apparato digerente e alimentazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "apparato digerente e alimentazione"

Transcript

1 apparato digerente e alimentazione

2 L apparato digerente fornisce all organismo i nutrienti di cui ha bisogno ricavandoli dagli alimenti attraverso: L apparato digerente Masticazione Secrezione Mescolamento e propulsione Digestione Assorbimento Eliminazione 2 Sadava et al. Biologia La scienza della vita Zanichelli editore 2010

3 alimentazione

4 Alimentazione bilanciata e salute L alimentazione fornisce energia per la crescita e per lo svolgimento di tutte le attività dell organismo Un alimentazione bilanciata fornisce: l energia necessaria per le attività dell organismo (metabolismo); le sostanze di base per fabbricare le proprie molecole complesse; le molecole (amminoacidi essenziali, vitamine e minerali) che gli animali non sono in grado di fabbricare).

5 Alimentazione: Energia KILOCALORIA (o Caloria): ovvero 4,18 kj, rappresenta la quantità di calore necessaria per innalzare la temperatura di 1 Kg di acqua distillata da 14,5 C a 15,5 C.

6 Metabolismo basale e fabbisogno medio giornaliero. Il metabolismo basale è il minimo dispendio energetico necessario a mantenere le funzioni vitali e lo stato di veglia. In un individuo sano e sedentario rappresenta circa il 65-75% del dispendio energetico totale. E più alto negli uomini rispetto alle donne, diminuisce con l'età: tra i 60 ed i 90 anni cala di circa l'8% per decade. Questo calo può essere rallentato da un'adeguata attività fisica. Metabolismo basale: Kcal Fabbisogno medio giornaliero adulto: circa Kcal

7 zuccheri Un grammo di carboidrati contiene circa 4 Kcal. Il fabbisogno medio di carboidrati in un adulto è di circa 150g, il 60% della dieta.

8 grassi Un grammo di grassi contiene circa 9 Kcal. In una dieta equilibrata devono essere presenti almeno il 20-30% di grassi.

9 acido linoleico

10 proteine Un grammo di proteine contiene circa 4 Kcal. Il fabbisogno medio di proteine in un adulto è di circa 1g per kg di peso, il 15% della dieta.

11 Gli otto amminoacidi essenziali che l uomo adulto non è in grado di fabbricare possono essere ottenuti dalle proteine animali o da una giusta combinazione di alimenti di origine vegetale (cereali-legumi). Amminoacidi essenziali Metionina Valina (Istidina) Treonina Fenilalanina Granoturco e altri cereali Leucina Isoleucina Triptofano Lisina Fagioli e altri legumi

12 vitamine

13 Le vitamine sono sostanze nutritive organiche essenziali ma necessarie in quantità molto inferiore rispetto agli amminoacidi. Le vitamine indispensabili all uomo sono 13. La maggior parte delle vitamine sono coenzimi o parti di coenzimi, hanno funzioni catalitiche e vengono usate più volte nelle reazioni metaboliche.

14 Vitamine necessarie all organismo umano:

15 vitamina A Retinolo. Liposolubile. Presente in frutta e verdure, fegato e formaggi. Forma i pigmenti visivi. Sintomi da carenza: cecità notturna.

16 vitamina C Acido ascorbico. Idrosolubile. Presente in agrumi, pomodoro, patate, Funzione antiossidante, necessaria per formazione dei connettivi. Sintomi da carenza: scorbuto.

17 vitamina D Colicalciferolo. Idrosolubile. Presente in prodotti caseari, pesce e cereali. Sintetizzata dalla pelle in seguito all esposizione solare. Funzione: assorbimento calcio e fosforo. Sintomi da carenza: rachitismo.

18 vitamina B12 Cobalamina, presente in tutti gli alimenti di origina animale, non presente nelle piante. Mancanza, per scelte alimentari o per incapacità di assorbimento gastrico (deficit di fattore intrinseco) causa l anemia perniciosa (globuli rossi immaturi) e disturbi neurologici La causa più comune dell anemia perniciosa non è la mancanza nella dieta di vitamina B12, ma l incapacità di assorbirla tramite un peptide, il fattore intrinseco, prodotto dalle cellule gastriche

19 COLLEGAMENTI Il grasso corporeo e la mania delle diete Nella cultura occidentale il grasso corporeo in eccesso è considerato antiestetico, mentre altre culture considerano il grasso in modo diverso. Le diete dimagranti possono aiutare le persone a perdere perso ma possono essere rischiose per la loro salute.

20 L obesità potrebbe dipendere dai geni In un esperimento condotto sui topi si è visto che la mutazione di un singolo gene (Ob, codificante l ormone della sazietà, la leptina) porta all obesità. Sadava et al. Biologia.blu Zanichelli editore, 2012 La leptina è un ormone prodotto dalle cellule adipose, i recettori forniscono al cervello informazioni di feedback sulle riserve di grasso 20 dell organismo.

21 COLLEGAMENTI L alimentazione può influire sul rischio di contrarre malattie cardiovascolari e alcuni tipi di cancro Un alimentazione bilanciata può aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari e cancro. Fattori di rischio comportamentali Dieta ricca di grassi Tasso di colesterolo elevato e pressione alta Fattori di rischio inevitabili Invecchiamento Inattività fisica Storia familiare Fumo Malattia cardiovascolare Essere maschi

22 Linee guida per un alimentazione che riduce il rischio di patologie.

23 elementi minerali Il funzionamento dell organismo richiede anche diverse sostanze inorganiche: gli elementi minerali. Nel campo della nutrizione vengo detti minerali gli elementi chimici diversi dal carbonio, dall idrogeno, dall ossigeno e dall azoto (i quattro componenti principali dei composti organici. Gli elementi minerali svolgono molte funzioni diverse.

24 macronutrienti e micronutrienti: Elementi minerali indispensabili per una varietà di funzioni. Gli elementi necessari in grandi quantità sono macronutrienti (Ca, Na, Cl, P, Mg, K, S), necessari in piccole quantità sono micronutrienti (es.: Fe, F, I)

25 alimentazione ed elaborazione del cibo Gli animali possono alimentarsi in vari modi Tutti gli animali si nutrono di altri organismi: gli animali che mangiano sia piante sia animali sono detti onnivori; gli animali che mangiano solo vegetali sono detti erbivori; gli animali che mangiano altri animali sono detti carnivori.

26 La trasformazione del cibo avviene in quattro fasi Pezzi di cibo Molecole piccole Demolizione meccanica Digestione chimica (idrolisi enzimatica) Le molecole nutritive entrano nelle cellule Cibo Sostanze non digerite 1 Ingestione 2 Digestione 3 Assorbimento 4 Eliminazione

27 Nella digestione chimica i polimeri vengono scissi in monomeri. Polimero Monomeri Enzimi per la digestione di proteine Proteina Amminoacidi Polisaccaride Enzimi per la digestione di polisaccaridi Disaccaride Monosaccaridi Enzimi per la digestione di acidi nucleici Acido nucleico Nucleotidi Grasso Enzimi per la digestione di grassi Glicerolo Acidi grassi

28 Apparato digerente. Cavità orale Lingua Bocca Ghiandole salivari Faringe Esofago Cistifellea Pancreas Fegato Esofago Cardias Stomaco Sfintere pilorico Intestino tenue Intestino crasso Retto Ano Intestino tenue

29 Il sistema digerente umano Il sistema digerente umano è costituito da un canale alimentare e da organi a esso associati Le parti principali del canale alimentare sono: la bocca, la faringe, l esofago, lo stomaco, l intestino tenue, l intestino crasso. Dopo essere stato inghiottito, il cibo viene spinto lungo il canale alimentare grazie alla peristalsi, una sequenza di onde ritmiche di contrazione della muscolatura liscia presente nella parete del tubo digerente.

30 Il canale alimentare L apparato digerente è formato da un canale alimentare che si estende dalla bocca all ano ed è rivestito da quattro strati di tessuto: mucosa; sottomucosa; tonaca muscolare; tonaca sierosa (peritoneo). Sadava et al. Biologia.blu Zanichelli editore,

31 Tonache del canale alimentare: Dal lume: mucosa, sottomucosa, muscolare e avventizia. La tonaca mucosa è formata da tre parti: Epitelio, Lamina Propria (connettivo lasso), Muscularis mucosae (muscolare liscio). La tonaca sottomucosa è formata da tessuto connettivo lasso (presenta ghiandole, vasi sanguigni e linfatici). Presenta una rete nervosa.

32 La tonaca muscolare nell esofago e nell intestino è formata da due strati di muscolatura liscia: circolare interno e longitudinale esterno (nello stomaco sono presenti tre strati: obliquo interno, circolare intermedio e longitudinale esterno). La tonaca avventizia è formata da tessuto connettivo lasso. Dove l'intestino è esposto nella cavità addominale, l'avventizia viene definita sierosa, formata da un peritoneo,viscerale e parietale (e si osserva la presenza di un epitelio pavimentoso semplice, detto mesotelio).

33

34

35 cavità boccale.

36 Dalla bocca allo stomaco Nella cavità orale il cibo viene frantumato e ha inizio la digestione dell amido, il cibo così trasformato in bolo viene ingerito, e lo sfintere esofageo impedisce il reflusso. Sadava et al. Biologia.blu Zanichelli editore,

37 I denti servono ad afferrare e masticare Tutti i vari tipi di denti dei mammiferi sono costituiti da tre strati: lo smalto; la dentina; la cavità della polpa. Sadava et al. Biologia.blu Zanichelli editore,

38 La masticazione dà inizio alla digestione meccanica Grazie all azione meccanica dei denti, il cibo viene frantumato ed esposto all azione degli enzimi. La lingua è un organo muscolare, ricoperto da papille gustative, che contengono i recettori del gusto. Denti Incisivi Canini Premolari Molari Lingua Apertura del dotto di una ghiandola salivare

39 La digestione ha inizio all interno della cavità orale Le ghiandole salivari sono sei: due parotidi; due sottomascellari; due sottolinguali. Nell uomo producono circa un litro e mezzo di saliva al giorno.

40 La saliva dà inizio alla digestione chimica la saliva contiene molte sostanze importanti per la trasformazione del cibo: alcune sostanze che proteggono la bocca, neutralizzano l acidità e lubrificano il cibo; il lisozima (un antibatterico); l amilasi salivare, un enzima d digestivo che idrolizza le catene e dell amido in catene glucidiche più piccole.

41 Il cibo, masticato e mescolato con la saliva, forma il bolo alimentare.

42 faringe

43 Sia il cibo sia l aria che respiriamo passano attraverso la faringe Un riflesso legato alla deglutizione fa passare il bolo alimentare dalla faringe all esofago, impedendogli di entrare nella trachea. Lingua Bolo di cibo Faringe L epiglottide si alza L epiglottide si abbassa Laringe Trachea Sfintere esofageo Esofago La laringe si alza Esofago L epiglottide si alza La laringe si abbassa Sfintere contratto Sfintere rilasciato Sfintere contratto

44 esofago

45 esofago

46 L esofago convoglia il bolo alimentare verso lo stomaco Le onde peristaltiche nell esofago fanno passare il bolo alimentare nello stomaco. Bolo alimentare I muscoli circolari si rilassano e il canale si apre. Stomaco I muscoli circolari si contraggono, restringendo il canale, e il bolo viene spinto giù. Muscoli circolari rilassati Muscoli circolari contratti Muscoli circolari rilassati Muscoli circolari contratti

47 stomaco

48 stomaco Nello stomaco procede la digestione meccanica (peristalsi) e la digestione chimica (succhi gastrici) del cibo immagazzinato (bolo) fino al rilascio del chimo nell intestino tenue attraverso lo sfintere pilorico.

49 Dentro lo stomaco Sadava et al. Biologia.blu Zanichelli editore,

50 stomaco (endoscopia).

51 Parete stomaco, sezione istologica.

52 Parete stomaco, sezione istologica.

53 Colonizzata SEM 2500 Le fossette gastriche e la secrezione di sostanze: pepsinogeno acido cloridrico (HCl) muco fattore intrinseco gastrina Cavità dello stomaco Particelle di cibo Sfintere pilorico Stomaco Superficie interna dello stomaco Rilascio di succhi gastrici Ghiandola gastrica Fossette gastriche Rilascio dei succhi gastrici (muco, HCl e pepsinogeno) 3 Epitelio Pepsinogeno Cellule mucose Cellule principali 2 HCl 1 Pepsina (enzima attivo) La pepsina comincia la digestione chimica delle proteine L HCl acidifica il contenuto dellostomaco e converte il pepsinogeno in pepsina Il pepsinogeno e l HCl sono secreti nel lume della ghiandola gastrica Cellule parietali

54 Il succo gastrico La miscela di acido cloridrico (HCl) e pepsina costituisce il succo gastrico, che ha un ph molto acido. Lo stomaco può secernere circa 2 litri di HCl al giorno. 54 Sadava et al. Biologia.blu Zanichelli editore, 2012

55 Il muco riveste e protegge la parete dello stomaco dall azione del succo gastrico. Nonostante il muco, l epitelio è sottoposto ad una continua erosione: ogni tre giorni viene completamente rinnovato. Alcune sostanze come caffeina, aspirina o alcool possono essere assorbite in piccola parte tramite la mucosa gastrica.

56 vomito Emissione rapida e forzata dalla bocca del contenuto dello stomaco. Il vomito è un atto riflesso di difesa, determinato da un complesso di contrazioni dei muscoli dell'addome e del diaframma con apertura del cardias e contrazioni antiperistaltiche. Questo insieme di fenomeni causa il riflusso del contenuto gastrico nell'esofago e la sua successiva emissione dalla bocca. L'intero atto del vomito è comandato da un centro nervoso situato nel bulbo (centro del vomito). Le sedi d origine dello stimolo del vomito sono numerose: sistema nervoso centrale, occhi, mucosa faringea e nasale, labirinto non acustico, mucosa gastrica e intestinale, peritoneo e altri organi addominali. Molti processi che coinvolgono tali organi o strutture, e talvolta la loro stimolazione perlopiù meccanica, possono provocare il fenomeno. Spesso il vomito è preceduto dalla nausea, accompagnato da pallore, aumento di sudorazione e salivazione, ipotensione e bradicardia.

57 La regolazione dell attività gastrica L attività delle ghiandole gastriche è regolata da un insieme di segnali nervosi e ormonali. L odore del cibo genera un segnale nervoso che stimola le ghiandole a produrre i succhi gastrici. Quando le sostanze alimentari raggiungono lo stomaco inducono le cellule G a rilasciare l ormone gastrina, che stimola ulteriormente la produzione di succhi gastrici. Quando il contenuto dello stomaco diventa troppo acido, un meccanismo a feedback negativo inibisce la secrezione dei succhi gastrici. + -

58 Dal bolo alimentare al chimo La contrazione dei muscoli della parete dello stomaco rimescola il cibo con i succhi gastrici, formando il chimo. Normalmente, il chimo non può risalire dallo stomaco all esofago (a cui è collegato attraverso il sfintere esofageo). Quando ciò accade, si parla di riflusso gastrico, che provoca «acidità di stomaco». Un po per volta, il chimo passa dallo stomaco all intestino attraverso uno sfintere: il piloro. Lo stomaco impiega da due a sei ore a svuotarsi.

59 Helicobacter pylori. Patologie gastriche Una delle patologie più diffuse dello stomaco e della prima parte del duodeno è l ulcera. L ulcera è causata da batteri (Helicobacter pylori) che si trovano sugli strati mucosi dello stomaco.

60 Gastrite, ulcera gastrica e Helicobacter pylori 60

61 Struttura e funzioni dell intestino Nell intestino tenue (duodeno, digiuno e ileo) hanno luogo prevalentemente digestione e l assorbimento del cibo, mentre l intestino crasso (colon e retto) è deputato soprattutto all assorbimento di acqua e all eliminazione delle feci. Sadava et al. Biologia.blu Zanichelli editore,

62 La superficie del tenue è riccamente pieghettata e sono presenti miriadi di piccole estroflessioni digitiformi, i villi. La membrana delle cellule dei villi presenta ulteriori estroflessioni, i microvilli. Le estroflessioni aumentano la superficie di assorbimento totale (che si osserva essere di circa 250 m 2). Strati muscolari Pliche circolari Villi Parete intestinale Vasi sanguigni con sangue diretto verso il fegato Lume Assorbimento delle sostanze nutritive

63 Intestino tenue

64 intestino tenue Lungo circa 6 metri (25 cm duodeno, 2,5 metri il digiuno, 3,5 metri l ileo), diametro di circa 2,5 cm. Nel duodeno si completa la digestione, nel digiuno e nell ileo avviene il 90% dell assorbimento delle sostanze. Le cellule che rivestono l intestino tenue secernono muco e succo enterico.

65 duodeno, pancreas e fegato Nella prima parte dell intestino tenue, nel duodeno, si riversano, oltre al chimo, diverse sostanze prodotte dal fegato e dal pancreas. Sadava et al. Biologia.blu Zanichelli editore,

66 fegato

67 Struttura e funzioni del fegato Il fegato è il laboratorio biochimico del nostro organismo, riceve le sostanze nutritive provenienti dall intestino e le immagazzina o le converte in molecole di cui l organismo ha bisogno; svolge anche tantissime altre funzioni, ad esempio produce la bile.

68 Il fegato è costituito principalmente da cellule epiteliali dette epatotici organizzate in lobuli epatici.

69 Lobuli epatici sezione istologica.

70 Il fegato la produzione di bile, che si accumula nella cistifellea (un sacchetto a forma di pera situato alla base del fegato). La bile contiene sali biliari che emulsionano i grassi rendendoli più facilmente attaccabili da parte degli enzimi digestivi. bile cistifellea micella

71

72 Funzioni metaboliche e di deposito del fegato I monosaccardi possono essere trasformati in glucosio, che può essere trattenuto nel tessuto epatico sotto forma di glicogeno, o in grassi. Gli amminoacidi vengono trasformati in zuccheri, grassi o precursori dell ATP. Gli acidi grassi possono essere demoliti nel fegato per formare ATP. Le vitamine liposolubili e alcuni minerali possono essere immagazzinate nel fegato.

73 Funzione protettiva del fegato Il fegato trasforma numerose sostanze, rendendole innocue e facilmente eliminabili. Le sostanze vengono demolite attraverso processi catabolici oppure coniugati con composti che ne inibiscono l attività. Le sostanze demolite possono essere: endogene (ormoni come l insulina, gli estrogeni e il progesterone) esogene (farmaci come antibiotici e sulfammidici)

74 Il pancreas Il pancreas è una grossa ghiandola in cui si possono distinguere due parti: una frazione esocrina che produce il succo pancreatico che viene riversato nel duodeno; una frazione endocrina, le cosiddette isole di Langerhans, che produce ormoni (come insulina e glucagone) che vengono immessi direttamente nel sangue. Sadava et al. Biologia.blu Zanichelli editore,

75 Il succo pancreatico è una soluzione basica ricca di enzimi digestivi idrolitici e di bicarbonato (che neutralizza l acidità del chimo). Fegato Bile Cistifellea Bile Enzimi dell intestino Duodeno (parte dell intestino tenue) Chimo acido Succhi pancreatici Stomaco Pancreas

76

77 L intestino e l assorbimento L incremento dell area superficiale dell intestino grazie a pieghe, villi e microvilli permette un maggior assorbimento delle sostanze nutritive. Sadava et al. Biologia.blu Zanichelli editore,

78 I succhi enterici ed i succhi pancreatici contengono gli enzimi che completano la digestione enzimatica: digestione enzimatica nell intestino tenue

79

80 Secretina Ormone peptidico di rilasciato da cellule del duodeno, la secretina è il primo ormone scoperto dall'uomo, grazie agli studi di Bayliss e Starling nel lontano Il rilascio di secretina è stimolato dalla discesa del ph gastrico, quindi dall'aumento dell'acidità del suo contenuto. Non a caso, la secretina agisce primariamente sul pancreas, stimolandolo a secernere un succo pancreatico ricco di bicarbonato, fondamentale per tamponare l'acidità del chimo gastrico.

81 Colecistochinina (CCK) Ormone gastrointestinale di natura proteica coinvolto nell'omeostasi dei processi digestivi, secreto prevalentemente dal duodeno. La secrezione di colecistochinina è stimolata dal chimo. Stimola la secrezione degli enzimi del succo pancreatico. Stimola lo svuotamento della colecisti e il rilascio della bile. Rappresenta un importante segnale di sazietà.

82 Epitelio cilindrico semplice (intestino).

83 Intestino tenue: assorbimento Le sostanze nutritive passano attraverso l epitelio intestinale (per diffusione o trasporto attivo) e poi attraverso le sottili pareti dei capillari o dei vasi linfatici e giungono così al fegato dove vengono trasformate e accumulate.

84 Epitelio cilindrico semplice (intestino sezione trasversale dei villi)

85 Epitelio cilindrico semplice (intestino).

86 Amminoacidi, zuccheri e altre sostanze polari entrano nei capillari sanguigni, sostanze apolari come i lipidi nei capillari linfatici. Lume dell intestino Assorbimento delle sostanze nutritive Microvilli Assorbimento delle sostanze nutritive nelle cellule epiteliali Cellule epiteliale Amminoacidi e zuccheri Acidi grassi e glicerolo Capillari sanguigni Vaso linfatico Grassi Sangue Linfa Cellule epiteliali Villi

87 Nell intestino tenue vengono dunque assorbiti: i monosaccaridi; gli amminoacidi; i lipidi; le vitamine; l acqua e ioni L assorbimento non è una proprietà esclusiva del tenue, anche lo stomaco e il crasso possono assorbire, in quantità minori, piccole molecole. Inoltre l assorbimento dell acqua e degli ioni termina nel crasso.

88

89 Intestino crasso Lungo circa 1,5 metri, diametro di circa 6,5 cm, si divide in cieco, colon e retto.

90 La funzione principale dell intestino crasso (chiamato anche colon) è quella di terminare l assorbimento dell acqua e dei sali minerali. Nel crasso avviene la fermentazione dovuta alla flora batterica (ed alcune specie sintetizzano vitamina B e K). Le feci rappresentano i prodotti di scarto della digestione e vengono immagazzinate nella porzione terminale del colon, il retto. Intestino crasso (colon) Cieco Sfintere Ultimo tratto dell intestino tenue Appendice Intestino tenue Retto Ano Flusso delle sostanze nutritive

91 Il controllo della digestione Il sistema nervoso centrale e gli ormoni rilasciati dalle ghiandole endocrine controllano molte fasi della digestione. 91 Sadava et al. Biologia.blu Zanichelli editore, 2012

92 Alcuni disturbi e malattie dell apparato digerente: Gastriti ed ulcere gastriche (Helicobacter pylori). Infiammazioni (appendicite, peritonite). Tumore del colon retto. Patologie causate da parassiti (Nematodi ascaridi, Platelminti Tenia solum)

93 Patologie pancreatiche La pancreatite acuta ha varie cause, tra le quali la presenza di un calcolo nelle vie biliari; la pancreatite cronica è un processo infiammatorio che si protrae nel tempo e che porta alla progressiva atrofia dell organo. Patologie dell intestino I disturbi intestinali più comuni sono la diarrea e la stipsi, dovuti ad infezioni od alterazioni della mobilità intestinale che interferiscono con il riassorbimento dell acqua nel colon. Nel primo caso troppa acqua non viene riassorbita, nel secondo caso troppo poca è presente nel lume intestinale. L appendicite è un infiammazione acuta dell appendice cecale; il tumore al colon-retto è la forma di cancro che colpisce più spesso il sistema digerente.

94 Intestino cieco e appendice. L'appendice nell'uomo è posta sotto la valvola ileo-cecale. Ha la forma di un piccolo tubo cilindrico lungo dai 5 ai 9 cm e largo 7 mm. Nella patogenesi dell'appendicite viene data molto importanza alla occlusione del lume; i germi segregati possono dare luogo ad una infezione (appendicite).

95 Tenia solium proglottide cisticerco scolice

96

97 Patologie del fegato Le epatiti sono processi infiammatori acuti o cronici del fegato che possono portare alla necrosi o favorire l insorgenza del cancro. Le forma di epatite più comuni sono la A, B, C sono conosciute anche le forme D (dovuta ad un virus che infetta insieme al virus B) e la E (simile per caratteristiche alla A). La cirrosi consiste nella distruzione degli epatociti e nella loro sostituzione da parte del tessuto connettivo. Può essere causata da patogeni o da sostanze tossiche.

98 cirrosi epatica

99 Epatite A (picornavirus HAV) Trasmissione orale-fecale. Il periodo di incubazione medio del virus dell epatite A è intorno ai 30 giorni, con un range che va dai 15 ai 50 giorni; e generalmente si risolve in 1 o 2 settimane. I sintomi della malattia sono: Anoressia, Nausea, Vomito, Febbre, Diarrea, Dolori addominali, Ittero e urine color marsala

100 Epatite B (HBV) Trasmissione per via parenterale. Il periodo di incubazione medio del virus dell epatite B varia da 1 a 6 mesi; il decorso ha varia durata ma generalmente è più lungo delle epatite di tipo A. Sono presenti antigeni nel sangue. Si calcola che ogni anno muoiano persone per le conseguenze dell'epatite B. I sintomi della malattia sono: Anoressia, Nausea, Vomito,Febbre, Diarrea, Dolori addominali, Ittero e urine color marsala. In casi gravi si può manifestare la cirrosi epatica, o forme di tumore. L epatite B in un 10% dei casi Diviene cronica.

101

102

103

104 Epatite C (HCV) Trasmissione per via parenterale. L'infezione è spesso asintomatica, ma la sua cronicizzazione può condurre dopo molti anni alla cirrosi. In alcuni casi, la cirrosi epatica potrà portare a sviluppare insufficienza epatica e cancro del fegato. Il virus persiste nel fegato di circa l'85% delle persone infette. Questa infezione persistente può essere trattata con interferone e ribavirina, che rappresentano la terapia di riferimento. Complessivamente il 50-80% dei pazienti trattati guarisce, mentre coloro che sviluppano cirrosi o cancro possono necessitare di un trapianto di fegato. Al 2014 nessun vaccino efficace contro l'epatite C è ancora disponibile. Nel 2014 la commissione europea ha approvato l uso del farmaci Daclatasvir + Sofosbuvir, potenzialmente la cura per un'ampia popolazione di pazienti con HCV.

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di materiali per fare funzionare il nostro corpo È il carboidrato

Dettagli

L APPARATO DIGERENTE. un laboratorio chimico naturale

L APPARATO DIGERENTE. un laboratorio chimico naturale L APPARATO DIGERENTE un laboratorio chimico naturale Come fa il nostro organismo a sfruttare i principi nutritivi nascosti nel cibo? Il nostro apparato digerente, attraverso la digestione, demolisce le

Dettagli

apparato digerente e alimentazione

apparato digerente e alimentazione apparato digerente e alimentazione L apparato digerente fornisce all organismo i nutrienti di cui ha bisogno ricavandoli dagli alimenti attraverso: L apparato digerente Masticazione Secrezione Mescolamento

Dettagli

L APPARATO DIGERENTE. E formato da un insieme di organi e di strutture che servono a TRASFORMARE ( cioè DIGERIRE) gli alimenti per poterli ASSORBIRE.

L APPARATO DIGERENTE. E formato da un insieme di organi e di strutture che servono a TRASFORMARE ( cioè DIGERIRE) gli alimenti per poterli ASSORBIRE. L APPARATO DIGERENTE E formato da un insieme di organi e di strutture che servono a TRASFORMARE ( cioè DIGERIRE) gli alimenti per poterli ASSORBIRE. Disegno molto semplificato ma efficace che rende bene

Dettagli

L apparato digerente

L apparato digerente L apparato digerente Distinguiamo le due fasi: DIGESTIONE e ASSORBIMENTO. Attraverso la digestione facciamo entrare i cibi nel nostro corpo, li spezziamo in molecole più piccole; con l assorbimento forniamo

Dettagli

STOMACO. A livello dello stomaco si verifica un limitato assorbimento di alimenti, soprattutto di acqua, di alcuni sali, di alcool e di alcuni farmaci

STOMACO. A livello dello stomaco si verifica un limitato assorbimento di alimenti, soprattutto di acqua, di alcuni sali, di alcool e di alcuni farmaci STOMACO Nel loro insieme i secreti delle ghiandole formano il succo gastrico, fortemente acido (ph circa 1). Nella mucosa gastrica sono disposte tra le ghiandole cellule mucose, che producono un muco che

Dettagli

Struttura e funzionamento dell apparato digerente

Struttura e funzionamento dell apparato digerente Struttura e funzionamento dell apparato digerente la dentizione inizia (cioè i denti iniziano a spuntare) attorno al 6-8 mese di vita e porta alla comparsa dei 20 denti decidui (denti da latte). Questi

Dettagli

La digestione degli alimenti

La digestione degli alimenti La digestione degli alimenti Le sostanze alimentari complesse (lipidi, glucidi, protidi) che vengono introdotte nell organismo, devono subire delle profonde modificazioni che le trasformano in sostanze

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Lo stomaco è suddiviso in quattro regioni:

Lo stomaco è suddiviso in quattro regioni: Lo stomaco comunica con l'esofago attraverso il cardias, e con l'intestino tenue attraverso il pil oro. Situato nella parte superiore sinistra della cavità addominale, lo stomaco è una dilatazione del

Dettagli

realizzato da Irene Valorosi sulla base testuale di "Immagini della Biologia" ed. Zanichelli

realizzato da Irene Valorosi sulla base testuale di Immagini della Biologia ed. Zanichelli realizzato da Irene Valorosi sulla base testuale di "Immagini della Biologia" ed. Zanichelli 1 La trasformazione del cibo Quattro fasi fondamentali: ingestione- l atto del mangiare digestione demolizione

Dettagli

L'apparato digerente è costituito da un insieme di organi che servono per assorbire gli alimenti che introduciamo. Gli alimenti che ingeriamo sono

L'apparato digerente è costituito da un insieme di organi che servono per assorbire gli alimenti che introduciamo. Gli alimenti che ingeriamo sono L'apparato digerente è costituito da un insieme di organi che servono per assorbire gli alimenti che introduciamo. Gli alimenti che ingeriamo sono troppo complessi per essere direttamente assorbiti senza

Dettagli

!"#$%&''%(#)*"#+%,(# PRIMA PARTE

!#$%&''%(#)*#+%,(# PRIMA PARTE !"#$%&''%(#)*"#+%,(# PRIMA PARTE -&#.&/0%+&1%(2*# o Il cibo entra nella bocca dove viene sminuzzato dai denti, impastato dalla lingua e rimescolato dalla saliva. L uomo è onnivoro; i suoi denti quindi

Dettagli

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti.

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. IL VIAGGIO DEL CIBO Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. Dalla bocca passano nello stomaco e da qui all intestino per poi venire

Dettagli

ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO DIGERENTE

ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO DIGERENTE ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO DIGERENTE CORSO CORSO OSS DISCIPLINA: OSS DISCIPLINA: ANATOMIA PRIMO E SOCCORSO FISIO-PATOLOGIA MASSIMO MASSIMO FRANZIN FRANZIN APPARATO DIGERENTE APPARATO DIGERENTE

Dettagli

la digestione, l assorbimento, l alimentazione

la digestione, l assorbimento, l alimentazione la digestione, l assorbimento, l alimentazione 1 LA DIGESTIONE Digestione meccanica, il cibo è macinato, rimescolato e insalivato Digestione chimica, il cibo è scomposto in sostanze più semplici dall azione

Dettagli

I.1 L apparato digerente

I.1 L apparato digerente Capitolo I Introduzione 8 I.1 L apparato digerente L apparato digerente è costituito da un gruppo di organi addetti alla scissione degli alimenti in componenti chimici che l organismo può assorbire ed

Dettagli

Unità 9. L alimentazione e la digestione

Unità 9. L alimentazione e la digestione Unità 9 L alimentazione e la digestione Unità 9 L alimentazione e la digestione Obiettivi Capire come avviene l assunzione e la trasformazione del cibo negli animali Saper descrivere la struttura e le

Dettagli

APPARATO DIGERENTE E DIGESTIONE

APPARATO DIGERENTE E DIGESTIONE APPARATO DIGERENTE E DIGESTIONE GENERALITÀ-1 L apparato digerente ha la funzione di: Ø assumere, Ø scindere (digerire), Ø assorbire, Ø elaborare le sostanze nutritizie di cui abbisogna il nostro organismo

Dettagli

Che fine fa il cibo ingerito?

Che fine fa il cibo ingerito? Che fine fa il cibo ingerito? Il cibo ingerito entra nell APPARATO DIGERENTE dove viene Trasformato Con la digestione meccanica =rottura in piccoli pezzi e movimenti peristaltici Con la digestione chimica

Dettagli

unità C6. L alimentazione e la digestione

unità C6. L alimentazione e la digestione Il cibo è composto da tre tipi di molecole organiche proteine grassi carboidrati che vengono scomposti dagli enzimi digestivi rispettivamente in amminoacidi acidi grassi semplici glucosio e altri zuccheri

Dettagli

L APPARATO GASTROENTERICO. Prof. A. Pulcini

L APPARATO GASTROENTERICO. Prof. A. Pulcini Corso di Laurea Infermieristica AA 2011/2012 Lezioni di Fisiologia L APPARATO GASTROENTERICO Prof. A. Pulcini Dipartimento di Scienze Chirurgiche Policlinico Umberto I Sapienza Roma L apparato digerente

Dettagli

In una ricca insalata di verdure sono contenute sostanze nutritive importanti per una sana e corretta alimentazione.

In una ricca insalata di verdure sono contenute sostanze nutritive importanti per una sana e corretta alimentazione. In una ricca insalata di verdure sono contenute sostanze nutritive importanti per una sana e corretta alimentazione. L ALIMENTAZIONE E L APPARATO DIGERENTE Una dieta equilibrata è fatta di tutti gli alimenti

Dettagli

Microvilli (circa 600 per cellula) Orletto a spazzola

Microvilli (circa 600 per cellula) Orletto a spazzola Microvilli (circa 600 per cellula) Orletto a spazzola Questa enorme superficie permette che, a livello del digiuno e dell ileo, abbia luogo l assorbimento dei monosaccaridi, degli amminoacidi, degli acidi

Dettagli

FASE ANATOMIA FISIOLOGIA Ingestione È l atto di mangiare GHIANDOLE SALIVARI Sono sei: - PAROTIDI (due grosse più grandi) situate davanti e

FASE ANATOMIA FISIOLOGIA Ingestione È l atto di mangiare GHIANDOLE SALIVARI Sono sei: - PAROTIDI (due grosse più grandi) situate davanti e IL SISTEMA DIGERENTE FASE ANATOMIA FISIOLOGIA Ingestione È l atto di mangiare GHIANDOLE SALIVARI Sono sei: - PAROTIDI (due grosse più grandi) situate davanti e Digestione Demolizione del cibo in molecole

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

La piramide alimentare

La piramide alimentare APPARATO DIGERENTE La dieta Corretta La piramide alimentare Dividiamo Tutto in Una Giornata Nell apparato digerente avvengono i processi digestivi, cioè tutte quelle reazioni fisiche e chimiche che trasformano

Dettagli

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro.

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro. Polipi precancerosi I polipi sono piccole escrescenze dovute ad una proliferazione eccessiva delle cellule sane della mucosa intestinale che può causare lo sviluppo di polipi cosiddetti adenomatosi (anche

Dettagli

A livello della loro struttura chimica, come i grassi, anche i carboidrati sono composti ternari, formati cioè da tre molecole:

A livello della loro struttura chimica, come i grassi, anche i carboidrati sono composti ternari, formati cioè da tre molecole: I carboidrati costituiscono la fonte di energia principale per lo svolgimento di tutte le funzioni organiche (mantenimento della temperatura corporea, battito cardiaco, funzioni cerebrali, digestione,

Dettagli

Funzioni dello stomaco

Funzioni dello stomaco corpo antro Funzioni dello stomaco 1. Storage accumulo di cibo in seguito ad apertura del SEI 2. Mescolamento del cibo con le secrezioni gastriche fino a formare una poltiglia acida detta chimo 3. Digestione

Dettagli

SCIENZE. L Apparato Digerente e la trasformazione degli alimenti. L apparato digerente. il testo:

SCIENZE. L Apparato Digerente e la trasformazione degli alimenti. L apparato digerente. il testo: 01 L apparato digerente Tutti gli esseri viventi hanno bisogno di energia per vivere. Le piante prendono l energia dalla luce del Sole. Gli animali invece mangiano, cioè prendono energia dagli alimenti.

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELL UOMO

ALIMENTAZIONE NELL UOMO ALIMENTAZIONE NELL UOMO Alimentazione e Nutrizione Corpo umano come macchina chimica che utilizza l energia chimica degli alimenti (quando si spezzano i legami chimici tra gli atomi che formano le macromolecole

Dettagli

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze.

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze. I L I P I D I ASPETTI GENERALI I Lipidi o grassi sono la riserva energetica del nostro organismo; nel corpo umano costituiscono mediamente il 17% del peso corporeo dove formano il tessuto adiposo. In generale

Dettagli

METABOLISMO DEI LIPIDI

METABOLISMO DEI LIPIDI METABOLISMO DEI LIPIDI Generalità I lipidi alimentari, per poter essere assorbiti dall organismo umano, devono essere preventivamente digeriti (ad eccezione del colesterolo), cioè, trasformati in molecole

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

Fondamenti di nutrizione umana

Fondamenti di nutrizione umana Corso Integrato Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Scienze Tecniche Dietetiche Anno Accademico 2011-12 12 Fondamenti di nutrizione umana Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi L alimentazione dell

Dettagli

PROF. ALESSANDRO MALFATTI. Corso di Fisiologia e Benessere degli animali in produzione DIGESTIONE ENTERICA

PROF. ALESSANDRO MALFATTI. Corso di Fisiologia e Benessere degli animali in produzione DIGESTIONE ENTERICA DIGESTIONE ENTERICA Nell'INTESTINO TENUE prosegue la digestione chimico-enzimatica di PROTEINE, CARBOIDRATI, LIPIDI Nell'INTESTINO CIECO e nel COLON avviene una digestione fermentativa (microbica) della

Dettagli

La nutrizione e il metabolismo

La nutrizione e il metabolismo La nutrizione e il metabolismo 1. Le sostanze nutritive, o nutrienti 2. Definizione di metabolismo 3. Il metabolismo dei carboidrati 4. Il metabolismo dei lipidi 1 L apparato respiratorio 5. Il metabolismo

Dettagli

FISIOLOGIA dell Apparato Gastrointestinale

FISIOLOGIA dell Apparato Gastrointestinale FISIOLOGIA dell Apparato Gastrointestinale Apparato gastrointestinale Bocca Faringe Esofago Stomaco Duodeno Digiuno Ileo Colon Retto Ano + ghiandole annesse: Ghiandole salivari Pancreas esocrino Fegato

Dettagli

Mais, riso, patate, granozucchero di canna o barbabietola Latte da zucchero Polisaccaride Amido - - Disaccaride Maltosio Saccarosio Lattosio

Mais, riso, patate, granozucchero di canna o barbabietola Latte da zucchero Polisaccaride Amido - - Disaccaride Maltosio Saccarosio Lattosio Abbiamo visto che i carboidrati sono la principale fonte di energia nell'alimentazione umana. Nella nostra dieta, sono sopratutto presenti nella forma di amido, ma anche il saccarosio è presente in una

Dettagli

Motilità interdigestiva: Il Complesso Motorio Migrante (MMC)

Motilità interdigestiva: Il Complesso Motorio Migrante (MMC) 1 2 3 4 Motilità interdigestiva: Il Complesso Motorio Migrante (MMC) Origine dell MMC nello stomaco distale (contrazioni da fame) o nel duodeno Aumento della contrazione dello sfintere esofageo inferiore

Dettagli

-assicurare il fabbisogno plastico necessario alla riparazione protezione e ricambio dei tessuti.

-assicurare il fabbisogno plastico necessario alla riparazione protezione e ricambio dei tessuti. Il principali compiti derivanti dall assunzione periodica di cibo sono: -assicurare il giusto fabbisogno energetico necessario alla vita ed all attività muscolare (tenendo conto che entrate ed uscite devono

Dettagli

ANATOMIA E FISIOLOGIA DELL APPARATO GASTROINTESTINALE. Dott.ssa Cinzia Ferraris cinzia.ferraris@gmail.com

ANATOMIA E FISIOLOGIA DELL APPARATO GASTROINTESTINALE. Dott.ssa Cinzia Ferraris cinzia.ferraris@gmail.com ANATOMIA E FISIOLOGIA DELL APPARATO GASTROINTESTINALE Dott.ssa Cinzia Ferraris cinzia.ferraris@gmail.com L apparato digerente svolge le seguenti funzioni: Digestione Assorbimento Secrezione Motilità Eliminazione

Dettagli

L'APPARATO DIGERENTE - Generalità

L'APPARATO DIGERENTE - Generalità L'apparato digerente è anche detto tubo digerente, perché si tratta di un vero e proprio "tubo". Un tubo molto lungo, 10 o addirittura 12 metri! Lungo il suo percorso presenta delle dilatazioni e, come

Dettagli

Tema C Capitolo 3 L apparato digerente

Tema C Capitolo 3 L apparato digerente 1. A che cosa servono gli alimenti 2. Nutrienti organici: i carboidrati 3. Nutrienti organici: i lipidi 4. Nutrienti organici: le proteine 5. Nutrienti organici: le vitamine 6. I nutrienti inorganici 7.

Dettagli

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI)

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) Sono i composti chimici dei viventi. Sono formate da Carbonio (C), Idrogeno (H), Ossigeno (O), Azoto (N), Fosforo (P) e Zolfo (S).

Dettagli

LEZIONE 30: SISTEMA DIGERENTE

LEZIONE 30: SISTEMA DIGERENTE LEZIONE 30: SISTEMA DIGERENTE 1 ORGANO SECREZIONI FUNZIONI Bocca, faringe Masticazione, inizio riflesso deglutizione Ghiandole salivari Sali e acqua Muco Amilasi Lubrificare il cibo Lubrificare Digerire

Dettagli

SISTEMI ENERGETICI. L ATP privato di uno dei suoi 3 radicali fosforici diventa ADP (adenosindifosfato).

SISTEMI ENERGETICI. L ATP privato di uno dei suoi 3 radicali fosforici diventa ADP (adenosindifosfato). SISTEMI ENERGETICI LE FONTI ENERGETICHE MUSCOLARI I movimenti sono resi possibili, dal punto di vista energetico, grazie alla trasformazione, da parte dei muscoli, dell energia chimica ( trasformazione

Dettagli

L alimentazione e l apparato digerente A cura di Giovanna Puppo

L alimentazione e l apparato digerente A cura di Giovanna Puppo www.matematicamente.it Alimentazione e apparato digerente 1 L alimentazione e l apparato digerente A cura di Giovanna Puppo 1. Il nostro corpo deve assumere giornalmente alimenti, i quali svolgono le seguenti

Dettagli

Quali funzioni svolge l apparato digerente?

Quali funzioni svolge l apparato digerente? QUIZ Quali funzioni svolge l apparato digerente? Il nostro apparato digerente, attraverso la digestione, demolisce le grandi molecole che formano gli alimenti in frammenti più piccoli, che possono essere

Dettagli

FAME, APPETITO E SAZIETA

FAME, APPETITO E SAZIETA FAME, APPETITO E SAZIETA 1 FAME Necessità di un organismo ad assumere cibo Nel sistema nervoso centrale, a livello ipotalamico, si distinguono due zone il centro della fame il centro della sazietà La prima

Dettagli

Digerente 2. Faringe. Condotto muscolo-membranoso a forma di imbuto che mette in comunicazione: Cavità orale > esofago Cavità nasali > laringe

Digerente 2. Faringe. Condotto muscolo-membranoso a forma di imbuto che mette in comunicazione: Cavità orale > esofago Cavità nasali > laringe Digerente 2 Tratto ingestorio Faringe Condotto muscolo-membranoso a forma di imbuto che mette in comunicazione: Cavità faringea Cavità orale > esofago Cavità nasali > laringe Orofaringe, rinofaringe e

Dettagli

Il Sistema Respiratorio. Fisica Medica

Il Sistema Respiratorio. Fisica Medica Il Sistema Respiratorio La respirazione Trachea Bronchi Muscoli del diaframma I muscoli che controllano la respirazione fanno variare volume e pressione interna ai polmoni Fase Inspirazione Espirazione

Dettagli

Acqua: nutriente essenziale

Acqua: nutriente essenziale Acqua: nutriente essenziale Funzioni dell acqua 1. Solvente delle reazioni metaboliche; 2. Regola il volume cellulare; 3. Regola la temperatura corporea; 4. Permette il trasporto dei nutrienti; 5. Permette

Dettagli

Cosa è il diabete mellito

Cosa è il diabete mellito Cosa è il diabete mellito Il diabete mellito è una malattia a carico del metabolismo. L'origine del nome diabete mellito è greca, e fa riferimento alla caratteristica del miele di essere particolarmente

Dettagli

Ferro funzionale: mioglobina, enzimi i respiratori Ferro di deposito: ferritina, emosiderina Ferro di trasporto: transferrina

Ferro funzionale: mioglobina, enzimi i respiratori Ferro di deposito: ferritina, emosiderina Ferro di trasporto: transferrina L anemia sideropenica (cause ed effetti) FERRO (Fe) TIPOLOGIE NELL ORGANISMO Ferro funzionale: emoglobina, mioglobina, enzimi i respiratori i Ferro di deposito: ferritina, emosiderina Ferro di trasporto:

Dettagli

Il sistema immunitario utilizza strategie diverse di difesa che operano in tempi e con meccanismi diversi. Ci sono numerosi e complessi meccanismi

Il sistema immunitario utilizza strategie diverse di difesa che operano in tempi e con meccanismi diversi. Ci sono numerosi e complessi meccanismi Il sistema immunitario utilizza strategie diverse di difesa che operano in tempi e con meccanismi diversi. Ci sono numerosi e complessi meccanismi che impediscono agli invasori di entrare dentro all organismo

Dettagli

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA Ruolo fisiologico del calcio Omeostasi del calcio ASSORBIMENTO INTESTINALE DEL CALCIO OMEOSTASI GLICEMICA Il livello normale di glicemia? 90 mg/100 ml Pancreas

Dettagli

I G L U C I D I ASPETTI GENERALI

I G L U C I D I ASPETTI GENERALI I G L U C I D I ASPETTI GENERALI I glucidi sono i costituenti più importanti dei vegetali e le sostanze organiche più diffuse nella biosfera. Rappresentano solo l 1% del corpo umano ma hanno una notevole

Dettagli

Si possono suddividere in:

Si possono suddividere in: Si possono suddividere in: LIPIDI DI DEPOSITO: si accumulano nelle cellule del tessuto adiposo, sono una riserva energetica, mantengono costante la temperatura del corpo (termogenesi) LIPIDI STRUTTURALI:

Dettagli

COSA SONO I NUTRIENTI?

COSA SONO I NUTRIENTI? 1. DAGLI ALIMENTI AI NUTRIENTI Gli alimenti che mangiamo vengono digeriti e scomposti in elementi più semplici, i nutrienti, che vengono riversati nel flusso sanguigno per essere distribuiti a tutte le

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

Applied Nutritional Medicine

Applied Nutritional Medicine Glossario del corso di Medicina Nutrizionale Acidi Grassi: sono delle molecole a catena lunga che formano la quasi totalità dei lipidi complessi e dei grassi sia animali e vegetali. Se non attaccati ad

Dettagli

DIGESTIONE E METABOLISMO

DIGESTIONE E METABOLISMO DIGESTIONE E METABOLISMO Il cibo è essenzialmente costituito da proteine, lipidi (grassi e oli), zuccheri, acqua e sali minerali: le due ultime entità vengono assorbite senza cambiamenti. Le altre sostanze

Dettagli

BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA. Ecco LE MOSSE VINCENTI

BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA. Ecco LE MOSSE VINCENTI BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA Ecco LE MOSSE VINCENTI LA BOCCA I punti nevralgici della masticazione La bocca è, in tutti gli animali, il luogo in cui avviene la prima parte della digestione,

Dettagli

LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI PROTEINE. sono ACIDI NUCLEICI. molecole complesse = POLIMERI. formate dall'unione di

LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI PROTEINE. sono ACIDI NUCLEICI. molecole complesse = POLIMERI. formate dall'unione di LE BIOMOLECOLE LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI LE BIOMOLECOLE sono LIPIDI PROTEINE ACIDI NUCLEICI molecole complesse = POLIMERI formate dall'unione di molecole semplici = MONOMERI

Dettagli

Capitolo 16 L alimentazione e la digestione. Copyright 2006 Zanichelli editore

Capitolo 16 L alimentazione e la digestione. Copyright 2006 Zanichelli editore Capitolo 16 L alimentazione e la digestione Alimentazione ed elaborazione del cibo 16.1 Gli animali possono alimentarsi in vari modi Tutti gli animali si nutrono di altri organismi: gli animali che mangiano

Dettagli

con la dissoluzione di rocce (magnesio, calcio, solfato, idrogeno) e altri elementi (CO2). Donat Written by l, d F Y H:i - Last Updated l, d F Y H:i

con la dissoluzione di rocce (magnesio, calcio, solfato, idrogeno) e altri elementi (CO2). Donat Written by l, d F Y H:i - Last Updated l, d F Y H:i Rogaška Slatina vanta una delle sorgenti più preziose in tutta Europa. Già da molti secoli viene scelta come meta da numerosi ospiti, che vogliono ripristinare nel proprio corpo l'equilibrio dei sali minerali

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

APPARATO DIGERENTE. La funzione principale dell'apparato digerente è nutrire l'organismo. 1. FASI DELLA NUTRIZIONE

APPARATO DIGERENTE. La funzione principale dell'apparato digerente è nutrire l'organismo. 1. FASI DELLA NUTRIZIONE APPARATO DIGERENTE La funzione principale dell'apparato digerente è nutrire l'organismo. 1. FASI DELLA NUTRIZIONE Bocca Faringe Esofago Ghiandole salivari INGESTIONE Il cibo viene triturato dai denti,

Dettagli

Appunti di istologia EPITELI GHIANDLARI. STUDENTI X L'UNIVERSITA' Testi e immagini raccolte da Roberta F. www.studxwebmedicina.altervista.

Appunti di istologia EPITELI GHIANDLARI. STUDENTI X L'UNIVERSITA' Testi e immagini raccolte da Roberta F. www.studxwebmedicina.altervista. Appunti di istologia EPITELI GHIANDLARI STUDENTI X L'UNIVERSITA' Testi e immagini raccolte da Roberta F. www.studxwebmedicina.altervista.org Ghiandole Cellule singole o organi specializzati nella produzione

Dettagli

Funzione dell apparato digerente

Funzione dell apparato digerente APPARATO DIGERENTE Funzione dell apparato digerente Digestione: processo di trasformazione degli alimenti in sostanze semplici Assimilazione: passaggio delle sostanze semplici nel sangue Apparato digerente

Dettagli

Tessuto epiteliale Tessuto connettivo Tessuto muscolare Tessuto nervoso TESSUTO

Tessuto epiteliale Tessuto connettivo Tessuto muscolare Tessuto nervoso TESSUTO Tessuto epiteliale TESSUTO Ogni cellula del nostro organismo ha lo stesso patrimonio genetico ma, allora, perché ogni cellula è diversa da un altra? Del messaggio genetico ricevuto ogni cellula legge un

Dettagli

1. Omogenizzazione meccanica del cibo 2. Secrezione di elettroliti 3. Secrezione di enzimi digestivi

1. Omogenizzazione meccanica del cibo 2. Secrezione di elettroliti 3. Secrezione di enzimi digestivi La dieta deve contenere, oltre all acqua, combustibile metabolico, proteine per la crescita e il ricambio delle proteine tissutali, fibre per far massa nel lume intestinale, minerali essenziali per specifiche

Dettagli

Alimentazione Fabbisogni 4.8

Alimentazione Fabbisogni 4.8 08/2000 Alimentazione Fabbisogni 4.8 IL FOSFORO P di Cosmino Giovanni Basile Lo scheletro è la parte più ricca di fosforo di tutto l organismo. Nel tessuto osseo il P si trova sotto forma di fosfato tricalcico

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it I macronutrienti 1 Ogni alimento può essere composto da: Carboidrati Proteine Grassi Questi sono conosciuti come macronutrienti 2 Il cibo va forse valutato solo in funzione del suo apporto calorico? ASSOLUTAMENTE

Dettagli

Apparato Digerente: Digestione e Assorbimento dei Nutrienti

Apparato Digerente: Digestione e Assorbimento dei Nutrienti Apparato Digerente: Digestione e Assorbimento dei Nutrienti Augusto Innocenti Dottore in Biologia Perfezionamento in Biochimica e Biologia Molecolare Phd in Neurobiologia e Neurofisiologia cavità orale

Dettagli

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi.

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Le proteine Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Per avere un idea più precisa, basti pensare che tutti i muscoli del nostro corpo sono composti da filamenti di proteine

Dettagli

Introduzione Il segreto del ph per la salute e la linea 7. La salute dipende dall equilibrio nell organismo 11

Introduzione Il segreto del ph per la salute e la linea 7. La salute dipende dall equilibrio nell organismo 11 Sommario Introduzione Il segreto del ph per la salute e la linea 7 1 2 3 4 5 6 7 La salute dipende dall equilibrio nell organismo 11 Se aumenta l acidità nel nostro corpo nascono i disturbi 27 Un eccesso

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

Niccolò Taddei Biochimica

Niccolò Taddei Biochimica Niccolò Taddei Biochimica VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono

Dettagli

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Diabete Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Epidemiologia Popolazione mondiale affetta intorno al 5%

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT ACQUATICI (nuoto,tuffi,pallanuoto,immersione,, surf, windsurf,sci d acqua o VELA) Necessitano una DIETA EQUILIBRATA Ogni SPORT ha CARATTERISTICHE

Dettagli

L'Alimentazione (principi alimentari e consigli) Una Sana Alimentazione Ogni essere vivente introduce cibo nell'organismo: questo processo prende il nome di ALIMENTAZIONE. Introdurre cibo nel nostro corpo

Dettagli

Inizia con lo stomaco e termina con l intestino retto e comprende:

Inizia con lo stomaco e termina con l intestino retto e comprende: INTESTINO ADDOMINALE* Inizia con lo stomaco e termina con l intestino retto e comprende: stomaco intestino tenue con duodeno, digiuno e ileo (intestino mesenterico), fegato e pancreas intestino crasso

Dettagli

Quanto dura l effetto. Limite di età A partire dai 12 anni A partire dai 18 anni. Dove agisce. Modalità d assunzione

Quanto dura l effetto. Limite di età A partire dai 12 anni A partire dai 18 anni. Dove agisce. Modalità d assunzione Bruciore di stomaco? La conoscete? È quella sensazione bruciante dietro lo sterno, ad es. dopo aver mangiato determinati cibi o in situazioni di stress. Oppure quel liquido dal sapore acido o salato, nella

Dettagli

Le ossa e i muscoli. Per saperne di più. Nella terra e nello spazio. Immagini del corpo umano

Le ossa e i muscoli. Per saperne di più. Nella terra e nello spazio. Immagini del corpo umano Le ossa e i muscoli Le ossa Le ossa sono formate da tessuto osseo compatto e spugnoso. All interno delle ossa c è il midollo irrorato dai vasi sanguigni. I muscoli I muscoli dello scheletro sono collegati

Dettagli

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1%

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1% CARBOIDRATI 1 GLUCIDI Il termine deriva dal greco, dolce, dato che i più semplici hanno sapore dolce; vengono anche chiamati carboidrati Sono i costituenti più importanti dei vegetali che li sintetizzano

Dettagli

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento L o l i o d i c a n a p a n e l l a l i m e n t a z i o n e L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

Dettagli

OBESITA. 11 Aprile 2013

OBESITA. 11 Aprile 2013 OBESITA 11 Aprile 2013 L obesità è una patologia cronica caratterizzata dall eccessivo accumulo di tessuto adiposo nell organismo ed è causata da fattori ereditari e non ereditari che determinano un introito

Dettagli

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può Sale e salute Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può causare gravi problemi alla salute. La quantità

Dettagli

Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse.

Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse. ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 7 PANCREAS Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse. Isole del Langherans Contengono da poche centinaia

Dettagli

TEST HELICOBACTER PYLORI CARD

TEST HELICOBACTER PYLORI CARD Cod. ID: Data: Paziente: TEST HELICOBACTER PYLORI CARD Test rapido one step per la diagnosi qualitativa dell antigene di Helicobacter pylori nelle feci HELICOBACTER PYLORI COS E TEST Helicobacter pylori

Dettagli

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini.

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini. IL LATTE DEFINIZIONE GENERALE Per latte alimentare si intende il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione. Le femmine dei

Dettagli

I Papillomavirus sono tutti uguali?

I Papillomavirus sono tutti uguali? Cos è il Papillomavirus? Il Papillomavirus è un microscopico nemico della tua salute. Attento, però, a non sottovalutare la pericolosità di questo microrganismo lungo solo 55 milionesimi di millimetro.

Dettagli

forme diabetiche Diabete di tipo I o magro o giovanile (IDDM): carenza primaria di insulina, più frequente nei giovani e nei bambini. Il deficit insulinico consegue (per predisposizione ereditaria o per

Dettagli