DIREZIONE NAZIONALE DELIBERA Disposizioni di base in ordine al Vestiario dei Soci della ANVVF

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIREZIONE NAZIONALE DELIBERA Disposizioni di base in ordine al Vestiario dei Soci della ANVVF"

Transcript

1 DIREZIONE NAZIONALE DELIBERA Disposizioni di base in ordine al Vestiario dei Soci della ANVVF La Direzione Nazionale, riunitasi presso la sede nazionale a Roma, il giorno 17 giugno 2011, viste le proposte della Commissione vestiario, considerata la necessità di dare alle Sezioni territoriali indirizzi chiari e univoci allo scopo di uniformare foggia e colori dei capi di vestiario per il miglioramento dell immagine della Associazione e dell espletamento dei compiti sociali, delibera 1) ABITO SOCIALE DI RAPPRESENTANZA L abito di rappresentanza è costituito da giacca blu scuro, pantaloni grigio con scarpe nere, camicia azzurra, cravatta con il nuovo logo, distintivo da bavero e da taschino. L abito di rappresentanza può essere arricchito con le mostrine delle decorazioni personali sul taschino del lato sinistro della giacca, allo scopo di valorizzare l immagine dei Soci. 2) ABITO SOCIALE DI LAVORO Premesso che la necessità di disporre da parte dei Soci di un abito di lavoro discende dal disposto di cui all art.2, commi d) e e) dello Statuto nazionale, quale strumento indispensabile per l espletamento dei compiti indicati, l abito sociale da lavoro è costituito da una tuta (giacca e pantaloni, in versione estiva e invernale) di foggia e colore uguale a quella ad una banda gialla non più adottata dal Corpo, riconfigurata come da foto n 1 e n 2 di seguito indicate, 1

2 . fig.1 Sulla parte anteriore, all altezza del taschino sinistro, lato cuore, è inserito il nome della Sezione, ad esempio ROMA, e sul lato destro può essere aggiunto il logo dell UNICEF. 2

3 fig.2 Sullo schienale, la scritta della Sezione ROMA, ovviamente, va centrata. Il copricapo da lavoro è di tipo sportivo, blu con visiera, logo frontale e scritta laterale ricamati come da foto n di seguito riportate: 3

4 4

5 fig.4 Logo ricamato sulla parte frontale 5

6 6

7 Sotto l abito da lavoro o sotto l interno del giaccone parapioggia, (vedi appresso), può essere indossato d inverno un maglione e d estate una MAGLIETTA, di colore rosso-amaranto, similare a quella adottata dai vigili permanenti, sulla quale compare il logo dell Associazione, posto solo sul lato anteriore, all altezza del cuore, identico a quello del giaccone parapioggia. 3) GIACCONE PARAPIOGGIA Il giaccone è di foggia e colore uguale a quello non più in uso al Corpo con la scritta riconfigurata come di seguito indicata, anche per il capo interno, in fig : 7

8 fig.7. La scritta della Sezione, in questo esempio ROMA, va centrato. 8

9 9

10 fig.9. Anche in questo caso il nome della Sezione deve essere centrato. Il copricapo del giaccone è quello sportivo blu, già illustrato in precedenza, quando il Socio è impegnato in lavori sociali. 4) PETTORINA L uso della pettorina è confermato, fino ad esaurimento, nelle varie attività lavorative in occasione delle quali può essere utilizzato il copricapo sportivo dell abito da lavoro. 10

11 5) ABBIGLIAMENTO ESTIVO Nei mesi di luglio ed a volte, in agosto, quando l estate è particolarmente torrida, la partecipazione dei Soci in abito di rappresentanza a manifestazioni anche importanti, comporta disagi fisici che sarebbe bene attenuare. Quando esiste l impossibilità evidente di indossare l abito di rappresentanza, è adottata una camicia azzurra mezze maniche (camiciotto a due/tre bottoni), senza cravatta, pantaloni grigi e scarpe nere. Sulla camicia viene appuntato il distintivo da taschino della Associazione. COMPONENTE FEMMINILE Salvo diverso avviso del Coordinamento femminile, che confermerà o modificherà gli indirizzi di seguito elencati per la componente femminile, si propone quanto segue: -abito sociale di rappresentanza costituito da giacca blu, pantalone o gonna grigia, camicia azzurra con foulard e scarpe nere. -abito sociale da lavoro, per foggia e colore, identico a quello utilizzato dalla componente maschile. - FOULARD come quello rappresentato in FOTO, 11

12 12

13 REGOLE DELLA ANVVF PER L USO DEGLI ABITI SOCIALI Le seguenti regole sono osservate dai Soci della Anvvf nelle vesti di rappresentanti del Sodalizio stesso o partecipanti a manifestazioni ed altro. 1. Lo Stendardo nazionale e gli Stendardi di Sezione. 1.1 La presenza della stendardo nazionale e di quelli di Sezione richiede di norma che questi ultimi siano accompagnati da un Alfiere e da due Soci di scorta in abito sociale di rappresentanza con guanti bianchi e con copricapo, costituito dall elmo nero Mispa dismesso dal Corpo nazionale, ai fini della massima visibilità e riconoscimento. 2. Cerimonie solenni. 2.1 Sono considerate cerimonie solenni la Festa della Repubblica del 2 giugno e la Festa di Santa Barbara del 4 dicembre. 2.2 Eccezionalmente, sono annoverate come cerimonie solenni quelle deliberate dal Direttivo nazionale della Anvvf o dal Dipartimento dei Vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile alle quali partecipano i Soci della Anvvf. 2.3 Alle predette cerimonie, oltre allo stendardo con la scorta, secondo il disposto di cui al comma 1.1, i Soci presenziano in abito di rappresentanza, facoltativamente con le decorazioni personali, seguendo il programma predisposto dalle Autorità, o dal Dipartimento dei Vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile o dal Comando provinciale dei Vigili del fuoco. 2.4 I Soci di rappresentanza della Anvvf che sfilano il 2 giugno in Via dei Fori imperiali a Roma, ai fini della massima visibilità davanti al Presidente della Repubblica, alle massime Autorità dello Stato ed alla popolazione in festa, indossano d obbligo il vecchio elmo nero da intervento con banda gialla, i guanti bianchi e le decorazioni personali sull abito sociale. 3. Cerimonie ordinarie 3.1 Sono considerate cerimonie ordinarie, ad esempio, la inaugurazione di una sede di servizio vvf o di una sede Anvvf, il funerale di un Socio, la commemorazione dei defunti del 2 novembre, le cerimonie di associazioni d arma o di protezione civile, i raduni internazionali, le manifestazioni varie in rappresentanza della Associazione, gli Onori resi ai Caduti, gli incontri con i media e la tv, la scorta al Medagliere della Associazione nazionale Nastro tricolore ed altro In tali occasioni i Soci indossano l abito sociale di rappresentanza, mentre l opportunità della presenza dello stendardo viene valutata di volta in volta dal Presidente di Sezione o richiesta dal Comando provinciale dei Vigili del fuoco. 13

14 4. Congresso nazionale I delegati che partecipano al Congresso nazionale indossano l abito sociale di rappresentanza il primo giorno di apertura dei lavori e l ultimo giorno di chiusura dei lavori. 5. Consiglio nazionale Durante i lavori del Consiglio non sussiste alcun obbligo di indossare l abito sociale 6. Raduno nazionale a. Nella giornata celebrativa del Raduno, durante lo svolgimento delle cerimonie programmate, i Soci indossano l abito di rappresentanza. Le Socie indossano l abito di rappresentanza con foulard. b. I Gruppi Bandiera, cui sono affidati gli stendardi Nazionale e della Sezione organizzatrice, sono costituiti dall Alfiere, da un Socio di scorta al suo fianco destro e da due Soci, posizionati dietro lo stendardo. c. I componenti del Gruppo Bandiera nazionale e quello della Sezione organizzatrice, in abito di rappresentanza con guanti bianchi indossano anche il vecchio elmo nero da intervento con banda gialla. d. Gli Alfieri delle altre Sezioni, per ragioni organizzative, si inquadrano ed, eccezionalmente, sfilano da soli, senza le rispettive scorte, indossando il vecchio elmo nero da intervento con banda gialla ed i guanti bianchi. Si dovrà prevedere l organizzazione di eventuali cambi per l avvicendamento dei colleghi in caso di necessità. 7. Attività statutarie In tutte le attività i Soci indossano l abito sociale da lavoro secondo le indicazioni del Presidente di Sezione. I Presidenti delle Sezioni garantiranno la scrupolosa osservanza della presente Delibera. La Direzione Nazionale 14

L Uniforme Descrizione e Regolamento sull uso

L Uniforme Descrizione e Regolamento sull uso L Uniforme Descrizione e Regolamento sull uso CROCE ROSSA ITALIANA ISPETTORATO NAZIONALE PIONIERI COLLANA MANUALI E NORMATIVE N. 1 Edizione 2008 versione 5.1 Introduzione Il Regolamento illustra la composizione

Dettagli

C.R.I. - Ispettorato Provinciale Volontari del Soccorso di Udine aggiornato dall Ispettore Provinciale Roberto Not 335.6073800 robertonot@tin.

C.R.I. - Ispettorato Provinciale Volontari del Soccorso di Udine aggiornato dall Ispettore Provinciale Roberto Not 335.6073800 robertonot@tin. CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE Regolamento per l uso dell'uniforme dei Volontari del Soccorso Regolamento di applicazione dell art.7, comma 3, del Regolamento dei Volontari del Soccorso emanato

Dettagli

REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone.

REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone. REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone. Approvato con delibera della Commissione Straordinaria con i poteri del Consiglio Comunale n. 47 del 10/04/2014 Esecutivo dal 10 aprile 2014 INDICE CAPO

Dettagli

19 RADUNO NAZIONALE DELL ASSOCIAZIONE DEI VIGILI DEL FUOCO DEL CORPO NAZIONALE L AQUILA 9 GIUGNO 2012 ORDINE DI SFILATA

19 RADUNO NAZIONALE DELL ASSOCIAZIONE DEI VIGILI DEL FUOCO DEL CORPO NAZIONALE L AQUILA 9 GIUGNO 2012 ORDINE DI SFILATA Associazione Nazionale Vigili del Fuoco del Corpo Nazionale Iscritta al n. 161/2002 del Registro delle Persone Giuridiche presso l UfficioTerritoriale del Governo Roma Firmissima est inter pares amicitia

Dettagli

ATTENZIONE!!! I capi di abbigliamento regolamentari hanno il marchio e l'etichetta della Scouting

ATTENZIONE!!! I capi di abbigliamento regolamentari hanno il marchio e l'etichetta della Scouting ATTENZIONE!!! PER CAPI DI ABBIGLIAMENTO: I capi di abbigliamento regolamentari hanno il marchio e l'etichetta della Scouting TUTTE LE MISURE in centimetri INDICATE NELLE TABELLE A FIANCO DELLE TAGLIE SONO

Dettagli

Divisa Operativa ABBIGLIAMENTO

Divisa Operativa ABBIGLIAMENTO Divisa Operativa ABBIGLIAMENTO Basco Colore Nero Giacca con 4 tasche a toppa sul davanti con pattella e chiusura tramite velcro. Spalline porta tubolari. Chiusura con bottoni automatici. Colore Verde Caccia

Dettagli

2) Guaine (controspalline) Da utilizzarsi unicamente con camicia, impermeabile, giaccone e giubbotti impermeabili.

2) Guaine (controspalline) Da utilizzarsi unicamente con camicia, impermeabile, giaccone e giubbotti impermeabili. Allegato C Segni identificativi del grado ed accessori sull uniforme Sezione prima. Segni identificativi del grado 1) Spalline Le spalline sono realizzate nel medesimo tessuto e colore dei capi di vestiario

Dettagli

PROGRAMMA TRIESTE. 12 GIUGNO 2014 Ore 11,30: Conferenza stampa presso la sala del palazzo della Regione;

PROGRAMMA TRIESTE. 12 GIUGNO 2014 Ore 11,30: Conferenza stampa presso la sala del palazzo della Regione; PROGRAMMA TRIESTE 12 GIUGNO 2014 Ore 11,30: Conferenza stampa presso la sala del palazzo della Regione; 13 GIUGNO 2014 Ore 9,00: Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco - Onori ai caduti dei Vigili del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI VESTIARIO AL PERSONALE TECNICO ED AUSILIARIO ADDETTO A SERVIZI DIVERSI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI VESTIARIO AL PERSONALE TECNICO ED AUSILIARIO ADDETTO A SERVIZI DIVERSI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI VESTIARIO AL PERSONALE TECNICO ED AUSILIARIO ADDETTO A SERVIZI DIVERSI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 30.3.1995; 5.6.1996; DECRETO RETTORALE UFFICIO COMPETENTE Rip. Provveditorato

Dettagli

Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE

Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE Emendato ed approvato con delibera del Consiglio comunale n. 19 del 25/02/2009 1

Dettagli

ALLEGATO A SEZIONE I: Composizione delle divise e dei completi INDICE

ALLEGATO A SEZIONE I: Composizione delle divise e dei completi INDICE ALLEGATO A SEZIONE I: Composizione delle divise e dei completi INDICE 1 DIVISA ORDINARIA... 2 1.1 Completo invernale... 2 1.2 Completo estivo... 2 2 DIVISA DI SERVIZIO (COMPLETO OPERATIVO)... 3 2.1 Completo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DOTAZIONE DEL VESTIARIO E DEGLI ACCESSORI PER C.U.P.M.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DOTAZIONE DEL VESTIARIO E DEGLI ACCESSORI PER C.U.P.M. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DOTAZIONE DEL VESTIARIO E DEGLI ACCESSORI PER C.U.P.M. 1 Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina la tipologia e la frequenza di dotazione del vestiario

Dettagli

1 ALLEGATO AL REGOLAMENTO DELLE UNIFORMI E DEI DISTINTIVI L ASSOCIAZIONE A SERVIZIO DEL PROSSIMO PER GLI IDEALI CHE HANNO COSTRUITO L ITALIA

1 ALLEGATO AL REGOLAMENTO DELLE UNIFORMI E DEI DISTINTIVI L ASSOCIAZIONE A SERVIZIO DEL PROSSIMO PER GLI IDEALI CHE HANNO COSTRUITO L ITALIA ENGEA Gribaldini Volontari a Cavallo ODV per la protezione civile e la salvaguardia ambientale 1 ALLEGATO AL REGOLAMENTO DELLE UNIFORMI E DEI DISTINTIVI L ASSOCIAZIONE A SERVIZIO DEL PROSSIMO PER GLI IDEALI

Dettagli

REGOLAMENTO VESTIARIO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO VESTIARIO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO COMUNALE n. 58 REGOLAMENTO VESTIARIO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Allegato B alla deliberazione di Giunta Comunale nr. 160 del 2/12/2003 Modificato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 99

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI VESTIARIO AL PERSONALE IN SERVIZIO PRESSO L UNIVERSITA DI LECCE

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI VESTIARIO AL PERSONALE IN SERVIZIO PRESSO L UNIVERSITA DI LECCE REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI VESTIARIO AL PERSONALE IN SERVIZIO PRESSO L UNIVERSITA DI LECCE INDICE: Art. 1 Ambito di applicazione Art. 2 Composizione dell'uniforme di servizio Art. 3 Termini di usura

Dettagli

ALLEGATI E ANNESSI AL REGOLAMENTO

ALLEGATI E ANNESSI AL REGOLAMENTO ALLEGATI E ANNESSI AL REGOLAMENTO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NAZIONALE MARINAI D ITALIA EDIZIONE 2012 55 POSIZIONI DEL MEDAGLIERE DELLA MARINA MILITARE E DEL VESSILLO DI

Dettagli

174 Normativa REQUISITI GENERALI PER GLI INDUMENTI AD ALTA VISIBILITÀ

174 Normativa REQUISITI GENERALI PER GLI INDUMENTI AD ALTA VISIBILITÀ ALTA VISIBILITÀ 174 Normativa X Y EQUISITI GENEALI PE GLI INDUMENTI AD ALTA VISIBILITÀ La normativa specifica i requisiti per gli indumenti ad alta visibilità in grado di segnalare visivamente la presenza

Dettagli

Provincia di Lecce REGOLAMENTO Per l uso dello Stemma, del Gonfalone, della fascia tricolore, delle bandiere e per il cerimoniale del Comune.

Provincia di Lecce REGOLAMENTO Per l uso dello Stemma, del Gonfalone, della fascia tricolore, delle bandiere e per il cerimoniale del Comune. Città di Nardò Provincia di Lecce REGOLAMENTO Per l uso dello Stemma, del Gonfalone, della fascia tricolore, delle bandiere e per il cerimoniale del Comune. - 1 - Capo I CONTENUTO DEL REGOLAMENTO Art.1

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO.

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. I N D I C E CAPO

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO C O M U N E D I S C A L E T T A Z A N C L E A (PROVINCIA DI MESSINA) REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO Approvato

Dettagli

COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO

COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELL USO DELLO STEMMA DEL COMUNE, DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE, DELLE BANDIERE, DELLA CONCESSIONE

Dettagli

Comune di incisa in Val d Arno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO

Comune di incisa in Val d Arno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO Comune di incisa in Val d Arno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER L USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO. Approvato con delibera C.C.

Dettagli

Alla Valle Umbra Servizi S.p.a. Via Filosofi, 87 06049 Spoleto

Alla Valle Umbra Servizi S.p.a. Via Filosofi, 87 06049 Spoleto Alla Valle Umbra Servizi S.p.a. Via Filosofi, 87 06049 Spoleto PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA DI MASSA VESTIARIO ESTIVA, INVERNALE E D.P.I. PER GLI ADDETTI DEI SERVIZI A RETE ED URBANA

Dettagli

ALLEGATO SPECIFICHE TECNICHE VESTIARIO RISTORAZIONE

ALLEGATO SPECIFICHE TECNICHE VESTIARIO RISTORAZIONE ALLEGATO SPECIFICHE TECNICHE VESTIARIO RISTORAZIONE SIENA n capi FIRENZE n capi PISA n capi Descrizione Caratteristiche prodotti REFERENTI Alessi Sara tel. 0577/607 Viviano Mafalda tel. 055/6 Puntoni Franca

Dettagli

VOCABOLARIO: ABBIGLIAMENTO E ACCESSORI. Scarpa da uomo. Scarpa da donna

VOCABOLARIO: ABBIGLIAMENTO E ACCESSORI. Scarpa da uomo. Scarpa da donna SCHEDA 50 VOCABOLARIO: ABBIGLIAMENTO E ACCESSORI Scarpa da uomo Questa è una scarpa elegante. È marrone e ha i lacci. Scarpa da donna Questa scarpa è rossa e ha il tacco alto. Scarpe da ginnastica Queste

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO P.T. 2004 P. T. 2004 Azienda Servizi alla Persona SANTA CHIARA Via Paolo Gorini, 48 26900 Lodi Tel. 0371/403.1 fax 0371/ 403448 email protocollo@asplodi.it U.O. AFFARI GENERALI E LEGALI Info: dr.ssa Ilaria

Dettagli

ASSOCIAZIONE NAZIONALE ARMA DI CAVALLERIA

ASSOCIAZIONE NAZIONALE ARMA DI CAVALLERIA ASSOCIAZIONE NAZIONALE ARMA DI CAVALLERIA SEZIONE DI VERCELLI E PROVINCIA Lodi s immola Ten.Mo.O.V.M. Paolo Solaroli di Briona Cap.M.O.V.M. Amedeo De Rege Thesauro Annesso al Regolamento Interno DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma REGOLAMENTO DEL VESTIARIO DELLA POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma REGOLAMENTO DEL VESTIARIO DELLA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma REGOLAMENTO DEL VESTIARIO DELLA POLIZIA MUNICIPALE Approvato con deliberazione consiliare n. 20 del 19 marzo 1997 Modificato con deliberazioni consiliari: n. 33 del

Dettagli

Descrittiva dei capi.

Descrittiva dei capi. Descrittiva dei capi. 1) AUTISTI a) PANTALONI INVERNALI: tessuto in pura lana vergine, colore grigio, peso gr. 450 mq. c.a. eseguito con due tasche laterali ed una posteriore a filetto, cintura rinforzata

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGI DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO

REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGI DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO COMUNE DI SAN SECONDO DI PINEROLO C.A.P. 10060 Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGI DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO Approvato con deliberazione Consiliare n. 46

Dettagli

PRESENTAZIONE ABBIGLIAMENTO DA LAVORO TRIVALENTE

PRESENTAZIONE ABBIGLIAMENTO DA LAVORO TRIVALENTE PRESENTAZIONE ABBIGLIAMENTO DA LAVORO TRIVALENTE ANTISTATICO (EN 1149/5) ANTIACIDO (EN 13034) IGNIFUGO (EN 11612) TESSUTO DA 250 GR. ART. 3270T-C3 TUTA Tuta intera con cerniera in plastica centrale ricoperta

Dettagli

Protocollo operativo per le divise di servizio

Protocollo operativo per le divise di servizio Servizio delle Professioni Sanitarie Direzione Medica Ospedaliera Protocollo operativo per le divise di servizio data 1^ stesura: 16.12.2002 Edizione n 2 PROTOCOLLO OPERATIIVO PER LE DIIVIISE DII SERVIIZIIO

Dettagli

Il Consiglio Nazionale Permanente delle Associazioni d Arma, nell ambito dei festeggiamenti del 150 anniversario dell unitá d Italia, ha deciso di

Il Consiglio Nazionale Permanente delle Associazioni d Arma, nell ambito dei festeggiamenti del 150 anniversario dell unitá d Italia, ha deciso di Il Consiglio Nazionale Permanente delle Associazioni d Arma, nell ambito dei festeggiamenti del 150 anniversario dell unitá d Italia, ha deciso di svolgere a Torino, prima Capitale d Italia, il 3 Raduno

Dettagli

CITTA DI TAURISANO (Prov. Di Lecce) Regolamento di disciplina dello stemma, gonfalone, fascia tricolore e bandiere

CITTA DI TAURISANO (Prov. Di Lecce) Regolamento di disciplina dello stemma, gonfalone, fascia tricolore e bandiere CITTA DI TAURISANO (Prov. Di Lecce) Regolamento di disciplina dello stemma, gonfalone, fascia tricolore e bandiere (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.09 del 31.03.2005) CAPO I FINALITA DEL

Dettagli

CITTA di PONTIDA. Provincia di Bergamo. REGOLAMENTO per la DOTAZIONE DELLA MASSA VESTIARIO per il personale dipendente

CITTA di PONTIDA. Provincia di Bergamo. REGOLAMENTO per la DOTAZIONE DELLA MASSA VESTIARIO per il personale dipendente CITTA di PONTIDA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO per la DOTAZIONE DELLA MASSA VESTIARIO per il personale dipendente Approvato con Deliberazione C.C. n 18 del 14.07.2011 1 INDICE Art. 1 - Disposizioni

Dettagli

PERCORSO SFILATA RADUNO ASSOCIAZIONE NAZIONALE VVF L AQUILA 9 GIUGNO 2012 SLIDE N 1

PERCORSO SFILATA RADUNO ASSOCIAZIONE NAZIONALE VVF L AQUILA 9 GIUGNO 2012 SLIDE N 1 BASILICA DI COLLEMAGGIO PERCORSO SFILATA MONUMENTO AI CADUTI VIALE CRISPI CORSO FEDERICO II A U T O VIALE COLLEMAGGIO PIAZZA DEL DUOMO B U S SLIDE N 1 MONUMENTO AI CADUTI SLIDE N 2 LEGENDA 1 - BANDA MUSICALE

Dettagli

Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGIE DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO

Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGIE DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGIE DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO **************** ************* ******* *** * Approvato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE DELLE DIVISE E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE AL PERSONALE AVENTE DIRITTO

REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE DELLE DIVISE E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE AL PERSONALE AVENTE DIRITTO PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE DELLE DIVISE E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE AL PERSONALE AVENTE DIRITTO Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 182/11.11.2008

Dettagli

Gruppo Comunale di Protezione Civile - Zenson di Piave (TV) P.O.S. (Procedure Operative Standard) Utilizzo Uniforme e Vestiario

Gruppo Comunale di Protezione Civile - Zenson di Piave (TV) P.O.S. (Procedure Operative Standard) Utilizzo Uniforme e Vestiario P.O.S. (Procedure Operative Standard) Utilizzo Uniforme e Vestiario 1 ver 1.0 14/12/2009 PREMESSA Il Comune provvede a fornire ai volontari l'uniforme e l'equipaggiamento da indossarsi per le attività

Dettagli

REGOLAMENTO VESTIARIO PERSONALE

REGOLAMENTO VESTIARIO PERSONALE COMUNE DI CADONEGHE (Provincia di Padova) I REGOLAMENTO VESTIARIO PERSONALE Approvato con deliberazione di G.C. n. 38 del 07.05.2007 LA PUBBLICAZIONE DEI TESTI NON HA CARETTERE DI UFFICIALITA Art. 1 Il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DEL VESTIARIO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE AI DIPENDENTI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DEL VESTIARIO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE AI DIPENDENTI COMUNALI COMUNE DI FARA GERA D ADDA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DEL VESTIARIO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE AI DIPENDENTI COMUNALI - APPROVATO CON DELIBERA DI G.C. n. 114 DEL

Dettagli

COMUNE DI GRESSONEY-SAINT

COMUNE DI GRESSONEY-SAINT COMUNE DI GRESSONEY-SAINT SAINT-JEAN REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA Regolamento comunale disciplinante l'uso del gonfalone e dello stemma del comune, nonché i necrologi di partecipazione al lutto Approvato

Dettagli

MANUALE per le BENEMERITE

MANUALE per le BENEMERITE Associazione Nazionale Carabinieri Sezione Di Rimini MANUALE per le BENEMERITE Gennaio 2009 47921 Rimini Via Giacomo Matteotti, 28/B Tel. 0541781666 asnaca.rimini@alice.it www.ancrimini.com PREMESSA Nell

Dettagli

2. Ai fini del presente provvedimento per Polizia Locale si intendono i corpi o servizi di Polizia Municipale e di Polizia Provinciale.

2. Ai fini del presente provvedimento per Polizia Locale si intendono i corpi o servizi di Polizia Municipale e di Polizia Provinciale. ALLEGATO A CARATTERISTICHE DELLE UNIFORMI, DEI DISTINTIVI DI GRADO E DI RICONOSCIMENTO DEL PERSONALE, DEL MATERIALE E DEGLI STRUMENTI OPERATIVI NONCHÉ DEI MEZZI IN DOTAZIONE AGLI APPARTENENTI AI CORPI

Dettagli

3a parte. Classi 4 ème 1, 2 e 6 ; 3 ème 3 e 5 Anno 2014/2015. L inizio della guerra e l entrata in guerra del Regno d Italia il 24 maggio 1915

3a parte. Classi 4 ème 1, 2 e 6 ; 3 ème 3 e 5 Anno 2014/2015. L inizio della guerra e l entrata in guerra del Regno d Italia il 24 maggio 1915 3a parte Classi 4 ème 1, 2 e 6 ; 3 ème 3 e 5 Anno 2014/2015 L inizio della guerra e l entrata in guerra del Regno d Italia il 24 maggio 1915 Situazione politica dell Europa all inizio della guerra: l Italia

Dettagli

DIRETTIVE SULL UTILIZZO DEI SEGNI DISTINTIVI DELLA FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO

DIRETTIVE SULL UTILIZZO DEI SEGNI DISTINTIVI DELLA FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO DIRETTIVE SULL UTILIZZO DEI SEGNI DISTINTIVI DELLA FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO Premessa I segni distintivi della Federazione Italiana Canottaggio rappresentano visivamente e simbolicamente il movimento

Dettagli

Il Ministro dell Interno

Il Ministro dell Interno Il Ministro dell Interno Visto l'articolo 31 del decreto legislativo 8 marzo 2006 n. 139, che demanda a un decreto del Ministro dell'interno la determinazione delle caratteristiche e delle modalità di

Dettagli

Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia Protocollo cerimoniale

Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia Protocollo cerimoniale Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia Protocollo cerimoniale Araldica Stemma della Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia Stemma della Confederazione Nazionale: Forma Lo scudo

Dettagli

COLLEZIONE AUTUNNO/INVERNO 2014

COLLEZIONE AUTUNNO/INVERNO 2014 GONNA MARRONE PREZZO: 105,00 Gonna simil portafoglio con punte sul lato destro e chiusura con bottone; la parte posteriore è dritta senza volumi aggiuntivi. GONNA POIS PREZZO: 115,00 Tessuto: seta, lana,

Dettagli

COMUNE DI ROSETO DEGLI ABRUZZI Provincia di Teramo

COMUNE DI ROSETO DEGLI ABRUZZI Provincia di Teramo COMUNE DI ROSETO DEGLI ABRUZZI Provincia di Teramo SETTORE I Servizi Scolastici Servizi Sociali e Culturali Sport Turismo ERP (Assegnazione alloggi) Personale e Organizzazione DETERMINAZIONE N. 461 del

Dettagli

ALLEGATO A. Regolamento Vestiario. Via Sergio Pansini, 5-80131 Napoli tel. 081. 7463575 Fax 081.7462696 pag. 1/5

ALLEGATO A. Regolamento Vestiario. Via Sergio Pansini, 5-80131 Napoli tel. 081. 7463575 Fax 081.7462696 pag. 1/5 ALLEGATO A Regolamento Vestiario Via Sergio Pansini, 5-80131 Napoli tel. 081. 7463575 Fax 081.7462696 pag. 1/5 1Personale sanitario medico: Donne Camice in tessuto di cotone piquet millerighe sanforizzato,

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Anno XXX - N. 179 Spedizione in abb. post. art. 2, comma 20/c - Legge 662/96 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LOMBARDIA MILANO - VENERDÌ, 14 LUGLIO 2000 3º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO

Dettagli

Metodologia del rilevamento delle misure di un soggetto

Metodologia del rilevamento delle misure di un soggetto Cap. II LE MISURE La realizzazione di un capo confezionato si basa sulla conoscenza delle misure del soggetto a cui è destinato e, in funzione del sistema produttivo, potranno essere rilevate direttamente

Dettagli

De Agostini Professionale - FulShow - UIL P.A. PENITENZIARI

De Agostini Professionale - FulShow - UIL P.A. PENITENZIARI Pagina 1 di 44 Epigrafe Premessa Articolo unico 1. Uniforme. 2. Acquisto, fornitura e rinnovo dell'uniforme nonché di effetti per l'espletamento di particolari servizi. 3. Uso dell'uniforme - prescrizioni,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEL GONFALONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER L USO DEL GONFALONE COMUNALE REGOLAMENTO PER L USO DEL GONFALONE COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 48 del 30.11.2010 ART. 1 Contenuto del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina la rappresentanza

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGIE DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO

REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGIE DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGIE DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO INDICE Articolo 1: Uso del Gonfalone Articolo 2: Partecipazione del Gonfalone Articolo 3: Portagonfalone e scorta

Dettagli

PROSPETTO DELLE UNIFORMI DA INDOSSARE NELLE VARIE CIRCOSTANZE

PROSPETTO DELLE UNIFORMI DA INDOSSARE NELLE VARIE CIRCOSTANZE PROSPETTO DELLE UNIFORMI DA INDOSSARE NELLE VARIE CIRCOSTANZE N. CIRCOSTANZE Unità Allegato A 1 In servizio non armato S. (1) (2) (2) (3) (2) (3) (2) (3) 2 In servizio isolato armato S.A. 1 (2) (2) S.A.

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE UNIFORMI DEL CORPO DELLE INFERMIERE VOLONTARIE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA

REGOLAMENTO SULLE UNIFORMI DEL CORPO DELLE INFERMIERE VOLONTARIE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO SULLE UNIFORMI DEL CORPO DELLE INFERMIERE VOLONTARIE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA Redazione terminata nell anno 2012 - Versione n. 1 Pagina 1 di 30 SOMMARIO APPROVAZIONE ED EFFICACIA DEL REGOLAMENTO

Dettagli

TUTA BREST AZZURRO ROYAL E CELESTE Cod. A42307

TUTA BREST AZZURRO ROYAL E CELESTE Cod. A42307 TUTA BREST AZZURRO ROYAL E CELESTE Cod. A42307 Gabardine, 65% poliestere, 35% cotone, peso 245 g/m 2. Chiusura con cerniera centrale coperta, elastico in vita, carré posteriore, inserti su spalle e maniche

Dettagli

E - GIUBBINO EUROPA RISCHI MINIMI

E - GIUBBINO EUROPA RISCHI MINIMI 8045 E GIUBBINO EUROPA Questa linea di abbigliamento da lavoro è caratterizzata da un prodotto dal taglio classico e dai colori standard più diffusi: blu e verde. Il tessuto in 100% cotone sanforizzato

Dettagli

Corporate Identity Rete di distribuzione di prodotti a marchio BT e CESAB.

Corporate Identity Rete di distribuzione di prodotti a marchio BT e CESAB. Corporate Identity Rete di distribuzione di prodotti a marchio BT e CESAB. Rev 03/2013 Elementi base per l'uso del Marchio II Marchio completo BT e CESAB é costituito dal logo BT e dal logo CESAB. Questo

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE

MINISTERO DELL AMBIENTE DIVISA DROP DIRIGENTI E FUNZIONARI GIACCA: Con quattro tasche anteriori con pattina, tasca interna, spallina porta tubolari, quattro bottoni in metallo Oro, Invernale: realizzata in misto lana cordellino

Dettagli

Comune di Nonantola REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

Comune di Nonantola REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 33 DEL 11.03.2011 Comune di Nonantola REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI FORNITURA DEL VESTIARIO E DEI DISPOSITIVI DI SICUREZZA AD ALCUNE CATEGORIE

Dettagli

PROVINCIA DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al Valor Militare per attività partigiana

PROVINCIA DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al Valor Militare per attività partigiana PROVINCIA DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al Valor Militare per attività partigiana REGOLAMENTO SULL OBBLIGO E SULLA DISCIPLINA DELL USO DELLA DIVISA IN RIFERIMENTO AI SERVIZI DI RAPPRESENTANZA n. 34 Approvato

Dettagli

INDUMENTI SETTORE ALIMENTARE INDUMENTI SETTORE ALIMENTARE INDUMENTI SETTORE ALIMENTARE / 121

INDUMENTI SETTORE ALIMENTARE INDUMENTI SETTORE ALIMENTARE INDUMENTI SETTORE ALIMENTARE / 121 INDUMENTI SETTORE ALIMENTARE INDUMENTI SETTORE ALIMENTARE INDUMENTI SETTORE ALIMENTARE / 121 INDUMENTI SETTORE ALIMENTARE GIACCA DA CUOCO Cod. A21201 Rasatello, 100% cotone irrestringibile, peso 270 g/m

Dettagli

LEGGE REGIONALE 23 GENNAIO 1998, N. 7 REGOLAMENTO DI SERVIZIO DELLE GUARDIE AMBIENTALI VOLONTARIE (G.A.V.)

LEGGE REGIONALE 23 GENNAIO 1998, N. 7 REGOLAMENTO DI SERVIZIO DELLE GUARDIE AMBIENTALI VOLONTARIE (G.A.V.) PROVINCIA DI LIVORNO LEGGE REGIONALE 23 GENNAIO 1998, N. 7 REGOLAMENTO DI SERVIZIO DELLE GUARDIE AMBIENTALI VOLONTARIE (G.A.V.) Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 753/08.05.1998 Modificato

Dettagli

COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA REGOLAMENTO COMUNALE DEL CERIMONIALE Approvato con delibera di C.C. n. 32 del 14/07/2005 ART.1 FINALITA E CONTENUTO Il cerimoniale contiene l insieme

Dettagli

ASSOCIAZIONE ARMA AERONAUTICA Piazza Pietro Micca, 1 Aeroporto Boccadifalco 90137 Palermo

ASSOCIAZIONE ARMA AERONAUTICA Piazza Pietro Micca, 1 Aeroporto Boccadifalco 90137 Palermo ASSOCIAZIONE ARMA AERONAUTICA Piazza Pietro Micca, 1 Aeroporto Boccadifalco 90137 Palermo - REGOLAMENTO INTERNO - Il presente Regolamento Interno dell Associazione Arma Aeronautica Sezione di Palermo,

Dettagli

UNIONE PEDEMONTANA PARMENSE

UNIONE PEDEMONTANA PARMENSE UNIONE PEDEMONTANA PARMENSE ** *** ** REGOLAMENTO DELLA MASSA VESTIARIO PER GLI APPARTENENTI AL CORPO DI POLIZIA LOCALE E AI MESSI NOTIFICATORI DELL UNIONE PEDEMONTANA PARMENSE Approvato con delibera di

Dettagli

F.I.S.A.C. Federazione Italiana Sport Acrobatici e Coreografici REGOLAMENTO ACROSPORT. Ed. 2007

F.I.S.A.C. Federazione Italiana Sport Acrobatici e Coreografici REGOLAMENTO ACROSPORT. Ed. 2007 F.I.S.A.C. Federazione Italiana Sport Acrobatici e Coreografici REGOLAMENTO ACROSPORT Ed. 2007 1 REGOLAMENTO ACROSPORT Edizione 2007 Il presente regolamento ha lo scopo di disciplinare in maniera uniforme

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE MODALITA' DI USO DEI SEGNI DISTINTIVI DEL COMUNE E DI ESPOSIZIONE DELLE BANDIERE ALL'ESTERNO DEGLI EDIFICI COMUNALI

REGOLAMENTO SULLE MODALITA' DI USO DEI SEGNI DISTINTIVI DEL COMUNE E DI ESPOSIZIONE DELLE BANDIERE ALL'ESTERNO DEGLI EDIFICI COMUNALI COMUNE DI CESENA (Provincia di Forlì-Cesena) REGOLAMENTO SULLE MODALITA' DI USO DEI SEGNI DISTINTIVI DEL COMUNE E DI ESPOSIZIONE DELLE BANDIERE ALL'ESTERNO DEGLI EDIFICI COMUNALI TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Consigli per la cura del corpo Vestirsi

Consigli per la cura del corpo Vestirsi Versione facile da leggere Consigli per la cura del corpo Vestirsi Comunità Villa Olimpia Cooperativa Sociale Genova Integrazione a marchio Anffas I Vestiti Vestitevi con ordine e scegliete i vestiti adatti

Dettagli

Articolo: Art. 1033 BUSTINA IN CARTA Caratteristiche: -regolabile -modello classico

Articolo: Art. 1033 BUSTINA IN CARTA Caratteristiche: -regolabile -modello classico Articolo: Art. 1031 BUSTINA CUOCO CLASSICA CON PROFILO -con coda di topo in contrasto poliestere- Articolo: Art. 1032 BUSTINA DA CUOCO CLASSICA -con rete bianca poliestere- Articolo: Art. 1033 BUSTINA

Dettagli

COMUNE DI NIMIS PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO VESTIARIO VIGILI

COMUNE DI NIMIS PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO VESTIARIO VIGILI COMUNE DI NIMIS PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO VESTIARIO VIGILI - Adottato con Decreto del Commissario n. 24 del 24/08/2010 ARTICOLO 1 I dipendenti di ruolo indicati nelle allegate tabelle (A) devono indossare

Dettagli

ALLEGATO A AL CAPITOLATO D ONERI PER LA FORNITURA DI DIVISE PER AUTISTI DELLA GIUNTA REGIONALE- Scheda descrittiva

ALLEGATO A AL CAPITOLATO D ONERI PER LA FORNITURA DI DIVISE PER AUTISTI DELLA GIUNTA REGIONALE- Scheda descrittiva ALLEGATO A AL CAPITOLATO D ONERI PER LA FORNITURA DI DIVISE PER AUTISTI DELLA GIUNTA REGIONALE- Scheda descrittiva I capi di vestiario in oggetto dovranno essere confezionati secondo i modelli di seguito

Dettagli

Prezzo speciale fino a 2 capi 12,90 + IVA cad. Prezzo speciale da 3 capi in poi 11,20 + IVA cad. Azzurro manica lunga con bottoni a pressione

Prezzo speciale fino a 2 capi 12,90 + IVA cad. Prezzo speciale da 3 capi in poi 11,20 + IVA cad. Azzurro manica lunga con bottoni a pressione Camice A1 Camice azzurro manica lunga, allacciatura laterale sul fianco destro con bottoni a pressione, 1 tasca e 1 taschino. Codice: 015130 Camice A2 Camice con allacciatura anteriore sul fianco destro,

Dettagli

Allegato A. Divisa invernale

Allegato A. Divisa invernale Allegato A Divisa invernale Cappotto In stoffa di lana (tipo castorino) di colore verde cacciatore, collo aperto e doppia bottoniera di tre bottoni di meta11o dorato con bordo zigrinato ; due tasche; maniche

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO DIVISE GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE

CAPITOLATO TECNICO DIVISE GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A 1 CAPITOLATO TECNICO DIVISE GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE A. "TUTA OPERATIVA IN DUE PEZZI" GIACCA SHARIANA SMANICABILE 2 Giacca shariana multifunzione a collo alto con chiusura

Dettagli

INDUMENTI IGNIFUGHI ANTIACIDI E ANTISTATICI

INDUMENTI IGNIFUGHI ANTIACIDI E ANTISTATICI 3 1 0 2 A T I V NO INDUMENTI IGNIFUGHI ANTIACIDI E ANTISTATICI / 91 GIUBBETTO Cod. A10150 75% cotone 24% poliestere 1% fibra conduttiva, COD. A10160 Chiusura anteriore con cerniera centrale coperta da

Dettagli

GUAINA (Controspallina) estiva con bordo rosso allegato B, sez. II per ruolo C1 prima nomina meglio descritto in allegato campioni: foto nr 7

GUAINA (Controspallina) estiva con bordo rosso allegato B, sez. II per ruolo C1 prima nomina meglio descritto in allegato campioni: foto nr 7 pag. / stampaggio a freddo e rifinito con bagno galvanico elettrostatico e satinati tramite spazzolatura, e smaltatura a forno. I colori devono essere a pantone e provvisti di chiodini antiruggine 34 SEGNI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MASSA VESTIARIO AL PERSONALE

REGOLAMENTO PER LA MASSA VESTIARIO AL PERSONALE REGOLAMENTO PER LA MASSA VESTIARIO AL PERSONALE 1 - PREMESSA Il presente regolamento detta le norme per la fornitura della massa vestiario ai dipendenti dell Amministrazione Comunale tenuti all'obbligo

Dettagli

Abbigliamento Multiprotezione

Abbigliamento Multiprotezione Abbigliamento Multiprotezione Tutti i capi sono certificati secondo le norme vigenti. Il certificato di conformità viene fornito a richiesta. Tutti i capi contenuti in questo catalogo possono essere personalizzati.

Dettagli

TOTALE COMPLESSIVO (NON SUPERIORE ALLA BASE D ASTA DI ,00 I.V.A. esclusa)

TOTALE COMPLESSIVO (NON SUPERIORE ALLA BASE D ASTA DI ,00 I.V.A. esclusa) TOTALE COMPLESSIVO (NON SUPERIORE ALLA BASE D ASTA DI 0.89,00 I.V.A. esclusa) foto nr. 8 46 sez. II per ruolo C4 0 47 48 49 LOGOTIPO Polizia Provinciale su un solo rigo con il simbolo della Polizia Provinciale,

Dettagli

ABBIGLIAMENTO ALTA VISIBILITA CONFORME UNI EN 471

ABBIGLIAMENTO ALTA VISIBILITA CONFORME UNI EN 471 ABBIGLIAMENTO ALTA VISIBILITA CONFORME UNI EN 471 GILET ALTA VISIBILITA Tessuto : 60% COTONE, 40 % POLIESTERE Taglie : M L XL XXL Chiusura velcro Tasca porta cellulare GILET ALTA VISIBILITA Tessuto : 100

Dettagli

COMUNE DI FRASSINORO - PROVINCIA DI MODENA Piazza Miani 16-41044 Frassinoro tel. 0536/971003-971015 fax 0536/971002

COMUNE DI FRASSINORO - PROVINCIA DI MODENA Piazza Miani 16-41044 Frassinoro tel. 0536/971003-971015 fax 0536/971002 COMUNE DI FRASSINORO - PROVINCIA DI MODENA Piazza Miani 16-41044 Frassinoro tel. 0536/971003-971015 fax 0536/971002 Regolamento Comunale per l'uso dello stemma, del gonfalone, della fascia tricolore e

Dettagli

ATTIVITÀ DELLE SEZIONI PROVINCIALI DELL ANVVF SVOLTE NELL ANNO 2015

ATTIVITÀ DELLE SEZIONI PROVINCIALI DELL ANVVF SVOLTE NELL ANNO 2015 Associazione Nazionale Vigili del Fuoco del Corpo Nazionale Iscritta al n. 161/2002 del Registro delle Persone Giuridiche presso l UfficioTerritoriale del Governo Roma Firmissima est inter pares amicitia

Dettagli

sommario city police city police accessori city police city police accessori city police city police accessori corporate accessori corporate

sommario city police city police accessori city police city police accessori city police city police accessori corporate accessori corporate 4 city police regione Piemonte 12 city police regione Piemonte accessori 16 26 32 city police regione Lombardia city police regione Liguria corporate 29 23 39 city police regione Liguria accessori city

Dettagli

Comune di Cogoleto Provincia di Genova. REGOLAMENTO per l'uso dello stemma, del gonfalone, della fascia tricolore e delle bandiere

Comune di Cogoleto Provincia di Genova. REGOLAMENTO per l'uso dello stemma, del gonfalone, della fascia tricolore e delle bandiere Comune di Cogoleto Provincia di Genova REGOLAMENTO per l'uso dello stemma, del gonfalone, della fascia tricolore e delle bandiere Articolo 1 Scopo CAPO I SCOPO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Istruzioni CATALOGO ABBIGLIAMENTO

Istruzioni CATALOGO ABBIGLIAMENTO Istruzioni CATALOGO ABBIGLIAMENTO LAVORAZIONe* (Costi fissi per singola ) CLICHe * (Costo fisso per la creazione Logo)* tipologia q.tà min descrizione listino descrizione listino STAMPA 89722 Stampa 1

Dettagli

Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI DIVISE E DPI AL PERSONALE

Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI DIVISE E DPI AL PERSONALE Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI DIVISE E DPI AL PERSONALE Approvato con Delibera di Giunta Provinciale n. 593 del 23.11.2010 Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI

Dettagli

COMUNE DI BORGOSATOLLO Provincia di Brescia

COMUNE DI BORGOSATOLLO Provincia di Brescia COMUNE DI BORGOSATOLLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI VESTIARIO AL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con deliberazione G.C. n.79 del 08/09/1999 Modificato con deliberazione G.C. n. 33

Dettagli

COMUNE DI DOLIANOVA PROVINCIA DI CAGLIARI PIAZZA BRIGATA SASSARI

COMUNE DI DOLIANOVA PROVINCIA DI CAGLIARI PIAZZA BRIGATA SASSARI 1 COMUNE DI DOLIANOVA PROVINCIA DI CAGLIARI PIAZZA BRIGATA SASSARI UFFICIO SEGRETERIA E AA.GG. REGOLAMENTO VESTIARIO PERSONALE DIPENDENTE Approvato con deliberazione C.C. n. 54 del 04.04.1989 Integrato

Dettagli

Abbigliamento Ignifugo Ignifugo Antistatico e Multiprotezione Trivalente

Abbigliamento Ignifugo Ignifugo Antistatico e Multiprotezione Trivalente Abbigliamento Ignifugo Ignifugo Antistatico e Multiprotezione Trivalente giacche giubbotti pantaloni tute pettorine camicie maglioni P&P Loyal 109 P&P Loyal IGNIFUGO GIUBBOTTO IGNIFUGO IGN05128 Norme di

Dettagli

www.vettorazzo.it INDUMENTI TECNICI INDUMENTI TECNICI 22 / INDUMENTI TECNICI INDUMENTI TECNICI / 23

www.vettorazzo.it INDUMENTI TECNICI INDUMENTI TECNICI 22 / INDUMENTI TECNICI INDUMENTI TECNICI / 23 INDUMENTI TECNICI INDUMENTI TECNICI 22 / INDUMENTI TECNICI INDUMENTI TECNICI / 23 INDUMENTI TECNICI GIUBBETTO SERIOTECH Cod. A10225 Canvas, 100% cotone irrestringibile, peso 270 g/m 2 con varianti in tessuto

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE Approvato con deliberazione della Giunta provinciale n. 52 del 02/04/2013 ART. 1 ORGANIZZAZIONE L Ente, nel rispetto dei principi stabiliti

Dettagli

DOTAZIONI DIVISE AUSL DI REGGIO EMILIA

DOTAZIONI DIVISE AUSL DI REGGIO EMILIA ao_re Protocollo n. 2012/0001960 del 23/01/2012 (Allegato) Pagina 1 di 10 ao_re Protocollo n. 2012/0000291 del 04/01/2012 (Allegato) Pagina 1 di 10 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AGGIUDICAZIONE DEL

Dettagli

CATALOGO VESTIARIO DA LAVORO E ISOTERMICO

CATALOGO VESTIARIO DA LAVORO E ISOTERMICO CATALOGO VESTIARIO DA LAVORO E ISOTERMICO art. 30200G art. 30200V art. 30200B TUTA MULTICOLORE art. 30200 + codice colore peso tessuto: 220 gr/m² colore: blu - rosso - giallo / verde - rosso - giallo /

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE COMUNE DI ORIOLO ROMANO Provincia di Viterbo REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE CAPO I Norme Generali Art. 1. Oggetto del regolamento. Il presente Regolamento ha per oggetto le funzioni

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO DELLE REGGENZE DI CONTRADA E DEI SOCI DEL COLLEGIO DEI CAPITANI E DELLE CONTRADE

NORME DI COMPORTAMENTO DELLE REGGENZE DI CONTRADA E DEI SOCI DEL COLLEGIO DEI CAPITANI E DELLE CONTRADE NORME DI COMPORTAMENTO DELLE REGGENZE DI CONTRADA E DEI SOCI DEL COLLEGIO DEI CAPITANI E DELLE CONTRADE Vengono di seguito definite le NORME COMPORTAMENTALI a cui le Reggenze di Contrada e i Soci del

Dettagli

Industria & Artigianato SPECIAL. ignifugo, antiacido, antistatico, antimpigliamento

Industria & Artigianato SPECIAL. ignifugo, antiacido, antistatico, antimpigliamento Industria & Artigianato SPECIAL ignifugo, antiacido, antistatico, antimpigliamento GIACCA Cod. A20116 Drill 3/1, 100% cotone ignifugo con trattamento FR PROBAN, peso 335 g/m 2. Chiusura con bottoni coperti,

Dettagli