I PIC Partendo da Zero By link_89

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I PIC Partendo da Zero By link_89"

Transcript

1 I PIC Partendo da Zero By link_89

2 Indice: 1. Introduzione 2. Che cosa serve 3. I più usati 4. I registri 5. Il Primo progetto

3 Introduzione Con questa guida non pretendo di insegnarvi a usare perfettamente un pic, ma solo di darvi una infarinatura sulla loro struttura e le basi per programmarlo, in poche parole solo una conoscenza base necessaria all inizio, poi sta a voi ampliare le vostre conoscenze I PIC sono dei microcontrollori programmabili prodotti dalla Microchip Technology Inc. (- >http://www.microchip.com), in questa guida tratterò solo la serie 12F e 16F, che sono i più usati dagli hobbisti, anche se si stanno diffondendo anche quelli della serie 18F. I PIC sono disponibili in vari package, tra cui: PDIP/CERDIP SOIC SSOP TQFP MQFP PLCC

4 Il formato più semplice da usare è il PDIP (Pastic Dual In Line) e CERDIP (Ceramic Dual In Line), in quanto i pin hanno il passo di 0,1 pollici, o 2,54mm, e possono essere tranquillamente montati su una piastra millefori o bread-board. Gli altri package sono per montaggio superficiale, e quindi non alla portata di tutti gli hobbisti (solo di quelli che si fanno i pcb in casa o se li fanno fare dalle ditte ), comunque hanno lo stesso funzionamento degli altri package, in quanto il chip interno è il solito :D. I PIC vengono chiamati microcontrollori anziché microprocessori perché, a differenza di un normale microprocessore essi dispongono di registri e periferiche particolari come: Timer Porte di I/O Porte Seriali (UART,USART, I2C, SPI, USB, Ethernet, ) Porte parallele Contatori EEPROM RAM Comparatori Convertitori A/D In oltre in un microprocessore i bus controlli, indirizzi e dati sono accessibili dall esterno, in quanto esso non dispone di periferiche integrate, mentre in un microcontrollore questi bus sono interni, è collegati ai registri delle periferiche.

5 Mettiamo a confronto le due strutture interne: μprocessore:

6 μcontrollore: Come si può notare la struttura di un microcontrollore è molto più articolata rispetto a quella di un microprocessore. Esso integra la ram, la EEPROM e la memoria del programma (Flash Program Memory nello schema). I Timer sono dei registri particolari, a seconda delle funzioni possono fare da contaimpulsi, timer con sorgente degli impulsi interno o esterno, misurare il periodo alto e basso di un segnale etc La EEPROM interna è di dimensioni piccole, ma può servire per salvare qualche variabile o simili L A/D è un convertitore analogico-digitale a 10 bit, è utile per misurare tensioni tra 0 e 5V I comparatori possono essere usati per comparare 2 tensioni in ingresso, il risultato può essere letto sia su un registro interno del pic che su un pin di uscita. L USART è la porta seriale, utile per collegarlo al pc o ad altri dispositivi (modem etc ). Le porte seriali sincrone sono l I2C e SPI, possono essere usate per collegare al microcontrollore memorie EEPROM esterne (tipo le 24Cxxxx), port expander, sensori etc Il voltage reference serve per creare una tensione di riferimento per un ingresso dei comparatori

7 Un microcontrollore PIC si programma tramite un programmatore, cioè un circuito elettronico che serve a scrivere sulla flash interna, esso può essere acquistato in negozi di elettronica o su internet, la Microchip vende il PicKit2, o sennò sono disponibili dei cloni, altra possibilità è costruirsene uno con i vari schemi disponibili in rete, ad es il ludipipo o JDM: Questo invece è uno che ho progettato io, richiede una alimentazione esterna, ma è compatibile con tutti i pic della serie 12F e 16F, oltre alle memorie seriali I2C (è disponibile le descrizioni e i pcb all indirizzo il connettore a vaschetta a 9 pin per la seriale è riferito a un cavo seriale null-modem): I pin di uscita (+5V, V Prog, Clock, Dati e Gnd) vanno collegati ai rispettivi pin del pic per la programmazione (vdd, mcrl, rb6, rb7, vss).

8 I programmi che essi caricano nella memoria del pic sono in formato *.hex, un esempio, di uno che fa lampeggiare un led sul pin 0 della portb è questo: : FF3FFF3FFF3FFF A7 : FE308600FF F100B4 : A031D A : FC00FF30FB00FF30FA00FC0B D3 : FB0B FA0B D281A30EA : FB00FF30FA00FB0B2E283128FA0B2E286C : B284230FA00FA0B C283728DE :02400E003A3F37 : FF Per comodità (e per semplicità) si usa l assembler, un linguaggio a alto livello, ma comunque richiede alte conoscenze dei registri del pic e dei vari comandi, per esempio lo stesso codice diventa così: ; Assembly code generated by mikrovirtualmachine - V ; Date/Time: 21/03/ ; Info: ; ADDRESS OPCODE ASM ; $0000 $2804 GOTO _main $0004 $ _main: ;lampeggio.pbas,3 :: main: $0004 $ _main_main: ;lampeggio.pbas,4 :: trisa = $FF $0004 $30FF MOVLW 255 $0005 $1303 BCF STATUS, RP1 $0006 $1683 BSF STATUS, RP0 $0007 $0085 MOVWF TRISA ;lampeggio.pbas,5 :: trisb = $FE $0008 $30FE MOVLW 254 $0009 $0086 MOVWF TRISB ;lampeggio.pbas,6 :: trisc = $FF $000A $30FF MOVLW 255 $000B $0087 MOVWF TRISC ;lampeggio.pbas,7 :: while true $000C $ lampeggio_l_2: ;lampeggio.pbas,8 :: if portb.0 = 0 then $000C $3001 MOVLW 1 $000D $1283 BCF STATUS, RP0 $000E $0506 ANDWF PORTB, 0 $000F $00F1 MOVWF STACK_1 $0010 $0871 MOVF STACK_1, 0 $0011 $3A00 XORLW 0 $0012 $1D03 BTFSS STATUS, Z $0013 $2816 GOTO lampeggio_l_7 $0014 $ lampeggio_l_6: ;lampeggio.pbas,9 :: portb.0 = 1 $0014 $ lampeggio_l_9: $0014 $1406 BSF PORTB, 0 $0015 $ lampeggio_l_10: $0015 $2817 GOTO lampeggio_l_8 ;lampeggio.pbas,10 :: else $0016 $ lampeggio_l_7: ;lampeggio.pbas,11 :: portb.0 = 0 $0016 $1006 BCF PORTB, 0 $0017 $ lampeggio_l_12:

9 ;lampeggio.pbas,12 :: end if $0017 $ lampeggio_l_8: ;lampeggio.pbas,13 :: delay_ms(500) $0017 $3006 MOVLW 6 $0018 $00FC MOVWF STACK_12 $0019 $30FF MOVLW 255 $001A $00FB MOVWF STACK_11 $001B $30FF MOVLW 255 $001C $00FA MOVWF STACK_10 $001D $0BFC DECFSZ STACK_12, F $001E $2820 GOTO $+2 $001F $2827 GOTO $+8 $0020 $0BFB DECFSZ STACK_11, F $0021 $2823 GOTO $+2 $0022 $2826 GOTO $+4 $0023 $0BFA DECFSZ STACK_10, F $0024 $2823 GOTO $-1 $0025 $2820 GOTO $-5 $0026 $281D GOTO $-9 $0027 $301A MOVLW 26 $0028 $00FB MOVWF STACK_11 $0029 $30FF MOVLW 255 $002A $00FA MOVWF STACK_10 $002B $0BFB DECFSZ STACK_11, F $002C $282E GOTO $+2 $002D $2831 GOTO $+4 $002E $0BFA DECFSZ STACK_10, F $002F $282E GOTO $-1 $0030 $282B GOTO $-5 $0031 $3042 MOVLW 66 $0032 $00FA MOVWF STACK_10 $0033 $0BFA DECFSZ STACK_10, F $0034 $2833 GOTO $-1 $0035 $0000 NOP $0036 $280C GOTO lampeggio_l_2 ;lampeggio.pbas,14 :: wend $0037 $2837 GOTO $ Le righe che iniziano con il ; sono annotazioni del programma e i comandi in mikrobasic. Il mikrobasic è un linguaggio più semplice, ad alto livello, con cui non importa conoscere i registri del pic, ma solo il linguaggio, esso integra molte librerie per gestire i vari registri senza accedervi direttamente, un esempio di listato è questo (è sempre il solito di sopra, e dopo gli c è le note, o commenti sul programma :D): program lampeggio main: Inizio del programma trisa = $FF Porta A in ingresso trisb = $FE Porta B in ingresso eccetto il bit 0 trisc = $FF Porta C in ingresso while true Ciclo infinito if portb.0 = 0 then Se il bit 0 della porta B è a 0 portb.0 = 1 Lo porta a 1 (accende il led) else Sennò (cioè se il bit 0 della porta B è a 1) portb.0 = 0 Lo porta a 0 (spenge il led) end if Fine del ciclo if delay_ms(500) Attende 500ms per fare un lampeggio a 1 Hz wend Fine del ciclo infinito (da qui riparte da capo ) end. Fine del programma

10 Come si può notare è molto più semplice e corto come linguaggio, e una sola istruzione, convertita in assembler, diventa anche 30 righe di codice (vedete il comando delay_ms(500), che serve semplicemente a attendere 500ms ) Per scrivere il programma in formato *.hex dentro il pic, oltre al programmatore, abbiamo bisogno (nel caso di programmatori autocostruiti) di un programma che invii tramite la seriale il file al pic, per questo si usa IC-Prog o WinPic 800.

11 Che cosa serve Programmatore (uno a scelta): PicKit2, interfaccia usb (microchip) Ludipipo (JDM), interfaccia seriale (autocostruito) MiniPropic2clone, interfaccia parallela (autocostruito) Programmi di interfaccia col programmatore (non necessari con PicKit2): IC-Prog -> WinPic 800 -> Compilatori: Assembler: o MP LAB -> Basic: o MikroBasic -> o PicBasic -> o Proton DS -> C: o MikroC -> o PicC -> Pascal: o MikroPascal -> Pic (uno a scelta): 16F84A 16F628A 16F876A 16F877A Programmi per disegno schemi elettrici (uno a scelta): Proteus (a pagamento) Electronic Workbench Altro: Conoscenze di elettronica Manualità Strumenti vari (cacciaviti, pinze, tronchesine etc ) Bread-Board Componenti elettronici (quarzi, condensatori, regolatori di tensione (7805), resistenze, led, pulsanti, potenziometri etc ) Alimentatore stabilizzato (va bene anche a 12-18V, va costruito il circuito per abbassare a 5V però) I DATASHEET dei componenti usati (alcune volte è mooooolto utile stamparseli ) MOLTA PAZIENZA ma soprattutto VOGLIA DI IMPARARE

12 I più usati I pic più usati dagli hobbysti sono: 12F629-8 Pin 12F675-8 Pin 16F84A - 18 Pin 16F627A - 18 Pin 16F628A - 18 Pin 16F876A - 28-Pin 16F877A - 40-Pin Memoria MSSP Programma PIC RAM EEPROM CCP I/O ADC USART Numero (byte) (byte) PWM SPI I²C istruzioni 12F /1 Timer 8/16 bit 12F /1 16F84A /0 16F627A Y 2/1 16F628A Y 2/1 16F876A Y Y Y 2/1 16F877A Y Y Y 2/1

13 I Registri Il PIC per poter gestire gli input e output, le varie periferiche e i timer usa dei registri, cioè degli indirizzi di memoria specifici per ogni periferica. La loro posizione varia da pic a pic, ma i compilatori accettano anche i nomi dei registri, che invece sono statici (il registro TRISA si chiama TRISA in tutti i PIC che hanno questa porta, cioè i 16F). I registri possono esseri bloccati (bit non usati), in sola lettura e in lettura/scrittura, il valore che essi devono acquisire può essere scritto in binario (mettendo il suffisso %), in esadecimale (o HEX, suffisso $) e decimale (senza suffisso) Alcuni di questi registri sono (prendo in esame quelli del 16F876A e 16F877A): TRIS(porta): dove (porta) è la lettera della porta, serve a indicare se i pin della porta sono in ingresso o uscita (0 = uscita, 1 = ingresso), ad esempio: o TRISA = % porta A, bit 0-3 in uscita e bit 4-7 in ingresso o TRISB = $F0 porta B, bit 0-3 in uscita e bit 4-7 in ingresso o TRISC = 240 porta C, bit 0-3 in uscita e bit 4-7 in ingresso PORT(porta): dove (porta) è la lettera della porta, serve a leggere o scrivere la (porta), se a livello alto o basso (0 = basso, 1 = alto), ad esempio: o PORTA = % porta A, bit 0-3 in a livello basso e bit 4-7 alti o PORTB = $F0 porta B, bit 0-3 in a livello basso e bit 4-7 alti o PORTC = 240 porta C, bit 0-3 in a livello basso e bit 4-7 alti INTCON: è il registro di attivazione generale dei interrupt OPTION_REG: gestisce i pull-up delle porte, oltre a dei parametri del timer0 (prescaler, sensibilità sul fronte di salita o discesa ecc ) TMR(n): dove (n) è il numero del timer, è il registro che contiene il valore del conteggio del timer (se a 8 bit va da 0 a 255, se a 10 da 0 a 1023 e se a 16 da 0 a 65535).

14 La descrizione dei settaggi e dei vari valori di essi la trovate sul datasheet, oltre alla mappa della memoria:

15 I registri a 10 e 16 bit non possono essere letti direttamente, in quanto sono composti da due registri differenti da 8 bit, un esempio è il TMR1L e TMR1H, che sono i due pezzi del TMR1. Un modo per poterli leggere entrambi insieme è raggrupparli in un unico registro, senza doverli leggere entrambi e raggrupparli via software è inserendo tra le variabili una con indirizzo di memoria fisso, che inizia alla posizione del TMR1L e lunga 16 bit: dim timer16bit as word absolute $0E volatile La direttiva absolute indica al compilatore che questa variabile deve iniziare all indirizzo $0E, e essendo lunga 2 byte, comprende anche l indirizzo $0F, cioè quello del TMR1H, raggruppandoli in una sola variabile; la direttiva volatile indica che questo registro può cambiare senza la scrittura di un dato da parte del programma (ad esempio quando è impostato come contaimpulsi).

09-05-07. Introduzione ai microcontrollori PIC

09-05-07. Introduzione ai microcontrollori PIC 09-05-07 Introduzione ai microcontrollori PIC Daniele Beninato: Nicola Trivellin: beninato@dei.unipd.it trive1@tin.it Che cosa è un microcontrollore? Un microcontrollore è un sistema a microprocessore

Dettagli

Lezione 1 Caratteristiche principali del PIC16C84 L'hardware

Lezione 1 Caratteristiche principali del PIC16C84 L'hardware Lezione 1 Nella prima lezione del corso, cercheremo di comprendere come sia fatto internamente il controller più conosciuto di Microchip, ovvero il PIC16C84 poi evoluto nel PIC16F84. Sebbene i microcontroller

Dettagli

introduzione I MICROCONTROLLORI

introduzione I MICROCONTROLLORI introduzione I MICROCONTROLLORI Definizione Un microcontrollore è un dispositivo elettronico programmabile Può svolgere autonomamente diverse funzioni in base al programma in esso implementato Non è la

Dettagli

Microcontrollori. L ultima parte del corso prevede un approfondimento sui microprocessori, in particolare sul PIC 16F876.

Microcontrollori. L ultima parte del corso prevede un approfondimento sui microprocessori, in particolare sul PIC 16F876. 111 Microcontrollori L ultima parte del corso prevede un approfondimento sui microprocessori, in particolare sul PIC 16F876. In elettronica digitale il microcontrollore è un dispositivo elettronico integrato

Dettagli

Lezione 4. Figura 1. Schema di una tastiera a matrice di 4x4 tasti

Lezione 4. Figura 1. Schema di una tastiera a matrice di 4x4 tasti Lezione 4 Uno degli scogli maggiori per chi inizia a lavorare con i microcontroller, è l'interfacciamento con tastiere a matrice. La cosa potrebbe a prima vista sembrare complessa, ma in realtà è implementabile

Dettagli

MICROCONTROLLORE PIC16F84A

MICROCONTROLLORE PIC16F84A MICROCONTROLLORE PIC16F84A Il microcontrollore pic16f84a, a differenza di un computer normale e' dotato in un unico integrato di tutti gli elementi fondamentali di un computer, che sono la Cpu, unita'

Dettagli

8 Microcontrollori PIC

8 Microcontrollori PIC 8 Microcontrollori PIC 8.1 Descrizione generale Un microcontrollore è un dispositivo elettronico che opportunamente programmato è in grado di svolgere diverse funzioni in modo autonomo. Essenzialmente

Dettagli

Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F

Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F A. Romani Elettronica dei Sistemi Digitali L-A Cos è un microcontrollore? Differenza tra Microprocessore e Microcontrollore à Microprocessore: normalmente

Dettagli

Lezione 8. Figura 1. Configurazione del registro INTCON

Lezione 8. Figura 1. Configurazione del registro INTCON Lezione 8 In questa puntata, ci dedicheremo all'impiego dei cosiddetti "interrupt", che tanto incutono temore ai più inesperti. Ma che cosa sono questi interrupt? Come abbiamo già visto, un programma non

Dettagli

CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A

CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A ITIS M. PLANCK LANCENIGO DI VILLORBA (TV) A.S. 2006/07 CLASSE 4A/ SERALE Corso di elettronica e telecomunicazioni Ins. Zaniol Italo CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A Presentazione

Dettagli

INTRODUZIONE alla PROGRAMMAZIONE di MICROCONTROLLORI

INTRODUZIONE alla PROGRAMMAZIONE di MICROCONTROLLORI LUCIDI LEZIONI SISTEMI ELETTRONICI INDUSTRIALI www.dismi.unimo.it (People Associated Pavan ) www.microchip.com com (Datasheet PIC - DS30292) (Mid Range Family Manual DS33023) Università degli Studi di

Dettagli

CIRCUITO DI TEST E SOFTWARE UTILIZZATI

CIRCUITO DI TEST E SOFTWARE UTILIZZATI CIRCUITO DI TEST E SOFTWARE UTILIZZATI Circuito di Test Nello schema elettrico di figura A è rappresentato un circuito, realizzabile anche senza l ausilio di un circuito stampato, che consente di testare

Dettagli

Niccolò Francato AUTOMA SCANSA OSTACOLI

Niccolò Francato AUTOMA SCANSA OSTACOLI Niccolò Francato AUTOMA SCANSA OSTACOLI Indice: pag. Introduzione 2 Descrizione 3 Alimentazione 3 Sensori IR OMRON e adattamento del segnale 4 Fotodiodi IR, trattazione del segnale, comparazione e stadio

Dettagli

Il sensore ad ultrasuoni

Il sensore ad ultrasuoni Il sensore ad ultrasuoni Caratteristiche elettriche Alimentazione: 5 Vcc Il sensore rileva oggetti da 0 cm fino a 6,45 metri. Tre diverse possibiltà per leggere il dato di uscita del sensore: 1. lettura

Dettagli

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole.

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L2 1 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit PIC: Peripheral Interface

Dettagli

UNA INTRODUZIONE AL MONDO DEI MICROCONTROLLORI

UNA INTRODUZIONE AL MONDO DEI MICROCONTROLLORI UNA INTRODUZIONE AL MONDO DEI MICROCONTROLLORI 1 Microcontrollori? Molti prodotti utilizzati quotidianamente contengono più intelligenza di quanto ogni utente possa immaginare. Uno studio indica che ogni

Dettagli

Qualche informazione sul microcontrollore PIC

Qualche informazione sul microcontrollore PIC Qualche informazione sul microcontrollore PIC Il Web contiene un ampia quantità di informazioni sui microcontrollori e sulla famiglia PIC in particolare. Accanto ai siti dei produttori hardware e software

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ASSEMBLER

PROGRAMMAZIONE ASSEMBLER PROGRAMMAZIONE ASSEMBLER Esempio di semplice lampeggiatore a LED 072805 Sistemi Elettronici Dicembre 2006 Ultimo aggiornamento: 11 dicembre 2006 1 OBBIETTIVI 1 Discutere delle metodologie di progetto e

Dettagli

Introduzione ai Microcontrollori Workshop 08/06/2011 Dott.Ing.Marco Frosini Qprel srl Dott.Ing.Lorenzo Giardina Qprel srl Slide 1 di 27 L'elettronica digitale PRIMA dei microcontrollori Elemento base:

Dettagli

Architettura del PIC 18F452

Architettura del PIC 18F452 Controllo Digitale a.a. 2005-2006 Architettura del PIC 18F452 Ing. Federica Pascucci PIC 18F452 Caratteristiche Frequenza operativa: 40 MHz Memorie: Program FLASH memory: 32 KBytes, 16 K-istruzioni memorizzabili

Dettagli

Progetto di Microcontrollori. Cronotermostato per Caldaia

Progetto di Microcontrollori. Cronotermostato per Caldaia Progetto di Microcontrollori Cronotermostato per Caldaia Obiettivo del Progetto Realizzazione di un dispositivo elettronico capace di gestire l accensione di una caldaia mediante il controllo della temperatura

Dettagli

PUNTATORE LASER AUTOMATICO CON COMANDO VIA ETHERNET

PUNTATORE LASER AUTOMATICO CON COMANDO VIA ETHERNET Canzian Sara Liberali Marco 5AT A.S.2007/2008 PUNTATORE LASER AUTOMATICO CON COMANDO VIA ETHERNET Questo sistema permette di posizionare una luce laser in una determinata posizione data dalle coordinate

Dettagli

Introduzione. Corso di Informatica Applicata. Università degli studi di Cassino

Introduzione. Corso di Informatica Applicata. Università degli studi di Cassino Università degli studi di Cassino Corso di Laurea in Ingegneria della Produzione Industriale Corso di Informatica Applicata Introduzione Ing. Saverio De Vito e-mail: saverio.devito@portici.enea.it Tel.:

Dettagli

progettare & costruire di GIOVANNI DI MARIA

progettare & costruire di GIOVANNI DI MARIA progettare & costruire di GIOVANNI DI MARIA Interfacciare il PC con il mondo esterno LA PORTA SERIALE DEL PC in uscita con il PIC In questa puntata interfacceremo il Personal Computer con le nostre apparecchiature

Dettagli

Questa puntata conclude il

Questa puntata conclude il PRATICA TEORIA RISORSE SPECIALE Decima parte n 248 - Febbraio 2006 La scheda di sviluppo EasyPIC3 Undicesima parte n 249 - Marzo 2006 Conversionie analogico/digitale con il PIC Dodicesima parte n 250 -

Dettagli

In questa puntata scopriremo

In questa puntata scopriremo TEORIA MHZ RISORSE SPECIALE PRATICA Sesta parte n 258 - Dicembre 2006 Uso delle interfacce seriali Settima parte n 259 - Gennaio 2007 Interfacce SPI, I2C e 1-Wire Ottava parte n 260 - Febbraio 2007 Uso

Dettagli

La tecnica DDS. Un generatore di toni DTMF

La tecnica DDS. Un generatore di toni DTMF La tecnica DDS 32 Un generatore di toni DTMF standard con selezione a tastiera è presentato in quest articolo come applicazione della tecnica DDS (Direct Digital Synthesys), mediante un microprocessore.

Dettagli

Davide Gennaretti, Matteo Nicolini

Davide Gennaretti, Matteo Nicolini Seminario sui Microcontrollori Davide Gennaretti, Matteo Nicolini AA 2003-04 II Facoltà di Ingegneria Elettronica Cesena Cosa sono i microcontrollori? Piccoli computer concentrati in un chip Un Datapath

Dettagli

mendiante un ciclo e finché il segnale rimane alto, si valuta il tempo T3 usando il timer del microcontrollore e una variabile di conteggio.

mendiante un ciclo e finché il segnale rimane alto, si valuta il tempo T3 usando il timer del microcontrollore e una variabile di conteggio. Svolgimento (a) Il sensore di temperatura ha un uscita digitale a 9 bit, emettendo un codice binario proporzionale al valore Temp richiesto. Possiamo pensare si tratti di un dispositivo 1-Wire. Un sistema

Dettagli

Corso di Informatica Applicata. Lezione 7. Università degli studi di Cassino

Corso di Informatica Applicata. Lezione 7. Università degli studi di Cassino Università degli studi di Cassino Corso di Laurea in Ingegneria della Produzione Industriale Corso di Informatica Applicata Lezione 7 Ing. Saverio De Vito e-mail: saverio.devito@portici.enea.it Tel.: +39

Dettagli

Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Programmare i PIC in C. Timers Interrupts Prerequisiti: Lezione7 Lezione8.

Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Programmare i PIC in C. Timers Interrupts Prerequisiti: Lezione7 Lezione8. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Programmare i PIC in C Prerequisiti: Lezione7 Lezione8 Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L15 1 Timers - Interrupts I timers e gli Interrupts

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009

Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009 Università di Ferrara Facoltà di Ingegneria Docente: Ing. Massimiliano Ruggeri Mail: m.ruggeri@imamoter.cnr.it mruggeri@ing.unife.it Tel. 0532/735631 Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009 Durata:

Dettagli

Come realizzare un MICROPLC con programmazione in AWL.

Come realizzare un MICROPLC con programmazione in AWL. G&G Progetto FACILEPLC Rev.0.0.A Pag. 1 di 5 Data: 19/07/2010 Rev.Doc: 0.2 FACILEPLC http://facileplc.blogspot.com By G&G Editor:G&G E-Mail:cimice96@hotmail.it Come realizzare un MICROPLC con programmazione

Dettagli

Finalità delle misure

Finalità delle misure Sistemi di controllo industriale tramite Ing. Lorenzo Comolli Finalità delle misure In ambito scientifico,, studiare i fenomeni, verificare sperimentalmente modelli matematici e teorie scientifiche, monitorare

Dettagli

Esercizi di verifica del debito formativo:

Esercizi di verifica del debito formativo: Esercizi di verifica del debito formativo: Disegnare il diagramma e scrivere la tabella delle transizioni di stato degli automi sequenziali a stati finiti che rappresentano il comportamento dei seguenti

Dettagli

APPUNTI SUL PIC16F84

APPUNTI SUL PIC16F84 APPUNTI SUL PIC16F84 Gianluca 'gurutech' Mascolo v0.1 04/04/2004 mailto: gurutech_at_gurutech.it Hackit04 Il PIC16F84 è un microcontrollore a 8-bit dotato di due porte di I/O digitali, una da 5 bit e una

Dettagli

Indirizzi e-mail a cui far pervenire osservazioni, critiche e suggerimenti atti a migliorare la guida. li.francesco@alice.it carmgigi@alice.

Indirizzi e-mail a cui far pervenire osservazioni, critiche e suggerimenti atti a migliorare la guida. li.francesco@alice.it carmgigi@alice. Indirizzi e-mail a cui far pervenire osservazioni, critiche e suggerimenti atti a migliorare la guida. li.francesco@alice.it carmgigi@alice.it GUIDA ALL USO E ALLA PROGRAMMAZIONE DI UN MICROCONTROLLORE

Dettagli

minipic programmer / debugger per microcontrollori PIC Marco Calegari

minipic programmer / debugger per microcontrollori PIC Marco Calegari 1 minipic programmer / debugger per microcontrollori PIC Marco Calegari 1 Il minipic è uno strumento mediante il quale è possibile programmare i microcontrollori della Microchip ed eseguire, su prototipi

Dettagli

Uno dei metodi più utilizzati e

Uno dei metodi più utilizzati e TEORIA MHZ RISORSE SPECIALE PRATICA Quinta parte n 257 - Novembre 2006 Realizzazione di un timer digitale programmabile Sesta parte n 258 - Dicembre 2006 Uso delle interfacce seriali Settima parte n 259

Dettagli

Categorie di sistemi Digitali

Categorie di sistemi Digitali Vivian Marco 3isc AS 2007/08 Categorie di sistemi Digitali A Logica cablata Il comportamento di questi sistemi è legato dalla loro struttura fisica. Se si desidera modificarne il comportamento è necessario

Dettagli

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) - Arduino è orientato all'applicazione, - Permette di provare, partendo dal piccolo e crescendo pezzo per pezzo (sviluppo modulare); - Lo sviluppo è aiutato da una enorme community online con esempi e

Dettagli

ESERCIZI SUI SISTEMI DI NUMERAZIONE

ESERCIZI SUI SISTEMI DI NUMERAZIONE ESERCIZI SUI SISTEMI DI NUMERAZIONE 1 ) Convertire in base 10 i seguenti numeri rappresentati nelle basi indicate: (1000101) 2 [R. 69] (477) 8 [R. 319] (40F) 16 [R. 1039] (5778) 9 [R. 4283] (126) 9 [R.

Dettagli

CHIAVE ELETTRONICA CON CHIP CARD (EEPROM) di Massimo e Leonardo Divito div.massimo@tiscali.it

CHIAVE ELETTRONICA CON CHIP CARD (EEPROM) di Massimo e Leonardo Divito div.massimo@tiscali.it CHIAVE ELETTRONICA CON CHIP CARD (EEPROM) di Massimo e Leonardo Divito div.massimo@tiscali.it Ecco a voi un semplice circuito utile ad attivare una serratura elettrica o a tenere sotto chiave qualsiasi

Dettagli

DISPLAY LCD HD44780U(LCD-II)

DISPLAY LCD HD44780U(LCD-II) DISPLAY LCD HD44780U(LCD-II) 1. Descrizione 1.1 Introduzione Molti dispositivi a microcontrollore usano un visualizzatore (display) LCD per mostrare delle informazioni, uno dei tipi più usati può mostrare

Dettagli

I microcontrollori. In sostanza i pic hanno le seguenti caratteristiche:

I microcontrollori. In sostanza i pic hanno le seguenti caratteristiche: I microcontrollori Con il termine di microcontrollori si intende un sistema integrato simile ad un microprocessore ma contente su un unico chip oltre la CPU, anche la memoria RAM, memoria dati, memoria

Dettagli

Il PLC per tutti PRATICA

Il PLC per tutti PRATICA Settima parte: Settembre 2007 I Relays e la gestione dei dati Ottava parte: Ottobre 2007 Utilizzare il modulo Led a 7 segmenti giganti Nona parte: Novembre 2007 Applicazioni con i display a 7 segmenti

Dettagli

Il µcontrollore PIC 16F84

Il µcontrollore PIC 16F84 Il µcontrollore PIC 16F84 Microchip Tecnology D. Ch. 1 Il grande successo dei microcontrollori ha indotto tutte le grandi case costrutrici di semiconduttori come la Intel, la Philips Semiconductors, la

Dettagli

l progetto descritto in queste pagine è un programmatore multifunzione adatto a tutti (o quasi)

l progetto descritto in queste pagine è un programmatore multifunzione adatto a tutti (o quasi) Elettronica Innovativa di Sandro Reis Completo sistema di programmazione per tutti i moderni microcontrollori Microchip con memoria programma di tipo Flash, cancellabile elettricamente. La scheda dispone

Dettagli

PICLOCK. Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica. Ivancich Stefano. Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici

PICLOCK. Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica. Ivancich Stefano. Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici PICLOCK Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica Ivancich Stefano Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici Istituto tecnico C. Zuccante Mestre A.S. 2013/2014 progetto n

Dettagli

Arethusa V22 User manual

Arethusa V22 User manual Arethusa V22 User manual Parsic Italia Via Santerno,8 48010 Savio di Cervia Sito web : www.parsicitalia.it www.parsicitalia.com Copyright e-mail info@parsicitalia.com Copyright Nessuna parte del presente

Dettagli

PROCESSOR 16F84A. ;configurazione FUSES: oscillatore XT, WDT disabilitato PWRT abilitato, CP disabilitato config 0x3FF1

PROCESSOR 16F84A. ;configurazione FUSES: oscillatore XT, WDT disabilitato PWRT abilitato, CP disabilitato config 0x3FF1 ---- ; Programma per ROBOT MDB3F2004-05 Evolution ; Autore: MICCI Antonello copyright 2005 ---- ------------------------- ;Piedino RA0 ingresso fotocellula dx livello basso rilevazione ostacolo ;Piedino

Dettagli

Si compone di: SI-Prog supporta: Le tre principali famiglie di..

Si compone di: SI-Prog supporta: Le tre principali famiglie di.. Se stai cercando un potente programmatore, semplice ed intuitivo e decisamente economico in ambiente Windows, SI-Prog è una ottima soluzione alla portata di tutti per stare al passo con le nuove tecnologie.

Dettagli

Che cos è la barriera luminosa?

Che cos è la barriera luminosa? BARRIERA LUMINOSA Che cos è la barriera luminosa? Pezzi da contare Diodo IR o Laser (emittente) Pezzi contati Direzione del nastro trasportatore FOTODIODO (ricevitore) Direzione del nastro trasportatore

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE AS 2010/11. I MICROCONTROLLORI e ARDUINO. DOCENTE: Prof. Francesco Contalbi

CORSO DI FORMAZIONE AS 2010/11. I MICROCONTROLLORI e ARDUINO. DOCENTE: Prof. Francesco Contalbi CORSO DI FORMAZIONE IPSIA CASTIGLIANO AS 2010/11 I MICROCONTROLLORI e ARDUINO DOCENTE: Prof. Francesco Contalbi INTRODUZIONE E GENERALITA prof. Francesco Contalbi 2 Perché i Microcontrollori? Sono usatissimi

Dettagli

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica D.Gamba,P.P.Trapani April 9, 2004 1 1 Circuiti Digitali Integrati: Timer, ADC e DAC In questo Lab. si imparera ad usare alcuni circuiti integrati

Dettagli

Capitolo. Interfacciamento di periferiche I/O con il PC. 1.1 Il BUS di espansione del PC

Capitolo. Interfacciamento di periferiche I/O con il PC. 1.1 Il BUS di espansione del PC Capitolo 1 Interfacciamento di periferiche I/O con il PC 1.1 Il BUS di espansione del PC 1.2 Interfacciamento di periferiche I/O con il PC, con dispositivi non programmabili 1.3 Istruzioni per leggere

Dettagli

Capitolo 4: Progettazione e realizzazione dell hardware e del software

Capitolo 4: Progettazione e realizzazione dell hardware e del software Progettazione e realizzazione di un trasmettitore infrarosso per ricevitori X-10 45 Capitolo 4: Progettazione e realizzazione dell hardware e del software 4.1 Introduzione Noto il protocollo Marmitek,

Dettagli

La memoria centrale (RAM)

La memoria centrale (RAM) La memoria centrale (RAM) Mantiene al proprio interno i dati e le istruzioni dei programmi in esecuzione Memoria ad accesso casuale Tecnologia elettronica: Veloce ma volatile e costosa Due eccezioni R.O.M.

Dettagli

INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE

INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE Scheda d interfaccia per PC da collegare alla porta seriale. Consente di controllare otto uscite a relè e di leggere otto ingressi digitali e due analogici. Un

Dettagli

overview PROGETTAZIONE ELETTRONICA CON MICROCONTROLLORI E PROGRAMMAZIONE IN C POLITECNICO DI MILANO PROGRAMMAZIONE C PER MICROCONTROLLORI

overview PROGETTAZIONE ELETTRONICA CON MICROCONTROLLORI E PROGRAMMAZIONE IN C POLITECNICO DI MILANO PROGRAMMAZIONE C PER MICROCONTROLLORI PROGETTAZIONE ELETTRONICA CON MICROCONTROLLORI E PROGRAMMAZIONE IN C overview PROGETTAZIONE ELETTRONICA CON MICROCONTROLLORI E PROGRAMMAZIONE IN C 072805 Sistemi Elettronici 19 Dicembre 2006 Politecnico

Dettagli

Il Microcontrollore. Microcontrollore PIC

Il Microcontrollore. Microcontrollore PIC Il Microcontrollore Per realizzare un automatismo l elettronica ci mette a disposizione diverse possibilità. La prima, la più tradizionale, si basa su componenti transistor, mosfet, integrati con porte

Dettagli

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE Ing. Paolo Domenici SISTEMI A MICROPROCESSORE PREFAZIONE Il corso ha lo scopo di fornire i concetti fondamentali dei sistemi a microprocessore in modo semplice e interattivo. È costituito da una parte

Dettagli

IMPARIAMO CON IL PIERIN - IL BUS SPI 1

IMPARIAMO CON IL PIERIN - IL BUS SPI 1 Davide Oldani (Galaxi93) IMPARIAMO CON IL PIERIN - IL BUS SPI 20 July 2013 Premesse Lo scopo di questo articolo è quello di riuscire a interfacciare un DAC della Maxim (MAX541) al PIERIN PIC18 via SPI.

Dettagli

Elettronica e Microcontrollori

Elettronica e Microcontrollori Elettronica e Microcontrollori Costruiamo un trasmettitore per radiocomando a 433MHz con un PIC16F628A e pochi altri componenti. Autore: Antonio d'abbieri Data progetto: 10.05.2011 Microcontrollore: PIC16F628A

Dettagli

Controllo apertura cancelletto con tastiera a matrice

Controllo apertura cancelletto con tastiera a matrice Premessa Controllo apertura cancelletto con tastiera a matrice Prima di cominciare vorrei specificare che presento questo mio lavoro allo scopo di dare uno spunto e/o una base di partenza a coloro i quali

Dettagli

ITS Einaudi Appunti T.D.P. Z USB IO A&D con LABVIEW

ITS Einaudi Appunti T.D.P. Z USB IO A&D con LABVIEW Z USB IO A&D con LABVIEW L interfaccia nasce dalla necessità di sostituire le periferiche usate fin ora in laboratorio basate sulla porta parallela e seriale del PC. Questo tipo di interfacce ormai poco

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 4 MACCHINA DI VON NEUMANN Anni 40 i dati e i programmi che descrivono come elaborare i dati possono essere codificati nello

Dettagli

Parte II.2 Elaboratore

Parte II.2 Elaboratore Parte II.2 Elaboratore Elisabetta Ronchieri Università di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Insegnamento di Informatica Dicembre 1, 2015 Elisabetta Elisabetta Ronchieri II Software Argomenti

Dettagli

A/D CON PIC 16F877. Sommario INTRODUZIONE... 2 SELEZIONARE I BANCHI... 2 ADCON0... 4 ADCS1, ADCS0... 4 CH2, CH1 E CH0... 5 GO/DONE... 6 ADON...

A/D CON PIC 16F877. Sommario INTRODUZIONE... 2 SELEZIONARE I BANCHI... 2 ADCON0... 4 ADCS1, ADCS0... 4 CH2, CH1 E CH0... 5 GO/DONE... 6 ADON... A/D CON PIC 16F877 Sommario INTRODUZIONE... 2 SELEZIONARE I BANCHI... 2... 4 ADCS1, ADCS0... 4 CH2, CH1 E CH0... 5 GO/DONE... 6 ADON... 7 ESEMPIO 1... 7 ADCON1... 8 ADFM... 8 PGF3, PGF1 E PGF0... 9 ESEMPIO

Dettagli

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione:

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione: Modulo 1 Le memorie Le Memorie 4 ETA Capitolo 1 Struttura di un elaboratore Un elaboratore elettronico è un sistema capace di elaborare dei dati in ingresso seguendo opportune istruzioni e li elabora fornendo

Dettagli

Le memorie. Introduzione

Le memorie. Introduzione Le memorie Introduzione Una memoria è un sistema elettronico in grado di immagazzinare dati in forma binaria, per poi renderli disponibili ad ogni richiesta. Tale sistema è costituito da un insieme di

Dettagli

SISTEMA DI SVILUPPO MC-16

SISTEMA DI SVILUPPO MC-16 SISTEMA DI SVILUPPO MC-16 per microcontrollori PIC16F84 - PIC16F876 o MANUALE DI PROGRAMMAZIONE 2 Il sistema MC-16 contiene: Scheda di sviluppo a microcontrollore con PIC16F84 e PIC16F876. Unità di programmazione

Dettagli

Embedded Software Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18. Tutorial. Embedded Software. Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18.

Embedded Software Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18. Tutorial. Embedded Software. Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18. Tutorial Embedded Software Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18 Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. COSA CI SERVE?... 3 3. UN PO DI TEORIA... 4 4. DALLA TEORIA ALLA PRATICA... 5 5. IMPLEMENTAZIONE...

Dettagli

Sistemi Elettronici #1. Sistemi Elettronici. Definizioni e concetti generali. Sistemi Elettronici Laurea Triennale in Elettronica A.A.

Sistemi Elettronici #1. Sistemi Elettronici. Definizioni e concetti generali. Sistemi Elettronici Laurea Triennale in Elettronica A.A. Sistemi Elettronici Definizioni e concetti generali Concetti generali Il microcontrollore è un dispositivo che raggruppa su un unico chip un processore ed un insieme di dispositivi CPU Memoria RAM Memoria

Dettagli

PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA DISCIPLINA: ELETTRONICA PIANO DELLE UDA PER LA CLASSE 4IA

PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA DISCIPLINA: ELETTRONICA PIANO DELLE UDA PER LA CLASSE 4IA PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA DISCIPLINA: ELETTRONICA PIANO DELLE PER LA CLASSE 4IA della n. 1 correnti alternate Ore:20 settembre - ottobre Uso specifico del nella risoluzione dei problemi sia in classe

Dettagli

Rossetto Flavio a.s. 2011/2012 classe 5E 2

Rossetto Flavio a.s. 2011/2012 classe 5E 2 Rossetto Flavio a.s. 2011/2012 classe 5E 2 2 e 4 pag vuota Finalità-Obiettivo pag. 5 Situazione di partenza pag. 6 Prime operazioni pag. 7 Schema elettrico pag. 9 Circuito stampato pag 10 Elenco componenti

Dettagli

Indruduzione... 1 Il modulo Bluetooth HC-06... 2 Il firmware... 3 Collegamento della scheda... 4 Software PC e l applicazione Android...

Indruduzione... 1 Il modulo Bluetooth HC-06... 2 Il firmware... 3 Collegamento della scheda... 4 Software PC e l applicazione Android... Sommario Indruduzione... 1 Il modulo Bluetooth HC-06... 2 Il firmware... 3 Collegamento della scheda... 4 Software PC e l applicazione Android... 4 Indruduzione La scheda può controllare fino a quattro

Dettagli

K8076 Manuale utente

K8076 Manuale utente K8076 Manuale utente Informazioni generali 1. Introduzione La ringraziamo per aver acquistato e realizzato questo kit Velleman. Il K8076 rappresenta un programmatore per uso didattico, in grado di programmare

Dettagli

PLC51 AUTOMAZIONE. di G.Filella e C. Befera filella@tin.it

PLC51 AUTOMAZIONE. di G.Filella e C. Befera filella@tin.it PLC51 di G.Filella e C. Befera filella@tin.it Ecco il piccolo Davide, un ottimo esempio di come l elettronica si integra con l informatica: un potente PLC controllabile tramite la porta seriale di un personal

Dettagli

IIS ENZO FERRARI SUSA Anno scolastico: 2013/2014. Tonco Daniel. Classe V EA - Periti in Elettronica e Telecomunicazioni

IIS ENZO FERRARI SUSA Anno scolastico: 2013/2014. Tonco Daniel. Classe V EA - Periti in Elettronica e Telecomunicazioni IIS ENZO FERRARI SUSA Anno scolastico: 2013/2014 Tonco Daniel Classe V EA - Periti in Elettronica e Telecomunicazioni 1 2 Indice: Obiettivo Premessa Prime operazioni (foto allegate) Spiegazione montaggio

Dettagli

PIC & MikroBasic. Schema Elettrico. Le istruzioni del Mikrobasic

PIC & MikroBasic. Schema Elettrico. Le istruzioni del Mikrobasic PIC & MikroBasic 22 Nello scorso articolo abbiamo visto come generare primitive grafiche utilizzando il compilatore Mikrobasic ed un display grafico. Questo mese faremo di più: analizzeremo la tecnica

Dettagli

è importante farci conoscere e comunicare ai giovani la nostra passione e poi, si sa, da cosa nasce cosa... Premessa. Il Progetto.

è importante farci conoscere e comunicare ai giovani la nostra passione e poi, si sa, da cosa nasce cosa... Premessa. Il Progetto. La Radio nelle scuole, storia di un progetto portato a termine dalla Sezione ARI di Padova in collaborazione con l Istituto Tecnico Industriale F. Severi di Padova. è importante farci conoscere e comunicare

Dettagli

Arduino. Laboratorio Arduino Base. HackLab Terni. Laboratorio aperto a tutti di elettronica, scienza e arte. hacklabterni.

Arduino. Laboratorio Arduino Base. HackLab Terni. Laboratorio aperto a tutti di elettronica, scienza e arte. hacklabterni. Laboratorio Base HackLab Terni Laboratorio aperto a tutti di elettronica, scienza e arte. hacklabterni.org Cos'è? è una piattaforma di prototipazione elettronica open-source basata su microcontrollore

Dettagli

Programmazione di LCD su EasyPic5

Programmazione di LCD su EasyPic5 Programmazione di LCD su EasyPic5 Finalità del Progetto : Creare una interfaccia menù sull LCD interattiva tramite i pulsanti del PORTA, con la possibilità di leggere delle stringhe sull LCD che descrivono

Dettagli

Programmazione del microcontrollore PIC 16F84

Programmazione del microcontrollore PIC 16F84 Programmazione del microcontrollore PIC 16F84 2 Indice Capitolo 1: Set di istruzioni del PIC 16F84 1.1 Descrizione sintetica 1.2 Simbologia adottata 1.3 Sintassi 1.4 Descrizione completa Capitolo 2: Variabili,

Dettagli

Input/Output. Moduli di Input/ Output. gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi. n Grande varietà di periferiche

Input/Output. Moduli di Input/ Output. gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi. n Grande varietà di periferiche Input/Output n Grande varietà di periferiche gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi n Tutti più lenti della CPU e della RAM n Necessità di avere moduli di I/O Moduli

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale. È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica

I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale. È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale Memorizza : istruzioni dati In forma BINARIA : 10001010101000110101... È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica

Dettagli

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C.

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. L automazione di un qualunque procedimento industriale si ottiene mediante un insieme d apparecchiature, opportunamente collegate tra loro, in modo

Dettagli

Von Neumann. John Von Neumann (1903-1957)

Von Neumann. John Von Neumann (1903-1957) Linguaggio macchina Von Neumann John Von Neumann (1903-1957) Inventore dell EDVAC (Electronic Discrete Variables AutomaFc Computer), la prima macchina digitale programmabile tramite un soiware basata su

Dettagli

Capitolo X del Testo Ettore Panella Giuseppe Spalierno Corso di Elettronica 3 Edizioni Cupido MICROCONTROLLORE PIC 16F84

Capitolo X del Testo Ettore Panella Giuseppe Spalierno Corso di Elettronica 3 Edizioni Cupido MICROCONTROLLORE PIC 16F84 Microcontrollore PIC 16F84 1 1. Generalità Capitolo X del Testo Ettore Panella Giuseppe Spalierno Corso di Elettronica 3 Edizioni Cupido MICROCONTROLLORE PIC 16F84 I microcontrollori sono dei circuiti

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni LEZIONE 2 (HARDWARE) a.a. 2011/2012 Francesco Fontanella Tre concetti Fondamentali Algoritmo; Automa (o anche macchina); Calcolo; 2 Calcolatore MACCHINA

Dettagli

ITIS MAX PLANCK ( Lancenigo di Villorba )

ITIS MAX PLANCK ( Lancenigo di Villorba ) ITIS MAX PLANCK ( Lancenigo di Villorba ) CORSO SERALE ( CLASSE 5^ ZTE ) Area di progetto anno scolastico 2006/2007 Allievi : Enrico De Marchi-Alessio Borin Tutor : Prof. Italo Zaniol GIUOCO DEL BINGO

Dettagli

Sono anni che si vedono in

Sono anni che si vedono in Questo articolo è stato pubblicato su... RADIO-INFORMATICA Programmatore minimo di PIC Programma i PIC più comuni ed è collegato sulla porta parallela del PC di Daniele Cappa IW1AXR Sono anni che si vedono

Dettagli

Un micro FPGA. skills. come il core ABC. il core ABC sia la suite di sviluppo di AC-

Un micro FPGA. skills. come il core ABC. il core ABC sia la suite di sviluppo di AC- skills di Un micro FPGA che parte dall ABC Quando in molti progetti è necessario unire alla logica programmabile la funzionalità di un piccolo microprocessore le soluzioni semplici come il core ABC possono

Dettagli

Autoware Ladder Tool (per Arduino ) Basic Tutorial

Autoware Ladder Tool (per Arduino ) Basic Tutorial Per iniziare. Utilizzare il ns. pacchetto Autoware Ladder Tool (in breve Ladder Tool) per Arduino è veramente semplice. Elenchiamo qui di seguito i passi necessari per eseguire la ns. prima esercitazione.

Dettagli

Lettore General Porpouse di Badge Magnetici

Lettore General Porpouse di Badge Magnetici Lettore General Porpouse di Badge Magnetici I sistemi di controllo degli accessi trovano da sempre ampio consenso tra il nostro pubblico; questo è il motivo per cui proponiamo regolarmente all interno

Dettagli

I Microcontrollore PIC18FXX2. per molti versi, possono essere assimilati a dei veri e propri computer. Essi,

I Microcontrollore PIC18FXX2. per molti versi, possono essere assimilati a dei veri e propri computer. Essi, Descrizione dei microcontrollori I Microcontrollore PIC18FXX2 I microcontrollori sono dei dispositivi elettronici di piccole dimensioni che, per molti versi, possono essere assimilati a dei veri e propri

Dettagli

Lezione 3: Architettura del calcolatore

Lezione 3: Architettura del calcolatore Lezione 3: Architettura del calcolatore Architettura di Von Neumann BUS, CPU e Memoria centrale Ciclo di esecuzione delle istruzioni Architettura del calcolatore Il calcolatore è: uno strumento programmabile

Dettagli

automazione di Davide Ferrario

automazione di Davide Ferrario automazione di Davide Ferrario Scheda d interfaccia per PC che può essere collegata indifferentemente alla porta seriale o a quella USB. Consente di controllare otto uscite a relè e di leggere otto ingressi

Dettagli