inspired by plastic documentary

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "inspired by plastic documentary"

Transcript

1 inspired by plastic documentary Tappi di plastica, bombole d ossigeno vuote, buste di plastica, pezzi di equipaggiamento tecnico, pentole, bicchieri di plastica, piatti, batterie scariche, carte della cioccolata, buste di pasti precotti, pacchetti di sigarette vuoti, carta igenica, barattoli di frutta e ortaggi, bottiglie di plastica e molto altro ancora Un documentario di Alessandro Bernard e Paolo Ceretto Prodotto da Docabout in associazione con Zenit Arti Audiovisive

2 SINOSSI Tutto ha inizio nel 2011, quando una guida di montagna tra le tante in Nepal, convince un altrettanto anonimo gruppo di turisti che affollano l Himalaya ad aiutarlo a raccogliere i rifiuti che 40 anni di turismo di massa e malcostume locale hanno lasciato stratificare sui sentieri che portano verso le vette più alte del mondo. Da quel giorno per Achut Gurung raccogliere rifiuti, specialmente la plastica, è diventata una vera e propria missione, una guerra che combatte strada su strada sostenuto da un gruppo variopinto di volontari che si fa chiamare Green Soldiers. I green Soldiers a poco a poco crescono e diventano un vero e proprio movimento di liberazione nazionale dalla plastica. Professano il motto no change is possible without action e lavorano in un contesto allucinante. So bene che mentre io sto raccogliendo questa bottiglietta di plastica altre di persone a Kathmandu ne stanno gettando altrettante a terra... ma da qualche parte si dovrà pur iniziare no? - ci dice Janack il più giovane del gruppo. Come in una versione Bollywodiana del Don Quixote conducono la loro lotta quotidiana contro i mulini a vento. Questa volta, però, i mulini sono cumuli di plastica sotto ai quali si nasconde indifferenza, derisione, ignoranza, una cronica mancanza di infrastrutture ma soprattutto una graduale ed inesorabile perdita di identità culturale. L impatto del sistema consumistico, specialmente negli ultimi 15 anni, ha radicalmente trasformato le abitudini di una popolazione che era sostanzialmente rurale e la plastica, indistruttibile, colorata, a volte affascinante di fronte al sole che tramonta dietro l Himalaya è la prova visibile di questa deriva. Oggi, ispirati da quella visione, dopo anni trascorsi a raccogliere, i green soldiers vogliono lasciare un segno indelebile, compiere un gesto per molti dissacrante. Riappropriarsi di un simbolo antico per ricostruire armonia e bellezza partendo proprio da quello che tutti considerano solo uno scarto. Compiere un gesto che faccia capire senza fraintendimenti che il vero problema non è la plastica ma il nostro comportamento indiscriminato e inconsapevole nel suo utilizzo. Dobbiamo fare qualcosa che attraverso gli occhi arrivi al cuore della gente per riaprire il loro terzo occhio e quando sarà aperto potranno realmente vedere che cosa li circonda e capiranno... Il 3 maggio 2014 dopo mille traversie, annunci radio televisivi, intoppi, autorizzazioni e benedizioni mai arrivate, al centro di una delle piazze più sacre di Kathmandu i Green Soldiers realizzano un enorme Mandala, non di sabbia, ma con la plastica ed i rifiuti provenienti dai 4 angoli del Nepal. Se possibile trasformare la plastica in un simbolo sacro allora è possibile trasformare pessime abitudini in buone abitudini... ci dice Achut mentre osserva la gente avvicinarsi incuriosita.

3 NOTA AUTORI Abbiamo scoperto la storia di Achut e dei Green Soldiers quasi per caso. Dopo aver realizzato documentari che guardavano al passato, eravamo alla ricerca di una storia che parlasse dei problemi del nostro presente, ma che allo stesso tempo ci permettesse di parlarne con uno sguardo altro, distante dal nostro. Dopo aver guardato alla conquista dello spazio e alla nascita dell informatica, a quei miti che hanno permesso a intere generazioni di guardare al futuro con occhi pieni di speranza e fiducia nel progresso abbiamo capito che la nostra generazione è invece obbligata a crescere guardando all avvenire con uno sguardo completamente nuovo: quello del limite. Un limite che deve rimettere in discussione il nostro mondo ma non deve farci smettere di sognare e credere nel progresso e nel domani, non deve diventare un ostacolo, ma un modo per cambiare. E che per riuscire a fare questo bisogna non solo modificare i nostri usi e gesti quotidiani, ma trovare una strada altra che ci aiuti a cambiare a un livello più profondo. Quando abbiamo sentito da un amico appena tornato dal Nepal la storia dei Green Soldiers, abbiamo subito capito che quella era la strada che cercavamo: un viaggio che ci permettesse di parlare di uno dei più gravi problemi del nostro tempo, quello della gestione e dello smaltimento dei rifiuti, da una prospettiva completamente nuova. Non attraverso dati e studi scientifici, soluzioni pratiche e idee razionali, ma attraverso la scoperta di una cultura completamente diversa dalla nostra che cerca di risolvere un problema che affligge anche il nostro mondo con un punto di vista diverso e una diversa sensibilità. Da questo incontro/scontro abbiamo capito che il nostro film non voleva semplicemente mostrare la nascita di un gruppo di attivisti che lottano per salvaguardare la propria terra. Voleva parlare di uno scontro tra la cultura del consumo e del progresso incontrollato, di cui noi eravamo i portatori, e un altra legata a tradizioni, culti e usanze che stanno rischiando di scomparire proprio a causa di questa influenza. Perché oggi il Nepal è apparso ai nostri occhi nel mezzo di una transizione traumatica. In bilico tra un modello che era in grado di autogestirsi e uno che sta accogliendo gli agi ma anche le incongruenze di un mondo fatto di nuovi miti e consumi. Non abbiamo trovato una soluzione a questo problema, ma abbiamo documentato il tentativo delle persone che abbiamo incontrato di trovare una terza via, simboleggiata idealmente dalla creazione di un enorme Mandala interamente fatto di plastica. Un simbolo universale che parla a tutti, che unisce due mondi cosi distanti per suggerirci che il cambiamento, qualsiasi sia, nasce non solo dalle azioni che facciamo tutti i giorni, ma anche da un percorso che avviene dentro di noi. Un cambiamento che si ripercuote sul reale e che ridefinisce il mondo di simboli, di credenze e di emozioni che ognuno di noi ha dentro di se. Per poter riguardare al senso del limite non come a un passo indietro, ma come un opportunità di cambiare e migliorarsi.

4 APPROCCIO VISIVO Cosa si cela dietro le splendide immagini delle cartoline che riceviamo dai nostri amici viaggiatori? Cosa c è dietro a chi scatta le foto? Cosa c è dietro il cameraman di quei meravigliosi documentari trasmessi sul National Geographic Channel? Il nostro film vuole giocare sulle contrapposizioni. La contrapposizione tra le immagini stereotipate di un mondo troppo spesso semplificato e idealizzato e il suo lato nascosto. Tra le bellezze dei luoghi e delle tradizioni e le immagini di degrado non solo legate alla spazzatura e alle distese di plastica ma anche e soprattutto culturale. Un Nepal inedito, non solo fatto di santoni indù, di spiritualità e purezza, ma di immagini crude, di ambienti occidentalizzati, di città inghiottite da traffico e caos, gadget turistici e alimentari avvolti nei loro involucri colorati e, soprattutto, di spazzatura e plastica. Le immagini di quest ultima costituiranno il laitmotiv visivo del film. Un contrasto dove i colori vividi e a suo modo affascinanti della plastica ritroveranno il loro riuso creativo e inusuale nella creazione del Mandala, simbolo di armonia universale. Le interviste ai protagonisti, le immagini colte nel vivo delle riunioni, delle spesso rocambolesche campagne di raccolta accompagnate da stravaganti musiche e proclami, degli annunci e della preparazione del Mandala, saranno montati con ritmo serrato e dal forte impatto filmico. Cercheremo di simulare un immaginario Bollywodiano che non vuole irridere o sminuire lo spazio che sarà dedicato alla riflessione e alla poetica dei protagonisti e dei luoghi, ma che al contrario vuole restituirci l immagine di un mondo dove convivono il sacro e il profano, restituendoci un immagine meno idealizzata e più vera di un popolo, di una cultura, dei suoi problemi e delle sue contraddizioni.

5

6 PERSONAGGI Achut Gurung io sono un uomo ambizioso, è verò! avrei potuto attraversare da solo questo fiume perchè sono un bravo nuotatore ma a cosa sarebbe servito arrivare dall altra parte e ritrovarmi da solo?...voglio costruire un ponte che chiunque possa attraversare Achut Gurung, fondatore e leader dei Green Soldiers, è un uomo schietto, determinato dallo sguardo pungente. Già da piccolo in disaccordo con il padre, scappa di casa e comincia a lavorare come portatore nel settore del turismo nepalese. La sua missione all epoca era imapare 5 parole di inglese al giorno e poi aprire una propria agenzia di turismo. Sei anni dopo il sogno si realizza e Achut diventa una delle guide più popolari e stimate del circuito. Poi la guerra civile, l alcool e il gioco d azzardo costringono Achut a scappare all estero. Ma dopo 8 anni passati in Australia decide di tornare in Nepal e ricominciare tutto da capo. Riaprire la sua agenzia, ritrovare i suoi figli, i suoi monti. Ma al suo ritorno trova un paese peggiorato. Le sue montagne cosparse di plastica, la sua città piombata nel caos e nello smog e decide di fare qualcosa per cambiarlo. Da quel giorno dedica tutte le sue energie per coinvolgere i suoi concittadini, ma anche le istituzioni e l esercito nelle sue campagne di raccolta di plastica in giro per il Nepal. Janack alias Monkey Man dicono che le scimmie, i guerrieri di Shiva, non hanno cuore. E per quello che tutti gli uomini le trattano male ma io non lo credo, credo che debbano ancora scoprire di averne uno Janack è un ragazzo sottile, per molti versi spirituale. E, a modo suo, il prototipo dell ecologista. Ama gli animali, gli alberi, la musica Goa-trance e li considera tutti manifestazioni di Shiva, il suo Dio preferito. Da qualche anno, dopo aver passato un intera settimana nella foresta, ha imparato a parlare con le Scimmie e adesso sta cercando di addestrarle per aiutare i Green Soldiers a raccogliere i rifiuti in cambio di gustosi biscotti. Janack ha 23 anni, una moglie (sposata nella sede dei Green Soldiers) e un figlio in arrivo. Non ha un lavoro fisso, progetta e vende gioielli alle botteghe di Kathmandu ma il suo sorriso è contagioso. Harisharan Lamichhane basta sensibilizzare sensibilizzare e sensibilizzare, la gente è continuamente sensibilizzata ma il loro comportamento non cambia. I nostri messaggi cadono nel vuoto. Ora credo in una formula che io chiamo BCC (behaviour, change and communication) e cerco ogni giorno di difonderla dai miei microfoni... Harisharan è un importante giornalista della radio nazionale nepalese ma è anche un green soldiers della prima ora. Cresciuto a Nagarkot, lo stesso paese di Achut, parte giovanissimo e trascorre gli anni della sua formazione tra Stati Uniti e India. Laureato e colto, fine conoscitore e studioso delle tradizioni Nepalesi, dopo 20 anni, seguendo le tracce di una notizia su un fantomatico gruppo ecologista di Kathmandu si trova per caso ad intervistare il suo vecchio amico Achut. Naturamlmente entra immediatamente a far parte dei Green Soldiers Parsu Panta Parsu è l attuale, scrupoloso presidente dei Green Soldiers. E lui ad organizzare i meeting, le campagne di pulizia e a tenere un meticoloso registro delle presenze e dei Kg di plastica raccolti ogni volta. E una persona silenziosa e precisa che risalta quasi inconsapevolmente dal caos che lo circonda.

7 Mika Takagi Mika e i suoi guanti di gomma arancione vengono dal Giappone. Lei è una cantante, loro sono utili per contribuire alla causa dei Green Soldiers. La loro è una storia particolare. Mika vive e lavora ormai da anni in Nepal quando un giorno nel 2011 guardando il telegiornale scopre che l ennesimo tremento terremoto si è abbattuto sulla sua isola natia. Senza pensarci su, prende il primo aereo, compra dei guanti spessi di gomma e contribuisce come volontaria alla ricostruzione. Scopre così che aiutare gli altri la fa sentire bene e quando una mattina, tornata a Kathmandu, incontra un ragazzino che le lascia un volanntino con su scritto 25 cleaning campaign - Swayanbunath november 12th h 6 a.m decide che è venuto il momento di riindossare i suoi guanti Assish Adhibari Per più di 10 anni è stato in Texas, dove ha vissuto sulla sua pelle tutte le contraddizioni di un mondo che ha portato il consumismo a livelli estremi. Quando è tornato nel suo paese lo ha trovato irriconoscibile e ha subito aderito al progetto dei green soldier, gestendo la comunicazione attraverso i social network e documentando tutte le campagne di raccolte rifiuti con video e foto. Kiran Man Suo nonno è stato il primo fotografo reale del Nepal, suo padre prima e lui poi hanno seguito la carriera intrapresa dal nonno. Entrare nel suo vstudio e come entrare in un museo che testimonia i cambiamenti del suo paese negli ultimo 100 anni. Tre generazioni che hanno documentato gli stessi luoghi e un paese che è cambiato troppo in fretta, con inevitabili conseguenze drammatiche. Il confronto tra le foto scattate dai suoi avi e le sue parlano più di mille parole. Lama Tashi Ogni mio dipinto rimane non-firmato. Il motivo è che firmare il proprio lavoro può essere la causa, direttamente o indirettamente, di eccesso d orgoglio ed arroganza. La pittura sacra, non è nient altro che un modo per allenare la mente e serve a nutrire il pensiero positivo, generando così benessere e la pace, non solo per chi dipinge, ma soprattutto per il resto del mondo. Tashi Tsering Lama è nato il 15 Marzo 1959 a Kalimpong, una zona molto isolata del Tibet, da una famiglia di nobili origini, solo cinque giorni dopo l invasione cinese. Alla tenera età di sette anni, entrò nel monastero di Ghumey Tantric College nel Sud dell India, dove divenne monaco. In questo monastero studiò per ben quindici anni specializzandosi in Tantrismo, pittura Tibetana e, successivamente, nei Sutra, con Maestri di grande elevatura Spirituale. Nel corso della sua ricerca ha approfondito le tecniche della pittura dei Thanka, sviluppando così una profonda attenzione per la protezione e la tutela della Cultura e delle tradizioni.

8 TRATTAMENTO ATTO I In mezzo alla nebbia fitta del mattino una piccola imbarcazione attraversa il lago sacro di Gosaikund. In voce off sentiamo: In un tempo remoto, la valle di Kathmandu era un enorme lago dove vivevano terribili serpenti acquatici. Un giorno giunse sulle sue rive un saggio e vi gettò dei semi. Migliaia di anni dopo, al centro del lago, apparve un gigantesco fiore di loto e l intera valle fu riempita di luce. Poi venne il bodhisattva Manjusri che con un colpo di spada taglio in due la montagna dando origine alle gole di Chobar, dove confluirono tutte le acque a formare il fiume Bagmati e trasformò il lago in un ambiente abitabile dall uomo. Il fiore di loto fu coperto da un enorme pietra bianca (oggi la stupa di Swayanbhunat) e tutto intorno furono posti 100 guardiani di Giada per proteggerlo dalle calamità naturali e dalle malvagità umane La voce viene inghiottita dal sibilo penetrante prodotto dai motori degli aerei in fase di rullaggio: nelle atmosfere mitiche irrompe la contemporaneità. Aereoporto di Kathmadu È la porta di accesso alla catena dell Himalaya. E qui che cominciano a materializzarsi i sogni di migliaia di turisti, esploratori, escursionisti e mistici provenienti da tutto il mondo. Vediamo file interminabili di turisti aspettare il proprio bagaglio davanti ai nastri trasportatori, mentre dietro le vetrate impolverate del gate gli aerei continuano ad atterrare e poi decollare. Davanti all aereoporto è un brulicare di venditori ambulanti, taxisti e guide turistiche che litigano tra di loro per accalappiarsi i migliori turisti. Sui taxi che sciamano verso la città, va in scena ogni giorno lo stesso spettacolo: Le guide snocciolano come da un rosario un elenco ritmico e interminabile di tutte le bellezze e le particolarità del Nepal, i luoghi da visitare, le attività escursionistiche da non perdere per nulla al mondo. Saliamo su un taxi. Il nostro cicerone si volta verso i sedili posteriori. Mi chiamo Dock e sono pronto ad accompagnarvi alla scoperta del nostro meraviglioso paese... Mentre sentiamo la sua voce elencare sinteticamente ma efficacemente la storia, le tradizioni millenarie e le meraviglie naturalistiche del Nepal inizia una sequenza in motion graphic. Le immagini di traffico e caos, in un intercalare pulsante, lasciano spazio a quelle raffiguranti le cartoline Nepalesi spedite in tutto il mondo dagli anni 60 fino ad oggi. Ci sono il monte Everest, la dea bambina, il lago sacro di Gosaikund, la stupa e i suoi fedeli, divinità malvagie e benevole, l occhio del buddha, bandiere

9 tibetane che sventolano e si stagliano sulle terre rosse del Langtan: è la raffigurazione stereotipata di un Nepal da cartolina, quello dell immaginario turistico collettivo. Dock si volta ancora una volta verso i sedili posteriori: Benvenuti in Nepal... Basantapur Siamo ai piedi dell Annapurna e Basantapur è uno dei tanti villaggi dove soggiornano i turisti prima di salire in quota. In uno dei ripidi sentieri che salgono verso i mitici 8000 incontriamo Achut, una guida turistica sui 40 anni con lo sguardo duro e determinato. Sta parlando concitatamente con dei turisti e con un giovane locale. Lo seguiamo per un tratto mentre raccoglie immondizia sparsa intorno al sentiero e cerca di convincere chi lo circonda a fare lo stesso. Poi si siede su un masso di fronte ad una valle stretta. Per tutto il mondo il Nepal è come il paradiso, abbiamo i monti più alti del mondo, siamo la patria della spiritualità (buddha è nato qua lo sapete?) e la natura regala tra i paesaggi più belli e incontaminati del pianeta. Ma questo è solo un lato del mio paese, perchè ce n è un altro che nessuno conosce (o non vuole vedere), e che ci sta portando a un punto di non ritorno.... La camera scende lentamente, si muove tra le foglie di alberi centenari fino a mostrarci una montagna di immondizia e di plastica di dimensioni impressionanti. Sono sicuro che se ammassassimo tutta la plastica sparsa per il Nepal ne verrebbero su due o tre monti molto più alti dell Everest - ci dice Achut. Kathmandu - Tashi school A 300 km di distanza, nei pressi del Monastero di Swayambunath, si sta svolgendo un rito di purificazione particolare. La camera indugia sulle mani di un uomo mentre lava pazientemente qualcosa che non riusciamo a distinguere. Poi lo vediamo mentre seleziona delle polveri colorate e consulta un libercolo rosso entro il quale distinguiamo una forma che potrebbe essere un cosmogramma o la sezione orizzontale di un fiore di loto. Qui conosciamo Lama Tashi.

10 Fin da bambino, ho sempre avuto uno spiccato interesse per le pratiche spirituali e la pittura.spesso dipingevo sui sassi, per terra, nella sabbia e, durante la stagione del monsone, andavo a recuperare le cartacce tra i rifiuti per poterle dipingere...poi a sette anni sono entrato in monastero... Seguiamo il monaco mentre attraversa un infilata di camere buie fino ad arrivare a una porta. La apre ed esplode il vociare di un gruppo di bambini che si rincorrono e giocano a nascondino in una specie di aula scolastica. Sono tutti orfani, tutti vittime della colla o del degrado. Cresciuti ai margini della plastica e dei rifiuti. La Tashi School, attiva dal 2004, ospita oggi oltre 200 bambini orfani con l intento di recuperali attraverso l apprendimento dei valori tradizionali e della spiritualità buddista. Basantapur Intanto, Achut scarica la plastica raccolta in una grosso recipiente di calcestruzzo ai margini del paese. Seguendolo ci troviamo in diretto contatto con il vero Nepal. Gli abitanti del villaggio lo osservano. Qualcuno sorride. Passiamo del tempo nelle loro case di argilla e paglia, li vediamo cucinare, al lavoro nei campi adiacenti. Un vecchio signore ci racconta come si viveva un tempo. La camera osserva e registra che in realtà non è cambiato molto tranne che per un aspetto: ormai la plastica è penetrata fortemente nella quotidianità di queste comunità. L ultima immagine ci mostra una casetta di paglia e fango letteralmente circondata da ogni genere di rifiuti: spicca il contrasto inatteso tra le tinte tenui delle argille e della paglia e i colori freddi e scintillanti degli snack e delle bottiglie di plastica. Qui la plastica arriva ma non può andare via...- ci dice Achut - io non biasimo questa gente. Questa gente non ha studiato, non può sapere quanto sia dannosa per i loro campi. Io non li biasimo perchè qui le condizioni di vita sono difficili e la plastica a volte è utile per migliorarle, è una scorciatoia forse, ma non credo che siano i soli ad averla intrapresa no? In viaggio verso Kathmandu Achut, pressato in un angolo di un autobus sgangherato guarda fuori dal finestrino. Mentre vediamo scorrere il paesaggio, che cambia dagli scenari naturali al caos della città, ci racconta la sua discesa agli inferi: un infanzia turbolenta, la fuga in Australia per motivi politici ed economici fino alla voglia di ritornare - non potevo più resistere al richiamo delle mie montagne. Poi, la decisione di agire: appena sono tornato, non ho più riconosciuto il mio Nepal. Dov erano i volti sorridenti delle persone, dov era la natura incontaminata? Era tutto cambiato, ma soprattutto era tutto pieno di plastica e di immondizia. Ho subito sentito che era mio dovere fare qualcosa. E così ho cominciato a raccogliere la spazzatura dovunque mi trovassi. Ma da solo non avrei potuto andare tanto lontano e allora ho chiesto aiuto e sono nati i Green Soldiers. Quando scende a Kathmandu piombiamo nel caos. Traffico, smog, clacson impazziti. Ad aspettarlo alla stazione c è Parsu Pantu, l attuale presidente dei Green Soldiers. Kathmandu - Sede dei Green Soldiers Parsu ci porta all interno dell attuale sede operativa. E un basso fabbricato angusto nella zona centrale di Thamel. Parsu apre la pesante inferriata e entra nell ombra di un grosso cortile. Davanti alla porta di ingresso si toglie le scarpe, fa scattare l interruttore della luce e poi sorride come al solito non c è elettricità... dice tra se e se. All interno, anche se le finestre sono spalancate la luce non riesce a penetrare. Parsu prende dei registri e si avvicina alla finestra per consultarli. Qui noi annotiamo tutto: i partecipanti alle campagne, gli iscritti, i kg raccolti, i tipi di rifiuti, dove e quando li abbiamo recuperati. Sono io, in quanto presidente che devo tenere tutto in ordine e aggiornato e occuparmi di convocare tutti alle campagne di raccolta. Parsu ci mostra estratti dei loro video su youtube sulle prime campagne dei Green Soldiers. Comincia una sequenza in cui conosciamo uno ad uno gli altri protagonisti del film. Il primo è Janack alias Monkey man un ragazzo magro e sempre sorridente, che da alcuni anni cerca di educare le scimmie del tempio per aiutarlo nella raccolta della plastica in cambio di biscotti. Io amo la natura, in particolar modo le scimmie ed è mentre ero qui a cercare di insegnargli a dialogare con me ho visto gente che raccoglieva la spazzatura. Sono rimasto rapito e da quel giorno non ho perso un giorno di raccolta.... Mika, una cantante giapponese che ha rispolverato i suoi guanti usati anni prima per ripulire il suo paese dopo lo tzunami (e che oggi anima le campagne di raccolta con la sua voce), o Harisharan, un noto radiocronista nepalese che cerca di utilizzare i mezzi di informazione per sensibilizzare i suoi concittadini sui temi ambientali, o Asshish che dopo aver vissuto per anni in Texas è tornato nel suo paese trovandolo completamente cambiato...da questo momento le loro storie emergeranno durante il corso del film. Svilupperemo la loro psicologia e osserveremo il loro personale mandala, ovvero il loro percorso di trasformazione e di presa di coscienza.

11 La storia dei Green Soldier riaffiora anche dalle pagine del diario di Achut: Ecco qui è segnato l elenco dei partecipanti alla prima campagna. È stata un disastro, non avevamo nemmeno i sacchi e non sapevamo dove mettere l immondizia...all inizio tutti ci prendevano per pazzi, come dargli torto, ma oggi la gente comincia a capire. Anche il governo ci ascolta, l esercito ci aiuta, sono piccoli passi, ma qualcosa comincia a muoversi. ATTO II Kathmandu - Lama Tashi School Un monaco è alle prese con un folto gruppo di bambini e li guida in una preghiera tradizionale. Lama Tashi ci spiega: Noi monaci siamo i custodi di una tradizione millenaria. Il nostro compito è quello di insegnare come avere cura del nostro spazio interiore ed esteriore. La nostra cultura si basa sul gioco di equilibrio di questi due aspetti fondamentali... L armonia interiore si riflette in quella esteriore e viceversa. Kathmandu - Bagmati River. Un piccolo gruppo di Green Soldiers è davanti al fiume Bagmati, ridotto ad un rigolo di melma scura animata da strane bolle e circondato da ogni sorta di rifiuto e schiuma. Li seguiamo mentre scendono con cautela verso il greto del fiume defunto. Li vediamo camminare su vere e proprie isole semoventi di plastica. Poi Achut si ferma ad osservare atterrito. Questo fiume è considerato sacro, è qui che gettiamo le ceneri dei nostri cari perchè possano raggiungere il Gange e ottenere il paradiso. Ma ormai i nostri cari non finiscono più in paradiso ma tra le buste di plastica...ho consegnato le ceneri di mio padre a queste acque, quel giorno ero terribilmente triste Vediamo le immagini emblematiche dei riti funebri aperti al pubblico che si svolgono al monastero di Supatinath. Qui, mentre i Guru Indù appostati ovunque barattano la loro immagine per qualche rupia ai turisti entusiasti, nessuno sembra accorgersi che le ceneri dei defunti, gettate in quello che rimane del fiume, si ingorgano, frenano e ristagnano tra i cumuli di plastica dopo soli pochi metri di viaggio. Monastero di Swayambhunat - cleaning campaign Di fronte al monastero, simbolo della città, assistiamo per la prima volta a una campagna di raccolta dei Green Soldiers. E l alba. I volontari arrivano alla spicciolata. Firmano il registro. Si muniscono di sacchi, mascherine e guanti. Achut col megafono arringa alla folla dei passanti. Mika intrattiene tutti con canti e balli popolari. Quando finalmente inizia la raccolta, parte una sorta di danza collettiva in cui vediamo alternarsi i Green Soldiers all opera con i volti esterrefatti degli astanti. La sequenza si interrompe per lasciare che Achut ci mostri i risultati di settimane e settimane di raccolta. Intere parti di bosco senza traccia di immondizia. Mentre cammina in prossimità del monastero, entriamo nel vivo del tema del film. Ci spiega come il turismo prima e il consumismo poi hanno cambiato il volto dell intero paese; Qui siamo in uno dei luoghi più sacri, uno dei simboli del nostro paese - ci dice mentre raccoglie bottiglie di plastica nel giardino adiacente - ma guardate qui quanta immondizia, bottiglie, snack, a due passi dal tempio. Vi immaginate la stessa situazione di fronte Notre Dame o a San Pietro a Roma, sarebbe inaccettabile! Abbiamo perso qualcosa, abbiamo perso le nostre tradizioni, la nostra cultura e il contatto con il sacro. Poi, un gruppo di musicisti ambulanti si unisce al gruppo e si mette a suonare. La sequenza riparte. I ragazzi più giovani che assistono alla scena iniziano a ballare in mezzo ai cumuli di plastica. Anche i monaci bambini accorrono e iniziano a pulire. Tutti sorridono, sudano, scherzano e si spronano a vicenda. Kathmandu - Sede della radio Nazionale Nello studio di registrazione della radio dove lavora, Harisharan ci spiega dettagliatamente come in questi ultimi 40 anni il Nepal è cambiato in modo traumatico. Solo 40 anni fa le montagne erano ancora la dimora degli dei, l unico varco per permettere al divino di scendere in terra e all uomo di elevarsi verso di esso. L apertura delle vie verso gli ottomila ha distrutto questa analogia e la montagna è diventata accessibile, spalancando le porte al turismo. Un pugno di esploratori si trasformò velocemente in un fiume di gente. Poi arrivarono gli hippy e i primi grandi investimenti stranieri per costruire strade e hotel. In quel periodo l economia Nepalese era essenzialmente di tipo agricolo, di sussistenza. Era normale che assieme a tutte queste belle cose arrivassero prodotti inscatolati e impacchettati... Sulle sue parole ritorniamo alla sequenza delle cartoline turistiche viste all inizio del film. Questa volta procedono all indietro e ci portano dritti all immagine simbolo del cambiamento: Sir Edmund Percival Hillary, la prima star globale dell alpinismo con le sue bombole e il suo fidato Sherpa in cima all Everest. Se da un lato tutto questo ha dato respiro e possibilità di sviluppo alla nostra nazione che era tra le più povere al mondo, dall altro ci ha gettato inconsapevoli nel vortice del consumo. Come l influenza ha sterminato gli Indios in sud America, così la macchina consumistica ha sterminato la cultura nepalese. Non avevamo semplicemente gli anticorpi...

12 Kathmandu - Studio fotografico Dettagli di foto appesi a una parete. Ritraggono tutte le stesso fotografo sorridente di fronte a una serie di personalità internazionali; Jimmy Carter, l ex presidente degli stati uniti, attori e divi di Hollywood, una carrellata delle star dell alpinismo, poi foto che ci riportano al Nepal dei primi del 900, le prime scattate in questo paese. Qui conosciamo Kiran Man, un fotografo di casta che ha seguito le orme del padre e del nonno. Nel suo studio raccoglie centinaia e centinaia di fotografie raffiguranti il Nepal dal 1920 ad oggi. Ci mostra le immagini di Kathmandu scattate dai sui avi e le confronta con quelle fatte da lui negli stessi identici luoghi. La differenza è impressionante: Questa città è cresciuta nel giro di pochi decenni in un modo forsennato, troppo in fretta, senza un piano, senza che il governo abbia fatto nulla. E in questo caos la spazzatura la fa da padrona, nessuno sa come trattarla, manca l educazione.... Alle immagini di una città che negli anni 60 era poco più di un paese, con i suoi fiumi limpidi dove la gente pescava e faceva il bagno, si contrappongono quelle di oggi, dove la città è un groviglio sterminato di case, strade trafficate, negozi che vendono ogni tipo di prodotto impacchettato e pronto al consumo, prodotti che vengono immediatamente gettati in ogni angolo del paese. Kathmandu - esterno - La riappropriazione di un simbolo Osserviamo Achut mentre contempla il tramonto seduto di fronte ad una riva scoscesa completamente ricoperta di immondizia. Un piccolo branco di cani randagi gli razzola intorno in cerca di cibo. Ecco vedete? questa è la prova, questa la conseguenza! Guardate questi cani probabilmente hanno già il cancro...qua sotto c è di tutto! Se io andassi ora in un market sicuramente non riuscirei a trovare tutta questa roba, guardate! Pepsi, wiskhy, snack... questa è gente con i soldi ma senza un anima... se solo scoprissi chi sono, giuro che raccoglierei tutto e andrei a ributtarglielo nella loro bella cucina! Questa plastica guardatela è addirittura bella, brilla sotto i raggi del sole che tramonta. La colpa non è della plastica, è solo nostra... Segue una sequenza in cui vediamo cumuli di immondizia sparsi per la città. Gente che butta sacchetti nel fiume. Entriamo in un centro di smistamento di spazzatura dove uomini e donne a mani nude si muovono tra montagne di rifiuti. Uno di loro ci dice che quella spazzatura viene smistata e poi rivenduta in India. Ma questa è una piccolissima parte, la maggior parte della spazzatura resta per strada, nei fiumi, anche perché altri luoghi dove gettarla non ci sono. Non ci sono i bidoni. E nel resto del Nepal è anche peggio, la gente la brucia direttamente di fronte a casa. Di fronte a una situazione così drammatica, il piccolo gruppo di Green Soldiers, può fare ben poco. Kathmandu - casa di Achut/Monastero di Swayambunath Ashut è solo a casa sua e guarda nel vuoto in cerca di ispirazione. Alla fine noi siamo ancora troppo pochi. Ed è inutile continuare a raccogliere ogni sabato se 4 milioni di persone continuano a buttare immondizia ogni giorno. E inutile sperare e aspettare che il governo trovi una soluzione. Dobbiamo fare qualcosa di più. Dobbiamo riaprire il terzo occhio di questo popolo perchè possa finalmente vedere da che cosa è circondato e oppresso. Ed è in questo momento che prende la decisione di fare un gesto che smuova le coscienze: con la plastica raccolta dai quattro angoli del nepal potremmo fare un grosso mandala nel centro di Kathmandu. Il mandala è un simbolo che può arrivare al cuore della gente. Un gruppo di monaci sta realizzando un grande mandala di sabbia. Vediamo i dettagli della sua preparazione, i movimenti rituali e perfetti. Su queste immagini sentiamo la voce Lama Tashi : Mandala significa cerchio-circonfenza, il sacro mandala non è soltanto una forma d arte. E una pratica che mira a riportare ordine nel caos... Mentre ci mostra la procedura con cui si crea ci spiega il suo significato più profondo. Se la plastica ormai è parte di questo mondo, allora anche la plastica deve trovare la sua collocazione in armonia con il resto e chi dice che non può diventare qualcosa di sacro, simbolico e bello. Pensate alle ostriche... E intorno ad un granello di sabbia, ad un corpo estraneo ed impuro per il suo ospite che si generano le madre perle: sferiche, perfette, lucenti.

di Alessandro Bernard e Paolo Ceretto

di Alessandro Bernard e Paolo Ceretto presentano WASTEMANDALA di Alessandro Bernard e Paolo Ceretto Valentino colombo Il cambiamento è appena iniziato ScrItto e diretto da: ALESSANDro BErNArD e PAoLo CErETTo con: AChuT GuruNG, LAMA TASi, JANAk

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

PROGRAMMAZIONE NIDO MADONNA DI FATIMA di Breda di Piave

PROGRAMMAZIONE NIDO MADONNA DI FATIMA di Breda di Piave PROGRAMMAZIONE NIDO MADONNA DI FATIMA di Breda di Piave PREMESSA: Il collegio docenti è composto da quattro insegnanti e la coordinatrice e si riunisce una volta al mese circa. Una cosa molto importante

Dettagli

DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015

DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015 Anno scolastico 2015/2016 anno II DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015 Siamo finalmente ritornati, non ci credevate più eh!!!, Invece ci siamo. Siamo pronti per ricominciare, per raccontarvi i primi giorni

Dettagli

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra.

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Che puzza extragalattica c è qui!. Il mio mondo è bello,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Le due diverse facce di Shanghai, la parte moderna del Pudong e la parte tradizionale tra mercati e case in

Le due diverse facce di Shanghai, la parte moderna del Pudong e la parte tradizionale tra mercati e case in Più volte ho provato a descrivere la realtà cinese, la frenetica realtà cinese, con il suo progresso e con il suo attaccamento alla tradizione, con i suoi colori e i suoi odori. Più volte ho provato e

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

Riduco. Riciclo. Recupero. Riutilizzo. Provincia di Campobasso Assessorato all Ambiente

Riduco. Riciclo. Recupero. Riutilizzo. Provincia di Campobasso Assessorato all Ambiente Riduco Riciclo Recupero Riutilizzo Provincia di Campobasso Assessorato all Ambiente Quaderno di nato a il scuola classe sez. Cari ragazzi, questo quaderno che state leggendo, scritto e realizzato per voi

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

Racconti visioni e libri per rospi da baciare

Racconti visioni e libri per rospi da baciare febbraio 2008 Cari bambini e ragazzi che verrete al festival chiamato AIUTO, STO CAMBIANDO! Racconti visioni e libri per rospi da baciare a Cagliari dall 8 all 11 ottobre 2009 NOTA: questa la lettera originale,

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

KATHMANDU. di Paolo Castellani

KATHMANDU. di Paolo Castellani KATHMANDU 30 di Paolo Castellani CITTA' DEL MONDO In genere a Ad ogni angolo un tempio Kathmandu si arriva con l aereo e nelle giornate chiare, da qualunque destinazione si provenga, l ingresso nella valle,

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI

PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI FINALITA Sviluppare nei bambini una sensibilità nei confronti dell ambiente, con la consapevolezza che in un ecosistema tutto deve essere in equilibrio

Dettagli

AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA

AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA DR.SSA MAIORANO ANGELA (PSICOLOGA E PSICOTERAPEUTA) PUBBLICHE RELAZIONI PARCHETTI CRISTINA COREOGRAFA E BALLERINA VERGINELLI MAURA L ADOLESCENZA PORTA CON SÉ

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO

LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO RIC REI RIU' E LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO Tre strani e simpatici genietti, tra loro grandi amici, Ric Rei e Riù, se ne andavano in giro per il mondo per vedere se qualcuno poteva aver bisogno, appunto,

Dettagli

nel nel giardino del gigante...

nel nel giardino del gigante... nel nel giardino del del gigante... Scuola dell infanzia Scuola dell infanzia - Scuola primaria classi 1^ 2^ 3^ Scuola primaria classi 4^ 5^ - Scuola secondaria di I grado Visita autogestita al Giardino

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

CARGO FOR NEPAL LA NOSTRA MISSION

CARGO FOR NEPAL LA NOSTRA MISSION CARGO FOR NEPAL LA NOSTRA MISSION Panoramica di come sia nato tutto nel giro di 3 giorni: Il giorno 27 apri alle 6 del mattino squilla il telefono. Arriva un messaggio da un amico nepalese, Prem. Mi scrive

Dettagli

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo Eccoci pronti a partire per Aprica, dove ci aspetta un tranquillo weekend in montagna. Ci andiamo spesso e conosciamo perfettamente tutto il tragitto. Appena ci spostiamo in direzione nord le case iniziano

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia FLEPY E L ACQUA Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia A G E N Z I A P E R L A P R O T E Z I O N E D E L L A M B I E N T E E P E R I S E R V I Z I T

Dettagli

Gennaio 2014. Viaggio in Africa

Gennaio 2014. Viaggio in Africa Gennaio 2014 Viaggio in Africa Nella religione Tambor de Mina le tradizioni afro e indio convivono col cattolicesimo Nascono tre nuovi gruppi di giovani. E la casa in cui viviamo è invasa dai bambini Quella

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe.

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe. Laboratorio consigliato per la scuola primaria (II ciclo) Il grande mosaico dei diritti Hai diritto ad avere un istruzione/educazione. Art. 28 della CRC Hai diritto a essere protetto/a in caso di guerra

Dettagli

Tra le varie attività proposte sul tema dell acqua c è stata anche la visione di un film:

Tra le varie attività proposte sul tema dell acqua c è stata anche la visione di un film: Tra le varie attività proposte sul tema dell acqua c è stata anche la visione di un film: La prima richiesta fatta ai bambini è stata di indicare quali film conoscevano che raccontassero storie ambientate

Dettagli

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario MACARIOPOLI O POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario La Terra sembra essere divisa in due parti Una di queste

Dettagli

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa.

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa. 1 22 febbraio 2013 Sesto incontro Introduzione Nella Teologia Spirituale troviamo tre tappe per la crescita dello spirito. Nella Religione Cattolica le tre dimensioni sono: la purificazione, l illuminazione,

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 Il cantoniere di Cisterna, Roberto Massocco, ci ha portato un bel bidone

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo La Combriccola della Mezza Luna pae e di e nd r e illustrato da Ottavia Rizzo www.lacombriccoladellamezzaluna.it A quelli che sanno sognare, perché non debbano mai smettere. A quelli che non sanno sognare,

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Perché è sempre troppo tardi quando inizi a occuparti della tua salute?

Perché è sempre troppo tardi quando inizi a occuparti della tua salute? Perché è sempre troppo tardi quando inizi a occuparti della tua salute? Succede spesso ed è un comportamento molto diffuso. Troviamo la motivazione per occuparci della nostra persona (fisico e mente) solo

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

DOCUMENTAZIONE PROGRAMMAZZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA PONTE DELLA VENTURINA A.S. 2014/2015

DOCUMENTAZIONE PROGRAMMAZZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA PONTE DELLA VENTURINA A.S. 2014/2015 . DOCUMENTAZIONE PROGRAMMAZZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA PONTE DELLA VENTURINA A.S. 2014/2015 MOTIVAZIONI La consapevolezza che nei bambini della scuola dell infanzia sia necessario diffondere la

Dettagli

Raccolta differenziata e rispetto per le risorse ambientali: PARLIAMONE!PER UNA SCUOLA ECO-SOSTENIBILE. SEZIONE 2: scansione operativa

Raccolta differenziata e rispetto per le risorse ambientali: PARLIAMONE!PER UNA SCUOLA ECO-SOSTENIBILE. SEZIONE 2: scansione operativa Raccolta differenziata e rispetto per le risorse ambientali: PARLIAMONE!PER UNA SCUOLA ECO-SOSTENIBILE SEZIONE 2: scansione operativa DI CASA NEL MONDO Classi seconde Scuola primaria di Iseo a.s. 2012-2013

Dettagli

NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI

NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI I bisogni dei bambini e delle bambine sono stati chiamati DIRITTI. Un diritto stabilisce quello che ci è permesso fare e quello che deve fare chi si occupa di noi

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 Evento Flashmob Pensieri raccolti nel gruppo: Sabato ci siamo trovati al Centro e dopo aver indossato le magliette siamo andati tutti

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

VINCITORI SEZIONE LETTERARIA

VINCITORI SEZIONE LETTERARIA VINCITORI SEZIONE LETTERARIA GIROTONDO DEI DIRITTI Questo è il girotondo dei diritti dei bambini per far conoscere a grandi e piccini che i bimbi, tutti quanti, hanno diritti come i grandi. Hanno diritto

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI Proseguire il lavoro svolto lo scorso anno scolastico sulle funzioni dei numeri proponendo ai bambini storie-problema

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Il Potere delle Affermazioni

Il Potere delle Affermazioni Louise L. Hay Il Potere delle Affermazioni Ebook Traduzione: Katia Prando Copertina e Impaginazione: Matteo Venturi 2 È così bello essere qui. Sono venuta in Italia, a Roma, tante volte, ma ogni volta

Dettagli

Intervista ad Anke Merzbach

Intervista ad Anke Merzbach Intervista ad Anke Merzbach a cura di Giorgio Tani Seravezza Fotografia, iniziata da alcuni anni, si è affermata, per le proposte che vengono fatte, come una delle più interessanti manifestazioni nazionali.

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA QUADRI D AUTORE Gianna Campigli, Anna Castellacci, Seminario nazionale, Cidi Firenze, 8 maggio 2011 Dal percorso per la terza classe L autobiografia Il percorso sull autobiografia

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità

Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità Obiettivi del laboratorio Il percorso Il percorso in breve Questo progetto sarà occasione per far comprendere ai bambini che cosa significa il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI In un mondo che ha perso quasi ogni contatto con la natura, di essa è rimasta solo la magia. Abituati come siamo alla vita di città, ormai veder spuntare un germoglio

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

UOMO E NATURA BINOMIO VINCENTE Anno 2007

UOMO E NATURA BINOMIO VINCENTE Anno 2007 UOMO E NATURA BINOMIO VINCENTE Anno 2007 PRESENTAZIONE L associazione ABRUZZO LIVE ha organizzato nel territorio abruzzese un convegno di cultura e salute internazionale itinerante nel giugno 2006 dal

Dettagli

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita 17 ottobre 2009 Aicha e Achol sono due donne molto diverse, come diversa è la loro storia, che si intreccia solo pochi

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Bambini. Università per Stranieri di Siena.

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Bambini. Università per Stranieri di Siena. per Stranieri di Siena Centro CILS : Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

MANDIR 9 giorni/7 notti Viaggio in Nepal tra le antiche vestigia dei Malla, la giungla del Terai e le vette himalayane

MANDIR 9 giorni/7 notti Viaggio in Nepal tra le antiche vestigia dei Malla, la giungla del Terai e le vette himalayane MANDIR 2015 MANDIR 9 giorni/7 notti Viaggio in Nepal tra le antiche vestigia dei Malla, la giungla del Terai e le vette himalayane PARTENZE LIBERE SU RICHIESTA E anche possibile abbinare questo itinerario

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli