LA CAMERA DI COMMERCIO DI LODI E LA SUA FUNZIONE DI SOSTEGNO ALLO SVILUPPO ECONOMICO Lodi, maggio 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA CAMERA DI COMMERCIO DI LODI E LA SUA FUNZIONE DI SOSTEGNO ALLO SVILUPPO ECONOMICO Lodi, maggio 2014"

Transcript

1 LA CAMERA DI COMMERCIO DI LODI E LA SUA FUNZIONE DI SOSTEGNO ALLO SVILUPPO ECONOMICO Lodi, maggio 2014

2 RISORSE ECONOMICHE E RISORSE UMANE Le Camere di Commercio sono enti pubblici dotati di autonomia funzionale (L. 580/1993), articolati su tutto il territorio nazionale. Il funzionamento delle Camere di Commercio viene garantito dal diritto annuale versato dai soggetti iscritti nel Registro delle imprese. Non grava quindi sul bilancio statale. Il diritto annuale incassato dalla Camera di commercio di Lodi nel 2012 è pari in media a 110,10 Euro per impresa (importo minimo: 88 euro), con una ulteriore riduzione a 107,75 nel 2013 (nel complesso - 6,95% rispetti al 2008) 2

3 RISORSE ECONOMICHE E RISORSE UMANE 3

4 RISORSE ECONOMICHE E RISORSE UMANE Evoluzione degli interventi economici Gli interventi economici a vantaggio del sistema economico locale hanno avuto il seguente andamento: Trasferimenti allo Stato per il contenimento della spesa pubblica oltre alle imposte e tasse hanno avuto il seguente andamento: 4

5 RISORSE ECONOMICHE E RISORSE UMANE Negli ultimi anni la Camera di Commercio di Lodi ha garantito l erogazione dei servizi e dal 2010 ha destinato più risorse all economia, pur in presenza di un trend decrescente del personale e di una contrazione dei proventi. 5

6 I COMPITI E LE FUNZIONI DEL SISTEMA 6

7 REGOLE E SERVIZI La Camera di Commercio di Lodi tutela gli interessi dei protagonisti del mercato: imprenditori, professionisti, consumatori, instaurando vere e proprie reti di fiducia, all insegna dell equità, della certezza delle regole, della correttezza e trasparenza nelle transazioni, dell affidabilità delle informazioni riguardanti i fatti e gli atti della vita d impresa. 7

8 REGOLE E SERVIZI Registro delle Imprese Il Registro delle Imprese tenuto dalla Camera di Commercio di Lodi èun registro pubblico digitale che poggia su una comune infrastruttura telematica nazionale Rappresenta l anagrafe delle imprese e fornisce un quadro completo della situazione giuridica di ciascuna impresa di qualsiasi forma giuridica e settore Assicura un sistema organico di pubblicitàlegale delle imprese, garantendo tempestività dell informazione, trasparenza, legalità. Contiene informazioni economico-amministrative relative a: imprese registrate persone (soci, amministratori, altre cariche) bilanci di Società 8

9 REGOLE E SERVIZI Registro delle Imprese Volume medio annuo: visure estratte certificati firme digitali 197 copie di atti e bilanci 29 richieste da parte di Autorità giudiziarie e Forze dell ordine pratiche evase 5,4 giorni lavorativi mediamente necessari per una pratica d iscrizione d impresa 9

10 REGOLE E SERVIZI Comunicazione unica e semplificazione per le imprese Dall aprile 2010 le pratiche di iscrizione degli atti nel Registro delle Imprese sono inviate per via telematica alle Camere di Commercio che a loro volta le trasmettono all Agenzia delle Entrate, all INPS e all INAIL. La procedura della «comunicazione unica»consente una semplificazione amministrativa e una riduzione dei costi a carico delle imprese pratiche nel triennio : pratiche trasmesse ad altre Amministrazioni: di cui INPS di cui INAIL 800 di cui Agenzia delle Entrate

11 REGOLE E SERVIZI Regolazione del mercato e legalità Nel corso del 2013: 47 mediazioni gestite ,00 valore medio delle conciliazioni concluse 45 giorni durata media grado di soddisfazioneespresso dagli utenti pari 4,58 su ispezioni su 1007 prodotti e strumenti metrici 735carte tachigraficherilasciate 339 utenti degli uffici marchi e brevetti 11

12 COMPETITIVITA DELLE IMPRESE Servizi per la nuova imprenditorialità La natalitàdelle imprese èun punto di forza del sistema economico locale; tuttavia il 50% delle nuove imprese cessa la propria attivitàentro i 5 anni dalla nascita. La fase di accompagnamento e di sostegno allo start up riveste pertanto un ruolo indispensabile per un avvio consapevole dell attivitàdi impresa. Attivitàe risultati 2013 Realizzazione annuale del corso «Crea la tua impresa a Lodi», rivolto a 16 aspiranti imprenditori con lo scopo di orientarne l operato e massimizzarne le opportunitàdi successo. Bando camerale per le Start up lodigiane, con contributi a fondo perduto fino a e altrettanti a tasso zero. Hanno partecipato 45 start up e sono nate, grazie al contributo, 20 nuove imprese L alta mortalitàdelle imprese nei primi anni di vita èaltresìdovuta a una scarsa programmazione delle attività aziendali. Per aiutare aspiranti e nuovi imprenditori a progettare e realizzare la propria idea imprenditoriale, è attivo presso il centro servizi di Lodinnova un incubatore che fornisce una facilitazione in termini di spazi di lavoro a condizioni agevolate, oltre a una serie di servizi dedicati che vanno dall assistenza al tutoraggio e alla formazione. Le imprese incubate sono

13 COMPETITIVITA DELLE IMPRESE Servizi per la nuova imprenditorialità Nel 2008 attraverso l istituzione dello Sportello Per l Impresa si sono maggiormente strutturati i servizi di accompagnamento e di sostegno allo start up. Il servizio si occupa di erogare le più importanti informazioni sia di tipo anagrafico sia di tipo promozionale necessarie per avviare una nuova impresa o utili per gestire fasi successive di sviluppo di attività già esistenti. Accorpando in sé l'urp e il Punto Nuova Impresa, lo sportello eroga l'assistenza di primo livello rivolta in particolare agli aspiranti imprenditori; si occupa inoltre di aiutare l'utente a gestire gli adempimenti burocratici verso la Camera con un'assistenza dedicata semplificando e velocizzando le risposte per gli utenti senza doversi recare in uffici diversi. Parallelamente permette di promuovere in maniera diffusa i servizi informativi e di accompagnamento alla nascita e allo sviluppo delle imprese. Con l'entrata in vigore di "ComUnica" lo sportello si occupa di assistere le piccole imprese nella compilazione della nuova pratica di iscrizione e/o di cancellazione al Registro Imprese ed al suo invio telematico tramite la piattaforma "Starweb". Attivitàe risultati 2013 n utenti dei servizi allo Sportello Per l Impresa n. 69 pratiche ComUnicainviate dallo Sportello Per l Impresa con l attività di assistenza 13

14 COMPETITIVITA DELLE IMPRESE Finanza, contributi e accesso al credito Il sostegno all accesso al credito ha rappresentato in questi anni una leva strategica di primaria importanza, cui il Sistema camerale e la Camera di Commercio di Lodi hanno risposto con una serie di importanti iniziative: Confiducia: la Camera di Commercio di Lodi ha vincolato a patrimonio la somma di ,00 (dei quali ,00 destinati al settore commercio) nel fondo di garanzia Confiducia, che ha rappresentato la prima misura di contrasto alla crisi posta in essere dal Sistema camerale lombardo, in accordo con Regione Lombardia e Confidi, finalizzata a fronteggiare le difficoltàdi accesso al credito delle imprese. Il fondo -con dotazione complessiva di 51 milioni di Euro -ha permesso di attivare oltre pratiche di finanziamento per complessivi 1,1 miliardi di Euro. Le pratiche per la nostra provincia hanno interessato 171 imprese. La Camera inoltre ha coperto l insolvenza di 3 imprese con una somma complessiva di ,00. Fondo di garanzia Federfidi FEI: la Camera ha apportato ,00 al fondo di garanzia costituito in collaborazione con Federfidi e Fondo Europeo degli Investimenti, finalizzato a garantire - fino alla misura dell 80% - i finanziamenti e gli investimenti delle imprese. Hanno beneficiato di tale garanzia 263 imprese lodigiane, delle quali 49 start-up. Fondo rotativo Sbloccacrediti: con questa iniziativa si èinteso ovviare alla difficoltàdei Comuni nel rispettare le scadenze dei pagamenti a favore delle imprese fornitrici di beni e servizi. Il progetto, realizzato con la collaborazione di ANCI Lombardia, ha messo a disposizione un fondo rotativo di 15 milioni di Euro, che ha permesso alle imprese di vedersi anticipare il credito vantato nei confronti dei Comuni. Fondo con BCC Centropadana: tale fondo ha messo a disposizione ,00 - dei quali ,00 di competenza della Camera e ,00 della Banca -finalizzati ad anticipare i crediti compresi tra ,00 e ,00 vantati dalle imprese nei confronti della Provincia di Lodi. 26 imprese hanno beneficiato dell iniziativa esaurendo le diponibilità del fondo. Bando tassi creditori: realizzato per agevolare le imprese creditrici della Provincia di Lodi mediante contributi in abbattimento tassi sugli importi anticipati dagli istituti di credito, ha visto una platea di 15 imprese del territorio beneficiarie. Bando tassi camerale: misura in abbattimento tassi di interesse per investimenti e liquidità che la Camera propone annualmente con proprie risorse ( ,00 nel quadriennio ) e che ha visto beneficiate 294 imprese della provincia. 14

15 ,00: risorse destinate a sostenere le imprese nel imprese hanno ottenuto contributi nel 2013, di cui 68 imprese hanno ottenuto un contributo in abbattimento tassi 45 per il Bando Start up 57 per il Bando Occupazione 74 per il Bando Fiere internazionali in Italia 52 per il Bando Voucher Internazionalizzazione 12 per il Voucher Innovazione 29 per il Bando «Comunicazione digitale» 5 per il Bando «Impresa digitale ICT» COMPETITIVITA DELLE IMPRESE Finanza, contributi e accesso al credito Inoltre 263 le imprese che hanno beneficiato di garanzia sui finanziamenti (accordo Federfidi-FEI) 15

16 COMPETITIVITA DELLE IMPRESE Proprietà industriale e innovazione Attivitàe risultati di interventi economici Per superare l ostacolo della piccola dimensione delle imprese innovative e delle contingenze che ne limitano le opportunità di innovazione, la Camera di Commercio di Lodi mette a disposizione delle imprese una rete qualificata di assistenza consulenziale, sostenendone l utilizzo da parte delle MPMI tramite Voucher ad hoc: Imprese beneficiarie Bando Voucher Innovazione: 12per ,00 Imprese beneficiarie Bando Impresa digitale ICT: 5 per ,00 Imprese beneficiarie Bando progetti di comunicazione digitale, finanziato con risorse provenienti da Convenzione Artigianato: 29 domande, di cui 2 finanziate per ,00 Nel corso del 2013 la Camera di Commercio di Lodi ha inoltre partecipato al progetto promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico e Unioncamere Nazionale per potenziare l Ufficio Marchi e brevetti. Il progetto ha permesso di realizzare 3 incontri formativi e informativi rivolti alle imprese/professionisti e di istituire un servizio, gratuito, di prima consulenza a cura dei consulenti in proprietà industriale che è stato utilizzato da 7 utenti. 16

17 COMPETITIVITA DELLE IMPRESE Formazione e valorizzazione del capitale umano e professionale Dal 2011 ad oggi la Camera ha attivato il confronto sui temi della formazione del capitale umano e del raccordo con il mondo della formazione scolastica e professionale, costituendo il Laboratorio territoriale per il raccordo tra la domanda e l offerta di lavoro, che annovera tutti i soggetti locali che, a vario titolo, rappresentano il mondo della formazione e dell imprenditoria. Oltre l obiettivo principale del raccordo tra istruzione, formazione e lavoro, gli obiettivi specifici del progetto consistono in attivitàvolte all emersione dei fabbisogni di professionalitàe le competenze necessarie allo sviluppo competitivo dei sistemi economici locali; interventi per favorire l inserimento lavorativo dei giovani e l incontro di domanda e offerta di formazione e lavoro (alternanza scuola lavoro etc.); pianificazione concertata e collaborazione ai progetti per l Orientamento degli studenti che devono scegliere i percorsi formativi o di ingresso nel mondo del lavoro (progetti Millestrade, OrientaLO). ATTIVITA SVOLTE N. DI ISTITUTI SCOLASTICI COINVOLTI N. DI IMPRESE COINVOLTE N. DI STUDENTI COLLOCATI IN STAGE/TIROCINIO

18 COMPETITIVITA DELLE IMPRESE Servizi per il turismo e i beni culturali Attivitàe risultati 34 Strutture hanno conseguito il marchio di Qualità Turistica Ospitalità Italiana» di ISNART (Istituto nazionale per le ricerche Turistiche) 21 Ristoranti 8 Alberghi 5 Agriturismi La Camera di Commercio di Lodi ha sostenuto nel corso degli anni decine di iniziative e manifestazioni finalizzate allo sviluppo del territorio, alla promozione dell economia e all attrazione turistica, in partenariato con i Comuni, le istituzioni, le Associazioni di categoria. Tra di esse: le Notti Bianche di Lodi, Lodi Vecchio, Casalpusterlengo e Codogno, la Rassegna Gastronomica, le Forme del Gusto, la Strada del Vino San Colombano e dei Sapori Lodigiani, l Autunno di Lodi, il Festival dei Comportamenti, il Distretto del Cicloturismo, il Sistema Museale Lodigiano. La Camera di Lodi propone annualmente un iniziativa di attrattività territoriale, realizzata in collaborazione con la Camera di Cremona, di accoglienza di tour operator esteri. 18

19 MERCATI GLOBALI Le azioni di sviluppo del mercato si concentrano in particolare verso una dimensione globale e internazionale, essendo fondamentali i mercati di sbocco esteri per consolidare la ripresa e aumentare la competitività delle imprese 19

20 MERCATI GLOBALI Servizi per il commercio estero I servizi per l estero sono obbligatori in quanto richiesti da Convenzioni internazionali o da Stati esteri. La loro erogazione rappresentaun alleggerimento dei costi per le imprese esportatrici. Attività e risultati 2013: certificati d origine 19 carnet ATA attestati di libera vendita 903 visti di poteri di firma 3 depositi listini 20

21 MERCATI GLOBALI Internazionalizzazione Attivitàe risultati 2013 La Camera di Commercio di Lodi è snodo della rete «Worldpass», diffusa su tutto il territorio nazionale, nonché, dal 2004, punto della rete LombardiaPoint. 306 utenti per le attività di informazione, consulenza, formazione e accompagnamento in tema di internazionalizzazione La Camera di Lodi può contare anche sull appoggio di 81Camere di Commercio Italiane all estero, 38 Camere Italo estere e 154 desk all estero per supportare le imprese lodigiane di interventi economici 23 azioni di supporto per favorire la partecipazione delle imprese lodigiane a fiere internazionali all estero 25 missioni economiche all esteroin paesi strategici per l economia lodigiana 74 imprese partecipanti a fiere internazionali in Italia 21

22 MERCATI GLOBALI Internazionalizzazione Attivitàe risultati 2013 Progetto LET GO! Un Export Manager al servizio delle imprese Per far fronte alle difficoltà nell affrontare i mercati esteri manifestate dalle MPMI lodigiane, che raramente dispongono di figure professionali specializzate e di una pianificazione mirata, è stato messo loro a disposizione un esperto in internazionalizzazione che prestasse la propria opera di Export Manager. Il progetto ha visto la partecipazione di 10 imprese del territorio, nell ambito delle quali tre sono state selezionate a beneficiare della presenza in azienda dell Export Manager. Tale figura ha concordato con le imprese stesse una strategia di internazionalizzazione, valorizzando le competenze interne e indicando le migliori azioni di sviluppo sui mercati esteri. 22

23 COMPETITIVITA DEL TERRITORIO La Camera di Commercio di Lodi è protagonista di una serie di azioni per migliorare le condizioni generali del contesto socio economico, al fine di favorire una crescita equilibrata del tessuto imprenditoriale. 23

24 COMPETITIVITA DEI TERRITORI Sviluppo locale, promozione territoriale e programmazione comunitaria Per sostenere le attivitàdell artigianato e i piccoli esercizi commerciali, la Camera ha avviato una serie di progetti ed iniziative, in collaborazione con i Comuni e le associazioni di categoria. Le attività poste in essere dal Distretto Urbano del Commercio di Lodi hanno tratto origine dalla convinzione che il Distretto sia un area con caratteristiche omogenee per le quali soggetti pubblici e privati propongono interventi di gestione integrata, nell interesse di uno sviluppo sociale, culturale ed economico e della valorizzazione ambientale del contesto urbano e territoriale cui appartengono. Senza considerare gli investimenti pubblici realizzati, il Distretto ha messo a disposizione degli operatori privati risorse complessive per ,00, finalizzate a finanziare interventi quali ristrutturazioni edilizie, riqualificazione estetica degli immobili, acquisto di arredi, interventi a favore della sicurezza, sviluppo tecnologico. Le imprese beneficiare sono state 52. Nel complesso sono stati effettuati interventi -pubblici e privati -per oltre 1,1 milioni di Euro. L esperienza dei Distretti Urbani è stata replicata con i Distretti Diffusi, nati dalla partnership tra Amministrazioni, operatori locali e associazioni di categoria: Basso Lodigiano (Casalpusterlengo, Codogno, Somaglia, Maleo, Fombio) Lodi Vecchio (Lodi Vecchio, Salerano, Pieve Fissiraga, Caselle Lurani, Casaletto Lodigiano) Sant Angelo Lodigiano (Sant Angelo Lodigiano, Graffignana, Castiraga Vidardo). 24

25 COMPETITIVITA DEI TERRITORI Informazione economica, studio e monitoraggio delle economie locali Attivitàe risultati Studi e ricerche effettuate dalla Camera di Commercio 6 Rapporti annuali sull economia locale 24 Note congiunturali sull andamento dei principali settori economici 6 Ricerche sui fabbisogni professionali delle imprese 16 Approfondimenti settoriali 4 Indagini sul clima di fiducia 105 Comunicati stampa di divulgazione dell informazione economica 400 Risposte alle richieste degli utenti 25

26 GIUDIZIO SULL EFFICIENZA DEGLI ENTI PIU UTILIZZATI DALLE IMPRESE 26

27 LA FUNZIONE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Fonte: Indagine di CustomerSatisfaction fra gli utenti della Camera di Commercio di Lodi (Rilevazione gennaio 2013-dicembre 2013 a cura dell URP Camera di Commercio di Lodi) Per valutare la funzione della Camera di Commercio, è stato chiesto di scegliere tra le espressioni utile o inutile al territorio, di facilitazione o complessa per il cliente, presente o lontana dalle imprese, lineare o burocratica nelle procedure, all'avanguardia o poco moderna nei sistemi. La Camera di Commercio viene riconosciuta come utile dal 90% dei rispondenti 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 90% UTILE/INUTILE 10% FACILITANTE/COMPLESSA 71% 70% 29% 30% PRESENTE/LONTANA 49% 51% LINERARE/BUROCRATICA 63% MODERNA/DATATA 37% Giudizio positivo Giudizio negativo 27

28 LA VALUTAZIONE COMPLESSIVA DEI SERVIZI EROGATI Fonte: Indagine di CustomerSatisfaction fra gli utenti della Camera di Commercio di Lodi (Rilevazione gennaio 2013-dicembre 2013 a cura dell URP Camera di Commercio di Lodi) E stato richiesto agli intervistati di esprimere un giudizio complessivo del livello di soddisfazione riscontrato nei confronti dei vari servizi ai quali hanno avuto occasione di rivolgersi presso l Ente. La valutazione espressa in relazione ai servizi erogati dalla Camera è di sostanziale soddisfazione: il giudizio medio relativo alla domanda è infatti pari a 3,49 in una scala da 1 a 5, dove è stato attribuito un voto superiore a 3 dall 88% degli intervistati. Risulta pertanto evidente una buona percezione da parte degli utenti del proprio livello di soddisfazione. 15% 6% 6% 38% 35% voto 1 voto 2 voto 3 voto 4 voto 5 28

La carta dei servizi al cliente

La carta dei servizi al cliente La carta dei servizi al cliente novembre 2013 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi dell ICE Agenzia si ispira alle direttive nazionali ed europee in tema di qualità dei servizi e rappresenta

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione XXI Registro delle Imprese Roma, 29 agosto 2014, prot.

Dettagli

La start-up innovativa

La start-up innovativa La start-up innovativa Guida sintetica per utenti esperti sugli adempimenti societari Per maggiori informazioni: http://startup.registroimprese.it Adempimenti amministrativi ed informazioni sulle nuove

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE UNICA

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE UNICA Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Asti CAMERE DI COMMERCIO DI ALESSANDRIA, ASTI, BIELLA, NOVARA,VERCELLI UFFICIO DEL REGISTRO DELLE IMPRESE GUIDA ALLA COMUNICAZIONE UNICA Marzo 2010

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria LE FIERE PER LA COMPETITIVITA E LO SVILUPPO DEL TESSUTO IMPRENDITORIALE LOMBARDO. INVITO A PRESENTARE PROGETTI DI INNOVAZIONE ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA FIERISTICO REGIONALE 1. Finalità pag.

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Registro Imprese La CANCELLAZIONE di: Imprese Individuali Società di Persone Società di Capitale dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Indice Introduzione pag. 3 Cancellazione

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO Pagina 1 di 7 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO DECRETO 12 febbraio 2015 Disposizioni applicative per l'attribuzione del credito d'imposta agli esercizi ricettivi, agenzie di

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

LA FORMAZIONE FINANZIATA CON I FONDI INTERPROFESSIONALI I VOUCHER FORMATIVI

LA FORMAZIONE FINANZIATA CON I FONDI INTERPROFESSIONALI I VOUCHER FORMATIVI LA FORMAZIONE FINANZIATA CON I FONDI INTERPROFESSIONALI I VOUCHER FORMATIVI I Fondi Paritetici Inteprofessionali nazionali nascono nel 2003 secondo quanto previsto dalla L. 388/2000, che consente alle

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013 LINEE GUIDA INVIO PRATICA TELEMATICA SPORTELLO CERC - ANNO 2013 1 INDICE 1. FASE PRELIMINARE pag.3 2. PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE pag.4 3. INVIO DELLA DOMANDA DI CONTRIBUTO pag.4 4. CREA MODELLO

Dettagli

PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO

PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO 10 ANNI DI PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO IN ITALIA INDICE DEI CONTENUTI 1 INDICE Introduzione Definizioni e procedure di PPP PARTE PRIMA 1. IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE 2. IL MERCATO DEL PARTENARIATO

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI

IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI - Manuale Operativo - www.finanziamenti-a-fondo-perduto.it COS E COME FUNZIONA Portale di aggiornamenti su agevolazioni ed incentivi che prevede: Servizio di ricerca online

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Lo Sportello Informativo on line La tua Regione a portata di mouse

Lo Sportello Informativo on line La tua Regione a portata di mouse UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Per favorire il dialogo con i cittadini la Regione Calabria lancia lo sportello informativo, il servizio on line che consente di avere, in tempi certi,

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN PREMESSO CHE: nell ambito delle rispettive competenze, hanno promosso la costituzione

PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN PREMESSO CHE: nell ambito delle rispettive competenze, hanno promosso la costituzione PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN OSSERVATORIO REGIONALE DEI PREZZI DEL MERCATO IMMOBILIARE E DEI COSTI DI MANUTENZIONE RISTRUTTURAZIONE E RESTAURO DELLE OPERE EDILI PREMESSO CHE: - La Camera

Dettagli

LINEA 61 MILANO M3 - SAN ROCCO AL PORTO

LINEA 61 MILANO M3 - SAN ROCCO AL PORTO LINEA 61 MILANO M3 - SAN ROCCO AL PORTO codice corsa 1 3 5 7 201 9 11 13 15 173 21 203 17 23 181 25 175 27 29 35 37 39 41 167 43 45 227 azienda STAR STAR LINE LINE LINE LINE STAR STAR STAR LINE STAR STAR

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

attività regolamentate BOVELACCI ANNELISA 50,00% -5,00% 45,00%

attività regolamentate BOVELACCI ANNELISA 50,00% -5,00% 45,00% Modifiche alle risorse umane rispetto il Piano Performance 2013 vers.1 approvato con Delibera di Giunta Camerale n. 15 del 31/01/2013 Tabella A) Codice Descrizione Nominativo Perc. Var. Totale 3.4.1.1

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli