Resoconto intermedio di Gestione al 31 Marzo 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Resoconto intermedio di Gestione al 31 Marzo 2013"

Transcript

1 Resoconto intermedio di Gestione al 31 Marzo 2013

2 INDICE DATI SOCIETARI COMPOSIZIONE DEGLI ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ORGANIGRAMMA DEL GRUPPO RELAZIONE INTERMEDIA SULLA GESTIONE ATTIVITÀ DEL GRUPPO RISULTATI DEL GRUPPO AL 31 MARZO 2013 PROCESSO DI QUOTAZIONE AL MTA DI BORSA ITALIANA FATTI DI RILIEVO SUCCESSIVI ALLA CHIUSURA DEL PERIODO EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE RAPPORTI CON PARTI CORRELATE CRITERI DI REDAZIONE PRINCIPI CONTABILI PROSPETTI CONTABILI SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANZIARIA CONSOLIDATA CONTO ECONOMICO COMPLESSIVO CONSOLIDATO RENDICONTO FINANZIARIO SINTETICO CONSOLIDATO ATTESTAZIONE AI SENSI DEL COMMA 2 ART. 154BIS TUF 1

3 DATI SOCIETARI Sede legale della Capogruppo Moleskine S.p.A. Viale Stelvio Milano Dati legali della Capogruppo Capitale sociale deliberato euro Capitale sociale sottoscritto e versato euro Registro Imprese di Milano n R.E.A. di Milano n C.F. e P. Iva

4 COMPOSIZIONE DEGLI ORGANI SOCIALI Consiglio di Amministrazione 1 Marco Ariello Arrigo Berni Philippe Claude Sevin Giuseppe Zocco Daniele Raynaud Fabio Brunelli Daniela Della Rosa Claudia Parzani Presidente Amministratore Delegato Amministratore Amministratore Amministratore Amministratore Amministratore Amministratore Collegio Sindacale 2 Paola Maiorana Presidente Rocco Santoro Sindaco Effettivo Roberto Spada Sindaco Effettivo Sabrina Pugliese Sindaco Supplente Cristiano Proserpio Sindaco Supplente Società di revisione PricewaterhouseCoopers SpA 1 Il Consiglio di Amministrazione della Società, in carica alla data di approvazione del presente resoconto intermedio sulla gestione chiuso al 31 marzo 2013, risulta nominato dall'assemblea ordinaria della Società in data 28 novembre 2012 e in data 7 marzo 2013 per un periodo di 3 esercizi, avente efficacia a far data dall'avvio delle negoziazioni delle azioni della Società sul MTA. 2 Il Collegio Sindacale della Società, in carica alla data di approvazione del presente resoconto intermedio sulla gestione chiuso al 31 marzo 2013, risulta nominato dall'assemblea ordinaria della Società in data 28 novembre 2012 per un periodo di tre esercizi, avente efficacia a far data dall'avvio delle negoziazioni delle azioni della Società sul MTA. 3

5 STRUTTURA DEL GRUPPO Il Gruppo include, oltre alla capogruppo Moleskine S.p.A. ( Moleskine Moleskine o la Società ), la società Moleskine America, Inc. ( Moleskine America ), controllata direttamente al 100% con sede in New York, 210 Eleventh Avenue, Suite 1004, la società Moleskine Asia Ltd ( Moleskine Asia ), avente sede ad Hong Kong, Suite 3202A, 32/F, The Centrium, partecipata direttamente al 100% dalla Società. In data 24 luglio 2012 è stata costituita una società interamente controllata dal Gruppo attraverso la società Moleskine Asia, denominata Moleskine Trade and Commerce Shanghai Co. Ltd, con sede legale in Shanghai, 500 Xiangyang Road South, Suite 1406 Xuhui District ( Moleskine Shanghai ). La seguente rappresentazione grafica mostra la composizione del Gruppo e le partecipazioni detenute da Moleskine con l'indicazione delle relative percentuali di partecipazione. Moleskine SpA Moleskine America 100% Moleskine Asia 100% Moleskine Shanghai 100% 4

6 ORGANIGRAMMA DEL GRUPPO Di seguito si riporta l organigramma funzionale di Gruppo al 31 marzo 2013: CEO Internal Auditor Sales & Marketing Ex. Director Brand Equity Ex. Director Product Dev. Ex. Director CFO Operations Director Digital Business Director HR Director 5

7 RELAZIONE INTERMEDIA SULLA GESTIONE 6

8 ATTIVITÀ DEL GRUPPO PREMESSA Con riferimento al trimestre chiuso al 31 marzo 2013, le informazioni numeriche inserite nel presente resoconto ed i commenti ivi riportati hanno l obiettivo di fornire una visione della situazione patrimoniale, finanziaria ed economica del Gruppo, delle relative variazioni intercorse nel periodo di riferimento, nonché degli eventi significativi che si sono verificati influenzando il risultato del periodo. CONDIZIONI OPERATIVE E SVILUPPO DELLE ATTIVITÀ Moleskine è il brand attraverso il quale il Gruppo sviluppa, distribuisce e vende una famiglia di oggetti che costituiscono piattaforme aperte per la creatività e la comunicazione, contribuendo allo sviluppo e alla condivisione della cultura e del sapere, in stretta connessione con il mondo digitale. I prodotti e i servizi del Gruppo sono organizzati in 3 linee: i) collezioni paper ( Collezioni Paper ) cioè i prodotti su carta, quali taccuini, agende, prodotti home-office e gift, ii) collezioni writing, travelling & reading ( Collezioni WTR ), cioè oggetti per la scrittura, il viaggio e la lettura, quali penne, matite, borse, occhiali da vista, lampade per lettura, lanciate alla metà del 2011, e iii) prodotti e servizi digitali ( Digital ), quali template, applicazioni per smart-phone e tablet e un marketplace virtuale, la nuova linea di Smart Notebook sviluppata in collaborazione con Evernote recentemente introdotta (ottobre 2012) oltre alla realizzazione di un servizio di Print-On-Demand realizzato attraverso la partnership con il fornitore Milk Books. Il Gruppo distribuisce i propri prodotti in circa 90 Paesi: i) indirettamente attraverso una rete di 51 distributori (c.d. canale B2C) che serve librerie, department stores, specialty stores, cartolerie, musei (c.d. retailer); e ii) direttamente a) tramite la propria struttura commerciale per le edizioni personalizzate rivolte ad una clientela business (c.d. B2B), b) mediante il proprio sito internet (e-commerce), e c) tramite una rete retail composta da 12 negozi monomarca, 4 in Cina, 6 in Italia, 1 nel Regno Unito e 1 in USA. 7

9 Attività svolte dal Gruppo per l incremento della notorietà della marca Nel corso del primo trimestre 2013 le attività svolte a sostegno della notorietà della marca si sono manifestate in termini di supporto di comunicazione all apertura dei nuovi negozi diretti (c.d. DOS - Directly Operated Stores), nonché di supporto ai nuovi lanci sia di prodotti a base carta, prodotti e servizi digitali e oggetti delle collezioni Writing, Travelling e Reading. Inoltre il Gruppo ha aderito a numerose iniziative sia in ambito analogico, attraverso la partecipazione a una serie di eventi finalizzati ad evidenziare l efficacia della carta quale strumento di direct marketing, tra cui la campagna Print Power rivolta a art director e professionisti della comunicazione, sia in ambito digitale attraverso, ad esempio, la partecipazione al SXSW, il più importante festival di cultura digitale e di musica negli Stati Uniti. In aggiunta a tali iniziative si segnala la partecipazione alla Munich Creative Business Week nonché la partecipazione all Hong Kong International Film Festival. Ampliamento della distribuzione della marca Coerentemente con la strategia di accrescimento della distribuzione della marca, il Gruppo ha incrementato il numero di punti di vendita relativi al canale Wholesale B2C. Inoltre, l introduzione delle Collezioni WTR ha contribuito al significativo incremento delle vendite realizzate tramite il canale Retail. Il Gruppo ha infatti avviato una strategia di apertura di negozi diretti monomarca, attraverso i quali vengono distribuite direttamente ai consumatori finali tutte le categorie di prodotti Moleskine. Nel primo trimestre 2013 sono stati aperti 3 nuovi DOS, 1 in Italia (Aeroporto di Linate), 1 nel Regno Unito (Aeroporto di Heathrow Terminal 4) ed 1 negli Stati Uniti (New York, presso la prestigiosa location Time Warner Center). Ampliamento della gamma di prodotti offerti Il Gruppo ha proseguito anche nel corso del primo trimestre 2013 nel percorso di innovazione e sviluppo di nuovi prodotti. In particolare il Gruppo ha ampliato e arricchito l assortimento di prodotti attraverso il lancio di nuove Collezioni sia Paper che WTR, sia in termini di ampiezza che di profondità della gamma di prodotti offerti, con il duplice obiettivo di aumentare la varietà del portafoglio prodotti, nonché di raggiungere nuovi target di mercato. Tra i lanci più significativi si sottolinea, per le Collezioni Paper, l introduzione dei notebook colorati, il lancio delle agende 12 mesi colorate nel formato pocket e il lancio dei Black Page 8

10 Album, mentre per le Collezioni WTR si evidenzia il lancio di una nuova gamma di strumenti di scrittura, nonché di una serie di varianti dei multipurpose cases. Si ricorda infine, nell ambito delle cosiddette Limited Editions, il lancio dei taccuini Mickey Mouse, frutto dell accordo di licencing con la Walt Disney Company, nonché le agende 12 mesi LEGO, Star Wars e Piccolo Principe. 9

11 RISULTATI DEL GRUPPO AL 31 MARZO 2013 Nelle seguenti tabelle si riporta i) il prospetto di conto economico consolidato di sintesi al 31 marzo 2013, comparato con il corrispondente periodo dell esercizio precedente, ii) lo schema riclassificato per fonti e impieghi della situazione patrimoniale al 31 marzo 2013, comparato con il 31 dicembre 2012, nonché iii) il dato relativo agli investimenti e al flusso di cassa operativo relativi al primo trimestre 2013, comparato con i medesimi dati riferiti al 31 marzo Conto economico consolidato di sintesi Variazioni 2013 vs 2012 Valori in migliaia di Euro e percentuale sui ricavi % % % Ricavi ,0% ,0% ,0% EBITDA (1) ,4% ,3% (2.631) (50,4%) Risultato operativo ,1% ,2% (2.711) (55,1%) Risultato netto ,7% ,7% (1.557) (57,9%) Ricavi Adjusted (2) ,0% ,0% ,5% EBITDA Adjusted (3) ,0% ,8% 508 9,7% Risultato operativo Adjusted (3) ,7% ,7% 428 8,7% Risultato netto Adjusted (3) ,8% ,0% ,5% 1. L EBITDA è definito dal Gruppo come risultato operativo (EBIT) al lordo degli ammortamenti e svalutazioni di attività non correnti. L EBITDA non è identificato come misura contabile nell ambito degli IFRS e, pertanto, non deve essere considerato misura alternativa per la valutazione dell andamento del risultato operativo del Gruppo. Poiché la composizione dell EBITDA non è regolamentata dai principi contabili di riferimento, il criterio di determinazione applicato dal Gruppo potrebbe non essere omogeneo con quello adottato da altri e quindi non comparabile. 2. I Ricavi Adjusted rappresentano i ricavi di conto economico al netto dei ricavi derivanti dalla cessione dei sistemi espositivi (displays), dell effetto netto degli utili e perdite su cambi sulle vendite e degli altri ricavi e proventi non afferenti la gestione caratteristica. 3. L EBITDA Adjusted, il Risultato operativo Adjusted e il Risultato netto Adjusted, si riferiscono a grandezze al netto dell effetto degli oneri non ricorrenti. * * * Situazione patrimoniale riclassificata per fonti e impieghi Valori in migliaia di Euro Situazione al 31 marzo dicembre 2012 Capitale circolante netto Attività non correnti Passività correnti e non correnti (13.264) (16.826) Capitale investito netto Indebitamento finanziario netto Patrimonio netto Fonti di finanziamento

12 Altri dati di sintesi Valori in migliaia di Euro Situazione al 31 marzo marzo 2012 Investimenti (4) Flusso di cassa operativo Gli Investimenti sono riferiti agli investimenti lordi in attività materiali e immateriali. * * * Di seguito è riportata la modalità di costruzione di taluni indicatori adjusted, al fine di rappresentare l andamento gestionale del Gruppo, al netto di eventi non ricorrenti e non core. Tali indicatori riflettono le principali grandezze economiche del Gruppo depurate da fattori straordinari, non ricorrenti, non strettamente correlabili all attività e alla gestione caratteristica e permettono quindi un analisi della performance del Gruppo in modo più omogeneo nei periodi rappresentati. I Ricavi Adjusted sono calcolati dal Gruppo come segue: Valori in migliaia di Euro Ricavi Ricavi per display (78) (144) Effetto cambi su vendite (421) (127) Altri ricavi e proventi Ricavi adjusted L EBITDA Adjusted è calcolato dal Gruppo come segue: Valori in migliaia di Euro EBITDA Costi accessori al processo di quotazione (5) Costi di rinegoziazione del Facility Agreement 291 Altre consulenze e oneri diversi non ricorrenti 305 Totale oneri non ricorrenti e non strettamente correlabili all attività e alla gestione caratteristica EBITDA Adjusted (5) Si segnala che tali costi non rientrano nella fattispecie prevista dallo IAS 32. Con riferimento invece al trattamento contabile che sarà adottato in merito ai costi di quotazione sospesi al 31 marzo 2013, questi verranno imputati a Patrimonio Netto in ragione del rapporto tra numero di nuove azioni emesse e numero di azioni esistenti successivamente all operazione di quotazione. La parte restante, sarà iscritta a conto economico. 11

13 L EBIT Adjusted è calcolato dal Gruppo come segue: Valori in migliaia di Euro Risultato operativo (EBIT) Totale oneri non ricorrenti e non strettamente correlabili all attività e alla gestione caratteristica (6) Risultato operativo (EBIT) Adjusted (6) Si rimanda alla riconciliazione dell EBITDA Adjusted Il Risultato netto Adjusted è calcolato dal Gruppo come segue: Valori in migliaia di Euro Risultato netto Totale oneri non ricorrenti e non strettamente correlabili all attività e alla gestione caratteristica (7) Effetto imposte (1.032) - Risultato netto Adjusted (7) Il Risultato netto adjusted è quindi calcolato al netto dell effetto degli oneri non ricorrenti e del relativo effetto fiscale. 12

14 ANALISI DEI RICAVI Ricavi per canale distributivo e linea di prodotto Nelle seguenti tabelle sono evidenziati i Ricavi ed i Ricavi adjusted suddivisi per canale distributivo e linea di prodotto relativi ai trimestri chiusi al 31 marzo 2013 e 2012: Valori in migliaia di Euro Ricavi per canale distributivo Variazioni 2013 vs 2012 % % % Distribuzione indiretta Ricavi Wholesale B2C ,5% ,9% ,3% Distribuzione diretta Ricavi B2B ,9% ,0% ,2% Ricavi E-commerce 787 4,7% 441 3,1% ,5% Ricavi Retail (1) 494 2,9% - 0,0% 494 n.a. Totale ricavi ,0% ,0% ,0% Valori in migliaia di Euro Ricavi per linea di prodotto Variazioni 2013 vs 2012 % % % Collezioni Paper ,7% ,6% ,5% Collezioni WTR ,3% ,4% 18 1,5% Totale ricavi ,0% ,0% ,0% (1) l attività di Retail ha avuto inizio nel mese di giugno Valori in migliaia di Euro Ricavi Adjusted per canale distributivo Distribuzione indiretta Variazioni 2013 vs 2012 % % % Ricavi Wholesale B2C ,9% ,6% 838 7,3% Distribuzione diretta Ricavi B2B ,2% ,3% ,8% Ricavi E-commerce 805 4,9% 439 3,1% ,4% Ricavi Retail (1) 495 3,0% - 0,0% 495 n.a. Totale ricavi adjusted ,0% ,0% ,5% 13

15 Valori in migliaia di Euro Ricavi Adjusted per linea di prodotto 2013 vs 2012 Variazioni % % % Collezioni Paper ,7% ,6% ,0% Collezioni WTR ,3% ,4% 1 0,1% Totale ricavi adjusted ,0% ,0% ,5% I ricavi passano da Euro migliaia nel primo trimestre 2012 a Euro migliaia nel primo trimestre 2013, con un incremento pari a Euro migliaia, corrispondente al 17,0%. Tale crescita è stata determinata dall effetto combinato dell incremento dei volumi, al mix canale distributivo e marginalmente all aumento dei prezzi. L incremento dei ricavi rispetto al corrispondente periodo dell esercizio precedente si è manifestato con riferimento a tutti i canali di vendita ed è stato determinato in maniera rilevante dall acquisizione di nuovi clienti, nonché dalla continua introduzione di nuovi prodotti, come meglio descritto nel seguente paragrafo. Distribuzione indiretta Per quanto concerne il canale Wholesale B2C, i ricavi hanno registrato un incremento di Euro migliaia, passando da Euro migliaia nel primo trimestre 2012 a Euro migliaia nel primo trimestre 2013 (+9,3%). Tale variazione è riconducibile, i) allo sviluppo della rete distributiva ii) all incremento degli spazi sul punto vendita (visual merchandising) tra cui si segnala l installazione di 16 nuovi Atelier nel corso del primo trimestre 2013 e delle attività svolte dal Gruppo al fine di accrescere la notorietà della marca Moleskine, già richiamate in precedenza, nonché iii) al proseguimento dell attività di sviluppo e ampliamento della gamma prodotti. Distribuzione diretta Per quanto riguarda i ricavi del canale B2B, gli stessi hanno registrato un incremento di Euro 536 migliaia, passando da Euro migliaia nel primo trimestre 2012 a Euro migliaia nel primo trimestre 2013 (+23,2%). La crescita dei ricavi è riconducibile principalmente all aumento dei volumi di vendita e quindi del numero di commesse rispetto all esercizio precedente. Per quanto concerne il canale e-commerce, i ricavi sono passati da Euro 441 migliaia nel primo trimestre 2012 a Euro 787 migliaia nel primo trimestre 2013, registrando un incremento del 78,5% per l effetto combinato dell aumento del traffico di visitatori sul sito e- commerce, nonché del tasso di conversione delle visite sul sito in acquisti. 14

16 Con riferimento al canale Retail, il Gruppo, nel corso del primo trimestre 2013, ha proseguito nell implementazione della strategia, inaugurata nel corso dell esercizio 2012, di apertura di DOS attraverso i quali vengono distribuite direttamente ai consumatori finali tutte le categorie di prodotti Moleskine. L apertura di questi punti vendita risponde alla strategia del Gruppo di garantire al consumatore finale l ampiezza e la profondità di assortimento e allo stesso tempo promuovere la conoscenza della marca e dei suoi prodotti, a beneficio dell intera rete distributiva. I ricavi generati nel corso del primo trimestre 2013 attraverso questo nuovo canale sono pari a Euro 494 migliaia. Collezione Paper Con riferimento alla gamma dei prodotti offerti nell ambito della Collezione Paper, il Gruppo ha proseguito anche nel primo trimestre dell esercizio 2013 con l introduzione di nuovi prodotti e in particolare con il lancio dei notebook colorati nei formati Pocket e Large, il lancio delle agende 12 mesi colorate nel formato Pocket e l introduzione di un nuovo layout turntable, ovvero utilizzabile sia in orizzontale che in verticale, indirizzato soprattutto ad un target accademico, nonché il lancio di nuove Limited Editions, tra cui i taccuini Mickey Mouse, su licenza della Disney. Collezione WTR Con riferimento alla gamma dei prodotti offerti nell ambito della Collezione WTR, nel corso del primo trimestre 2013 il Gruppo ha lanciato una serie di varianti alle multipurpose cases, lo Smartphone case e una nuova gamma di strumenti di scrittura Ricavi per area geografica Nella tabella seguente sono evidenziati i Ricavi ed i Ricavi Adjusted suddivisi per area geografica relativi agli esercizi chiusi al 31 marzo 2013 e 2012: Valori in migliaia di Euro Ricavi per area geografica 2013 vs 2012 Variazioni % % % EMEA (Europa, Medio Oriente, Africa) ,1% ,4% ,4% Americas (USA, Canada, America Latina) ,4% ,4% ,8% APAC (Asia Pacific) ,5% ,2% ,7% Ricavi ,0% ,0% ,0% 15

17 Valori in migliaia di Euro Ricavi Adjusted per area geografica 2013 vs 2012 Variazioni % % % EMEA (Europa, Medio Oriente, Africa) ,5% ,5% ,1% Americas (USA, Canada, America Latina) ,8% ,2% ,4% APAC (Asia Pacific) ,7% ,3% ,9% Ricavi Adjusted ,0% ,0% ,5% L area EMEA ha generato ricavi per Euro migliaia nel primo trimestre 2013 (Euro migliaia nel primo trimestre 2012) in aumento di Euro migliaia (+ 16,4%) rispetto al corrispondente periodo dell esercizio precedente. L area Americas ha evidenziato un incremento delle vendite rispetto al periodo precedente di Euro 979 migliaia (+16,8%). Tale incremento è in parte riconducibile all aumento dei volumi di vendita e in parte dovuto all effetto favorevole dell andamento del tasso di cambio euro/dollaro, come si evince dallo scostamento dei ricavi adjusted in cui l incremento si attesa a Euro 651 migliaia (+ 11.4%) rispetto al corrispondente periodo dell esercizio precedente. Infine, l area APAC ha registrato un incremento di Euro 403 migliaia (+19,7%). Tale incremento è principalmente riconducibile alle buone performance del mercato giapponese, dovute in particolare all avvio di nuove importanti commesse nel canale B2B. RISULTATI OPERATIVI La presente tabella sintetizza gli indicatori di profittabilità operativa EBITDA e Risultato operativo: Valori in migliaia di Euro e percentuale sui ricavi Risultato operativo (EBIT) Ammortamenti e svalutazioni EBITDA (*) Oneri non ricorrenti EBITDA Adjusted % dei ricavi adjusted 35,0% 36,8% (*) L EBITDA è definito dal Gruppo come risultato operativo (EBIT) al lordo degli ammortamenti e svalutazioni di attività non correnti. L EBITDA non è identificato come misura contabile nell ambito degli IFRS e, pertanto, non deve essere considerato misura alternativa per la valutazione dell andamento del risultato operativo del Gruppo. Poiché la composizione dell EBITDA non è regolamentata dai principi contabili di riferimento, il criterio di determinazione applicato dal Gruppo potrebbe non essere omogeneo con quello adottato da altri e quindi non comparabile. L EBITDA è passato da Euro migliaia, per il primo trimestre 2012, a Euro migliaia, per il primo trimestre 2013, principalmente per effetto degli oneri non ricorrenti accessori all operazione di quotazione presso il Mercato Telematico Azionario di Borsa Italiana S.p.A, operazione conclusasi il 3 aprile

18 L EBITDA adjusted si attesta a Euro migliaia, pari al 35,0% dei Ricavi adjusted, in crescita del 9,7% rispetto al medesimo periodo precedente, ma in diminuzione del 1,8% in termini percentuali rispetto al primo trimestre Tale evoluzione è spiegata dalla maggior incidenza percentuale dei costi operativi totali, che al netto degli oneri non ricorrenti, nei primi tre mesi del 2013 si incrementano di Euro migliaia, attestandosi al 68,6% dei Ricavi rispetto al 66,0% del primo trimestre Si segnala che su tali voci di costo hanno influito i maggiori costi sostenuti nel corso del trimestre 2013 relativi all incremento del costo del personale conseguente all ingresso di figure manageriali a sostegno della crescita di Gruppo, allo sviluppo del canale retail, nonché ai crescenti investimenti a sostegno delle iniziative di visual merchandising. Il Risultato operativo, anch esso influenzato dalle dinamiche sopra citate, è passato da Euro migliaia, per il primo trimestre 2012, a Euro migliaia, per il primo trimestre Si riporta di seguito l analisi congiunta dei costi per prodotti finiti, materie prime e materiali di consumo e dei costi per lavorazioni esterne per il primo trimestre 2013 e 2012, rapportati ai Ricavi, approccio che permette di cogliere meglio le dinamiche con cui tali costi maturano ed incidono. Variazioni 2013 vs 2012 Valori in migliaia di Euro e percentuale sui ricavi % % % - Costi per prodotti finiti, materie prime e materiali di consumo ,3% ,6% ,9% - Lavorazioni 268 1,6% 273 1,9% (5) -1,8% Totale ,8% ,5% ,0% Considerando congiuntamente le evoluzioni delle due voci di costo, si evidenzia che la loro incidenza sui Ricavi si riduce rispetto al periodo intermedio precedente (27,5% nel 2012 e 25,8% nel 2013). Tale miglioramento deriva principalmente dall incremento dei prezzi di vendita guidato anche dalla variazione del mix prodotto e dalla contestuale riduzione dei costi di acquisto. 17

19 INVESTIMENTI Gli investimenti in attività materiali del primo trimestre 2013, pari ad Euro 383 migliaia, si riferiscono principalmente alle nuove installazioni di strutture espositive all interno dei punti vendita, soprattutto sul mercato americano, nonché ai mobili d ufficio e arredi e alle migliorie relative all ampliamento della sede della Moleskine. Gli investimenti in attività immateriali intervenuti nel primo trimestre 2013, pari ad Euro 455 migliaia, sono prevalentemente riferiti agli sviluppi delle piattaforme IT per la gestione integrata dello stock, e per la gestione dei punti vendita retail. Con riferimento al 31 marzo 2012, gli investimenti in attività materiali, pari ad Euro 190 migliaia, sono in gran parte ascrivibili all acquisto degli stampi per la produzione delle nuove collezioni WTR, mentre gli investimenti in attività immateriali, pari ad Euro 197 migliaia, sono principalmente correlati agli sviluppi software attinenti il sito di e-commerce. GESTIONE FINANZIARIA Si riporta di seguito il dettaglio della composizione dell indebitamento finanziario netto al 31 marzo 2013 e al 31 dicembre 2012, determinato secondo quanto previsto dalla Comunicazione Consob n del 28 luglio 2006 e in conformità con le Raccomandazioni ESMA/2011/81: Valori in migliaia di Euro Situazione al Indebitamento finanziario netto 31 marzo dicembre 2012 A. Cassa B. Altre Disponibilità Liquide - - C. Titoli detenuti per la negoziazione - - D. Liquidità (A) + (B) + (C) E. Crediti finanziari correnti - - F. Debiti bancari correnti - - G. Parte corrente dell'indebitamento non corrente (11.884) (9.879) H. Altri debiti finanziari correnti (460) (53) I. Indebitamento finanziario corrente (F) + (G) + (H) (12.344) (9.932) J. Indebitamento finanziario corrente netto (I) + (E) + (D) (1.943) (2.724) K. Debiti bancari non correnti (41.015) (39.895) L. Obbligazioni emesse - - M. Altri debiti non correnti (862) (887) N. Indebitamento finanziario non corrente (K) + (L) + (M) (41.877) (40.782) O. Indebitamento Finanziario Netto (J) + (N) (43.820) (43.506) L indebitamento finanziario netto al 31 marzo 2013 è sostanzialmente in linea con quello al 31 dicembre Si precisa che, con riferimento al Facility Agreement, in data 4 aprile 2013 la Società ha effettuato un rimborso in linea capitale pari ad Euro migliaia, sulla base dell accordo modificativo sottoscritto tra le parti in data 15 febbraio Tale rimborso è stato effettuato anche tramite l utilizzo dei proventi dell IPO. Si rimanda alla successiva nota Fatti di rilievo successivi alla chiusura del periodo per ulteriori dettagli in merito. 18

20 Con riferimento all evoluzione dell indebitamento finanziario netto si riporta di seguito la relativa incidenza rispetto all EBITDA Adjusted dei 12 mesi precedenti, da cui si evince un miglioramento di 1 punto percentuale. Valori in migliaia di Euro Situazione al 31 marzo dicembre 2012 Indebitamento finanziario netto EBITDA Adjusted 12 mesi precedenti (LTM) Indebitamento finanziario netto/ebitda Adjusted LTM 1,29 1,30 PROCESSO DI QUOTAZIONE AL MTA DI BORSA ITALIANA La Moleskine ha presentato a Borsa Italiana domanda di ammissione alla quotazione delle proprie azioni sul Mercato Telematico Azionario, nonché domanda per il riconoscimento della qualifica di STAR. Borsa Italiana, con provvedimento n.7663 dell 11 marzo 2013, ha disposto l ammissione alla quotazione sul Mercato Telematico Azionario delle azioni della Società e ha attribuito alla Società la qualifica di STAR, previa verifica della sussistenza dei requisiti di capitalizzazione e diffusione tra il pubblico stabiliti dall art del Regolamento di Borsa e delle Istruzioni di Borsa. Per le informazioni relative all Offerta Globale si rimanda a quanto contenuto nel Prospetto Informativo pubblicato presso il sito della Società al seguente indirizzo: Il giorno 3 aprile 2013 è stato il primo giorno di negoziazione delle azioni della Società sul Mercato Telematico Azionario, segmento STAR. Si segnala che in data 9 aprile 2013 è stata iscritta al Registro delle Imprese di Milano l attestazione dell avvenuta esecuzione dell aumento di capitale sociale deliberato con assemblea straordinaria del 22 febbraio Pertanto il capitale sociale di Moleskine S.p.A. ammonta a Euro suddiviso in di azioni ordinarie, senza indicazione del valore nominale. 19

21 FATTI DI RILIEVO SUCCESSIVI ALLA CHIUSURA DEL PERIODO Oltre al processo di quotazione sopra descritto, tra i fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura del primo trimestre 2013, si segnala che in data 4 aprile 2013 la Società ha proceduto al rimborso parziale del finanziamento derivante dal cosiddetto Facility Agreement stipulato in data 15 luglio 2011 con GE Capital S.p.A., Banca Popolare di Milano S.c.a.r.l, e Banco Popolare di Lodi (oggi Banco Popolare Soc Coop), per originari Euro ,00. In tale data la Società ha effettuato un rimborso in linea capitale pari ad Euro migliaia, oltre ad interessi, pari ad Euro 368 migliaia, sulla base dell accordo modificativo sottoscritto tra le parti in data 15 febbraio Per effetto di tale rimborso, il debito residuo nei confronti del pool di banche sopra menzionato ammonta ad Euro ,00 e risulta regolato dal nuovo Facility Agreement come modificato e integrato in data 4 aprile Di seguito si riportano le principali condizioni del suddetto finanziamento: Periodicità di rimborso rate capitale: trimestrale Ultima data di rimborso: 31 marzo 2016 Periodicità di pagamento degli interessi: trimestrale, con decorrenza 4 Aprile 2013 Tasso di interesse: Euribor a 3 mesi oltre a spread contrattualmente previsto Financial covenants: sono previsti 3 parametri finanziari (c.d. covenants) che devono essere verificati al 30 giugno ed al 31 dicembre di ciascun esercizio di validità del contratto. Si segnala, inoltre, che in conseguenza del rimborso di cui sopra, la Società sta procedendo alla rinegoziazione degli strumenti derivati Interest Rate Swaps stipulati a copertura del debito di originari Euro ,00. Tra gli altri eventi di rilievo intervenuti dopo la chiusura del primo trimestre 2013, si segnala in data 8 aprile 2013 l apertura di un nuovo punto vendita monomarca all interno dell Areoporto di Malpensa presso il Terminal 1 area partenze Shengen e in data 12 aprile 2013 l apertura di uno shop in shop all interno del department store Coin di Firenze. Inoltre sono stati siglati accordi commerciali per l apertura di altri punti vendita la cui inaugurazione avverrà nei prossimi mesi del 2013 in Italia (Roma Fiumicino 2, Milano Malpensa area exte-shengen) e Cina (Shangai IFC Mall, Kerry Center, IAPM Mall e Bejing Sanlitun Village). Il numero complessivo dei monomarca diretti Moleskine, con queste nuove aperture, sarà pari a venti (10 in Italia, 8 in Cina, 1 in USA, 1 nel Regno Unito). Tra gli eventi più significativi del canale digital si segnala la collaborazione con la società americana FiftyThree Inc., iniziativa di co-marketing che associa una della applicazioni 20

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2012

Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2012 Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 311 dicembre 2012 BILANCIO SEPARATO DADA A S.P..A. E CONSOLIDATO GRUPPO DADA AL 31 DICEMBRE 2012 (REDATTO SECONDO I PRINCIPI

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

TXT e-solutions Group. Resoconto intermedio di gestione

TXT e-solutions Group. Resoconto intermedio di gestione TXT e-solutions Group Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015 TXT e-solutions S.p.A. Sede legale, direzione e amministrazione: Via Frigia, 27 20126 Milano Capitale sociale: Euro 5.911.932 interamente

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro e l EBIT in crescita del 7% a 0,9 miliardi di euro. L Indebitamento netto industriale si è attestato a 11,4 miliardi

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A.

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A. DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Il è stato redatto ai sensi della Deliberazione Consob n. 11971 del 14 maggio 1999, come successivamente modificato e integrato, e dell art. 4 del Regolamento (CE) n. 809/2004

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013 COMUNICATO STAMPA Milano, 28 aprile 2015 SAES Group: l Assemblea approva il bilancio 2014 Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTREE 212: Ricavi consolidati a 22, mln (+ 5% vs v Q1 211 1 ) MOL 2 a 3,11 mln

Dettagli

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete.

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete. Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 212: : Ricavi consolidati a 43,6 mln (+ 8% vs 1 semestre 211 1 ) MOL 2 a 6,1

Dettagli

Relazione finanziaria annuale gruppo tamburi investment partners 2013

Relazione finanziaria annuale gruppo tamburi investment partners 2013 GRUPPO TAMBURI INVESTMENT PARTNERS Relazione finanziaria annuale gruppo tamburi investment partners 2013 Pagina 1 GRUPPO TAMBURI INVESTMENT PARTNERS INDICE Organi sociali 3 Relazione sull andamento della

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Relazione del collegio

Relazione del collegio Relazione del collegio revisori i dei conti RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI SUL RENDICONTO DELL'ESERCIZIO 2013 DEL PARTITO "IL POPOLO DELLA L1BERTA'" Il Collegio dei revisori composto dai

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2014

Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2014 Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppoo Dada al 311 dicembre 2014 PROGETTO BILANCIO SEPARATO DADAA S.P..A. E CONSOLIDATO GRUPPO DADA AL 31 DICEMBRE 2014 (REDATTO SECONDO I PRINCIPI

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

MAILUP S.P.A. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014

MAILUP S.P.A. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014 MAILUP S.P.A. Reg. Imp. 01279550196 Rea 1743733 Sede in VIALE FRANCESCO RESTELLI 1-20124 MILANO (MI) Capitale sociale Euro 200.000,00 i.v. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli