COMUNE DI PELAGO (Provincia di Firenze)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI PELAGO (Provincia di Firenze)"

Transcript

1 COMUNE DI PELAGO (Provincia di Firenze) PIANO COMUNALE NEVE 1. _ CRITERI GENERALI DEL PIANO: Il PIANO COMUNALE NEVE (di seguito P.C.N.) è l insieme delle attività, protocolli e schemi operativi che il Comune adotta, in coordinamento con gli altri Enti titolari di funzioni di gestione e di controllo sulla viabilità stradale interna al territorio comunale, con particolare riferimento alle situazioni di emergenza, per garantire la messa in sicurezza della transitabilità veicolare e pedonale delle strade di uso pubblico, quando si preveda il verificarsi, o al momento dell insorgere di eventi climatici che comportano la possibilità di formazione di ghiaccio o la permanenza al suolo di uno strato nevoso. Con il presente P.C.N., si analizzano pertanto i possibili scenari e relative condizioni atmosferiche al suolo, delineando di conseguenza i protocolli operativi di intervento _ Autorità e Servizi comunali interessati: 1. Sindaco: in tale qualità e quale Ufficiale di Governo monitora le attività del P.C.N., convoca e presiede specifica conferenza dei Servizi ed adotta in caso di necessità provvedimenti contingibili e urgenti per la temporanea chiusura di strade o sospensione di servizi di competenza dell Ente. 2. Ufficio Tecnico Comunale: il Responsabile dell U.T.C., in qualità di Responsabile del C.O.C. coordina le attività previste dal P.C.N. anche in raccordo con la Sala Operativa Provinciale della Protezione Civile, con il Ce.Si. Intercomunale e con le FF.OO. operanti. 3. Servizio Polizia Municipale: in coordinamento con gli altri Servizi ed Autorità competenti cura il monitoraggio della situazione della viabilità stradale fornendo all U.T.C. le necessarie indicazioni e segnalazioni di necessità di intervento. In coordinamento con la Polizia Provinciale e con le altre FF.OO. attua i controlli per il rispetto delle Ordinanze adottate ed opera su eventuali chiusure o deviazioni della viabilità di competenza. 4. Servizio alla Persona: In relazione alla gestione del servizio di trasporto scolastico, e all eventuale chiusura delle Scuole o la sospensione delle attività didattiche. cura la redazione di protocolli operativi in collaborazione con la Direzione Didattica ed attua le procedure per diffondere le informazioni a tutti gli utenti 1

2 1.2. _ Enti e/o Servizi cointeressati alla gestione delle criticità: 1. Sala Operativa Provinciale della Protezione Civile Firenze 2. Ce.Si. Centro Intercomunale di Protezione Civile Rufina 3. A.N.A.S. Compartimento di Firenze ( S.S. 67 e Variante alla S.S. 67) 4. Provincia di Firenze Settore Viabilità ( S.R. 70 S.R. 69 S.P. Traversa di Pelago S.P. di Vallombrosa S.P. di Pomino ) 5. Stazione Carabinieri Pelago/Pontassieve 6. Comando Polizia Provinciale Firenze 7. Associazioni del volontariato 8. Privati ed Aziende operanti sul territorio 1.3. _Definizione eventi ed criticità correlate Definizione per precipitazioni nevose : Termine Valore (cm/24 H ) Poco abbondante <5 Abbondante 5-10 Molto abbondante >20 Termine Quota (m.s.l.) Pianura Collina Montagna Definizione per ghiaccio sulle strade : Termine Definizione Locale Locale formazione di ghiaccio Diffuso Diffuso e persistente Diffusa formazione di ghiaccio Diffusa formazione di ghiaccio persistente in pianura Per quanto riguarda la definizione dei possibili effetti causati dall evento in funzione del suo grado di criticità si definisce : Criticità per neve Criticità ordinaria Possibili problemi alla circolazione stradale Possibilità di isolate interruzioni di viabilità 2

3 Criticità moderata Diffusi problemi alla circolazione stradale Isolate interruzioni della viabilità Possibilità di danneggiamento alle strutture Possibilità di isolati black-out elettrici e telefonici Criticità elevata Diffusi problemi alla circolazione stradale Diffusa interruzione della viabilità Danni a strutture Diffusi black-out elettrici e telefonici Criticità per ghiaccio Criticità ordinaria Possibili problemi alla circolazione stradale Criticità moderata Isolati problemi alla circolazione stradale Criticità elevata Diffusi problemi alla circolazione stradale La seguente tabella mette in correlazione l intensità del fenomeno ed il livello di criticità associato Tipologia di criticità Intensità del fenomeno Livello di criticità associato CRITICITA PER NEVE Debole in pianura Ordinaria Debole in collina Ordinaria Debole in montagna Ordinaria Abbondante in pianura Moderata Abbondante in collina Moderata Abbondante in montagna Ordinaria Molto Abbondante in pianura Elevata Molto Abbondante in collina Elevata Molto abbondante in Ordinaria montagna CRITICITA PER GHIACCIO Locale Ordinaria Diffuso Moderata Diffuso e persistente in pianura Elevata Quanto Sopra riportato risulta utile al fine della possibile attivazione delle procedure di contrasto e relative risorse nel presente piano in quanto il bollettino meteo regionale risulta essere l elemento di riferimento per l avvio delle procedure operative 3

4 2._ PROCEDURE OPERATIVE Il P.C.N. si intende operativo nel periodo stagionale di ogni anno con i seguenti criteri e modalità di attivazione preventive rispetto al verificarsi degli eventi: 2.1. _ Attività ordinaria in assenza di criticità: Il Responsabile Tecnico, verifica le risorse comunali, la loro disponibilità ed efficienza; in particolare assicura la disponibilità all uso dei mezzi, dello spargisale e di un sufficiente quantitativo di sale c/o il magazzino comunale _ Allertamento a seguito di invio da parte della S.O. Prot. Civ. di comunicazione di Allerta METEO CRITICITA MODERATA Il Responsabile Tecnico predispone, in raccordo con il Servizio P.M. e con gli altri Enti preposti, il monitoraggio della situazione sul territorio. Informa il Ce.si. Intercomunale di situazioni di criticità locali in atto e mantiene un costante flusso informativo in particolare sugli eventi al suolo. Sul sito istituzionale verranno pubblicati gli avvisi circa le condizioni meteorologiche date dagli avvisi meteo; L ufficio del Servizio alla Persona provvederà a diramare gli avvisi alla Direzione Didattica _ Allerta METEO - CRITICITA ELEVATA Procedure fase di attivazione per nevicate o formazione di ghiaccio: Il Responsabile Tecnico attiva le risorse comunali, le ditte esterne in convenzione e ne da comunicazione al Ce.si intercomunale. In caso di eventi locali particolarmente intensi richiede il supporto di risorse intercomunali al Ce.si. In base all evento dispone i seguenti servizi Evento Attivazione servizi Neve Spalatura Salatura Pattugliamento frazioni Neve / ghiaccio Spalatura Salatura Pattugliamento frazioni Ghiaccio Salatura Pattugliamento frazioni CRITERI GENERALI di INTERVENTO_ - Spalamento neve meccanizzato: Lo spalamento meccanizzato è finalizzato a sgomberare dalla neve, o comunque a contenere lo strato al suolo, intervenendo sulla viabilità comunale e vicinale di competenza, con priorità di intervento per gli itinerari primari (interessati dalla 4

5 circolazione di mezzi pubblici e scuolabus, accessi alla Variante alla S.S. 67, strade di collegamento con le frazioni, strade di accesso a servizi pubblici, Stazione C.C., Punto Primo Soccorso e Poliambulatorio ASL, Casa di Cura, ecc.). Viene attivato qualora si verifichi la permanenza e/o l incremento al suolo di uno strato nevoso valutabile in ca. 3/5 cm., o qualora lo si ritenga comunque opportuno in presenza di uno strato nevoso inferiore ma persistente con probabilità di formazione di ghiaccio. - Utilizzo e spargimento di sale: Lo spargimento del sale per la salatura delle strade, è subordinato all accertamento, da parte del Responsabile C.O., dell efficacia di tale utilizzo. In caso di nevicate il sale sarà utilizzato solo al momento della cessazione delle precipitazioni, al fine di contenere il fenomeno della formazione di ghiaccio e accelerare il processo di scioglimento della neve, risultando inutile e superfluo in presenza di neve e ghiaccio e temperature ben al di sotto dello 0 (zero) termico. Sarà utilizzato inoltre, anche in assenza di nevicate, qualora per piogge o per lo scioglimento della neve laterale, si ravvisi la necessità di intervenire per ridurre la formazione di ghiaccio sulle strade di competenza. Il sale, allo scopo stoccato presso il magazzino comunale, è da utilizzarsi esclusivamente per le strade e marciapiedi ad uso pubblico e di competenza comunale; non potrà pertanto essere utilizzato né ceduto per strade private o aree condominiali non pubbliche. - Spalamento manuale: Lo spalamento manuale da parte dei dipendenti dell A.C., dei dipendenti AER non impiegati nel normale spazzamento strade e degli addetti alla Protezione Civile, e è normalmente finalizzato a sgomberare dalla neve i marciapiedi e i percorsi pedonali principali a servizio di scuole, ambulatori, fermate mezzi pubblici, edifici pubblici e del culto. Per i marciapiedi e percorsi pedonali diversi, ma ad uso pubblico, è previsto che, ai sensi dell art. 28 del Regolamento di Polizia Urbana, i proprietari frontisti provvedano direttamente allo sgombero della neve e alla rimozione del ghiaccio eventualmente formatosi. L ufficio del Servizio alla Persona provvederà all applicazione dei protocolli operativi (di cui al punto1.1-4), alla redazione degli atti consequenziali ed a diffondere le informazioni a tutti gli utenti. 5

6 3.1. _ Schema di intervento con precipitazioni nevose con quota neve > 550/600 mt. slm. (Centri abitati interessati: CONSUMA BORSELLI TOSINA) - Viabilità Regionale e Provinciale: S.R. 70 della Consuma S.P. di Pomino Intervento da parte della Provincia e Ditte Convenzionate. - Viabilità Comunale oggetto di intervento: CONSUMA S.C. CONSUMA-VALLOMBROSA Via Poggio alla Ginestra Via Poggio al Frate La Castellaccia V. M. di Podernovo V. Poggio Tesoro V. Palagi Parcheggio c/o Consumi BORSELLI - TOSINA Via Poggio Boscone Via delle Abetine Via Fonte ai Massi Via dei Castagni Strada accesso al Parcheggio Strada vic. delle Cupole Strada cimitero Tosina 6

7 3.2. _ Schema di intervento con precipitazioni nevose con quota neve > 300 mt. slm. (Centri abitati interessati: PELAGO DIACCETO FERRANO PATERNO RAGGIOLI MAGNALE - CONSUMA BORSELLI TOSINA) - Viabilità Regionale e Provinciale: S.R. 70 della Consuma S.P. di Pomino S.P. Traversa di Pelago S.P. di Vallombrosa Intervento da parte della Provincia e Ditte Convenzionate. - Viabilità Comunale oggetto di intervento: PELAGO Via Alessandrini Via Romero Via Pertini Via il Bagno V. V. Emanuele V. Santandrea P.zza Ghiberti V. Pontevecchio V. della Costa Lo Sterro V. de Renai Case Fanfani Grassina PATERNO - RAGGIOLI V. Campicuccioli V. Togliatti V. Lo Stradone V. di Magnale V. Pagiano S. Martino V. di Raggioli v. Nuova di Spania - V. Molino di Tosi Strada Com.le paterno Ristonchi DIACCETO - FERRANO s.c. Pelago / Diacceto - vecchia com.le v. Sambuilla v. Santoni - s.c. Ferrano S.V. Ferrano - Ristonchi v. Crocellina nuova strada lott. Jacopo da Diacceto Parcheggio v. del Poggio e parcheggio v. G. Rossa v. Villini via dell ODA V. Falgano V. Bibbiano V. di Nipozzano - Palaie Vecchie CONSUMA S.C. CONSUMA-VALLOMBROSA Via Poggio alla Ginestra Via Poggio al Frate La Castellaccia V. M. di Podernovo V. Poggio Tesoro V. Palagi Parcheggio c/o Consumi BORSELLI - TOSINA Via Poggio Boscone Via delle Abetine Via Fonte ai Massi Via dei Castagni Strada accesso al Parcheggio Strada vic. delle Cupole Strada cimitero Tosina 7

8 3.3. _ Schema di intervento con precipitazioni nevose interessanti l intero territorio comunale. (Centri abitati interessati: SAN FRANCESCO CARBONILE FONTISTERNI STENTATOIO PALAIE - PELAGO DIACCETO FERRANO PATERNO RAGGIOLI MAGNALE - CONSUMA BORSELLI TOSINA) - Viabilità Statale interessata: S.S. 67 Toscoromagnola Variante alla S.S. 67 Svincolo alla Variante S.S. 67 Intervento da parte di A.N.A.S. - Viabilità Regionale e Provinciale: S.R. 69 del Valdarno - S.R. 70 della Consuma S.P. di Pomino S.P. Traversa di Pelago S.P. di Vallombrosa Intervento da parte della Provincia e Ditte Convenzionate. - Viabilità Comunale oggetto di intervento: SAN FRANCESCO - STENTATOIO V. I Maggio fino Variante v. S. Stefano all Albereta - V. Fortuna fino Variante rotatoria V. Forlivese V. Palaie Vecchie V. Tirolo V. Pieraccioni V. Boccaccio V. 8 Marzo V. di Stentatoio V. 4 Novembre P.zza Verdi V. Albizi V. del Molino V. Farulla V. La Torre V. D. Milani V. Bettini V. Mazzini - V. Giuliani V. S. Francesco parcheggio RSA V. Petrarca V. Dante P.zza Unità V. Resistenza V. Costituzione parcheggio V. S. Stefano PALAIE V. Cafaggiolo P.zza Berlinguer V. Lucente V. Arpioni strada cimitero V. Anemoni s.c.s. Maria Popigliano CARBONILE FONTISTERNI - MASSOLINA s.c. V. Campicuccioli s.c. Fontisterni V. A. Moro V. Nuova del Carbonile V. Dossetti V. Massolina V. Vicano V. di Convallle S.V. del Mugnaione PELAGO Via Alessandrini Via Romero Via Pertini Via il Bagno V. V. Emanuele V. Santandrea P.zza Ghiberti V. Pontevecchio V. della Costa Lo Sterro V. de Renai Case Fanfani Grassina PATERNO - RAGGIOLI V. Campicuccioli V. Togliatti V. Lo Stradone V. di Magnale V. Pagiano S. Martino V. di Raggioli v. Nuova di Spania - V. Molino di Tosi Strada Com.le paterno Ristonchi DIACCETO - FERRANO s.c. Pelago / Diacceto - vecchia com.le v. Sambuilla v. Santoni - s.c. Ferrano S.V. Ferrano -Ristonchi v. Crocellina nuova strada lott. Jacopo da Diacceto 8

9 Parcheggio v. del Poggio e parcheggio v. G. Rossa v. Villini via dell ODA V. Falgano V. Bibbiano V. di Nipozzano Palaie Vecchie CONSUMA S.C. CONSUMA-VALLOMBROSA Via Poggio alla Ginestra Via Poggio al Frate La Castellaccia V. M. di Podernovo V. Poggio Tesoro V. Palagi Parcheggio c/o Consumi BORSELLI - TOSINA Via Poggio Boscone Via delle Abetine Via Fonte ai Massi Via dei Castagni Strada accesso al Parcheggio Strada vic. delle Cupole Strada cimitero Tosina In allegato le norme di comportamento in caso di Neve /Ghiaccio a cura dell Ufficio Associato di Protezione Civile dell Unione dei Comuni Valdarno Valdisieve 9

Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile

Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile Paolo Covelli www.regione.toscana.it/protezionecivile paolo.covelli@regione.toscana.it 055 4385511 Inquadramento generale PREVISIONE Valutazione

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO REDAZIONE DI PIANO COMUNALE DI EMERGENZA TOMO 3 : RISCHIO INCENDI DI INTERFACCIA TOMO 4 : RISCHIO SISMICO TOMO 5 : RISCHIO NIVOLOGICO MARZO 2014 1 Indice TOMO

Dettagli

Comune di Polesella PIANO NEVE

Comune di Polesella PIANO NEVE Comune di Polesella PIANO NEVE Presentazione Il Piano Neve definisce l insieme di attività da adottare per garantire la messa in sicurezza e la transitabilità delle strade quando si preveda il verificarsi

Dettagli

PIANO NEVE. COMUNE DI MARRADI Provincia di Firenze ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE N. 82/GC DEL 30.11.2013

PIANO NEVE. COMUNE DI MARRADI Provincia di Firenze ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE N. 82/GC DEL 30.11.2013 ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE N. 82/GC DEL 30.11.2013 SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO PIANO NEVE Per informazioni: Comune di Marradi (Fi) - Uff. Tecnico. Te.l. 055/8045952 - tecnico@comune.marradi.fi.it

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE 1.Premessa Gli interventi finalizzati alla gestione delle emergenze che interessano il sistema viario autostradale

Dettagli

VARIANTE DI ASSESTAMENTO AL REGOLAMENTO URBANISTICO CON ADEGUAMENTO DEL PIANO STRUTTURALE

VARIANTE DI ASSESTAMENTO AL REGOLAMENTO URBANISTICO CON ADEGUAMENTO DEL PIANO STRUTTURALE VARIANTE DI ASSESTAMENTO AL REGOLAMENTO URBANISTICO CON ADEGUAMENTO DEL PIANO STRUTTURALE PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L'ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ED URBANISTICHE - L.R. 9 SETTEMBRE 1991,

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER SGOMBERO NEVE

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER SGOMBERO NEVE Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce il

Dettagli

RISCHIO IDROGEOLOGICO scenario 3 - Bollettino Meteo A FASE DI ATTENZIONE. Riceve il bollettino meteo e l'avviso di inizio fase di attenzione

RISCHIO IDROGEOLOGICO scenario 3 - Bollettino Meteo A FASE DI ATTENZIONE. Riceve il bollettino meteo e l'avviso di inizio fase di attenzione RISCHIO IDROGEOLOGICO scenario 3 - Bollettino Meteo A () (, CC, Polizia Municipale,..) FASE DI ATTENZIONE Riceve il bollettino meteo e l'avviso di inizio fase di attenzione Fax, telefono, cellulare ()

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA PER CADUTA NEVE FORMAZIONE DI GHIACCIO E ONDATE DI GRANDE FREDDO

PIANO DI EMERGENZA PER CADUTA NEVE FORMAZIONE DI GHIACCIO E ONDATE DI GRANDE FREDDO PIANO DI EMERGENZA PER CADUTA NEVE FORMAZIONE DI GHIACCIO E ONDATE DI GRANDE FREDDO 469 ORDINANZA DEL SINDACO... del IL SINDACO Oggetto: Disposizioni per l emergenza di caduta neve -formazione di ghiaccio

Dettagli

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 L EVENTO Complessivamente dal 31 gennaio al 13 febbraio sono stati registrati i seguenti spessori del manto nevoso Parte orientale della Regione: fascia

Dettagli

PIANO COMUNALE EMERGENZA NEVE

PIANO COMUNALE EMERGENZA NEVE PIANO COMUNALE EMERGENZA NEVE Approvato con delibera di Giunta Comunale n 92 del 22/12/2015 PREMESSE Il presente piano neve sottoposto all approvazione della Giunta Municipale, programma e disciplina gli

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 PIANIFICAZIONE INVERNALE PER LA GESTIONE DELLA VIABILITA E REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI PESANTI IN AUTOSTRADA IN CASO DI PRECIPITAZIONI NEVOSE

Dettagli

UNIONE di COMUNI FIESOLE VAGLIA Provincia di Firenze Ufficio Protezione Civile PIANO NEVE

UNIONE di COMUNI FIESOLE VAGLIA Provincia di Firenze Ufficio Protezione Civile PIANO NEVE UNIONE di COMUNI FIESOLE VAGLIA Provincia di Firenze Ufficio Protezione Civile PIANO NEVE Orario d ufficio: Martedì 08,00 13,00 e Giovedì 08,00 13,00 Sabato chiuso Palazzina Mangani Via Portigiani 24 tel.

Dettagli

Nevica!... Cosa fare : cosa può fare il cittadino - Consigli utili

Nevica!... Cosa fare : cosa può fare il cittadino - Consigli utili Nevica!... Cosa fare : cosa può fare il cittadino - Consigli utili Nel Piano emergenza neve sono coinvolti diversi attori (Comune, Provincia, Regione, ecc); anche i cittadini sono chiamati a giocare un

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Al verificarsi di un evento a carattere sovracomunale (Tipo B), o di un evento che interessa un singolo Comune ma che il Comune stesso

Dettagli

INFORMAZIONI IMPORTANTI - PIANO NEVE

INFORMAZIONI IMPORTANTI - PIANO NEVE INFORMAZIONI IMPORTANTI - PIANO NEVE Nevicate e gelate sono eventi atmosferici eccezionali, che provocano sempre disagi e problemi alla circolazione. Il servizio meteorologico, attraverso modelli scientifici,

Dettagli

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale Comune di Concorezzo Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale RELAZIONE D Mansionari Rev. 01 Sindaco V i g e r s r l Via Madonna del Noce 34 22070 Grandate (CO) Tel. (031) 564 933 Fax (031) 729 311

Dettagli

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta RISCIO FRANA preallerta Ricezione avviso Funzionario Avvisa il Sindaco e il del Centro Operativo responsabile Comunale 1 Dichiarazione stato preallerta Lo stato di preallerta può essere dichiarato dichiarazione

Dettagli

MODULISTICA OPERATIVA

MODULISTICA OPERATIVA MODULISTICA OPERATIVA INDICE SCHEDA OPERATIVA PER ATTIVAZIONE PIANO DI EMERGENZA Pag. 2 MESSAGGIO DI ALLARME, EMERGENZA E CESSATO ALLARME Pag. 4 COMUNICATO ALLA POPOLAZIONE Pag. 7 SCHEDA OPERATIVA RISCHIO

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

PIANO NEVE 2013-2016

PIANO NEVE 2013-2016 COMUNE DI MONTEFIORINO (DECORATO DI MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE) Provincia di Modena UFFICIO TECNICO COMUNALE PIANO NEVE 2013-2016 Il Coordinatore Il Responsabile del Settore Tecnico PIANO NEVE INVERNO

Dettagli

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Taranto

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Taranto Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Taranto Comitato operativo per la viabilità Piano di gestione delle criticità nella circolazione stradale in caso di neve ELENCO DI DISTRIBUZIONE UFFICI

Dettagli

Comune di San Lazzaro di Savena. Piano Neve. informazioni e suggerimenti. per affrontare insieme le nevicate in città

Comune di San Lazzaro di Savena. Piano Neve. informazioni e suggerimenti. per affrontare insieme le nevicate in città Comune di San Lazzaro di Savena Piano Neve informazioni e suggerimenti per affrontare insieme le nevicate in città Comune di San Lazzaro di Savena Piano Neve Il nuovo Piano Neve di San Lazzaro di Savena

Dettagli

C O M U N E D I G I O V E P R O V I N C I A D I T E R N I

C O M U N E D I G I O V E P R O V I N C I A D I T E R N I PIANO EMERGENZA NEVE COMUNALE INVERNO 2012-2013 PREMESSA Il presente piano costituisce strumento di attivazione degli interventi e di coordinamento delle componenti della Protezione Civile affinché, in

Dettagli

SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE

SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE Descrizione evento: La zona presa in considerazione rappresenta uno stralcio di mappa della Tavola 3. Si tratta di un allagamento della sede viaria

Dettagli

VIALE DON GIOVANNI BOSCO VIALE DON LINO CECCHI VIALE ANTONIO GRAMSCI SENZA FRAZIONE CARBONILE S.S. TOSCO-ROMAGNOLA (N. 67) SENZA FRAZIONE VICOLAGNA

VIALE DON GIOVANNI BOSCO VIALE DON LINO CECCHI VIALE ANTONIO GRAMSCI SENZA FRAZIONE CARBONILE S.S. TOSCO-ROMAGNOLA (N. 67) SENZA FRAZIONE VICOLAGNA VIA NAZIONALE VIALE DON GIOVANNI BOSCO VIA ARTURO FABBRI VIA CIRO FABBRONI VIA CIRO FABBRONI VIALE DON LINO CECCHI VIA RIMAGGIO VIALE ANTONIO GRAMSCI VIA NAZARIO SAURO SENZA FRAZIONE CARBONILE VIA DI CELLE

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO GAS Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Guasto o rottura con

Dettagli

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE DI PROTEZIONE CIVILE CIVILE R EGIONE R EGIONE AUTONOMA DELLA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti

Dettagli

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 Non essendo l evento sismico prevedibile, non è possibile stabilire delle soglie di allerta come, ad esempio, per gli eventi idrogeologici.

Dettagli

Reggio Emilia PIANO NEVE 2012-2013 INFORMAZIONI E SUGGERIMENTI PER AFFRONTARE INSIEME LE NEVICATE IN CITTÁ

Reggio Emilia PIANO NEVE 2012-2013 INFORMAZIONI E SUGGERIMENTI PER AFFRONTARE INSIEME LE NEVICATE IN CITTÁ Reggio Emilia PIANO NEVE 2012-2013 INFORMAZIONI E SUGGERIMENTI PER AFFRONTARE INSIEME LE NEVICATE IN CITTÁ ANCHE TU PER ESEMPIO DIVENTA VOLONTARIO PER L EMERGENZA NEVE Anche quest anno il Comune, in collaborazione

Dettagli

ORDINANZA DEL SINDACO N. ORD-2015-376 DATA 27/10/2015

ORDINANZA DEL SINDACO N. ORD-2015-376 DATA 27/10/2015 117 11 0 - CORPO POLIZIA MUNICIPALE - SETTORE PROTEZIONE CIVILE E COMUNICAZIONE OPERATIVA ORDINANZA DEL SINDACO N. ORD-2015-376 DATA 27/10/2015 OGGETTO: MISURE DI SICUREZZA A TUTELA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA

Dettagli

EMERGENZA NEVE: COME GESTIRLA AL MEGLIO

EMERGENZA NEVE: COME GESTIRLA AL MEGLIO EMERGENZA NEVE: COME GESTIRLA AL MEGLIO La Provincia di Pistoia ha realizzato questo piccolo opuscolo per forinire ai cittadini le informazioni necessarie a prevenire gli eventuali disagi che la neve potrebbe

Dettagli

PIANO EMERGENZA NEVE

PIANO EMERGENZA NEVE COMUNE DI CASORATE PRIMO (provincia di Pavia) PIANO EMERGENZA NEVE Piano Emergenza Neve Pagina 1 INDICE: 1. Premessa 2. Scopo del piano 3. Fasi di intervento 4. Limitazioni della viabilità 5. Intervento

Dettagli

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali ALLEGATO A DISPOSIZIONI PER L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Indirizzi Operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale,

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO

B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO Descrizione I rischi sono noti e quantificabili quando ci sono dei sistemi di monitoraggio presenti nel territorio che consentano di attivare la risposta locale

Dettagli

Allegato al. Piano Intercomunale di Protezione Civile ed Antincendio Boschivo : Gestione NEVE e GHIACCIO

Allegato al. Piano Intercomunale di Protezione Civile ed Antincendio Boschivo : Gestione NEVE e GHIACCIO Allegato al Piano Intercomunale di Protezione Civile ed Antincendio Boschivo : Gestione NEVE e GHIACCIO Aggiornamento 2011 Ufficio Associato di PROTEZIONE CIVILE Bagno a Ripoli, Figline Valdarno, Incisa

Dettagli

Incidente chimico-industriale stabilimento/nucleare/trasporti

Incidente chimico-industriale stabilimento/nucleare/trasporti chimico-industriale stabilimento/nucleare/trasporti 203 Consulta i capitoli, la cartografia e le tavole degli Scenari predefiniti e dei Piani di emergenza per rischio specifico e attua le procedure degli

Dettagli

Premessa. previsione degli scenari più probabili per le tratte autostradali interessate;

Premessa. previsione degli scenari più probabili per le tratte autostradali interessate; LINEE GUIDA PER LA GESTIONE COORDINATA DELLE EMERGENZE INVERNALI SU AREE GEOGRAFICHE VASTE CON INTERESSAMENTO DI PIÙ CONCESSIONARIE AUTOSTRADALI *EDIZIONE 2014-2015* Premessa Il presente documento si prefigge

Dettagli

Evento meteo, idrogeologico e idraulico

Evento meteo, idrogeologico e idraulico 163 A seguito della ricezione di Avviso od Informativa di previsione per fenomeni meteorologici avversi o a seguito di un Ufficio Gestione delle Emergenze ed Eventi Servizio I/ Gestione Sala Operativa

Dettagli

PROCEDURE SISTEMA DI ALLERTA METEO SALA OPERATIVA COMUNALE CENTRO SITUAZIONI

PROCEDURE SISTEMA DI ALLERTA METEO SALA OPERATIVA COMUNALE CENTRO SITUAZIONI Procedura B04 ALLERTA 1-2 Pag. 1 di 8 OVE VENGA ADOTTATO UN AVVISO DI CRITICITÀ MODERATA O ELEVATA CON PREAVVISO INFERIORE ALLE 12 ORE DALL INIZIO DELLA CRITICITÀ (INIZIO DELLA CRITICITÀ PREVISTO PER IL

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce

Dettagli

Comune di ROCCAFRANCA (BS) Piano di Emergenza Comunale

Comune di ROCCAFRANCA (BS) Piano di Emergenza Comunale R1 RISCHIO VIABILISTICO R1.1 Incidente stradale Descrizione: SCHEDA SCENARIO La protezione civile interviene nel caso di incidenti di vaste proporzioni che possono avere ricadute sulla popolazione o sull'ambiente.

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO TRASPORTO SOSTANZE PERICOLOSE

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO TRASPORTO SOSTANZE PERICOLOSE Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce il Piano

Dettagli

Via XXV Aprile, 10 50068 Rufina (FI) Codice Fiscale 06096360489 Tel. 055/839661 Fax 055/8396634 web www.uc-valdarnoevaldisieve.fi.

Via XXV Aprile, 10 50068 Rufina (FI) Codice Fiscale 06096360489 Tel. 055/839661 Fax 055/8396634 web www.uc-valdarnoevaldisieve.fi. Norme di Comportamento In Caso di Evento Nevoso UNIONE DEI COMUNI VALDARNO E VALDISIEVE UFFICIO ASSOCIATO DI PROTEZIONE CIVILE Via XXV Aprile, 10 50068 Rufina (FI) Codice Fiscale 06096360489 Tel. 055/839661

Dettagli

Provincia di Forlì Cesena COMUNE DI FORLI. Global Service manutentivo delle infrastrutture stradali e loro pertinenze ed accessori

Provincia di Forlì Cesena COMUNE DI FORLI. Global Service manutentivo delle infrastrutture stradali e loro pertinenze ed accessori Provincia di Forlì Cesena COMUNE DI FORLI Global Service manutentivo delle infrastrutture stradali e loro pertinenze ed accessori Procedure operative Le Procedure Operative del Piano Neve in vigore da

Dettagli

MESSAGGIO DI PREALLARME

MESSAGGIO DI PREALLARME logo COMUNE DI. Da utilizzarsi per comunicare che sul territorio comunale si sono manifestati eventi potenzialmente in grado di arrecare danni a persone, cose e ambiente. MESSAGGIO DI PREALLARME DA: COMUNE

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Stefano Vergante Dipartimento Ambiente Settore Protezione Civile ed Emergenza IL QUADRO NORMATIVO Direttiva

Dettagli

Il servizio invernale dell autostrada del Brennero

Il servizio invernale dell autostrada del Brennero Il servizio invernale dell autostrada del Brennero Ing. Carlo Costa Direttore Tecnico Lunghezza complessiva: 314 km Dislivello coperto: da 50 a 1375 m.s.l.m. Intersezioni con altre autostrade: - Brenner

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE INDICE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE INDICE INDICE Scopo...2 Generalità...2 Mansionario Reperibile...3 Principi generali...3 Mansioni...3 Procedura Attivazione...3 Procedura reperibile... 12 Schede Segnalazione Criticità... 17 Schede Danni Ente

Dettagli

O R D I N A N Z A n 18/1785/11. che ai fini delle operazioni di prevenzione e contrasto alla formazione

O R D I N A N Z A n 18/1785/11. che ai fini delle operazioni di prevenzione e contrasto alla formazione AUTOSTRADA TORINO-SAVONA S.p.A. C.so Trieste 170 - MONCALIERI (TO) O R D I N A N Z A n 18/1785/11 Il sottoscritto GASTALDI Ing. Carlo Direttore di Esercizio PREMESSO che ai fini delle operazioni di prevenzione

Dettagli

COMUNE DI ORIOLO ROMANO Provincia di Viterbo PIANO COMUNALE DI EMERGENZA PER LA GESTIONE DEL RISCHIO NEVE E GHIACCIO

COMUNE DI ORIOLO ROMANO Provincia di Viterbo PIANO COMUNALE DI EMERGENZA PER LA GESTIONE DEL RISCHIO NEVE E GHIACCIO COMUNE DI ORIOLO ROMANO Provincia di Viterbo PIANO COMUNALE DI EMERGENZA PER LA GESTIONE DEL RISCHIO NEVE E GHIACCIO PRINCIPALI NORME DI COMPORTAMENTO E AUTOPROTEZIONE IN CASO DI NEVE E GELO A CASA: -

Dettagli

PREMESSA. Parte speciale del Piano Neve Prefettura U.T.G. di Trieste- edizione 2014

PREMESSA. Parte speciale del Piano Neve Prefettura U.T.G. di Trieste- edizione 2014 PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE CRITICITÀ DERIVANTI DA EVENTUALE LIMITAZIONE ALLA CIRCOLAZIONE DEL MEZZI PESANTI IN SLOVENIA Parte Speciale del Piano Neve della Prefettura UTG di Trieste (ed. 2014) 1 PREMESSA

Dettagli

IL PIANO NEVE 2014-2015 PER LA CITTÀ DI BRESCIA

IL PIANO NEVE 2014-2015 PER LA CITTÀ DI BRESCIA IL PIANO NEVE 2014-2015 PER LA CITTÀ DI BRESCIA Il Piano Neve è attivo da lunedì 10 novembre 2014 a domenica 8 marzo 2015. Durante questo periodo il personale di Aprica, dedicato al servizio, è reperibile

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Radarmeteo srl a socio unico Via Mezzavia, 115/5 35020 Due Carrare (PD) Italia tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Il servizio meteo invernale rappresenta la soluzione più efficace per la gestione delle criticità che colpiscono la viabilità durante questa

Dettagli

MODALITÀ DI ATTIVAZIONE DEL PIANO NEVE

MODALITÀ DI ATTIVAZIONE DEL PIANO NEVE MODALITÀ DI ATTIVAZIONE DEL PIANO NEVE Durante il periodo di reperibilità il Comando di Polizia Locale mantiene attivo un collegamento giornaliero con il servizio di previsione meteorologica dei principali

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ESTERNO (Art. 20 D.Lgs. 334/99)

PIANO DI EMERGENZA ESTERNO (Art. 20 D.Lgs. 334/99) P r e f e t t u r a d i T o r i n o - P r o t e z i o n e C i v i l e R e v. 2 / 0 P i a n o d i E m e r g e n z a E s t e r n o s t a b i l i m e n t o G r u p p o T r o m b i n i L u s e r n a S. G i

Dettagli

Vademecum Allertamento

Vademecum Allertamento Vademecum Allertamento INDICE: 1. Cos è l Allertamento pag. 1 2. Ruolo e responsabilità del Sindaco secondo la normativa vigente pag. 2 3. Emergenza e sussidiarietà pag. 7 4. Il servizio di allertamento

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI VOLTURARA IRPINA

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI VOLTURARA IRPINA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI VOLTURARA IRPINA ATTIVAZIONI IMMEDIATE DOPO UN EVENTO SALA OPERATIVA Presso la Casa comunale Se questi locali risultassero inagibili la sala operativa sarà allestita

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Direttiva sulla circolazione stradale in periodo invernale e in caso di emergenza neve Prot. RU \ 1580 16.01.2013 A tutti gli Enti proprietari di strade

Dettagli

Piano Comunale di Protezione Civile

Piano Comunale di Protezione Civile MODELLO D INTERVENTO B/6.5 Rischio antropico e residuo Paralisi traffico automobilistico collegato alla chiusura della viabilità autostradale EVENTO PREVEDIBILE E NON La Paralisi del traffico automobilistico

Dettagli

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO COMUNE DI MIRANO PROVINCIA DI VENEZIA 2 Settore Ufficio LL.PP. REGOLAMENTO disciplinante LE ATTIVITÀ COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato: con deliberazione di Consiglio Comunale n 42 del 9.04.2003

Dettagli

Piano Comunale neve. Cosa è

Piano Comunale neve. Cosa è Piano Comunale neve Il piano operativo per lo sgombero della neve, prevede l'immediata attivazione delle operazioni di pulizia delle strade e per il ripristino della viabilità, una volta che il manto nevoso

Dettagli

Ord. n. 73 /2014. OGGETTO: DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE DEL CAPOLUOGO PER LAVORI DI ASFALTAURA VIA L. BENATI E VIA CUSTOZA DEL CAPOLUOGO.

Ord. n. 73 /2014. OGGETTO: DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE DEL CAPOLUOGO PER LAVORI DI ASFALTAURA VIA L. BENATI E VIA CUSTOZA DEL CAPOLUOGO. COMUNE DI ROVERBELLA ----------------------- POLIZIA LOCALE Provincia di Mantova Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 Prot. n. 9747 Ord. n. 73 /2014. OGGETTO:

Dettagli

SCENARIO N. 2 RISCHIO CHIMICO INDUSTRIALE - VIABILISTICO

SCENARIO N. 2 RISCHIO CHIMICO INDUSTRIALE - VIABILISTICO SCENARIO N. 2 RISCHIO CHIMICO INDUSTRIALE - VIABILISTICO Rischio: Ribaltamento di un autobotte di benzina lungo SS 342 SP48 SP69 FS171 Descrizione evento: Lo scenario ipotizzato è relativo al rischio chimico

Dettagli

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 67 5.1 Il sistema di comando e controllo La procedura di attivazione del sistema di comando e controllo disciplina il flusso delle informazioni utili a gestire la risposta

Dettagli

DICEMBRE 2015 - APRILE

DICEMBRE 2015 - APRILE ***** LINEE GUIDA PIANO NEVE DICEMBRE 2015 - APRILE 2016 ***** - 1 - PIANO NEVE Il Piano Neve definisce l insieme di attività da adottare per garantire la messa in sicurezza e la transitabilità delle strade

Dettagli

COMUNE DI RIGNANO SULL'ARNO Provincia di Firenze

COMUNE DI RIGNANO SULL'ARNO Provincia di Firenze COMUNE DI RIGNANO SULL'ARNO Provincia di Firenze ORDINANZA N.84 del 23/07/2015 OGGETTO PULIZIA STRADE - DISPOSIZIONI PER LA DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE Il Responsabile di Comando Territoriale

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO PER I CITTADINI IN CASO DI EVENTO NEVOSO

NORME DI COMPORTAMENTO PER I CITTADINI IN CASO DI EVENTO NEVOSO NORME DI COMPORTAMENTO PER I CITTADINI IN CASO DI EVENTO NEVOSO Le precipitazioni nevose sono eventi atmosferici, non sempre prevedibili, che per le loro caratteristiche provocano disagi e difficoltà su

Dettagli

PIANO NEVE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE

PIANO NEVE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE PIANO NEVE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Massimo Chiarello Francesco Albera Comitato Volontario Protezione Civile Montecchio Maggiore Responsabile Operativo Comunale Comune di Montecchio Maggiore Coordinatore

Dettagli

PIANO EMERGENZA NEVE ANNO 2014-2015

PIANO EMERGENZA NEVE ANNO 2014-2015 COMUNE DI CANNARA Provincia di Perugia PIANO EMERGENZA NEVE ANNO 2014-2015 1. PREMESSA 2. SCOPI DEL PIANO 3. FASI DI INTERVENTO MISURE PREVENTIVE 4. LIMITAZIONI DELLA VIABILITA ITINERARI ALTERNATIVI 5.

Dettagli

Prefettura di Rimini Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Rimini Ufficio Territoriale del Governo PIANO DI INTERVENTO COORDINATO PER LA RICERCA DELLE PERSONE DISPERSE ----------------------- PREFETTURA DI RIMINI - PIANO PER LA RICERCA DI PERSONE DISPERSE EDIZIONE 2011 Pagina 1 INDICE 1. Premessa pag.3

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

1 SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 2

1 SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 2 1 SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 2 1.1 MODELLO D INTERVENTO 2 1.1.1 LIVELLI DI ALLERTA E FASI OPERATIVE 2 1.2 MODELLO DI INTERVENTO PROCEDURE OPERATIVE 3 1.2.1 PROCEDURE OPERATIVE (DA ESEGUIRE QUALUNQUE

Dettagli

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO 5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO Le procedure di intervento, previste per il Comune di TOCCO DA CASAURIA sono strutturate in due fasi: FASE DI ALLARME e FASE DI EMERGENZA. La FASE DI ALLARME

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA Comune di: ATESSA PREMESSA Il Sindaco in qualità di autorità di protezione civile, per la direzione ed il coordinamento del servizio di soccorso e assistenza alla popolazione, si avvale della struttura

Dettagli

COMUNE DI PREMARIACCO

COMUNE DI PREMARIACCO COMUNE DI PREMARIACCO PIANO NEVE Piano operativo di intervento PREMESSA La neve e il gelo sono eventi atmosferici naturali che possono presentarsi con frequenze ed intensità anche impreviste: tali eventi

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Delibera N. 48 del 06 Giugno 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Delibera N. 48 del 06 Giugno 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Delibera N. 48 del 06 Giugno 2014 OGGETTO: PIANO DI RECUPERO AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 7 MAGGIO 1985 N. 57 FINALIZZATO ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO

Dettagli

ALLEGATO 7. Procedura interna del. COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese

ALLEGATO 7. Procedura interna del. COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese ALLEGATO 7 Procedura interna del COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese PIANO DI GESTIONE DELLA VIABILITA PER IL PIANO DI EMERGENZA ESTERNA DEL SITO INDUSTRIALE AUTOSPED S.r.l. Santa Giustina

Dettagli

MODALITA PER LA SEGNALAZIONE DI CRITICITA, IL MONITORAGGIO E LA PRIMA VERIFICA DEI DANNI E RELATIVA MODULISTICA

MODALITA PER LA SEGNALAZIONE DI CRITICITA, IL MONITORAGGIO E LA PRIMA VERIFICA DEI DANNI E RELATIVA MODULISTICA ALLEGATO A decreto dirigenziale n. del MODALITA PER LA SEGNALAZIONE DI CRITICITA, IL MONITORAGGIO E LA PRIMA VERIFICA DEI DANNI E RELATIVA MODULISTICA 0. Premessa La valutazione di un evento di protezione

Dettagli

Comune di COLONNA Ufficio Polizia Locale 00030 COLONNA (RM) Il sottoscritto nato a ( )il / / e residente a Colonna (RM) in via n. recapito telefonico

Comune di COLONNA Ufficio Polizia Locale 00030 COLONNA (RM) Il sottoscritto nato a ( )il / / e residente a Colonna (RM) in via n. recapito telefonico Protocollo Al Comune di COLONNA Ufficio Polizia Locale 00030 COLONNA (RM) Oggetto: Richiesta/o Rinnovo contrassegno di parcheggio per disabili. Il sottoscritto nato a ( )il / / e residente a Colonna (RM)

Dettagli

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO Tipo di rischio SISMA SCENARIO DI RISCHIO SISMICO Località Territorio comunale Evento sismico di media entità (magnitudo Richter Descrizione compresa tra 4,0 e 5,5) Grado di rischio Alto SCENARIO 3.29

Dettagli

Piano Comunale di Protezione Civile Presentazione

Piano Comunale di Protezione Civile Presentazione Piano Comunale di Protezione Civile Presentazione Aprile 2012 Comune di Piacenza Il Piano Comunale di Protezione Civile, nella sua edizione aggiornata, è stato elaborato con lo scopo di fornire al Comune,

Dettagli

COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5 SISTEMA DI ALLERTAMENTO E PROCEDURE OPERATIVE. Regione Piemonte Provincia di Vercelli

COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5 SISTEMA DI ALLERTAMENTO E PROCEDURE OPERATIVE. Regione Piemonte Provincia di Vercelli Regione Piemonte Provincia di Vercelli COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5 SISTEMA DI ALLERTAMENTO E PROCEDURE OPERATIVE Trino, lì Il Commissario Straordinario -------------------------------------------------------------

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA DEL PINEROLESE EX VALLI CHISONE E GERMANASCA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE AGGIORNAMENTO 2011 Allegato 5 IL SISTEMA DI ALLERTAMENTO METEO

Dettagli

ALLEGATO I RISCHIO IDRAULICO

ALLEGATO I RISCHIO IDRAULICO ALLEGATO I RISCHIO IDRAULICO Ing. Stefano Allegri Tec.Comunale Sindaco Responsabile Firma Funzione Responsabile Firma Funzione Responsabile Firma Redazione Verifica Approvazione Pag. 1 di 1 1. CONSIDERAZIONI

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER INCIDENTE STRADALE

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER INCIDENTE STRADALE Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER INCIDENTE STRADALE Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna

Dettagli

COMUNE CAMPI BISENIO. Ordinanza per l istituzione e la disciplina della zona a traffico limitato e del centro storico di Capalle

COMUNE CAMPI BISENIO. Ordinanza per l istituzione e la disciplina della zona a traffico limitato e del centro storico di Capalle COMUNE CAMPI BISENIO Ordinanza per l istituzione e la disciplina della zona a traffico limitato e del centro storico di Capalle Ordinanza del Responsabile del Servizio Mobilità e Traffico n. 262/2005 IL

Dettagli

ATTIVAZIONE GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE CERRETO SANNITA

ATTIVAZIONE GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE CERRETO SANNITA ATTIVAZIONE GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE CERRETO SANNITA ATTIVAZIONE GRUPPO COMUNALE DA PARTE DEL SINDACO; TERMINE ATTIVITA GRUPPO COMUNALE. STATO DI PREALLERTA DIARIO DELLE ATTIVITA SVOLTE

Dettagli

PIANO AREE PEDONALI E Z.T.L.

PIANO AREE PEDONALI E Z.T.L. COMUNE DI TERMOLI Provincia di Campobasso REGIONE MOLISE SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE PIANO AREE PEDONALI E Z.T.L. VIABILITA CENTRO CITTADINO SISTEMAZIONE PARCHEGGI RELAZIONE DATA MARZO 2007 REDAZIONE

Dettagli

TRA. La Provincia di Lecce In persona del Presidente p.t. dott. Antonio. M. Gabellone. Il Comune di In persona del Sindaco p.t. dott.

TRA. La Provincia di Lecce In persona del Presidente p.t. dott. Antonio. M. Gabellone. Il Comune di In persona del Sindaco p.t. dott. TRA La Provincia di Lecce In persona del Presidente p.t. dott. Antonio. M. Gabellone Il Comune di In persona del Sindaco p.t. dott. PREMESSO che 1. l'art, 19 del D. Lgs. 267/2000 individua le competenze

Dettagli

PIANO DI INTERVENTO PER EMERGENZA NEVE

PIANO DI INTERVENTO PER EMERGENZA NEVE COMUNE DI ANTEGNATE Provincia di Bergamo PIANO DI INTERVENTO PER EMERGENZA NEVE Periodo 2015-2016 Ente titolare del Piano: AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI ANTEGNATE (BG) Via Castello n. 12 24051 Antegnate

Dettagli

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENZA IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE Ing. Maria Antonietta Raimondo Servizio Pianificazione e gestione delle emergenze Legge n. 225 del 1992 > Istituzione del

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO VIABILITA E TRASPORTI Versione 1.0 del 05.03.2013 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA 2.4 - Incidenti

Dettagli

SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE

SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE CAMPANIA E L ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2015-2016 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-7

Dettagli