NUOVE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE SEGNALAZIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUOVE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE SEGNALAZIONI"

Transcript

1 NUOVE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE SEGNALAZIONI Le segnalazioni di vigilanza richieste agli agenti di cambio iscritti nel ruolo unico sono pediche ed hanno ca trimestrale Esse devono essere trasmesse alla Consob entro venticinque giorni dalla fine di ciascun trimestre: entro il 25 aprile, per i dati riferiti al 31 marzo; entro il 25 luglio, per i dati riferiti al 30 giugno; entro il 25 ottobre, per i dati riferiti al 30 settembre; entro il 25 gennaio, per i dati riferiti al 31dicembre Ove il termine ultimo per l'invio cada di giorno festivo, il termine medesimo è spostato al primo giorno lavorativo successivo La trasmissi dei dati dovrà avvenire tramite supporto informatico La Commissi fornisce agli agenti di cambio il software operativo necessa per l'organizzazi e l'inserimento dei dati Con esclusivo riferimento alle segnalazioni al 31/12/1999 gli agenti di cambio dovranno predisporre due distinte segnalazioni: una utilizzando il modello di vigilanza di cui all'abrogata delibera n del 12/8/1997 ed un'altra utilizzando il nuovo "data entry" Dette segnalazioni dovranno essere trasmesse alla Consob, mediante due distinti supporti informatici, entro il 25 gennaio 2000 per quanto riguarda la prima ed entro il 25 febbraio 2000 per quanto riguarda la seconda Successivamente dovrà essere predisposta un'unica segnalazi secondo il nuovo modello di segnalazioni da inviare entro il 25 giorno dalla fine del trimestre di riferimento In caso di passaggio di un agente di cambio dal ruolo speciale al ruolo unico l'obbligo di inviare le segnalazioni decorre dalla prima sca successiva all'inizio dell'attività, es: se l'agente di cambio inizia l'attività il , deve inviare le segnalazioni del primo trimestre gennaio-marzo entro il Qualora due o più agenti di cambio abbiano dato avvio ad una associazi amministrativa, l'obbligo di segnalazi permane in capo ad ognuno di essi in via distinta Gli agenti di cambio non sono obbligati a tenere copia delle comunicazioni inviate su supporto magnetico, ma devono comunque essere in condizi di riprodurle su richiesta Il supporto informatico deve essere accompagnato da una comunicazi scritta contenente il riferimento alla segnalazi trasmessa (es: primo trimestre, secondo trimestre, ecc) La Commissi si riserva la facoltà di richiedere, in via specifica, la trasmissi delle suddette segnalazioni con il riferimento temporale di volta in volta indicato Tutte le informazioni devono essere riferite alla situazi in essere alla data di riferimento della segnalazi (anche se giorno festivo o non lavorativo) Gli importi possono essere espressi in euro oppure in lire in conformità alle disposizioni vigenti in materia e devono essere arrotondati all'unità di euro oppure al mili di lire Nelle voci nelle quali viene richiesto il controvalore degli strumenti finanziari, l'importo da segnalare deve essere indicato al valore nominale per i titoli di natura obbligazionaria e a quello di mercato per 2

2 i titoli azionari Per tutti gli errori ed omissioni accertati direttamente dall'agente di cambio nonchè dalla Commissi, deve essere prodotta con la massima tempestività una segnalazi sostitutiva Le regole di compilazi delle segnalazioni sono orientate a strutturare i dati in maniera uniforme alle esigenze informative della Consob e non devono necessariamente condizionare la contabilità dell'agente di cambio che rimane legata ad autonome decisioni dell'intermedia In ogni caso, tutte le segnalazioni, anche se non assumono veste di situazioni contabili, devono essere raccordabili con le rilevazioni analitico-sistematiche dell'intermedia La significatività dei dati presupp che gli atti gestionali siano rilevati in modo puntuale Il modello di segnalazi è strutturato in un'unica matrice nella quale le informazioni sono raggruppate per tipo di servizio prestato (negoziazi, gesti, raccolta ordini) La matrice contiene anche altre informazioni che prescindono dalla suddetta classificazi Nel modello di segnalazi sono specificati gli attributi in base ai quali occorre ripartire i dati relativi a ciascuna voce e sottovoce Per la descrizi degli attributi e per ogni ultere chiarimento si rimanda sia al "Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Intermediari del Mercato iare" di cui alla circolare della Banca d'italia n 148 del e successivi aggiorti (con particolare riferimento al 9^ aggiorto del ), sia alle "Segnalazioni di vigilanza delle istituzioni creditizie e finanziarie Schemi di rilevazi e istruzioni per l'inoltro dei flussi normativi" di cui alla circolare della Banca d'italia n 154 del e successivi aggiorti (con particolare riferimento al 18^ aggiorto del ), sia al documento tecnico integrativo, contenente ulteri attributi qualificatori, predisposto dalla Consob SERVIZI DI NEGOZIAZIONE, GESTIONE E RACCOLTA ORDINI Per la descrizi delle voci relative alle informazioni concernenti i beni della clientela detenuti dagli agenti di cambio (voci , , , , , , , , , , , , , , , ) si rimanda al citato 9^ aggiorto del "Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Intermediari del Mercato iare" della Banca d'italia emesso il precisando che tali informazioni devono essere trasmesse, in sede di segnalazi, ad entrambe le Autorità di ollo Le restanti voci sono di seguito descritte SEGNALAZIONE NEGATIVA Voci: , , Le presenti voci dovranno essere utilizzate nell'eventualità che non vi sia nulla da segnalare in relazi ad uno o più servizi DISPONIBILITA' LIQUIDE E STRUMENTI FINANZIARI PROPRI Voci: , , , , , , , , , 3

3 , , , , Le presenti voci riguardano gli strumenti finanziari propri dell'agente di cambio per ciascun servizio e sono speculari alle medesime voci relative ai beni della clientela detenuti dagli agenti di cambio Per la descrizi si rimanda a quanto detto in relazi a queste ultime PARTITE IN TRANSITO Voci: , , , , , Nelle presenti voci deve essere indicato il controvalore dei titoli da ricevere/consegnare per operazioni per conto terzi da regolare Voci: , , , Nelle presenti voci deve essere indicato il controvalore dei titoli da ricevere/consegnare per operazioni per conto prop da regolare STRUMENTI FINANZIARI PIU' PRESENTI PER CONTROVALORE NEL PORTAFOGLIO DELLA CLIENTELA Voci: , , Nelle presenti voci deve essere indicata per ciascuno dei n 5 strumenti finanziari piu' presenti per controvalore nel portafoglio della clientela, la rispettiva quantità Voci: , , Nelle presenti voci deve essere indicato il controvalore degli strumenti finanziari piu' presenti nel portafoglio della clientela CREDITI E DEBITI DELL'AGENTE DI CAMBIO Voci: , , Nelle presenti voci devono essere indicati i debiti dell'agente di cambio verso clienti pers fisiche di importo infere ad 1 mili di lire o del corrispondente valore in euro Voci: , , Nelle presenti voci devono essere indicati i debiti dell'agente di cambio verso clienti pers fisiche di importo supere ad 1 mili di lire o del corrispondente valore in euro Voci: , , Nelle presenti voci devono essere indicati i crediti dell'agente di cambio verso clienti pers fisiche di importo infere ad 1 mili di lire o del corrispondente valore in euro 4

4 Voci: , , Nelle presenti voci devono essere indicati i crediti dell'agente di cambio verso clienti pers fisiche di importo supere ad 1 mili di lire o del corrispondente valore in euro Voci: , , Nelle presenti voci devono essere indicati i crediti inesigibili Voci: , , Nelle presenti voci devono essere indicati i debiti dell'agente di cambio verso clienti pers giuridiche di importo infere ad 1 mili di lire o del corrispondente valore in euro Voci: , , Nelle presenti voci devono essere indicati i debiti dell'agente di cambio verso clienti pers giuridiche di importo supere ad 1 mili di lire o del corrispondente valore in euro Voci: , , Nelle presenti voci devono essere indicati i crediti dell'agente di cambio verso clienti pers giuridiche di importo infere ad 1 mili di lire o del corrispondente valore in euro Voci: , , Nelle presenti voci devono essere indicati i crediti dell'agente di cambio verso clienti pers giuridiche di importo supere ad 1 mili di lire o del corrispondente valore in euro Voci: , , Nelle presenti voci devono essere indicati i crediti inesigibili ACQUISTI E VENDITE Voci: , , Nelle presenti voci deve essere indicato il controvalore totale degli acquisti effettuati dall'agente di cambio per conto terzi Voci: , , Nelle presenti voci deve essere indicato il controvalore totale delle vendite effettuate dall'agente di cambio per conto terzi Voci: , Nelle presenti voci deve essere indicato il controvalore totale degli acquisti effettuati dall'agente di cambio per conto prop 5

5 Voci: , Nelle presenti voci deve essere indicato il controvalore totale delle vendite effettuate dall'agente di cambio per conto prop CONTI MAGGIORMENTE MOVIMENTATI Voci: , , Nelle presenti voci deve essere indicato il controvalore degli acquisti effettuati dai primi 5 codici clienti che, per controvalore intermediato, presentano la maggiore movimentazi Voci: , , Nelle presenti voci deve essere indicato il numero delle operazioni in acquisto effettuate dai primi 5 codici clienti che, per controvalore intermediato, presentano la maggiore movimentazi Voci: , , Nelle presenti voci deve essere indicato il controvalore delle vendite effettuate dai primi 5 codici clienti che, per controvalore intermediato, presentano la maggiore movimentazi Voci: , , Nelle presenti voci deve essere indicato il numero delle operazioni in vendita effettuate dai primi 5 codici clienti che, per controvalore intermediato, presentano la maggiore movimentazi COMMISSIONI DELL'AGENTE DI CAMBIO Voci: , , Nelle presenti voci deve essere indicato il totale delle commissioni percepite nel trimestre dall'agente di cambio per servizio prestato OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO Voci: , Nelle presenti voci deve essere indicato il controvalore dei titoli presi/dati per operazioni di finanziamento per conto terzi Voci: , Nelle presenti voci deve essere indicato il numero dei soggetti da/a cui sono presi/dati i titoli oggetto di operazioni di finanziamento per conto terzi Voci: ,

6 Nelle presenti voci deve essere indicato l'importo del finanziamento rilasciato/ottenuto per conto terzi Voci: , Nelle presenti voci deve essere indicato il numero dei soggetti a/da cui è rilasciato/ottenuto il finanziamento Voci: , Nelle presenti voci deve essere indicato il controvalore dei titoli presi/dati per operazioni di finanziamento per conto prop Voci: , Nelle presenti voci deve essere indicato il numero dei soggetti da/a cui sono presi/dati i titoli oggetto di operazioni di finanziamento per conto prop Voci: , Nelle presenti voci deve essere indicato l'importo del finanziamento rilasciato/ottenuto per operazioni di finanziamento per conto prop Voci: , Nelle presenti voci deve essere indicato il numero dei soggetti a/da cui è rilasciato/ottenuto il finanziamento per conto prop ALTRI DATI ALTRI CONTI Voce: Nella presente voce devono essere indicate le commissioni percepite per altre attività esercitate dall'agente di cambio (es attività di consulenza) Voce: Nella presente voce devono essere indicate eventuali altre somme addebitate alla clientela Voce: Nella presente voce devono essere indicati i crediti consistenti in commissioni su attività prestate dall'agente di cambio (negoziazi, gesti, ecc) di cui al momento della segnalazi si conosce l'ammontare Voce: Nella presente voce devono essere indicate le commissioni passive dovute a terzi per il servizio di 7

7 custodia titoli dei clienti Voce: Nella presente voce devono essere indicate le eventuali altre commissioni passive pagate dall'agente di cambio e non comprese nelle voci precedenti Voce: Nella presente voce devono essere indicate eventuali altre somme accreditate alla clientela Voce: Nella presente voce devono essere indicati i debiti scaturenti da servizi ricevuti di cui al momento della segnalazi si conosce l'ammontare STRUTTURA DELLO STUDIO E COLLABORATORI DELL'AGENTE DI CAMBIO Voce: Nella presente voce deve essere indicato il numero dei promotori finanziari dipendenti di cui si avvale l'agente di cambio Voce: Nella presente voce deve essere indicato il numero dei promotori finanziari non dipendenti di cui si avvale l'agente di cambio Voce: Nella presente voce deve essere indicato il numero dei procuratori dipendenti Voce: Nella presente voce deve essere indicato il numero dei procuratori non dipendenti Voce: Nella presente voce deve essere indicato il numero degli altri dipendenti dell'agente di cambio Voce: Nella presente voce deve essere indicato il numero dei collaboratori dell'agente di cambio non dipendenti SEGUE IL DOCUMENTO TECNICO INTEGRATIVO E LA RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DELLA MATRICE 8

8 DOCUMENTO TECNICO INTEGRATIVO I seguenti attributi qualificatori sono stati introdotti dalla Consob, in aggiunta a quelli previsti dalla Banca d Italia, per la compilazi della segnalazi degli Agenti di Cambio: - (codice cliente): codice identificativo assegnato dall Agente di Cambio al E un campo alfanumerico (codice 951) di 8 byte - (posizi ordito): numero che identifica la posizi nell aggregato di riferimento E un campo numerico (codice 952) di 3 byte - M (indicatore di mità): segnalatore di più conti riferiti allo stesso cliente E un campo numerico (codice 953) di 1 byte che può assumere il valore: - assenza 0 - presenza 1 9

9 SIGNIFICATO ATTRIBUTI QUALIFICATORI: - :ai fini della classificazi va assunta la definizi vigente nell ambito della disciplina valutaria italiana - (categoria valori mobiliari): classificazi dei valori mobiliari oggetto di segnalazi - Emit (categoria emittenti): classificazi degli emittenti i valori mobiliari - (categoria controparte): classificazi delle controparti - : classificazi della categoria alla quale appartiene il soggetto depo - (indicatore di quotazi): classificazi dei valori mobiliari oggetto di segnalazi - d (vita residua): classificazi per scaglioni temporali - Merc (mercato di negoziazi): classificazi dei mercati in cui sono stati trattati i valori mobiliari oggetto di compravendita - i(tipologia operazi): classificazi delle diverse tipologie di operazi aventi ad oggetto valori mobiliari - ( codice cliente): codice identificativo assegnato dall agente di cambio al cliente - (posizi ordito): numero che identifica la posizi nell aggregato di riferimento - M(indicatore di mità): segnalatore di più conti riferiti allo stesso cliente - (codice ): codifica assegnata al valore mobiliare NBI valori ammessi e le convenzioni adottate nella presente documentazi sono contenuti nel manuale Banca d Italia Segnalazioni di vigilanza degli enti finanziari - Istruzioni per la produzi e l inoltro delle segnalazioni - TOMO III - schemi di rilevazi e sistema delle codifiche 10

10 d Merc i M segnalazi negativa 1 SEGNALAZIONE NEGATIVA SERVIZIO DI NEGOZIAZIONE segnalazi negativa servizio negoziazi DISPONIBILITA LIQUIDE E STRUMENTI FINANZIARI DELLA CLIENTELA strumenti finanziari di terzi presso l agente di cambio utilizzati per operazioni temporanee X X1 X1 X1 X altri strumenti finanziari di terzi presso l agente di cambio X X1 X1 X1 X strumenti finanziari di terzi presso terzi utilizzati per operazioni temporanee altri strumenti finanziari di terzi presso terzi disponibilità liquide di terzi transitoriamente presso l agente di cambio X X disponibilità liquide di terzi presso terzi rivenienti da operazioni temporanee X X1 X altre disponibilità liquide di terzi presso terzi X X1 X 11

11 d Merc i M numero di contratti in essere X DISPONIBILITA LIQUIDE E STRUMENTI FINANZIARI PROPRI strumenti finanziari propri presso lo studio utilizzati in operazioni temporanee X X1 X1 X1 X altri strumenti finanziari propri presso lo studio X X1 X1 X1 X strumenti finanziari propri presso terzi utilizzati in operazioni temporanee altri strumenti finanziari propri presso terzi disponibilità liquide proprie transitoriamente presso lo studio X X disponibilità liquide proprie presso terzi rivenienti da operazioni temporanee X X1 X altre disponibilità liquide proprie presso terzi X X1 X PARTITE IN TRANSITO titoli da ricevere per operazioni per conto terzi da regolare titoli da consegnare per operazioni per conto terzi da regolare 12

12 d Merc i M titoli da ricevere per operazioni per conto prop da regolare titoli da consegnare per operazioni per conto prop da regolare STRUMENTI FINANZIARI PIU PRESENTI PER CONTROVALORE NEL PORTAFOGLIO DELLA CLIENTELA Quantità strumenti finanziari più presenti nel portafoglio X X ovalore strumenti finanziari più presenti nel portafoglio X X CREDITI E DEBITI DELL AGENTE DI CAMBIO controvalore importi < 1 mili, o equivalente in EURO, dei debiti con clienti pers fisiche controvalore importi >= 1 mili, o equivalente in EURO, dei debiti con clienti pers fisiche controvalore importi < 1 mili, o equivalente in EURO, dei crediti con clienti pers fisiche controvalore importi >= 1 mili, o equivalente in EURO, dei crediti con clienti pers fisiche di cui crediti inesigibili 13

13 d Merc i M controvalore importi < 1 mili, o equivalente in EURO, dei debiti con clienti pers giuridiche controvalore importi >= 1 mili, o equivalente in EURO, dei debiti con clienti pers giuridiche controvalore importi < 1 mili, o equivalente in EURO, dei crediti con clienti pers giuridiche controvalore importi >= 1 mili, o equivalente in EURO, dei crediti con clienti pers giuridiche di cui crediti inesigibili ACQUISTI E VENDITE controvalore totale degli acquisti per conto terzi X1 X2 X controvalore totale delle vendite per conto terzi X1 X2 X controvalore totale degli acquisti per conto prop X1 X2 X controvalore totale delle vendite per conto prop X1 X2 X2 CONTI MAGGIORMENTE MOVIMENTATI controvalore in acquisto conti maggiormente movimentati X X X 14

14 d Merc i M numero operazioni in acquisto conti maggiormente movimentati X X X controvalore in vendita conti maggiormente movimentati X X X numero operazioni in vendita conti maggiormente movimentati X X X COMMISSIONI DELL AGENTE DI CAMBIO Commissioni per l attività di negoziazi X1 OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO controvalore dei titoli presi/dati per operazioni di finanziamento conto terzi numero soggetti da/a cui vengono presi/dati i titoli per operazioni di finanziamento conto terzi controvalore pagato/ricevuto per operazioni di finanziamento conto terzi numero soggetti a/da cui vengono date/ricevute LIRE, o equivalente in EURO, per operazioni di finanziamento conto terzi 15

15 d Merc i M controvalore dei titoli presi/dati per operazioni di finanziamento conto prop numero soggetti da/a cui vengono presi/dati i titoli per operazioni di finanziamento conto prop controvalore pagato/ricevuto per operazioni di finanziamento conto prop numero soggetti a/da cui vengono date/ricevute LIRE, o equivalente in EURO, per operazioni di finanziamento conto prop 16

16 d Merc i M SERVIZIO DI GESTIONE segnalazi negativa servizio gesti DISPONIBILITA LIQUIDE E STRUMENTI FINANZIARI DELLA CLIENTELA strumenti finanziari di terzi presso l agente di cambio utilizzati per operazioni temporanee X X1 X1 X1 X altri strumenti finanziari di terzi presso l agente di cambio X X1 X1 X1 X strumenti finanziari di terzi presso terzi utilizzati per operazioni temporanee altri strumenti finanziari di terzi presso terzi disponibilità liquide di terzi transitoriamente presso l agente di cambio X X disponibilità liquide di terzi presso terzi rivenienti da operazioni temporanee X X1 X altre disponibilità liquide di terzi presso terzi X X1 X numero di contratti in essere X 17

17 d Merc i M DISPONIBILITA LIQUIDE E STRUMENTI FINANZIARI PROPRI strumenti finanziari propri presso lo studio utilizzati per operazioni temporanee X X1 X1 X1 X altri strumenti finanziari propri presso lo studio X X1 X1 X1 X strumenti finanziari propri presso terzi utilizzati per operazioni temporanee altri strumenti finanziari propri presso terzi disponibilità liquide proprie transitoriamente presso lo studio X X disponibilità liquide proprie presso terzi rivenienti da operazioni temporanee X X1 X altre disponibilità liquide proprie presso terzi X X1 X PARTITE IN TRANSITO titoli da ricevere per operazioni per conto terzi da regolare titoli da consegnare per operazioni per conto terzi da regolare 18

18 d Merc i M titoli da ricevere per operazioni per conto prop da regolare titoli da consegnare per operazioni per conto prop da regolare STRUMENTI FINANZIARI PIU PRESENTI PER CONTROVALORE NEL PORTAFOGLIO DELLA CLIENTELA Quantità strumenti finanziari più presenti nel portafoglio X X ovalore strumenti finanziari più presenti nel portafoglio X X CREDITI E DEBITI DELL AGENTE DI CAMBIO controvalore importi < 1 mili, o equivalente in EURO, dei debiti con clienti pers fisiche controvalore importi >= 1 mili, o equivalente in EURO, dei debiti con clienti pers fisiche controvalore importi < 1 mili, o equivalente in EURO, dei crediti con clienti pers fisiche controvalore importi >= 1 mili, o equivalente in EURO, dei crediti con clienti pers fisiche di cui crediti inesigibili 19

19 d Merc i M controvalore importi < 1 mili, o equivalente in EURO, dei debiti con clienti pers giuridiche controvalore importi >= 1 mili, o equivalente in EURO, dei debiti con clienti pers giuridiche controvalore importi < 1 mili, o equivalente in EURO, dei crediti con clienti pers giuridiche controvalore importi >= 1 mili, o equivalente in EURO, dei crediti con clienti pers giuridiche di cui crediti inesigibili ACQUISTI E VENDITE controvalore totale degli acquisti per conto terzi X1 X2 X controvalore totale delle vendite per conto terzi X1 X2 X controvalore totale degli acquisti per conto prop X1 X2 X controvalore totale delle vendite per conto prop X1 X2 X2 CONTI MAGGIORMENTE MOVIMENTATI 20

20 d Merc i M controvalore in acquisto conti maggiormente movimentati X X X numero operazioni in acquisto conti maggiormente movimentati X X X controvalore in vendita conti maggiormente movimentati X X X numero operazioni in vendita conti maggiormente movimentati X X X COMMISSIONI DELL AGENTE DI CAMBIO Commissioni per l attività di gesti X1 OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO controvalore dei titoli presi/dati per operazioni di finanziamento conto terzi numero soggetti da/a cui vengono presi/dati i titoli per operazioni di finanziamento conto terzi controvalore pagato/ricevuto per operazioni di finanziamento conto terzi 21

21 d Merc i M numero soggetti a/da cui vengono date/ricevute LIRE, o equivalente in EURO, operazioni di finanziamento per conto terzi controvalore dei titoli presi/dati per operazioni di finanziamento conto prop numero soggetti da/a cui vengono presi/dati i titoli per operazioni di finanziamento conto prop controvalore pagato/ricevuto per operazioni di finanziamento conto prop numero soggetti a/da cui vengono date/ricevute LIRE, o equivalente in EURO, per operazioni di finanziamento conto prop 22

22 d Merc i M SERVIZIO DI RACCOLTA ORDINI segnalazi negativa servizio raccolta ordini DISPONIBILITA LIQUIDE E STRUMENTI FINANZIARI DELLA CLIENTELA strumenti finanziari di terzi presso l agente di cambio X X1 X1 X1 X strumenti finanziari di terzi presso terzi disponibilità liquide di terzi transitoriamente presso l agente di cambio X X disponibilità liquide di terzi presso terzi X X1 X numero di contratti in essere X PARTITE IN TRANSITO titoli da ricevere per operazioni da regolare titoli da consegnare per operazioni da regolare STRUMENTI FINANZIARI PIU PRESENTI PER CONTROVALORE NEL PORTAFOGLIO DELLA CLIENTELA 23

23 d Merc i M Quantità strumenti finanziari più presenti nel portafoglio X X ovalore strumenti finanziari più presenti nel portafoglio X X 24

24 d Merc i M CREDITI E DEBITI DELL AGENTE DI CAMBIO controvalore importi < 1 mili, o equivalente in EURO, dei debiti con clienti pers fisiche controvalore importi >= 1 mili, o equivalente in EURO, dei debiti con clienti pers fisiche controvalore importi < 1 mili, o equivalente in EURO, dei crediti con clienti pers fisiche controvalore importi >= 1 mili, o equivalente in EURO, dei crediti con clienti pers fisiche di cui crediti inesigibili controvalore importi < 1 mili, o equivalente in EURO, dei debiti con clienti pers giuridiche controvalore importi >= 1 mili, o equivalente in EURO, dei debiti con clienti pers giuridiche controvalore importi < 1 mili, o equivalente in EURO, dei crediti con clienti pers giuridiche 25

25 d Merc i M controvalore importi >= 1 mili, o equivalente in EURO, dei crediti con clienti pers giuridiche di cui crediti inesigibili ACQUISTI E VENDITE Importo delle attività di acquisto X1 X2 X Importo delle attività di vendita X1 X2 X2 CONTI MAGGIORMENTE MOVIMENTATI controvalore in acquisto conti maggiormente movimentati X X X numero operazioni in acquisto conti maggiormente movimentati X X X controvalore in vendita conti maggiormente movimentati X X X numero in vendita conti maggiormente movimentati X X X COMMISSIONI DELL AGENTE DI CAMBIO commissioni per l attività di raccolta ordini X1 26

26 d Merc i M ALTRI DATI ALTRI CONTI Commissioni per altre attività Altri proventi Crediti per servizi prestati X Commissioni passive per deposito titoli Commissioni passive per altri servizi ricevuti Altri ri Debiti per servizi ricevuti X1 STRUTTURA DELLO STUDIO E COLLABORATORI DELL AGENTE DI CAMBIO Numero promotori finanziari dipendenti Numero promotori finanziari non dipendenti Numero procuratori dell ufficio dipendenti 27

27 d Merc i M Numero procuratori dell ufficio non dipendenti Numero altri dipendenti Numero altri non dipendenti 28

Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Organismi di Investimento Collettivo del Risparmio

Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Organismi di Investimento Collettivo del Risparmio Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Organismi di Investimento Collettivo del Risparmio Circolare n. 189 del 21 ottobre 1993 VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA Manuale delle Segnalazioni

Dettagli

Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Intermediari del Mercato Mobiliare

Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Intermediari del Mercato Mobiliare Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Intermediari del Mercato Mobiliare Circolare n. 148 del 2 luglio 1991 11 aggiornamento del 29 novembre 2001 VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA DEL 51 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154

NOTA ESPLICATIVA DEL 51 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 AREA RISORSE INFORMATICHE E RILEVAZIONI STATISTICHE Servizio Rilevazioni ed Elaborazioni Statistiche NOTA ESPLICATIVA DEL 51 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 Con la presente nota si forniscono alcune

Dettagli

Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela.

Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela. Provvedimento 1 luglio 1998 (II) Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA

Dettagli

Roma, 24 ottobre 2011

Roma, 24 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Registro e altri tributi indiretti Direzione Centrale Normativa Roma, 24 ottobre 2011 OGGETTO:Imposta di bollo sulle comunicazioni

Dettagli

CONSOB Delibera n. 18754 del 23 dicembre 2013 (1)

CONSOB Delibera n. 18754 del 23 dicembre 2013 (1) CONSOB Delibera n. 18754 del 23 dicembre 2013 (1) Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell'art. 40 della legge n. 724/1994, per l'esercizio 2014 LA COMMISSIONE NAZIONALE PER

Dettagli

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale G L O S S A R I O Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI segnalazione trimestrale Alineato alle circolari n. 272/08 (5 aggiornamento luglio 2013) e n. 286/2013 (1 aggiornamento

Dettagli

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 19/2014

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 19/2014 AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 19/2014 del 23 maggio 2014 1) Poteri dell EIOPA e dell ESMA: pubblicata in Gazzetta Ufficiale dell Unione Europa la Direttiva 2014/51/UE 2) CRR e CRD IV: pubblicate in Gazzetta

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA SEGNALAZIONE ASSETTI PARTECIPATIVI ENTI (A.P.E.)

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA SEGNALAZIONE ASSETTI PARTECIPATIVI ENTI (A.P.E.) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA SEGNALAZIONE ASSETTI PARTECIPATIVI ENTI (A.P.E.) Le presenti Istruzioni disciplinano la compilazione delle segnalazioni che alimentano l archivio elettronico Assetti

Dettagli

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale G L O S S A R I O Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI segnalazione trimestrale Alineato alla circolare 272/08-5 aggiornamento luglio 2013 PROFILO GESTIONALE: RISCHIOSITA'

Dettagli

Prospetto tradotto fedelmente dall ultimo prospetto ricevuto dalla Commissione di Vigilanza del Settore Finanziario del Lussemburgo.

Prospetto tradotto fedelmente dall ultimo prospetto ricevuto dalla Commissione di Vigilanza del Settore Finanziario del Lussemburgo. EXTRA FUND SICAV TOTAL RETURN OPPORTUNITY Prospetto Informativo Semplificato Luglio 2009 Prospetto tradotto fedelmente dall ultimo prospetto ricevuto dalla Commissione di Vigilanza del Settore Finanziario

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO

IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO VISTO l articolo 39, commi 1 e 2 della Legge 17 novembre 2005, n. 165 che attribuisce, tra l altro, all Autorità di Vigilanza il

Dettagli

Delibera n. 14015 del 1 aprile 2003

Delibera n. 14015 del 1 aprile 2003 Delibera n. 14015 del 1 aprile 2003 Disposizioni concernenti gli obblighi di comunicazione di dati e notizie e la trasmissione di atti e documenti da parte dei soggetti abilitati e degli agenti di cambio.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Variabile e Obbligazioni a Tasso Variabile Callable.

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Variabile e Obbligazioni a Tasso Variabile Callable. CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Variabile e Obbligazioni a Tasso Variabile Callable. Banca

Dettagli

Disciplina dell'attività di intermediazione mobiliare e disposizioni sull'organizzazione dei mercati mobiliari.

Disciplina dell'attività di intermediazione mobiliare e disposizioni sull'organizzazione dei mercati mobiliari. TITOLO I Disciplina dell'attività di intermediazione mobiliare e disposizioni sull'organizzazione dei mercati mobiliari. Disciplina dell'attività di intermediazione mobiliare Art 4. Partecipazione al capitale

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Parma Temi speciali di bilancio Le partecipazioni I titoli (cenni) 1 Indice degli argomenti 1. I TITOLI E LE PARTECIPAZIONI ISCRITTE NELLE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE i titoli

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA DEL 55 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154

NOTA ESPLICATIVA DEL 55 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 DIPARTIMENTO INFORMATICA Servizio Rilevazioni Statistiche NOTA ESPLICATIVA DEL 55 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 Con la presente nota si forniscono alcune indicazioni di dettaglio al fine di facilitare

Dettagli

(iii) per adempiere alle obbligazioni di consegna delle azioni derivanti da programmi di distribuzione, a titolo oneroso o gratuito, di opzioni su

(iii) per adempiere alle obbligazioni di consegna delle azioni derivanti da programmi di distribuzione, a titolo oneroso o gratuito, di opzioni su MONCLER S.p.A. Sede sociale in Milano, Via Stendhal, n. 47 - capitale sociale euro 50.000.000,00 i.v. Registro delle Imprese di Milano, codice fiscale e partita IVA 04642290961 - REA n 1763158 Relazione

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Alle Imprese di Assicurazione sulla vita con sede legale in Italia Prot. n. 250071 Allegati LORO SEDI

Alle Imprese di Assicurazione sulla vita con sede legale in Italia Prot. n. 250071 Allegati LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo Roma, 21 febbraio 2002 Alle Imprese di Assicurazione sulla vita con sede legale in Italia Prot. n. 250071 Allegati

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI Allegato A PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti

Dettagli

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA COSTITUZIONE E L AMMINISTRAZIONE DELLE GESTIONI SEPARATE DELLE IMPRESE CHE ESERCITANO L ASSICURAZIONE SULLA VITA, AI SENSI DELL ARTICOLO 191,

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO POPOLARE SOCIETA COOPERATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO POPOLARE SOCIETA COOPERATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO POPOLARE SOCIETA COOPERATIVA SULLA PROPOSTA DI ACQUISTO E DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE CON FINALITA DI SOSTEGNO DELLA LIQUIDITA DEL TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI STEP AZIONARIO STEP BILANCIATO STEP OBBLIGAZIONARIO

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI STEP AZIONARIO STEP BILANCIATO STEP OBBLIGAZIONARIO REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI STEP AZIONARIO STEP BILANCIATO STEP OBBLIGAZIONARIO ART. 1) ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEL FONDO MEDIOLANUM VITA, Compagnia di Assicurazioni sulla vita appartenente al GRUPPO

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772

CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772 EMISSIONE OBBLIGAZIONARIA CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772 INDICE Documento di Sintesi. Pag. 2 Regolamento del prestito obbligazionario..

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MERCATO INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA S.C.P.A.

REGOLAMENTO DEL MERCATO INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA S.C.P.A. REGOLAMENTO DEL MERCATO INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA S.C.P.A. TITOLO I- DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 - Oggetto del Mercato Interno. Art. 2 Modifiche al

Dettagli

Circolare n. 5 del 27 marzo 2015

Circolare n. 5 del 27 marzo 2015 Circolare n. 5 del 27 marzo 2015 Spesometro 2015 (operaziionii 2014), da trasmettere entro iill 10/20 dii apriille 2015 L art. 21 del D.L. n. 78 del 31 maggio 2010 ha introdotto l obbligo, per i soggetti

Dettagli

STUDIO CIGANOTTO CINELLI MANGIONE DOTTORI COMMERCIALISTI. Spesometro per l anno 2014

STUDIO CIGANOTTO CINELLI MANGIONE DOTTORI COMMERCIALISTI. Spesometro per l anno 2014 A tutti i clienti, loro indirizzi mail Circolare n. 3/2015 del 24 marzo 2015. Spesometro per l anno 2014 Sono obbligati alla comunicazione di cui all'art. 21 del DL 78/2010 (c.d. "spesometro") tutti i

Dettagli

Legge 17 febbraio 1992, n. 154 - Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

Legge 17 febbraio 1992, n. 154 - Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari Legge 17 febbraio 1992, n. 154 - Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari Articolo 1. Ambito soggettivo d'applicazione. 1. Le norme della presente legge trovano applicazione

Dettagli

LEGGE SULLA NUOVA DISCIPLINA DEL MERCATO DELL'ORO

LEGGE SULLA NUOVA DISCIPLINA DEL MERCATO DELL'ORO LEGGE SULLA NUOVA DISCIPLINA DEL MERCATO DELL'ORO Disegno di legge 4381, relativo a: «Nuova disciplina del mercato dell oro, anche in attuazione della direttiva 98/80/Ce del Consiglio, del 12 ottobre 1998».

Dettagli

ORIENTAMENTI. visto lo statuto del Sistema europeo di banche centrali e della Banca centrale europea, in particolare gli articoli 5.1, 12.1 e 14.

ORIENTAMENTI. visto lo statuto del Sistema europeo di banche centrali e della Banca centrale europea, in particolare gli articoli 5.1, 12.1 e 14. 19.6.2015 L 154/15 ORIENTAENTI INDIRIZZO (UE) 2015/948 DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 16 aprile 2015 che modifica l'indirizzo BCE/2013/7 relativo alle statistiche sulle disponibilità in titoli (BCE/2015/19)

Dettagli

AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 29 APRILE 2015

AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 29 APRILE 2015 COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE Verona, 20 marzo 2015 AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 29 APRILE 2015 Gli aventi diritto di voto sono convocati in assemblea ordinaria di CAD IT S.p.A.

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA Tavole sinottiche a cura di Angelo Tubelli Dottore Commercialista Studio Tributario e Societario Andreani 1 LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA A decorrere dal 1 gennaio 2010,

Dettagli

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo Art. 1 - Istituzione e denominazione del Fondo Interno Assicurativo Poste Vita S.p.A. (la Compagnia ) ha istituito, secondo le modalità indicate nel

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

Il Governatore della Banca d Italia

Il Governatore della Banca d Italia Il Governatore della Banca d Italia Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, di seguito "Testo Unico"). In particolare,

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente REGOLAMENTO DI EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO 2007/2012 TF 4,58% 118^ EMISSIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Opportunity bis Country bis Sector bis Dynamic bis Balanced bis Moderate bis Prudent bis ART. 1) ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEL FONDO MEDIOLANUM VITA, Compagnia di Assicurazioni

Dettagli

DECRETO 6 AGOSTO 2003 pubblicato sulla g.u. n. 197 del 26 agosto 2003

DECRETO 6 AGOSTO 2003 pubblicato sulla g.u. n. 197 del 26 agosto 2003 DECRETO 6 AGOSTO 2003 pubblicato sulla g.u. n. 197 del 26 agosto 2003 Nuove procedure per i pagamenti e gli incassi delle amministrazioni statali da effettuarsi in valuta in euro nei Paesi non aderenti

Dettagli

CIRCOLARE SETTIMANALE

CIRCOLARE SETTIMANALE PRO.GE.A. PROGETTO GESTIONE AZIENDA Sede Legale: Via XXV Aprile, 206 21042 Caronno Pertusella (Va) Sede Operativa: Via IV Novembre, 455 21042 Caronno Pertusella (Va) Tel. 02.96515611 Fax 02.96515655 Uffici

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO "ZED OMNIFUND" Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998

FONDO PENSIONE APERTO ZED OMNIFUND Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998 FONDO PENSIONE APERTO "ZED OMNIFUND" Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998 STATO PATRIMONIALE AL 31.12.2006 - LINEA GARANTITA ESERCIZIO IN CORSO 31.12.2006

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da MARANGONI MARIO Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale

Dettagli

CAPITOLO 4. Eventi mensili finanziari (EMF) Istruzioni di compilazione

CAPITOLO 4. Eventi mensili finanziari (EMF) Istruzioni di compilazione CAPITOLO 4 Eventi mensili finanziari (EMF) Istruzioni di compilazione 4.1 Introduzione Scopo del questionario: raccogliere informazioni su alcune tipologie di operazioni finanziarie internazionali che

Dettagli

DIRECT REPORTING SINTESI DELLE VARIAZIONI APPORTATE NELL EDIZIONE 2013

DIRECT REPORTING SINTESI DELLE VARIAZIONI APPORTATE NELL EDIZIONE 2013 DIRECT REPORTING SINTESI DELLE VARIAZIONI APPORTATE NELL EDIZIONE 2013 Il Manuale Applicativo allegato al Provvedimento della Banca d Italia del 16 dicembre 2009, recante Disposizioni in materia di raccolta

Dettagli

REGOLAMENTO FONDI INTERNI APTUS

REGOLAMENTO FONDI INTERNI APTUS REGOLAMENTO FONDI INTERNI APTUS Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia ha costituito tre Fondi

Dettagli

EMITTENTE OFFERENTE E RESPONSABILE DEL COLLOCAMENTO BANCA POPOLARE DI BARI S.C.p.A. PROSPETTO DI BASE

EMITTENTE OFFERENTE E RESPONSABILE DEL COLLOCAMENTO BANCA POPOLARE DI BARI S.C.p.A. PROSPETTO DI BASE Società cooperativa per azioni Sede sociale e Direzione Generale in Corso Cavour 19, 70122 Bari Partita IVA, Cod. Fiscale e iscrizione al Registro imprese di Bari n. 00254030729 Albo aziende creditizie

Dettagli

IL MINISTRO DEL COMMERCIO CON L'ESTERO IL MINISTRO DEL TESORO

IL MINISTRO DEL COMMERCIO CON L'ESTERO IL MINISTRO DEL TESORO D.M. 27 aprile 1990 1. Disposizioni in materia valutaria 2. Vista la legge 26 settembre 1986, n. 599; IL MINISTRO DEL COMMERCIO CON L'ESTERO e IL MINISTRO DEL TESORO Visto il decreto del Presidente della

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë=

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA POPOLARE DELL ALTO ADIGE Sede Legale in Bolzano, Via del Macello n.55 Iscritta all Albo delle Banche al n. 3630.1 e Capogruppo del Gruppo Bancario Banca Popolare dell Alto Adige Iscritto all Albo

Dettagli

FONDI PENSIONE NEGOZIALI ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2014

FONDI PENSIONE NEGOZIALI ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2014 FONDI PENSIONE NEGOZIALI ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2014 Rispetto all anno precedente, il modulo integrativo per l anno 2014 è stato integrato con una tavola di raccordo

Dettagli

MANUALE DELLE SEGNALAZIONI STATISTICHE E DI VIGILANZA DEI FONDI PENSIONE Principali variazioni apportate agli schemi

MANUALE DELLE SEGNALAZIONI STATISTICHE E DI VIGILANZA DEI FONDI PENSIONE Principali variazioni apportate agli schemi MANUALE DELLE SEGNALAZIONI STATISTICHE E DI VIGILANZA DEI FONDI PENSIONE Principali variazioni apportate agli schemi (Allegato alla Circolare 5879 del 18 settembre 2014) Variazioni formalmente sottoposte

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 STATO PATRIMONIALE AL 31.12.2011 - COMPARTO "LINEA CONSERVATIVA" ESERCIZIO IN CORSO 31.12.2011

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO

IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO VISTA la legge 17 novembre 2005, n. 165 (di seguito, per brevità: LISF ) che, tra l altro, attribuisce alla Banca Centrale della

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO

PROSPETTO INFORMATIVO PROSPETTO INFORMATIVO Per le Emissioni di Obbligazioni Bancarie c.d. Plain Vanilla Banca Emittente ( L Emittente ) BANCA FARNESE S.p.A. Banca Offerente ( L Offerente ) BANCA FARNESE S.p.A. Responsabili

Dettagli

BCC BARLASSINA. Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da

BCC BARLASSINA. Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da BCC BARLASSINA (ai sensi delle Linee-Guida interassociative ABI-Assosim-Federcasse per l applicazione delle misure di attuazione della Direttiva

Dettagli

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Offerta al pubblico di RAIFFPLANET Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Raiffplanet Prudente Raiffplanet Equilibrata Raiffplanet Aggressiva (Mod. V 70REGFI-0311

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 2 biennio TOMO 4. Rimborso, investimento nel titolo più conveniente, successiva vendita: scritture in P.D. di una S.p.A.

Biblioteca di Telepass + 2 biennio TOMO 4. Rimborso, investimento nel titolo più conveniente, successiva vendita: scritture in P.D. di una S.p.A. Biblioteca di Telepass + 2 biennio TOMO 4 UNITÀ F La gestione fi nanziaria e il mercato dei capitali ESERCIZIO Rimborso, investimento nel titolo più conveniente, successiva vendita: scritture in P.D. di

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

BANCA CREMASCA. Credito Cooperativo Soc. Coop.

BANCA CREMASCA. Credito Cooperativo Soc. Coop. BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Soc. Coop. POLICY DI PRICING E REGOLE INTERNE PER LA NEGOZIAZIONE/EMISSIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DELLA BANCA (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli

ALLEGATO 1 CIRCOLARE N. 272 DEL 30 LUGLIO 2008 MATRICE DEI CONTI 6 AGGIORNAMENTO

ALLEGATO 1 CIRCOLARE N. 272 DEL 30 LUGLIO 2008 MATRICE DEI CONTI 6 AGGIORNAMENTO ALLEGATO 1 CIRCOLARE N. 272 DEL 30 LUGLIO 2008 MATRICE DEI CONTI 6 AGGIORNAMENTO Matrice dei conti A) ISTRUZIONI DI CARATTERE GENERALE A.1 Circolare n. 272 del 30 luglio 2008-1 aggiornamento del 10 dicembre

Dettagli

IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA

IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, di seguito testo unico ); Visto l'articolo

Dettagli

A) INFORMAZIONI GENERALI

A) INFORMAZIONI GENERALI La presente Parte III è stata depositata in CONSOB il 28 marzo 2008 ed è valida a partire dal 31 marzo 2008. PARTE III DEL PROSPETTO INFORMATIVO ALTRE INFORMAZIONI Offerta pubblica di sottoscrizione di

Dettagli

Precisazioni. Circolare 154. Segnalazioni delle banche e dei gruppi bancari. Precisazioni sulla struttura delle voci

Precisazioni. Circolare 154. Segnalazioni delle banche e dei gruppi bancari. Precisazioni sulla struttura delle voci Precisazioni Circolare 154 Segnalazioni delle banche e dei gruppi bancari Precisazioni sulla struttura delle voci Voce 58214 Attività finanziarie sottostanti operazioni di cartolarizzazione di IFM residenti

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

Art. 1. Misura del contributo

Art. 1. Misura del contributo CONSOB - Delibera 23 dicembre 2014, n. 19087 Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell'art. 40 della legge n. 724/1994, per l'esercizio 2015 (Provvedimento pubblicato nella

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE INDICE 1. Premessa...3 2. Definizioni...3 3. Individuazione delle Operazioni di maggiore rilevanza...4 4. Operazioni esenti...5 4.1 Piani di compensi

Dettagli

CAPITOLO 4. Eventi mensili finanziari (EMF) Istruzioni di compilazione

CAPITOLO 4. Eventi mensili finanziari (EMF) Istruzioni di compilazione CAPITOLO 4 Eventi mensili finanziari (EMF) Istruzioni di compilazione 4.1 Introduzione Scopo del questionario: raccogliere informazioni sulle operazioni finanziarie internazionali ( eventi relativi a:

Dettagli

FULL OPTION Ed. 2009

FULL OPTION Ed. 2009 Offerta al pubblico di FULL OPTION Ed. 2009 Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE Option Trend a premio unico (Mod. VM2SSISOT137-0414 ed. 04/2014)

Dettagli

RISOLUZIONE N.15/E QUESITO

RISOLUZIONE N.15/E QUESITO RISOLUZIONE N.15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 18 febbraio 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica - polizze estere offerte in regime di libera prestazione dei servizi in Italia. Obblighi di monitoraggio

Dettagli

Estense Grande Distribuzione

Estense Grande Distribuzione BNP Paribas REIM SGR p.a. approva le semestrali 2013, delibera il periodo di grazia e la riduzione della commissione di gestione dei Fondi Estense Grande Distribuzione e BNL Portfolio Immobiliare Estense

Dettagli

Oggetto Chiusura della contabilità finanziaria. Dati per il conto consuntivo 2015. Istruzioni operative.

Oggetto Chiusura della contabilità finanziaria. Dati per il conto consuntivo 2015. Istruzioni operative. Direzione generale Direzione centrale programmazione, bilancio e controllo Circolare n. 91 Roma, 23 dicembre 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali

Dettagli

OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA DI AZIONI ORDINARIE POSTE ITALIANE S.P.A. (L OFFERTA PUBBLICA )

OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA DI AZIONI ORDINARIE POSTE ITALIANE S.P.A. (L OFFERTA PUBBLICA ) Modulo di adesione A (Scheda riservata al pubblico indistinto) Scheda N. OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA DI AZIONI ORDINARIE POSTE ITALIANE S.P.A. (L OFFERTA PUBBLICA ) Il/La sottoscritto/a Codice Fiscale

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

concernente la proposta di autorizzazione all acquisto e all alienazione di azioni Signori Azionisti,

concernente la proposta di autorizzazione all acquisto e all alienazione di azioni Signori Azionisti, Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea in sede ordinaria convocata per il giorno 29 aprile 2013 in merito al punto n. 4) dell ordine del giorno, concernente la proposta di autorizzazione

Dettagli

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza Modalità, Organizzazione e Procedure Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE A PREMESSA...2 1. Normativa di riferimento...2 D APPROPRIATEZZA...4

Dettagli

Aggiornamenti. Transizione all euro e valori mobiliari. di NELLO AGUSANI e PIETRO GHIGINI docenti di Economia aziendale

Aggiornamenti. Transizione all euro e valori mobiliari. di NELLO AGUSANI e PIETRO GHIGINI docenti di Economia aziendale I 89 Transizione all euro e valori mobiliari di NELLO AGUSANI e PIETRO GHIGINI docenti di Economia aziendale Negli anni recenti il processo di integrazione europea ha provocato una serie di innovazioni

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 STATO PATRIMONIALE AL 31.12.2009 - COMPARTO "LINEA CONSERVATIVA" ESERCIZIO IN CORSO 31.12.2009

Dettagli

Offerta al pubblico di UNIOBIETTIVO INFLAZIONE 03/2018 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto ULM11I)

Offerta al pubblico di UNIOBIETTIVO INFLAZIONE 03/2018 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto ULM11I) Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. Offerta al pubblico di UNIOBIETTIVO INFLAZIONE 03/2018 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto ULM11I) Regolamento del Fondo interno REGOLAMENTO

Dettagli

Modelli INTRASTAT - Nuove modalità e termini di presentazione - Chiarimenti dell'agenzia delle Entrate.

Modelli INTRASTAT - Nuove modalità e termini di presentazione - Chiarimenti dell'agenzia delle Entrate. Page 1 of 7 ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CIRCOLARE PER LA CLIENTELA - 22/03/2010 N. 14 Modelli INTRASTAT - Nuove modalità e termini di presentazione - Chiarimenti

Dettagli

Metodologia di valutazione e di pricing e Regole Interne per l emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento

Metodologia di valutazione e di pricing e Regole Interne per l emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento Metodologia di valutazione e di pricing e Regole Interne per l emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento 2014 PREMESSA Il presente documento definisce ed illustra

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente REGOLAMENTO DI EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO 2007/2009 TF 4,5% 106^ EMISSIONE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

2. le modalità per determinare l autorità competente ai fini dell esenzione, specie nel caso di istanti residenti in Paesi extra-ue;

2. le modalità per determinare l autorità competente ai fini dell esenzione, specie nel caso di istanti residenti in Paesi extra-ue; Comunicazione congiunta Banca d Italia/Consob in merito al recepimento degli Orientamenti emanati dall AESFEM (ESMA), concernenti l esenzione per attività di supporto agli scambi (market making) e operazioni

Dettagli

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked. Raiffplanet Aggressiva a premio unico

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked. Raiffplanet Aggressiva a premio unico Offerta al pubblico di RAIFFPLANET Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE Raiffplanet Aggressiva a premio unico (Mod. V70SSISRA137-0415) Pagina 1

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 127 CODICE ISIN IT0003373534

Dettagli

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014. del 29 agosto 2014

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014. del 29 agosto 2014 AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014 del 29 agosto 2014 1) OICVM: pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea la Direttiva 2014/91/UE di modifica della Direttiva 2009/65/CE 2) CRD IV: pubblicato

Dettagli

Allegati al regolamento concernente gli emittenti - Allegato 3F pag. 1 ALLEGATO 3F ( )

Allegati al regolamento concernente gli emittenti - Allegato 3F pag. 1 ALLEGATO 3F ( ) Allegati al regolamento concernente gli emittenti - Allegato 3F pag. 1 ALLEGATO 3F ( ) Istruzioni per la comunicazione al pubblico delle informazioni relative alle operazioni di compravendita delle azioni

Dettagli

PROSPETTO PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI OBBLIGAZIONI BANCA DI PISA E FORNACETTE CREDITO COOPERATIVO

PROSPETTO PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI OBBLIGAZIONI BANCA DI PISA E FORNACETTE CREDITO COOPERATIVO Prospetto semplificato per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4, del Regolamento Consob n. 11971/99 (da consegnare al cliente che ne faccia richiesta) Sede legale: 56126 Pisa Lungarno

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

STUDIO MARCARINI & ASSOCIATI

STUDIO MARCARINI & ASSOCIATI STUDIO MARCARINI & ASSOCIATI DR MICHAELA MARCARINI RAG. PAOLA PIZZELLI RAGIONIERE COMMERCIALISTA DR FULVIO PIZZELLI DR BRUNO OLTOLINI ESPERTO CONTABILE DR MATTEO SOZZI Milano, 31 gennaio 2014 CIRCOLARE

Dettagli

Deposito Titoli /Strumenti Finanziari a Custodia e/o Amministrazione e Servizi di Investimento

Deposito Titoli /Strumenti Finanziari a Custodia e/o Amministrazione e Servizi di Investimento Pag. 1/5 Deposito Titoli /Strumenti Finanziari a Custodia e/o Amministrazione e Servizi di Investimento INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Popolare Società Cooperativa per Azioni Gruppo Bancario

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 STATO PATRIMONIALE AL 31.12.2006 - LINEA GARANTITA ESERCIZIO IN CORSO 31.12.2006 ESERCIZIO PRECEDENTE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA MONTERIGGIONI CREDITO COOPERATIVO SOC. COOP. ZERO COUPON

REGOLAMENTO DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA MONTERIGGIONI CREDITO COOPERATIVO SOC. COOP. ZERO COUPON REGOLAMENTO DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA MONTERIGGIONI CREDITO COOPERATIVO SOC. COOP. ZERO COUPON Il presente regolamento disciplina i titoli di debito, le Obbligazioni, che la Banca Monteriggioni

Dettagli

Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2016

Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2016 Delibera n. 19461 1 Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2016 LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA VISTA

Dettagli

PROCEDURA INTERNAL DEALING

PROCEDURA INTERNAL DEALING PROCEDURA INTERNAL DEALING Data Approvazione: Marzo 2006 Ultimo aggiornamento: 12 Maggio 2014 1 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1 Premessa La presente procedura, adottata ai sensi dell'art. 114, comma 7, del

Dettagli