NUOVAVISTA INFORMATA ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUOVAVISTA INFORMATA ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE"

Transcript

1 FARMIGEA S.p.A. Via G.B. Oliva n.6/ Ospedaletto (PI) Segreteria Organizzativa: 02/ NUOVAVISTA INFORMATA ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE

2 Introduzione L occhio secco è una patologia troppo spesso sottovalutata sia dagli addetti ai lavori che dai pazienti. In realtà è un problema molto diffuso, che può avere svariate cause e - se non trattato adeguatamente - può avere conseguenze importanti a livello corneale come infezioni, congiuntiviti od ulcere. Questo manuale ha come obiettivo quello di essere uno strumento di conoscenza e di sensibilizzazione su un problema poco conosciuto. Solo il medico oculista ha gli strumenti e le conoscenze per poter effettuare una diagnosi corretta e prescrivere un eventuale adeguata terapia. Alcuni fattori possono alterare il film lacrimale a livello qualitativo e quantitativo: > Cure farmacologiche come: antidepressivi, ansiolitici e ormoni. > Uso di lenti a contatto (LAC). L uso di lenti a contatto può ridurre l ossigenazione della cornea, inducendo irritazioni croniche con alterazioni del film lacrimale. È importante sapere se il materiale di cui sono fatte le LAC è ad alta permeabilità all ossigeno. > Uso del personal computer. La concentrazione che si compie durante le attività al PC fa diminuire il numero di ammiccamenti e quindi anche la distribuzione del film lacrimale sulla cornea. > Anche il frequentare ambienti fumosi, secchi, con aria condizionata malsana (con filtri sporchi o canalizzazioni mal tenute) può in qualche modo favorire la secchezza dell occhio. In presenza di tale patologia si evince dunque che non solo una corretta terapia è fondamentale, ma anche un corretto comportamento del paziente diventa rilevante. 1

3 Lacrime Il liquido lacrimale è un complesso di elementi con una architettura ben definita che per certi versi ricorda più il sangue che non l acqua. La lacrima ha una funzione molto importante: mantenere bagnata e nutrire la superficie dell occhio. Le sostanze in essa contenute aiutano l occhio a difendersi da infezioni e irritazioni. Il film lacrimale è composto da lipidi, acqua e muco con sostanze antibiotiche come il lisozima, sali minerali e albumine che conferiscono un PH neutro ed una osmolarità fisiologica al liquido lacrimale. Il movimento di ammiccamento delle palpebre distribuisce il liquido lacrimale sulla superficie oculare creando un film ben organizzato con uno strato oleoso esterno, uno strato acquoso intermedio ed uno mucoso interno. Parti anatomico funzionali del sistema lacrimale Il sistema lacrimale è costituito da: ghiandola lacrimale, congiuntiva con cellule mucipare, cornea, puntini lacrimali, canalini lacrimali, sacco lacrimale, meato nasale di uscita del sacco lacrimale munito di valvola. Il bulbo oculare e la parte interna delle palpebre sono rivestiti da mucosa. Le mucose sono dei tessuti di rivestimento la cui principale caratteristica è di poter sopravvivere solo in ambiente bagnato. La mucosa oculare è nota come congiuntiva. Le mucose presentano numerose cellule deputate alla produzione di mucine e sostanze ricche di acqua adatte a mantenere un ambiente idoneo per la sopravvivenza della mucosa stessa. Le mucose sono molto diffuse nel nostro organismo: basti pensare alle mucose intestinali, agli organi genitali e alla bocca. Per fornire liquidi in continuazione alle mucose esistono anche delle ghiandole apposite, nei vari distretti, che provvedono alla produzione di questi liquidi. ghiandola lacrimale cellula mucipare ghiandola lacrimale principale canalino lacrimale superiore dotto comune muco acqua sacco lacrimale dotto naso-lacrimale lipidi film lacrimale ghiandola meibomio pori lacrimali (superiore ed inferiore) canalino lacrimale inferiore 2 3

4 Condizioni che favoriscono la secchezza oculare Per gli occhi provvedono le ghiandole lacrimali e ad esempio per la bocca le ghiandole salivari. Concorrono alla produzione delle lacrime sia una ghiandola lacrimale principale situata sopra il bulbo oculare nella palpebra superiore al lato esterno, che una più piccola detta accessoria che a volte risulta visibile alzando la palpebra. L angolo esterno superiore del bulbo oculare viene bagnato per primo e l eccedenza di liquido migra per gravità verso l angolo nasale e qui trova i puntini lacrimali che raccolgono il liquido con un effetto pompa e lo drenano nei canalini, nel sacco e nelle logge nasali posteriori fino a farlo defluire in gola e poi nell esofago. La parte acquosa della lacrima viene prodotta dalla ghiandola lacrimale; la componente mucosa viene prodotta dalle ghiandole mucipare o ghiandole caliciformi distribuite nella congiuntiva. Sul margine palpebrale superiore ed inferiore sboccano delle ghiandole tubulari (ghiandole del Meibomio) che producono la componente lipidica (oleosa) del film lacrimale. La funzionalità del film lacrimale, anche in presenza di una secrezione normale, dipende dall ammiccamento cioè dall apertura e chiusura periodica delle palpebre che avviene volte al minuto. L ammiccamento è il meccanismo essenziale per garantire una adeguata distribuzione delle lacrime su tutta la superficie oculare e quindi formare un film lacrimale stabile che rende la cornea lucida e specchiante. Il controllo dell ammiccamento è svolto dalla branca motoria del nervo facciale, mediato da complessi riflessi locali dipendenti dalla sensibilità corneale, collegata al trigemino. La sensibilità al contatto dell intera superficie oculare è differente: la cornea è più sensibile, seguita dal margine palpebrale e dalla congiuntiva. Se la cornea diventa poco sensibile si avrà una riduzione dell ammiccamento con una secchezza secondaria da evaporazione del film lacrimale non rinnovato dal passaggio della palpebra. In caso di lesioni del trigemino la sensibilità corneale risulta ridotta. La sensibilità corneale si misura con uno strumento apposito detto estesiometro a filo. L estesiometro è costituito da una custodia rigida tipo stilografica da cui viene fatto uscire un filo flessibile precalibrato, appoggiandolo sulla cornea questo esercita una pressione sulla cornea tanto da piegarsi a secondo della lunghezza del filo stesso fino a che non viene rilevata dal paziente una sensazione di sfioramento, che è definita soglia di sensibilità. Il filo è regolabile in lunghezza secondo una scala di riferimento, più il filo è corto e maggiore è la pressione esercitata, possiamo graduare la sensibilità ghiandole del meibomio canalini per drenare le lacrime > Il film lacrimale corneale riflette perfettamente la lampada che illumina l occhio. 4 5

5 della cornea in base alla lunghezza del filo. La produzione di lacrime e il movimento delle palpebre sono comandati dal nervo facciale pertanto un danno al facciale può portare a secchezza oculare per due ragioni: ridotta produzione e scarso ammiccamento. L iposensibilità corneale temporanea è frequente dopo interventi laser per la riduzione dei difetti visivi. Per questo motivo è molto importante tenere umidificato l occhio nei mesi successivi all intervento. La chirurgia palpebrale estetica, se eccessiva, può determinare una incompleta chiusura delle palpebre o una ridotta funzionalità dell ammiccamento determinando eccessiva evaporazione delle lacrime e conseguente secchezza. questo motivo si preferiscono i colliri monodose senza conservanti. Le ghiandole lacrimali situate a fianco del bulbo oculare sull esterno sono più facilmente vittima degli sbilanciamenti ormonali femminili e delle degenerazioni legate all età, comunque più frequenti nelle donne. Una malattia che colpisce tutte le ghiandole esocrine provocandone la fibrosi e quindi la perdita delle loro funzioni è la Sindrome di Sjögren, in questo caso si hanno sintomatologie multiple come secchezza oculare associata a secchezza della bocca e scarsa sudorazione. Questionario per autodiagnosi Cause dell occhio secco Le ghiandole deputate alla produzione dei componenti base delle lacrime possono degenerare per svariate cause e non umettare a sufficienza le mucose. Le cause principali sono divisibili in ormonali, ambientali, associate a malattie reumatiche, collagenopatie e più raramente associate a traumi diretti delle ghiandole stesse o a trattamenti radianti per tumori. Le piccole ghiandole dette cellule caliciformi, che producono mucina direttamente dalla superficie della congiuntiva sono danneggiate prevalentemente dagli inquinanti e dai prodotti chimici usati solitamente come conservanti nelle lenti a contatto e nei colliri: per Avvertite: sensazione di sabbia o di corpi estranei? bruciori improvvisi seguiti da lacrimazione? senso di fatica/peso oculare? fotofobia? (fastidio alla luce) visione torbida/appannata? dolore puntorio? desiderio di stare ad occhi chiusi? 6 7

6 Test ed esami per la valutazione della lacrimazione L esame più importante avviene al biomicroscopio o lampada a fessura e permette di esaminare a forte ingrandimento la superficie oculare rilevando l eventuale tendenza alla formazione di aree secche sulla cornea. Nell 80% dei casi la secchezza è dovuta a ridotta produzione della componente acquosa, mentre in altri casi vi è un eccessiva evaporazione da sbilanciamento della componente lipidica e mucosa. Durante l esame con l aggiunta indolore di coloranti appositi come la fluoresceina è possibile stabilire se alcune aree della cornea o della congiuntiva sono già sofferenti poiché il colorante aderisce sulle aree sofferenti rendendole fluorescenti. Esame in lampada a fessura ad alto ingrandimento della superficie oculare > Test oggettivi della lacrimazione Tempo di rottura del film lacrimale Il tempo di rottura del film lacrimale viene considerato un indicatore della stabilità del film lacrimale stesso che può alterarsi per svariati motivi. Il test consiste nell osservazione della superficie del film alla lampada a fessura utilizzando il filtro blu cobalto dopo aver instillato una goccia di fluoresceina. Durante il test bisogna mantenere gli occhi aperti senza ammiccare guardando dritto davanti a sé. Si misura il tempo che intercorre tra l ultimo ammiccamento e la formazione di piccole aree asciutte (che appariranno più scure) sulla superficie corneale. Valori normali: tempo di rottura maggiore di 15 secondi. Test di Schirmer Il test più utilizzato si chiama test di Schirmer del quale esistono alcune varianti che prendono il nome da altri autori e che si basano comunque su di un principio comune che è l impregnazione per capillarità di piccole strisce di carta assorbente inserite tra la palpebra inferiore ed il bulbo oculare. In base a dei criteri di normalità prestabiliti si può misurare il tratto di cartina che risulti impregnato dalla lacrima in un tempo prestabilito che di solito va da 3 a 5 minuti, per determinare se la quantità di lacrima è scarsa o normale. Oggi si è d accordo nel definire iposecrezione lacrimale una impregnazione inferiore a 5 mm in 5 e comunque già clinicamente rilevante a 6-10 mm in 5. Questo test è semplice, ma soggetto ad errori legati alla leggera irritazione dovuta alla cartina che può far risultare un test normale anche se non lo è, poiché viene stimolata una lacrimazione reattiva che maschera la scarsa lacrimazione basale. Si chiama lacrimazione basale quella produzione continua di lacrime che sebbene non avvertita dalla persona tiene costantemente umida la superficie oculare, si definisce lacrimazione riflessa quella lacrima scatenata dalle emozioni o da agenti lacrimogeni come le cipolle. Solo in rari casi di completa atrofia delle ghiandole è rilevabile assenza di lacrimazione riflessa. > Test di Schirmer 8 9

7 Quando il test della lacrimazione risulta normale, ma sono comunque rilevabili segni e sintomi da occhio secco, si effettua il medesimo test dopo aver instillato una goccia di collirio anestetico. In tal modo si evita una lacrimazione basale riflessa dovuta allo stimolo meccanico della cartina che deve assorbire la lacrima. Test della felcizzazione Il test si basa su una caratteristica comune a tutte le secrezioni mucose, che è la loro capacità di cristallizzare in forma di felci, quando essiccate, a causa dell evaporazione. La componente mucinica riveste le molecole di sale condizionando la forma delle felci; in assenza di proteine o in presenza di una quantità eccessiva di sali (es. negli occhi con iperevaporazione) nuove molecole di sale si depositano intorno al nucleo centrale delle felci, impedendone la ramificazione. Il test serve per valutare la buona efficienza del muco contenuto nelle lacrime. Sostituti lacrimali Provvedimenti terapeutici per l occhio secco La prima considerazione, più ovvia, che viene in mente è usare l acqua per bagnarsi gli occhi secchi. L acqua del rubinetto non è un liquido adatto, anche se bagnarsi gli occhi durante la doccia o nuotando è un evenienza comune che non crea disturbi particolari se non un senso di bruciore temporaneo ed un arrossamento. Nell acqua dolce mancano le sostanze che normalmente sono presenti nelle lacrime e che ne determinano il PH, l osmolarità e così via. Per certi versi è meglio l acqua di mare diluita rispetto all acqua dolce. Lacrime artificiali Per produrre dei sostituti lacrimali con proprietà analoghe alle lacrime, sono state fatte molteplici ricerche che hanno portato ad un grande miglioramento negli ultimi anni. Attualmente con la formulazione di nuovi polisaccaridi naturali siamo riusciti ad avvicinarci ad alcune delle principali caratteristiche del film lacrimale. Per integrare la parte acquosa sono state realizzate soluzioni saline complesse che tuttavia si limitavano all apporto di acqua e sali in proporzioni più naturali possibili. Per rendere i sostituti lacrimali più efficaci ed anche per poter consentire una minor frequenza di istillazioni giornaliere sono state aggiunte sostanze viscose come l acido ialuronico e l alcool polivinilico. Per imitare le mucine (caratteristica delle lacrime) e far si che vi sia maggior protezione dell epitelio corneale sono stati formulati polisaccaridi con struttura ramificata simile a quella mucinica. Questi polisaccaridi (tipo di lacrima artificiale) hanno il vantaggio di ricomporre un film lacrimale fisiologico. Il Tamarind Seed Polysaccharide è un polisaccaride ricavato dal seme del tamarindo che presenta queste proprietà. Il sostituto lacrimale non deve essere usato saltuariamente in caso di una diagnosi di secchezza oculare evidente poiché la mucosa oculare deve essere costantemente umida mentre l azione drenante > Le lacrime artificiaci vengono instillate come collirio numerose volte nell arco della giornata

8 dei canali lacrimali elimina rapidamente la goccia instillata. In caso di canalini lacrimali tappati si consiglia un numero minimo di 3 instillazioni giornaliere mentre nei casi con canalini aperti il numero può superare le 10 instillazioni giornaliere. Gli accorgimenti terapeutici per ridurre il deflusso lacrimale dall occhio al naso sono in uso da molto tempo e, a seconda delle epoche, sono state utilizzate le tecniche più disparate per bloccare il deflusso delle lacrime. Le tecniche chirurgiche si sono avvalse di suture e causticazioni dei canalini al fine di occluderli in modo permanente. Le tecniche più recenti sono invece orientate ad una conservazione delle strutture anatomiche. Gli interventi più cruenti risultanti in danni permanenti sono stati pertanto abbandonati. Attualmente si riduce il deflusso lacrimale usando svariati tipi di tappini per canalini lacrimali. Riduzione del drenaggio delle lacrime nel naso La differenza saliente è che i tappini, in quanto tali, possono essere rimossi. Per provare a vedere se la chiusura di un canale lacrimale risulta vantaggiosa o determina fastidiosi rigurgiti di liquido lacrimale, esistono dei tappini solubili che durano da poche ore ad alcune settimane. Solitamente si inizia a tappare uno dei canalini visto che ce ne sono due per occhio. Per fare un esempio pratico possiamo paragonare i due canalini allo scarico e al troppo pieno del lavabo che si riempirà di acqua chiudendo lo scarico. I tappini non solubili si differenziano anche per come si collocano nei canalini: alcuni sono conici o cilindrici e restano all interno del canale, altri sono muniti di una flangia circolare o collaretto che rimane esterno come un tappo di spumante. Sono stati recentemente introdotti dei tappini in materiale acrilico termosensibile che si presentano come dei cilindretti molto lunghi e stretti che entrano agevolmente nel canale lacrimale che a contatto col calore del corpo assumono una forma prestabilita creando un grumo morbido che tappa agevolmente il canalino. tappo in silicone per via lacrimale punctum plug tappini solubili di sezione variabile 0,5 mm 0,4 mm 0,3 mm Il tappino lacrimale occlude il canale inferiore come il tappo del lavabo, i tappini solubili sono dei cilindretti da inserire nella prima parte del canalino. > tappino termosensibile 12 13

9

10

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana L OCCHIO SECCO

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana L OCCHIO SECCO IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana L OCCHIO SECCO CAMPAGNA DI INFORMAZIONE DI SANITA' PUBBLICA SULLE MALATTIE CHE CAUSANO CECITA' O IPOVISIONE NELL'AMBITO DI PROGRAMMI

Dettagli

Dry eye è il termine inglese utilizzato per indicare la Sindrome da occhio secco, ipolacrimia o cheratocongiuntivite secca.

Dry eye è il termine inglese utilizzato per indicare la Sindrome da occhio secco, ipolacrimia o cheratocongiuntivite secca. Dry eye è il termine inglese utilizzato per indicare la Sindrome da occhio secco, ipolacrimia o cheratocongiuntivite secca. È una malattia cronica della superficie oculare a origine multifattoriale caratterizzata

Dettagli

Meglio informati sull occhio secco

Meglio informati sull occhio secco Meglio informati sull occhio secco Quelli con l arcobaleno Iride Strato lipidico Strato acquoso Strato di mucina Pellicola lacrimale Cristallino Pupilla Cornea Ghiandole di Meibomio L occhio secco I suoi

Dettagli

Occhio secco: inquadramento

Occhio secco: inquadramento AZIENDA OSPEDALIERA G. SALVINI GARBAGNATE MILANESE Occhio secco: inquadramento Dott.ssa C. Gozzini 24 Marzo 2010 divisione di Sessione finale 2008 L occhio secco è una malattia multifattoriale delle lacrime

Dettagli

L occhio secco: terapie non convenzionali

L occhio secco: terapie non convenzionali L occhio secco: terapie non convenzionali Pierluigi Trabucchi Natale Di Giacomo Terapie non convenzionali Terapie alternative ai sostituti lacrimali oppure utilizzabili in associazione alla terapia sostitutiva

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA OPUSCOLO CON INFORMAZIONI ED ISTRUZIONI PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo

Dettagli

APPARATO LACRIMALE. L apparato lacrimale è costituito dal sistema di secrezione e dal sistema di drenaggio.

APPARATO LACRIMALE. L apparato lacrimale è costituito dal sistema di secrezione e dal sistema di drenaggio. APPARATO LACRIMALE DEFINIZIONE L apparato lacrimale è costituito dal sistema di secrezione e dal sistema di drenaggio. Anatomia Sistema di secrezione Circa il 95 % della componente acquosa delle lacrime

Dettagli

Informazioni sul GLAUCOMA

Informazioni sul GLAUCOMA Informazioni sul GLAUCOMA CHE COSA E IL GLAUCOMA? Il glaucoma è una malattia che colpisce il nervo ottico. Il nervo ottico è quella struttura che collega l occhio al cervello permettendoci di vedere (Vedi

Dettagli

INFORMAZIONI SUL GLAUCOMA

INFORMAZIONI SUL GLAUCOMA DIPARTIMENTO - TESTA COLLO U.O. - Clinica Oculistica Direttore: Prof. Stefano Gandolfi INFORMAZIONI SUL GLAUCOMA (A cura della Dott.ssa Sally Louise Williams, Coordinatore Studi Clinici e del Dott. Nicola

Dettagli

La sindrome dell occhio secco

La sindrome dell occhio secco Obiettivo de Il Paziente Informato è di fornire un certo numero di informazioni a carattere medico scientifico, che in ogni caso, non possono sostituire i consigli del vostro medico. Editrice Dogma S.r.l.

Dettagli

Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso

Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso www.brunolumbroso.it IL GLAUCOMA Prof. Bruno Lumbroso CHE COS'É IL GLAUCOMA? Il glaucoma é una malattia oculare causata dall'aumento

Dettagli

L Occhio Rosso. Occhio rosso presente in soggetti che ancora non hanno fatto uso di Lac (occhio rosso primitivo)

L Occhio Rosso. Occhio rosso presente in soggetti che ancora non hanno fatto uso di Lac (occhio rosso primitivo) L Occhio Rosso Dr. Umberto Benelli U.O. Oculistica Universitaria di Pisa L OCCHIO ROSSO Cio che si arrossa e di norma la congiuntiva, ma non solo!!! Occhio rosso primitivo Occhio rosso secondario ad uso

Dettagli

COS E LA MIOPIA? QUALI SONO I SINTOMI? COME CORREGGERLA?

COS E LA MIOPIA? QUALI SONO I SINTOMI? COME CORREGGERLA? COS E LA MIOPIA? QUALI SONO I SINTOMI? COME CORREGGERLA? La miopia è un'anomalia rifrattiva, a causa della quale i raggi luminosi che provengono dall infinito non si concentrano sulla retina, ma davanti

Dettagli

IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA

IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA LA MIOPIA Si parla di miopia quando la vista da lontano è ridotta. Il miope vede bene a distanza ravvicinata, mentre le immagini lontane appaiono sfuocate. La ragione

Dettagli

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate CISTITE A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è la CISTITE? La cistite è la più comune e frequente malattia delle vie urinarie e può colpire

Dettagli

L esame clinico del film lacrimale in contattologia

L esame clinico del film lacrimale in contattologia L esame clinico del film lacrimale in contattologia Alessandro Fossetti, Pietro Gheller I principali test che ogni applicatore di lenti a contatto dovrebbe conoscere. Fig. 1 CANDEES - Canadian Dry Eye

Dettagli

Stefano Miglior. Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico SMI

Stefano Miglior. Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico SMI Stefano Miglior Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico Concetti fondamentali E una malattia estremamente particolare caratterizzata da una progressione lenta ma continua verso la perdita della funzione

Dettagli

ASA X-tra. Advanced Surface Ablation. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch

ASA X-tra. Advanced Surface Ablation. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch ASA X-tra Advanced Surface Ablation Soluzioni in vista www.seri-lugano.ch Dr. Med. Roberto Pinelli Specialista FMH Oftalmologia e Oftalmochirurgia Se siamo in grado di vedere è perché i nostri occhi colgono

Dettagli

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1 AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1 Direttore dott A. Scialdone INFORMAZIONE SUL TRATTAMENTO DI CROSS- LINKING CORNEALE ( TERAPIA FOTODINAMICA CORNEALE) PER IL CHERATOCONO E PATOLOGIE ECTASICHE

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

ANATOMIA E FISIOLOGIA OCULARE

ANATOMIA E FISIOLOGIA OCULARE ANATOMIA E FISIOLOGIA OCULARE Dr. U. Benelli U.O. Oculistica Universitaria Pisa oculista@tin.it L occhio L occhio è un trasduttore che: Trasforma in segnale bioelettrico i fotoni che provengono dal mondo

Dettagli

Le Malattie rare in oftalmologia:dalla conoscenza del bisogno all innovazione

Le Malattie rare in oftalmologia:dalla conoscenza del bisogno all innovazione Le Malattie rare in oftalmologia:dalla conoscenza del bisogno all innovazione Associazione Dossetti Dr. Stefano Reggio Direttore Scientifico e Relazioni istituzionali Allergan S.p.A. Roma, 3 Come orientare

Dettagli

IL GLAUCOMA NEL CANE E NEL GATTO

IL GLAUCOMA NEL CANE E NEL GATTO IL GLAUCOMA NEL CANE E NEL GATTO Il glaucoma e un processo patologico ad eziologia multipla che consiste in una aumentata pressione intraoculare con una ridotta sensibilita e funzionalita delle cellule

Dettagli

ESSERE OPERATI DI CATARATTA

ESSERE OPERATI DI CATARATTA DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI DI CATARATTA OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo ha lo

Dettagli

occhio e visione Occhio secco o ipolacrimazione

occhio e visione Occhio secco o ipolacrimazione occhio e visione Occhio secco o ipolacrimazione In Europa parecchi milioni di persone soffrono di disturbi da occhio secco ; questo accade quando le lacrime non sono, per quantità o per qualità, sufficienti

Dettagli

IL GLAUCOMA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A

IL GLAUCOMA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A IL GLAUCOMA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A IL GLAUCOMA Che cos è? Campagna informativa per la prevenzione delle malattie oculari che possono compromettere la visione

Dettagli

FOGLIETTO ILLUSTRATIVO FUSIDIUM 1%

FOGLIETTO ILLUSTRATIVO FUSIDIUM 1% FOGLIETTO ILLUSTRATIVO FUSIDIUM 1% FUSIDIUM 1 % Gocce oftalmiche Acido Fusidico CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Antinfettivo oculare. INDICAZIONI Fusidium è indicato in infezioni batteriche oculari causate

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

SINONIMI: CHERATOCONOCONGENITO CORNEA CONICA

SINONIMI: CHERATOCONOCONGENITO CORNEA CONICA CHERATOCONO SINONIMI: CHERATOCONOCONGENITO CORNEA CONICA COS E Affezione della cornea caratterizzata da un aumento della sua curvatura in regione paracentrale che causa una deformazione a cono cui conseguono

Dettagli

Denominazione del medicinale STILLA DECONGESTIONANTE 0,05% collirio, soluzione Tetrizolina Cloridrato

Denominazione del medicinale STILLA DECONGESTIONANTE 0,05% collirio, soluzione Tetrizolina Cloridrato PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo e un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che potete usare per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

Meglio informati sul raffreddore

Meglio informati sul raffreddore Informazioni per i pazienti Meglio informati sul raffreddore Quelli con l arcobaleno Informazioni sul raffreddore Il naso sano La mucosa nasale sana produce muco 1, che trattiene le particelle di polvere

Dettagli

USTIONI USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO SHOCK IPOVOLEMICO

USTIONI USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO SHOCK IPOVOLEMICO USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO OBIETTIVI Sapere cos è l USTIONE Sapere riconoscere la gravità di un USTIONE Conoscere le tipologie di USTIONE

Dettagli

FEBBRE DEL LABBRO MAI PIÙ HERPOTHERM

FEBBRE DEL LABBRO MAI PIÙ HERPOTHERM FEBBRE DEL LABBRO MAI PIÙ HERPOTHERM Alta tecnologia Made in Germany per una nuova terapia di Herpes Labialis - senza sostanze chimiche! Che cosa è HERPOTHERM? HERPOTHERM è un nuovo, ma soprattutto innovativo,

Dettagli

Le patologie legate all'uso di videoterminali. Modulo: Danni correlati al lavoro al VDT: caratteristiche e diagnosi

Le patologie legate all'uso di videoterminali. Modulo: Danni correlati al lavoro al VDT: caratteristiche e diagnosi Le patologie legate all'uso di videoterminali Modulo: Danni correlati al lavoro al VDT: caratteristiche e diagnosi Benvenuto nel modulo "Danni correlati al lavoro al VDT: caratteristiche e diagnosi" Effetti

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER LA LASERVITREOLISI DEI CORPI MOBILI VITREALI

CONSENSO INFORMATO PER LA LASERVITREOLISI DEI CORPI MOBILI VITREALI SIG... CONSEGNATO IL... FIRMA... Gentile Signora, Signore, Lei soffre di una affezione del vitreo responsabile dei suoi disturbi visivi. Questa scheda contiene le informazioni sul trattamento che Le è

Dettagli

Prima di procedere all'applicazione delle lenti a contatto consigliamo sempre di:

Prima di procedere all'applicazione delle lenti a contatto consigliamo sempre di: COME INDOSSARLE... APPLICAZIONE E RIMOZIONE E MANUTENZIONE DELLE LAC Prima di procedere all'applicazione delle lenti a contatto consigliamo sempre di: Manipolare le lenti a contatto sopra una superficie

Dettagli

LA SOLUZIONE AI NODULI BENIGNI DELLA TIROIDE

LA SOLUZIONE AI NODULI BENIGNI DELLA TIROIDE LA SOLUZIONE AI NODULI BENIGNI DELLA TIROIDE www.modilite.info MODILITE In Italia la patologia nodulare tiroidea è piuttosto frequente ed è spesso asintomatica. Circa l 80% dei noduli tiroidei sono benigni

Dettagli

Il sistema immunitario utilizza strategie diverse di difesa che operano in tempi e con meccanismi diversi. Ci sono numerosi e complessi meccanismi

Il sistema immunitario utilizza strategie diverse di difesa che operano in tempi e con meccanismi diversi. Ci sono numerosi e complessi meccanismi Il sistema immunitario utilizza strategie diverse di difesa che operano in tempi e con meccanismi diversi. Ci sono numerosi e complessi meccanismi che impediscono agli invasori di entrare dentro all organismo

Dettagli

DIAGNOSI DIFFERENZIALE IN DCM. Dott.Pasquale Cozzolino Laser in DisordiniCranioMandibolari

DIAGNOSI DIFFERENZIALE IN DCM. Dott.Pasquale Cozzolino Laser in DisordiniCranioMandibolari DIAGNOSI DIFFERENZIALE IN DCM Dott.Pasquale Cozzolino Laser in DisordiniCranioMandibolari NELL AMBITO DELLE SINDROMI DA DOLORE OROFACCIALE LA NEVRALGIA DEL DEL NERVO TRIGEMINO E UNA SINDROME NEUROOGICA

Dettagli

Emispasmo del nervo facciale

Emispasmo del nervo facciale Emispasmo del nervo facciale Cos è l emispasmo del nervo facciale? L emispasmo del nervo facciale o emispasmo facciale (EF) è un disturbo caratterizzato da una contrazione unilaterale, involontaria ed

Dettagli

Herpes zoster. (fuoco di Sant Antonio)

Herpes zoster. (fuoco di Sant Antonio) (fuoco di Sant Antonio) Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è (Cosa è L è un infezione causata dal virus Varicella Zoster (che per semplicità chiameremo VZV) che è caratterizzata dalla

Dettagli

Ti sei mai soffermato a pensare: che cosa succede sotto il collare?

Ti sei mai soffermato a pensare: che cosa succede sotto il collare? Ti sei mai soffermato a pensare: che cosa succede sotto il collare? Per le persone, sappiamo che solo 1 incidente con colpo di frusta può provocare sofferenza e dolore a lungo termine. L anatomia del cane

Dettagli

DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: prof. Paolo Perri IL GLAUCOMA OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: prof. Paolo Perri IL GLAUCOMA OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: prof. Paolo Perri IL GLAUCOMA OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo ha lo scopo di informarla

Dettagli

Come. Uso di attrezzature munite di videoterminali

Come. Uso di attrezzature munite di videoterminali ing. Domenico Mannelli Come Uso di attrezzature munite di videoterminali DEFINIZIONI videoterminale: schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato

Dettagli

La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera

La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera L esposizione del corpo umano alla radiazione solare è un evento naturale, entro certi limiti inevitabile e responsabile di pressione selettiva nell evoluzione

Dettagli

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione Italiana IL GLAUCOMA

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione Italiana IL GLAUCOMA IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione Italiana IL GLAUCOMA CAMPAGNA DI INFORMAZIONE DI SANITA' PUBBLICA SULLE MALATTIE CHE CAUSANO CECITA' O IPOVISIONE NELL'AMBITO DI PROGRAMMI

Dettagli

PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO

PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO FOGLIO ILLUSTRATIVO PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che potete usare per curare disturbi lievi e

Dettagli

ESERCITAZIONI DI BIOLOGIA

ESERCITAZIONI DI BIOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA ESERCITAZIONI DI BIOLOGIA Lezione quinta parte Dott.ssa Annamaria Fiarè Gli oggetti che si osservano al MICROSCOPIO OTTICO sono generalmente trasparenti

Dettagli

Tessuto epiteliale Tessuto connettivo Tessuto muscolare Tessuto nervoso TESSUTO

Tessuto epiteliale Tessuto connettivo Tessuto muscolare Tessuto nervoso TESSUTO Tessuto epiteliale TESSUTO Ogni cellula del nostro organismo ha lo stesso patrimonio genetico ma, allora, perché ogni cellula è diversa da un altra? Del messaggio genetico ricevuto ogni cellula legge un

Dettagli

La lampada a fessura è composta da un sistema di osservazione, il biomicroscopio e un sistema di illuminazione,

La lampada a fessura è composta da un sistema di osservazione, il biomicroscopio e un sistema di illuminazione, L Oftalmometro Strumento oggettivo per la misurazione dei parametri corneali. Lo strumento misura solo l area centrale della cornea, circa 4 mm di diametro. I valori espressi dalla scala di misurazione

Dettagli

GLAUCOMA: una malattia importante da conoscere

GLAUCOMA: una malattia importante da conoscere GLAUCOMA: una malattia importante da conoscere AMBULATORIO MEDICO-CHIRURGICO DI OCULISTICA Direttore Tecnico: dott. Giacomo Sanfelici 17027 Pietra Ligure SV Via Mameli, 54 12051 Alba CN Via Gastaldi, 5

Dettagli

BLEFAROPLASTICA LA CHIRURGIA DELLE PALPEBRE

BLEFAROPLASTICA LA CHIRURGIA DELLE PALPEBRE BLEFAROPLASTICA LA CHIRURGIA DELLE PALPEBRE dottor Alessandro Gennai CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA dottor Luigi Izzo CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA Gentilissima/o Paziente,

Dettagli

Corso Specialistico Lenti a Contatto La compensazione ottica del cheratocono: una sfida per l applicatore di lenti a contatto

Corso Specialistico Lenti a Contatto La compensazione ottica del cheratocono: una sfida per l applicatore di lenti a contatto Corso Specialistico Lenti a Contatto La compensazione ottica del cheratocono: una sfida per l applicatore di lenti a contatto Mauro Nocera Responsabile Tecnico Prodotti Carl Zeiss S.p.A. Segni del cheratocono

Dettagli

ANATOMIA E FISIOLOGIA DELL ALLATTAMENTO AL SENO. Ost. Giovo Maura

ANATOMIA E FISIOLOGIA DELL ALLATTAMENTO AL SENO. Ost. Giovo Maura ANATOMIA E FISIOLOGIA DELL ALLATTAMENTO AL SENO Ost. Giovo Maura Come il latte va dal seno al bambino SESSIONE 6 2 Per aiutare una mamma con l'allattamento al seno bisogna sapere come è prodotto il latte

Dettagli

VL 1. benessere dei capelli a servizio del parrucchiere

VL 1. benessere dei capelli a servizio del parrucchiere VL 1 benessere dei capelli a servizio del parrucchiere IL DISPOSITIVO VL- 1 Si tratta di un dispositivo altamente innovativo utilizzato per contrastare le principali problematiche della cute e dei capelli

Dettagli

L esame del film lacrimale

L esame del film lacrimale Ottica della Contattologia I L esame del film lacrimale L esame del film lacrimale Risposta soggettiva del paziente Esame della superficie oculare Test lacrimali Dr. Fabrizio Zeri zeri@fis.uniroma3.it

Dettagli

I CRAMPI NEL RUNNER. Come faccio a prevenire i crampi? oppure perché vengono i crampi?

I CRAMPI NEL RUNNER. Come faccio a prevenire i crampi? oppure perché vengono i crampi? I CRAMPI NEL RUNNER Ai bicipiti femorali o ai polpacci, i crampi, contrazioni muscolari involontarie, sono sempre molto fastidiosi e a volte dolorosi. La decisione di trattare questo argomento è nata dalle

Dettagli

5 ITINERARIO DI OFTALMOLOGIA Accreditato da per il conseguimento del GPCert(Ophth)

5 ITINERARIO DI OFTALMOLOGIA Accreditato da per il conseguimento del GPCert(Ophth) 5 ITINERARIO DI OFTALMOLOGIA Accreditato da per il conseguimento del GPCert(Ophth) I CORSO CORSO PRATICO PRINCIPI FONDAMENTALI DELL OCULISTICA: COSA DEVO SAPERE PRIMA DI DEDICARMI ALL OFTALMOLOGIA 22-24

Dettagli

TUMORI DELL'OCCHIO NEL CANE E NEL GATTO

TUMORI DELL'OCCHIO NEL CANE E NEL GATTO TUMORI DELL'OCCHIO NEL CANE E NEL GATTO I tumori dell occhio possono colpire l orbita, le palpebre, la terza palpebra,l apparato lacrimale, a congiuntiva la sclera la cornea, e l uvea. La diagnosi precoce

Dettagli

MAKE-UP E LENTI A CONTATTO Come consigliare le nostre pazienti? Daddy Fadel

MAKE-UP E LENTI A CONTATTO Come consigliare le nostre pazienti? Daddy Fadel MAKE-UP E LENTI A CONTATTO Come consigliare le nostre pazienti? Daddy Fadel Optometrista Truccarsi la mattina è ormai diventata una pratica quotidiana di tante donne portatrici di lenti a contatto (lac).

Dettagli

Specificità visita oculistica pediatrica

Specificità visita oculistica pediatrica Oftalmologia pediatrica Specificità visita oculistica pediatrica Nei bambini il periodo che va dai 6 mesi fino ai 10-12 anni è decisivo per il raggiungimento della stabilità visiva I danni che si verificano

Dettagli

Istruzioni per l uso delle lenti a contatto rigide gas-permeabili

Istruzioni per l uso delle lenti a contatto rigide gas-permeabili Istruzioni per l uso delle lenti a contatto rigide gas-permeabili Di materiali BOSTON della Polymer Technology e materiali di altri produttori. Hecht Contactlinsen GmbH D-79280 Au 0483 Vedere bene con

Dettagli

(da rilasciare in copia al paziente al momento del colloquio)

(da rilasciare in copia al paziente al momento del colloquio) diagnosi o sospetto diagnostico (al momento della proposta dell intervento):.. possibili varianti nell esecuzione: L intervento viene effettuato in sala operatoria con l'ausilio di un microscopio operatorio.

Dettagli

Non è mai possibile promettere al candidato alla chirurgia refrattiva che non farà mai più uso delle lenti correttive.

Non è mai possibile promettere al candidato alla chirurgia refrattiva che non farà mai più uso delle lenti correttive. STUDIO OFTALMOLOGICO Dr Giovanni Bolzoni, Medico Chirurgo Specialista Oculista OPERARE con il Laser ad ECCIMERI, cosa vuol dire? L operazione con il Laser ad Eccimeri serve a rimodellare la cornea per

Dettagli

L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE?

L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE? L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE? RISCHI CONNESSI ALL USO DEL VDT L USO DEL VDT NON E MAI CAUSA DELL INSORGENZA DI PATOLOGIE SPECIFICHE L USO DEL VDT PUO SLATENTIZZARE O PEGGIORARE I SINTOMI

Dettagli

COPIA. Neuropatia diabetica. «Il diabete può danneggiare il sistema nervoso!»

COPIA. Neuropatia diabetica. «Il diabete può danneggiare il sistema nervoso!» Neuropatia diabetica «Il diabete può danneggiare il sistema nervoso!» www.associazionedeldiabete.ch Per donazioni: PC 80-9730-7 Associazione Svizzera per il Diabete Association Suisse du Diabète Schweizerische

Dettagli

A cosa serve lo iodio?

A cosa serve lo iodio? Iodio e Salute Che cos è lo iodio? Lo iodio, dal greco iodes (violetto), è un elemento (come l ossigeno, l idrogeno, il calcio ecc) diffuso nell ambiente in diverse forme chimiche. Lo iodio presente nelle

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO NELLA CHIRURGIA REFRATTIVA ESEGUITA CON LASER AD ECCIMERI

INFORMAZIONE E CONSENSO NELLA CHIRURGIA REFRATTIVA ESEGUITA CON LASER AD ECCIMERI INFORMAZIONE E CONSENSO NELLA CHIRURGIA REFRATTIVA ESEGUITA CON LASER AD ECCIMERI Torino, li Informazione in merito al caso clinico del Sig.: Nato a: Residente in: Lei presenta un difetto visivo che viene

Dettagli

Cosa è il diabete mellito

Cosa è il diabete mellito Cosa è il diabete mellito Il diabete mellito è una malattia a carico del metabolismo. L'origine del nome diabete mellito è greca, e fa riferimento alla caratteristica del miele di essere particolarmente

Dettagli

Dr. Vito Basile Oculista

Dr. Vito Basile Oculista Dr. Vito Basile Oculista Parlare dell occhio rosso per un oculista ècome aprire un libro sullo scibile oculistico Infatti anche se il rosso oculare coinvolge solo la congiuntiva ed eventualmente la episclera,

Dettagli

Le funzioni del software presenti in tutte le versioni del programma. Tipologia di esami 2 PERCHÈ SCEGLIERE I.C.P.

Le funzioni del software presenti in tutte le versioni del programma. Tipologia di esami 2 PERCHÈ SCEGLIERE I.C.P. 2 PERCHÈ SCEGLIERE I.C.P. 3 SCHEDA OPTOMETRICA Le funzioni del software presenti in tutte le versioni del programma RISULTATI TEST PARAMETRIZZATI Confronto tra immagini del database Il salvataggio di immagini

Dettagli

Indice. 5 Introduzione. Anatomia 6 Il sistema respiratorio 6 Faringe 6 Laringe 7 Trachea 7 Respirazione 8 Differenze tra adulti e bambini

Indice. 5 Introduzione. Anatomia 6 Il sistema respiratorio 6 Faringe 6 Laringe 7 Trachea 7 Respirazione 8 Differenze tra adulti e bambini IN QUESTA GUIDA Indice GUIDA PER I GENITORI 5 Introduzione Anatomia 6 Il sistema respiratorio 6 Faringe 6 Laringe 7 Trachea 7 Respirazione 8 Differenze tra adulti e bambini Fisiopatologia 8 Cos è l occlusione

Dettagli

Capitolo 1. Dimagrimento e calo ponderale

Capitolo 1. Dimagrimento e calo ponderale Introduzione Numerosi anni di esperienza nel settore Fitness come Personal Trainer mi hanno consentito di assistere ai meravigliosi e strabilianti mutamenti fisici di centinaia di persone; le loro manifestazioni

Dettagli

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo!

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo! Somministrazione Insulina - Dossier INFAD Diabete: Conoscerlo per gestirlo! GENERALITA Secondo l ISS il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue

Dettagli

ANATOMIA E PATOLOGIA DEL ORBITA E APPARATO LACRIMALE Dr. Umberto Benelli U.O. Oculistica Universitaria ANATOMIA ORBITA ANATOMIA ORBITA

ANATOMIA E PATOLOGIA DEL ORBITA E APPARATO LACRIMALE Dr. Umberto Benelli U.O. Oculistica Universitaria ANATOMIA ORBITA ANATOMIA ORBITA ANATOMIA E PATOLOGIA DEL ORBITA E APPARATO LACRIMALE Dr. Umberto Benelli U.O. Oculistica Universitaria ANATOMIA ORBITA Forma di piramide quadrangolare rovesciata all indietro Altezza, larghezza, profondità

Dettagli

Consultare le avvertenze di rischio e i consigli per la sicurezza durante le operazioni di travaso.

Consultare le avvertenze di rischio e i consigli per la sicurezza durante le operazioni di travaso. Istruzioni per la pulizia e la conservazione dei pavimenti PANDOMO Terrazzo Indicazioni preliminari Una cura periodica e adeguata, così come una protezione specifica dei pavimenti pandomo TerrazzoBasic,

Dettagli

CONSENSO INFORMATO ALL INTERVENTO DI CORREZIONE DELL ECTROPION

CONSENSO INFORMATO ALL INTERVENTO DI CORREZIONE DELL ECTROPION AMBULATORIO DI CHIRURGIA OCULARE SANTA LUCIA s.r.l. SOCIETA UNINOMINALE DIRETTORE SANITARIO: Prof. Vincenzo Sarnicola Via Mazzini, 60 58100 Grosseto tel. 0564.414775 fax 0564.413023 www.studiosarnicola.it

Dettagli

SERVIZIO DI OCULISTICA

SERVIZIO DI OCULISTICA SERVIZIO DI OCULISTICA Cellula gangliare Bastoncello Nervo ottico Retina Cono Vasi sanguigni della retina Coroide Cornea Iride Pupilla Cristallino Corpo ciliare Corpo vitreo Sclera ASSOCIAZIONE ITALIANA

Dettagli

L ambiente delle LAC: il film lacrimale

L ambiente delle LAC: il film lacrimale Ottica della Contattologia I Il film lacrimale L ambiente delle LAC: il film lacrimale Caratteristiche generali Composizione e funzione degli strati Produzione e ricambio Fattori intervenenti sulla fisiologia

Dettagli

Intervento di Capsulotomia Laser INFORMAZIONI

Intervento di Capsulotomia Laser INFORMAZIONI Intervento di Capsulotomia Laser INFORMAZIONI Gentile Signore/ Signora, Lei soffre di una opacizzazione dell involucro (capsula) che avvolge parzialmente il suo cristallino artificiale.esso è responsabile

Dettagli

E 4. La correzione del colore. Schede tecniche. Verifica della tonalità

E 4. La correzione del colore. Schede tecniche. Verifica della tonalità Verifica della tonalità Per eseguire una verniciatura di ripristino a regola d arte, ci si può avvicinare alla tonalità del colore della vettura correggendo la tinta o con la tecnica della sfumatura e

Dettagli

Il lavoro al Videoterminale (VDT)

Il lavoro al Videoterminale (VDT) Servizio Prevenzione e Protezione Viale Innovazione, 2-Edificio U11-20126 Milano tel.02-64486190-fax 02-64486191 Il lavoro al Videoterminale (VDT) Effetti sulla salute e prevenzione I videoterminali Negli

Dettagli

ESERCIZI PER LA VISTA UTILI A CHI LAVORA AL COMPUTER

ESERCIZI PER LA VISTA UTILI A CHI LAVORA AL COMPUTER Servizio di ESERCIZI PER LA VISTA UTILI A CHI LAVORA AL COMPUTER PAG.2 DI PAG.6 Ecco alcuni esercizi che puoi fare quotidianamente e che aiutano a prevenire quei fastidiosi disturbi della vista dovuti

Dettagli

Trattamenti al viso con il laser

Trattamenti al viso con il laser Trattamenti al viso con il laser Il laser skin resurfacing, conosciuto anche come Peeling col laser, è una tecnica effettiva di ringiovanimento che ha dei risultati duraturi. Col tempo, fattori quali l

Dettagli

Stefano Miglior. Il Glaucoma ad angolo stretto/chiuso SMI

Stefano Miglior. Il Glaucoma ad angolo stretto/chiuso SMI Stefano Miglior Il Glaucoma ad angolo stretto/chiuso Che cos e? Forma particolare di glaucoma, relativamente frequente nella popolazione generale, ad andamento sia cronico che acuto si manifesta soprattutto

Dettagli

Italian leader for kids! Calzature Primigi: consigli utili per mantenerle sempre in ottima forma.

Italian leader for kids! Calzature Primigi: consigli utili per mantenerle sempre in ottima forma. Italian leader for kids! Calzature Primigi: consigli utili per mantenerle sempre in ottima forma. Calzature in Gore-tex La membrana Gore-Tex Una speciale pellicola traspirante ed impermeabile che viene

Dettagli

Utilizzo professionale

Utilizzo professionale Utilizzo professionale Protocollo di utilizzo Professionale Young Young Generation è la linea Smart dedicata alla fotobiomodulazione. La fotobiomodulazione è un trattamento usato da anni in ambito medico

Dettagli

Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia

Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia Autore: Dott.ssa Caterina Ardito Razionale La xerostomia è definita come una denuncia soggettiva di secchezza della bocca derivante da una diminuzione della

Dettagli

OFTALMOLOGIA. Dott. Francesco Laurelli (laurelli@tin.it - www.ofta.it) L'occhio: una macchina fotografica

OFTALMOLOGIA. Dott. Francesco Laurelli (laurelli@tin.it - www.ofta.it) L'occhio: una macchina fotografica OFTALMOLOGIA Dott. Francesco Laurelli (laurelli@tin.it - www.ofta.it) a cura di L'occhio: una macchina fotografica L'occhio funziona come una macchina fotografica; possiede lenti, diaframma e pellicola.

Dettagli

TRATTAMENTO DELLE RIMONTE CAPILLARI

TRATTAMENTO DELLE RIMONTE CAPILLARI TRATTAMENTO LE RIMONTE CAPILLARI INTRODUZIONE: Grazie alle sue ottime caratteristiche tecniche e alla facilità di messa in opera il di POTASSIO viene largamente utilizzato per rendere idrorepellenti i

Dettagli

Dott.. Stefano Baiocchi

Dott.. Stefano Baiocchi Azienda Ospedaliera Universitaria Senese UOC Oculistica Direttore: Prof. Aldo Caporossi Università degli Studi di Siena Clinica Oculistica Direttore: Prof. Aldo Caporossi Dott.. Stefano Baiocchi Responsabile

Dettagli

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI COSA SI PUO E COSA SI DEVE FARE? CHE COS E? La menopausa non

Dettagli

Azienda Ospedaliere di Melegnano Divisione di Oculistica Dott.Simone Reposi Primario: Dott. A. Pece

Azienda Ospedaliere di Melegnano Divisione di Oculistica Dott.Simone Reposi Primario: Dott. A. Pece Azienda Ospedaliere di Melegnano Divisione di Oculistica Dott.Simone Reposi Primario: Dott. A. Pece 1 Anatomia dell apparato lacrimale Il sistema lacrimale è costituito da due apparati: secretore: ghiandole

Dettagli

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana LO STRABISMO

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana LO STRABISMO IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana LO STRABISMO CAMPAGNA DI INFORMAZIONE DI SANITA' PUBBLICA SULLE MALATTIE CHE CAUSANO CECITA' O IPOVISIONE NELL'AMBITO DI PROGRAMMI

Dettagli

MITI DA SFATARE, CERTEZZE DA CONFERMARE OSPEDALE V.BUZZI, MILANO

MITI DA SFATARE, CERTEZZE DA CONFERMARE OSPEDALE V.BUZZI, MILANO MITI DA SFATARE, CERTEZZE DA CONFERMARE OSPEDALE V.BUZZI, MILANO DOTT.SSA LUCIANA SOMAZZI DIRETTORE STRUTTURA SEMPLICE UO OCULISTICA OSPEDALE BASSINI, CINISELLO BALSAMO PRIMARIO DOTT. STEFANO GAMBARO PRODUZIONE

Dettagli

Scienze laboratorio: I RISCHI

Scienze laboratorio: I RISCHI Queste note pratiche presentano i rischi che si incontrano durante le esercitazioni di laboratorio e i comportamenti corretti da tenere. Seguire queste indicazioni servirà non solo a ridurre il rischio

Dettagli

L apparato circolatorio. Classe 5 A - Arezio Federico 1

L apparato circolatorio. Classe 5 A - Arezio Federico 1 L apparato circolatorio Classe 5 A - Arezio Federico 1 Introduzione Per vivere ed esercitare le loro funzioni, i tessuti e gli organi del corpo abbisognano di un apporto costante di materiale nutritivo

Dettagli

DEFINIZIONE. L annegamento è una sindrome asfittica

DEFINIZIONE. L annegamento è una sindrome asfittica SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ANNEGAMENTO PROF.SSA A. SCAFURO DEFINIZIONE L annegamento è una sindrome asfittica caratterizzata t dall alterazione lt degli scambi

Dettagli

Istruzioni per l uso delle lenti a contatto morbide

Istruzioni per l uso delle lenti a contatto morbide Istruzioni per l uso delle lenti a contatto morbide Hecht Contactlinsen GmbH D-79280 Au 0483 Vedere bene con le lenti a contatto migliora il Vostro modo di vivere. Vi auguriamo di poter portare sin dall

Dettagli