WeeklyNews. 16 giugno 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "WeeklyNews. 16 giugno 2015"

Transcript

1 WeeklyNews A cura della Direzione Advisory di Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni 16 giugno 2015 Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni, è leader tra le società italiane specializzate nelle attività di private banking. Quotata alla Borsa Italiana dal 1991, fa parte del Gruppo Bancario Veneto Banca. Banca Intermobiliare ha 14 miliardi di euro di patrimoni amministrati e gestiti, circa 900 dipendenti ed è presente nelle principali città italiane con 29 filiali e 200 Private Bankers con esperienza pluriennale nell'ambito della consulenza finanziaria. Banca Intermobiliare controlla, tra l altro, Symphonia sgr - società leader in Italia nella gestione di portafoglio - e Banca IPIBI Financial Advisory S.p.A.

2 Il Punto Il nervosismo sulla Grecia è salito ulteriormente, ma le probabilità restano a favore di una qualche forma di accordo le condizioni economiche restano a supporto dei mercati azionari Dopo un rialzo di quasi sei anni sui mercati core e con buona parte delle Borse decisamente ben valutate sui fondamentali le prospettive dell azionario dipendono sostanzialmente da tre variabili: - l andamento dell economia; - l evoluzione dei tassi di interesse; - e, soprattutto nel breve termine, le questioni geopolitiche. Con riferimento al primo punto, giunti a questa fase del ciclo diventa fondamentale che la crescita economica sia sufficiente a garantire un adeguato sviluppo degli utili, dato che a questi livelli valutativi non vi è spazio per una ulteriore significativa espansione dei multipli. A questo proposito, le indicazioni delle ultime settimane hanno fornito segnali di miglioramento dall economia americana dopo i deboli dati della prima parte dell anno, sono giunte conferme sulla ripresa europea, mentre grazie al forte sostegno di policy l economia cinese dovrebbe mantenersi sul target di espansione del 7%. Ai fini dell evoluzione dei tassi di interesse, è però opportuno che economia e inflazione (la crescita nominale) non siano troppo forti. Infatti, è naturale che nella fase iniziale il rialzo dei rendimenti apporti volatilità, ma in assenza di un surriscaldamento eccessivo dell economia l aumento dei tassi dovrebbe essere sufficientemente graduale da consentire alle Borse la prosecuzione del trend al rialzo. Su questo fronte uno snodo importante sarà il FOMC di domani dove la Yellen dovrebbe fornire maggiori indicazioni sulle prossime mosse di politica monetaria: escludendo nei prossimi mesi sorprese particolarmente negative dall economia, la FED dovrebbe procedere all avvio del rialzo dei tassi entro la fine dell anno, anche allo scopo di non perdere di credibilità, salvo poi proseguire con estrema cautela nei rialzi successivi, complice un livello di crescita nominale inferiore rispetto a quello dei cicli del passato. Se nel medio periodo acquistano particolare rilevanza le prospettive dell economia e l evoluzione dei tassi, sul breve termine è notevole l influenza delle questioni geopolitiche ed in questa fase l attenzione è ovviamente tutta rivolta alla crisi greca. Per quanto l ipotesi Grexit non si possa escludere a priori ed anzi i rischi al riguardo sembrano cresciuti negli ultimi giorni, riteniamo che le maggiori probabilità restino ampiamente a favore di una qualche forma di intesa. Per una questione negoziale l ipotesi Grexit deve essere minacciata dai creditori, restiamo però dell idea che questi ultimi, pur di evitare un uscita della Grecia dall area Euro, siano disposti ad un compromesso di bassa qualità al fine di posporre il problema. Andavano in questa direzione le indiscrezioni della scorsa settimana, secondo cui la Merkel sarebbe disposta a dare un via libera parziale agli aiuti in cambio dell impegno del Governo greco anche soltanto su una riforma, e sono sempre su questa lunghezza d onda le ultime voci secondo cui le scadenze nei confronti del FMI potrebbero essere ulteriormente allungate con lo scopo di guadagnare 2

3 tempo. Resta il fatto che prima di accettare questa ipotesi si proverà a trovare un intesa di più ampio respiro e con interventi più strutturali. Questo tipo di soluzione, che sarebbe sicuramente preferibile, sembra però sempre più lontana: come abbiamo già indicato la settimana scorsa, le difficoltà risiedono nella favorevole posizione negoziale di Tsipras che non è disponibile a fare concessioni avendo ben presente che l Europa non è disposta a contemplare l ipotesi Grexit. In uno scenario di questo tipo, che vede il Governo greco tirare la corda sino all ultimo e con l Europa costretta ad effettuare concessioni, i negoziati rischiano di non trovare uno sbocco concreto e non si può neppure escludere che si arriverebbe al mancato rispetto della scadenza con il FMI del prossimo 30 giugno. Se già la fase del ciclo poteva determinare una crescente volatilità, la crisi greca ha contribuito ad alimentare ulteriormente il nervosismo dei mercati. Tuttavia, sposando lo scenario di una qualche forma di accordo sulla Grecia, sul fronte economico permangono le condizioni per essere costruttivi sui mercati azionari, con particolare riguardo proprio all Europa. Nell ambito di quest ultima il rapporto rischio-rendimento migliore arriverebbe poi dalla periferia: - in termini relativi l economia dovrebbe registrare un miglioramento maggiore; - l ancora elevato premio per il rischio (destinato a scendere) dovrebbe assorbire meglio l impatto del rialzo dei tassi. 3

4 Quadro macro Dati consuntivi Data Paese Evento Periodo Dato Consuntivo Atteso Precedente Mer. 10 Francia Produzione industriale Aprile M/M -0,9% 0,4% 0,0% " " Produzione industriale Aprile A/A -0,1% 1,0% 1,8% " Italia Produzione industriale Aprile M/M -0,3% 0,3% 0,5% " " Produzione industriale Aprile A/A 0,1% 1,0% 1,4% " Regno Unito Produzione industriale Aprile M/M 0,4% 0,1% 0,6% " " Produzione industriale Aprile A/A 1,2% 0,6% 1,1% " Usa MBA richieste mutui 05-giu Settimanale 8,4% - -1,6% Gio. 11 Francia Indice prezzi al consumo Maggio M/M 0,2% 0,2% 0,1% " " Indice prezzi al consumo Maggio A/A 0,3% 0,3% 0,1% " " Indice prezzi al consumo armonizzati UE Maggio M/M 0,2% 0,2% 0,1% " " Indice prezzi al consumo armonizzati UE Maggio A/A 0,3% 0,3% 0,1% " Usa Nuove richieste sussidi di disoccupazione 06-giu Migliaia " " Richieste continue sussidi di disoccupazione 30-mag Migliaia " " Vendite al dettaglio Maggio M/M 1,2% 1,2% 0,2% " " Vendite al dettaglio ex auto Maggio M/M 1,0% 0,8% 0,1% " " Vendite al dettaglio ex auto e carburanti Maggio M/M 0,7% 0,5% 0,2% " " Indice prezzi all'importazione Maggio M/M 1,3% 0,9% -0,2% " " Indice prezzi all'importazione Maggio A/A -9,6% -10,0% -10,5% " " Scorte societarie Aprile M/M 0,4% 0,2% 0,1% Ven. 12 Area Euro Produzione industriale Aprile M/M 0,1% 0,4% -0,4% " " Produzione industriale Aprile A/A 0,8% 1,1% 2,1% " Usa Indice prezzi alla produzione Maggio M/M 0,5% 0,4% -0,4% " " Indice prezzi alla produzione Maggio A/A -1,1% -1,1% -1,3% " " Prezzi alla produzione ex alimentari e energia Maggio M/M 0,1% 0,1% -0,2% " " Prezzi alla produzione ex alimentari e energia Maggio A/A 0,6% 0,7% 0,8% " " Fiducia consumatori Università del Michigan Giugno Indice 94,6 91,2 90,7 Lun. 15 Italia Indice prezzi al consumo armonizzati UE (finale) Maggio A/A 0,2% 0,2% 0,2% " Usa Indice manifatturiero Fed di New York Giugno Indice -1,98 6,00 3,09 " " Produzione industriale Maggio M/M -0,2% 0,2% -0,5% " " NAHB indice edilizia abitativa Giugno Indice Mar. 16 Germania Indice prezzi al consumo (finale) Maggio M/M 0,1% 0,1% 0,1% " " Indice prezzi al consumo (finale) Maggio A/A 0,7% 0,7% 0,7% " " Indice prezzi al consumo armonizzati UE (finale) Maggio M/M 0,1% 0,1% 0,1% " " Indice prezzi al consumo armonizzati UE (finale) Maggio A/A 0,7% 0,7% 0,7% " Regno Unito Indice prezzi al consumo Maggio M/M 0,2% 0,2% 0,2% " " Indice prezzi al consumo Maggio A/A 0,1% 0,1% -0,1% " Germania ZEW condizioni correnti Giugno Indice 62,9 63,0 65,7 " " ZEW aspettative Giugno Indice 31,5 37,3 41,9 " Usa Nuovi cantieri Maggio Migliaia " " Nuovi cantieri Maggio M/M -11,1% -4,0% 22,1% " " Permessi edilizi Maggio Migliaia " " Permessi edilizi Maggio M/M 11,8% -3,5% 9,8% 4

5 Quadro macro Dati previsionali Data Paese Evento Periodo Dato Atteso Preced. Mer. 17 Area Euro Indice prezzi al consumo Maggio M/M 0,2% 0,2% " " Indice prezzi al consumo (finale) Maggio A/A 0,3% 0,3% " " Indice prezzi al consumo core (finale) Maggio A/A 0,9% 0,9% " Usa MBA richieste mutui 12-giu Settimanale - 8,4% " " FOMC - Tassi 0,00-0,25% 0,00-0,25% Gio. 18 Usa Nuove richieste sussidi di disoccupazione 13-giu Migliaia " " Richieste continue sussidi di disoccupazione 06-giu Migliaia " " Indice prezzi al consumo Maggio M/M 0,5% 0,1% " " Indice prezzi al consumo Maggio A/A 0,1% -0,2% " " Indice prezzi al consumo ex alimentari e energia Maggio M/M 0,2% 0,3% " " Indice prezzi al consumo ex alimentari e energia Maggio A/A 1,8% 1,8% " " Indice della Fed di Philadelphia Giugno Indice 8,0 6,7 " " Indice anticipatore Maggio M/M 0,4% 0,7% Ven. 19 Germania Indice prezzi alla produzione Maggio M/M 0,2% 0,1% " " Indice prezzi alla produzione Maggio A/A -1,1% -1,5% 5

6 Europa In calo la produzione industriale in Italia e Francia, ma senza indicazioni negative per il trend di fondo In calo lo ZEW, su cui pesa la questione greca Dopo il dato positivo della Germania, ad aprile la produzione industriale degli altri paesi ha deluso le aspettative. Il dato relativo all intera area Euro ha fatto segnare un rialzo mensile dello 0,1% (atteso +0,4%), con un contributo negativo dei beni di consumi non durevoli e del settore energia (più che altro legato agli effetti climatici) controbilanciato dall aumento della produzione di beni durevoli e semilavorati. I dettagli del dato, comunque, confermano un trend sottostante positivo, sostenuto dall aumento dei salari reali grazie al calo delle materie prime. A livello di singoli paesi la produzione industriale francese è stata fortemente penalizzata dal settore energetico e dalla raffinazione, che hanno provocato un calo del comparto manifatturiero dell 1% m/m e uno dello 0,9% m/m per il dato complessivo. Escludendo effetti transitori, comunque, il settore industriale francese sembra essersi messo il peggio alle spalle. Negativa anche la produzione industriale italiana, in calo a sorpresa dello 0,3% mese su mese dopo il buon andamento dei febbraio e marzo; anno su anno la variazione è tornata vicina allo zero (+0,1%), dal +1,4% di marzo. Hanno pesato soprattutto i cali nel tessile e nel farmaceutico, con quest ultimo settore che ha probabilmente ritracciato parte dei forti guadagni (transitori) del mese precedente. La buona intonazione degli indici PMI, sostenuti da Euro e petrolio deboli, offre indicazioni positive sul futuro prossimo dell industria italiana. In linea con le attese il movimento dei prezzi al consumo francesi a maggio, in rialzo a +0,3% a/a dal +0,1% a/a di aprile sia sulla misura nazionale che su quella armonizzata UE. Il rialzo è naturalmente dovuto al rimbalzo del petrolio. In calo a giugno per il terzo mese consecutivo l indice ZEW tedesco (fiducia investitori), con la componente aspettative che è scesa di oltre 10 punti a 31,5 (atteso 37,3) ritornando ai livelli di fine Sul morale del campione intervistato pesano soprattutto le incertezze sulla questione greca. In calo, ma sostanzialmente in linea con le attese, la componente condizioni correnti, che scende di quasi 3 punti a 62,9. 6

7 Stati Uniti Le nuove richieste di nuovi sussidi di disoccupazione si sono mantenute stabili (279 mila) nella prima settimana di giugno, confermando il trend migliorativo del mercato del lavoro americano. Consumi in aumento, vendite al dettaglio positive a maggio Produzione industriale in leggero calo, buoni segnali invece dal settore immobiliare Maggio positivo per i consumi, con le vendite al dettaglio che hanno fatto segnare un rialzo mensile dell 1,2% e una revisione positiva dei dati di marzo e aprile di 6 decimi in totale (soprattutto il dato di marzo, rivisto di 4 decimi, con revisione positiva quindi anche del Pil 1Q). Agli incrementi di vendite di auto, registrati anche a maggio (+2%), si è affiancata una ripresa nei consumi di altri beni come arredamento, materiali da costruzione e abbigliamento. Il dato sui consumi di maggio conferma l accelerazione dell economia Usa nel secondo trimestre. Il continuo miglioramento del mercato del lavoro, unito ai risparmi sulla benzina, ha iniziato a trasmettersi alle intenzioni di spesa dei consumatori americani. Prezzi alla produzione in aumento a maggio, +0,5% mese su mese, spinti dal rialzo dei prezzi petroliferi. Il dato core è salito dello 0,1% m/m, con la misura annuale in calo di due decimi a +0,6%: non ci sono segnali di pressioni inflazionistiche sul lato produttivo. La produzione industriale ha fatto segnare un calo dello 0,2% mese su mese a maggio, con una revisione negativa di due decimi a -0,5% del dato di aprile. Il settore è ancora penalizzato da due fattori, calo dell attività nel mondo petrolifero e dollaro forte, i cui effetti dovrebbero comunque scemare nei prossimi mesi, sospinti anche da una domanda interna che rimane brillante. Indici di sentiment. Indicazioni deludenti dalle prime indagini regionali di giugno sul settore manifatturiero, con l indice della Fed di New York che è sceso a -2 dal +3 di maggio e contro attese di aumento a 6. L indice di fiducia dei consumatori rilevato dall Università del Michigan è salito di quasi 4 punti a giugno a 94,2, dando indicazioni positive per il futuro andamento dei consumi. Settore immobiliare. Indicazioni complessivamente positive dai dati di maggio. I nuovi cantieri sono scesi più delle attese (-11% m/m), ma ritracciando solo in parte il balzo (+22%) del mese prima. In forte rialzo invece la richiesta di permessi edilizi, +12% m/m a quasi 1,3 mln (in parte per motivi transitori), con la media a 3 mesi che si attesta ai massimi dal Forte rimbalzo anche per l indice di fiducia dei costruttori (NAHB), che sale di 5 punti a giugno a 59, sui massimi del

8 Mercati azionari Continua ad essere debole il quadro tecnico di breve, che riflette le incertezze sulla Grecia e la delicata fase sui tassi soprattutto in Europa, le condizioni economiche e valutative restano di supporto Commento Debole il mercato USA con l indice S&P500 che ha perso terreno portandosi a ridosso dei minimi degli ultimi mesi. La media mobile a 200 giorni transita nella vicina area Si appesantisce ulteriormente il quadro tecnico in Europa con i principali indici che hanno amplificato i ribassi fino a registrare nuovi minimi relativi. Le incertezze sulla crisi greca e la delicata fase sui tassi di interesse hanno aumentato in modo significativo la P/E 2015 P/E 2016 volatilità dei mercati azionari. S&P Resta il fatto che le condizioni economiche sono ancora di supporto STOXX ai mercati azionari, soprattutto in DAX Europa dove il momentum CAC dell economia è più favorevole, il FTSE MIB ciclo della politica monetaria meno FTSE avanzato ed il premio per il rischio più elevato. In questo senso, con le opportune TOPIX HANG SENG considerazioni sulla componente TAIWAN TAIEX rischio, il profilo di rischiorendimento più attraente potrebbe KOSPI risiedere nella periferia. SHANGHAI COMP S&P SE SENSEX Grafico del S&P500 8

9 Mercati obbligazionari Commento Segni di contagio dalla Grecia ai titoli di Stato dei Paesi Periferici Mercato focalizzato su Eurogruppo e FOMC Il mercato dei titoli di Stato Europeo continua ad essere estremamente volatile in una settimana senza dati macroeconomici decisivi in Europa (la produzione industriale di aprile è risultata inferiore alle attese ma potenzialmente distorta dal settore energetico) ma più uniformemente positivi negli USA (in particolare le vendite al dettaglio) ma con molto rumore di fondo provocato da un flusso continuo di notizie sui negoziati tra Grecia e Troika. In questo contesto il rendimento del Bund decennale ha chiuso la settimana scorsa agli stessi livelli della settimana precedente intorno a 0,85% ma spingendosi in settimana in diverse occasioni sopra l 1%. La notizia che i negoziati a livello di Commissione Europea durante il weekend sono terminati senza un accordo con il Governo greco e che la questione sarà rimandata all Eurogruppo che si riunisce giovedì sta spingendo i tassi sui titoli di Stato tedeschi verso lo 0,80% e vi sono più chiari segnali di contagio sui titoli di Stato dei Paesi periferici, dove lo spread tra rendimento del BTP e Bund decennali ha superato 150 bp. I titoli di Stato USA continuano a sovraperformare quelli dell Area Euro in attesa del FOMC di mercoledì, che dovrebbe dare il via libera per il primo rialzo dei tassi americani in settembre. Mentre non sono attese sostanziali novità dalle guidance o dalla conferenza stampa della Governatrice Yellen, l attenzione dei mercati sarà concentrata sulle variazioni nell outlook macroeconomico (prevista una riduzione della stima di crescita del PIL per il 2015) e delle stime centrali sull andamento dei tassi futuro (i dots), dove uno spostamento dei dots verso il 2016 ridurrebbe sensibilmente la probabilità di avere due rialzi dei tassi entro il 2015 e la velocità della stretta monetaria nel Grafico del Bund 9

10 Commodities Commento La decisione dell OPEC penalizza il petrolio Le quotazioni del petrolio sono relativamente stabili da inizio mese ed anche la scorsa settimana hanno continuato a muoversi in uno stretto range (intorno a 64 US$/barile per il brent ed a 60 US$ per il WTI). I dati dell EIA confermano che il ribilanciamento del mercato dal lato dell offerta procede lentamente, con la produzione OPEC che in maggio ha toccato un nuovo record a 31,3 milioni di barili al giorno, mentre i dati settimanali sugli USA indicano un nuovo aumento della produzione americana. L aumento dell offerta sta tuttavia venendo compensato dalla forza della domanda e le scorte settimanali USA di greggio continuano a calare dal picco di fine aprile. Per contro vi è la possibilità i crack spread molto elevati, che incoraggiano l attività di raffinazione, stiano favorendo uno spostamento dell eccesso di scorte dal greggio ai raffinati, che creerebbe rischi al ribasso per il petrolio in autunno con la fine dal periodo di domanda stagionalmente forte e altre raffinerie previste tornare alla piena operatività. Il rally dei metalli industriali guidato dal rame in inizio settimana, sull aspettativa di nuove iniziative di policy espansive in Cina, è venuto meno con l intensificarsi dell avversione al rischio sui mercati finanziari negli ultimi giorni. Una certa domanda di safe heaven è comparsa sull oro, anche se è frenata dall andamento dei tassi d interesse. Deboli le commodities agricole dopo la pubblicazione del report WASDE del Dipartimento USA all agricoltura, la cui lettura è stata particolarmente negativa per il mais ed il frumento. La debolezza del BRL continua a pesare sullo zucchero, sceso ai minimi degli ultimi 5 anni. Grafico del Future sul Wti 10

11 Mercati valutari valutari Commento In attesa del FOMC, il dollaro perde contro euro La Banca Centrale russa taglia ancora una volta i tassi In attesa della decisione del FOMC di domani, il dollaro$ sta leggermente perdendo terreno sul dato, peggiore delle attese, sulla produzione industriale USA. Lo stretto trading range di questi giorni contro euro, potrebbe trovare sfogo nelle parole della Yellen che dovrebbe fornire nuove informazioni sul timing del rialzo dei tassi, sul sentiero di risalita e sull eventuale target. Alla riunione del prossimo 18 giugno, le attese sono per una Banca Nazionale svizzera neutrale. La BNS dovrebbe lasciare la fascia obiettivo per il Libor a tre mesi invariata tra il -1.25% e -0.25% e il tasso di interesse sui depositi presso la BNS a -0.75%. La BNS, tuttavia, potrebbe evidenziare l'elevato livello di incertezza che prevale in Europa e ribadire la sua disponibilità ad ulteriori misure espansive per prevenire un apprezzamento del franco. Anche i membri della Banca Centrale norvegese si riuniranno giovedì prossimo. Sebbene le condizioni economiche del Paese non sembrino necessitare di un aggiustamento al ribasso dei tassi, l attesa è per un taglio dello 0.25%, coerentemente con le indicazioni date a inizio anno dalla Banca centrale norvegese. La Banca centrale russa, come atteso, ieri ha tagliato il suo tasso di interesse di riferimento portandolo a 11.5%. La Banca centrale, da inizio anno, ad ogni sua riunione di politica monetaria ha tagliato il suo tasso di riferimento ma secondo il Governatore Elvira Nabiullina, ulteriori tagli in futuro potrebbero non essere possibili visto il livello raggiunto dall inflazione (15.8% a maggio, quasi quattro volte il target della CBR). Grafico del cross Euro/Dollaro 11

12 Internal dealing Variazione soglie rilevanti DICHIARANTE SOCIETÀ PARTECIPATA % SITUAZIONE PRECEDENTE Francesco Gaetano Caltagirone Vianini Lavori 72,379% 71,518% al 18/05/2015 Jacopo Meneguzzo Mid Industry 10,517% 6,977% al 08/08/2014 Mid Industry Mid Industry 0,405% 6,629% al 14/02/2013 Oppenheimerfunds Diasorin 4,801% 6,206% al 11/05/2015 People Bank's of China Terna 2,005% Ubs Ag Azimut 1,854% 2,081% al 28/05/2015 Ubs Ag Salini Impregilo 1,996% 2,232% al 27/05/2015 Operazioni effettuate dal management SOCIETA PERIODO OPERAZIONE DICHIARANTE QUALIFICA N.AZIONI PREZZO MEDIO IMPORTO Banca Generali Giugno Vendita Stefano Grassi Banca Montepaschi Banco Popolare Giugno Giugno Acquisto diritti Acquisto Ferragamo Giugno Vendita Luxottica Giugno Acquisto Sorin Giugno Vendita Txt E Solutions Giugno Acquisto Ubi Banca Giugno Acquisto Ubi Banca Giugno Acquisto Roberto Isolani Fabio Ravanelli Massimo Barzaghi Sandro Veronesi Stephane Bessette Alvise Braga Illa Pierpaolo Camadini Armando Santus Direttore finanziario , Vicepresidente , Consigliere , Dirigente , Consigliere , Dirigente , Presidente , Consigliere , Vicepresidente Consiglio di Sorveglianza ,

13 Operazioni effettuate dagli azionisti principali SOCIETA PERIODO OPERAZIONE AZIONISTA N.AZIONI PREZZO MEDIO IMPORTO Mid Industry Maggio Acquisto First Capital , Mondo Tv Giugno Acquisto Orlando Corradi , Vianini Lavori Giugno Acquisto Francesco Gaetano Caltagirone ,

14 Agenda dell Azionista Società Operazioni societarie in corso Tempistica Aedes ha preso il via l aumento di capitale. Le nuove azioni con abbinati warrant saranno offerte al prezzo unitario di 0,46 euro, nel rapporto di 8 nuove azioni ogni 1 azione posseduta Diritti d opzione: negoziabili fino al 19 giugno esercitabili fino al 25 giugno B. Carige ha preso il via l aumento di capitale da 3 mld di euro. Le nuove azioni saranno offerte al prezzo unitario di 1,17 euro, nel rapporto di 7 nuove azioni ogni 1 azione posseduta Diritti d opzione: negoziabili fino al 19 giugno esercitabili fino al 25 giugno I Grandi Viaggi ha preso il via l aumento di capitale da 20 mln di euro. Le nuove azioni saranno offerte al prezzo unitario di 0,462 euro, nel rapporto di 10 nuove azioni ogni 1 azione posseduta Diritti d opzione: negoziabili fino al 29 giugno esercitabili fino al 3 luglio Società Operazioni societarie annunciate Tempistica Intek Group è stata proposta la conversione obbligatoria alla pari delle azioni di risparmio in azioni ordinarie con riconoscimento di un conguaglio in denaro pari a 0,20 euro per ciascuna azione di risparmio oggetto di conversione. Il diritto di recesso è stato fissato a 0,6025 euro per azione seconda metà dell anno Unipol è diventata efficace la conversione obbligatoria delle azioni privilegiate in azioni ordinarie sulla base del seguente rapporto di conversione: 1 azione ordinaria per 1 azione privilegiata senza pagamento di alcun conguaglio la conversione si perfezionerà dopo la data di stacco del dividendo (22 giugno) UnipolSai è diventata efficace la conversione obbligatoria di tutte le azioni di risparmio in circolazione in azioni ordinarie secondo un rapporto di conversione che prevede: 100 azioni ordinarie per ciascuna azione di risparmio A, senza pagamento di alcun conguaglio; 1 azione ordinaria per ciascuna azione di risparmio B, senza pagamento di alcun conguaglio la conversione si perfezionerà dopo la data di stacco del dividendo (22 giugno) A cura della Direzione Advisory di BIM, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni 13

15 Yoox dopo la fusione con Net-A-Porter verrà effettuato un aumento di capitale da 200 mln di euro - Società OPA in corso Tempistica Vianini Lavori il gruppo Caltagirone (72% di Vianini Lavori), attraverso la FGC, ha lanciato un OPA volontaria sulla società a 6,8 euro per azione finalizzata al delisting fino al 3 luglio Società OPA annunciate Tempistica Ansaldo Sts Finmeccanica ha venduto il 40% della controllata Ansaldo Sts, ai giapponesi di Hitachi al prezzo di 9,65 euro per azione. Verrà quindi lanciata un'opa sul flottante di Ansaldo successivamente alla chiusura dell'operazione entro fine anno Pirelli verrà lanciata un'opa obbligatoria a 15 euro (post stacco dividendi) sulle azioni ordinarie e un Opa volontaria sulle azioni risparmio, sempre a 15 euro (post stacco dividendi), quest ultima condizionata al raggiungimento di una soglia di adesione del 30% entro l estate Seat Pagine Gialle nell ambito della complessa operazione che porterà alla fusione con Italiaonline, il passaggio della quota di controllo di Seat Pagine Gialle determinerà il lancio di un'opa obbligatoria al prezzo di 0,0039 euro per azione entro il terzo trimestre World Duty Free a seguito dell acquisizione del 50,1% della società da parte di Dufry, verrà lanciata un Opa sul flottante al prezzo di 10,25 euro per azione entro il terzo trimestre A cura della Direzione Advisory di BIM, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni 14

16 WeeklyNews Legenda INDICE IFO Indice di fiducia delle imprese tedesche, misurato tramite un indagine presso circa aziende. INDICE ZEW INDICI PMI FIDUCIA ECONOMICA INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO (CPI) Indice di fiducia delle imprese tedesche, misurato tramite un indagine presso esperti economici. Indice dei direttori degli acquisti. È un indice misurato tramite un indagine presso i direttori degli acquisti delle aziende. Convenzionalmente, una misura sopra 50 indica espansione. Indice di fiducia elaborato dalla Commissione Europea, costruito tramite il contributo della fiducia delle imprese industriali (40%), imprese di servizi (30%), fiducia dei consumatori (20%), imprese di costruzione (5%) e imprese commerciali (5%). Indice dei prezzi con riferimento a un paniere di beni rappresentativo del consumo di un consumatore medio. INDICE DEI PREZZI ALLA PRODUZIONE (PPI) Indice dei prezzi di un paniere di beni utilizzati dalle imprese produttive. INDICE ISM Indice elaborato tramite questionari ai direttori degli acquisti delle aziende. CHICAGO PMI Indice elaborato tramite questionari ai direttori degli acquisti delle aziende della zona di Chicago. Un valore sopra 50 indica espansione. PHILADELPHIA FED INDEX Indice di fiducia delle imprese di New Jersey, Pennsylvania e Delaware. Una misura sopra 0 indica crescita del business. NEW YORK EMPIRE MANUFACTURING INDEX Indice di fiducia delle imprese dell'area di New York. Una misura sopra 0 indica espansione. PIL USA Variazione del Pil trimestre su trimestre annualizzata e corretta per la stagionalità. NON FARM PAYROLLS Numero di nuove buste paga dei settori non agricoli. Dato misurato dal Dipartimento del lavoro tramite indagine su attività economiche. TASSO DI DISOCCUPAZIONE ADP EMPLOYMENT CHANGE DOVISH e HAWKISH BIAS FOMC Viene misurata dal Dipartimento del lavoro tramite indagine presso le famiglie, motivo per cui il messaggio del dato può differire rispetto a quello dei Non Farm Payrolls. Numero di nuove buste paga nei settori non agricoli privati. Dato misurato dall'adp (Automatic Data Processing, una società Usa di outsourcing) tramite un'indagine su attività economiche. Una Banca Centrale è indicata come dovish quando l orientamento (bias) della sua linea di politica monetaria è tendenzialmente espansivo, come hawkish quando è restrittivo, come neutrale quando non ha un orientamento preciso. Federal Open Market Committee, comitato della Federal Reserve che prende decisioni in materia di politica monetaria

17 WeeklyNews Informazioni importanti Le informazioni e i dati contenuti nel presente documento hanno finalità promozionale e non sono da intendersi come ricerca in materia di investimenti ai sensi degli artt del Regolamento della Banca d Italia e della Consob (cd Regolamento Congiunto) né mira a fornire raccomandazioni di cui agli artt. 69 e seguenti del Regolamento 11971/99 e successive modifiche. Il documento non fornisce raccomandazioni personalizzate riguardo a una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Le informazioni contenute non costituiscono proposta di vendita o invito ad operare e non si rivolgono ad alcun soggetto specifico. Le informazioni sono state elaborate da Banca Intermobiliare sulla base di fonti ritenute attendibili ma della cui accuratezza e completezza Banca Intermobiliare non può essere ritenuta responsabile. Le informazioni fornite sono valide esclusivamente con riferimento alla data nella quale sono state prodotte. Occorre pertanto verificare le informazioni prima di agire in seguito alle stesse. BIM declina ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite dirette o indirette derivanti dall'utilizzo delle informazioni contenute nei documenti. Le informazioni devono essere usate soltanto per scopi informativi privati del lettore e non costituiscono un analisi di tutte le questioni trattabili. Prima di effettuare qualsiasi operazione, l investitore dovrà considerare la rilevanza delle informazioni ai fini delle proprie decisioni, alla luce dei propri obiettivi di investimento, della propria esperienza, delle proprie risorse finanziarie e operative e di qualsiasi altra circostanza. È consentito scaricare sul proprio computer i report o le informazioni in esso contenute e stamparne copia esclusivamente per uso personale e non commerciale, a condizione che non siano alterate le avvertenze relative a marchi commerciali o altri diritti proprietari. E vietato trasferire, trascrivere, distribuire o riprodurre le informazioni o creare un link al sito senza il preventivo accordo di Banca Intermobiliare S.p.a. Ogni forma di alterazione, parziale o integrale, è da ritenersi vietata. Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.a. Sede generale: via Gramsci 7, Torino. Tel Capitale sociale : Euro ,00 Numero di iscrizione al Registro Imprese di Torino: C.C.I.A.A. di Torino n. REA Codice Azienda Bancaria n e Albo Banche n. 5319; Adesione al Fondo Nazionale di Garanzia e al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi; Appartenenza al Gruppo Bancario Veneto Banca (iscritto all Albo dei gruppi bancari in data 08/06/1992 cod. n ) e soggetta ad attività di direzione e coordinamento di Veneto Banca S.c.p.a. CONTATTI PER LA STAMPA: Per approfondimenti, analisi e interviste con i nostri esperti scrivere a:

WeeklyNews. 22 settembre 2015

WeeklyNews. 22 settembre 2015 WeeklyNews A cura della Direzione Advisory di Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni 22 settembre 2015 Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni, è leader tra le società italiane

Dettagli

WeeklyNews. 15 settembre 2015

WeeklyNews. 15 settembre 2015 WeeklyNews A cura della Direzione Advisory di Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni 15 settembre 2015 Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni, è leader tra le società italiane

Dettagli

WeeklyNews. 29 settembre 2015

WeeklyNews. 29 settembre 2015 WeeklyNews A cura della Direzione Advisory di Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni 29 settembre 2015 Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni, è leader tra le società italiane

Dettagli

WeeklyNews. 10 marzo 2015

WeeklyNews. 10 marzo 2015 WeeklyNews A cura della Direzione Advisory di Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni 10 marzo 2015 Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni, è leader tra le società italiane specializzate

Dettagli

WeeklyNews. 1 settembre 2015

WeeklyNews. 1 settembre 2015 WeeklyNews A cura della Direzione Advisory di Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni 1 settembre 2015 Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni, è leader tra le società italiane

Dettagli

WeeklyNews. 11 agosto 2015

WeeklyNews. 11 agosto 2015 WeeklyNews A cura della Direzione Advisory di Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni 11 agosto 2015 Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni, è leader tra le società italiane

Dettagli

WeeklyNews. 15 dicembre 2015

WeeklyNews. 15 dicembre 2015 WeeklyNews A cura della Direzione Advisory di Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni 15 dicembre 2015 Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni, è leader tra le società italiane

Dettagli

WeeklyNews. 7 aprile 2015

WeeklyNews. 7 aprile 2015 WeeklyNews A cura della Direzione Advisory di Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni 7 aprile 2015 Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni, è leader tra le società italiane specializzate

Dettagli

WeeklyNews. 26 maggio 2015

WeeklyNews. 26 maggio 2015 WeeklyNews A cura della Direzione Advisory di Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni 26 maggio 2015 Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni, è leader tra le società italiane

Dettagli

WeeklyNews. 17 marzo 2015

WeeklyNews. 17 marzo 2015 WeeklyNews A cura della Direzione Advisory di Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni 17 marzo 2015 Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni, è leader tra le società italiane specializzate

Dettagli

WeeklyNews. 6 ottobre 2015

WeeklyNews. 6 ottobre 2015 WeeklyNews A cura della Direzione Advisory di Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni 6 ottobre 2015 Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni, è leader tra le società italiane

Dettagli

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T STATI UNITI REALE Pil 1,8% t/t 0,4% t/t 1,6% a/a 1,7% a/a Consumi privati 2,6% t/t 1,8% t/t 1,9% a/a 1,8% a/a 3% t/t 14% t/t 5,5% a/a 7,2% a/a 0,4% t/t 13,2% t/t non residenziali 3,7% a/a 5,5% a/a 14%

Dettagli

WeeklyNews. 25 agosto 2015

WeeklyNews. 25 agosto 2015 WeeklyNews A cura della Direzione Advisory di Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni 25 agosto 2015 Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni, è leader tra le società italiane

Dettagli

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro Area euro: inflazione in ripresa in Italia, +0,2% a/a l indice nazionale e +0,5% a/a quello

Dettagli

Morning Call 1 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 1 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 1 APRILE 2015 Sotto i riflettori Rendimento del Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: nell Area euro a marzo i prezzi al consumo a -0,1% a/a, oggi i Pmi dell attività manifatturiera

Dettagli

WeeklyNews. 24 novembre 2015

WeeklyNews. 24 novembre 2015 WeeklyNews A cura della Direzione Advisory di Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni 24 novembre 2015 Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni, è leader tra le società italiane

Dettagli

Morning Call 30 OTTOBRE 2015. I temi della settimana. Ancora in primo piano le Banche centrali: dopo la Bce e la Cina. possibile il rialzo a dicembre

Morning Call 30 OTTOBRE 2015. I temi della settimana. Ancora in primo piano le Banche centrali: dopo la Bce e la Cina. possibile il rialzo a dicembre Morning Call 30 OTTOBRE 2015 I temi della settimana Ancora in primo piano le Banche centrali: dopo la Bce e la Cina. la Fed, possibile il rialzo a dicembre Pil Usa del terzo trimestre in calo all 1,5%

Dettagli

Morning Call 18 GIUGNO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene

Morning Call 18 GIUGNO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene Morning Call 18 GIUGNO 2015 Sotto i riflettori Cambio Eur/Usd: andamento I temi del giorno Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene Il Fomc riduce di 25bp le proiezioni

Dettagli

Morning Call 4 NOVEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Ism manifatturiero in rialzo ad ottobre sopra le attese a 59

Morning Call 4 NOVEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Ism manifatturiero in rialzo ad ottobre sopra le attese a 59 Morning Call 4 NOVEMBRE 2014 Sotto i riflettori Eur/Jpy: andamento I temi del giorno Macro: Ism manifatturiero in rialzo ad ottobre sopra le attese a 59 Tassi: Treasury a 10 anni in lieve rialzo al 2,35%;

Dettagli

Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016

Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016 Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016 L analisi dei mercati

Dettagli

Morning Call 7 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 7 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 7 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Euribor ad 1 mese: andamento I temi del giorno Macro Usa: sotto le attese i nuovi occupati ad agosto a +173mila unità, tasso di disoccupazione al 5,1% Tassi:

Dettagli

Morning Call 3 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 3 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 3 LUGLIO 2015 Sotto i riflettori Usa, tasso di disoccupazione: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Macro Usa: rallenta la crescita dei nuovi occupati, +223mila a giugno; il tasso

Dettagli

Morning Call 31 AGOSTO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro Area euro: ad agosto prezzi al consumo stabili al +0,1% a/a in Germania

Morning Call 31 AGOSTO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro Area euro: ad agosto prezzi al consumo stabili al +0,1% a/a in Germania Morning Call 31 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Rendimento Treasury 2 anni: andamento I temi del giorno Macro Area euro: ad agosto prezzi al consumo stabili al +0,1% a/a in Germania Fed: il vicepresidente

Dettagli

Morning Call 17 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 17 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 17 LUGLIO 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Grecia, oggi il via libera dei Paesi Ue al prestito ponte da 7mld; nuovi fondi Ela per la banche greche

Dettagli

Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed Area euro

Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed Area euro Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 Sotto i riflettori Rendimento del benchmark tedesco a 2 anni: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed

Dettagli

Morning Call 31 LUGLIO 2015. I temi della settimana. Ad inizio settimana ancora la Borsa di Shanghai

Morning Call 31 LUGLIO 2015. I temi della settimana. Ad inizio settimana ancora la Borsa di Shanghai Morning Call 31 LUGLIO 2015 I temi della settimana Ad inizio settimana ancora la Borsa di Shanghai Fmi: senza ristruttura zione del debito greco non partecipa al terzo programma di aiuti Fed: qualche ulteriore

Dettagli

Europa: oggi i prezzi al consumo nel Regno Unito. Stati Uniti: oggi le nuove costruzioni abitative ed i permessi edilizi.

Europa: oggi i prezzi al consumo nel Regno Unito. Stati Uniti: oggi le nuove costruzioni abitative ed i permessi edilizi. Morning Call 18 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Rendimento del Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Questa mattina scende di oltre il 6,0% la Borsa di Shanghai su timori di ulteriori svalutazioni

Dettagli

BIMReport. 7 ottobre 2014

BIMReport. 7 ottobre 2014 BIMReport A cura della Direzione Advisory di Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni. 7 ottobre 2014 Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni, è leader tra le società italiane

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Mercati e Valute, 10 aprile 2015 Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Nel primo trimestre dell anno, il forte calo dell Euro nei confronti del Dollaro USA ha reso più attraenti

Dettagli

WeeklyNews. 14 gennaio 2014

WeeklyNews. 14 gennaio 2014 WeeklyNews A cura della Direzione Advisory di Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni. 14 gennaio 2014 Bim, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni, è leader tra le società italiane

Dettagli

Europa: oggi le prime stime sui Pmi di Francia, Germania ed Area euro. Stati Uniti: oggi nessun dato di rilievo.

Europa: oggi le prime stime sui Pmi di Francia, Germania ed Area euro. Stati Uniti: oggi nessun dato di rilievo. Morning Call 21 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Indice di volatilità sul Dax: andamento I temi del giorno Mercati nervosi: nuove elezioni in Grecia, economia cinese in rallentamento, valute dei Paesi emergenti

Dettagli

Morning Call 10 DICEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Mercati ancora cauti, il petrolio resta sui minimi, Wall Street in calo

Morning Call 10 DICEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Mercati ancora cauti, il petrolio resta sui minimi, Wall Street in calo Morning Call 10 DICEMBRE 2015 Sotto i riflettori Cambio Usd/Yuan: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Mercati ancora cauti, il petrolio resta sui minimi, Wall Street in calo Banche centrali:

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 febbraio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Il programma di Quantitative Easing finalmente

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Morning Call 19 OTTOBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Cina Pil nel terzo trimestre +6,9% a/a, sotto il 7,0% per la prima volta dal 2009

Morning Call 19 OTTOBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Cina Pil nel terzo trimestre +6,9% a/a, sotto il 7,0% per la prima volta dal 2009 Morning Call 19 OTTOBRE 2015 Sotto i riflettori Pil della Cina, a/a: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Macro: in Cina Pil nel terzo trimestre +6,9% a/a, sotto il 7,0% per la prima volta

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

Morning Call 11 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la produzione industriale a settembre in crescita dell 1,7% su base annua

Morning Call 11 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la produzione industriale a settembre in crescita dell 1,7% su base annua Morning Call 11 NOVEMBRE 2015 Sotto i riflettori Eur/Usd: andamento a 5 giorni I temi del giorno Macro: in Italia la produzione industriale a settembre in crescita dell 1,7% su base annua Tassi: le aspettative

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Morning Call 5 SETTEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. La Bce riduce ancora il costo del denaro: tasso repo allo 0,05%, nuovo minimo storico

Morning Call 5 SETTEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. La Bce riduce ancora il costo del denaro: tasso repo allo 0,05%, nuovo minimo storico Morning Call 5 SETTEMBRE 2014 Sotto i riflettori Cambio Eur/Usd: andamento intraday ieri e oggi I temi del giorno La Bce riduce ancora il costo del denaro: tasso repo allo 0,05%, nuovo minimo storico Tassi:

Dettagli

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5 5 NOVEMBRE 2015 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Lo scenario economico globale non è più contrassegnato solo da fattori favorevoli. La frenata degli

Dettagli

Market movers Europa: oggi la produzione industriale della Francia, Itala e Regno Unito. Stati Uniti: oggi le vendite all ingrosso.

Market movers Europa: oggi la produzione industriale della Francia, Itala e Regno Unito. Stati Uniti: oggi le vendite all ingrosso. Morning Call 10 FEBBRAIO 2015 Sotto i riflettori Grecia, rendimento del benchmark a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: in rialzo il saldo della bilancia commerciale tedesca a 19,1 mld di euro;

Dettagli

Morning Call 6 AGOSTO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: negli Usa l Ism dei servizi sopra i 60 punti ai massimi dal 2005

Morning Call 6 AGOSTO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: negli Usa l Ism dei servizi sopra i 60 punti ai massimi dal 2005 Morning Call 6 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Ism non manifatturiero: andamento I temi del giorno Macro: negli Usa l Ism dei servizi sopra i 60 punti ai massimi dal 2005 Rendimenti in rialzo, Bund a 10

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

VEDOGREEN MARKET NEWS agosto 2013

VEDOGREEN MARKET NEWS agosto 2013 VEDOGREEN MARKET NEWS agosto 2013 01.08.2013 La Borsa di Milano ha chiuso la seduta in deciso rialzo in scia all andamento positivo di Wall Street, dove l indice S&P 500 ha superato per la prima volta

Dettagli

Morning Call 9 OTTOBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Fed: dai verbali la conferma della prudenza della Banca centrale nel rialzo dei tassi

Morning Call 9 OTTOBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Fed: dai verbali la conferma della prudenza della Banca centrale nel rialzo dei tassi Morning Call 9 OTTOBRE 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Fed: dai verbali la conferma della prudenza della Banca centrale nel rialzo dei tassi Tassi: spread

Dettagli

Morning Call 31 MARZO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la fiducia delle imprese sale al valore più alto del giugno 2011

Morning Call 31 MARZO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la fiducia delle imprese sale al valore più alto del giugno 2011 Morning Call 31 MARZO 2015 Sotto i riflettori Fiducia delle imprese in Italia: andamento I temi del giorno Macro: in Italia la fiducia delle imprese sale al valore più alto del giugno 2011 Tassi: nuovi

Dettagli

Europa: oggi la fiducia dei consumatori e delle imprese in Italia. Stati Uniti: oggi la decisione sui tassi della Fed.

Europa: oggi la fiducia dei consumatori e delle imprese in Italia. Stati Uniti: oggi la decisione sui tassi della Fed. Morning Call 28 OTTOBRE 2015 Sotto i riflettori Rendimento del Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: cala la fiducia dei consumatori negli Usa, Pil del Regno Unito del terzo trimestre sotto

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 1 Gennaio 214 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Morning Call 28 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Pil Usa rivisto al rialzo, nel secondo trimestre al 3,9% annualizzato

Morning Call 28 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Pil Usa rivisto al rialzo, nel secondo trimestre al 3,9% annualizzato Morning Call 28 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bonos a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: Pil Usa rivisto al rialzo, nel secondo trimestre al 3,9% annualizzato Tassi: rendimenti

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Aprile 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. Abbandonato l impegno ad essere pazienti, nell attendere i tempi e le condizioni

Dettagli

AGORA VALORE PROTETTO

AGORA VALORE PROTETTO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA VALORE PROTETTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Euro/dollaro Le dinamiche divergenti delle politiche monetarie di FED e BCE hanno portato nei primi

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

Il contesto attuale e le prospettive dei mercati

Il contesto attuale e le prospettive dei mercati Il contesto attuale e le prospettive dei mercati Petrolio, progressivo rialzo... Brent dal 2010 Fonte: Bloomberg 2 Tassi, in aumento l interbancario... Euribor 3 mesi e tasso Bce a confronto Fonte: Bloomberg

Dettagli

Il Bollettino economico-finanziario

Il Bollettino economico-finanziario Il Bollettino economico-finanziario Settimana 27-31 gennaio 2013 Numero 39 Il punto in breve Nella settimana si è manifestato un po di nervosismo sui mercati finanziari, che si è tradotto in un calo sensibile

Dettagli

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi.

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi. SCENARIO 2009 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Vicini a voi. Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon

Dettagli

Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012. Introduzione del redattore

Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012. Introduzione del redattore 1 Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012 Introduzione del redattore Borsaritrade non vuole proporsi come un servizio di analisi finanziaria e di segnali operativi (chi cerca questo dovrebbe rivolgersi alle

Dettagli

Market movers Europa: oggi la produzione industriale in Germania e la riunione della Banca d Inghilterra. Stati Uniti: oggi le vendite all ingrosso.

Market movers Europa: oggi la produzione industriale in Germania e la riunione della Banca d Inghilterra. Stati Uniti: oggi le vendite all ingrosso. Morning Call 9 APRILE 2015 Sotto i riflettori Tasso implicito del future Euribor 3 mesi dic 2019: andamento I temi del giorno Macro Area euro: vendite al dettaglio in rialzo del 3,0% su base annua; deludono

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 13 Gennaio 2014 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 10 luglio)

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 10 luglio) (12-lug-2015) Facciamo prima un breve quadro Intermarket: Valute: L Eur/Usd (1,1157) resta in fase di indecisione- l Usd/Yen (122,75) è in correzione dal 5 giugno. Commodities: il Crb Index (218,25) è

Dettagli

View. Fideuram Investimenti. 9 luglio 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari

View. Fideuram Investimenti. 9 luglio 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari 9 luglio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Il rischio dell uscita della Grecia dall euro è fortemente

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

Il Bollettino economico-finanziario

Il Bollettino economico-finanziario Il Bollettino economico-finanziario Settimana 18-22 novembre 2013 Numero 2013 Il punto in breve I mercati finanziari non si sono fatti intimidire dai deboli dati sul PIL del terzo trimestre. Al contrario,

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net Dopo il forte rally di giovedì nei mercati azionari statunitensi, le azioni si sono consolidate e sono avanzate leggermente. Un risultato sulle Vendite al dettaglio negli USA peggiore delle attese è stato

Dettagli

L OPINIONE DEI COMPETITOR

L OPINIONE DEI COMPETITOR L OPINIONE DEI COMPETITOR 11 A cura della Direzione Studi. L Opinione dei Competitor Sintesi e Indicazioni Tattiche SINTESI MACRO E ASSET ALLOCATION Pictet - AGGIORNATO A SETTEMBRE QUADRO MACRO: Timori

Dettagli

S. Polo, 2605 30125 Venezia Tel. 041/5238178 Fax 041/5286166 MEFIM MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO INTERNAZIONALE MENSILE

S. Polo, 2605 30125 Venezia Tel. 041/5238178 Fax 041/5286166 MEFIM MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO INTERNAZIONALE MENSILE S. Polo, Venezia Tel. /88 Fax /8 MEFIM MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO INTERNAZIONALE MENSILE SCENARI MACROECONOMICI... DELINEAZIONE DEGLI SCENARI... COMMENTO AI RISULTATI DEL MODELLO... GRAFICI SU VARIABILI

Dettagli

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati Analisi mensile dei principali eventi e previsioni sui mercati globali 22 ottobre 2014 Analisi dei Mercati Crediamo che i mercati stiano reagendo in modo esagerato considerato lo stato di salute dei fondamentali.

Dettagli

View. Fideuram Investimenti. 10 marzo 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari

View. Fideuram Investimenti. 10 marzo 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari 10 marzo 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Nel corso delle ultime settimane abbiamo rivisto al

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net Analisi Settimanale dei Mercati Visita il nuovo network di social trading di etoro: openbook.etoro.com Hanno ritracciano questa settimana i mercati azionari dal momento che gli investitori si sono allontanati

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 9 settembre 2012 A cura dell Ufficio Ricerca

Dettagli

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5 maggio 2015 Mantenere la rotta in mezzo alla volatilità Nonostante il paracadute della Bce nelle ultime settimane sui mercati è tornato il nervosismo. A medio termine lo scenario resta favorevole alle

Dettagli

Il Bollettino economico-finanziario

Il Bollettino economico-finanziario Il Bollettino economico-finanziario Settimana 02-06 2013 Numero 33 Il punto in breve La performance del mercato azionario inizia ad intimorire anche i più ottimisti. A Wall Street i listini continuano

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti - Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR; Luca Mezzomo - Responsabile

Dettagli

Morning Call 12 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi l inflazione in Germania e Francia e la. nell Area euro

Morning Call 12 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi l inflazione in Germania e Francia e la. nell Area euro Morning Call 12 NOVEMBRE 2015 Sotto i riflettori Rendimento Btp a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: oggi l inflazione in Germania e Francia e la produzione industriale nell Area euro Tassi: per

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net Visita il nuovo network di social trading di etoro: openbook.etoro.com Rialzo dei mercato azionari durante questa settimana grazie ai dati migliori delle attese provenienti dalla Cina che hanno ridato

Dettagli

SCENARIO INTERNAZIONALE

SCENARIO INTERNAZIONALE 1 SCENARIO INTERNAZIONALE I segnali di ripresa del ciclo internazionale si sono rafforzati in maniera significativa nel corso dell estate. Gli effetti stimolativi della politica economica americana hanno

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Mercato Immobiliare e Finanziamenti

Mercato Immobiliare e Finanziamenti Mercato Immobiliare e Finanziamenti Fase di consolidamento in vista della ripresa Nel corso del 2015 il mercato immobiliare italiano e quello europeo dovrebbero lasciarsi alle spalle definitivamente le

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 2 Aprile 2014 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico La politica monetaria nelle economie avanzate sta

Dettagli

Analisi, Ricerche e Testi Luglio 2015 Anno II N. 6 A cura dell Ufficio Studi AVM. Gianluigi Montagner

Analisi, Ricerche e Testi Luglio 2015 Anno II N. 6 A cura dell Ufficio Studi AVM. Gianluigi Montagner Analisi, Ricerche e Testi Luglio 2015 Anno II N. 6 A cura dell Editoriale La parola al Direttore Generale Italia Cosa aspettarsi dai mercati da qui alla fine dell anno? Ci sono tanti temi caldi che tratteremo

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Marzo 2015 Rischio? Quale rischio? Le prime settimane dell anno nuovo sono state caratterizzate dai temi

Dettagli

Morning Call 21 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Grecia, ha effettuato il rimborso per 6,8mld a Fmi, Bce e Banca di Grecia

Morning Call 21 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Grecia, ha effettuato il rimborso per 6,8mld a Fmi, Bce e Banca di Grecia Morning Call 21 LUGLIO 2015 Sotto i riflettori Indie FtseMib: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Grecia, ha effettuato il rimborso per 6,8mld a Fmi, Bce e Banca di Grecia Prosegue la tendenza

Dettagli

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati IV Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5 Outlook

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

Aggiornamento sui mercati valutari

Aggiornamento sui mercati valutari 9 luglio 2014 Aggiornamento sui mercati valutari A cura di: Peter Butler, Emanuele Del Monte e Pietro Calati Il quadro di riferimento Il mercato dei cambi, dopo l introduzione del pacchetto di misure da

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Petrolio al massimo del 2015 20 aprile 2015

Petrolio al massimo del 2015 20 aprile 2015 P al massimo del 2015 20 aprile 2015 La scorsa settimana l indice generale GSCI ER (4,2) è salito fortemente, tornando al massimo da quasi 2 mesi, grazie al forte recupero delle quotazioni petrolifere.

Dettagli

CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa. Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015

CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa. Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015 CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015 Cfa Society: +56,8 pt Italy sentiment in maggio, fiducia confermata 2015-05-04

Dettagli

Usa e Area euro, Pil a/a: andamento dal 2006

Usa e Area euro, Pil a/a: andamento dal 2006 Morning Call 18 DICEMBRE 2015 Si chiude il 2015, un altro anno complesso tra timori di rallentamento dei Paesi emergenti e crollo delle materie prime, divergenza delle politiche monetarie tra la Fed e

Dettagli

MAGGIO 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-6 Pagine 5

MAGGIO 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-6 Pagine 5 5 MAGGIO 2015 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 L economia italiana va meglio dell atteso. È indispensabile cogliere l opportunità di innalzare il potenziale

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 Febbraio 2014 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Le prime settimane dell anno sono state caratterizzate

Dettagli

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 7 agosto)

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 7 agosto) (9-ago-2015) Iniziamo con un breve quadro Intermarket: Valute: Eur/Usd (1,0963) è in fase di incertezza anche se sta tentando una ripresa dai minimi del 21 luglio- Usd/Yen (124,229) resta forte ed in ripresa

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Analisi Macroeconomica e Strategia di Investimento Aggiornamento Mensile -Gennaio/Febbraio 2014-

Analisi Macroeconomica e Strategia di Investimento Aggiornamento Mensile -Gennaio/Febbraio 2014- Analisi Macroeconomica e Strategia di Investimento Aggiornamento Mensile -Gennaio/Febbraio 2014- Le Georges V 14, Avenue de Grande Bretagne MC 98000 Monaco Tél : +377 97 98 29 80 Fax : +377 97 98 29 88

Dettagli