Definizioni Scarico: Scarico esistente: c)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Definizioni Scarico: Scarico esistente: c)"

Transcript

1 ¾D.lgs 11 maggio 1999 n. 152 Disposizioni sulla tutela delle acque dall inquinamento e recepimento della direttiva 91/271/CEE concernente il trattamento delle acque reflue urbane e della direttiva 91/676/CEE relativa alla protezione delle acque dall inquinamento provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole. ¾D.lgs. 18 agosto 2000 n. 258 Disposizioni correttive e integrative del decreto legislativo 11 maggio 1999 n. 152, in materia di tutela delle acque dall inquinamento, a norma dell articolo 1, comma 4, della legge 24 aprile 1998, n.128.

2 Definizioni Scarico: immissione diretta tramite condotta di acque reflue liquide, semiliquide e comunque convogliabili in acque superficiali, suolo sottosuolo e reti fognarie. Scarico esistente: a) acque reflue urbane in esercizio e conformi al regime autorizzativo previgente al 13 giugno 1999 ovvero di impianti di impianti di trattamento per i quali alla stessa data siano completate le procedure relative alle gare d appalto; b) acque reflue domestiche in esercizio e conformi al regime autorizzativo previgente al13 giugno 1999; c) acque reflue industriali in esercizio e già autorizzati alla data del 13 giugno 1999.

3 Autorità competente al rilascio dell autorizzazione (segue) Provincia per scarichi a) di acque reflue industriali in corso d acqua superficiale, suolo e sottosuolo; b) di acque reflue urbane in corso d acqua superficiale, suolo e sottosuolo; c) di acque reflue domestiche in corso d acqua superficiale ed in falda (pompe di calore);

4 Autorità competente al rilascio dell autorizzazione Comune per scarichi a) di acque reflue industriali in fognatura; b) di acque reflue domestiche in suolo e sottosuolo.

5 Disciplina degli scarichi (art.28 D.lgs.152/99) (segue) ¾Tutti gli scarichi sono disciplinati in funzione del rispetto degli obbiettivi di qualità del corpo recettore e dei limiti di emissione previsti dall all.to 3 del D.lgs.152/99. ¾Le Regioni definiscono limiti di emissione diversi da quelli di cui all all.to 5 sia in concentrazione sia in quantità per ogni sostanza inquinante. ¾Le Regioni non possono stabilire limiti meno restrittivi di quelli di cui all all.to 5. ¾Gli scarichi devono essere resi accessibili per il campionamento nel punto assunto per la misurazione.

6 Disciplina degli scarichi (art.28 D.lgs.152/99) ¾L autorità di controllo può effettuare tutte le ispezioni necessarie all accertamento dello scarico. ¾Scarichi parziali contenenti le sostanze della tab. 5 dell all.to 5 possono essere sottoposti a trattamento particolare. ¾Divieto assoluto di diluizione con acque prelevate allo scopo o con acque di raffreddamento o di lavaggio e quindi eventuale separazione di dette acque dallo scarico terminale.

7 Scarico in acque superficiali (art. 31 d. lgs.152/99) ¾Acque reflue industriali: rispetto dei limiti di emissione di cui all art. 28 del d.lgs.152/99 in funzione dell obiettivo di qualità. ¾Acque reflue urbane: trattamento secondario o equivalente entro: Il 31/12/2000 per scarichi provenienti da agglomerati con oltre AE; Il 31/12/2005 per scarichi provenienti da agglomerati con un numero di AE compreso fra e ; Il 31/12/20005 per scarichi provenienti da agglomerati con un numero di AE compreso fra e ¾Acque reflue domestiche: rispetto dei limiti fissati dalle Regioni nell ambito della disciplina di cui all art.28 commi 1 e 2.

8 Scarico in reti fognarie (art. 32 d. lgs.152/99) ¾Acque reflue industriali: rispetto dei limiti fissati dall Ente Gestore della pubblica fognatura o della tab. 3 dell all.to 5. ¾Acque reflue domestiche: sempre ammesse nelle reti fognarie nel rispetto del regolamento emanato dall Ente Gestore.

9 Autorizzazione agli scarichi (art. 45 d.lgs.152/99) Tutti gli scarichi devono essere autorizzati L autorizzazione è rilasciata al: Titolare dello scarico Consorzio, ove costituito, in caso di scarico in comune fra più soggetti L autorizzazione è: Limitata nel tempo (dura quattro anni) Rinnovabile (un anno prima della scadenza ne deve essere chiesto il rinnovo, fatta eccezione per le aziende certificate EMAS secondo quanto disposto dall art. 18 del D.dl. recante Disposizioni in campo ambientale ) Espressa (deve esistere un atto autorizzativo) Condizionata (può contenere prescrizioni)

10 Domanda di autorizzazione (art. 46 d.lgs.152/99) (segue) La domanda di autorizzazione, presentata dal titolare dello scarico, deve contenere i seguenti elementi: Caratteristiche quali-quantitative dello scarico Quantità di acqua da prelevare nell anno solare Corpo recettore Punto di prelievo Sistema complessivo di scarico Relazione tecnica relativa al processo produttivo Sistemi depurativi

11 Domanda di autorizzazione (art. 46 d.lgs.152/99) Se nel processo produttivo sono presenti le sostanze di cui alla tab. 3/A dell all.to 5 devono essere contenuti anche gli ulteriori elementi di seguito elencati: Capacità di produzione del singolo stabilimento industriale riferito alla massima capacità oraria per il numero massimo di ore lavorative giornaliere per il numero massimo di giorni lavorativi Fabbisogno orario di acque per specifico processo produttivo

12 Sanzioni amministrative (art. 54 D.lgs 152/99) (segue) ¾Superamento dei limiti di legge per scarichi di acque reflue domestiche, urbane ed industriali. ¾Attivazione di scarico senza autorizzazione per scarichi di acque reflue domestiche ed urbane servite o meno da impianti di depurazione. ¾Mancata osservanza delle prescrizioni contenute nell autorizzazione per scarichi di acque reflue domestiche, urbane ed industriali. In questo caso, ai sensi dell art.51, contestualmente alla sanzione, si procede alla notifica della:

13 Sanzioni amministrative (art. 54 D.lgs 152/99) Diffida stabilendo un termine entro il quale devono essere eliminate le irregolarità; Diffida e contestuale sospensione temporanea della autorizzazione in caso di pericolo per la salute pubblica e per l ambiente Revoca dell autorizzazione in caso di inosservanza delle prescrizioni imposte con la diffida e in caso di reiterate violazioni che determinano pericolo per la salute pubblica e per l ambiente.

14 Sanzioni penali ( art. 59 D.lgs.152/99) Si applicano le sanzioni penali nei casi di seguito elencati. ¾Superamento dei limiti di legge per scarichi di acque reflue domestiche, urbane ed industriali contenenti le sostanze di cui alla tab. 3A dell all.to 5. ¾Attivazione di scarichi non autorizzati per scarichi di acque reflue industriali. ¾Mancata ottemperanza dell art. 62 c.12 per scarichi di acque industriali. ¾Accesso non consentito all autorità di controllo.

LA DISCIPLINA DEGLI SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA E NELLE ACQUE SUPRFICIALI

LA DISCIPLINA DEGLI SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA E NELLE ACQUE SUPRFICIALI LA DISCIPLINA DEGLI SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA E NELLE ACQUE SUPRFICIALI Agnone 27 settembre Dr.ssa Rossi Anna - ARPA Molise Dipartimento Provinciale Isernia 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Decreto Legislativo

Dettagli

PROVINCIA DI FERRARA Servizio Risorse Idriche e Tutela Ambientale Ufficio Acque e Monitoraggio Ambientale

PROVINCIA DI FERRARA Servizio Risorse Idriche e Tutela Ambientale Ufficio Acque e Monitoraggio Ambientale PROVINCIA DI FERRARA Servizio Risorse Idriche e Tutela Ambientale Ufficio Acque e Monitoraggio Ambientale DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI E ASSIMILATE ALLE DOMESTICHE

Dettagli

Azienda Speciale Ufficio d Ambito

Azienda Speciale Ufficio d Ambito Azienda Speciale Ufficio d Ambito della Provincia di Mantova REGOLAMENTO DI FOGNATURA DELL AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA 25 Febbraio 2016 Premessa Piano D Ambito 2015 D.Lgs. 152/2006

Dettagli

LE COMPETENZE AMBIENTALI DELLA NUOVA PROVINCIA

LE COMPETENZE AMBIENTALI DELLA NUOVA PROVINCIA LE COMPETENZE AMBIENTALI DELLA NUOVA PROVINCIA Pesaro, 5 dicembre 2017 LA DISCIPLINA DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE IL RUOLO DELLA PROVINCIA LE RECENTI SEMPLIFICAZIONI NORMATIVE Provincia Pesaro e Urbino

Dettagli

distruzione di un habitat all interno di un sito protetto o comunque suo deterioramento con compromissione dello stato di conservazione

distruzione di un habitat all interno di un sito protetto o comunque suo deterioramento con compromissione dello stato di conservazione I reati ambientali presupposto ex art. 25-undecies del d.lgs. 231/2001 Articoli TUTELA DELLE SPECIE ANIMALI E VEGETALI SELVATICHE PROTETTE art. 727-bis c.p. TUTELA DELL HABITAT art. 733-bis c.p. ACQUA

Dettagli

COMUNE DI MONTALTO PAVESE REGOLAMENTO COMUNALE. Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 24 giugno 2005.

COMUNE DI MONTALTO PAVESE REGOLAMENTO COMUNALE. Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 24 giugno 2005. COMUNE DI MONTALTO PAVESE (Provincia di PAVIA) REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI FOGNATURE E SCARICHI AL SUOLO Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 24 giugno 2005. +++++++++++++++ S O M

Dettagli

Autorità Idrica Toscana

Autorità Idrica Toscana Grosseto 05/04/2013 Prot. P. or. Spett. Unione Comuni Montani Colline del Fiora Sig. Daniele Magnapane P.or Spett. Dipartimento ARPAT Grosseto Dr. Fabio Anedda P.or Spett. Acquedotto del Fiora S.p.A. Ing.

Dettagli

Ragione Sociale Partita Iva comune indirizzo tel. fax Dati della sede operativa/impianto (se diversi dalla sede legale)

Ragione Sociale Partita Iva comune indirizzo tel. fax  Dati della sede operativa/impianto (se diversi dalla sede legale) PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 Norme in Materia Ambientale non in pubblica

Dettagli

D.Lgs. 3 aprile 2006 n.152 Norme in materia ambientale

D.Lgs. 3 aprile 2006 n.152 Norme in materia ambientale D.Lgs. 3 aprile 2006 n.152 Norme in materia ambientale parte prima: disposizioni comuni parte seconda: procedure per valutazione ambientale strategica (VAS), valutazione impatto ambientale (VIA) e autorizzazione

Dettagli

1. IDENTIFICAZIONE DELL AZIENDA/DITTA Denominazione Nome azienda/ditta Sede legale in via n cap. Comune Prov. Tel. Fax

1. IDENTIFICAZIONE DELL AZIENDA/DITTA Denominazione Nome azienda/ditta Sede legale in via n cap. Comune Prov. Tel. Fax SCHEDA TECNICA DI RILEVAMENTO DELL ATTIVITA E DELLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA DELLE ACQUE REFLUE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI DI TIPO RESIDENZIALE O ASSIMILABILE Tab. 1 e 2 D.P.R. 19 ottobre 2011, n.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SMALTIMENTO REFLUI

REGOLAMENTO COMUNALE SMALTIMENTO REFLUI REGOLAMENTO COMUNALE SMALTIMENTO REFLUI ISTRUZIONE PRATICHE E SOPRALLUOGHI Articoli del Regolamento: 1 Oggetto del Regolamento 2 Definizione delle funzioni 3 Domande ed Autorizzazioni Documentazione 4

Dettagli

Le procedure e le metodiche di verifica degli scarichi produttivi dott. Mauro Bocciarelli Ordine Nazionale dei Chimici

Le procedure e le metodiche di verifica degli scarichi produttivi dott. Mauro Bocciarelli Ordine Nazionale dei Chimici Le procedure e le metodiche di verifica degli scarichi produttivi dott. Mauro Bocciarelli Ordine Nazionale dei Chimici ATTIVITA DEL CHIMICO Il DPR 328/2001, all'art. 36 di seguito riportato, descrive sinteticamente

Dettagli

SCHEDA «H»: SCARICHI IDRICI 1/4

SCHEDA «H»: SCARICHI IDRICI 1/4 SCHEDA «H»: SCARICHI IDRICI Totale punti di scarico finale N 2 N Scarico finale 1 1 2 Impianto, fase o gruppo di fasi di provenienza 2 Sezione H1 - SCARICHI INDUSTRIALI e DOMESTICI Volume medio annuo scaricato

Dettagli

CITTÀ DI TOLMEZZO Provincia di Udine

CITTÀ DI TOLMEZZO Provincia di Udine CITTÀ DI TOLMEZZO Provincia di Udine SCHEDA TECNICA DI RILEVAMENTO DATI SCARICHI IN CORPO IDRICO, SUL SUOLO O NEL SUOLO, DI ACQUE REFLUE ASSIMILATE ALLE DOMESTICHE 1. Dati anagrafici 1.1 Ditta:.... 1.2

Dettagli

REATI CONTRAVVENZIONALI PREVISTI DAL D.LGS.

REATI CONTRAVVENZIONALI PREVISTI DAL D.LGS. PAT/RFD334-31/07/2015-0396785 - Allegato Utente 2 (A02) REATI CONTRAVVENZIONALI PREVISTI DAL D.LGS. 152/2006 (cd. Codice dell ambiente) 29 quattuordecies Sanzioni (autorizzazioni integrate ambientali)

Dettagli

ALLEGATO N. 6 DATI TECNICI SULLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI CHE RECAPITANO IN PUBBLICA FOGNATURA

ALLEGATO N. 6 DATI TECNICI SULLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI CHE RECAPITANO IN PUBBLICA FOGNATURA (*) Scarico N. Estremi catastali del punto di scarico FOGLIO N. MAPPALI N. Scarico in : pubblica rete fognaria pubblica rete fognaria recapitante nel collettore consortile collettore consortile pubblico

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa...

INDICE SOMMARIO. Premessa... INDICE SOMMARIO Premessa... XIII CAPITOLO 1 L OGGETTO DELLA TUTELA PENALE DELL AM- BIENTE. PROTEZIONE DELLE SPECIE, DEGLI HABITAT E DELLE AREE NATURALI PROTETTE 1. L oggetto della tutela penale dell ambiente:

Dettagli

Dip. IV Servizi di Tutela e Valorizzazione dell'ambiente Servizio 2 Tutela delle acque, suolo e risorse idriche

Dip. IV Servizi di Tutela e Valorizzazione dell'ambiente Servizio 2 Tutela delle acque, suolo e risorse idriche A.O.O. Provincia di Roma Ufficio 4/2 Anno 2014 Classificazione PTA 3.4. Fascicolo 4.25.. RIF/ Data 13/10/2014 Al Dirigente del Servizio 4 Provvedimenti Integrati e Sanzioni Ambientali Dott.ssa Paola Camuccio

Dettagli

Lo smaltimento delle acque refluee domestiche

Lo smaltimento delle acque refluee domestiche Lo smaltimento delle acque refluee domestiche COMUNE DI TARANO Sportello Unico per l'edilizia Il responsabile del servizio COLALELLI Alessandro Ver.1.1 Obiettivo a lungo termine La presentazione vuole

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA

PROVINCIA DI GORIZIA PROVINCIA DI GORIZIA 34170 Gorizia - Corso Italia, 55 - tel. 0481/385277 - FAX 0481/385251 - cod. Fisc e P.IVA 00123060311 DIREZIONE SVILUPPO TERRITORIALE E AMBIENTE Servizio Tutela del Territorio e Ambiente

Dettagli

1. IDENTIFICAZIONE DELL AZIENDA/DITTA

1. IDENTIFICAZIONE DELL AZIENDA/DITTA Sezione Riservata all Ente Prot. del Cat. Comune SCHEDA TECNICA DI RILEVAMENTO DELL ATTIVITA E DELLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA DELLE ACQUE REFLUE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI DI TIPO NON RESIDENZIALE

Dettagli

26/11/2013. Quadro giuridico di riferimento. D.Lgs 152/06 Parte III. Competenza ( art. 75) CORSO DI DIRITTO DELL AMBIENTE PARTE III

26/11/2013. Quadro giuridico di riferimento. D.Lgs 152/06 Parte III. Competenza ( art. 75) CORSO DI DIRITTO DELL AMBIENTE PARTE III Quadro giuridico di riferimento CORSO DI DIRITTO DELL AMBIENTE PARTE III Nazionale Dlgs 152/06 Parte III Regionale L.R. 6/2003 ( Piemonte) Legge regionale n. 2/2000 art. 4 (FVG) Legge regionale n. 7/2001

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE DIPARTIMENTO TERRITORIO E AMBIENTE DIREZIONE AMBIENTE SERVIZIO TUTELA DELLE ACQUE DALL'INQUINAMENTO E GESTIONE DEI RIFIUTI PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE OGGETTO : RINNOVO

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SEGRETERIA TECNICA ATO

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SEGRETERIA TECNICA ATO PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SEGRETERIA TECNICA ATO Prot. Generale N. 0062780 / 2013 Atto N. 2605 OGGETTO: D. Lgs. 152/2006 - L.R. 30/2006

Dettagli

Gli scarichi industriali nell'autorizzazione Unica Ambientale

Gli scarichi industriali nell'autorizzazione Unica Ambientale Gli scarichi industriali nell'autorizzazione Unica Ambientale Inquadramento normativo e caratteristiche del territorio Brianteo Speaker Giuseppe Spina 05 maggio 2016 Definizioni scarico: qualsiasi immissione

Dettagli

Provincia di Asti Normativa AUA per le autorizzazioni allo scarico

Provincia di Asti Normativa AUA per le autorizzazioni allo scarico Provincia di Asti Normativa AUA per le autorizzazioni allo scarico Dott. Marco Bertolino Dott.ssa Valentina Cerigo Definizione di scarico Qualsiasi immissione di acque reflue in acque superficiali, sul

Dettagli

PROVINCIA SUD SARDEGNA

PROVINCIA SUD SARDEGNA Regolamento per il rilascio delle autorizzazioni allo scarico delle acque reflue fuori dalla pubblica fognatura, approvato con delibera del Consiglio provinciale del 23 novembre 2016, n. 20 PREMESSA La

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SEGRETERIA TECNICA ATO

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SEGRETERIA TECNICA ATO PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SEGRETERIA TECNICA ATO Prot. Generale N. 0099276 / 2013 Atto N. 4417 OGGETTO: D. Lgs. 152/2006 - L.R. 30/2006

Dettagli

ARPAE Agenzia regionale per la prevenzione, l'ambiente e l'energia dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi

ARPAE Agenzia regionale per la prevenzione, l'ambiente e l'energia dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi ARPAE Agenzia regionale per la prevenzione, l'ambiente e l'energia dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi Determinazione dirigenziale n. DET-AMB-2016-46 del 28/01/2016 Oggetto DPR 13 MARZO 2013

Dettagli

ARPAE Agenzia regionale per la prevenzione, l'ambiente e l'energia dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi

ARPAE Agenzia regionale per la prevenzione, l'ambiente e l'energia dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi ARPAE Agenzia regionale per la prevenzione, l'ambiente e l'energia dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi Determinazione dirigenziale n. DET-AMB-2016-79 del 04/02/2016 Oggetto D.LGS 152/06 PARTE

Dettagli

CHIEDE A TALE SCOPO DICHIARA:

CHIEDE A TALE SCOPO DICHIARA: DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE PROVENIENTI DA STABILIMENTO INDUSTRIALE E NON RECAPITANTI IN PUBBLICA FOGNATURA Marca da bollo da Euro 16,00 ALLA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE Di TREVISO

Dettagli

QUANDO ENTRA IN VIGORE COSA CAMBIA

QUANDO ENTRA IN VIGORE COSA CAMBIA Bologna 14 Dicembre 2010 Alla luce dell entrata in vigore del Decreto Legislativo 29 Giugno 2010, n. 128 che apporta modifiche al cosiddetto Testo Unico Ambientale (D.Lgs n. 152/2006) si trasmette la seguente

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 122 Presentata dai Consiglieri Violino, Follegot, Franz,

Dettagli

IN CASO DI PIÙ VIOLAZIONI

IN CASO DI PIÙ VIOLAZIONI 07/02/14 BOLOGNA 07/02/14 BOLOGNA IN CASO DI PIÙ VIOLAZIONI ART. 260 BIS COMMA 9 BIS (INTRODOTTO CON D.LGS. 121 DEL 2011) Chi con un'azione od omissione viola diverse disposizioni di cui al presente articolo

Dettagli

7) di dare atto che il presente provvedimento non comporta oneri a carico del bilancio della Regione. IM/

7) di dare atto che il presente provvedimento non comporta oneri a carico del bilancio della Regione. IM/ LA GIUNTA REGIONALE Vista la legge regionale 24 agosto 1982, n. 59 Norme per la tutela delle acque dall inquinamento ; visto il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e successive modificazioni (Norme

Dettagli

MONITORAGGIO AGGLOMERATI

MONITORAGGIO AGGLOMERATI La Corte di Giustizia Europea ha fissato al 31/12/2015 la scadenza per il completamento delle opere funzionali al superamento delle non conformità alla Dir. 91/271/CEE in particolare per gli agglomerati

Dettagli

D.P.R. 13 marzo 2013 n. 59

D.P.R. 13 marzo 2013 n. 59 D.P.R. 13 marzo 2013 59 Regolamento recante la disciplina l autorizzazione unica ambientale e la semplificazione di adempimenti amministrativi in materia ambientale gravanti sulle piccole e medie imprese

Dettagli

DELIBERA N. 156 RELATIVA ALLA SEDUTA DEL C.I. DEL 19 giugno 2007 Pagina 1 di 6. Autorità di Bacino

DELIBERA N. 156 RELATIVA ALLA SEDUTA DEL C.I. DEL 19 giugno 2007 Pagina 1 di 6. Autorità di Bacino Pagina 1 di 6 CRITERI PER LA DEFINIZIONE DEL DEFLUSSO MINIMO VITALE DEL BACINO DEL FIUME SERCHIO, DI CUI ALLE DELIBERE DI COMITATO ISTITUZIONALE N. 121 DEL 1 AGOSTO 2002 E N. 152 DEL 20 FEBBRAIO 2007.

Dettagli

RICHIEDE L AUTORIZZAZIONE

RICHIEDE L AUTORIZZAZIONE 2 Spett.le COMUNE DI SERAVEZZA VIA XXIV MAGGIO, 22 55047 SERAVEZZA (LU) DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON RECAPITANTI IN PUBBLICA FOGNATURA (Ai sensi della L.R. n 20/2006

Dettagli

Legge regionale 26 luglio 2002, n. 32. LEGGE REGIONALE 26 gennaio 2016, n. 3

Legge regionale 26 luglio 2002, n. 32. LEGGE REGIONALE 26 gennaio 2016, n. 3 12 29.1.2016 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 Le modifiche sono stampate con caratteri corsivi e con le note ne sono specificate le fonti. Legge regionale 26 luglio 2002, n. 32 LEGGE

Dettagli

Autorità Idrica Toscana Destinatario Sig. MARES SRL (P.IVA ) Sede legale: Via Tuffarelli II n. 70 nel Comune di San Giorgio a Cremano (NA)

Autorità Idrica Toscana Destinatario Sig. MARES SRL (P.IVA ) Sede legale: Via Tuffarelli II n. 70 nel Comune di San Giorgio a Cremano (NA) Autorità Idrica Toscana Destinatario Sig. MARES SRL (P.IVA 03083751218) Sede legale: Via Tuffarelli II n. 70 nel Comune di San Giorgio a Cremano (NA) Oggetto: Parere A.U.A. per lo scarico di acque reflue

Dettagli

Nome recettore. Trattamento fanghi. Inquinanti presenti nell emissione 5 e loro caratteristiche. Concentrazione media (mg/l) 7

Nome recettore. Trattamento fanghi. Inquinanti presenti nell emissione 5 e loro caratteristiche. Concentrazione media (mg/l) 7 Nella planimetria dell installazione (rif. Allegato 2d) devono essere individuati tutti i punti di scarico contraddistinti con la sigla S1, S2, S3,, Sn; si compilerà una tabella per ogni scarico (Esempio:

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SEGRETERIA TECNICA ATO

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SEGRETERIA TECNICA ATO PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SEGRETERIA TECNICA ATO Prot. Generale N. 0005149 / 2014 Atto N. 156 OGGETTO: D. Lgs. 152/2006 - L.R. 30/2006

Dettagli

La disciplina normativa dei liquami aziendali, privati e pubblici tra regole e prassi. Edizione 2014

La disciplina normativa dei liquami aziendali, privati e pubblici tra regole e prassi. Edizione 2014 SCARICHI & SCARICHI La disciplina normativa dei liquami aziendali, privati e pubblici tra regole e prassi Edizione 2014 Diritto all ambiente - Edizioni Segreteria organizzativa: Viale Donato Bramente n.

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Integrazioni e rettifiche alla deliberazione 9 giugno 2003 n. 1053 "Direttiva concernente indirizzi per l'applicazione del D.Lgs 11 maggio 1999 n. 152 come modificato dal D.Lgs 18 agosto 2002 n. 258 recante

Dettagli

CHECK LIST PER TRASMISSIONE PRATICHE SUAP :

CHECK LIST PER TRASMISSIONE PRATICHE SUAP : AUTORITÀ DI AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N.1 CAMPANIA - CALORE IRPINO Comune di Prot. S.U.A.P. Ditta/Richiedente Indirizzo Prot. ATO Calore Irpino Codice Pratica CHECK LIST PER TRASMISSIONE PRATICHE SUAP

Dettagli

SCHEDA «H»: SCARICHI IDRICI

SCHEDA «H»: SCARICHI IDRICI SCHEDA «H»: SCARICHI IDRICI Totale punti di scarico finale N 3 N Scarico finale 1 PF1 (#) Impianto, fase o gruppo di fasi di provenienza 2 Sezione H1 - SCARICHI INDUSTRIALI e DOMESTICI Modalità di scarico

Dettagli

Indice VII. Cap. 1. Elementi di Diritto Ambientale

Indice VII. Cap. 1. Elementi di Diritto Ambientale VII Indice Cap. 1. Elementi di Diritto Ambientale 1. L evoluzione del diritto ambientale italiano... 1 2. Nozione e tutela nella Costituzione... 4 3. I principii fondamentali.... 7 4. Le fonti del diritto

Dettagli

Allegato 1 D.Lgs. 3 aprile 2006, n 152

Allegato 1 D.Lgs. 3 aprile 2006, n 152 Allegato 1 D.Lgs. 3 aprile 2006, n 152 SCHEDA DI RILEVAMENTO DI SCARICO DELLE ACQUE REFLUE PRODOTTE DALLO STABILIMENTO (da allegare sempre alla domanda di autorizzazione allo scarico) IDENTIFICAZIONE DELL

Dettagli

Diritto dell ambiente. Tutela delle acque dall inquinamento

Diritto dell ambiente. Tutela delle acque dall inquinamento Diritto dell ambiente Tutela delle acque dall inquinamento D. Lgs. 152/2006 Parte Terza: Norme in materia di difesa del suolo e lotta alla desertificazione, di tutela delle acque dall inquinamento e di

Dettagli

AUTORITA DI AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE n.3 Medio Valdarno

AUTORITA DI AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE n.3 Medio Valdarno AUTORITA DI AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE n.3 Medio Valdarno Regolamento per il rilascio delle autorizzazioni allo scarico delle acque reflue urbane e industriali in pubblica fognatura (art. 3, comma 2,

Dettagli

AMBIENTE Autorizzazione unica ambientale

AMBIENTE Autorizzazione unica ambientale Numero 2151 Reg. Determinazioni Registrato in data 21/11/2017 AMBIENTE Autorizzazione unica ambientale Dirigente: CLAUDIO CONFALONIERI OGGETTO DPR 13.03.2013 N 59, AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE DITTA

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE. ha approvato IL PRESIDENTE DELLA REGIONE. promulga SOMMARIO

IL CONSIGLIO REGIONALE. ha approvato IL PRESIDENTE DELLA REGIONE. promulga SOMMARIO Pagina 1 di 5 L.R. 23 Novembre 2006, n. 17 "Disciplina regionale relativa al programma d azione per le zone vulnerabili da nitrati di origine agricola e all utilizzazione agronomica degli effluenti di

Dettagli

Art. 3 (Finalità del Regolamento)

Art. 3 (Finalità del Regolamento) Parte I N. 15 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 6-5-2013 3253 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Regolamento Regionale 3 maggio 2013, n. 2 REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE PER I SUAP DELLA PROVINCIA DI BERGAMO rev. 1 settembre Enti a cui mandare avvio procedimento. Provincia

ISTRUZIONI OPERATIVE PER I SUAP DELLA PROVINCIA DI BERGAMO rev. 1 settembre Enti a cui mandare avvio procedimento. Provincia allo scarico su suolo D.Lvo152/06 RR3/06 RR4/06 d Ambito (ATO) solo se lo scarico è dentro agglomerato d Ambito (ATO) solo se lo scarico è dentro agglomerato del parco solo se lo scarico ricade in area

Dettagli

Modaltà di AVVIO Rifermenti Normativi Responsabile Termine di conclusione gg. Silenzio Assenzo

Modaltà di AVVIO Rifermenti Normativi Responsabile Termine di conclusione gg. Silenzio Assenzo SETTORE AMBIENTE E DEMANIO IDRICO SERVIZIO DEMINAZIONE E OGGETTO DEL PROCEDIMENTO delle acque reflue urbane in corpo idrico superficiale Istanza di autorizzazione in carta semplice e documentazione tecnicoamministrativa

Dettagli

DOMANDA DI NUOVA/RINNOVO/VOLTURA 1 AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI NELLA PUBBLICA FOGNATURA DEL COMUNE DI

DOMANDA DI NUOVA/RINNOVO/VOLTURA 1 AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI NELLA PUBBLICA FOGNATURA DEL COMUNE DI DOMANDA DI NUOVA/RINNOVO/VOLTURA 1 AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI NELLA PUBBLICA FOGNATURA DEL COMUNE DI Spazio per protocollo Spett.le Piave Servizi S.r.l. Via F. Petrarca n.

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (D.lgs. 152/06, L.R. 20/06, DPGRT 46/r del )

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (D.lgs. 152/06, L.R. 20/06, DPGRT 46/r del ) 1 ESTREMI DI ISCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE (A CURA DELL UFFICIO) Ufficio ricevente Presentata il Modalità di inoltro Data protocollo Num. Prot fax a mano posta via telematica NUMERO ASSEGNATO ALLA PRATICA

Dettagli

SCHEDA «H»: SCARICHI IDRICI

SCHEDA «H»: SCARICHI IDRICI SCHEDA «H»: SCARICHI IDRICI Totale punti di scarico finale N 1 (unico) N Scarico finale 1 1 Impianto, fase o gruppo di fasi di provenienza 2 Acque Nere Servizi Igienici Sezione H1 - SCARICHI INDUSTRIALI

Dettagli

GESTIONE AMBIENTALE DELLE ACQUE METEORICHE

GESTIONE AMBIENTALE DELLE ACQUE METEORICHE In collaborazione con: Con il patrocinio di: GIORNATA DI FORMAZIONE SU RISORSE IDRICHE ATTUAZIONE DEL PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE NEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO GESTIONE AMBIENTALE DELLE ACQUE METEORICHE

Dettagli

COMUNE DI CASACALENDA (Provincia di Campobasso)

COMUNE DI CASACALENDA (Provincia di Campobasso) COMUNE DI CASACALENDA (Provincia di Campobasso) Marca da bollo 14,62 Al Responsabile del Settore Tecnico del Comune di Casacalenda Corso Roma n.78 86043 CASACALENDA (CB) DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 45 DELIBERAZIONE 8 ottobre 2003, n. 171

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 45 DELIBERAZIONE 8 ottobre 2003, n. 171 DELIBERAZIONE 8 ottobre 2003, n. 171 Articolo 18 del decreto legislativo 11 maggio 1999 n. 152 concernente la tutela delle acque dall inquinamento. Individuazione delle aree sensibili del bacino regionale

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE: CONCA DEI MARINI

AMBITO TERRITORIALE: CONCA DEI MARINI Allegato C.1 modulistica Modello di istanza per scarichi su suolo o nei primi strati del sottosuolo di acque reflue domestiche proveniente da insediamenti o edifici provenienti da insediamenti inferiori

Dettagli

COMUNE DI BRENTA PROVINCIA DI VARESE

COMUNE DI BRENTA PROVINCIA DI VARESE COMUNE DI BRENTA PROVINCIA DI VARESE ^^^^^^^^ DISCIPLINA DEGLI ALLACCIAMENTI ALLA FOGNATURA COMUNALE =========================================== REGOLAMENTO Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

A.I.A. (D.Lgs. 59/05)

A.I.A. (D.Lgs. 59/05) SCHEDA «H»: SCARICHI IDRICI Totale punti di scarico finale N 1 Sezione H1 - SCARICHI INDUSTRIALI e DOMESTICI N Scarico finale 1 Impianto, fase o gruppo di fasi di provenienza 2 Volume medio annuo scaricato

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI:

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI: DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI: ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO IN PUBBLICA FOGNATURA La domanda di autorizzazione allo scarico deve essere presentata in triplice copia di cui una

Dettagli

Tariffe e addebiti vari

Tariffe e addebiti vari REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Parte II Fognatura e Depurazione Allegato Tariffe e addebiti vari Regolamento del Servizio Idrico Integrato Parte II 1/14 Elaborato A CONTRIBUTO FISSO AI FINI

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA

PROVINCIA DI GORIZIA PROVINCIA DI GORIZIA 34170 Gorizia - Corso Italia, 55 - tel. 0481/385277 - FAX 0481/385251 - cod. Fisc e P.IVA 00123060311 DIREZIONE SVILUPPO TERRITORIALE E AMBIENTE Servizio Tutela del Territorio e Ambiente

Dettagli

scarichi per i quali l obbligo di autorizzazione preventiva è stato introdotto

scarichi per i quali l obbligo di autorizzazione preventiva è stato introdotto D. L. 4 GIUGNO 2004 N. 144 DIFFERIMENTO DELLA DISCIPLINA SULLA QUALITA DELLE ACQUE DI BALNEAZIONE CONVERTITO IN LEGGE CON MODIFICAZIONI DALLA L. 28 LUGLIO 2004 N. 192 NOTE INTERPRETATIVE ALL ART. 1, COMMI

Dettagli

Le procedure previste dal D.P.R. 59/2013 ed i portali per la presentazione della domanda

Le procedure previste dal D.P.R. 59/2013 ed i portali per la presentazione della domanda Mantova, 10 maggio 2017 Le procedure previste dal D.P.R. 59/2013 ed i portali per la presentazione della domanda Dott. Ing. Sandro Bellini Responsabile Servizio Acque e Suolo, Protezione Civile Ing. Lara

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PER IL CONTROLLO DELLE UTENZE TITOLARI DI UNO SCARICO DI ACQUE REFLUE NELLA PUBBLICA FOGNATURA

PROCEDURA OPERATIVA PER IL CONTROLLO DELLE UTENZE TITOLARI DI UNO SCARICO DI ACQUE REFLUE NELLA PUBBLICA FOGNATURA Servizio Idrico Integrato Terni ATI4 UMBRIA V.le Bramante, 43 TERNI Servizio Idrico Integrato Via l Maggio, 65 TERNI PROCEDURA OPERATIVA PER IL CONTROLLO DELLE UTENZE TITOLARI DI UNO SCARICO DI ACQUE REFLUE

Dettagli

Frequenza giorni/anno giorni/settimana ore giorno. Nome recettore. Concentrazione media (mg/l) 7

Frequenza giorni/anno giorni/settimana ore giorno. Nome recettore. Concentrazione media (mg/l) 7 Nella planimetria dell Installazione (rif. Allegato 2d) devono essere individuati tutti i punti di scarico contraddistinti con la sigla S1, S2, S3,, Sn; si compilerà una tabella per ogni scarico (Esempio:

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO Al Sindaco del Comune di San Cesario sul Panaro Marca da bollo sottoscritt nat a Prov. il in qualità di legale rappresentante titolare della ditta con sede legale

Dettagli

COMUNE DI BUDRIO. Provincia di Bologna ALLEGATO 1

COMUNE DI BUDRIO. Provincia di Bologna ALLEGATO 1 COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna ALLEGATO 1 D. Lgs. n 152/ 06 - DGR 286/05 e DGR 1860/06 SCHEDA DI RILEVAMENTO DELL ATTIVITA E DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI E/O DI ACQUE METEORICHE DI

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione Integrata Ambientale ai sensi del D.Lgs. 18/02/2005 n. 59.

Oggetto: Autorizzazione Integrata Ambientale ai sensi del D.Lgs. 18/02/2005 n. 59. Oggetto: Autorizzazione Integrata Ambientale ai sensi del D.Lgs. 18/02/2005 n. 59. GESTORE: RIDA AMBIENTE Srl soc. unipersonale P.I. 01478930595 SEDE LEGALE: via Valcamonica snc 04011 Aprilia LT STABILIMENTO

Dettagli

La normativa antinfortunistica Italiana. Come cambia la Vigilanza

La normativa antinfortunistica Italiana. Come cambia la Vigilanza La normativa antinfortunistica Italiana Come cambia la Vigilanza La Tipologia Sanzionatoria Norme Previgenti Violazioni con previsione di: ARRESTO o AMMENDA (Contravvenzioni) SANZIONI AMMINISTRATIVE Nuova

Dettagli

ALLO SCARICO / ALL ALLACCIO

ALLO SCARICO / ALL ALLACCIO MODULO UNICO DI RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO / ALL ALLACCIO ACQUE REFLUE COMUNI DI LANGHIRANO E LESIGNANO DE BAGNI LA COMPILAZIONE DEI MODULI DEVE ESSERE PRECEDUTA DALLA CORRETTA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Indice testo unico D.Lgs. 152/06

Indice testo unico D.Lgs. 152/06 ndice testo unico D.Lgs. 152/06 PAGNE PARTE SEZONE TTOLO CAPO CONTENUT ARTCOL 2 35 ndice degli argomenti 36 39 40 45 45 50 50 53 53 54 54 63 63 68 68 70 70 74 75 79 80 86 Schema del Decreto Parte - Disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI SCARICHI ACQUE REFLUE SOMMARIO

REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI SCARICHI ACQUE REFLUE SOMMARIO REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI SCARICHI ACQUE REFLUE Delibera C.C. n. 287 del 2 /11/87 NORME RELATIVE AGLI SCARICHI SOMMARIO TITOLO I SCARICHI ED INSEDIAMENTI CIVILI SEZIONE I SCARICHI IN PUBBLICHE FOGNATURE

Dettagli

GESTIONE delle RISORSE IDRICHE

GESTIONE delle RISORSE IDRICHE Corso di laurea specialistica in Ingegneria delle Acque e della Difesa del Suolo Corso di GESTIONE delle RISORSE IDRICHE a.a. 2003-2004 Prof. Luca Lanza Dipartimento di Ingegneria Ambientale - DIAM LEGISLAZIONE

Dettagli

Parere n. 319/AUA del 10/06/2015. Il Responsabile

Parere n. 319/AUA del 10/06/2015. Il Responsabile Autorità Idrica Toscana Destinatario Sig. ALESSIO CIAMPI CIAMPI ALESSIO (P.IVA 05405590489) Sede legale: Via Provinciale di Mercatale n. 8/10 nel Comune di Vinci (FI) Oggetto: Parere A.U.A. per lo scarico

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO In triplice copia Marca da bollo Al Sig. PRESIDENTE dell Amministrazione Provinciale di Vibo Valentia V Settore Tutela Ambientale e Difesa del Suolo C.da Bitonto 89900 Vibo Valentia Tel. 0963 / 997260

Dettagli

ACQUE E AMBIENTE MARINO COSTIERO 2014 Inquinamento delle risorse idriche Conformità dei sistemi di depurazione delle acque reflue urbane (Depuratori)

ACQUE E AMBIENTE MARINO COSTIERO 2014 Inquinamento delle risorse idriche Conformità dei sistemi di depurazione delle acque reflue urbane (Depuratori) ACQUE E AMBIENTE MARINO COSTIERO 2014 Inquinamento delle risorse idriche Conformità dei sistemi di depurazione delle acque reflue urbane (Depuratori) Nome indicatore DPSIR Fonte dati Conformità dei sistemi

Dettagli

La disciplina degli scarichi industriali nell AUA (Autorizzazione Unica Ambientale)

La disciplina degli scarichi industriali nell AUA (Autorizzazione Unica Ambientale) La disciplina degli scarichi industriali nell AUA (Autorizzazione Unica Ambientale) Iter legislativo Contenuti del D.P.R. 59/2013 Iter autorizzativo Oneri finanziari Durata rinnovi - modifiche Che cos

Dettagli

Principali riferimenti normativi in Regione Piemonte

Principali riferimenti normativi in Regione Piemonte Decreto Legislativo 03 aprile 2006 n. 152 Norme in materia ambientale. Principali riferimenti normativi in Regione Piemonte Legge Regionale n. 13 del 26/03/1990 "Disciplina degli scarichi delle pubbliche

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE NON SERVITE DA PUBBLICA FOGNATURA

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE NON SERVITE DA PUBBLICA FOGNATURA REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE NON SERVITE DA PUBBLICA FOGNATURA Approvato con delibera consiliare n. 65 del 22.07.2011 Art. 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

Attività Produttive. Altre richieste Autorizzazione Unica Ambientale (AUA) Descrizione

Attività Produttive. Altre richieste Autorizzazione Unica Ambientale (AUA) Descrizione Attività Produttive Altre richieste Autorizzazione Unica Ambientale (AUA) Descrizione L'Autorizzazione Unica Ambientale è un unico provvedimento autorizzativo che sostituisce e comprende diversi titoli

Dettagli

DISCIPLINARE REGOLANTE L AUTORIZZAZIONE AGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE O ASSIMILATE DI CONSISTENZA INFERIORE

DISCIPLINARE REGOLANTE L AUTORIZZAZIONE AGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE O ASSIMILATE DI CONSISTENZA INFERIORE DISCIPLINARE REGOLANTE L AUTORIZZAZIONE AGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE O ASSIMILATE DI CONSISTENZA INFERIORE E/O EGUALE A 50 ABITANTI EQUIVALENTI L AUTORIZZAZIONE IN DEROGA AGLI SCARICHI DI ACQUE

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE PER I SUAP DELLA PROVINCIA DI BERGAMO rev. 2 maggio 2016 ALLEGATO D. Enti a cui mandare avvio procedimento

ISTRUZIONI OPERATIVE PER I SUAP DELLA PROVINCIA DI BERGAMO rev. 2 maggio 2016 ALLEGATO D. Enti a cui mandare avvio procedimento allo scarico su suolo D.Lvo152/06 RR3/06 RR4/06 d Ambito (ATO) solo se lo scarico è dentro agglomerato solo se lo scarico è dentro agglomerato mandare d Ambito (ATO) del parco solo se lo scarico ricade

Dettagli

COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza SERVIZIO LAVORI PUBBLICI URBANISTICA AMBIENTE

COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza SERVIZIO LAVORI PUBBLICI URBANISTICA AMBIENTE Prot. n. 1179 Castell Arquato, li 09.02.2015 PROVVEDIMENTO CONCLUSIVO DEL PROCEDIMENTO AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE (D.P.R. 13 marzo 2013 n. 59 e succ. modificazioni) IL RESPONSABILE DELLO SPORTELLO

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA

PROVINCIA DI GORIZIA PROVINCIA DI GORIZIA 34170 Gorizia- Corso Italia, 55 - tel. 0481/385277 - FAX 0481/385251 - cod. Fisc e P.IVA 00123060311 DIREZIONE SVILUPPO TERRITORIALE E AMBIENTE Servizio Tutela del Territorio e Ambiente

Dettagli

REGOLAMENTO DI UTENZA DELLA FOGNATURA CONSORTILE DELL AGGLOMERATO INDUSTRIALE GALATINA - SOLETO

REGOLAMENTO DI UTENZA DELLA FOGNATURA CONSORTILE DELL AGGLOMERATO INDUSTRIALE GALATINA - SOLETO CONSORZIO PER L AREA DI SVILUPPO INDUTRIALE DI LECCE Ente Pubblico Economico Legge 5.10.1991 n 317 - L.R. 8. marzo 2007 n 2 ********************* REGOLAMENTO DI UTENZA DELLA FOGNATURA CONSORTILE DELL AGGLOMERATO

Dettagli

DEFINIZIONE DI ACQUE REFLUE

DEFINIZIONE DI ACQUE REFLUE DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE: NORMATIVA E FINALITÀ PROF. ANTONIO PANICO Indice 1 DEFINIZIONE DI ACQUE REFLUE ------------------------------------------------------------------------------------- 3 2

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA

PROVINCIA DI GORIZIA PROVINCIA DI GORIZIA 34170 Gorizia - Corso Italia, 55 - tel. 0481/385277 - FAX 0481/385251 - cod. Fisc e P.IVA 00123060311 DIREZIONE SVILUPPO TERRITORIALE E AMBIENTE Servizio Tutela del Territorio e Ambiente

Dettagli

Contenuti della sezione ACQUE

Contenuti della sezione ACQUE Contenuti della sezione ACQUE La Qualità delle acque superficiali Azioni del Dipartimento di Como Punti di monitoraggio delle acque superficiali Descrittore: Stato ecologico dei corsi d acqua Descrittore:

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DELL ATTIVITÀ DENOMINAZIONE E RAGIONE SOCIALE SEDE LEGALE INDIRIZZO NUMERO TELEFONO E FAX CODICE FISCALE/PARTITA IVA

IDENTIFICAZIONE DELL ATTIVITÀ DENOMINAZIONE E RAGIONE SOCIALE SEDE LEGALE INDIRIZZO NUMERO TELEFONO E FAX CODICE FISCALE/PARTITA IVA SCHEDA TECNICA PER IL RINNOVO DELL AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA PER EDIFICI OD INSTALLAZIONI IN CUI SI SVOLGANO ATTIVITA COMMERCIALI O DI PRODUZIONE DI BENI DAI QUALI DERIVINO ACQUE

Dettagli

Allegato A. La Giunta regionale ha approvato Il Presidente della Giunta emana. Il seguente regolamento SOMMARIO

Allegato A. La Giunta regionale ha approvato Il Presidente della Giunta emana. Il seguente regolamento SOMMARIO Allegato A Proposta di regolamento recante disposizioni in materia di scarichi in pubblica fognatura e fuori pubblica fognatura in attuazione della legge regionale 3 marzo 2015, n. 22 (Riordino delle funzioni

Dettagli

AI FINI DELL AUTORIZZAZIONE DICHIARA: LOCALIZZAZIONE SCARICO: Via foglio catastale n. particella con coordinate geografiche N E

AI FINI DELL AUTORIZZAZIONE DICHIARA: LOCALIZZAZIONE SCARICO: Via foglio catastale n. particella con coordinate geografiche N E Al Comune di Porcari Tutela e Assetto del Territorio Ufficio Ambiente Piazza Felice Orsi, 1 55016 Porcari (LU) RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE ED ASSIMILATE IN RECAPITO

Dettagli

SCHEDA TECNICA. di rilevamento dello scarico acque reflue e/o meteoriche nelle fognature consortili Pag. 1 di 5

SCHEDA TECNICA. di rilevamento dello scarico acque reflue e/o meteoriche nelle fognature consortili Pag. 1 di 5 meteoriche nelle fognature consortili Pag. 1 di 5 da allegare alla domanda di autorizzazione allo scarico (D. Lgs. 152-11.5.99 Disposizioni sulla tutela delle acque dall inquinamento) Si raccomanda, prima

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SEGRETERIA TECNICA ATO

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SEGRETERIA TECNICA ATO PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SEGRETERIA TECNICA ATO Prot. Generale N. 0060866 / 2013 Atto N. 2515 OGGETTO: D. Lgs. 152/2006 - L.R. 30/2006

Dettagli