Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi -"

Transcript

1 Dipartimento Politiche Previdenziali, Fisco, Prezzi e Tariffe, Rapporti con gli Enti e i CIV Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi - Roma, 11 febbraio 2013 Circolare n. 46/SDI-MC-CMon/pt Oggetto: Chiarimenti Inps su L. 214/11 Come noto l art. 24 del D.L. 201/11, conv. in L. 214/11 ha previsto, con decorrenza 2012, nuovi requisiti per la pensione di vecchiaia ed anticipata. L Inps, con circolare n. 35 del 2012, ha fornito le prime istruzioni in merito all applicazione dei requisiti predetti, ma stante i numerosi quesiti insorti, e sulla base di un parere del Ministero del Welfare, l Istituto ha emanato un ulteriore e recente messaggio sull argomento. Soggetti che accedono a pensione con il sistema contributivo Per i soggetti che accedono alla pensione con il sistema contributivo, continua ad applicarsi l art. 1, comma 40 della L. 335/95, che prevede il riconoscimento dei contributi figurativi nei seguenti casi: - assenza da lavoro per educare ed assistere i figli fino al sesto anno di età, per centosettanta giorni per ciascun figlio; - assenza da lavoro per assistere i figli dal sesto anno di età oppure il coniuge o il genitore convivente in presenza di patologie di cui all art. 3 della L. 104/92, per 25 giorni all anno in un limite massimo di 24 mesi; - in presenza dell evento maternità, a prescindere dall assenza dal lavoro, alla lavoratrice è riconosciuto un anticipo di età, rispetto al requisito di accesso alla pensione di vecchiaia, pari a 4 mesi per ogni figlio e nel limite massimo di 12 mesi. In alternativa all anticipo, la lavoratrice può optare per la determinazione della pensione con il moltiplicatore di cui alla tab. A, come modificata dalla L. 247/07, relativo all età di accesso alla pensione, maggiorato di 1 anno in caso di uno o due figli, e maggiorato di 2 anni in caso di 3 o più figli. Per le lavoratrici madri, che maturano i requisiti per la pensione di vecchiaia nel sistema contributivo, dal 2012, l anticipo dell età pensionabile in caso di maternità, è rapportato alle nuove età pensionabili introdotte dall art. 24 del D.L. 201/11, conv. nella L. 214/11, adeguate agli incrementi della speranza di vita. Federazione Nazionale Pensionati Cisl - Via Castelfidardo 47, Roma Telefono 06/ Fax 06/

2 Supplementi di pensione nell Ago e nella Gestione Separata Per i supplementi di pensione, in relazione ai nuovi requisiti anagrafici per la pensione di vecchiaia introdotti dall art. 24 L. 214/11, sia per il sistema misto che contributivo, il calcolo della quota di supplemento per le anzianità acquisite dal 2012 in poi, deve essere effettuato con il sistema contributivo, mentre nulla è cambiato per le anzianità maturate entro il Vi ricordiamo che i supplementi decorrono dal 1 giorno del mese successivo alla domanda. Per quanto riguarda i supplementi su pensioni nell Ago, come noto, il diritto agli stessi, per la contribuzione versata successivamente alla decorrenza della pensione, si consegue a domanda dopo 5 anni dal pensionamento o dal precedente supplemento; solo per una volta l interessato può richiedere il supplemento anche dopo 2 anni, a condizione che sia stata compiuta l età pensionabile. Ai fini dell individuazione dell età, e secondo i chiarimenti forniti dall Inps, l età anagrafica si cristallizza per coloro che hanno perfezionato i requisiti per la pensione di vecchiaia vigenti al 31/12/2011 se: - titolari di pensione di vecchiaia entro la predetta data; - titolari di pensione di anzianità o pensione di vecchiaia nel sistema retributivo, misto o contributivo qualora abbiano compiuto l età anagrafica vigente per la pensione di vecchiaia al La cristallizzazione opera anche per coloro che hanno perfezionato i requisiti anagrafici e contributivi per la pensione di vecchiaia al 2011, ma non ancora titolari di pensione entro la predetta data. Il diritto al supplemento si consegue comunque trascorsi due anni dalla decorrenza della pensione. Per chi ha conseguito, anteriormente al 2012, la pensione di anzianità (retributivo o misto) o la pensione di vecchiaia nel contributivo e non ha perfezionato, entro il 2011, l età pensionabile per la vecchiaia, vigente, si può dar luogo alla liquidazione del supplemento dopo due anni dalla pensione, purché l interessato abbia, nel corso dei due anni, perfezionato l età pensionabile, adeguata agli incrementi della speranza di vita, sempreché presenti domanda di supplemento successivamente allo scadere dei due anni. Per chi matura i requisiti per il diritto a pensione di vecchiaia e anticipata dal 2012, ai fini della liquidazione del supplemento, si dovrà tener conto delle nuove età anagrafiche per l accesso alla pensione di vecchiaia introdotte dall art. 24 della Manovra Monti, adeguate agli incrementi della speranza di vita. Per quanto riguarda i contributi versati nella Gestione Separata INPS successivi alla decorrenza della pensione già liquidata, fermo restando che il riconoscimento del supplemento può essere richiesto trascorsi due anni dalla decorrenza e, successivamente, dopo cinque anni dal precedente supplemento, l elevazione del requisito anagrafico previsto dalla riforma non assume alcuna rilevanza ai fini dell acquisizione del diritto al supplemento stesso. Pensione supplementare Il lavoratore iscritto all AGO, già titolare di altra pensione a carico di un Fondo sostitutivo esclusivo od esonerativo dell AGO, può chiedere, a domanda, la pensione supplementare se possiede contribuzione versata non sufficiente per ottenere una pensione autonoma. 2

3 Per le domande di pensione supplementare presentate dal 1 gennaio 2012 occorre fare riferimento alle nuove età pensionabili, di cui all art. 24 della L. 214/2011, adeguate agli incrementi legati alla speranza di vita. Tuttavia l Inps chiarisce che non verranno accolte le domande di pensione supplementare presentate nel 2012 da coloro che, in base ai requisiti vigenti al 31/12/2011 (vale a dire, 5 anni di ctb + 65 età + 1,2 importo A.S.), hanno già perfezionato un diritto autonomo a pensione nel sistema contributivo. Ciò in forza di quanto recita l art. 5 della l. 1338/62 che riconosce il diritto alla pensione supplementare in assenza del perfezionamento del diritto autonomo. Detta domanda verrà respinta in quanto l entrata in vigore della nuova normativa che ha innalzato i requisiti contributivi e anagrafici (20 anni di ctb e almeno 66 anni), non invalida il diritto acquisito al Il chiarimento dell Inps non può essere condiviso ed infatti la questione è stata affrontata dai legali dell Inas, su un futuro eventuale contenzioso. Secondo i legali, la norma non attribuisce direttamente un diritto,ma una facoltà di chiedere la prestazione subordinata al requisito e ad una condizione ovvero pensione principale ed età pensionabile, conseguentemente insorge il diritto alla pensione supplementare a prescindere dall epoca nella quale viene presentata. Pensione supplementare a carico della gestione separata Per gli iscritti dal 1 gennaio 1996 alla gestione separata che non perfezionano il diritto ad una pensione in regime autonomo, possono ottenere la pensione supplementare se titolari di un trattamento a carico del Fondo pensioni lavoratori dipendenti o di una forma previdenziale esclusiva o sostitutiva dell AGO, ovvero di una delle gestioni dei lavoratori autonomi o dei liberi professionisti. L Inps chiarisce che la pensione supplementare può essere liquidata anche nel caso in cui l importo risulti inferiore a 1,5 volte l assegno sociale, pur in presenza dei requisiti di età anagrafica e contributiva per la pensione di vecchiaia, in regime autonomo, introdotti dalla legge 214/11. Maggiorazione convenzionale per pensione di inabilità Per le pensioni di inabilità liquidate dal 1 febbraio 2012 la maggiorazione convenzionale, determinata secondo il sistema contributivo, andrà ad aggiungersi al montante individuale dei contributi posseduti all atto del pensionamento, con un ulteriore quota di contribuzione riferita al periodo compreso tra la decorrenza della pensione e la data di compimento del 60 anno di età dell interessato, computata in relazione alla media delle basi annue pensionabili possedute negli ultimi 5 anni e rivalutate, indipendentemente dal sesso e dalla gestione che liquida la pensione,e comunque fino ad un massimo di 40 anni di contribuzione. Contribuzione utile ai fini dell esclusione dalla riduzione percentuale della pensione anticipata. Come è noto, a decorrere dal 1 gennaio 2012, in caso di accesso alla pensione anticipata con un età anagrafica inferiore ai 62 anni di età è applicata una riduzione pari all 1% della quota retributiva di pensione per ogni anno di anticipo di accesso alla pensione rispetto all età di 62 anni (art. 24, c. 10 della L. 214/2011). Detta diposizione riguarda tutti i soggetti iscritti al 31 dicembre 1995 per i quali la riduzione si applica sulla 3

4 quota di pensione relativa alle anzianità retributive maturate al 31 dicembre 2011, se in presenza di almeno 18 anni di contributi versati al 31 dicembre 1995 o, sulla quota di pensione relativa alle anzianità retributive maturate al 31 dicembre 1995, se in presenza di un anzianità contributiva inferiore ai 18 anni di contribuzione a tale data. Quindi l art. 6, c. 2 quater della L. 14/2012 ha stabilito che tale riduzione percentuale non si applica nei confronti di coloro che maturano i requisiti contributivi per la pensione anticipata entro il 31 dicembre 2017, fermo restando che tale anzianità contributiva derivi esclusivamente: da prestazione effettiva di lavoro, compresi i periodi di astensione obbligatoria per maternità (anche se intervenuta al di fuori del rapporto di lavoro), per assolvimento di obblighi di leva, per infortunio, per malattia e per cassa integrazione ordinaria; da periodi riscattati ai sensi dell ex art. 13 della L. 1338/62. In questo caso, infatti, si tratta di contribuzione per la quale è stato accertato lo svolgimento di attività lavorativa. Opzione per il sistema contributivo Per i soggetti iscritti nell AGO e nelle forme sostitutive ed esclusive della stessa, l art. 1 c. 23 della L. 335/95 prevede la facoltà di optare entro il 31 dicembre 2011 per il sistema contributivo a condizione che siano in possesso di un anzianità assicurativa anteriore al 1 gennaio 1996 (meno di 18 anni di ctb al 1995 oppure 15 anni di ctb di cui almeno 5 dal 1996). Al riguardo, l istituto precisa che anche per questi soggetti che esercitano detta facoltà a decorrere dal 1 gennaio 2012, vada applicata la disciplina in materia di requisiti per il diritto di accesso alla pensione secondo il sistema di calcolo misto. Pertanto, questi soggetti potranno accedere alla pensione contributiva, sia ai fini del diritto che della misura, in base alla previgente normativa. Ricordiamo che, per il diritto alla pensione di vecchiaia nel sistema contributivo, i requisiti da maturare entro il 31dicembre 2011 sono: 60 anni di età per le donne e 65 anni per gli uomini + il requisito contributivo di almeno 5 anni di contribuzione effettiva (l. 335/95); almeno 40 anni versamenti, indipendentemente dall età anagrafica (escludendo i contributi versati volontariamente e moltiplicando per 1,5 volte i contributi da lavoro prima del 18 anno si età); almeno 35 anni di versamenti + requisito anagrafico previsto; nel caso in cui la pensione di vecchiaia sia richiesta da un soggetto di età inferiore a 65 anni, è richiesto il requisito di importo dell 1,2 volte l assegno sociale. Conseguentemente, per il diritto alla pensione di vecchiaia nel sistema contributivo secondo la normativa vigente alla data del 31/12/2011, il soggetto optante deve aver perfezionato a tale data sia i requisiti amministrativi per il diritto a pensione sia le condizioni per l opzione stessa, anche se la facoltà viene esercitata dal In tali fattispecie l accesso al trattamento pensionistico di vecchiaia è assoggettato alla normativa di decorrenze vigente al 31 dicembre 2011 e dunque all applicazione delle finestre mobili, fermo restando che detta decorrenza non potrà essere anteriore all opzione stessa. Per quanto riguarda invece quei soggetti che perfezionano i requisiti per l opzione, a decorrere dal 1 gennaio 2012, questi potranno optare per il sistema contributivo, soltanto ai fini della misura, vale a dire, esclusivamente con le regole di calcolo di detto sistema. Mentre, per quanto concerne il diritto alla prestazione pensionistica si applicano i 4

5 requisiti di accesso alla pensione di vecchiaia e alla pensione anticipata previsti per i lavoratori in possesso di un anzianità contributiva al 31 dicembre 1995 (sistema misto), indipendentemente dall importo della pensione 1,5 volte l assegno sociale; quest ultimo requisito, infatti, è stabilito esclusivamente per gli iscritti dal 1 gennaio L ultimo chiarimento in tema di opzione per il sistema contributivo è relativo all irrevocabilità della sua domanda nel caso in cui venga esercitata al momento del pensionamento o nel corso della vita lavorativa. Se viene chiesta al momento del pensionamento, l Inps dovrà effettuare un doppio calcolo (misto e contributivo in regime di opzione). L irrevocabilità della domanda avviene solo quando il lavoratore sceglie di optare per il calcolo contributivo. Qualora la domanda di opzione venga presentata durante la vita lavorativa, l irrevocabilità della domanda si verifica solo nel caso in cui la retribuzione, previo calcolo, ecceda il massimale annuo stabilito dalla L. 335/95. Se viceversa la retribuzione non supera il tetto previsto, la richiesta di opzione, di fatto, si considera improduttiva di effetti. Di conseguenza, l Inps procederà al doppio calcolo di pensione per consentire al lavoratore di operare la sua scelta. Computo nella Gestione separata In base all art. 3 del D.M. n. 282 del 1996, gli iscritti alla Gestione Separata che possono far valere periodi contributivi presso l AGO, le forme esclusive e sostitutive della medesima, hanno facoltà di chiedere nell ambito della Gestione Separata il calcolo dei contributi versati ai fini del diritto e della misura della pensione, fermo restando che siano in possesso delle condizioni previste per l esercizio del diritto di opzione (meno di 18 anni di ctb al 1995 o 15 anni di ctb di cui 5 al 1996). Ciò premesso, ai fini del diritto a pensione, bisogna considerare i periodi non coincidenti almeno temporalmente, mentre, ai fini della misura, devono essere calcolati tutti i periodi, anche coincidenti, accreditati nelle diverse gestioni. Il soggetto che esercita detta facoltà di computo consegue il diritto alle prestazioni pensionistiche in base ai requisiti anagrafici e contributivi, nonché al sistema di calcolo contributivo, previsti nella Gestione Separata dal 1 gennaio Pertanto, coloro che perfezionano, a decorrere dal 1 gennaio 2012, le condizioni previste per il computo, così come previste all art. 3 del D.M. 282/96, conseguiranno il diritto a pensione in base ai requisiti introdotti dalla l. 214/2011 per gli iscritti alla Gestione Separata; mentre coloro che soddisfano le condizioni previste per il computo entro il 31 dicembre 2011 i requisiti previsti per accedere alla pensione nella Gestione Separata, andranno in pensione in base alla previgente normativa, fermo restando il regime delle decorrenze. Una volta verificato il perfezionamento al 31 dicembre 2011 del requisito contributivo per l esercizio del diritto di opzione al sistema contributivo e per quello relativo all importo della pensione - non inferiore a 1,2 volte l assegno sociale in presenza di un età inferiore a 65 anni l Inps precisa che, in ogni caso, la decorrenza della pensione non potrà essere anteriore alla data in cui il lavoratore ha esercitato l opzione. 5

6 Cristallizzazione dei requisiti pensionistici L Istituto conferma, allo stato attuale, il principio di cristallizzazione dei requisiti per il diritto alla pensione di vecchiaia o anticipata, per cui si può accedere al trattamento pensionistico da qualsiasi momento successivo, a condizione che non intervenga un ulteriore norma che modifichi la disciplina in vigore e che alla data di decorrenza della pensione i soggetti siano cessati. Disposizioni eccezionali La Direzione Generale dell Inps, nel confermare quanto contenuto nella circolare n. 35 del 2012 e, dopo aver acquisito apposito parere del Ministero del Lavoro, ha stabilito che la disposizione eccezionale di cui all art 24 c. 15 della legge 214/11, si applica nei confronti dei lavoratori che perfezionano i requisiti contributivi utilizzando anche la contribuzione accreditata nella gestione autonoma a condizione che alla data del 28 dicembre 2011 abbiano svolto attività lavorativa dipendente. In questo caso la pensione verrà liquidata nella gestione autonoma. Se il lavoratore, alla data 28 dicembre 2011, risulti dipendente e successivamente autonomo può accedere al trattamento pensionistico in presenza dei requisiti di cui all art 24 comma 15 bis, in quanto alla suddetta data risulta dipendente del settore privato. Diversamente, come chiarito dal Ministero e acquisito dall Inps, i soggetti non occupati come dipendenti, alla data del 28 dicembre 2011 non possono usufruire della disposizione eccezionale in quanto l interpretazione letterale della disposizione riferisce la nozione di dipendente al lavoratore in attività e non può estendersi al lavoratore che ha perso il posto di lavoro. È ovvio che tutte le altre situazioni in cui l attività dipendente non risulta cessata, ma sospesa, ad esempio lavoratori collocati in cassa integrazione ordinaria, sono fatte salve. Opzione sperimentale Donne La legge 243/04 prevede in via sperimentale dal 2008 al 2015, che le lavoratrici possano andare in pensione optando per il sistema contributivo, con regole più favorevoli e cioè con 35 anni di contributi e 57 anni di età, tenendo conto sia dell incremento della speranza di vita che della disciplina delle decorrenze della pensione. Nella nota dell Inps si legge che, ai fini del raggiungimento dei 35 anni, è utile tutta la contribuzione, con esclusione di quella figurativa, per malattia, infortunio e disoccupazione. Tenuto conto che la prestazione è liquidata nel sistema contributivo, l istituto ha chiarito che continuerà ad applicare le regole del sistema retributivo e misto e, pertanto, verrà riconosciuto il trattamento minimo e non dovrà essere soddisfatto il requisito dell importo minimo previsto per coloro che conseguono il diritto a pensione in base alla disciplina del sistema contributivo. Alle lavoratrici che si avvalgono della sperimentazione non si applicano i benefici di cui all art. 1 comma 40 della legge 335/95, ovvero anticipo età o incremento pensionistico rispetto al numero dei figli. Non possono accedere al regime sperimentale le lavoratrice che: - hanno perfezionato il diritto a pensione in base alla norma vigente al 31 dicembre 2011; - hanno perfezionato il diritto a pensione in base alla legge 214/11; - sono salvaguardate; 6

7 - raggiungeranno i requisiti entro il 2015 ma con una decorrenza successiva a tale data; Infine si chiarisce che la domanda di pensione per accedere al regime sperimentale può essere revocata, in base alle disposizioni di carattere generale, soltanto nel caso in cui la stessa non sia stata accolta con apposita comunicazione. Pensioni in totalizzazione La legge 214/11 ha abrogato il requisito minimo di durata richiesto per la pensioni di vecchiaia e anzianità in regime di totalizzazione. Pertanto, con effetto dal 1 gennaio 2012 potranno essere totalizzati tutti i periodi non coincidenti, anche di durata inferiore a tre anni al fine del conseguimento di un unica pensione di cui al D.lgs. 42/06 e successive modificazioni. Inoltre, nella nota si precisa che coloro i quali hanno perfezionato i requisiti vigenti entro il 31 dicembre 2011 qualora abbiano presentato domanda di pensione, ancora non definita, in regime di totalizzazione, nel corso del 2011 e/o nel 2012 e che sono in attesa della finestra mobile, possono scegliere di: - valorizzare anche i periodi inferiori a tre anni, nel caso specifico la decorrenza dei 18 mesi verrà rideterminata a partire dal 1 gennaio 2012; - non valorizzare i periodi inferiori a tre anni, in questo caso si potrà mantenere la decorrenza originaria. I periodi esclusi daranno luogo a pensione supplementare se almeno una quota di pensione in totalizzazione sia a carico di un fondo sostitutivo o esclusivo dell AGO. Per quanto riguarda le decorrenze, a partire dal 2012, anche per coloro che raggiungono il diritto a pensione in regime di totalizzazione con 40 anni, a prescindere dall età, dovrà essere aggiunta la finestra mobile di mese nel 2012, mesi nel 2013, mesi nel 2014 oltre all incremento legato alla speranza di vita. Pensione ai superstiti e di inabilità in regime di totalizzazione La facoltà di totalizzazione, come è noto, può essere esercitata sia per la liquidazione ai superstiti dell assicurato deceduto prima di aver acquisito il diritto a pensione, sia per la pensione di inabilità. L Inps, con la circolare in esame, precisa che, a decorrere dal 1 gennaio 2012, la soppressione del requisito minimo di 3 anni per l accesso al trattamento pensionistico in totalizzazione non ha alcun rilievo in caso di domande di pensione di inabilità e superstiti. E, quindi, necessario e sufficiente verificare solo che ricorrano i requisiti di assicurazione e contribuzione, nonché gli ulteriori requisiti, ordinariamente richiesti nella gestione pensionistica nella quale il lavoratore è iscritto al momento del verificarsi dello stato inabilitante (per la pensione di inabilità), ovvero nella gestione nella quale il dante causa era i scritto al momento del decesso (per la pensione indiretta). Lavoratori extra comunitari rimpatriati Anche nei confronti dei lavoratori extra comunitari rimpatriati si applicano i nuovi requisiti anagrafici comprensivi degli adeguamenti per la speranza di vita introdotti dalla legge 214/11. 7

8 Calcolo della quota contributiva in presenza di maggiorazioni È stato precisato che, a decorrere dal 1 gennaio 2012, le maggiorazioni spettanti a particolari categorie di lavoratori, quali invalidi con una invalidità superiore al 74%, non vedenti, ecc., saranno utili solo ai fini del diritto ma non per la misura della quota contributiva; questo in quanto l importo della pensione è determinato moltiplicando il montante contributivo per il coefficiente di trasformazione relativo all età. Indennizzi per cessazione dell attività commerciale Sull argomento in esame l istituto ha chiesto apposito parere al Ministero del Lavoro,circa la possibilità di prorogare l indennizzo per la cessazione dell attività commerciale fino alle nuove età, per la pensione di vecchiaia, stabilite dalla legge 214/11. Come è noto, la legge n. 207/96, che ha istituito tale prestazione, fissa la durata dell indennizzo fino al compimento dei 65 anni se uomo e 60 se donna. Con l introduzione delle finestre per le pensioni di vecchiaia, l Inps aveva stabilito che l indennizzo venisse prorogato fino alla decorrenza effettiva della pensione, comprendendo anche i 18 mesi di posticipo. Ora, con l introduzione dei nuovi requisiti anagrafici stabiliti dalla riforma Monti, gli interessati, alla scadenza dell indennizzo, si troveranno senza lo stesso e senza pensione, non avendo compiuto la nuova età. Nell attesa del parere, le sedi sono state autorizzate di prorogare il pagamento dell indennizzo fino ad un massimo di 18 mesi dal compimento dell età pensionabile prevista dalla normativa precedente e cioè fino a 61 anni e 5 mesi per le donne e 66 e 5 mesi per gli uomini purché in possesso di almeno 20 anni di contribuzione. Cordiali saluti. Mario Menditto (Segretario Nazionale) 8

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it L' INPS pubblica un articolato messaggio per fornire chiarimenti in ordine alla applicazione dei principi contenuti nella riforma delle pensioni,

Dettagli

1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI 1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO (art. 1, comma 40, della legge n. 335 del 1995) Nei confronti dei soggetti

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 04-01-2013. Messaggio n. 219

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 04-01-2013. Messaggio n. 219 Direzione Centrale Pensioni Roma, 04-01-2013 Messaggio n. 219 OGGETTO: Articolo 24, del d.l. n. 201 convertito dalla legge n. 214 del 2011: nuove disposizioni in materia di trattamenti pensionistici riguardanti

Dettagli

www.unicolavoro.ilsole24ore.com Istituto Nazionale Previdenza Sociale Messaggio 4 gennaio 2013, n.219

www.unicolavoro.ilsole24ore.com Istituto Nazionale Previdenza Sociale Messaggio 4 gennaio 2013, n.219 www.unicolavoro.ilsole24ore.com Istituto Nazionale Previdenza Sociale Messaggio 4 gennaio 2013, n.219 Articolo 24, del d.l. n. 201 convertito dalla legge n. 214 del 2011: nuove disposizioni in materia

Dettagli

Cenni sulle pensioni.

Cenni sulle pensioni. Cenni sulle pensioni. Di seguito una sintesi della normativa in vigore dal 1 gennaio 2012 e dei requisiti dal 1 gennaio 2014. assistenza.previdenza@fisac.it 1 Pensioni dal 1 gennaio 2012 A partire dal

Dettagli

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita 379 Contributi obbligatori Contributi da riscatto Contributi figurativi Contributi volontari Schema della contribuzione sono imposti dalla legge ai fini del diritto e della misura dei trattamenti pensionistici

Dettagli

Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013

Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013 Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013 RICONGIUNZIONE Lavoratori iscritti a due o più forme di assicurazione: AGO INPS - IVS dipendenti e autonomi TOTALIZZAZIONE

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI F E D E R M A N A G E R Via Ravenna 14-00161 ROMA U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. UNIONE SINDACALE CAPITANI UNIONE NAZIONALE CAPITANI LUNGO CORSO AL COMANDO DIRETTORI di MACCHINA Segreteria Nazionale 16121

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 Circ INPS 35-2012 Pensione di Vecchiaia (art. 24, commi 6 e 7) P.1 circ 35 Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 ETA :Si confermano i requisiti di età indicati nelle

Dettagli

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti.

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti. Direzione Centrale Pensioni Roma, 18/11/2015 Circolare n. 184 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE Speciale PENSIONI 1 PREMESSA In ITALIA, il sistema pensionistico pubblico, è fondato sul principio della ripartizione e della solidarietà intergenerazionale: i contributi che i lavoratori e le aziende

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

LA TOTALIZZAZIONE DEI PERIODI ASSICURATIVI

LA TOTALIZZAZIONE DEI PERIODI ASSICURATIVI 1 LA TOTALIZZAZIONE DEI PERIODI ASSICURATIVI DECRETO LEGISLATIVO N 42/2006 LEGGE N 247/2007 DECRETO LEGGE N 201/2011 CONVERTITO IN LEGGE N 214/2011 2 1 Totalizzazione La nuova disposizione esordisce con

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 09/09/2011

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 09/09/2011 Direzione Centrale Pensioni Roma, 09/09/2011 Circolare n. 116 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI A chi si rivolge La totalizzazione può essere esercitata dai soggetti iscritti a due o più forme di previdenza obbligatoria. Requisiti Pensione di vecchiaia: occorre avere

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012

Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012 Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012 Interventi in materia previdenziale Roma, 14 marzo 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 Dal 2012 nuovi requisiti anagrafici e contributivi per

Dettagli

Le pensioni nel 2005

Le pensioni nel 2005 marzo 2005 Le pensioni nel 2005 TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Il tetto di retribuzione pensionabile per il calcolo delle pensioni con il sistema retributivo con decorrenza nell anno 2005 è stato definitivamente

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011)

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Interventi in materia previdenziale Napoli, 18 gennaio 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 La quota di pensione maturata

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO IL SISTEMA CONTRIBUTIVO M I L A N O, 1 8 M A G G I O 2 0 1 3 D O T T. F I L I P P O B O N A N N I I N P S - D I R E Z I O N E C E N T R A L E P E N S I O N I 1 SISTEMA CONTRIBUTIVO Nell Ordinamento previdenziale

Dettagli

Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo

Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo Abrogazione legge 322/58 in particolari situazioni Cumulo periodi contributivi per pensione Vecchiaia Reversibilità Inabilità Corso agenti sociali FNP CISL

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE a cura di Maria Rita Gilardi Roma, 23 gennaio 2006 1 Articolo 1 Totalizzazione

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA La Gestione separata (G.S.) è una gestione pensionistica separata di nome e di fatto. Infatti la contribuzione ivi versata viene accreditata

Dettagli

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS L' INPS ha fornito chiarimenti in merito alla nuova riforma pensionistica, introdotta con il cosiddetto decreto-legge salva Italia e modificata dal Milleproroghe,

Dettagli

Le pensioni nel 2006

Le pensioni nel 2006 Le pensioni nel 2006 Proponiamo il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE

Dettagli

SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014!

SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014! settembre 2013 SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014! In attesa dell emanazione del previsto Decreto Ministeriale recante disposizioni per le cessazioni dal servizio, che tra l altro fissa il

Dettagli

Il nuovo cumulo, terza via per la pensione

Il nuovo cumulo, terza via per la pensione Il nuovo cumulo, terza via per la pensione La legge di stabilità 2013 (Legge n. 228/2012) per rendere meno gravosi i requisiti di accesso alla pensione dopo la riforma Monti-Fornero ha previsto, accanto

Dettagli

Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI

Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI PENSIONABILITÁ Indice Inquadramento previdenziale dipendenti Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane Nuovi riferimenti normativi Pensione di vecchiaia: requisiti

Dettagli

Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola.

Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola. PREG.MI COLLEGHI DELLA SCUOLA, Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola. Questa segreteria provinciale, ritenendo di fare

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

B. Pensione anticipata

B. Pensione anticipata 286 LAV. DIP.: PENSIONI Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre Il lavoratore può scegliere tra due possibilità: aumentare l importo della pensione, che viene calcolata sulla base del coefficiente di trasformazione

Dettagli

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI PRO-RATA CONTRIBUTIVO A decorrere dal 1 gennaio 2012,

Dettagli

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo Prefettura RIMINI 10/03/2015 L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo 1919 Nascita della tutela obbligatoria per i lavoratori dipendenti L Istituto

Dettagli

COMUNICATO IL COLLOCAMENTO A RIPOSO DEL PERSONALE DELLA SCUOLA DAL 1^ SETTEMBRE 2016: NORMATIVA E INDICAZIONI

COMUNICATO IL COLLOCAMENTO A RIPOSO DEL PERSONALE DELLA SCUOLA DAL 1^ SETTEMBRE 2016: NORMATIVA E INDICAZIONI Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche SEGRETERIA NAZIONALE FLP SCUOLA 00187 ROMA Via Piave 61 sito internet: www.flpscuola.org Email: info@flpscuola.org tel. 06/42000358 06/42010899 fax.

Dettagli

Requisiti per l accesso al trattamento pensionistico a decorrere dal 1 settembre 2014

Requisiti per l accesso al trattamento pensionistico a decorrere dal 1 settembre 2014 Requisiti per l accesso al trattamento pensionistico a decorrere dal 1 settembre 2014 Requisiti in vigore fino al 31/12/2011 e modifiche introdotte dal D.L. 138/2011 a cura di Giovanni Cadoni (Gilda Insegnanti

Dettagli

LE PENSIONI DAL 1 GENNAIO 2014. La pensione di vecchiaia

LE PENSIONI DAL 1 GENNAIO 2014. La pensione di vecchiaia LE PENSIONI DAL 1 GENNAIO 2014 La pensione di vecchiaia Entrano in gioco per l'ottenimento della pensione di vecchiaia i due requisiti anagrafico e contributivo. È richiesta inoltre la cessazione di qualsiasi

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Con circolare 15 maggio 2008, n. 60, l Inps detta le istruzioni per l accesso al pensionamento

Dettagli

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO Facciamo il punto sulla normativa pensionistica di cui sono destinatari i lavoratori delle forze di polizia attualmente vigente, a seguito

Dettagli

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le linee guida delle riforme Il sistema pensionistico pubblico, a ripartizione, subisce l influenza dei seguenti fenomeni: - variazione nel rapporto

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale Roma, 03/10/2013 Circolare n. 140 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015

MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015 MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015 PENSIONAMENTI ANTICIPATI (ex pensioni anzianità) per il triennio 2015-2017 senza penalizzazione. Computo più favorevole della anzianità contributiva minima

Dettagli

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Pollenzo 20 Aprile 2012 Luca Valdameri Riferimenti normativi Riforma Amato (decreto legislativo 503/1992 e decreto legislativo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Prot. n VII 8 n 12643 del 16.05.2012 Circolare n 12 del 16.05.2012 Allegati n A A Tutti i Professori e ricercatori Tutto il personale tecnico amministrativo LORO SEDI OGGETTO: Circolare informativa in

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 14/03/2012

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 14/03/2012 Direzione Centrale Pensioni Roma, 14/03/2012 Circolare n. 35 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

I trattamenti pensionistici nel sistema previdenziale pubblico. ex INPDAP

I trattamenti pensionistici nel sistema previdenziale pubblico. ex INPDAP I trattamenti pensionistici nel sistema previdenziale pubblico ex INPDAP dicembre 2012 I SISTEMI PREVIDENZIALI Definizione Per Sistema Previdenziale intendiamo l'insieme delle regole che disciplinano il

Dettagli

Legge n. 214/2011, come modificata dalla legge n. 14/2012 Circolari INPS n. 35, 36 e 37 del 14.03.2012 Circolare Dip. Funz. Pubbl. n. 2 del 08.03.

Legge n. 214/2011, come modificata dalla legge n. 14/2012 Circolari INPS n. 35, 36 e 37 del 14.03.2012 Circolare Dip. Funz. Pubbl. n. 2 del 08.03. Legge n. 214/2011, come modificata dalla legge n. 14/2012 Circolari INPS n. 35, 36 e 37 del 14.03.2012 Circolare Dip. Funz. Pubbl. n. 2 del 08.03.2012 Nota congiunta CGIL e INCA a cura del Dipartimento

Dettagli

Le nuove pensioni. Le novità della manovra Monti

Le nuove pensioni. Le novità della manovra Monti Le nuove pensioni Le novità della manovra Monti Premessa La riforma della previdenza è il primo tassello di una riforma più completa che riguarderà anche il mercato del lavoro e gli ammortizzatori sociali.

Dettagli

PER MAGGIORI INFORMAZIONI VI INVITIAMO A RECARVI PRESSO LA SEDE DEL PATRONATO ITAL-UIL PIÙ VICINA

PER MAGGIORI INFORMAZIONI VI INVITIAMO A RECARVI PRESSO LA SEDE DEL PATRONATO ITAL-UIL PIÙ VICINA NORME DI ARMONIZZAZIONE PER L ACCESSO ALLA PENSIONE DI VECCHIAIA PER IL PERSONALE VIAGGIANTE DEI PUBBLICI SERVIZI DI TRASPORTO E PERDITA DEL TITOLO ABILITANTE Il D.P.R. 28 ottobre 2013 n. 157 ha disposto

Dettagli

LA NUOVA PENSIONE ANTICIPATA (GIA PENSIONE DI ANZIANITA )

LA NUOVA PENSIONE ANTICIPATA (GIA PENSIONE DI ANZIANITA ) LA NUOVA PENSIONE ANTICIPATA (GIA PENSIONE DI ANZIANITA ) L attuale Governo Monti ha iniziato il suo operato indicando tre parole d ordine: rigore, crescita ed equità. Ad oggi però è stato applicato ampiamente

Dettagli

Cumulo contributivo. ( Totalizzazione retributiva)

Cumulo contributivo. ( Totalizzazione retributiva) Cumulo contributivo ( Totalizzazione retributiva) Cumulo contributivo o Totalizzazione retributiva La legge di stabilità 2013 -Legge 24/12/ 2012 n. 228- introduce una nuova istituzione : il cumulo contributivo,

Dettagli

Pensioni INPS. Prime tabelle

Pensioni INPS. Prime tabelle Pensioni INPS 2012 Prime tabelle Gli importi delle pensioni INPS dal 1 gennaio 2012 e limiti di reddito per alcune prestazioni sociali La perequazione automatica in base all aumento del costo della vita,

Dettagli

Direzione centrale delle Prestazioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Direzione centrale delle Prestazioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e Direzione centrale delle Prestazioni Roma, 15 Maggio 2008 Circolare n. 60 Allegati n. 4 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei

Dettagli

LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI

LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI I SEZIONE 1 LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI La disciplina pensionistica: le principali norme 2 Dpr 1092/1973 - testo unico in materia di previdenza del personale civile e militare dello

Dettagli

LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. "Riforma Fornero" pone l'italia fra

LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. Riforma Fornero pone l'italia fra LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. "Riforma Fornero" pone l'italia fra i Paesi più avanzati sotto il profilo della sostenibilità

Dettagli

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI Gli ultimi eventi ai quali si sta assistendo, soprattutto a seguito della crisi economica e finanziaria

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 17/09/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 17/09/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 17/09/2015 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA

1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA 1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA 1.1.1 - Nel sistema di calcolo retributivo e misto (legge 23.12.1994, n. 724, art. 11, comma 1; D.lgs. 30.12.1992 n. 503,

Dettagli

WORKSHOP PER I DELEGATI

WORKSHOP PER I DELEGATI WORKSHOP PER I DELEGATI PRINCIPI IN MATERIA PREVIDENZIALE: il retributivo ed il contributivo; il Dott.ssa Paola Celli ROMA, 20 FEBBRAIO 2014 PRINCIPI IN MATERIA PREVIDENZIALE: il retributivo ed il contributivo;

Dettagli

I lavoratori salvaguardati

I lavoratori salvaguardati Lavoratrici e lavoratori che possono accedere a pensione sulla base dei requisiti vigenti prima dell entrata in vigore del d.l. n. 201/2011 del 6.12.2011 anche se maturati dopo il 31.12.2011 1 Conservano

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

inserto speciale la PENSIONE può ATTENDERE I Dossier di Famiglia Cristiana da staccare e conservare

inserto speciale la PENSIONE può ATTENDERE I Dossier di Famiglia Cristiana da staccare e conservare I Dossier di Famiglia Cristiana da staccare e conservare Finestre che si chiudono e altre che si aprono, ma con una differenza sostanziale: la via di uscita dal mondo del lavoro è una sola volta all anno.

Dettagli

RIFORMA DINI. Legge 08 agosto 1995 n. 335

RIFORMA DINI. Legge 08 agosto 1995 n. 335 RIFORMA DINI Legge 08 agosto 1995 n. 335 La legge 335/95 ha previsto tre distinti sistemi per la determinazione delle pensioni: Sistema contributivo per neoassunti dall 1 gennaio 1996 e per coloro che

Dettagli

PREMESSA. Studio e Ricerca per lo Sviluppo delle attività delle Convenzioni Internazionali. Direzione Centrale delle Prestazioni

PREMESSA. Studio e Ricerca per lo Sviluppo delle attività delle Convenzioni Internazionali. Direzione Centrale delle Prestazioni Studio e Ricerca per lo Sviluppo delle attività delle Convenzioni Internazionali Direzione Centrale delle Prestazioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Roma, 28 Ottobre 2002 Circolare

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

Come si va in pensione nel 2014...?

Come si va in pensione nel 2014...? Gennaio 2014 Come si va in pensione nel 2014...? A cura di G. Marcante Trattamenti di pensione di vecchiaia e di pensione anticipata Per i soggetti che matureranno i requisiti per il diritto a pensione

Dettagli

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO D.L. 201/2011 Il D.L. 201/2011, convertito nella L. 214/2011 (nota come Riforma delle pensioni), ha modificato in modo radicale il sistema previdenziale

Dettagli

La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti. Dott. Massimo Brisciani

La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti. Dott. Massimo Brisciani La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti Dott. Massimo Brisciani Requisiti di accesso alla pensione di vecchiaia art. 2 D.Lgs. 503/1992 Si acquisisce il diritto alla pensione al compimento

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca C.M. n. 23 Prot. n. AOODGPER. 1814 Roma, 12 marzo 2012 Agli UFFICI SCOLASTICI REGIONALI Ai DIRIGENTI SCOLASTICI LORO SEDI Al Dipartimento Istruzione della Provincia Autonoma di TRENTO Alla Sovrintendenza

Dettagli

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Pensione di vecchiaia Con almeno 57 anni, sia uomini che donne possono conseguire la pensione di vecchiaia. Si prescinde

Dettagli

RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI

RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI Si sintetizzano, nelle schede che seguono, gli effetti che, in materia di pensionamento e di trattamento pensionistico, si avranno qualora dovessero essere approvate

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

Ricongiunzione, totalizzazione, cumulo, computo ed altro

Ricongiunzione, totalizzazione, cumulo, computo ed altro Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 77 Gennaio 2014 Ricongiunzione, totalizzazione, cumulo, computo ed altro Una cassa lì, una cassa là: come si mettono insieme i contributi frammentati

Dettagli

La pensione IVS STAMPA

La pensione IVS STAMPA La pensione IVS La pensione di vecchiaia La pensione anticipata La pensione anticipata per i lavoratori che hanno svolto attività usuranti Le pensioni in Europa Trattamenti di invalidità di natura previdenziale

Dettagli

Varato in via definitiva il DPR di armonizzazione di alcune gestioni ex Enpals, ex Indap e Inps ai requisiti della legge 214/2011

Varato in via definitiva il DPR di armonizzazione di alcune gestioni ex Enpals, ex Indap e Inps ai requisiti della legge 214/2011 INCA INFORMA Quindicinale di informazione previdenziale a cura dell INCA- CGIL Bergamo http://new.cgil.bergamo.it/inca/ 11 settembre 2013 Numero 21 Varato in via definitiva il DPR di armonizzazione di

Dettagli

Ricongiunzione, totalizzazione, cumulo, computo ed altro

Ricongiunzione, totalizzazione, cumulo, computo ed altro Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 77 - rettificato - Gennaio 2014 Ricongiunzione, totalizzazione, cumulo, computo ed altro Una cassa lì, una cassa là: come si mettono insieme i contributi

Dettagli

INPS Direzione Centrale Pensioni. a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale

INPS Direzione Centrale Pensioni. a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale INPS Direzione Centrale Pensioni a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale 1 Riforma Pensioni 2012 DL 6 dicembre 2011, n. 201 Articolo 24 convertito dalla legge

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

I requisiti per la pensione di vecchiaia 41 REQUISITI PER LA PENSIONE DI VECCHIAIA NEL SISTEMA CONTRIBUTIVO EX L. 335/1995

I requisiti per la pensione di vecchiaia 41 REQUISITI PER LA PENSIONE DI VECCHIAIA NEL SISTEMA CONTRIBUTIVO EX L. 335/1995 Sistema di liquidazione Contributivo I requisiti per la pensione di vecchiaia 41 2. I REQUISITI PER LA PENSIONE DI VECCHIAIA CONTRIBU- TIVA DAL 1 GENNAIO 2008: IL REQUISITO ANAGRAFICO GENERALE (CD. SCALONE)

Dettagli

PUBBLICO IMPIEGO. 1 gennaio anno. successivo se età inferiore a 57 anni. 1 gennaio anno. successivo se età inferiore a 57 anni.

PUBBLICO IMPIEGO. 1 gennaio anno. successivo se età inferiore a 57 anni. 1 gennaio anno. successivo se età inferiore a 57 anni. PUBBLICO IMPIEGO FINESTRE DI ACCESSO ALLA PENSIONE DI ANZIANITA Fino al 31/12/2007 Dal 1/1/2008 al 30/06/2009 e anagrafici 57 + 35 [con età anagrafica gradualmente innalzata da 53 (1998) a 57 (2004)] 58

Dettagli

LA PENSIONE LA PENSIONE. INPDAP informa

LA PENSIONE LA PENSIONE. INPDAP informa LA PENSIONE INPDAP informa LA PENSIONE Pensione ordinaria di vecchiaia Pensione ordinaria di anzianità Cumulo tra prestazione pensionistica diretta e redditi da lavoro Pensione di inabilità Altre tipologie

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 4 I SISTEMI DI CALCOLO DELLA PENSIONE RETRIBUTIVO E CONTRIBUTIVO.

Dettagli

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps Novità introdotte dalla Legge n 147/13 in materia previdenziale e assistenziale Per il triennio 2014-2016 la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici, secondo il meccanismo stabilito dall

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

Assicurazioni sociali - pensione i.v.s. - calcolo delle pensioni secondo il sistema contributivo

Assicurazioni sociali - pensione i.v.s. - calcolo delle pensioni secondo il sistema contributivo Circolare 14 settembre 1996 n. 180 INPS Assicurazioni sociali - pensione i.v.s. - calcolo delle pensioni secondo il sistema contributivo OGGETTO: Legge 8 agosto 1995, n.335. Calcolo delle pensioni secondo

Dettagli

nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero)

nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero) le nuove pensioni dal 1 gennaio 2012 nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero) D.L. 6 dicembre 2011, n.201, convertito con modificazioni dalla Legge 22 dicembre 2011, n.214, art.24 «3. Il

Dettagli

GUIDA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE PREVIDENZIALI UIL E DELL ITAL-UIL

GUIDA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE PREVIDENZIALI UIL E DELL ITAL-UIL LE NUOVE PENSIONI GUIDA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE PREVIDENZIALI UIL E DELL ITAL-UIL Avvertenza Alcuni contenuti della presente guida sono, nel momento in cui scriviamo, oggetto di ulteriori approfondimenti

Dettagli

Diritto della previdenza sociale:

Diritto della previdenza sociale: Dipartimento di diritto privato e storia del diritto Diritto della previdenza sociale: la tutela per l invalidità, vecchiaia e superstiti Dipartimento di diritto privato e storia del diritto Università

Dettagli

Prende il via la stretta sulle pensioni

Prende il via la stretta sulle pensioni a cura di Pino Pignatta testi di Paolo Ferri In collaborazione col Patronato Adi si allontana Dal 1 * gennaio la riforma che porta il nome del ministro del Welfare Elsa Fornero inizia a far sentire i suoi

Dettagli

Corso per i collaboratori dello Spi-Cgil di belluno

Corso per i collaboratori dello Spi-Cgil di belluno Corso per i collaboratori dello Spi-Cgil di belluno LEGGE 214/2011 E LE MODIFICHE DEL 1000PROROGHE LEGGE 14/2012 I N C A - C G I L B E L L U N O 1 1. Pro-quota contributivo dal 2012 (comma 2) 2. Flessibilità

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI (Testo approvato dal Comitato dei Delegati nella seduta del 5 settembre 2012) ART. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali:

Dettagli