IL REGISTRO INFORTUNI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL REGISTRO INFORTUNI"

Transcript

1 IL REGISTRO INFORTUNI 1) COSA E E un registro nel quale sono annotati cronologicamente gli infortuni sul lavoro che comportano un'assenza dal lavoro di almeno un giorno escluso quello dell evento (D.M. 05/12/1996). Nel registro sono annotati il nome, il cognome, la qualifica professionale dell'infortunato, le cause e le circostanze dell'infortunio, nonché la data di abbandono e di ripresa del lavoro (art. 4, comma 5, lett. "o" D.Lgs. 626/94). Il registro dovrà essere tenuto fin dall inizio dell attività e conservato sul luogo di lavoro a disposizione dell organo di vigilanza (art. 4, comma 5, lett. "o" D.Lgs. 626/94). 2) SOGGETTI OBBLIGATI ALLA TENUTA Il Datore di Lavoro, ovvero il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, comunque, il soggetto che, secondo il tipo e l organizzazione dell impresa, ha la responsabilità dell impresa stessa ovvero dell unità produttiva quale definita ai sensi della lettera i) in quanto titolare dei poteri decisionali e di spesa (art. 4, comma 5, lett. "o" D.Lgs. 626/94). 3) VIDIMAZIONE DEL REGISTRO Il registro degli infortuni, (acquistabile in una qualsiasi cartolibreria), ai fini della sua validità, deve essere vidimato dal Servizio P.S.A.L. della Azienda USL competente per territorio (art. 2 D.M. 12/09/1958). L Utente presenta il registro infortuni alla Zona Territoriale competente per territorio (Z.T. n 7 di Ancona - Via Cristoforo Colombo n 10 6 Ancona) compilando tutti i dati necessari (ragione sociale, sede legale, sede operativa, n pos. ass. INAIL) nella pagina preposta alla vidimazione, previo pagamento di una tariffa pari a 12,16, (pagabile c/o sportello ticket o versabile tramite bonifico bancario intestato a ASUR Z.T. n 7 di Ancona c/o Banca delle Marche, Ag.n 2 Via Menicucci n 4/6 Ancona su c/c n CIN: Q, CAB: 02600, ABI: 06055) indicando nella causale SPSAL vidimazione del registro infortuni ). L utente, inoltre, dovrà compilare un modello (allegato 1) con ivi riportati i dati aziendali che servirà per fini statistici. Non devono essere istituiti due distinti registri infortuni per operai e impiegati anche se hanno posizioni INAIL diverse. Il registro viene vidimato dagli operatori del Servizio P.S.A.L. che ne verificano la conformità al modello stabilito per legge, (D.M. 12/09/1958), controllando che l insediamento produttivo cui è intestato il registro, si trovi nell ambito territoriale di competenza del distretto (Agugliano, Ancona, Camerata Picena, Camerano, Castelfidardo, Chiaravalle, Falconara Marittima, Loreto, Montemarciano, Monte San Vito, Numana, Offagna, Osimo, Polverigi, Stirolo), contrassegnando il registro stesso in ogni sua pagina, dichiarando nell ultima pagina il numero di fogli che lo compongono e la data del rilascio ed assegnando al registro un numero cronologico di identificazione.

2 Il registro degli infortuni non ha scadenza. Quando è stato completamente utilizzato, deve essere vidimato un nuovo registro. Il registro non più utilizzabile (perché completo, cessazione dell attività, ecc) deve essere conservato almeno per quattro anni dall ultima registrazione o dalla data di vidimazione se non usato (D.M. 12/09/1958). Il registro vidimato viene riconsegnato al richiedente (di solito in giornata e comunque entro il termine massimo di 10 giorni) che deve esibire un documento di identità valido (non occorrono deleghe) e firmare per ricevuta. 4) CASI PARTICOLARI Attività temporanee Per i lavori di breve durata caratterizzati da mobilità (cantieri edili, stradali, ecc.), ovvero nei casi di sedi di lavoro dove operano pochi lavoratori e sprovviste di adeguata attrezzatura amministrativa (autonomia funzionale), il registro degli infortuni può essere tenuto nella sede legale, previa richiesta (allegato 2) ed ottenimento dell autorizzazione, da effettuare presso la Zona Territoriale competente per territorio (Z.T. n 7 di Ancona - Via Cristoforo Colombo n 106 Ancona). Una volta ottenuta l autorizzazione da parte della Zona Territoriale competente per territorio, la stessa dovrà essere tenuta sul posto di lavoro oggetto dell autorizzazione stessa, a disposizione delle autorità competenti e comunque, qualora richiesto, il registro in originale dovrà essere disponibile entro 48 ore. Qualora si debba registrare un infortunio, si dovrà specificare, nella apposita colonna del registro (colonna 6), il luogo dove è avvenuto l infortunio. Attività con più sedi Al fine di evitare un eccessivo frazionamento del registro e quindi venire meno all utilità della continuità temporale dell andamento infortunistico aziendale, le attività a carattere permanente presso uno o più luoghi di lavoro diversi da quello in cui è collocata la sede legale dell impresa, possono, previa richiesta (allegato 2) ed ottenimento dell autorizzazione da effettuare presso la Zona Territoriale competente per territorio, istituire un unico registro infortuni e tenerlo nella sede legale a condizione che: - le sedi periferiche si trovino nello stesso ambito territoriale (v. Circolare n 537 del 03/02/1959) della sede legale e che le sedi periferiche non siano dotate di adeguata attrezzatura amministrativa (autonomia funzionale). Una volta ottenuta l autorizzazione da parte della Zona Territoriale competente per territorio, la stessa dovrà essere tenuta sul posto di lavoro oggetto dell autorizzazione stessa, a disposizione delle autorità competenti e comunque, qualora richiesto, il registro in originale dovrà essere disponibile entro 48 ore. Qualora si debba registrare un infortunio, si dovrà specificare, nella apposita colonna del registro (colonna 6), il luogo dove è avvenuto l infortunio.

3 5) VARIAZIONE DI DATI Nominativo del Datore di Lavoro Nel caso di variazione del nominativo del Datore di Lavoro, è possibile mantenere lo stesso registro, dandone comunicazione (allegato 3) scritta alla Zona Territoriale competente. Una copia della comunicazione con timbro di pervenuto va conservata nel registro. Sede legale Nel caso di variazione della sede legale, sempre nello stesso ambito territoriale, è possibile mantenere lo stesso registro, dandone comunicazione (allegato 3) scritta alla Zona Territoriale competente. Una copia della comunicazione con timbro di pervenuto va conservata nel registro. Sede dell unità produttiva Nel caso di variazione della sede dell unità produttiva si dovrà vidimare un nuovo registro. Dati anagrafici della ditta (ragione sociale) Nel caso di variazione dei dati anagrafici della ditta, si dovrà vidimare un nuovo registro. Tipologia attività Nel caso di variazione della tipologia di attività, si dovrà vidimare un nuovo registro. 6) SMARRIMENTO/DETERIORAMENTO In caso di smarrimento o deterioramento del registro, il Datore di Lavoro o Legale Rappresentante dovrà immediatamente presentare denuncia alle autorità competenti, (Polizia di Stato, Carabinieri). Con la copia della denuncia ed un nuovo registro di provvederà alla vidimazione di un nuovo registro. 7) SANZIONI La violazione delle norme relative alla tenuta del registro infortuni comporta la sanzione amministrativa da 2580,00 a 15490,00, (Art. 89 comma 3 D.Lgs. 626/94).

4 Allegato 1

5 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Num. Registro RAGIONE SOCIALE: CODICE FISCALE/PARTITA IVA:... SEDE LEGALE: Via. n... Comune di.. (.) CAP:... TEL.:.. FAX:. N POS. INAIL :.... UNITA PRODUTTIVA: Via n.. Comune di (. ) CAP:... TEL.:.... FAX: LEGALE RAPPRESENTANTE:... NATO IL:. / /.. A:... (...) RESIDENTE IN: VIA:... (..) BREVE DESCRIZIONE DELL ATTIVITA LAVORATIVA: TOTALE DIPENDENTI: DI CUI IN PRODUZIONE: IMPIEGATI: SUPERFICIE COPERTA DELL UNITA PRODUTTIVA: mq. SETTORE DI APPARTENENZA: INDUSTRIA ARTIGIANATO COMMERCIO SERVIZI MEDICO COMPETENTE:... INDIRIZZO: NOMINATIVO RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) NOMINATIVO RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS o RLST) DATA: / /.. FIRMA ASUR Zona Territoriale n. 7 Ancona Via C. Colombo, Ancona Tel. 071/87051 CF e P.IVA Comuni: Ancona Agugliano - Camerano Camerata Picena Castelfidardo Chiaravalle Falconara Marittima Loreto - Montemarciano Monte San Vito Numana Offagna Osimo Polverigi Sirolo

6 Allegato 2

7 Carta intestata del richiedente Spett. SPSAL Z.T. n 7 di Ancona Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Via Cristoforo Colombo, Ancona., li../../ Oggetto: richiesta di conservare il Registro Infortuni presso la sede legale. Al fine di evitare un eccessivo frazionamento del registro e quindi venire meno all utilità della continuità temporale dell andamento infortunistico aziendale, il sottoscritto, in qualità di datore di lavoro della..., c h i e d e l autorizzazione a tenere il Registro Infortuni presso la sede legale aziendale sita in Via..., n.., nel comune di.. (..), in quanto l attività di.. : è un attività temporanea priva di adeguata attrezzatura amministrativa (autonomia funzionale), con pochi lavoratori ed avrà breve durata dal.../.../.... al / /... da eseguirsi presso (o Via).. nel comune di.. ( ) verrà svolta nelle sedi di lavoro di seguito riportate, prive di adeguata attrezzatura amministrativa (autonomia funzionale) e dislocate nello stesso ambito territoriale: Sede di lavoro 1: Via.... n Co mune. (..) Sede di lavoro 2: Via.... n Co mune. (..) Sede di lavoro 3: Via.... n Co mune. (..) Si dichiara, che il Registro degli Infortuni aziendale è stato vidimato presso la Z.T. (o AUSL) n di. in data../../.. al n. e che, qualora richiesto, lo stesso sarà disponibile in originale entro 48 ore. Si allega copia della pagina di vidimazione del registro. Distinti saluti. In fede (Datore di Lavoro)

8 Allegato 3

9 Carta intestata del richiedente Spett. SPSAL Z.T. n 7 di Ancona Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Via Cristoforo Colombo, Ancona., li../../ Oggetto: Comunicazione Registro infortuni Il sottoscritto, in qualità di datore di lavoro della...., al fine di dare una utile continuità temporale alle registrazioni da effettuare sull apposito registro degli infortuni aziendale, vidimato presso il Vs. Servizio in data.../.. /... al n....., c o m u n i c a la variazione della sede legale da Via..... n... nel comune di... (...) a Via.... n... nel comune di... (...) la variazione del nominativo del Datore di Lavoro da a nato il.../.../ a... (.) Si allegano: 1) copia della pagina di vidimazione del registro; 2) copia del documento di riconoscimento del Datore di Lavoro. In fede (Datore di Lavoro)

Supporto al. esperienza

Supporto al. esperienza Supporto al Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza esperienza nella ZONA TERRITORIALE 7 Regione Marche Azienda Sanitaria Unica Regionale Zona Territoriale n. 7 Ancona Agugliano, Ancona, Camerano,

Dettagli

REGISTRO INFORTUNI - FONTI NORMATIVE

REGISTRO INFORTUNI - FONTI NORMATIVE REGISTRO INFORTUNI - FONTI NORMATIVE DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 27 APRILE 1955, N. 547 "Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro" ART. 403 - Registro Infortuni - Le aziende soggette

Dettagli

A.S.S. n. 2 Isontina

A.S.S. n. 2 Isontina A.S.S. n. 2 Isontina IL REGISTRO U.O. Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro T.d.P. Gianluca Procino La Normativa di riferimento D.P.R. 27 aprile 1955, n. 547 1. Le aziende soggette al presente

Dettagli

(Circ. Min.Lav. n.73 del 30.05.97). Il registro deve essere tenuto sul luogo di lavoro.

(Circ. Min.Lav. n.73 del 30.05.97). Il registro deve essere tenuto sul luogo di lavoro. Registro infortuni : La tenuta del registro infortuni è obbligatoria per tutte le aziende nelle quali siano occupati prestatori subordinato e soggetti ad essi equiparati a norma dell art. 3 del D.P.R.

Dettagli

CARTA DI ESERCIZIO E ATTESTAZIONE ANNUALE PER OPERATORI DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

CARTA DI ESERCIZIO E ATTESTAZIONE ANNUALE PER OPERATORI DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE CARTA DI ESERCIZIO E ATTESTAZIONE ANNUALE PER OPERATORI DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Che cosa è e a che cosa serve Gli operatori ambulanti ai sensi dell art. 21, comma 10 della L.R. 06/2010 hanno l

Dettagli

COMUNE DI ANACAPRI. (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI NOLEGGIO DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE

COMUNE DI ANACAPRI. (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI NOLEGGIO DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE COMUNE DI ANACAPRI (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI NOLEGGIO DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE Approvato con delibera di C.C. n. 23 del 21.04.2010 Art. 1 - Esercizio di noleggio

Dettagli

` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà

` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà ` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà Dipartimento per i trasporti la navigazione ed i sistemi informativi e statistici Direzione Generale Motorizzazione Divisione 5 Prot. n.10959 del 19 aprile

Dettagli

CHIEDE. l iscrizione alla Cassa Edile di Mutualità ed Assistenza di Roma e Provincia a decorrere dal... e di ricevere la corrispondenza presso:

CHIEDE. l iscrizione alla Cassa Edile di Mutualità ed Assistenza di Roma e Provincia a decorrere dal... e di ricevere la corrispondenza presso: Riservato alla Cassa Edile Posizione N :... Data di presentazione:... Data decorrenza:... CASSA EDILE DI MUTUALITA ED ASSISTENZA DI ROMA E PROVINCIA VIA PORDENONE, 30 00182 ROMA La sottoscritta Impresa...

Dettagli

RICHIESTA PARERE SICUREZZA SANITARIA PER IMPIANTO DISTRIBUZIONE CARBURANTE - ART.1, C. 5, DLGS 32/1998

RICHIESTA PARERE SICUREZZA SANITARIA PER IMPIANTO DISTRIBUZIONE CARBURANTE - ART.1, C. 5, DLGS 32/1998 RICHIESTA PARERE SICUREZZA SANITARIA PER IMPIANTO DISTRIBUZIONE CARBURANTE - ART.1, C. 5, DLGS 32/1998 - Richiesta di parere preventivo di sicurezza sanitaria: l art. 1 comma 5 D.Lgs 32/98 prevede che

Dettagli

ALLEGATO 1 Mod. C 626/1

ALLEGATO 1 Mod. C 626/1 ALLEGATO 1 Mod. C 626/1 REGISTRO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI CANCEROGENI DATI GENERALI (Art. 243 D.Lgs. 81/2008) Nominativo Ditta Ragione Sociale Data Compilazione Quadro A Datore di lavoro Sede Territoriale

Dettagli

STUDIO DI ARCHITETTURA

STUDIO DI ARCHITETTURA STUDIO DI ARCHITETTURA 17 - VIA COL DI LANA - 21053 - CASTELLANZA - VARESE - TELEFONO +39 331 501622 - TELEFAX +39 331 501610 - EMAIL mcaldiroli@betanet.it P I A N O D I S I C U R E Z Z A & C O O R D I

Dettagli

INFORMASALUTE ANCONA. I Servizi Sanitari di. e Provincia. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i cittadini non comunitari

INFORMASALUTE ANCONA. I Servizi Sanitari di. e Provincia. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i cittadini non comunitari Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA ISTITUTO NAZIONALE SALUTE, MIGRAZIONI E POVERTÀ MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELL INTERNO Fondo Europeo per l'integrazione dei cittadini di Paesi terzi INFORMASALUTE

Dettagli

ORGANISMO PARITETICO PROVINCIALE PER LA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO PROVINCIA DI PISTOIA SETTORE TERZIARIO

ORGANISMO PARITETICO PROVINCIALE PER LA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO PROVINCIA DI PISTOIA SETTORE TERZIARIO ORGANISMO PARITETICO PROVINCIALE PER LA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO PROVINCIA DI PISTOIA SETTORE TERZIARIO TEL 0573 991581 FAX 0573 099919 DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL O.P.P. del settore TERZIARIO Il sottoscritto

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 164 del 25 Novembre 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Abrogazione dal 23 dicembre del registro infortuni Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il

Dettagli

PARERE PREVENTIVO DI SICUREZZA SANITARIA

PARERE PREVENTIVO DI SICUREZZA SANITARIA PARERE PREVENTIVO DI SICUREZZA SANITARIA Richiesta di parere preventivo di sicurezza sanitaria: l art. 1 comma 5 D.Lgs 32/98 prevede che per l installazione di impianto di distribuzione carburanti debba

Dettagli

AUTORIZZAZIONE ex art. 6, comma 1, lett. a) e art. 8, comma 3, lett. f) e h) della Legge 84/1994 - Articolo 68 del Codice della Navigazione.

AUTORIZZAZIONE ex art. 6, comma 1, lett. a) e art. 8, comma 3, lett. f) e h) della Legge 84/1994 - Articolo 68 del Codice della Navigazione. Aut orit à Port ua le www.autoritaportualecarrara.it demanio@autoritaportualecarrara.it d.piconcelli@autoritaportualecarrara.it pec@pec.autoritaportualecarrara.it AUTORITA' PORTUALE Marina di Carrara Ente

Dettagli

Strada dei Vini e dei sapori di Ferrara

Strada dei Vini e dei sapori di Ferrara Strada dei Vini e dei sapori di Ferrara Il Sottoscritto: Sede legale e indirizzo: Sede operativa indirizzo: CF e Partita IVA: Nome Azienda: Sito web: telefono: fax: cell: mail: CHIEDE con la presente,

Dettagli

IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO IL D.Lgs. 81/2001. STUDIO CONSICUR dott. Luca Vincenzo Fanesi

IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO IL D.Lgs. 81/2001. STUDIO CONSICUR dott. Luca Vincenzo Fanesi L obbligo della denuncia infortunio e malattia professionale Il registro infortuni LA TUTELA ASSICURATIVA SUI LUOGHI DI LAVORO IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO IL D.Lgs. 81/2001 STUDIO CONSICUR dott. Luca

Dettagli

Il/La sottoscritto/a nato/a a. (Prov. ) il C.F. (Cittadinanza ) residente nel Comune di (Prov. di ) C.A.P.

Il/La sottoscritto/a nato/a a. (Prov. ) il C.F. (Cittadinanza ) residente nel Comune di (Prov. di ) C.A.P. Il modulo è da presentare in DUE ORIGINALI, uno dei quali timbrato dall Ufficio competente, dovrà essere tenuto presso l esercizio a disposizione degli Organi di Vigilanza e costituisce titolo per l esercizio

Dettagli

Prot. n. 16568 del 21/03/2014. Oggetto: Invio modulistica INAIL

Prot. n. 16568 del 21/03/2014. Oggetto: Invio modulistica INAIL Prot. n. 16568 del 21032014 Ai Medici 118 Oggetto: Invio modulistica INAIL Direttore Centrale Operativa 118 Via Roma 56 53100 SIENA tel. 0577 536853 fax 0577 536118 e-mail: si118@usl7.toscana.it Il medico

Dettagli

RACCOGLITORE DELLA DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA DA CONSERVARE IN CANTIERE

RACCOGLITORE DELLA DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA DA CONSERVARE IN CANTIERE RACCOGLITORE DELLA DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA DA CONSERVARE IN CANTIERE DITTA RECAPITI TELEFONICI PREPOSTO DI CANTIERE LAVORATORI DELL'IMPRESA PRESENTI IN CANTIERE: DOCUMENTAZIONI CONTRATTUALI CONTRATTO

Dettagli

Modalità operative per l acquisto dei voucher

Modalità operative per l acquisto dei voucher ALLEGATO N. 3 PROGETTO RECIPROCA SOLIDARIETA E LAVORO ACCESSORIO ANNO 2014 VADEMECUM Modalità operative per l acquisto dei voucher Il contributo del Comune, attraverso il finanziamento di Compagnia di

Dettagli

ASSICURATO: Copia B - per l Assicurato - TIP. INAIL - 11/2007 SINTESI DELL ESAME OBIETTIVO DIAGNOSI ACCERTAMENTI GIÀ PRATICATI PRESCRIZIONI

ASSICURATO: Copia B - per l Assicurato - TIP. INAIL - 11/2007 SINTESI DELL ESAME OBIETTIVO DIAGNOSI ACCERTAMENTI GIÀ PRATICATI PRESCRIZIONI Mod. 1 SS CERTIFICAZIONE MEDICA DI INFORTUNIO LAVORATIVO PRIMO CONTINUATIVO DEFINITIVO RIAMMISSIONE IN TEMPORANEA Cognome Nome Sesso MF Nato a (Comune) Residente a (Comune) CAP Nazionalità Codice ISTAT

Dettagli

In data.. TRA PREMESSO

In data.. TRA PREMESSO i.e.s. CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI URBANI, SPECIALI NON PERICOLOSI E PERICOLOSI AI SENSI DEL D.LGS. 03/04/2006 N.152 ARTICOLO 188 COMMA 2 LETTERA C). In data.. TRA AnconAmbiente S.p.A.

Dettagli

(Mod. INAGIB 01mar2014) Marca da bollo

(Mod. INAGIB 01mar2014) Marca da bollo (Mod. INAGIB 01mar2014) Marca da bollo CITTÀ DI RONCADE PROVINCIA DI TREVISO 31056 RONCADE - Via Roma n 53 - tel. 0422/8461 C.F.: 80009430267 -P.IVA 00487110264 www.comune.roncade.tv.it - : edilizia@comune.roncade.tv.it

Dettagli

Art. 262. (Sanzioni per il datore di lavoro e il dirigente) TITOLO X ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI CAPO IV SANZIONI Art. 282. (Sanzioni a carico

Art. 262. (Sanzioni per il datore di lavoro e il dirigente) TITOLO X ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI CAPO IV SANZIONI Art. 282. (Sanzioni a carico Commento Dirigente, preposto e delega di funzioni 29 FIGURE AZIENDALI COINVOLTE: Datore di Lavoro; Dirigenti; Preposti; Soci di un impresa. FIGURE PROFESSIONALI COINVOLTE: non previste. DOCUMENTAZIONE

Dettagli

Questo Istituto ha la necessità di acquisire offerte per i seguenti adempimenti:

Questo Istituto ha la necessità di acquisire offerte per i seguenti adempimenti: Liceo Classico Statale Adolfo Pansini Sede centrale: Piazza 4 Giornate al Vomero Napoli - c.a.p.80128 - distr.scol.42 Uffici: Via Sangro 18 80126 Napoli - distretto scol. 42 tel. 0815792888 fax 081 19568414

Dettagli

D.Lgs 626/94 e 242/96. Corsi di formazione Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza.

D.Lgs 626/94 e 242/96. Corsi di formazione Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza. AREA AMBIENTE E SICUREZZA ALLE AZIENDE INDUSTRIALI ASSOCIATE LORO SEDI L Aquila, 6 ottobre 1999 Circolare n. 107/1999 - MM Prot. n. 639 OGGETTO: D.Lgs 626/94 e 242/96. Corsi di formazione Rappresentanti

Dettagli

FORMAZIONE ADDETTI PRIMO SOCCORSO E PREVENZIONE INFORTUNI NEWS: AUMENTO SANZIONI - DECRETO 151/2015

FORMAZIONE ADDETTI PRIMO SOCCORSO E PREVENZIONE INFORTUNI NEWS: AUMENTO SANZIONI - DECRETO 151/2015 1 ALLE AZIENDE LORO SEDI Circolare n.14 di Aprile 2016 Corso di formazione ADDETTI PRIMO SOCCORSO FORMAZIONE ADDETTI PRIMO SOCCORSO E PREVENZIONE INFORTUNI GECO PESARO S.R.L. per le aziende che non hanno

Dettagli

SCHEMA DI DOMANDA (Allegato1)

SCHEMA DI DOMANDA (Allegato1) CONTRIBUTI PER L ACQUISTO DI MACCHINARI, MEZZI E ATTREZZATURE TESTO DEL REGOLAMENTO(in vigore dal 1 ottobre 2001) SCHEMA DI DOMANDA (Allegato1) SCHEMA DELLA RELAZIONE SUGLI INVESTIMENTI EFFETTUATI (Allegato2)

Dettagli

Timbro Protocollo. Riquadro da compilare in caso di presentazione da parte di società e simili

Timbro Protocollo. Riquadro da compilare in caso di presentazione da parte di società e simili Timbro Protocollo MOD. 1131 Servizio Attività Economiche e di Servizio SUAP Pianificazione Commerciale DIREZIONE COMMERCIO E ATTIVITA PRODUTTIVE Sportello Unificato per il Commercio Marca da bollo (non

Dettagli

Commissione Provinciale per l Artigianato c/o la

Commissione Provinciale per l Artigianato c/o la Commissione Provinciale per l Artigianato c/o la Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Benevento SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA DI PULIZIA, DISINFEZIONE, DISINFESTAZIONE,

Dettagli

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI SALE E LOCALI APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 38 DEL 29 LUGLIO 2002 \\Srv2\Ufficio\REGOLAMENTI E CONVENZIONI\regolamenti per sito\reg. USO

Dettagli

ALLEGATO "D" Modulistica. Pagina 1 di 15

ALLEGATO D Modulistica. Pagina 1 di 15 ALLEGATO "D" Modulistica Mod.1: Richiesta di concessione per lo scavo su suolo pubblico, Mod.2: Comunicazione di inizio lavori, Mod.3: Comunicazione di fine lavori, Mod.4: Comunicazione di inizio lavori

Dettagli

Richiesta di avvio della procedura di mediazione

Richiesta di avvio della procedura di mediazione Spett. le Concordia Management s.r.l. Via Augusto Vera, 19 00142 - Roma (RM) Richiesta di avvio della procedura di mediazione via fax al n 06.23.32.83.52 via e-mail info@concordiamanagement.it via posta

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

(carta intestata dell'impresa) OGGETTO: AUTOCERTIFICAZIONE PER IMPRESE O LAVORATORI AUTONOMI.

(carta intestata dell'impresa) OGGETTO: AUTOCERTIFICAZIONE PER IMPRESE O LAVORATORI AUTONOMI. Modello A (carta intestata dell'impresa) Spett.le ACEM Via Case Rosse, 1 12073 CEVA OGGETTO: AUTOCERTIFICAZIONE PER IMPRESE O LAVORATORI AUTONOMI. La scrivente, in ottemperanza agli obblighi previsti dal

Dettagli

CASSA EDILE DI MUTUALITÀ ED ASSISTENZA di Venezia e Provincia

CASSA EDILE DI MUTUALITÀ ED ASSISTENZA di Venezia e Provincia DOMANDA DI ISCRIZIONE ALLA CASSA EDILE (allegare obbligatoriamente copia certificato C.C.I.AA. o visura) L impresa (1) Codice Fiscale Partita I.V.A. Pos. I.N.P.S. di Pos. I.N.A.I.L. di Natura Impresa:

Dettagli

2013 Catalogo corsi Sicurezza

2013 Catalogo corsi Sicurezza 2013 2013 Catalogo corsi Sicurezza 2013 3 in collaborazione con Studio Laffi & Samoggia Catalogo Sicurezza Sommario Introduzione pag. 4 Formazione obbligatoria sicurezza e gestione emergenze pag. 5 Corso

Dettagli

Comune di. Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Comune di. Luogo di nascita: Comune Provincia Stato Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Allegato 2 Al Comune di NOTIFICA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R.

Dettagli

Domanda di iscrizione all Albo Nazionale degli Autotrasportatori di cose per conto di terzi per trasferimento della sede da altra Provincia

Domanda di iscrizione all Albo Nazionale degli Autotrasportatori di cose per conto di terzi per trasferimento della sede da altra Provincia Domanda di iscrizione all Albo Nazionale degli Autotrasportatori di cose per conto di terzi per trasferimento della sede da altra Provincia Mod. 07 Marca da bollo di 16 Provincia di Monza e della Brianza

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI SCHEDA INFORMATIVA E PROGRAMMA Il decreto legislativo 81/08, agli articoli 21, 22 e 37 e all accordo Stato/Regione pubblicato il 12/3/2012

Dettagli

CITTA DI MONTECCHIO MAGGIORE

CITTA DI MONTECCHIO MAGGIORE REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE DELLA PUBBLICITA PORTA A PORTA 1. Il presente Regolamento intende ordinare la pubblicità di carattere commerciale distribuita a domicilio ed effettuata direttamente da

Dettagli

COME DEVO FARE PER.?

COME DEVO FARE PER.? 1. COSTITUZIONE CON CONTESTUALE INIZIO ATTIVITA E CONTESTUALE ASSUNZIONE DI DIPENDENTI L assunzione dei dipendenti deve essere comunicato, tramite Unilav (Ministero del lavoro), preventivamente (almeno

Dettagli

Per poter partecipare al Bando Inail la Sua Azienda ha due alternative per usufruire della nostra consulenza gratuita:

Per poter partecipare al Bando Inail la Sua Azienda ha due alternative per usufruire della nostra consulenza gratuita: Buongiorno, Le ricordo che l impresa per poter partecipare al bando Inail deve soddisfare, a pena di esclusione dalla partecipazione al bando, i seguenti requisiti: - avere attiva nel territorio della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni TITOLO

Dettagli

Spett. le CASSA EDILE Via Gramsci, 38 lì / / 62100 MACERATA. Indirizzo (SEDE LEGALE Via/Piazza)

Spett. le CASSA EDILE Via Gramsci, 38 lì / / 62100 MACERATA. Indirizzo (SEDE LEGALE Via/Piazza) Cassa Edile di Mutualità ed Assistenza MACERATA Codice Impresa Via Gramsci, 38 Tel. 0733 230243 Fax. 0733 232145 (riservato Cassa Edile) E mail: info@cassaedilemacerata.it Decorrenza Iscrizione www. cassaedilemacerata.it

Dettagli

COMUNICAZIONE DI INIZIO O FINE LAVORI,

COMUNICAZIONE DI INIZIO O FINE LAVORI, Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di COMUNICAZIONE DI INIZIO O FINE LAVORI, DI SOSPENSIONE E RIPRESA, DI VARIAZIONI IN CORSO DI ESECUZIONE 1. Dati generali dell intervento IL SOTTOSCRITTO

Dettagli

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i CONOSCERE E PREVENIRE per lavorare SENZA pericoli Modulo Formativo per RLS I SOGGETTI della PREVENZIONE e le RELAZIONI ultimo aggiornamento - ottobre 2008 Chi sono i SOGGETTI della prevenzione in azienda?

Dettagli

AL SIG. SINDACO del Comune di CUNEO

AL SIG. SINDACO del Comune di CUNEO Il modulo è da presentare in DUE ORIGINALI, uno dei quali timbrato dall Ufficio competente, dovrà essere tenuto presso l esercizio a disposizione degli Organi di Vigilanza e costituisce titolo per l esercizio

Dettagli

COMUNICAZIONE MESSA IN ESERCIZIO ASCENSORI

COMUNICAZIONE MESSA IN ESERCIZIO ASCENSORI SETTORE POLIZIA LOCALE E CONTROLLO DEL TERRITORIO COMUNICAZIONE MESSA IN ESERCIZIO ASCENSORI Ogni volta che viene messo in esercizio un ascensore o un montacarichi non destinati ad un servizio pubblico

Dettagli

Battaglioni Stefano Via G. Oberdan n. 5 62029 Tolentino (MC) Tel/Fax 0733-966311

Battaglioni Stefano Via G. Oberdan n. 5 62029 Tolentino (MC) Tel/Fax 0733-966311 STUDIO DI CONSULENZA LEGALE AZIENDALE E TRIBUTARIA STEFANO BATTAGLIONI Commercialista - Albo nr.139 MC Revisore Contabile Economista d Impresa Consulente Tecnico del Giudice Battaglioni Stefano Via G.

Dettagli

COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DEL PARCO ANGELO DELLA TORRE E DELLE RELATIVE STRUTTURE. ART.1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l uso del Parco della Villa

Dettagli

Allegato C (Articolo 3, comma 5)

Allegato C (Articolo 3, comma 5) Allegato C (Articolo 3, comma 5) Oggetto: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER APERTURA AGENZIA D AFFARI PER DISBRIGO PRATICHE AMMINISTRATIVE IN MATERIA FUNERARIA ( AI SENSI DELLART. 115 T.U.L.P.S.,

Dettagli

ALLA PROVINCIA DI BERGAMO Settore Trasporti, Espropri e Concessioni Servizio Concessioni Via Tasso, 8 24121 Bergamo

ALLA PROVINCIA DI BERGAMO Settore Trasporti, Espropri e Concessioni Servizio Concessioni Via Tasso, 8 24121 Bergamo ALLA PROVINCIA DI BERGAMO Settore Trasporti, Espropri e Concessioni Servizio Concessioni Via Tasso, 8 24121 Bergamo marca da bollo euro 14.62 Esenti Enti Pubblici (D.P.R. n 955/82) Il/la sottoscritto/a

Dettagli

Comune di. Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Comune di. Luogo di nascita: Comune Provincia Stato Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Allegato 2 Al Comune di NOTIFICA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con deliberazione consiliare n. 31 del 28/04/2011 INDICE Pag. Art. 1 Oggetto e finalità del regolamento 2 Art. 2 Luogo della celebrazione

Dettagli

IL MINISTRO PER IL LAVORO E LA PREVIDENZA SOCIALE

IL MINISTRO PER IL LAVORO E LA PREVIDENZA SOCIALE D.M. 12 settembre 1958 IL MINISTRO PER IL LAVORO E LA PREVIDENZA SOCIALE Visto l'art. 403 del decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1955, n. 547, che sancisce l'obbligo delle aziende, soggette

Dettagli

Comune di COLONNA Ufficio Polizia Locale 00030 COLONNA (RM) Il sottoscritto nato a ( )il / / e residente a Colonna (RM) in via n. recapito telefonico

Comune di COLONNA Ufficio Polizia Locale 00030 COLONNA (RM) Il sottoscritto nato a ( )il / / e residente a Colonna (RM) in via n. recapito telefonico Protocollo Al Comune di COLONNA Ufficio Polizia Locale 00030 COLONNA (RM) Oggetto: Richiesta/o Rinnovo contrassegno di parcheggio per disabili. Il sottoscritto nato a ( )il / / e residente a Colonna (RM)

Dettagli

DECRETO DEL COMMISSARIO DELEGATO PER GLI EVENTI ALLUVIONALI DEL SETTEMBRE 2006 N. 3/CDA DEL 30/10/2006

DECRETO DEL COMMISSARIO DELEGATO PER GLI EVENTI ALLUVIONALI DEL SETTEMBRE 2006 N. 3/CDA DEL 30/10/2006 1 DECRETO DEL COMMISSARIO DELEGATO PER GLI EVENTI ALLUVIONALI DEL SETTEMBRE 2006 N. 3/CDA DEL 30/10/2006 Oggetto: Criteri e modalità per la concessione dei contributi di cui all art. 4, c. 5, dell Ordinanza

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEL POS

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEL POS Istruzioni per la compilazione delle linee d indirizzo per la redazione del POS 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEL POS (Documento da non allegare al POS) Il

Dettagli

Particolarità nell applicazione del DPR 462/01

Particolarità nell applicazione del DPR 462/01 Particolarità nell applicazione del DPR 462/01 Ambito di applicazione del DPR 462/01 Sono soggette all applicazione del DPR 462/01 soltanto le attività che rientrano nel campo di applicazione del D.Lgs.

Dettagli

CITTA' DI ALCAMO ************

CITTA' DI ALCAMO ************ ALLEGATO B CITTA' DI ALCAMO PROVINCIA DI TRAPANI ************ REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE E RAZIONALIZZAZIONE DELL AUTOPARCO (allegato alla delibera di C.C. n. 92 del 21/7/2011) Art. 1 Principi generali

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive - Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

Campolongo sul Brenta

Campolongo sul Brenta Comune di Campolongo sul Brenta Provincia di Vicenza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA E LE PROCEDURE per l organizzazione del servizio di videosorveglianza del Comune di Campolongo sul Brenta Approvato

Dettagli

timbro protocollo Segnalazione Certificata Inizio Attività (SCIA) Spettacolo/intrattenimento temporaneo

timbro protocollo Segnalazione Certificata Inizio Attività (SCIA) Spettacolo/intrattenimento temporaneo CITTA di PESCARA Dipartimento Attività Tecniche, Energetiche ed Ambientali Settore Attività Produttive Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive + timbro protocollo responsabile del

Dettagli

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 14 Informativa OGGETTO: Attività Produttive. Commercio su area pubblica. Determinazione

Dettagli

Mq intera superficie coperta

Mq intera superficie coperta Tassa sui rifiuti -TARI Tari (art. 1 comma 639 e ss. L.n.147/2013) DICHIARAZIONE UTENZA NON DOMESTICA Al Funzionario Responsabile della Iuc/Tari Comune di Livorno 1 INIZIO 2 CESSAZIONE 3 VARIAZIONE Del

Dettagli

INFORTUNI A PERSONALE DI IMPRESE ESECUTRICI DI LAVORI O SERVIZI APPALTATI DA RETE FERROVIARIA ITALIANA s.p.a.

INFORTUNI A PERSONALE DI IMPRESE ESECUTRICI DI LAVORI O SERVIZI APPALTATI DA RETE FERROVIARIA ITALIANA s.p.a. Sistema Integrato Gestione della Sicurezza 1 di 9 INFORTUNI A PERSONALE DI IMPRESE ESECUTRICI DI LAVORI O SERVIZI APPALTATI DA RETE FERROVIARIA ITALIANA s.p.a. Rev. Data Descrizione modifiche Redatto Verificato

Dettagli

La detenzione di animali esotici

La detenzione di animali esotici La detenzione di animali esotici La Legge regionale n. 89/1990, all articolo 1, definisce gli animali esotici: tutte le specie di mammiferi, uccelli, rettili e anfibi facenti parte della fauna selvatica

Dettagli

Art. 2 Strumenti destinati alla didattica e alle produzioni.

Art. 2 Strumenti destinati alla didattica e alle produzioni. REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE DEGLI STRUMENTI MUSICALI, DELLE APPARECCHIATURE TECNOLOGICHE E DELLA DOTAZIONE DELLE AULE DEL CONSERVATORIO DI MUSICA G. VERDI DI COMO. (art. 14, comma 4 del D.P.R.

Dettagli

1) Scheda Anagrafica/Dichiarazione Lavoro Autonomo -Residenti

1) Scheda Anagrafica/Dichiarazione Lavoro Autonomo -Residenti 1 1) Scheda Anagrafica/Dichiarazione Lavoro Autonomo -Residenti DICHIARAZIONE DATI ANAGRAFICI E FISCALI All Azienda. Io sottoscritto/a (cognome) (nome) al fine di una eventuale stipulazione con codesta

Dettagli

DIRITTI DI SEGRETERIA. 65,00 Edilizia Privata Sportello Unico Attività Produttive (SUAP)

DIRITTI DI SEGRETERIA. 65,00 Edilizia Privata Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) Spazio riservato al Protocollo: Spazio riservato all Ufficio: DIRITTI DI SEGRETERIA. 65,00 Edilizia Privata Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PER ATTIVITÀ EDILIZIA

Dettagli

Direttive e criteri di attuazione della legge regionale 13 agosto 2001, n. 12

Direttive e criteri di attuazione della legge regionale 13 agosto 2001, n. 12 ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 36/ 20 DEL 26.7.2005 Direttive e criteri di attuazione della legge regionale 13 agosto 2001, n. 12 Art. 1 Ai fini dell applicazione delle presenti direttive e criteri di

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE PIEMONTE A.S.L. 1 TORINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE PIEMONTE A.S.L. 1 TORINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE PIEMONTE A.S.L. 1 TORINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO via Alassio, n. 36/E 10126 TORINO Tel. 011.5663800 - Fax

Dettagli

LA TENUTA DEI LIBRI REGOLAMENTARI

LA TENUTA DEI LIBRI REGOLAMENTARI DIREZIONE REGIONALE LOMBARDIA LA TENUTA DEI LIBRI REGOLAMENTARI Convegno con i Consulenti del Lavoro Brescia, 14 giugno 2007 1 I libri regolamentari da istituire, tenere e conservare obbligatoriamente

Dettagli

CORSO RSPP + AGGIORNAMENTO

CORSO RSPP + AGGIORNAMENTO CORSO di FORMAZIONE per DATORE di LAVORO 2 per lo svolgimento diretto dei compiti del Responsabile del Servizio di Prevenzione e protezione dei rischi (Art. 34 1 del D. Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 integrato

Dettagli

MODULISTICA. Attivo Patrimoniale

MODULISTICA. Attivo Patrimoniale MODULISTICA DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEGLI INVESTIMENTI E DELL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI COSENZA- EDIZIONE 2015 ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI COSENZA Il/la sottoscritto/a

Dettagli

MODULO DONAZIONE IN DENARO. Cognome e nome / Ragione Sociale-----------------------------------------------------------------------------

MODULO DONAZIONE IN DENARO. Cognome e nome / Ragione Sociale----------------------------------------------------------------------------- MOD. A MODULO DONAZIONE IN DENARO AL DIRETTORE GENERALE USL6 DATI DEL DONATORE: Cognome e nome / Ragione Sociale----------------------------------------------------------------------------- C.F./P.I. -------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

COMUNE DI NONE Provincia di Torino

COMUNE DI NONE Provincia di Torino COMUNE DI NONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA 1 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione Regionale del Lavoro Cagliari LIBRI PAGA E MATRICOLA

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione Regionale del Lavoro Cagliari LIBRI PAGA E MATRICOLA Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione Regionale del Lavoro Cagliari La tenuta dei libri paga e di matricola, modalità, obblighi e sanzioni, a seguito delle recenti disposizioni introdotte

Dettagli

Il Sottoscritto nato a prov. il / /, residente in prov. Via n. int. C.F. Tel fax

Il Sottoscritto nato a prov. il / /, residente in prov. Via n. int. C.F. Tel fax Al Comune di FORNOVO DI TARO Servizio Attività Produttive Piazza Libertà 11 43045 FORNOVO DI TARO ZIONE DI INIZIO ATTIVITA' PER L'ESERCIZIO DI ATTIVITA' DI (di cui all art. 19 L. 7 agosto 1990, n. 241

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE DI IMPIANTI PUBBLICITARI (ESCLUSE INSEGNE/TENDE/TARGHE/VETROFANIE)

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE DI IMPIANTI PUBBLICITARI (ESCLUSE INSEGNE/TENDE/TARGHE/VETROFANIE) DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE DI IMPIANTI PUBBLICITARI (ESCLUSE INSEGNE/TENDE/TARGHE/VETROFANIE) [ ] NUOVA INSTALLAZIONE [ ] SOSTITUZIONE [ ] MANTENIMENTO IN OPERA [ ] CESSAZIONE [ ] Marca

Dettagli

DICHIARA. - che l organico complessivo aziendale, in ambito nazionale, alla data odierna risulta essere il seguente:

DICHIARA. - che l organico complessivo aziendale, in ambito nazionale, alla data odierna risulta essere il seguente: Alla CITTA METROPOLITANA di Bari Servizio Lavoro e Formazione Professionale Ufficio Collocamento Obbligatorio Via Postiglione, 50 70126 BARI Il sottoscritto....... in qualità di legale rappresentante della

Dettagli

Via FAX Regione Toscana Centro Situazioni Regionale di Protezione Civile Firenze (Fax 055 430285)

Via FAX Regione Toscana Centro Situazioni Regionale di Protezione Civile Firenze (Fax 055 430285) Modello A/1 (carta intestata Comune) RICHIESTA ATTIVAZIONE VOLONTARIATO Via FAX A Regione Toscana Centro Situazioni Regionale di Protezione Civile Firenze (Fax 055 430285) E, p.c. Provincia di Ufficio

Dettagli

Al Comune di SAN PANCRAZIO SALENTINO. Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.)

Al Comune di SAN PANCRAZIO SALENTINO. Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.) Al Comune di SAN PANCRAZIO SALENTINO Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.) Protocollo COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI Art. 6, comma 2, del d.p.r. 6 giugno 2001 n. 380 TITOLARE: TECNICO: IMPRESA:

Dettagli

BANDO D ESAMI I N F O R M A

BANDO D ESAMI I N F O R M A BANDO D ESAMI per il conseguimento dell idoneità professionale di autotrasportatore di merci per conto terzi e viaggiatori- ANNO 2016- Il Dirigente del Servizio: TRASPORTI della Provincia di Ascoli Piceno,

Dettagli

Al Comune di Mondovì Assessorato allo Sport

Al Comune di Mondovì Assessorato allo Sport Marca da bollo del valore corrente ALLEGATO A1 - ISTANZA salvo soggetti esenti ai sensi D.P.R. 642/1972 INDICARE ESENZIONE Al Comune di Mondovì Assessorato allo Sport Oggetto: Domanda di contributo per

Dettagli

Timbro Protocollo. Riquadro da compilare in caso di presentazione da parte di società e simili

Timbro Protocollo. Riquadro da compilare in caso di presentazione da parte di società e simili Timbro Protocollo MOD. 1131 Settore Attività Economiche e di Servizio - SUAP DIVISIONE COMMERCIO Sportello Unificato per il Commercio Marca da bollo (non richiesta) agenzia d affari segnalazione certificata

Dettagli

1- OBIETTIVI DEL DOCUMENTO 2- INTRODUZIONE

1- OBIETTIVI DEL DOCUMENTO 2- INTRODUZIONE 1- OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 1 2- INTRODUZIONE... 1 3- ACCESSO ALLA PROCEDURA... 2 4- COMPILAZIONE ON-LINE... 6 5- SCELTA DELLA REGIONE O PROVINCIA AUTONOMA... 7 6- DATI ANAGRAFICI... 8 7- DATI ANAGRAFICI

Dettagli

NOTIFICA IMPRESA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (Art. 6 REGOLAMENTO CE n. 852/04 e D.G.R. Lazio n.

NOTIFICA IMPRESA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (Art. 6 REGOLAMENTO CE n. 852/04 e D.G.R. Lazio n. Azienda Unità Sanitaria Locale di Viterbo Dipartimento di Prevenzione U.O.S.D. Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione Via E. Fermi, 15 01100 Viterbo Per tramite il SUAP del Comune di NOTIFICA IMPRESA SETTORE

Dettagli

AIAS ACADEMY Srl Socio Unico

AIAS ACADEMY Srl Socio Unico Corso di approfondimento ISO 29990:2010 - I principi del Quality Management nella Formazione per la Salute e Scurezza sul Lavoro Valido per l aggiornamento quinquennale di ASPP/RSPP ex art. 32 D.Lgs. 81/08

Dettagli

PROFESSIONALITA A PREZZI ECCEZIONALI

PROFESSIONALITA A PREZZI ECCEZIONALI LABOR SECURITY SRL PROFESSIONALITA A PREZZI ECCEZIONALI Sede Operativa: Viale Sacco e Vanzetti, 141 00155 Roma Tel. 06-83608632 Fax.06-83608634 E-mail: info@laborsecurity.it www.laborsecurity.it OGGETTO:

Dettagli

Decreto lgs. 276/ 2003, art. 49 (Apprendistato Professionalizzante) Direttiva Anno 2006- per il finanziamento della formazione formale

Decreto lgs. 276/ 2003, art. 49 (Apprendistato Professionalizzante) Direttiva Anno 2006- per il finanziamento della formazione formale MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Ufficio Centrale per l Orientamento e la Formazione Professionale dei Lavoratori REGIONE ABRUZZO REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Sistema

Dettagli

Roma Capitale Dipartimento Attività Economiche e Produttive, Formazione e Lavoro Ufficio Agenzie d Affari Via dei Cerchi, 6 00186 Roma

Roma Capitale Dipartimento Attività Economiche e Produttive, Formazione e Lavoro Ufficio Agenzie d Affari Via dei Cerchi, 6 00186 Roma OGGETTO: Svolgimento attività succursale con dichiarazione del preposto. Roma Capitale Dipartimento Attività Economiche e Produttive, Formazione e Lavoro Ufficio Agenzie d Affari Via dei Cerchi, 6 00186

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA RICONSEGNA DEGLI OGGETTI RITROVATI"

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA RICONSEGNA DEGLI OGGETTI RITROVATI COMUNE DI MEZZAGO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA RICONSEGNA DEGLI OGGETTI RITROVATI" Approvato con delibera di C.C. nr. 18 del 09-06-2015 INDICE art.1 DISPOSIZIONI GENERALI art. 2 CONSEGNA DEL BENE art.3

Dettagli

Circolare N. 163 del 11 Dicembre 2014

Circolare N. 163 del 11 Dicembre 2014 Circolare N. 163 del 11 Dicembre 2014 Abrogata la vidimazione libro infortuni anche nella Veneto - permane l obbligo di tenuta e conservazione dello stesso Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

ORGANISMO PARITETICO PROVINCIALE DELLA COOPERAZIONE AGCI CONFCOOPERATIVE LEGACOOP CGIL CISL - UIL

ORGANISMO PARITETICO PROVINCIALE DELLA COOPERAZIONE AGCI CONFCOOPERATIVE LEGACOOP CGIL CISL - UIL ORGANISMO PARITETICO PROVINCIALE DELLA COOPERAZIONE AGCI CONFCOOPERATIVE LEGACOOP CGIL CISL - UIL FORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA Modulo di richiesta di collaborazione ex art.37, comma 12, del

Dettagli

REGOLAMENTO PER I VERSAMENTI AGGIUNTIVI

REGOLAMENTO PER I VERSAMENTI AGGIUNTIVI FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI REGOLAMENTO PER I VERSAMENTI AGGIUNTIVI FONDO PENSIONE ALIFOND REGOLAMENTO PER

Dettagli

REGOLAMENTO SALA VENDITE

REGOLAMENTO SALA VENDITE C.R.A.L. Azienda Ospedaliera Niguarda Ca Granda Tel. 02.6444.2327 - Fax 02.6444.4876 E-mail Segreteria: info@cralniguarda.com Sito: www.cralniguarda.com REGOLAMENTO SALA VENDITE INGRESSO AUTOVETTURE È

Dettagli