Expo Expo 2015: le linee guida IVA fornite dalle Entrate di Stefano Cesati e Francesco Zondini. L approfondimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Expo 2015. Expo 2015: le linee guida IVA fornite dalle Entrate di Stefano Cesati e Francesco Zondini. L approfondimento"

Transcript

1 Expo 2015: le linee guida IVA fornite dalle Entrate di Stefano Cesati e Francesco Zondini L approfondimento Al fine di favorire la realizzazione e la partecipazione ad Expo 2015, l accordo stipulato tra il Governo italiano e l Assemblea Generale del Bureau International des Expositions prevede particolari agevolazioni fiscali per i soggetti coinvolti; tali agevolazioni hanno carattere speciale e si aggiungono alle ordinarie regole fiscali normalmente vigenti in Italia. Un quadro degli aspetti fiscali connessi all evento è stato fornito con la circolare n. 27 del 7 agosto 2014, alla quale si sono aggiunte altre iniziative intraprese dell Agenzia delle entrate sempre con il fine di facilitare i soggetti esteri che, partecipando a Expo Milano 2015, devono confrontarsi con il sistema fiscale italiano. Riferimenti Agenzia delle entrate, circolare 7 agosto 2014, n. 27/E Legge 14 gennaio 2013, n. 3 D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 Il 31 marzo 2008 l Assemblea Generale del Bureau International des Expositions (1) (BIE) ha designato Milano quale sede dell Expo 2015, l Esposizione Universale organizzata dall Italia, dedicata al tema Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita. Si tratta del più grande evento fieristico mai realizzato sull alimentazione e la nutrizione, con un area espositiva di 1,1 milioni di metri quadrati, dove alloggiano circa 55 padiglioni espositivi, con la partecipazione in veste ufficiale di 145 Paesi, 3 Organizzazioni internazionali ed oltre 20 milioni di visitatori attesi. Le modalità di svolgimento e di partecipazione ad Expo 2015 sono regolate dall accordo tra il Governo Italiano ed il BIE stipulato a Roma l 11 luglio 2012 (Accordo) (2), il quale, oltre alle disposizioni di carattere organizzativo (3), prevede agevolazioni fiscali speciali a favore di taluni dei diversi soggetti che, a vario titolo, sono interessati all evento: Partecipanti Ufficiali, ovvero gli Stati e le Organizzazioni internazionali intergovernative che hanno ricevuto e accettato l invito ufficiale da parte del Governo italiano a partecipare all Expo Milano Ogni Partecipante Ufficiale ha una propria struttura operativa, denominata Commissariato Generale di Sezione, con un proprio personale (4); Partecipanti Non Ufficiali, ovvero le entità giuridiche, nazionali o estere, autorizzate dal Commissario Generale dell Expo Milano 2015 a partecipare all evento, al di fuori delle Sezioni dei Partecipanti Ufficiali. Possono essere Partecipanti Non Ufficiali, ad esempio, le amministrazioni pubbliche territoriali, le imprese e le organizzazioni della società civile. Ogni Partecipante Non Ufficiale è rappresentato da un Direttore; Commissario Generale dell Expo Milano 2015 cui spetta la rappresentanza dello Stato Italiano nei confronti del BIE per l adempimento degli Stefano Cesati - Dottore Commercialista in Milano Francesco Zondini - Dottore Commercialista in Milano Note: (1) Organismo internazionale che regola la frequenza, la qualità e sovraintende allo svolgimento delle Esposizioni Universali. (2) Ratificato con la Legge n. 3 del 14 gennaio 2013, recante Ratifica ed esecuzione dell Accordo tra il Governo della Repubblica Italiana e il Bureau International des Expositions sulle misure necessarie per facilitare la partecipazione all Esposizione Universale di Milano del 2015, fatto a Roma l 11 luglio (3) La disciplina è integrata dal Regolamento Generale della manifestazione, previsto dall art. 8 della Convenzione concernente le esposizioni internazionali, stipulata a Parigi il 22 novembre 1928, nonché di Regolamenti Speciali di attuazione. (4) Il Personale delle Sezioni, in particolare, comprende: (i) il Commissario Generale di Sezione, cui spetta generalmente la rappresentanza del Commissariato; (ii) il Commissario Generale Vicario; (iii) il Direttore di Padiglione e gli altri diretti dipendenti del Commissariato Generale di Sezione. 23

2 obblighi internazionali assunti dall Italia ai fini dello svolgimento dell evento; Organizzatore è la società Expo 2015 S.p.A., cui spetta il compito di porre in essere gli interventi infrastrutturali e organizzativi necessari per la realizzazione di Expo Milano 2015, quali, ad esempio, le opere di preparazione e costruzione del sito, nonché tutte le attività connesse alla preparazione, organizzazione e gestione dell Evento (5); Proprietario è la società AREXPO S.p.A., titolare delle aree del sito espositivo di Expo Milano 2015 sulle quali è costituito un diritto di superficie a favore dell Organizzatore. Per favorire la realizzazione e la partecipazione all evento, l accordo con il BIE prevede particolari agevolazioni fiscali per i soggetti coinvolti; tali agevolazioni hanno carattere speciale e si aggiungono alle ordinarie regole fiscali normalmente vigenti in Italia. Un quadro degli aspetti fiscali connessi all evento è stato fornito con la circolare n. 27/E del 7 agosto 2014, la quale si aggiunge ad altre iniziative dell Agenzia delle entrate intraprese per facilitare la partecipazione ad Expo, soprattutto per i soggetti esteri che, partecipando a Expo Milano 2015, devono confrontarsi con il sistema fiscale italiano; di seguito verranno riepilogate le principali agevolazioni IVA applicabili alle diverse tipologie di operazioni che i soggetti sopra citati porranno in essere in relazione alla partecipazione all evento. Con il Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate del 28 novembre 2013, è stato istituito un Desk appositamente dedicato all evento agenziaentrate.it) al quale i soggetti interessati possono rivolgersi, direttamente, tramite professionisti oppure tramite Expo 2015 S.p.A., per avere risposte a quesiti di natura fiscale. Oltre a ciò è stata istituita un apposita sezione tematica dedicata all Expo sul sito internet dell Agenzia delle entrate, oltre ad punto di contatto presso il Centro Servizi per i Partecipanti di Expo Milano 2015 che vedrà la presenza di funzionari dell Agenzia, ai quali i partecipanti potranno rivolgersi per gli adempimenti fiscali. Le agevolazioni IVA per i Partecipanti Ufficiali La principale agevolazione in ambito IVA è prevista dall art. 10, comma 5, dell Accordo secondo cui per quanto attiene all imposta sul valore aggiunto (IVA), gli acquisti di beni e servizi, nonché le importazioni di beni di importo rilevante concernenti le loro attività ufficiali da parte dei Commissariati Generali di Sezione non sono imponibili. L agevolazione interessa le operazioni di acquisto istituzionale effettuate dai Partecipanti Ufficiali per mezzo della loro struttura organizzativa - il Commissariato Generale di sezione - mediante la quale compiono le attività necessarie per la realizzazione e partecipazione all Expo. Ne restano, di converso, esclusi gli acquisti eseguiti da tali soggetti nell ambito delle attività commerciali che risultano, quindi, soggette alle ordinarie regole IVA. Analogamente, sono soggetti alle ordinarie regole impositive gli acquisti effettuati dai Partecipanti Non Ufficiali, anche se relativi all attività ufficiale espositiva finalizzata alla partecipazione all evento. Con riferimento all individuazione della soglia di ammontare rilevante ai fini dell agevolazione di non imponibilità, la risoluzione n. 10/2014 ha chiarito che occorre far riferimento all ammontare minimo previsto dall art. 72 del D.P.R. n. 633/1972, che fissa in 300 euro la soglia per la non imponibilità delle operazioni effettuate nei confronti delle sedi consolari e diplomatiche e di alcuni organismi internazionali tassativamente indicati. Nonostante si tratti di norme speciali, il cui ambito applicativo deve essere individuato restrittivamente, senza cioè la possibilità di estensione a soggetti diversi da quelli espressamente richiamati, l Agenzia ne prevede l applicabilità anche a soggetti terzi che agiscano in maniera trasparente per conto dei Partecipanti Ufficiali, tramite un rapporto di mandato con rappresentanza (6). Note: (5) L art. 1, comma 2, del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 9 ottobre 2012, inoltre, affida ad Expo 2015 S.p.A. il compito di realizzare e gestire il Padiglione Italia. (6) Nel mandato con rappresentanza, infatti, il soggetto mandatario agisce in nome e per conto del mandante, con la conseguenza che le relative fatture emesse dai fornitori del mandante saranno intestate direttamente a quest ultimo. Diversamente, nel caso del mandato senza rappresentanza, ai sensi dell art. 3, comma 3, del D.P.R. n. 633/1972, le prestazioni di servizi rese o ricevute dal mandatario senza rappresentanza verso i terzi sono considerate prestazioni di servizi autonome, anche se della medesima natura, nei rapporti tra mandante e mandatario. 24

3 Tale interpretazione estensiva delle disposizioni agevolative, limitata ai soggetti che agiscono per conto dei partecipanti in veste di mandatari con rappresentanza, trova legittimazione nell orientamento della Corte UE secondo cui la restrizione interpretativa può essere derogata con la finalità di salvaguardare l intento e gli effetti voluti dal Legislatore (7). Infatti, preso atto che l Accordo non prevede disposizioni particolari in merito alla struttura organizzativa dei Partecipanti Ufficiali la circolare precisa che la funzione operativa di Commissariato Generale di Sezione può essere affidata a: un Amministrazione pubblica del Partecipante Ufficiale (ad esempio, una sezione del Ministero dell Agricoltura di uno Stato estero appositamente distaccata a Milano), oppure a un soggetto terzo, quale una società costituita ad hoc (i.e. Special Purpose Vehicle - SPV) o un General Contractor. In tal caso il regime di non imponibilità può essere applicato a condizione che risulti da atto scritto (quale ad esempio un formale atto di nomina, l atto costitutivo dello SPV ovvero apposito mandato ad hoc) il conferimento al terzo della qualifica di Commissariato Generale di Sezione ovvero l esistenza del rapporto di mandato con rappresentanza dal quale si evinca anche che il Commissariato risulta in ogni caso responsabile dell operato del terzo. Per la fruizione dell agevolazione, il Commissariato o chi ne ha la rappresentanza è tenuto a predisporre in duplice copia un apposita dichiarazione secondo lo schema allegato alla risoluzione 15 gennaio 2014, n. 10/E, di cui una copia va consegnata al fornitore e l altra deve essere conservata a cura del Commissariato. La possibilità di effettuare acquisti di beni e/o servizi in regime di non imponibilità IVA è, tuttavia, riservata ai Commissariati Generali di in sintesi La principale agevolazione in ambito IVA è prevista dall art. 10, comma 5, dell Accordo secondo cui per quanto attiene all imposta sul valore aggiunto, gli acquisti di beni e servizi, nonché le importazioni di beni di importo rilevante concernenti le loro attività ufficiali da parte dei Commissariati Generali di Sezione non sono imponibili. L agevolazione interessa le operazioni di acquisto istituzionale effettuate dai Partecipanti Ufficiali per mezzo della loro struttura organizzativa - il Commissariato Generale di sezione - mediante la quale compiono le attività necessarie per la realizzazione e partecipazione all Expo. Sezione (ovvero ai soggetti terzi ad hoc designati) unicamente per i beni utilizzati ai fini dell evento espositivo e non ha effetti sugli acquisti effettuati dal personale delle Sezioni per finalità diverse, quali l uso personale. Peraltro, ai sensi del comma 8 dell art. 10 dell Accordo con il BIE, l agevolazione non spetta qualora i beni importati in esenzione da dazi, imposte, divieti e restrizioni, siano ceduti a terzi a titolo oneroso o gratuito, senza il preventivo accordo delle Autorità italiane e senza il pagamento delle relative imposte, diritti e contributi. La disposizione mira a limitare i benefici ai soli beni utilizzati per la realizzazione dei padiglioni espositivi e degli stand, nonché ai prodotti destinati ad essere esposti nell ambito di Expo Milano 2015, cosicché nel caso di mancata riesportazione dei suddetti beni è necessario assolvere ai dazi ed ai contributi in misura ordinaria. Il regime di non imponibilità previsto dall art. 10 dell Accordo a favore dei Partecipanti Ufficiali è applicabile anche all Organizzatore dell evento, ovvero agli acquisti istituzionali effettuati dalla Società Expo Italia 2015, mentre resta esclusa l applicazione delle disposizioni di favore agli acquisti effettuati dalla Società AREXPO S.p.A., quale titolare delle aree del sito espositivo di Expo Milano 2015 sulle quali è costituito un diritto di superficie a favore dell Organizzatore. Da ultimo, con riferimento alla natura delle operazioni agevolate, l Agenzia precisa che il regime di non imponibilità IVA di tali operazioni non genera plafond ai fini della qualifica di esportatore abituale del fornitore, in quanto tali operazioni non hanno natura di operazioni internazionali, ma godono di un beneficio di non imponibilità ad hoc. Nota: (7) In tal senso, cfr. Corte di Giustizia, sentenza n. 349/96 CP. 25

4 Regime IVA ordinario per le attività commerciale svolta dai partecipanti Expo 2015 è un evento a carattere non commerciale, tuttavia i Partecipanti (ufficiali o non ufficiali) possono svolgere attività commerciali nel limite del 20% dello spazio espositivo a loro disposizione (8); tenuto conto della tipologia di evento è ipotizzabile, dunque, che i Partecipanti svolgeranno attività quali ristorazione, somministrazione di alimenti bevande, organizzazione di spettacoli, cessioni di beni e gadget vari. Tuttavia, proprio per il carattere non commerciale dell evento, le agevolazioni fiscali risultano in generale applicabili solo alle operazioni compiute nell ambito dell attività istituzionale espositiva mentre, di converso, lo svolgimento in Italia di attività commerciali da parte dei Partecipanti Ufficiali e non Ufficiali comporta l applicazione delle ordinarie regole IVA. Peraltro, la permanenza di uomini e mezzi sul territorio italiano per l organizzazione e la gestione dell evento può dar luogo ad una Stabile organizzazione, con conseguenze rilevanti ai fini dell applicazione dell imposta (9). Ricordiamo, infatti, che la presenza di una branch sul territorio italiano fa acquisire al soggetto estero lo status di soggetto passivo IVA stabilito in Italia limitatamente alle operazioni rese o ricevute dalla Stabile organizzazione (10), con effetti rilevanti sotto il profilo dell individuazione del luogo di tassazione dei servizi resi e ricevuti. In particolare, infatti, ai sensi dell art. 7-ter del D.P.R. n. 633/1972 le prestazioni di servizi si considerano effettuate in Italia quando: sono rese a soggetti passivi stabiliti nel territorio dello Stato e, quindi, anche ad una Stabile organizzazione italiana; sono rese a committenti non soggetti passivi da soggetti passivi stabiliti nel territorio dello Stato o da una Stabile organizzazione italiana. Per l individuazione dell esistenza di una Stabile organizzazione in Italia, si può far riferimento all art. 162, comma 1 del T.U.I.R. che recepisce l art. 5 del Modello OCSE di Convenzione contro le doppie imposizioni (11), nonché all art. 11 del Reg. UE 15 marzo 2011 n. 282; sintetizzando, la Stabile organizzazione può essere definita come qualsiasi organizzazione, diversa dalla sede principale dell attività economica, caratterizzata da un grado sufficiente di permanenza e da una struttura idonea in termini di mezzi umani e tecnici atti a consentirle di ricevere e utilizzare i servizi che le sono forniti per le proprie esigenze e/o di fornire i servizi di cui assicura la prestazione (12). Sempre nell ambito del citato Regolamento UE, all art. 22 vengono forniti i criteri da applicare per stabilire se ai fini IVA la Stabile organizzazione sia da considerarsi l effettivo committente dei servizi (con conseguente rilevanza dell operazione in Italia) ed a tal fine occorre considerare molteplici aspetti, quali la natura e l utilizzazione dei servizi forniti, il numero di partita IVA del committente comunicato al fornitore, nonché la partita IVA del soggetto che provvede al pagamento del servizio. È da notare, peraltro, che la circolare n. 27/E/2014 sul punto precisa che qualora nello spazio espositivo di un Partecipante Ufficiale o Non Ufficiale fosse svolta un attività commerciale, in linea di principio si debba considerare esistente una Stabile organizzazione. Con riferimento al requisito temporale (grado sufficiente di permanenza), preso atto che il commentario OCSE non prevede un termine minimo, a cui fare riferimento, il Ministero ritiene che nella fattispecie in esame il requisito temporale vada adattato alla durata limitata dell evento, il quale in ogni caso è destinato a protrarsi per 6 mesi (1 maggio - 31 ottobre 2015). Nell ipotesi, a questo punto residuale, in cui lo svolgimento di un attività commerciale da parte dei soggetti esteri non abbia i requisiti per configurare una Stabile organizzazione, vi sarà comunque la necessità di assolvere gli obblighi ai fini IVA in Italia: è il caso, ad esempio, di operazioni svolte nei confronti di soggetti privati, o nei confronti di altri soggetti Note: (8) Cfr. art. 19 del Regolamento Generale. (9) Nonché ai fini delle imposte sui redditi. (10) Cfr. art. 7, comma 1, lett. d), del D.P.R. 26 ottobre 1972, n (11) Ferma restando la necessità di verificare le singole Convenzioni internazionali. (12) A differenza della definizione di Stabile organizzazione ai fini reddituali data dal Modello OCSE, la Stabile organizzazione IVA presuppone quindi l impiego congiunto del fattore umano e di quello tecnico/materiale senza che rilevi di per sé l attribuzione di una partita IVA al soggetto estero che potrebbe risultare funzionale al solo assolvimento degli adempimenti IVA connessi ad operazioni effettuate in Italia da parte del soggetto non residente. 26

5 non stabiliti, ma identificati ai fini IVA in Italia. In tutti questi casi ricorrono gli obblighi di identificazione IVA di cui all art. 17, comma 3 del D.P.R. n. 633/1972. In particolare, i soggetti IVA stabiliti in un Paese della Unione Europea possono, alternativamente, identificarsi direttamente, ai sensi dell art. 35-ter del D.P.R. n. 633/1972 o nominare un rappresentante fiscale ai sensi dell art. 17, comma 3 del D.P.R. n. 633/1972; qualora il predetto soggetto estero sia stabilito in un Paese extra europeo dovrà assolvere gli obblighi IVA in Italia unicamente mediante la nomina di un rappresentante fiscale. Reverse charge per i servizi acquistati da Organizzatore e Proprietario L art. 19 dell Accordo prevede l applicazione del meccanismo del reverse charge alle prestazioni di servizi, compresa la manodopera, rese nel settore edile all organizzatore e al proprietario dai soggetti appaltatori. Si tratta di una fattispecie ad hoc prevista per le operazioni realizzate nell ambito dell evento che si differenzia dal reverse charge tipico del settore del subappalto edile di cui all art. 17 comma 6, del D.P.R. n. 633/1972, a differenza del quale il regime dell inversione contabile è applicato direttamente nei rapporti tra appaltatore e il committente (Expo 2015 S.p.A. ovvero Arexpo S.p.A.). Il medesimo regime si applica anche nell ipotesi in cui l Organizzatore si avvalga di un soggetto terzo che agendo nel ruolo di stazione appaltante, nell ambito di un mandato senza rappresentanza agisca in nome e per conto dell Organizzatore. Accessorietà ampia per i servizi funzionali all evento Secondo l Agenzia, l attività espositiva di Expo 2015 è un attività complessa che ai fini IVA può essere considerata come riconducibile alle soluzioni operative Le agevolazioni fiscali risultano in generale applicabili solo alle operazioni compiute nell ambito dell attività istituzionale espositiva mentre, di converso, lo svolgimento in Italia di attività commerciali da parte dei Partecipanti Ufficiali e non Ufficiali comporta l applicazione delle ordinarie regole impositive IVA. Peraltro, la permanenza di uomini e mezzi sul territorio italiano per l organizzazione e la gestione dell evento può dar luogo ad una Stabile organizzazione, con conseguenze rilevanti ai fini dell individuazione del luogo di tassazione delle operazioni. prestazioni fieristiche di cui all art. 7-quinquies del D.P.R. n. 633/1972, con la conseguenza che risultano applicabili i chiarimenti già forniti con la circolare n. 37/2011, circa l individuazione dei servizi rientranti in tale ambito compresa l interpretazione estensiva ivi fornita in merito al concetto di accessorietà di cui all art 12 del D.P.R. n. 633/1972. In particolare, in tale circolare vengono richiamati i principi espressi dalla Corte di Giustizia UE nelle sentenze C-327/94 del 26 settembre 1996 e C-114/05 del 9 marzo 2006, nelle quali è stato precisato che debbono essere considerate accessorie ad un attività artistica, scientifica o affine tutte le prestazioni che, senza costituire direttamente una siffatta attività, rappresentano un presupposto necessario della realizzazione dell attività principale, indipendentemente dalla persona che presta tali servizi. Come affermato al punto n.16 della sentenza C-327/94, sono possibili due interpretazioni del termine accessorie. In base alla prima, si tratterebbe di prestazioni accessorie alla persona del prestatore del servizio principale (per esempio, tutte le prestazioni effettuate da un artista, che sono accessorie alla sua prestazione principale); in base alla seconda, si tratterebbe di prestazioni accessorie rispetto all oggetto della prestazione principale (per esempio, qualsiasi prestazione accessoria rispetto all attività artistica principale, indipendentemente dalla persona che la effettua). Secondo la Corte, al fine di poter qualificare un operazione come accessoria si deve tenere in considerazione l interesse del cliente rivolto all acquisizione di una prestazione globale, con la conseguenza che, in tal caso, deve essere privilegiata la prima interpretazione del requisito di accessorietà, dove assume rilevanza il solo profilo oggettivo dell operazione complessivamente considerata (punto 24 della sentenza). Possono dunque ritenersi accessorie tutte le prestazioni di servizi che rappresentano un 27

6 presupposto necessario per la realizzazione dell evento fieristico, a prescindere dal soggetto che le effettua. Tale interpretazione estensiva del concetto di accessorietà è tuttavia limitata ai soli servizi accessori alle prestazioni fieristiche, con la conseguenza che per operazioni diverse, quali ad esempio le forniture di beni, tornano applicabili le regole generali previste dall art. 12 del D.P.R. n. 633/1972, che oltre al nesso di strumentalità tra operazione accessoria ed operazione principale presuppongono necessaria anche l identità soggettiva delle parti che intervengono nelle operazioni. Alla luce di tale richiamo interpretativo, l Agenzia individua una serie di servizi rientranti nell ambito delle disposizioni di cui al citato art. 7-quinquies del D.P.R. n. 633/1972 tra i quali: i servizi resi dall organizzatore (Expo 2015 spa) nei confronti dei Partecipanti (Ufficiali e non) per consentire loro la partecipazione all evento come, la fornitura dei servizi idrici, di telecomunicazione e di elettricità nonché la gestione degli spazi espositivi comuni; i servizi, da chiunque resi, ai Partecipanti Ufficiali e non Ufficiali all evento, se funzionali o connessi alla realizzazione dell evento o alla partecipazione allo stesso quali ad esempio quelli relativi alla costruzione e all allestimento interno dei padiglioni espositivi quali ad esempio, il montaggio, il trasporto dei materiali e la posa dei cavi); i servizi resi dall organizzatore relativamente alla messa disposizione del lotto per il tempo necessario alla realizzazione dell evento. Come anticipato, tuttavia, tale estensione interpretativa del concetto di accessorietà è riferita ai soli servizi accessori alle prestazioni fieristiche con la conseguenza che sotto il profilo della rilevanza territoriale, i servizi fieristici in esame seguono criteri diversi seconda lo status del committente e del luogo in cui questo soggetto è stabilito. In particolare, nel caso in cui il committente del servizio non sia un soggetto passivo IVA, i servizi in discussione si considerano effettuati in Italia in quanto soluzioni operative L attività espositiva di Expo 2015 è un attività complessa che ai fini IVA può essere considerata come riconducibile alle prestazioni fieristiche di cui all art. 7-quinquies del D.P.R. n. 633/1972, con la conseguenza che risultano applicabili i chiarimenti già forniti con la circolare n. 37/2011, circa l individuazione dei servizi rientranti in tale ambito compresa l interpretazione estensiva ivi fornita in merito al concetto di accessorietà di cui all art 12 del D.P.R. n. 633/1972. ivi materialmente eseguiti ai sensi dell all art 7-quinquies, comma 1, lett. a), del D.P.R. n. 633/1972; diversamente nel caso in cui il committente rivesta la qualifica di soggetto passivo IVA, le prestazioni si considerano territorialmente rilevanti nel luogo di stabilimento del committente, con la conseguenza che se il committente è stabilito all estero i servizi risultano fuori campo IVA in Italia. Servizi relativi all accesso all evento Secondo quanto previsto dal richiamato art. 7-quinquies del D.P.R. n. 633/1972, le prestazioni servizi per l accesso all evento, compresi i servizi accessori, coincide con il luogo di effettivo svolgimento a prescindere dallo status del committente. I criteri per l individuazione dei servizi in discussione sono forniti dal Reg. n. 282/2011 citato, secondo il quale rientrano tra i servizi relativi all accesso le prestazioni le cui caratteristiche essenziali consistono nel concedere un diritto d accesso ad una manifestazione in cambio di un biglietto o di un corrispettivo, ivi compreso un corrispettivo sotto forma di abbonamento, di biglietto stagionale o di quota periodica ; con riferimento all individuazione dei servizi accessori all accesso devono intendersi, ai sensi del medesimo Regolamento, i servizi forniti dietro corrispettivo ai visitatori e comprendono in particolare l utilizzazione di spogliatoi o impianti sanitari ad esclusione dei semplici servizi di intermediari relativi alla vendita di biglietti. Con riferimento all Expo, pertanto, le prestazioni connesse con l accesso alla manifestazione, compresa la vendita dei biglietti di ingresso, assumono rilevanza territoriale in Italia. Ciò premesso, il trattamento IVA applicabile è desumibile dall art. 19, comma 3 dell Accordo, secondo il quale le prestazioni rese dall Organizzatore per l accesso ad Expo Milano non rientrano tra le prestazioni esenti da IVA di cui all art. 10, comma 1, n. 22), del D.P.R. n. 633/1972. Tali prestazioni, infatti, risultano ordinariamente imponibili ad aliquota del 10%, ai sensi di quanto previsto dall art. 46-ter, comma 4, del D.L. n. 69/2013 che li ricomprende tra le prestazioni di 28

7 servizi di cui alla tabella C, allegata al D.P.R. n. 633/1972 ( mostre e fiere campionarie; esposizioni scientifiche, artistiche e industriali, rassegne cinematografiche riconosciute con Decreto del Ministero delle Finanze ed altre manifestazioni similari ). La vendita dei biglietti d accesso dovrà essere certificate con i titoli di accesso emessi mediante gli appositi soluzioni operative Il luogo impositivo delle prestazioni di servizi per l accesso a manifestazioni culturali, artistiche, sportive, scientifiche, educative, ricreative o affini, quali fiere ed esposizioni, nonché i servizi accessori connessi con l accesso, coincide con quello in cui tali manifestazioni si svolgono effettivamente, a prescindere dallo status del committente (soggetto passivo o privato consumatore). Tali prestazioni sono imponibili ad aliquota ridotta del 10%. misuratori fiscali o le biglietterie automatizzate ai sensi del Decreto del 13 luglio 2000, dei provvedimenti del direttore dell Agenzia delle entrate del 23 luglio 2001, del 22 ottobre 2002, del 3 agosto 2004, e del 4 marzo 2008 nonché, per quanto riguarda i titoli di accesso ad Expo Milano 2015, dei Provvedimenti del Direttore dell Agenzia delle entrate del 9 maggio

EXPO 2015: QUESTIONI DI CARATTERE FISCALE Circolare dell Agenzia delle entrate n. 26/E del 7 agosto 2014

EXPO 2015: QUESTIONI DI CARATTERE FISCALE Circolare dell Agenzia delle entrate n. 26/E del 7 agosto 2014 EXPO 2015: QUESTIONI DI CARATTERE FISCALE Circolare dell Agenzia delle entrate n. 26/E del 7 agosto 2014 1. PREMESSA Dal 1 maggio 2015 al 31 ottobre 2015 in Italia sarà organizzata l Esposizione Universale

Dettagli

Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative

Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative n 27 del 22 luglio 2011 circolare n 416 del 21 luglio 2011 referente BRUGNOLI/mr Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative Nella Gazzetta ufficiale dell

Dettagli

CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08

CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08 CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08 Con la presente, si intende dare un informativa di massima sulla nuova normativa che dal

Dettagli

Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International

Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Messa a disposizione di spazi e relative attrezzature: ai fini IVA rileva come prestazione generica della Dott.ssa Cristina Seregni e dell Avv. Giuseppe Rigano L Approfondimento Nella prassi commerciale

Dettagli

OGGETTO: Questioni di carattere fiscale connesse all Esposizione Universale di Milano del 2015

OGGETTO: Questioni di carattere fiscale connesse all Esposizione Universale di Milano del 2015 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 agosto 2014 OGGETTO: Questioni di carattere fiscale connesse all Esposizione Universale di Milano del 2015 2 1. PREMESSA... 4 2. EXPO MILANO 2015:

Dettagli

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO SETTORE TRIBUTARIO Dott.Comm. CARLO GARZIA Dott.Comm. ALESSANDRA NITTI Dott.Comm. SIMONE BOTTI Dott. STEFANO BARELLI SETTORE LEGALE Avvocato MARCO IMPELLUSO Avvocato LORENA GRASSI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. Roma, 15 Gennaio 2014

RISOLUZIONE N. 10/E. Roma, 15 Gennaio 2014 RISOLUZIONE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 15 Gennaio 2014 OGGETTO: IVA - EXPO 2015 - regime di non imponibilità stabilito dall art. 10, comma 5, dell Accordo tra il Governo della Repubblica

Dettagli

IVA INTRACOMUNITARIA

IVA INTRACOMUNITARIA IVA INTRACOMUNITARIA D.L. 30 Agosto 1993, n. 331 Convertito dalla Legge 29 Ottobre 1993, n. 427 Dlgs. 11 Febbraio 2010, n. 18 G.U. 19 Febbraio 2010, n. 41 25 ottobre 2010 L ACQUISTO INTRACOMUNITARIO Gli

Dettagli

LA TERRITORIALITA DEI SERVIZI INTRACOMUNITARI TRA NOVITA', PROFILI PROBLEMATICI E CONSEGUENZE ACCERTATIVE E SANZIONATORIE

LA TERRITORIALITA DEI SERVIZI INTRACOMUNITARI TRA NOVITA', PROFILI PROBLEMATICI E CONSEGUENZE ACCERTATIVE E SANZIONATORIE LA TERRITORIALITA DEI SERVIZI INTRACOMUNITARI TRA NOVITA', PROFILI PROBLEMATICI E CONSEGUENZE ACCERTATIVE E SANZIONATORIE IL CONCETTO DI TERRITORIALITÀ NEGLI SCAMBI TRA SOGGETTI RESIDENTI NELL'UNIONE EUROPEA

Dettagli

Partecipare all Expo. ciclo di eventi: l economia per nutrire il pianeta. diretta nazionale. Riflessi societari e fiscali.

Partecipare all Expo. ciclo di eventi: l economia per nutrire il pianeta. diretta nazionale. Riflessi societari e fiscali. SAF SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO ciclo di eventi: l economia per nutrire il pianeta Partecipare all Expo Riflessi societari e fiscali 4. dicembre 2014 ore 9.00-13.30 Sala Convegni Corso Europa,

Dettagli

2 DECORRENZA DELLE NOVITÀ Le novità in materia di territorialità IVA si applicano alle operazioni effettuate dall 1.1.2010.

2 DECORRENZA DELLE NOVITÀ Le novità in materia di territorialità IVA si applicano alle operazioni effettuate dall 1.1.2010. CIRCOLARE n. 12/2010 Oggetto: Territorialità IVA - Recepimento della normativa comunitaria - Nuova disciplina 1 PREMESSA Con il DLgs. 11.2.2010 n. 18, pubblicato sulla G.U. 19.2.2010 n. 41 ed entrato in

Dettagli

RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO

RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO Circolare N. 05 Area: PROFESSIONAL Periodico quindicinale 4 marzo 2010 RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO La Direttiva comunitaria n. 2008/8/CE (c.d. Direttiva Servizi ) ha profondamente modificato

Dettagli

Regime Iva dell emission trading 1

Regime Iva dell emission trading 1 Regime Iva dell emission trading 1 Al fine di esaminarne il regime fiscale, è opportuno richiamare brevemente le origini e le finalità dell emission trading 2, il quale può essere definito come il commercio

Dettagli

Nuove regole per la territorialità dei servizi. Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it

Nuove regole per la territorialità dei servizi. Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it Nuove regole per la territorialità dei servizi Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it NORMATIVA COMUNITARIA direttiva 2008/8/CE: territorialitàdei servizi; intrastat

Dettagli

A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 21/2009. Treviso, 02 Dicembre 2009 OGGETTO: RIFORMA DELL IVA

A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 21/2009. Treviso, 02 Dicembre 2009 OGGETTO: RIFORMA DELL IVA A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 21/2009 Treviso, 02 Dicembre 2009 OGGETTO: RIFORMA DELL IVA A partire dall 1.1.2010, per effetto di 2 Direttive comunitarie l adempimento della presentazione degli

Dettagli

OGGETTO: Quesiti vari in materia di attività di intrattenimento e spettacolo. Consumazioni obbligatorie.

OGGETTO: Quesiti vari in materia di attività di intrattenimento e spettacolo. Consumazioni obbligatorie. RISOLUZIONE N. 91/E Roma, 13 marzo 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Quesiti vari in materia di attività di intrattenimento e spettacolo. Consumazioni obbligatorie. QUESITO La Società

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - IVA Reverse charge Art. 17 comma 6 del D.P.R.

OGGETTO: Istanza di interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - IVA Reverse charge Art. 17 comma 6 del D.P.R. RISOLUZIONE N.246/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 giugno 2008 OGGETTO: Istanza di interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - IVA Reverse charge Art. 17 comma

Dettagli

Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett. a), del DPR n. 633 del 1972.

Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett. a), del DPR n. 633 del 1972. RISOLUZIONE N. 101/E Roma, 18 marzo 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett.

Dettagli

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Primo Corso Base di Contabilità Bilancio e Diritto Tributario 2011 11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Territorialità art.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 21/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 21/E. Quesito RISOLUZIONE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 20 FEBBRAIO 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Inversione contabile ai sensi dell'articolo 17, comma secondo, del DPR n. 633 del 1972 - irrilevanza

Dettagli

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario.

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario. Operazioni intracomunitarie e internazionali La disciplina IVA delle «vendite a distanza» in ambito intracomunitario La disciplina Iva delle «vendite a distanza», per tali intendendosi le vendite in base

Dettagli

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010 CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat Confcommercio, 14 aprile 2010 L art. 7 del DPR n. 633 del 1972 è stato sostituito dal 1 gennaio 2010 dal D.Lgs. n.18

Dettagli

ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E.

ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E. ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E A c u r a d i : Giovanni Scagnelli Dottore Commercialista Associazione IC T Dott.C

Dettagli

OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso

OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso RISOLUZIONE N. 6/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 gennaio 2007 OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso Con l interpello

Dettagli

Presentazione a cura di Mario Spera

Presentazione a cura di Mario Spera Presentazione a cura di Mario Spera Disposizioni comunitarie Pacchetto IVA Direttiva 2008/8/CE del 12 febbraio 2008 (modifica del luogo di tassazione dei servizi) Direttiva 2008/9/CE del 12 febbraio 2008

Dettagli

Emission trading Profili Iva

Emission trading Profili Iva Emission trading Profili Iva Avv. Sara Armella Armella & Associati www.studioarmella.com 1 Distinzione tra cessioni di beni e prestazioni di servizi nella disciplina Iva comunitaria Cessione di beni (art.

Dettagli

La territorialità IVA dei servizi

La territorialità IVA dei servizi 065609CFC0709_642a646.qxd 25-06-2009 17:19 Pagina 642 La territorialità IVA dei servizi Le modifiche introdotte dalla direttiva 2008/8/Ce Sandro Cerato Greta Popolizio Partners Studio Sinthema Vicenza,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 110/E

RISOLUZIONE N. 110/E RISOLUZIONE N. 110/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 15 maggio 2003 Oggetto: Istanza di interpello. IVA. Lavori di costruzione, rifacimento o completamento di campi di calcio. Comune di.

Dettagli

Dott. Marco Baccani 20121 Milano - Via Bigli, 2 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214.

Dott. Marco Baccani 20121 Milano - Via Bigli, 2 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214. Dott. Marco Baccani 20121 Milano - Via Bigli, 2 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214.61 Dott. Massimo Rho Dott. Federico Baccani Dott. Stefano Ramponi

Dettagli

L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016

L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016 L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016 Come noto, agli esportatori abituali è concessa la possibilità di acquistare / importare beni e servizi senza applicazione dell IVA nel limite del plafond

Dettagli

INDICE. 1 Premessa... 2 2 Definizione di spese di rappresentanza... 2. 3 Criteri di deducibilità per le imprese... 3

INDICE. 1 Premessa... 2 2 Definizione di spese di rappresentanza... 2. 3 Criteri di deducibilità per le imprese... 3 MARCO DI STEFANO DOTTORE COMMERCIALISTA - REVISORE CONTABILE Email: mdistefano.studio@gmail.com In collaborazione con L A.GI.FOR. Spese di rappresentanza Nota n. 1 del 01 aprile 2009 Nozione e nuovi criteri

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DEI FINANZIAMENTI EROGATI DALLA REGIONE PER GLI INTERVENTI PREVISTI NEL PROGRAMMA MASTER AND BACK

TRATTAMENTO FISCALE DEI FINANZIAMENTI EROGATI DALLA REGIONE PER GLI INTERVENTI PREVISTI NEL PROGRAMMA MASTER AND BACK Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - TRATTAMENTO FISCALE DEI FINANZIAMENTI EROGATI DALLA REGIONE PER GLI INTERVENTI PREVISTI NEL PROGRAMMA MASTER AND

Dettagli

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008 CIRCOLARE N. 52/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,30 luglio 2008 Oggetto: Adempimenti necessari per l immatricolazione di veicoli di provenienza comunitaria articolo 1, comma 9, del decreto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 337/E

RISOLUZIONE N. 337/E RISOLUZIONE N. 337/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 01 agosto 2008 Oggetto: Istanza d Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - IVA - Operazioni accessorie -

Dettagli

OGGETTO: obblighi contabili Iva relativi ai diritti di segreteria dovuti alle Camere di Commercio Consulenza giuridica

OGGETTO: obblighi contabili Iva relativi ai diritti di segreteria dovuti alle Camere di Commercio Consulenza giuridica RISOLUZIONE N. 203/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 5 agosto 2009 OGGETTO: obblighi contabili Iva relativi ai diritti di segreteria dovuti alle Camere di Commercio Consulenza giuridica

Dettagli

Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012

Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012 CIRCOLARE A.F. N. 40 del 16 Marzo 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla delle novità

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale dall IRAP

Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale dall IRAP RISOLUZIONE N.79/E Roma,31 marzo 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale

Dettagli

Roma. Roma, 07 febbraio 2007

Roma. Roma, 07 febbraio 2007 CIRCOLARE N. 7/E Direzione Roma Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 07 febbraio 2007 Oggetto: Articolo 25-ter del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600 Ritenute sui corrispettivi

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. Roma, 7 luglio 2015. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 25/E. Roma, 7 luglio 2015. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 luglio 2015 OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) 2 1. PREMESSA...

Dettagli

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l.

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. RISOLUZIONE N. 54/E Roma, 16 marzo 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. La Direzione Regionale ha trasmesso un istanza

Dettagli

a bordo di una nave, di un aereo o di un treno nel corso della parte di un trasporto di

a bordo di una nave, di un aereo o di un treno nel corso della parte di un trasporto di Le risposte dell agenzia delle Entrate alle domande su Fisco e turismo fatte durante il Map, l evento che si è svolto ieri a Torino in collaborazione con Federturismo Confindustria e Sole 24 Ore, nell

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI Sommario Introduzione... 2 Il principio generale di esenzione dall Iva... 2 La nozione di impresa costruttrice... 3 Fabbricati

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

Riunione Clienti. in programma presso lo Studio Corno, a Lissone, il giorno. lunedì 28 gennaio p.v. alle ore 17.

Riunione Clienti. in programma presso lo Studio Corno, a Lissone, il giorno. lunedì 28 gennaio p.v. alle ore 17. Lissone, 8 gennaio 2013 Circolare n 1 / 2013 Ai signori clienti loro sedi Oggetto: Legge di stabilità 2013 Gentile Cliente, il Parlamento ha approvato il testo della Legge di Stabilità 2013 con la Legge

Dettagli

I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi

I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi STUDIO MONOGRAFICO N. 3/2000 I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi Copyright 2000 Studio Associato Acerbi 2 Nel corso delle attività commerciali svolte dalle imprese, costituisce prassi assai diffusa

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

NOVITA IVA ARGOMENTI. M.O.S.S. Dichiarazioni d intento Estensione Reverse Charge Split Payment. Mevio Martelli

NOVITA IVA ARGOMENTI. M.O.S.S. Dichiarazioni d intento Estensione Reverse Charge Split Payment. Mevio Martelli NOVITA IVA Mevio Martelli ARGOMENTI M.O.S.S. Dichiarazioni d intento Estensione Reverse Charge Split Payment 1 M.O.S.S. M.O.S.S. (MINI ONE STOP SHOP) Regolamento 967/2012 Regolamento 815/2012 Provvedimento

Dettagli

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Circolare N. 72 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 15 ottobre 2010 LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Le nuove regole concernenti la territorialità IVA delle prestazioni di servizi,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 255/E. Roma, 2 ottobre 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 255/E. Roma, 2 ottobre 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 255/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 2 ottobre 2009 OGGETTO: Interpello art. 11, legge 27 luglio 2000 n. 212 cessione dello sfruttamento economico del diritto d immagine

Dettagli

Reverse charge - estensione a nuove fattispecie nel settore edile: i primi chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Reverse charge - estensione a nuove fattispecie nel settore edile: i primi chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Reverse charge - estensione a nuove fattispecie nel settore edile: i primi chiarimenti dell Agenzia delle Entrate L Agenzia delle Entrate, con la Circolare n. 14/E del 27 marzo 2015 (la Circolare ), ha

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ)

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 luglio 2015 OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) 2 1. PREMESSA...

Dettagli

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 4. I brevetti: trattamento fiscale Le quote di ammortamento relative al costo sostenuto per acquisizione di marchi di impresa,

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

RISOLUZIONE N. 55/E. OGGETTO: Istanza di interpello - Trattamento Iva apparecchiature elettriche ed elettroniche c.d. RAEE Consorzio Alfa

RISOLUZIONE N. 55/E. OGGETTO: Istanza di interpello - Trattamento Iva apparecchiature elettriche ed elettroniche c.d. RAEE Consorzio Alfa RISOLUZIONE N. 55/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 20 marzo 2007 OGGETTO: Istanza di interpello - Trattamento Iva apparecchiature elettriche ed elettroniche c.d. RAEE Consorzio Alfa La

Dettagli

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI Segnalazioni Novità Prassi Interpretative ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI La circolare

Dettagli

4.2. BENI IMMOBILI E MOBILI: PRIMO COMMA (PRIMA PARTE)

4.2. BENI IMMOBILI E MOBILI: PRIMO COMMA (PRIMA PARTE) 4.1. PREMESSA L art. 7-bis è stato inserito dall art. 1, comma 1, lettera c) del D.Lgs. 11 febbraio 2010, n. 18, in vigore dal 20 febbraio 2010. Ai sensi del successivo art. 5, comma 1, la disposizione

Dettagli

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012 n. 228 (legge di stabilità 2013) introduce numerose novità in materia

Dettagli

Imposta Valore Aggiunto Territorialità

Imposta Valore Aggiunto Territorialità Imposta Valore Aggiunto Territorialità Intervento Salvatore Fichera Dirigente Agenzia delle Entrate www.salvatorefichera.it Università di Brescia 14 ottobre 2010 1 Concetti preliminari Caratteristiche

Dettagli

Nautica da diporto: territorialità IVA dei servizi di noleggio

Nautica da diporto: territorialità IVA dei servizi di noleggio Nautica da diporto: territorialità IVA dei servizi di noleggio Premessa Il presente lavoro è finalizzato a fornire una descrizione della normativa italiana in materia di IVA nel settore della nautica da

Dettagli

OGGETTO: Istanza di Interpello - Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212. XX

OGGETTO: Istanza di Interpello - Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212. XX RISOLUZIONE N. 17/E Roma, 27 gennaio 2006 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Prot. n. 2005/180472 OGGETTO: Istanza di Interpello - Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212. XX Con l interpello specificato

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

CIRCOLARE N. 2 ATTENZIONE, ALTRE NOVITA SULLE FATTURE FATTURE IVA DA RINUMERARE

CIRCOLARE N. 2 ATTENZIONE, ALTRE NOVITA SULLE FATTURE FATTURE IVA DA RINUMERARE CIRCOLARE N. 2 ATTENZIONE, ALTRE NOVITA SULLE FATTURE FATTURE IVA DA RINUMERARE Altro elemento che deve essere contenuto nella fattura è il numero di partita Iva del cliente o del committente; in caso

Dettagli

RISOLUZIONE N. 167/E. Roma, 21 aprile 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 167/E. Roma, 21 aprile 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 167/E Roma, 21 aprile 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello -ART.11, legge 27 luglio 2000, n.212.- Applicabilità della Convenzione dello Stato di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 128/E

RISOLUZIONE N. 128/E RISOLUZIONE N. 128/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 aprile 2008 OGGETTO:Istanza di interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento fiscale dei canoni corrisposti

Dettagli

Pesaro, lì 29 marzo 2013. CIRCOLARE n. 06/2013. 1- La prova delle cessioni Intraue; 2- L obbligo della PEC per le ditte individuali;

Pesaro, lì 29 marzo 2013. CIRCOLARE n. 06/2013. 1- La prova delle cessioni Intraue; 2- L obbligo della PEC per le ditte individuali; Pesaro, lì 29 marzo 2013 CIRCOLARE n. 06/2013 1- La prova delle cessioni Intraue; 2- L obbligo della PEC per le ditte individuali; 1 - LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE Le cessioni di beni intraue sono assoggettate

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi Informatore n 1 del 11 gennaio 2013 Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 PREMESSA Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 1 marzo 2013. Prot. n.

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 1 marzo 2013. Prot. n. CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa Roma, 1 marzo 2013 Prot. n. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Circolare

Dettagli

E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI

E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI FABRIZIO DOMINICI Dottore commercialista in Rimini www.dominiciassociati.com Via Marecchiese 314/d 47822 Rimini f.dominici@dominiciassociati.com DEFINIZIONE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 354/E

RISOLUZIONE N. 354/E RISOLUZIONE N. 354/E Roma, 06 dicembre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Interpello n. 954-578/2007 Art. 10 DPR 26 ottobre 1972, n. 633 ALFA S.p.A. La Direzione Regionale.. ha trasmesso

Dettagli

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 Ai Gentili Clienti Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 1 La L. 24.12.2012, n. 228 (legge di Stabilità 2013) ha introdotto novità in materia di fatturazione da applicare su tutte le operazioni

Dettagli

La fiscalità delle prestazioni di servizi in ambito intracomunitario.

La fiscalità delle prestazioni di servizi in ambito intracomunitario. La fiscalità delle prestazioni di servizi in ambito intracomunitario. Nuove norme ed adempimenti fiscali per chi presta o si avvale di servizi artistici e culturali in ambito comunitario. Per effetto di

Dettagli

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 7 giugno 2010. OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 7 giugno 2010. OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 giugno 2010 OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti 2 INDICE PREMESSA...3 1. TRATTAMENTO FISCALE DELLE PERTINENZE DESTINATE A SERVIZIO DI CASE

Dettagli

Roma, 22 febbraio 2008

Roma, 22 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 61/E Roma, 22 febbraio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Trattamento fiscale ai fini dell imposta sul valore aggiunto e dell applicazione della ritenuta di acconto

Dettagli

RISOLUZIONE N.125/E. Roma, 29 settembre 2004

RISOLUZIONE N.125/E. Roma, 29 settembre 2004 RISOLUZIONE N.125/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 settembre 2004 Oggetto: Istanza di Interpello X - Disciplina applicabile ai compensi d intermediazione richiesti dalla agenzie di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 175/E

RISOLUZIONE N. 175/E RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 28 aprile 2008 Oggetto: Operazioni finanziarie IVA Art. 10 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 Istanza di interpello 2007. Con istanza

Dettagli

INFORMATIVA N. 1/2013. LEGGE DI STABILITA 2013 Novità in materia di fatturazione

INFORMATIVA N. 1/2013. LEGGE DI STABILITA 2013 Novità in materia di fatturazione STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE COMO 8.1.2013 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 E mail: segreteria@studiogorini.it FAX 031.27.33.84 INFORMATIVA N. 1/2013 LEGGE

Dettagli

IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E

IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E Prot. 94/2013 Milano, 23-05-2013 Circolare n. 50/2013 AREA: Circolari, Fiscale IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E L Agenzia delle Entrate fornisce i primi

Dettagli

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 169/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 luglio 2009 OGGETTO: Consulenza giuridica - Trattamento IVA applicabile alla gestione del patrimonio immobiliare. Art. 4, primo comma,

Dettagli

NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010. Forlì, 26 febbraio 2010

NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010. Forlì, 26 febbraio 2010 NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010 Forlì, 26 febbraio 2010 La situazione normativa ad oggi Forlì 26 febbraio 2010 3 STATO DELLA NORMATIVA - Direttiva 2008/8CE del 12 febbraio 2008 (territorialità) - Direttiva

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Circolare N. 63 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 settembre 2010 ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Con Circolare n. 43/E/2010, l Agenzia delle Entrate risponde ad alcuni

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 23 del 30 settembre 2009 Enti associativi e società sportive dilettantistiche - Comunicazione all Agenzia delle Entrate dei dati fiscalmente rilevanti - Approvazione

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: REVERSE CHARGE IN EDILIZIA TRA VECCHIE E NUOVE FATTISPECIE PAG.

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: REVERSE CHARGE IN EDILIZIA TRA VECCHIE E NUOVE FATTISPECIE PAG. CIRCOLARE N. 22 DEL 15/12/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: REVERSE CHARGE IN EDILIZIA TRA VECCHIE E NUOVE FATTISPECIE PAG. 2 IN SINTESI: Come noto, a decorrere dall

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE A seguito dell ingresso di Romania e Bulgaria nell Unione europea a decorrere dall 1.1.2007, le operazioni poste in essere con operatori residenti in tali Stati sono qualificate

Dettagli

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl LE NOVITA IVA 2013 Studio Del Nevo srl FONTE NORMATIVA Recepimento della Direttiva 2010/45/UE Obiettivi: Standardizzare ed uniformare i 27 Paesi della UE in ambito fiscale Ridurre i costi amministrativi

Dettagli

che i beni omaggiati siano o meno oggetto dell attività esercitata; del soggetto destinatario degli stessi (clienti / dipendenti).

che i beni omaggiati siano o meno oggetto dell attività esercitata; del soggetto destinatario degli stessi (clienti / dipendenti). Ai Gentili Clienti Gli omaggi natalizi Considerato l avvicinarsi delle festività natalizie, in occasione delle quali costituisce una prassi diffusa tra gli operatori economici effettuare omaggi a clienti

Dettagli

SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI. Maggio 2016. Approfondimento su: Somministrazione di alimenti e bevande. Dom.15 (termine differito a lunedì 16)

SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI. Maggio 2016. Approfondimento su: Somministrazione di alimenti e bevande. Dom.15 (termine differito a lunedì 16) SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI Maggio 2016 Approfondimento su: Somministrazione di alimenti e bevande Dom.15 (termine differito a lunedì 16) Iva Registrazione Termine ultimo per l annotazione delle

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 3 0 g e n n a i o 2 0 1 5 P a g. 1 di 5

C i r c o l a r e d e l 3 0 g e n n a i o 2 0 1 5 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 3 0 g e n n a i o 2 0 1 5 P a g. 1 di 5 Circolare numero 11/2015 Oggetto SPLIT PAYMENT Sommario Rapporti con la PA: dal 01.01.2015 l IVA non viene incamerata dal fornitore privato

Dettagli

Compensi per incarichi amministrativi ricoperti da lavoratori dipendenti all estero

Compensi per incarichi amministrativi ricoperti da lavoratori dipendenti all estero Compensi per incarichi amministrativi ricoperti da lavoratori dipendenti all estero di Massimo Gabelli e Davide Rossetti (*) Nell ambito dei gruppi societari accade sempre più spesso che la società controllante

Dettagli

SPESOMETRO: dal 1 luglio l obbligo di comunicazione delle operazioni di importo superiore a 3.600

SPESOMETRO: dal 1 luglio l obbligo di comunicazione delle operazioni di importo superiore a 3.600 STUDIO BAMPO Dott. MARIO BAMPO Dott. GIANCARLO DE BONA Dott. ALESSANDRO BAMPO Dott. FEDERICA MONTI Dott. SABRINA TORMEN Dott. MATTEO MERLIN Dott. MASSIMO COMIS Belluno, lì 11 luglio 2011 Circolare n. 13-2011

Dettagli

PACCHETTO IVA 2008 (Vat package 2008)

PACCHETTO IVA 2008 (Vat package 2008) PACCHETTO IVA 2008 (Vat package 2008) Dir. 2008/8 Servizi Dir. 2008/9 Rimborsi non residenti Dir. 2008/117 Intrastat Entrata in vigore: 1 gennaio 2010 ( in progress 1 gennaio 2011 2013 e 2015 per alcuni

Dettagli

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT EMISSIONE DELLA FATTURA PER I SERVIZI EXTRATERRITORIALI - MODALITA D INTEGRAZIONE DELLE FATTURE ESTERE PER I SERVIZI GENERICI RESI AD OPERATORI

Dettagli

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità A cura del Dott. Michele Avesani A partire dal 1 gennaio 2012 è entrato in vigore il regime

Dettagli

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole Con la legge di stabilità per il 2013 (legge n. 228 del 24.12.2012) il legislatore ha recepito il contenuto della direttiva n. 2006/112/UE in materia di

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 169 Trattamento dei compensi reversibili degli

Dettagli

SPECIALE: NOVITA IVA IN MATERIA DI TERRITORIALITA DELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI

SPECIALE: NOVITA IVA IN MATERIA DI TERRITORIALITA DELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI Spett.li CLIENTI / LORO SEDI SPECIALE: NOVITA IVA IN MATERIA DI TERRITORIALITA DELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI Con la presente circolare lo studio desidera ricordare ai Gentili Clienti che dal 01 gennaio

Dettagli