prodotti Erogazione di servizi produzione. Non richiesti requisiti con ultimo decreto Bersani SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA Le informazioni riportate in questo documento sono fornite dal franchisor e costruite sull analisi storica dell andamento dei punti vendita.

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Regione Puglia START UP Scheda informativa sul nuovo bando della Regione Puglia Sostegno allo start up di microimprese di nuova costituzione realizzate da soggetti svantaggiati. COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

Dettagli

C o m u n e d i L a s c a r i (Provincia Regionale di Palermo) Piazza Aldo Moro,6. Regolamento del Progetto Credito Imprese Lascari

C o m u n e d i L a s c a r i (Provincia Regionale di Palermo) Piazza Aldo Moro,6. Regolamento del Progetto Credito Imprese Lascari C o m u n e d i L a s c a r i (Provincia Regionale di Palermo) Piazza Aldo Moro,6 Regolamento del Progetto Credito Imprese Lascari Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 59 del 22.10.2010

Dettagli

FRANCHISING DI: commercializzazione prodotti erogazione di servizi produzione. Licenza agenzia d affari (S.c.i.a.)

FRANCHISING DI: commercializzazione prodotti erogazione di servizi produzione. Licenza agenzia d affari (S.c.i.a.) SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA Le informazioni riportate in questo documento sono fornite dal franchisor e costruite sull analisi storica dell andamento dei punti vendita.

Dettagli

Zone Centrali Semicentrali. Adempimenti base per avvio iniziativa e HACCP

Zone Centrali Semicentrali. Adempimenti base per avvio iniziativa e HACCP SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA Le informazioni riportate in questo documento sono fornite dal franchisor e costruite sull analisi storica dell andamento dei punti vendita.

Dettagli

Il programma di avvio contiene i seguenti elementi, alcuni dei quali si ritrovano nella compilazione del tradizionale business plan:

Il programma di avvio contiene i seguenti elementi, alcuni dei quali si ritrovano nella compilazione del tradizionale business plan: Allegato A Regolamentazione per lo start up d impresa per i lavoratori socialmente utili che si sono dimessi volontariamente dai rispettivi progetti ex DGR 352/2011, all. A (categoria di riferimento: disoccupati

Dettagli

Fare impresa con gli strumenti di Invitalia

Fare impresa con gli strumenti di Invitalia Fare impresa con gli strumenti di Invitalia Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Massimo Calzoni Business Unit - Finanza e Impresa Promozione Ferrara, 18 aprile

Dettagli

FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE

FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE P.O.R. ABRUZZO Ob. 3 2000-2006 ALLEGATO PER LL.RR. 143/95 E 96/97 136/96-55/98 ANNUALITA MISURA / AZIONE (*) L.R. ART. (*) - Azione D3.1 per le LL.RR. 136/96 e 55/98

Dettagli

Diventa imprenditore di te stesso. Ancona, 20 novembre 2012

Diventa imprenditore di te stesso. Ancona, 20 novembre 2012 Diventa imprenditore di te stesso Ancona, 20 novembre 2012 Chi siamo Invitalia, è l'agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa, che agisce su mandato del Governo per

Dettagli

IL PROGETTO D IMPRESA

IL PROGETTO D IMPRESA Allegato E IL PROGETTO D IMPRESA (Il presente formulario deve essere compilato dettagliatamente in formato elettronico e successivamente stampato) L IDEA D IMPRESA Denominazione dell impresa. Nuova attività

Dettagli

START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016

START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016 START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016 Presentazione domande: a sportello dalle ore 10 del 1 marzo 2016 alle ore 17 del 30 settembre 2016 salvo esaurimento fondi TERRITORIO: Regione Emilia Romagna OBIETTIVI

Dettagli

Alla fine del 2013, dopo 8 mesi di attesa, sono stati finalmente rifinanziati con 80 milioni di

Alla fine del 2013, dopo 8 mesi di attesa, sono stati finalmente rifinanziati con 80 milioni di Palermo, 29.01.2014 Oggetto: INVITALIA- contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati per Società di persone e Ditte individuali di nuova costituzione. Alla fine del 2013, dopo 8 mesi di attesa,

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

FINANZIAMENTO FONDO MICROCREDITO FSE Per tutta la Sardegna scadenza: 30.10.2014

FINANZIAMENTO FONDO MICROCREDITO FSE Per tutta la Sardegna scadenza: 30.10.2014 FINANZIAMENTO FONDO MICROCREDITO FSE Per tutta la Sardegna scadenza: 30.10.2014 Caratteristiche generali: La Regione Sardegna, con Deliberazione di Giunta Regionale n. 53/61 del 4.12.2009, ha previsto

Dettagli

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA Bari, 27 ottobre 2014 Lorenzo Minnielli Obiettivi Il Fondo Microcredito d Impresa della Puglia è lo strumento con cui la Regione Puglia offre alle micro imprese

Dettagli

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve La SEZIONE A del Fondo di rotazione

Dettagli

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE La COSTITUZIONE di una ASD e di una Società Sportiva di capitali L attività sportiva dilettantistica, con l introduzione della Finanziaria del 2003 (Legge n.289 del 27/12/2002 articolo 90), può essere

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE E IRES

SOCIETA COOPERATIVE E IRES FISCALITÀ PER LE COOPERATIVE: NOVITÀ INTRODOTTE DALLA MANOVRA FINANZIARIA Brescia 5 Novembre 2011 1 SOCIETA COOPERATIVE E IRES Art. 73, comma 1, lettera a) del Tuir Sono soggetti all imposta sul reddito

Dettagli

categoria) e successive modificazioni e del Reg. (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 (Regolamento de minimis ).

categoria) e successive modificazioni e del Reg. (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 (Regolamento de minimis ). Sostegno dei processi di internazionalizzazione delle Piccole e medie imprese del Lazio in forma aggregata Bando: L.R. n. 5 del 2008 Disciplina degli interventi regionali a sostegno Dell internazionalizzazione

Dettagli

INCENTIVI PER LE IMPRESE. N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore

INCENTIVI PER LE IMPRESE. N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore INCENTIVI PER LE IMPRESE N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore 1 PIA A sportello Piccole-medie imprese Da 200.000,00 a 1.000.000,00 2 Titolo II A sportello Microimprese

Dettagli

Circolare Informativa n 45/2012. Microcredito Regione Campania

Circolare Informativa n 45/2012. Microcredito Regione Campania Circolare Informativa n 45/2012 Microcredito Regione Campania e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 7 INDICE Premessa pag.3 1) Soggetti beneficiari pag. 3 2) Linee di intervento

Dettagli

SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA 1. DESCRIZIONE ATTIVITÀ 2. INFORMAZIONI SUL PUNTO DI VENDITA

SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA 1. DESCRIZIONE ATTIVITÀ 2. INFORMAZIONI SUL PUNTO DI VENDITA SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA Le informazioni riportate in questo documento sono fornite dal franchisor e costruite sull analisi storica dell andamento dei punti vendita.

Dettagli

DOMANDA DI ACCESSO ALLE AGEVOLAZIONI DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA

DOMANDA DI ACCESSO ALLE AGEVOLAZIONI DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA P.O. FESR Campania 2007-2013 OBIETTIVO OPERATIVO 2.4 CREDITO E FINANZA INNOVATIVA - MIGLIORARE LA CAPACITÀ DI ACCESSO E ALLA FINANZA PER L IMPRESA PER GLI OPERATORI ECONOMICI PRESENTI SUL TERRITORIO REGIONALE

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999)

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) Disciplina di riferimento DGR 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del

Dettagli

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi MODELLO DI BUSINESS PLAN Schema esemplificativo per la redazione del piano d impresa 1) CURRICULUM VITA DEI PROPONENTI O SOCI DELL IMPRESA 2) DESCRIZIONE DEL PROGETTO 2.1 DESCRIZIONE ANALITICA DEL PRODOTTO/SERVIZIO

Dettagli

Bando Start. Diffusione della cultura imprenditoriale e supporto allo start up d impresa. www.start.lombardia.it

Bando Start. Diffusione della cultura imprenditoriale e supporto allo start up d impresa. www.start.lombardia.it Bando Start Diffusione della cultura imprenditoriale e supporto allo start up d impresa www.start.lombardia.it Finalità dell intervento Promuovere e sostenere la diffusione di cultura imprenditoriale per

Dettagli

FRANCHISING DI: commercializzazione prodotti erogazione di servizi produzione. Zona commerciale, da verificare con franchisee. 32 mq (da 16 a 48 mq)

FRANCHISING DI: commercializzazione prodotti erogazione di servizi produzione. Zona commerciale, da verificare con franchisee. 32 mq (da 16 a 48 mq) SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA Le informazioni riportate in questo documento sono fornite dal franchisor e costruite sull analisi storica dell andamento dei punti vendita.

Dettagli

Prof. Bruno Pirozzi. Anno accademico 2004-2005. Materiale ad uso esclusivamente didattico e con circolazione limitata agli studenti

Prof. Bruno Pirozzi. Anno accademico 2004-2005. Materiale ad uso esclusivamente didattico e con circolazione limitata agli studenti Prof. Bruno Pirozzi Anno accademico 2004-2005 Materiale ad uso esclusivamente didattico e con circolazione limitata agli studenti PROGRAMMA Ore 60 MODULO 1 1-l azienda e il suo insieme :struttura e risorse

Dettagli

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia MicroPrestito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene alcune informazioni sul

Dettagli

SCHEDA TECNICA. Concessione alle imprese artigiane di contributi in conto interessi ai sensi dell articolo 40, comma 1, lettera d) della L. r.

SCHEDA TECNICA. Concessione alle imprese artigiane di contributi in conto interessi ai sensi dell articolo 40, comma 1, lettera d) della L. r. Studio Biagi STUDIO ATTIVO IN TUTTA ITALIA Consulenza e assistenza tecnica sulle agevolazioni i finanziamenti e i programmi comunitari, nazionali, regionali e l internazionalizzazione delle imprese SCHEDA

Dettagli

1.a. Aspetti gestionali

1.a. Aspetti gestionali 1.a. Aspetti gestionali Per le Associazioni sportive l attività istituzionale è quella svolta in conformità alle finalità statutarie e rivolta agli associati. Il decreto legislativo del 4 dicembre 1997,

Dettagli

- Società in accomandita semplice; - Associazione tra professionisti; - Società a responsabilità limitata.

- Società in accomandita semplice; - Associazione tra professionisti; - Società a responsabilità limitata. M I S U R A N I D I (N U O V E I N I Z I A T I V E D' I M P R E S A) G U I D E L I N E S studio Requisiti Soggettivi Nuova impresa o impresa costituita da meno di 6 mesi ed inattiva che, alla data di presentazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

LA COSTITUZIONE DI UN ASSOCIAZIONE

LA COSTITUZIONE DI UN ASSOCIAZIONE Como, 16 settembre 2014 LA COSTITUZIONE DI UN ASSOCIAZIONE QUESITO: Qualora un gruppo di imprenditori dovesse decidere di costituire un associazione di categoria con l obiettivo di rafforzare ed integrare

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEL TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEL TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEL TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA RICHIESTA DI AGEVOLAZIONI L.R. 51/93 PROCEDURA A SPORTELLO ANNUALITA 2008 Normativa

Dettagli

Attività: Intermediazione per l acquisto, la vendita, la locazione e la stima di beni immobili

Attività: Intermediazione per l acquisto, la vendita, la locazione e la stima di beni immobili SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA Le informazioni riportate in questo documento sono fornite dal franchisor e costruite sull analisi storica dell andamento dei punti vendita.

Dettagli