NUOVE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE SEGNALAZIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUOVE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE SEGNALAZIONI"

Transcript

1 NUOVE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE SEGNALAZIONI Le segnalazioni di vigilanza richieste agli agenti di cambio iscritti nel ruolo unico sono pediche ed hanno ca trimestrale Esse devono essere trasmesse alla Consob entro venticinque giorni dalla fine di ciascun trimestre: entro il 25 aprile, per i dati riferiti al 31 marzo; entro il 25 luglio, per i dati riferiti al 30 giugno; entro il 25 ottobre, per i dati riferiti al 30 settembre; entro il 25 gennaio, per i dati riferiti al 31dicembre Ove il termine ultimo per l'invio cada di giorno festivo, il termine medesimo è spostato al primo giorno lavorativo successivo La trasmissi dei dati dovrà avvenire tramite supporto informatico La Commissi fornisce agli agenti di cambio il software operativo necessa per l'organizzazi e l'inserimento dei dati Con esclusivo riferimento alle segnalazioni al 31/12/1999 gli agenti di cambio dovranno predisporre due distinte segnalazioni: una utilizzando il modello di vigilanza di cui all'abrogata delibera n del 12/8/1997 ed un'altra utilizzando il nuovo "data entry" Dette segnalazioni dovranno essere trasmesse alla Consob, mediante due distinti supporti informatici, entro il 25 gennaio 2000 per quanto riguarda la prima ed entro il 25 febbraio 2000 per quanto riguarda la seconda Successivamente dovrà essere predisposta un'unica segnalazi secondo il nuovo modello di segnalazioni da inviare entro il 25 giorno dalla fine del trimestre di riferimento In caso di passaggio di un agente di cambio dal ruolo speciale al ruolo unico l'obbligo di inviare le segnalazioni decorre dalla prima sca successiva all'inizio dell'attività, es: se l'agente di cambio inizia l'attività il , deve inviare le segnalazioni del primo trimestre gennaio-marzo entro il Qualora due o più agenti di cambio abbiano dato avvio ad una associazi amministrativa, l'obbligo di segnalazi permane in capo ad ognuno di essi in via distinta Gli agenti di cambio non sono obbligati a tenere copia delle comunicazioni inviate su supporto magnetico, ma devono comunque essere in condizi di riprodurle su richiesta Il supporto informatico deve essere accompagnato da una comunicazi scritta contenente il riferimento alla segnalazi trasmessa (es: primo trimestre, secondo trimestre, ecc) La Commissi si riserva la facoltà di richiedere, in via specifica, la trasmissi delle suddette segnalazioni con il riferimento temporale di volta in volta indicato Tutte le informazioni devono essere riferite alla situazi in essere alla data di riferimento della segnalazi (anche se giorno festivo o non lavorativo) Gli importi possono essere espressi in euro oppure in lire in conformità alle disposizioni vigenti in materia e devono essere arrotondati all'unità di euro oppure al mili di lire Nelle voci nelle quali viene richiesto il controvalore degli strumenti finanziari, l'importo da segnalare deve essere indicato al valore nominale per i titoli di natura obbligazionaria e a quello di mercato per 2

2 i titoli azionari Per tutti gli errori ed omissioni accertati direttamente dall'agente di cambio nonchè dalla Commissi, deve essere prodotta con la massima tempestività una segnalazi sostitutiva Le regole di compilazi delle segnalazioni sono orientate a strutturare i dati in maniera uniforme alle esigenze informative della Consob e non devono necessariamente condizionare la contabilità dell'agente di cambio che rimane legata ad autonome decisioni dell'intermedia In ogni caso, tutte le segnalazioni, anche se non assumono veste di situazioni contabili, devono essere raccordabili con le rilevazioni analitico-sistematiche dell'intermedia La significatività dei dati presupp che gli atti gestionali siano rilevati in modo puntuale Il modello di segnalazi è strutturato in un'unica matrice nella quale le informazioni sono raggruppate per tipo di servizio prestato (negoziazi, gesti, raccolta ordini) La matrice contiene anche altre informazioni che prescindono dalla suddetta classificazi Nel modello di segnalazi sono specificati gli attributi in base ai quali occorre ripartire i dati relativi a ciascuna voce e sottovoce Per la descrizi degli attributi e per ogni ultere chiarimento si rimanda sia al "Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Intermediari del Mercato iare" di cui alla circolare della Banca d'italia n 148 del e successivi aggiorti (con particolare riferimento al 9^ aggiorto del ), sia alle "Segnalazioni di vigilanza delle istituzioni creditizie e finanziarie Schemi di rilevazi e istruzioni per l'inoltro dei flussi normativi" di cui alla circolare della Banca d'italia n 154 del e successivi aggiorti (con particolare riferimento al 18^ aggiorto del ), sia al documento tecnico integrativo, contenente ulteri attributi qualificatori, predisposto dalla Consob SERVIZI DI NEGOZIAZIONE, GESTIONE E RACCOLTA ORDINI Per la descrizi delle voci relative alle informazioni concernenti i beni della clientela detenuti dagli agenti di cambio (voci , , , , , , , , , , , , , , , ) si rimanda al citato 9^ aggiorto del "Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Intermediari del Mercato iare" della Banca d'italia emesso il precisando che tali informazioni devono essere trasmesse, in sede di segnalazi, ad entrambe le Autorità di ollo Le restanti voci sono di seguito descritte SEGNALAZIONE NEGATIVA Voci: , , Le presenti voci dovranno essere utilizzate nell'eventualità che non vi sia nulla da segnalare in relazi ad uno o più servizi DISPONIBILITA' LIQUIDE E STRUMENTI FINANZIARI PROPRI Voci: , , , , , , , , , 3

3 , , , , Le presenti voci riguardano gli strumenti finanziari propri dell'agente di cambio per ciascun servizio e sono speculari alle medesime voci relative ai beni della clientela detenuti dagli agenti di cambio Per la descrizi si rimanda a quanto detto in relazi a queste ultime PARTITE IN TRANSITO Voci: , , , , , Nelle presenti voci deve essere indicato il controvalore dei titoli da ricevere/consegnare per operazioni per conto terzi da regolare Voci: , , , Nelle presenti voci deve essere indicato il controvalore dei titoli da ricevere/consegnare per operazioni per conto prop da regolare STRUMENTI FINANZIARI PIU' PRESENTI PER CONTROVALORE NEL PORTAFOGLIO DELLA CLIENTELA Voci: , , Nelle presenti voci deve essere indicata per ciascuno dei n 5 strumenti finanziari piu' presenti per controvalore nel portafoglio della clientela, la rispettiva quantità Voci: , , Nelle presenti voci deve essere indicato il controvalore degli strumenti finanziari piu' presenti nel portafoglio della clientela CREDITI E DEBITI DELL'AGENTE DI CAMBIO Voci: , , Nelle presenti voci devono essere indicati i debiti dell'agente di cambio verso clienti pers fisiche di importo infere ad 1 mili di lire o del corrispondente valore in euro Voci: , , Nelle presenti voci devono essere indicati i debiti dell'agente di cambio verso clienti pers fisiche di importo supere ad 1 mili di lire o del corrispondente valore in euro Voci: , , Nelle presenti voci devono essere indicati i crediti dell'agente di cambio verso clienti pers fisiche di importo infere ad 1 mili di lire o del corrispondente valore in euro 4

4 Voci: , , Nelle presenti voci devono essere indicati i crediti dell'agente di cambio verso clienti pers fisiche di importo supere ad 1 mili di lire o del corrispondente valore in euro Voci: , , Nelle presenti voci devono essere indicati i crediti inesigibili Voci: , , Nelle presenti voci devono essere indicati i debiti dell'agente di cambio verso clienti pers giuridiche di importo infere ad 1 mili di lire o del corrispondente valore in euro Voci: , , Nelle presenti voci devono essere indicati i debiti dell'agente di cambio verso clienti pers giuridiche di importo supere ad 1 mili di lire o del corrispondente valore in euro Voci: , , Nelle presenti voci devono essere indicati i crediti dell'agente di cambio verso clienti pers giuridiche di importo infere ad 1 mili di lire o del corrispondente valore in euro Voci: , , Nelle presenti voci devono essere indicati i crediti dell'agente di cambio verso clienti pers giuridiche di importo supere ad 1 mili di lire o del corrispondente valore in euro Voci: , , Nelle presenti voci devono essere indicati i crediti inesigibili ACQUISTI E VENDITE Voci: , , Nelle presenti voci deve essere indicato il controvalore totale degli acquisti effettuati dall'agente di cambio per conto terzi Voci: , , Nelle presenti voci deve essere indicato il controvalore totale delle vendite effettuate dall'agente di cambio per conto terzi Voci: , Nelle presenti voci deve essere indicato il controvalore totale degli acquisti effettuati dall'agente di cambio per conto prop 5

5 Voci: , Nelle presenti voci deve essere indicato il controvalore totale delle vendite effettuate dall'agente di cambio per conto prop CONTI MAGGIORMENTE MOVIMENTATI Voci: , , Nelle presenti voci deve essere indicato il controvalore degli acquisti effettuati dai primi 5 codici clienti che, per controvalore intermediato, presentano la maggiore movimentazi Voci: , , Nelle presenti voci deve essere indicato il numero delle operazioni in acquisto effettuate dai primi 5 codici clienti che, per controvalore intermediato, presentano la maggiore movimentazi Voci: , , Nelle presenti voci deve essere indicato il controvalore delle vendite effettuate dai primi 5 codici clienti che, per controvalore intermediato, presentano la maggiore movimentazi Voci: , , Nelle presenti voci deve essere indicato il numero delle operazioni in vendita effettuate dai primi 5 codici clienti che, per controvalore intermediato, presentano la maggiore movimentazi COMMISSIONI DELL'AGENTE DI CAMBIO Voci: , , Nelle presenti voci deve essere indicato il totale delle commissioni percepite nel trimestre dall'agente di cambio per servizio prestato OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO Voci: , Nelle presenti voci deve essere indicato il controvalore dei titoli presi/dati per operazioni di finanziamento per conto terzi Voci: , Nelle presenti voci deve essere indicato il numero dei soggetti da/a cui sono presi/dati i titoli oggetto di operazioni di finanziamento per conto terzi Voci: ,

6 Nelle presenti voci deve essere indicato l'importo del finanziamento rilasciato/ottenuto per conto terzi Voci: , Nelle presenti voci deve essere indicato il numero dei soggetti a/da cui è rilasciato/ottenuto il finanziamento Voci: , Nelle presenti voci deve essere indicato il controvalore dei titoli presi/dati per operazioni di finanziamento per conto prop Voci: , Nelle presenti voci deve essere indicato il numero dei soggetti da/a cui sono presi/dati i titoli oggetto di operazioni di finanziamento per conto prop Voci: , Nelle presenti voci deve essere indicato l'importo del finanziamento rilasciato/ottenuto per operazioni di finanziamento per conto prop Voci: , Nelle presenti voci deve essere indicato il numero dei soggetti a/da cui è rilasciato/ottenuto il finanziamento per conto prop ALTRI DATI ALTRI CONTI Voce: Nella presente voce devono essere indicate le commissioni percepite per altre attività esercitate dall'agente di cambio (es attività di consulenza) Voce: Nella presente voce devono essere indicate eventuali altre somme addebitate alla clientela Voce: Nella presente voce devono essere indicati i crediti consistenti in commissioni su attività prestate dall'agente di cambio (negoziazi, gesti, ecc) di cui al momento della segnalazi si conosce l'ammontare Voce: Nella presente voce devono essere indicate le commissioni passive dovute a terzi per il servizio di 7

7 custodia titoli dei clienti Voce: Nella presente voce devono essere indicate le eventuali altre commissioni passive pagate dall'agente di cambio e non comprese nelle voci precedenti Voce: Nella presente voce devono essere indicate eventuali altre somme accreditate alla clientela Voce: Nella presente voce devono essere indicati i debiti scaturenti da servizi ricevuti di cui al momento della segnalazi si conosce l'ammontare STRUTTURA DELLO STUDIO E COLLABORATORI DELL'AGENTE DI CAMBIO Voce: Nella presente voce deve essere indicato il numero dei promotori finanziari dipendenti di cui si avvale l'agente di cambio Voce: Nella presente voce deve essere indicato il numero dei promotori finanziari non dipendenti di cui si avvale l'agente di cambio Voce: Nella presente voce deve essere indicato il numero dei procuratori dipendenti Voce: Nella presente voce deve essere indicato il numero dei procuratori non dipendenti Voce: Nella presente voce deve essere indicato il numero degli altri dipendenti dell'agente di cambio Voce: Nella presente voce deve essere indicato il numero dei collaboratori dell'agente di cambio non dipendenti SEGUE IL DOCUMENTO TECNICO INTEGRATIVO E LA RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DELLA MATRICE 8

8 DOCUMENTO TECNICO INTEGRATIVO I seguenti attributi qualificatori sono stati introdotti dalla Consob, in aggiunta a quelli previsti dalla Banca d Italia, per la compilazi della segnalazi degli Agenti di Cambio: - (codice cliente): codice identificativo assegnato dall Agente di Cambio al E un campo alfanumerico (codice 951) di 8 byte - (posizi ordito): numero che identifica la posizi nell aggregato di riferimento E un campo numerico (codice 952) di 3 byte - M (indicatore di mità): segnalatore di più conti riferiti allo stesso cliente E un campo numerico (codice 953) di 1 byte che può assumere il valore: - assenza 0 - presenza 1 9

9 SIGNIFICATO ATTRIBUTI QUALIFICATORI: - :ai fini della classificazi va assunta la definizi vigente nell ambito della disciplina valutaria italiana - (categoria valori mobiliari): classificazi dei valori mobiliari oggetto di segnalazi - Emit (categoria emittenti): classificazi degli emittenti i valori mobiliari - (categoria controparte): classificazi delle controparti - : classificazi della categoria alla quale appartiene il soggetto depo - (indicatore di quotazi): classificazi dei valori mobiliari oggetto di segnalazi - d (vita residua): classificazi per scaglioni temporali - Merc (mercato di negoziazi): classificazi dei mercati in cui sono stati trattati i valori mobiliari oggetto di compravendita - i(tipologia operazi): classificazi delle diverse tipologie di operazi aventi ad oggetto valori mobiliari - ( codice cliente): codice identificativo assegnato dall agente di cambio al cliente - (posizi ordito): numero che identifica la posizi nell aggregato di riferimento - M(indicatore di mità): segnalatore di più conti riferiti allo stesso cliente - (codice ): codifica assegnata al valore mobiliare NBI valori ammessi e le convenzioni adottate nella presente documentazi sono contenuti nel manuale Banca d Italia Segnalazioni di vigilanza degli enti finanziari - Istruzioni per la produzi e l inoltro delle segnalazioni - TOMO III - schemi di rilevazi e sistema delle codifiche 10

10 d Merc i M segnalazi negativa 1 SEGNALAZIONE NEGATIVA SERVIZIO DI NEGOZIAZIONE segnalazi negativa servizio negoziazi DISPONIBILITA LIQUIDE E STRUMENTI FINANZIARI DELLA CLIENTELA strumenti finanziari di terzi presso l agente di cambio utilizzati per operazioni temporanee X X1 X1 X1 X altri strumenti finanziari di terzi presso l agente di cambio X X1 X1 X1 X strumenti finanziari di terzi presso terzi utilizzati per operazioni temporanee altri strumenti finanziari di terzi presso terzi disponibilità liquide di terzi transitoriamente presso l agente di cambio X X disponibilità liquide di terzi presso terzi rivenienti da operazioni temporanee X X1 X altre disponibilità liquide di terzi presso terzi X X1 X 11

11 d Merc i M numero di contratti in essere X DISPONIBILITA LIQUIDE E STRUMENTI FINANZIARI PROPRI strumenti finanziari propri presso lo studio utilizzati in operazioni temporanee X X1 X1 X1 X altri strumenti finanziari propri presso lo studio X X1 X1 X1 X strumenti finanziari propri presso terzi utilizzati in operazioni temporanee altri strumenti finanziari propri presso terzi disponibilità liquide proprie transitoriamente presso lo studio X X disponibilità liquide proprie presso terzi rivenienti da operazioni temporanee X X1 X altre disponibilità liquide proprie presso terzi X X1 X PARTITE IN TRANSITO titoli da ricevere per operazioni per conto terzi da regolare titoli da consegnare per operazioni per conto terzi da regolare 12

12 d Merc i M titoli da ricevere per operazioni per conto prop da regolare titoli da consegnare per operazioni per conto prop da regolare STRUMENTI FINANZIARI PIU PRESENTI PER CONTROVALORE NEL PORTAFOGLIO DELLA CLIENTELA Quantità strumenti finanziari più presenti nel portafoglio X X ovalore strumenti finanziari più presenti nel portafoglio X X CREDITI E DEBITI DELL AGENTE DI CAMBIO controvalore importi < 1 mili, o equivalente in EURO, dei debiti con clienti pers fisiche controvalore importi >= 1 mili, o equivalente in EURO, dei debiti con clienti pers fisiche controvalore importi < 1 mili, o equivalente in EURO, dei crediti con clienti pers fisiche controvalore importi >= 1 mili, o equivalente in EURO, dei crediti con clienti pers fisiche di cui crediti inesigibili 13

13 d Merc i M controvalore importi < 1 mili, o equivalente in EURO, dei debiti con clienti pers giuridiche controvalore importi >= 1 mili, o equivalente in EURO, dei debiti con clienti pers giuridiche controvalore importi < 1 mili, o equivalente in EURO, dei crediti con clienti pers giuridiche controvalore importi >= 1 mili, o equivalente in EURO, dei crediti con clienti pers giuridiche di cui crediti inesigibili ACQUISTI E VENDITE controvalore totale degli acquisti per conto terzi X1 X2 X controvalore totale delle vendite per conto terzi X1 X2 X controvalore totale degli acquisti per conto prop X1 X2 X controvalore totale delle vendite per conto prop X1 X2 X2 CONTI MAGGIORMENTE MOVIMENTATI controvalore in acquisto conti maggiormente movimentati X X X 14

14 d Merc i M numero operazioni in acquisto conti maggiormente movimentati X X X controvalore in vendita conti maggiormente movimentati X X X numero operazioni in vendita conti maggiormente movimentati X X X COMMISSIONI DELL AGENTE DI CAMBIO Commissioni per l attività di negoziazi X1 OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO controvalore dei titoli presi/dati per operazioni di finanziamento conto terzi numero soggetti da/a cui vengono presi/dati i titoli per operazioni di finanziamento conto terzi controvalore pagato/ricevuto per operazioni di finanziamento conto terzi numero soggetti a/da cui vengono date/ricevute LIRE, o equivalente in EURO, per operazioni di finanziamento conto terzi 15

15 d Merc i M controvalore dei titoli presi/dati per operazioni di finanziamento conto prop numero soggetti da/a cui vengono presi/dati i titoli per operazioni di finanziamento conto prop controvalore pagato/ricevuto per operazioni di finanziamento conto prop numero soggetti a/da cui vengono date/ricevute LIRE, o equivalente in EURO, per operazioni di finanziamento conto prop 16

16 d Merc i M SERVIZIO DI GESTIONE segnalazi negativa servizio gesti DISPONIBILITA LIQUIDE E STRUMENTI FINANZIARI DELLA CLIENTELA strumenti finanziari di terzi presso l agente di cambio utilizzati per operazioni temporanee X X1 X1 X1 X altri strumenti finanziari di terzi presso l agente di cambio X X1 X1 X1 X strumenti finanziari di terzi presso terzi utilizzati per operazioni temporanee altri strumenti finanziari di terzi presso terzi disponibilità liquide di terzi transitoriamente presso l agente di cambio X X disponibilità liquide di terzi presso terzi rivenienti da operazioni temporanee X X1 X altre disponibilità liquide di terzi presso terzi X X1 X numero di contratti in essere X 17

17 d Merc i M DISPONIBILITA LIQUIDE E STRUMENTI FINANZIARI PROPRI strumenti finanziari propri presso lo studio utilizzati per operazioni temporanee X X1 X1 X1 X altri strumenti finanziari propri presso lo studio X X1 X1 X1 X strumenti finanziari propri presso terzi utilizzati per operazioni temporanee altri strumenti finanziari propri presso terzi disponibilità liquide proprie transitoriamente presso lo studio X X disponibilità liquide proprie presso terzi rivenienti da operazioni temporanee X X1 X altre disponibilità liquide proprie presso terzi X X1 X PARTITE IN TRANSITO titoli da ricevere per operazioni per conto terzi da regolare titoli da consegnare per operazioni per conto terzi da regolare 18

18 d Merc i M titoli da ricevere per operazioni per conto prop da regolare titoli da consegnare per operazioni per conto prop da regolare STRUMENTI FINANZIARI PIU PRESENTI PER CONTROVALORE NEL PORTAFOGLIO DELLA CLIENTELA Quantità strumenti finanziari più presenti nel portafoglio X X ovalore strumenti finanziari più presenti nel portafoglio X X CREDITI E DEBITI DELL AGENTE DI CAMBIO controvalore importi < 1 mili, o equivalente in EURO, dei debiti con clienti pers fisiche controvalore importi >= 1 mili, o equivalente in EURO, dei debiti con clienti pers fisiche controvalore importi < 1 mili, o equivalente in EURO, dei crediti con clienti pers fisiche controvalore importi >= 1 mili, o equivalente in EURO, dei crediti con clienti pers fisiche di cui crediti inesigibili 19

19 d Merc i M controvalore importi < 1 mili, o equivalente in EURO, dei debiti con clienti pers giuridiche controvalore importi >= 1 mili, o equivalente in EURO, dei debiti con clienti pers giuridiche controvalore importi < 1 mili, o equivalente in EURO, dei crediti con clienti pers giuridiche controvalore importi >= 1 mili, o equivalente in EURO, dei crediti con clienti pers giuridiche di cui crediti inesigibili ACQUISTI E VENDITE controvalore totale degli acquisti per conto terzi X1 X2 X controvalore totale delle vendite per conto terzi X1 X2 X controvalore totale degli acquisti per conto prop X1 X2 X controvalore totale delle vendite per conto prop X1 X2 X2 CONTI MAGGIORMENTE MOVIMENTATI 20

20 d Merc i M controvalore in acquisto conti maggiormente movimentati X X X numero operazioni in acquisto conti maggiormente movimentati X X X controvalore in vendita conti maggiormente movimentati X X X numero operazioni in vendita conti maggiormente movimentati X X X COMMISSIONI DELL AGENTE DI CAMBIO Commissioni per l attività di gesti X1 OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO controvalore dei titoli presi/dati per operazioni di finanziamento conto terzi numero soggetti da/a cui vengono presi/dati i titoli per operazioni di finanziamento conto terzi controvalore pagato/ricevuto per operazioni di finanziamento conto terzi 21

21 d Merc i M numero soggetti a/da cui vengono date/ricevute LIRE, o equivalente in EURO, operazioni di finanziamento per conto terzi controvalore dei titoli presi/dati per operazioni di finanziamento conto prop numero soggetti da/a cui vengono presi/dati i titoli per operazioni di finanziamento conto prop controvalore pagato/ricevuto per operazioni di finanziamento conto prop numero soggetti a/da cui vengono date/ricevute LIRE, o equivalente in EURO, per operazioni di finanziamento conto prop 22

22 d Merc i M SERVIZIO DI RACCOLTA ORDINI segnalazi negativa servizio raccolta ordini DISPONIBILITA LIQUIDE E STRUMENTI FINANZIARI DELLA CLIENTELA strumenti finanziari di terzi presso l agente di cambio X X1 X1 X1 X strumenti finanziari di terzi presso terzi disponibilità liquide di terzi transitoriamente presso l agente di cambio X X disponibilità liquide di terzi presso terzi X X1 X numero di contratti in essere X PARTITE IN TRANSITO titoli da ricevere per operazioni da regolare titoli da consegnare per operazioni da regolare STRUMENTI FINANZIARI PIU PRESENTI PER CONTROVALORE NEL PORTAFOGLIO DELLA CLIENTELA 23

23 d Merc i M Quantità strumenti finanziari più presenti nel portafoglio X X ovalore strumenti finanziari più presenti nel portafoglio X X 24

24 d Merc i M CREDITI E DEBITI DELL AGENTE DI CAMBIO controvalore importi < 1 mili, o equivalente in EURO, dei debiti con clienti pers fisiche controvalore importi >= 1 mili, o equivalente in EURO, dei debiti con clienti pers fisiche controvalore importi < 1 mili, o equivalente in EURO, dei crediti con clienti pers fisiche controvalore importi >= 1 mili, o equivalente in EURO, dei crediti con clienti pers fisiche di cui crediti inesigibili controvalore importi < 1 mili, o equivalente in EURO, dei debiti con clienti pers giuridiche controvalore importi >= 1 mili, o equivalente in EURO, dei debiti con clienti pers giuridiche controvalore importi < 1 mili, o equivalente in EURO, dei crediti con clienti pers giuridiche 25

25 d Merc i M controvalore importi >= 1 mili, o equivalente in EURO, dei crediti con clienti pers giuridiche di cui crediti inesigibili ACQUISTI E VENDITE Importo delle attività di acquisto X1 X2 X Importo delle attività di vendita X1 X2 X2 CONTI MAGGIORMENTE MOVIMENTATI controvalore in acquisto conti maggiormente movimentati X X X numero operazioni in acquisto conti maggiormente movimentati X X X controvalore in vendita conti maggiormente movimentati X X X numero in vendita conti maggiormente movimentati X X X COMMISSIONI DELL AGENTE DI CAMBIO commissioni per l attività di raccolta ordini X1 26

26 d Merc i M ALTRI DATI ALTRI CONTI Commissioni per altre attività Altri proventi Crediti per servizi prestati X Commissioni passive per deposito titoli Commissioni passive per altri servizi ricevuti Altri ri Debiti per servizi ricevuti X1 STRUTTURA DELLO STUDIO E COLLABORATORI DELL AGENTE DI CAMBIO Numero promotori finanziari dipendenti Numero promotori finanziari non dipendenti Numero procuratori dell ufficio dipendenti 27

27 d Merc i M Numero procuratori dell ufficio non dipendenti Numero altri dipendenti Numero altri non dipendenti 28

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

MANUALE APPLICATIVO. Allegato

MANUALE APPLICATIVO. Allegato Allegato MANUALE APPLICATIVO Disposizioni in materia di raccolta di informazioni statistiche per la bilancia dei pagamenti e la posizione patrimoniale verso l estero 1 INDICE PREMESSA...7 PARTE PRIMA

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

1 di 8. Poste Italiane S.p.A. - Società con socio unico Patrimonio BancoPosta. Mifid Condizioni Generali Ed. Giugno 2015

1 di 8. Poste Italiane S.p.A. - Società con socio unico Patrimonio BancoPosta. Mifid Condizioni Generali Ed. Giugno 2015 CONDIZIONI GENERALI CHE REGOLANO IL CONTRATTO PER LA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO E DEL SERVIZIO DI CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI PER CONTO DEI CLIENTI

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DI CREDIO COOPERAIVO S.C. DEGLI OBBLIGAZIONISI 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Novembre 2014 eramo - 64100 - Via Savini, 1 el. 0861/ 25691 - Fax 0861/ 359919 DI CREDIO COOPERAIVO

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO Aggiornamento n. 13 di Aprile 2015 MMM00589 04/2015 Pag. 1 di 34 INDICE: PREMESSA... 3 INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA...

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Ministero Numero assegnato dal ORDINE DI ACCREDITAMENTO DI CONTABILITA SPECIALE SU IMPEGNO ESTREMI CLAUSOLA DI APERTURA IMPEGNO

Ministero Numero assegnato dal ORDINE DI ACCREDITAMENTO DI CONTABILITA SPECIALE SU IMPEGNO ESTREMI CLAUSOLA DI APERTURA IMPEGNO Ministero Numero assegnato dal Direzione Generale Ufficio Sistema ORDINE DI ACCREDITAMENTO DI CONTABILITA SPECIALE SU IMPEGNO ESTREMI CLAUSOLA DI APERTURA IMPEGNO Esercizio Ufficio N decreto N progressivo

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODGPFB.REGISTRO UFFICIALE(U).0004509.09-06-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione Direzione Generale per la Politica Finanziaria e per

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Corso Unità d'italia 11, Cantù (Co) - info@cracantu.it - www.cracantu.it Tel 031/719.111 - Fax 031/7377.800 - Swift ACARIT22XXX Cod.Fisc/P.Iva n.00196950133 - R.E.A. n.43395 Como ABI n.08430 - Albo delle

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Approvato con delibera del consiglio di amministrazione del 26 Novembre 2014 Indice

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione)

IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione) Roma, marzo 2006 BANCA D ITALIA Servizio Informazioni Sistema Creditizio INDICE PREMESSA 3 1. LE INFORMAZIONI

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A.

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A. Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA di Namirial S.p.A. Entrata in vigore degli obblighi di legge 2 Dal 6 giugno 2014 le

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. "BANCO POPOLARE Società Cooperativa

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. BANCO POPOLARE Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle Obbligazioni BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216 da emettersi nell ambito del programma di offerta e/o

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa La disciplina delle operazioni con parti

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 1 INDICE 1) ASPETTI GENERALI 2) CONTENUTO DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 2.1) OPERAZIONI 2.2) RAPPORTI 2.3) LEGAMI TRA SOGGETTI 3) CRITERI

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

DEPOSITO PIU - SEZIONE INTEGRATIVA DEL FOGLIO INFORMATIVO DEL SOTTOCONTO TECNICO Condizioni dei listini valide fino al 31 luglio 2015

DEPOSITO PIU - SEZIONE INTEGRATIVA DEL FOGLIO INFORMATIVO DEL SOTTOCONTO TECNICO Condizioni dei listini valide fino al 31 luglio 2015 DEPOSITO PIU - SEZIONE INTEGRATIVA DEL FOGLIO INFORMATIVO DEL SOTTOCONTO TECNICO Condizioni dei listini valide fino al 31 luglio 2015 LISTINO BASE 3 mesi Tasso nominale partita 0,25% lordo annuo 6 mesi

Dettagli