NUOVE TECNOLOGIE E DIRITTI Centro Il Sole. Grosseto, 17 giugno 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUOVE TECNOLOGIE E DIRITTI Centro Il Sole. Grosseto, 17 giugno 2011"

Transcript

1

2 NUOVE TECNOLOGIE E DIRITTI Centro Il Sole Grosseto, 17 giugno 2011

3 Nuove Tecnologie e processo penale: Il dialogo processuale, la ricerca e la circolazione probatoria, il dibattimento stanno mutando. Sono pronti gli attori principali? Seconda Sessione

4 Cybercrimes, reati commessi attraverso un sistema informatico/telematico e prove elettroniche di reati comuni Alessandro Leopizzi, magistrato in Grosseto

5 Qualche definizione alla luce della legge 18 marzo 2008, n. 48 (Ratifica ed esecuzione della Convenzione del Consiglio d'europa sulla criminalità informatica, fatta a Budapest il 23 novembre 2001, e norme di adeguamento dell'ordinamento interno), della dottrina e della giurisprudenza.

6 Sistema informatico Combinazione di hardware e di software in grado di elaborare dati ed informazioni al fine di restituire altri dati ed informazioni. Esempi: singolo personal computer, più PC connessi, l intera rete internet, telefono cellulare, fotocamera digitale, PS3, navigatore satellitare, ipod, ebook reader

7 Sistema informatico Complesso di apparecchiature destinate a compiere una qualsiasi funzione utile all uomo, attraverso l utilizzo di tecnologie informatiche, caratterizzate dalla registrazione e memorizzazione per mezzo di impulsi elettronici e su supporti adeguati di dati (rappresentazione informatica di un fatto), attraverso simboli (bit) in combinazioni diverse, e costituito dalla elaborazione automatica di tali dati in modo da generare informazioni. Cass., Sez. V, 6 febbraio 2007 n , Cerbone et al.

8 Sistema informatico Qualsiasi apparecchio o gruppo di apparecchiature interconnesse o collegate, una o più delle quali, in base ad un programma, compiono l elaborazione informatica dei dati. art. 1, lett. a) Convenzione Budapest

9 Sistema telematico Il sistema telematico è un insieme di hardware e software diretto a realizzare il trasferimento a distanza di informazioni ed elaborazioni.

10 Sistema telematico Deve considerarsi sistema telematico anche una rete di telefonia mobile, avuto riguardo non solo alla trasmissione di comunicazioni, ma anche ai dati esterni a tali comunicazioni e memorizzati e trattati con tecnologie informatiche. Cass., Sez. II, 17 gennaio 2003 n , De Alfieri

11 Sistema informativo L'insieme delle informazioni utilizzate, prodotte e trasformate da un soggetto, dalle concrete modalità in cui esse sono gestite e dalle risorse, sia umane, sia tecnologiche, coinvolte. Il sistema informatico è una parte soltanto di un sistema informativo.

12 Criminalità informatica Cybercrimes in senso stretto Cybercrimes in senso lato Reati tassativamente individuati Tutti di competenza distrettuale: 615ter, 615quater, 615quinquies, 617bis, 617ter, 617quater, 617quinquies, 617sexies, 635bis, 635ter, 635quater (anche nella fattispecie aggravata ex art. 635quinquies), 640ter e 640quinquies c.p. Tranne le falsità in documenti informatici di cui all art. 491bis c.p. e le false attestazioni ex art. 495bis c.p. Altri reati in cui il sistema informatico 0 telematico è strumento dell agente e mezzo attraverso cui si esplica la condotta è oggetto della condotta dell agente è comunque utilizzato nell ambito del fatto di reato (è cosa pertinente al reato)

13 Criminalità informatica I poteri e le procedure previsti dalla Convenzione si applicano: a) ai reati previsti in conformità agli artt della Convenzione b) a tutti gli altri reati commessi attraverso un sistema informatico c) all insieme delle prove elettroniche di un reato comune art. 14 2, Convenzione Budapest

14 Phishing Vishing Social Engineering Pharming Trashing Keylogger (HW o SW) Sniffing

15 Le indagini: Tracciare la comunicazione Log la registrazione cronologica delle operazioni man mano che vengono eseguite Files di Log i files su cui tali registrazioni sono memorizzate

16 File di log File sequenziale sempre aperto in scrittura, che viene chiuso e conservato a cadenze regolari e reso disponibile per: analisi delle segnalazioni di errore, produzione di statistiche di esercizio (ad esempio quelle del traffico nei servizi web) ripristino di situazioni precedenti analisi delle modifiche fatte nella base dati analisi delle operazioni fatte e dei responsabili di tali operazioni riassunto di quanto successo in un determinato arco di tempo (ad esempio nelle chat) Il log può anche essere un segmento di base dati con accesso diretto mediante chiave cronologica (timestamp) senza che venga meno la sua funzione di registro cronologico.

17 Log di sistema: tipico dei server di rete, memorizza gli eventi significativi che intercorrono tra il sistema, come fornitore di servizi e le applicazioni, come clienti dei servizi stessi (ad esempio, inizio e fine di servizio). Log di applicazione: molte applicazioni prevedono i propri log su cui sono registrati eventi caratteristici dell'applicazione e che fungono in certi casi da vero e proprio protocollo di entrata e di uscita. Log di base dati: in questo caso è il sistema gestore di base dati (DBMS) che registra le operazioni fatte sulla base dati: inserimento, aggiornamento, cancellazione di record.

18 I files di log Informazioni telematiche che vengono lasciate durante la navigazione in rete Data Ora Durata della connessione Ip address

19 Internet Protocol Address Un Indirizzo IP è un numero che identifica univocamente un dispositivo collegato ad una rete informatica che comunica utilizzando lo standard IP.

20 L acquisizione (e l analisi) dei files di log Acquisizione dei tabulati, anche relativamente a caller-id di determinati indirizzi IP (ex art. 1323, d.lgs. 30 giugno 2003 n. 196)

21 Caller ID ovvero CLID (Calling Line Identifier) ovvero CLI indica il numero telefonico dell utente chiamante.

22 Tracciamento degli indirizzi IP Acquisizione e analisi di tabulati telefonici, da incrociare con i log forniti dagli ISP (Internet Service Providers). L'analisi dei dati complessivi permette la identificazione dell'utenza da cui è iniziata la navigazione. La successiva identificazione della persona fisica che ha materialmente posto in essere la condotta deve essere effettuata tramite indagini classiche.

23 La conservazione dei dati I dati del traffico telefonico (escluso quindi il contenuto delle comunicazioni) sono conservati dal gestore per 48 mesi, i dati del traffico telematico per 12 mesi (art. 132 d.lgs. 30 giugno 2003 n. 196)

24 Il congelamento dei dati Il Ministro dell Interno (o altri soggetti da lui delegati, tassativamente individuati) possono ordinare ai fornitori e agli operatori di servizi informatici o telematici di conservare e proteggere, secondo le modalità indicate e per un periodo non superiore a novanta giorni, i dati relativi al traffico telematico (esclusi comunque i contenuti delle comunicazioni), ai fini dello svolgimento delle investigazioni preventive previste dall art. 226 disp. att. c.p.p., ovvero per finalità di accertamento e repressione di specifici reati. (art. 132 comma 4ter d.lgs. 30 giugno 2003 n. 196)

25 Destinatari dell obbligo sono: Il congelamento dei dati Service Providers (forniscono agli utenti servizi o possibilità di comunicare attraverso un sistema informatico) Internet Access Providers (forniscono unicamente accesso alla rete Internet) Internet Service Providers (forniscono sia accesso e sia servizi sulla rete Internet) Internet Content Providers (forniscono solo contenuti sulla rete e non sono destinatari dell obbligo di conservazione)

26 Indagini in tempo reale Intercettazioni del traffico dati (ex artt. 266ss c.p.p., che regolano le intercettazioni di conversazioni o comunicazioni telefoniche e di altre forme di telecomunicazione)

27 art. 266bis c.p.p. - Intercettazioni di comunicazioni informatiche o telematiche. Nei procedimenti relativi ai reati indicati nell articolo 266, nonché a quelli commessi mediante l impiego di tecnologie informatiche o telematiche, è consentita l intercettazione del flusso di comunicazioni relativo a sistemi informatici o telematici ovvero intercorrente tra più sistemi.

28 Le attività di indagine classiche nel contrasto alla criminalità informatica Ispezione Perquisizione Sequestro

29 art. 244 c.p.p. delle ispezioni. - Casi e forme 1. L ispezione delle persone, dei luoghi e delle cose è disposta con decreto motivato quando occorre accertare le tracce e gli altri effetti materiali del reato.

30 art. 244 c.p.p. - Casi e forme delle ispezioni. 2. Se il reato non ha lasciato tracce o effetti materiali, o se questi sono scomparsi o sono stati cancellati o dispersi, alterati o rimossi, l autorità giudiziaria descrive lo stato attuale e, in quanto possibile, verifica quello preesistente, curando anche di individuare modo, tempo e cause delle eventuali modificazioni. L autorità giudiziaria può disporre rilievi segnaletici, descrittivi e fotografici e ogni altra operazione tecnica, anche in relazione a sistemi informatici o telematici, adottando misure tecniche dirette ad assicurare la conservazione dei dati originali e ad impedirne l alterazione.

31 art. 247 c.p.p. Casi e forme delle perquisizioni. 1. Quando vi è fondato motivo di ritenere che taluno occulti sulla persona il corpo del reato o cose pertinenti al reato, è disposta perquisizione personale. Quando vi è fondato motivo di ritenere che tali cose si trovino in un determinato luogo ovvero che in esso possa eseguirsi l arresto dell imputato o dell evaso, è disposta perquisizione locale.

32 art. 247 c.p.p. - Casi e forme delle perquisizioni. 1-bis. Quando vi è fondato motivo di ritenere che dati, informazioni, programmi informatici o tracce comunque pertinenti al reato si trovino in un sistema informatico o telematico, ancorché protetto da misure di sicurezza, ne è disposta la perquisizione, adottando misure tecniche dirette ad assicurare la conservazione dei dati originali e ad impedirne l alterazione omissis

33 art. 248 c.p.p. Richiesta di consegna. 1. Se attraverso la perquisizione si ricerca una cosa determinata, l autorità giudiziaria può invitare a consegnarla. Se la cosa è presentata, non si procede alla perquisizione, salvo che si ritenga utile procedervi per la completezza delle indagini.

34 art. 248 c.p.p. Richiesta di consegna. 2. Per rintracciare le cose da sottoporre a sequestro o per accertare altre circostanze utili ai fini delle indagini, l autorità giudiziaria o gli ufficiali di polizia giudiziaria da questa delegati possono esaminare presso banche atti, documenti e corrispondenza, nonché dati, informazioni e programmi informatici. In caso di rifiuto, l autorità giudiziaria procede a perquisizione.

35 art. 254 c.p.p. Sequestro di corrispondenza. 1. Presso coloro che forniscono servizi postali, telegrafici, telematici o di telecomunicazioni è consentito procedere al sequestro di lettere, pieghi, pacchi, valori, telegrammi e altri oggetti di corrispondenza, anche se inoltrati per via telematica, che l autorità giudiziaria abbia fondato motivo di ritenere spediti dall imputato o a lui diretti, anche sotto nome diverso o per mezzo di persona diversa, o che comunque possono avere relazione con il reato.

36 art. 254 c.p.p. Sequestro di corrispondenza. 2. Quando al sequestro procede un ufficiale di polizia giudiziaria, questi deve consegnare all autorità giudiziaria gli oggetti di corrispondenza sequestrati, senza aprirli o alterarli e senza prendere altrimenti conoscenza del loro contenuto. 3. omissis

37 art. 254bis c.p.p. Sequestro di dati informatici presso fornitori di servizi informatici, telematici e di telecomunicazioni. 1. L autorità giudiziaria, quando dispone il sequestro, presso i fornitori di servizi informatici, telematici o di telecomunicazioni, dei dati da questi detenuti, compresi quelli di traffico o di ubicazione, può stabilire, per esigenze legate alla regolare fornitura dei medesimi servizi, che la loro acquisizione avvenga mediante copia di essi su adeguato supporto, con una procedura che assicuri la conformità dei dati acquisiti a quelli originali e la loro immodificabilità. In questo caso è, comunque, ordinato al fornitore dei servizi di conservare e proteggere adeguatamente i dati originali.

38 art. 256 c.p.p. Ordine di esibizione e segreti. 1. Le persone indicate negli articoli 200 e 201 devono consegnare immediatamente all autorità giudiziaria, che ne faccia richiesta, gli atti e i documenti, anche in originale se così è ordinato, nonché i dati, le informazioni e i programmi informatici, anche mediante copia di essi su adeguato supporto, e ogni altra cosa esistente presso di esse per ragioni del loro ufficio, incarico, ministero, professione o arte, salvo che dichiarino per iscritto che si tratti di segreto di Stato ovvero di segreto

39 art. 259 c.p.p. Custodia delle cose sequestrate. 1. Le cose sequestrate sono affidate in custodia alla cancelleria o alla segreteria. Quando ciò non è possibile o non è opportuno, l autorità giudiziaria dispone che la custodia avvenga in luogo diverso, determinandone il modo e nominando un altro custode, idoneo a norma dell articolo 120.

40 art. 259 c.p.p. Custodia delle cose sequestrate. 2. All atto della consegna, il custode è avvertito dell obbligo di conservare e di presentare le cose a ogni richiesta dell autorità giudiziaria nonché delle pene previste dalla legge penale per chi trasgredisce ai doveri della custodia. Quando la custodia riguarda dati, informazioni o programmi informatici, il custode è altresì avvertito dell obbligo di impedirne l alterazione o l accesso da parte di terzi, salva, in quest ultimo caso, diversa disposizione dell autorità giudiziaria. 3. omissis

41 art. 260 c.p.p. Apposizione dei sigilli alle cose sequestrate. Cose deperibili. Distruzione di cose sequestrate. 1. Le cose sequestrate si assicurano con il sigillo dell ufficio giudiziario e con le sottoscrizioni dell autorità giudiziaria e dell ausiliario che la assiste ovvero, in relazione alla natura delle cose, con altro mezzo, anche di carattere elettronico o informatico, idoneo a indicare il vincolo imposto ai fini di giustizia.

42 art. 260 c.p.p. 2. L autorità giudiziaria fa estrarre copia dei documenti e fa eseguire fotografie o altre riproduzioni delle cose sequestrate che possono alterarsi o che sono di difficile custodia, le unisce agli atti e fa custodire in cancelleria o segreteria gli originali dei documenti, disponendo, quanto alle cose, in conformità dell articolo 259. Quando si tratta di dati, di informazioni o di programmi informatici, la copia deve essere realizzata su adeguati supporti, mediante procedura che assicuri la conformità della copia all originale e la sua immodificabilità; in tali casi, la custodia degli originali può essere disposta anche in luoghi diversi dalla cancelleria o dalla segreteria. Il periodo in corsivo è stato aggiunto dall art. 88, lett. b), legge 24 luglio 2008, n. 125.

43 art. 352 c.p.p. Perquisizioni. 1. Nella flagranza del reato o nel caso di evasione, gli ufficiali di polizia giudiziaria procedono a perquisizione personale o locale quando hanno fondato motivo di ritenere che sulla persona si trovino occultate cose o tracce pertinenti al reato che possono essere cancellate o disperse ovvero che tali cose o tracce si trovino in un determinato luogo o che vi si trovi la persona sottoposta alle indagini o l evaso.

44 art. 352 c.p.p. Perquisizioni. 1-bis. Nella flagranza del reato, ovvero nei casi di cui al comma 2 quando sussistono i presupposti e le altre condizioni ivi previsti, gli ufficiali di polizia giudiziaria, adottando misure tecniche dirette ad assicurare la conservazione dei dati originali e ad impedirne l alterazione, procedono altresì alla perquisizione di sistemi informatici o telematici, ancorché protetti da misure di sicurezza, quando hanno fondato motivo di ritenere che in questi si trovino occultati dati, informazioni, programmi informatici o tracce comunque pertinenti al reato che possono essere cancellati o dispersi.

45 art. 353 c.p.p. Acquisizione di plichi o di corrispondenza. 1. Quando vi è necessità di acquisire plichi sigillati o altrimenti chiusi, l ufficiale di polizia giudiziaria li trasmette intatti al pubblico ministero per l eventuale sequestro. 2. Se ha fondato motivo di ritenere che I plichi contengano notizie utili alla ricerca e all assicurazione di fonti di prova che potrebbero andare disperse a causa del ritardo, l ufficiale di polizia giudiziaria informa col mezzo più rapido il pubblico ministero il quale può autorizzarne l apertura immediata e l accertamento del contenuto.

46 art. 353 c.p.p. Acquisizione di plichi o di corrispondenza. 3. Se si tratta di lettere, pieghi, pacchi, valori, telegrammi o altri oggetti di corrispondenza, anche se in forma elettronica o se inoltrati per via telematica, per i quali è consentito il sequestro a norma dell articolo 254, gli ufficiali di polizia giudiziaria, in caso di urgenza, ordinano a chi è preposto al servizio postale, telegrafico, telematico o di telecomunicazione di sospendere l inoltro. Se entro quarantotto ore dall ordine della polizia giudiziaria il pubblico ministero non dispone il sequestro, gli oggetti di corrispondenza sono inoltrati.

47 art. 354 c.p.p. Accertamenti urgenti sui luoghi, sulle cose e sulle persone. Sequestro. 1. Gli ufficiali e gli agenti di polizia giudiziaria curano che le tracce e le cose pertinenti al reato siano conservate e che lo stato dei luoghi e delle cose non venga mutato prima dell intervento del pubblico ministero.

48 art. 354 c.p.p. Accertamenti urgenti sui luoghi, sulle cose e sulle persone. Sequestro. 2. Se vi è pericolo che le cose, le tracce e i luoghi indicati nel comma 1 si alterino o si disperdano o comunque si modifichino e il pubblico ministero non può intervenire tempestivamente ovvero non ha ancora assunto la direzione delle indagini, gli ufficiali di polizia giudiziaria compiono i necessari accertamenti e rilievi sullo stato dei luoghi e delle cose. In relazione ai dati, alle informazioni e ai programmi informatici o ai sistemi informatici o telematici, gli ufficiali della polizia giudiziaria adottano, altresì, le misure tecniche o impartiscono le prescrizioni necessarie ad assicurarne la conservazione e ad impedirne l alterazione e l accesso e provvedono, ove possibile, alla loro immediata duplicazione su adeguati supporti, mediante una procedura che assicuri la conformità della copia all originale e la sua immodificabilità. Se del caso, sequestrano il corpo del reato e le cose a questo pertinenti.

49 La responsabilità amministrativa degli enti Quando uno dei reati di cui agli artt. 491bis, 615ter, 615quater, 615quinquies, 617quater, 617quinquies, 635bis, 635ter, 635quater, 635quinquies e 640quinquies c.p. (nonché 640ter c.p., se in danno dello Stato o di altro

50 Competenza funzionale della Procura Distrettuale per i delitti di criminalità informatica ex art. 51 comma 3quinquies c.p.p. Norma transitoria (ex d.l. 23 marzo 2008 n. 92): La competenza per i procedimenti iscritti prima dell entrata in vigore della legge 48/2008 (ovvero prima del 5 aprile 2008) resta regolata dalle norme previgenti (art. 11, legge 48/2008)

51 Competenza funzionale del Gip Distrettuale per i delitti di criminalità informatica Art. 328 c.p.p. Giudice per le indagini preliminari. omissis 1quater. Quando si tratta di procedimenti per i delitti indicati nell'articolo 51, comma 3-quinquies, le funzioni di giudice per le indagini preliminari e le funzioni di giudice per l'udienza preliminare sono esercitate, salve specifiche disposizioni di legge, da un magistrato del tribunale del capoluogo del distretto nel cui ambito ha sede il giudice competente. (ex art. 2, comma 1, lett. 0 b), n. 3), d.l. 23 maggio 2008, n. 92, convertito dalla l. 24 luglio 2008, n. 125)

52 Nuova competenza funzionale DDA art. 615ter c.p. - Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico. Chiunque abusivamente si introduce in un sistema informatico o telematico protetto da misure di sicurezza ovvero vi si mantiene contro la volontà espressa o tacita di chi ha il diritto di escluderlo, è punito con la reclusione fino a tre anni.

53 Nuova competenza funzionale DDA art. 615quater c.p. - Detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso a sistemi informatici o telematici. Chiunque, al fine di procurare a sé o ad altri un profitto o di arrecare ad altri un danno, abusivamente si procura, riproduce, diffonde, comunica o consegna codici, parole chiave o altri mezzi idonei all accesso ad un sistema informatico o telematico, protetto da misure di sicurezza, o comunque fornisce indicazioni o istruzioni idonee al predetto scopo, è punito con la reclusione sino ad un anno e con la multa sino a euro

54 Nuova competenza funzionale DDA art. 615quinquies c.p. - Diffusione di apparecchiature, dispositivi o programmi informatici diretti a danneggiare o interrompere un sistema informatico o telematico. Chiunque, allo scopo di danneggiare illecitamente un sistema informatico o telematico, le informazioni, i dati o i programmi in esso contenuti o ad esso pertinenti ovvero di favorire l interruzione, totale o parziale, o l alterazione del suo funzionamento, si procura, produce, riproduce, importa, diffonde, comunica, consegna o, comunque, mette a disposizione di altri apparecchiature, dispositivi o programmi informatici, è punito con la reclusione fino a due anni e con la multa sino a euro

55 Nuova competenza funzionale DDA art. 617bis c.p. - Installazione di apparecchiature atte ad intercettare od impedire comunicazioni o conversazioni telegrafiche o telefoniche. Chiunque fuori dei casi consentiti dalla legge, installa apparati, strumenti, parti di apparati o di strumenti al fine di intercettare od impedire comunicazioni o conversazioni telegrafiche o telefoniche tra altre persone è punito con la reclusione da uno a quattro anni.

56 Nuova competenza funzionale DDA art. 617ter c.p. - Falsificazione, alterazione o soppressione del contenuto di comunicazioni o conversazioni telegrafiche o telefoniche. Chiunque, al fine di procurare a sé o ad altri un vantaggio o di recare ad altri un danno, forma falsamente, in tutto o in parte, il testo di una comunicazione o di una conversazione telegrafica o telefonica ovvero altera o sopprime in tutto o in parte il contenuto di una comunicazione o di una conversazione telegrafica o telefonica vera, anche solo occasionalmente intercettata, è punito, qualora ne faccia uso o lasci che altri ne faccia uso, con la reclusione da uno a quattro anni

57 Nuova competenza funzionale DDA art. 617quater c.p. - Intercettazione, impedimento o interruzione illecita di comunicazioni informatiche o telematiche. Chiunque fraudolentemente intercetta comunicazioni relative ad un sistema informatico o telematico o intercorrenti tra più sistemi, ovvero le impedisce o le interrompe, è punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, la stessa pena si applica a chiunque rivela, mediante qualsiasi mezzo di informazione al pubblico, in tutto o in parte, il contenuto delle comunicazioni di cui al primo comma.

58 Nuova competenza funzionale DDA art. 617quinquies c.p. - Installazione di apparecchiature atte ad intercettare, impedire od interrompere comunicazioni informatiche o telematiche. Chiunque, fuori dai casi consentiti dalla legge, installa apparecchiature atte ad intercettare, impedire o interrompere comunicazioni relative ad un sistema informatico o telematico ovvero intercorrenti tra più sistemi, è punito con la reclusione da uno a quattro anni.

59 Nuova competenza funzionale DDA art. 617sexies c.p. - Falsificazione, alterazione o soppressione del contenuto di comunicazioni informatiche o telematiche. Chiunque, al fine di procurare a sé o ad altri un vantaggio o di arrecare ad altri un danno, forma falsamente ovvero altera o sopprime, in tutto o in parte, il contenuto, anche occasionalmente intercettato, di taluna delle comunicazioni relative ad un sistema informatico o telematico o intercorrenti tra più sistemi, è punito, qualora ne faccia uso o lasci che altri ne facciano uso, con la reclusione da uno a quattro anni.

60 Nuova competenza funzionale DDA art. 635bis c.p. - Danneggiamento di informazioni, dati e programmi informatici. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque distrugge, deteriora, cancella, altera o sopprime informazioni, dati o programmi informatici altrui è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione da sei mesi a tre anni.

61 Nuova competenza funzionale DDA art. 635ter c.p. - Danneggiamento di informazioni, dati e programmi informatici utilizzati dallo Stato o da altro ente pubblico o comunque di pubblica. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque commette un fatto diretto a distruggere, deteriorare, cancellare, alterare o sopprimere informazioni, dati o programmi informatici utilizzati dallo Stato o da altro ente pubblico o ad essi pertinenti, o comunque di pubblica utilità, è punito con la reclusione da uno a quattro anni. Se dal fatto deriva la distruzione, il deterioramento, la cancellazione, l alterazione o la soppressione delle informazioni, dei dati o dei programmi informatici, la pena è della reclusione da tre a otto anni.

62 Nuova competenza funzionale DDA art. 635quater c.p. - Danneggiamento di sistemi informatici o telematici. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque, mediante le condotte di cui all articolo 635bis, ovvero attraverso l introduzione o la trasmissione di dati, informazioni o programmi, distrugge, danneggia, rende, in tutto o in parte, inservibili sistemi informatici o telematici altrui o ne ostacola gravemente il funzionamento è punito con la reclusione da uno a cinque anni.

63 Nuova competenza funzionale DDA art. 635quinquies c.p. - Danneggiamento di sistemi informatici o telematici di pubblica utilità. Se il fatto di cui all articolo 635-quater è diretto a distruggere, danneggiare, rendere, in tutto o in parte, inservibili sistemi informatici o telematici di pubblica utilità o ad ostacolarne gravemente il funzionamento, la pena è della reclusione da uno a quattro anni.

64 Nuova competenza funzionale DDA art. 640ter c.p. - Frode informatica. Chiunque, alterando in qualsiasi modo il funzionamento di un sistema informatico e telematico o intervenendo senza diritto con qualsiasi modalità su dati, informazioni o programmi contenuti in un sistema informatico o telematico o ad esso pertinenti, procura a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da euro 51 a euro

65 Nuova competenza funzionale DDA art. 640quinquies c.p. - Frode informatica del soggetto che presta servizi di certificazione di firma elettronica. Il soggetto che presta servizi di certificazione di firma elettronica, il quale, al fine di procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto ovvero di arrecare ad altri danno, viola gli obblighi previsti dalla legge per il rilascio di un certificato qualificato, è punito con la reclusione fino a tre anni e con la multa da 51 a euro

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III LIBRO SECONDO Dei delitti in particolare TITOLO III Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III Della tutela arbitraria delle private ragioni Articolo 392 Esercizio arbitrario delle proprie

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Delitti informatici e trattamento illecito di dati ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA NATURA DELLE MODIFICHE

Dettagli

LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547

LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547 LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547 Modificazioni ed integrazioni delle norme del codice penale e del codice di procedura penale in tema di criminalità informatica. La Camera dei Deputati e il Senato della Repubblica

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Sommario 1.Le fattispecie dei Reati Presupposto (Art. 24 bis del D. Lgs. 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole generali...

Dettagli

Reati informatici. Elementi generali. Sentenza. Violenza sulle cose. Normativa di riferimento. Accesso abusivo a un sistema informatico 1/3

Reati informatici. Elementi generali. Sentenza. Violenza sulle cose. Normativa di riferimento. Accesso abusivo a un sistema informatico 1/3 Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008 Elementi generali Reato = illecito penale Può essere punito con pene pecuniarie (es. multa) e/o detentive (es. reclusione). Reati informatici

Dettagli

Parte speciale Reati informatici

Parte speciale Reati informatici Parte speciale Reati informatici Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001 L Amministratore delegato APPROVAZIONE Il Presidente del CdA STATO DEL DOCUMENTO Redazione Revisione Modifica

Dettagli

- PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI

- PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI - PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI B.1. I reati di cui all art. 24 bis del D. Lgs. n. 231/2001 La legge 18 marzo 2008, n. 48, recante Ratifica ed esecuzione della Convenzione

Dettagli

Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008

Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008 Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it Elementi generali Reato = illecito penale Può essere punito con pene pecuniarie (es. multa)

Dettagli

02/10/2010 ABILITA INFORMATICHE E TELEMATICHE. Introduzione. Excursus Normativo. Digital Forensics (A.A. 2010-2011)

02/10/2010 ABILITA INFORMATICHE E TELEMATICHE. Introduzione. Excursus Normativo. Digital Forensics (A.A. 2010-2011) ABILITA INFORMATICHE E TELEMATICHE Digital Forensics (A.A. 2010-2011) 1 Introduzione La ICT ha pervaso così tanto la Società attuale da produrre significativi impatti a livello economico, sociologico e

Dettagli

POLO Consulting INFORMATION SYSTEMS ENGINEERING PRIVACY CORPORATE CONSULTANTS

POLO Consulting INFORMATION SYSTEMS ENGINEERING PRIVACY CORPORATE CONSULTANTS IL CODICE PENALE E LA PRIVACY Questa è una raccolta, non esaustiva, degli articoli del Codice Penale inerenti la privacy e la frode informatica, aggiornata con le modifiche introdotte dalla Legge 48 del

Dettagli

Polizia Postale e delle Comunicazioni. INDAGINI DIGITALI Camerino 2 Maggio 2011

Polizia Postale e delle Comunicazioni. INDAGINI DIGITALI Camerino 2 Maggio 2011 INDAGINI DIGITALI Camerino 2 Maggio 2011 Decreto del Ministero dell Interno 30 Marzo 1998 istituisce SERVIZIO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI Coordinamento operativo degli uffici periferici - Compartimenti;

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 Delitti informatici e trattamento illecito dei dati Approvato con determinazione A.U. del 23.12.2014 1/11 Sommario 1. Ambito

Dettagli

Linux e la sicurezza Computer crimes e tutela della privacy

Linux e la sicurezza Computer crimes e tutela della privacy 1 Linux e la sicurezza LL.M. Master of Laws Dottore di ricerca g.gallus@tiscali.it Principali computer crimes secondo il codice penale (introdotti dalla L. 547/1993) Accesso abusivo a un sistema informatico

Dettagli

I reati informatici. Note preliminari. Tipi di reati informatici. Norme penali e informatica. Violenza sulle cose. Legge sulla criminalità informatica

I reati informatici. Note preliminari. Tipi di reati informatici. Norme penali e informatica. Violenza sulle cose. Legge sulla criminalità informatica Note preliminari I reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto Lezione 7-8 giugno 2004 Claudia Cevenini Reato = illecito penale. Diritto penale = prevede la pena come conseguenza della violazione

Dettagli

Parte Speciale H : I reati informatici MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AGGIORNATO DA. EMAK s.p.a.

Parte Speciale H : I reati informatici MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AGGIORNATO DA. EMAK s.p.a. Parte Speciale H : I reati informatici MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AGGIORNATO DA EMAK s.p.a. con delibera del Consiglio di Amministrazione del 31Gennaio 2014 Parte Speciale H 1. I reati

Dettagli

PARTE SPECIALE SEZIONE II I REATI INFORMATICI

PARTE SPECIALE SEZIONE II I REATI INFORMATICI PARTE SPECIALE SEZIONE II I REATI INFORMATICI INDICE 1. FATTISPECIE EX ART.24-BIS DLGS. 231/2001 2. PRINCIPI DI COMPORTAMENTO 3. PRINCIPI GENERALI DI CONTROLLO 4. AREE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO

Dettagli

PARTE SPECIALE DELITTI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI I DELITTI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI

PARTE SPECIALE DELITTI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI I DELITTI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI PARTE SPECIALE DELITTI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI I DELITTI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI Energeko Gas Italia S.r.l. Versione 01 - Aggiornamento 01/2013 1 Sommario PARTE

Dettagli

informatica 30 maggio 2011

informatica 30 maggio 2011 L informatica Forense: profili critici i della prova informatica 30 maggio 2011 volatilità modificabilità alterabilità Nuove Reti e nuovi strumenti Legge n. 48 del 2008 Ratifica della convenzione di Budapest

Dettagli

PARTE SPECIALE G REATI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DEI DATI

PARTE SPECIALE G REATI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DEI DATI PARTE SPECIALE G REATI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DEI DATI 1 PARTE SPECIALE G REATI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DEI DATI 7.1 Le fattispecie dei delitti informatici richiamate dal d.lgs.

Dettagli

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 PROTOCOLLO DI COMPLIANCE 7 PREVENZIONE DAI REATI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI APPROVATO ED ADOTTATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela SOMMARIO Ipotesi di attacco informatico La procedibilità su querela o d ufficio La querela: contenuto e modalità di presentazione Cosa è la denuncia Brevi cenni sull esposto Le ipotesi di attacco informatico

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI INFORMATICI Approvato. Data. Rev C.d.A 02/01/2012

PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI INFORMATICI Approvato. Data. Rev C.d.A 02/01/2012 . PROT. 8 Pag 1/7 PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI E DEL TRATTAMENTO ILLECITO DEI DATI, PER LA PREVENZIONE DEI DELITTI IN MATERIA DI VIOLAZIONE DEL DIRITTO D AUTORE E DEI DELITTI CONTRO

Dettagli

PRIVACY ED INTERENT. Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi

PRIVACY ED INTERENT. Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi PRIVACY ED INTERENT Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi 2014 1 ART. 13 - L informativa all interessato L informativa deve contenere: - Finalità e modalità del trattamento; - Natura obbligatoria o meno;

Dettagli

Polizia di Stato DIGITAL FORENSICS. Forma e Sostanza. CAMERINO, 27 Aprile 2015. Raul Guido Capriotti

Polizia di Stato DIGITAL FORENSICS. Forma e Sostanza. CAMERINO, 27 Aprile 2015. Raul Guido Capriotti Polizia di Stato DIGITAL FORENSICS Forma e Sostanza CAMERINO, 27 Aprile 2015 Raul Guido Capriotti 1 DEFINIZIONE DI DIGITAL FORENSICS Insieme di indagini, rilievi, accertamenti ed altre operazioni tecniche,

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 PARTE SPECIALE H DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Codice Penale. [...] LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE TITOLO VII Dei delitti contro la fede pubblica. [...] Capo II

Codice Penale. [...] LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE TITOLO VII Dei delitti contro la fede pubblica. [...] Capo II Codice Penale [...] LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE TITOLO VII Dei delitti contro la fede pubblica [...] Capo II Della falsità in sigilli o strumenti o segni di autenticazione, certificazione

Dettagli

i) Regolamento per l'utilizzo dei sistemi informatici dell Associazione Forte di Bard

i) Regolamento per l'utilizzo dei sistemi informatici dell Associazione Forte di Bard Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs. 231/01. PARTE SPECIALE D : I DELITTI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI. La presente Parte Speciale, dedicata alla prevenzione dei reati

Dettagli

PARTE 1: IL REATO INFORMATICO

PARTE 1: IL REATO INFORMATICO I PERICOLI DEL WEB PARTE 1: IL REATO INFORMATICO Quali sono gli aspetti culturali connessi con lo sviluppo dell Informatica? 1. Innnanzitutto la Dimensione Individuale, legata all impatto dell informatica

Dettagli

I reati informatici (appunti) Maggio 2010

I reati informatici (appunti) Maggio 2010 Massimo Farina I reati informatici (appunti) Maggio 2010 Diritti d autore: la presente opera è realizzata esclusivamente per finalità didattiche nell ambito degli insegnamenti di Informatica Giuridica

Dettagli

REATI INFORMATICI Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico

REATI INFORMATICI Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico REATI INFORMATICI Le reti telematiche non sono spazi virtuali senza regole, sottoposti ad una sorta di extraterritorialità: le norme che ne regolamentano il funzionamento sono, infatti, sempre più numerose.

Dettagli

Forensic Science Overview Parma 15 novembre 2008 - Magg. CC Ing. Marco Mattiucci -

Forensic Science Overview Parma 15 novembre 2008 - Magg. CC Ing. Marco Mattiucci - Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche Forensic Science Overview Parma 15 novembre 2008 - Magg. CC Ing. Marco Mattiucci - Ordinamento Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche

Dettagli

FAMIGLIA DI REATI REATI INFORMATICI NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI

FAMIGLIA DI REATI REATI INFORMATICI NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI FAMIGLIA DI REATI REATI INFORMATICI NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI Il D.Lgs. 231/01 ha recepito con la Legge n. 48, art.7, del 18 marzo 2008, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 80 del 4 aprile 2008,

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE-E Delitti Informatici e trattamento illecito dei dati

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE-E Delitti Informatici e trattamento illecito dei dati Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE-E Delitti Informatici e trattamento illecito dei dati Adozione con delibera Consiglio di Amministrazione del 15 Aprile 2009

Dettagli

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project IL MANUALE È AD USO ESCLUSIVO DEI CORSISTI: NE È VIETATA LA RIPRODUZIONE 1 Il D.Lgs. 231/01 Il D.Lgs.

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE B REATI INFORMATICI

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE B REATI INFORMATICI MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 DI CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE B REATI INFORMATICI 1 IL RISCHIO SPECIFICO DEI DELITTI INFORMATICI (ART.

Dettagli

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli

Andrea Reghelin Gabriele Faggioli Milano, 18 marzo 2010. La computer forensics aziendale

Andrea Reghelin Gabriele Faggioli Milano, 18 marzo 2010. La computer forensics aziendale La computer forensics aziendale Andrea Reghelin Gabriele Faggioli Milano, 18 marzo 2010 Indice: 1. Aspetti introduttivi 2. 3. Aspetti legali della computer forensics 4. Il controllo sui lavoratori rispetto

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/01 Parte Speciale 5

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/01 Parte Speciale 5 Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/01 Parte Speciale 5 Delitti informatici e trattamento illecito di dati (articolo 24-bis) Indice 1. LE FATTISPECIE DI REATO EX ART.

Dettagli

sul captatore informatico avv. Prof. Stefano Aterno

sul captatore informatico avv. Prof. Stefano Aterno Le novità giurisprudenziali i i sulle indagini i iinformatiche i e sul captatore informatico avv. Prof. Stefano Aterno settembre 2013 Scena del crimine (non solo) informatico volatilità modificabilità

Dettagli

DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI

DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs 8 giugno 2001 n. 231 Parte Speciale B DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers. 1.0

Dettagli

AGGIORNAMENTO NORMATIVO

AGGIORNAMENTO NORMATIVO AGGIORNAMENTO NORMATIVO I RECENTI INTERVENTI NORMATIVI Nel quadriennio che va dal 2008 al 2012 il legislatore è intervenuto a più riprese sulla disciplina della responsabilità amministrativa delle persone

Dettagli

Oracle Italia S.r.l. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231

Oracle Italia S.r.l. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Oracle Italia S.r.l. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Pag. 234 di 13 27/05/2010 PARTE SPECIALE E : REATI DI CRIMINALITÀ INFORMATICA La presente

Dettagli

Legge 7 dicembre 2000, n. 397 "Disposizioni in materia di indagini difensive"

Legge 7 dicembre 2000, n. 397 Disposizioni in materia di indagini difensive Legge 7 dicembre 2000, n. 397 "Disposizioni in materia di indagini difensive" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 2 del 3 gennaio 2001 Capo I MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA PENALE Art. 1 1. All'articolo

Dettagli

Sicurezza delle reti e dei sistemi informativi:: accenni

Sicurezza delle reti e dei sistemi informativi:: accenni Operatore Informatico Giuridico Informatica Giuridica di Base A.A 2003/2004 I Semestre Sicurezza delle reti e dei sistemi informativi:: accenni prof. Monica Palmirani Definizione del problema Problema

Dettagli

Polizia di Stato. attualità di oggi o pericolo di domani? Genova 11 febbraio 2013 CYBER CRIME. Compartimento di Genova. Chi siamo.

Polizia di Stato. attualità di oggi o pericolo di domani? Genova 11 febbraio 2013 CYBER CRIME. Compartimento di Genova. Chi siamo. Polizia di Stato attualità di oggi o pericolo di domani? Genova 11 febbraio 2013 Polizia Postale e delle Comunicazioni Chi Chisiamo siamo Legge istitutiva della specialità: L. 1 aprile 1981, n. 121 Tutela

Dettagli

D.Lgs. 231/2001. Sicurezza in ambiente aziendale: I reati informatici. Verona, 20 IX 2010

D.Lgs. 231/2001. Sicurezza in ambiente aziendale: I reati informatici. Verona, 20 IX 2010 D.Lgs. 231/2001 Sicurezza in ambiente aziendale: I reati informatici Verona, 20 IX 2010 Ing. Giacomo Pesce Consulente di direzione e amministratore &Co Srl www.and-co.net Il Computer Crime Il Computer

Dettagli

I REATI INFORMATICI NELL ORDINAMENTO ITALIANO. Danilo Vizzarro info@danilovizzarro.it

I REATI INFORMATICI NELL ORDINAMENTO ITALIANO. Danilo Vizzarro info@danilovizzarro.it I REATI INFORMATICI NELL ORDINAMENTO ITALIANO Danilo Vizzarro info@danilovizzarro.it 15 Novembre 2006 INDICE 1 Indice 1 Il Computer Crime 2 1.1 Il Panorama Europeo....................... 2 1.2 Il Panorama

Dettagli

Ingegneria delle Telecomunicazioni http://tlc.diee.unica.it/ Diritto dell Informatica e delle Nuove Tecnologie Docente: Massimo Farina

Ingegneria delle Telecomunicazioni http://tlc.diee.unica.it/ Diritto dell Informatica e delle Nuove Tecnologie Docente: Massimo Farina 1 A.A. 2010/11 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni http://tlc.diee.unica.it/ Diritto dell Informatica e delle Nuove Tecnologie Docente: Massimo Farina http://www.massimofarina.it

Dettagli

Reati informatici, frodi e frodi interne - quali sono e come assicurarsi - Andrea Marega Financial Lines Manager

Reati informatici, frodi e frodi interne - quali sono e come assicurarsi - Andrea Marega Financial Lines Manager Reati informatici, frodi e frodi interne - quali sono e come assicurarsi - Andrea Marega Financial Lines Manager Sommario I reati informatici: frode e responsabilità civile professionale I principali reati

Dettagli

ELENCO DEI REATI PRESUPPOSTO

ELENCO DEI REATI PRESUPPOSTO ELENCO DEI REATI PRESUPPOSTO (ALLEGATO DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DAL FONDO FOR.TE. AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, n. 231) INDICE 1. PREMESSA... 3 2.

Dettagli

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLEGATO 2 REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1) CORRUZIONE La corruzione consiste in un accordo tra un privato ed un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio mediante il

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO POLITECNICO DI MILANO "Digital forensics: un terreno di incontro tra diritto e informatica" DIPARTIMENTO ELETTRONICA E INFORMAZIONE Sala Seminari, 19 maggio 2008 Normativa europea di riferimento: Consiglio

Dettagli

Paolo Galdieri. Titolo della presentazione

Paolo Galdieri. Titolo della presentazione La responsabilità dell azienda per i reati informatici commessi al suo interno: project management, information security e le sfide imposte dalle nuove tecnologie Paolo Galdieri Il reato informatico in

Dettagli

SEZIONE D. Delitti informatici e trattamento illecito di dati Delitti in violazione del diritto d'autore

SEZIONE D. Delitti informatici e trattamento illecito di dati Delitti in violazione del diritto d'autore SEZIONE D Delitti informatici e trattamento illecito di dati Delitti in violazione del diritto d'autore Art. 24-bis D. Lgs. 231/2001 Legge 633/1941 (art. 25-novies D. Lgs. 231/2001) Approvazione Consiglio

Dettagli

PARTE SPECIALE B DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DEI DATI

PARTE SPECIALE B DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DEI DATI PARTE SPECIALE B DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DEI DATI INDICE B.1 DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENARALI DI COMPORTAMENTO... 3 B.2 AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI

Dettagli

"Contrasto delle frodi telematiche. Ruolo e competenze della polizia giudiziaria" T. Colonnello GdF Mario Leone Piccinni

Contrasto delle frodi telematiche. Ruolo e competenze della polizia giudiziaria T. Colonnello GdF Mario Leone Piccinni "Contrasto delle frodi telematiche. Ruolo e competenze della polizia giudiziaria" T. Colonnello GdF Mario Leone Piccinni la protezione del sistema informatico quale nodo nevralgico dell organizzazione

Dettagli

Direzione. Ordine di servizio n 131/C. Firenze, 31/07/2004. Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo.

Direzione. Ordine di servizio n 131/C. Firenze, 31/07/2004. Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo. Direzione Ordine di servizio n 131/C Firenze, 31/07/2004 Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo Loro sedi Oggetto: Legge 20/07/2004 n. 189. Disposizioni concernenti il divieto

Dettagli

- ALLEGATO A E B (FATTISPECIE DEI REATI E ARTICOLI DEL CODICE PENALE RICHIAMATI DALL ART 4 DEL D.LGS. 231/2001)

- ALLEGATO A E B (FATTISPECIE DEI REATI E ARTICOLI DEL CODICE PENALE RICHIAMATI DALL ART 4 DEL D.LGS. 231/2001) MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI WIND RETAIL S.R.L. AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 231/2001 Responsabilità amministrativa della Società - ALLEGATO A E B (FATTISPECIE DEI REATI E

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO 1 AUTOSTRADA BRESCIA VERONA VICENZA PADOVA S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi dell art. 6, 3 comma, del Decreto Legislativo

Dettagli

Corporate Law Alert AGGIORNAMENTO NORMATIVO: I NUOVI REATI PRESUPPOSTO EX D.LGS. 231/2001

Corporate Law Alert AGGIORNAMENTO NORMATIVO: I NUOVI REATI PRESUPPOSTO EX D.LGS. 231/2001 Corporate Law Alert SETTEMBRE 2013 AGGIORNAMENTO NORMATIVO: I NUOVI REATI PRESUPPOSTO EX D.LGS. 231/2001 Con l articolo 9 comma 2 del D.L. 14 agosto 2013, n. 93 recante Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

Il diritto processuale penale dell informatica e le investigazioni. informatiche. Sommario

Il diritto processuale penale dell informatica e le investigazioni. informatiche. Sommario Il diritto processuale penale dell informatica e le investigazioni informatiche* Sommario 1 La computer forensics. - 2 Le origini della computer forensics. - 3 La prova digitale. - 4 Il documento informatico

Dettagli

La legislazione sulla sicurezza informatica in Italia. Prof. Ing. Claudio Cilli. cilli@di.uniroma1.it

La legislazione sulla sicurezza informatica in Italia. Prof. Ing. Claudio Cilli. cilli@di.uniroma1.it La legislazione sulla sicurezza informatica in Italia Prof. Ing. Claudio Cilli CIA, CISA, CISSP, CISM, CGEIT, CSSLP, CRISC, M.Inst.ISP, HCISPP cilli@di.uniroma1.it 1 Panorama La progressiva diffusione

Dettagli

ATTI DI P.G. ISPEZIONE ART. 103 D.P.R. 9.10.1990 n. 309

ATTI DI P.G. ISPEZIONE ART. 103 D.P.R. 9.10.1990 n. 309 ISPEZIONI PERSONALI IN MATERIA DI STUPEFACENTI Norme di riferimento Art. 103 D.P.R. 309/90 Organo procedente Documentazione Garanzie di difesa Utilizzabilità Ufficiali di p.g. Delle operazioni è redatto

Dettagli

Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione del D.Lgs. 231/2001:

Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione del D.Lgs. 231/2001: MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 ADECCO ITALIA S.P.A. - ELENCO DEI REATI 231 - Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione

Dettagli

TABELLA REATI/ILLECITI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA' EX D.LGS. 231/01, CON RIFERIMENTI LEGISLATIVI E SANZIONI (Rev. 19 del 14/06/2015)

TABELLA REATI/ILLECITI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA' EX D.LGS. 231/01, CON RIFERIMENTI LEGISLATIVI E SANZIONI (Rev. 19 del 14/06/2015) ART. (Malversazione a danno dello Stato o di altro ente pubblico) Chiunque, estraneo alla pubblica amministrazione, avendo ottenuto 24 dallo Stato o da altro ente pubblico o dalle Comunità europee contributi,

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

La normativa tecnica ETS 300-328-2 impone di non irradiare con una potenza E.I.R.P. superiore ai 100 mw (equivalente a 20 dbm).

La normativa tecnica ETS 300-328-2 impone di non irradiare con una potenza E.I.R.P. superiore ai 100 mw (equivalente a 20 dbm). Viene definito come Radio Local Area Network (di seguito denominate Radio LAN" o R-LAN ) un sistema di comunicazioni in rete locale mediante radiofrequenze che utilizza apparati a corto raggio secondo

Dettagli

Qualità e sicurezza. Anomalie

Qualità e sicurezza. Anomalie Qualità e sicurezza I requisiti di qualità e sicurezza sono contigui: i primi determinano l efficacia dei processi in condizioni di esercizio ordinario i secondi assicurano il raggiungimento dei risultati

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Versione del: Novembre 2014 Approvata dall OdV del: 27/11/2014 Approvata dal CdA del: 27/11/2014 Pag. 1 Elenco Reati Versione del Novembre 2014 INDICE 1. I REATI PRESUPPOSTO...

Dettagli

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 di Chiara Assicurazioni Versione del: Settembre 2012 Approvata dall OdV del: 18/09/2012 Approvata dal CdA del: 24/09/2012 Pag. 1 Elenco Reati Versione del Settembre

Dettagli

Commento al D.lgs. n.7 del 15 gennaio 2016 Disposizioni in materia di abrogazione di reati e introduzione di illeciti con sanzioni pecuniarie civili.

Commento al D.lgs. n.7 del 15 gennaio 2016 Disposizioni in materia di abrogazione di reati e introduzione di illeciti con sanzioni pecuniarie civili. Commento al D.lgs. n.7 del 15 gennaio 2016 Disposizioni in materia di abrogazione di reati e introduzione di illeciti con sanzioni pecuniarie civili. Com è noto la Legge 28 aprile 2014 n. 67 delegava il

Dettagli

Il quadro normativo sulla sicurezza informatica

Il quadro normativo sulla sicurezza informatica Il quadro normativo sulla sicurezza informatica Prof. Avv. Giusella Finocchiaro www.studiolegalefinocchiaro.it www.blogstudiolegalefinocchiaro.it Le principali tematiche Sicurezza dei dati Sicurezza dei

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001 N. 231 E S.M.I. E LEGGE 190/2012

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001 N. 231 E S.M.I. E LEGGE 190/2012 CONTROLLO X DCRTO LGISLATIVO 8 GIUGNO 2001 N. 231 S.M.I. LGG RLATIVA AI O ILLCITO DI Aggiornato al: 10/03/2014 Pagina 2 di 21 INDIC O ILLCITO DI 1 I RATI DI CUI ALL ART. 24 BIS DL D. LGS. N. 231/2001 2

Dettagli

L utilizzo indebito on line delle carte di credito: problematiche procedurali ed investigative. Dr. Cesare Parodi Procura della Repubblica di Torino

L utilizzo indebito on line delle carte di credito: problematiche procedurali ed investigative. Dr. Cesare Parodi Procura della Repubblica di Torino L utilizzo indebito on line delle carte di credito: problematiche procedurali ed investigative Dr. Cesare Parodi Procura della Repubblica di Torino Il fenomeno carte Italia 36 ml bancomat 34 ml carte 9

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs. 231/2001. Allegato 1 Catalogo dei Reati e degli Illeciti Amministrativi

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs. 231/2001. Allegato 1 Catalogo dei Reati e degli Illeciti Amministrativi Pag. 1 di 62 INDICE Art. 24 - Reati commessi nei rapporti con la Pubblica Amministrazione... 2 Art. 24 bis - Delitti informatici e trattamento illecito di dati... 4 Art. 24 ter - Delitti di criminalità

Dettagli

L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi. Michele Crudele www.crudele.it 2011-04

L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi. Michele Crudele www.crudele.it 2011-04 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN INFORMATION SECURITY MANAGEMENT 8ª EDIZIONE, ROMA FEBBRAIO 2011- SETTEMBRE 2011 ICT Risk Management Aspetti legali L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi

Dettagli

PHILIPS S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ALLEGATO 1 I REATI E GLI ILLECITI ADOTTATO AI SENSI DEL D. LGS. 8 GIUGNO 2001, N.

PHILIPS S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ALLEGATO 1 I REATI E GLI ILLECITI ADOTTATO AI SENSI DEL D. LGS. 8 GIUGNO 2001, N. PHILIPS S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO AI SENSI DEL D. LGS. 8 GIUGNO 2001, N. 231 ALLEGATO 1 I REATI E GLI ILLECITI AMMINISTRATIVI RILEVANTI AI SENSI DEL D.LGS.231/01 Aggiornamento

Dettagli

url: http://www.medialaw.it/deontologia/codpen.htm Stralci del Codice penale Art. 57 Reati commessi col mezzo della stampa periodica

url: http://www.medialaw.it/deontologia/codpen.htm Stralci del Codice penale Art. 57 Reati commessi col mezzo della stampa periodica url: http://www.medialaw.it/deontologia/codpen.htm Stralci del Codice penale Art. 57 Reati commessi col mezzo della stampa periodica Salva la responsabilita' dell'autore della pubblicazione e fuori dei

Dettagli

Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Modello Organizzazione Gestione Controllo Il presente Manuale è stato redatto in conformità al Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Copia CONTROLLATA

Dettagli

15/10/2013 DEFINIZIONE DEI SISTEMI RIS-PACS FUNZIONE DEI SISTEMI RIS-PACS ARCHITETTURA DEI SISTEMI RIS-PACS ATTIVITA' TIPICHE DEI SISTEMI RIS-PACS

15/10/2013 DEFINIZIONE DEI SISTEMI RIS-PACS FUNZIONE DEI SISTEMI RIS-PACS ARCHITETTURA DEI SISTEMI RIS-PACS ATTIVITA' TIPICHE DEI SISTEMI RIS-PACS ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA' DI BOLOGNA CIRSFID DOTTORATO DI RICERCA IN DIRITTO E NUOVE TECNOLOGIE Bologna, 5 luglio 2013 DEFINIZIONE DEI SISTEMI RIS-PACS RIS (Radiology Information System) Sistema

Dettagli

REATI INFORMATICI, CODICE PENALE e REGOLAMENTAZIONE COMUNITARIA

REATI INFORMATICI, CODICE PENALE e REGOLAMENTAZIONE COMUNITARIA REATI INFORMATICI, CODICE PENALE e REGOLAMENTAZIONE COMUNITARIA Sviluppo dell'informatica e società net-centrica Reati informatici (computer crimes, CCr) Le attività illecite si trasferiscono sulla rete

Dettagli

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI INDICE Presentazione... Avvertenza... pag VII XIII Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI 1. Costituzione della Repubblica Italiana... 3 2. Convenzione per la salvaguardia dei diritti

Dettagli

ALLEGATO A ELENCO REATI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E DEGLI ENTI EX D.

ALLEGATO A ELENCO REATI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E DEGLI ENTI EX D. ALLEGATO A ELENCO REATI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E DEGLI ENTI EX D. Lgs. 231/2001 1 INDICE Art. 24 Reati contro il patrimonio della Pubblica Amministrazione... 5 Truffa

Dettagli

APPENDICE. Articolo 24 decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231

APPENDICE. Articolo 24 decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 APPENDICE Documento di sintesi Parte generale del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo, ai sensi del D. Lgs. 231/2001, adottato da Sigma -Tau Finanziaria S.p.A. in data 17.7.2003 4^ versione

Dettagli

VIDEOSORVEGLIANZA Aggiornato 12/2008

VIDEOSORVEGLIANZA Aggiornato 12/2008 Aggiornato 12/2008 IMPIANTO VIDEOSORVEGLIANZA: NOTE SULLA NORMATIVA L installazione di sistemi di videosorveglianza non sono di libero uso, in quanto sono soggetti alla normativa sulla Privacy. Eventuali

Dettagli

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Art. 600 Riduzione in schiavitù Chiunque riduce una persona in schiavitù, o in una condizione analoga alla schiavitù, è punito con

Dettagli

LE TECNICHE DI ATTACCO ALLA SICUREZZA INFORMATICA

LE TECNICHE DI ATTACCO ALLA SICUREZZA INFORMATICA LE TECNICHE DI ATTACCO ALLA SICUREZZA INFORMATICA Le principali tecniche di attacco (hacking) possono essere cosi elencate: 1) exploit; 2) buffer overflow; 3) shellcode; 4) cracking; 5) backdoor; 6) port

Dettagli

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento:

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: MOG 231 - PSG COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE

Dettagli

APPENDICE 1. Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto);

APPENDICE 1. Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); APPENDICE 1 REATI ED ILLECITI (Generale)* I II Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); Reati informatici e trattamento illecito di dati (art. 24 bis del

Dettagli

Rev. Oggetto Approvazione Data 00 Allegato 1 Reati ex D.Lgs. 231/01 CdA

Rev. Oggetto Approvazione Data 00 Allegato 1 Reati ex D.Lgs. 231/01 CdA Modello di Organizzazione Gestione e Controllo D.Lgs. 231/01 ALLEGATO 1 REATI EX D.LGS 231/01 Rev. Oggetto Approvazione Data 00 Allegato 1 Reati ex D.Lgs. 231/01 CdA SOMMARIO PREMESSA... 6 1. SOGGETTI...

Dettagli

La ratifica della Convenzione Cybercrime del Consiglio d Europa LEGGE 18 MARZO 2008, N. 48

La ratifica della Convenzione Cybercrime del Consiglio d Europa LEGGE 18 MARZO 2008, N. 48 Criminalità informatica La ratifica della Convenzione Cybercrime del Consiglio d Europa LEGGE 18 MARZO 2008, N. 48 Ratifica ed esecuzione della Convenzione del Consiglio d Europa sulla criminalità informatica,

Dettagli

La recente normativa in tema di data retention

La recente normativa in tema di data retention Security Summit Roma 11 giugno 2009 La recente normativa in tema di data retention Stefano Aterno Docente informatica giuridica La Sapienza di Roma www.studioaterno.it La normativa in vigore: in Italia

Dettagli

La professione dell'informa0co forense: percorsi forma0vi e metodologie di intervento. Avv. Pierluigi Perri Università degli Studi di Milano

La professione dell'informa0co forense: percorsi forma0vi e metodologie di intervento. Avv. Pierluigi Perri Università degli Studi di Milano La professione dell'informa0co forense: percorsi forma0vi e metodologie di intervento Avv. Pierluigi Perri Università degli Studi di Milano Il corso di perfezionamento dell Università degli Studi di Milano

Dettagli

SUA MAESTA... LA NOTIZIA OVVERO ALLA RICERCA DELLE FONTI

SUA MAESTA... LA NOTIZIA OVVERO ALLA RICERCA DELLE FONTI SUA MAESTA... LA NOTIZIA OVVERO ALLA RICERCA DELLE FONTI LE FONTI DIRETTE: CIO CHE IL CRONISTA VEDE (O APPRENDE DIRETTAMENTE: testimonianze, documenti...) INDIRETTE: CIO CHE IL GIORNALISTA APPRENDE (PER

Dettagli

I REATI RICHIAMATI DAL D. LGS. 231/01

I REATI RICHIAMATI DAL D. LGS. 231/01 Allegato n. 2 I REATI RICHIAMATI DAL D. LGS. 231/01 0 Art. 23 del D. Lgs. 231/01, Inosservanza delle sanzioni interdittive. Chiunque, nello svolgimento dell'attività dell'ente a cui è stata applicata una

Dettagli