MARCO AVIDANO. Java. per. Robot. Programmazione di base e applicazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MARCO AVIDANO. Java. per. Robot. Programmazione di base e applicazioni"

Transcript

1 MARCO AVIDANO Java per Robot Programmazione di base e applicazioni

2

3 Marco Avidano Java per Robot Programmazione di base e applicazioni EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO

4 UN TESTO PIÙ RICCO E SEMPRE AGGIORNATO Nel sito sono disponibili: materiali didattici integrativi; eventuali aggiornamenti dei contenuti del testo. Copyright Ulrico Hoepli Editore S.p.A Via Hoepli 5, Milano (Italy) tel fax Tutti i diritti sono riservati a norma di legge e a norma delle convenzioni internazionali

5 Indice Presentazione 6 Modulo 1 - Introduzione 7 U.D. 1 - Introduzione a Java e alla robotica Che cos è Java Che cos è la robotica Java Virtual Machine Che cos è la programmazione a oggetti Principi della programmazione a oggetti Java sull NXT Il firmware lejos 11 Esercizi 12 U.D. 2 - Predisposizione dell ambiente di sviluppo Editor semplice e compilazione manuale Installazione del Java Development Kit (JDK) Primo programma Java: Hello world Eclipse: installazione e configurazione Primo progetto Eclipse: Hello eclipse Installare lejos e aggiornare il firmware dell NXT Ripristino del firmware Lego originale Strumenti di lejos Compilazione manuale di un programma Java per NXT Primo programma Java per NXT: Hello NXT Plugin lejos per Eclipse Primo progetto Java su NXT con Eclipse: Hello NXT by Eclipse 27 Esercizi 30 U.D. 3 - Programmare in Java Struttura di base di un programma Java Variabili Tipi di dato semplici Conversioni tra tipi di dato: casting e promozione Array Operatori Istruzioni di controllo 51 Esercizi 60 Modulo 2 - Fondamenti di Java 63 U.D. 4 - Le classi Introduzione Parole chiave della OOP Definizione di una classe Creazione di una classe: il puntatore a un istanza Costruttori Polimorfismo Metodi di classe Classi annidate Modificatore di accesso static Parola chiave final Tipi semplici resi come classi Parola chiave istanceof 82 Esercizi 83 U.D. 5 - Ereditarietà Introduzione all ereditarietà Utilizzo di base dell ereditarietà Ordine d invocazione dei costruttori Creazione di una classe base per l autenticazione Utilizzo della parola chiave super Utilizzo della parola chiave final Classi astratte Estensione di classi standard 96 Esercizi 98 3

6 Indice U.D. 6 - Interfacce Introduzione Definizione e implementazione di un interfaccia Estensione delle interfacce 103 Esercizi 104 U.D. 7 - Package Introduzione Utilizzo delle classi contenute nei package Creazione di un package in Eclipse Creazione di un archivio JAR Inclusione di un archivio JAR in un progetto Creazione di file JAR avviabili 110 Esercizi 111 U.D. 8 - Eccezioni Introduzione Costrutto try-catch Blocco Parola chiave throw Definizione di classi di eccezione personalizzate Parola chiave throws Eccezioni concatenate 119 Esercizi 120 U.D. 9 - Thread Introduzione Implementazione dei thread in Java Estensione della classe Thread Implementazione dell interfaccia Runnable Priorità dei thread Stato di esecuzione dei thread Sincronizzazione dei thread Comunicazione fra thread Sospensione, ripresa e termine di un thread Parola chiave volatile 133 Esercizi 134 U.D Operazioni di I/O (Input/Output) Introduzione Flussi Accesso al filesystem: la classe File Lettura e scrittura di file: gli stream Scrittura su file: le classi FileWriter e BufferedWriter Lettura di file: le classi FileReader e BufferedReader Operazioni di I/O generiche 142 Esercizi 144 U.D Cenni di programmazione avanzata Gestione avanzata delle stringhe Strutture di dati Pattern Singleton Programmazione in rete Applicazioni con interfaccia grafica Utilizzo di archivi complessi di tipo zip Serializzazione delle classi 151 Esercizi 152 Modulo 3 - Programmare l NXT in Java 153 U.D Programmazione di un robot Lego NXT Introduzione Progetto Eclipse di base Documentazione 157 Esercizi 158 U.D Gestione dei motori Introduzione Controllo basilare dei motori Utilizzo del contagiri Regolazione automatica della velocità Controllo dello stato del motore Esempio pratico: replica dei movimenti di un motore 165 Esercizi 166 U.D Utilizzo sincrono di due motori Introduzione Classe TachoPilot Classe SimpleNavigator Impiego della bussola 173 Esercizi 175 4

7 Indice U.D Utilizzo delle periferiche in dotazione all NXT Pulsanti di controllo Caratteristiche del display grafico LCD Emissione di suoni Stato di carica della batteria Sensori 183 Esercizi 188 U.D Gestione degli eventi Introduzione Interfaccia ButtonListener Interfaccia SensorPortListener Utilizzo congiunto delle classi ButtonListener e SensorPortListener 192 Esercizi 194 U.D Thread nella programmazione dell NXT Introduzione Primo esempio di thread Priorità dei thread Stato di esecuzione dei thread Sincronizzazione dei thread Comunicazione fra thread Condivisione dei dati tramite il pattern Singleton 203 Esercizi 206 U.D Strutture di dati Classe ArrayList Classe BitSet Classe Vector Classi Queue e Stack Classe Hashtable Interfaccia Enumeration Interfacce Iterator e ListIterator 217 Esercizi 219 U.D Accesso al filesystem Classe File Lettura e scrittura di file: gli stream 223 Esercizi 228 U.D Le reti di computer e Internet Console remota Data logger 231 Esercizi 233 U.D Comunicazioni USB e Bluetooth Librerie e package Classi NXTConnection, USBConnection e BTConnection Classe USB Classe Bluetooth Sviluppo di applicazioni per PC che comunicano con l NXT Comunicazione USB tra NXT e PC Comunicazione su canale Bluetooth con telefoni cellulari Comunicazione su canale Bluetooth con dispositivi esterni generici 246 Esercizi 248 U.D Programmazione dei behaviour Concetto di behaviour Controllo dei behaviour: la classe Arbitrator Tipologie di behaviour Esempio di programmazione dei behaviour Particolarità del metodo takecontrol() 253 Esercizi 256 5

8 Presentazione Java è un linguaggio di programmazione orientato agli oggetti, interpretato e indipendente dalla piattaforma. Progettato da Sun Microsystems, viene rilasciato sotto licenza GNU GPL ed è un linguaggio moderno, flessibile, estremamente portabile, strutturato in modo da essere adatto allo sviluppo di software per quasi ogni apparecchiatura elettronica programmabile: personal computer (indipendentemente dal sistema operativo che li gestisce), palmari, telefoni cellulari e ogni altro dispositivo dotato di microprocessore. Considerando l influenza che ha avuto il C++ nella progettazione di Java, sarà facile studiare questo linguaggio per chi già conosce il C++. Un altro vantaggio è che non sono richiesti investimenti per iniziare a programmare in Java, dato che in rete si trovano gratuitamente ambienti di sviluppo grafici (IDE), per piattaforme sia Linux sia Windows. Il Modulo 1 è introduttivo, e si propone di presentare Eclipse, che è l IDE maggiormente utilizzata dai programmatori per lavorare con Java, e le principali strutture che compongono un programma in Java. Il fatto che Java sia indipendente dalla piattaforma, grazie alla presenza della Java Virtual Machine, ne fa uno dei linguaggio di programmazione del futuro, adattabile a ogni apparecchiatura elettronica programmabile, tra cui i robot. Il Modulo 2 presenta e spiega tutte le principali nozioni necessarie a costruire e gestire un applicazione Java: in questa parte si è dato largo spazio al codice, che costituisce il punto di partenza per mostrare le possibilità offerte dal linguaggio Java ai programmatori. Esistono oggi in commercio diversi kit di robot, impiegati assai utilmente a scopi didattici. Gli stessi studenti possono progettare e realizzare con piccola spesa il loro robot e programmarlo. La possibilità di programmare alcuni robot in Java permette agli studenti di verificare immediatamente la propria comprensione delle strutture del linguaggio e la performance del robot. La parte di programmazione Java specifica per i robot occupa tutto il Modulo 3 del volume, e utilizza come riferimento didattico i robot costruiti con i Lego Mindstorms NXT. Questo tipo di robot didattico può essere programmato con il programma a icone fornito direttamente dalla Lego, chiamato NXT-G, ma Lego ha rilasciato il progetto sotto licenza Open Source, mettendo a disposizione della comunità tutte le specifiche software e hardware del robot: questo ha consentito alla comunità di programmatori Open Source interessata a questo progetto di creare nuovo software e di personalizzare l hardware dell NXT, che nel giro di poco tempo è così diventato uno strumento prezioso per le sperimentazioni in ambito robotico, di fatto un vero banco di prova per realizzare nuove idee in questo campo. La comunità lejos (http://lejos.sourceforge.net/), in particolare, ha sviluppato per NXT una Java Virtual Machine, da installare sul robot: in questo modo è possibile l esecuzione di programmi scritti in linguaggio Java sul robot. Gli esempi contenuti forniscono chiare indicazioni sulle caratteristiche sintattiche del linguaggio; per quanto riguarda le basi teoriche, sono stati messi in rilievo i fondamenti dei cinque argomenti di base per la programmazione: la rappresentazione dei dati, le strutture di controllo utilizzabili nella costruzione di un algoritmo, le principali strutture di dati offerte da Java, la conoscenza della programmazione orientata agli oggetti e della gestione dei file. Marco Avidano 6

9 Modulo 1 Introduzione Obiettivi Introdurre la terminologia di base della programmazione a oggetti e spiegare l importanza della JVM e di lejos Imparare a installare lejos ed Eclipse Acquisire i fondamenti di programmazione nel linguaggio Java & U.D. 1 Introduzione a Java e alla robotica U.D. 2 Predisposizione dell ambiente di sviluppo U.D. 3 Programmare in Java

10 1 Unità didattica Introduzione a Java e alla robotica 1.1 Che cos è Java Java è un linguaggio di programmazione orientato agli oggetti, interpretato e indipendente dalla piattaforma. È stato creato dalla Sun Microsystems e, dalla fine del 2006, è rilasciato sotto licenza GNU GPL. Java è un linguaggio moderno, flessibile ed estremamente portabile, la cui struttura lo rende adatto allo sviluppo di software per quasi ogni apparecchiatura elettronica programmabile: personal computer (indipendentemente dal sistema operativo), palmari, telefoni cellulari, praticamente ogni dispositivo dotato di microprocessore. Considerando l influenza che ha avuto il linguaggio C++ nella progettazione del Java, ne risulta semplice lo studio da parte di programmatori esperti in altri linguaggi, mentre grazie alla sua universalità e alla grande disponibilità di documentazione risulta essere una delle migliori scelte per coloro che si accostano al mondo della programmazione per la prima volta. Inoltre non sono richiesti investimenti per iniziare a programmare in Java, in quanto in rete si trovano ambienti di sviluppo (IDE) gratuiti, per piattaforme sia Linux sia Windows. 1.2 Che cos è la robotica Lo scopo della robotica è studiare, progettare e realizzare macchine più o meno intelligenti e autonome, in grado di sostituire l uomo nell esecuzione di lavori complessi, pericolosi, o semplicemente noiosi e alienanti. Mentre i primi robot erano puramente meccanici, oggi alla parte meccanica che svolge fisicamente il lavoro è affiancato un software che, attraverso trasduttori, sensori e attuatori, comanda e controlla le parti meccaniche al fine di raggiungere lo scopo desiderato eseguendo una serie di passaggi preordinati. Con l evoluzione della scienza informatica e l aumento della potenza di calcolo e dell affidabilità dei microprocessori i software che controllano i robot diventano ogni giorno più complessi e sofisticati, rendendo nel contempo più affidabili e autonome le macchine. Essendo la maggior parte dei robot apparecchiature elettroniche dotate di microprocessore, se previsto dai progettisti la loro programmazione può avvenire anche in linguaggio Java. 1.3 Java Virtual Machine Ciò che può lasciare perplessi coloro che già conoscono la programmazione multipiattaforma è come sia possibile che un programma scritto in Java possa essere eseguito su ogni piattaforma allo stesso identico modo, senza la necessità di una compilazione dedicata. Ciò è reso possibile dalla natura del linguaggio Java: il risultato della compilazione di un programma scritto in Java, infatti, non è un vero e proprio programma eseguibile, ma un file scritto in un linguaggio intermedio tra il Java e il linguaggio macchina, detto bytecode. Il codice bytecode non verrà eseguito direttamente dal microprocessore, ma sarà interpretato da un software che ha lo scopo di tradurre il bytecode Java nel linguaggio macchina specifico per l architettura su cui il programma è in esecuzione. Tale software interprete è noto come Java Virtual Machine (JVM): è la JVM che rende pos- 8

11 Unità didattica 1 - Introduzione a Java e alla robotica sibile l esecuzione di uno stesso bytecode sia su apparecchiature apparentemente diverse, come un PC o un telefono cellulare, sia su dispositivi simili nel design ma diversi nel funzionamento, come possono essere un PC basato sul sistema operativo Linux e un PC Windows o Macintosh. A tale proposito sono state sviluppate Java Virtual Machine specifiche per ogni tipo di macchina in grado di eseguire programmi scritti in linguaggio Java: in questo modo il programmatore non dovrà preoccuparsi delle specifiche particolari del sistema su cui il software viene eseguito, ma potrà dedicarsi esclusivamente alle direttive Java, dato che sarà compito della JVM eseguire correttamente le chiamate di sistema. Il compito del programmatore risulta notevolmente agevolato, e il numero dei potenziali utilizzatori del software non risulta essere limitato dall architettura dei sistemi utilizzati. Va precisato che le JVM sviluppate per dispositivi come palmari e telefoni cellulari sono spesso versioni limitate e personalizzate di quelle più complete sviluppate per i PC. Questo è dovuto al fatto che l hardware è sostanzialmente diverso da quello dei PC e perciò porzioni della JVM non avrebbero ragione di esistere su dispositivi limitati; a ciò si deve aggiungere che tali dispositivi possono essere dotati di periferiche hardware non presenti sui PC, quindi possono richiedere funzionalità aggiuntive personalizzate. Come si vedrà più avanti, il cuore di Java, cioè i package contenenti le funzionalità di base del linguaggio, rimarrà invariato, mentre a seconda delle apparecchiature potranno essere aggiunte, escluse o modificate tutte le altre parti: dopo aver imparato i fondamenti della programmazione in Java, risulterà comunque molto semplice adattarsi alle specifiche delle apparecchiature da programmare. 1.4 Che cos è la programmazione a oggetti Come detto più sopra, Java è un linguaggio di programmazione orientato agli oggetti. A differenza di linguaggi come il C++, in cui la programmazione a oggetti è opzionale, in Java ogni programma deve obbligatoriamente essere scritto seguendo le regole della OOP (Object Oriented Programming). Considerando ciò, è chiaro che i concetti base della programmazione a oggetti devono essere ben chiari, prima di iniziare a scrivere il primo programma. L elemento base della programmazione a oggetti è la classe: nel momento in cui una classe viene istanziata, diventa un oggetto. Per comprendere il significato di istanziazione di una classe occorre tenere ben presenti i concetti riportati di seguito. Una classe è un qualcosa di astratto, una sorta di definizione di qualcosa. Un oggetto è l elemento concreto su cui si può operare. La classe è come la ricetta, mentre la torta è una istanza della classe ricetta. A partire da una stessa ricetta si possono preparare più torte identiche, ma separate e indipendenti: analogamente, data la definizione di una classe possono essere istanziati più oggetti identici e indipendenti tra loro. L utilità fondamentale delle classi consiste nel consentire un alto livello di astrazione e di semplificazione delle difficoltà da superare: il problema che si deve risolvere con il programma può, grazie alla programmazione a oggetti, essere suddiviso in problemi di minore entità, rendendo l approccio alla soluzione più semplice e meno soggetto a errori di progettazione. Per poter istanziare una classe è necessario conoscere solo il modo in cui deve essere chiamata e quali risultati darà, senza dover tenere conto del modo in cui funziona (cioè del codice che ne costituisce lo sviluppo). Ecco un esempio per chiarire questo concetto: chiunque sia in possesso della patente sa guidare un auto, tuttavia saper guidare un auto non significa conoscere nel dettaglio il funzionamento di ogni sua parte. L auto è infatti dotata di interfacce (acceleratore, freno, frizione, volante, cambio ecc.) che consentono al conducente di utilizzarla: a chi guida è sufficiente sapere come far funzionare queste interfacce in modo da ottenere il risultato desiderato, ma chi guida non sa e non è tenuto a sapere i dettagli della meccanica dell automobile. Inoltre, indipendentemente dal modello o dalla marca dell auto, queste interfacce produrranno gli stessi identici risultati, sebbene siano realizzate in modi differenti dal punto di vista progettuale. 9

12 Modulo 1 - Introduzione Nella programmazione a oggetti i concetti descritti nell esempio precedente sono validi allo stesso identico modo: ogni classe ha una determinata funzione e mette a disposizione del programmatore i metodi che consentono di utilizzarla, ma i dettagli implementativi di come la classe elabora i dati per produrre il risultato possono anche non essere noti al programmatore che la utilizza. Questa caratteristica facilita lo sviluppo del software in team, in quanto consente agevolmente di suddividere lo sviluppo delle singole classi tra più squadre, ognuna con un determinato obiettivo da raggiungere: al termine, basterà includere le varie classi progettate nel software principale del programma. Un linguaggio, per essere definito orientato agli oggetti, deve implementare tre meccanismi: l incapsulamento, l ereditarietà e il polimorfismo. 1.5 Principi della programmazione a oggetti I meccanismi che un linguaggio deve implementare per essere orientato agli oggetti sono, come detto in precedenza, tre: incapsulamento, ereditarietà e polimorfismo. L incapsulamento è il meccanismo su cui la classe basa la sua esistenza e robustezza. Attraverso l incapsulamento, ogni classe risulta essere rispetto al resto del codice un entità ben definita e distinta: i metodi e i dati al suo interno sono separati da quelli delle altre classi, quindi non possono subire interferenze né possono a loro volta interferire in parti esterne alla classe non di loro competenza. Tornando all esempio precedente dell auto, l incapsulamento garantisce che agendo su un interfaccia non si modifichi lo stato delle altre: per esempio, che accendendo la radio non si azioni il tergicristallo o l aria condizionata. Dati e metodi di una classe possono avere diversi livelli di accessibilità: potranno essere privati, protetti o pubblici, consentendo una loro minore o maggiore protezione dall interazione con il resto del programma. Il significato preciso di questi concetti verrà trattato successivamente. L ereditarietà permette a una classe di acquisire le proprietà di un altra classe. In questo modo è possibile creare classi con una gerarchia ben precisa e sviluppare agevolmente codice riutilizzabile. L utilità dell ereditarietà è data dal fatto che diverse entità possono essere raggruppate in base alle loro caratteristiche simili, avendo alcune proprietà identiche. Attraverso l ereditarietà è possibile creare una classe superiore che descrive le proprietà comuni a più oggetti simili, mentre le proprietà diverse saranno definite in sottoclassi derivate da questa classe superiore. Un esempio: Cane, Gatto e Coniglio possono essere tre classi che descrivono il comportamento dell animale corrispondente al loro nome. Ognuna di queste classi avrà in comune diverse parti, in quanto ognuno di questi animali sviluppa comportamenti simili in risposta a determinate situazioni. Metodi e dati in comune possono essere integrati in una classe superiore chiamata, per esempio, Animale: le classi Cane, Gatto e Coniglio, tramite il meccanismo dell ereditarietà, acquisiranno tali proprietà e non sarà necessario riscriverne il codice, quindi sarà sufficiente scrivere il codice delle proprietà che le differenzia. Ognuna di queste classi potrà a sua volta essere ereditata da altre sottoclassi, che specificheranno ulteriori differenze: per esempio la classe Gatto potrà essere ereditata dalle sottoclassi Siamese e Certosino, che acquisiranno tutte le proprietà definite nelle classi Animale e Gatto e definiranno quindi le differenze tra due specie di animali di tipo gatto. Infine: Il polimorfismo è quella proprietà che consente di riscrivere uno stesso metodo in modo che possa lavorare con dati di tipo diverso. Al momento non si hanno ancora elementi sufficienti per poter capire con chiarezza il significato e l utilità di questa proprietà, quindi se ne rimanda la trattazione più avanti nel testo. 10

13 Unità didattica 1 - Introduzione a Java e alla robotica 1.6 Java sull NXT Il robot Lego Mindstorms NXT è nato per essere programmato con il software di programmazione visuale, fornito direttamente dalla Lego, chiamato NXT-G. Lego tuttavia ha rilasciato il progetto sotto licenza Open Source, mettendo a disposizione della comunità informatica tutte le specifiche software e hardware del robot. In questo modo, ognuno può creare software e hardware personalizzati per l NXT. La comunità lejos (lego Java Operating System, ha sviluppato per l NXT una Java Virtual Machine, da installare sul robot: in questo modo si è resa possibile l esecuzione sul robot di programmi scritti in linguaggio Java. Rispetto a una JVM per PC, quella per l NXT può essere considerata una Virtual Machine ristretta : ciò significa che non tutte le funzioni disponibili su PC saranno attive sul robot, ma solo una parte di esse. Ciò, d altra parte, è ben comprensibile: a nulla servirebbero le classi per la gestione del monitor, del mouse o della stampante. Inoltre, le capacità di calcolo e le risorse hardware (memoria, periferiche ecc.) dell NXT sono decisamente ridotte rispetto a quelle di un PC: la JVM per PC non avrebbe neppure modo di funzionare sul robot NXT. La sintassi e la logica di programmazione rimangono invece invariate: un programma scritto per l NXT è a tutti gli effetti un programma Java. 1.7 Il firmware lejos La Java Virtual Machine per l NXT risiede nel firmware del robot. Il firmware è il software che lavora a diretto contatto con l hardware del robot e ne consente il funzionamento. La comunità lejos ha sviluppato un firmware alternativo rispetto a quello fornito da Lego, in grado di eseguire programmi scritti in Java e tramite i quali si possono comandare i motori e i sensori del robot. Il firmware deve essere installato al posto di quello originale: una volta eseguita questa operazione i programmi sviluppati con il software originale Lego NXT-G non saranno più funzionanti sul robot, ma potranno essere eseguiti solo programmi scritti in Java. Per riportare il robot alla configurazione originale occorrerà ripristinare il firmware originale Lego. La procedura da seguire per aggiornare il firmware del robot sarà spiegata nella prossima Unità didattica. 11

14 Modulo 1 - Introduzione Esercizi di applicazione Unità didattica 1 Descrivere le caratteristiche principali di Java e della Virtual Machine. Spiegare che cosa si intende per programmazione a oggetti. Illustrare i principi della programmazione a oggetti. Spiegare come utilizzare Java per programmare il robot Lego NXT. Stabilire se le seguenti affermazioni sul linguaggio Java sono vere o false. È un linguaggio di programmazione orientato agli oggetti... Può essere utilizzato per sviluppare software esclusivamente per PC con sistema operativo Windows... È rilasciato sotto licenza GNU GPL... Quando è stato sviluppato non ha subito influenze da parte di altri linguaggi di programmazione... Stabilire se le seguenti affermazioni sulla robotica sono vere o false. Ha come unico obiettivo la creazione di robot antropomorfi... Si occupa esclusivamente di apparecchiature dotate di microprocessore... Ha come obiettivo sollevare l uomo dai lavori degradanti... Stabilire se le seguenti affermazioni sulla Java Virtual Machine sono vere o false. È identica per ogni dispositivo su cui possono essere eseguiti programmi Java... Ha il compito di tradurre il bytecode in linguaggio macchina... Implementa sempre le funzioni di gestione del mouse... Descrivere la differenza tra classe e oggetto. Spuntare i meccanismi propri della programmazione a oggetti: espandibilità ereditarietà polimorfismo interfacciamento incapsulamento sequenzialità Stabilire se le seguenti affermazioni sulla programmazione a oggetti in Java sono vere o false. È opzionale... È implementata in modo identico al C++... Semplifica lo sviluppo di codice in team... Illustrare i concetti di ereditarietà e polimorfismo: Il firmware è

15 2 Unità didattica Predisposizione dell ambiente di sviluppo 2.1 Editor semplice e compilazione manuale Per sviluppare un programma in Java è necessario aver installato sul proprio PC il Java Development Kit (JDK), scaricabile gratuitamente dal sito I sorgenti dei programmi possono essere scritti con un qualunque editor di testo, per esempio con Blocco note di Windows, oppure vi, pico o emacs che, nati per i sistemi Unix e Linux, sono oggi supportati anche da Windows. La modalità di sviluppo testuale, pur essendo sempre valida, viene ormai usata molto raramente e per piccolissimi progetti: infatti, programmando in questo modo occorre digitare manualmente tutte le operazioni da eseguire, mentre utilizzando un ambiente di sviluppo integrato (come Eclipse o Net- Beans) gran parte delle operazioni relative alla compilazione e alla gestione del progetto sono automatizzate (senza contare le agevolazioni introdotte dall utilizzo di un editor avanzato e dedicato alla scrittura di codice Java, come il controllo della sintassi e l autocompletamento dei nomi delle classi e dei metodi). L utilizzo degli editor visuali rende la scrittura di codice Java molto più rapida e semplificata, pur lasciando al programmatore il completo controllo sull intero progetto. Tuttavia, per poter capire fino in fondo come funzionano le cose e avere la consapevolezza di quello che si sta facendo, è opportuno avere una minima conoscenza di quello che avviene nel momento in cui si preme il pulsante che avvia la compilazione dei sorgenti. Come abbiamo detto, per compilare manualmente i programmi è necessario installare sul proprio PC il JDK, scaricandolo dal sito Utilizzando l ambiente di sviluppo Eclipse ciò non sarà necessario, non perché superfluo ma in quanto il JDK è già compreso nell installazione di Eclipse. Nel caso in cui non si intenda sviluppare codice compilandolo manualmente, si potrà saltare il testo che segue, passando direttamente al paragrafo 2.4 relativo all installazione dell ambiente di sviluppo Eclipse sul proprio sistema operativo (sia esso Windows o Linux). 2.2 Installazione del Java Development Kit (JDK) Il Java Development Kit può essere scaricato dal sito aprendo la sezione Downloads in alto e selezionando la voce di menu See All. 13

16 Modulo 1 - Introduzione Tra l elenco dei software disponibili occorre espandere il nodo denominato Java SE e selezionare la voce Java SE (JDK) 6. Nella schermata che appare occorre individuare il software da scaricare, che nel nostro caso è quello dell ultima versione del JDK (JDK 6 Update 16, nel riquadro Java SE Development Kit (JDK)), e si deve fare clic sul pulsante Download a destra. Si accede alla pagina di selezione del sistema operativo e, dopo aver spuntato la casella per l accettazione della licenza GNU, si potrà iniziare lo scaricamento del file. Al termine del download si dovrà installare il pacchetto: a seconda del sistema operativo le operazioni da compiere (differenti) sono riportate di seguito. Su un sistema Windows occorre fare doppio clic sul file eseguibile scaricato, per avviare il processo: in pochi passi sarà completata l installazione, al termine della quale è consigliabile riavviare il PC. In ambiente Linux esistono diverse modalità, a seconda della distribuzione utilizzata. In alcuni casi sono disponibili sistemi di gestione dei pacchetti: per esempio, su Debian è possibile digitare dalla console a linea di comando quanto segue: apt-cache search jdk [lista dei pacchetti] apt-get install sun-java6-jdk 14

17 Unità didattica 2 - Predisposizione dell ambiente di sviluppo Il primo comando eseguirà una ricerca nel database dei pacchetti disponibili e, dopo aver identificato il pacchetto corretto, con il comando successivo se ne potrà effettuare l installazione. Nell esempio precedente il nome sun-java6-jdk è puramente indicativo. Su Ubuntu è invece possibile selezionare il pacchetto dal gestore grafico dell installazione (accessibile dalla voce di menu Sistema/amministrazione/Gestore di Pacchetti). Eseguendo una ricerca tra i pacchetti presenti sotto la voce jdk si potrà identificare quello corretto e quindi installarlo. Il processo sarà completamente automatico. A ogni modo sarà sempre possibile eseguire l installazione manualmente, scaricando il pacchetto dal sito ed eseguendo il file: anche in questo caso in pochi semplici passaggi l installazione sarà completata. Ora che sul PC è installato il JDK si può passare a proporre il primo esempio di programma Java. Negli esempi successivi, alcuni comandi dovranno essere impartiti da shell (o prompt dei comandi, come viene definito su Windows). Per aprire una finestra di shell su Linux Ubuntu occorre selezionare la voce di menu Applicazioni/Accessori/Terminale. In generale il cosiddetto emulatore del prompt dei comandi viene solitamente chiamato Terminale, Shell, Console, Xterm, quindi si potrà cercare uno di questi termini nel menu proprio della distribuzione di Linux utilizzata. Su Windows si deve selezionare la voce di menu Start/Programmi/Accessori/Prompt dei comandi. 2.3 Primo programma Java: Hello world In questo primo esempio di programma Java incontreremo concetti ancora non trattati: l esecuzione di questo semplice programma è tuttavia necessaria per verificare il corretto funzionamento dell ambiente di sviluppo e per avere un punto di partenza su cui lavorare successivamente. Apriamo un editor di testo e scriviamo il seguente codice: class Test1 { public static void main(string[] args) { System.out.println( Hello world! ); } } Il metodo main() Il metodo main()è il punto di ingresso di ogni programma Java. Quando un programma viene lanciato tramite il comando java, la JVM cerca il metodo main() nella classe principale (che è quella specificata come argomento del comando java): ogni programma Java dovrà quindi contenere obbligatoriamente un metodo main(). La definizione di tale metodo sarà oltretutto fissa e sempre identica: public static void main(string[] args) { //codice } All interno del metodo main() si troverà scritto il codice del programma. Salviamo il testo in un file chiamato Test1.java. Come si può notare, il nome della classe e quello del file in cui è contenuta è identico: questa è una convenzione che è bene mantenere sempre, onde evitare confusione. Infatti, la compilazione del codice precedente produce un file denominato Test1.class: Test1 è derivato dal nome della classe indicata nel codice. In questo modo si avrà sempre la corrispondenza tra il file della classe compilata e il file contenente il codice sorgente. È bene anche mantenere la corrispondenza tra lettere maiuscole e minuscole, in quanto Java fa differenza tra di esse (si dice che Java è un linguaggio case sensitive ). 15

18 Modulo 1 - Introduzione Dopo aver salvato il file è possibile compilarlo, seguendo modalità diverse a seconda del sistema operativo. Di seguito sono riportate alcune procedure di compilazione. In Windows si deve aprire il Prompt dei comandi (solitamente accessibile selezionando la voce di menu Start/Accessori/Prompt dei comandi) e digitare quanto indicato di seguito. C:\> javac Test1.java In ambiente Linux si apre una shell e si digita quanto segue. javac Test1.java In entrambi i casi il risultato è la creazione di un file chiamato Test1.class, che contiene il bytecode Java eseguibile dalla Java Virtual Machine. Il prodotto della compilazione è un file (o più file, se sono presenti più classi nel progetto) avente estensione.class. L esecuzione di tali file può avvenire su qualunque sistema operativo, indipendentemente da quello usato per la generazione: ciò significa che un file compilato su Windows potrà essere eseguito su Linux e viceversa. Se il comando di compilazione produce un errore si dovrà controllare di avere scritto correttamente il codice del file sorgente. Se l errore rilevato indica che il comando o il file javac non è stato trovato, questo significa che l installazione del JDK non è avvenuta correttamente: occorrerà quindi tornare al paragrafo precedente e accertare che l esecuzione di ogni passo della procedura di installazione sia avvenuta correttamente. Se la compilazione è andata a buon fine si può eseguire il programma. Sempre dalla linea di comando digitiamo quanto riportato di seguito. Per il sistema operativo Windows: C:\> java Test1 Hello world! C:\> Per Linux: java Test1 Hello world! Il risultato dell esecuzione è la stampa a video della stringa Hello world!. Se eseguendo i comandi java e javac si ottiene un messaggio di errore di tipo file non trovato, è probabile che il percorso del file eseguibile non sia inserito nella variabile di ambiente PATH. In questo caso si può procedere in 3 differenti modi: eseguendo il comando dalla directory bin in cui è stato installato il JDK, specificando il percorso completo del comando, oppure inserendo il percorso della directory bin nella variabile di ambiente PATH. Impostazione delle variabili d ambiente L impostazione delle variabili d ambiente è un operazione specifica differente per ogni sistema operativo. Le variabili di ambiente Linux possono essere impostate in uno dei file /etc/profile, /etc/environment o (preferibilmente) ~/.bashrc (il carattere ~ indica la directory home dell utente), utilizzando un qualsiasi editor di testo. La variabile da creare/modificare dovrà essere specificata utilizzando la seguente sintassi: PATH=/percorso_della_directory:$PATH 16

19 Unità didattica 2 - Predisposizione dell ambiente di sviluppo Nell esempio la variabile d ambiente da modificare è stata chiamata PATH: in ogni caso, i nomi delle variabili d ambiente sono convenzionalmente scritti in maiuscolo. Nel caso di variabili come PATH è possibile specificare più valori, separandoli con il carattere : (due punti). La specifica :$PATH fa in modo che il contenuto della variabile non venga sovrascritto dalla corrente modifica, ma che il nuovo percorso venga aggiunto a eventuali percorsi già specificati. Su Windows, per accedere alla gestione delle variabili d ambiente si deve selezionare la voce proprietà nel menu contestuale che appare facendo clic con il tasto destro del mouse su Risorse del computer. Nella finestra che si apre si deve selezionare la scheda Avanzate e qui fare clic sul pulsante Variabili d ambiente. A questo punto vengono visualizzate tutte le variabili d ambiente, e sarà possibile aggiungerne di nuove o modificare quelle già registrate. Passiamo ora ai dettagli dell installazione e della configurazione dell ambiente di sviluppo Eclipse. 2.4 Eclipse: installazione e configurazione Nei paragrafi che seguono si illustrano le procedure da seguire per installare Eclipse, che sono leggermente differenti in base al tipo di macchina che si utilizza Eclipse su Windows Eclipse per Windows può essere scaricato dal sito nella sezione Downloads. Dall elenco dei package disponibili si dovrà fare clic sul link Eclipse IDE for Java Developers : la versione per Windows prevede lo scaricamento di un file compresso in formato.zip. Terminato il download, basterà scompattare il file: non è richiesta una vera e propria installazione tradizionale dell applicazione, poiché per utilizzare il programma sarà sufficiente fare doppio clic sul file eclipse.exe contenuto nella directory. Sarà possibile creare manualmente un collegamento all applicazione sul Desktop o nel menu Start, a seconda delle esigenze personali Eclipse su Linux L installazione di Eclipse su Linux può avvenire manualmente o utilizzando il gestore dell installazione specifico della distribuzione utilizzata. Per eseguire l installazione manuale si deve scaricare dalla sezione Downloads del sito la versione per Linux del file Eclipse IDE for Java Developers. Si otterrà un file compresso in formato.tar.gz, scompattato il quale il programma è già utilizzabile: per avviare l IDE di Eclipse sarà sufficiente eseguire il file eclipse o fare doppio clic sulla sua icona. L installazione tramite il gestore di pacchetti di Ubuntu è altrettanto semplice: si dovrà avviare il Gestore dei Pacchetti ed eseguire una ricerca tra i pacchetti disponibili per il nome eclipse : dopo aver identificato il pacchetto, selezionarlo per l installazione. Al termine del processo, nel menu delle applicazioni apparirà il link per avviare l ambiente di sviluppo Eclipse. 17

20 Modulo 1 - Introduzione Il workspace di Eclipse Al primo avvio di Eclipse verrà chiesto quale workspace utilizzare: il workspace altro non è che una sorta di directory principale in cui verranno create le singole directory dei vari progetti. È anche possibile creare più workspace: per passare da un workspace all altro si deve selezionare la voce di menu File/Switch Workspace, quindi indicare il workspace da attivare. Ogni volta che si crea un nuovo progetto viene creata una directory a esso dedicata all interno del workspace attivo, tuttavia è sempre possibile specificare una directory personalizzata esterna al workspace. 2.5 Primo progetto Eclipse: Hello eclipse Dopo aver installato Eclipse non vi saranno più differenze in base al sistema operativo, per quanto riguarda lo sviluppo di applicazioni Java o per l NXT, quindi la trattazione che segue sarà valida sia su Windows sia su Linux. L ultima differenza tra i sistemi operativi apparirà al momento del primo collegamento del robot al PC, ma di questo parleremo nel seguito della trattazione. Vediamo ora come creare un progetto Java su Eclipse. Dal menu File selezioniamo la voce New, quindi Java Project. Apparirà una finestra in cui si dovranno specificare alcune proprietà del nuovo progetto: per avviare un progetto standard è sufficiente specificarne il nome. Per questo esempio, nella casella Project name digiteremo TestEclipse, quindi faremo clic sul pulsante Finish. 18

Corso Eclipse. Prerequisiti. 1 Introduzione

Corso Eclipse. Prerequisiti. 1 Introduzione Corso Eclipse 1 Introduzione 1 Prerequisiti Uso elementare del pc Esecuzione ricerche su Internet Esecuzione download Conoscenza elementare della programmazione 2 1 Cos è Eclipse Eclipse è un IDE (Integrated

Dettagli

Strumenti per lo sviluppo del software

Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software è l attività centrale del progetto e ha lo scopo di produrre il codice sorgente che, una volta compilato e messo

Dettagli

Programmazione II. Lezione 4. Daniele Sgandurra 30/09/2011. daniele.sgandurra@iit.cnr.it

Programmazione II. Lezione 4. Daniele Sgandurra 30/09/2011. daniele.sgandurra@iit.cnr.it Programmazione II Lezione 4 Daniele Sgandurra daniele.sgandurra@iit.cnr.it 30/09/2011 1/46 Programmazione II Lezione 4 30/09/2011 Sommario 1 Esercitazione 2 Panoramica della Programmazione Ad Oggetti 3

Dettagli

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50 Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE JCreator LE 4.50 Inizializzazione: creazione del nuovo progetto e del file sorgente in ambiente JCreator Al lancio del programma si apre la finestra

Dettagli

2 - Introduzione al linguaggio Java

2 - Introduzione al linguaggio Java 2 - Introduzione al linguaggio Java Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Installazione SOFTWARE JDK ECLIPSE 03/03/2011 2 ALGORITMI E PROGRAMMI PROBLEMA ALGORITMO PROGRAMMA metodo risolutivo linguaggio di

Dettagli

Tale attività non è descritta in questa dispensa

Tale attività non è descritta in questa dispensa Fondamenti di informatica Oggetti e Java ottobre 2014 1 Nota preliminare L installazione e l uso di Eclipse richiede di aver preliminarmente installato Java SE SDK Tale attività non è descritta in questa

Dettagli

L ambiente di sviluppo Android Studio

L ambiente di sviluppo Android Studio L ambiente di sviluppo Android Studio Android Studio è un ambiente di sviluppo integrato (IDE, Integrated Development Environment) per la programmazione di app con Android. È un alternativa all utilizzo

Dettagli

La prima applicazione Java con NetBeans IDE. Dott. Ing. M. Banci, PhD

La prima applicazione Java con NetBeans IDE. Dott. Ing. M. Banci, PhD La prima applicazione Java con NetBeans IDE Dott. Ing. M. Banci, PhD Creare la prima applicazione 1. Creare un progetto: Quando si crea un progetto IDE occorre creare un ambiente nel quale costruire e

Dettagli

APPENDICE. Appendice. Strumenti per lo sviluppo dei programmi Java

APPENDICE. Appendice. Strumenti per lo sviluppo dei programmi Java APPENDICE Appendice Strumenti per lo sviluppo dei programmi Java Per imparare a programmare non è sufficiente leggere gli esempi del testo, ma è necessario scrivere ed eseguire realmente i programmi. Tutti

Dettagli

Installazione del Software. per lo Sviluppo di Applicazioni Java

Installazione del Software. per lo Sviluppo di Applicazioni Java Installazione del Software per lo Sviluppo di Applicazioni Java Ing. Luca Ferrari ferrari.luca@unimore.it Tel. 0592056142 Installazione del Software per lo Sviluppo di Applicazioni Java 1 Il Compilatore

Dettagli

Scrivere un programma in Java

Scrivere un programma in Java Programmare in JAVA Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA uff. 0577 234850 - interno: 7102 Stanza 119 rigutini@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Corso di Informatica (Programmazione) Lezione 6 (31 ottobre 2008)

Corso di Informatica (Programmazione) Lezione 6 (31 ottobre 2008) Corso di Informatica (Programmazione) Lezione 6 (31 ottobre 2008) Introduzione a Java: primo programma, installazione dell ambiente di sviluppo, compilazione ed esecuzione 1 Introduzione Java è un linguaggio

Dettagli

PC Crash Course: OBIETTIVI

PC Crash Course: OBIETTIVI PC Crash Course: OBIETTIVI 1. PC: uno strumento 2. Microsoft Windows XP: alcuni concetti chiave della interfaccia grafica 3. File System: file, direttori, link, 4. Il prompt dei comandi 5. Un occhiata

Dettagli

Introduzione alla programmazione in Java

Introduzione alla programmazione in Java Introduzione alla programmazione in Java 1 Programmare ad oggetti La programmazione come attività di creazione di modelli. I concetti di classe, oggetto e scambio di messaggi. Un primo esempio di programma

Dettagli

Appunti di Informatica www.mimmocorrado.it 1

Appunti di Informatica www.mimmocorrado.it 1 Installare Java Il programma può essere scaricato dal seguente indirizzo: http://www.java.com/it/download/windows_ie.jsp?locale=it&host=www.java.com Per installare la JDK è necessario: 1. scaricare il

Dettagli

Strumenti per la programmazione

Strumenti per la programmazione Editing del programma Il programma deve essere memorizzato in uno o più files di testo editing codice sorgente 25 Traduzione del programma Compilazione: è la traduzione effettuata da un compilatore Un

Dettagli

Un primo programma Java. Introduzione alla programmazione in Java. Programmi e mondo reale. Programmare ad oggetti. I programmi come modelli

Un primo programma Java. Introduzione alla programmazione in Java. Programmi e mondo reale. Programmare ad oggetti. I programmi come modelli 4 Un primo programma Java Introduzione alla programmazione in Java class Program1 { System.out.println("Benvenuti al corso"); 1 5 Programmi e mondo reale Programmare ad oggetti Il codice di un programma

Dettagli

Manuale Utente CryptoClient

Manuale Utente CryptoClient Codice Documento: CERTMOB1.TT.DPMU12005.01 Firma Sicura Mobile Telecom Italia Trust Technologies S.r.l. - Documento Pubblico Tutti i diritti riservati Indice degli argomenti... 1 Firma Sicura Mobile...

Dettagli

Sistemi operativi I: Windows. Lezione I

Sistemi operativi I: Windows. Lezione I Sistemi operativi I: Windows Lezione I Scopo della lezione Richiamare le principali funzionalità di un sistema operativo Esemplificarle descrivendo la loro implementazione in Windows Introdurre alcuni

Dettagli

Java? Sì, grazie. Scopo del corso

Java? Sì, grazie. Scopo del corso Modulo di Java? Sì, grazie Il linguaggio di Internet? Portabilità su qualunque piattaforma (non solo calcolatori): It works everywhere Supporto e disponibilità di strumenti, librerie e documentazione garantiti

Dettagli

PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE

PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE 1 PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE Write once, write everywhere è il motto dei progettisti del linguaggio java. Infatti questo linguaggio è il risultato dell esigenza di programmare per quello che si può chiamare

Dettagli

Programmare in Java. Olga Scotti

Programmare in Java. Olga Scotti Programmare in Java Olga Scotti Linguaggi di programmazione linguaggio macchina assembler linguaggi ad alto livello Linguaggi ad alto livello istruzioni comprensibili linguaggio simile a quello naturale

Dettagli

Tutor System v 3.0 Guida all installazione ed all uso. Tutor System SVG. Guida all'installazione ed all uso

Tutor System v 3.0 Guida all installazione ed all uso. Tutor System SVG. Guida all'installazione ed all uso Tutor System SVG Guida all'installazione ed all uso Il contenuto di questa guida è copyright 2010 di SCM GROUP SPA. La guida può essere utilizzata solo al fine di supporto all'uso del software Tutor System

Dettagli

Note operative per Windows XP

Note operative per Windows XP Note operative per Windows XP AVVIO E ARRESTO DEL SISTEMA All avvio del computer, quando l utente preme l interruttore di accensione, vengono attivati i processi di inizializzazione con i quali si effettua

Dettagli

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO 2 Uso del Computer e Gestione dei file ( Windows XP ) A cura di Mimmo Corrado MODULO 2 - USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 2 FINALITÁ Il Modulo 2, Uso del computer

Dettagli

Ambienti di Sviluppo

Ambienti di Sviluppo Ambienti di Sviluppo Insieme omogeneo di strumenti adatti allo sviluppo di progetti software. Editor; Compilatori e/o interpreti; Strumenti di test; Applicazioni che permettono di editare / disegnare il

Dettagli

ProgettAzione V anno Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni

ProgettAzione V anno Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni Web service Hello world con Visual Studio 2012 Si tratta di un semplice esempio di web service, infatti come tutti I programmi

Dettagli

USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 1. AMBIENTE DEL COMPUTER

USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 1. AMBIENTE DEL COMPUTER USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 1. AMBIENTE DEL COMPUTER 1.1 AVVIARE IL COMPUTER Avviare il computer è un operazione estremamente semplice, nonostante ciò coloro che scelgono di frequentare un corso

Dettagli

11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0

11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0 11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0 PAG. 2 DI 38 INDICE 1. PREMESSA 3 2. SCARICO DEL SOFTWARE 4 2.1 AMBIENTE WINDOWS 5 2.2 AMBIENTE MACINTOSH 6 2.3 AMBIENTE

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DRIVER WINDOWS 8 (32 O 64 BIT)

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DRIVER WINDOWS 8 (32 O 64 BIT) PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DRIVER WINDOWS 8 (32 O 64 BIT) PREMESSA: Per installare i driver corretti è necessario sapere se il tipo di sistema operativo utilizzato è a 32 bit o 64 bit. Qualora non si conosca

Dettagli

Ingegneria del Software 1: Eclipse

Ingegneria del Software 1: Eclipse Ingegneria del Software 1: Eclipse Da completare entro Aprile 21, 2015 Srđan Krstić and Marco Scavuzzo 1 Contents 1 Introduzione 3 1.1 Java (JRE vs JDK).......................................... 3 1.2

Dettagli

Ubiquity getting started

Ubiquity getting started Introduzione Il documento descrive I passi fondamentali per il setup completo di una installazione Ubiquity Installazione dei componenti Creazione del dominio Associazione dei dispositivi al dominio Versione

Dettagli

Il SOFTWARE DI BASE (o SOFTWARE DI SISTEMA)

Il SOFTWARE DI BASE (o SOFTWARE DI SISTEMA) Il software Software Il software Il software è la sequenza di istruzioni che permettono ai computer di svolgere i loro compiti ed è quindi necessario per il funzionamento del calcolatore. Il software può

Dettagli

Struttura di un programma Java

Struttura di un programma Java Struttura di un programma Java Un programma in Java è un insieme di dichiarazioni di classi. Una classe non può contenere direttamente delle istruzioni, ma può contenere la dichiarazione di metodi, che

Dettagli

idaq TM Manuale Utente

idaq TM Manuale Utente idaq TM Manuale Utente Settembre 2010 TOOLS for SMART MINDS Manuale Utente idaq 2 Sommario Introduzione... 5 Organizzazione di questo manuale... 5 Convenzioni... Errore. Il segnalibro non è definito. Installazione...

Dettagli

I.T.C.G. DE SIMONI PROGETTO ECDL

I.T.C.G. DE SIMONI PROGETTO ECDL I.T.C.G. DE SIMONI PROGETTO ECDL USO DEL COMPUTER E GESTIONE FILES Referente e tutor Prof.ssa Annalisa Pozzi Tutor lezioni Prof. Claudio Pellegrini 2.3 Utilità 2.3.1 Compressione dei files 2.3.1.1 Comprendere

Dettagli

ISTRUZIONI per l utilizzo della Firma Digitale Banca Marche INDICE. 2. Predisposizione iniziale: Installazione Driver e Avvio Menù di Gestione

ISTRUZIONI per l utilizzo della Firma Digitale Banca Marche INDICE. 2. Predisposizione iniziale: Installazione Driver e Avvio Menù di Gestione ISTRUZIONI per l utilizzo della Firma Digitale Banca Marche INDICE 1. Introduzione 2. Predisposizione iniziale: Installazione Driver e Avvio Menù di Gestione 3. Accessi Successivi al Menù Gestione 4. Utilizzo

Dettagli

1. Avviare il computer

1. Avviare il computer Guida n 1 1. Avviare il computer 2. Spegnere correttamente il computer 3. Riavviare il computer 4. Verificare le caratteristiche di base del computer 5. Verificare le impostazioni del desktop 6. Formattare

Dettagli

30 giorni di prova gratuiti, entra nel sito www.mypckey.com scarica e installa subito mypckey

30 giorni di prova gratuiti, entra nel sito www.mypckey.com scarica e installa subito mypckey DA OGGI NON IMPORTA DOVE SEI, IL TUO PC DELL UFFICIO E SEMPRE A TUA DISPOSIZIONE! Installa solo un semplice programma (nessun hardware necessario!), genera la tua chiavetta USB, e sei pronto a prendere

Dettagli

Capitolo 1 Introduzione a Gambas

Capitolo 1 Introduzione a Gambas Capitolo 1 Introduzione a Gambas Gambas è stato creato inizialmente da Benoit Minisini, un residente della periferia di Parigi. Secondo Benoit, Gambas è un linguaggio Basic con estensioni per la programmazione

Dettagli

ANDROID 4.2 JELLY BEAN Installazione e configurazione dell ambiente

ANDROID 4.2 JELLY BEAN Installazione e configurazione dell ambiente INTRODUZIONE Per sviluppare applicazioni in grado di girare su sistemi Android servono tre cose: il Java JDK (Java Development Kit), che contiene tutti gli strumenti necessari a sviluppare nel linguaggio

Dettagli

Configurare TPTP in Eclipse e testare un applicazione

Configurare TPTP in Eclipse e testare un applicazione Configurare TPTP in Eclipse e testare un applicazione Questa guida concentra la sua attenzione sul tool TPTP (Test & Performance Tools Platform) presente nell ambiente di sviluppo Eclipse. Verrà descritta

Dettagli

Il sistema di elaborazione

Il sistema di elaborazione Il sistema di elaborazione Hardware e software Hardware e software Un sistema di elaborazione è formato da: parti hardware: componenti fisiche parti software: componenti logiche i dati da trattare le correlazioni

Dettagli

La nuova generazione (NXT) di

La nuova generazione (NXT) di moria flash, 64Kbyte di RAM e clock a 48MHz. Un coprocessore Atmel AVR ad 8bit con 4Kbyte di memoria flash e 512Byte di RAM. Un CSR BlueCore 4, con 47Kbyte di RAM interna, memoria flash esterna ad 8Mbit

Dettagli

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)...1 Installazione e configurazione...2 Installazione ICM Server...3 Primo avvio e configurazione di ICM

Dettagli

Sistemi informatici. Informatica. Il software. Il sw di sistema. Il sw applicativo. Il sw di sistema. Il sistema operativo. Hardware.

Sistemi informatici. Informatica. Il software. Il sw di sistema. Il sw applicativo. Il sw di sistema. Il sistema operativo. Hardware. http://159.149.98.238/lanzavecchia/docum enti/sscta.htm Sistemi informatici Hardware Microprocessore Memoria Periferiche di input e output Software Software di sistema Programmi applicativi 1 2 Il sw applicativo

Dettagli

Prova Finale a.a. 2011/2012. Laboratorio 1: Introduzione a Java e Eclipse

Prova Finale a.a. 2011/2012. Laboratorio 1: Introduzione a Java e Eclipse Prova Finale a.a. 2011/2012 Laboratorio 1: Introduzione a Java e Eclipse 1 Java 6 Standard Edition Linguaggio Java (... (javac, Tool di sviluppo Librerie per l'interfaccia grafica Librerie di base Macchina

Dettagli

LABORATORI DI INFORMATICA. CONDIVISIONE, CLOUD e CONTROLLO REMOTO IMPLEMENTAZIONE DI UNA GESTIONE EFFICIENTE

LABORATORI DI INFORMATICA. CONDIVISIONE, CLOUD e CONTROLLO REMOTO IMPLEMENTAZIONE DI UNA GESTIONE EFFICIENTE LABORATORI DI INFORMATICA CONDIVISIONE, CLOUD e CONTROLLO REMOTO IMPLEMENTAZIONE DI UNA GESTIONE EFFICIENTE Tutti i laboratori di informatica, come la gran parte delle postazioni LIM, sono stati convertiti

Dettagli

Fondamenti di programmazione in Java. Lezione III

Fondamenti di programmazione in Java. Lezione III Fondamenti di programmazione in Java Lezione III Scopo della lezione Descrivere gli strumenti che utilizzeremo nel resto del corso per sviluppare programmi in java UltraEdit Java SDK Imparare a scrivere

Dettagli

Il software. Il Sistema Operativo

Il software. Il Sistema Operativo Il software Prof. Vincenzo Auletta 1 Il Sistema Operativo Software che gestisce e controlla automaticamente le risorse del computer permettendone il funzionamento. Gestisce il computer senza che l utente

Dettagli

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Componenti di un computer: Hardware, Software e caratteristiche delle periferiche. SECONDA LEZIONE: Elementi principali dello schermo di Windows: Desktop, Icone, Mouse,

Dettagli

GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA

GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA (Vers. 4.5.0) Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 6 Funzionalità... 7 Documenti... 8 Creazione di un nuovo documento... 9 Ricerca di un documento... 17 Calcolare

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file. Parte 1

Uso del computer e gestione dei file. Parte 1 Uso del computer e gestione dei file Parte 1 Avviare il pc Il tasto da premere per avviare il computer è frequentemente contraddistinto dall etichetta Power ed è comunque il più grande posto sul case.

Dettagli

Esercitazione 1 primi passi e uso dei file

Esercitazione 1 primi passi e uso dei file primi passi e uso dei file 1 Sistemi operativi per PC I sistemi operativi per personal computer più diffusi sono: Windows (Microsoft) Linux (freeware) MacOS (Apple) Il laboratorio verterà su Windows 2

Dettagli

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi Linguaggio Java Robusto Non permette costrutti pericolosi Eredità Multipla Gestione della Memoria Orientato agli oggetti Ogni cosa ha un tipo Ogni tipo è un oggetto (quasi) Protegge e gestisce dagli errori

Dettagli

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Pagina 29 di 47 3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Come abbiamo già detto in precedenza, l informatica si divide in due grandi mondi : l hardware

Dettagli

Guida per l'installazione SENSORE PER RADIOVIDEOGRAFIA RX4. Responsabile di redazione: Francesco Combe Revisione: Ottobre 2012

Guida per l'installazione SENSORE PER RADIOVIDEOGRAFIA RX4. Responsabile di redazione: Francesco Combe Revisione: Ottobre 2012 Guida per l'installazione SENSORE PER RADIOVIDEOGRAFIA RX4 Responsabile di redazione: Francesco Combe FH056 Revisione: Ottobre 2012 CSN INDUSTRIE srl via Aquileja 43/B, 20092 Cinisello B. MI tel. +39 02.6186111

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file Sommario Uso del computer e gestione dei file... 3 Sistema Operativo Windows... 3 Avvio di Windows... 3 Desktop... 3 Il mouse... 4 Spostare le icone... 4 Barra delle

Dettagli

MODULO 2 - USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 38

MODULO 2 - USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 38 MODULO 2 - USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 38 Osservazione La finestra di Risorse del Computer può visualizzare i file e le cartelle come la finestra di Gestione Risorse, basta selezionare il menu

Dettagli

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Componenti del sistema Servizi di un sistema operativo Chiamate del sistema Programmi di sistema Struttura del sistema Macchine virtuali Progettazione e realizzazione

Dettagli

Manuale Operativo per la firma digitale

Manuale Operativo per la firma digitale Manuale Operativo per la firma digitale Indice 1. Introduzione... 1 2. Installazione del lettore di smart card... 1 3. Installazione del Dike e Dike Util... 7 1. Premessa... 8 2. Installazione DikeUtil...

Dettagli

Informatica di Base. Il software

Informatica di Base. Il software di Base 1 Sistemi informatici Hardware Microprocessore Memoria Periferiche di input e output Software Software di sistema Programmi applicativi 2 Il sw applicativo Il sw applicativo è costituito dall insieme

Dettagli

Il linguaggio di programmazione JAVA

Il linguaggio di programmazione JAVA Introduzione a JAVA Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 2 Modulo 3 Elaborazione testi Word G. Pettarin ECDL

Dettagli

UBUNTU: gli strumenti di condivisione risorse

UBUNTU: gli strumenti di condivisione risorse UBUNTU: gli strumenti di condivisione risorse condivisione 1o1 a cura di Danio Campolunghi La condivisione di risorse Verranno qui proposti gli strumenti grafici di serie messi a disposizione da Ubuntu

Dettagli

Note operative per Windows 7

Note operative per Windows 7 Note operative per Windows 7 AVVIO E ARRESTO DEL SISTEMA All avvio del computer, quando l utente preme l interruttore di accensione, vengono attivati i processi di inizializzazione con i quali si effettua

Dettagli

Code::Blocks, installazione ed uso

Code::Blocks, installazione ed uso Code::Blocks, installazione ed uso Alessio Mauro Franchi Dipartimento DEIB, Politecnico di Milano, Milano 9 ottobre 04 Indice Introduzione Installare Code::Blocks: Windows 3 3 Installare Code::Blocks:

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (TIC) IPSIA San Benedetto del Tronto (AP)

Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (TIC) IPSIA San Benedetto del Tronto (AP) Le diverse componenti HARDWARE, pur opportunamente connesse ed alimentate dalla corrette elettrica, non sono in grado, di per sé, di elaborare, trasformare e trasmettere le informazioni. Per il funzionamento

Dettagli

Installazione Qt/Qt Quick per target Android

Installazione Qt/Qt Quick per target Android Tutorial Qt-Italia.org Installazione Qt/Qt Quick per target Android Prima edizione, Giugno 2015 P. S e r e n o ( h t t p : / / w w w. q t - i t a l i a. o r g ) P a g. 1 19 Questo tutorial è rilasciato

Dettagli

CIT.00.M.DI.01#9.1.0# CRS-FORM-MES#346

CIT.00.M.DI.01#9.1.0# CRS-FORM-MES#346 Carta Regionale dei Servizi Sistema Informativo Socio Sanitario Installazione e Configurazione PDL Cittadino CRS-FORM-MES#346 INDICE DEI CONTENUTI 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...

Dettagli

Manuale Utente. Contents. Your journey, Our technology. 6. Come aggiornare le mappe 6. 1. Introduzione 2. 2. Installazione di Geosat Suite 2

Manuale Utente. Contents. Your journey, Our technology. 6. Come aggiornare le mappe 6. 1. Introduzione 2. 2. Installazione di Geosat Suite 2 Manuale Utente Contents 1. Introduzione 2 2. Installazione di Geosat Suite 2 3. Prima connessione 2 4. Operazioni Base 3 4.1 Come avviare la Suite 3 4.2 Come chiudere la Suite 4 4.3 Come cambiare la lingua

Dettagli

Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema

Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema Panoramica delle funzionalità Questa guida contiene le informazioni necessarie per utilizzare il pacchetto TQ Sistema in modo veloce ed efficiente, mediante

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO GUIDA OPERATIVA Installazione del lettore di Smart Card e del software per la firma digitale e cifratura in Linux Ubuntu, Fedora e Red Hat INDICE 1. Premessa...2 2. Installare driver, librerie e software

Dettagli

e l ambiente Info L 4 Le operazioni sui dati L 1 L ambiente di programmazione L 5 Le stringhe L 2 La struttura del codice

e l ambiente Info L 4 Le operazioni sui dati L 1 L ambiente di programmazione L 5 Le stringhe L 2 La struttura del codice 1La sintassi Java e l ambiente di sviluppo UNITÀ DI APPRENDIMENTO L 1 L ambiente di programmazione L 2 La struttura del codice L 3 Le variabili e i tipi primitivi L 4 Le operazioni sui dati L 5 Le stringhe

Dettagli

Aggiornamento Software e Firmware nuova release Datalogger

Aggiornamento Software e Firmware nuova release Datalogger Aggiornamento Software e Firmware nuova release Datalogger SISGEO ha recentemente rilasciato una nuova versione del software Smart Manager Suite che viene fornito con la nuova release dei Datalogger portatili

Dettagli

MANUALE D USO Agosto 2013

MANUALE D USO Agosto 2013 MANUALE D USO Agosto 2013 Descrizione generale MATCHSHARE è un software per la condivisione dei video e dati (statistiche, roster, ) delle gare sportive. Ogni utente abilitato potrà caricare o scaricare

Dettagli

Manuale Utente. Linux Fedora, Debian e Ubuntu

Manuale Utente. Linux Fedora, Debian e Ubuntu Manuale Utente Linux Fedora, Debian e Ubuntu Chiavet ta Internet MDC525UPA Via Del Lavoro 9 1 1 Sommario Introduzione... 3 Requisiti minimi... 3 Contenuto del CD-ROM... 3 1. Installazione Driver e Software

Dettagli

Manuale Utente. Indice. Your journey, Our technology. 1. Introduzione 2. 6. Come aggiornare le mappe 6. 2. Installazione di Geosat Suite 2

Manuale Utente. Indice. Your journey, Our technology. 1. Introduzione 2. 6. Come aggiornare le mappe 6. 2. Installazione di Geosat Suite 2 Manuale Utente Indice 1. Introduzione 2 2. Installazione di Geosat Suite 2 3. Prima connessione 2 4. Operazioni Base 3 4.1 Come avviare la Suite 3 4.2 Come chiudere la Suite 4 4.3 Come cambiare la lingua

Dettagli

Caratteristiche principali. la struttura open source (escluse alcune versioni intermedie) il suo basarsi su kernel Linux.

Caratteristiche principali. la struttura open source (escluse alcune versioni intermedie) il suo basarsi su kernel Linux. Android s.o. Androidè un sistema operativo per dispositivi mobili costituito da uno stack software che include: un sistema operativo di base, i middleware per le comunicazioni le applicazioni di base.

Dettagli

Videoregistratori Serie DX

Videoregistratori Serie DX Pagina:1 DVR per telecamere AHD, analogiche, IP Manuale programma CMS Come installare e utilizzare il programma client per i DVR Pagina:2 Contenuto del manuale In questo manuale viene descritto come installare

Dettagli

Il software impiegato su un computer si distingue in: Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi

Il software impiegato su un computer si distingue in: Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi Il Software Il software impiegato su un computer si distingue in: Software di sistema Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi Software applicativo Elaborazione testi Fogli elettronici Basi

Dettagli

Appunti Modulo 2 - Microsoft Windows

Appunti Modulo 2 - Microsoft Windows www.informarsi.net Appunti Modulo 2 - Microsoft Windows Sistema operativo Il sistema operativo, abbreviato in SO (in inglese OS, "operating system") è un particolare software, installato su un sistema

Dettagli

Istruzioni per l uso. (Per l installazione Panasonic Document Management System) Digital Imaging Systems. Installazione. Sommario.

Istruzioni per l uso. (Per l installazione Panasonic Document Management System) Digital Imaging Systems. Installazione. Sommario. Istruzioni per l uso (Per l installazione Panasonic Document Management System) Digital Imaging Systems N. modello DP-800E / 800P / 806P Installazione Sommario Installazione Installazione del driver di

Dettagli

Redatto da: Alfredo Scacchi Marco Vitulli

Redatto da: Alfredo Scacchi Marco Vitulli AxSync e AxSynClient Acquisizione Dati PDA Manuale di Installazione, Configurazione e Gestione Redatto da: Alfredo Scacchi Marco Vitulli Sommario Sommario 2 Introduzione 3 Requisiti 4 Hardware Consigliato

Dettagli

Sommario Indietro >> Aggiungi Rimuovi Lingua? Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida

Sommario Indietro >> Aggiungi Rimuovi Lingua? Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida Sommario Indietro >> Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida Personalizzazione Apertura del pannello di controllo Funzioni del pannello di controllo Schede Elenchi del pannello di controllo

Dettagli

Basi di dati. Introduzione. Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database

Basi di dati. Introduzione. Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database Basi di dati Introduzione Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database OpenOffice.org (www.openoffice.org) è un potente software opensource che ha, quale scopo primario,

Dettagli

Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012. Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010

Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012. Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010 Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012 Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010 1 Outline Solution e Project Visual Studio e linguaggio C Visual Studio schermata principale

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

I TUTOR. Massimiliano Cattafi e-mail: massimiliano.cattafi@student.unife.it. Ilaria Laurenti e-mail: ilaria.laurenti@student.unife.

I TUTOR. Massimiliano Cattafi e-mail: massimiliano.cattafi@student.unife.it. Ilaria Laurenti e-mail: ilaria.laurenti@student.unife. I TUTOR Massimiliano Cattafi e-mail: massimiliano.cattafi@student.unife.it Ilaria Laurenti e-mail: ilaria.laurenti@student.unife.it IL LABORATORIO Perché il laboratorio? Alcune problematiche si capiscono

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Informazioni per installazione ed avviamento Data Domus

Informazioni per installazione ed avviamento Data Domus Informazioni per installazione ed avviamento Data Domus La procedura per utilizzare Data Domus si divide in 2 fasi 1. Installazione 2. Configurazione Installazione Una volta in possesso del file di installazione,

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DRIVER WINDOWS 7 (32 O 64 BIT)

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DRIVER WINDOWS 7 (32 O 64 BIT) PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DRIVER WINDOWS 7 (32 O 64 BIT) PREMESSA: Per installare i driver corretti è necessario sapere se il tipo di sistema operativo utilizzato è a 32 bit o 64 bit. Qualora non si conosca

Dettagli

Laboratorio informatico di base

Laboratorio informatico di base Laboratorio informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche (DISCAG) Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it) Sito Web del corso: www.griadlearn.unical.it/labinf

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE FERRARIS - BRUNELLESCHI EMPOLI Anno scolastico 2014/2015

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE FERRARIS - BRUNELLESCHI EMPOLI Anno scolastico 2014/2015 ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE FERRARIS - BRUNELLESCHI EMPOLI Anno scolastico 2014/2015 Classe: 4^A inf Prof.ssa Lami Carla Prof. Simone Calugi Programma di INFORMATICA GENERALE, APPLICAZIONI

Dettagli