Rassegna stampa del 07/02/2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna stampa del 07/02/2011"

Transcript

1 Ufficio Stampa Rassegna stampa del - Prodotta da Kikloi s.r.l.

2 Rassegna stampa del Il Resto del Carlino Ravenna E' caccia al killer dei cani (prima pagina)(prime Pagine) «Un solo Atc in pianura e federalismo venatorio»(ambiente) Alleanze, Bazzoni alla Lega: «Niente teatrini»(politica locale) «Convention, fiere ed eventi: il PalaDe Andrè valore per la città»(economia e territorio) «Dove vanno a finire i soldi versati per i pasti non consumati?»(politica locale) Beni di lusso, crescono i timori tra gli operatori(economia e territorio) Cittadini cervesia quota , gli stranieri sono più di tremila(economia e territorio) Itway firma per nuove autostrade telematiche(economia e territorio) Cambiano le deleghe in Giunta a Faenza(Politica locale) Esche avvelenate al parco, paura e rabbia(ambiente) La Voce di Romagna Ravenna Incidente con giallo (prima pagina)(prime Pagine) Il Comune incassa le rette mensa senza averne diritto(politica locale) Via Trieste ridotta a discarica(ambiente) 934 firme a sostegno di Berlusconi(Politica locale) Agricoltura: ecco lappello salva reddito(agricoltura) Cimitero, telecamere perevitare altri furti(edilizia e infrastrutture) Perché una coop fa crac(economia e territorio) Il Sole 24 Ore Crescono le liti sugli appalti(economia Nazionale) Il calo delle risorse frammenta le gare(economia Nazionale) Servono progetti a prova di giudice(economia Nazionale) Tutto da rifare quando l'impresa fallisce(economia Nazionale) Pochi casi virtuosi: le grandi opere vanno a rilento(economia Nazionale) NORME E TRIBUTI: Niente imposta sul verde pubblico(pubblica Amministrazione) Un big bang di riforme coordinate(economia Nazionale) Una scia telematica per le aziende(economia Nazionale) - Prodotta da Kikloi s.r.l.

3 Crescita e rilancio: otto opportunità ferme tra i comuni(economia Nazionale) Sul federalismo il Carroccio si scopre diviso(pubblica Amministrazione) NORME E TRIBUTI: Antenne per i cellulari con procedura unica(pubblica Amministrazione) NORME E TRIBUTI: Intermediari di rifiuti, l'iscrizione anticipa i tempi(ambiente) NORME E TRIBUTI: La regione non può limitare le distanze(pubblica Amministrazione) NORME E TRIBUTI: L'autorità d'ambito mantiene la tariffa(pubblica Amministrazione) NORME E TRIBUTI: Punteggio minimo per accedere alla mobilità(pubblica Amministrazione) NORME E TRIBUTI: Revisione del piano per le nuove gare(pubblica Amministrazione) NORME E TRIBUTI: Sull'acqua il nodo indennità(pubblica Amministrazione) NORME E TRIBUTI: Sull'efficacia dei contratti seap decide il giudice ordinario(pubblica Amministrazione) Italia Oggi Professionisti. Non servi(pubblica Amministrazione) Il percorso della norma è stato scandito dalle proroghe(pubblica Amministrazione) Neo patentati, i limiti sono realtà(pubblica Amministrazione) La Stampa Ora anche Brunetta si prende un pizzico di Costituzione(Pubblica Amministrazione) la Repubblica Far sì che il federalismo non ammazzi la sanità(pubblica Amministrazione) Corriere della Sera La resa del ministro Brunetta(Lavoro e formazione) Repubblica Affari & Finanza Pubblica amministrazione Una rivoluzione che non è mai cominciata(istruzione) - Prodotta da Kikloi s.r.l.

4 press LIETE il Resto del Orlino RAVENNA n h h h Pesto del \ %n:.\n 9mk,N1 \n \N. \\\\N N\\ h ' 9 kna. : :'. \ ' k¼\ A\: \ APERTURE. TALI ore T/V/ e PF FE 11 7 care',14:o g Lunedì 7 febbraio 011 m rwilre tod caruno.it e -rneil: t `U, tl - Redazione : via Sere Ravenna TeL Fax tl,tl,tl -~ tl~ tl~ tl~ tl~ tl~ tl~ tl~ tl E PubbLicità : S.P.E.. S Ravenna L.S. Amarti, 6(1 - re[ : Fax ') FA NSA La Polizia Municipale indaga per IndMMMd are l' Len tore Servizio a pagina 5 MI a.n f ícysé ì~?.3. A ET `f (METRÒ ) : «SERVE INVESTIRE SUL MARKETING DELLA CITTÀ» «Gti eventi al Pala De AnrèB grande opportunità per tutti» 6. a Servizio a r,: 3 DA VIA CAVO= 47 RAVENNA TAZIOOL fiì6 )it"_ MF. _ ti Care lì..1 (a 1 me t: ABBIGLIAMENTO DONNA SALDI 50% 41 eo4i 1 ~'~e L si-~ill xr a t brvnrgaxeha f e rr xea r ànee p

5 press LIETE il Resto dei Carlino RAVENNA ACER E CACCI A «Un soto At c in pianura e federatismo venatorío» L'Acer ha organizzato incontri con i cacciatori pe r presentare le proposte operative per la revision e degli Atc. Tra queste la creazione di un solo Atc per tutta la pianura ; il federalismo venatori o mediante l'utilizzo in sed e locale di almeno il 50% delle somme versate dai cacciatori alla Regione ; l a modifica normativa regionale sugli Atc e il ritorno alle elezioni dirette dei propri rappresentanti d a parte delle tre component i (cacciatori, ambientalisti, agricoltori) ; l'obbligo d i acquisto della selvaggina da ripopolamento in ambito ai massimo regionale, ricorrendo agli acquist i all'estero solo in caso d i comprovata assenza di produzione locale, ed i n subordine nazionale. L'Acer propone inoltre l'obbligo d i censimenti prima di fare l e catture delle lepri, riducendo (o ancora meglio, evitando) le catture nei cosiddetti 'riservini'. Proposto inoltre il divieto d i caccia con utilizzo di segugi in tutti i territori posti a nord della via Emilia, Gl i incontri si terranno oggi a Bagnacavallo, domani a d Alfonsine, poi a Russi, Lugo, Faenza, Ravenna. %,èdhmrie.n t.to,ano Firprr e iiúrt, wwkke,aforlalla r,l1s,ens.

6 press LIETE il Resto dei Carlino RAVENNA..XXXXX,.N,XXXXXXXXXX,...XXXXXXXXXXXX,.N,XXXXXXXXXX,...XX,XXXXXXXX,...XXXXX, E LEZ0Nl Alleanze, Bazzon i alla Lega : «Ment e teatrini» NEL CENTRODESTR A ravennate tiene banco i l tema delle alleanze e delle candidature per le prossim e amministrative. U n argomento su cui, co n decisione, interviene anch e G iangu i do Bazzo n t, consigliere regionale Pdl e dirigente cittadino del partito. Di fronte all e frenale della Lega sull e candidature uniche, Bazzocchi afferma che «il P& lavora per un'alleanza omogenea con la Lega, per replicare anche a livell o locale gli accordi di tip o nazionale : tanti teatrini non ne vogliamo, serve trovare una soluzione che ci permetta di presentarc i uniti davanti agli elettori». CON LE ELEZIONI comunali e provinciali che si avvicinano si dovrebb e votare a maggio e il centrosinistra già in fase d i rodaggio con i rispettiv i candidati (l'uscente sindaco Matteucci in Comune e Casadio per la Provincia), Pdl e Lega cercano infatti d i trovare ancora la 'quadra' e presentarsi davanti agl i elettori con un'alleanza solida, evitando la frammentazione. Una strada che, secondo l e indiscrezioni degli ultim i giorni, verrebbe imboccata con decisione candidando Nereo Foschini (Pdl) per Palazzo Merlato e dando alla Lega, nella persona di Rudi Capucci, il titolo di candidato alla poltrona d i piazza dei Caduti. Un'eventualità che, per ora, il segretario provinciale del Carroccio, Gianluigi Forte, non ha né accettato né del tutto scartato, limitandosi a giudicare «prematuro» parlare di candidature comuni. a. z. 5'G.I.nt :or.,li2re ed er.ti: :'a:3.'\ va!or Far :a :ritti

7 press LIETE il Resto del Colino RAVENNA ECONOMIA MASE FI (METRO) : «LE MANIFESTAZIONI CREANO UN GRANDE INDOTTO» «Convention, fiere ed eventi. d Pala De Andrè valore per la città» MENTRE il turismo scruta preoccupato l'orizzonte per il possibi - le arrivo della tassa di soggiorno, dalle parti del Pala De Andr è guarda ai futuro con un certo otti - mismo : merito, forse, dei duemila delegati che, lo scorso 28 genna - io, hanno riempito il palazzo del - lo sport per la convention nazionale dell'algida. Merito, anche, di un calendario di eventi molto intenso. Di sicuro c'è che il palaz - zo di viale Europa in questi ulti - mi anni si è reinventato come 'contenitore' di eventi culturali, convention aziendali, fiere, feste d i partito. La lista di appuntamenti del 2011 parla chiaro : chiusa ier i la `Fiera dell'elettronica', fra erica un mese, 5 marzo, arriverà quel - la dei Bagnini, poi, il 12 marzo, i l concerto di Giovanni Allevi, in sc - s,olino altre fiere e convegni fino a l clo del Ravenna Festival (dal 2 3 maggio al 26 luglio) e della Festa del Pd (dal 10 agosto al 14 settem - bre). CHE RAVENNA abbia trovato un nuovo settore per rafforzare l a sua economia e, soprattutto nel periodo invernale, riuscire a tenere gli alberghi pieni? «Le manifesta - zioni ospitate al Pala De Andr è dice Bruno Masetti, presidente di Metà), la società di gestion e della struttura creano un gran - de indotto per la città e la provin- STRATEGI A «Puntare su appuntament i di nicchia e investire sul marketing del territorio» da: basti pensare che per la " - ventii-m dell'algida, oltre ai duemila dipendenti dell'azienda, a Ravenna sono arrivate altre tre-quat - trocento persone, familiari dei partecipanti soprattutto : questo non solo ha fiuto riempire gli alberghi cittadini, ma ha anche permesso di 'dirottare' molti ospiti verso le strutture di Milano Marit - tima. E poi non vanno dimentica - ti i benefici portati a ristoranti, bar, negozi e via dicendo». Che margini di crescita ci sono per questo tipo di eventi a Ravenna? «La concorrenza con città come Bologna e Rimini è forte dice Masetii Ravenna deve punta - re su eventi più selezionati, più `di nicchia', come appunto le convention aziendali : lf ci sono spaz i dove è possibile inserirsi. Non a caso negli ultimi mesi abbiamo gi - rato per le maggiori fiere nazionali per promuovere la città e il Pala De Andrè». Cosa può e deve fare la città per diventare una meta ricercata? «Di sicuro c'è un problema infrastrutturale non indifferente, storico, che in qualche modo deve esse - re risolto : bisogna potenziare i ser - vizi di treni e collegare in quest o modo la città agli aeroporti regionali. Oggi a Ravenna ci si arriva quasi solo in macchina». Altre iniziative? «Puntare con decisione su un'atti - vità di marketing del territorio, valorizzando le eccellenze e le tipicità di Ravenna». Un eventuale ritorno della palla - volo al Pala De Andrè, soprattutto in caso di promozione in serie A della Robur, costituirebb e un problema? SPORT «La coesistenza con V. volley? Non sarebbe un problema, porterebbe più pubblicità» «Ma figurarsi. sarebbe da stupid i rinunciare al volley. Una squadra che gioca il massimo campionat o sarebbe una grande pubblicità, per Ravenna e, ovviamente, anche per la struttura : si tratterebbe di un'alleanza molto positiva. Eventuali problemi organizzativi sarebbero facilmente Andrea 'lancia i SUCCESSO i dipendenti dell'algida sugli spaltì dei pala De Andre durante la convention azìendale dello scorso 28 gennaio

8 press LIETE il Resto del Carlino RAVENNA IL CASO ALVARO ANCISI (USTA PER RAVENNA) INSISTE SUL PROBLEMA DEI COSTI DELLE MENSE SCOLASTICHE COMUNAL I «Dove v o a finire i soldi ve ti per i pasti non co ALVARO ANCISI, capogruppo della List a per Ravenna, torna ancora sull'argomento delle rette per la mensa scolastica comunale. Al centro dell'attenzione il fatto che dal prossimo settembre i pasti dei bambini saranno assoggettati a una tariffa non pi ù giornaliera, bensì mensile, fino ad u n massimo di 134 curo, da pagare, sia pure con sconti, anche per i giorni di vacanza o di assenza. CHIEDE ANCISI : «All'ingiusta imposizione di tariffe che non corrispondono al ben e ricevuto, tale da far pensare fin d'ora ad alcuni genitori a denunce, si aggiung e anche un altro pesante interrogative) : dove vanno a finire i soldi in più incassati da l Comune? Si può escludere che possano andare alla Camst, ditta appaltatrice de l servizio mensa. Il contratto stipulato col Comune, per nove anni, tino a giugno 2016, per circa 50 milioni di curo, stabilisce un a tariffa per ogni pasto erogato (4,70 a seguito degli aumenti annuali Istat). All'inizio d i ogni giornata scolastica, ogni scuol a trasmette, sulla base dei bambini presenti, il numero dei pasti da ricevere, su cu i vengono emesse le fatture della Camst. I bambini assenti risultano dal registr o mensa. Dunque, i soldi in più che l e famiglie devono pagare per rette mensil i che considerano poco o niente i giorni d i vacanza e le assenze da scuola dei bambin i non dovrebbero finire alla Camst. SALVO spiegazioni diverse, sarebbe il Co - mune ad incamerare questi soldi, senza averne diritto, giacché le entrate dal servizio mensa hanno natura di tariffa, non di tassa. Di qui, la richiesta di conoscere qual i spiegazioni possa fornire al riguardo il sindaco di Ravenna, accompagnate, si spera, dalla disponibilità a correggere radicalmente le disposizioni inaccettabili d i cui sopra»,,,5'g.i.nt :or.,li2re ed er.ti: :'a:3.'\ va!or F3r :a :ritti

9 press LIETE il Resto del Carlino RAVENNA,..XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX,XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX,N Obbligatorio trasmettere ì dati di chi effettua acquist i da 1600 curo in su NUOVE NORM E Beni di Lusso, crescono timori tra gli operator i L'I maggio scatteranno l e disposizioni che impongono di trasmettere, entro il 30 aprile dell'anno successivo, gli estremi fiscali di chi effettua acquisti d'importo pari o superiore a 1600 curo. Una novità che sta destano allarme in molt e categorie commerciali, specialmente in quelle che operano nel campo degli articoli di lusso. «Chi fa acquisti importanti dice Francesco Palermo, presidente sindacato orafi confcommercio spesso desidera la massima riservatezza, u n desiderio che non ha motivazioni di carattere fiscale. Se non la trova da noi, questa riservatemi andrà a cercarla altrove». Pagina,.. 4, C,tíRtìinn nervesi a nuda s9,} Au, gli"m"i sono niìi J,un.nh a

10 press LIETE il Resto del Carlino RAVENNA POPOLAZIONE DOPO L'ITALIANA, LA COMUNITÀ PIÙ NUMEROSA ROMEN A Cittadini cervesi a quota , gli stranieri sono più di tremil a LA POPOLAZIONE cervese h a superato quota 29mila : al 31 dicembre 2010 i residenti erano in - fatti , femmine e 13,890 maschi. Risultato conseguito grazie al fatto che, a fronte di 903 cancellazioni (269 morti e 634 emigrati), si sono registrate iscrizioni (252 nati e 970 im - migrati). L ' andamento natural e continua quindi a essere negativo, ma le distanze si sono ridotte : -17 contro -65 del 2009 e -77 del 2008, I 252 nuovi nati sono equamente divisi Era i due sessi : 202 sono italiani, 24 hanno la cittadinan -,tea RIOSI\' Piace la separazione de beni ; 101 matrimoni (46 religiosi), trentacinque i divorzi za di un paese UE e 26 sono di cit - tadinanza extraeuropea. Per quanto riguarda invece i decessi (269 contro i 323 del 2009), hanno interessato 137 femmine e 132 maschi, 266 italiani, 2 comunitari e un extra UE. PASSANDO alla dinamica migratoria, l'anno si è chiuso con -+ _ 336 unità. I nuovi iscritti sono stati 970, con una leggera flessione i - spetto al 2009 (1.103) e al 2008 (1.243). Dei 970 nuovi iscritti, 533 sono italiani e 437 stranieri, di cui 231 comunitari e 206 extra - comunitari. Sul fronte opposto, i cancellati per emigrazione son o stati come detto 634 (719 nel e 681 nei 2008) : 437 italiani e 19 7 stranieri, di cui 111 UE e 86 extra 1.1E. I cervesi di cittadinanza italiana sono , gli stranieri residenti Tra questi ultimi, la comunità che ha fatto registrare il maggiore incremento è stata quella romena, che, tra l'altro, co n cittadini, è la più rappresentata. Seguono gli albanesi (400), i senegalesi (228), gli ucraini (169), i polacchi (113), i marocchin i (11.0), i moldavi (96), i tunisin i (95), gli algerini (90), i banglades i (58), i brasiliani (45,:) e i tedeschi (35). L'età media della popolazione cervese è leggermente aumen - tata (45,05 anni, era di 44,8 ne l 2009), ma gli stranieri sono molto più giovani degli italiani, avend o un'età media di 33,27 anni. Sette gli ultracentenari. PER QUANTO riguarda la distribuzione territoriale, cervesi risiedono a Pinarella, a Cervia centro, nella Malva, nella zona Di Vittorio, a ragliata, nella zona Bova, a Milano Marittima e 683 nella zona Terme. Nel farese Savio conta residenti, Castiglione 2.263, Cannuzzo 941, Pisignano 1.538, Villa Inferno 1.180, Montaletto 1.246, le Saline 14, Dal punto di vista dello stato civile, la popolazione è costituita da celibi e nubili, coniugati e coniugate, 42 5 divorziati e 616 divorziate, 367 vedovi e 2,012 vedove. Nel 2010 so - no stati celebrati 101 matrimoni, ben 33 in meno rispetto al 2009 ; 55 sono stati celebrati in municipio. Ottantacinque coppie su 10 1 hanno optato per la separazione dei beni. Trentacinque i divorzi. Il numero delle famiglie, , è in costante aumento, mentre l a dimensione media continua a di - minuire e ora è di 2,16 componen - ti. Le famiglie con il maggior numero di componenti si registran o a Montaletto, Villa Inferno, Pisignano, Cannuzzo e Savio. A Cervia centro risiedono abitanti, a Milano Marittima i.544

11 press LIETE il Resto dei Carlino RAVENNA ECONOMA NEL GRUPPO DI AGENDA DIGITALE Itway fi a per nuove autostrade telematiche ANCHE la ravennate Itway è entrata nel gruppo dei cento firmatari di 'Agenda Digitale', iniziativ a che ha lo scopo di stimolare tutt e le forze politiche sollecitando il lo - ro impegno a porre concretament e il tema dello sviluppo del settor e digitale al centro del dibattito, come l'attore di crescita economica. Andrea farina che oltre a presiedere l'azienda ravennate è presi - dente della Commissione terziari o innovativo e tecnologico di Confindustria Emilia Romagna e membro dei Comitato comunicazioni e sviluppo banda larga d i Confindustria spiega: «L'esistenza della banda larga in un Pae - se determina il suo sviluppo o la sua involuzione. Le telecomunicazioni digitali sono entrate nel nostro vivere quotidiano, che si tratt i dì aziende o cittadini-consumatori, quindi le infrastrutture che n e consentono la reale e fruibile dalsione debbono essere fra le priorità delle priorità. Queste infrastrutture che vengono chiamate anch e autostrade telematiche, debbono essere potenziate : oggi è come s e queste infrastrutture fossero a du e sole corsie per senso di marcia, quando invece la mole di dati ch e oggi ci viaggia avrebbe bisogno di almeno quattro, cinque corsie». «LA MEDIA di velocità di comunicazione che abbiamo aggiunge Farina è dì 2 Mbit per secon - do quando sarebbero necessari al - meno 20 Mbit. Negli Stati Uniti è stato presentato un piano per por - tare la velocità a I00Mbit per secondo con un investimento di deci - ne di miliardi di dollari. Si pensi, come ha rilevato il Comitato per l a banda larga, che il migliorament o dell'i per cento della disponibilit à e velocità porta a un miglioramento del 0,1 per cento della nostra produttività». C,tRtìinn nervesi a nuda s9,} Au, gli"m"i sono niìi J,un.nh a -.,

12 press LIETE il Resto dei Carlino RAVENNA OGGI IN CONSIGLIO COMUNALE LA R1ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICH I Cambiano le deleghe in Giunta a Faenza IL CONSIGLIO comunale faentino che si riunirà oggi 17, nel corso del quale si discuterà anche della mozione sull 'Oca presentata dal gruppo Fatti Sentire, prevede tra le comunica - zioni del sindaco anche quella sulla riassegna - zione degli incarichi in Giunta. Al moment o della formazione del l'esecutivo Personale e Bilancio erano rimasti in capo al sindaco. Ora in - vece la delega al Personale viene assegnata all'assessore Roberto Savini, con il mantenimento da parte del sindaco di quella dell'organizmzíone, ritenuta strategica ; di Bilancio da ora in pepi si occuperà l'assessore Claudia Zivie H, e come accaduto per il Personale, il sindac o si terrà l'organizzazione. Al vicesindaco Massimo Isola viene affidata la delega ai Gemellaggio all'assessore Antonio Bandini quelle alla Partecipazione e rapporti con gli organism i consultivi di quartiere e quella all'integrazione e rapporti con la Consulta degli stranieri. All'assessore Maria Chiara Campodoni vengono assegnate Servizio civile, Pace e Diritti civili.

13 press LIETE itresto de Carlino RAVENNA Esche avvelenate al parco, paura e rabbia Tube/lata l'area verde Stacchini-Bertozzi. La Polizia Municipale ha avviato le indagin i LA POLIZIA Municipale ha fatto pervenire al prn Gianluca Chiapponi, di turno alla Procura della Repubblica, una prima noti - zia di reato relativa allo spargi - mento di bocconi avvelenati al parco Stacchini-Bertozzi (si ha no - tizia di un cane morto, ma potrebbero essere di più) : l'ipotesi di reato è quella prevista dalfarticol o 544 bis del codice penale che puni - sce da tre a 18 mesi di reclusione chi provoca la morte di un anima - le senza necessità. Ora l'indagine è tesa a individuare i responsabil i di un alto tanto vile quanto criminale. La Polizia municipale ha anche tabellato l'area verde. I cartel - li che avvisano dell 'avvenuto ritrovamento di polpette avvelena - te (probabilmente con fitofarmaci) sono stati affissi fino alla zona di via Cavour; vi si dà conto del ritrovamento di esche avvelenat e e della conseguente necessità d i prestare la massima attenzione, avvisando altresì che è obbligato - rio l'utilizzo della museruola. Vi sono anche i numeri telefonici da chiamare (Polizia Municipale, Servizio veterinario dell'ausl, Polizia Provinciale e Forestale). In zona c'è anche il cartello affiss o dalla padrona di Raya ( :<la mia ca - gna si è salvata», scrive la signora), che mette in guardia gli altri padroni di cani, informando de i sintomi dell'avvelenamento e del - la terapia adeguata: l'uso del Va- Rum. LA TABELLAZIONE dell'area è stata effettuata in accordo con il servizio veterinario dell'ausl, in - formato della vicenda. La museruola è indispensabile per evitare che il cane ingoi qualcosa di pericoloso. Malgrado l'attenzione del padrone, infatti, un cane è velocissimo nel trangugiare qualsiasi cosa di commestibile. E se il boccone è avvelenato, accade quello che è successo sabato. Una prima segnalazione è arrivata addirittura sabato mattina da Caste/ Bolognese; qui un castellano aveva portato il proprio cane dal veterinari o dopo aver fatto un giro da amici a AVVIS O Tra ì cartelli affissi, anche quello delta padrona d i Raya : «Lei si è salvata» Faenza. Ed era stato proprio nell a zona del parco Stacchini-Bertozzi, manifestando in seguito i sintomi dell'avvelenamento : abbondante salivazione, iper-eccitazione, tremori, scarsa coordinazione. Quel cane è stato salvato, ma non è accaduto così a un animale di piccola-media taglia di due turisti tedeschi che sabato pomeriggio si è sentito male in corso Mazzini, dopo una passeggiata al parco tr a lo Stradone e lo Stmdello Cappuccini. Altri due cani sono stati curati e salvati dall'intervento di medici-veterinari con iniezioni di Valhìm. Tra le ipotesi con cui si cercano di spiegare le ragioni di questa codarda campagna di avvelenamento, il fatto che l'area di sgambamento inserita nell'area verde del parco Stacchini-Bertozzi co n la stagione invernale è divenuta quasi impraticabile per il fango ; i padroni dei cani allora qualch e volta portano a spasso i loro amici a quattro zampe nel più vasto parco attiguo. E questa circostanz a potrebbe avere infastidito qual - che incivile abitante della zona. IERI L'AREA di sgambamento del parco era come al solito molto frequentata. I proprietari dei cani parlavano di quanto accaduto, con giudizi inevitabilmente durissimi nei confronti dell'avvelenato - re. Dicevano che sono morti alcuni cani, ma il numero esatto dei decessi potrà essere calcolato oggi, con la riapertura del servizio veterinario dell'ausl al quale saranno consegnati alcuni bocconi che sabato pomeriggio sono stat i effettivamente individuati e raccolti da un frequentatore dell'are a verde. In capo al servizio veterinario dell'ausl sarà anche la bonifica dell'area, su disposizione del sindaco. La vícenda La notizia dell'avvelenamento de i cani che frequentano i [ parco Stacchínì-Bertozz ha cominciato a diffondersi sabat o Un animate è morto ke, AO nie La Polizia Municípa[e è data informata dei fatti e ha provveduto a tabettare l'area verde, avvisand o dei pericoli e sottolineando [a necessità de[[ < oso detta museruol a La proprietaria dei uno dei cani avvelenati (e salvato) e la polizia municipale hanno affisso avvisi lungo tutto il perimetro dei parco, e lungo l e strade adiacenti in un raggio di quasi mezzo chilometro per avvertire di quanto accaduto e mettere in guardia.

14 Il press UnE RVOCDRh.tan a Ravenna 421 i lini, I Lt Al 1111'11 '1'111 ' I Li-sta t nella nostra le ra R 3inhii 1 disabile, 20 anni, era in gita con i "oop soci quando cadde ii citale diretti siiti versione de i ic i cine riesca a isi a sufficienze.: si (Tomi in letti t- lificiaie i n Originale iniziativa per le strade della cittì rnanfreda.un pensionatoi"mia rnoolie è gelosa " A Fa.,a ieri si regalavano gli abl)r :yi l_oni n Chi Si : di Castela Fortini a p >ti Monca a pat i «magne- 1(k) in i >i. Gambi a pag. 14 a ha sadinamir ho:m ami a muscolare e li, ira andato di 5a:4g:curo a inn di una ec con lat,.e mentre usci. staio detto generi. Rt corri-tori, ma "a vuole chiabnnentl e una neretto mentre Li i i di Fiorii ha già comm i i i di sua iniziativa a indagare su i llo 11 ragazze pur essend o Acomodato faceva una vita q u normale ed era bravissimo negli studi. > A pagina 5 La "Lista per Ravenna" contesta le Moloto v contro una scuola di Cesena ta. :tut L'assurdità iailiana Giubilei a pag. 30 aia aia aia aia iiinas iyit,l e Amedeo A Forlì gli amici quattro zampe più bel e del Docile è un akb americano A pagina 11 il più ben< RAVENNA "Inaccettabili le imposizioni del Comune legate a l ----uter i- delle [or "- mensili erte manie- E' una oeciatn i ali I che il ca-,isyu i i i Rivenna n, i i.. cifra tlon più.ort,,, z fino ae un i m Si pagherà M arma. ile per í giorni di tcaoao. mese di gennaio, po in caso di elezioni. Oè A pagina 9 CESENA Molotov realizzate da una mano inesperta contro la scuola media Vfiale della Resistenza, in via San Colombano. lice le bottiglie di plastica colme di ben - zina ritrovate dai vigili del fuoco. A far scattino l'allarme, alle sabato sera, è a un passante ie gatta Olmi oh la mina ud - iippodrom :l lmi.`:,^ nel buio della sera n no ile lingue di luci m- do bll"inle te: C v m

15 press LJfE 1AVOC Ravenna RL,àgn a Mense scolastiche, pioggia di critiche sul regolamento RAVENNA - "Inaccettabili le imposizioni del Comune legate al pagamento delle tariffe mensil i delle mense scolastiche". E' una bocciatura totale quella che il capogruppo di Lista per Ravenna Alvaro Ancisi riserva al regola - mento comunale relativo alle mense e al pagamento del servizio. In una interrogazione rivolta al sindaco Matteucci, Ancisi elenca le 'inaccettabili imposizioni' avallate dall'amministrazione : "I pasti dei bambini nelle mense scolastiche del Comune saranno assoggettati dal prossimo mese d i settembre ad una tariffa non più giornaliera, bensì mensile, fino ad un massimo di 134 euro. Si pagherà la tariffa intera anche pe r i giorni di vacanza del mese di gennaio, per la Pasqua e in caso di elezioni, mentre (salvo marce indietro finora non avvenute) s i avrà uno sconto insufficiente de l 20 per cento in settembre (quando la scuola comincia a metà me - se) e in dicembre (quando i giorni di vacanza sono il 30 per cento) e del 50 per cento in giugno (mentre la scuola finisce la prima settimana" Lo sconto vacanze, dunque, sembra proprio non convincere il civico. E lo stesso vale per lo sconto malattia: "In caso di assenza da scuola per malattia o altro impedimento, si potrà avere uno sconto del 25 per cento solo se il bambino resterà a casa pe r oltre 22 giorni di calendario in u n mese, altrimenti si pagherà la retta intera: le assenze per malattia non sono peraltro rare nelle scuole per bambini, soprattutto i n quelle per l'infanzia" Ma a quella che Ancisi ritiene una "ingiusta imposizione di tariffe che no n corrispondono al bene ricevuto, si aggiunge anche un altro interrogativo. "Dove vanno a finire - chiede il capogruppo LpRa - i soldi in più incassati dal Comune? " Si può escludere che possano andare alla Camst, ditta appaltatrice del servizio mensa. Il contratto stipulato col Comune, per nove anni, da settembre 2007 a giugno 2016, per circa 50 milioni di euro, stabilisce una tariffa per ogni pasto erogato, inizialmente 4,50 euro più Iva, ora 4,70 a seguito degli aumenti annuali Istat. All'inizio di ogni giornata scolastica, ogni scuola trasmette, sulla bas e dei bambini presenti, il numero dei pasti da ricevere, su cui vengono emesse le fatture della Camst. I bambini assenti risultano dal registro mensa. "Dunque - afferma Ancisi - i soldi in più che le famiglie devono pagare per rette mensili che considerano poco o niente i giorni di vacanza e le assenze da scuola dei bambini no n dovrebbero finire alla Camst. Salvo spiegazioni diverse - prosegue il civico - sarebbe il Comune ad incamerare questi soldi, senza averne diritto, giacché le entrate dal servizio mensa hanno natura di tariffa, non di tassa. Ci sarà molto lavoro per gli avvocati e conseguentemente per la Procura, e non solo per gli aspetti civilistici. Di qui - conclude il capo - gruppo LpRa - la richiesta di conoscere quali spiegazioni poss a fornire al riguardo il sindaco, accompagnate, si spera, dalla disponibilità a correggere radicalmente le disposizioni inaccettabili di cu i sopra " Pagina 9

16 press LJfE ii1vocr6,àgn a Ravenna La denuncia di Ravennadoman i "Via Trieste ridotta a discarica" Riceviamo e pubblichiamo Se si percorre in bicicletta via Trieste a Marina di Ravenna, si ha modo di constatare il grado di maleducazione e inciviltà dei tanti automobilisti che gettano dal finestrino ogni genere di rifiuti, tali da trasformare quella bella strada a lato della pinet a in una vera e propria discarica. Schifezze di ogni tipo : bottiglie, lattine, indumenti, pacchetti di sigarette, sportine di plastica vuote e piene immondi - zia. In quantità esagerata ed inaspettata. Prendersela con il Comune perché faccia qualcosa è scontato. Difficile ma necessario prendersela con i pro - pri concittadini da cui non si vorrebbe mai un tale disprezzo per la buona educazione e per il rispetto dell'ambiente : basterebbe così poco. Carlo Zingaretti, Ravennadomani Pagina 9

17 press LJfE 1AVOCRL.àgn a Ravenna Prosegue raccolta del Pdl ravennate 934 firme a sostegno di Berlusconi RAVENNA - Il Pdl ravennat e prosegue la raccolta firme bisettimanale (presso il mercato ambulante di via Sighinolfi il mercoledì e il sabato) a sostegno del Presidente Berlusconi. Sinora sono 934 i ravennati che hanno messo la loro firma nell'apposito modulo preparato dal coordinamento comunale Pdl. "Esprimiamo forte soddisfazione - dichiara Alberto Ancarani, vice coordinatore comunale vicario del Pdl - in quanto si tratta di un'iniziativa che a differenza di quella analoga e contraria del Pd, non ha un carattere nazionale ma è nata esclusivamente dal coordinamento comunale di Ravenna, dunqu e non riceve alcun battage pubblicitario e si svolge solo al mercato cittadino" Pagina 9 Ron pr r, ilare' alo i Perché una cale I'a crac

18 press LJfE ll1voc Ravenna RL,àgn a Imprese familiari Agricoltura: ecco l'appello "salva reddito" RAVENNA - Le aziende agricole a conduzione familiare di Ravenna e dell'emilia Romagna lanciano l'allarme reddito. In una nota firmata dall'agricoltore di Filetto di Ravenn a Elvio Ercolani - le aziende agri - cole a conduzione familiar e auspicano l'azzeramento dei debiti contratti negli ultimi anni a causa dei prezzi agricoli tenuti sotto i costi di produzion e dalle lobbies della filiera agricola" "In questi ultimi anni - spiega Ercolani - i prezzi dei prodotti agricoli sono stati sempre sotto i costi di produzione. L'agricoltore non ne può più, sta divenendo una situazione insostenibile che va risolta nell'immediato". Come? Ecco la proposta delle aziende agricole familiari : "Le strutture di ritiro della frutta (cooperative e private) non potranno più ritirare il prodotto senza prezzo per poi pagarlo al ribasso. Da adesso in poi dovranno assicurarci un prezzo remunerativo già al ritiro". Le aziende tengono poi a precisare di non esse - re "contro la globalizzazione ma di non poter accettare che chi lavora in agricoltura si ritrovi con un reddito 'da schiavo', per questo occorre che le produzioni nazionali siano tutelate, pena l'embargo dei prodotti esteri". Anche sul tema dei contributi che la Comunità Europea eroga a favore dell e imprese agricole, Ercolani ha le idee chiare : "Essi devono essere distribuiti in maniera equa tra gli agricoltori e non al - la filiera. Metà dei contributi totali annui sarebbero sufficienti per la buona conduzione delle aziende agricole" Pagina 9

19 press LJfE IAVOCR : Ravenna àgn a Ravenna: dopo il colpo al campo santo La giunta pensa agli `occhi elettronici ' Cimitero, telecamere per evitane altri furti RAVENNA - Furti al cimitero, il Comune studia le contromisure. Dopo i l passaggio dei 'predoni' dell'oro rosso - i ladri che nella notte tra venerdì e sabato hanno spogliato delle grondaie d i rame le edicole funerarie della zon a del cimitero rivolta verso via Baiona - l'amministrazione sta pensando di correre ai ripari. Quest'oggi è infatti in programma un incontro tra l'assessor e ai Lavori pubblici Andrea Corsini, i l collega alla Sicurezza Gianluca Dradi e i rappresentanti di Azimut, la societ à che gestisce i servizi cimiteriali. Oltre alla stima dei danni si valuterà l'opportunità di installare un sistema d i videosorveglianza al fine di prevenire ulteriori colpi notturni. La zona più nuova del cimitero è stata "visitata" nella nott e di venerdì da ladri di rame che hanno ripulito le edicole funerari e del prezioso `oro rosso'. Sul caso indagano i carabinieri Pagina 9 Yerche una caq~ fa crac

20 press LJfE RVOC Ravenna RL,àgn a Ravenna La crisi Cmr al centro di un'inchiesta del quotidiano nazionale Il Giornale ' Perché una coop fa crac `Asbetti Poco chiari sulla cessione di beni e quote RAVENNA - Due fronti aperti per i l crac della Cmr. La cooperativa edile di Filo di Argenta, dal 14 ottobre sot - toposta a liquidazione e a procedura di concordato preventivo per via de l debito accumulato - ben 140 milioni di euro - spera di evitare il fallimento. Mentre il commissario giudiziale attende le relazioni dei periti chiamati a 'pesare' il valore degli 'asset ' dei cimiteri e dei porti - tra i quali Marinara e Porto Reno - il crac della coop rossa e "l'intreccio politicaaffari" sono finiti al centro di u n esposto-denuncia presentato al procuratore capo di Ferrara Rosario Minna da Maurizio Bucci, consigliere comunale Pdl a Ravenna. Della situazione per nulla rosea della coop ferrarese che tanti affari ha fatto sulla costa ravennate e dell'esposto de l consigliere ravennate si è occupato nell'edizione di ieri anche il quotidiano nazionale 'Il Giornale'. Nell'inchiesta "Il miracolo della coop rossa : 140 milioni di debiti", l'inviato nella bassa ferrarese Stefano Filippo ripercorre le vicende recenti del - la coop, colosso edile diventato tale sulle ceneri di un altro celebre cra c estense, quello della Coop Costruttori di Giovanni Donigaglia. "Quando la Costruttori andò in bancarotta - ricostruisce il quotidiano nazionale - Cmr ne ereditò gran parte dei lavori diventando il nuovo fiore all'occhiello dell'edilizia targata Legacoop. Ma uno stesso destino - continua il quotidiano - attende i due colossi di Argenta". Il 14 ottobre 2010 infatti l'assemblea della Cmr prende atto del debito, 140 milioni di euro, e chiede al tribunale di Ferrara il concordato preventivo. "La coop - scrive 'Il Giornale' - ha raccolto 2, 4 milioni di euro come prestito sociale : il concordato propone di recuperare un quarto dei debiti, e quindi di La sede della coop Cmr, "mamma" di Marinar a Esposto alla procura del consigliere Pdl Bucci per "fare luce sugli eventuali intrecci tra politica locale e affari della coop " restituire tra il 23 e il 26 per cento. Una miseria". Il Giornale mette in evidenza poi la situazione dei creditori per i quali "si prospetta lo stesso dramma che colpì i creditori di Donigaglia (il processo per bancarotta e associazione a delinquere è in corso a Ferrara " Il quotidiano nazionale pone poi alcuni in - terrogativi, molti dei quali già avanzati dal consigliere ravennate nell'e - sposto alla procura : "Perché fornita ri e risparmiatori non sono stati avvertiti del progressivo dissesto dell a Cmr? Dov'era Legacoop, che ogni anno ne ha certificato i conti (dal bi - lancio Cmr 2009 risulta che Legacoop effettuò l'ultima revisione il 19 gennaio 2010? " E un numero, in particolare, ad attirare l'attenzion e de 'Il Giornale' : 61 milioni, quanto è valutato l'attivo Cmr in 61 milioni. A farla da padrone due 'asset' particolari: il settore cimiteriale e quello dei porti turistici. "Morti e porti - scrive Il Giornale - proprio qui bisogna scavare per capire perché un a coop fa crac" e perché "immobili e partecipazioni societarie del valor e di alcuni milioni di euro vengono venduti - anzi, svenduti, alla vigili a della messa in liquidazione: beni sottratti alla chetichella al patrimonio della coop sui quali soci e credi - tori non potranno rivalersi " Aspetti poco chiari che devono essere approfonditi. Aspetti denunciati sulla sua pagina Facebook anche d a Luigi Vitali, ex consigliere della Seaser, concessionaria demaniale di Marinara in quota Cmr. E da Maurizio Bucci, il consigliere comunal e Pdl che, tra morti e porti, vuole vederci chiaro. Pagina 9

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI E GESTIONI GENERALI - UFFICIO APPALTI. Città: TRENTO Codice postale: 38100

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI E GESTIONI GENERALI - UFFICIO APPALTI. Città: TRENTO Codice postale: 38100 Automa di TrentoUNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Lussemburgo Fax (352) 29 29-42670 E-mail: ojs@publications.europa.eu Info

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

La Lega Nord chiede al Comun e impegni concret i sui scopass i

La Lega Nord chiede al Comun e impegni concret i sui scopass i press UnE 02/01 /2011 Resto del Orlino Ravenna BAG NACAVALLO La Lega Nord chiede al Comun e impegni concret i sui scopass i «ANCHE a Bagnacavallo i nodi delle politiche degli an - ni passati vengono al

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto 1/ 14 ENOTICES_alessiamag 14/11/2011- ID:2011-157556 Formulario standard 6 - IT Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Luxembourg

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli