STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI"

Transcript

1 STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10 11

2 Premessa Assenza di una regolamentazione organica sul piano legisladvo Definizione nell art. 1, comma 3, D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e successive modificazioni, che rimanda al comma 2 del medesimo ardcolo, ler. f), g), h), i) e j) i contrat futures su strumend finanziari, su tassi di interesse, su valute, su merci e sui reladvi indici, anche quando l esecuzione avvenga arraverso il pagamento di differenziali in contand (Segue) 2

3 Premessa I contrat di scambio a prond e a termine, swap, sui tassi di interesse, su valute, su merci, nonché su indici azionari, equity swap, anche quando l esecuzione avvenga arraverso il pagamento di differenziali in contand; I contrat a termine collegad a strumend finanziari, a tassi di interesse, a valute a merci e ai reladvi indici, anche quando l esecuzione avvenga arraverso il pagamento di differenziali in contand; (Segue) 3

4 Premessa I contrat di opzione per acquistare o vendere gli strumend indicad in precedenza e i reladvi indici, nonché i contrat di opzione su valute, su tassi di interesse, su merci e sui reladvi indici, anche quando l esecuzione avvenga arraverso il pagamento di differenziali in contand; le combinazioni dei contrat indicad nelle precedend lerere. Quadro normadvo non esausdvo 4

5 Premessa I principi contabili internazionali(ias 39) precisano che uno strumento finanziario è uno strumento derivato se risponde alle seguend tre cararerisdche: il suo valore si modifica per la variazione di un tasso di interesse, di un tasso di cambio o di variabile simile, qualificabile come sorostante ; (Segue) 5

6 Premessa non richiede un invesdmento nero iniziale o ne richiede uno comunque inferiore a quello che sarebbe richiesto da altre Dpologie di contrat che generano variazioni analoghe a fronte di variazioni delle condizioni di mercato; è previsto il regolamento ad una data futura. 6

7 Tipologie di strumenti derivati Ideale classificazione in base alle loro cararerisdche economico tecniche Swap Opzioni ContraT a termine in senso lato 7

8 Swap RappresentaD, principalmente da swap di tasso e di cambio CosDtuiD da contrat in cui due pard si impegnano a scambiarsi, a date prestabilite, flussi finanziari calcolad in base ad un criterio predeterminato Gli swap di tasso e di cambio rappresentano la Dpologia più diffusa di derivad considerando la voladlità dei tassi di cambio e di interesse 8

9 Swap di tasso Swap index linked prevedono di determinare uno dei flussi da scambiare in base alla variazione di un indice di borsa Interest rate swap ( IRS ) due contropard, sulla base di un nozionale di riferimento, scambiano un flusso di interessi calcolato sulla base di un tasso fisso con un flusso di interessi calcolato sulla base di un tasso variabile (ad esempio euribor). Compensazione dei flussi di pagamento e assenza di scambio di capitali 9

10 Swap di cambio (Currency swap) Scambio tra le pard di flussi di cassa espressi in valute diverse agganciad a due tassi variabili. UsaD per trasformare una atvità/passività denominata in una valuta, in una atvità/ passività denominata in un altra valuta. PermeRono di orenere le migliori condizioni nelle situazioni in cui la valuta in cui è necessario finanziarsi sia diversa da quella più conveniente 10

11 Opzioni ContraT che arribuiscono ad una delle pard, dietro pagamento di un corrispetvo (premio), il diriro di: Acquistare o vendere determinate atvità ad un certo prezzo Riscuotere un importo determinato in base all andamento di un indicatore di riferimento. Opzione americana diriro da esercitare entro un dato termine Opzione europea diriro da esercitare ad una data prestabilita 11

12 Opzioni Il prezzo di esercizio a cui può essere esercitata l opzione rappresenta lo strike price Le opzioni si disdnguono a seconda della Dpologia dell atvità sorostante (underlying asset) in opzioni su: Tassi Titoli (obbligazionari e azionari) Valute Indici Futures 12

13 Opzioni L acquirente dell opzione ha il diriro di esercitare o meno l opzione Nel caso di esercizio il venditore è obbligato ad eseguire il contraro. Per l acquirente il rischio di perdita è limitato all ammontare del premio pagato, nel caso l opzione sia abbandonata il suo guadagno potenziale è invece illimitato. Situazione diametralmente opposta per il venditore 13

14 ContraT a termine in senso lato ContraT che prevedono lo scambio tra due contropard di un determinato prodoro ad una data futura e ad un prezzo prefissad al momento della sdpula del contraro. Future negoziad in mercad regolamentad e presentano una elevata standardizzazione, oltre ad avere generalmente un buon grado di liquidità Forward negoziad tra le pard 14

15 ContraT a termine in senso lato ContraT con cui si fissa nel tempo e nella quandtà il margine di rischio (o di speculazione) insito in una transazione commerciale o finanziaria. Tipologie di futures: Bond futures (futures su Dtoli di stato) Interest rate futures (futures su tassi) Currency futures (futures su valute) Stock index futures (futures su indici) 15

16 Rischi Per valutare il rischio connesso all operadvità in derivad è necessario considerare Le cararerisdche degli strumend Finalità di udlizzo degli stessi Copertura dei rischi NegoziaD con intento speculadvo con un conseguente aumento dei rischi associad a tali operazioni. Rischio aumenta all aumentare della complessità degli strumend 16

17 Rischio di mercato Rischio che il valore di mercato di uno strumento finanziario vari in seguito a fluruazioni dei prezzi di mercato, dei tassi di interesse e dei tassi di cambio Tale rischio include: Il rischio di cambio Il rischio di tasso Altri rischi di prezzo Rischio di variazione dei corsi azionari (c.d. Equity risk) Rischio di variazioni prezzo merci (c.d. Commodity risk) 17

18 Rischio di credito Rischio che una delle pard non adempia ad una obbligazione prevista contrarualmente Rischio contenuto per le imprese non finanziarie operando le stesse con contropard avend elevato standing Rischio rilevante per le banche che svolgono atvità di intermediazione con la clientela. 18

19 Relazione strumend/rischi Swap Opzioni Strumento Rischio di Mercato Rischio di credito ContraT a termine Influenzato dalle cararerisdche degli strumend (Es. durata, etc.) Influenzato dalle cararerisdche degli strumend (Es. durata, etc.) Influenzato dalle cararerisdche degli strumend (Es. durata, etc.) Contenuto Sostanzialmente nullo per venditore (premio andcipato). Potenzialmente rilevante per compratore Sostanzialmente nullo per operazioni regolate arraverso Clearing House (futures), contenuto per le altre (forward) 19

20 Processo di gesdone dei rischi GesDone delle operazioni in strumend finanziari derivad e dei reladvi rischi: Il CdA definisce linee guida e vigila sulla loro correra trasposizione in procedure che includono: Gli obietvi dell udlizzo dei derivad (natura di copertura o di negoziazione degli strumend) La Dpologia di strumend derivad da udlizzare sia per i contrat speculadvi che di copertura I limid di nozionali dei contrat e di altre misure di rischio Le contropard con le quali poter sdpulare derivad (es. con radng non inferiore ad A ) (Segue) 20

21 Processo di gesdone dei rischi Le modalità di approvazione delle operazioni L assegnazione di precise responsabilità anche in termini di controllo del rischio. Le citate procedure dovrebbero essere coerend con: Il livello di esperienza della direzione aziendale La complessità e l adeguatezza del sistema di controllo interno e dei sistemi di monitoraggio La strurura patrimoniale e finanziaria dell impresa La capacità di mantenere liquidità ed assorbire eventuali perdite CdA vigila sulla conformità delle operazioni ai principi fissad 21

22 Processo di gesdone dei rischi Separazione dei compid Organizzazione in quarro funzioni che dovrebbero essere tra loro separate ed indipendend: Dealing impegno dell impresa a concludere l operazione; SeAlement autorizzazione al pagamento/incasso. AccounCng correra rilevazione della transazione nella contabilità aziendale, inclusa la valutazione al fair value; Risk control controllo del rischio in termini di monitoraggio del rischio e predisposizione di una specifica informadva rivolta alla direzione sulla esposizione al rischio e sulle azioni poste in essere 22

23 Processo di gesdone dei rischi responsabilità chiave del risk control: designazione della strurura dei limid di rischio sviluppo di scenari worst case e di sensicvity analysis analisi di nuovi prodot derivad che l impresa vuole soroscrivere L esistenza di una funzione risk control presuppone l esistenza di adeguate procedure per la misurazione dei rischi 23

24 Processo di gesdone dei rischi Controlli riferibili all operadvità in derivad La coerenza tra natura delle operazioni (copertura o negoziazione) e gli obietvi prefissad dalla direzione L udlizzo di Dpologie di strumend derivad e la selezione di contropard,in linea con quanto previsto dalle polidche aziendali Il rispero dei limid definid a livello di nozionali dei contrat e di altre misure di rischio degli stessi; Il rispero delle procedure aziendali in termini di rispero dei ruoli/responsabilità ciò anche nel caso di esdnzione andcipata o allungamento dei contrat 24

25 Processo di gesdone dei rischi Esistenza di procedure che consentono la correra quandficazione del fair value dei derivad in bilancio Accurata rilevazione in contabilità delle transazioni sia per quelle realizzate (flussi pagad/incassad) che per quelle non realizzate (fair value); Riconciliazione periodica tra i dad della tesoreria e quelli della contabilità, con tempesdva e precisa sistemazione delle differenze emerse; Riconciliazione tra i dad fornid dalle contropard e le evidenze interne, con tempesdva e precisa sistemazione delle differenze emerse. 25

26 Rilevazione contabile Lo IAS 39 disciplina la rilevazione iniziale e la valutazione successiva dei derivad. In pardcolare disdngue: I derivad classificad nella categoria delle a>vità e passività finanziarie di negoziazione (held for trading) e quindi da rilevare al fair value al nero di eventuali cosd direramente imputabili a conto economico; I derivad che sono designad come strumend di copertura e risultano efficaci alla data di bilancio. 26

27 Rilevazione contabile Gli strumend derivad di negoziazione devono essere rilevad al fair value e le reladve variazioni registrate direramente a conto economico Il fair value è inteso quale corrispetvo in base al quale un atvità potrebbe essere scambiata o una passività esdnta, in una libera transazione fra pard consapevoli ed indipendend IAS 39 richiede il massimo uso possibile di parametri di mercato (quotazioni di mercato) ed il minimo udlizzo di farori specifici dell impresa coerente con la nozione generale di fair value 27

28 Rilevazione contabile Con riferimento ai derivad over the counter (negoziad in mercad non regolamentad) le imprese dovranno applicare le tecniche di valutazione più adorate tra gli operatori di mercato. Per swap di tasso e cambio, il pricing viene determinato con metodo del discounted cash flow ARualizzazione dei flussi di cassa futuri sdmad del derivato. SDma basata sulla quotazione di parametri di mercato e di altre metodologie valutadve (valore di mercato teorico dello strumento applicando elemend di calcolo delle probabilità (ad es. metodo Montecarlo) 28

29 Rilevazione contabile Con riferimento ai derivad incorporad (o implicid), il traramento contabile è analogo a quello dei derivad di negoziazione In base allo IAS 39 un derivato incorporato deve essere separato dal contraro primario e contabilizzato come un derivato soltanto se: Le cararerisdche economiche e i rischi del derivato incorporato non sono streramente correlad alle cararerisdche economiche e ai rischi del contraro primario Uno strumento separato con le stesse condizioni del derivato incorporato soddisferebbe la definizione di derivato Lo strumento ibrido (combinato) non è valutato al fair value con le variazioni nel fair value rilevate nel conto economico 29

30 Rilevazione contabile StrumenD derivad di copertura. Definizione IAS 39: un derivato designato o, (limitatamente ad una operazione di copertura del rischio di variazioni nei tassi di cambio di una valuta estera) una designata atvità o passività finanziaria non derivata il cui fair value o flussi finanziari ci si aspera compensino le variazioni nel fair value o nei flussi finanziari di un designato elemento coperto 30

31 Rilevazione contabile StrumenD derivad di copertura. IAS 39 definisce: Quali strumend si possono qualificare come strumend di copertura (hedging instrument) Cosa può essere oggero di copertura (hedged item) I requisid per l applicabilità dell hedge accouncng Le regole di contabilizzazione. 31

32 Rilevazione contabile Hedging instrument tut a meno delle opzioni emesse Hedged item (elemento coperto) Elemento coperto: è un atvità, una passività,un impegno irrevocabile, un operazione prevista altamente probabile o un invesdmento nero in una gesdone estera che espone l impresa al rischio di variazione nel fair value o nei flussi finanziari 32

33 Rilevazione contabile Hedge accouncng RequisiD formali: Designazione della relazione di copertura Predisposizione della reladva documentazione di deraglio, c.d. Hedging card) RequisiD sostanziali Dimostrazione quandtadva dell efficacia: All atvazione della relazione di copertura Ad ogni data di repordng sia in termini retrospetvi che prospetci 33

34 Rilevazione contabile Una copertura è considerata efficace quando all inizio della relazione di copertura ed in periodi successivi, la compensazione delle variazioni di fair value o di flussi finanziari arribuibili al rischio coperto rientri in un range dell %. 34

35 Rilevazione contabile Tipologie di copertura: Copertura di fair value (fair value hedge) Compensa le variazioni del fair value dell elemento coperto che potrebbe imparare il conto economico. Esempi di tali Dpologia di copertura sono: Copertura del rischio di tasso di atvità e passività finanziarie a tasso fisso Copertura del rischio di cambio (sia per strumend finanziari a tasso fisso che variabile) Copertura di un impegno irrevocabile Copertura del rischio prezzo di uno strumento di capitale. 35

36 Rilevazione contabile La rilevazione contabile prevede l imputazione a conto economico delle variazioni di fair value: Dell elemento coperto (limitatamente al farore di rischio specificatamente coperto Dello strumento derivato di copertura L inefficacia della copertura, sempre nei limid del range di accerabilità (80 125%), è rappresentata dalla differenza tra le suddere variazioni di fair value rilevate a conto economico 36

37 Rilevazione contabile Copertura di un flusso finanziario (cash flow hedge): Neutralizza o midga la variabilità dei flussi finanziari ARribuibile ad un pardcolare rischio associato ad una atvità o passività rilevata in bilancio o a una probabile transazione futura ImpaRa il conto economico. Esempi di tali Dpologie di copertura: Rischio tasso di atvità/passività a tasso variabile Rischio cambio (sia per strumend finanziari a tasso fisso che variabile) Copertura di transazioni future arese altamente probabili. 37

38 Rilevazione contabile Gli udli o perdite potenziali di un derivato a copertura sono differid e contabilizzad in una riserva valutadva di patrimonio nero nella misura in cui la relazione è efficace; Tali ammontari non realizzad saranno poi imputad a conto economico per neutralizzare o midgare i flussi economici generad dall elemento coperto. La quota parte di udli o perdite potenziali riconducibili ad un inefficacia della copertura viene imputata immediatamente a conto economico. 38

39 Rilevazione contabile Copertura di un invesdmento nelo in una gesdone estera (hedge of a net investment in a foreign operacon): Contabilizzazione analoga a quelle previste per la copertura di cash flow. Il regime di hedge accouncng dovrà essere interroro qualora la copertura diviene inefficace (disconcnuing) 39

40 ObieTvi di revisione Esistenza e manifestazione (competenza) Completezza CorreRa valutazione Accuratezza Accertamento della correra esposizione in bilancio. 40

41 Valutazione del rischio Applicazione rigorosa delle procedure di valutazione del rischio. AspeT generali: FaRori economici generali FaRori economici del serore di appartenenza Esperienza e la competenza della direzione Allineamento alle polidche di gesdone del rischio approvate dal cda con la prassi operadva Finalità di udlizzo dei derivad (hedging o trading) RispeRo dei principi fondamentali del controllo interno (ruoli, controlli, segregazione funzioni, etc.) 41

42 Valutazione del rischio AspeT specifici: Complessità e numerosità delle operazioni in derivad Presenza di derivad negoziad over the counter Il management deve adorare dei modelli di valutazione per quandficare il fair value dello strumento Rischio che il fair value non sia determinato correramente Rischio che il modello valutadvo adorato possa determinare imprecisioni nella sdma ed estrema soggetvità Complessità della rilevazione contabile delle operazioni, specie per le operazioni di copertura 42

43 Valutazione del rischio Sistemi contabili adorad (grado di automazione e adeguatezza al Dpo di operadvità posta in essere) Esistenza di un sistema di incendvazioni Esperienza e competenza del personale addero al regolamento e alla rilevazione Esistenza di derivad incorporad Esborsi significadvi Esecuzione di operazioni complesse o anomale poste in essere in prossimità della chiusura del bilancio 43

44 Procedure di validità ObieTvo di esistenza e di manifestazione ORenere conferma dalla controparte del derivato in essere a da quelle con le quali durante l esercizio si sono efferuate operazioni Le lerere di conferma devono essere inviate con riferimento alla data della chiusura dell esercizio e devono riguardare ture le posizioni in essere. Le richieste devono essere firmate da chi all interno della società ha i poteri di firma; Le richieste sono generalmente inviate in forma aperta 44

45 Procedure di validità Esaminare alcuni contrat derivad: corrispondenza tra i dad riportad in contabilità con la documentazione sorostante incrociare quesd dad con le risposte fornite dalle contropard circolarizzate Verificare la documentazione di supporto per incassi e pagamend efferuad dopo la data di chiusura verificare che le rilevazioni contabili siano coerend con i movimend finanziari efferuad e rispetno il criterio di competenza. 45

46 Procedure di validità ObieTvo di completezza Invio di lerere di conferma anche a contropard che non hanno contrat rilevad per escluderne l eventuale esistenza Controllare le riconciliazioni efferuate dalla contabilità Rivedere gli estrat conto degli intermediari inviad alla società nel periodo successivo Esaminare i nuovi contrat sdpulad per valutare l esistenza di derivad implicid Esame dei verbali delle riunioni del CdA 46

47 Procedure di validità ObieTvo di correra valutazione e misurazione Esaminare la documentazione reladva al prezzo di acquisto del contraro Verificare il merito credidzio delle contropard in derivad (se contropard diverse da banche) Verificare se le valutazioni orenute da esterni indipendend sono affidabili Richiedere alla società tura la documentazione a supporto (modello o tecnica di valutazione, parametri adorad, assunzioni e ipotesi di base e la sdma dei flussi finanziari) 47

48 Procedure di validità ORenere evidenza dell arendibilità del fair value anche tramite analisi delle tecniche di valutazione adorate dalla società QuotaD quotazione di mercato Non quotad quotazioni proveniend da un mercato atvo o fornite da altri intermediari affidabili Over the counter Analisi del modello di valutazione adorato e le reladve assunzioni ed ipotesi. Coerenza con le tecniche di valutazione comunemente udlizzate nella prassi. Esame degli algoritmi di calcolo Verifica della coerenza della valutazione con i principi contabili adorad. 48

49 Procedure di validità ObieTvo di accertamento della correra esposizione in bilancio Verificare la correrezza dell informadva in bilancio Accertare correra esposizione in bilancio ConDnuità di applicazione dei principi contabili Rilevazione al fair value ed i reladvi impat siano registrad coerentemente con la Dpologia di classificazione dello strumento ossia di negoziazione o di copertura (fair value o cash flow hedge). Esame dei verbali delle riunioni del CdA, nonché di quelle di altri organi decisionali aziendali 49

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI : STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La contabilizzazione dei derivati di negoziazione (speculativi) e di copertura. Esempi e scritture contabili relative all «interest rate swap» (Irs). di Alessio Iannucci

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

Gli strumenti derivati di copertura

Gli strumenti derivati di copertura Gli strumenti derivati di copertura 1 Gli strumenti finanziari derivati La normativa È contenuta nell articolo 2426 c.2 del codice civile come modificato dal D.Lgs. 139/2015 2 Classi di strumenti finanziari

Dettagli

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2004-2005 prof.ssa Sabrina

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato al 31 dicembre 2014

Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato al 31 dicembre 2014 23 Strumenti finanziari derivati / non correnti Gerarchia fair value coperto Derivati su tassi - Interest rate Swap 2 Finanziamenti 1.000 mln 103.096 1.001,2 mln 37.560 - Interest rate Swap 2 Finanziamenti

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno

LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE Guido Modugno Programma dell intervento 1. Il quadro generale : le fonti 2. Il trattamento contabile secondo i principi internazionali: a. Un

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Francesca Querci Università di Genova Strumenti derivati e copertura dei rischi finanziari d impresa nel nuovo contesto di

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

Gli strumenti derivati di copertura

Gli strumenti derivati di copertura ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI GENOVA Convegno Gli strumenti derivati di copertura Genova, 13 maggio 2010 Auditorium Confindustria Dott. Marcello Pollio ODCEC Genova Studio

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R. APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.S F.R.A IL FORWARD RATE AGREEMENT E IL CONTRATTO TRAMITE IL QUALE LE PARTI

Dettagli

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi.

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi I contratti derivati nelle gestioni assicurative 1 I derivati e le assicurazioni L assunzione di posizioni

Dettagli

IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari. Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi

IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari. Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi L introduzione degli International Financial Reporting Standards

Dettagli

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting Università degli Studi di Palermo Corso di Economia degli Intermediari finanziari Prof. Francesco Faraci IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting Raffaele Mazzeo 9 dicembre 2003 IAS 39:

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa Struttura Cilindrica

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa struttura

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

affermazioni di bilancio Titoli ... analisi fattori di rischio criticità di bilancio

affermazioni di bilancio Titoli ... analisi fattori di rischio criticità di bilancio Titoli affermazioni di bilancio analisi fattori di rischio... criticità di bilancio Titoli procedure di revisione natura estensione tempistica criticità di bilancio... TITOLI principali aree di bilancio

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

CONVEGNO BNL / ODCEC TORINO. Problematiche inerenti l utilizzo di prodotti a copertura dei rischi

CONVEGNO BNL / ODCEC TORINO. Problematiche inerenti l utilizzo di prodotti a copertura dei rischi Torino, 22 novembre 2013 CONVEGNO BNL / ODCEC TORINO Problematiche inerenti l utilizzo di prodotti a copertura dei rischi INTEREST RATE SWAP Gli strumenti finanziari che vengono utilizzati a copertura

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

Strumenti finanziari derivati. A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it. Sommario

Strumenti finanziari derivati. A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it. Sommario Strumenti finanziari derivati A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it Sommario 1 Quadro generale... 2 2 Definizione e tipologie... 2 3 Rappresentazione in bilancio

Dettagli

www.pwc.com Temi speciali di bilancio: Strumenti Finanziari Università degli Studi di Parma Facoltà di Economia 29 ottobre 2012

www.pwc.com Temi speciali di bilancio: Strumenti Finanziari Università degli Studi di Parma Facoltà di Economia 29 ottobre 2012 www.pwc.com Temi speciali di bilancio: Strumenti Finanziari Università degli Studi di Parma Facoltà di Economia 29 Agenda 1) Introduzione agli strumenti finanziari 2) Principali strumenti derivati 3) Normativa

Dettagli

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Delibera Cda del 27/10/2011 Ultima revisione Cda del 27/02/2014 Ultima revisione Cda dell 11/06/2015 1. LA NORMATIVA MiFID

Dettagli

Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Pinzolo

Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Pinzolo Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Pinzolo 13 novembre 2014 PREMESSA Il presente documento definisce ed illustra

Dettagli

BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Edizione novembre 2011 Aggiornamento marzo 2012 Aggiornamento luglio

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 56/E QUESITO RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 22 giugno 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 - Articolo 6, comma 9, del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE 1 Delibera istitutiva - C.d.A. del 24.08.2011 1 aggiornamento delibera CdA del 27.06.2013 (mandato a Direttore Generale

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU DIVISE OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa

Dettagli

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Gli strumenti derivati Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 I FRA (Forward Rate Agreement) Sono contratti con i quali due parti si mettono d accordo sul tasso di interesse da applicare ad un certo

Dettagli

Metodologia di pricing e Regole interne per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC

Metodologia di pricing e Regole interne per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC Metodologia di pricing e Regole interne per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC (assunte in attesa delle definitive Linee Guida Interassociative per l applicazione delle

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

23/11/2010. Interpretazione della sostanza economica dell operazione. Interpretazione della forma giuridica dell operazione

23/11/2010. Interpretazione della sostanza economica dell operazione. Interpretazione della forma giuridica dell operazione Il leasing è un contratto attraverso il quale il locatore trasferisce al locatario, in cambio di un pagamento o di una seria di pagamenti, il diritto all utilizzo di un bene per un periodo di tempo stabilito

Dettagli

Disponibilità Liquide e Debi1 verso Banche

Disponibilità Liquide e Debi1 verso Banche Disponibilità Liquide e Debi1 verso Banche Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10 11 Generalità Disposizioni del codice civile art. 2424 Disponibilità

Dettagli

RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE

RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10 11 Struttura del controllo sui rischi Valore delle rimanenze determinato

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

BANCA CREMASCA. Credito Cooperativo Soc. Coop.

BANCA CREMASCA. Credito Cooperativo Soc. Coop. BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Soc. Coop. POLICY DI PRICING E REGOLE INTERNE PER LA NEGOZIAZIONE/EMISSIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DELLA BANCA (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli

I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap

I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap di Giovanni Cugnasca - dottore commercialista e revisore legale e Alessio Ferrandina - dottore commercialista Gli strumenti finanziari

Dettagli

Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione

Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione Verona, 14/03/2006 Dr. Marco Rubini 1 Indice dell intervento Rischi finanziari a cui è sottoposta l azienda e modalità di copertura; Criteri

Dettagli

Metodologia di valutazione e di pricing e Regole Interne per l emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento

Metodologia di valutazione e di pricing e Regole Interne per l emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento Metodologia di valutazione e di pricing e Regole Interne per l emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento 2014 PREMESSA Il presente documento definisce ed illustra

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e vendite Novembre 2013 Indice 1. Crediti e vendite 2. Obiettivi di revisione 3. Pianificazione della revisione 4. La valutazione del sistema di controllo interno

Dettagli

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano La gestione e la ristrutturazione del debito 1 Evoluzione nella gestione del debito: Dalla semplice amministrazione del rimborso del debito, stabilendo piano ammortamento, quote capitale, interessi passivi,

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI Delibera del Consiglio di Amministrazione del 20/12/2010 integrata con delibera del 18/11/2011 Redatto da: Direzione Operativa

Dettagli

BCC di Scafati e Cetara Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione

BCC di Scafati e Cetara Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione BCC di Scafati e Cetara Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Approvata con delibera del C.d.A. n. 2974 del 31/05/2011 Formalizzata con O.d.S. n. 8 dell 1/06/2011

Dettagli

THE POWER OF BEING UNDERSTOOD AUDIT TAX CONSULTING

THE POWER OF BEING UNDERSTOOD AUDIT TAX CONSULTING THE POWER OF BEING UNDERSTOOD AUDIT TAX CONSULTING LE NUOVE REGOLE CIVILISTICHE PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO Strumenti finanziari derivati Aspetti generali ART. 2426: IFRS COME

Dettagli

Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari

Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari Versione settembre 2012 La Comunicazione Consob 9019104 del 2 marzo 2009 ha imposto la necessità per le banche di definire un approccio che consenta di individuare

Dettagli

I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici

I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici Studio Gallone I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici Scaletta Argomenti Gli strumenti finanziari derivati: definizioni Pagina 3 Diffusione

Dettagli

BCC BARLASSINA. Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da

BCC BARLASSINA. Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da BCC BARLASSINA (ai sensi delle Linee-Guida interassociative ABI-Assosim-Federcasse per l applicazione delle misure di attuazione della Direttiva

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6 focus modulo 3 lezione 45 Il mercato dei capitali e la Borsa valori Gli strumenti derivati: caratteristiche generali Alcune tipologie di strumenti derivati 1. Il future su Ftse Mib A seconda dello strumento

Dettagli

Definizione strumenti finanziari

Definizione strumenti finanziari I criteri di valutazione secondo gli IAS 39 Definizione strumenti finanziari Lo IAS 39 definisce lo strumento finanziario come un qualsiasi contratto che dà origine ad una attività finanziaria per un impresa

Dettagli

Politica di pricing e regole interne per l emissione / negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Banca Interprovinciale S.p.A.

Politica di pricing e regole interne per l emissione / negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Banca Interprovinciale S.p.A. Politica di pricing e regole interne per l emissione / negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Banca Interprovinciale S.p.A. 1 DESTINATARI. Consiglio di Amministrazione Collegio Sindacale

Dettagli

Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c.

Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c. Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c. (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative per l applicazione delle

Dettagli

Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari Pagina 1

Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari Pagina 1 Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione / emissione dei prestiti obbligazionari della Banca di Credito Cooperativo di Borghetto Lodigiano s.c. (Adottate ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli

Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento

Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento Data 16 febbraio 2011 Delibera Consiglio d Amministrazione del marzo

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione

Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Tipo: Regolamento Redazione: Ufficio Organizzazione Approvazione: CdA Data rilascio: 27/04/2015 Revisione Data 1 2 3 27/04/2015

Dettagli

Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit

Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit Roberto Monachino Managing Director UBM- Area Amministrazione e Bilancio Milano, 8 aprile 2005 Il presente documento integra un illustrazione orale

Dettagli

FLOOR - INTEREST RATE FLOOR. Opzione su tassi d interesse

FLOOR - INTEREST RATE FLOOR. Opzione su tassi d interesse Scheda Prodotto FLOOR IMPORTANTE: Le caratteristiche del prodotto sotto riportato hanno pura finalità informativa e non riportano né approfondiscono tutti gli elementi di rischiosità connessi al prodotto

Dettagli

Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Banca Etica S.c.p.a.

Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Banca Etica S.c.p.a. Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Banca Etica S.c.p.a. Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Il materiale didattico di seguito riportato, disponibile online, sostituisce il paragrafo 23.5.2

Il materiale didattico di seguito riportato, disponibile online, sostituisce il paragrafo 23.5.2 Il materiale didattico di seguito riportato, disponibile online, sostituisce il paragrafo 23.5.2 Vaalore della call/azione al 15 marzo 2014 Ipotizziamo di aver acquistato 1 azione FIAT al prezzo di 5,5.

Dettagli

Gestione del rischio tasso

Gestione del rischio tasso CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Gestione del rischio tasso Dott. Corso Pecori Giraldi 25 ottobre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Rischio tasso nei clienti dei PB

Dettagli

L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE

L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE SI E' MOLTO PARLATO NEGLI ULTIMI ANNI DI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI SONO STATI UTILIZZATI DA AZIENDE ANCHE DI PICCOLE DIMENSIONI

Dettagli

I derivati Contabilità, bilancio e fisco

I derivati Contabilità, bilancio e fisco I derivati Contabilità, bilancio e fisco Milano,20/10/2005 Dr. Marco Rubini 1 Indice dell intervento Contabilizzazione di alcuni derivati di copertura e di quelli speculativi; Novità della nota integrativa

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 114 2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 2.2.7.1 Gerarchia del fair value 2. Bilancio consolidato Le tabelle di seguito forniscono una ripartizione delle attività e passività per

Dettagli

Gestione dei rischi PROGRAMMA. 1) Nozioni di base di finanza aziendale. 2) Opzioni. 3) Valutazione delle aziende. 4) Rischio di credito

Gestione dei rischi PROGRAMMA. 1) Nozioni di base di finanza aziendale. 2) Opzioni. 3) Valutazione delle aziende. 4) Rischio di credito PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale 2) Opzioni 3) Valutazione delle aziende 4) Rischio di credito Gestione dei rischi 5) Risk management 6) Temi speciali di finanza aziendale Argomenti trattati

Dettagli

RISOLUZIONE N. 58/E. OGGETTO: Operazioni di asset swap su Obbligazioni Generali 6,5% 2010. Interpello art. 11 legge 27-7-2000, n. 212 XY S.p.A.

RISOLUZIONE N. 58/E. OGGETTO: Operazioni di asset swap su Obbligazioni Generali 6,5% 2010. Interpello art. 11 legge 27-7-2000, n. 212 XY S.p.A. RISOLUZIONE N. 58/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 marzo 2003 OGGETTO: Operazioni di asset swap su Obbligazioni Generali 6,5% 2010. Interpello art. 11 legge 27-7-2000, n. 212 XY S.p.A.

Dettagli

Politica di pricing e Regole interne per l emissione /negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla

Politica di pricing e Regole interne per l emissione /negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Politica di pricing e Regole interne per l emissione /negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA S.c. Deliberata dal C.d.A. del 9 settembre

Dettagli

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP)

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Versione 2 Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Banca di Credito Cooperativo dei Comuni Cilentani Approvate con delibera del C.d.A. del 21 aprile

Dettagli

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLE POLIZZE CON PRESTAZIONI DIRETTAMENTE COLLEGATE AD UN INDICE AZIONARIO O ALTRO VALORE DI RIFERIMENTO DI CUI ALL ARTICOLO 41,

Dettagli

Politica per la Negoziazione di prodotti finanziari emessi dalla Cassa Rurale BCC di Treviglio S.C.

Politica per la Negoziazione di prodotti finanziari emessi dalla Cassa Rurale BCC di Treviglio S.C. _ Politica per la Negoziazione di prodotti finanziari emessi dalla Cassa Rurale BCC di Treviglio S.C. (Adottata ai sensi delle "Linee guida interassociative per l applicazione delle misure Consob di livello

Dettagli

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Prof. Manuela Geranio, Università Bocconi Prof. Giovanna Zanotti, Università Bocconi Assolombarda, 1 Aprile 2008, Milano Agenda I. Obiettivi

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli IL BILANCIO D ESERCIZIO 2006 LE INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI (art. 2427-bis e art. 2428, co. 2, n. 6-bis) Documento n. 5 del 21 marzo 2007 CIRCOLARE Via G. Paisiello,

Dettagli

Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche

Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche Dott. Gabriele Sabato Luglio 2003 Abstract Lo sviluppo dei prodotti derivati ha interessato anche quelli su valute che permettono

Dettagli

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 maggio 2012.

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 maggio 2012. Pioneer Fondi Italia Regolamento Unico di Gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Valido a decorrere dal 2 maggio 2012. . A)

Dettagli

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 Luglio 2012.

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 Luglio 2012. Pioneer Fondi Italia Regolamento Unico di Gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Valido a decorrere dal 2 Luglio 2012. . A)

Dettagli

Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014. Francesca Mattassoglio

Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014. Francesca Mattassoglio Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014 Francesca Mattassoglio La crisi economico finanziaria La crisi bancaria del 2007 - il contesto socio economico in cui matura; - la scintilla mutui americani

Dettagli

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca del Valdarno Credito Cooperativo

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca del Valdarno Credito Cooperativo Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca del Valdarno Credito Cooperativo ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo Settembre 2013 1 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

Case Study. IAS 39 con Fairmat

Case Study. IAS 39 con Fairmat Case Study IAS 39 con Fairmat Revisione #3 Questo tutorial illustra come possono essere implementati in Fairmat i requisiti di hedge accounting ai sensi dello IAS 39. 1 Introduzione Il principio contabile

Dettagli

E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI

E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI Strumenti finanziari La seguente tabella riporta il confronto del valore contabile e del fair value per tutti gli strumenti finanziari del Gruppo.

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

STRATEGIA SULL ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA SULL ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA SULL ESECUZIONE DEGLI ORDINI Strategia sull esecuzione degli ordini La MiFID (Markets in Financial Instruments Directive) è la Direttiva Europea entrata in vigore dal 1 Novembre 2007, che ha

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE DELL IMPRESA E OPERAZIONI DI FINANZA STRAORDINARIA IL PROBLEMA DELLA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DEI CONTRATTI DERIVATI

RISTRUTTURAZIONE DELL IMPRESA E OPERAZIONI DI FINANZA STRAORDINARIA IL PROBLEMA DELLA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DEI CONTRATTI DERIVATI RISTRUTTURAZIONE DELL IMPRESA E OPERAZIONI DI FINANZA STRAORDINARIA IL PROBLEMA DELLA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DEI CONTRATTI DERIVATI Marco Carbone Tavola rotonda TopLegal 23/ 09/ 2010 ARGOMENTI TRATTATI

Dettagli

Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione

Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Delibera del Consiglio di Amministrazione del 12 luglio 2011 1 Indice PREMESSA... 3 1. Politica di valutazione e pricing...

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 2 agosto 2011 Data di entrata in vigore: 8 agosto 2011 Aggiornamento del

Dettagli

Politica per la Negoziazione dei prodotti finanziari emessi dalla Banca della Bergamasca Credito Cooperativo S.c.

Politica per la Negoziazione dei prodotti finanziari emessi dalla Banca della Bergamasca Credito Cooperativo S.c. Politica per la Negoziazione dei prodotti finanziari emessi dalla Banca della Bergamasca Credito Cooperativo S.c. (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative per l applicazione delle misure Consob

Dettagli

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Signa S.c. **********

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Signa S.c. ********** Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Signa S.c. ********** CDA del 13/11/2013 1 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. METODOLOGIA DI PRICING...

Dettagli

Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca

Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca Banca di Credito Cooperativo Dell Alta Brianza Alzate Brianza Società Cooperativa Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca (Adottata ai

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A. PER DUE CERTIFICATE e PER DUE CERTIFICATES DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA

BANCA ALETTI & C. S.p.A. PER DUE CERTIFICATE e PER DUE CERTIFICATES DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o di quotazione di investment certificates denominati PER DUE CERTIFICATE e PER DUE

Dettagli