INDICE. 1. Premesse e schema di calcolo della struttura pag Regime normativo pag. 5

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. 1. Premesse e schema di calcolo della struttura pag. 2. 2. Regime normativo pag. 5"

Transcript

1

2 INDICE 1. Premesse e schema di calcolo della struttura pag Regime normativo pag Vita nominale, classi d uso e periodo di riferimento pag Determinazione dell azione sismica secondo pag. 8 il punto 3.2 del D.M. 14/01/ Categoria di suolo di fondazione pag Spettro di risposta elastico in accelerazione delle componenti orizzontali pag Amplificazione stratigrafica pag Amplificazione topografica pag Spettri di progetto per gli stati limite di esercizio pag Spettri di progetto per gli stati limite ultimi pag Combinazione dell azione sismica con le altre azioni pag Materiali, modello, ipotesi di calcolo e di carico della struttura pag Verifiche degli elementi in acciaio pag Verifica unioni pag Unione correnti superiori ed inferiori pag Unione correnti aste di parete diagonali pag Unione aste nel piano orizzontale pag Verifica delle passerelle esistenti pag. 26

3 1. Premesse e schema di calcolo della struttura La presente relazione è redatta secondo le prescrizioni e le indicazioni delle nuove norme tecniche D.M. 14/01/2008, in particolare nel rispetto delle prescrizioni del cap.10 del D.M. 14/01/2008 e descrive i calcoli e le verifiche necessari per il corretto dimensionamento dei corpi denominati D in figura 1, previsti nei Lavori di realizzazione di un sistema di accosto ed ormeggio per l attracco di navi Ro-Rox Pax al molo di sottoflutto del porto commerciale di Salerno. Fig. 1 Planimetria di progetto 2

4 Si tratta di passerelle di collegamento tra le briccole di nuova realizzazione denominati corpi C in figura 1 e la banchina esistente. E previsto la realizzazione di 5 passerelle. Queste presentano uguali dimensioni, e stesse condizioni di utilizzo, di conseguenza il calcolo e le verifiche saranno affrontate la passerella tipo. Planimetricamente presenta una lunghezza di mm ed un larghezza di 1500 mm Fig. 2 Modellazione passerella In figura 2 è stata riportata una schematizzazione della passerella tipo. I correnti superiori ed inferiori sono realizzati con profili L120x13. Le diagonali di irrigidimento dell impalcato, in blu in figura 2, sono realizzati con profili L50x5, mentre sia diagonali delle 2 travi reticolari laterali che gli altri elementi di irrigidimento colorati in rosso in figura 2 sono realizzati con profili L70x7. Il piano di calpestio della passerella è realizzato con un grigliato elettrofuso tipo Orsogrill serie Potissimum. I nodi che schematizzano l appoggio sulla testata della briccola sono tali da impedire tutti i 6 gradi di libertà tranne la rotazione attorno l asse orizzontale 3

5 perpendicolare all asse longitudinale della passerella. Mentre i nodi che schematizzano l appogio sulla banchina sono tali da permettere la traslazione lungo l asse longitudinale della passerella, la rotazione attorno l asse orizzontale perpendicolare all asse longitudinale della passerella e impedire i restanti 4 gradi di libertà. Per ogni approfondimento relativo alla geometria di tali passerelle si rimanda agli elaborati grafici di progetto. Ai fini della caratterizzazione meccanica del terreno di fondazione si fa riferimento alla relazione geologica redatta da Geonet Italia che costituisce parte integrante della documentazione di progetto. La relazione geotecnica del progetto è stata redatta in modo da soddisfare le prescrizioni del capitolo 6 del D.M. 14/01/08 e del punto 3.1 della OPCM n I calcoli sono stati eseguiti utilizzando il programma Nolian della Softing di Roma, mentre le verifiche sono state effettuate con il programma EasySteel prodotto dalla stessa softwarehouse per cui si dispone di Licenza d uso N intestata alla De Cola Associati. 4

6 2. Regime normativo Nella redazione della presente relazione sono state tenute in conto le normative vigenti ed in particolare: D.M. 14/01/2008 Norme tecniche per le costruzioni ; OPCM 3431 del 03/05/2005; Legge n del 5/11/1971 "norme per la disciplina delle opere di conglomerato cementizio armato e precompresso ed a struttura metallica"; Legge n. 64 del 2/2/1974 "provvedimenti per le costruzioni con particolari prescrizioni per le zone sismiche". 5

7 3. Vita nominale, classi d uso e periodo di riferimento 3.1 Vita nominale La vita nominale di un opera strutturale V N è intesa come il numero di anni nel quale la struttura, purché soggetta alla manutenzione ordinaria, deve potere essere usata per lo scopo al quale è destinata. La vita nominale dei diversi tipi di opere è quella riportata nella Tab. 2.4.I. 3.2 Classi d uso In presenza di azioni sismiche, con riferimento alle conseguenze di una interruzione di operatività o di un eventuale collasso, le costruzioni sono suddivise in classi d uso così definite: Classe I: Costruzioni con presenza solo occasionale di persone, edifici agricoli. Classe II: Costruzioni il cui uso preveda normali affollamenti, senza contenuti pericolosi per l ambiente e senza funzioni pubbliche e sociali essenziali. Industrie con attività non pericolose per l ambiente. Ponti, opere infrastrutturali, reti viarie non ricadenti in Classe d uso III o in Classe d uso IV, reti ferroviarie la cui interruzione non provochi situazioni di emergenza. Dighe il cui collasso non provochi conseguenze rilevanti. Classe III: Costruzioni il cui uso preveda affollamenti significativi. Industrie con attività pericolose per l ambiente. Reti viarie extraurbane non ricadenti in Classe d uso IV. Ponti e reti ferroviarie la cui interruzione provochi situazioni di emergenza. Dighe rilevanti per le conseguenze di un loro eventuale collasso. Classe IV: Costruzioni con funzioni pubbliche o strategiche importanti, anche con riferimento alla gestione della protezione civile in caso di calamità. Industrie con attività particolarmente pericolose per l ambiente. Reti viarie di tipo A o B, di cui al D.M. 5 novembre 2001, 6

8 n.6792, Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade, e di tipo C quando appartenenti ad itinerari di collegamento tra capoluoghi di provincia non altresì serviti da strade di tipo A o B. Ponti e reti ferroviarie di importanza critica per il mantenimento delle vie di comunicazione, particolarmente dopo un evento sismico. Dighe connesse al funzionamento di acquedotti e a impianti di produzione di energia elettrica. 3.3 Periodo di riferimento per l azione sismica Le azioni sismiche su ciascuna costruzione vengono valutate in relazione ad un periodo di riferimento V R che si ricava, per ciascun tipo di costruzione, moltiplicandone la vita nominale V N per il coefficiente d uso C U : V R = V N C U Il valore del coefficiente d uso C U è definito, al variare della classe d uso, come mostrato in Tab.2.4.II. Se V R 35 anni si pone comunque V R = 35 anni. Nel caso in esame si ricava: V N = 50 anni, Classe d uso = II, quindi il periodo di riferimento risulta: V R = 50*1,0 = 50 anni. 7

9 4. Determinazione dell azione sismica secondo il punto 3.2 del D.M. 14/01/2008 La pericolosità sismica è definita in termini di accelerazione orizzontale massima attesa a g in condizioni di campo libero su sito di riferimento rigido con superficie topografica orizzontale di categoria A, nonché di ordinate dello spettro di risposta elastico in accelerazione ad essa corrispondente S e (T), con riferimento a prefissate probabilità di eccedenza P VR, nel periodo di riferimento V R. Il D.M. 14/01/2008 definisce le forme spettrali, per ciascuna delle probabilità di superamento nel periodo di riferimento P VR, a partire dai valori dei seguenti parametri su sito di riferimento rigido orizzontale: a g accelerazione orizzontale massima al sito; F o valore massimo del fattore di amplificazione dello spettro in accelerazione orizzontale. T * C periodo di inizio del tratto a velocità costante dello spettro in accelerazione orizzontale. Le probabilità di superamento nel periodo di riferimento P VR, cui riferirsi per individuare l azione sismica agente in ciascuno degli stati limite considerati, sono riportate nella successiva Tab. 3.2.I. del punto del D.M.14/01/2008 8

10 I valori di a g, F o, T * C sono funzione del sito e dello stato limite considerato Nel caso in esame, ovvero Salerno si ha: Lat. 39,37; Long. 16,40; Il periodo di ritorno associato allo stato limite di salvaguardia della vita (SLV) risulta essere T R = 475 anni, di conseguenza: a g = 0,276 g F o = 2,438 T * C = 0,373 In figura 5 si riporta una rappresentazione degli spettri di risposta elastici in funzione dello stato limite considerato. 9

11 Fig. 7 Spettri di risposta elastici 4.1 Categoria di suolo di fondazione Ai fini della definizione dell azione sismica di progetto è necessario definire la categoria del profilo stratigrafico del suolo di fondazione. Per i terreni di sedime interessati dal progetto, come riportato nello studio geologico tecnico redatto dalla Geonet Italia si hanno terreni di sedime appartenenti alla categoria geosismica C. 10

12 Di seguito si riporta la tabella 3.2.II del D.M.14/01/08 dove vengono definite le categorie di sottosuolo. 4.2 Spettro di risposta elastico in accelerazione delle componenti orizzontali Quale che sia la probabilità di superamento nel periodo di riferimento P VR considerata, lo spettro di risposta elastico della componente orizzontale è definito dalle espressioni seguenti: nelle quali T ed S e sono, rispettivamente, periodo di vibrazione ed accelerazione spettrale orizzontale. Inoltre: 11

13 S è il coefficiente che tiene conto della categoria di sottosuolo e delle condizioni topografiche mediante la relazione seguente S = S S S T, essendo S S il coefficiente di amplificazione stratigrafica (vedi Tab. 3.2.V) e S T il coefficiente di amplificazione topografica (vedi Tab. 3.2.VI); h è il fattore che altera lo spettro elastico per coefficienti di smorzamento viscosi convenzionali x diversi dal 5%, mediante la relazione seguente: h = ((10/(5 + x))^0,5) 0,55 dove x (espresso in percentuale) è valutato sulla base di materiali, tipologia strutturale e terreno di fondazione; F o è il fattore che quantifica l amplificazione spettrale massima, su sito di riferimento rigido orizzontale, ed ha valore minimo pari a 2,2; T C è il periodo corrispondente all inizio del tratto a velocità costante dello spettro, dato da T C = C C T * C, dove T * C è funzione del sito in esame, mentre C C un coefficiente funzione della categoria di sottosuolo (vedi Tab. 3.2.V); T B è il periodo corrispondente all inizio del tratto dello spettro ad accelerazione costante, T B = T C /3 T D è il periodo corrispondente all inizio del tratto a spostamento costante dello spettro, espresso in secondi mediante la relazione: T D = 4,0 (a g /g)+1, Amplificazione stratigrafica Per sottosuolo di categoria A i coefficienti S S e C C valgono 1. Per le categorie di sottosuolo B, C, D ed E i coefficienti S S e C C possono essere * calcolati, in funzione dei valori di F O e T C relativi al sottosuolo di categoria A, mediante le espressioni fornite nella Tab. 3.2.V, nelle quali g è l accelerazione di gravità ed il tempo è espresso in secondi. 12

14 4.4 Amplificazione topografica Per tener conto delle condizioni topografiche e in assenza di specifiche analisi di risposta sismica locale, si utilizzano i valori del coefficiente topografico S T riportati nella Tab. 3.2.VI, in funzione delle categorie topografiche definite al punto 4.2 e dell ubicazione dell opera o dell intervento. 13

15 4.5 Spettri di progetto per gli stati limite di esercizio Per gli stati limite di esercizio lo spettro di progetto Sd(T) da utilizzare, sia per le componenti orizzontali che per la componente verticale, è lo spettro elastico corrispondente, riferito alla probabilità di superamento nel periodo di riferimento PVR considerata. 4.6 Spettri di progetto per gli stati limite ultimi Qualora le verifiche agli stati limite ultimi non vengano effettuate tramite l uso di opportuni accelerogrammi ed analisi dinamiche al passo, ai fini del progetto o della verifica delle strutture le capacità dissipative delle strutture possono essere messe in conto attraverso una riduzione delle forze elastiche, che tiene conto in modo semplificato della capacità dissipativa anelastica della struttura, della sua sovraresistenza, dell incremento del suo periodo proprio a seguito delle plasticizzazioni. In tal caso, lo spettro di progetto Sd(T) da utilizzare, sia per le componenti orizzontali, sia per la componente verticale, è lo spettro elastico corrispondente riferito alla probabilità di superamento nel periodo di riferimento P VR considerata, con le ordinate ridotte sostituendo nelle formule riportate al punto 4.3 η con 1/q, dove q. Il coefficiente q, cui si fa riferimento nelle espressioni dello spettro di progetto, è chiamato coefficiente di struttura e tiene conto delle capacità dissipative della struttura. Nel caso in esame si assumerà, q = 4.80, questo valore è stato determinato automaticamente dal programma di calcolo e soddisfa le indicazioni di normativa. Per una migliore comprensione dell entità dell azione sismica utilizzata in fase di analisi, per il caso in esame, si riporta in figura 6, una rappresentazione grafica dello spettro di progetto per lo stato limite di salvaguardia della vita (SLV). 14

16 Fig. 8 Spettro di progetto per lo stato limite SLV. 4.7 Combinazione dell azione sismica con le altre azioni Nel caso delle costruzioni civili e industriali le verifiche agli stati limite ultimi o di esercizio devono essere effettuate per la combinazione dell azione sismica con le altre azioni secondo la seguente formula: G + P + E +Σ j ψ 2j Q kj Gli effetti dell'azione sismica saranno valutati tenendo conto delle masse associate ai seguenti carichi gravitazionali: G + Σ j ψ 2j Q kj ψ 2j è definito coefficiente di combinazione. Di seguito si riportano in tabella i valori previsti per il coefficiente ψ 2j 15

17 5. Materiali, modello, ipotesi di calcolo e di carico della struttura. Materiali utilizzati Gli elementi strutturali delle briccole sono realizzate con profili in acciaio S235 caratterizzato da una tensione di snervamento pari a 2350 kg/cmq. Il piano di calpestio sarà realizzato con un grigliato elettrofuso tipo Orsogrill serie Potissimum maglia 15x76 con longherine portanti 30x2 Modello di calcolo I correnti inferiori e superiori sono modellati con elementi di tipo trave, mentre gli elementi di irrigidimento sia dell impalcato sia delle travi reticolari laterali sono modellati con elementi di tipo asta. Carichi Peso grigliato elettroforgiato 36,7 [kg/mq] Carico variabile 200,0 [kg/mq] Il programma di calcolo assegna in automatico il peso proprio degli elementi, in particolare per gli elementi in acciaio S235 viene considerato un peso specifico di 7850 kg/mc. Il peso proprio è un carico di tipo permanente. Ipotesi di calcolo e combinazione dei carichi agli SLU La struttura è stata calcolata secondo la teoria degli elementi finiti e le verifiche effettuate agli stati limite ultimi e di esercizio, secondo le prescrizioni di normativa. 16

18 6. Verifiche degli elementi in acciaio. In questo capitolo verranno riportate le verifiche degli elementi strutturali in acciaio quali correnti superiori ed inferiori ed elementi di irrigidimento. Fig. 9 Coefficiente di sfruttamento delle sezioni. In figura 9 è rappresentato il coefficiente di sfruttamento delle sezioni strutturali della passerella. Più il valore di tale coefficiente si avvicina ad 1 (colore rosso) più la sezione risulta impegnata dal punto di vista tensionale. 17

19 Di seguito si riportano le caratteristiche dei materiali e le combinazioni di carico utilizzati in fase di verifica. Caratteristiche dei materiali Metodo degli stati limite Resistenza acciaio kg/cm Coefficiente sicurezza parziale bulloni 1.25 Coefficiente sicurezza parziale 1.10 Coefficiente sicurezza parziale per instab Combinazioni di progetto dei carichi * (1) Carico Permanente * (1) Peso Proprio * (1) Dinamica * (1) Carico Permanente * (1) Peso Proprio * (1) Dinamica * (1) Carico Permanente * (1) Peso Proprio * (1) Dinamica * (1) Carico Permanente * (1) Peso Proprio * (1) Dinamica * (1) Carico Variabile * (1) Carico Permanente * (1) Peso Proprio * (1) Carico Permanente * (1) Peso Proprio Verifica 1. Verifica dell'elemento 163 di indice 163. L'elemento e' costituito da un profilo L120x13. E' una trave con asse a quota ed estremo sinistro in [ ; ] Questo elemento e' particolarmente indicativo in quanto e' tra gli elementi maggiormente sollecitati per presso-flessione, instabilita' presso-flessionale, taglio. La lunghezza geometrica dell'elemento e' cm. Le lunghezze di libera torsione ed inflessione nei piani locali xz e xy sono rispettivamente: cm, cm, cm. La snellezza dell'elemento e': Le combinazioni delle condizioni di carico per le verifiche sono come segue: 1.50*Carico Variabile+1.30*Carico Permanente+1.30*Peso Proprio Gli sforzi per la combinazione di carico [5] sono i seguenti: Estremo sinistro: Momento kgxcm nel piano locale verticale, kgxcm nel piano locale orizzontale. Taglio kg nel piano locale verticale, 113.7kg nel piano locale orizzontale. Forza assiale kg. Torsione 23.2kgxcm. Estremo destro: 18

20 Momento kgxcm nel piano locale verticale, kgxcm nel piano locale orizzontale. Taglio 315.2kg nel piano locale verticale, 113.7kg nel piano locale orizzontale. Forza assiale kg. Torsione 23.2kgxcm. La resistenza di calcolo dell'acciaio e' 2350kg/cm2. I coefficienti disicurezza parziale sono 1.10 e 1.10 per l'instabilita'. Le verifiche sono state eseguite secondo quanto indicato da CNR , metodo degli stati limite. Seguono i valori dei criteri delle verifiche. Resistenza assiale-flessionale (combinazione [5]) Instabilità presso-flessionale (combinazione [5]) Instabilità flesso-torsionale (combinazione [0]) Resistenza a taglio Y (combinazione [5]) Resistenza a taglio Z (combinazione [5]) Instabilità a taglio (combinazione [5]) Verifica 2. Verifica dell'elemento 154 di indice 154. L'elemento e' costituito da un profilo L120x13. E' una trave con asse a quota ed estremo sinistro in [ ; 0.00] Questo elemento e' particolarmente indicativo in quanto e' tra gli elementi maggiormente sollecitati per presso-flessione, instabilita' presso-flessionale, taglio. La lunghezza geometrica dell'elemento e' cm. Le lunghezze di libera torsione ed inflessione nei piani locali xz e xy sono rispettivamente: cm, cm, cm. La snellezza dell'elemento e': Le combinazioni delle condizioni di carico per le verifiche sono come segue: 1.50*Carico Variabile+1.30*Carico Permanente+1.30*Peso Proprio Gli sforzi per la combinazione di carico [5] sono i seguenti: Estremo sinistro: Momento kgxcm nel piano locale verticale, kgxcm nel piano locale orizzontale. Taglio kg nel piano locale verticale, kg nel piano locale orizzontale. Forza assiale kg. Torsione kgxcm. Estremo destro: Momento kgxcm nel piano locale verticale, kgxcm nel piano locale orizzontale. Taglio 322.5kg nel piano locale verticale, 112.9kg nel piano locale orizzontale. Forza assiale kg. Torsione 23.0kgxcm. 19

21 La resistenza di calcolo dell'acciaio e' 2350kg/cm2. I coefficienti di sicurezza parziale sono 1.10 e 1.10 per l'instabilita'. Le verifiche sono state eseguite secondo quanto indicato da CNR , metodo degli stati limite. Seguono i valori dei criteri delle verifiche. Resistenza assiale-flessionale (combinazione [5]) Instabilità presso-flessionale (combinazione [5]) Instabilità flesso-torsionale (combinazione [0]) Resistenza a taglio Y (combinazione [5]) Resistenza a taglio Z (combinazione [5]) Instabilità a taglio (combinazione [5]) Verifica 3. Verifica dell'elemento 177 di indice 177. L'elemento e' costituito da un profilo L50x5. E' una trave con asse a quota ed estremo sinistro in [216.81; 0.00] Questo elemento e' particolarmente indicativo in quanto e' tra gli elementi maggiormente sollecitati per instabilita' presso-flessionale. La lunghezza geometrica dell'elemento e' cm. Le lunghezze di libera torsione ed inflessione nei piani locali xz e xy sono rispettivamente: cm, cm, cm. La snellezza dell'elemento e': Le combinazioni delle condizioni di carico per le verifiche sono come segue: 1.00*Carico Permanente+1.00*Peso Proprio *Dinamica 2 Gli sforzi per la combinazione di carico [3] sono i seguenti: Estremo sinistro: Momento nullo nel piano locale verticale, nullo nel piano locale orizzontale. Taglio nullo nel piano locale verticale, nullo nel piano locale orizzontale. Forza assiale kg. Torsione nullo. Estremo destro: Momento nullo nel piano locale verticale, nullo nel piano locale orizzontale. Taglio nullo nel piano locale verticale, nullo nel piano locale orizzontale. Forza assiale kg. Torsione nullo. Gli sforzi per la combinazione di carico [4] sono i seguenti: Estremo sinistro: Momento nullo nel piano locale verticale, nullo nel piano locale orizzontale. Taglio nullo nel piano locale verticale, nullo nel piano locale orizzontale. Forza assiale kg. Torsione nullo. 20

22 La resistenza di calcolo dell'acciaio e' 2350kg/cm2. I coefficienti di sicurezza parziale sono 1.10 e 1.10 per l'instabilita'. Le verifiche sono state eseguite secondo quanto indicato da CNR , metodo degli stati limite. Seguono i valori dei criteri delle verifiche. Resistenza assiale-flessionale (combinazione [4]) Instabilità presso-flessionale (combinazione [3]) Instabilità flesso-torsionale (combinazione [0]) Resistenza a taglio Y (combinazione [0]) Resistenza a taglio Z (combinazione [0]) Instabilità a taglio (combinazione [3]) Verifica 4. Verifica dell'elemento 181 di indice 181. L'elemento e' costituito da un profilo L50x5. E' una trave con asse a quota 0.00 ed estremo sinistro in [0.00; ]. Questo elemento e' particolarmente indicativo in quanto e' tra gli elementi maggiormente sollecitati per instabilita' presso-flessionale. La lunghezza geometrica dell'elemento e' cm. Le lunghezze di libera torsione ed inflessione nei piani locali xz e xy sono rispettivamente: cm, cm, cm. La snellezza dell'elemento e': Le combinazioni delle condizioni di carico per le verifiche sono come segue: 1.00*Carico Permanente+1.00*Peso Proprio+1.00*Dinamica 2 Gli sforzi per la combinazione di carico [4] sono i seguenti: Estremo sinistro: Momento nullo nel piano locale verticale, nullo nel piano locale orizzontale. Taglio nullo nel piano locale verticale, nullo nel piano locale orizzontale. Forza assiale kg. Torsione nullo. Estremo destro: Momento nullo nel piano locale verticale, nullo nel piano locale orizzontale. Taglio nullo nel piano locale verticale, nullo nel piano locale orizzontale. Forza assiale kg. Torsione nullo. La resistenza di calcolo dell'acciaio e' kg/cm2. I coefficienti di sicurezza parziale sono 1.10 e 1.10 per l'instabilita'. Le verifiche sono state eseguite secondo quanto indicato da CNR , metodo degli stati limite. Seguono i valori dei criteri delle verifiche. Resistenza assiale-flessionale (combinazione [3]) Instabilità presso-flessionale (combinazione [4]) 21

23 Instabilità flesso-torsionale (combinazione [0]) Resistenza a taglio Y (combinazione [0]) Resistenza a taglio Z (combinazione [0]) Instabilità a taglio (combinazione [4]) Verifica 5. Verifica dell'elemento 159 di indice 159. L'elemento e' costituito da un profilo L120x13. E' una trave con asse a quota ed estremo sinistro in [ ; 0.00] Questo elemento e' particolarmente indicativo in quanto e' tra gli elementi maggiormente sollecitati per presso-flessione, instabilita' presso-flessionale, taglio. La lunghezza geometrica dell'elemento e' cm. Le lunghezze di libera torsione ed inflessione nei piani locali xz e xy sono rispettivamente: cm, cm, cm. La snellezza dell'elemento e': Le combinazioni delle condizioni di carico per le verifiche sono come segue: 1.50*Carico Variabile+1.30*Carico Permanente+1.30*Peso Proprio Gli sforzi per la combinazione di carico [5] sono i seguenti: Estremo sinistro: Momento kgxcm nel piano locale verticale, kgxcm nel piano locale orizzontale. Taglio kg nel piano locale verticale, kg nel piano locale orizzontale. Forza assiale kg. Torsione -23.3kgxcm. Estremo destro: Momento kgxcm nel piano locale verticale, kgxcm nel piano locale orizzontale. Taglio 318.7kg nel piano locale verticale, kg nel piano locale orizzontale. Forza assiale kg. Torsione -23.3kgxcm. La resistenza di calcolo dell'acciaio e' kg/cm2. I coefficienti di sicurezza parziale sono 1.10 e 1.10 per l'instabilita'. Le verifiche sono state eseguite secondo quanto indicato da CNR , metodo degli stati limite. Seguono i valori dei criteri delle verifiche. Resistenza assiale-flessionale (combinazione [5]) Instabilità presso-flessionale (combinazione [5]) Instabilità flesso-torsionale (combinazione [0]) Resistenza a taglio Y (combinazione [5]) Resistenza a taglio Z (combinazione [5]) Instabilità a taglio (combinazione [5]) 22

24 Verifica 6. Verifica dell'elemento 160 di indice 160. L'elemento e' costituito da un profilo L120x13. E' una trave con asse a quota ed estremo sinistro in [ ; ] Questo elemento e' particolarmente indicativo in quanto e' tra gli elementi maggiormente sollecitati per presso-flessione, instabilita' presso-flessionale, taglio. La lunghezza geometrica dell'elemento e' cm. Le lunghezze di libera torsione ed inflessione nei piani locali xz e xy sono rispettivamente: cm, cm, cm. La snellezza dell'elemento e': Le combinazioni delle condizioni di carico per le verifiche sono come segue: 1.50*Carico Variabile+1.30*Carico Permanente+1.30*Peso Proprio Gli sforzi per la combinazione di carico [5] sono i seguenti: Estremo sinistro: Momento kgxcm nel piano locale verticale, kgxcm nel piano locale orizzontale. Taglio kg nel piano locale verticale, kg nel piano locale orizzontale. Forza assiale kg. Torsione -23.3kgxcm. Estremo destro: Momento kgxcm nel piano locale verticale, kgxcm nel piano locale orizzontale. Taglio 319.1kg nel piano locale verticale, kg nel piano locale orizzontale. Forza assiale kg. Torsione -23.3kgxcm. La resistenza di calcolo dell'acciaio e' 2350kg/cm2. I coefficienti di sicurezza parziale sono 1.10 e 1.10 per l'instabilita'. Le verifiche sono state eseguite secondo quanto indicato da CNR , metodo degli stati limite. Seguono i valori dei criteri delle verifiche. Resistenza assiale-flessionale (combinazione [5]) Instabilità presso-flessionale (combinazione [5]) Instabilità flesso-torsionale (combinazione [0]) Resistenza a taglio Y (combinazione [5]) Resistenza a taglio Z (combinazione [5]) Instabilità a taglio (combinazione [5]) 23

25 7. Verifica unioni Il dimensionamento delle unioni bullonate è stato effettuato affidando la resistenza delle stesse all attrito tra le superfici a contatto. Si è determinata, per ciascuna tipologia, la forza V f,0 trasmissibile per attrito da ciascun bullone per ogni piano di contatto tra gli elementi da collegare: V f,0 = Ns/ f dove f è il coefficiente di riduzione nei confronti dello slittamento pari 1.25; è coefficiente di attrito pari a 0.3 per superfici non particolarmente trattate e comunque per giunzioni effettuate in opera; Ns forza di trazione del gambo delle viti (prospetto 4-IV CNR-UNI 10011) conseguente il serraggio. 7.1 Unione correnti superiori ed inferiori La sollecitazione di trazione sui correnti superiori ed inferiori costituiti da profili L150x14 assume il valore massimo: N= kg essendo 4 le superfici a contato N/4= 7500 kg (sforzo per per ogni superficie a contatto) Poichè per bulloni D=16mm foro 17mm classe vite 8.8 e dado 6S: Ts=225N*m (coppia di serraggio) Ns=70KN = 7000 kg (forza normale gambo) si può ricavare la forza V f,0 trasmissibile per attrito: Vf,0= 0.3*7000/1.25= 1680 kg per cui il numero di bulloni necessario perchè sia verificata la giunzione è: nb=(n/4)/vf,0= 4.45 ovvero 6 bulloni 24

26 7.2 Unione correnti aste di parete diagonali Per le otto diagonali di parete (L70x7), appartenenti alle maglie estreme delle passerelle, la sollecitazione di trazione assume il valore massimo: N= 6200 kg essendo 2 le superfici a contato N/2= 3100 kg Poichè per bulloni D=16mm foro 17mm classe vite 10.9 e dado 8G: Ts=281N*m Ns=88KN = 8800 kg Vf,0= 0.3*8800/1.25= 2120 kg Il numero di bulloni necessario perchè sia verificata la giunzione è: nb=(n/2)/vf,0= 1.46 ovvero 2 bulloni 7.3 Unione aste nel piano orizzontale La sollecitazione massima di trazione sulle aste nel piano orizzontale costituite da profili L50x5 assume il valore: N= 2000 kg essendo 2 le superfici a contato N/2= 1000 kg Poichè per bulloni D=12mm foro 13mm classe vite 8.8 e dado 6S: Ts=90N*m Ns=38KN = 3800 kg Vf,0= 0.3*3800/1.25= 912 kg Il numero di bulloni necessario perchè sia verificata la giunzione è: nb=(n/2)/vf,0= 1.10 ovvero 2 bullone. 25

27 8. Verifiche delle passerelle esistenti. Le passerelle esistenti subiranno degli interventi di adeguamento. In particolare a seguito dell ampliamento della banchina di riva (corpi B) subiranno un accorciamento in modo da adattarli alla nuova situazione di progetto. Risulta evidente che rispetto la situazione originale, questa previsione di progetto risulta più cautelativa per le verifiche delle passerelle. Poichè le passerelle esistenti erano state dimensionate per soddisfare le prescrizioni normative per la situazione originaria ovviamente soddisfano le verifiche per la nuova previsione di progetto. SSi è comunque procedutoad una verifica nella nuova situazione di progeto e di seguito si riporta la rappresentazione del coefficiente di sfruttamento delle sezioni per la passerella esistente che dopo l adeguamento di progetto presenta la lunghezza maggiore. 26

28 Fig. 10 Coefficiente di sfruttamentodelle sezioni. In figura 10 è stato rappresentato il coefficiente di sfruttamento delle sezioni strutturali della passerella esistente. Più il valore di tale coefficiente si avvicina ad 1 più la sezione risulta impegnata dal punto di vista pensionale. Si evince che lo stato tensionale delle sezioni è, come ovvio per questo caso, molto lontano dal valore limite, di conseguenza le sezioni risultano verificate. 27

IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO. ing. Francesco Monni

IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO. ing. Francesco Monni IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO ing. Francesco Monni Le norme che regolano gli interventi su costruzioni esistenti in muratura (anche di carattere storico e monumentale)

Dettagli

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3 INDICE 1. Premesse pag. 2 2. Regime normativo pag. 3 3. Plinto di fondazione torre faro pag. 4 3.1 Sollecitazione massime di calcolo pag. 4 3.2 Determinazione massimi sforzi sui pali pag. 4 3.3 Dimensionamento

Dettagli

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella:

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella: 3. Azioni sismiche Per la norma le azioni sismiche devono essere valutare partendo dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione. Si ricorda che la pericolosità sismica, intesa in senso probabilistico,

Dettagli

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 Indice Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 A1.1 Relazione generale illustrativa dell opera... 2 A1.2 Normativa di riferimento... 3 A1.3 Descrizione del modello strutturale... 4 A1.4 Valutazione

Dettagli

INDICE. 2 Quadro normativo di riferimento 4. 3 Caratterizzazione sismica del sito 5

INDICE. 2 Quadro normativo di riferimento 4. 3 Caratterizzazione sismica del sito 5 RELAZIONE SISMICA INDICE 1 Introduzione 3 Quadro normativo di riferimento 4 3 Caratterizzazione sismica del sito 5 3.1 Valutazione pericolosità sismica 5 3. Valutazione tempo di ritorno Tr 6 3..1 Periodo

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA. Domenico Leone

ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA. Domenico Leone ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA Domenico Leone ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA Domenico Leone Il prof. Domenico Leone vanta un esperienza più che trentennale

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE DEL SITO DI INTERESSE... 4. 2.1 Ubicazione del sito ed estratti cartografici... 4

INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE DEL SITO DI INTERESSE... 4. 2.1 Ubicazione del sito ed estratti cartografici... 4 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE DEL SITO DI INTERESSE... 4 2.1 Ubicazione del sito ed estratti cartografici... 4 2.1 Classificazione sismica... 6 3. MODELLAZIONE GEOLOGICA... 8 3.1. DESCRIZIONE

Dettagli

GEOSTRU SOFTWARE SLOPE Il software per la stabilità dei pendii naturali opere di materiali sciolti fronti di scavo

GEOSTRU SOFTWARE SLOPE Il software per la stabilità dei pendii naturali opere di materiali sciolti fronti di scavo GEOSTRU SOFTWARE SLOPE Il software per la stabilità dei pendii naturali opere di materiali sciolti fronti di scavo NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI D.M. 14 Gennaio 2008 GEOSTRU SOFTWARE SLOPE Prescrizioni

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI

DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI SOMMARIO 2 GENERALITA 3 3 DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI 3 4 PERICOLOSITA SISMICA 4 5 CARATTERIZZAZIONE FISICO-MECCANICA DEL TERRENO 4 6 MODELLI GEOTECNICI DI SOTTOSUOLO 5 7 VERIFICHE DELLA SICUREZZA E DELLE

Dettagli

Il Metodo Semi Probabilistico agli Stati Limite. La Filosofia Progettuale in Zona Sismica

Il Metodo Semi Probabilistico agli Stati Limite. La Filosofia Progettuale in Zona Sismica -C.d.L. in Ingegneria g Edile - Corso di Tecnica delle Costruzioni a.a. - 2009-2010 Prof. Ing. L.Cavaleri Il Metodo Semi Probabilistico agli Stati Limite La Definizione delle Azioni Sismiche La Filosofia

Dettagli

Categorie di sottosuolo 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE

Categorie di sottosuolo 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE Categorie di sottosuolo Per definire l azione sismica di progetto, si valuta l effetto della risposta sismica locale (RSL) mediante specifiche analisi

Dettagli

6. Analisi statica lineare: esempio di calcolo

6. Analisi statica lineare: esempio di calcolo 6. Analisi statica lineare: esempio di calcolo Si supponga di volere determinare lo schema di carico per il calcolo all SLV delle sollecitazioni in direzione del telaio riportato nella Pfigura 1, con ordinata

Dettagli

valore massimo del fattore di amplificazione dello spettro in accelerazione orizzontale. *

valore massimo del fattore di amplificazione dello spettro in accelerazione orizzontale. * 3.2 AZIONE SISMIA Le azioni sismiche di progetto, in base alle quali valutare il rispetto dei diversi stati limite considerati, si definiscono a partire dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione.

Dettagli

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto.

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. Il progetto prevede: la realizzazione di un nuovo intervento strutturale:

Dettagli

Liborio Cavaleri, Valerio Radice Specificità nella valutazione della capacità delle strutture murarie di nuova costruzione

Liborio Cavaleri, Valerio Radice Specificità nella valutazione della capacità delle strutture murarie di nuova costruzione A08 458 Liborio Cavaleri, Valerio Radice Specificità nella valutazione della capacità delle strutture murarie di nuova costruzione Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

PROGETTAZIONE DI EDIFICI CON STRUTTURE PORTANTI IN LEGNO

PROGETTAZIONE DI EDIFICI CON STRUTTURE PORTANTI IN LEGNO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Trentino Sviluppo S.p.a. - Consorzio Habitech Mercoledì, 10 novembre 2010 ROVERETO PROGETTAZIONE DI EDIFICI CON STRUTTURE PORTANTI IN LEGNO Utilizzo del legno nella progettazione

Dettagli

2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI

2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI Le opere e le componenti strutturali devono essere progettate, eseguite, collaudate e soggette a manutenzione in modo tale da consentirne la prevista

Dettagli

semplificato, che si basa sull individuazione di categorie di sottosuolo di riferimento (Tab. 3.2.II e 3.2.III) e sulle condizioni topografiche.

semplificato, che si basa sull individuazione di categorie di sottosuolo di riferimento (Tab. 3.2.II e 3.2.III) e sulle condizioni topografiche. 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE Categorie di sottosuolo Per definire l azione sismica di progetto, si valuta l effetto della risposta sismica locale (RSL) mediante specifiche analisi

Dettagli

COPERTINA. Prototipo di Relazione geotecnica di esempio

COPERTINA. Prototipo di Relazione geotecnica di esempio COPERTINA Prototipo di Relazione geotecnica di esempio GENERALITA RELAZIONE GEOTECNICA SULLE FONDAZIONI (NTC 2008 CAP. 6 e CIRCOLARE 617/2009 punto C6.2.2.5) OGGETTO COMUNE: Progetto di una struttura in

Dettagli

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni GENERALITA COMUNE DI PREDOSA Provincia di Alessandria CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO ZONA SISMICA: Zona 3 ai sensi dell OPCM 3274/2003 NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008

Dettagli

4 Azioni sulle costruzioni

4 Azioni sulle costruzioni 4 Azioni sulle costruzioni Classificazione delle azioni 1/2 Si definisce azione ogni causa o insieme di cause capace di indurre stati limite in una struttura. Si definisce sollecitazione ogni effetto interno

Dettagli

Le coperture in legno

Le coperture in legno CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Le coperture in legno LA CAPRIATA Tra scienza ed arte del costruire «Il forte intreccio di storia, tecnologia, architettura e cultura materiale,

Dettagli

Lavori di sistemazione Strada Provinciale S.S. 650 Fondo Valle Trigno - Schiavi di Abruzzo III Lotto Funzionale RELAZIONE DI CALCOLO PONTE

Lavori di sistemazione Strada Provinciale S.S. 650 Fondo Valle Trigno - Schiavi di Abruzzo III Lotto Funzionale RELAZIONE DI CALCOLO PONTE PROVINCIA DI CHIETI SETTORE LAVORI PUBBLICI Lavori di Sistemazione Strada provinciale S.S. 650 Fondo Valle Trigno - Schiavi di Abruzzo RELAZIONE DI CALCOLO RECUPERO STATICO PONTE AL KM 1+296 Pagina 1 INDICE

Dettagli

Per prima cosa si determinano le caratteristiche geometriche e meccaniche della sezione del profilo, nel nostro caso sono le seguenti;

Per prima cosa si determinano le caratteristiche geometriche e meccaniche della sezione del profilo, nel nostro caso sono le seguenti; !""##"!$%&'((""!" )**&)+,)-./0)*$1110,)-./0)*!""##"!$%&'((""!" *&)23+-0-$4--56%--0.),0-,-%323 -&3%/ La presente relazione ha lo scopo di illustrare il meccanismo di calcolo che sta alla base del dimensionamento

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO 1 LEZIONE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO ARGOMENTI 1. Introduzione Presentazione del corso 2.

Dettagli

APPLICAZIONI SOFTWARE PER LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA CON LE NTC 2008

APPLICAZIONI SOFTWARE PER LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA CON LE NTC 2008 BELLUNO 8 Marzo 2012 APPLICAZIONI SOFTWARE PER LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA CON LE NTC 2008 Seminario tecnico Applicazioni software per la progettazione geotecnica con le NTC 2008 GEOSTRU SOFTWARE WWW.GEOSTRU.COM

Dettagli

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 2/6 INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 5 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI TRAVE... 9 6 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI

Dettagli

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3)

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3) Domande su: taglio, flessione composta e collegamenti. Indica se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera o falsa (per ciascuna domanda punti 2) (1) L adozione di un gioco foro-bullone elevato semplifica

Dettagli

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Strada Statale Valsesia, 20-13035 Lenta (VC), Tel. (+39) 331 2696084 segreteria@ingegneriasismicaitaliana.it www.ingegneriasismicaitaliana.it Connessioni dissipative

Dettagli

SCHEDA DI VULNERABILITÀ SISMICA

SCHEDA DI VULNERABILITÀ SISMICA Comune di Taranto 10^ Direzione Lavori Pubblici SCHEDA DI VULNERABILITÀ SMICA OGGETTO: Lavori di riqualificazione edilizia ed impiantistica della scuola media C. COLOMBO Via Medaglie D Oro n. 117 - Taranto

Dettagli

PROGETTO STRUTTURE METALLICHE - PONTI Ing. Luca ROMANO, libero professionista - Albenga Direttore Tecnico I QUADRO INGEGNERIA GENOVA

PROGETTO STRUTTURE METALLICHE - PONTI Ing. Luca ROMANO, libero professionista - Albenga Direttore Tecnico I QUADRO INGEGNERIA GENOVA PROGETTO STRUTTURE METALLICHE - PONTI Ing. Luca ROMANO, libero professionista - Albenga Direttore Tecnico I QUADRO INGEGNERIA GENOVA NTC 2008: COSTRUZIONI IN ACCIAIO - PONTI 2.4 VITA NOMINALE, CLASSI D

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Impostazione della carpenteria Impostazione della carpenteria Definizione dell orditura dei solai e della posizione di travi e pilastri ( La struttura deve essere in grado

Dettagli

I metodi di calcolo previsti dalle NTC 08 Parte 1

I metodi di calcolo previsti dalle NTC 08 Parte 1 I metodi di calcolo previsti dalle NTC 08 Parte 1 3 Indice Parte I Schema generale 4 1 Richiamo... normativa 8 Parte II Tipologie di analisi 10 4 1 Enter the help project title here Schema generale Premessa

Dettagli

ISOLATORI SISMICI disaccoppiare

ISOLATORI SISMICI disaccoppiare Un opportuna scelta delle caratteristiche meccaniche degli isolatori consente di disaccoppiare la sovrastruttura dalla sottostruttura nelle oscillazioni che coinvolgono prevalentemente spostamenti orizzontali.

Dettagli

Regione Calabria Dipartimento n.9 Lavori Pubblici ed Infrastrutture Via Crispi 33-88100 CATANZARO

Regione Calabria Dipartimento n.9 Lavori Pubblici ed Infrastrutture Via Crispi 33-88100 CATANZARO UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA Regione Calabria Dipartimento n.9 Lavori Pubblici ed Infrastrutture Via Crispi 33-88100 CATANZARO SPECIFICHE SISTEMA SIERC POR Calabria FESR 2007-2013.

Dettagli

SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA

SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA LEGGI FONDAMENTALI DELLE NORMESISMICHE SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME SISMICHE LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA Giacomo Di Pasquale, Dipartimento della Protezione

Dettagli

TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL

TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL 1 2 TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL Confronto dei risultati tra il software VEM NL el il metodo SAM proposto dall Unità di Ricerca dell Università di Pavia. Stacec s.r.l. Software e servizi per

Dettagli

CALCOLO DI STRUTTURA PER PALCO ARENA-CLASSIC 2,00 X 2,00 ml.

CALCOLO DI STRUTTURA PER PALCO ARENA-CLASSIC 2,00 X 2,00 ml. CALCOLO DI STRUTTURA PER PALCO ARENA-CLASSIC,00 X,00 ml. SIXTEMA S.r.l. Loc. Mezzano Passone, 11 6846 Corno Giovine (LO) Italy tel-fax +39 0377 69370 r.a. info@sixtema-line.com sixtema-line.com 1) PREMESSE:

Dettagli

AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI

AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI INTERNAZIONAL AIRPORT NAPOLI CAPODICHINO NEW TERMINAL PASSENGER DESIGN OF STEEL

Dettagli

ANALISI DI UNA STRUTTURA IN MURATURA ESISTENTE

ANALISI DI UNA STRUTTURA IN MURATURA ESISTENTE ANALISI DI UNA STRUTTURA IN MURATURA ESISTENTE si esamina una struttura esistente, individuando carenze sugli spessori della muratura con snellezza e pressoflessione trasversale (statica e sismica) non

Dettagli

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale 1 IL MATERIALE X-LAM Nel programma CDSWin il materiale X-LAM pu ò essere utilizzato solo come elemento parete verticale. Quindi, dal punto di vista strutturale, il suo comportamento è prevalentemente a

Dettagli

TAV. 10 20 gennaio 2013. Realizzazione di un percorso naturalistico sensoriale accessibile UN SENTIERO PER TUTTI in località Nudole - Val di Daone -

TAV. 10 20 gennaio 2013. Realizzazione di un percorso naturalistico sensoriale accessibile UN SENTIERO PER TUTTI in località Nudole - Val di Daone - PARCO NATURALE ADAMELLO BRENTA Parco Naturale Adamello Brenta Via Nazionale, 24 38080 Strembo TN Realizzazione di un percorso naturalistico sensoriale accessibile UN SENTIERO PER TUTTI in località Nudole

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 3.2 AZIONE SISMICA Le azioni sismiche di progetto si definiscono a partire dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione, che è descritta dalla probabilità

Dettagli

Regione ABRUZZO Legge 24.06.2009 n. 77 O.P.C.M. n. 3790 del 09.07.2009. Città di L AQUILA. Condominio EDILGISA

Regione ABRUZZO Legge 24.06.2009 n. 77 O.P.C.M. n. 3790 del 09.07.2009. Città di L AQUILA. Condominio EDILGISA Regione ABRUZZO Legge 24.06.2009 n. 77 O.P.C.M. n. 3790 del 09.07.2009 Città di L AQUILA PROGETTO DEI LAVORI PER LA RIPARAZIONE DI UN FABBRICATO CONDOMINIALE DANNEGGIATO DAL TERREMOTO DEL 06.04.2009 Condominio

Dettagli

Guida all uso di RSL III

Guida all uso di RSL III Guida all uso di RSL III Dati generali Passo 1 - In «Home» si inseriscono i Dati generali; Passo 2- In «Dati generali» i dati d identificazione dello studio (descrizione, committente, ecc.); Passo 3 -

Dettagli

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali...

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali... 1 Relazione Generale sull Intervento... Determinazione dei parametri geotecnici... 3 Normativa di riferimento...3 4 Relazione sui materiali...3 5 Verifiche statiche...4 5.1 Formule di calcolo delle azioni...4

Dettagli

Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania

Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania Il controllo della progettazione: i compiti del collaudatore. Forum della Tecnica delle

Dettagli

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi 1 Le unioni Le unioni hanno la funzione di collegare i vari elementi strutturali per formare la struttura, oppure, se questa è di grandi dimensioni, di realizzare in officina i componenti principali che

Dettagli

L ingombro ed il numero delle corsie si calcola attraverso lo schema e la tabella riportata a seguito.

L ingombro ed il numero delle corsie si calcola attraverso lo schema e la tabella riportata a seguito. 4.2 IL COLLAUDO STATICO DEI PONTI 4.2.1 Ponti stradali Per i ponti stradali le norme per l effettuazione del collaudo statico sono contenute nel D.M. LL. PP. del 4 maggio 1990 Aggiornamento delle norme

Dettagli

Realizzazione di copertura telescopica

Realizzazione di copertura telescopica Realizzazione di copertura telescopica Relazione di calcolo Progetto ed esecuzione dell opera : Lynx s.r.l. Responsabile di Progetto e verifica : ing. Abilitato Committente : sig. Bianco Bianchi 1 INDICE

Dettagli

- Accidentali: per edifici scolastici: 300 Kg/mq

- Accidentali: per edifici scolastici: 300 Kg/mq I PREMESSA La presente relazione riporta i calcoli e le verifiche relativi alle nuove strutture in progetto. Sono previste opere in acciaio (scale di sicurezza esterne, spazi calmi, passerelle) e in c.a.

Dettagli

WallVerine - Tutorial

WallVerine - Tutorial WallVerine - Tutorial 1 2013, Softing srl Riproduzione consentita citando la fonte rev 130111 2 WallVerine Tutorial Ing. Francesco Canterini Softing srl 3 4 Indice Generalità...7 Utilizzo di WallVerine...8

Dettagli

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI 1.0 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DEI PALI Il dimensionamento dei pali viene eseguito tenendo conto dei criteri appresso riportati. a) Inizialmente vengono determinati i carichi

Dettagli

Bassa massa volumica (peso)= basse forze inerziali sismiche (peso del legno= 450 Kg/m³ 30-40 kg/m² ;

Bassa massa volumica (peso)= basse forze inerziali sismiche (peso del legno= 450 Kg/m³ 30-40 kg/m² ; BUON COMPORTAMENTO IN ZONA SISMICA Il legno come materiale e le strutture in legno in generale sono naturalmente dotate di alcune caratteristiche intrinseche che ne rendono non solo adatto ma consigliabile

Dettagli

COMUNE DI TARANTO RELAZIONE SULLA MODELLAZIONE SISMICA

COMUNE DI TARANTO RELAZIONE SULLA MODELLAZIONE SISMICA Dott. Geol. Jean Vincent C.A. Stefani C.da Saponaro 70, 74023 Grottaglie (TA) Tel. 099.5610224 cell. 3388641493 Fax 099.5610224 E-mail stefani.geologo@libero.it COMUNE DI TARANTO RELAZIONE SULLA MODELLAZIONE

Dettagli

SETTI O PARETI IN C.A.

SETTI O PARETI IN C.A. SETTI O PARETI IN C.A. Parete Pareti accoppiate SETTI O PARETI IN C.A. Na 20% Fh i i h i Na/M tot >=0.2 SETTI O PARETI IN C.A. IL FATTORE DI STRUTTURA VERIFICHE SETTI O PARETI IN C.A. SOLLECITAZIONI -FLESSIONE

Dettagli

RELAZIONE STRUTTURALE

RELAZIONE STRUTTURALE RELAZIONE STRUTTURALE DESCRIZIONE DELL OPERA. Si prevede di realizzare una passerella pedonale in acciaio per l accesso secondario alla grotta. La struttura è costituita da due travi parallele in acciaio

Dettagli

Lezione 10:!Verifiche e!!!! disegni costruttivi

Lezione 10:!Verifiche e!!!! disegni costruttivi Modulo 4:"" " Progetto di un edificio " " " " monopiano ad uso " " " " industriale in zona sismica Lezione 10:!Verifiche e!!!! disegni costruttivi LʼAquila 4 giugno 2010 Ing. Oreste Mammana o.mammana@unina.it

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente:

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente: Sono illustrati con la presente i risultati dei calcoli che riguardano il progetto della scala in c.a da realizzarsi nel rifugio Cima Bossola in località Marciana NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area Politiche per l ambiente, le reti, la qualità urbana Servizio Lavori Pubblici

REGIONE PUGLIA Area Politiche per l ambiente, le reti, la qualità urbana Servizio Lavori Pubblici REGIONE PUGLIA Area Politiche per l ambiente, le reti, la qualità urbana AOO_064_06/07/2010-0063622 CIRCOLARE ESPLICATIVA da pubblicarsi sul B.U.R.P. e sul sito internet www.regione.puglia.it area tematica

Dettagli

Progetto definitivo RELAZIONE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSE... 2 2. PROBLEMATICHE GEOTECNICHE... 3 3. NORMATIVA DI RIFERIMENTO...

Progetto definitivo RELAZIONE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSE... 2 2. PROBLEMATICHE GEOTECNICHE... 3 3. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... Pag. 1 di 21 totali INDICE 1. PREMESSE... 2 2. PROBLEMATICHE GEOTECNICHE... 3 3. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 4. CARATTERI GEOLOGICI ED UNITÀ LITOTECNICHE... 4 5. CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA... 5 6.

Dettagli

Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori

Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori Introduzione Il progetto del tratto autostradale in esame prevede interventi relativi alle seguenti opere strutturali maggiori. Raddoppio

Dettagli

pure rivolta verso sinistra (se l accelerazione è positiva). Per l equilibrio dinamico del corpo la somma di tali forze deve essere nulla:

pure rivolta verso sinistra (se l accelerazione è positiva). Per l equilibrio dinamico del corpo la somma di tali forze deve essere nulla: Oscillatore semplice Vibrazioni armoniche libere o naturali k m 0 x Se il corpo di massa m è spostato di x verso destra rispetto alla posizione di riposo, è soggetto alla forza elastica di richiamo della

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI 1.1 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI travi secondarie

Dettagli

IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica

IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica Corso sulle Norme Tecniche per le costruzioni in zona sismica (Ordinanza PCM 374/003) POTENZA, 004 IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica Dott. Ing.. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata

Dettagli

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE...

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... INDICE GENERALE PREMESSA... 1 OGGETTO... 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI... 2.2 STATI LIMITE... 2.2.1 Stati Limite Ultimi (SLU)... 2.2.2 Stati Limite di Esercizio (SLE)...

Dettagli

2.2 Neve... 4 2.3 Vento... 4 2.4 Analisi sismica... 6

2.2 Neve... 4 2.3 Vento... 4 2.4 Analisi sismica... 6 Sommario 1 MATERIALI... 2 1.1 Setti... 2 1.2 Solai in lamiera gercata e getto... 2 1.3 Acciaio per C.A... 2 1.4 Acciaio per strutture metalliche... 2 2 ANALISI DEI CARICHI... 3 2.1 Carichi permanenti e

Dettagli

La norma EN 1090-1: il controllo del processo di progettazione e le specifiche per la produzione

La norma EN 1090-1: il controllo del processo di progettazione e le specifiche per la produzione Regolamento (UE) n.305/11 e norme del gruppo EN1090 La Marcatura CE delle strutture metalliche alla luce delle Norme tecniche per le Costruzioni Firenze, 30/10/2014 La norma EN 1090-1: il controllo del

Dettagli

RELAZIONE CALCOLI STATICI PALO DI ILLUMINAZIONE

RELAZIONE CALCOLI STATICI PALO DI ILLUMINAZIONE RELAZIONE CALCOLI STATICI PALO DI ILLUMINAZIONE 1 DESCRIZIONE GENERALE DELL OPERA Le verifiche di seguito riportate riguardano un palo a sbraccio in acciaio di sezione tubolare variabile, di altezza complessiva,

Dettagli

7 CAPITOLO 7. PONTE IN CA

7 CAPITOLO 7. PONTE IN CA Capitolo 7. Ponte in CA 199 7 CAPITOLO 7. PONTE IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista nella compilazione del SI-ERC per il caso di un ponte in cemento armato. 7.1 DESCRIZIONE

Dettagli

Il software e la progettazione strutturale: opportunità e limitazioni. Prof. Gaetano Manfredi gamanfre@unina.it

Il software e la progettazione strutturale: opportunità e limitazioni. Prof. Gaetano Manfredi gamanfre@unina.it Il software e la progettazione strutturale: opportunità e limitazioni Prof. Gaetano Manfredi gamanfre@unina.it SOFTWARE E PROGETTAZIONE SOFTWARE E PROGETTAZIONE SOFTWARE NELL AMBITO DELLE NTC 08 IL SOFTWARE:

Dettagli

Collegamenti nelle strutture

Collegamenti nelle strutture 1 Collegamenti nelle strutture Le tipologie delle unioni bullonate o saldate sono molteplici e dipendono essenzialmente da: caratteristiche dell unione: nell ambito di quelle bullonate si possono avere

Dettagli

RELAZIONE RISPOSTA A DOMANDA N. 2. Generalità. Fondazioni. Caratteristiche del terreno

RELAZIONE RISPOSTA A DOMANDA N. 2. Generalità. Fondazioni. Caratteristiche del terreno RISPOSTA A DOMANDA N. 2 RELAZIONE Generalità La presente relazione illustra gli aspetti geotecnici e delle fondazioni relativi alle strutture delle seguenti opere: EDIFICIO SERVIZI BUNKER PROTEXIMETRICO

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Il viadotto S.Anna Principi informatori della progettazione esecutiva

Il viadotto S.Anna Principi informatori della progettazione esecutiva Il viadotto S.Anna Principi informatori della progettazione esecutiva Il viadotto in sistema misto S.Anna è situato sulla strada di collegamento della vallata del Vibrata con la vallata del Tordino all

Dettagli

NAPOLI Via M.R. Di Torrepadula, 144

NAPOLI Via M.R. Di Torrepadula, 144 PROGETTO DI UN PONTEGGIO NAPOLI Via M.R. Di Torrepadula, 144 COMMITTENTE C.G.A. S.R.L. Ing. Angelo Caradente Giarruso Via Santa Maria, 108 80010 Quarto- Flegreo (NA) IMPRESA ESECUTRICE: F.lli Catania S.r.l.

Dettagli

ELEMENTI PRESSO-FLESSI IN ACCIAIO Colonna Scatolare Bi-Simmetrica. Domenico Leone

ELEMENTI PRESSO-FLESSI IN ACCIAIO Colonna Scatolare Bi-Simmetrica. Domenico Leone ELEMENTI PRESSO-FLESSI IN ACCIAIO Colonna Scatolare Bi-Simmetrica Domenico Leone ELEMENTI PRESSO-FLESSI IN ACCIAIO Colonna Scatolare Bi-Simmetrica Domenico Leone Il prof. Domenico Leone vanta un esperienza

Dettagli

Azione sismica. Parte I 3.2 Azione sismica 1. Parte II 7.11 Opere e sistemi geotecnici 10

Azione sismica. Parte I 3.2 Azione sismica 1. Parte II 7.11 Opere e sistemi geotecnici 10 I Parte I 3.2 1 1 3.2.1 Stati limite... e relative probabilità di superamento 1 2 3.2.2 Categorie... di sottosuolo e condizioni topografiche 2 3 3.2.3 Valutazione... dell'azione sismica 4 Parte II 7.11

Dettagli

Hilti Seismic Academy

Hilti Seismic Academy Hilti Seismic Academy Esempi di progettazione antisismica di elementi non strutturali Ing. Marco Mitri Associato Studio d ingegneria Suraci Udine marco.mitri@studiosuraci.it www.studiosuraci.it Seismic

Dettagli

Normative di riferimento

Normative di riferimento Aztec Informatica CARL 9.0 Relazione di calcolo 1 RELAZIONE DI CALCOLO GEOTECNICO Normative di riferimento - Legge nr. 1086 del 05/11/1971. Norme per la disciplina delle opere in conglomerato cementizio,

Dettagli

VOLUME C Modulo O Azione sismica sulle strutture

VOLUME C Modulo O Azione sismica sulle strutture SCHEDA O.1 Il periodo di ritorno NTC (parr. 2.4, 2.5, Alleato A, Alleato B) Per eseuire qualsiasi verifica sismica, la prima randezza da determinare è il periodo di ritorno T R dell azione sismica. Secondo

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

Comune di CREMONA. Settore Progettazione MANUALE D USO E MANUTENZIONE PROGETTO ESECUTIVO

Comune di CREMONA. Settore Progettazione MANUALE D USO E MANUTENZIONE PROGETTO ESECUTIVO STUDIO INGEGNERIA STRUTTURALE MASSETTI CONSOLIDAMENTO EDIFICI STORICI, MONITORING PROGETTAZIONE SISMICA, STRUTTURISTICA CONSULENZA E DIREZIONE LAVORI PROGETTAZIONE EDIFICI CIVILI E INDUSTRIALI Via Brescia

Dettagli

C3. AZIONI SULLE COSTRUZIONI

C3. AZIONI SULLE COSTRUZIONI C3. AZIONI SULLE COSTUZIONI C3.1 OEE CIVILI ED INDUSTIALI C3.1.3 CAICHI EMANENTI NON STUTTUALI La possibilità di rappresentare i carichi permanenti portati come uniformemente distribuiti, nei limiti dati

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DPGR Toscana 23 novembre 2005, n. 62/R -Art. 5 comma 4" lett. b COMMITTENTE: Comune di Signa con sede in via Piazza Repubblica n 1 Comune

Dettagli

Verifica di una struttura esistente

Verifica di una struttura esistente Il metodo agli Stati Limite per la verifica delle strutture in c.a. Giovanni A. Plizzari Università di Bergamo Paolo Riva Università di Brescia Corso Pandini Bergamo, 14-15 Novembre, 2003 Verifica di una

Dettagli

INDICE. 1 - Relazione generale sull'intervento pag. 3. 2 - Relazione geotecnica e di calcolo. delle fondazioni pag. 5

INDICE. 1 - Relazione generale sull'intervento pag. 3. 2 - Relazione geotecnica e di calcolo. delle fondazioni pag. 5 INDICE 1 - Relazione generale sull'intervento pag. 3 2 - Relazione geotecnica e di calcolo delle fondazioni pag. 5 3 - Relazione di calcolo delle strutture pag. 10 4 - Relazione sui materiali pag. 13 1

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI QUARRATA

PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI QUARRATA PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI QUARRATA Realizzazione nuova passerella ciclo pedonale sul fosso quadrelli in corrispondenza del ponte sulla S.P. N. 6 Quarrata/Ponte alla trave. SOMMARIO RELAZIONE DI CALCOLO

Dettagli

Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3

Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3 1 Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3 1) CARATTERISTICHE DEL CODICE Titolo programma : CAP3 - Travi precompresse ad armatura pretesa, Metodo agli stati limite. Autore : ing.

Dettagli

Materiali, analisi strutturale e stati limite delle costruzioni in acciaio

Materiali, analisi strutturale e stati limite delle costruzioni in acciaio La Progettazione delle Strutture tt di Acciaio i e composte in Acciaio-Calcestruzzo secondo il D.M. 14.01.08 Siena, 19-21 Maggio 2010 Materiali, analisi strutturale e stati limite delle costruzioni in

Dettagli

VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI

VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI Verifica di vulnerabilità sismica Pagina 2 di 8 INDICE Premessa...3 Classificazione sismica...3 Vulnerabilità sismica...5 Indagini...5 Calcolo...6 Verifica

Dettagli

1 PREMESSA. Normativa di riferimento

1 PREMESSA. Normativa di riferimento 1 PREMESSA EDILFERRO TRAVEST è coinvolto da alcuni anni nel settore del fotovoltaico,occupandosi della realizzazione di sistemi di fissaggio per pannelli solari e fotovoltaici. Nel campo ormai saturo della

Dettagli

AL DIRIGENTE DEL SETTORE PROVINCIALE DEL GENIO CIVILE DI

AL DIRIGENTE DEL SETTORE PROVINCIALE DEL GENIO CIVILE DI AL DIRIGENTE DEL SETTORE PROVINCIALE DEL GENIO CIVILE DI D E N U N C I A D I L A V O R I P E R A U T O R I Z Z A Z I O N E S I S M I C A (art. 2 L.R. 7/1/83 n. 9 s.m.i., artt. 93 e 65 D.P.R. 6/6/2001 n.

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE ELABORATO DI LAUREA Analisi sismica di edifici esistenti in

Dettagli

Modifiche all ALLEGATO 2 all OPCM 3274/03: Norme tecniche per il progetto, la valutazione e l adeguamento sismico degli edifici

Modifiche all ALLEGATO 2 all OPCM 3274/03: Norme tecniche per il progetto, la valutazione e l adeguamento sismico degli edifici Modifiche all ALLEGATO 2 all OPCM 3274/03: Norme tecniche per il progetto, la valutazione e l adeguamento sismico degli edifici 1) Nell indice i punti del sottoparagrafo 4.11.1 sono così sostituiti: All.

Dettagli

MATERIA Meccanica, Macchine ed Energia. DIPARTIMENTO DI Meccanica

MATERIA Meccanica, Macchine ed Energia. DIPARTIMENTO DI Meccanica Anno scolastico: 2014-2015 Classe: 4^BMM MATERIA Meccanica, Macchine ed Energia Insegnante: Gaspare Di Como Insegnante Compresente: Francesco Porco DIPARTIMENTO DI Meccanica PROGRAMMAZIONE SVOLTA MODULO

Dettagli