Come restituire un senso alle parole

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come restituire un senso alle parole"

Transcript

1 vr7.qxd:!45_5.qxd 9//.7 Pg XI mbl Pr ruprr l vt ll u ttltà, rr ur dll fr dl mdt trr rfrr l rl, ll um, l vr. ì l mu è d At Prtt, prfr rdr d Flf trt ll Uvrtà d Prug m rttur u ll prl At Prtt frtrm, qut trvt, m d mu d m: rd h qut l rgmt h è l tr d tr tr ttul. Prm d prlr d dll prl, ftt, è prfrbl fr lu u ò h l mtt rh h trbu rdrl d dffl mpr. Ebb, l prm dr d fr è h, vrtù dll trrdr tlg d u gg dpm, m d mu d m dffu quttà m. Qut h ftt ì h bb v g fr dll tr t, dvd prt dtrmt. N pù mpl m tr dp, m rltà ggttv h d l tr lt flu prfdmt ll tr prth qutd. Dbbm p ttr h, gut dll lvt lvll d prfmt h m md h rggut, rm dv lgttmmt prlr d glbl dll mu. l trrdr fu h grd d vlgr, h ftt dltt l p rdr, mttd d d ltrpr f ggrf trdl d trr rpprt h l ld pù prdut. tmprmt, h rdtt l tmp, mttd d d r tmprmt g lug. Iltr m d mu d m f prdr l rtl, m prmtt d dr h prfdtà. Iftt, l ul d mrp trumt lttr gg r mgt, gg l tlv h l pbltà d ptrr r, ftmt pl, dll truttur mllr gth, d fr vdr h qull h tr m grd d vdr. Ivtg ì l l uprf dll, m h l lr truttur tr; qulh md, f glr ptt dll mtr h rvm btut prdr dr h rtvm bl l ftt trumt tf. Tutt qut f mprdr h m trt u p u è lt pr h qull h bbm gt prtr dll tà mdr f d gg, è h l um pt turr l dm ull tur, t ttud vrtù dll rpd p d m d mu d m. hr ò h td dr. D Gll p è dffu l p h l, l u ptà d pgr fm tbld lgg pr rgr, u gr vrbb prm d mpdrr dl md dll tr vt. Qut g h trvt uv lf gut ll trrdr qut tlgh dll d mtà dl l XX. ì, qud l um h m pd ull lu, l rt tmpt h lbrt

2 vr7.qxd:!45_5.qxd 9//.7 Pg prtt l vt ttl h dv dt dubb: «Orm t pù mtr!», «Ah l ultm tl è dut!», «Ogg l um è pdr dll uvr!». Suvmt, vt d vr gr m tlm, trrmt, pdm h dtt pù ttt rdmr l lr ptttv. Al tmp t l mp dll rr è ftt trd l d h l, ò h h d pù prpr, prd pr tttv d rrr prtt è grd d dr l ultm prl prpt dll vrtà. Qut m è è mpt l v h può drvr l md, può frl r m può dr m t h bb pr l tr t. I ltr prl, è grd d rpdr grd trrgtv tl qul murm qutdmt. N pr qut, vvmt, l h rut ll pr d fr lu ull rltà, prò è dvut pvl h può vlgr qut fu tr lmt b dtrmt. Ebb, d frt qut r h dà d pù l tlg frmt? Qul prpttv pr? I qulh md h pr l pt dll, rttud l llu h u gr rm p d mprr l tr mprt ull tr rltà. Dl rt, l «vllgg glbl» prt d MLuh è u hr tp: è pù u ft, u mmg, m è rm u rltà tutt, qulh md, gg fm prt. l tlv, trt, l llulr u l tt m g lug dl md, pur rtd dut ll tr pltr. S v mpd ltr l d h m d mu d m bb u trrdr d ul p plt l. Alu r d u rul dv fm h h trbut d lrr l r dl mum p dll Et; ltr f rdr u d l mrt d vr r ll pl dll Prmvr rb; ltr r f gl rtf d pr d dmrt tt mlt p fr. Qut è qut è tt dtt rptut è d ludr h rpd vrtà; ftt, ttrvr l rt rt llgmt h h rvglt l d pprt l ddr d lbrtà prttutt tr gv h vv p ttpt dtttur. L rt ltr, m t l llutr tud Myrwt, h fvrt l rt dll lg, l umt dll rht d drm ulr, l d dll rvd d Amty Itrtl. S trtt d qut r pbl gut ll d d u v glbl d prblm, ll ptà d ltvr ptttv d dm, ll dpbltà fr r d bg h mu tutt gl um. A lvll d p pubbl è rut l pvl h rm dpbl mttr mp mdll d mprtmt p d urr ld b ll vv vl. Qut mgg, d pltlg m Srtr, è tt vlt d m d mu d m, qul, ltr d vr rffrt l pbltà l ptà dll um, gl h frt h l trbut d d l llt dpbl pr mutmt ul p trplg ttul, u qull d rpprt trprl ull rl dll um l tur. N vrr, d ultm, ttvlutr h m d u tm prld tlv, trt, llulr, tr ttu u trumt fdmtl pr gr prt dll pr h mpm ll vt qutd. Srbb mp, ftt, mur l utltà mmgr h p fr m, prpr gg h ddrm vr frm mpr pù ggrt, ttt mpr pù t, rl mpr pù pllr md d fr frt l mm rpdtà d g drgbl urg. Iltr, m pr mpbl utrr dubb rrv u bf h pm trrr prpt l dll tà qutd m h dll lvgurd dll lut dll grtf pù mmdt. Tuttv, frt dl lr mpg dll gu h p turr, è dpbl fr qulh rfl. I v prlmr è b rrdr h m d mu d m h prgrvmt mtrlt l rltà. H è rdtt, qulh md, l dt, rt tmp, vvt l lt, m tmprmt h tlt ll l

3 vr7.qxd:!45_5.qxd 9//.7 Pg XI mbl lr t f mtrl. I ltr prl, ttrvr l lr md, bbm mpr pù h fr l mmg dll rltà puttt h l rltà t. Qut ultm ì è dvut tlmt mplpbl h mlg t utrt dhrr h l md rl h dut l pt l u mulr. È dubb, l rpt, h m md dpbl f dll tr mb qutd, prò è ltrttt rt h h tlt fm turl gl dmt um g t ffttv, rdudl pur mmg. Iltr, m d mu d m h rdtt md tt l rgg d dll tr mmg. È ì grd, ftt, l lr ptà rtv h l tr ft h prdut g pbltà d pr, mbr h g d u tmp rm mprpbl h l rt t dll tr ptttv bb ubt u frt tr. Bt pr ll frqu u mpg gl fftt pl, rdm ubt t h r dr v l qull h vrmm ddrt, m ll t fb h ppl l tr. L mmg frt d m d mu d m pr tt l pbl qut l mpbl, tt l ublm qut l mtru. Vm qulh ultrr dr. L rdt l qul btulmt murm l rltà l p l tmp. Ebb, l p l tmp ffrt d m d mu d m hrmt trut. Qull h vdm tlv p r pù lugh pù rt d dll g mpt dll mmg dl rtm dgl vvmt. L t vl pr l p l tmp h v prpt ttrvr u llulr: prprt ll pt d u l trumt dp. N trtt prò d dm rl, m mplmt mmgt, mgl r, vrtul. Pr dr t d ò h td tr, m ffd Ngrpt, u d grd prft dll uv tlg, l qul t h gg lm u vt dgtl, dv l dm p-tmprl qull h l trumt t h prtt rrpd ll rltà. I tl, u dumtr ull Ptg dà l h m d pr; u ft u lptr dà l llu d vrl t. Abbttut l dt tr l qu l là, tr ò h è v ò h è lt, tr ò h è prl ò h è pubbl, gg, t Myrwt, è pbl u uv urb. Tutt gl dvdu t prtp dll t p, h prò, d ftt, è purmt rtfl qud h p è. ì pur mbr d fr prt tutt dll t tmp h prò quvl d u bbglt prt pt futur. A qut rgurd mblmt è l mp dll Sd gurr dl glf, prpt dll qul è dtt h è tt l u gurr vrtul prhé l NN h prlt qutdmt, m mdd d mmg f prò dgut ttmr qut è ffttvmt dut. Qut h ftt rr l v h tutt ò d u m d mu d m up è m d. Ogg l md gurr dll qul u prl; pr l p mu è m tr. E dll mr, dll ffr, dll qutud h f t h up? F r ltt grd vt u mu mgl d pr, grd dl u vlt lt pttbl. Qut gf h, pr m d mu d m, t u rltà ggttv, m ltt qull h prpg. E tl rltà v ffrt pr grtr u dgut frm, m mplmt pr lltr l tr urtà pr grtfr l tr vyrm. S trtt prò d u rltà mplt, trut, rtftt. Ah lmt tmprl, qulh md, tt lmt, rm. MLuh d h gg vvm u md uv, uv d, m ftt l d ubttà. è, vvm u md ftt d

4 vr7.qxd:!45_5.qxd 9//.7 Pg 3 prtt ttultà, d prltà, d ò h d l mmt u upm. Iftt, ttrvr m d mu d m, bbm é l dl tmp h rr, é qull dgl vt h p qud ppur qull dll tr. I qulh md, l t mmr h pur ttu l ft dll tr ultur, è u mmr flud, dpt, prv d qul t. L tlv rvd pr é l prrgtv d r mpgt ull ttultà l put h gr prt dll trm h mtt d rgrmt drtt. D ftt drtt è, prhé ò h prp è gà mplt, bt pr h è tt lt prtt d l tt h l rgt h rtut pù dgut. D ltr t l drtt rbb mpbl: u v d Rm, qut mmt, vv u furt, è mpbl h u tlmr prt rprdrl. Qut vv l l ftt è prgrmmt, trr è mpbl dumtrl. Ah l trvt rtr ll t lg: d r trvtt è mpr ltt l prgg h rt mprtt ppur h f plm gà l um dll trd lu h prm u p tt d rgmtrl. Pr l pù vlt ggtt h prtt d m, m h p h ull d dr, mtr trurt qull h rtr l prgtt dl mrm. Ebb qut è drtt, m u mul dll drtt prò u mpl d ftt. Ah l d u dbttt h vv u tud, è l duttr h tru l tr, dl mmt h è lu glr h trvtr, d drr l dmd, d rtr l rpt. h dr p dll tt mpr rrvt l u h url, u h tt u h, m ul dr, f ud? tmprtà multtà, llr, tt pf d m d mu d m. Ebb tmprtà è tr mmr, m mpl ttultà lt ll u mmdt. Prf u ft, l pgg d u t ll ltr, è dt ttrvr l mbmt dgl p, h vv pr l tmp rl h è gt dll u. A u vlt l tmp h v d è qull dl rt qull dll rltà. L lu llr è h ll rltà è ubtrt l u mmg, ll - 3

5 vr7.qxd:!45_5.qxd 9//.7 Pg 4 4 XI mbl r è ubtrt l pprr. M rd t h è mpbl fr dvrmt, prò è r r pvl lr ffr dll uggt d m d mu d m. Ar u dr: m l md è tt ttut dll mmg, ì qut tt ttut dll fftt d rltà. è, l mmg h h pr l pt dll rltà, prtd d rtturl, m d ftt prdu l l fftt. Qut pù td v, tt pù rvl trut, è vrtul. ì l mmg trur ftt, dr rp prgg. N drv u mm mul pr u l ptttr mb l mmg pr l rltà. Tutt ò h u fftt drmmt prhé l rltà ì prpt, qut è rtftt, h u rgr u lg ì trgt d pprr vrtr. L vrtà ì v m, prhé l ptttr trv d vr h fr u tru prv pù lu tr pr dr l d là dll ppr. ì, durt l l XX l tt è grdulmt ptt dll vrtà ggttv l tl dll vrtà, gg è vut m h qut tt, pr u l vrtà è tt ttut dll u rpprt. N! N pm tttr qut g. N pm ttr h l vrtà lt fur dll prt, lu d g tr dr. Smbt l u mulr, è ft d g d llu. L vrtà h f pr ull rltà, u vlr ull dgtà dll um è lu è lt ll lbr rr prl. Ahé r u ptrm d tutt, dvt u rtgg luv d ph vr! Qut f qu rhmt vd h dvut vrtul l rltà dutbl l vrtà, h l mu h prdut l gft t d tl h l è turt. Itd dr h, m rpprt trprl, h dut l p l ttt ttut ttrvr u tlg mpr pù ftt. M l ttt è l mu, m l è v rdtt ll tt d trmttr d mttr mu. Nll u tmlg, ftt, l prl t h l muu, è l d; prò mur quvl mttr mu qul h v ffrt m d, d h v prtp, m qul d grtut. N rlv è mplmt ll trr ttt, ll mbr mgg. Itutt rhd h v u rg, u mtv pr u mp qut tt. I d lug, è r h v vlt lr h v mpg. Allr rhd h tur u tu d rprtà ll qul u dgl trlutr rd dpbl frt dll ltr ttt trttr l u g. Prtt, l mu dà l u lg d d, ltrmt è prv d tut rlv u mr rtultà. Qud l mu prd frm vul dr h è u h dà qul d t u tu, grtutmt, è l ptttv d r rmbt l u gt. E l f tl grtà h trv l u gutf ltt ll vtul gvmt h tr lu h l rv. L mdm dr vl pr lu h v hmt u. È ftt ì rpr, l tmp t, mput dl gt dl u trlutr, h può ttrr ll bblg d rpdr. Rgr pr lu quvl d umr u rpbltà frt d lu h gl h rvlt l prl. E, dl mmt h ò h h rvut l h rvut m d, t prvt rpdr u d. Nll u qud l mu ttu m u mb l u v rrt ll ggtt h v mbt m l vlr mbl h um. Il d ftt, qut è grtut, h u frt mpl t, prhé ttt l rptt l tm h l u h pr l ltr. m tl urg ll pr l u trmb prmt l rpttv t tlg. Pr qut può prlr d u rpprt trprl, è tr ggtt h r-

6 vr7.qxd:!45_5.qxd 9//.7 Pg 5 prtt ll rpttv dttà d pr. L mu ttut ttrvr m d mu d m v rpd qut rqut. L t è pt l ull dm rl dll vt; l tut è rtut dr mrmt trumtl. Dl rt, l rg è hr: l rltà h prdut d t, l p l tmp rdt h qulh md h pù p, ggtt h v vlt h lu rlv tlg, può mbr? I tut d tut può prlr tru ul mmt, mdt ttt dgtl. E prtt h lu rlv: pptt dll g d rtr tt. Stt qut prfl mrvgl h l tlv, trt, llulr, dvt mpr pù trumt lud hé m d mu. è u t, qull dll ddtt tlv, l qul ttl h ò h è mprtt pr l tub td è prdurr l fdl, è urr u fdltà h dur l tmp. È pr qut h, plt pù rt, td d bbdr l trm rtlt gr b dtrmt, mprt b rrtt put mpr d pù grd ttr, m vv l dm pmrgg, dv lu l pttl, l frm, l trvt, l t prtv, tr. N l pr l tlv, m h pr gl ltr m, qull h è dtrmt ttt ttvt. Il lr umr è d dll lr rlv. Prò è fftt ì! N è lutmt vr! U prgrmm u mgg, ftt, può vr vlr prdr d ttt h h dtrmt dll tt h h rvut. Dv trv l u gutf qut f u ttt? Nll pru h, ttrvr, rum qulh md ddfr l tr dlr d pt. Ogg m d mu d m grtf l tr dd l llu d ptr uprr f ggrf, d ptr r rpprt tutt, d ptr rggugr qul lltà, d vr rl pr d u vrmm grt l t. L rt umt l d ptr tr tt trll l rltà prhé prmtt d r, drtt, l dmt d mrt dll br d tutt l md, d pr ò h d tmp rl Hg Kg ppur Sgpr. Attrvr l ht vvm l pr d ptr lbrr l tr ft, prtd gl ltr ll vt h rtm pù dgut, pù pprtu, pù vt. N rr h dm h ffttvmt m; è ufft umr l ttggmt pù ll rt, dpdtmt dl ftt h tm gd gl ltr. httd rlm l pbltà d prprr pr h m, l mmg dll um dll d h vrmm vlut r, m h l rt dll vt h tt d r. I qulh md è, rlm tr g. Ah l mputr, dl mmt h hm prl mputr, rlm l tr dttà? È mplmt urd pr d ptr rlr pmt t ttrvr u trumt lttr. rt è u trumt utl dpbl, qulh md tl h è mpbl prdr f dll tr vt qutd. Prò, è pur mpr u trumt, u m, m può ddfr l tr t tl. I fd grt u vut pr mdt, è rlt ttrvr u mdum, h ltr è h u vut pr prur. N è u vut utt, m mplmt dlgt. N vd tut utt d trmttr, l mt h rl mggr frqu m d mu d m è qull dll fr ftt, dgl lg, dll bttut. L fr ftt v b g rt, prhé pprtg ll mmgr llttv; gl lg lugh mu pù rhbl; l bttut p f prgg à l pg. qut md d prmr tt d vvr ll bltà dl lgugg h è btulmt ut. L ltr v h v gut è qull dll mtfr dll prbl. D ltr prt, vd ull d dr, è r gfr l prl, ftd, ld mmgr h vl gft trrdr, m h d ftt t. Qut prltr è l trd mtr pr uggtr, pr tmlr tr tmt 5

7 vr7.qxd:!45_5.qxd 9//.7 Pg XI mbl pr mttr l l ll mmg. Rt r d hdr: h è lu h mu, è h utl l mputr, l llulr, l tlv gl ltr trumt? L rpt pm trvrl u uggtv dr d Budrllrd, lg mlg fr: «trvm d frt u rtru rtfl dl md l um h t d frt qut rtru rtfl è l um fdmtlmt drt, l um fdmtlmt fur dll rltà». I ltr prl, m d mu d m d u rtru rtfl dl md dll qul m prtp mr ltrttt rtfl. E u md rtfl è b rrdrl v l rpbltà: phé m l ptttr prtgt, tm vlt prm pr, bbm mpt pr d vlgr é dvr d ddfr: m t d g mpg tt frt d t qut dgl ltr. Ed vrtul l md h trvm dvt, m prtp l lvll mtv pr brv tmp, pr u, grl, gurdm, dm u ht, bbdm h d u rt, m tm g f fd. Nl md vrtul, ltr, tutt vlr rt: l grrh mp, l lt l b fd, l trr d. Tutt è ptt, ugul, ufrm. M è ì, è hr h è ull u u dbbm rpdr é ttl dvdul é ttl llttv. Elmd l vl tlg, l rultt è h m rdtt mulr d t, è pur mmg. S può llr ffrmr h, l vlupp h h vut m d mu d m, è rm umt l l dl ggtt. Pr pr l rg, ufft tr dr. Prm dr: può prlr d

8 vr7.qxd:!45_5.qxd 9//.7 Pg 7 prtt l dl ggtt tutt tt l prfl prttv. I qut um tlg, m prtt gurdr d ht vl. ò gf h l tr pprt vv gu tutt ru ll qultà trdl. L ht vl tgrt qulh ggut, qulh lmt h v t pr v ttv. È m dr h, frt dll tlv l, utlm l h mtà. Gl ltr tmlt l pl prt: p Il ttt, r m l udt, pr ull qu l lftt l gut. Il prdmt è l vt, m h qut, è mpgt pr vdr l qulmt, pr gurl mpltmt, m ltt pr ht trmttt. Sd dr: tm ll lm dll fftt d dtmt h fvr l rfl. S m pr dll vt d u pttl v m vlt mtvmt, l tr pprt prttv è m lrfrmt, pr u v m l rfl, l td d lr, mprdr, pgr. Tutt ò h md prpg, ftt, ttr l tr tt ff, h ull tr. Qut prt glr dttgl, prtlr, m md ì rpd lmtt h ull vlg, du rflttr, prt mdtr. Smbr qu h l pr mmdt ur l tr pr r. Tr dr: vvm l prdt dll v d m. N tdm mpr m vluppr l ptà d glr l tutà, l mgtà dll truttur, l ttltà d ò h v prpt. I ltr prl, frt dll mmg, prvl mpr pù u mprtmt gr, vg, glbl, lt, hé lt, trutturt, qul, rfrl. M pg u mp. Qud lggm u rtl d grl, ffdm ll tllg qul, prhé dbbm gur dvr pgg md d ptr glr l gft. È hr llr h tr vdr m llg l gl prt, qul gu mprt, qul fftt prdu, tr. Qud v m d ll tlv, ubtr l tllg mult. I qut, ftt, m pr mmg h ugu rpdmt md dtt l u dll ltr. S p ggug l ftt h gurdm d ht, è hr h l qultà mpr, h l rdmt lg dv rrlvt. Prhé? Prhé l tlv g mltm ul vlgmt mtv, u qull rl; td fr mprdr, pr fr rgr, vul h dvtm pvl d ò h prp. Mr uggtr mmg, fftt pl, rtm vlgt md h rtm ttt l tlhrm. Dbbm l mr. Pù uggt, qud, h frm. Qulu h dtt h, fd, l tlv umt l prtp prò fvr l dmrt. D prt m rtg h prmuv l prtp vrtul m qull vr, ffttv, rt. S, l r d u dbttt tlvv, u trvut vul rgmtr l prpr t, gl è, prhé ò h t è h l vr rt vv, pbl, prd md tumultu mpt. U vr ì rttrt trbu ll pprfdmt d tm, prò umt l pttl. Prtt m pr h trbu ll vlupp dll dmr. S qut è l qudr tr l qul muvm, è vtbl h tur dturb h pr l ph. È pr qut h rm d lu t tud ddt ll pptlg d trt, qull d llulr, tr. Pr hrr h llud, prdm m mp h g br ttrvr l rt. H mpr l d ptr tr tt trll l tu, d ptr r l dmt d mrt, d r grd d fr l u lt g r dl gr qud l rt pprtu. I rltà è vttm dll g dll t. Pr l pptlg d llulr, bt rrdr l tllr dll dt. Il llulr dà l d vr mpr tutt tt trll. D gu, ttm l pr, l ftt d pr dv trv tr fgl ppur l tr ug. è p u ltr pptlg d llulr h 7

9 vr7.qxd:!45_5.qxd 9//.7 Pg 8 8 XI mbl fr è ptt tutt d prmtr. tlf qulu ppm h ; dmdm: m è pbl h, tt l llulr, pp h m h hmt? H u trumt u ttt l md ppur m fugg l m dll pr h m h hmt! Std ì l, h fr? Ar u vlt frrò trrgtv. H gà dtt rptutmt h l md u btm è l md dl qul pm rtr fur. Rfutm gl d lr qul d: l prgrmm tv t ddf pu mbr l pgr l pprh. N, qut è u mprtmt rrl prhé pgr l tv umt r pù l tr f tr pù lt l dll m. S ltr l lt d mpr! N dvd ppur l mprtmt d h b l ftt d ur l llulr. È u trumt l u utltà può r m dubb. ò h vvr è d rglmtr, lvll prl, è l u h tdm fr. N dmthm prò h bbm h fr l rltà vrtul. Orr llr hdr grd d ffrr u pr dvr. pr è tutt l dm tl dll um l u prt, pr d pù, mr ultrl prl? N vt tutt l rg? D prt m lud l u l ltr pt, prhé rd h l dttà um u dbbm fr t pù t rptt qull d u up m d mu d m. L um ttl, l um ll u tgrltà, ll rh vrgt dll u rr dll u fr, mprd l fr mtrl qull prtul qud può r rdtt ll dm vrtul. Dl rt, l vrtultà lud dl prpr rt grd prblm tl. Pr l mrt h lu pftà: è u vt qul, rdubl ll qutdtà. L u t drmmttà è rft ll g dll pttl. E r: pr l vrtultà è dffr tr l pr v qull lt, tr h m h bbm m trt ull tr v. All qutud ll h trddtgu l um, ttu u bb h r l dffr ull l dttà. Il ftt p h l vrtultà trt u tm d rlv mdl, f ì h vlg tutt m mprt lu rpbltà pr u, pr u dvm rd bl ll mr, ll pvrtà, ll gurr. Pr ruprr l vt ll u ttltà, rr ur dll fr dll mmg ptt trr ll prl. Qut h u gà pr l ftt h t, è prhé prl, m pr l ftt h rfr ll rltà prl d qut rt l um. I ltr trm, l prl qut qud prl d vt d mrt, d um d D. Sl frt l vrtà, m vr l prt d pdrl, m rdl d tu, rfltt l pr dll um l u vltà d rpprprr dl pt h gl mpt l md. L prl um u t um qud prl d d, d rpbltà, d rtà, mm qud rgurd l umtà dlr ffrt m fdu u vrtà d qutr. Aqut utt qud rttu ll mu l ptà d trmttr u d d ttvr rpprt trprl.

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE nno 213 Tipologia Istituzione U - UNIT' SNIT LCLI Istituzione 9565 - SL VNZI - MSTR 12 Contratto SSN - SRVIZI SNIT NZINL Fase/Stato Rilevazione: pprovazione/ttiva Data Creazione Stampa: 19/6/215 14:15:25

Dettagli

REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. Paciucci E. Ragno Servizio sicurezza e protezione - CNR

REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. Paciucci E. Ragno Servizio sicurezza e protezione - CNR REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. P E. R Svz szz pz - CNR L f sh s s mp pph ; p è pps pm pssbà p sss è ss vs, s s mp mq sz, ; s (, svh.) pss ss s z. I sh ss s spsv è sfvm fz m pph s p:

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla II I RELAZIONE TECNICA t relativa alla PROTEZIONE CONTRO I FULMINI di struttura adibita a Ufficio. sita nel comune di AF.EZZO (AR) PROPRIET A' AP{EZZO MULTISERVIZI SRL Valutazione del rischio dovuto al

Dettagli

George Frideric Handel. Reduction. From the Deutsche Händelgesellschaft Edition Edited by Frideric Chrysander

George Frideric Handel. Reduction. From the Deutsche Händelgesellschaft Edition Edited by Frideric Chrysander Gorg Fdc Hndl GIULIO CESARE 1724 Rduction From th Dutsch Händlgsllschft Etion Etd by Fdc Chrysndr Copyght 2001-2008 Nis Scux. Licnsd undr th Ctiv Commons Attbution 3.0 Licns 2 3 INDICE 0-1 OUVERTURE 5

Dettagli

Serie RTC. Prospetto del catalogo

Serie RTC. Prospetto del catalogo Serie RTC Prospetto del catalogo Bosch Rexroth AG Pneumatics Serie RTC Cilindro senza stelo, Serie RTC-BV Ø 16-80 mm; a doppio effetto; con pistone magnetico; guida integrata; Basic Version; Ammortizzamento:

Dettagli

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo.

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo. Lavoro ed energia 1. Forze conservative 2. Energia potenziale 3. Conservazione dell energia meccanica 4. Conservazione dell energia nel moto del pendolo 5. Esempio: energia potenziale gravitazionale 6.

Dettagli

CIRCOLARE n.148. Al Personale Docente. Sede

CIRCOLARE n.148. Al Personale Docente. Sede 1 I.C. Slvo Pllco Portoplo Cpo Pssro 1 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE S. PELLICO V Crnnà 4 c..p. 96018 - PACHINO (SR) Tl. 0931/801226-0931597094 ml :src853002q@struzon.t www.pllcopchno.t Coc Fscl 83001430897.

Dettagli

INDICE TRATTAMENTO SUPERFICI

INDICE TRATTAMENTO SUPERFICI INDICE TRATTAMENTO SUPERFICI CODICE ARTICOLO DESCRIZIONE U.M. 5752050 SPAZZOLE-PAG.8 ASTA PER SCOVOLI IN PPL MM.1400 SIT PEZZO 5752050 SPAZZOLE-PAG.8 ATTACCO FLESSIBILE IN ACCIAIO PER SCOVOLI M.12 SIT

Dettagli

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' '

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' ' LINGUAGGICREATIVITA ESPRESSIONE 3 4ANNI 5ANNI Mniplrmtrilidivritipin finlizzt. Fmilirizzrindivrtntcnil cmputr Ricnsclmntidl mnd/rtificilcglindn diffrnzprfrmmtrili Distingugliggttinturlidqulli rtificili.

Dettagli

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

ilzzeíír : giugno Numero ISS Sabato, Le pagine destinate per Ic inserzioni, agli effetti del

ilzzeíír : giugno Numero ISS Sabato, Le pagine destinate per Ic inserzioni, agli effetti del Arrtrt: Mnstr Avvs SO ZZÍÍR ÍtÍRÍ8 DEL RE Gl\TO E ITALIA Ann 93 Bm Sbt : gugn Numr ISS Atbnrnnt Ann Sm Trm dmc d n In Rut sn prss l'ammnstrzn ch L tutt Rgn 65 86 30 All'str (Ps dll' Unn pstl) 50» 0 Un

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23 Untà Invlupp d vl secnd le nrme F.A.R. 3.1 Il dgrmm d mnvr Cn rferment qunt rprtt nel prgrf 1.4 dell precedente Untà s può scrvere: n f z L 1 ρscl 1 ρs CL v ( cs t) C v L uest sgnfc che per un dt qut (ρ)

Dettagli

LISTA TITOLI ACCESSI

LISTA TITOLI ACCESSI LISTA TITOLI ACCESSI La Lista Unica Titoli di Accesso, così come definita dal Provvedimento al punto 1.1.2, è memorizzata, come raggruppamento degli eventi del giorno, secondo tracciati ASCII a campi fissi

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II Università degli Studi di Lecce Facltà di Ingegneria Infrmatica N.O. A.A. /4 esina Esame di Elettrnica Analgica II Studentessa: Laura Crchia Dcente: Dtt. Marc Panare INDICE Presentazine del prgett del

Dettagli

n. contratti controvalore nominale prezzo minimo prezzo massimo AT 0 0,000 0,000 0,000 0,000 VT 0 0,000 0,000 0,000 0,000

n. contratti controvalore nominale prezzo minimo prezzo massimo AT 0 0,000 0,000 0,000 0,000 VT 0 0,000 0,000 0,000 0,000 Emil Banca Credito Cooperativo Società Cooperativa Iscritta all'albo delle Banche - Aderente al F.do Gar. dei Depos. del Cr.Coop. Sede legale: 40138 BOLOGNA (Bo) - via G. Mazzini n. 152 tel. 051.396911

Dettagli

Armonizzazione della documentazione. Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici

Armonizzazione della documentazione. Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici ACCREDIA L ente italiano di accreditamento Armonizzazione della documentazione dei Dipartimenti ACCREDIA Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici Adelina Leka - Funzionario

Dettagli

Genova, 26 febbraio 2014. Commissione di Garanzia - Roma. Osservatorio sui conflitti sindacali - Roma. Prefetto di Genova

Genova, 26 febbraio 2014. Commissione di Garanzia - Roma. Osservatorio sui conflitti sindacali - Roma. Prefetto di Genova CG t FY-#tsL ry F[OERAZt0NEtfÀilAr{ATRASP0fii' Wrh-rsFoRîr Genova, 26 febbraio 2014 Commissione di Garanzia - Roma Osservatorio sui conflitti sindacali - Roma Prefetto di Genova Direzione ATP EsercizioSr!

Dettagli

TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME

TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME 10216 Parte 1 - TR2 Non 3059-1:87 Acciaio al Carbonio 3601:87 Acciaio al Carbonio 1629:84 1630 49-111:78 (p Usi Generali Temperatura Ambiente

Dettagli

Morsetti con serraggio a vite

Morsetti con serraggio a vite Morsetti con serraggio a vite In poliammide Morsetti passanti e di potenza Serie CBC... pagg. 24 CBR.2.... pag. 5 Serie GPA... pagg. 67 Serie TEC... pagg. 89 Serie CBD... pagg. 1015 Serie GPM... pagg.

Dettagli

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci JOH EBTI BCH Invnzon a u voc BWV 772 7 cura Lug Catal trascrzon ttuata con UP htt//ckngmuscarchvorg/ c 200 Lug Catal (lucatal@ntrrt) Ths ag s ntntonally lt ut urchtg nltung Wormt nn Lbhabrn s Clavrs, bsonrs

Dettagli

TAV. 393 - MOLT I PL I CATORE T 312. Polg

TAV. 393 - MOLT I PL I CATORE T 312. Polg TAV. 393 - MOLT I PL I CATORE T 312 Polg 'Tay. 393 11 97 I T 312 con pto passante Sax 1600-1800-2100 - Tex 2300-2700 - Nico Pos. Codice Denominazione 1 0.312.3001.00 albero passante 2 07.0.069 paraolio

Dettagli

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG Piazza Toselli n. 1-96010 Buccheri (SR) Tel. 0931880359 - Fax 0931880559 DETERMINA DEL CAPO AREA AFFARI GENERATI DETERMINAN,/UóDEL Z>,n zorrr Reg. Gen. Oggetto: Liquidazione fatîure a ll'associazio ne

Dettagli

Trattamento aria. Spedizione rapida - ordina oggi stesso allo

Trattamento aria. Spedizione rapida - ordina oggi stesso allo Trattamento aria Fin dal 1927, anno in cui Carl Norgren progettò il primo FRL, Norgren è stata all avanguardia nell ambito dei prodotti per il trattamento aria. In questa sezione troverete un ampia gamma

Dettagli

Guida Utente: Indicatore Trading Central per la MetaTrader4

Guida Utente: Indicatore Trading Central per la MetaTrader4 Guida Utente: Indicatore Trading Central per la MetaTrader4 1 Indice Descrizione...2 Installazione...3 Caratteristiche e parametri...7 Processo di aggiornamento... 10 2 Descrizione L`Indicatore Trading

Dettagli

LE FUNZIONI DI BENESSERE SOCIALE (FBS}

LE FUNZIONI DI BENESSERE SOCIALE (FBS} LE FUNZON D BENESSERE SOCALE (FBS} Una f"*flt tdazione tnchc" genemle di FB$ e lrasaîa 5rl "deboli"' seguénti n.e giucliri cli rrntr*re Fflle s dire *uiì1uali si ritiett* por*o e*eeri',ru uirtpn* acc*relc:

Dettagli

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max.

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max. Rexroth Pneumatics 1 Pressione di esercizio min/max 2 bar / 8 bar Temperatura ambiente min./max. -10 C / +60 C Fluido Aria compressa Dimensione max. particella 5 µm contenuto di olio dell aria compressa

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. TRECESM MENSLT' RRETRT NNO RRETRT PER NN RECUPER PER RTR mporto Totale ECONOMC CORRENTE PRECEDENT SSENZE ECC. NZNT' N Mesi

Dettagli

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo 68 Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo 0) ircocentro 0) Incentro 03) Baricentro 04) Ortocentro Pagina 68 di 73 Unità Didattica N 8 Punti

Dettagli

IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI.

IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI. IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI. PH. ELLIA Indice Introduzione 1 1. Divisori di un numero. 2 2. Numeri primi: definizioni. 4 2.1. Fare la lista dei numeri primi.

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO Nm prcmnt Dscrizin Fasi (dscrizin sinttica da input ad utput) Nrm rifrimnt rspnsabil istruttria Rspnsabil prcmnt mcgmmatricla richista infrmazini prcmnt incar tlf, fax pc inrizz Trmin cnclusi n prcm nt

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. ECONOMC NZNT' TRECESM MENSLT' RRETRT NNO CORRENTE RRETRT PER NN PRECEDENT RECUPER PER RTR SSENZE ECC. mporto Totale N Mesi

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO 3) MECCANSM D RLASSAMENTO nuclei eccitati tendn a cedere l'energia acquisita ed a ritrnare nella "psizine" di equilibri. meccanismi del rilassament sn mlt cmplessi (sprattutt nei slidi) e pssn essere classificati

Dettagli

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Interruttori per protezione motore P5M 68 Ausiliari per interruttore P5M 70 Sezionatori-fusibili STI 7 Limitatori di sovratensione di Tipo PRF Master 7 Limitatori

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione 07 Guid ll progettzione Scelt tubzioni e giunti 2 tubi di misur [mm] Dimetro tubzioni unità esterne (A) Giunti 12Hp 1Hp 1Hp Selezionre il dimetro delle unità esterne dll seguente tbell Giunto Y tr unità

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

FORME DIFFERENZIALI IN R 3 E INTEGRALI

FORME DIFFERENZIALI IN R 3 E INTEGRALI FORME DIFFERENZIALI IN R 3 E INTEGRALI CLADIO BONANNO Contents 1. Spazio duale di uno spazio vettoriale 1 1.1. Esercizi 3 2. Spazi tangente e cotangente 4 2.1. Esercizi 6 3. Le forme differenziali e i

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale 2. Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale Un amplificatore è realizzato con un LM74, con Ad = 00 db, polo di Ad a 0 Hz. La controreazione determina un guadagno ideale pari a 00.

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 8 LEGGE 3 luglio 2014, n. 99 Ratifica ed esecuzione dell'accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo degli Stati Uniti d'america sul rafforzamento della cooperazione nella

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

TRE CI LUCE PRICELIST 2014 / 2015

TRE CI LUCE PRICELIST 2014 / 2015 TRE CI LUCE PRICELIST 2014 / 2015 Validity December 1st 2014 Release 1.6 (11.11.2014) ALPHA CE - IP 40 * disponibile da dicembre 2014 / available from December 2014 Code Name Description VAT excl. L213084A.17

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

---- CIAO ---- 1967 CN - CE - CV 1001 12692 1968 CN - CE - CV 12693 145013 1969 CN - CE - CV 145014 226098 1970 CN - CE - CV 226099 236283

---- CIAO ---- 1967 CN - CE - CV 1001 12692 1968 CN - CE - CV 12693 145013 1969 CN - CE - CV 145014 226098 1970 CN - CE - CV 226099 236283 ---- CIAO ---- 1967 CN - CE - CV 1001 12692 1968 CN - CE - CV 12693 145013 1969 CN - CE - CV 145014 226098 1970 CN - CE - CV 226099 236283 CIAO SPECIAL 1969 C7E - C7V 800001 841911 1970 C7E - C7V 841912

Dettagli

Capitolo Dodicesimo CALCOLO DIFFERENZIALE PER FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI

Capitolo Dodicesimo CALCOLO DIFFERENZIALE PER FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI Capitolo Dodicesimo CALCOLO DIFFERENZIALE PER FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI CAMPI SCALARI Sono dati: un insieme aperto A Â n, un punto x = (x, x 2,, x n )T A e una funzione f : A Â Si pone allora il PROBLEMA

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

Valore caratteristico EC7

Valore caratteristico EC7 Procedura da adottare - Azioni (E) Valore caratteristico EC7 Per le combinazioni delle azioni si rimanda a quanto detto ampiamente in precedenza. Resistenze (Rd) del sistema geotecnico Il valore di progetto

Dettagli

Emax-Tmax. Istruzioni di esercizio degli sganciatori di protezione per interruttori automatici T7-T8-X1 di bassa tensione. Istruzioni di esercizio

Emax-Tmax. Istruzioni di esercizio degli sganciatori di protezione per interruttori automatici T7-T8-X1 di bassa tensione. Istruzioni di esercizio Istruzioni di esercizio Istruzioni di esercizio degli sganciatori di protezione per interruttori automatici T7-T8-X1 di bassa tensione Dis. App. Uff. Resp. Uff. Utilizz. Titolo Istruzioni di esercizio

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA

VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA con recupero di calore Aspira S.r.l, nata nel 1940, rappresenta uno dei pilastri storici del settore dell aspirazione in Italia. Nel corso della sua lunga attività ha

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

j 13 Considera la tabella seguente, relativa al moto di >f» Qual è la lunghezza della pista? s(km) 24

j 13 Considera la tabella seguente, relativa al moto di >f» Qual è la lunghezza della pista? s(km) 24 La variazione di una grandezza fisica Un aereo parte alle 15:30.e arriva a destinazione alle 17:35 dello stesso giorno.!»«indicando con tl l'orario di partenza e con t-, quello di arrivo, calcola Af in

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

Scaldasalviette costruito con elementi orizzontali in acciaio del diametro di 20 mm saldati per fusione con collettori diametro 34 mm

Scaldasalviette costruito con elementi orizzontali in acciaio del diametro di 20 mm saldati per fusione con collettori diametro 34 mm BAT 20 W ESEMPIO D ORDE Per eseguire correttamente l ordine di questo modello seguire l esempio sotto riportato: PRODOTTO BA20#080050 0B1 ST 9010 BA20#080050 articolo riportato nella tabella prezzi a fianco

Dettagli

Perché il Controllo Fuzzy?

Perché il Controllo Fuzzy? Pregi - Non è necessario un modello matematico dettagliato 2 - Può incorporare facilmente esperienza umana espressa in termini "qualitativi" 3 - E' robusto 4 - E' adattabile alle modifiche del processo

Dettagli

Voto attribuito COME SI VOTA Voto non attribuito

Voto attribuito COME SI VOTA Voto non attribuito Voto attribuito O S VOT Voto non attribuito OO PU O RTURO TOS PPPO USPP VR PURO OO ROSS OR PTRO S PO TOO VV SPROO RO O Si può mettere un segno sul candidato alla presidenza e un altro sul simbolo del candidato

Dettagli

Joomla! Import/Export Virtuemart

Joomla! Import/Export Virtuemart Joomla! Import/Export Virtuemart Queste funzionalità permettono di importare anagrafiche e prodotti all interno del componente Virtuemart 2.0.x, installato su un sito Joomla! 2.5 e di esportare da esso

Dettagli

Capitolo 7. Circuiti magnetici

Capitolo 7. Circuiti magnetici Capitolo 7. Circuiti magnetici Esercizio 7.1 Dato il circuito in figura 7.1 funzionante in regime stazionario, sono noti: R1 = 7.333 Ω, R2 = 2 Ω, R3 = 7 Ω δ1 = 1 mm, δ2 = 1.3 mm, δ3 = 1.5 mm Α = 8 cm 2,

Dettagli

AGGIORNATO AL 28/07/2009

AGGIORNATO AL 28/07/2009 AGGIORNATO AL 28/07/2009 1 CHECK LIST CARTELLINO: da stampare 1 MP (in PluriMIX) A. Compilare la Descrizione in modo ordinato B. Definire se visualizzare o no nelle componenti C. Assegnare la categoria

Dettagli

COGNOME NOME DATA NASCITA PRV NASCITA PUNT. UTI PUNT. EXTIT SCUOLA DI RICONF. COD. PREC CAMPORESE MARIA 27/02/1956 SA 0,00 0,00 SISD00201T

COGNOME NOME DATA NASCITA PRV NASCITA PUNT. UTI PUNT. EXTIT SCUOLA DI RICONF. COD. PREC CAMPORESE MARIA 27/02/1956 SA 0,00 0,00 SISD00201T INDIVIDUARE IL PERSONALE DOCENTE DA UTILIZZARE PAG. 1 CLASSE DI CONCORSO:A017 DISCIPLINE ECONOMICO AZIENDALI ANZIVINO MARILENA 07/12/1968 FG 30,00 0,00 CAMPORESE MARIA 27/02/1956 SA 0,00 0,00 SISD00201T

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici

Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici Libro verde Occupazione affari sociali Commissione europea Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti

Dettagli

V _ TAS. C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2 0 04

V _ TAS. C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2 0 04 V _ TAS G e s t i o n e e co n t ro l l o d e l l a p ro g e tta z i o n e C o n f o rm e a l i a N o rm a U N I E N I S O 9 0 0 t ; 2 0 0 8 C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2

Dettagli

I Regione. ASL Lecco. Lombardia. DELIBERAZIONE N. 145 flfj 27 MARZO 2013. Finanziamento

I Regione. ASL Lecco. Lombardia. DELIBERAZIONE N. 145 flfj 27 MARZO 2013. Finanziamento Finanziamento I Regione Lombardia ASL Lecco DELIBERAZIONE N. 145 flfj 27 MARZO 2013 OGGETTO: DIPARTIMENTo DI PREVENZIONE VETERINARIA dei progetti concernenti l attuazione delle azioni programmate dalla

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.3.2015 COM(2015) 145 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO Relazione sull'applicazione del regolamento (UE) n. 211/2011 riguardante l'iniziativa

Dettagli

Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab

Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab Università di Padova FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ing. dell' Informazione Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab Relatore: Prof. Alessandro Beghi Presentata

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f).

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f). Due Matrici A,B. Ker f = ker g. 1- Ridurre a scala A e B e faccio il sistema. 2 Se Vengono gli stessi valori allora, i ker sono uguali. Cauchy 1 autovalore, 1- Metto a matrice x1(0),x2(0),x3(0) e la chiamo

Dettagli

CAMPIONE DELL URSS MKKKKKKKKN I/@?@7@?0J I@#@?,#@?J I#@+$#@?$J I@?@?"?$3J I?@?@?@'@J I")&?@%@?J I?"!@?"!"J I@?@-2-6?J PLLLLLLLLO

CAMPIONE DELL URSS MKKKKKKKKN I/@?@7@?0J I@#@?,#@?J I#@+$#@?$J I@?@??$3J I?@?@?@'@J I)&?@%@?J I?!@?!J I@?@-2-6?J PLLLLLLLLO CAMPIONE DELL URSS Alla fine di novembre del 1956 cominciò a Tbilisi la semifinale del 24 campionato dell Urss. Tal vi prese parte. Aspiravano al diritto di giocare il torneo di campionato, tra gli altri,

Dettagli

1.3 - DAT I T ECNICI, DIMENSIONI E AT T ACCHI IDRAU LICI

1.3 - DAT I T ECNICI, DIMENSIONI E AT T ACCHI IDRAU LICI nfo g e ne rai. - T T, T T U L T 9 0 n 4 " L" T T T T T T T T T T 4 T T 4 Q u a d ro c o m a n d i p ia c o n tro o fia a o rtin a d i p u iz ia T a n d a ta ris c a d a m e n to T ito rn o ris c a d a

Dettagli

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LIGURIA UFFICIO SCOLASTICO DI IMPERIA

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LIGURIA UFFICIO SCOLASTICO DI IMPERIA IMPC040002 - LICEO CLASSICO G.D. Cassini Corso Felice Cavallotti, 57 - SANREMO - Distr. 002 - cap. 18038 00 - SEZIONE CLASSICA 02 - SEZIONE SCIENTIFICA HK - LING. COMM. BROCCA 7A - DISEGNO (2-2-2-2-2)

Dettagli

ARCHITETTI JUNIOR PROVA PRATICA

ARCHITETTI JUNIOR PROVA PRATICA ARCHTETT JUNOR PROVA PRATCA TEMA 1 Stesura grafica di una planimetria catastale Avete ricevuto via fax, da un vostro cliente, la planimetria catastale allegata, riguardante una unità immobiliare residenziale.

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

Fatture registro unico. Oggetto della fornitura

Fatture registro unico. Oggetto della fornitura .S.: - - IC GIOVNNI XXIII/CESTE MIICBC (CF: ) nno Finnzirio: Ftture registro unico Ftture trovte: Numero- Dt Prg Reg Procoll o /B - -- /B - -- /B - -- Tipo Doc fttur fttur fttur Numero Fttur V- /M Dt Fttur

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli