PUNTATORE LASER AUTOMATICO CON COMANDO VIA ETHERNET

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PUNTATORE LASER AUTOMATICO CON COMANDO VIA ETHERNET"

Transcript

1 Canzian Sara Liberali Marco 5AT A.S.2007/2008 PUNTATORE LASER AUTOMATICO CON COMANDO VIA ETHERNET Questo sistema permette di posizionare una luce laser in una determinata posizione data dalle coordinate che vengono inserite da un PC e trasmesse ad un altro che le invierà poi in seriale al microcontrollore PIC16F84A. Materiali utilizzati: 2 computer Alimentatore da +5V dc Alimentatore da +12V dc Cavo seriale 1:1 prolunga Sistema (scheda e motori passo passo unipolari) Dividiamo ora la spiegazione in due parti: parte hardware e parte software PARTE HARDWARE SCHEMA ELETTRICO In allegato alla pag. Calcoli di progetto Calcolo della resistenza di ogni fase del motore Indicando con R la resistenza generica che nello schema elettrico rappresenta le resistenze da R1 a R8 e con Q i transistor da Q1 a Q8, i calcoli sono i seguenti:

2 Usiamo un BC che ha un h FEmin di 160. Avendo una Vpp di 12V e una Rf (resistenza di fase di 70Ω) e sapendo che la Vcesat è di 0,2V possiamo calcolare la Icsat per poi trovare la Ibsat e quindi il valore della resistenza R. VPP Rf PIC R 2 1 Q 3 A livello basso il bjt è interdetto e quindi funziona come un interruttore aperto mentre a livello alto il bjt è in grado di pilotare la fase del motore. Dal grafico ricaviamo che con una V OHmin di 3.7V e con una I OH =Ibsat di 3.17mA Avremo Calcolo della resistenza relè I calcoli sono analoghi a quelli fatti per la resistenza delle fasi solo che in questo caso la Rf varrà 120Ω. 5V Rf PIC R 2 1 Q 3

3 PARTE SOFTWARE: SOFTWARE IN ASSEMBLY PER PIC 16F84: ;************************************************** ; Progetto Esami 2007/2008 ; Liberali Marco / Canzian Sara ;************************************************** PROCESSOR 16F84A RADIX DEC INCLUDE "P16F84A.INC" ERRORLEVEL -302 CONFIG 3FF1H N equ 23 RTS equ 0 CTS equ 1 TX equ 3 RX equ 4 LAS equ 2 swdir1 equ 0 swdir2 equ 4 swmot equ 3 ;0 se voglio mot1 ;1 se voglio mot2 btimer1 equ 0 ;Bit 0 di stimers - bit di On-Off di TMR1 btimer2 equ 1 ;Bit 1 di stimers - bit di On-Off di TMR2 n equ 9 ;Numero per inizializzare TMR0 in 'rtc' end1stp equ 1 end2stp equ 5 OP32exit equ 7 OP31exit equ 3 ; FILE REGISTER ORG 0CH ;Variabili di rtc w_stack res 1 s_stack res 1 stimers res 1 TMR1_L res 1 TMR1_H res 1 TMR2 res 1 TMR1 res 1 ;Variabili per lo Step Motor StepS res 1 ;Var. dello stato di rotazione del motore StepT res 1 ;Tempo in msec per efettuare mezzo passo Step1N res 1 ;Numero di mezzi passi del motore1 Step2N res 1 ;Numero di mezzi passi del motore2 Fptr1 res 1 ;Var. locale della fase attiva del motore Fptr2 res 1 ;Var. locale della fase attiva del motore ;Registri usati dalle subroutines per RS232 TmpReg res 1 ;Registro temporaneo ShiftReg res 1 ;Shift register BitCount res 1 ;Bit counter Count0 res 1 Tmp res 1 PBloc res 1 appoggio res 1 PxF res 1 PyF res 1 PxA res 1 PyA res 1 ; RESET VECTOR ORG 0x00 goto VectRes ORG 0x04 goto rtc ;ISR: Timeout TMR0

4 ; Macro DELAY DELAY MACRO VALUE LOCAL Loop movlw VALUE movwf Tmp Loop decfsz Tmp, F goto Loop ENDM ; Subroutines per invio RS232 TxChar movwf ShiftReg movlw 8 movwf BitCount bcf PORTA, TX TxLoop btfss ShiftReg, 0 goto TxLo bsf PORTA, TX goto ctx TxLo bcf PORTA, TX ctx goto ctx rrf ShiftReg, 1 decfsz BitCount, 1 goto TxLoop bsf PORTA, TX DELAY 2 bsf PORTA, TX DELAY 2 ; Subroutines per ricezione RS232 RxChar clrf ShiftReg movlw 8 movwf BitCount DELAY 34 wdb btfss PORTA, RX goto RxBitL RxBitH bsf STATUS, C goto RxShift RxBitL bcf STATUS, C goto RxShift RxShift rrf ShiftReg, 1 decfsz BitCount, 1 goto wdb

5 movf ShiftReg,W ;******************** ISR Routine *************************** ;Questa routine implementa un RTC da 1msec per la gestione di ;due timers, TMR1 a 2 byte TMR1H e TMR1_L e TMR2. ;Usa: STimers: Byte contenente i bit di stato dei timer ; btimer: Bit di stato del timer: 1 = timer off ; 0 = timer on ; Per avviare il timer: ; movlw 0x30 ;load 12,5 sec: ; movwf TMR1_H ;12500 msec = 0x30D4 ; movlw 0xD4 ; ; movwf TMR1_L ; ; bcf stimers,btimer1 ; ; Attesa: ;Loop btfss stimers,btimer1 ; ; goto Loop rtc movwf w_stack ;Salva contesto... swapf STATUS, W movwf s_stack bcf INTCON,T0IF ;reset Interrupt timer0 flag movlw n ;n -> W e movwf TMR0 ;ricarica timer rt_tmr2 btfsc stimers,btimer2 ;Timer2 Spento? goto rt_back ;Si, esci decfsz TMR2,F ;Decrementa TMR_2, è zero? goto rt_back ;No, esci bsf stimers,btimer2 ;Si, Set btimer2 rt_back swapf s_stack,w ;Ripristina contesto movwf STATUS swapf w_stack,f swapf w_stack,w retfie ;Half Step Per il Motore1 HStp1 decf Step1N, f btfss StepS,swDir1 ;Test bit di direzione. decf Fptr1,W ;Queste istr. impiegano sempre btfsc StepS,swDir1 ;6 tempi istruzione in ogni caso incf Fptr1,W andlw 0x07 ;Conteggio in modulo 8 movwf Fptr1 ;(tieni solo bit LSB) call StpCd1 ; per puntare alla Transcode movwf PBloc movf PORTB,W andlw 0xF0 iorwf PBloc,W movwf PORTB StpCd1 addwf PCL,F retlw b'0001' retlw b'0011' retlw b'0010' retlw b'0110' retlw b'0100' retlw b'1100' retlw b'1000' retlw b'1001' ;Half Step Per il Motore2 HStp2 decf Step2N, f btfss StepS,swDir2 ;Test bit di direzione. decf Fptr2,W ;Queste istr. impiegano sempre btfsc StepS,swDir2 ;6 tempi istruzione in ogni caso

6 incf Fptr2,W andlw 0x07 ;Conteggio in modulo 8 movwf Fptr2 ;(tieni solo bit LSB) call StpCd2 ; per puntare alla Transcode movwf PBloc movf PORTB,W andlw 0x0F iorwf PBloc,W movwf PORTB StpCd2 addwf PCL,F retlw b' ' retlw b' ' retlw b' ' retlw b' ' retlw b' ' retlw b' ' retlw b' ' retlw b' ' ;MORE STEP MoreStp bsf INTCON, GIE ;attiva interroupt movf Step1N, f call HStp1 movf Step2N, f call HStp2 movf StepT, 0 movwf TMR2 bcf stimers, btimer2 LpMStp btfss stimers, btimer2 goto LpMStp movf Step2N, f goto MoreStp movf Step1N, f goto MoreStp bcf INTCON, GIE ;disattiva interroupt ;*** MAIN PROGRAM*** VectRes bsf STATUS,RP0 ;Attiva Banco 1 clrf TRISA ;Imposta PORTA bsf TRISA,RX movlw b' ' ;Imposta PORTB movwf TRISB movlw b' ' ;Pull-up ON, Prescaler 4 movwf OPTION_REG ;assegnato a TMR0 come Timer bcf STATUS,RP0 ;Attiva Banco 0 bsf INTCON,T0IE ;Abilita IRQ da TMR0 bcf INTCON,GIE ;Abilita IRQ clrf PORTA clrf PORTB bsf PORTA, TX ;Tx in stato di riposo bsf PORTA, RX ;Rx in stato di riposo bsf stimers,btimer1 ;Imposta timer come già scaduto

7 bsf stimers,btimer2 ;Imposta timer come già scaduto bsf PORTB, 7 bsf PORTB, 0 clrf PxA clrf PyA bsf StepS, swdir1 bsf StepS, swdir2 start btfsc PORTA, RX ;bit di start ricevuto? ;si, attiva ricezione movwf appoggio ;0XFF-appoggio=0? (quindi appoggio=0xff?) M1Lp btfsc PORTA, RX ;bit di start ricevuto? goto M1Lp ;si, attiva ricezione movwf appoggio movlw 0X07 ;0X00-appoggio=0? (quindi appoggio=0x00?) goto OP7 ;OP0= Reset Coordinate Motori (0,0) movlw 0X01 ;0X01-appoggio=0? (quindi appoggio=0x01?) goto OP1 ;OP1=Accendi Laser movlw 0X02 ;0X02-appoggio=0? (quindi appoggio=0x02?) goto OP2 ;OP2=Spegni Laser movlw 0X03 ;0X03-appoggio=0? (quindi appoggio=0x03?) goto OP3 ;OP3=Coordinate Motori(>>>2 BYTE<<<) movlw 0X04 ;0X04-appoggio=0? (quindi appoggio=0x04?) goto OP4 ;OP4=Test Connessione RS-232 movlw 0X05 ;0X05-appoggio=0? (quindi appoggio=0x05?) goto OP5 ;OP5=Tempo di passo StepTime movlw 0X06 ;0X06-appoggio=0? (quindi appoggio=0x06?) goto OP6 movlw 0X08 goto OP8 movlw 0X09 goto OP9 ; nessuna delle precedenti=errore OP7 clrf PxA

8 clrf PyA OP1 bsf PORTA, LAS OP2 bcf PORTA, LAS OP3 btfsc PORTA, RX ;bit di start ricevuto? goto OP3 movwf Step1N OP3z btfsc PORTA, RX ;bit di start ricevuto? goto OP3z movwf Step2N OP4 OP5 btfsc PORTA, RX goto OP5 movwf StepT OP6 call MoreStp OP8 bsf StepS, swdir1 bcf StepS, swdir2 OP9 bcf StepS, swdir1 bsf StepS, swdir2

9 end I FLOWCHART DEL SOFTWARE PER IL PIC E DEL SOFTWARE PER I DUE PC SONO ALLEGATI.

CIRCUITO DI TEST E SOFTWARE UTILIZZATI

CIRCUITO DI TEST E SOFTWARE UTILIZZATI CIRCUITO DI TEST E SOFTWARE UTILIZZATI Circuito di Test Nello schema elettrico di figura A è rappresentato un circuito, realizzabile anche senza l ausilio di un circuito stampato, che consente di testare

Dettagli

PROCESSOR 16F84A. ;configurazione FUSES: oscillatore XT, WDT disabilitato PWRT abilitato, CP disabilitato config 0x3FF1

PROCESSOR 16F84A. ;configurazione FUSES: oscillatore XT, WDT disabilitato PWRT abilitato, CP disabilitato config 0x3FF1 ---- ; Programma per ROBOT MDB3F2004-05 Evolution ; Autore: MICCI Antonello copyright 2005 ---- ------------------------- ;Piedino RA0 ingresso fotocellula dx livello basso rilevazione ostacolo ;Piedino

Dettagli

Lezione 8. Figura 1. Configurazione del registro INTCON

Lezione 8. Figura 1. Configurazione del registro INTCON Lezione 8 In questa puntata, ci dedicheremo all'impiego dei cosiddetti "interrupt", che tanto incutono temore ai più inesperti. Ma che cosa sono questi interrupt? Come abbiamo già visto, un programma non

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ASSEMBLER

PROGRAMMAZIONE ASSEMBLER PROGRAMMAZIONE ASSEMBLER Esempio di semplice lampeggiatore a LED 072805 Sistemi Elettronici Dicembre 2006 Ultimo aggiornamento: 11 dicembre 2006 1 OBBIETTIVI 1 Discutere delle metodologie di progetto e

Dettagli

Lezione 4. Figura 1. Schema di una tastiera a matrice di 4x4 tasti

Lezione 4. Figura 1. Schema di una tastiera a matrice di 4x4 tasti Lezione 4 Uno degli scogli maggiori per chi inizia a lavorare con i microcontroller, è l'interfacciamento con tastiere a matrice. La cosa potrebbe a prima vista sembrare complessa, ma in realtà è implementabile

Dettagli

Esercizi di verifica del debito formativo:

Esercizi di verifica del debito formativo: Esercizi di verifica del debito formativo: Disegnare il diagramma e scrivere la tabella delle transizioni di stato degli automi sequenziali a stati finiti che rappresentano il comportamento dei seguenti

Dettagli

Microcontrollori. L ultima parte del corso prevede un approfondimento sui microprocessori, in particolare sul PIC 16F876.

Microcontrollori. L ultima parte del corso prevede un approfondimento sui microprocessori, in particolare sul PIC 16F876. 111 Microcontrollori L ultima parte del corso prevede un approfondimento sui microprocessori, in particolare sul PIC 16F876. In elettronica digitale il microcontrollore è un dispositivo elettronico integrato

Dettagli

MICROCONTROLLORE PIC16F84A

MICROCONTROLLORE PIC16F84A MICROCONTROLLORE PIC16F84A Il microcontrollore pic16f84a, a differenza di un computer normale e' dotato in un unico integrato di tutti gli elementi fondamentali di un computer, che sono la Cpu, unita'

Dettagli

APPUNTI SUL PIC16F84

APPUNTI SUL PIC16F84 APPUNTI SUL PIC16F84 Gianluca 'gurutech' Mascolo v0.1 04/04/2004 mailto: gurutech_at_gurutech.it Hackit04 Il PIC16F84 è un microcontrollore a 8-bit dotato di due porte di I/O digitali, una da 5 bit e una

Dettagli

Lezione 1 Caratteristiche principali del PIC16C84 L'hardware

Lezione 1 Caratteristiche principali del PIC16C84 L'hardware Lezione 1 Nella prima lezione del corso, cercheremo di comprendere come sia fatto internamente il controller più conosciuto di Microchip, ovvero il PIC16C84 poi evoluto nel PIC16F84. Sebbene i microcontroller

Dettagli

List p=16f84 ;Tipo di processore include "P16F84.INC" ;Definizioni di registri interni. goto Inizio

List p=16f84 ;Tipo di processore include P16F84.INC ;Definizioni di registri interni. goto Inizio ESEMPIO 1.1 Autore: Mikel Etxebarria (c) Microsystems Engineering (Bilbao) Esempio per simulazione Sommare due valori immediati (p.e. 5+7) il risultato va depositato nella posizione 0x10 List p=16f84 Tipo

Dettagli

Programmazione del microcontrollore PIC 16F84

Programmazione del microcontrollore PIC 16F84 Programmazione del microcontrollore PIC 16F84 2 Indice Capitolo 1: Set di istruzioni del PIC 16F84 1.1 Descrizione sintetica 1.2 Simbologia adottata 1.3 Sintassi 1.4 Descrizione completa Capitolo 2: Variabili,

Dettagli

ESERCIZI SUI SISTEMI DI NUMERAZIONE

ESERCIZI SUI SISTEMI DI NUMERAZIONE ESERCIZI SUI SISTEMI DI NUMERAZIONE 1 ) Convertire in base 10 i seguenti numeri rappresentati nelle basi indicate: (1000101) 2 [R. 69] (477) 8 [R. 319] (40F) 16 [R. 1039] (5778) 9 [R. 4283] (126) 9 [R.

Dettagli

Capitolo X del Testo Ettore Panella Giuseppe Spalierno Corso di Elettronica 3 Edizioni Cupido MICROCONTROLLORE PIC 16F84

Capitolo X del Testo Ettore Panella Giuseppe Spalierno Corso di Elettronica 3 Edizioni Cupido MICROCONTROLLORE PIC 16F84 Microcontrollore PIC 16F84 1 1. Generalità Capitolo X del Testo Ettore Panella Giuseppe Spalierno Corso di Elettronica 3 Edizioni Cupido MICROCONTROLLORE PIC 16F84 I microcontrollori sono dei circuiti

Dettagli

INTRODUZIONE alla PROGRAMMAZIONE di MICROCONTROLLORI

INTRODUZIONE alla PROGRAMMAZIONE di MICROCONTROLLORI LUCIDI LEZIONI SISTEMI ELETTRONICI INDUSTRIALI www.dismi.unimo.it (People Associated Pavan ) www.microchip.com com (Datasheet PIC - DS30292) (Mid Range Family Manual DS33023) Università degli Studi di

Dettagli

GESTIONE DEI TEMPI CON IL TIMER1 DEL PIC16F876

GESTIONE DEI TEMPI CON IL TIMER1 DEL PIC16F876 GESTIONE DEI TEMPI CON IL TIMER1 DEL PIC16F876 6.0 TIMER1 MODULE The Timer1 module is a 16-bit timer/counter consisting of two 8-bit registers (TMR1H and TMR1L), which are readable and writable. The TMR1

Dettagli

Microcontrollori PIC Teoria, Esperimenti, Esercizi HARDWARE DEL PIC SOFTWARE DEL PIC MPLAB MEMORIA PORTE-IO TIMER DISPLAY AUDIO ADC INTERRUPT EEPROM

Microcontrollori PIC Teoria, Esperimenti, Esercizi HARDWARE DEL PIC SOFTWARE DEL PIC MPLAB MEMORIA PORTE-IO TIMER DISPLAY AUDIO ADC INTERRUPT EEPROM Microcontrollori PIC Teoria, Esperimenti, Esercizi HARDWARE DEL PIC SOFTWARE DEL PIC MPLAB MEMORIA PORTE-IO TIMER DISPLAY AUDIO ADC INTERRUPT EEPROM HARDWARE DEL PIC Il PIC6F684 (PIC=Peripheral Interface

Dettagli

Il µcontrollore PIC 16F84

Il µcontrollore PIC 16F84 Il µcontrollore PIC 16F84 Microchip Tecnology D. Ch. 1 Il grande successo dei microcontrollori ha indotto tutte le grandi case costrutrici di semiconduttori come la Intel, la Philips Semiconductors, la

Dettagli

SISTEMA DI SVILUPPO MC-16

SISTEMA DI SVILUPPO MC-16 SISTEMA DI SVILUPPO MC-16 per microcontrollori PIC16F84 - PIC16F876 o MANUALE DI PROGRAMMAZIONE 2 Il sistema MC-16 contiene: Scheda di sviluppo a microcontrollore con PIC16F84 e PIC16F876. Unità di programmazione

Dettagli

Il precedente programma è scritto in linguaggio Assembly per Z80. Il programma indicato sopra deve essere tradotto in codice Assembly per PIC

Il precedente programma è scritto in linguaggio Assembly per Z80. Il programma indicato sopra deve essere tradotto in codice Assembly per PIC [LABEL:] CODICE OP1[,OP2][COMMENTO] MNEM LD E,0H PIO EQU 0CH ORG 100H LD E,0 ciclo: IN A,(PIO) LD B,A IN A,(PIO) LD C,A LD A,E ADD A,B SUB C CP 8CH JRZ (ciclo) LD A,1 OUT (PIO),A HALT END Il precedente

Dettagli

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S La programmazione dei PIC.

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S La programmazione dei PIC. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 La programmazione dei PIC Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L3 1 Il software per il PIC Come per qualsiasi sistema a microprocessore, anche

Dettagli

ESERCIZI NEL LINGUAGGIO ASSEMBLATIVO DEL MICROCONTROLLORE PIC 16F84

ESERCIZI NEL LINGUAGGIO ASSEMBLATIVO DEL MICROCONTROLLORE PIC 16F84 ESERCIZI NEL LINGUAGGIO ASSEMBLATIVO DEL MICROCONTROLLORE PIC 16F84 1 ) Calcolare in binario e convertire in decimale il contenuto del registro W dopo l esecuzione delle seguenti istruzioni: MOVLW 150

Dettagli

Corso di Informatica Applicata. Lezione 7. Università degli studi di Cassino

Corso di Informatica Applicata. Lezione 7. Università degli studi di Cassino Università degli studi di Cassino Corso di Laurea in Ingegneria della Produzione Industriale Corso di Informatica Applicata Lezione 7 Ing. Saverio De Vito e-mail: saverio.devito@portici.enea.it Tel.: +39

Dettagli

I PIC Partendo da Zero By link_89

I PIC Partendo da Zero By link_89 I PIC Partendo da Zero By link_89 Indice: 1. Introduzione 2. Che cosa serve 3. I più usati 4. I registri 5. Il Primo progetto Introduzione Con questa guida non pretendo di insegnarvi a usare perfettamente

Dettagli

DISPLAY LCD HD44780U(LCD-II)

DISPLAY LCD HD44780U(LCD-II) DISPLAY LCD HD44780U(LCD-II) 1. Descrizione 1.1 Introduzione Molti dispositivi a microcontrollore usano un visualizzatore (display) LCD per mostrare delle informazioni, uno dei tipi più usati può mostrare

Dettagli

CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE (cod. 8469-21029) APPELLO del 22 Giugno 2011 Prof. Andrea Cataldo Soluzioni Esercizio 1 (Domande generali) 1.a) Controllo Logico Dire se il seguente programma SFC è sintatticamente

Dettagli

Controllo di un asse

Controllo di un asse ITIS M. PLANCK ( LANCENIGO DI VILLORBA TV) CORSO SERALE ( Classe 5 /STE ) Area di progetto anno scolastico 2006/2007 Allievo: Crema Claudio Tutor : Prof. Italo Zaniol Controllo di un asse Indice: Descrizione

Dettagli

Università degli studi di Roma La Sapienza. Laboratorio di Automatica

Università degli studi di Roma La Sapienza. Laboratorio di Automatica Università degli studi di Roma La Sapienza DIS Dipartimento di Informatica e Sistemistica Laboratorio di Automatica Implementazione di un controllore PID digitale per il controllo di posizione di un motore

Dettagli

DEDALO. Motori passo-passo Ruota motrice n.1 Ruota motrice n.2. Ruota di snodo. avanti

DEDALO. Motori passo-passo Ruota motrice n.1 Ruota motrice n.2. Ruota di snodo. avanti DEDALO Dedalo è il nome di un progetto nato con l intento di realizzare automa in grado di riconoscere labirinti (creati con strisce di colore nero su pavimenti o cartoncino bianco, aventi incroci perpendicolari)

Dettagli

PERIFERICHE INTELLIGENTI colleghiamo un display LCD

PERIFERICHE INTELLIGENTI colleghiamo un display LCD PERIFERICHE INTELLIGENTI colleghiamo un display LCD Sulla schedina sperimentale che abbiamo costruito c'è un connettore a 14 poli da flat cable per poter collegare un display lcd. I pin di controllo del

Dettagli

ITIS M. PLANCK ( LANCENIGO DI VILLORBA TV)

ITIS M. PLANCK ( LANCENIGO DI VILLORBA TV) ITIS M. PLANCK ( LANCENIGO DI VILLORBA TV) CORSO SERALE ( Classe 5 /STE ) Area di progetto anno scolastico 2004/2005 Allievi: Silvio Strafella - Luigi Baù Tutor : Prof. Italo Zaniol Termostato automatico

Dettagli

Introduzione. Corso di Informatica Applicata. Università degli studi di Cassino

Introduzione. Corso di Informatica Applicata. Università degli studi di Cassino Università degli studi di Cassino Corso di Laurea in Ingegneria della Produzione Industriale Corso di Informatica Applicata Introduzione Ing. Saverio De Vito e-mail: saverio.devito@portici.enea.it Tel.:

Dettagli

PIC Esempi - LED. Per i primi esempi viene utilizzato soltanto un LED sulla porta B (PortB), successivamente si utilizzano più LED.

PIC Esempi - LED. Per i primi esempi viene utilizzato soltanto un LED sulla porta B (PortB), successivamente si utilizzano più LED. PIC Esempi - LED Per i primi esempi viene utilizzato soltanto un LED sulla porta B (PortB), successivamente si utilizzano più LED. 1.1 Questo semplice programma esegue uno switch ripetutamente su tutti

Dettagli

Lancenigo di Villorba TREVISO CORSO SERALE AREA DI PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2006/2007

Lancenigo di Villorba TREVISO CORSO SERALE AREA DI PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2006/2007 Lancenigo di Villorba TREVISO CORSO SERALE AREA DI PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2006/2007 Allievo: NASATO GIANNI Tutor: prof. ITALO ZANIOL, MARCO FALAVIGNA MACCHINA A CONTROLLO NUMERICO GESTITA DA MICROCONTROLLORE

Dettagli

09-05-07. Introduzione ai microcontrollori PIC

09-05-07. Introduzione ai microcontrollori PIC 09-05-07 Introduzione ai microcontrollori PIC Daniele Beninato: Nicola Trivellin: beninato@dei.unipd.it trive1@tin.it Che cosa è un microcontrollore? Un microcontrollore è un sistema a microprocessore

Dettagli

Lezione 2. Figura 1. Schema del circuito necessario per le prove

Lezione 2. Figura 1. Schema del circuito necessario per le prove Lezione 2 Inizializzazione porte Il primo argomento che tratteremo è la prima operazione da effettuare quando si programma un microcontrollore ovvero settare correttamente le porte ed inizializzare i registri

Dettagli

Marcia e Arresto di un Motore elettrico

Marcia e Arresto di un Motore elettrico Marcia e Arresto di un Motore elettrico Si vuole realizzare un circuito elettronico gestito da un microcontrollore PIC16F876 che sia in grado di pilotare un motore elettrico AC 220 volt utilizzando i classici

Dettagli

CONTROLLO NUMERICO DI UN TORNIO DI TIPO DIDATTICO

CONTROLLO NUMERICO DI UN TORNIO DI TIPO DIDATTICO CONTROLLO NUMERICO DI UN TORNIO DI TIPO DIDATTICO ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI AREA DI PROGETTO TESINA PLURIDISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE MAX PLANCK o LANCENIGO VILLORBA (TV) CLASSE

Dettagli

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microprocessori - Microcontrollori. namoroso@mrscuole.net

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microprocessori - Microcontrollori. namoroso@mrscuole.net Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Microprocessori - Microcontrollori Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L1 1 Cosa e un microcontrollore? > Un piccolo computer, contenente al

Dettagli

mendiante un ciclo e finché il segnale rimane alto, si valuta il tempo T3 usando il timer del microcontrollore e una variabile di conteggio.

mendiante un ciclo e finché il segnale rimane alto, si valuta il tempo T3 usando il timer del microcontrollore e una variabile di conteggio. Svolgimento (a) Il sensore di temperatura ha un uscita digitale a 9 bit, emettendo un codice binario proporzionale al valore Temp richiesto. Possiamo pensare si tratti di un dispositivo 1-Wire. Un sistema

Dettagli

Progetto di Microcontrollori. Cronotermostato per Caldaia

Progetto di Microcontrollori. Cronotermostato per Caldaia Progetto di Microcontrollori Cronotermostato per Caldaia Obiettivo del Progetto Realizzazione di un dispositivo elettronico capace di gestire l accensione di una caldaia mediante il controllo della temperatura

Dettagli

MPLAB - IDE. Introduzione. 1. Benvenuti in MPLAB. Introduzione

MPLAB - IDE. Introduzione. 1. Benvenuti in MPLAB. Introduzione MPLAB - IDE Introduzione 1. Benvenuto in MPLAB 2. Creare un progetto 3. Creare un nuovo file assembler 4. Scrivere un programma 5. Toolbar icons 6. Simulatore MPSIM Introduzione MPLAB è un programma che

Dettagli

Il precedente programma è scritto in linguaggio Assembly per Z80. Il programma indicato sopra deve essere tradotto in codice Assembly per PIC

Il precedente programma è scritto in linguaggio Assembly per Z80. Il programma indicato sopra deve essere tradotto in codice Assembly per PIC [LABEL:] CODICE OP1[,OP2][COMMENTO] MNEM LD E,0H PIO EQU 0CH ORG 100H LD E,0 ciclo: IN A,(PIO) LD B,A IN A,(PIO) LD C,A LD A,E ADD A,B SUB C CP 8CH JRZ (ciclo) LD A,1 OUT (PIO),A HALT END Il precedente

Dettagli

Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F

Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F A. Romani Elettronica dei Sistemi Digitali L-A Cos è un microcontrollore? Differenza tra Microprocessore e Microcontrollore à Microprocessore: normalmente

Dettagli

ITIS MAX PLANCK ( Lancenigo di Villorba )

ITIS MAX PLANCK ( Lancenigo di Villorba ) ITIS MAX PLANCK ( Lancenigo di Villorba ) CORSO SERALE ( CLASSE 5^ ZTE ) Area di progetto anno scolastico 2006/2007 Allievi : Enrico De Marchi-Alessio Borin Tutor : Prof. Italo Zaniol GIUOCO DEL BINGO

Dettagli

I microcontrollori. In sostanza i pic hanno le seguenti caratteristiche:

I microcontrollori. In sostanza i pic hanno le seguenti caratteristiche: I microcontrollori Con il termine di microcontrollori si intende un sistema integrato simile ad un microprocessore ma contente su un unico chip oltre la CPU, anche la memoria RAM, memoria dati, memoria

Dettagli

release 3 Il microcontrollore PIC16F877A di Ippolito Perlasca Presentazione

release 3 Il microcontrollore PIC16F877A di Ippolito Perlasca Presentazione release 3 Il microcontrollore PIC16F877A di Ippolito Perlasca Presentazione Questa è una dispensa sul microcontrollore PIC16F877A. Non è completa: manca la descrizione di alcune periferiche, ma le più

Dettagli

Introduzione ai PICmicro

Introduzione ai PICmicro www.tanzilli.com Introduzione ai PICmicro I PICmicro sono dei circuiti integrati prodotti dalla Microchip Technology Inc., che appartengono alla categoria dei microcontroller, ovvero quei componenti che

Dettagli

CORSO SERALE (Classe V/STE)

CORSO SERALE (Classe V/STE) CORSO SERALE (Classe V/STE) Area di progetto anno scolastico 2006/2007 Allievo: Lazzari Matteo Tutor: Prof. Zaniol Italo Termostato controllato tramite modulo GSM IL PROGETTO REALIZZATO 1 Indice Introduzione

Dettagli

Applicazioni dei microcontrollori PIC

Applicazioni dei microcontrollori PIC Applicazioni dei microcontrollori PIC In questa unità vengono esposte le modalità di realizzazione di un circuito hardware con il microcontroller PIC16C84 (o PIC16F84), per la prova dei programmi presentati

Dettagli

I MICROCONTROLLORI PIC (Microchip) PARTE I

I MICROCONTROLLORI PIC (Microchip) PARTE I I MICROCONTROLLORI PIC (Microchip) PARTE I Prof. Angelo Monfroglio Questa dispensa, ad uso degli studenti degli indirizzi Elettronica e Informatica e di tutti i progettisti e studiosi interessati, fornisce

Dettagli

APPUNTI DI ASM PER PIC

APPUNTI DI ASM PER PIC APPUNTI DI ASM PER PIC Prefazione: questi sono gli appunti di un profano che ha iniziato a studiarsi l asm per pic senza avere nessuno o quasi conoscenza pregressa, mi scuso pertanto di eventuali imprecisioni

Dettagli

Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Programmare i PIC in C. Timers Interrupts Prerequisiti: Lezione7 Lezione8.

Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Programmare i PIC in C. Timers Interrupts Prerequisiti: Lezione7 Lezione8. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Programmare i PIC in C Prerequisiti: Lezione7 Lezione8 Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L15 1 Timers - Interrupts I timers e gli Interrupts

Dettagli

Gestione Degli INTERRUPT

Gestione Degli INTERRUPT Gestione Degli INTERRUPT Il PIC 16F876 possiede vari tipi di Interrupt. Si parla di 14 differenti sorgenti di interrupt, ma molto facilmente nella programmazione se ne terranno in considerazione ben pochi:

Dettagli

Architettura del PIC 18F452

Architettura del PIC 18F452 Controllo Digitale a.a. 2005-2006 Architettura del PIC 18F452 Ing. Federica Pascucci PIC 18F452 Caratteristiche Frequenza operativa: 40 MHz Memorie: Program FLASH memory: 32 KBytes, 16 K-istruzioni memorizzabili

Dettagli

Centralina Meteorologica

Centralina Meteorologica Classe 5et1 Anno scolastico 2007/08 Gruppo: Bergonzi Silvano, Braga Emanuele, Isufi Elvis, Martinotti Alessandro, Ouzidane Abdelaziz, Veliu Xheon Istituto Tecnico Industriale G.Marconi Centralina Meteorologica

Dettagli

overview PROGETTAZIONE ELETTRONICA CON MICROCONTROLLORI E PROGRAMMAZIONE IN C POLITECNICO DI MILANO PROGRAMMAZIONE C PER MICROCONTROLLORI

overview PROGETTAZIONE ELETTRONICA CON MICROCONTROLLORI E PROGRAMMAZIONE IN C POLITECNICO DI MILANO PROGRAMMAZIONE C PER MICROCONTROLLORI PROGETTAZIONE ELETTRONICA CON MICROCONTROLLORI E PROGRAMMAZIONE IN C overview PROGETTAZIONE ELETTRONICA CON MICROCONTROLLORI E PROGRAMMAZIONE IN C 072805 Sistemi Elettronici 19 Dicembre 2006 Politecnico

Dettagli

I microcontrollori PIC parte III

I microcontrollori PIC parte III I microcontrollori PIC parte III In questa terza parte parliamo brevemente dell ultima famiglia nata: i potenti PIC32, in particolare il PIC32MX795F512H. Accenniamo anche al nuovo sistema di sviluppo MPLABX

Dettagli

LE TABELLE DI LOOKUP azioniamo un motore

LE TABELLE DI LOOKUP azioniamo un motore LE TABELLE DI LOOKUP azioniamo un motore Nella schedina sperimentale che abbiamo costruito c'è una morsettiera a sette poli facente capo all'integrato ULN2004. Questo altro non è che un driver contenente

Dettagli

Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching. Sommario

Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching. Sommario Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching Sommario Operazioni di un SO: principi fondamentali Una visione schematica di un calcolatore Interazione tra SO, Computer e Programmi Utente 1

Dettagli

Davide Gennaretti, Matteo Nicolini

Davide Gennaretti, Matteo Nicolini Seminario sui Microcontrollori Davide Gennaretti, Matteo Nicolini AA 2003-04 II Facoltà di Ingegneria Elettronica Cesena Cosa sono i microcontrollori? Piccoli computer concentrati in un chip Un Datapath

Dettagli

CNC a 3 ASSI. Ceccato Roberto - Nassuato Denis. Specializzazione: Elettronica e Telecomunicazioni. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Primo Levi

CNC a 3 ASSI. Ceccato Roberto - Nassuato Denis. Specializzazione: Elettronica e Telecomunicazioni. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Primo Levi ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Primo Levi Via Matteotti - 30035 MIRANO - Venezia Specializzazione: Elettronica e Telecomunicazioni Ceccato Roberto - Nassuato Denis 5beT CNC a 3 ASSI Indice Teoria

Dettagli

Il sensore ad ultrasuoni

Il sensore ad ultrasuoni Il sensore ad ultrasuoni Caratteristiche elettriche Alimentazione: 5 Vcc Il sensore rileva oggetti da 0 cm fino a 6,45 metri. Tre diverse possibiltà per leggere il dato di uscita del sensore: 1. lettura

Dettagli

Uno dei metodi più utilizzati e

Uno dei metodi più utilizzati e TEORIA MHZ RISORSE SPECIALE PRATICA Quinta parte n 257 - Novembre 2006 Realizzazione di un timer digitale programmabile Sesta parte n 258 - Dicembre 2006 Uso delle interfacce seriali Settima parte n 259

Dettagli

Embedded Software Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18. Tutorial. Embedded Software. Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18.

Embedded Software Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18. Tutorial. Embedded Software. Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18. Tutorial Embedded Software Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18 Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. COSA CI SERVE?... 3 3. UN PO DI TEORIA... 4 4. DALLA TEORIA ALLA PRATICA... 5 5. IMPLEMENTAZIONE...

Dettagli

Capitolo Quarto...2 Le direttive di assemblaggio di ASM 68000...2 Premessa...2 1. Program Location Counter e direttiva ORG...2 2.

Capitolo Quarto...2 Le direttive di assemblaggio di ASM 68000...2 Premessa...2 1. Program Location Counter e direttiva ORG...2 2. Capitolo Quarto...2 Le direttive di assemblaggio di ASM 68000...2 Premessa...2 1. Program Location Counter e direttiva ORG...2 2. Dichiarazione di dati: le direttive DS e DC...3 2.1 Direttiva DS...3 2.2

Dettagli

Maurizio Del Corso Tiziano Galizia. Conoscere ed usare. Progettare con i microcontrollori PIC in modo facile e veloce

Maurizio Del Corso Tiziano Galizia. Conoscere ed usare. Progettare con i microcontrollori PIC in modo facile e veloce Maurizio Del Corso Tiziano Galizia Conoscere ed usare PICmicro Progettare con i microcontrollori PIC in modo facile e veloce Titolo: Conoscere ed usare PICmicro Prima Edizione - Marzo 2005 ISBN 88-901665-0-9

Dettagli

Esercizi. Assembly. Alessandro A. Nacci alessandro.nacci@polimi.it ACSO 2014/2014

Esercizi. Assembly. Alessandro A. Nacci alessandro.nacci@polimi.it ACSO 2014/2014 Esercizi Assembly Alessandro A. Nacci alessandro.nacci@polimi.it ACSO 2014/2014 1 RIPASSO Architettura dei registri del 68K Di (0 i 7): registri di dato a 8, 16, 32 bit Ai (0 i 7): resgistri di a 16, 32

Dettagli

C:\ProgrammiC\Dino18\dino.c

C:\ProgrammiC\Dino18\dino.c 1 /* ////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////// 2 ** File: Dino.c 3 */ 4 #define Ver "Dino 18 ver 2.51\r by Guiott" 5 /* Autore: Guido Ottaviani-->g.ottaviani@mediaprogetti.it

Dettagli

USART PIC 16F876. R/W-0 R/W-0 R/W-0 R/W-0 U-0 R/W-0 R-1 R/W-0 CSRC TX9 TXEN SYNC _ BRGH TRMT TX9D Bit 7 Bit 6 Bit 5 Bit 4 Bit 3 Bit 2 Bit 1 Bit 0

USART PIC 16F876. R/W-0 R/W-0 R/W-0 R/W-0 U-0 R/W-0 R-1 R/W-0 CSRC TX9 TXEN SYNC _ BRGH TRMT TX9D Bit 7 Bit 6 Bit 5 Bit 4 Bit 3 Bit 2 Bit 1 Bit 0 USART PIC 16F876 L USART (Universal Synchronous Asynchronous Receiver Trasmitter) è uno dei due moduli di I/O seriali, esso è conosciuto anche come Serial Comunications Interface (SCI). L USART può essere

Dettagli

Progettazione ed esecuzione di un prototipo circuitale per la rilevazione della temperatura ambiente.

Progettazione ed esecuzione di un prototipo circuitale per la rilevazione della temperatura ambiente. Progettazione ed esecuzione di un prototipo circuitale per la rilevazione della temperatura ambiente. Lavoro eseguito da alunni della spec.ne Elettronica e Telecomunicazioni Corso El/Te C RILEVATORE DI

Dettagli

LaurTec. RS232-CAN Protocol Converter. Versione N 1.0. Autore : Mauro Laurenti. email: info.laurtec@gmail.com ID: PJ2003-IT

LaurTec. RS232-CAN Protocol Converter. Versione N 1.0. Autore : Mauro Laurenti. email: info.laurtec@gmail.com ID: PJ2003-IT Versione N 1.0 RS232-CAN Protocol Converter Autore : Mauro Laurenti email: info.laurtec@gmail.com ID: PJ2003-IT Copyright 2008 Mauro Laurenti 1/9 INFORMATIVA Come prescritto dall'art. 1, comma 1, della

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN CONTROLLO PID SU MICROCONTROLLORE PIC 18F2520

REALIZZAZIONE DI UN CONTROLLO PID SU MICROCONTROLLORE PIC 18F2520 REALIZZAZIONE DI UN CONTROLLO PID SU MICROCONTROLLORE PIC 8F252 Laboratorio di Strumentazione elettronica di misura 26 Toss Viviana Il programma realizzato permette di controllare la velocità di un motorino

Dettagli

BARRIERA DI MISURA METRON GESTIONE LINEA SERIALE RS-485 www.reer.it

BARRIERA DI MISURA METRON GESTIONE LINEA SERIALE RS-485 www.reer.it BARRIERA DI MISURA METRON GESTIONE LINEA SERIALE RS-485 www.reer.it 2 8540641 Rev.1-11 Aprile 2008 BARRIERA DI MISURA METRON GESTIONE LINEA SERIALE RS-485 SOMMARIO Gestione linea seriale...5 Modalità linea

Dettagli

A/D CON PIC 16F877. Sommario INTRODUZIONE... 2 SELEZIONARE I BANCHI... 2 ADCON0... 4 ADCS1, ADCS0... 4 CH2, CH1 E CH0... 5 GO/DONE... 6 ADON...

A/D CON PIC 16F877. Sommario INTRODUZIONE... 2 SELEZIONARE I BANCHI... 2 ADCON0... 4 ADCS1, ADCS0... 4 CH2, CH1 E CH0... 5 GO/DONE... 6 ADON... A/D CON PIC 16F877 Sommario INTRODUZIONE... 2 SELEZIONARE I BANCHI... 2... 4 ADCS1, ADCS0... 4 CH2, CH1 E CH0... 5 GO/DONE... 6 ADON... 7 ESEMPIO 1... 7 ADCON1... 8 ADFM... 8 PGF3, PGF1 E PGF0... 9 ESEMPIO

Dettagli

GENERALITÀ. Unità: Canali di comunicazione:

GENERALITÀ. Unità: Canali di comunicazione: GENERALITÀ L'apparecchiatura CON232E è una unità a microprocessore equipaggiata di un canale ethernet e due canali seriali rs232c. Il dispositivo trasmette i dati ricevuti dal canale Ethernet con protocollo

Dettagli

APPUNTI FAMIGLIA PIC16F87X SUI MICROCONTROLLORI. prof. Duilio De Marco, prof. Ercole Mitrotta, prof. Giorgio Tombola

APPUNTI FAMIGLIA PIC16F87X SUI MICROCONTROLLORI. prof. Duilio De Marco, prof. Ercole Mitrotta, prof. Giorgio Tombola APPUNTI SUI MICROCONTROLLORI FAMIGLIA PIC16F87X prof. Duilio De Marco, prof. Ercole Mitrotta, prof. Giorgio Tombola 1 Indice generale I MICROCONTROLLORI... 4 La famiglia PIC16F87X... 4 Riassunto caratteristiche

Dettagli

Introduzione. Corso di Informatica Applicata. Università degli studi di Cassino

Introduzione. Corso di Informatica Applicata. Università degli studi di Cassino Università degli studi di Cassino Corso di Laurea in Ingegneria della Produzione Industriale Corso di Informatica Applicata Introduzione Ing. Saverio De Vito e-mail: saverio.devito@portici.enea.it Tel.:

Dettagli

Gestione dell'interrupt con il microcontrollore ATMega328 (scheda Arduino)

Gestione dell'interrupt con il microcontrollore ATMega328 (scheda Arduino) Gestione dell'interrupt con il microcontrollore ATMega328 (scheda Arduino) Un microcontrollore normalmente esegue le istruzioni nella sequenza definita in fase di programmazione (fig. 1). Comunque, il

Dettagli

Manuale Software e Hardware Control lights music 1.0. Sommario. Introduzione

Manuale Software e Hardware Control lights music 1.0. Sommario. Introduzione Sommario Introduzione... 1 Installazione del Software... 1 Collegamento Hardware... 2 Descrizione della schermata principale... 3 Impostazione della scheda Audio...4 Editare un gioco di luce... 5 Introduzione

Dettagli

Part. Y1792A - 06/06-01 PC. Protocollo di comunicazione seriale Modbus

Part. Y1792A - 06/06-01 PC. Protocollo di comunicazione seriale Modbus Part. Y1792A - 06/06-01 PC Protocollo di comunicazione seriale Modbus 3 INDICE 1. Protocollo Modbus Pag. 4 1.1 Impostazione parametri di comunicazione Pag. 4 2. Protocollo Modbus RTU Pag. 5 2.1 Funzioni

Dettagli

1. INTRODUZIONE ETH-BOX

1. INTRODUZIONE ETH-BOX Software ETH-LINK 10/100 Manuale d uso ver. 1.0 1. INTRODUZIONE Il Convertitore Ethernet/seriale ETH-BOX, dedicato alla connessione Ethernet tra PC (TCP/IP e UDP) e dispositivi di campo (RS-232, RS-485),

Dettagli

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole.

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L2 1 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit PIC: Peripheral Interface

Dettagli

COMUNICAZIONE SERIALE

COMUNICAZIONE SERIALE LA COMUNICAZIONE SERIALE Cod. 80034-02/2000 1 INDICE GENERALE Capitolo 1 Introduzione alla comunicazione seriale Pag. 3 Capitolo 2 Protocollo CENCAL Pag. 19 Capitolo 3 Protocollo MODBUS Pag. 83 2 CAPITOLO

Dettagli

PIERIN COME MICRO GENERATORE DI SEGNALI 1

PIERIN COME MICRO GENERATORE DI SEGNALI 1 Fabio Bicciato (c1b8) PIERIN COME MICRO GENERATORE DI SEGNALI 13 September 2013 Introduzione In questo secondo articolo della serie "Pierin come Micro strumentino" proviamo a realizzare un semplice generatore

Dettagli

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Comunicazione Seriale Prof. Antonino Mazzeo Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica UART/USART Intel 8251A Standard Universal Synchronous/Asynchronous Receiver/Trasmitter (USART) Progettata

Dettagli

Manuale per la programmazione del PIC 16F84

Manuale per la programmazione del PIC 16F84 Manuale per la programmazione del PIC 16F84 Principi basi per la programmazione Introduzione alla programmazione Strutture basi di programmazione Descrizione del microcontrollore 16F84 Descrizione tecnica

Dettagli

La tecnica DDS. Un generatore di toni DTMF

La tecnica DDS. Un generatore di toni DTMF La tecnica DDS 32 Un generatore di toni DTMF standard con selezione a tastiera è presentato in quest articolo come applicazione della tecnica DDS (Direct Digital Synthesys), mediante un microprocessore.

Dettagli

ITC FOSSATI- DA PASSANO. Progetto sonar. A cura di: Bamonte Davide Bertagna Davide Canaccini Alessandro Celi Andrea Conti Thomas Filattiera Lorenzo

ITC FOSSATI- DA PASSANO. Progetto sonar. A cura di: Bamonte Davide Bertagna Davide Canaccini Alessandro Celi Andrea Conti Thomas Filattiera Lorenzo Progetto sonar A cura di: Bamonte Davide Bertagna Davide Canaccini Alessandro Celi Andrea Conti Thomas Filattiera Lorenzo A.S. 2013/2014 Classe 4 Q Pag. 1 Relazione Componenti hardware : Arduino1, basetta

Dettagli

ACCESSO A DRIVE REMOTO TRAMITE MODEM

ACCESSO A DRIVE REMOTO TRAMITE MODEM ACCESSO A DRIVE REMOTO TRAMITE MODEM Autore: Giulio Sassetti Indice revisione Data Descrizione modifica V01.0000 14/6/2006 Emissione V01.1000 29/6/2006 Aggiunti link sommario e ingrandite immagini V01.2000

Dettagli

FRERVIEW2: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DELLE MISURE ELETTRICHE Vers. 3.0

FRERVIEW2: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DELLE MISURE ELETTRICHE Vers. 3.0 FRERVIEW2: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DELLE MISURE ELETTRICHE Vers. 3.0 Descrizione Generale E un programma di monitoraggio e supervisione in grado di leggere, memorizzare, preparare reports, visualizzare

Dettagli

Indice delle lezioni Che cosa sono i PIC? 2 1. L'area programma ed il Register File Le porte A e B Interrupt

Indice delle lezioni Che cosa sono i PIC? 2 1. L'area programma ed il Register File Le porte A e B Interrupt Indice delle lezioni Indice delle lezioni Introduzione ai PIC 1 1. Che cosa sono i PIC? 2. Realizziamo un semplice lampeggiatore a led 3. Scrittura e compilazione di un programma in assembler 4. Analizziamo

Dettagli

I Microcontrollore PIC18FXX2. per molti versi, possono essere assimilati a dei veri e propri computer. Essi,

I Microcontrollore PIC18FXX2. per molti versi, possono essere assimilati a dei veri e propri computer. Essi, Descrizione dei microcontrollori I Microcontrollore PIC18FXX2 I microcontrollori sono dei dispositivi elettronici di piccole dimensioni che, per molti versi, possono essere assimilati a dei veri e propri

Dettagli

Blocchi funzione: FbModbusAsciiMs

Blocchi funzione: FbModbusAsciiMs Pagina 1 di 6 ELSIST Srl, www.elsist.it Blocchi funzione MNL041Q000 FbModbusAsciiMs Questo blocco funzione permette lo scambio di dati tra due sistemi, uno master ed uno slave, utilizzando una connessione

Dettagli

Gruppo di continuità integrato nell impianto elettrico casalingo (Stefano Purchiaroni. Novembre 2009)

Gruppo di continuità integrato nell impianto elettrico casalingo (Stefano Purchiaroni. Novembre 2009) Gruppo di continuità integrato nell impianto elettrico casalingo (Stefano Purchiaroni. Novembre 2009) In caso di black-out, l uso di un gruppo elettrogeno a motore o a batteria, che immetta energia direttamente

Dettagli

CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A

CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A ITIS M. PLANCK LANCENIGO DI VILLORBA (TV) A.S. 2006/07 CLASSE 4A/ SERALE Corso di elettronica e telecomunicazioni Ins. Zaniol Italo CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A Presentazione

Dettagli

progettare & costruire di GIOVANNI DI MARIA

progettare & costruire di GIOVANNI DI MARIA progettare & costruire di GIOVANNI DI MARIA Interfacciare il PC con il mondo esterno LA PORTA SERIALE DEL PC in uscita con il PIC In questa puntata interfacceremo il Personal Computer con le nostre apparecchiature

Dettagli

R.T.S. Engineering s.n.c. MANUALE D USO. Valido per:

R.T.S. Engineering s.n.c. MANUALE D USO. Valido per: MANUALE D USO Valido per: Stampante fiscale 3I FTP-FAST e per tutti i modelli 3I dotati di protocollo XonXoff, tramite RS-232, USB o Rete Ethernet COMPATIBILE WINDOWS VISTA / 7 / 8 (1): Protocollo XonXoff

Dettagli

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 Applicazione Integrazione di tutta la gamma di Centrali Techno (Technodin, Techno32, Techno88 e Techno200)

Dettagli