Il ministero della consolazione e il ruolo dei laici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il ministero della consolazione e il ruolo dei laici"

Transcript

1 CredOg 30 (3/2010) n. 177, A. Pangrazzi Il ministero della consolazione e il ruolo dei laici Una società umana è quella in cui accanto a ogni uomo che soffre c è un uomo che ama. La presenza del dolore invoca la risposta dell amore. La chiesa si fa prossima ai sofferenti attraverso la presenza di sacerdoti, religiosi e laici che si adoperano per interpretare e testimoniare lo spirito e le attitudini del buon samaritano, versando «l olio della consolazione e il vino della speranza» 1 sulle ferite di chi vive la stagione della malattia, della morte e del lutto. 1. Consolare gli afflitti Una delle sette opere di misericordia spirituale riguarda «la consolazione degli afflitti» («Beati gli afflitti, perché saranno consolati» [Mt 5,4]). Il dottor A. Murri ( ), noto medico presso la cattedra di Medicina di Bologna, ha sintetizzato con queste parole fatte poi scolpire all entrata di un reparto dell ospedale S. Giacomo a Roma il messaggio rivolto al malato, bisognoso di cure nelle istituzioni sanitarie: Vieni per essere guarito, se non guarito, almeno curato, se non curato, almeno consolato. Il messaggio è indirizzato non solo al malato, ma anche a tutti coloro che intendono alleviarne il dolore, in particolare gli operatori 1 Cf. Messale Romano, Conferenza episcopale italiana (= CEI), Roma , Prefazio comune VIII, p. 375.

2 94 CredOg n. 177 sanitari la cui missione è proprio di «guarire», «curare» e «consolare». Secondo un detto francese: Guarire qualche volta, curare spesso, consolare sempre. Il verbo «consolare» dal greco paraklesis significa incoraggiare, offrire conforto a chi è provato dalla sofferenza. Il consolatore offre il dono della propria presenza a chi è solo; in qualche modo porta un po di sole nella vita di chi sperimenta l oscurità, l incertezza, lo smarrimento, la solitudine, la paura, lo sconforto. Il ministero della consolazione è una risposta al vissuto di fragilità umana, che può essere di natura fisica, psichica, sociale e spirituale. I consolatori sono coloro che scelgono di farsi prossimi accanto alle diverse fragilità umane, vale a dire: le fragilità fisiche: gli infartuati, i disabili fisici e psichici, i traumatizzati, i malati di cancro, gli anziani, i dializzati, i colpiti da infermità croniche o terminali ; le fragilità psichiche: i depressi, gli instabili o affetti da disturbi dell umore, le persone in preda alle ossessioni, alle manie o alle compulsioni, gli schizofrenici, i paranoici ; le fragilità sociali: gli emarginati o i senza fissa dimora, i poveri, i dipendenti dall alcol e dalla droga, le persone sole o abbandonate ; le fragilità spirituali: le persone che sperimentano il senso di vuoto e di inutilità, chi rifiuta Dio o non lo conosce, chi ha smarrito la propria identità e i propri valori, chi frequenta le sette sataniche, chi è tormentato e schiavo dei sensi di colpa, chi si lascia travolgere dalla disperazione o cerca nel suicidio la liberazione dal dolore Il consolatore si fa prossimo alle diverse fragilità esistenziali, consapevole che ogni biografia è una storia a sé che invoca attenzione, accoglienza, rispetto e accompagnamento. L arte di aiutare poggia sulla convinzione che in ogni persona albergano un malato, fatto di limiti e di ferite, ma anche un medico, caratterizzato dalle sue risorse e potenzialità. Il compito del consolatore non è solo quello di accogliere i sentimenti, i disappunti e il turbamento dell interlocutore, ma anche quello di portarne alla luce le capacità di ripresa e guarigione, per metterle a servizio della spe-

3 CredOg n ranza e della vita. In questa prospettiva risuonano più che mai vere le parole di E. Jackson: Ciò che conta non sono le ferite della vita, ma ciò che fai con le ferite della vita. 2. Il Dio della consolazione Chi si adopera per consolare attinge ispirazione e forza a quel Dio che, in mille modi nel corso della storia, si è fatto prossimo all umanità ferita per confortarla, rafforzarla, guarirla. Nel cuore dell Antico e del Nuovo Testamento rimangono il volto e l azione di un Dio costantemente impegnato nel consolare il suo popolo. In ripetute occasioni, nell Antico Testamento, Dio interviene per salvare e consolare il suo popolo, talvolta a livello individuale, più spesso a livello comunitario. Il profeta Isaia, dinanzi alla fine dell esilio in Babilonia del popolo d Israele e del suo ritorno in Palestina, si rende portavoce del messaggio divino: Consolate, consolate il mio popolo, dice il vostro Dio. Parlate al cuore di Gerusalemme e gridatele che è finita la sua schiavitù (Is 40,1-2). La consolazione riguarda la liberazione dalla schiavitù, il ritorno alla terra dei propri padri, il recupero della speranza. Talvolta, Dio interviene per difendere persone singole, come Giobbe, che non si sente capito dagli amici, percepiti come consolatori molesti: La mia ira si è accesa contro di te e contro i tuoi due amici, perché non avete detto di me cose rette, come il mio servo Giobbe (Gb 42,7). Spostando l attenzione sul Nuovo Testamento, possiamo leggere l intera vita di Gesù come ministero di consolazione: Il Dio della perseveranza e della consolazione vi conceda di avere gli uni verso gli altri gli stessi sentimenti ad esempio di Cristo Gesù (Rm 15,5). I vangeli sono intrisi di episodi in cui Gesù si fa consolatore degli afflitti. Consola la vedova di Nain: «Ecco che veniva portato al sepolcro un morto, figlio unico di madre vedova; e molta gente della città era con lei. Vedendola, il Signore ne ebbe compassione e le disse: Non piangere!» (Lc 7,13); consola la donna sorpresa in adulterio

4 96 CredOg n. 177 e minacciata di essere lapidata: «Neanch io ti condanno; và e d ora in poi non peccare più» (Gv 8,11); si fa presente a Marta e Maria dinanzi alla morte di Lazzaro (cf. Gv 11,1-44); prima della dipartita dal mondo consola gli apostoli promettendo loro di non lasciarli orfani e assicura la venuta del Paraclito: «Io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Consolatore perché rimanga con voi per sempre» (Gv 14,16); al crocifisso pentito offre speranza: «In verità ti dico, oggi sarai con me nel paradiso» (Lc 23,43); dalla croce consola la Madre: «Donna, ecco il tuo Figlio!. Poi disse al discepolo: Ecco la tua Madre!. E da quel momento il discepolo la prese nella sua casa» (Gv 19,26-27). E il concilio Vaticano II sottolinea: Come Cristo percorreva tutte le città e i villaggi, sanando ogni malattia e infermità a dimostrazione dell avvento del regno di Dio, così anche la chiesa attraverso i suoi figli si unisce agli uomini di qualsiasi condizione, ma soprattutto ai poveri e ai sofferenti e si prodiga volentieri per loro. Essa infatti condivide le loro gioie e i loro dolori, conosce le aspirazioni e i misteri della vita, soffre con essi nell angoscia della morte (Ad gentes, n. 12). 3. La missione della consolazione Dio consola servendosi di consolatori: Sia benedetto Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo, Padre misericordioso e Dio di ogni consolazione, il quale ci consola in ogni nostra tribolazione perché possiamo anche noi consolare quelli che si trovano in qualsiasi genere di afflizione con la consolazione con cui siamo consolati noi stessi da Dio. Infatti, come abbondano le sofferenze di Cristo in noi, così, per mezzo di Cristo, abbonda anche la nostra consolazione (2Cor 1,3-5). Chi consola è innanzitutto una persona che ha sperimentato la consolazione; l esperienza di sentirsi amati e guariti da Dio, che opera misteriosamente nella storia di ogni creatura, si trasforma in chiamata a essere consolatori in suo nome. Per il cristiano praticare la solidarietà e prendersi cura del prossimo è un impegno che scaturisce dalla fede, una risposta coerente con i propri impegni battesimali e con la missione a essere «sale della terra» e «luce del mondo» (cf. Mt 5,13-16), amando «non a parole

5 CredOg n né con la lingua, ma coi fatti e nella verità» (1Gv 3,18), sull esempio di colui che «non è venuto per essere servito, ma per servire e dare la sua vita in riscatto per molti» (Mt 20,28). Gesù si è immedesimato con i bisognosi e ha indicato nel servizio reso a loro il criterio del giudizio finale: Perché ero forestiero e mi avete ospitato, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi (Mt 25,35-36). Benedetto XVI parlando dei «collaboratori» che svolgono il servizio della carità nella chiesa, li invita alla consapevolezza di essere strumenti nelle mani del Signore, chiamati a prestare il servizio nell umiltà, non in base a superiorità o all efficienza personale, senza la pretesa di trovare la soluzione a ogni problema e senza rimanere nell inerzia della rassegnazione 2. In diversi ambienti ecclesiali, va prendendo forma un ministero specifico, quello della consolazione, quale segno della prossimità ecclesiale accanto ai deboli e agli afflitti. Il vescovo di Taranto, B.L. Papa, ne delinea lo spirito: L istituzione del ministero della consolazione non va compresa come una forma di deresponsabilizzazione della comunità cristiana, ma al contrario come una forma pastoralmente opportuna per mantenere viva in essa una specifica forma di missionarietà, alimentare la speranza tra le persone che fanno sulla propria pelle esperienza drammatica della fragilità I ministeri laicali vanno compresi come carismi, riconosciuti come tali dall autorità della chiesa, la quale affida alle persone che posseggono questi doni determinate funzioni da svolgere nella comunità ecclesiale Identità e requisiti dei consolatori L obiettivo comune a tutto il popolo di Dio è l evangelizzazione da portare avanti in comunione di spirito,onorando i carismi e le competenze di ciascuno: 2 Benedetto XVI, Lettera enciclica Deus caritas est ( ), nn , in enc_ _deus-caritas-est_it.html ( ). 3 B.L. Papa, Il ministero della consolazione, Ed. Diocesi di Trento, Trento 2008, p. 28. Circa i ministeri laicali si veda il recente fascicolo monografico: Ministeri laicali, di «CredereOggi» n. 175 (1/2010).

6 98 CredOg n. 177 La comunione ecclesiale è caratterizzata dalla compresenza, dalla diversità e dalla complementarietà delle vocazioni e condizioni di vita, dei ministeri, dei carismi e delle responsabilità 4. I laici esercitano compiti specifici coadiuvando i sacerdoti nella cura delle anime e nella promozione del regno: Entro questa vasta area di concorde operosità, sia specificamente spirituale o religiosa, sia nella consecratio mundi, esiste un campo speciale, quello che riguarda il sacro ministero del clero, nell esercizio del quale possono essere chiamati a coadiuvare i fedeli laici, uomini e donne naturalmente, anche i membri degli istituti di vita consacrata e delle società di vita apostolica 5. L azione pastorale della chiesa sarà tanto più viva quanto più sono coinvolte le diverse categorie del popolo di Dio, dai professionisti ai volontari, con la valorizzazione in particolare del ruolo della donna, non solo auspicabile ma raccomandabile 6. La priorità iniziale consiste nell individuare i soggetti cui affidare il ministero della consolazione: È compito dei sacerdoti, sia di quelli che operano nelle istituzioni sanitarie in qualità di cappellani sia dei parroci e dei loro vicari, coinvolgere nella pastorale della salute i diaconi, i consacrati e le consacrate, i fedeli laici 7. Un sussidio della Consulta nazionale della CEI per la pastorale della sanità suggerisce alcuni orientamenti da tenere presenti nella scelta dei candidati: I candidati siano laici impegnati nella vita della chiesa, maturi dal punto di vista umano e morale, con attitudini per il dialogo e la relazione di aiuto e capaci di cooperare efficacemente con gli obiettivi della comunità ecclesiale. Inoltre, siano persone disposte a sottoporsi a un programma formativo per essere strumenti più efficaci nelle mani di Dio e abbiano sufficiente disponibilità di tempo per svolgere il loro servizio 8. 4 Giovanni Paolo II, Esortazione apostolica Christifideles laici,( ), n. 20, in Enchiridion Vaticanum (= EV; EDB, Bologna), vol. 11, Congregazione per il Clero e altre, Istruzione su alcune questioni circa la collaborazione dei fedeli laici al ministero dei sacerdoti ( ), in EV 16, CEI, Nota pastorale Predicate il vangelo e curate i malati. La comunità cristiana e la pastorale della salute, ( ), n. 58, in documenti_cei/ /06-26/notapastsalute06.doc ( ). 7 Ibid., n Consulta nazionale CEI per la pastorale della sanità, Sussidio Orientamenti per il volontariato pastorale nel mondo della salute, Ed. Camilliane, Torino 1995, n. 18, p. 13.

7 CredOg n In secondo luogo, non è sufficiente la disponibilità e la buona volontà per essere testimoni dello spirito del buon samaritano; è richiesto un percorso di formazione, per svolgere meglio la propria missione di evangelizzatori e consolatori. Anche la nota CEI sottolinea l importanza di una formazione adeguata degli operatori pastorali: Per essere lievito e fermento nel mondo della salute, i cristiani vanno resi idonei a svolgere con amore e competenza il loro apostolato, utilizzando le risorse formative offerte dagli istituti di pastorale sanitaria. La formazione non può limitarsi a rimediare all ignoranza cognitiva, ma deve puntare a far maturare atteggiamenti che tocchino tutte le dimensioni della persona. L operatore pastorale, infatti, è chiamato a crescere non solo a livello del sapere, ma anche a quello del saper essere e del saper fare 9. In terzo luogo, è di vitale importanza integrare, rafforzare e armonizzare le risorse pastorali a servizio del bene comune, così da manifestare una rinnovata presenza della chiesa accanto alle sue membra sofferenti: La comunione e la collaborazione non potranno essere efficacemente promosse senza il passaggio dall agire improvvisato alla progettualità e senza un coordinamento intelligente delle risorse presenti nella comunità: i ministri straordinari della comunione, gli operatori pastorali e sanitari, i volontari delle diverse associazioni, i familiari dei malati, i malati stessi 10. In sintesi, la pastorale della consolazione richiede laici maturi ed equilibrati dal punto di vista umano, radicati in una spiritualità che alimenti e ispiri il loro agire, plasmati attraverso contributi formativi che li rendano capaci di acquisire le competenze relazionali ed emotive, per accompagnare le persone provate dalla sofferenza del corpo, della mente o dello spirito. 5. Il luoghi della consolazione I laici, guidati dello Spirito, in collaborazione con i sacerdoti e quali membri della chiesa diventano interpreti e testimoni della civiltà dell amore: 9 CEI, Predicate il vangelo e curate i malati, cit., n Ibid., n. 59.

8 100 CredOg n. 177 Per mezzo dei laici la chiesa di Cristo è resa presente nei più svariati settori del mondo, come segno e fonte di speranza e di amore 11. La parrocchia, dopo la famiglia, è il primo luogo in cui incarnare la prossimità: La parrocchia è il luogo in cui si nasce, si vive, ci si ammala, si muore. Non c è famiglia che non viva una difficoltà, una malattia, un lutto, la vecchiaia. Il dolore costruisce la comunità parrocchiale quando diventa il luogo in cui, con rispettosa prossimità, la parrocchia si fa presente 12. La chiesa, madre di tutti, non confina la sua attenzione ai praticanti, ma è chiamata ad ascoltare e a servire i non credenti e a passare da una pastorale del campanile alla pastorale dei campanelli 13. La testimonianza dei laici abbraccia una varietà di contesti segnati dalla fragilità umana, tra cui le istituzioni ospedaliere, i centri di riabilitazione per disabili, tossicodipendenti o alcolisti, le case per anziani, i reparti per malati mentali, cronici e terminali, la visita e l assistenza dei malati a domicilio, i centri di ascolto e di accoglienza, il supporto ai carcerati malati, le camere mortuarie, il cimitero. Ogni ambito presenta le sue sfide e richiede, da parte dei laici, la capacità di leggerne le opportunità e le provocazioni per incidere più efficacemente nel vissuto dei protagonisti, vale a dire i malati, i familiari e gli operatori sanitari. Le modalità di presenza del laico risultano molto diversificate ed includono: la testimonianza del singolo, sia a livello professionale che pastorale; l appartenenza a un gruppo o a un associazione di ispirazione cattolica (ad esempio, la Caritas, le associazioni di malati o di familiari, il volontariato sociale o ospedaliero, i gruppi vincenziani, i membri di un associazione professionale cattolica ); l impegno parrocchiale (ad esempio, diaconi, ministri straordinari della comunione, catechisti...); 11 Giovanni Paolo II, Christifideles laici, n. 7, in EV 11, Caritas italiana, Partire dai poveri per costruire comunità, EDB, Bologna 2006, p Ibid., p. 64.

9 CredOg n l inserimento in una struttura di comunione o di animazione della pastorale della salute (ad esempio, le consulte diocesane della sanità, la cappellania ospedaliera, il consiglio pastorale parrocchiale o ospedaliero ). Nei diversi ambiti di presenza, i laici annunciano la dimensione comunitaria della speranza e della carità: Una comunità ove uomini scaldati dal fuoco del vangelo e membri di una comunità umana e umanizzante si chineranno su altri uomini, vedendo in essi non astratti e anonimi casi clinici, bensì fratelli da curare e da confortare nel corpo e nell anima I contenuti della consolazione Il laico, annunciatore del vangelo, interpreta lo spirito della misericordia attraverso una varietà di ruoli che può assumere, a seconda del mandato e delle necessità di luoghi e circostanze: ruolo simbolico, quale rappresentante di Dio e della chiesa; ruolo di mediazione e di ponte tra i bisogni dei sofferenti e i presbiteri; ruolo di sensibilizzazione, per stimolare le comunità ecclesiali a un maggior impegno e assistenza delle persone malate; ruolo catechetico, educando i sofferenti a trasformare le avversità in opportunità di fecondità spirituale; ruolo di animazione sia liturgico che nei diversi organismi pastorali che operano all interno delle istituzioni; ruolo di educatore, per promuovere l approfondimento dei problemi attinenti l etica, la pastorale della salute e l umanizzazione dei luoghi di cura; ruolo sacramentale, per favorire l incontro del malato con Dio attraverso la grazia sacramentale. A livello sacramentale, la citata istruzione interdicasteriale suggerisce il ruolo prezioso dei ministri straordinari dell eucaristia nel 14 Conferenza dei vescovi cattolici del Canada, Per una nuova speranza nel Cristo: una visuale cristiana della malattia e della guarigione, in «Anime e corpi» 121 (1985)

10 102 CredOg n. 177 recare il conforto di questo sacramento ai malati 15. Inoltre, il laico non ordinato coadiuva l azione del presbitero preparando il malato, la famiglia e l ambiente sanitario a ricevere il sacramento della riconciliazione e dell unzione dei malati creando le disposizioni interiori favorevoli per l accoglienza della grazia di Dio 16. La stessa istruzione indica che qualora non fossero presenti i presbiteri o i diaconi per presiedere ai riti funebri, i laici non ordinati possono presiedere alle esequie, seguendo le appropriate indicazioni liturgiche o dottrinali. Oltre all ambito liturgico, altre modalità attraverso cui i laici offrono il ministero della consolazione riguardano la sfera umana e spirituale. A livello umano è importante che i rappresentanti della chiesa siano capaci di relazioni sananti, coltivando il «farmaco» dell ascolto e spiccate attitudini per l accoglienza, nel rispetto della diversità delle persone, in un mondo sempre più multietnico e multireligioso. Il vangelo della prossimità si trasmette sapendo comprendere e accompagnare gli interlocutori, riconoscendone il protagonismo, la dignità e la centralità. Atteggiamenti relazionali da evitare riguardano il pietismo («Povero te»; «Sei veramente sfortunato» ), il paternalismo («Non preoccuparti, tutto andrà bene»; «Affidati al Signore e tutto si risolverà» ), facili cliché («Dio manda la sofferenza alle persone che ama di più»; «È la volontà di Dio»; «Prega, se vuoi guarire» ), il moralismo («Ognuno raccoglie quello che semina»; «Ognuno ha quel che si merita» ), i paragoni inopportuni («Non lamentarti, pensa a chi soffre più di te»; «Quello che hai tu non è niente, in paragone a quello che sto soffrendo io» ). Il ministero della consolazione si testimonia attraverso il dono della presenza, vestita di sensibilità e calore umano. Essere presenti, talvolta anche nel silenzio e nell impotenza in particolare accanto alle persone provate da lutti, a chi è confuso, in coma o depresso facendo proprio l atteggiamento di Maria che, ai piedi della croce, è modello di prossimità, dignità e amore. Essere presenti attraverso la gestualità (una stretta di mano, una carezza, un sorriso, un abbraccio ) che può dire più di mille parole. Oggi tante persone, 15 Congregazione per il Clero e altre, Istruzione circa la collaborazione dei fedeli laici, cit., n. 8, in EV 16, Ibid., n. 9, in EV 16,

11 CredOg n in particolare gli anziani e le persone sole, hanno più bisogno di gesti di vicinanza, che non di parole astratte o di facili consigli. Essere presenti attraverso parole sananti, che scaturiscono dal cuore e versano «l olio della consolazione» sulle piaghe di chi si trova a vivere il venerdì santo, contribuendo a lenirne il dolore e ad aprire alla speranza. A livello spirituale, i laici offrono consolazione sapendo valorizzare il contributo che i sofferenti offrono ai sani, attraverso il loro modo di vivere la sofferenza e testimoniare la fede. Giovanni Paolo II, nei suoi molteplici messaggi, ha sottolineato spesso il valore dei malati quali evangelizzatori dei sani. Inoltre, il conforto spirituale si trasmette attraverso la preghiera che non è solo la condivisione di orazioni (Padre nostro, Ave Maria ), ma accoglienza della storia, delle preoccupazioni, delle paure e delle speranze del malato, per portarle a Dio nella preghiera. Conforto spirituale è riflettere insieme sugli interrogativi sollevati dalla sofferenza, cercare un senso nello smarrimento, nella perdita di certezze e di progetti per riappropriarsi di una nuova visione del mondo e delle cose e scoprire la misteriosa azione di Dio nelle prove. Conforto spirituale è aprirsi al mistero senza pretendere risposte nitide e logiche ai propri interrogativi, confidare nella presenza e nella provvidenza di Dio e imparare a con-vivere con le domande fiduciosi che, poco a poco, con il diradarsi delle nebbie si profili l orizzonte. La pastorale del laico è farsi compagno di viaggio nei diversi getsemani e pellegrinaggi delle persone, per testimoniare la presenza di Dio, la vicinanza della chiesa, il calore umano. La sua presenza simbolica, vestita di umanità, può far sì che, come suggerisce Benedetto XVI, «il soffrire sia luogo di apprendimento della speranza» 17. Arnaldo pangrazzi docente di Pastorale sanitaria e di Formazione pastorale clinica presso l Istituto internazionale «Camillianum» di Roma 17 Benedetto XVI, Lettera enciclica Spe salvi ( ), nn , in vatican.va/holy_father/benedict_xvi/encyclicals/documents/hf_ben-xvi_enc_ _ spe-salvi_it.html ( ).

12 104 CredOg n. 177 Sommario «Consolare gli afflitti» è una delle tradizionali opere di misericordia che ogni cristiano è tenuto a compiere. Oggi si comprende meglio come il ministero della consolazione è una risposta al vissuto di fragilità umana, che può essere di natura fisica, psichica, sociale e spirituale. Tale risposta è ispirata per il credente dal modo con cui Dio stesso si è avvicinato all umanità, facendosi chiamare Dio della consolazione e mostrandosi nella persona di Gesù come colui che guarisce e dona speranza a chi soffre. Dall esempio di Gesù scaturisce quindi la missione della consolazione, delineata anche da vari documenti del magistero ecclesiastico, che illustrano l identità e i ruoli dei consolatori, nonché i modi e i luoghi dove esercitare questo ministero sempre più necessario nel nuovo contesto sociale. NOTA BIBLIOGRAFICA L autore ha scritto numerose opere e sussidi sulla pastorale sanitaria, tra cui ricordiamo Creatività al servizio del malato, Ed. Camilliane, Torino 1995; Il lutto: un viaggio dentro la vita, Ed. Camilliane, Torino 1991; Perché proprio me?, Paoline, Milano 1995; Sii un girasole accanto ai salici piangenti, Ed. Camilliane, Torino 1999; Il gruppo: luogo e crescita, Ed. Camilliane, Torino 2000; Aiutami a dire addio, Erikson, Trento 2002; Far bene il bene, Ed. Camilliane, Torino 2005; Vivere il tramonto: paure, bisogni e speranze dinanzi alla morte, Erikson, Trento Si vedano, poi, anche le molte voci da lui curate in G. Cinà - E. Locci - C. Rocchetta - L. Sandrin (edd.), Dizionario di teologia pastorale sanitaria, Ed. Camilliane, Torino (a cura della redazione)

Diocesi di Rieti. La Pastorale della Salute

Diocesi di Rieti. La Pastorale della Salute Diocesi di Rieti La Pastorale della Salute Che cos è la Pastorale della Salute? Con Pastorale si intende l azione multiforme della comunità cristiana dentro le concrete situazioni della vita. La Pastorale

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Arcidiocesi di Pesaro. Giubileo Straordinario della Misericordia

Arcidiocesi di Pesaro. Giubileo Straordinario della Misericordia Arcidiocesi di Pesaro Giubileo Straordinario della Misericordia Vogliamo vivere questo Anno Giubilare alla luce della Parola del Signore: Misericordiosi come il Padre. Misericordia è la via che unisce

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Depressione e speranza cristiana Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Premessa Il mio punto di vista non sarà certo quello del medico, dello psicanalista, o del sociologo. (gli interventi)

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI 5 febbraio S. AGATA, VERGINE E MARTIRE Patrona principale della città di Capua PREGHIERE: dal comune delle Vergini Al Dio tre volte santo, rivolgiamo

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo

Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo Roma, 15 giugno 2013 p. Pasquale Castrilli OMI Schema 1. La Missione in Italia oggi 2. Il Centro d ascolto (CDA) strumento di annuncio 3. Icone bibliche

Dettagli

La Parrocchia Gesù Maestro. Celebra l anno della Vita Consacrata 2015-2016

La Parrocchia Gesù Maestro. Celebra l anno della Vita Consacrata 2015-2016 La Parrocchia Gesù Maestro Celebra l anno della Vita Consacrata 2015-2016 Carissimi la Chiesa, dallo scorso novembre, celebra l Anno della Vita Consacrata e invita tutti noi a riscoprire la vocazione di

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Omelia per la Festa di s. Camillo de Lellis Venezia, 14 luglio 2007

Omelia per la Festa di s. Camillo de Lellis Venezia, 14 luglio 2007 Omelia per la Festa di s. Camillo de Lellis Venezia, 14 luglio 2007 Celebriamo l Eucaristia nel giorno in cui la Chiesa tutta fa memoria e rende grazie al Signore per la persona e l opera di san Camillo

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

I LAICI: QUALE MISSIONE?

I LAICI: QUALE MISSIONE? Adérito Gomes Barbosa, scj I LAICI: QUALE MISSIONE? 1. I laici nella storia della Chiesa Nei tempi apostolici, i ministeri di base erano: il servizio della parola (profeti, evangelizzatori e dottori);

Dettagli

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE RITI DI INTRODUZIONE DELLA CHIESA STAZIONALE 1. Quando il popolo si è riunito nella Chiesa stazionale il Vescovo saluta la comunità: Nel nome del Padre e del

Dettagli

Comunità dei discepoli che credono (12-13 anni)

Comunità dei discepoli che credono (12-13 anni) Comunità dei discepoli che credono (12-13 anni) Consegna del Credo OBIETTIVI PRINCIPALI - I ragazzi sono aiutati con la loro testa e la loro vita a scoprire il volto del nostro Dio che è Padre, Figlio

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

Il Leader: discepolo di Gesù

Il Leader: discepolo di Gesù Il Leader: discepolo di Gesù Introduzione La dimensione del discepolato è essenziale nella vita cristiana, del battezzato e nel ministero di leader. Chi vuole annunciare il vangelo non può farlo se prima

Dettagli

GIUBILEO DELLA MISERICORDIA

GIUBILEO DELLA MISERICORDIA GIUBILEO DELLA MISERICORDIA INIZIO DELL ANNO GIUBILARE NELLE COMUNITÀ PARROCCHIALI 13 dicembre 2015 Terza Domenica di Avvento 1 Nella terza domenica di Avvento, detta Gaudete, in ogni chiesa cattedrale

Dettagli

IL FUOCO E LE FONDAMENTA, LA VIA PER VEDERE GESÙ

IL FUOCO E LE FONDAMENTA, LA VIA PER VEDERE GESÙ IL FUOCO E LE FONDAMENTA, LA VIA PER VEDERE GESÙ Il fuoco che scalda 57. Celebrare insieme l Eucaristia come festa di tutta la comunità e nutrimento per il cammino, imparare a vivere la comunione e la

Dettagli

INCONTRO DI FORMAZIONE NUOVI DIRETTORI DIOCESANI DELLA PASTORALE MISSIONARIA (Centri Missionari Diocesani e Pontificie Opere Missionarie) Roma, 16 18 18 giugno 2009 Dal Vangelo secondo Matteo (28,19-20)

Dettagli

SAN TOMMASO DEI BATIUTI

SAN TOMMASO DEI BATIUTI rr;;;:.-~ J/(::il. 10 ~m. "'~"'. TO O H "NT U. CAPPELLANIA OSPEDALE SAN TOMMASO DEI BATIUTI PORTOGRUARO 19 Settelnbre Benedizione Cappella 2014 San Giovanni Paolo II BENEDIZIONE DELL'ACQUA E ASPERSIONE

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana

Conferenza Episcopale Italiana Conferenza Episcopale Italiana Servizio per la promozione del sostegno economico alla Chiesa cattolica Coordinamento e formazione Rete diocesana - Il senso del sovvenire e la sua promozione. - Stefano

Dettagli

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Per voi sono Vescovo con Voi sono cristiano (S. Agostino) Parti della Lettera Prima Parte: CHIESA di LUCCA

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE Parrocchia S. Biagio in Ravenna Anni: 2014-2015 e 2015-2016 PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione

Dettagli

I luoghi e i linguaggi della relazione di cura

I luoghi e i linguaggi della relazione di cura A.C.O.S. Regione Lazio U.C.F.I. sezione di Roma I luoghi e i linguaggi della relazione di cura Nobile Collegio Chimico Farmaceutico, Roma, 26 Ottobre 2013. I luoghi e i linguaggi della relazione di cura

Dettagli

(1822) (1843) (1889) (1916)

(1822) (1843) (1889) (1916) Una chiamata per tutti La consapevolezza che il Vangelo è un dono da condividere con il mondo intero e che la missione riguarda tutti, nessuno escluso, è all origine delle Pontificie Opere Missionarie

Dettagli

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte:

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte: Sant Allucio 2015 «Beato l uomo che trova grande gioia nei tuoi comandamenti» perché i comandamenti del Signore sono gioia, perché il comando del Signore è amare e la gioia più grande di ogni cuore è proprio

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

pastorale della salute diocesi di brescia

pastorale della salute diocesi di brescia pastorale della salute diocesi di brescia PROGRAMMAZIONE 2009/2010 Un solo pane, un unico corpo FORMAZIONE E SPIRITUALITÀ Formazione pastorale nelle comunità parrocchiali, gruppi, associazioni Se un membro

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

Animazione alla testimonianza. comunitaria della Carità CORSO DI FORMAZONE DI BASE PER OPERATORI CARITAS 2012-2013

Animazione alla testimonianza. comunitaria della Carità CORSO DI FORMAZONE DI BASE PER OPERATORI CARITAS 2012-2013 CORSO DI FORMAZONE DI BASE PER OPERATORI CARITAS 2012-2013 Animazione alla testimonianza comunitaria della Carità Mimmo Iannascoli Resp. Formazione Caritas Diocesi di Caserta Cosa: ciò di cui andremo ad

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti

Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti 0. I Riferimenti teologico-pastorali Rito dell Iniziazione cristiana degli Adulti (RICA), LEV 1978 Consiglio Episcopale permanente della CEI, Nota pastorale.

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

2) In quanto Assistente Religioso sei: 27 (sacerdote diocesano) 8 (sacerdote religioso) 15 (diacono) # (religioso) 10 (religiosa)

2) In quanto Assistente Religioso sei: 27 (sacerdote diocesano) 8 (sacerdote religioso) 15 (diacono) # (religioso) 10 (religiosa) 1. PARTE ANAGRAFICA 1) In ospedale, come Assistente Religioso, sei da solo? 22 (si) 37 (no) 2) In quanto Assistente Religioso sei: 27 (sacerdote diocesano) 8 (sacerdote religioso) 15 (diacono) # (religioso)

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI Giornata di preghiera per il Bicentenario della Diocesi 1816-2016 Giubileo della Misericordia Domenica 25 ottobre 2015 PREMESSA In vista dell apertura del Bicentenario della

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

Ivan Raimondi Ufficio Pastorale Salute Caritas Diocesi di Torino

Ivan Raimondi Ufficio Pastorale Salute Caritas Diocesi di Torino L Azione pastorale della Chiesa in Sofferenza mentale e comunità cristiana Ivan Raimondi Ufficio Pastorale Salute Caritas Diocesi di Torino Se con pastorale intendiamo l azione multiforme della comunità

Dettagli

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Dio e il dolore Può Dio soffrire? Particolare risalto nell imminenza del Pasqua. Un vero problema

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo. Lectio Divina (1 Pt.

CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo. Lectio Divina (1 Pt. CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo Lectio Divina (1 Pt.2,1-5; 3,15) Vocazione e missione della comunità cristiana: il cammino degli

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

I. Celebrazione del battesimo

I. Celebrazione del battesimo I. Celebrazione del battesimo Obiettivi Siamo al momento culminante della prima fase della pastorale pre e post battesimale. Dopo il cammino che ha coinvolto i genitori e ha interessato la comunità cristiana,

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

UDIENZA CON IL SANTO PADRE PAPA FRANCESCO IN OCCASIONE DEL 110 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELL UNITALSI

UDIENZA CON IL SANTO PADRE PAPA FRANCESCO IN OCCASIONE DEL 110 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELL UNITALSI CITTA DEL VATICANO, 9 NOVEMBRE 2013 UDIENZA CON IL SANTO PADRE PAPA FRANCESCO IN OCCASIONE DEL 110 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELL UNITALSI Nell aula Paolo VI sono presenti 6.500 persone provenienti

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

Illustri Autorità, Professori e Alunni,

Illustri Autorità, Professori e Alunni, Roma, 11 novembre 2010 Inaugurazione anno accademico Celebrazione eucaristica Omelia di monsignor Fernando Filoni Sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato Vaticano Illustri Autorità,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

IL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE COSA È?

IL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE COSA È? IL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE COSA È? Delineare l identità del Consiglio Pastorale Parrocchiale significa parlare della nuova visione della Chiesa presentata dal Concilio come comunità profetica,

Dettagli

Oggi... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim

Oggi... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim Oggi...... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim entra a far parte della famiglia di Dio Mamma.. Papà.. La Madrina... Il Padrino... Insieme al parroco l... accompagnano verso la conoscenza

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

IN ATTESA DEL DONO DELLO SPIRITO SANTO

IN ATTESA DEL DONO DELLO SPIRITO SANTO Parrocchia della B.V. del Carmine Udine IN ATTESA DEL DONO DELLO SPIRITO SANTO Incontro di riflessione e preghiera VENERDÌ 23 MAGGIO 2014 PRESENTAZIONE DELL INCONTRO Ci troviamo insieme stasera per prepararci

Dettagli

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro 1. INTRODUZIONE La parrocchia si pone l'obiettivo di costruire una comunità nella quale ogni cristiano si impegni a: 1. conoscere meglio Cristo

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO NEGLI STATI UNITI D AMERICA E IN CANADA

La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO NEGLI STATI UNITI D AMERICA E IN CANADA La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO NEGLI STATI UNITI D AMERICA E IN CANADA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AI DIRIGENTI DELL ASSOCIAZIONE CATTOLICA PER L ASSISTENZA SANITARIA «Convention Centre» (Phoenix)

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

In cammino verso il Sinodo: Il Buon Samaritano della famiglia

In cammino verso il Sinodo: Il Buon Samaritano della famiglia INCONTRO DI PREGHIERA IN VISTA DEL SINODO DEI VESCOVI SULLA FAMIGLIA "Le sfide pastorali della famiglia nel contesto dell'evangelizzazione" Vaticano, 5-19 Ottobre 2014 5 settembre2014, Triangia In cammino

Dettagli

LA PERSONA SENZA DIMORA. UN PERCORSO DI INCLUSIONE SOCIALE

LA PERSONA SENZA DIMORA. UN PERCORSO DI INCLUSIONE SOCIALE LA PERSONA SENZA DIMORA. UN PERCORSO DI INCLUSIONE SOCIALE CASA ACCOGLIENZA IL SAMARITANO Nasce a ottobre 2006 Opera Segno della Diocesi di Verona, data in gestione alla Caritas Diocesana OBIETTIVO: accoglienza

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

La Santa Sede MESSAGGIO DEL SANTO PADRE FRANCESCO PER LA QUARESIMA 2015. Rinfrancate i vostri cuori (Gc 5,8)

La Santa Sede MESSAGGIO DEL SANTO PADRE FRANCESCO PER LA QUARESIMA 2015. Rinfrancate i vostri cuori (Gc 5,8) La Santa Sede MESSAGGIO DEL SANTO PADRE FRANCESCO PER LA QUARESIMA 2015 Rinfrancate i vostri cuori (Gc 5,8) Cari fratelli e sorelle, la Quaresima è un tempo di rinnovamento per la Chiesa, le comunità e

Dettagli

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989 La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I Domenica, 17 dicembre 1989 Alla popolazione del quartiere Una visita ad un quartiere difficile quella che compie

Dettagli

CINQUANTANOVESIMO INSEGNAMENTO LA MISSIONE NELLA NOSTRA SOCIETA MODERNA

CINQUANTANOVESIMO INSEGNAMENTO LA MISSIONE NELLA NOSTRA SOCIETA MODERNA 281 LA MISSIONE NELLA NOSTRA SOCIETA MODERNA 300. In attesa di qualcuno che porti il Vangelo Non é un di più interrogarci sulla focalizzazione del nostro apostolato: se il cammino che abbiamo seguito finora

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli