CIRCUITO DI TEST E SOFTWARE UTILIZZATI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CIRCUITO DI TEST E SOFTWARE UTILIZZATI"

Transcript

1 CIRCUITO DI TEST E SOFTWARE UTILIZZATI Circuito di Test Nello schema elettrico di figura A è rappresentato un circuito, realizzabile anche senza l ausilio di un circuito stampato, che consente di testare alcune delle possibilità offerte dal Microcontrollore PIC 16C54. Come si può osservare si è utilizzato un oscillatore a quarzo (XT type). I pin RTCC e MCLR sono stati disabilitati, per mezzo di una resistenza di pull-up da 4,7K. La porta A del microcontrollore viene utilizzata come input. Un dip switch a quattro posizioni consente di configurare 16 possibili combinazioni in ingresso. La porta B del microcontrollore viene utilizzata come output. Ciascun porto di uscita è collegato a un buffer costituito da un transistor il quale fornisce la corrente di pilotaggio necessaria ad accendere un diodo led. Ciò è stato fatto per non caricare le uscite del microcontrollore, poiché la massima corrente di uscita di ogni porto di I/O é dello stesso ordine di grandezza della corrente necessaria al pilotaggio di un led. La capacità C3, che costituisce un filtro di alimentazione per il microcontrollore e inibisce fenomeni di auto oscillazione. Tale capacità è efficace solo se montata nelle vicinanze dei pin di alimentazione del controllore. Il circuito descritto, anche se molto semplice, consente di testare programmi anche discretamente complessi. Di seguito si riportano i programmi che sono stati testati sul circuito realizzato. La routine delay ha un ritardo di circa 1 secondo con un quarzo da 4MHz. 0

2 Figura A 1

3 TITLE 'lampeggio di un led (LED2.ASM)' LIST P=16C54 ;device scelto SET_P_B EQU 000H SET_P_A EQU 00FH TIM0 EQU 79H ;50mS = 79H TIM1 EQU 10H ;1 SECONDO = 10H F25 EQU 19H ;RITARDO 1 SECONDO F26 EQU 1AH ;RITARDO 1 SECONDO F27 EQU 1BH ;RITARDO 1 SECONDO PORT_A EQU 5 PORT_B EQU 6 ORG 0 OPTION ;ROUTINE DI RITARDO 1 S DELAY1 MOVLW TIM1 MOVWF F25 DEL2S MOVLW TIM0 MOVWF F26 DEL2A MOVWF F27 DEL2B DECFSZ F27 GOTO DEL2B DECFSZ F26 GOTO DEL2A DECFSZ F25 GOTO DEL2S RETLW 0 MAIN MOVLW SET_P_A TRIS PORT_A MOVLW SET_P_B TRIS PORT_B MOVWF PORT_B ;PORTA A, definizione I/O ;A0..A3 IN A4..A7 OUT ;PORTA B, definizione di I/O (B = OUT) ;tutti i pin di B a zero MAIN1 BTFSC PORT_B,0 ;testa porta B bit 0, ;skippa se zero GOTO SETTA ;vai a SETTA BSF PORT_B,0 ;setta a 1 bit 0 di porta B CALL DELAY1 ;ritardo di un secondo GOTO MAIN1 ;torna a MAIN1 SETTA BCF PORT_B,0 CALL DELAY1 GOTO MAIN1 ;setta a 0 bit 0 di porta B ;torna a MAIN1 DATA "LAMPEGGIO DI UN LED" ORG 01FFh GOTO MAIN END 2

4 TITLE 'scansione dei led (LED3.ASM)' LIST P=16C54 ;device scelto STATUS EQU 003H ;RIDENOMINAZIONE DEL REGISTRO DI STATO SET_P_B EQU 000H TIM0 EQU 79H ;50mS = 79H TIM1 EQU 10H ;1 SECONDO = 10H F25 EQU 19H ;RITARDO 1 SECONDO F26 EQU 1AH ;RITARDO 1 SECONDO F27 EQU 1BH ;RITARDO 1 SECONDO PORT_B EQU 6 LED EQU 1 ; ORG 0 OPTION ;ROUTINE DI RITARDO 1 S DELAY1 MOVLW TIM1 MOVWF F25 DEL2S MOVLW TIM0 MOVWF F26 DEL2A MOVWF F27 DEL2B DECFSZ F27 GOTO DEL2B DECFSZ F26 GOTO DEL2A DECFSZ F25 GOTO DEL2S RETLW 0 Per le istruzioni di rotazione (RRF,RLF) il BIT C del registro di stato è caricato con l' uno o l'altro dei BIT più o meno significativi del registro sorgente. MAIN MOVLW SET_P_B ;CARICA IN W IL CONTENUTO DI SET_P_B TRIS PORT_B ;PORTA B, definita come uscita CLRW ;AZZERA W MOVWF PORT_B ;AZZERA LE USCITE DELLA PORTA B; MAIN1 MOVLW LED ;CARICA IN W IL CONTENUTO DI LED MOVWF PORT_B ;SPOSTA DA W A PORT_B CICLE RLF PORT_B,1 ;RUOTA A SINISTRA PORT_B BCF PORT_B,0 ;IL BIT 0 DELLA PORTA B E' POSTO A ZERO BTFSS PORT_B,7 ;CONTROLLA IL BIT 7 DI PORT_B GOTO CICLE ;VAI A CICLE CICLE1 RRF PORT_B,1 ;RUOTA A DESTRA PORT_B BTFSS PORT_B,0 ;CONTROLLA IL BIT 0 DI PORT_B GOTO CICLE1 ;VAI A CICLE1 GOTO CICLE ;VAI A CICLE ; ; ORG 01FFH ; ; GOTO MAIN 3

5 END ; In the Demo board, PORTB is connected to 8 LEDs. (TASTO.ASM) ; RA1 is connected to a switch (S3). ; This program increments the file register ;count each time S3 is pressed. ; The value of count is displayed on the LEDs conected to PORTB. ; Net result is that LEDs should increment in a binary manner every time S3 is ; pressed. list p=16c54, f=inhx8m PIC54 equ 1FFH ; Define Reset Vectors PORT_A equ 5h PORT_B equ 6h ; I/O Port Assignments COUNT equ 010H org 00h Start movlw 0FFH ; W=FFh (*) tris PORT_A ; config port A as input (*) movlw 0 tris PORT_B ; config port B as output movwf PORT_B ; port B set to zero clrf COUNT ; clear register count Loop btfss PORT_A,1 ; see if RA1 pressed goto IncCount ; yes then inc count Endloop goto Loop ; else check again IncCount incf COUNT movf COUNT,w ; placed COUNT in W movwf PORT_B ; display on port b Debounce btfss PORT_A,1 ; wait for key release goto Debounce ; not release then wait Enddebounce goto Loop ; else check key press again org PIC54 ; reset vector goto Start end ; I registri di I/O possono essere scritti e letti sotto il controllo del ; programma similmente agli altri registri per uso generale. ; Comunque le istruzioni di lettura (come MOVF PORTB,W) leggono SEMPRE i ; PIN di I/O nonostante che un PIN sia definito come INPUT o come OUTPUT. ; Dopo una condizione di RESET tutte le porte di I/O sono definite come ; in ingresso (e dunque in alta impedenza), cosi come i registri di ; controllo I/O (TRIS A, TRIS B e TRIS C) sono tutti posti a uno. ; L'esecuzione di un TRIS f con i corrispondenti 0 nel registro W é ; indispensabile per definire gli I/O in uscita. Mentre non lo è per ; definire gli I/O in ingresso (nel programma esposto sopra le linee (*) ; si possono omettere. 4

Lezione 4. Figura 1. Schema di una tastiera a matrice di 4x4 tasti

Lezione 4. Figura 1. Schema di una tastiera a matrice di 4x4 tasti Lezione 4 Uno degli scogli maggiori per chi inizia a lavorare con i microcontroller, è l'interfacciamento con tastiere a matrice. La cosa potrebbe a prima vista sembrare complessa, ma in realtà è implementabile

Dettagli

PUNTATORE LASER AUTOMATICO CON COMANDO VIA ETHERNET

PUNTATORE LASER AUTOMATICO CON COMANDO VIA ETHERNET Canzian Sara Liberali Marco 5AT A.S.2007/2008 PUNTATORE LASER AUTOMATICO CON COMANDO VIA ETHERNET Questo sistema permette di posizionare una luce laser in una determinata posizione data dalle coordinate

Dettagli

Lezione 8. Figura 1. Configurazione del registro INTCON

Lezione 8. Figura 1. Configurazione del registro INTCON Lezione 8 In questa puntata, ci dedicheremo all'impiego dei cosiddetti "interrupt", che tanto incutono temore ai più inesperti. Ma che cosa sono questi interrupt? Come abbiamo già visto, un programma non

Dettagli

PROCESSOR 16F84A. ;configurazione FUSES: oscillatore XT, WDT disabilitato PWRT abilitato, CP disabilitato config 0x3FF1

PROCESSOR 16F84A. ;configurazione FUSES: oscillatore XT, WDT disabilitato PWRT abilitato, CP disabilitato config 0x3FF1 ---- ; Programma per ROBOT MDB3F2004-05 Evolution ; Autore: MICCI Antonello copyright 2005 ---- ------------------------- ;Piedino RA0 ingresso fotocellula dx livello basso rilevazione ostacolo ;Piedino

Dettagli

MICROCONTROLLORE PIC16F84A

MICROCONTROLLORE PIC16F84A MICROCONTROLLORE PIC16F84A Il microcontrollore pic16f84a, a differenza di un computer normale e' dotato in un unico integrato di tutti gli elementi fondamentali di un computer, che sono la Cpu, unita'

Dettagli

Microcontrollori. L ultima parte del corso prevede un approfondimento sui microprocessori, in particolare sul PIC 16F876.

Microcontrollori. L ultima parte del corso prevede un approfondimento sui microprocessori, in particolare sul PIC 16F876. 111 Microcontrollori L ultima parte del corso prevede un approfondimento sui microprocessori, in particolare sul PIC 16F876. In elettronica digitale il microcontrollore è un dispositivo elettronico integrato

Dettagli

Lezione 1 Caratteristiche principali del PIC16C84 L'hardware

Lezione 1 Caratteristiche principali del PIC16C84 L'hardware Lezione 1 Nella prima lezione del corso, cercheremo di comprendere come sia fatto internamente il controller più conosciuto di Microchip, ovvero il PIC16C84 poi evoluto nel PIC16F84. Sebbene i microcontroller

Dettagli

Esercizi di verifica del debito formativo:

Esercizi di verifica del debito formativo: Esercizi di verifica del debito formativo: Disegnare il diagramma e scrivere la tabella delle transizioni di stato degli automi sequenziali a stati finiti che rappresentano il comportamento dei seguenti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ASSEMBLER

PROGRAMMAZIONE ASSEMBLER PROGRAMMAZIONE ASSEMBLER Esempio di semplice lampeggiatore a LED 072805 Sistemi Elettronici Dicembre 2006 Ultimo aggiornamento: 11 dicembre 2006 1 OBBIETTIVI 1 Discutere delle metodologie di progetto e

Dettagli

APPUNTI SUL PIC16F84

APPUNTI SUL PIC16F84 APPUNTI SUL PIC16F84 Gianluca 'gurutech' Mascolo v0.1 04/04/2004 mailto: gurutech_at_gurutech.it Hackit04 Il PIC16F84 è un microcontrollore a 8-bit dotato di due porte di I/O digitali, una da 5 bit e una

Dettagli

Applicazioni dei microcontrollori PIC

Applicazioni dei microcontrollori PIC Applicazioni dei microcontrollori PIC In questa unità vengono esposte le modalità di realizzazione di un circuito hardware con il microcontroller PIC16C84 (o PIC16F84), per la prova dei programmi presentati

Dettagli

Lezione 2. Figura 1. Schema del circuito necessario per le prove

Lezione 2. Figura 1. Schema del circuito necessario per le prove Lezione 2 Inizializzazione porte Il primo argomento che tratteremo è la prima operazione da effettuare quando si programma un microcontrollore ovvero settare correttamente le porte ed inizializzare i registri

Dettagli

ESERCIZI SUI SISTEMI DI NUMERAZIONE

ESERCIZI SUI SISTEMI DI NUMERAZIONE ESERCIZI SUI SISTEMI DI NUMERAZIONE 1 ) Convertire in base 10 i seguenti numeri rappresentati nelle basi indicate: (1000101) 2 [R. 69] (477) 8 [R. 319] (40F) 16 [R. 1039] (5778) 9 [R. 4283] (126) 9 [R.

Dettagli

PIC Esempi - LED. Per i primi esempi viene utilizzato soltanto un LED sulla porta B (PortB), successivamente si utilizzano più LED.

PIC Esempi - LED. Per i primi esempi viene utilizzato soltanto un LED sulla porta B (PortB), successivamente si utilizzano più LED. PIC Esempi - LED Per i primi esempi viene utilizzato soltanto un LED sulla porta B (PortB), successivamente si utilizzano più LED. 1.1 Questo semplice programma esegue uno switch ripetutamente su tutti

Dettagli

GESTIONE DEI TEMPI CON IL TIMER1 DEL PIC16F876

GESTIONE DEI TEMPI CON IL TIMER1 DEL PIC16F876 GESTIONE DEI TEMPI CON IL TIMER1 DEL PIC16F876 6.0 TIMER1 MODULE The Timer1 module is a 16-bit timer/counter consisting of two 8-bit registers (TMR1H and TMR1L), which are readable and writable. The TMR1

Dettagli

Programmazione del microcontrollore PIC 16F84

Programmazione del microcontrollore PIC 16F84 Programmazione del microcontrollore PIC 16F84 2 Indice Capitolo 1: Set di istruzioni del PIC 16F84 1.1 Descrizione sintetica 1.2 Simbologia adottata 1.3 Sintassi 1.4 Descrizione completa Capitolo 2: Variabili,

Dettagli

Il µcontrollore PIC 16F84

Il µcontrollore PIC 16F84 Il µcontrollore PIC 16F84 Microchip Tecnology D. Ch. 1 Il grande successo dei microcontrollori ha indotto tutte le grandi case costrutrici di semiconduttori come la Intel, la Philips Semiconductors, la

Dettagli

Capitolo X del Testo Ettore Panella Giuseppe Spalierno Corso di Elettronica 3 Edizioni Cupido MICROCONTROLLORE PIC 16F84

Capitolo X del Testo Ettore Panella Giuseppe Spalierno Corso di Elettronica 3 Edizioni Cupido MICROCONTROLLORE PIC 16F84 Microcontrollore PIC 16F84 1 1. Generalità Capitolo X del Testo Ettore Panella Giuseppe Spalierno Corso di Elettronica 3 Edizioni Cupido MICROCONTROLLORE PIC 16F84 I microcontrollori sono dei circuiti

Dettagli

SISTEMA DI SVILUPPO MC-16

SISTEMA DI SVILUPPO MC-16 SISTEMA DI SVILUPPO MC-16 per microcontrollori PIC16F84 - PIC16F876 o MANUALE DI PROGRAMMAZIONE 2 Il sistema MC-16 contiene: Scheda di sviluppo a microcontrollore con PIC16F84 e PIC16F876. Unità di programmazione

Dettagli

Progetto di Microcontrollori. Cronotermostato per Caldaia

Progetto di Microcontrollori. Cronotermostato per Caldaia Progetto di Microcontrollori Cronotermostato per Caldaia Obiettivo del Progetto Realizzazione di un dispositivo elettronico capace di gestire l accensione di una caldaia mediante il controllo della temperatura

Dettagli

Corso di Informatica Applicata. Lezione 7. Università degli studi di Cassino

Corso di Informatica Applicata. Lezione 7. Università degli studi di Cassino Università degli studi di Cassino Corso di Laurea in Ingegneria della Produzione Industriale Corso di Informatica Applicata Lezione 7 Ing. Saverio De Vito e-mail: saverio.devito@portici.enea.it Tel.: +39

Dettagli

Marcia e Arresto di un Motore elettrico

Marcia e Arresto di un Motore elettrico Marcia e Arresto di un Motore elettrico Si vuole realizzare un circuito elettronico gestito da un microcontrollore PIC16F876 che sia in grado di pilotare un motore elettrico AC 220 volt utilizzando i classici

Dettagli

Pilotare un motore passo-passo, in questo caso il modello della Sanyo le cui caratteristiche principali sono quelle di figura1.

Pilotare un motore passo-passo, in questo caso il modello della Sanyo le cui caratteristiche principali sono quelle di figura1. 10. Pilotaggio unipolare di un motore passo-passo Scopo della prova Pilotare un motore passo-passo, in questo caso il modello 103-547-52500 della Sanyo le cui caratteristiche principali sono quelle di

Dettagli

ITIS MAX PLANCK ( Lancenigo di Villorba )

ITIS MAX PLANCK ( Lancenigo di Villorba ) ITIS MAX PLANCK ( Lancenigo di Villorba ) CORSO SERALE ( CLASSE 5^ ZTE ) Area di progetto anno scolastico 2006/2007 Allievi : Enrico De Marchi-Alessio Borin Tutor : Prof. Italo Zaniol GIUOCO DEL BINGO

Dettagli

DISPLAY LCD HD44780U(LCD-II)

DISPLAY LCD HD44780U(LCD-II) DISPLAY LCD HD44780U(LCD-II) 1. Descrizione 1.1 Introduzione Molti dispositivi a microcontrollore usano un visualizzatore (display) LCD per mostrare delle informazioni, uno dei tipi più usati può mostrare

Dettagli

Introduzione. Corso di Informatica Applicata. Università degli studi di Cassino

Introduzione. Corso di Informatica Applicata. Università degli studi di Cassino Università degli studi di Cassino Corso di Laurea in Ingegneria della Produzione Industriale Corso di Informatica Applicata Introduzione Ing. Saverio De Vito e-mail: saverio.devito@portici.enea.it Tel.:

Dettagli

I PIC Partendo da Zero By link_89

I PIC Partendo da Zero By link_89 I PIC Partendo da Zero By link_89 Indice: 1. Introduzione 2. Che cosa serve 3. I più usati 4. I registri 5. Il Primo progetto Introduzione Con questa guida non pretendo di insegnarvi a usare perfettamente

Dettagli

PIC Set istruzioni. Sintassi Descrizione Microchip Operazione equivalente Effetto su STATUS

PIC Set istruzioni. Sintassi Descrizione Microchip Operazione equivalente Effetto su STATUS PIC Set istruzioni Questo è il set completo delle istruzioni dei Microchip PIC: Sintassi Descrizione Microchip Operazione equivalente Effetto su STATUS ADDLW k Add Literal and W W = W + k C, DC, Z ADDWF

Dettagli

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S La programmazione dei PIC.

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S La programmazione dei PIC. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 La programmazione dei PIC Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L3 1 Il software per il PIC Come per qualsiasi sistema a microprocessore, anche

Dettagli

A/D CON PIC 16F877. Sommario INTRODUZIONE... 2 SELEZIONARE I BANCHI... 2 ADCON0... 4 ADCS1, ADCS0... 4 CH2, CH1 E CH0... 5 GO/DONE... 6 ADON...

A/D CON PIC 16F877. Sommario INTRODUZIONE... 2 SELEZIONARE I BANCHI... 2 ADCON0... 4 ADCS1, ADCS0... 4 CH2, CH1 E CH0... 5 GO/DONE... 6 ADON... A/D CON PIC 16F877 Sommario INTRODUZIONE... 2 SELEZIONARE I BANCHI... 2... 4 ADCS1, ADCS0... 4 CH2, CH1 E CH0... 5 GO/DONE... 6 ADON... 7 ESEMPIO 1... 7 ADCON1... 8 ADFM... 8 PGF3, PGF1 E PGF0... 9 ESEMPIO

Dettagli

09-05-07. Introduzione ai microcontrollori PIC

09-05-07. Introduzione ai microcontrollori PIC 09-05-07 Introduzione ai microcontrollori PIC Daniele Beninato: Nicola Trivellin: beninato@dei.unipd.it trive1@tin.it Che cosa è un microcontrollore? Un microcontrollore è un sistema a microprocessore

Dettagli

List p=16f84 ;Tipo di processore include "P16F84.INC" ;Definizioni di registri interni. goto Inizio

List p=16f84 ;Tipo di processore include P16F84.INC ;Definizioni di registri interni. goto Inizio ESEMPIO 1.1 Autore: Mikel Etxebarria (c) Microsystems Engineering (Bilbao) Esempio per simulazione Sommare due valori immediati (p.e. 5+7) il risultato va depositato nella posizione 0x10 List p=16f84 Tipo

Dettagli

Niccolò Francato AUTOMA SCANSA OSTACOLI

Niccolò Francato AUTOMA SCANSA OSTACOLI Niccolò Francato AUTOMA SCANSA OSTACOLI Indice: pag. Introduzione 2 Descrizione 3 Alimentazione 3 Sensori IR OMRON e adattamento del segnale 4 Fotodiodi IR, trattazione del segnale, comparazione e stadio

Dettagli

ESERCIZI NEL LINGUAGGIO ASSEMBLATIVO DEL MICROCONTROLLORE PIC 16F84

ESERCIZI NEL LINGUAGGIO ASSEMBLATIVO DEL MICROCONTROLLORE PIC 16F84 ESERCIZI NEL LINGUAGGIO ASSEMBLATIVO DEL MICROCONTROLLORE PIC 16F84 1 ) Calcolare in binario e convertire in decimale il contenuto del registro W dopo l esecuzione delle seguenti istruzioni: MOVLW 150

Dettagli

Che cos è la barriera luminosa?

Che cos è la barriera luminosa? BARRIERA LUMINOSA Che cos è la barriera luminosa? Pezzi da contare Diodo IR o Laser (emittente) Pezzi contati Direzione del nastro trasportatore FOTODIODO (ricevitore) Direzione del nastro trasportatore

Dettagli

DEDALO. Motori passo-passo Ruota motrice n.1 Ruota motrice n.2. Ruota di snodo. avanti

DEDALO. Motori passo-passo Ruota motrice n.1 Ruota motrice n.2. Ruota di snodo. avanti DEDALO Dedalo è il nome di un progetto nato con l intento di realizzare automa in grado di riconoscere labirinti (creati con strisce di colore nero su pavimenti o cartoncino bianco, aventi incroci perpendicolari)

Dettagli

I microcontrollori. In sostanza i pic hanno le seguenti caratteristiche:

I microcontrollori. In sostanza i pic hanno le seguenti caratteristiche: I microcontrollori Con il termine di microcontrollori si intende un sistema integrato simile ad un microprocessore ma contente su un unico chip oltre la CPU, anche la memoria RAM, memoria dati, memoria

Dettagli

INTRODUZIONE alla PROGRAMMAZIONE di MICROCONTROLLORI

INTRODUZIONE alla PROGRAMMAZIONE di MICROCONTROLLORI LUCIDI LEZIONI SISTEMI ELETTRONICI INDUSTRIALI www.dismi.unimo.it (People Associated Pavan ) www.microchip.com com (Datasheet PIC - DS30292) (Mid Range Family Manual DS33023) Università degli Studi di

Dettagli

Introduzione ai PICmicro

Introduzione ai PICmicro www.tanzilli.com Introduzione ai PICmicro I PICmicro sono dei circuiti integrati prodotti dalla Microchip Technology Inc., che appartengono alla categoria dei microcontroller, ovvero quei componenti che

Dettagli

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microprocessori - Microcontrollori. namoroso@mrscuole.net

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microprocessori - Microcontrollori. namoroso@mrscuole.net Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Microprocessori - Microcontrollori Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L1 1 Cosa e un microcontrollore? > Un piccolo computer, contenente al

Dettagli

Microcontrollori PIC Teoria, Esperimenti, Esercizi HARDWARE DEL PIC SOFTWARE DEL PIC MPLAB MEMORIA PORTE-IO TIMER DISPLAY AUDIO ADC INTERRUPT EEPROM

Microcontrollori PIC Teoria, Esperimenti, Esercizi HARDWARE DEL PIC SOFTWARE DEL PIC MPLAB MEMORIA PORTE-IO TIMER DISPLAY AUDIO ADC INTERRUPT EEPROM Microcontrollori PIC Teoria, Esperimenti, Esercizi HARDWARE DEL PIC SOFTWARE DEL PIC MPLAB MEMORIA PORTE-IO TIMER DISPLAY AUDIO ADC INTERRUPT EEPROM HARDWARE DEL PIC Il PIC6F684 (PIC=Peripheral Interface

Dettagli

CNC a 3 ASSI. Ceccato Roberto - Nassuato Denis. Specializzazione: Elettronica e Telecomunicazioni. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Primo Levi

CNC a 3 ASSI. Ceccato Roberto - Nassuato Denis. Specializzazione: Elettronica e Telecomunicazioni. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Primo Levi ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Primo Levi Via Matteotti - 30035 MIRANO - Venezia Specializzazione: Elettronica e Telecomunicazioni Ceccato Roberto - Nassuato Denis 5beT CNC a 3 ASSI Indice Teoria

Dettagli

MPLAB - IDE. Introduzione. 1. Benvenuti in MPLAB. Introduzione

MPLAB - IDE. Introduzione. 1. Benvenuti in MPLAB. Introduzione MPLAB - IDE Introduzione 1. Benvenuto in MPLAB 2. Creare un progetto 3. Creare un nuovo file assembler 4. Scrivere un programma 5. Toolbar icons 6. Simulatore MPSIM Introduzione MPLAB è un programma che

Dettagli

CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE (cod. 8469-21029) APPELLO del 22 Giugno 2011 Prof. Andrea Cataldo Soluzioni Esercizio 1 (Domande generali) 1.a) Controllo Logico Dire se il seguente programma SFC è sintatticamente

Dettagli

progettare & costruiredi ETTORE PICCIRILLO

progettare & costruiredi ETTORE PICCIRILLO progettare progettare & costruiredi ETTORE PICCIRILLO Consumi SOTTO CONTROLLO! In tema di risparmio energetico un dispositivo di controllo del consumo applicato al contatore di energia elettrica capita

Dettagli

Il PLC per tutti PRATICA

Il PLC per tutti PRATICA Settima parte: Settembre 2007 I Relays e la gestione dei dati Ottava parte: Ottobre 2007 Utilizzare il modulo Led a 7 segmenti giganti Nona parte: Novembre 2007 Applicazioni con i display a 7 segmenti

Dettagli

8 Microcontrollori PIC

8 Microcontrollori PIC 8 Microcontrollori PIC 8.1 Descrizione generale Un microcontrollore è un dispositivo elettronico che opportunamente programmato è in grado di svolgere diverse funzioni in modo autonomo. Essenzialmente

Dettagli

Università degli studi di Roma La Sapienza. Laboratorio di Automatica

Università degli studi di Roma La Sapienza. Laboratorio di Automatica Università degli studi di Roma La Sapienza DIS Dipartimento di Informatica e Sistemistica Laboratorio di Automatica Implementazione di un controllore PID digitale per il controllo di posizione di un motore

Dettagli

Il precedente programma è scritto in linguaggio Assembly per Z80. Il programma indicato sopra deve essere tradotto in codice Assembly per PIC

Il precedente programma è scritto in linguaggio Assembly per Z80. Il programma indicato sopra deve essere tradotto in codice Assembly per PIC [LABEL:] CODICE OP1[,OP2][COMMENTO] MNEM LD E,0H PIO EQU 0CH ORG 100H LD E,0 ciclo: IN A,(PIO) LD B,A IN A,(PIO) LD C,A LD A,E ADD A,B SUB C CP 8CH JRZ (ciclo) LD A,1 OUT (PIO),A HALT END Il precedente

Dettagli

PICLOCK. Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica. Ivancich Stefano. Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici

PICLOCK. Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica. Ivancich Stefano. Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici PICLOCK Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica Ivancich Stefano Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici Istituto tecnico C. Zuccante Mestre A.S. 2013/2014 progetto n

Dettagli

Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza

Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza Obiettivo e specifiche del progetto 1. Monitoraggio in tempo reale della temperatura in una stanza (Tacq= 4 sec, Input range=

Dettagli

CONTROLLER VFO UNIVERSALE di IK0XUH (Articolo pubblicati su RadioKit di Dicembre 2011)

CONTROLLER VFO UNIVERSALE di IK0XUH (Articolo pubblicati su RadioKit di Dicembre 2011) CONTROLLER VFO UNIVERSALE di IK0XUH (Articolo pubblicati su RadioKit di Dicembre 2011) Questo controller universale permette di controllare i sintetizzatori della AMQRP Club DDS-30 e DDS-60, l Si570 XO

Dettagli

CONTROLLO NUMERICO DI UN TORNIO DI TIPO DIDATTICO

CONTROLLO NUMERICO DI UN TORNIO DI TIPO DIDATTICO CONTROLLO NUMERICO DI UN TORNIO DI TIPO DIDATTICO ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI AREA DI PROGETTO TESINA PLURIDISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE MAX PLANCK o LANCENIGO VILLORBA (TV) CLASSE

Dettagli

CORSO SERALE (Classe V/STE)

CORSO SERALE (Classe V/STE) CORSO SERALE (Classe V/STE) Area di progetto anno scolastico 2006/2007 Allievo: Lazzari Matteo Tutor: Prof. Zaniol Italo Termostato controllato tramite modulo GSM IL PROGETTO REALIZZATO 1 Indice Introduzione

Dettagli

Esegue la sommatral'accumulatoreac e Se I=1, ilcontenutodellacelladi memoriailcui indirizzoè

Esegue la sommatral'accumulatoreac e Se I=1, ilcontenutodellacelladi memoriailcui indirizzoè Parte II AND 104 I, micro-operazioni c 0 t 0 : MAR PC c 0 t 1 : MBR M, PC PC+1 c 0 t 2 : OPR MBR(OP), I MBR(I) q 7 Ic 0 t 3 : R 1 Ciclo di fetch (q 7 +I )c 0 t 3 : F 1 c 1 t 0 : MAR MBR(AD); / 104 da Hex

Dettagli

OROLOGIO DIGITALE a MICROCONTROLLORE con PIC 16F628A

OROLOGIO DIGITALE a MICROCONTROLLORE con PIC 16F628A OROLOGIO DIGITALE a MICROCONTROLLORE con PIC 6F68A Realizzazione di un preciso orologio digitale (formato HH:MM:SS) utilizzando un microcontrollore della Microchip, il PIC 6F68A http:///progetti/orologio-digitale-con-picmicro.html

Dettagli

Categorie di sistemi Digitali

Categorie di sistemi Digitali Vivian Marco 3isc AS 2007/08 Categorie di sistemi Digitali A Logica cablata Il comportamento di questi sistemi è legato dalla loro struttura fisica. Se si desidera modificarne il comportamento è necessario

Dettagli

Arduino. Laboratorio Arduino Base. HackLab Terni. Laboratorio aperto a tutti di elettronica, scienza e arte. hacklabterni.

Arduino. Laboratorio Arduino Base. HackLab Terni. Laboratorio aperto a tutti di elettronica, scienza e arte. hacklabterni. Laboratorio Base HackLab Terni Laboratorio aperto a tutti di elettronica, scienza e arte. hacklabterni.org Cos'è? è una piattaforma di prototipazione elettronica open-source basata su microcontrollore

Dettagli

PD32. Interfacciamento con i dispositivi di I/O (V)

PD32. Interfacciamento con i dispositivi di I/O (V) PD32 Interfacciamento con i dispositivi di I/O (V) Interazione CPU - dispositivi Soluzioni possibili Busy Waiting Utilizzabile quando CPU esegue solo il task di dialogo con la periferica Interruzioni D.M.A.

Dettagli

Laboratorio di Elettronica. Arduino Lezione 1 Descrizione della board e installazione

Laboratorio di Elettronica. Arduino Lezione 1 Descrizione della board e installazione Laboratorio di Elettronica Arduino Lezione 1 Descrizione della board e installazione 1 Lezione 1 - Arduino: introduzione ai componenti fondamentali - Hardware: microcontrollore e I/O - Software: come programmare

Dettagli

Programmazione di LCD su EasyPic5

Programmazione di LCD su EasyPic5 Programmazione di LCD su EasyPic5 Finalità del Progetto : Creare una interfaccia menù sull LCD interattiva tramite i pulsanti del PORTA, con la possibilità di leggere delle stringhe sull LCD che descrivono

Dettagli

Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Programmare i PIC in C. Timers Interrupts Prerequisiti: Lezione7 Lezione8.

Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Programmare i PIC in C. Timers Interrupts Prerequisiti: Lezione7 Lezione8. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Programmare i PIC in C Prerequisiti: Lezione7 Lezione8 Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L15 1 Timers - Interrupts I timers e gli Interrupts

Dettagli

DISPLAY REMOTO PILOTATO DALLA SERIALE. LCD_SERv10

DISPLAY REMOTO PILOTATO DALLA SERIALE. LCD_SERv10 DISPLAY REMOTO PILOTATO DALLA SERIALE su CPU18LCD LCD_SERv10 035-693737 1 FUNZIONI del sistema: Il sistema è composto da: 1. una scheda con a bordo ÄÅ Un regolatore 12Vcc / 7Vcc Ä a 5Vcc ÄÇ Un microprocessore

Dettagli

Lampeggiatore con timer 555

Lampeggiatore con timer 555 Lampeggiatore con timer 555 Creazione del circuito stampato di un lampeggiatore che utilizza il timer 555. Il timer 555 o NE555 è un controllore altamente stabile in grado di produrre "timing pulses" precisi.

Dettagli

Gruppo di continuità integrato nell impianto elettrico casalingo (Stefano Purchiaroni. Novembre 2009)

Gruppo di continuità integrato nell impianto elettrico casalingo (Stefano Purchiaroni. Novembre 2009) Gruppo di continuità integrato nell impianto elettrico casalingo (Stefano Purchiaroni. Novembre 2009) In caso di black-out, l uso di un gruppo elettrogeno a motore o a batteria, che immetta energia direttamente

Dettagli

progettare & costruire di GIOVANNI DI MARIA

progettare & costruire di GIOVANNI DI MARIA progettare & costruire di GIOVANNI DI MARIA Interfacciare il PC con il mondo esterno LA PORTA SERIALE DEL PC in uscita con il PIC In questa puntata interfacceremo il Personal Computer con le nostre apparecchiature

Dettagli

La tecnica DDS. Un generatore di toni DTMF

La tecnica DDS. Un generatore di toni DTMF La tecnica DDS 32 Un generatore di toni DTMF standard con selezione a tastiera è presentato in quest articolo come applicazione della tecnica DDS (Direct Digital Synthesys), mediante un microprocessore.

Dettagli

Automobile Bluetooth

Automobile Bluetooth Automobile Bluetooth Ivancich Stefano 17 Maggio 2015 SOMMARIO Di seguito s illustra un progetto di un automobile comandata da uno smartphone tramite la connessione Bluetooth. E stata presa una automobilina

Dettagli

ITIS M. PLANCK ( LANCENIGO DI VILLORBA TV)

ITIS M. PLANCK ( LANCENIGO DI VILLORBA TV) ITIS M. PLANCK ( LANCENIGO DI VILLORBA TV) CORSO SERALE ( Classe 5 /STE ) Area di progetto anno scolastico 2004/2005 Allievi: Silvio Strafella - Luigi Baù Tutor : Prof. Italo Zaniol Termostato automatico

Dettagli

PERIFERICHE INTELLIGENTI colleghiamo un display LCD

PERIFERICHE INTELLIGENTI colleghiamo un display LCD PERIFERICHE INTELLIGENTI colleghiamo un display LCD Sulla schedina sperimentale che abbiamo costruito c'è un connettore a 14 poli da flat cable per poter collegare un display lcd. I pin di controllo del

Dettagli

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2 Manuale d uso Note: Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza preavviso. Per ulteriori informazioni contattare: DUEMMEGI

Dettagli

PLC51 AUTOMAZIONE. di G.Filella e C. Befera filella@tin.it

PLC51 AUTOMAZIONE. di G.Filella e C. Befera filella@tin.it PLC51 di G.Filella e C. Befera filella@tin.it Ecco il piccolo Davide, un ottimo esempio di come l elettronica si integra con l informatica: un potente PLC controllabile tramite la porta seriale di un personal

Dettagli

Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F

Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F A. Romani Elettronica dei Sistemi Digitali L-A Cos è un microcontrollore? Differenza tra Microprocessore e Microcontrollore à Microprocessore: normalmente

Dettagli

luciano trapa I MICROCONTROLLORI (µc o MCU o microcomputer single chip) ED IL PIC 16 F 877 A

luciano trapa I MICROCONTROLLORI (µc o MCU o microcomputer single chip) ED IL PIC 16 F 877 A 1 luciano trapa I MICROCONTROLLORI (µc o MCU o microcomputer single chip) ED IL PIC 16 F 877 A 2 MICROCONTROLLORE o MCU (Micro Controller Unit) o MICROCOMPUTER SINGLE CHIP 3 PREMESSA Dopo un prima parte

Dettagli

Sistemi di Elaborazione a Microprocessore 8259. (Controllore Program m abile delle Interruzioni) M. Rebaudengo - M. Sonza Reorda

Sistemi di Elaborazione a Microprocessore 8259. (Controllore Program m abile delle Interruzioni) M. Rebaudengo - M. Sonza Reorda 8259 (Controllore Program m abile delle Interruzioni) M. Rebaudengo - M. Sonza Reorda Politecnico di Torino Dip. di Automatica e Informatica 1 M. Rebaudengo, M. Sonza Reorda Generalità L'8259 è stato progettato

Dettagli

Lancenigo di Villorba TREVISO CORSO SERALE AREA DI PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2006/2007

Lancenigo di Villorba TREVISO CORSO SERALE AREA DI PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2006/2007 Lancenigo di Villorba TREVISO CORSO SERALE AREA DI PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2006/2007 Allievo: NASATO GIANNI Tutor: prof. ITALO ZANIOL, MARCO FALAVIGNA MACCHINA A CONTROLLO NUMERICO GESTITA DA MICROCONTROLLORE

Dettagli

Progettazione ed esecuzione di un prototipo circuitale per la rilevazione della temperatura ambiente.

Progettazione ed esecuzione di un prototipo circuitale per la rilevazione della temperatura ambiente. Progettazione ed esecuzione di un prototipo circuitale per la rilevazione della temperatura ambiente. Lavoro eseguito da alunni della spec.ne Elettronica e Telecomunicazioni Corso El/Te C RILEVATORE DI

Dettagli

SEGNAPUNTI ELETTRICO PER PALLAVOLO

SEGNAPUNTI ELETTRICO PER PALLAVOLO SEGNAPUNTI ELETTRICO PER PALLAVOLO Certamente a tutti gli appassionati di pallavolo, o di sport in generale, è capitato di seguire una partita importante e restare con il fiato sospeso fino all ultimo

Dettagli

VFO esterno per Drake TR4-C di IK0XUH Boatanchors Net di Roma

VFO esterno per Drake TR4-C di IK0XUH Boatanchors Net di Roma VFO esterno per Drake TR4-C di IK0XUH Boatanchors Net di Roma Premetto che sono particolarmente affezionato al Drake TR4-C che considero un grande ricetrasmettitore ma come tutti i ricetrasmettitori, ormai

Dettagli

Il sensore ad ultrasuoni

Il sensore ad ultrasuoni Il sensore ad ultrasuoni Caratteristiche elettriche Alimentazione: 5 Vcc Il sensore rileva oggetti da 0 cm fino a 6,45 metri. Tre diverse possibiltà per leggere il dato di uscita del sensore: 1. lettura

Dettagli

Finalità delle misure

Finalità delle misure Sistemi di controllo industriale tramite Ing. Lorenzo Comolli Finalità delle misure In ambito scientifico,, studiare i fenomeni, verificare sperimentalmente modelli matematici e teorie scientifiche, monitorare

Dettagli

Embedded Software Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18. Tutorial. Embedded Software. Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18.

Embedded Software Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18. Tutorial. Embedded Software. Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18. Tutorial Embedded Software Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18 Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. COSA CI SERVE?... 3 3. UN PO DI TEORIA... 4 4. DALLA TEORIA ALLA PRATICA... 5 5. IMPLEMENTAZIONE...

Dettagli

Manuale per la programmazione del PIC 16F84

Manuale per la programmazione del PIC 16F84 Manuale per la programmazione del PIC 16F84 Principi basi per la programmazione Introduzione alla programmazione Strutture basi di programmazione Descrizione del microcontrollore 16F84 Descrizione tecnica

Dettagli

Rossetto Flavio a.s. 2011/2012 classe 5E 2

Rossetto Flavio a.s. 2011/2012 classe 5E 2 Rossetto Flavio a.s. 2011/2012 classe 5E 2 2 e 4 pag vuota Finalità-Obiettivo pag. 5 Situazione di partenza pag. 6 Prime operazioni pag. 7 Schema elettrico pag. 9 Circuito stampato pag 10 Elenco componenti

Dettagli

APPUNTI DI ASM PER PIC

APPUNTI DI ASM PER PIC APPUNTI DI ASM PER PIC Prefazione: questi sono gli appunti di un profano che ha iniziato a studiarsi l asm per pic senza avere nessuno o quasi conoscenza pregressa, mi scuso pertanto di eventuali imprecisioni

Dettagli

Architettura del PIC 18F452

Architettura del PIC 18F452 Controllo Digitale a.a. 2005-2006 Architettura del PIC 18F452 Ing. Federica Pascucci PIC 18F452 Caratteristiche Frequenza operativa: 40 MHz Memorie: Program FLASH memory: 32 KBytes, 16 K-istruzioni memorizzabili

Dettagli

Capitolo 4: Progettazione e realizzazione dell hardware e del software

Capitolo 4: Progettazione e realizzazione dell hardware e del software Progettazione e realizzazione di un trasmettitore infrarosso per ricevitori X-10 45 Capitolo 4: Progettazione e realizzazione dell hardware e del software 4.1 Introduzione Noto il protocollo Marmitek,

Dettagli

mendiante un ciclo e finché il segnale rimane alto, si valuta il tempo T3 usando il timer del microcontrollore e una variabile di conteggio.

mendiante un ciclo e finché il segnale rimane alto, si valuta il tempo T3 usando il timer del microcontrollore e una variabile di conteggio. Svolgimento (a) Il sensore di temperatura ha un uscita digitale a 9 bit, emettendo un codice binario proporzionale al valore Temp richiesto. Possiamo pensare si tratti di un dispositivo 1-Wire. Un sistema

Dettagli

I microcontrollori PIC parte III

I microcontrollori PIC parte III I microcontrollori PIC parte III In questa terza parte parliamo brevemente dell ultima famiglia nata: i potenti PIC32, in particolare il PIC32MX795F512H. Accenniamo anche al nuovo sistema di sviluppo MPLABX

Dettagli

Uno dei metodi più utilizzati e

Uno dei metodi più utilizzati e TEORIA MHZ RISORSE SPECIALE PRATICA Quinta parte n 257 - Novembre 2006 Realizzazione di un timer digitale programmabile Sesta parte n 258 - Dicembre 2006 Uso delle interfacce seriali Settima parte n 259

Dettagli

Introduzione. Corso di Informatica Applicata. Università degli studi di Cassino

Introduzione. Corso di Informatica Applicata. Università degli studi di Cassino Università degli studi di Cassino Corso di Laurea in Ingegneria della Produzione Industriale Corso di Informatica Applicata Introduzione Ing. Saverio De Vito e-mail: saverio.devito@portici.enea.it Tel.:

Dettagli

Installazione e configurazione dell'ide. IZ1MHN e IW1ALX. L IDE Introduzione alla programmazione su Arduino Le librerie

Installazione e configurazione dell'ide. IZ1MHN e IW1ALX. L IDE Introduzione alla programmazione su Arduino Le librerie IZ1MHN e IW1ALX Installazione e configurazione dell'ide L IDE Introduzione alla programmazione su Arduino Le librerie Occhio: purtroppo questa lezione ha un po di teoria! 1 L IDE o ADE Cos è un IDE Installazione

Dettagli

Classe 3Ee, Gr 4, Caporali Cappelletti Cecato 14/02/2010

Classe 3Ee, Gr 4, Caporali Cappelletti Cecato 14/02/2010 Relazione.doc H:\GR4\TDP\relazione Pagina 1 di 15 Presentazione del progetto Questo progetto ha lo scopo di connettere la porta parallela del PC con una scheda in rame che permetterà di agevolare i comandi

Dettagli

Il precedente programma è scritto in linguaggio Assembly per Z80. Il programma indicato sopra deve essere tradotto in codice Assembly per PIC

Il precedente programma è scritto in linguaggio Assembly per Z80. Il programma indicato sopra deve essere tradotto in codice Assembly per PIC [LABEL:] CODICE OP1[,OP2][COMMENTO] MNEM LD E,0H PIO EQU 0CH ORG 100H LD E,0 ciclo: IN A,(PIO) LD B,A IN A,(PIO) LD C,A LD A,E ADD A,B SUB C CP 8CH JRZ (ciclo) LD A,1 OUT (PIO),A HALT END Il precedente

Dettagli

CONTASECONDI CON DISPLAY A 7 SEGMENTI ARDUINO LIKE

CONTASECONDI CON DISPLAY A 7 SEGMENTI ARDUINO LIKE SCHEDA DI LABORATORIO N 3 CONTASECONDI CON DISPLAY A 7 SEGMENTI ARDUINO LIKE Si vuole realizzare un contasecondi con display a 7 segmenti utilizzando la scheda Arduino. Materiale occorrente: N 1 Bread

Dettagli

7^ parte : Acquisizione della temperatura con LM35 e visualizzazione su display LCD. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.

7^ parte : Acquisizione della temperatura con LM35 e visualizzazione su display LCD. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M. 7^ parte : Acquisizione della temperatura con LM35 e visualizzazione su display LCD Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) Esperienzan 6 Lo scopo del progetto è realizzare un termometro

Dettagli

Controllo di un asse

Controllo di un asse ITIS M. PLANCK ( LANCENIGO DI VILLORBA TV) CORSO SERALE ( Classe 5 /STE ) Area di progetto anno scolastico 2006/2007 Allievo: Crema Claudio Tutor : Prof. Italo Zaniol Controllo di un asse Indice: Descrizione

Dettagli

Configurazione moduli I/O serie EX

Configurazione moduli I/O serie EX Configurazione moduli I/O serie EX aggiornamento: 20-12-2014 IEC-line by OVERDIGIT overdigit.com Tabella dei contenuti 1. Moduli di I/O con protocollo Modbus... 3 1.1. Parametri di comunicazione... 4 1.2.

Dettagli

Controllo apertura cancelletto con tastiera a matrice

Controllo apertura cancelletto con tastiera a matrice Premessa Controllo apertura cancelletto con tastiera a matrice Prima di cominciare vorrei specificare che presento questo mio lavoro allo scopo di dare uno spunto e/o una base di partenza a coloro i quali

Dettagli